BREVI NOTE SUI PROFILI COSTITUZIONALI DELLA FECONDAZIONE ETEROLOGA (E DEL SUO DIVIETO) 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BREVI NOTE SUI PROFILI COSTITUZIONALI DELLA FECONDAZIONE ETEROLOGA (E DEL SUO DIVIETO) 1"

Transcript

1 BREVI NOTE SUI PROFILI COSTITUZIONALI DELLA FECONDAZIONE ETEROLOGA (E DEL SUO DIVIETO) 1 Paolo Mezzanotte (Dottorando di ricerca in Teoria dello Stato e Istituzioni politiche comparate nell Università degli Studi di Roma La Sapienza ) 14 luglio 2005 Sulla legittimità costituzionale della disciplina legislativa La legge n. 40 del 2004, che contiene la prima disciplina organica in Italia sulla procreazione medicalmente assistita, fa divieto, all art. 4, comma 3, di ricorrere alle tecniche di procreazione di tipo eterologo 2, punendo i trasgressori con le sanzioni amministrative di cui al successivo art. 12, comma 1. Come è noto, il 12 giugno scorso si è tenuta la consultazione su quattro quesiti referendari, con uno dei quali si proponeva di abrogare le disposizioni che proibiscono il ricorso alla fecondazione eterologa, ivi comprese le relative sanzioni. Nel giudizio di ammissibilità del quesito referendario, la difesa del Comitato dei promotori aveva anche argomentato la illegittimità costituzionale del divieto di avvalersi di questa tecnica di fecondazione assistita, che contrasterebbe con il principio di libertà personale e con il diritto alla procreazione 3. Un profilo di illegittimità consisterebbe, dunque, nella lesione di un diritto costituzionale inviolabile alla procreazione, che risulterebbe irragionevolmente compresso da una normativa che risponde con un radicale divieto, e con sanzioni pecuniarie onerose, ad ogni esigenza di regolazione e di bilanciamento degli interessi coinvolti. 1 Testo dell intervento al Seminario interdisciplinare su Statuto dell embrione e principi costituzionali, svoltosi nell Università degli Studi di Siena, Facoltà di Scienze Politiche, il 23 Maggio Come è noto, le tecniche di fecondazione eterologa si distinguono da quelle di fecondazione omologa perché almeno uno dei due gameti utilizzati per produrre l embrione proviene da un donatore esterno alla coppia. 3 V. Corte costituzionale, sent. 28 gennaio 2005, n. 49, Ritenuto in fatto, 4, reperibile in Va tuttavia ricordato che la tesi della illegittimità costituzionale della disciplina in questione è stata verosimilmente avanzata ad abundantiam, nel corso di un giudizio che verteva sulla ammissibilità di un referendum, e non già sulla costituzionalità di una legge. D altra parte, la stessa Corte costituzionale, proprio in occasione delle pronunce sui quesiti referendari in materia di procreazione medicalmente assistita, non ha mancato rammentare la differenza che intercorre tra i due tipi di giudizio, e di precisare, di conseguenza, che il sindacato sulla ammissibilità del referendum non implica anche una valutazione della legittimità costituzionale della legge. Cfr. sentt. nn. 45, 46, 47 e 48 del 2005, in federalismi.it numero 14/2005

2 Circa l esistenza di un diritto costituzionale alla procreazione, da configurarsi, limitatamente al caso che qui interessa, come diritto di accedere alle tecniche di fecondazione artificiale, non vi è in dottrina un orientamento uniforme. Alcuni ha sostenuto, ad esempio, che uno spunto in tale direzione possa essere rinvenuto nel disposto dell art. 31, comma 2, Cost., che reca il principio della protezione della maternità, e da cui sarebbe ulteriormente ricavabile la garanzia del diritto ad una maternità responsabile e consapevole. Tale garanzia andrebbe peraltro ricollegata, con esegesi sistematica degli enunciati costituzionali, a quel patrimonio di diritti inviolabili della persona, la cui necessità di difesa è sancita, anzitutto, dall art. 2 Cost. 4. Altri ha recisamente escluso, per contro, che la Costituzione possa offrire tutela giuridica alla procreazione con ogni mezzo, negando di conseguenza che il divieto di accedere alle tecniche di fecondazione eterologa possa ledere un diritto fondamentale della persona 5. Qualche utile suggerimento, anche se probabilmente non risolutivo, può essere tratto dalla giurisprudenza costituzionale. Da un lato la Corte, in tema di aborto, ha fatto riferimento all esistenza di un diritto, costituzionalmente sancito, alla procreazione cosciente e responsabile 6 ; dall altro, sempre evocando il diritto di procreare e di diventare genitore, ha dichiarato costituzionalmente illegittime le disposizioni di legge che richiedevano l assenza di figli a carico come requisito per la partecipazione a concorsi in corpi militari dello Stato 7. Mai, però, il diritto a procreare è stato finora scomodato in pronunce direttamente riguardanti la procreazione assistita; anzi, laddove si è occupata di fecondazione eterologa, la Corte, sia pure in un obiter dictum, ha sembrato voler lasciare al legislatore un ampia gamma di possibili soluzioni normative 8. A prescindere da ogni ulteriore considerazione sulla esistenza di un diritto alla procreazione e sulla ulteriore circostanza che questo diritto possa essere chiamato in causa nella fattispecie che qui interessa è comunque certo che con la legge n. 40 è sancita una disparità di trattamento tra la fecondazione eterologa, radicalmente vietata, e quella omologa, consentita a certe condizioni ed entro limiti prefissati. 4 Cfr. F. RIMOLI, Appunti per uno studio sul diritto alla procreazione, in AA. VV., Studi in onore di Manlio Mazziotti di Celso, II, Padova, 1995, 149 s. Contra, C. TRIPODINA, Studio sui possibili profili di incostituzionalità della legge n. 40 del 2004 recante Norme in materia di procreazione medicalmente assistitita, in Dir. pub., 2004, n. 2., 538, secondo cui, di per sé, la disposizione di principio sulla protezione della maternità non consente di affermare che la procreazione al di fuori della famiglia abbia la consistenza di un diritto individuale costituzionalmente garantito. 5 Così A. BARBERA, La procreazione medicalmente assistita, nel Convegno La procreazione assistita: problemi e prospettive, Roma, 31 gennaio 2005, 5, reperibile in 6 Cfr. Corte cost., 10 febbraio 1997 n. 35, in 7 Corte cost., 24 luglio 2000, n. 332, in 8 Si legge, infatti, nella sent. 26 settembre n. 347, del 1998: L individuazione di un ragionevole punto di equilibrio tra i diversi beni costituzionali coinvolti, nel rispetto della dignità della persona umana, appartiene primariamente alla valutazione del legislatore. 2

3 La ragionevolezza di questa distinzione è stata motivata in dottrina ponendo l accento sulle peculiarità degli interessi e delle situazioni da tutelare e sui rischi connessi a questa pratica di fecondazione artificiale. Seguono le argomentazioni generalmente addotte: 1) l utilizzazione di materiale genetico estraneo alla coppia, unitamente alla garanzia dell anonimato del donatore, è lesiva del diritto alla identità biologica dei soggetti nati con la fecondazione eterologa; 2) l anonimato del donatore nega la possibilità di utilizzare le tecniche mediche di diagnosi e di prevenzione legate alla anamnesi familiare delle patologie geneticamente trasmissibili, con la conseguente, irragionevole compressione del diritto alla salute dei nati da fecondazione eterologa rispetto agli altri soggetti; 3) connesso alla fecondazione eterologa è il rischio di selezione eugenetica, ove si consenta alla coppia di scegliere il donatore in base ai propri caratteri genetici; 4) sussiste, infine, il pericolo di utilizzazione reiterata dei gameti di uno stesso donatore, e quindi della nascita di un numero indefinito ed incontrollato di fratelli e sorelle biologici. Ma, ammesso che le ragioni ora rapidamente esposte siano tali e di tale gravità da far sostenere la ragionevolezza del divieto di fecondazione di tipo eterologo, non è ancora dimostrato che la protezione di certi beni non possa avvenire anche attraverso opportune misure di regolazione che, senza risolversi in una radicale proibizione, siano capaci di realizzare comunque un bilanciamento adeguato degli interessi coinvolti. In materia di fecondazione assistita, come per ogni vicenda che guardi da vicino ai temi dell etica e del costume, convivono e si contrappongono una pluralità di opzioni culturali, filosofiche, ideologiche differenti. La libertà di coscienza, all interno di una problematica che pure abbraccia importanti profili di responsabilità e richiede delicate operazioni di bilanciamento, non è certo l unico valore di riferimento, e tuttavia rappresenta uno dei criteri che dovrebbero ispirare e guidare l azione del legislatore. Per tali vicende il giurista, prima ancora che escogitare garanzie, costruire istituti e bilanciare fra valori, deve preliminarmente interrogarsi sui limiti intrinseci della propria disciplina; oltre questi limiti si aprono gli spazi del discorso morale, filosofico, religioso, che si svolgono secondo il metodo del convincimento e della persuasione e non secondo quello della (giuridica) coercizione. Come rilevato anche in dottrina, in un ordinamento di democrazia liberale, che si fonda su un concorso pluralistico di orientamenti culturali e su di una relativa separazione tra la sfera dell etica e quella del diritto, l optimum costituzionale, in certe materie, si ritiene realizzato con una disciplina di compromesso, che regoli ma non proibisca, che limiti ma non escluda, 3

4 senza che i valori propugnati da singoli, gruppi e finanche da ampie maggioranze, debbano necessariamente tradursi in obblighi, divieti, sanzioni, sul piano dell ordinamento giuridico 9. Per tali ragioni, e in linea di principio, il divieto giuridico può non offrire sempre la soluzione costituzionalmente ottimale a simili questioni. Ammettere la fecondazione di tipo eterologo: alcuni aspetti problematici Dopo le brevi considerazioni sulla ragionevolezza e, ulteriormente, sulla opportunità costituzionale di una norma che vieta la fecondazione eterologa, va verificato se, ed entro quali limiti normativi, una disciplina che invece consenta questo particolare tipo di fecondazione artificiale, possa dirsi rispettosa delle prescrizioni e dei principi costituzionali. Dottrina autorevole si è recentemente interrogata se ogni pratica di fecondazione eterologa non sia di per sé contraria alla Costituzione, in quanto sovvertirebbe la concezione della famiglia come società naturale, espressamente enunciata all art. 29 Cost. Né varrebbe obiettare che l ordinamento conosce già istituti che derogano al principio della società naturale, come l adozione e la normativa che tutela i figli nati fuori del matrimonio, giacché la loro funzione è differente da quella della fecondazione eterologa: questa ha infatti lo scopo di dare un figlio a chi non ne ha, quelli, di dare una famiglia a chi è già nato 10. La tesi in questione sembra partire dall assunto che dalla definizione costituzionale della famiglia come società naturale sia rigorosamente deducibile, in via normativa, la prescrizione per cui la coppia può procreare soltanto se i figli siano legati ad entrambi i genitori da un rapporto di derivazione genetica. Seguendo questa logica, si potrebbero forse trarre dall art. 29 Cost. delle indicazioni ancora più restrittive, e dire, ad esempio, che il principio della società naturale comporti, di per sé, il divieto di avvalersi di qualsiasi pratica di procreazione artificiale, con la conseguente incostituzionalità anche della fecondazione omologa. Almeno per gli aspetti che qui interessano, è bene guardarsi, tuttavia, dalla tentazione di normativizzare oltremisura gli enunciati della Costituzione e di abusare dell argomento logico-deduttivo per estrarre dal principio della società naturale questa o quella fattispecie normativa, soprattutto ove si pensi che, quando l art. 29 Cost. fu scritto, il problema della 9 Cfr. A. BARBERA, La procreazione medicalmente assistita, cit., 2 (anche se l A., come si vedrà anche di seguito, esprime forti perplessità circa la stessa legittimità costituzionale della fecondazione eterologa); M. MANETTI, Profili di illegittimità costituzionale della legge sulla procreazione medicalmente assistita, in Pol. dir., 2004, n. 3, 462 ss. 10 Cfr. A. BARBERA, La procreazione medicalmente assistita, cit., 4. 4

5 fecondazione artificiale, verosimilmente, era del tutto estraneo agli orizzonti del Costituente; è così opportuna una lettura attualizzante della Carta costituzionale, che la proietti nella giusta dimensione dialettica rispetto alle ragioni del progresso scientifico e alla evoluzione del costume sociale. L art. 29 Cost. va fatto oggetto di una interpretazione in certo qual modo aperta, bensì attenta alla individuazione di linee di tendenza e valutazioni preferenziali, ma priva dell ambizione di trarre una volta per tutte dal disposto costituzionale un indirizzo assolutamente preciso e vincolante circa i modelli di procreazione che sono ammessi e quelli che invece sono esclusi dalla Costituzione. Sotto un altro profilo, le pratiche di fecondazione eterologa si caratterizzano per il fatto che almeno uno dei gameti è proveniente da un donatore esterno alla coppia e, per quel che più conta ai nostri fini, socialmente estraneo al nascituro. La Carta costituzionale, almeno in termini testuali, non contempla un diritto inviolabile del figlio alla conoscenza dei propri genitori biologici; anzi, l art. 30, comma 4, sia pure entro i limiti consueti ed impliciti della ragionevolezza, demanda ogni soluzione all intervento del legislatore ordinario, stabilendo che la legge detta le norme e i limiti per la ricerca della paternità. Importanti indicazioni, tuttavia, si ricavano dalla disciplina codicistica sulla filiazione naturale e dalla relativa giurisprudenza costituzionale. La normativa di cui agli artt. 269 ss. Cod. civ., infatti, è improntata al c.d. principio del favor veritatis, ossia è orientata a tutelare, salvo specifiche eccezioni, l interesse del figlio a vedere disvelato e riconosciuto il proprio rapporto di filiazione naturale con il genitore 11. Secondo la più recente giurisprudenza costituzionale, a questa disciplina sulla ricerca e sul riconoscimento della paternità è sotteso un diritto inviolabile alla identità personale, la cui copertura costituzionale si rinviene, primariamente nell art. 2 Cost 12. Ora, estendere tout court la ratio della legislazione e della giurisprudenza sui figli nati fuori del matrimonio ai problemi della fecondazione di tipo eterologo non pare un operazione completamente corretta, dandosi per presupposta una completa equiparazione tra il rapporto di filiazione naturale e quello di filiazione biologica, che intercorre tra il nato e il donatore del gamete; equiparazione che, invece, è tutta da dimostrare. Sotto questo aspettato, l ordinamento dà atto che le due condizioni non sono affatto coincidenti: da un lato, la stessa 11 Per la espressa ricognizione di questo principio, cfr., fra le altre, Corte cost., sentt. nn. 64/1982, 134/1985, 341/1990, 112/ Cfr. sent. 28 novembre 2002, n. 494; sent. 22 aprile 1997, n. 112, in In dottrina, circa il venire in rilievo, anche per la fecondazione eterologa, di un diritto alla identità biologica del figlio, si vedano, con una varietà di opinioni e di intonazioni critiche, I. NICOTRA, Anonimato del donatore e diritto alla identità personale del figlio nella procreazione medicalmente assistita, in Quad. cost., 2002, n. 4, 795 ss.; C. TRIPODINA, Studio sui possibili profili di incostituzionalità della legge n. 40 del 2004, cit., 542; P. VERONESI, La legge sulla procreazione assistita alla prova dei giudici della Corte costituzionale, in Quad. cost., 2004, n. 3, 544 ss. 5

6 legge n. 40 e, prima ancora, la Corte costituzionale, hanno ritenuto non applicabili alcune delle norme del Codice civile sul disconoscimento di paternità al caso della fecondazione eterologa, quando il genitore abbia prestato il proprio consenso alla fecondazione 13 ; dall altro, sempre la legge n. 40 stabilisce che il donatore non acquisisce nessuna relazione giuridica parentale con il nato e non può far valere nei suoi confronti alcun diritto né essere titolare di obblighi 14. Tuttavia, l avvenuta ricognizione di un diritto inviolabile alla identità personale, per di più considerato nella specifica declinazione come diritto alla identità biologica del nato, non può non fornire qualche utile indicazione anche con riferimento alle pratiche di fecondazione eterologa, nel senso di far dubitare della legittimità costituzionale di una disciplina di legge che indiscriminatamente richiedesse l assoluto anonimato del donatore. I dubbi sarebbero anche maggiori, stavolta con riguardo al parametro dell art. 32 Cost., ove si consideri che la totale segretezza di uno dei due genitori biologici potrebbe altresì precludere l anamnesi familiare di patologie geneticamente trasmissibili. L eco di questa problematica sembra rinvenirsi anche nella legislazione comunitaria. Infatti, la direttiva n. 2004/23, in materia di controlli e di conservazione di tessuti e cellule umane, dopo aver enunciato, all art. 14, comma 3, il principio generale dell anonimato del donatore, fa espressamente salva la legislazione in vigore negli Stati membri sulle condizioni di divulgazione, in particolare nel caso della donazione dei gameti. Nel consentire l accesso alla pratica di fecondazione di tipo eterologo, spetterebbe in definitiva al legislatore una delicatissima operazione di bilanciamento tra l interesse alla segretezza del donatore e i diritti del nato; operazione vieppiù complicata, ove si tenga presente anche l interesse della famiglia legittima a veder preservati i propri equilibri interni da turbative connesse al rapporto biologico che intercorre tra il figlio e il donatore. Le istanze di regolazione non si esauriscono, beninteso, a quelle testé menzionate. Se nel referendum sulla fecondazione eterologa si fosse raggiunto il quorum con vittoria del sì, l effetto abrogativo avrebbe comportato il passaggio automatico da un generale divieto ad una condizione di completa liceità. L intervento del Parlamento sarebbe stato allora necessario per colmare una serie di lacune normative che sarebbero venute a determinarsi, dalla disciplina sulla conservazione e sul controllo medico dei gameti, a quella sulle modalità del consenso da richiedere ai donatori Sent. n. 397/1998, cit.; art. 9, comma 3, l. n. 40/ Art. 9, comma 3, l. n. 40/ Sul punto, cfr. A. SIMONCINI, Alcune note su fecondazione medicalmente assistita, principio di precauzione e incostituzionalità degli effetti referendari, 11, nel Convegno La procreazione assistita, cit. 6

7 La maternità surrogata Distinta dalla fecondazione eterologa è la pratica della maternità surrogata, penalmente sanzionata dall art. 12, comma 6, della legge n Il legislatore non si è occupato di adibire una disciplina a tutela dei figli che, malgrado il divieto di legge, siano nati con questa tecnica di procreazione; con ciò è marcata una differenza rispetto alla disciplina della fecondazione eterologa, che, come si è visto, appresta una serie di misure normative finalizzate all inserimento del figlio nella famiglia legittima e a salvaguardare la certezza del suo status filiationis, tenendo ferme, al contempo, le sanzioni amministrative nei confronti dei genitori e del medico. Ora, l art. 269, comma 3, Cod. civ., stabilisce il principio, per cui è madre colei che ha partorito il figlio, quando a rigore, anche in ragione delle argomentazioni svolte sopra con riguardo al problema della identità biologica, il nato dovrebbe esse considerato figlio della coppia, di cui condivide interamente il patrimonio genetico. A ben vedere, però, la soluzione del problema è individuata dalla già menzionata giurisprudenza costituzionale che, interpretando restrittivamente le disposizioni del Codice civile, esclude che queste vengano in rilievo per essere applicate ai casi di procreazione artificiale 17. Ad una più piena protezione del nato si potrebbe pervenire, inoltre, attraverso la estensione analogica delle norme che, in materia di fecondazione eterologa, precludono al genitore consenziente l azione per il disconoscimento della paternità 18. Questione diversa, sempre in tema di maternità surrogata, sarebbe stata quella della legittimità costituzionale della normativa di risulta, sempre per il caso in cui la consultazione referendaria si fosse conclusa con la vittoria del sì. Il quesito sulla fecondazione eterologa non coinvolgeva la surrogazione di maternità, cosicché, se il referendum stesso avesse avuto un esito positivo, l eterologa sarebbe stata ammessa, mentre la maternità surrogata avrebbe continuato ad essere oggetto di divieto. Ci si chiede e lo si fa sommessamente e senza la presunzione di dare risposte definitive, visti i dubbi e l inquietudine che vicende simili possono provocare nella coscienza di ciascuno se questa distinzione non sarebbe stata completamente esente da censure di irragionevolezza. 16 La maternità surrogata si ha quando l embrione ricavato con i gameti della coppia è impiantato nell utero di una donna esterna alla coppia stessa. Segue il testo dell art. 12, comma 6, l. n. 40/2004: Chiunque, in qualsiasi forma, realizza, organizza o pubblicizza la commercializzazione di gameti o di embrioni o la surrogazione di maternità è punito con la reclusione da tre mesi a due anni e con multa da a un milione di euro. 17 Si veda ancora la sent. n. 397/1998, cit. Cfr. G. OPPO, Procreazione assistita e sorte del nascituro, 6, nel Convegno La procreazione assistita, cit. 18 Art. 9, comma 1, l. n. 40/

8 Il risultato del referendum e le residue prospettive di riforma Il mancato raggiungimento del quorum nei quattro referendum del 12 giugno sembra aver reso più difficile, almeno per l immediato, la ipotesi della ridiscussione parlamentare degli aspetti meno condivisi della legge n. 40. Resta, naturalmente, la garanzia del sindacato di legittimità costituzionale, almeno con riferimento a tutte quelle prescrizioni che, nella concreta applicazione giudiziale, dimostrino in maniera più lampante la propria irrazionalità. È dubbio, tuttavia, che la Corte costituzionale possa sovvertire l intero impianto della legge: tale sarebbe stato l effetto dei quattro referendum abrogativi, se considerati nel loro complesso; ma è evidente che un organo di garanzia costituzionale non ha la facoltà di sostituirsi compiutamente alle manifestazioni di volontà politica del popolo sovrano e dei suoi rappresentanti. Con riguardo alla fecondazione eterologa in particolare, è possibile che la Corte, se investita di una questione di legittimità, consideri il divieto di cui all art. 4, comma 3, della legge, come espressione della insindacabile discrezionalità politica del legislatore, sulla falsariga dell obiter dictum a cui si è accennato sopra 19. È altresì possibile, però, che la Corte non rinunci a sindacare la ragionevolezza della prescrizione di legge, soprattutto ove ritenga che anche per la fecondazione assistita possa venire in rilievo un diritto costituzionale alla procreazione. 19 V. nota 7. 8

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2592 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MARZANO, CAPUA, FASSINA, GALGANO, GRIBAUDO, GIUSEPPE GUERINI, LA MARCA, LAFORGIA, LAVAGNO,

Dettagli

CONSIDERAZIONI TECNICHE DI SINTESI SULLA SENTENZA 162/14

CONSIDERAZIONI TECNICHE DI SINTESI SULLA SENTENZA 162/14 CONSIDERAZIONI TECNICHE DI SINTESI SULLA SENTENZA 162/14 A cura degli avvocati Gianni Baldini e Filomena Gallo entrambi difensori incidente di costituzionalità Tribunale di Firenze e rispettivamente Segretario

Dettagli

ITALIA NUOVE NORME SULLA PROCREAZIONE ASSISTITA: VIETATA LA FECONDAZIONE ETEROLOGA DI 2003

ITALIA NUOVE NORME SULLA PROCREAZIONE ASSISTITA: VIETATA LA FECONDAZIONE ETEROLOGA DI 2003 727 NUOVE NORME SULLA PROCREAZIONE ASSISTITA: VIETATA LA FECONDAZIONE ETEROLOGA DI 2003 (Progetto di legge, definitivamente approvato il 10.02.2004 num. 47). Nella seduta del 10 febbraio la Camera dei

Dettagli

INDICE - SOMMARIO ANDREA BARENGHI CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE

INDICE - SOMMARIO ANDREA BARENGHI CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE Prefazione di GUIDO ALPA... pag. XI ANDREA BARENGHI CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE 1. Premessa... pag. 1 2. Compiti e obiettivi del legislatore del 2004...» 2 3. Su alcune caratteristiche dell impianto legislativo...»

Dettagli

La fissazione dei criteri soggettivi d accesso alla P.M.A. tra Stato e Regioni

La fissazione dei criteri soggettivi d accesso alla P.M.A. tra Stato e Regioni O S S E R V A T O R I O D I D I R I T T O S A N I T A R I O 5 A G O S T O 2015 La fissazione dei criteri soggettivi d accesso alla P.M.A. tra Stato e Regioni La fissazione dei criteri soggettivi d accesso

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LABRIOLA, RAMPI, ROSTAN. Modifiche alla legge 19 febbraio 2004, n. 40, recante norme

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LABRIOLA, RAMPI, ROSTAN. Modifiche alla legge 19 febbraio 2004, n. 40, recante norme Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2337 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI LABRIOLA, RAMPI, ROSTAN Modifiche alla legge 19 febbraio 2004, n. 40, recante norme in materia

Dettagli

La medicina della riproduzione: alcuni spunti etici e politici Alberto Bondolfi Université de Genève Un ricordo del 1987 Mi ricordo il primo intervento su queste tematiche, tenuto quando il centro locarnese

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

CONSENSO INFORMATO. Ai sensi della Legge 19 febbraio 2004 n.40 e successive modificazioni. il a ( ) residente a in via tel CF

CONSENSO INFORMATO. Ai sensi della Legge 19 febbraio 2004 n.40 e successive modificazioni. il a ( ) residente a in via tel CF Pag. 1/6 Noi sottoscritti: DICHIARAZIONE DI PER LA TECNICA FIVET-ICSI (FECONDAZIONE IN VITRO E TRASFERIMENTO DELL'EMBRIONE) TECNICA DI PROCREAZIONE ASSISTITA DI II LIVELLO Ai sensi della Legge 19 febbraio

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Sabato, 06 giugno 2015. Il Sole 24 Ore. Il Secolo XIX - Ed. Levante

RASSEGNA STAMPA. Sabato, 06 giugno 2015. Il Sole 24 Ore. Il Secolo XIX - Ed. Levante RASSEGNA STAMPA Sabato, 06 giugno 2015 Il Sole 24 Ore 1 Procreazione assistita: generare figli sani è un diritto inviolabile 2 Niente doppia sanzione sugli incarichi Il Secolo XIX - Ed. Levante 1 La Cassazione:

Dettagli

3. Tribunale Cagliari 16 luglio 2005. Viene sollevata la questione di

3. Tribunale Cagliari 16 luglio 2005. Viene sollevata la questione di Indice delle pronunce sulla legge 40 del 2004 (aggiornato al 15 febbraio 2013 a cura dell Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica) 1. Ordinanza del Tribunale di Catania 3 maggio

Dettagli

CONSENSO INFORMATO. Il sottoscritto: Sig.ra. nato a il residente in via tel C.F. PREMESSO CHE

CONSENSO INFORMATO. Il sottoscritto: Sig.ra. nato a il residente in via tel C.F. PREMESSO CHE Pag. 1/7 DICHIARAZIONE DI RELATIVO ALLA DONAZIONE VOLONTARIA DI SEME FINALIZZATO A TRATTAMENTO DI Il sottoscritto: Sig.ra. nato a il residente in via tel C.F. PREMESSO CHE Nel rispetto dei principi e delle

Dettagli

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA. Legge 19 Febbraio 2004 n 40

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA. Legge 19 Febbraio 2004 n 40 PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA Legge 19 Febbraio 2004 n 40 Finalità Art. 1: Al fine di favorire la soluzione di problemi riproduttivi derivanti dalla sterilità o dalla fertilità umana è consentito

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

CHE COSA SI INTENDE PER PROCREAZIONE ASSISTITA?

CHE COSA SI INTENDE PER PROCREAZIONE ASSISTITA? CHE COSA SI INTENDE PER PROCREAZIONE ASSISTITA? Oggi la scienza può interferire coi processi riproduttivi, e modificarli in vitro al di fuori delle loro modalità naturali. Preliminarmente dobbiamo allora

Dettagli

INDICE. Gli Autori... Introduzione di Pasquale Stanzione...

INDICE. Gli Autori... Introduzione di Pasquale Stanzione... Gli Autori... XI Introduzione di Pasquale Stanzione... XIII Capitolo Primo NORME IN MATERIA DI PROCREAZIONE ASSISTITA: PRINCIvPI GENERALI Giovanni Sciancalepore 1. Il recente intervento normativo in tema

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 28-07-2014 (punto N 35 ) Delibera N 650 del 28-07-2014 Proponente LUIGI MARRONI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

Il provvedimento e le linee guida del Garante privacy in materia di biometria

Il provvedimento e le linee guida del Garante privacy in materia di biometria Il provvedimento e le linee guida del Garante privacy in materia di biometria di Valentina Fiorillo * Lo scorso novembre il Garante per la protezione dei dati personali ha adottato un provvedimento prescrittivo

Dettagli

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio È illegittima una norma che limita la facoltà dello straniero di contrarre matrimonio in Italia per carenza del permesso

Dettagli

LE IMPLICAZIONI CONNESSE ALLA PRASSI DEL PLURIREFERENDUM

LE IMPLICAZIONI CONNESSE ALLA PRASSI DEL PLURIREFERENDUM LE IMPLICAZIONI CONNESSE ALLA PRASSI DEL PLURIREFERENDUM RIFLESSIONI A MARGINE DEI REFERENDUM SULLA LEGGE N. 40 DEL 2004 1 Francesco Drago (Dottorando di ricerca in Teoria dello Stato e istituzioni politiche

Dettagli

La decisione della Corte Europea dei Diritti dell Uomo e il giudice comune italiano: la non manifesta infondatezza della questione.

La decisione della Corte Europea dei Diritti dell Uomo e il giudice comune italiano: la non manifesta infondatezza della questione. La decisione della Corte Europea dei Diritti dell Uomo e il giudice comune italiano: la non manifesta infondatezza della questione. di Benedetta Liberali, dottoranda di ricerca in diritto costituzionale

Dettagli

Non desiderare i figli d altri? * (nota a Tribunale Civile di Roma, ordinanza 8 agosto 2014, Giud. S. Albano). di Luigi D Angelo**

Non desiderare i figli d altri? * (nota a Tribunale Civile di Roma, ordinanza 8 agosto 2014, Giud. S. Albano). di Luigi D Angelo** Non desiderare i figli d altri? * (nota a Tribunale Civile di Roma, ordinanza 8 agosto 2014, Giud. S. Albano). di Luigi D Angelo** Sommario: 1) Premessa: 2) Spunti di riflessione: principio di autodeterminazione

Dettagli

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo La problematica. L introduzione dell informatica in azienda, in particolare nei processi produttivi modifica i rapporti

Dettagli

CONSENSO INFORMATO. il a ( ) residente a in via tel CF. nato il a ( ) residente a in via tel CF

CONSENSO INFORMATO. il a ( ) residente a in via tel CF. nato il a ( ) residente a in via tel CF Pag. 1/6 DICHIARAZIONE DI PER LA TECNICA DI PROCREAZIONE ASSISTITA DI I ETEROLOGA CON DONAZIONE DI SEME Ai sensi della Legge 19 febbraio 2004 n.40 e successive modificazioni Noi sottoscritti: Sig.ra nata

Dettagli

Medicina della Riproduzione

Medicina della Riproduzione Pagina 1 di 6 Dichiarazione di consenso informato per Procreazione Medicalmente Assistita ai sensi legge 19 febbraio 2004, n 40 ai sensi del Decreto Ministeriale n 336 16 dicembre 2004 Ministeri Salute

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GAMBALE, NOVELLI, DIVELLA, GIACCO, LUMIA, MANGIACAVALLO, SAONARA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GAMBALE, NOVELLI, DIVELLA, GIACCO, LUMIA, MANGIACAVALLO, SAONARA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati N. 1365 CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GAMBALE, NOVELLI, DIVELLA, GIACCO, LUMIA, MANGIACAVALLO, SAONARA Norme in materia di tutela

Dettagli

La Corte di Appello di Firenze, Sezione Prima civile, riunita in camera di consiglio nella persona dei sottoindicati Giudici:

La Corte di Appello di Firenze, Sezione Prima civile, riunita in camera di consiglio nella persona dei sottoindicati Giudici: App. Firenze, 27 giugno 2008 Matrimonio tra omosessuali L istituto del matrimonio non costituisce una istituzione pre-giuridica ( come ad es. la famiglia) né un diritto fondamentale dell individuo, da

Dettagli

- Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio.

- Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio. E stato chiesto se, ed eventualmente con quali

Dettagli

Area Preconcezionale

Area Preconcezionale Pagina 1 di 6 Dichiarazione di consenso informato per Procreazione Medicalmente Assistita ai sensi della legge 19 febbraio 2004, n 40 ai sensi del Decreto Ministeriale n 336 16 dicembre 2004 Ministeri

Dettagli

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE nistrazione della pubblica sicurezza, compresa l Arma dei carabinieri e le altre forze messe a disposizione dalle autorita' provinciali di pubblica sicurezza, e per il Corpo nazionale dei vigili del fuoco.

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4993 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GAMBATO Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, in materia di adozione da parte di persone

Dettagli

Ragionevolezza del divieto di procreazione assistita eterologa, fra ordinamento italiano e CEDU

Ragionevolezza del divieto di procreazione assistita eterologa, fra ordinamento italiano e CEDU Ragionevolezza del divieto di procreazione assistita eterologa, fra ordinamento italiano e CEDU di Stefano Catalano, ricercatore di Diritto costituzionale nell Università degli Studi di Milano Sommario:

Dettagli

NOTA INTERPRETATIVA. Prologo

NOTA INTERPRETATIVA. Prologo NOTA INTERPRETATIVA Prime osservazioni sull affidamento dei servizi pubblici locali e sulla tariffa del servizio idrico integrato in esito al referendum abrogativo del 12 e 13 giugno 2011. Prologo In seguito

Dettagli

2014 I DIRITTI DELLA PERSONA

2014 I DIRITTI DELLA PERSONA Cendon / Book Collana diretta da Bruno de Filippis I DIRITTI DEL PRIMO LIBRO DEL CODICE CIVILE 02 2014 I DIRITTI DELLA PERSONA LEGISLAZIONE E PROSPETTIVE Bruno de Filippis Edizione NOVEMBRE 2014 Copyright

Dettagli

OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE

OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA: normativa nazionale, compiti delle Regioni ed esperienze legislative straniere A cura di: Luigia Alessandrelli e Sabrina

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della Senatrice Emilia Grazia De Biasi Pina Maturani, Giorgio Tonini, Nerina Dirindin Norme in materia di procreazione medicalmente

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni...

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni... Elenco delle principali abbreviazioni... XVII CAPITOLO PRIMO PROFILI GENERALI Guida bibliografica... 3 1. Premessa... 7 2. La famiglia come formazione sociale... 9 2.1. Il precedente sistema giusfamiliare...

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI Proposta di legge 1624 XVI Legislatura. Disposizioni in materia di fecondazione medicalmente assistita e di ricerca correlata

CAMERA DEI DEPUTATI Proposta di legge 1624 XVI Legislatura. Disposizioni in materia di fecondazione medicalmente assistita e di ricerca correlata CAMERA DEI DEPUTATI Proposta di legge 1624 XVI Legislatura Disposizioni in materia di fecondazione medicalmente assistita e di ricerca correlata Firmatari: Farina Coscioni, Beltrandi, Bernardini, Mecacci,

Dettagli

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex. La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com La Corte Costituzionale, nell ormai lontano 1965, fu chiamata a pronunciarsi

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 29 aprile 2015, n. 880

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 29 aprile 2015, n. 880 21232 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 29 aprile 2015, n. 880 Deliberazione di Giunta Regionale n.2831 del 30/12/2014 Determinazioni in materia di prestazioni di Procreazione Medicalmente Assistita

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BELTRANDI, BERNARDINI, MECACCI, ZAMPARUTTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BELTRANDI, BERNARDINI, MECACCI, ZAMPARUTTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5122 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BELTRANDI, BERNARDINI, MECACCI, ZAMPARUTTI Disciplina della

Dettagli

Dott.ssa Maria Cristina Canziani Consigliere. ha emesso la seguente SENTENZA

Dott.ssa Maria Cristina Canziani Consigliere. ha emesso la seguente SENTENZA 1 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO CORTE D APPELLO DI MILANO Sezione delle Persone, dei Minori, della Famiglia La Corte in persona dei magistrati Dott.ssa Bianca La Monica Presidente rel.

Dettagli

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Signori Giudici del Tribunale, Nelle conclusioni di questa mattina,

Dettagli

SENTENZA N.347 ANNO 1998 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE

SENTENZA N.347 ANNO 1998 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Dott. Renato GRANATA Presidente - Prof. Giuliano VASSALLI Giudice - Prof. Francesco GUIZZI " - Prof. Cesare MIRABELLI " - Prof. Fernando SANTOSUOSSO " - Avv. Massimo VARI " - Dott.

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO

DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO 1. QUANDO INIZIA A PORSI IL PROBLEMA DELLA RELAZIONE GIURIDICA DEI RAPPORTI FAMILIARI? Nell ambito della nascita dello stato moderno nel secolo XIX.

Dettagli

1. L adozione in casi particolari può rappresentare uno strumento di elusione della legge n. 40/2004?

1. L adozione in casi particolari può rappresentare uno strumento di elusione della legge n. 40/2004? E pur vero che la legge n. 40 si era preoccupata di tutelare comunque il minore concepito mediante ricorso alla fecondazione eterologa (art. 9), sanando la situazione che si fosse venuta a creare con il

Dettagli

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE DEFINIZIONE 11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE CASISTICA RIFERIMENTI Quando il lavoratore matura i requisiti anagrafici e contributivi per accedere

Dettagli

Sanità e bioetica, la rassegna delle massime in materia di procreazione materialmente assistita

Sanità e bioetica, la rassegna delle massime in materia di procreazione materialmente assistita Sanità e bioetica, la rassegna delle massime in materia di procreazione materialmente assistita A cura della Redazione "PubblicaAmministrazione24 Sanità e bioetica - Fecondazione medicalmente assistita

Dettagli

Famiglia di sangue e famiglia adottiva: la tradizionale interazione tra i due modelli sul piano normativo.

Famiglia di sangue e famiglia adottiva: la tradizionale interazione tra i due modelli sul piano normativo. SOMMARIO INTRODUZIONE 1. 2. Famiglia di sangue e famiglia adottiva: la tradizionale interazione tra i due modelli sul piano normativo. La recente legge di riforma delle adozioni: luci ed ombre. p. 11 18

Dettagli

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Edizioni Simone - Vol. 45/1 Compendio di Diritto Internazionale privato e processuale Parte seconda Cenni di parte speciale Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Sommario Z 1. La filiazione. - 2. L adozione.

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

DIRITTI CIVILI E POLITICI

DIRITTI CIVILI E POLITICI Diritti umani e diritto internazionale, vol. 3 n. 3 2009 DIRITTI CIVILI E POLITICI Ancora sui rapporti tra ONU e CE in materia di lotta al terrorismo e tutela dei diritti fondamentali: la sentenza del

Dettagli

E Monica Soldano, presidente di una delle associazioni promotrici del ricorso, Madre Provetta, a darne notizia.

E Monica Soldano, presidente di una delle associazioni promotrici del ricorso, Madre Provetta, a darne notizia. {mosimage}il TAR del Lazio ha giudicato illegittime le linee guida della Legge 40, la legge che regolamenta in Italia la fecondazione artificiale. La parte contestata sulla quale si è pronunciato il Tar

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1352

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1352 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1352 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore DE LILLO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 3 FEBBRAIO 2009 Disposizioni in materia di regolamentazione del diritto

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 149 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ASCIERTO Disposizioni in materia di prelievo coattivo di materiale biologico finalizzato all

Dettagli

Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta

Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta Parere sul disegno di legge recante: Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella sedute del 10 febbraio 1999, ha deliberato di

Dettagli

Maternità surrogata: i difficili equilibri

Maternità surrogata: i difficili equilibri Maternità surrogata: i difficili equilibri SOMMARIO: 1. La maternità per sostituzione. 2. L esperienza italiana: la dottrina. 3. Orientamenti della giurisprudenza nazionale. 4. Il superiore interesse del

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Allegato 1 LETTERA CIRCOLARE Roma, 1 dicembre 2004 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE PER L'ATTIVITA ISPETTIVA Ai Direttori delle Direzioni Regionali del Lavoro LORO SEDI

Dettagli

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione.

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione. Dipartimento della funzione pubblica Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni Prot. n. 23/11 Roma, Parere n. 196/04 Al Ministero dell interno Dipartimento per gli affari interni e territoriali

Dettagli

L. 19 febbraio 2004, n. 40 (1). Norme in materia di procreazione medicalmente assistita (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 24 febbraio 2004, n. 45.

L. 19 febbraio 2004, n. 40 (1). Norme in materia di procreazione medicalmente assistita (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 24 febbraio 2004, n. 45. L. 19-2-2004 n. 40 Norme in materia di procreazione medicalmente assistita. Pubblicata nella Gazz. Uff. 24 febbraio 2004, n. 45. L. 19 febbraio 2004, n. 40 (1). Norme in materia di procreazione medicalmente

Dettagli

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo p.c. Al dott. Daniele Belotti Assessore Territorio e Urbanistica Regione Lombardia Via Sassetti 32 20124 Milano Ministero dell economia e delle

Dettagli

TRIBUNALE DI BOLOGNA SEZIONE I

TRIBUNALE DI BOLOGNA SEZIONE I TRIBUNALE DI BOLOGNA SEZIONE I Il Giudice, nel procedimento a seguito di ricorso ex art. 700 c.p.c. depositato l 1 luglio 2008 e di cui al n. 11489/2008, rileva: B.G. e B.B. hanno esposto: di essere coniugati

Dettagli

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita.

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. PILLOLE DI GIURISPRUDENZA Colaci.it Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. Sentenza n.1740 del

Dettagli

ASPETTI GIURIDICI DELLA PROCREAZIONE ASSISTITA

ASPETTI GIURIDICI DELLA PROCREAZIONE ASSISTITA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTÀ DI ECONOMIA PUBBLICAZIONI DELL'ISTITUTO GIURIDICO 14 GIANDOMENICO MILAN ASPETTI GIURIDICI DELLA PROCREAZIONE ASSISTITA CEDAM CASA EDITRICE DOTT. ANTONIO MILANI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA LOMBARDIA/730/2009/REG REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Antonio Caruso dott. Giuliano Sala dott. Giancarlo Penco dott.

Dettagli

Diritto alla residenza per gli occupanti un alloggio senza titolo e per le persone senza fissa dimora

Diritto alla residenza per gli occupanti un alloggio senza titolo e per le persone senza fissa dimora Diritto alla residenza per gli occupanti un alloggio senza titolo e per le persone senza fissa dimora 1. Il punto di partenza indiscutibile è quello, sottolineato più volte da tutti, che l iscrizione anagrafica

Dettagli

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004 Svolgimento del processo Su domanda proposta da M. P., titolare di pensione di invalidità dal 1977, il Tribunale di Alessandria

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 725 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori RIPAMONTI, PALERMI, SILVESTRI e TIBALDI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 GIUGNO 2006 Modifiche alla legge 19 febbraio

Dettagli

Interrogazione a risposta scritta. presentata dagli Onorevoli. LOCATELLI, DI LELLO, DI GIOIA, Claudio FAVA, PASTORELLI

Interrogazione a risposta scritta. presentata dagli Onorevoli. LOCATELLI, DI LELLO, DI GIOIA, Claudio FAVA, PASTORELLI Interrogazione a risposta scritta presentata dagli Onorevoli LOCATELLI, DI LELLO, DI GIOIA, Claudio FAVA, PASTORELLI Alla Ministra della Salute Per sapere premesso che: - Il 9 aprile 2014, con sentenza

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE. Capitolo 1 LA FILIAZIONE NOTE INTRODUTTIVE. di GILDA FERRANDO

INDICE INTRODUZIONE. Capitolo 1 LA FILIAZIONE NOTE INTRODUTTIVE. di GILDA FERRANDO INDICE XV Aggiornamento. Disegno di legge delega sullo status giuridico dei figli INTRODUZIONE Capitolo 1 LA FILIAZIONE NOTE INTRODUTTIVE di GILDA FERRANDO 3 1. Le linee evolutive 7 2. I diritti del bambino

Dettagli

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni.

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. QUADRO NORMATIVO ( Stralcio in Allegato n.1): L art. 23 della L.62/2005 (Comunitaria 2004) ha

Dettagli

La revoca del licenziamento

La revoca del licenziamento La revoca del licenziamento di Irene Corso L art. 5 del d.lgs. n. 23/2015 disciplina gli effetti della revoca disposta dal datore di lavoro rispetto ad un licenziamento cui, se illegittimo, troverebbero

Dettagli

RISOLUZIONE N. 107/E

RISOLUZIONE N. 107/E RISOLUZIONE N. 107/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 dicembre 2014 OGGETTO: Imposte sui redditi - Oneri deducibili - Contributi assistenziali versati al Fondo - Art. 10, comma 1, lettera e-ter) e

Dettagli

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Una delle questioni che la lettura e l interpretazione delle regole contenute nel nuovo

Dettagli

SEDE PROVINCIALE DI AVELLINO TEL. : 0825.782682 FAX: 082525024 VIA TAGLIAMENTO N. 91

SEDE PROVINCIALE DI AVELLINO TEL. : 0825.782682 FAX: 082525024 VIA TAGLIAMENTO N. 91 Spett. Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Direzione Servizi Postali Ufficio analisi monitoraggio dei mercati postali c.a. Responsabile del procedimento Annalisa Papa agcom@cert.agcom.it a.papa@agcom.it

Dettagli

Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia, ai sensi della L.R. n. 13/1994.

Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia, ai sensi della L.R. n. 13/1994. 4941 Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia, ai sensi della L.R. n. 13/1994. Il Segretario della Giunta Dott.ssa Antonella Bisceglia Il Presidente

Dettagli

11. Il disconoscimento della paternità (art. 243-bis)

11. Il disconoscimento della paternità (art. 243-bis) Capitolo III I figli nati nel matrimonio 39 11. Il disconoscimento della paternità (art. 243-bis) In attuazione di quanto richiesto dalla legge delega il decreto incide profondamente in materia di azione

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Procreazione assistita eterologa

Procreazione assistita eterologa 01_CIV Procreazione_Bilotti_2imp:Layout 1 01/12/2014 15.01 Pagina 13 DIRITTO CIVILE PERSONE E FAMIGLIA Filiazione, adozione e matrimonio Procreazione assistita eterologa di Emanuele Bilotti Con l abrogazione

Dettagli

Legge 40/2004 sulla Fecondazione Assistita

Legge 40/2004 sulla Fecondazione Assistita Legge 40/2004 sulla Fecondazione Assistita Sandra Santucci Medico Genetista Dipartimento di Cure Primarie Azienda Usl Modena Embrioni crioconservati Presente e futuro Modena 11 maggio 20013 Nel febbraio

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati:

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: dott. Antonio Cumin, presidente dott. Giovanni Frangipane,

Dettagli

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3 A cura di CARLO DI CATALDO Sull esclusione dell impresa che non indica i costi per la sicurezza MASSIMA Nelle procedure di affidamento

Dettagli

Tecniche avanzate di PMA

Tecniche avanzate di PMA Procreazione medicalmente assistita e legge 40/04 Tecniche avanzate di PMA FIVET fecondazione in vitro ed embrio-transfer ICSI intra-citoplasmatic sperm injection GIFT gamete intra-fallopian transfer ZIFT

Dettagli

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO?

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? regolazione SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? Raffaele Lener * Gli strumenti finanziari di tipo partecipativo, che il diritto societario ha consentito

Dettagli

TRIBUNALE DI PISTOIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Pistoia, sezione lavoro, in persona del dott. Giuseppe De Marzo,

TRIBUNALE DI PISTOIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Pistoia, sezione lavoro, in persona del dott. Giuseppe De Marzo, TRIBUNALE DI PISTOIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Pistoia, sezione lavoro, in persona del dott. Giuseppe De Marzo, ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati Roma, 15 febbraio 2013 Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità di intraprendere azioni legali in merito alle trattenute operate sull indennità giudiziaria in caso

Dettagli

RISOLUZIONE N. 234/E

RISOLUZIONE N. 234/E RISOLUZIONE N. 234/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 24 agosto 2009 provinciali OGGETTO:Istanza di interpello - trasmissione delazione ereditaria obbligo di presentazione della dichiarazione

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it OSSERVATORIO SUL DIRITTO DELL AMBIENTE AGGIORNATO AL 31 GENNAIO 2013 ANGELA OZZI BELLEZZE NATURALI

www.ildirittoamministrativo.it OSSERVATORIO SUL DIRITTO DELL AMBIENTE AGGIORNATO AL 31 GENNAIO 2013 ANGELA OZZI BELLEZZE NATURALI OSSERVATORIO SUL DIRITTO DELL AMBIENTE AGGIORNATO AL 31 GENNAIO 2013 ANGELA OZZI BELLEZZE NATURALI T.A.R. Campania Salerno, 28 gennaio 2013, n. 235 Il mutato senso estetico consente oggi di considerare

Dettagli

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale)

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) CAMERA DEI DEPUTATI XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) 27 novembre 2013 AUDIZIONI ABI 2013 AUDIZIONI ABI - 2013 Le proposte

Dettagli

Corte Cost., ordinanza 19 luglio 2012 n. 196 (Pres. Quaranta, est. Morelli)

Corte Cost., ordinanza 19 luglio 2012 n. 196 (Pres. Quaranta, est. Morelli) Persone Fisiche e Soggetti ART. 4 DELLA LEGGE 22/05/1978, N. 194 - ABORTO E INTERRUZIONE VOLONTARIA DELLA GRAVIDANZA - INTERRUZIONE DELLA GRAVIDANZA NEI PRIMI NOVANTA GIORNI DAL CONCEPIMENTO - FACOLTÀ

Dettagli

CAPITOLO I GLI STATUS PERSONAE E FAMILIAE NELLA GIURISPRUDENZA DELLE CORTI SOVRANAZIONALI

CAPITOLO I GLI STATUS PERSONAE E FAMILIAE NELLA GIURISPRUDENZA DELLE CORTI SOVRANAZIONALI INDICE - SOMMARIO Presentazione di PIETRO PERLINGIERI 3 CAPITOLO I GLI STATUS PERSONAE E FAMILIAE NELLA GIURISPRUDENZA DELLE CORTI SOVRANAZIONALI Gli status personae e familiae nella giurisprudenza delle

Dettagli

INDICE-SOMMARIO PARTE I LA PROCREAZIONE CAPITOLO I LA TUTELA DELLE ORIGINI DELLA VITA

INDICE-SOMMARIO PARTE I LA PROCREAZIONE CAPITOLO I LA TUTELA DELLE ORIGINI DELLA VITA Premessa alla seconda edizione............................. IX PARTE I LA PROCREAZIONE CAPITOLO I LA TUTELA DELLE ORIGINI DELLA VITA I temi del dibattito contemporaneo 1. Il dibattito contemporaneo sull

Dettagli

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas Deliberazione 30 ottobre 2009 - GOP 46/09 Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

Parere Aut. vig. sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 20/4/2008 n. 92

Parere Aut. vig. sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 20/4/2008 n. 92 Parere Aut. vig. sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 20/4/2008 n. 92 Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n), del decreto legislativo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA)

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2514-A DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA) E DAL MINISTRO

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA DEL 25 GIUGNO 2009 Quesiti nn. 122 e 133 dei COA di Vicenza e Piacenza, rel. cons. Bianchi Con riferimento alla sentenza della Corte di Giustizia delle Comunità Europee nella

Dettagli

Spunti interpretativi e note operative in merito alla separazione e al divorzio consensuali avanti all Ufficiale di stato civile.

Spunti interpretativi e note operative in merito alla separazione e al divorzio consensuali avanti all Ufficiale di stato civile. ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 18/02/2015 All'indirizzo http://xn--responsabilit-1db.medica.diritto.it/docs/36858-spunti-interpretativi-enote-operative-in-merito-alla-separazione-e-al-divorzio-consensuali-avanti-all-ufficiale-distato-civile

Dettagli

ORDINANZA N. 347 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Piero Alberto CAPOTOSTI

ORDINANZA N. 347 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Piero Alberto CAPOTOSTI ORDINANZA N. 347 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Piero Alberto CAPOTOSTI Presidente Guido NEPPI MODONA Giudice Annibale MARINI "

Dettagli

CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI

CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI SOMMARIO: 1. I soggetti religiosi. Premessa 2. Le persone fisiche 3. Gli enti religiosi (rinvio) 4. Le confessioni religiose *** 1. I SOGGETTI RELIGIOSI. PREMESSA I soggetti

Dettagli