Test n. 3 Le operazioni delle banche e la trasparenza bancaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Test n. 3 Le operazioni delle banche e la trasparenza bancaria"

Transcript

1 Test n. 3 Le operazioni delle banche e la trasparenza bancaria 1) Una delle più importanti operazioni passive della banca è il deposito bancario. In particolare nel deposito ordinario la banca: rilascia un libretto nominativo rilascia un libretto che può essere sia nominativo che al portatore rilascia una lettera di accreditamento rilascia una lettera di conferma 2) Quale di queste affermazioni non riguarda il libretto nominativo? deve contenere l indicazione del depositante la nominatività rappresenta la copertura in caso di furto o smarrimento del libretto perché non è consentito a persona diversa dal titolare di prelevare la somma il possessore deve dimostrare la propria identità può essere intestato solo a persona fisica 3) Quale di queste non è una caratteristica del deposito bancario? è un contratto reale depositario può essere solo una banca oggetto del deposito possono essere denaro ed altri beni fungibili è un deposito irregolare 4) I depositi bancari in lire sono stati automaticamente convertiti in euro: dal 1 luglio 2002 dal 1 gennaio 1999 dal 1 gennaio 2002 su richiesta del correntista dal 1 gennaio ) Quando colui che stipula un contratto di deposito bancario, lo intesta ad un altro soggetto, il deposito si definisce: deposito in nome altrui deposito in favore di terzi deposito per conto altrui deposito vincolato

2 292 Parte II: Questionari di cultura tecnico-giuridica 6) Se l apertura di credito è a tempo indeterminato, il recesso delle parti può avvenire: senza preavviso senza preavviso solo se stabilito dal contratto con preavviso nel termine stabilito dal contratto o dagli usi o, in mancanza, nel termine di 15 giorni con preavviso di 15 giorni 7) Se in un apertura di credito interviene un terzo che presta una fidejussione a favore della banca, questi: è tenuto, di regola, a pagare immediatamente quanto dovuto alla banca su semplice richiesta scritta di quest ultima è tenuto, di regola, ad adempiere all obbligazione solo in via sussidiaria può recedere dalla garanzia prestata a condizione che ne dia comunicazione al soggetto garantito (cliente della banca) non ha diritto all azione di regresso finché la banca non sia stata completamente soddisfatta 8) In un apertura di credito, la banca può concedere credito illimitato ad uno stesso soggetto? sì sempre no mai sì, ma solo se l apertura è allo scoperto sì, su autorizzazione dell autorità di vigilanza 9) Colui che abbia ottenuto una apertura di credito da parte di una banca, è obbligato: a comunicarlo alle autorità di vigilanza a comunicarlo all amministrazione finanziaria a pagare gli interessi sulle somme prelevate a stipulare una polizza assicurativa 10) È definito credito al consumo: il finanziamento di una attività commerciale o professionale la concessione, nell esercizio di un attività commerciale o professionale, di fidejussioni a favore dei consumatori la concessione, nell esercizio di un attività commerciale o professionale, di credito sotto forma di dilazione di pagamento, di finanziamento o di altra analoga facilitazione finanziaria a favore dei consumatori la concessione di credito sotto forma di dilazione di pagamento, di finanziamento o di altra analoga facilitazione finanziaria a favore di coloro che agiscono per scopi imprenditoriali o professionali

3 Test n. 3: Le operazioni delle banche e la trasparenza bancaria ) Nel conto corrente bancario: il credito risultante dal conto è indisponibile fino alla chiusura del conto le partite iscritte nel conto si compensano gradualmente, via via che sono inserite nel conto le rimesse dei correntisti sono reciproche i correntisti devono prestare un idonea garanzia 12) Un conto corrente può essere intestato anche a più persone? no, mai sì no, salvo che gli intestatari non decidano di operare congiuntamente sì, ma fino ad un massimo di due 13) In mancanza di opposizione scritta da parte del cliente gli estratti conti si intendono approvati: trascorsi 60 giorni dal ricevimento trascorsi 30 giorni dal ricevimento trascorsi 60 giorni dall invio trascorsi 45 giorni dall invio 14) Nel contratto di conto corrente bancario, producono interessi: le somme accreditate le somme addebitate le somme accreditate e addebitate non vi è alcuna produzione di interesse 15) Nei contratti di conto corrente bancario, il tasso di interesse praticato: deve essere espressamente indicato nel contratto può essere dedotto dal rinvio agli usi può essere indicato facendo rinvio alla normativa vigente deve essere indicato espressamente nel contratto solo se superiore a quello legale 16) Nel contratto di conto corrente bancario, la periodicità del calcolo dell interesse: è diversa a seconda che si tratti di interessi debitori o creditori se diversa tra interessi debitori o creditori deve essere approvata specificamente dal cliente

4 294 Parte II: Questionari di cultura tecnico-giuridica deve essere la stessa sia per gli interessi creditori che per quelli debitori non è previsto un calcolo periodico, a meno che non sia richiesto espressamente dal cliente 17) È consentita l anticipazione bancaria cd. allo scoperto? sì, sempre sì, ma solo entro determinati importi sì, salvo patto contrario no 18) Quanti tipi di anticipazione bancaria si conoscono? uno due tre quattro 19) Con l anticipazione bancaria la banca concede al cliente, su pegno di titoli o di merci, una somma proporzionata al valore dell oggetto della garanzia. Il contraente, tuttavia, può, prima della scadenza, ritirare in parte i titoli o le merci dati in pegno se: rimborsa almeno il 50% delle somme anticipate rimborsa almeno il 20% delle somme anticipate rimborsa le somme anticipate proporzionalmente al valore del pegno ritirato rimborsa l intera somma anticipata 20) Nell anticipazione bancaria, non possono essere oggetto di garanzia: titoli di Stato quadri d autore contratti derivati da tassi d interesse polizze di carico 21) Nel contratto di anticipazione bancaria la banca può chiedere una garanzia supplementare se il valore della garanzia inizialmente prestata dal cliente: diminuisce di almeno il 10% diminuisce di almeno il 25% diminuisce di almeno il 30% diminuisce di almeno il 40%

5 Test n. 3: Le operazioni delle banche e la trasparenza bancaria ) Nell anticipazione bancaria, la garanzia può essere offerta anche da un terzo? sì no, in nessun caso no, salvo autorizzazione dell autorità di vigilanza no, salvo patto contrario 23) Nello sconto di tratta documentata: non è necessaria l indicazione della scadenza non è necessaria l indicazione del luogo di pagamento può essere limitato il diritto del portatore mediante l apposizione di clausole non è necessaria la doppia firma 24) Quale fra le seguenti non è una caratteristica dello sconto bancario? scadenza del titolo a lungo termine (un anno) deduzione anticipata dell interesse possibilità di utilizzo dell importo di un credito non ancora esigibile pagamento diuna provvigione alla banca 25) Con lo sconto bancario lo scontatario può utilizzare immediatamente l importo di un suo credito non ancora esigibile. La banca a sua volta qualora il debitore non paghi alla scadenza: deve ricorrere ad un azione giudiziaria nei suoi confronti perde l importo erogato in precedenza allo scontatario deve presentare il credito al risconto presso un altra banca può agire nei confronti dello scontatario per ottenere la restituzione della somma anticipata 26) Quali di queste affermazioni è falsa. Il mutuo è: un contratto traslativo un contratto reale un contratto sinallagmatico un contratto consensuale 27) Chi ha promesso di dare a mutuo può rifiutarsi di adempiere alla propria obbligazione? no, mai sì, in ogni caso sì, qualora non gli siano offerte idonee garanzie no, trattandosi di una promessa vincolante

6 296 Parte II: Questionari di cultura tecnico-giuridica 28) Nel contratto di mutuo, il mancato pagamento degli interessi: 29) Cos è il TAEG? comporta la risoluzione del contratto comporta la messa in mora del mutuatario comporta l inefficacia del contratto comporta la nullità del contratto il tasso d interesse annuo dei BTP il tasso d interesse annuo al netto dell inflazione il tasso d interesse che le banche devono corrispondere annualmente ai depositanti in conformità del contratto con essi concluso il costo totale del credito per il consumatore espresso in percentuale annua del credito concesso e comprensivo degli interessi e degli oneri da sostenere per utilizzarlo 30) Nell ipotesi in cui un cliente voglia affidare il proprio servizio di cassa ad una banca al fine di semplificare i propri rapporti finanziari deve: aprire un deposito a risparmio libero aprire un conto corrente di corrispondenza ricorrere ad un apertura di credito aprire un conto-fondo 31) Se un soggetto vuole ottenere un finanziamento a breve termine senza però privarsi definitivamente dei propri titoli deve ricorrere ad: un anticipazione bancaria un operazione di riporto un operazione di swap un apertura di credito 32) Quale denominazione assume il contratto con cui la banca si impegna per conto del compratore a tenere a disposizione del venditore, direttamente o mediante altra banca che abbia una sede sulla piazza del venditore, una somma di denaro utilizzabile dal venditore dietro presentazione di documenti? credito reversibile sconto di tratte documentate credito al consumo credito documentario 33) Possono essere oggetto del contratto bancario di deposito a semplice custodia: titoli ed altri valori mobiliari titoli di credito, valori e altri beni mobili

7 Test n. 3: Le operazioni delle banche e la trasparenza bancaria 297 beni preziosi beni ipotecati 34) Possono costituire oggetto del contratto bancario di deposito in amministrazione: titoli di massa o in serie strumenti finanziari derivati oggetti d arte per i quali esista un apposito mercato polizze assicurative, caso vita, dei clienti 35) Il contratto bancario di locazione di cassette di sicurezza deve essere redatto per iscritto? sì, sempre se il prezzo unitario per il servizio eccede un importo massimo no, salvo diversa volontà delle parti no, mai 36) Qual è lo scopo perseguito dalla normativa sulla trasparenza bancaria? rendere più chiari i rapporti tra la banca e l amministrazione finanziaria disciplinare i flussi informativi tra le banche e l organo di controllo (Banca d Italia) fornire al cliente maggiori informazioni sulle condizioni contrattuali e sulle operazioni finanziarie proposte fornire al cliente maggiori informazioni circa l utilizzo da parte della banca dei risparmi depositati 37) Le disposizioni del T.U. bancario, e relativa normativa regolamentare, in materia di trasparenza si applicano di regola: a tutte le operazioni e a tutti i servizi di natura bancaria e finanziaria offerti dalle banche a tutte le operazioni e a tutti i servizi di natura bancaria e finanziaria offerti dalle banche, escluso il credito al consumo esclusivamente alle operazioni e ai servizi di natura bancaria e finanziaria delle banche offerti fuori sede esclusivamente alle operazioni e ai servizi di natura bancaria e finanziaria delle banche offerti mediante tecniche di comunicazione a distanza

8 298 Parte II: Questionari di cultura tecnico-giuridica 38) L art. 116 del T. U. bancario stabilisce che «in ciascun locale aperto al pubblico sono pubblicizzati i tassi di interesse, i prezzi, le spese per le comunicazioni alla clientela e ogni altra condizione economica relativa alle operazioni e ai servizi offerti». Con quale mezzo può essere adempiuto tale obbligo di pubblicità? con gli avvisi e i fogli informativi con i fogli analitici con prospetti informativi con estratti conto 39) Ai fini della trasparenza e della chiarezza quale struttura devono avere i fogli informativi affissi presso le sedi delle banche? scalare confrontabile nelle varie parti divisa in sezioni a libro 40) Ai fini dell adempimento dell obbligo di pubblicità di cui all art. 116 del T.U. bancario, relativamente ai fogli informativi, è sufficiente la loro affissione nei locali della banca? sì, sempre sì, salvo che si riferiscano a servizi d investimento sì, salvo che si riferiscano a prodotti complessi o titoli strutturati sì, salvo diversa prescrizione dell organo di vigilanza 41) È legittimo per le banche pubblicizzare mediante annunci le operazioni ed i servizi svolti? sì, se sono in possesso di apposita autorizzazione dell organo di vigilanza sì, se sono rispettati i criteri generali di redazione degli annunci sì, senza alcun tipo di limite formale no, mai 42) Per i contratti di mutuo, anticipazione bancaria e per altri tipi di finanziamento, è necessario che il contratto sia: sottoscritto in presenza di notaio corredato di un documento di sintesi che riporti il TAEG corredato di un documento di sintesi che riporti l ISC integrato dal prospetto informativo 43) In caso di violazione della forma scritta dei contratti bancari, si ha: nullità assoluta del contratto nullità relativa del contratto

9 Test n. 3: Le operazioni delle banche e la trasparenza bancaria 299 annullabilità del contratto irregolarità amministrativa del contratto 44) La banca ha facoltà di variare, anche in senso sfavorevole, le condizioni contrattuali praticate al cliente? no in nessun caso solo se vi sia espressa autorizzazione del cliente, rilasciata di volta in volta solo se sia espressamente previsto dal contratto e la relativa clausola sia stata approvata dal cliente sì sempre 45) L art. 119 T.U. bancario fa obbligo alle banche, relativamente ai contratti di durata, di inviare alla clientela comunicazioni periodiche idonee a fornire informazioni sull andamento del rapporto e sulle condizioni in vigore. Qual è la periodicità di tali comunicazioni per il contratto di conto corrente? una volta all anno ogni tre mesi ogni sei mesi una volta all anno o, a scelta del cliente, con periodicità semestrale, trimestrale o mensile 46) Quale delle seguenti espressioni rappresenta una tipologia di clausola vessatoria espressamente prevista dal T.U.B.? le clausole che dispongono limitazioni di responsabilità le clausole che prevedono l uguaglianza di trattamento delle parti le clausole che stabiliscono tassi, prezzi o altri oneri in misura maggiore di quelli pubblicizzati le clausole compromissorie o deroghe all autorità giudiziaria 47) Secondo il disposto dell art. 38 del T.U.B., che ha unificato la disciplina del credito fondiario e del credito edilizio, si definisce credito fondiario: la concessione da parte delle banche di finanziamenti a medio lungo termine garantiti da ipoteca di primo grado su immobili la concessione a favore di soggetti pubblici o privati di finanziamenti destinati alla realizzazione di opere pubbliche la concessione di finanziamenti destinati alle attività agricole e zootecniche nonché a quelle ad esse connesse o collaterali la concessione di finanziamenti destinati alle attività di pesca e acquacoltura, nonché a quelle ad esse connesse o collaterali

10 1) Risposta esatta: c (punti 1) Risposte al test n. 3 I depositi a risparmio a seconda della forma si distinguono in: depositi ordinari che si costituiscono mediante il rilascio di una lettera di accreditamento o di una ricevuta di cassa che va restituita all atto del rimborso; depositi a risparmio che si costituiscono mediante il rilascio di un libretto che può essere nominativo, al portatore, nominativo pagabile al portatore o al portatore con l indicazione del nome; depositi in conto corrente che si costituiscono mediante rilascio di un libretto su cui vengono però annotate soltanto le operazioni di versamento effettuate dal cliente. 2) Risposta esatta: d (punti 2) La documentazione dei depositi bancari è affidata ad una serie di titoli. I depositi ordinari sono documentati da titoli, quali ricevute o lettere di accreditamento o da buoni fruttiferi o certificati di deposito. Nei contratti di deposito a risparmio, al momento della costituzione del rapporto, la banca rilascia un libretto: esso costituisce la prova del contratto, e dev essere presentato ad ogni operazione che il depositante intenda compiere. Su di esso vanno annotate tutte le operazioni compiute: le annotazioni contenute nel libretto, firmate dall impiegato della banca che appare addetto al servizio, fanno piena prova nei rapporti tra banca e depositante. Il libretto può essere: nominativo, quando contiene l indicazione del depositante: in tal caso, la presentazione del libretto non è sufficiente per ottenere il rimborso delle somme depositate, poiché il possessore deve dimostrare la propria identità con l intestatario del libretto; e la banca è liberata solo se paga all intestatario del libretto, debitamente identificato; Esso può essere intestato non solo ad una persona fisica, ma anche giuridica e soltanto chi ne è titolare (o provvisto di apposita procura speciale) può compiere le operazioni di prelievo; nominativo pagabile al portatore, quando contiene l indicazione del depositante, ma il pagamento può essere effettuato al portatore: la clausola «pagabile al portatore» ha la funzione di agevolare le operazioni relative ai libretti nominativi, esonerando dalla responsabilità la banca che paga al portatore; al portatore, quando non contiene l indicazione del depositante: in tal caso, il possesso del libretto attribuisce la legittimazione ad ottenere il rimborso delle somme depositate, e la banca che senza dolo o colpa grave adempie la prestazione nei confronti del possessore è liberata, anche se questi non è il depositante (art. 1836, c.c.). Per finalità di antiriciclaggio, è stabilito che il saldo dei libretti di deposito bancario non può essere superiore a euro (art. 1, co. 2bis, D.L. 143/91 conv. con L. 197/91, sostituito dal D.Lgs. 56/2004); al portatore con l intestazione di un nome, quando il libretto, pur essendo pagabile al portatore, contiene l intestazione ad una persona o l apposizione di un contrassegno: l intestazione ha il solo scopo di consentire l individuazione del libretto, che non si differenzia da quello al portatore. 3) Risposta esatta: c (punti 1) In base all art del codice civile il deposito bancario è il contratto con il quale un soggetto deposita una somma di denaro presso una banca, che ne acquista la proprietà,

11 Risposte al test n restando obbligata a restituirla nella stessa specie monetaria alla scadenza del termine o a richiesta del depositante, e salva l osservanza del periodo di preavviso, se pattuito. 4) Risposta esatta: d (punti 2) Fino al 31 dicembre 2001 i depositi bancari sono stati espressi in lire, salvo diversa esplicita disposizione del correntista. Dal 1 gennaio 2002, però, tutti i conti correnti sono stati automaticamente, e senza costi, convertiti in euro. 5) Risposta esatta: a (punti 1) Il deposito in nome e per conto altrui è distinto in: deposito in nome altrui: si ha quando lo stipulante intesta il deposito ad un altro soggetto; in tal caso si presume, fino a prova contraria, che lo stipulante agisca come mandatario dell intestatario, il quale assume la veste di depositante; deposito a favore di terzi: si ha quando lo stipulante conclude il contratto a proprio nome, ma a favore di altri, o, trattandosi di deposito nominativo, intesta il deposito ad altri, ma con annotazione del nome dello stipulante; in tal caso si ritiene applicabile la disciplina del contratto a favore di terzi (art c.c.); deposito per conto altrui: si ha quando il deposito è fatto dal rappresentante legale di un terzo, o da persona investita di un ufficio (ad esempio, il curatore d un fallimento); in tal caso, lo stipulante può disporre delle somme depositate solo provando la propria qualifica ed il possesso delle autorizzazioni necessarie. 6) Risposta esatta: c (punti 3) L apertura di credito (o fido o affidamento) è il contratto col quale la banca si obbliga a tenere a disposizione dell altra parte una somma di denaro per un dato periodo di tempo o a tempo indeterminato (art c.c.). Si tratta della più diffusa operazione di credito a breve termine: essa ha la funzione di creare una disponibilità a favore dell accreditato, mettendo a sua disposizione una somma che, pur rimanendo nelle casse della banca, egli può utilizzare anche parzialmente e ripetutamente, con l obbligo di restituirla alla scadenza del contratto o negli altri casi di cessazione del rapporto. L art c.c. stabilisce che, salvo patto contrario, la banca non può recedere dal contratto prima della scadenza del termine se non per giusta causa. Tuttavia, se l apertura di credito è a tempo indeterminato, ciascuna delle parti può recedere dal contratto, mediante preavviso, nel termine stabilito dal contratto, dagli usi o, in mancanza, in quello di 15 giorni. 7) Risposta esatta: b (punti 2) L apertura di credito può essere garantita da fidejussione prestata da terza persona a favore della banca. La prestazione della garanzia fidejussoria presenta il carattere della sussidiarietà e accessorietà rispetto all obbligazione principale: di conseguenza, se non è diversamente convenuto, il garante o fidejussore, è tenuto a pagare solo dopo che vi sia stata infruttuosa escussione del debitore principale (art c.c.). Tuttavia, in deroga alle disposizioni del codice civile, è possibile apporre delle clausole che devono in ogni caso essere approvate dal garante. Tra le altre vi sono quelle in base alle quali il fidejussore è tenuto a pagare quanto dovuto alla banca su richiesta di quest ultima; può recedere dalla garanzia prestata a condizione che ne dia comunicazione alla banca; può rinunziare al regresso finché la banca non sia stata completamente soddisfatta.

12 302 8) Risposta esatta: b (punti 2) Parte II: Questionari di cultura tecnico-giuridica L ammontare del credito che ciascun cliente può ottenere dalla banca è limitato (cd. limite di fido), ed è fissato dall organo di vigilanza. Le banche sono solite indicare il limite massimo del credito che ritengono di poter concedere a ciascun cliente (cd. castelletto) in un apposito libro. L ammontare del credito concesso a ciascun cliente, nonché gli impegni assunti da questo come girante, avallante o garante, sono annotati in un altro libro, il cd. libro dei rischi. 9) Risposta esatta: c (punti 1) La banca che concede credito generalmente ne dà notizia all accreditato con la cd. lettera di accreditamento, in cui sono indicate le condizioni alle quali è concesso il credito. Al diritto dell accreditato di utilizzare il credito fanno riscontro le seguenti obbligazioni a suo carico: pagamento della provvigione di conto (spesso prevista solo per il caso di mancata utilizzazione del credito, o per il caso in cui gli interessi non raggiungano una determinata cifra); pagamento di una commissione speciale quando il credito è concesso per operazioni di carattere fortemente speculativo; pagamento delle commissioni relative alle operazioni compiute in esecuzione del rapporto; obbligo di corrispondere gli interessi sulle somme prelevate. Il tasso d interesse, salvo patto diverso, viene determinato con riferimento alle condizioni praticate dalle banche sulla piazza. L utilizzazione del credito determina anche l obbligo dell accreditato di restituire le somme utilizzate: nell apertura di credito semplice, tale restituzione determina l estinzione del rapporto, anche se ha luogo prima della scadenza del termine per l utilizzazione del credito; nell apertura di credito in conto corrente, invece, i versamenti dell accreditato sul conto hanno l effetto di ricostituire la disponibilità: il diritto della banca alla restituzione sorge quindi solo alla fine del rapporto. 10) Risposta esatta: c (punti 1) Il credito al consumo è definito dall art. 121 del T.U.B. come «la concessione, nell esercizio di un attività commerciale o professionale, di credito sotto forma di dilazione di pagamento o di finanziamento o di altra analoga facilitazione finanziaria a favore di una persona fisica che agisce per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale eventualmente svolta (consumatore)». Il prestito deve essere di importo compreso entro determinati limiti stabiliti dal CICR e deve prevedere un rimborso rateale. Le caratteristiche peculiari del credito al consumo riguardano sia la natura dei beni finanziati, e cioè beni di consumo, di natura durevole e non (automobili, servizi sanitari etc.), sia la tipologia del soggetto che richiede il credito, cioè il «consumatore» individuato come contraente debole. Le disposizioni del T.U.B. in materia di credito al consumo sono state, di recente, richiamate dal D.Lgs , n. 206 (Codice dei consumatori) che nella specifica materia, dopo aver rinviato alle suddette disposizioni, si limita a stabilire (art. 42) che «nei casi di inadempimento del fornitore di beni e servizi, il consumatore che abbia effettuato inutilmente la costituzione in mora ha diritto di agire contro il finanziatore nei limiti del credito concesso, a condizione che vi sia un accordo che attribuisce al finanziatore l esclusiva per la concessione di credito ai clienti del fornitore». 11) Risposta esatta: b (punti 2) Il conto corrente bancario è il contratto con il quale la banca assume l incarico di compiere pagamenti o riscossioni di somme per conto del cliente e dietro suo ordine, diretto o indiretto.

13 Risposte al test n Nel conto corrente bancario, differentemente dal conto corrente ordinario: manca la reciprocità delle rimesse: i pagamenti sono effettuati dalla banca a titolo di restituzione di somme depositate dal correntista, o di adempimento di una concessione di credito; le partite iscritte nel conto perdono la loro individualità, e si compensano gradualmente, via via che sono inserite nel conto; il credito risultante dal conto è disponibile in qualsiasi momento, sulla base del saldo giornaliero. 12) Risposta esatta: b (punti 2) Il conto corrente, pur non essendo un contratto formale, si perfeziona solitamente con la sottoscrizione da parte del cliente di moduli prestampati predisposti dalla banca. Titolare del conto è la persona, la ditta o la società cui è intestato il conto: all atto della costituzione, il titolare deve depositare la propria firma e quella delle persone che lo rappresentano, per consentire alla banca di accertare l autenticità degli ordini scritti impartiti sul conto. Il conto può essere intestato anche a più persone: in mancanza d indicazioni, gli intestatari debbono operare congiuntamente: gli ordini e gli assegni devono quindi essere firmati da tutti; affinché gli intestatari possano operare disgiuntamente, occorre un patto espresso: in tal caso, la banca che esegue gli ordini di un intestatario è liberata nei confronti di tutti e gli intestatari sono considerati creditori e debitori in solido dei saldi del conto (art c.c.). 13) Risposta esatta: a (punti 1) Nel contratto di conto corrente l obbligo di comunicazione periodica alla clientela, disciplinato in via generale per tutti i contratti di durata conclusi dalle banche dalla delib. CICR e dalle istruzioni di vigilanza della Banca d Italia (9 aggiornamento alla circ. 229/ 99), è adempiuto mediante invio o consegna di un rendiconto, denominato estratto conto. Esso deve indicare tutte le movimentazioni, le somme a qualsiasi titolo addebitate o accreditate, il saldo debitore o creditore etc. Devono essere indicate, inoltre, le modalità di calcolo degli interessi. L art. 119 del T.U.B. prevede che per i rapporti regolati in conto corrente l estratto conto è inviato al cliente con periodicità annuale o, a scelta del cliente, con periodicità semestrale, trimestrale o mensile. Il correntista ha un termine di 60 giorni dal ricevimento dell estratto conto per contestare il conto; il silenzio vale come approvazione. 14) Risposta esatta: c (punti 1) Le somme accreditate ed addebitate sul conto corrente bancario sono produttive d interessi. Per la produzione d interessi ad un tasso superiore a quello legale occorre, a norma dell art c.c., un apposito patto da stipularsi a pena di nullità in forma scritta: tale patto non può essere sostituito nè da avvisi affissi nei locali aperti al pubblico delle singole aziende, nè dalle indicazioni eventualmente risultanti dalle deliberazioni del CICR. 15) Risposta esatta: a (punti 2) Le regole generali degli artt. 115 e ss. del T.U.B. stabiliscono che: le banche hanno l obbligo di rendere pubblici i tassi d interesse praticati, indicando il tasso massimo per le operazioni attive ed il tasso minimo per le passive (tale obbligo non può essere soddisfatto mediante il rinvio agli usi) (art. 116 T.U.B.); le parti devono indicare nei contratti il tasso d interesse praticato, compreso quello di mora: e l eventuale possibilità di variarlo in senso sfavorevole al cliente dev essere espressamente indicata con una clausola specificamente approvata a norma dell art. 1341, co. 2, c.c., mentre le clausole di rinvio agli usi sono nulle e si considerano non apposte (art. 117 T.U.B.);

14 304 Parte II: Questionari di cultura tecnico-giuridica nell ipotesi di nullità o in mancanza di specifiche indicazioni, alle operazioni attive e passive si applicano rispettivamente il tasso nominale minimo e quello massimo dei BOT annuali o di altri titoli similari, emessi nei dodici mesi precedenti alla conclusione del contratto (art. 117 T.U.B.); nel corso del rapporto i tassi d interesse possono essere variati in senso sfavorevole al cliente, purché, a pena d inefficacia, ne sia data comunicazione al cliente, con preavviso minimo di trenta giorni, salvo il diritto di recesso riconosciuto a quest ultimo (art. 118 T.U.B.). 16) Risposta esatta: c (punti 2) Le nuove previsioni di cui all art. 120 T.U.B., come modificato dall art. 25, co. 2, D.Lgs. 342/ 99, dalla relativa delibera di attuazione del CICR del e dalle più recenti disposizioni in materia di trasparenza contrattuale (delib. CICR e circ. 229/99, 9 aggiornamento del ) stabiliscono il principio della parità di trattamento garantita ai contraenti circa la periodicità adottata per il conteggio degli interessi. In specie, l art. 2 delibera stabilisce che nell ambito di ogni singolo conto corrente deve essere stabilita la stessa periodicità nel conteggio degli interessi creditori e debitori. Gli interessi sui versamenti di denaro, assegni circolari emessi dalla stessa banca ed assegni bancari tratti sullo stesso sportello presso il quale viene effettuato il versamento devono essere conteggiati dal giorno in cui è effettuato il versamento e sono dovuti fino a quello del prelevamento (art. 120 T.U.B.). La delibera CICR del 2000 stabilisce, inoltre, che l accredito e l addebito degli interessi deve avvenire sulla base dei tassi e con le periodicità contrattualmente stabiliti e che il saldo periodico produce interessi secondo le medesime modalità. Ne consegue che, in base alle previsioni della delibera, le operazioni di conto corrente possono prevedere la capitalizzazione periodica degli interessi scaduti, purché ciò sia contrattualmente stabilito nel rispetto del trattamento paritario dei contraenti (banche da un lato e clienti dall altro). 17) Risposta esatta: d (punti 2) L anticipazione bancaria può essere definita come il contratto di credito in virtù del quale la banca concede al cliente (cd. anticipato o sovvenuto), previa costituzione di una garanzia (pegno su titoli, merci o documenti rappresentativi di merci), una somma proporzionata al valore dell oggetto della garanzia. Caratteristiche essenziali del contratto sono: la costituzione necessaria della garanzia: non è consentita l anticipazione allo scoperto o su beni diversi da quelli indicati; infatti, oggetto della garanzia sono esclusivamente quei beni che hanno un valore corrente di mercato o di borsa e, quindi, più facilmente liquidabili: ciò consente alla banca una pronta realizzazione della somma anticipata nei casi di mancata restituzione del credito o di mancata prestazione di supplemento di garanzia; la correlazione e la proporzionalità, costante ed immutabile, per tutta la durata del rapporto, tra la somma anticipata e il valore dei beni dati in pegno: tale rapporto di proporzionalità fa sì che, rispetto al valore della garanzia, ne vengano considerate tutte le diminuzioni: deterioramento, perdita della cosa nonché le singole variazioni del prezzo di mercato. 18) Risposta esatta: b (punti 1) La prassi bancaria distingue due tipi di anticipazione: semplice (o a scadenza fissa), caratterizzata dall obbligo di dare e ricevere l intera somma al momento della conclusione del contratto, con l obbligo, per l anticipato, della restituzione alla scadenza del termine convenuto, ferma restando la facoltà di restituzione totale o parziale anticipata; in conto corrente, in cui la somma viene accreditata in un c/c intestato all anticipato, il quale ha la facoltà di effettuare, per più volte, prelievi e rimborsi anche parziali, con l obbligo di restituire ciò di cui risulti debitore al saldo.

15 Si distingue anche tra: Risposte al test n anticipazione bancaria propria in cui le cose concesse in garanzia sono individuate e restano di proprietà del debitore: la banca, possedendo le cose a titolo di pegno ed essendo queste certe e determinate, è tenuta alla restituzione delle identiche cose ed a curarne la custodia e la conservazione; anticipazione bancaria impropria, quando le cose non siano state individuate nella polizza al momento della consegna, ovvero nonostante la loro individuazione sia stato pattuito per iscritto che la banca possa liberamente disporne, oppure quando siano stati dati in pegno beni fungibili o depositi in danaro (pegno irregolare). In tal caso la banca è tenuta a restituire cose della stessa specie e qualità, nella quantità corrispondente all eccedenza del loro valore, calcolato alla scadenza del contratto, rispetto all ammontare della somma anticipata. 19) Risposta esatta: c (punti 1) A norma dell art c.c., il contraente, anche prima della scadenza del contratto di anticipazione bancaria, può ritirare in parte i titoli o le merci dati in pegno, previo rimborso proporzionale delle somme anticipate e delle altre somme occorse per la custodia delle merci e dei titoli, salvo che il credito residuo risulti insufficientemente garantito. 20) Risposta esatta: c (punti 2) Oggetto della garanzia possono essere solo titoli di credito, merci o documenti rappresentativi di merci: tra i titoli di credito, possono formare oggetto della garanzia sia titoli di massa (ad esempio, titoli di Stato, azioni di società etc.) che titoli individuali (ad esempio, cambiali, assegni bancari etc.); per merce deve intendersi qualsiasi cosa mobile, fungibile, avente un prezzo di mercato: non possono costituire quindi oggetto di garanzia cose di valore, considerate nelle loro caratteristiche individuali (ad esempio, oggetti d arte); titoli rappresentativi di merci sono quei documenti emessi da vettori o da pubblici depositari in relazione a merci ad essi affidate per il trasporto o la custodia, che attribuiscono al loro possessore il diritto alla consegna della merce, il possesso della stessa ed il potere di disporne mediante trasferimento del titolo (ad esempio, la polizza di carico, la fede di deposito etc.). 21) Risposta esatta: a (punti 2) In base all art c.c., se il valore della garanzia diminuisce almeno del 10% rispetto a quello della stipula del contratto, la banca può chiedere al debitore un supplemento di garanzia nei termini d uso, con la diffida che, in mancanza, si procederà alla vendita dei titoli o delle merci dati in pegno. Tale disposizione sottolinea la costante proporzionalità esistente tra la somma anticipata ed il valore monetario della garanzia. 22) Risposta esatta: a (punti 2) Nell anticipazione bancaria la garanzia può essere offerta anche da un terzo, il quale interviene nel contratto e ne accetta le condizioni. Al momento della costituzione della garanzia, le parti devono procedere alla stima delle merci o dei titoli: l ammontare della somma anticipata è fissato sulla base del valore del pegno, diminuito di una percentuale (cd. scarto) che, salvo patto diverso, è di un decimo. L art c.c. prevede la possibilità del rilascio da parte della banca di un documento (cd. polizza di anticipazione) nel quale sono indicati gli estremi dell operazione, i beni oggetto della garanzia e le condizioni generali di contratto: il rilascio della polizza fa presumere che

16 306 Parte II: Questionari di cultura tecnico-giuridica le parti abbiano stipulato una anticipazione bancaria propria, costituendo un pegno sui titoli o sulle merci dati in garanzia. Qualora il pegno abbia per oggetto merci, la banca deve provvedere anche, per conto dell anticipato, all assicurazione, quando per la natura, il valore o l ubicazione delle merci, l assicurazione risponde alle cautele d uso (art c.c.). 23) Risposta esatta: d (punti 3) Lo sconto di tratta documentata è una particolare figura di sconto, che ha per oggetto cambiali tratte relative ad una vendita contro documenti. Il venditore, previa cessione alla banca della tratta e dei relativi documenti, ottiene in anticipo il prezzo delle merci rappresentate dai documenti stessi. Rispetto allo sconto ordinario, questo tipo di sconto presenta le seguenti differenze: tra i requisiti non è richiesta la doppia firma, poiché la contrattazione commerciale è provata dai documenti consegnati con la tratta; la banca è obbligata a presentare la tratta per l accettazione o il pagamento, poiché deve contestualmente consegnare i documenti al trattario: questi, in mancanza della consegna (che costituisce adempimento della vendita), non è tenuto ad accettare o a pagare; la banca non può rifiutare un pagamento anticipato, poiché traente e trattario possono aver interesse ad una rapida esecuzione del contratto; essa può invece rifiutare un pagamento parziale, salvo che questo sia stato autorizzato dalle parti con un patto, cui abbia partecipato la banca. La banca che ha scontato tratte documentate ha sulla merce lo stesso privilegio del mandatario finchè il titolo rappresentativo è in suo possesso. 24) Risposta esatta: a (punti 1) Lo sconto bancario è il contratto col quale la banca (cd. scontante), previa deduzione dell interesse, anticipa al cliente (cd. scontatario) l importo di un credito verso terzi non ancora scaduto, mediante la cessione, salvo buon fine, del credito stesso (art c.c.). Scopo dell operazione è consentire allo scontatario di utilizzare immediatamente l importo di un suo credito non ancora esigibile: a tal fine, il credito viene ceduto alla banca, che ne anticipa l importo. Oggetto dello sconto può essere qualsiasi credito, cartolare o non cartolare: vaglia cambiari, tratte accettate o non accettate, note di pegno e documenti rappresentativi di merci, titoli di credito del Tesoro, buoni fruttiferi, delegazioni di pagamento emesse da enti pubblici etc. L anticipazione viene fatta previa deduzione dell interesse: infatti, poiché il credito non è ancora scaduto, la banca deduce dal suo importo l interesse, calcolato dal giorno dell operazione a quello della scadenza, secondo un dato saggio (cd. tasso di sconto). Per l operazione la banca ha anche diritto alle provvigioni d uso. L interesse costituisce il corrispettivo pagato dallo scontatario per il godimento anticipato del capitale fornito dallo scontante: esso è quindi un elemento essenziale del contratto, in mancanza del quale non si ha sconto, ma vendita di crediti o mandato ad incassare. La scadenza del titolo presentato allo sconto è generalmente non superiore a quattro o a sei mesi. 25) Risposta esatta: d (punti 1) Il richiedente lo sconto è tenuto a compilare una distinta dei titoli (cd. distinta di sconto) in cui deve indicare i dati del titolo e dichiararsi responsabile nei confronti della banca delle conseguenze di eventuali errori contenuti nella distinta e negli effetti. Lo scontatario deve trasferire il titolo in proprietà alla banca: il trasferimento ha luogo mediante girata (art c.c.), ovvero, se il titolo è emesso al portatore o girato in bianco, mediante consegna, purché il titolo incorpori un obbligazione cartolare dello scontatario. Sulla somma anticipata allo scontatario, la banca trattiene un importo, comprensivo dell interesse sull importo del credito, di una provvigione e delle spese.

17 Risposte al test n Alla scadenza prevista, la banca può presentare il titolo scontato per il pagamento: la presentazione non costituisce un obbligo, ma un onere, il cui adempimento è necessario perché, in caso di mancato pagamento, la banca possa agire nei confronti dello scontatario e degli altri obbligati. Qualora il debitore non paghi alla scadenza, la banca può esercitare: l azione cambiaria nei confronti di tutti gli obbligati cambiari; l azione causale nei confronti dello scontatario, per il recupero della somma anticipata. 26) Risposta esatta: d (punti 1) Il mutuo è «il contratto con il quale una parte (mutuante) consegna all altra (mutuatario) una determinata quantità di danaro o di altre cose fungibili, e l altra si obbliga a restituire altrettante cose della stessa specie e qualità» (art c.c.). Effetto essenziale del mutuo è, quindi, il trasferimento della proprietà della cosa al mutuatario. Per quanto riguarda la natura giuridica, il mutuo è: contratto traslativo: poiché trasferisce la proprietà della cosa. Mutuante, pertanto, può essere soltanto chi abbia il potere di disposizione sulla stessa ed il mutuo costituisce atto di straordinaria amministrazione per il mutuante; contratto reale: in quanto non basta il consenso delle parti (promessa di mutuo) per perfezionarlo, ma occorre la consegna della cosa al mutuatario; contratto oneroso (almeno di regola): normalmente, infatti, esso comporta, per il mutuatario, l obbligo di corrispondere gli interessi legali sulla somma ricevuta (mutuo cd. «feneratizio»); contratto a prestazioni eventualmente continuate; contratto a prestazioni corrispettive. 27) Risposta esatta: c (punti 2) All art c.c. è esplicitamente prevista la possibilità di stipulare un contratto «preliminare di mutuo», con portata meramente obbligatoria, a cui dovrà far seguito la stipulazione del contratto definitivo. Come accade per ogni contratto preliminare, la promessa di stipulazione può essere sia unilaterale che bilaterale. Trattasi di promessa vincolante: essa, però, può non essere mantenuta dal promittente, qualora le condizioni patrimoniali del promissario dopo la stipulazione della promessa siano divenute tali da rendere notevolmente difficile la restituzione del mutuo, o non siano offerte al promittente adeguate garanzie. 28) Risposta esatta: a (punti 1) Ai sensi dell art c.c., il mutuatario deve corrispondere gli interessi al mutuante, salvo diversa volontà delle parti. Il tasso d interesse, praticato nelle operazioni di mutuo (così come in tutte le operazioni bancarie che prevedono un interesse), deve essere fissato nel rispetto di quanto previsto dalla L , n. 108 sull usura e dai provvedimenti concernenti la rilevazione del tasso effettivo medio ai sensi della medesima legge. In particolare, dal combinato disposto del comma 1 dell art c.c. (articolo integralmente sostituito dalla L. 108/96), che rinvia all art c.c. per la determinazione dell interesse dovuto dal mutuatario al mutuante, e del comma 2, risulta che: gli interessi superiori alla misura legale devono essere determinati per iscritto; in caso contrario sono dovuti nella misura legale (art. 1284, co. 3, c.c.); se sono convenuti interessi usurari, la clausola è nulla e non sono dovuti interessi (art. 1815, co. 2, c.c.).

18 308 Parte II: Questionari di cultura tecnico-giuridica La norma ammette quindi la legittimità della pattuizione di tassi d interesse superiori alla misura legale purché, però, essi siano contenuti entro il tasso d interesse considerato usurario ai sensi della L. 108/96. In caso contrario l ultimo comma dell art c.c. stabilisce lapidariamente che «nulla è dovuto». 29) Risposta esatta: d (punti 3) Alle operazioni di credito al consumo si applicano le regole generali in materia di pubblicità (art. 116 T.U.B.), ma in più gli annunci e il contratto devono riportare l ammontare e le finalità del finanziamento, il numero, l importo e la scadenza delle rate e il tasso annuo effettivo globale (TAEG) e prevedere anche le condizioni che possono condurre ad una modifica di tale tasso. Secondo la definizione del Testo Unico (art. 122) il TAEG è il costo totale del credito a carico del consumatore, espresso in percentuale annua del credito concesso. Il TAEG comprende gli interessi e tutti gli oneri da sostenere per utilizzare il credito. Negli annunci pubblicitari il TAEG deve essere indicato mediante un esempio tipico, secondo le modalità di calcolo stabilite con decreto ministeriale, ciò anche in ossequio al disposto dell art. 33, co. 3, D.Lgs. 206/2005. La modifica del TAEG sarà ritenuta valida soltanto in seguito a comunicazione scritta da parte del fornitore del credito al consumatore. Quest ultimo, entro 15 giorni dal ricevimento della comunicazione, può recedere dal contratto e pagare l intero importo dovuto senza sopportare penalità, ciò anche in ossequio al disposto dell art. 33, co. 4, D.Lgs. 206/2005. Nel contratto devono essere indicati anche gli eventuali oneri e costi accessori derivanti dal finanziamento; sono nulle le clausole di rinvio agli usi. 30) Risposta esatta: b (punti 2) Sotto il profilo giuridico il conto corrente di corrispondenza è un contratto complesso, non esplicitamente previsto dal nostro codice civile, disciplinato però dalle regole sul mandato, in quanto la banca si impegna ad eseguire in nome e per conto del correntista tutta una serie di operazioni come giriconto, riscossioni di crediti (cambiari e ordinari), pagamenti a terzi che verranno tutte regolate in conto. La banca, aprendo un conto corrente di corrispondenza, si impegna in altre parole ad effettuare un servizio di cassa per il cliente curando per suo conto riscossioni e pagamenti. In particolare per quanto riguarda i pagamenti ed in genere per le operazioni comportanti registrazioni a debito del conto è da tener presente che la banca si impegna ad effettuarli sul presupposto che il conto presenti la necessaria disponibilità. Questa necessaria disponibilità può essere costituita indifferentemente da un deposito bancario, da un apertura di credito o da entrambi. 31) Risposta esatta: b (punti 2) Il riporto di banca o finanziario si configura, generalmente, come una forma di finanziamento a breve termine. Il contratto è, normalmente, stipulato dalle banche con clienti che dovendo sopperire a momentanee esigenze di liquidità non vogliono al contempo perdere la proprietà dei titoli in loro possesso, di conseguenza, chiedono fondi cedendo tali titoli ed impegnandosi a riacquistarli a scadenza ad un prezzo anticipatamente determinato; il contratto di norma ha una breve durata, per lo più non superiore ai sei mesi. La banca può concedere riporti sia su titoli pubblici che su titoli privati che abbiano un ampio mercato. Acquisendo la proprietà dei titoli, la banca può facilmente smobilizzare l operazione: vendendo gli stessi, ottenendo anticipazioni passive da altre banche o a sua volta dando a riporto i medesimi titoli. Il riporto diventa perciò, per la banca che lo effettua nella veste di riportatore, un operazione di impiego fondi a breve termine garantita e di facile smobilizzo.

19 Risposte al test n Tali caratteristiche, permettono, quindi, che l operazione di riporto possa essere conclusa ad un tasso inferiore rispetto alle anticipazioni di uguale durata. 32) Risposta esatta: d (punti 1) Il credito documentario è un operazione bancaria collegata al commercio internazionale, e costituisce una forma d intervento della banca nelle vendite contro documenti, in cui la consegna della merce è sostituita dal trasferimento dei documenti rappresentativi di essa. Con tale contratto la banca si impegna per conto del compratore (cd. ordinante) a tenere a disposizione del venditore (cd. beneficiario), direttamente o a mezzo di un altra banca sita sulla piazza del venditore (cd. banca corrispondente), una somma di denaro, utilizzabile contro la presentazione dei documenti. La rilevanza del credito documentario ha fatto sentire l esigenza di uniformarne e codificarne la disciplina a livello internazionale: ciò ha condotto all emanazione di «Regole ed usi uniformi relativi ai crediti documentari». 33) Risposta esatta: b (punti 2) I depositi a custodia costituiscono un operazione accessoria alla normale attività della banca, e consistono nella custodia di titoli di credito, valori ed altri oggetti mobili. Essi si distinguono in: depositi chiusi, che hanno per oggetto plichi sigillati o recipienti chiusi, che tali debbono rimanere per tutta la durata del rapporto; depositi aperti, che hanno per oggetto singoli valori individuati, di cui la banca acquista la disponibilità materiale. Essi si distinguono a loro volta in: depositi a semplice custodia, in cui la banca assume solo l obbligo della conservazione; depositi a custodia e in amministrazione, in cui la banca assume anche l obbligo di curare l esercizio dei diritti inerenti ai titoli depositati. Nel deposito a semplice custodia, la banca assume l obbligo di custodire e restituire i titoli e i valori avuti in consegna. Il contratto si perfeziona con la consegna dei titoli o dei valori alla banca, accompagnati da una distinta contenente i dati necessari per individuarli (contratto di natura reale). La banca rilascia una ricevuta, in cui sono sottoscritti gli estremi della distinta, oppure una polizza di deposito, in cui sono indicati i valori depositati e sono annotate le operazioni effettuate (art c.c.). La banca assume l obbligo di custodire i titoli o i valori depositati: essa deve quindi esplicare l attività necessaria a garantirne la conservazione sia fisica (collocamento in locali idonei, sorveglianza etc.) che economica (percezione degli interessi e dei dividendi etc.). 34) Risposta esatta: a (punti 1) Nel deposito di titoli in amministrazione, la banca assume l obbligo di custodire i titoli ed amministrarli. Per la costituzione del contratto, non è sufficiente il deposito dei titoli, ma è necessario un accordo (anche tacito) in virtù del quale la banca debba amministrarli (art. 1838, primo comma, c.c.). Oggetto del contratto possono essere solo titoli di massa o in serie (ad esempio, azioni, obbligazioni), non anche titoli individuali. La banca deve «in generale provvedere alla tutela dei diritti inerenti ai titoli». Alcuni atti di gestione possono essere compiuti dalla banca da sola (riscossione degli interessi e dei dividendi; verifica dei sorteggi per l attribuzione dei premi o il rimborso del capitale; ritiro dei certificati provvisori e dei nuovi titoli; stampigliatura, cambio, raggruppamento o frazionamento dei titoli ex art. 1838, comma 1, c.c.), mentre altri richiedono l intervento del depositante (versamento dei decimi ed esercizio del diritto di opzione ex art. 1838, comma 2, c.c.).

20 310 35) Risposta esatta: b (punti 2) Parte II: Questionari di cultura tecnico-giuridica Il servizio bancario delle cassette di sicurezza (att c.c.) consiste nella disponibilità, a favore del cliente, di appositi locali in cui possono essere depositati e custoditi oggetti, valori mobiliari, documenti. Il contratto di locazione delle cassette di sicurezza deve essere redatto per iscritto qualora il prezzo unitario per tale servizio ecceda l importo massimo stabilito con decreto ministeriale (attualmente 25,82 euro). All atto della stipulazione, il cliente deve depositare la propria firma, dichiarare le proprie generalità, ed indicare l indirizzo al quale devono essere inviate eventuali comunicazioni. La cassetta può essere concessa in uso a più persone: in tal caso, salvo patto contrario, l apertura è consentita singolarmente a ciascuno dei cointestatari (art. 1840, co. 1, c.c.) L individuazione della cassetta avviene mediante l indicazione del numero e la consegna della chiave, in unico o duplice esemplare, con cui il cliente acquista la detenzione della cassetta. In caso di perdita della chiave, il cliente deve avvisare la banca, che provvede all apertura forzata della cassetta ed alla sostituzione della serratura. 36) Risposta esatta: c (punti 2) Per trasparenza bancaria s intende quel complesso di notizie e informazioni che ogni istituzione bancaria e finanziaria deve rendere note ai propri clienti affinché questi siano in grado di valutare correttamente tutte le condizioni del rapporto contrattuale e gli elementi essenziali delle operazioni finanziarie proposte. Le regole in materia sono state dettate con la delib. del CICR e con l aggiornamento 9 alle istruzioni di vigilanza (circ. Banca d Italia, n. 229/1999). 37) Risposta esatta: a (punti 3) Le disposizioni del T.U. bancario (titolo VI, artt ) in materia di trasparenza sono state oggetto di una revisione organica mediante la deliberazione del CICR del e il relativo provvedimento del governatore della Banca d Italia del , che costituisce il 9 aggiornamento alle istruzioni di vigilanza per le banche (circ. 229/99), allo scopo di perseguire con maggior efficacia «gli obiettivi di tutela della clientela e di promozione della concorrenza». Presupposto per l applicazione di tale disciplina è la situazione di debolezza del cliente («qualsiasi soggetto, persona fisica o giuridica, che ha in essere un rapporto contrattuale o che intenda entrare in relazione con la banca») che si verifica solo quando la controparte contrattuale della banca non sia equiparabile, per la natura dell attività esercitata, all operatore bancario. Pertanto le regole di trasparenza non si applicano ai rapporti tra banche e altre banche, società finanziarie, istituti di moneta elettronica (IMEL), imprese di assicurazione, imprese di investimento (in cui sono comprese le SIM), organismi di investimento collettivo del risparmio (fondi comuni di investimento e SICAV), società di gestione del risparmio (SGR), società di gestione accentrata di strumenti finanziari, fondi pensione, Poste Italiane S.p.A., Cassa Depositi e Prestiti e ogni altro soggetto che svolga attività di intermediazione finanziaria. Le nuove disposizioni si applicano alla generalità delle operazioni e dei servizi bancari, incluso il credito al consumo, e a tutte le banche nazionali e comunitarie che operino in Italia anche in regime di libera prestazione dei servizi. Le disposizioni si applicano anche quando si tratta di operazioni svolte mediante offerta fuori sede o con tecniche di comunicazione a distanza. 38) Risposta esatta: a (punti 2) In conformità al principio per cui non può essere fatto rinvio agli usi (art. 116, co. 1, T.U.B.), per l adempimento dell obbligo di pubblicità la delibera CICR prescrive due strumenti standardizzati, gli avvisi e i fogli informativi. Gli avvisi, denominati «principali norme di trasparenza», devono indicare i diritti e gli strumenti di tutela che la normativa riconosce al cliente. Tali avvisi, redatti in modo che ne sia

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

CREDITO AI CONSUMATORI

CREDITO AI CONSUMATORI CREDITO AI CONSUMATORI DOMANDE E RISPOSTE con la collaborazione scientifica di 1 L utente di queste FAQ è inteso essere il consumatore medio, con una competenza finanziaria ridotta (molto spesso aggravata

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO BANCA DEGLI ERNICI di Credito Cooperativo SCpA VIA ROMANA SELVA, SNC - 03039 - SORA (FR) Tel. : 07768520 - Fax: 0776852030 Email:info@bancadegliernici.it

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI PESCIA-CREDITO COOPERATIVO SOC.COOP. Via Alberghi n. 26-51012 - PESCIA (PT) Tel. : 0572-45941 - Fax: 0572-451621 Email:

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma PRODOTTO BASE UTENTE INFORMAZIONI SULL EMITTENTE ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo Sede legale e amministrativa Numero telefonico: 800.991.341 Numero fax: 06.87.41.74.25 E-mail

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano Soc. Coop. Piazza Roma, 17-25016 - GHEDI (BS) Tel. : 03090441 - Fax: 0309058501 Email:

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito Finanziatore Indirizzo Telefono Email Fax Sito web Creditis Servizi Finanziari

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

CONTO BANCOPOSTA CLICK CONDIZIONI CONTRATTUALI

CONTO BANCOPOSTA CLICK CONDIZIONI CONTRATTUALI CONTO BANCOPOSTA CLICK CONDIZIONI CONTRATTUALI (Conto corrente di corrispondenza per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale)

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione: Iccrea BancaImpresa S.p.A. Sede Legale: Via Lucrezia Romana nn. 41/47-00178

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Ordini di pagamento a favore di terzi Italia (Bonifici Assegni di traenza Assegni circolari)

Ordini di pagamento a favore di terzi Italia (Bonifici Assegni di traenza Assegni circolari) FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Informazioni sulla Banca Ordini di

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Edizione 2 del 23/12/08

FOGLIO INFORMATIVO Edizione 2 del 23/12/08 FOGLIO INFORMATIVO Edizione 2 del 23/12/08 CONTO CORRENTE di CORRISPONDENZA Sez. I Informazioni sulla Banca Denominazione e forma giuridica: BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE Soc. Coop. per azioni Sede legate:

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI. Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme

Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI. Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI A. DISPOSIZIONI GENERALI E DEFINIZIONI Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme a) Le norme uniformi relative agli incassi, revisione 1995, pubbl.

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

LE MODIFICHE AL CODICE DEL CONSUMO

LE MODIFICHE AL CODICE DEL CONSUMO LE MODIFICHE AL CODICE DEL CONSUMO GUIDA AL DIRITTO IL SOLE-24 ORE 67 DOSSIER/7 SETTEMBRE 2010 L E M O D I F I C H E A I C O D I C I L Italia si allinea alle regole di tutela europee sui finanziamenti

Dettagli

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Capitalizzazione semplice e composta (sul libro a pag. 386 e seguenti)

Capitalizzazione semplice e composta (sul libro a pag. 386 e seguenti) Capitalizzazione semplice e composta (sul libro a pag. 386 e seguenti) Operazione finanziaria = un operazione in cui avviene uno scambio di denaro in tempi diversi. Mutuante o creditore = chi concede il

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli