BREVI NOTE SUI PROFILI COSTITUZIONALI DELLA FECONDAZIONE ETEROLOGA (E DEL SUO DIVIETO) 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BREVI NOTE SUI PROFILI COSTITUZIONALI DELLA FECONDAZIONE ETEROLOGA (E DEL SUO DIVIETO) 1"

Transcript

1 BREVI NOTE SUI PROFILI COSTITUZIONALI DELLA FECONDAZIONE ETEROLOGA (E DEL SUO DIVIETO) 1 Paolo Mezzanotte (Dottorando di ricerca in Teoria dello Stato e Istituzioni politiche comparate nell Università degli Studi di Roma La Sapienza ) 14 luglio 2005 Sulla legittimità costituzionale della disciplina legislativa La legge n. 40 del 2004, che contiene la prima disciplina organica in Italia sulla procreazione medicalmente assistita, fa divieto, all art. 4, comma 3, di ricorrere alle tecniche di procreazione di tipo eterologo 2, punendo i trasgressori con le sanzioni amministrative di cui al successivo art. 12, comma 1. Come è noto, il 12 giugno scorso si è tenuta la consultazione su quattro quesiti referendari, con uno dei quali si proponeva di abrogare le disposizioni che proibiscono il ricorso alla fecondazione eterologa, ivi comprese le relative sanzioni. Nel giudizio di ammissibilità del quesito referendario, la difesa del Comitato dei promotori aveva anche argomentato la illegittimità costituzionale del divieto di avvalersi di questa tecnica di fecondazione assistita, che contrasterebbe con il principio di libertà personale e con il diritto alla procreazione 3. Un profilo di illegittimità consisterebbe, dunque, nella lesione di un diritto costituzionale inviolabile alla procreazione, che risulterebbe irragionevolmente compresso da una normativa che risponde con un radicale divieto, e con sanzioni pecuniarie onerose, ad ogni esigenza di regolazione e di bilanciamento degli interessi coinvolti. 1 Testo dell intervento al Seminario interdisciplinare su Statuto dell embrione e principi costituzionali, svoltosi nell Università degli Studi di Siena, Facoltà di Scienze Politiche, il 23 Maggio Come è noto, le tecniche di fecondazione eterologa si distinguono da quelle di fecondazione omologa perché almeno uno dei due gameti utilizzati per produrre l embrione proviene da un donatore esterno alla coppia. 3 V. Corte costituzionale, sent. 28 gennaio 2005, n. 49, Ritenuto in fatto, 4, reperibile in Va tuttavia ricordato che la tesi della illegittimità costituzionale della disciplina in questione è stata verosimilmente avanzata ad abundantiam, nel corso di un giudizio che verteva sulla ammissibilità di un referendum, e non già sulla costituzionalità di una legge. D altra parte, la stessa Corte costituzionale, proprio in occasione delle pronunce sui quesiti referendari in materia di procreazione medicalmente assistita, non ha mancato rammentare la differenza che intercorre tra i due tipi di giudizio, e di precisare, di conseguenza, che il sindacato sulla ammissibilità del referendum non implica anche una valutazione della legittimità costituzionale della legge. Cfr. sentt. nn. 45, 46, 47 e 48 del 2005, in federalismi.it numero 14/2005

2 Circa l esistenza di un diritto costituzionale alla procreazione, da configurarsi, limitatamente al caso che qui interessa, come diritto di accedere alle tecniche di fecondazione artificiale, non vi è in dottrina un orientamento uniforme. Alcuni ha sostenuto, ad esempio, che uno spunto in tale direzione possa essere rinvenuto nel disposto dell art. 31, comma 2, Cost., che reca il principio della protezione della maternità, e da cui sarebbe ulteriormente ricavabile la garanzia del diritto ad una maternità responsabile e consapevole. Tale garanzia andrebbe peraltro ricollegata, con esegesi sistematica degli enunciati costituzionali, a quel patrimonio di diritti inviolabili della persona, la cui necessità di difesa è sancita, anzitutto, dall art. 2 Cost. 4. Altri ha recisamente escluso, per contro, che la Costituzione possa offrire tutela giuridica alla procreazione con ogni mezzo, negando di conseguenza che il divieto di accedere alle tecniche di fecondazione eterologa possa ledere un diritto fondamentale della persona 5. Qualche utile suggerimento, anche se probabilmente non risolutivo, può essere tratto dalla giurisprudenza costituzionale. Da un lato la Corte, in tema di aborto, ha fatto riferimento all esistenza di un diritto, costituzionalmente sancito, alla procreazione cosciente e responsabile 6 ; dall altro, sempre evocando il diritto di procreare e di diventare genitore, ha dichiarato costituzionalmente illegittime le disposizioni di legge che richiedevano l assenza di figli a carico come requisito per la partecipazione a concorsi in corpi militari dello Stato 7. Mai, però, il diritto a procreare è stato finora scomodato in pronunce direttamente riguardanti la procreazione assistita; anzi, laddove si è occupata di fecondazione eterologa, la Corte, sia pure in un obiter dictum, ha sembrato voler lasciare al legislatore un ampia gamma di possibili soluzioni normative 8. A prescindere da ogni ulteriore considerazione sulla esistenza di un diritto alla procreazione e sulla ulteriore circostanza che questo diritto possa essere chiamato in causa nella fattispecie che qui interessa è comunque certo che con la legge n. 40 è sancita una disparità di trattamento tra la fecondazione eterologa, radicalmente vietata, e quella omologa, consentita a certe condizioni ed entro limiti prefissati. 4 Cfr. F. RIMOLI, Appunti per uno studio sul diritto alla procreazione, in AA. VV., Studi in onore di Manlio Mazziotti di Celso, II, Padova, 1995, 149 s. Contra, C. TRIPODINA, Studio sui possibili profili di incostituzionalità della legge n. 40 del 2004 recante Norme in materia di procreazione medicalmente assistitita, in Dir. pub., 2004, n. 2., 538, secondo cui, di per sé, la disposizione di principio sulla protezione della maternità non consente di affermare che la procreazione al di fuori della famiglia abbia la consistenza di un diritto individuale costituzionalmente garantito. 5 Così A. BARBERA, La procreazione medicalmente assistita, nel Convegno La procreazione assistita: problemi e prospettive, Roma, 31 gennaio 2005, 5, reperibile in 6 Cfr. Corte cost., 10 febbraio 1997 n. 35, in 7 Corte cost., 24 luglio 2000, n. 332, in 8 Si legge, infatti, nella sent. 26 settembre n. 347, del 1998: L individuazione di un ragionevole punto di equilibrio tra i diversi beni costituzionali coinvolti, nel rispetto della dignità della persona umana, appartiene primariamente alla valutazione del legislatore. 2

3 La ragionevolezza di questa distinzione è stata motivata in dottrina ponendo l accento sulle peculiarità degli interessi e delle situazioni da tutelare e sui rischi connessi a questa pratica di fecondazione artificiale. Seguono le argomentazioni generalmente addotte: 1) l utilizzazione di materiale genetico estraneo alla coppia, unitamente alla garanzia dell anonimato del donatore, è lesiva del diritto alla identità biologica dei soggetti nati con la fecondazione eterologa; 2) l anonimato del donatore nega la possibilità di utilizzare le tecniche mediche di diagnosi e di prevenzione legate alla anamnesi familiare delle patologie geneticamente trasmissibili, con la conseguente, irragionevole compressione del diritto alla salute dei nati da fecondazione eterologa rispetto agli altri soggetti; 3) connesso alla fecondazione eterologa è il rischio di selezione eugenetica, ove si consenta alla coppia di scegliere il donatore in base ai propri caratteri genetici; 4) sussiste, infine, il pericolo di utilizzazione reiterata dei gameti di uno stesso donatore, e quindi della nascita di un numero indefinito ed incontrollato di fratelli e sorelle biologici. Ma, ammesso che le ragioni ora rapidamente esposte siano tali e di tale gravità da far sostenere la ragionevolezza del divieto di fecondazione di tipo eterologo, non è ancora dimostrato che la protezione di certi beni non possa avvenire anche attraverso opportune misure di regolazione che, senza risolversi in una radicale proibizione, siano capaci di realizzare comunque un bilanciamento adeguato degli interessi coinvolti. In materia di fecondazione assistita, come per ogni vicenda che guardi da vicino ai temi dell etica e del costume, convivono e si contrappongono una pluralità di opzioni culturali, filosofiche, ideologiche differenti. La libertà di coscienza, all interno di una problematica che pure abbraccia importanti profili di responsabilità e richiede delicate operazioni di bilanciamento, non è certo l unico valore di riferimento, e tuttavia rappresenta uno dei criteri che dovrebbero ispirare e guidare l azione del legislatore. Per tali vicende il giurista, prima ancora che escogitare garanzie, costruire istituti e bilanciare fra valori, deve preliminarmente interrogarsi sui limiti intrinseci della propria disciplina; oltre questi limiti si aprono gli spazi del discorso morale, filosofico, religioso, che si svolgono secondo il metodo del convincimento e della persuasione e non secondo quello della (giuridica) coercizione. Come rilevato anche in dottrina, in un ordinamento di democrazia liberale, che si fonda su un concorso pluralistico di orientamenti culturali e su di una relativa separazione tra la sfera dell etica e quella del diritto, l optimum costituzionale, in certe materie, si ritiene realizzato con una disciplina di compromesso, che regoli ma non proibisca, che limiti ma non escluda, 3

4 senza che i valori propugnati da singoli, gruppi e finanche da ampie maggioranze, debbano necessariamente tradursi in obblighi, divieti, sanzioni, sul piano dell ordinamento giuridico 9. Per tali ragioni, e in linea di principio, il divieto giuridico può non offrire sempre la soluzione costituzionalmente ottimale a simili questioni. Ammettere la fecondazione di tipo eterologo: alcuni aspetti problematici Dopo le brevi considerazioni sulla ragionevolezza e, ulteriormente, sulla opportunità costituzionale di una norma che vieta la fecondazione eterologa, va verificato se, ed entro quali limiti normativi, una disciplina che invece consenta questo particolare tipo di fecondazione artificiale, possa dirsi rispettosa delle prescrizioni e dei principi costituzionali. Dottrina autorevole si è recentemente interrogata se ogni pratica di fecondazione eterologa non sia di per sé contraria alla Costituzione, in quanto sovvertirebbe la concezione della famiglia come società naturale, espressamente enunciata all art. 29 Cost. Né varrebbe obiettare che l ordinamento conosce già istituti che derogano al principio della società naturale, come l adozione e la normativa che tutela i figli nati fuori del matrimonio, giacché la loro funzione è differente da quella della fecondazione eterologa: questa ha infatti lo scopo di dare un figlio a chi non ne ha, quelli, di dare una famiglia a chi è già nato 10. La tesi in questione sembra partire dall assunto che dalla definizione costituzionale della famiglia come società naturale sia rigorosamente deducibile, in via normativa, la prescrizione per cui la coppia può procreare soltanto se i figli siano legati ad entrambi i genitori da un rapporto di derivazione genetica. Seguendo questa logica, si potrebbero forse trarre dall art. 29 Cost. delle indicazioni ancora più restrittive, e dire, ad esempio, che il principio della società naturale comporti, di per sé, il divieto di avvalersi di qualsiasi pratica di procreazione artificiale, con la conseguente incostituzionalità anche della fecondazione omologa. Almeno per gli aspetti che qui interessano, è bene guardarsi, tuttavia, dalla tentazione di normativizzare oltremisura gli enunciati della Costituzione e di abusare dell argomento logico-deduttivo per estrarre dal principio della società naturale questa o quella fattispecie normativa, soprattutto ove si pensi che, quando l art. 29 Cost. fu scritto, il problema della 9 Cfr. A. BARBERA, La procreazione medicalmente assistita, cit., 2 (anche se l A., come si vedrà anche di seguito, esprime forti perplessità circa la stessa legittimità costituzionale della fecondazione eterologa); M. MANETTI, Profili di illegittimità costituzionale della legge sulla procreazione medicalmente assistita, in Pol. dir., 2004, n. 3, 462 ss. 10 Cfr. A. BARBERA, La procreazione medicalmente assistita, cit., 4. 4

5 fecondazione artificiale, verosimilmente, era del tutto estraneo agli orizzonti del Costituente; è così opportuna una lettura attualizzante della Carta costituzionale, che la proietti nella giusta dimensione dialettica rispetto alle ragioni del progresso scientifico e alla evoluzione del costume sociale. L art. 29 Cost. va fatto oggetto di una interpretazione in certo qual modo aperta, bensì attenta alla individuazione di linee di tendenza e valutazioni preferenziali, ma priva dell ambizione di trarre una volta per tutte dal disposto costituzionale un indirizzo assolutamente preciso e vincolante circa i modelli di procreazione che sono ammessi e quelli che invece sono esclusi dalla Costituzione. Sotto un altro profilo, le pratiche di fecondazione eterologa si caratterizzano per il fatto che almeno uno dei gameti è proveniente da un donatore esterno alla coppia e, per quel che più conta ai nostri fini, socialmente estraneo al nascituro. La Carta costituzionale, almeno in termini testuali, non contempla un diritto inviolabile del figlio alla conoscenza dei propri genitori biologici; anzi, l art. 30, comma 4, sia pure entro i limiti consueti ed impliciti della ragionevolezza, demanda ogni soluzione all intervento del legislatore ordinario, stabilendo che la legge detta le norme e i limiti per la ricerca della paternità. Importanti indicazioni, tuttavia, si ricavano dalla disciplina codicistica sulla filiazione naturale e dalla relativa giurisprudenza costituzionale. La normativa di cui agli artt. 269 ss. Cod. civ., infatti, è improntata al c.d. principio del favor veritatis, ossia è orientata a tutelare, salvo specifiche eccezioni, l interesse del figlio a vedere disvelato e riconosciuto il proprio rapporto di filiazione naturale con il genitore 11. Secondo la più recente giurisprudenza costituzionale, a questa disciplina sulla ricerca e sul riconoscimento della paternità è sotteso un diritto inviolabile alla identità personale, la cui copertura costituzionale si rinviene, primariamente nell art. 2 Cost 12. Ora, estendere tout court la ratio della legislazione e della giurisprudenza sui figli nati fuori del matrimonio ai problemi della fecondazione di tipo eterologo non pare un operazione completamente corretta, dandosi per presupposta una completa equiparazione tra il rapporto di filiazione naturale e quello di filiazione biologica, che intercorre tra il nato e il donatore del gamete; equiparazione che, invece, è tutta da dimostrare. Sotto questo aspettato, l ordinamento dà atto che le due condizioni non sono affatto coincidenti: da un lato, la stessa 11 Per la espressa ricognizione di questo principio, cfr., fra le altre, Corte cost., sentt. nn. 64/1982, 134/1985, 341/1990, 112/ Cfr. sent. 28 novembre 2002, n. 494; sent. 22 aprile 1997, n. 112, in In dottrina, circa il venire in rilievo, anche per la fecondazione eterologa, di un diritto alla identità biologica del figlio, si vedano, con una varietà di opinioni e di intonazioni critiche, I. NICOTRA, Anonimato del donatore e diritto alla identità personale del figlio nella procreazione medicalmente assistita, in Quad. cost., 2002, n. 4, 795 ss.; C. TRIPODINA, Studio sui possibili profili di incostituzionalità della legge n. 40 del 2004, cit., 542; P. VERONESI, La legge sulla procreazione assistita alla prova dei giudici della Corte costituzionale, in Quad. cost., 2004, n. 3, 544 ss. 5

6 legge n. 40 e, prima ancora, la Corte costituzionale, hanno ritenuto non applicabili alcune delle norme del Codice civile sul disconoscimento di paternità al caso della fecondazione eterologa, quando il genitore abbia prestato il proprio consenso alla fecondazione 13 ; dall altro, sempre la legge n. 40 stabilisce che il donatore non acquisisce nessuna relazione giuridica parentale con il nato e non può far valere nei suoi confronti alcun diritto né essere titolare di obblighi 14. Tuttavia, l avvenuta ricognizione di un diritto inviolabile alla identità personale, per di più considerato nella specifica declinazione come diritto alla identità biologica del nato, non può non fornire qualche utile indicazione anche con riferimento alle pratiche di fecondazione eterologa, nel senso di far dubitare della legittimità costituzionale di una disciplina di legge che indiscriminatamente richiedesse l assoluto anonimato del donatore. I dubbi sarebbero anche maggiori, stavolta con riguardo al parametro dell art. 32 Cost., ove si consideri che la totale segretezza di uno dei due genitori biologici potrebbe altresì precludere l anamnesi familiare di patologie geneticamente trasmissibili. L eco di questa problematica sembra rinvenirsi anche nella legislazione comunitaria. Infatti, la direttiva n. 2004/23, in materia di controlli e di conservazione di tessuti e cellule umane, dopo aver enunciato, all art. 14, comma 3, il principio generale dell anonimato del donatore, fa espressamente salva la legislazione in vigore negli Stati membri sulle condizioni di divulgazione, in particolare nel caso della donazione dei gameti. Nel consentire l accesso alla pratica di fecondazione di tipo eterologo, spetterebbe in definitiva al legislatore una delicatissima operazione di bilanciamento tra l interesse alla segretezza del donatore e i diritti del nato; operazione vieppiù complicata, ove si tenga presente anche l interesse della famiglia legittima a veder preservati i propri equilibri interni da turbative connesse al rapporto biologico che intercorre tra il figlio e il donatore. Le istanze di regolazione non si esauriscono, beninteso, a quelle testé menzionate. Se nel referendum sulla fecondazione eterologa si fosse raggiunto il quorum con vittoria del sì, l effetto abrogativo avrebbe comportato il passaggio automatico da un generale divieto ad una condizione di completa liceità. L intervento del Parlamento sarebbe stato allora necessario per colmare una serie di lacune normative che sarebbero venute a determinarsi, dalla disciplina sulla conservazione e sul controllo medico dei gameti, a quella sulle modalità del consenso da richiedere ai donatori Sent. n. 397/1998, cit.; art. 9, comma 3, l. n. 40/ Art. 9, comma 3, l. n. 40/ Sul punto, cfr. A. SIMONCINI, Alcune note su fecondazione medicalmente assistita, principio di precauzione e incostituzionalità degli effetti referendari, 11, nel Convegno La procreazione assistita, cit. 6

7 La maternità surrogata Distinta dalla fecondazione eterologa è la pratica della maternità surrogata, penalmente sanzionata dall art. 12, comma 6, della legge n Il legislatore non si è occupato di adibire una disciplina a tutela dei figli che, malgrado il divieto di legge, siano nati con questa tecnica di procreazione; con ciò è marcata una differenza rispetto alla disciplina della fecondazione eterologa, che, come si è visto, appresta una serie di misure normative finalizzate all inserimento del figlio nella famiglia legittima e a salvaguardare la certezza del suo status filiationis, tenendo ferme, al contempo, le sanzioni amministrative nei confronti dei genitori e del medico. Ora, l art. 269, comma 3, Cod. civ., stabilisce il principio, per cui è madre colei che ha partorito il figlio, quando a rigore, anche in ragione delle argomentazioni svolte sopra con riguardo al problema della identità biologica, il nato dovrebbe esse considerato figlio della coppia, di cui condivide interamente il patrimonio genetico. A ben vedere, però, la soluzione del problema è individuata dalla già menzionata giurisprudenza costituzionale che, interpretando restrittivamente le disposizioni del Codice civile, esclude che queste vengano in rilievo per essere applicate ai casi di procreazione artificiale 17. Ad una più piena protezione del nato si potrebbe pervenire, inoltre, attraverso la estensione analogica delle norme che, in materia di fecondazione eterologa, precludono al genitore consenziente l azione per il disconoscimento della paternità 18. Questione diversa, sempre in tema di maternità surrogata, sarebbe stata quella della legittimità costituzionale della normativa di risulta, sempre per il caso in cui la consultazione referendaria si fosse conclusa con la vittoria del sì. Il quesito sulla fecondazione eterologa non coinvolgeva la surrogazione di maternità, cosicché, se il referendum stesso avesse avuto un esito positivo, l eterologa sarebbe stata ammessa, mentre la maternità surrogata avrebbe continuato ad essere oggetto di divieto. Ci si chiede e lo si fa sommessamente e senza la presunzione di dare risposte definitive, visti i dubbi e l inquietudine che vicende simili possono provocare nella coscienza di ciascuno se questa distinzione non sarebbe stata completamente esente da censure di irragionevolezza. 16 La maternità surrogata si ha quando l embrione ricavato con i gameti della coppia è impiantato nell utero di una donna esterna alla coppia stessa. Segue il testo dell art. 12, comma 6, l. n. 40/2004: Chiunque, in qualsiasi forma, realizza, organizza o pubblicizza la commercializzazione di gameti o di embrioni o la surrogazione di maternità è punito con la reclusione da tre mesi a due anni e con multa da a un milione di euro. 17 Si veda ancora la sent. n. 397/1998, cit. Cfr. G. OPPO, Procreazione assistita e sorte del nascituro, 6, nel Convegno La procreazione assistita, cit. 18 Art. 9, comma 1, l. n. 40/

8 Il risultato del referendum e le residue prospettive di riforma Il mancato raggiungimento del quorum nei quattro referendum del 12 giugno sembra aver reso più difficile, almeno per l immediato, la ipotesi della ridiscussione parlamentare degli aspetti meno condivisi della legge n. 40. Resta, naturalmente, la garanzia del sindacato di legittimità costituzionale, almeno con riferimento a tutte quelle prescrizioni che, nella concreta applicazione giudiziale, dimostrino in maniera più lampante la propria irrazionalità. È dubbio, tuttavia, che la Corte costituzionale possa sovvertire l intero impianto della legge: tale sarebbe stato l effetto dei quattro referendum abrogativi, se considerati nel loro complesso; ma è evidente che un organo di garanzia costituzionale non ha la facoltà di sostituirsi compiutamente alle manifestazioni di volontà politica del popolo sovrano e dei suoi rappresentanti. Con riguardo alla fecondazione eterologa in particolare, è possibile che la Corte, se investita di una questione di legittimità, consideri il divieto di cui all art. 4, comma 3, della legge, come espressione della insindacabile discrezionalità politica del legislatore, sulla falsariga dell obiter dictum a cui si è accennato sopra 19. È altresì possibile, però, che la Corte non rinunci a sindacare la ragionevolezza della prescrizione di legge, soprattutto ove ritenga che anche per la fecondazione assistita possa venire in rilievo un diritto costituzionale alla procreazione. 19 V. nota 7. 8

Legislazione italiana ed europea a confronto

Legislazione italiana ed europea a confronto Legislazione italiana ed europea a confronto NATI INDESIDERATI Riconoscimento del nato e parto anonimo di Graziana Campanato 1 Filiazione legittima e naturale La nostra legislazione distingue la filiazione

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

DIRITTO A CONOSCERE LE ORIGINI

DIRITTO A CONOSCERE LE ORIGINI DIRITTO A CONOSCERE LE ORIGINI Sommario: 1. Premessa.- 2. Promozione dei diritti del minore: statuto costituzionale e legislazione ordinaria a confronto. Principio di responsabilità per il fatto della

Dettagli

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013 La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale Gaetano Silvestri Parigi, 16 aprile 2013 1. Premessa L effetto tipico delle sentenze della Corte costituzionale

Dettagli

I DIRITTI FONDAMENTALI NELLA GIURISPRUDENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE

I DIRITTI FONDAMENTALI NELLA GIURISPRUDENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE I DIRITTI FONDAMENTALI NELLA GIURISPRUDENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE Relazione predisposta in occasione dell incontro della delegazione della Corte costituzionale con il Tribunale costituzionale della

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali SEZIONE TERZA Le fonti degli enti locali 2.1. Presentazione di Edmondo Mostacci L insieme delle fonti endogene degli enti locali costituisce un sottoinsieme un microcosmo, secondo la efficace definizione

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO

CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO PRIMA SEZIONE CASO S. H. E ALTRI c. AUSTRIA (Ricorso n 57813/00) SENTENZA STRASBURGO 1 aprile 2010 Pendente alla Grande Camera domanda di deferimento

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo

Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo Argomenti 1) Trattamento dei dati personali. Cenno ai principi generali per il trattamento e la protezione

Dettagli

FRANCESCO PATERNITI LO STATUS COSTITUZIONALE DEI FIGLI

FRANCESCO PATERNITI LO STATUS COSTITUZIONALE DEI FIGLI Convegno annuale dell Associazione Gruppo di Pisa Catania 7-8 giugno 2013 La famiglia davanti ai suoi giudici FRANCESCO PATERNITI LO STATUS COSTITUZIONALE DEI FIGLI SOMMARIO: 1. Premessa 2. La condizione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Nel lento e accidentato percorso verso un diritto penale minimo, l opportunità di introdurre anche nel procedimento ordinario,

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Adunanza del 4 giugno 2015 Presieduta dal Presidente di Sezione preposto alla funzione di coordinamento Mario FALCUCCI

Adunanza del 4 giugno 2015 Presieduta dal Presidente di Sezione preposto alla funzione di coordinamento Mario FALCUCCI Corte dei Conti Sezione delle autonomie N.21/SEZAUT/2015/QMIG Adunanza del 4 giugno 2015 Presieduta dal Presidente di Sezione preposto alla funzione di coordinamento Mario FALCUCCI Composta dai magistrati:

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Avvocato cancellato dall Albo per assunzione in azienda privata. Possibilità o meno di spendere il titolo nelle comunicazioni extragiudiziali

Avvocato cancellato dall Albo per assunzione in azienda privata. Possibilità o meno di spendere il titolo nelle comunicazioni extragiudiziali www.ilfogliodelconsiglio.it/wp-content/uploads/pa_f_495_1.doc Avvocato cancellato dall Albo per assunzione in azienda privata. Possibilità o meno di spendere il titolo nelle comunicazioni extragiudiziali

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani Un commento sugli effetti del decreto legge n. 138 del 2011 in antitesi alle teorie che vorrebbero una vacatio legis nel campo del trasporto dei rifiuti anche pericolosi L ABROGAZIONE DEL SISTRI NON CREA

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle

Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle 1) Premessa. Con le lenti del tributarista il tema della bilateralità può essere affrontato avendo riguardo ai seguenti tre aspetti: (i) la natura, commerciale

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Richiesta accesso agli atti

Richiesta accesso agli atti ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI GUGLIELMO MARCONI Corso dei Martiri pennesi n 6 65017 PENNE (PESCARA) Tel.Presidenza 085.82.79.542 Segreteria e Fax 085.82.70.776 C.F.: 80005810686 -

Dettagli

DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis).

DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis). CONSIGLIO NOTARILE DI BOLOGNA (6 Dicembre 2002) CONVEGNO - La nuova disciplina delle società di capitali: prime indicazioni operative I DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis).

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

L AMMINISTRATORE DEL SISTEMA INFORMATICO AZIENDALE: REGIME NORMATIVO E OBBLIGHI DI LEGGE. Avv. Luca Giacopuzzi www.lucagiacopuzzi.

L AMMINISTRATORE DEL SISTEMA INFORMATICO AZIENDALE: REGIME NORMATIVO E OBBLIGHI DI LEGGE. Avv. Luca Giacopuzzi www.lucagiacopuzzi. L AMMINISTRATORE DEL SISTEMA INFORMATICO AZIENDALE: REGIME NORMATIVO E OBBLIGHI DI LEGGE Avv. Luca Giacopuzzi www.lucagiacopuzzi.it INDICE: 1) Considerazioni preliminari 1.1) La portata giuridico-formale

Dettagli

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web L art.32, comma 1 della legge 18 giugno 2009, n.69 ha fissato al 1 gennaio 2010 [la data in cui], gli obblighi di pubblicazione

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI di Lorenzo Marinelli* Il presente elaborato intende porsi il problema relativo alla possibilità per il datore di lavoro nell ambito dei rapporti privatistici di porre

Dettagli

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Varenna - 27.09.2014 a cura dr. S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it La relazione

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

I PRESUPPOSTI DI LICEITÀ DEL TRATTAMENTO MEDICO ALLA LUCE DELLA RECENTE GIURISPRUDENZA CIVILE E PENALE. Francesco Viganò

I PRESUPPOSTI DI LICEITÀ DEL TRATTAMENTO MEDICO ALLA LUCE DELLA RECENTE GIURISPRUDENZA CIVILE E PENALE. Francesco Viganò I PRESUPPOSTI DI LICEITÀ DEL TRATTAMENTO MEDICO ALLA LUCE DELLA RECENTE GIURISPRUDENZA CIVILE E PENALE Francesco Viganò Il problema La drammatica vicenda di Eluana Englaro, così come in precedenza quella

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/85/2015/QMIG REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott.ssa Laura De

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

INDICE. 8. Piano dell opera... 48

INDICE. 8. Piano dell opera... 48 INDICE INTRODUZIONE DELIMITAZIONE DELL OGGETTO DELLA RICERCA 1. Delimitazione del campo di osservazione e criteri selettivi delle fattispecie analizzate: premessa... 1 2. Legalità, singolarità e qualificazione

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli