LA POESIA DEL NOVECENTO IN ITALIA. UNO SGUARDO. 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA POESIA DEL NOVECENTO IN ITALIA. UNO SGUARDO. 1"

Transcript

1 LA POESIA DEL NOVECENTO IN ITALIA. UNO SGUARDO. 1 Per chi volli raccogliere questo mazzo di fiori selvaggi; stringerli in fascio nel gambo spinoso ed acerbo? Tutti i fiori vi sono di sangue e di lagrime, raccolti lungo le siepi delle lunghe strade; dentro le forre delle boscaglie impervie; sui muri sgretolati delle capanne lebbrose ( ). Tutti i fiori vi son, che, pei giardini urbani e decaduti, tra le muffe ed i funghi, s'ammalan da morirne, e li altri che sboccian sfacciati e sgargianti penduli al davanzale d'equivoci balconi meritrici: tutti i fiori cresciuti col sangue e colle lagrime ai detriti. Per chi io canto questi fiori plebei e consacrati dal martirio plebeo innominato, in codesto sdegnoso rifiuto di prosodia, per l'odio e per l'amore, per l'angoscia e la gioja, e pel ricordo e la maledizione, per la speranza acuta alla vendicazione?( ), Per chi, per chi, questa lirica nuova, che bestemmia, sorride, condanna e sogghigna, accento sonoro e composto dall'anima mia, contro a tutti, ribelle e superbo, in codesto rifiuto imperiale d'astrusa prosodia?... 2 Con questa lirica, composta nel 1908, il poeta Gian Pietro Lucini apre la sua raccolta intitolata Revolverate, pubblicata l'anno successivo. Anzi: potremmo dire che con questi versi egli spara la prima raffica di revolverate contro ciò che resta della vecchia tradizione poetica italiana, i cui massimi esponenti (o dovremmo dire: bersagli?) sono Pascoli e D Annunzio. Il "crimine" se cosi lo vogliamo chiamare di Lucini, può però liberarsi soltanto in parte di due personalità così ingombranti, i cui influssi si ritrovano anzi nella stessa arma del 1 Viene qui riproposta, con modifiche marginali, la conferenza Le poetiche del Novecento in Italia (19 marzo 1993, Centro Culturale A. Moro di Orzinuovi, Brescia, per il ciclo Leggere la poesia ). 2 G. P. Lucini, Per chi?, in: Revolverate e nuove revolverate, Torino, Einaudi, 1975, pp

2 "delitto", nella medesima lirica appena letta. L'intenzione che essa esprime di allargare il campo delle cose poetabili; e l atteggiamento di sdegnoso rifiuto della prosodia sono, infatti, comunque impliciti in Pascoli, nel suo apparente classicismo formale, se è vero che "trasgressione della lingua letteraria acquisita, plurilinguismo, ecc... " con Parole di Pier Vincenzo Mengaldo 3 sono "componenti nucleari e costanti" della sua rivoluzione o riforma poetica; così come anche, sul piano dei contenuti, è indiscutibile l'attenzione prestata dal poeta romagnolo agli aspetti minimi dell'esistenza: aspetti che, però, molto spesso tendono ad acquistare allusività, a trasformarsi in simboli. In tal senso, anzi, in questo suo accostarsi alle esperienze del simbolismo europeo, Pascoli costituisce per continuare la metafora iniziale un ingombrante cadavere", di cui non ci si può disfare facilmente; la cui "anima", inoltre, sembra costantemente reincarnarsi. Che dire, poi, dell influsso di D Annunzio? e parliamo qui soprattutto del D'Annunzio delle Laudi, con il suo superomismo di stampo nietzschiano: anche in Lucini, infatti, traspare chiaramente una sorta di furore panico e di voluntas dicendi, al di là del bene e del male, che dovrebbero confermarlo artista d'eccezione, autore appunto di "una lirica nuova, / che bestemmia, sorride, condanna e sogghigna". D'altra parte, però, l'onnipotenza di Lucini sembra andare oltre il semplice superomismo, per attingere piuttosto al demoniaco dei Canti di Maldoror di Lautreamont; o, ancor prima, a un certo romanticismo di derivazione byroniana; per tacere di. Baudelaire. Ma in Lucini, in questo poeta misconosciuto, l'aspetto più importante non è tanto l'uso del verso libero, propugnato come lo strumento base di liberazione da ogni vincolo metrico, quanto l'emergere di una coscienza della crisi insita nella poesia. Infatti, la domanda della lirica cui considerata, Per chi? implica innanzitutto la drammatica constatazione della perdita del lettore : o meglio, di un lettore capace di comprendere fino in fondo che la poesia è espressione di autenticità; un autenticità che, invece, sembra essere andata persa nei tempi moderni. Pertanto, la poesia diventa un'esigenza etica, volta a forgiare un uomo nuovo, che non sia fatto ad immagine e somiglianza di questi tempi. E allora, per così dire, ci troviamo già in mezzo al guado: da una parte, un'idea e una pratica di poesia che, sotto spoglie definite decadenti o irrazionali, conservano ancòra un ottimismo antico, ossia la convinzione della comunicabilità di un messaggio poetico (o, più ampiamente, letterario) e della sua decifrabilità, per quanto difficoltosa questa possa essere e riservata a pochi; dall'altra parte, invece, una sponda in cui si esaurisce ogni possibilità di produzione e di ricezione: dove l'autore stesso sente di essere sul punto di sparire: oppure vuole sparire. Partiamo proprio da quest'ultimo caso, che è poi quello del Futurismo. Marinetti, il suo "inventore", sposando con il mito della macchina l'irrazionalismo e l'attivismo, assegna decisamente all'arte un ruolo subalterno, in vista di un mondo completamente meccanizzato. Ecco ciò che egli scrive nel 1909, su Le Figaro, nel primo "manifesto" del nascente movimento: "La letteratura esaltò fino ad oggi l'immobilità pensosa, l'estasi e il sonno. Noi 3 P.V. Mengaldo, Giovanni Pascoli, Milano, Rizzoli, 1991, p

3 vogliamo esaltare il movimento aggressivo, l'insonnia febbrile, il passo di corsa, il salto mortale, lo schiaffo e il pugno"; e, ancóra: "vogliamo liberare questo paese dalla sua fetida cancrena di professori, d'archeologi, di Ciceroni e d'antiquari". Nel secondo "manifesto" del Futurismo, del 1912, Marinetti aggiunge: "Dopo il verso libero, ecco finalmente le parole in libertà ( ). Dopo il regno animale, ecco iniziarsi il regno meccanico dalle parti cambiabili". Come si può intuire, l'annullamento dell'autore dì cui si parlava è qui l'annichilimento stesso dell "umano"; come necessità impellente di un'evoluzione, di un "flusso vitale" che sembrerebbe spingere proprio in tal senso. E Marinetti ci appare quasi la versione meccanica di D'Annunzio: un suo "replicante", diremmo oggi, privo di anima e tutto preoccupato di sottolinearlo. Come acutamente scrive Binni (1968, p. 169), "Marinetti batte continuamente sulla nuova civiltà meccanica e ne costruisce un mito propulsivo della propria poetica: crede così di uccidere l'io letterario e la psicologia, sostituendo loro l'ossessione lirica della materia". Chi, invece, si preoccupa per la propria evanescenza o insufficienza, chi si interroga sul proprio essere uomo e poeta, fa parte di un movimento, anzi un'atmosfera non una scuola, si badi, che il critico Borgese (su La Stampa del 10 settembre 1910) definisce "crepuscolare". Ma leggiamo alcuni versi del romano Sergio Corazzini, uno dei suoi esponenti più significativi: I. Perché tu mi dici: poeta? Io non sono un poeta. Io non sono che un piccolo fanciullo che piange. Vedi: non ho che le lagrime da offrire al silenzio. Perché tu mi dici: poeta? ( ) VII. Oh, io sono, veramente malato! E muoio, un poco, ogni giorno. Vedi: come le cose. Non sono, dunque, un poeta: io so che per essere detto: poeta, conviene vivere ben altra vita! Io non so, Dio mio, che morire. Amen. 4 Quanto distante è qui l'ideologia vitalistica di stampo dannunziano! E quanto vi è demistificata l'affermazione sempre dannunziana che "il verso è tutto"; qui, infatti, il verso è "impossibile" o è niente! La difficoltà di fare poesia, per Corazzini, è la difficoltà stessa di vivere; e l'andamento spezzato dei versi che abbiamo appena letto assume il ritmo dei singhiozzi. Vi troviamo, 4 S. Corazzini, Desolazione del povero poeta sentimentale, in: S. Corazzini, Poesie edite e inedite, Torino, Einaudi,

4 semmai, il D'Annunzio del Poema paradisiaco, accanto al Pascoli del Fanciullino; per non parlare, poi, dei simbolisti francesi. In definitiva, la distanza tra vita e letteratura si rivela completamente abolita: e questa non sarebbe una novità; ma lo diventa di fronte al baratro di un nulla promesso dalla malattia (ecco la terribile scoperta); malattia che non è solo fisica (Corazzini morirà ventunenne, nel 1907, di tubercolosi), ma soprattutto esistenziale. Dalla profondità di noi stessi, vorrebbe dirci Sergio Corazzini, possiamo attingere la medesima disperazione che è fuori di noi, intorno a noi: nessun'altra verità, nessun mistero; e nessuna distanza, quindi, tra vita e morte. Per il torinese Guido Gozzano l'altro grande poeta crepuscolare, i cui motivi e la cui importanza, però, sono più ampi di questa definizione la letteratura, la poesia diventano invece "lo spazio verso cui tentare una frustrante rimozione della malattia" 5 : di una malattia storica, oltre che biografica; storica, perché la società in cui il poeta vive gli appare corrotta e meschina: appunto una società in crisi, in un tempo "smarrito e sull'orlo dell'abisso della guerra", come scrive Piromalli ; malattia biografica, poi, giacché anche Gozzano è tisico; e come Corazzini di tisi morirà, trentatreenne, nel In tale contesto di isolamento, Gozzano esprime il rifiuto della condizione poetica alla maniera di D Annunzio: un rifiuto condotto attraverso la parodia e l'ironia applicate a un mondo e a un linguaggio poetico non più giustificabili, privi ormai di qualsiasi diritto di esistenza; un rifiuto che mescola registro aulico e prosaico, approdando a una poetica delle cose modeste e quotidiane, la cui ascendenza storica è pascoliana: soprattutto del Pascoli dei Canti di Castelvecchio, apparsi nel Ne deriva una poesia colloquiale (e Colloqui si intitola la sua raccolta più importante), una poesia a carattere narrativo, destinata a essere ripresa da molti altri autori: da Saba a Montale e a Pavese, per citarne solo alcuni. Un ritmo poetico, evidentemente, adatto a quel "guardarsi vivere", a quella scissione tra sentimento e ragione che proprio da lui secondo il già citato Piromalli 6 vengono introdotti nella poesia del decadentismo novecentesco. Si tratta, in sostanza, di un'attesa della scomparsa definitiva che ci riconduce alla linea teorica che stiamo dimostrando: il poeta, infatti, è un sopravvissuto che fissa a lungo la fotografia di quel sé stesso già così lontano. Un po malato frivolo mondano Sì, mi ricordo Che malinconia. 7 Un sopravvissuto a se stesso, quindi. D'altra parte, nel periodo considerato, la consapevolezza della netta separazione esistente in 5 G. Savoca M. Tropea, Pascoli, Gozzano e i Crepuscolari, Bari, Laterza, 1973, p A. Piromalli, op. cit., p G. Gozzano, In casa del sopravvissuto, da I colloqui, in: Gozzano e i Crepuscolari, Milano, Garzanti,

5 Italia tra società e cultura, o se si vuole tra politica e cultura, conduce alcuni intellettuali (Papini, Prezzolini, Corradini, Borgese ) alla fondazione, a Firenze, di alcune riviste (Leonardo, Il Regno, Hermes, La Voce): proprio con l'intento di produrre un nuovo moto di idee, sia nel campo dell'arte che in quello dell'impegno ampiamente sociale. Un tentativo, questo, destinato però a naufragare, soprattutto a causa del crescente spirito nazionalistico, teso anche a favorire (dopo il 1914) l'intervento italiano in guerra. Una prima testimonianza della delusione del progetto di un intellettuale engagé, ovvero impegnato, è costituito dalla trasformazione della Voce, tra il 1914 e il 1916, nei suoi ultimi anni di vita, in un periodico esclusivamente letterario: la cosiddetta Voce bianca. È il segno che la pura letteratura torna ad apparire l'unico rifugio; ossia, per dirla con parole di Romano Luperini 8, "la presa d'atto con la guerra dell'impossibilità che la cultura influisca sulla realtà". Nasce così la poetica del "Frammentismo", a monte della quale si trova la lezione della poesia decadente francese e anche rieccoli l'esempio di certa produzione di Pascoli e D'Annunzio; ai quali occorre aggiungere, però, la stessa concezione crociana dell'arte come "intuizione pura" (nonostante, lo si ricordi, la strenua battaglia antidecadente condotta dal grande filosofo abruzzese). Arturo Onofri, il vero teorico del "Frammentismo", nel 1915 cosi scrive sulle pagine della Voce: "Tutti i poeti vanno letti e gustati a frammenti, che tutti son frammentari, senza eccezione"; e continua: "si deve separare nettamente la poesia non solo da ogni altra attività umana, pratica o teoretica; ma prima di tutto, con un taglio netto, dalla letteratura. ( ) Nella poesia non c'è nulla da capire, da spiegare, da tradurre, da commentare, da divulgare". A questa concezione della poesia pura, del puro frammento, Onofri si adegua completamente nei suoi versi; come vi si adeguano anche i vari. Boine, Rebora e Sbarbaro, per non citarne altri. Sbarbaro in particolare, con la raccolta Pianissimo, "esprime uno degli aspetti più inquietanti dell'uomo contemporaneo, sorpreso scrive Frattini 9 nel calmo terrore di un progressivo inaridimento, vago di un'innocenza ormai perduta, sgomento di fronte al vuoto e al gelo dello spirito inerte, ove si specchia il mistero angoscioso del destino umano". Al riguardo si leggano, per esempio, i versi iniziali e quelli finali di Taci, anima stanca di godere: Taci, anima stanca di godere e di soffrire (all'una e all'altra vai rassegnata). Nessuna voce tua odo se ascolto: non di rimpianto per la miserabile 8 R. Luperini, Gli esordi del 900 e l esperienza della Voce, Bari, Laterza, A. Frattini, Anacronismo e vitalità di Saba, in: A. Frattini P. Tuscano, Poeti italiani del XX secolo, Brescia, La Scuola, 1974, p

6 giovinezza, non d'ira o di speranza, e neppure di tedio. ( ) La vicenda di gioia e di dolore non ci tocca. Perduta ha la sua voce la sirena del mondo, e il mondo è un grande deserto. Nel deserto io guardo con asciutti occhi me stesso. 10 Nello stesso deserto si innalza il folle verso di Dino Campana, il cui frammentismo "nasce ( ) dalla sofferenza di uno spirito che stenta ad incarnare in parola e ritmo i balenanti soprassalti di un'ispirazione furente e sfuggente" 11 ; mentre dal deserto della guerra, "da questa terrazza di desolazione", Ungaretti manda alla Voce i suoi frammenti, che poi costituiranno Il porto sepolto e l'allegria di naufragi, rispettivamente del 1916 e del I versi brevissimi, le analogie, la mancanza di punteggiatura, la fortissima scansione delle pause, attraverso gli accapo e gli spazi bianchi, costituiscono (anche se di provenienza futurista) le forme elettive per un lamento che risuona nel vuoto di grandi spazi: nel deserto, appunto. Ed egli scrive: ( ) quando trovo in questo mio silenzio una parola scavata è nella mia vita come un abisso. 12 Come per Mallarmé, come per Rimbaud, anche per Ungaretti la parola assume una funzione rivelatrice, in grado di illuminare la profondità dell'essere; per il poeta, infatti, trovare una parola significa, penetrare nel buio abissale di sé, ove poter attingere alle profondità archetipe, primigenie dell'essere. Punto dì partenza di tale processo, ossia della poesia, è la disperazione, il dolore estremo: attraverso il quale, appunto, l uomo può recuperare il sentimento elementare, originario, della sua condizione; e innalzarsi al divino, anche per mezzo dell'oggetto più comune. Questa religiosità, in seguito, verrà da Ungaretti approfondita in più ampie meditazioni esistenziali, di cui sono testimonianza soprattutto alcune liriche della raccolta Sentimento del tempo, del Tra esse, particolarmente significativa risulta Senza più peso, nella quale "il 10 C. Sbarbaro, da Pianissimo, in: Poesie, Milano, Scheiwiller, A. Frattini P. Tuscano, op. cit., p G. Ungaretti, Commiato, in: L allegria, Milano, Mondadori,

7 dolore si rovescia in stupore e luce di tenerezza, entro un sentimento ilare della pietà e bontà di Dio espresse dall'innocente sorriso di un bimbo" 13. Leggiamola: Per un Iddio che rida come un bimbo, tanti gridi di passeri, tante danze nei rami, un'anima si fa senza più peso, i prati hanno una tale tenerezza, tale pudore negli occhi rivive, le mani come foglie s'incantano nell'aria chi teme più, chi giudica? 14 Con Ungaretti, comunque, il processo di introversione della lirica dei primi anni del Novecento (e del Frammentismo in particolare) trovò un compimento che con definizione di Francesco Flora raggiunse l'"ermetismo", ossia una chiusura in cui la parola, come scrive Anceschi 15, "perdette molto del suo spessore logico, si fece allusiva, evocativa, inquietamente sfuggente; cercò forme e sintesi indirette, simboliche, oscuramente rivelatrici". Tutto questo, però, all'interno di una continua ricerca, volta sempre più a conciliare l'esperienza simbolista con la tradizione culturale italiana (tentativo non riuscito ai Vociani). Né si può dimenticare, infine, l'esperienza di Ungaretti come collaboratore della fiorentina Solaria ( ) e, ancor prima, il suo confronto con La Ronda ( ), rivista romana propugnante una sorta di neoclassicismo e una rigorosa attenzione alla forma e allo stile, quali criteri valutativi della poesia. Anche Montale viene fatto rientrare in un contesto ermetico (da non confondere con quello che verrà definito Ermetismo vero e proprio): ma se Ungaretti sembrerebbe venirvi a costituire il punto di arrivo di quella che Anceschi 16 definisce la poetica dell'analogia, "la cui intuizione egli scrive balenò oscuramente in taluni pensieri dannunziani, trovò qualche accento nei Crepuscolari, si fece principio organizzativo del nuovo linguaggio poetico per i Futuristi ( ), si ritrova come motivo profondo nelle oscure dottrine di Onofri", invece Montale concluderebbe la cosiddetta poetica degli oggetti la quale, manifestatasi inizialmente nella Scapigliatura, vede in Pascoli "il primo dottrinario" e passa, quindi, attraverso i "liguri" (Jahier, Boine, Sbarbaro), i Crepuscolari, Palazzeschi e Rebora. 13 A. Frattini P. Tuscano, op. cit., p G. Ungaretti, in: Sentimento del tempo, Milano, Mondadori, L. Anceschi, Le poetiche del Novecento in Italia, Venezia, Marsilio, 1990, p L. Anceschi, op. cit., p

8 In particolare, secondo Sanguineti 17, Montale sarebbe il continuatore o l'erede di una "linea crepuscolare" che vedrebbe in Gozzano il punto d'avvio; ecco, infatti, ciò che il critico scrive al riguardo 18 : "( ) è certo che tra il 1911 dei Colloqui e il 1939 delle Occas i oni, attraverso gli Ossi di seppia che occupano il giusto mezzo, con una equidistanza di almeno curioso rigore,1925, sta un nostro Novecento in una sua linea intiera, autonoma, operosa e, a volerli segnare tutti, ricca di nomi ( )". Dell'appartenenza a questo clima poetico, documentata dalle opere forse più significative del poeta genovese (Ossi di seppia, e Le occasioni), è interessante e originale testimonianza, per esempio, "un modo sintattico tipico in cui la presenza dell'oggetto si struttura nel linguaggio montaliano: l'elencazione ellittica" 19, ossia "la designazione successiva di oggetti del discorso poetico, priva di attribuzione verbale e di sviluppo sintattico che non sia quello eventuale interno a proposizioni secondarie subordinate". Tale struttura, caratteristica soprattutto delle Occasioni, secondo Jacomuzzi 20 avrebbe la funzione di presentare "perentoriamente" l'oggetto, il più possibile all'interno della dimensione della contemporaneità; in modo da cancellare ogni alone evocativo soggettivo e recuperare, piuttosto, un comune linguaggio poetico che ritrovi un contatto con le cose della storia". Si legga, ad esempio, la seguente lirica tratta dalle Occasioni, intitolata Altro effetto di luna: La trama del carrubo che si profila nuda contro l'azzurro sonnolento, il suono delle voci, la trafila delle dita d'argento sulle soglie, la piuma che s'invischia, un trepestio sul molo che si scioglie e la feluca già ripiega il volo con le vele dimesse come spoglie. 21 O si consideri quest altro testo, scelto da Ossi di seppia: Il canneto rispunta i suoi cimelli nella serenità che non si ragna: l'orto assetato sporge irti ramelli oltre i chiusi ripari, all'afa stagna. Sale un'ora d'attesa in cielo, vacua, 17 E. Sanguineti, Tra Liberty e Crepuscolarismo, Milano, Mursia, E. Sanguineti, op. cit., pp A. Jacomuzzi, Sulla poesia di Montale, Bologna, Cappelli, 1968, p A. Jacomuzzi, op. cit. 21 E. Montale, Le occasioni, in: Tutte le poesie, Milano, Mondadori,

9 dal mare che s'ingrigia. Un albero di nuvole sull acqua cresce, poi crolla come di cinigia. Assente, come manchi in questa plaga che ti presente e senza te consuma: sei lontana e però tutto divaga dal tuo solco, dirupa, spare in bruma. 22 Non sfugge qui come le parole vogliano quasi farsi oggetti o gli oggetti parole: in un linguaggio cosale, appunto; al cui fondo, tuttavia, si intravedono quel medesimo sentimento e quell oscura inquietudine esistenziale tipici di uno dei grandi contemporanei di Montale: T. S. Eliot. In altri termini, sembra che il poeta, con i suoi versi, "cerchi di dare ( ) il significato di ciò che rifiuta di essere significato". 23 Nel periodo in esame, un altro poeta vive "la stessa crisi di inabilità del mondo 24 : Umberto Saba. In lui, però, la parola non è (come per gli Ermetici) "una sorta di missile partito da un fondo ignoto e destinato a perdersi nell'infinito dopo averci sfiorato" 25. Il poeta triestino, piuttosto, ponendosi al di fuori di qualsiasi classificazione (anche solo sospettata), infonde nei suoi versi migliori la capacità di rappresentare un "universo di oggetti, persone e sentimenti in una luce che non è già quella crepuscolare scrive Franco Fortini 26 ma pomeridiana, ancora tutta attiva seppure già pronta alla propria dissoluzione". Oltre questa tendenza "volta a fissare il mondo esterno in una condizione visivamente oggettiva" 27, tuttavia, in Saba se ne avverte un'altra, tesa alla rievocazione, sottile e affettuosa, del "tempo e delle avventure del proprio io più profondo" 28. Un esempio significativo di tale duplicità espressiva è costituito dalla lirica Cucina economica: Immensa gratitudine alla vita che ha conservate queste care cose; oceano di delizie, anima mia! Oh come tutto al suo posto si trova! Oh come tutto al suo posto è restato! In grande povertà anche è salvezza. 22 E. Montale, Ossi di seppia, in: Tutte le poesie, op. cit. 23 L. Anceschi, op. cit., p G. Debenedetti, Su Saba, in: Poesia italiana del 900, Milano, Garzanti, G. Debenedetti, op. cit., p F. Fortini, Umberto Saba, in: I poeti del Novecento, Bari, Laterza, 1978, p A. Frattini, Anacronismo e vitalità di Saba, in: Poeti italiani tra primo e secondo Novecento, Milano, IPL, 1967, p A. Frattini, ibid. 9

10 Della gialla polenta la bellezza mi commuove per gli occhi; il cuore sale per fascini più occulti, ad un estremo dell'umano possibile sentire. Io, se potessi, io qui vorrei morire, qui mi trasse un istinto. Indifferenti cenano accanto a me due muratori; e un vecchietto che il pasto senza vino ha consumato, in sé si è chiuso e al caldo dolce accogliente, come nascituro dentro il grembo materno. Egli assomiglia forse al mio povero padre ramingo, cui malediva mia madre; un bambino esterrefatto ascoltava. Vicino mi sento alle mie origini; mi sento, se non erro, ad un mio luogo tornato; al popolo in cui muoio, onde son nato. 29 Versi che, da soli, potrebbero confermare il giudizio di Debenedetti 30 quando afferma che Saba "è forse il poeta contemporaneo, nel quale più viva e incorruttibile sia rimasta la fede di poter offrire con la poesia, direttamente e senza simboli intellettualistici, un dono d'anima". Saba, nel complesso, rimane una delle poche eccezioni nel panorama poetico della prima metà del Novecento la cui regola, a partire dagli anni trenta, è costituita soprattutto dall Ermetismo; alla cui fondazione come vera e propria scuola Salvatore Quasimodo fornisce un apporto determinante, attraverso le sillogi Acqua e terre, del 1930; Oboe sommerso, del 1932; ed Erato e Apòllion, del 1936: opere successivamente raccolte (insieme alle Nuove poesie) sotto il titolo Ed è subito sera, del In particolare a Firenze, alcuni poeti rendono la città il "principale centro di elaborazione, di espressione e di diffusione dell Ermetismo 31 : e si parla di nomi quali Gatto, Luzi, Bigonglari e Betocchi; ai quali possiamo affiancare anche quelli di Sinisgalli e De Libero, operanti a Roma; e di Sereni, attivo a Milano. In Sereni, però, a differenza dei fiorentini, "vivere nella letteratura non risarcisce dall'esperienza negativa del mondo; anzi scrive Vetri l'acutizza e acumina il senso della irrelazione da esso: è vivere nell'avvertimento dolente d'una sconfortata solitudine che tanto protegge quanto esclude ed estranea" 32 : 29 U. Saba, da: Canzoniere, Torino, Einaudi, G. Debenedetti, Per Saba ancora, in: Saggi critici, Milano, Mondadori, 1969, p L. Vetri, Anteguerra e secondo 900, in: L. Anceschi, op. cit. 32 L. Vetri, op. cit. 10

11 Già l òlea fragrante nei giardini d'amarezza ci punge: il lago un poco si ritira da noi, scopre una spiaggia d'aride cose, di remi infranti, di reti strappate. E il vento che illumina le vigne già volge ai giorni fermi queste plaghe da una dubbiosa brulicante estate. Nella morte già certa cammineremo con più coraggio, andremo a lento guado coi cani nell'onda che rotola minuta. 33 La formula della letteratura come vita che riassume l Ermetismo fiorentino, prende in Mario Luzi le sue vesti più originali e il suo senso più profondo. Nei suoi primi lavori, durante gli anni trenta, la poesia si configura infatti come "conoscenza per cifre e barlumi, per speculum in aenigmate, dell essenza trascendente del mondo 34 ; ecco: la trascendenza, appunto; e l'intuizione di matrice cristiana di un "infinito fieri della, creazione 35 di un continuo, anche se misterioso donarsi del creatore al mondo. Soltanto in una seconda fase Luzi, nel tentativo di interpretare l occasione metafisica nel mondo" l espressione è di Baldo Meo 36 si troverà a fare i conti "con una realtà sconvolta e lacerata" 37 in cui si stenta a riconoscere l'impronta del divino; e dove l'ottimismo, la prospettiva di fidente attesa, tipiche del primo periodo, lasciano spazio a una voce in cui si avverte la ricerca di un "epica salvazione", attraverso un'avventura umana sempre più tormentata (siamo ormai negli anni del secondo conflitto mondiale): ( ) Mi trovo qui a questa età che sai, né giovane né vecchio, attendo guardo questa vicissitudine sospesa; non so più quel che volli o mi fu imposto 38 Così ha inizio, per il poeta, quella svolta da lui stesso indicata come "un passaggio visibile 33 V. Sereni, Settembre, in: Frontiera, Milano, All insegna del pesce d oro, P.V. Mengaldo, Poeti italiani del Novecento, Milano, Mondadori, G. Quiriconi, Tutte le poesie di Mario Luzi, in: Poesia n. 3, Milano, B. Meo, Nel magma di Mario Luzi, in: Poesia, n. 26, Milano, B. Meo, op. cit. 38 M. Luzi, Notizie a Giuseppina dopo tanti anni, in: Il giusto della vita, Milano, Garzanti,

12 dalla contemplazione alla discesa nei problemi del mondo" 39 : la discesa "nel magma": titolo della raccolta del 1963 che rappresenta la vera rottura di Luzi rispetto ai modi precedenti. La necessità di una ripresa di contatto con le cose del mondo, ovvero con la concretezza del reale quotidiano, era però già in atto in alcune esigenze ed esperienze letterarie, già a partire dai primi anni quaranta, durante gli anni della guerra; e aveva generato il movimento chiamato Neorealismo: etichetta che, come si può immediatamente intuire, proponeva un collegamento con il realismo ottocentesco; e si sviluppava sulla necessità di un impegno integrale. Impegno al quale corrispondeva, sul piano etico, la centralità dell'uomo: non però dell uomo 'astratto', quanto piuttosto dell'uomo 'sociale'. Scrive Quasimodo, in un suo intervento del : Rifare l uomo: questo è il problema capitale. Per quelli che credono alla poesia come a un gioco letterario, che considerano ancora il poeta un estraneo alla vita, uno che sale di notte le scalette della sua torre per speculare il cosmo, diciamo che il tempo delle 'speculazioni' è finito. Rifare l'uomo, questo è l'impegno". Era come se l'ermetismo facesse l'autocritica per bocca di uno dei suoi massimi esponenti! il quale, peraltro, avrebbe sancito il suo definitivo distacco da tale poetica con il Discorso sulla poesia del In definitiva, se la poesia degli anni precedenti la guerra si era racchiusa in un'estrema difesa della parola pura, coltivando un'ultima illusione lirica fino al totale rifiuto di ogni dato storico e sociale (e ciò, si badi, anche per non dover scendere a compromessi con la cultura ufficiale del Fascismo); invece la poesia (e l'arte in genere) del dopoguerra sceglieva la strada opposta. In tale direzione, la rivista bolognese Officina (pubblicata tra il 1955 e il 1959) cercò di porre le basi di una letteratura veramente civile, "alla luce di un concetto di 'impegno' più ampio e comprensivo di quello rigidamente politico di ( ) Quasimodo" 41 e di altri intellettuali a lui vicini. Si trattò di un esperienza, soprattutto per il contributo di Pier Paolo Pasolini, dalla quale nacquero l'idea e l'esigenza di una poesia che uscisse dal Novecentismo ossia dalle poetiche del periodo compreso fra l'inizio del secolo e il Neorealismo. 42 Di questa linea 'antinovecentista' e all'interno di una poetica che si fa portavoce del popolo, anzi: dei diseredati, Pasolini dà la prima testimonianza ne Le ceneri di Gramsci, del 1967, da cui è tratta la seguente poesia: Nella vampa abbandonata del sole mattutino che riarde, ormai, radendo i cantieri, sugli infissi riscaldati disperate 39 M. Luzi, Luzi nell oceano della poesia, in: Paese sera, Roma, S. Quasimodo, Poesie e discorsi sulla poesia, Milano, Mondadori, G. Barberi Squarotti A. M. Golfieri, Dal tramonto dell ermetismo alla neoavanguardia, Brescia, La Scuola, G. Barberi Squarotti A. M. Golfieri, op. cit.. pp

13 vibrazioni raschiano il silenzio che perdutamente sa di vecchio latte, di piazzette vuote, d'innocenza. Già almeno dalle sette, quel vibrare cresce col sole. Povera presenza d'una dozzina d'anziani operai, con gli stracci e le canottiere arsi dal sudore, le cui voci rare, le cui lotte contro gli sparsi blocchi di fango, le colate di terra, sembrano in quel tremito disfarsi. Ma tra gli scoppi testardi della benna, che cieca sembra, cieca sgretola, cieca afferra, quasi non avesse meta, un urlo improvviso, umano, nasce, e a tratti si ripete, così pazzo di dolore, che, umano, sùbito non sembra più, e ridiventa morto stridore. Poi, piano, rinasce, nella luce violenta, tra i palazzi accecati, nuovo, uguale, urlo che solo chi è morente, nell'ultimo istante, può gettare in questo sole che crudele ancòra. splende già addolcito da un po' d'aria di mare A gridare è, straziata da mesi e anni di mattutini sudori accompagnata dal muto stuolo dei suoi scalpellini, 13

14 la vecchia scavatrice: ma, insieme, il fresco sterro sconvolto, o, nel breve confine dell'orizzonte novecentesco, tutto il quartiere È, la città, sprofondata in un chiarore di festa, è il mondo. Piange ciò che ha fine e ricomincia. Ciò che era area erbosa, aperto spiazzo, e si fa cortile, bianco come cera, chiuso in un decoro ch'è rancore; ciò che era quasi una vecchia fiera di freschi intonachi sghembi al sole, e si fa nuovo isolato, brulicante in un ordine ch'è spento dolore. Piange ciò che muta, anche per farsi migliore. La luce del futuro non cessa un solo istante di ferirci: è qui, che brucia in ogni nostro atto quotidiano, angoscia anche nella fiducia che ci dà vita, nell'impeto gobettiano verso questi operai, che muti innalzano, nel rione dell'altro fronte umano, il loro rosso straccio di speranza. 43 Anche sul piano prettamente stilistico, poi, Pasolini cerca una via non convenzionale, se non addirittura polemica contro "la campagna di acculturazione e 'omologazione' condotta dal potere neocapitalistico" 44 tendente secondo il poeta a eliminare "qualsiasi sopravvivenza di modelli preindustriali". 43 P. P. Pasolini, Nella vampa abbandonata, in: Le ceneri di Gramsci, Milano, Garzanti, G. Raboni, Poeti del secondo Novecento, in: E. Cecchi N. Sapegno, Storia della letteratura italiana. Il Novecento, Milano, Garzanti,

15 Ecco spiegata, allora, la necessità di adottare una lingua che sia sempre "al di sopra o al di sotto" di quella della normale comunicazione"; insomma: "una lingua spostata verso il dialetto e l'espressionismo dialettale oppure, all'opposto, verso il sublime, secondo la legge della mescolanza degli stili che Pasolini ricava da Contini" 45. Per completezza d'informazione, però, occorre rilevare come Pasolini non riesca sul piano teorico a formulare in modo chiaro e convincente questa sua proposta, che egli definisce neosperimentale. Più in generale, il recupero del dialetto come lingua della poesia (a pieno titolo) costituisce uno degli aspetti del realismo e dell'antinovecentismo italiano, anche se con intenti e risultati estremamente variegati: e dobbiamo qui citare, per l'importanza che rivestono nella nostra letteratura, almeno Giotti, Tessa, Noventa, Pierro e più recentemente Loi; oltre naturalmente allo stesso Pasolini che, con Poesie a Casarsa (del 1942), proprio al dialetto affida i suoi esordi poetici; e, come si è visto, al dialetto continuerà a guardare. Sempre nella linea antinovecentista, infine, possono venire inseriti altri grandi poeti come Penna, Bertolucci e Caproni; ciascuno dei quali risulta estraneo alle predominanti tendenze del secolo, vuoi ermetiche vuoi di genere diverso; e, in tale estraneità e originalità, va piuttosto a collocarsi accanto a Saba. Una solitudine, questa appena accennata, che in giorni a noi più vicini vede in Amelia Rosselli la sua esponente più interessante e suggestiva, se è vero come scrive Mengaldo 46 che la sua poesia "resta un fenomeno in sostanza unico nel panorama letterario italiano, legandosi piuttosto ad altre tradizioni, l'anglosassone ( ) e la surrealista francese di cui prosegue direttamente, con aspro vigore, gli atteggiamenti più 'ex lege'. Consideriamo, per esempio, la sua lirica C'è come un dolore nella stanza: C'è come un dolore nella stanza, ed è superato in parte: ma vince il peso degli oggetti, il loro significare peso e perdita. C'è come un rosso nell'albero, ma è l'arancione della base della lampada comprata in luoghi che non voglio ricordare perché anch'essi pesano. Come nulla posso sapere della tua fame precise nel volere sono le stilizzate fontane può ben situarsi un rovescio d'un destino 45 G. Barberi Squarotti A. M. Golfieri, op. cit., p P.V. Mengaldo, op. cit., p

16 di uomini separati per obliquo umore. 47 Per altri due grandi poeti come Fortini e Zanzotto, invece, più che di isolamento si dovrebbe parlare di sincretismo e di astrattismo: di sincretismo per Fortini, in quanto se "la sua genesi come scrive Asor Rosa 48 è ( ) fra ermetismo e surrealismo", tuttavia egli va poi piegando la sua "vocazione originaria al sublime (poesia alta e forte, il verso intenso e appassionato), alla contemplazione e alla resa della contraddizione che ci attraversa". Pertanto, sempre con parole del citato Asor Rosa, "se da una parte egli con i suoi versi ci addita un futuro, una speranza di riunificazione umana, dall'altra, più concretamente, ci mostra il gelo e l'assenza del presente". L'astrattismo di Zanzotto, invece, va inteso come abile gioco linguistico della poesia, in cui l "oltraggio" condotto al "codice della lingua comunicativa" 49 tende all'identificazione assoluta tra io e linguaggio e all'eliminazione da quest'ultimo di ogni referente; detto in altri termini, invoca il puro significante. Si legga, al riguardo, un esempio tratto dalla raccolta La beltà, del 1968: Mondo, sii, e buono esisti buonamente, fa' che, cerca di, tendi a, dimmi tutto, ed ecco che io ribaltavo eludevo e ogni inclusione era fattiva non meno che ogni esclusione; su bravo, esisti, non accartocciarti in te stesso in me stesso. Io pensavo che il mondo così concepito con questo super-cadere super-morire il mondo così fatturato fosse soltanto un io male sbozzolato fossi io indigesto male fantasticante male fantasticato mal pagato e non tu, bello, non tu 'santo' e 'santificato' un po' più in là, da lato, da lato. Fa' di (ex-de-ob etc )-sistere e oltre tutte le preposizioni note e ignote, abbi qualche chance, 47 A. Rosselli, da: Documento, in: P.V.Mengaldo, op. cit. 48 A. Asor Rosa, Fortini, un testimone, in: Rinascita, n. 6, A. Marchese, Storia intertestuale della letteratura italiana, Messina Firenze, D Anna, 1990, p

17 fa' buonamente un po'; il congegno abbia gioco. Su, bello, su. Su, münchhausen. 50 Ma questa svolta in direzione di una struttura poetica che privilegi il segno sul senso, il significante sul significato, colloca Zanzotto nonostante alcuni importanti distinguo in un ambito assai vicino a quello della Neoavanguardia: movimento che trova la propria radice nel Laborintus di Sanguineti, del 1956; e nella rivista Il Verri, che sempre a partire dallo stesso anno incomincia ad essere pubblicato a Milano, su impulso di Luciano Anceschi. Rompendo definitivamente con la funzione comunicativa della lingua e fornendo alla poesia quello statuto di autonomia che formalisti e strutturalisti avevano già evidenziato, pur con fini diversi, i Novissimi (Sanguineti, Balestrini, Porta, Guglielmi, Pagliarani e Giuliani) propongono una poesia che si oppone fortemente al sistema linguistico e letterario dominante; ma che, al contempo spesso contraddittoriamente cerca di appropriarsi (o se ne fa usare?) dei nuovi media di quel medesimo sistema. I connotati fortemente ideologici, vale a dire marxisti, dell'intera operazione sono proprio uno degli elementi che diversificano la Neoavanguardia dallo sperimentalismo di Zanzotto: il cui spessore, peraltro, sembra risultare superiore a qualsiasi prodotto di quel movimento; nonostante, con il famoso Gruppo 63, la Neoavanguardia riesca appunto nel 1963, in un convegno tenuto a Palermo ad ampliare il numero dei propri adepti. Né si può del tutto credere a una reale portata europea (assimilabile al Futurismo) o a un'autentica funzione di svecchiamento della nostra letteratura insiti nel fenomeno in esame: se è vero che la sua influenza, ai nostri giorni, risulta pressoché nulla; a meno di non volerne trovare una traccia in quella Neo-neoavanguardia, o Gruppo 93, di cui recentemente si è occupata certa stampa. L'unico vero merito del movimento, semmai, può individuarsi nella scoperta o riscoperta di taluni autori italiani e stranieri, assunti come modelli: Dante, Pound, Joyce e Lucini, per fare solo qualche nome. In generale, però all esaurirsi (intorno al 1970) dell avventura della Neoavanguardia, il panorama poetico italiano risulta confuso e privo di una reale capacità propositiva e autenticamente creativa: anche se, forse, mai come nell'ultimo ventennio la poesia ha trovato riscontri editoriali altrettanto ampi. Difficile risulta quindi, in tale messe caotica, riuscire a separare ci sia concessa la metafora il grano dal loglio. Due nomi, però, tra gli autori più recenti, mi sembrano particolarmente interessanti: Roberto Mussapi e Patrizia Valduga. Per il primo sono parole sue la poesia dev essere un "grumo di compresenza nel vivente"; Mussapi, pertanto, seguendo un "percorso indicatogli da Foscolo, Thomas, Eliot, Onofri, tende ad abbracciare e comunicare la totalità, addentrandosi in tematiche di estrema 50 A. Zanzotto, Al mondo, in: La beltà, Milano, Mondadori,

18 generalità" 51. Ma leggiamo una sua lirica: Perché rinascere a quest'ora perché accendersi ancora in questo vento? Tutto riposa, adagio resta un nucleo disperso roccia silicea e povera, tempo forato dal tempo, anni che abbiamo lambito ognuno perso nel suo grido perso a un accenno. Entra nel buio, acquàttati prendi i miei occhi, le mani, il silenzio ma soffri più di lui, dònati al buio, non dubitare della tua presenza. Rimani ferma nel dolore, ferma per sempre, lasciati solo guardare, muori se vuoi, perché tu sia visibile, vivente. E io mi accenderò, quando lo chiedi, adesso. 52 Tutta da approfondire sarebbe una particolare suggestione molto vicina ad alcuni poeti rock inglesi: come il Jim Morrison dei Doors, per intendersi. Un interessante accostamento tra il vuoto della nostra era e l'illusoria vacuità barocca del Seicento costituisce, invece, l'aspetto poetico peculiare della Valduga: soprattutto nel recente poemetto Donna di dolori (1991). Qui, infatti, una donna morta in stato colliquativo recita un monologo, parla dei vivi e dice loro: Io vi denuncio per i miei tormenti per gli orrori del Millenovecento! T. Broggiato, Canti dell universo, Milano, Marcos y Marcos, R. Mussapi, da: La gravità del cielo, Società di Poesia, P. Valduga, Donna di dolori, Milano, Mondadori,

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Corso di Laurea Triennale in Lettere. Anno Accademico 2009/2010

Corso di Laurea Triennale in Lettere. Anno Accademico 2009/2010 SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di Laurea Triennale in Lettere Anno Accademico 2009/2010 Docente: Caterina Verbaro email: caterina.verbaro@unina2.it Titolo

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Gigisland I edizione 2011 Luigi Giulio Bonisoli Responsabile della pubblicazione: Luigi Giulio Bonisoli Riferimenti web: www.melacattiva.com www.scribd.com/luigi Giulio

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

ALLA SERA. Vagar mi fai co' miei pensier su l'orme che vanno al nulla eterno; e intanto fugge questo reo tempo, e van con lui le torme

ALLA SERA. Vagar mi fai co' miei pensier su l'orme che vanno al nulla eterno; e intanto fugge questo reo tempo, e van con lui le torme ALLA SERA For/se/ per/chè /del/la /fa/tal/ quï/e/te Tu/ sei /l'ima/go a /me/ sì /ca/ra /vie/ni O /se/ra! E/ quan/do/ ti /cor/teg/gian/ lie/te Le /nu/bi e/sti/ve e i /zef/fi/ri /se/re/ni, E/ quan/do/ dal

Dettagli

Poesie - Matteo Nicolin. Matteo Nicolin. Poesie

Poesie - Matteo Nicolin. Matteo Nicolin. Poesie Matteo Nicolin Poesie Selezione, 2013 1 La signora Nostalgia (e il suo irriverente ospite) Spesso, verso sera, mi reco alla casa di Nostalgia, una vecchia e cara amica mia: è sempre ora di cena (già io

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata ISIS F.S. NITTI Palomba Chiara 2D Alice si è ora svegliata La mia storia ha inizio sei anni fa,quando ho conosciuto quello che pensavo fosse l amore della mia vita. All inizio era tutto perfetto: c era

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Giovanni Pascoli (1855-1912)

Giovanni Pascoli (1855-1912) Giovanni Pascoli (1855-1912) Giovanni Pascoli: la vita 1855: nasce a S. Mauro di Romagna 10 agosto 1867: muore il padre, assassinato 1873: borsa di studio, frequenta la facoltà di lettere a Bologna. Aderisce

Dettagli

Montale - poetica pag. 1

Montale - poetica pag. 1 pag. 1 Genova 1896 - Milano 1981 Premio nobel 1975 Percorso poetico lungo e complesso; vive in prima persona, da intellettuale, poeta, saggista, cittadino, tutti i movimenti letterari (ma anche avvenimenti

Dettagli

II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010

II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010 per l Omelia domenicale a cura del Vescovo Mons. Vincenzo Bertolone II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010 Un cammino di conversione Introduzione In questa II Domenica d Avvento incontriamo due dei più

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Sul primato della relazione in Adriano Fabris

Sul primato della relazione in Adriano Fabris Etica & Politica / Ethics & Politics, XIII, 2011, 1, pp. 325-329 Sul primato della relazione in Adriano Fabris Graziano Lingua Università di Torino Dipartimento di Filosofia graziano.lingua@unito.it KEYWORDS

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012.

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. II INCONTRO DI PASTORALE FAMILIARE 23.11.2013 [13] Un angelo del

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Chissà se, a Port Lligat, Dalì guarda ancora il mare, ora che il tempo ha nascosto il suo enigma, ora che né Gala né Ana Maria potranno mai più vedere il mare

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS Marco Marcuzzi Pensieri IL SAMARITAN ONLUS PREFAZIONE Questi pensieri sono il frutto dell esperienza di vita e dell intuizione di un amico che ancora oggi coltiva con cura, pazienza e amore la sua anima.

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

6. Gli Ermetici e Ungaretti

6. Gli Ermetici e Ungaretti 6. Gli Ermetici e Ungaretti 6.1 Introduzione Espressione dei tragici sentimenti maturati al fronte e nelle città devastate dalla guerra, sono le poesie degli Ermetici, i quali vivono i prima persona questo

Dettagli

ROSSETTI CHRISTINA GEORGINA

ROSSETTI CHRISTINA GEORGINA ROSSETTI CHRISTINA GEORGINA Rossetti, Christina Georgina (Londra 1830-1894) poetessa inglese, di genitori italiani: Gabriele Rossetti noto carbonaro abruzzese e Francesca Polidori amica di Lord Byron e

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO Numero Terzo Novembre 2007 Idee per una rilettura Hans Georg Gadamer La ragione nell'età della scienza (Il nuovo melagnolo, Genova 1999) di Scilla Bellucci

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Uno sguardo che ti abbraccia - La Bellezza di Maria

Uno sguardo che ti abbraccia - La Bellezza di Maria Uno sguardo che ti abbraccia - La Bellezza di Maria La prima immagine che si vede, entrando nel nostro sito web, è quella di Maria dipinta da Giotto nella volta della Cappella degli Scrovegni. La pagina

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

«È stupendo vivere nell amore»

«È stupendo vivere nell amore» «È stupendo vivere nell amore» «È stupendo vivere nell amore» La storia di don Luigi Monza Testo di Francesca Pedretti Illustrazioni di Claudia Chinaglia Immaginate un piccolo paese, poco lontano da qui...

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Parlare della malattia?

Parlare della malattia? L aspetto spirituale della malattia e della sofferenza nel dignitoso cammino verso il fine vita Sabato 10 maggio 2014 Villa Dei Cedri, Merate Relatore Padre Fiorenzo Reati 1 Parlare della malattia? Ricordo

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

BEATO L UOMO. Camminiamo sulla strada. me l'hai detto, son sicuro, non potrai scordarti di me.

BEATO L UOMO. Camminiamo sulla strada. me l'hai detto, son sicuro, non potrai scordarti di me. BEATO L UOMO Beato l'uomo che retto procede e non entra a consiglio con gli empi e non va per la via dei peccatori, nel convegno dei tristi non siede. Nella legge del Signore ha risposto la sua gioia;

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

«La donna spazio di salvezza. Missione della donna nella chiesa, una prospettiva antropologica» di Maria Teresa Porcile Santiso*

«La donna spazio di salvezza. Missione della donna nella chiesa, una prospettiva antropologica» di Maria Teresa Porcile Santiso* Tredimensioni 3(2006) 321-326 LETTO PER VOI «La donna spazio di salvezza. Missione della donna nella chiesa, una prospettiva antropologica» di Maria Teresa Porcile Santiso* Anna Deodato ** «V orrei che

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

Atto di fede, Luciano Ligabue

Atto di fede, Luciano Ligabue Atto di fede, Luciano Ligabue Ho visto belle donne spesso da lontano ognuno ha il proprio modo di tirarsele vicino e ho visto da vicino chi c'era da vedere e ho visto che l'amore cambia il modo di guardare

Dettagli

FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO

FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO INTRODUZIONE Le attività proposte in preparazione all incontro con il Vescovo Gianni hanno il loro orizzonte più ampio nei contenuti della

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28)

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) La mancanza di un figlio da sempre è stata fonte di sofferenza per molte donne, Un tempo, non conoscendo i meccanismi del concepimento,

Dettagli

Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO

Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO Finalità formative generali di tipo cognitivo I docenti di Italiano e Latino del triennio riconoscono

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

Novena di Natale 2015

Novena di Natale 2015 Novena di Natale 2015 io vidi, ed ecco, una porta aperta nel cielo (Apocalisse 4,1) La Porta della Misericordia Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

PREGHIERE DELLO SPORTIVO

PREGHIERE DELLO SPORTIVO PREGHIERE DELLO SPORTIVO Presentiamo qui una selezione di alcune preghiere nate in e per il mondo sportivo. Esse testimoniano della profonda vita interiore di chi vive quotidianamente la sfida di superare

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

L Espressionismo tedesco integrazione del libro di testo per la V A lg. e la V A ped.

L Espressionismo tedesco integrazione del libro di testo per la V A lg. e la V A ped. L Espressionismo tedesco integrazione del libro di testo per la V A lg. e la V A ped. Docente: prof.ssa Rita Paolicelli Camminavo lungo la strada con due amici quando il sole tramontò il cielo si tinse

Dettagli

L'Amore vince tutto! - Intervista a Claudia Koll di Mauro Harsch

L'Amore vince tutto! - Intervista a Claudia Koll di Mauro Harsch L'Amore vince tutto! - Intervista a Claudia Koll di Mauro Harsch Una delle persone più straordinarie che ho conosciuto in questi ultimi anni è sicuramente Claudia Koll. Attrice di successo, affianca attualmente

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César BRUNO FERRERO ANNA PEIRETTI La SINDONE RACCONTATA ai BAMBINI Disegni di César INSERTO REDAZIONALE DE L ORA DI RELIGIONE L OGGETTO più MISTERIOSO del MONDO G «uarda, è qui! C è scritto MUSEO!», grida Paolo.

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

DOMENICA 2 NOVEMBRE 2014 COMMEMORAZIONE DEI FEDELI DEFUNTI. Beato Angelico, Giudizio universale, 1431 circa, Museo nazionale di San Marco, Firenze.

DOMENICA 2 NOVEMBRE 2014 COMMEMORAZIONE DEI FEDELI DEFUNTI. Beato Angelico, Giudizio universale, 1431 circa, Museo nazionale di San Marco, Firenze. DOMENICA 2 NOVEMBRE 2014 COMMEMORAZIONE DEI FEDELI DEFUNTI Beato Angelico, Giudizio universale, 1431 circa, Museo nazionale di San Marco, Firenze. La liturgia di oggi, con la commemorazione di tutti i

Dettagli