C O M U N E D I E R I C E

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "C O M U N E D I E R I C E"

Transcript

1 ORIGINALE OGGETTO: DECRETO DEL SINDACO N. 22 DEL 30/04/2013 NOMINA RESPONSABILI DEI SERVIZI ED ATTRIBUZIONE DELLE FUNZIONI DI CUI ALL ARTICOLO 51, COMMI 2 E 3 DELLA LEGGE 8 GIUGNO 1990, N. 142 PREMESSO: - che il comma 3 bis dell'articolo 51 della legge 8 giugno 1990, n. 142, come introdotta nell ordinamento siciliano con L.R , n.48 e modificata a seguito del recepimento della legge , n.127 effettuato con l art.2 della legge regionale 7 settembre 1998, n.23 recita: Nei comuni privi, di personale di qualifica dirigenziale le funzioni di cui al comma 3, fatta salva l'applicazione del comma 68, lettera c), dell'articolo 17 della legge 15 maggio 1997, n. 127, possono essere attribuite, a seguito di provvedimento motivato del sindaco, ai responsabili degli uffici o dei servizi, indipendentemente dalla loro qualifica funzionale, anche in deroga a ogni diversa disposizione ; - che il sopra citato comma 3 bis dell'articolo 51 della legge 8 giugno 1990, n. 142 prevede la facoltà del Sindaco di attribuire espressamente ai responsabili degli uffici o dei servizi, nominalmente individuati, le funzioni enumerate in elenco non tassativo dall'articolo 51, commi 2 e 3, della medesima legge; - che indipendentemente dall eventuale attivazione di specifiche azioni e dall applicazione di apposite sanzioni previste dal vigente ordinamento giuridico, il Sindaco può revocare anticipatamente il conferimento dell incarico e l esercizio delle funzioni dirigenziali per motivate ragioni organizzative connesse ai programmi ed ai progetti definiti dagli Organi di governo e per le altre motivazioni indicate dalla normativa vigente in materia; - che in data 6 e 7 maggio 2012 si sono svolte le elezioni amministrative per il rinnovo della carica del Sindaco e del Consiglio Comunale, con un nuovo programma di mandato; - che con deliberazioni n.114 del 14/06/2012 e n.279 del 28/12/2012, esecutive, la Giunta Municipale ha proceduto alla rimodulazione dell assetto strutturale dei servizi e degli uffici e dell organizzazione del personale, mediante la modifica della struttura organizzativa e dei settori funzionali dell Ente, così come di seguito riportata: Settore I - Affari Generali, Legali e Servizi Demografici; Settore II - Sport e Pubblica Istruzione; Settore III - Servizi Finanziari; Settore IV - Gestione Risorse; Settore V - Lavori pubblici, Ecologia, Servizi tecnico manutentivi, Servizi a rete Protezione civile; Settore VI - Gestione Territorio, SUAP, Condono e Abusivismo edilizio;

2 Settore VII - Turismo e Cultura, Eventi e Centro Storico; Settore VIII - Servizi Sociali e Politiche Giovanili; Settore IX Polizia Municipale. CONSIDERATO: che in attuazione di quanto stabilito con le suddette deliberazioni, di cui si richiamano integralmente le motivazioni riportate, compete al Sindaco provvedere alla nomina dei responsabili dei settori e delle altre unità organizzative collocate in posizione autonoma, nonché ad attribuire le funzioni di cui all'articolo 51, commi 2 e 3 della medesima legge n.142/90; RILEVATO, in particolare, che: in data 28 dicembre 2012 è stata modificata la struttura organizzativa con la deliberazione di Giunta Municipale n. 279 con la quale, a seguito di apposito indirizzo sindacale, è stato creato nel Settore IX Polizia Municipale uno specifico ufficio denominato Sorveglianza Territoriale ; la novità organizzativa introdotta rappresenta l ennesima traduzione operativa di uno dei principali obiettivi strategici dell Amministrazione Comunale, previsto nei programmi di mandato e , rappresentato dall accrescimento e rafforzamento del livello di sicurezza sul territorio comunale; l indicata scelta organizzativa si ricollega infatti direttamente anche al trasferimento dei locali del Comando di Polizia Municipale, dalla zona periferica di c.da Rigaletta al popoloso quartiere di San Giuliano, in via Ignazio Poma, nonché nell attuazione di specifiche azioni di controllo territoriale quali l istituzione del vigile di quartiere, l installazione di un sistema di videosorveglianza sempre nella zona di San Giuliano, e tutte le altre politiche di rafforzamento dei rapporti di collaborazione con le forze dell ordine (fra tutti, contributo alla Questura di Trapani per assicurare i servizi di controllo sul territorio, contributo al carcere di San Giuliano per sistema di videosorveglianza della struttura carceraria); le procedure di affidamento del sistema di videosorveglianza sono state completate con la stipulazione del contratto e si è in attesa del decreto definitivo di finanziamento per la consegna della fornitura; CONSIDERATO che: il mancato rispetto del Patto di Stabilità interno, come da note del responsabile dei Servizi Finanziari prot. n del 31/03/2013 avente per oggetto: CERTIFICAZIONI RELATIVE AL RISPETTO DEGLI OBIETTIVI DEL PATTO DI STABILITÀ INTERNO PER L ANNO 2012-MOD. CERTIF. 2012, MOD. CERTIF. 2012/A, MOD. CERTIF. 2012/C E MOD. CERTIF. 2012/D., impone a questo Ente alcune limitazioni in materia di finanza pubblica e di personale che non consentono l attivazione di procedure di assunzione di nuove risorse umane ai fini di una definitiva riorganizzazione della struttura amministrativa;

3 con la deliberazione di Giunta Comunale n.185 del 12/9/2012 è stato promosso ricorso avverso il Decreto 26 luglio 2012, n del Ministero dell Interno rubricato Riduzione delle risorse per sanzione ai comuni e alle province non rispettosi del patto di stabilità- anno 2011 per bloccare l irrogazione della sanzione, affidando l incarico congiunto agli avv. Salvatore Ciaravino del foro di Trapani e avv. Antonietta Sartorio del foro di Palermo; In data 16 novembre 12 il TAR Lazio ha emesso l ordinanza n.4133/2012 sull istanza cautelare rigettando la richiesta di sospensione; Con successiva deliberazione di Giunta Comunale n.238 del 20/11/2012 è stato promosso appello davanti al Consiglio di Stato avverso l ordinanza n.4133/2012 del TAR Lazio, atteso l interesse dell Ente ad impugnare gli atti sopra indicati essendo stato inserito nell elenco dei Comuni soggetti a sanzione e a richiedere, pertanto, la sospensione del Decreto 26 luglio 2012, n del Ministero dell Interno con i relativi allegati; Il Consiglio di Stato si è riservato di decidere in relazione all esito della pronuncia sulla questione di legittimità costituzionale, sollevato su ricorso della Regione Siciliana davanti la Corte Costituzionale, la cui pronuncia era attesa per il 26 marzo 2013 ma di cui non è conosciuto l esito; RIBADITO che il mancato rispetto del Patto di Stabilità Interno, come sopra richiamato, non ha consentito di procedere ad una stabile riorganizzazione della struttura amministrativa, annunciata con la deliberazione n.279/2012 e con il decreto sindacale n.1/2013, e pertanto, stante l espressa temporaneità del predetto decreto, nelle more del pronunciamento del Consiglio di Stato, occorre procedere alla individuazione in via temporanea dei responsabili di settore, anche in relazione all esito della pronuncia da parte del Consiglio di Stato; RILEVATO inoltre che sono in fase di definizione, in quanto collegate all approvazione del Bilancio di Previsione 2013, le procedure per la definizione della proposta di adesione del Comune di Erice all Unione dei comuni Elimo Ericini per la gestione associata di servizi finalizzata alla razionalizzazione della spesa nel rispetto delle disposizioni normative contenute nelle c.d. leggi spending review ed in special modo per quanto attiene le forme di riduzione e contenimento della spesa per il personale; RITENUTO: di provvedere in merito alla nomina dei responsabili di settore, tenuto conto della reale situazione di organico e delle figure professionali attualmente in servizio, in relazione agli obiettivi indicati nel programma amministrativo dell'amministrazione Comunale ed alla adeguata competenza professionale posseduta, come accertato dal fascicolo professionale e dai curricula degli interessati; DATO ATTO: che ai dipendenti nominati ed individuati ai sensi dell art.15 del CCNL per ricoprire gli incarichi di titolari di posizioni organizzative con il presente provvedimento, saranno attribuite le retribuzioni di posizione e risultato nei limiti previsti dall art. 10, commi 2 e 3 del CCNL del , secondo le modalità previste dall art. 30 del

4 Regolamento degli uffici e dei servizi e nella misura che sarà stabilita con apposita deliberazione giuntale, sulla base della valutazione effettuata dal Nucleo di Valutazione in osservanza della vigente metodologia di graduazione; che gli obiettivi assegnati ai dirigenti incaricati sono quelli desumibili dal programma amministrativo del Sindaco, dal PEG, nonché quelli di volta in volta assegnati con direttive espressamente impartite dal Sindaco e degli Assessori di riferimento e con deliberazioni della Giunta municipale; VISTI: - l art. 11 del C.C.N.L. comparto Regioni-Autonomie locali del 31 marzo 1999, in ordine ai Comuni, come il presente, privi di posizioni dirigenziali; - il vigente Regolamento sull Ordinamento degli Uffici e dei Servizi dell Ente, approvato con la deliberazione G.M. n.196 del e successive modifiche ed integrazioni, ed in particolare, gli artt. 28, 29, 30, 31, 32, 33 e 34 Capo IV I Dirigenti di Settore e i provvedimenti del Sindaco in materia di Personale, attinenti la nomina dei dirigenti di settore, il conferimento delle funzioni dirigenziali e l assegnazione alle posizioni organizzative; - il comma 2, art. 28, del vigente Regolamento Ordinamento degli Uffici e dei Servizi, ai sensi del quale ai fini del presente provvedimento può essere utilizzata la denominazione di dirigente di settore con riferimento ai dipendenti preposti ai settori con potere di gestione, ossia i responsabili degli uffici e dei servizi, impiegando la predetta denominazione per esclusive finalità di semplificazione non riconducibili, in nessun caso, alle posizioni e/o qualifiche della dirigenza prevista e disciplinata dal capo II del D.Lgs. 165/2001;l art.13, comma 1, della L.R. 26 agosto 1992, n. 7 che assegna al Sindaco la nomina dei responsabili degli uffici e dei servizi nonché l attribuzione e definizione degli incarichi dirigenziali, secondo le modalità ed i criteri dell'articolo 51 della legge 8 giugno 1990, n. 142 e successive modifiche, come recepito dall'articolo 1, comma 1, lettera h), della legge regionale 11 dicembre 1991, n. 48, nonché dello statuto e dei regolamenti afferenti del comune; - l art. 15 (Posizioni organizzative apicali) del CCNL che espressamente prevede che: Negli enti privi di personale con qualifica dirigenziale, i responsabili delle strutture apicali secondo l'ordinamento organizzativo dell'ente, sono titolari delle posizioni organizzative disciplinate dagli artt. 8 e seguenti del CCNL del l articolo 2103 del codice civile in quanto compatibile con la disciplina speciale; - l articolo 52 del D.Lgs , n. 165 (Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche); - l articolo 8 del CCNL stipulato il ; - l art. 52 del D.Lgs che prevede che per obiettive esigenze di servizio il prestatore di lavoro può essere adibito a mansioni proprie della qualifica immediatamente superiore nel caso di vacanza di posto in organico, per non più di sei mesi, prorogabili fino a dodici qualora siano state avviate le procedure per la copertura dei posti vacanti; - lo Statuto e l O.R.EE.LL.;

5 - la deliberazione di Giunta Comunale n.55/2013 con all oggetto: Introduzioni accertamenti sanitari sulla tossicodipendenza, alcool-dipendenza sulla assunzione di sostanze stupefacenti psicotrope. Obblighi di trasparenza dei soggetti nominati o incaricati intuitu personae. Atto di indirizzo ; - la deliberazione di Giunta Comunale n.73 del 17 aprile 2013 avente per oggetto: Erice trasparenza - direttive organizzative per il rafforzamento della trasparenza della struttura organizzativa del Comune di Erice ; - il Decreto Sindacale n.1/2013 di Nomina responsabili dei servizi ed attribuzione delle funzioni di cui all articolo 51, commi 2 e 3 della legge 8 giugno 1990, n. 142 fino al 31 marzo 2013; CONSIDERATO che - in caso di contemporanea assenza sia del titolare che del supplente di una posizione organizzativa e per brevi periodi di tempo, occorre prevedere ulteriori misure atte ad assicurare il buon andamento dell azione amministrativa e prevenire possibili refluenze negative nell attività dell Ente potendo procedersi alla nomina di un diverso sostituto anche a semplice disposizione scritta; ACCERTATA la propria competenza ad adottare tale provvedimento; D I S P O N E Per le motivazioni superiormente espresse che qui si intendono richiamate e trascritte: 1. Di assegnare, con decorrenza dalla data di notifica del presente provvedimento e fino al 30 giugno 2013, per le motivazioni sopra richiamate che qui si intendono ripetute e trascritte, ai dipendenti sotto elencati, inquadrati nella categoria D, la responsabilità degli uffici e dei servizi in relazione ai settori funzionali dell Ente qui di seguito rispettivamente distinti: Settore TITOLARE SUPPLENTE I - Affari Generali, Legali e Servizi Demografici: II - Sport e Pubblica Istruzione: dr. Leonardo Di Benedetto Dr. Michele Scandariato Dr.Michele Scandariato Dr.ssa Leonarda Messina III - Servizi Finanziari; Dr. Antonio Pugliesi Dr.ssa Rosa Grimaudo IV - Gestione Risorse; Dr.ssa Rosa Grimaudo Dr. Leonardo Di Benedetto V - Lavori pubblici, Ecologia, Servizi tecnico manutentivi, Servizi a rete Protezione civile; Arch. Andrea Denaro Arch. Francesco Tranchida

6 VI - Gestione Territorio, SUAP, Condono e Abusivismo edilizio; VII Turismo e Cultura, Eventi e Centro Storico VIII - Servizi Sociali e Politiche Giovanili; C O M U N E D I E R I C E Arch. Francesco Tranchida Dr. Salvatore Denaro Dr.ssa Leonarda Messina Arch. Andrea Denaro dr. Leonardo Di Benedetto Dr. Michele Scandariato IX - Polizia Municipale; dr. Giacomo Ippolito ========================= 2. Di stabilire che per effetto del mutato quadro circostanziale determinatosi sono revocate le disposizioni di incarico precedentemente conferite ed incompatibili con il presente provvedimento; 3. Di attribuire ai dipendenti nominati come al superiore punto 2), in relazione ai Settori di rispettiva responsabilità ed ai sensi del comma 3 bis dell'articolo 51 della legge 8 giugno 1990, n. 142, come introdotta nell ordinamento siciliano con L.R , n.48 e modificata a seguito del recepimento della legge , n.127 effettuato con l art.2 della legge regionale 7 settembre 1998, n.23, le funzioni di cui all'articolo 51, commi 2 e 3 della medesima legge n.142/90, dando atto che ai medesimi dipendenti competono tutti i poteri di gestione delle risorse destinate nel PEG ai servizi stessi, nonché la gestione del correlativo personale, con poteri di impegnare l Ente verso i terzi, conformemente alla vigente disciplina statutaria e regolamentare; 4. Di dare atto che gli obiettivi assegnati ai dirigenti testé incaricati sono quelli desumibili dal programma amministrativo del Sindaco, dal PEG, nonché quelli di volta in volta assegnati con direttive espressamente impartite dal Sindaco e degli Assessori di riferimento e con deliberazioni della Giunta municipale; 5. Di dare atto che, indipendentemente dall eventuale attivazione di specifiche azioni e dall applicazione di apposite sanzioni previste dal vigente ordinamento giuridico, il Sindaco può revocare anticipatamente il conferimento dell incarico e l esercizio delle funzioni dirigenziali per motivate ragioni organizzative connesse ai programmi ed ai progetti definiti dagli Organi di governo, in ipotesi di inosservanza delle direttive impartite dallo stesso, dalla Giunta o dall Assessore di riferimento, nonché nei casi di gravi o reiterate irregolarità nell adozione o nell emanazione di atti, di rilevanti inefficienze, omissioni o ritardi nello svolgimento delle attività o di significativi e/o ripetuti esiti negativi nel perseguimento degli obiettivi di azione prefissati, anche nel contesto del Piano esecutivo di gestione, per l ambito di competenza, che non siano riconducibili a cause segnalate all Amministrazione, dall interessato, in modo tale da consentire, all Amministrazione stessa, l utile predisposizione e l idonea assunzione di interventi correttivi, integrativi o rettificativi dei programmi e degli strumenti programmatori e gestionali adottati o da adottarsi. Sono fatte salve eventuali ulteriori e/o diverse cause previste e disciplinate da fonte contrattuale collettiva nel tempo vigente; 6. Di dare atto che ai dipendenti sopra nominati e individuati, ai sensi dell art.15 del CCNL , per ricoprire gli incarichi di titolari di posizioni organizzative con il presente

7 provvedimento, saranno attribuite le retribuzioni di posizione e risultato nei limiti previsti dall art. 10, commi 2 e 3 del CCNL del ; 7. Di dare atto, altresì, che ai sensi del vigente regolamento comunale sull ordinamento generale degli uffici e dei servizi, con successivo atto la Giunta provvederà a rideterminare il trattamento economico delle posizioni organizzative corrispondenti alle figure apicali preposte alle strutture organizzative di massima dimensione; 8. Di incaricare il Segretario Generale di coordinare la gestione della fase transitoria allo scopo di assicurare continuità nella trattazione di tutti i procedimenti amministrativi in itinere; 9. Di specificare che la presente determinazione sarà notificata ai dipendenti interessati, al Segretario Generale, e, per opportuna conoscenza, al Consiglio Comunale per il tramite del Presidente, e ai sigg.ri Assessori nonché alle OO.SS. ed agli R.S.U.; 10. Di specificare che la presente determinazione, immediatamente esecutiva, sarà pubblicata all'albo Comunale per 15 giorni consecutivi ai sensi dell'art. 20, comma 3 bis, del Regolamento dei diritti di accesso dei cittadini agli atti ed ai documenti amministrativi ed alle informazioni. Documenti allegati SI [ ] NO [X] Tabella dell Elenco degli eventuali Documenti Allegati Il Responsabile dell Istruttoria: Dott. Di Benedetto Leonardo Il Responsabile del Settore I Dott. Di Benedetto Leonardo IL SINDACO Sig. Giacomo Tranchida

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO REGOLAMENTO SULLA MOBILITA INTERNA DEL C O M U N E DI SAN PANCRAZIO SALENTINO (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 95 del 26 luglio 2007) 1 INDICE SISTEMATICO Art. 1 Individuazione e definizione

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Presiede la seduta il sig. Dott. Donato GENTILE nella sua qualità di Sindaco e sono presenti i seguenti sigg.ri:

Presiede la seduta il sig. Dott. Donato GENTILE nella sua qualità di Sindaco e sono presenti i seguenti sigg.ri: C I T T À DI B I E L L A ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 392 DEL 30.09.2013 OGGETTO: PERSONALE COSTITUZIONE FONDO RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E DI RISULTATO PERSONALE DIRIGENTE ANNO 2013

Dettagli

DOCUMENTO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE

DOCUMENTO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE Pagina 1 di 10 COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO DOCUMENTO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 28 del 27.02.2013 Si attesta che il presente

Dettagli

COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno

COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno Copia Determinazione del responsabile del 1- Settore Affari Generali e Istituzionali Num. determina: 126 Proposta n. 910 del 03/10/2013 Determina generale num. 879

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PERSONALE DELL AGENZIA REGIONALE PER IL LAVORO E L ISTRUZIONE ARLAS INTRODUZIONE. Art. 1. Oggetto e finalità del regolamento

REGOLAMENTO DEL PERSONALE DELL AGENZIA REGIONALE PER IL LAVORO E L ISTRUZIONE ARLAS INTRODUZIONE. Art. 1. Oggetto e finalità del regolamento ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL PERSONALE DELL AGENZIA REGIONALE PER IL LAVORO E L ISTRUZIONE ARLAS INTRODUZIONE Art. 1 Oggetto e finalità del regolamento 1. Il presente Regolamento disciplina l amministrazione

Dettagli

CAPITOLO 12 - SISTEMA DEGLI INCARICHI E DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE

CAPITOLO 12 - SISTEMA DEGLI INCARICHI E DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE CAPITOLO 12 - SISTEMA DEGLI INCARICHI E DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE 12.1 Individuazione delle Strutture Semplici e Complesse Nell individuare le strutture complesse di cui all allegato n. 2

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferraris:

A relazione dell'assessore Ferraris: REGIONE PIEMONTE BU9S1 05/03/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 2 marzo 2015, n. 25-1122 Attuazione dell'art. 2 del D.L. n. 101 del 31.8.2013, convertito con modificazioni in L. n. 125 del 30.10.2013.

Dettagli

IL DIRIGENTE. Sostanzialmente il fondo è composto da due macroraggruppamenti di risorse definite stabili e variabili:

IL DIRIGENTE. Sostanzialmente il fondo è composto da due macroraggruppamenti di risorse definite stabili e variabili: IL DIRIGENTE Premesso che: il contratto nazionale di lavoro per il personale del comparto Regioni ed Enti Locali (di seguito per brevità CCNL) del 22/1/2004 all art. 31 ha ridisegnato, semplificando e

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO Provincia di Taranto

COMUNE DI MARUGGIO Provincia di Taranto SETTORE: Affari Generali COMUNE DI MARUGGIO Provincia di Taranto DETERMINA ORIGINALE Ufficio Casa Impegno di Spesa NUMERAZIONE DEL SERVIZIO Proposta determina N 21 del 15/09/2015 NUMERO DI REGISTRO GENERALE

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Copia della presente determinazione viene trasmessa a: SINDACO SEGRETARIO GENERALE ASSESSORE ALLE RISORSE UMANE DIRIGENTE ORGANIZZAZIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE SERVIZIO FINANZIARIO ALTRI SERVIZI ALBO

Dettagli

COMUNE DI VALLEDORIA REGOLAMENTO SULLA M O BILITA INTERNA DEL PERSONALE

COMUNE DI VALLEDORIA REGOLAMENTO SULLA M O BILITA INTERNA DEL PERSONALE COMUNE DI VALLEDORIA Provincia di Sassari REGOLAMENTO SULLA M O BILITA INTERNA DEL PERSONALE A p p r o v a t o c o n D e l i b e r a z i o n e d i G i u n t a C o m u n a l e n. 1 0 7 d e l 3 0. 1 2. 2

Dettagli

COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE

COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE ORIGINALE COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 40/2010 Reg. Delib. OGGETTO:DECRETO LEGISLATIVO N 150/09. APPROVAZIONE REGOLAMENTO SUL CICLO DI GESTIONE

Dettagli

NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 9 28 gennaio 2015 Immediatamente Eseguibile

NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 9 28 gennaio 2015 Immediatamente Eseguibile Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 9 28 gennaio 2015 Immediatamente Eseguibile Oggetto : Assunzione, con contratto a tempo determinato, ai sensi dell'art.

Dettagli

AREA UFFICIO TECNICO SETTORE LAVORI PUBBLICI

AREA UFFICIO TECNICO SETTORE LAVORI PUBBLICI C O M U N E D I SABBIO CHIESE P R O V I N C I A D I B R E S C I A via Caduti 1, 25070 SABBIO CHIESE (BS) AREA UFFICIO TECNICO SETTORE LAVORI PUBBLICI ----------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Comune di Acquaviva Picena CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO

Comune di Acquaviva Picena CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO Comune di Acquaviva Picena (Provincia di Ascoli Piceno) CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO QUADRIENNIO 1998-2001 COMPARTO AUTONOMIE LOCALI copia bozza accordo decentrato-piccoli comuni PRIMA PARTE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di TORTORETO Provincia di TERAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 83 in data 17/12/2008

Dettagli

Comune di Galatina Provincia di Lecce

Comune di Galatina Provincia di Lecce Comune di Galatina Provincia di Lecce DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Numero 318 del 05-03-2015 REGISTRO GENERALE DELLE DETERMINAZIONI PRATICA N. DT - 315-2015 del 03-03-2015 L estensore CONGEDO LUCIANA TERESA

Dettagli

SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Provincia di Ferrara SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI ORGANIZZAZIONE E SISTEMA DIREZIONALE VALUTAZIONE E PREMIALITA Approvato con delibera di G.C. N. 139 del 30-12-2010 INDICE ORGANIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA ORIGINALE COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE (Deliberazione n. 51 del 10/03/2011) OGGETTO: APPROVAZIONE DOTAZIONE ORGANICA E DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Deliberazione n.36/2014/par. REPUBBLICA ITALIANA La Corte dei conti. Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.36/2014/par. REPUBBLICA ITALIANA La Corte dei conti. Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.36/2014/par REPUBBLICA ITALIANA La Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nelle camere di consiglio dell adunanza generale del 18 dicembre 2013 e del 10 marzo 2014;

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI SAN VITO PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI SAN VITO PROVINCIA DI CAGLIARI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA N. 30 del 21.04.2015 OGGETTO: Sistema di misurazione e valutazione delle performance dei Responsabili di unità organizzativa

Dettagli

COMUNE di TORTORETO Provincia di Teramo

COMUNE di TORTORETO Provincia di Teramo UFFICIO PERSONALE OGGETTO: Attribuzione alla Dr.ssa MARINA MARCHEGIANI Responsabile del Settore N. 6 Bilancio-ragioneria-economato-tributi-farmacia-informatizzazione di compiti e funzioni di cui all articolo

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU35 29/08/2013

REGIONE PIEMONTE BU35 29/08/2013 REGIONE PIEMONTE BU35 29/08/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 29 luglio 2013, n. 14-6180 Disciplinare per il conferimento degli incarichi di direzione di struttura complessa per la dirigenza medica

Dettagli

Comune di Casalserugo Provincia di Padova

Comune di Casalserugo Provincia di Padova Comune di Casalserugo Provincia di Padova Prot. 6942/2015 SETTORE SERVIZI FINANZIARI - BIBLIOTECA Approvato con determinazione dirigenziale n. 225 del 13 agosto 2015 AVVISO PUBBLICO PER RICERCA DI PERSONALE,

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI TITOLO II DIREZIONE E SEGRETERIA GENERALE DIREZIONE GENERALE SEGRETERIA GENERALE TITOLO III STRUTTURA ORGANIZZATIVA

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI TITOLO II DIREZIONE E SEGRETERIA GENERALE DIREZIONE GENERALE SEGRETERIA GENERALE TITOLO III STRUTTURA ORGANIZZATIVA REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 423 del 24/10/2011 e successivamente modificato ed integrato con le deliberazioni di Giunta Comunale

Dettagli

COMUNE DI BOVEZZO. PROVINCIA DI BRESCIA Via V.Veneto 28, CAP 25073. Codice Ente : 10275 D E T E R M I N A Z I O N E N 2 5 D E L 2 9 / 0 1 / 2 0 1 5

COMUNE DI BOVEZZO. PROVINCIA DI BRESCIA Via V.Veneto 28, CAP 25073. Codice Ente : 10275 D E T E R M I N A Z I O N E N 2 5 D E L 2 9 / 0 1 / 2 0 1 5 COMUNE DI BOVEZZO PROVINCIA DI BRESCIA Via V.Veneto 28, CAP 25073 Codice Ente : 10275 D E T E R M I N A Z I O N E N 2 5 D E L 2 9 / 0 1 / 2 0 1 5 COPIA CONFORME ALL ORIGINALE OGGETTO: CIG.Z8212E0978- AFFIDAMENTO

Dettagli

Determinazione dirigenziale

Determinazione dirigenziale SETTORE AMMINISTRAZIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE --- SERVIZIO CONCORSI - ASSUNZIONI Determinazione dirigenziale Registro Generale N. 164 del 17/03/2014 Registro del Settore N. 47 del 17/03/2014 Oggetto:

Dettagli

COMUNE DI TOANO (Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ ESTERNA DEL PERSONALE

COMUNE DI TOANO (Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ ESTERNA DEL PERSONALE COMUNE DI TOANO (Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ ESTERNA DEL PERSONALE Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 93 del 17.10.2012 PARTE PRIMA - Passaggio diretto di personale Art. 1

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con Delibera del CdA ASP n. 34 del 29 agosto 2012 Pagina 1 di 36 PARTE PRIMA ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI E DEGLI UFFICI CAPO I - DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO Piano Triennale di prevenzione della corruzione per il periodo 2015/2017 1/ 9 ART. 1 - Premessa COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO Il Piano Triennale della prevenzione della corruzione si applica al Comune

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno

COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno Originale Determinazione del responsabile del 1- Settore Affari Generali e Istituzionali Num. determina: 17 Proposta n. 116 del 31/01/2013 Determina generale num.

Dettagli

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO 1 INDICE Art. 1 L orario di lavoro ordinario Art. 2 L orario differenziato

Dettagli

COMUNE DI OLBIA REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

COMUNE DI OLBIA REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI COMUNE DI OLBIA REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 178 DEL 16.6.04 Successive modificazioni (Aggiornato alla deliberazione di G.C.

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopoli in Val d'arno (PI) - ( 0571/44.98.11) DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE - COPIA - N. 83 del 29/09/2014 OGGETTO: DETERMINAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CUNEO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE CONTRATTI E PERSONALE

COMUNE DI CUNEO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE CONTRATTI E PERSONALE COMUNE DI CUNEO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE CONTRATTI E PERSONALE N. Proposta 319 del 17/03/2014 OGGETTO: RICORSO CONSIGLIO DI STATO PROMOSSO DALLA REGIONE PIEMONTE AVVERSO ORDINANZA DEL TAR

Dettagli

COMUNE DI CASTELPIZZUTO Provincia di Isernia

COMUNE DI CASTELPIZZUTO Provincia di Isernia Repubblica Italiana COMUNE DI CASTELPIZZUTO Provincia di Isernia DELIBERAZIONE di GIUNTA MUNICIPALE COPIA n. 37 del 01-09-2014 OGGETTO: PROGRAMMAZIONE TRIENNALE D ANNUALE DEL FABBISOGNO DEL PERSONALE 2014/2016

Dettagli

C O M U N E D I C U V I O Provincia di Varese

C O M U N E D I C U V I O Provincia di Varese C O M U N E D I C U V I O Provincia di Varese DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA Numero 98 Del 30-12-2014 Oggetto: INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO CON POTERE SOSTITUTIVO IN CASO DI INERZIA DEL RESPONSABILE

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLA DOTAZIONE ORGANICA ED ALLE MODALITÀ DI REPERIMENTO DELLE RISORSE PROFESSIONALI.

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLA DOTAZIONE ORGANICA ED ALLE MODALITÀ DI REPERIMENTO DELLE RISORSE PROFESSIONALI. REGOLAMENTO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLA DOTAZIONE ORGANICA ED ALLE MODALITÀ DI REPERIMENTO DELLE RISORSE PROFESSIONALI. PREMESSA L Azienda speciale consortile COeSO Consorzio per la gestione delle politiche

Dettagli

COMUNE DI (PROVINCIA DI NUORO) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI (PROVINCIA DI NUORO) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE CGIL FP CGIL FUNZIONE PUBBLICA FEDERAZIONE PROVINCIALE DI NUORO Via Oggiano, 15 08100 N U O R O - Tel. 0784/37639 Fax 0784/35853 COMUNE DI (PROVINCIA DI NUORO) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. di

Dettagli

01/04/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 26. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori

01/04/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 26. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 25 marzo 2014, n. 139 Programmazione triennale del fabbisogno del personale della Giunta regionale del Lazio 2014-2016. OGGETTO:

Dettagli

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE BT (Andria Barletta Bisceglie Canosa Margherita di S. - Minervino S. Ferdinando di P. - Spinazzola Trani - Trinitapoli) 76123 A N D

Dettagli

CITTA' DI CALTANISETTA

CITTA' DI CALTANISETTA CITTA' DI CALTANISETTA UFFICIO CONTROLLI INTERNI Protri. WfìdEà ZSOÌ.tOlS Ai Sigg. Dirigenti Ai titolari di Posizione Organizzativa Al Nucleo di Valutazione e p.c. Al sig. Sindaco Ai sigg.ri Assessori

Dettagli

Deliberazione N.: 716 del: 21/07/2015

Deliberazione N.: 716 del: 21/07/2015 Deliberazione N.: 716 del: 21/07/2015 Oggetto : ADESIONE ALLA CONVENZIONE CONSIP TELEFONIA MOBILE 6 (TELECOM ITALIA S.p.A.) PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE AZIENDALE PER UNA DURATA DI

Dettagli

Dato atto che il presente atto diventerà esecutivo con l apposizione del visto di regolarità contabile; DETERMINA

Dato atto che il presente atto diventerà esecutivo con l apposizione del visto di regolarità contabile; DETERMINA Comune di Nocciano Provincia di Pescara Via San Rocco 24 65010 Nocciano 085-847135 fax 085 847602 C.F. e P.I. 00221360688 Determina n. 22 Del 18.03.2014 Originale Copia X DETERMINAZIONI DEL SETTORE TECNICO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI PREMESSA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI PREMESSA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI Allegato A PREMESSA Il presente regolamento definisce le procedure per l affidamento, la conferma e la revoca degli incarichi dirigenziali di

Dettagli

CONSORZIO SERVIZI ECOLOGIA E AMBIENTE C.S.E.A. (Prov. di Cuneo) ACCORDO INTEGRATIVO ANNUALE 2015 PER UTILIZZO FONDO SALARIO ACCESSORIO

CONSORZIO SERVIZI ECOLOGIA E AMBIENTE C.S.E.A. (Prov. di Cuneo) ACCORDO INTEGRATIVO ANNUALE 2015 PER UTILIZZO FONDO SALARIO ACCESSORIO CONSORZIO SERVIZI ECOLOGIA E AMBIENTE C.S.E.A. (Prov. di Cuneo) ACCORDO INTEGRATIVO ANNUALE 2015 PER UTILIZZO FONDO SALARIO ACCESSORIO Pervengono alla sottoscrizione del presente accordo, previa sessione

Dettagli

COMUNE DI RAGALNA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

COMUNE DI RAGALNA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE COMUNE DI RAGALNA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE DATA 05/8/2015 OGGETTO: Programmazione triennale del fabbisogno di personale 2015-2017. Piano occupazionale anno 2015. N. 78 L anno duemilaquindici

Dettagli

Comune di Fabriano GIUNTA COMUNALE

Comune di Fabriano GIUNTA COMUNALE L anno duemiladodici addì ventitre del mese di ottobre alle ore 15.30 in Fabriano si è riunita la Giunta Comunale nel prescritto numero legale con l intervento dei Signori: Risultano PRESENTI: SAGRAMOLA

Dettagli

COMUNE DI TEZZE SUL BRENTA Provincia di Vicenza

COMUNE DI TEZZE SUL BRENTA Provincia di Vicenza COPIA Deliberazione n. 222 COMUNE DI TEZZE SUL BRENTA Provincia di Vicenza Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: APPROVAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE. L

Dettagli

COMUNE di CASTELVETRANO

COMUNE di CASTELVETRANO COMUNE di CASTELVETRANO Provincia di Trapani - Regione Sicilia **************************** SETTORE PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA E GESTIONE DELLE RISORSE PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE N._03 del _12/01/2015_

Dettagli

3^ Settore DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. N. 189 del 30-06-2015. Il Dirigente di Settore

3^ Settore DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. N. 189 del 30-06-2015. Il Dirigente di Settore ORIGINALE 3^ Settore 3^ SERVIZIO - ECONOMATO - PROVVEDITORATO Oggetto: Determinazione a contrarre, per l'acquisizione del servizio di telefonia mobile mediante adesione alla Convenzione Consip denominata

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO AZIENDALE DI ARPA EMILIA ROMAGNA

CODICE DI COMPORTAMENTO AZIENDALE DI ARPA EMILIA ROMAGNA CODICE DI COMPORTAMENTO AZIENDALE DI ARPA EMILIA ROMAGNA Approvato con Delibera del Direttore Generale n. 5 del 31/01/2014 In vigore dal 31/01/2014 Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente codice si

Dettagli

Comune di Galatina. Provincia di Lecce. L estensore. Il responsabile del procedimento. Data. Il responsabile di servizio. Data Data Il Dirigente

Comune di Galatina. Provincia di Lecce. L estensore. Il responsabile del procedimento. Data. Il responsabile di servizio. Data Data Il Dirigente Provincia di Lecce REGISTRO DETERMINAZIONE Numero GENERALE 992 DELLE del DEL 08072014 DETERMINAZIONI DIRIGENTE Comune di Galatina PRATICA OREFICE del 08072014 N. DT 1028 2014 DATA 08072014 ANTONIO CLAUDIO

Dettagli

COMPARTO UNICO DEL PUBBLICO IMPIEGO REGIONALE E LOCALE

COMPARTO UNICO DEL PUBBLICO IMPIEGO REGIONALE E LOCALE Disposizioni in materia di COMPARTO UNICO DEL PUBBLICO IMPIEGO REGIONALE E LOCALE 26 agosto 2015 Una riforma necessaria 2 La complessa e articolata riforma del rapporto di lavoro che si sta realizzando

Dettagli

COMUNE DI VILLANOVA DEL GHEBBO

COMUNE DI VILLANOVA DEL GHEBBO COMUNE DI VILLANOVA DEL GHEBBO P R O V I N C I A D I R O V I G O C.F. 82000570299 P.I. 00194640298 - Via Roma, 75 - CAP 45020 - Tel. 0425 669030 / 669337 / 648085 Fax 0425650315 info-comunevillanova@legalmail.it

Dettagli

SETTORE IVServizio 5 Attività Culturali e Ricreative Turismo. Determinazione Dirigenziale

SETTORE IVServizio 5 Attività Culturali e Ricreative Turismo. Determinazione Dirigenziale SETTORE IVServizio 5 Attività Culturali e Ricreative Turismo Determinazione Dirigenziale n.yì5g de l

Dettagli

RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ECONOMICO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO RISORSE DECENTRATE RELATIVO ALL ANNO 2012;

RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ECONOMICO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO RISORSE DECENTRATE RELATIVO ALL ANNO 2012; RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ECONOMICO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO RISORSE DECENTRATE RELATIVO ALL ANNO 2012; In conformità della circolare della RGS n. 25 / 2012 Modulo I -

Dettagli

COMUNE DI CUNEO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE CONTRATTI E PERSONALE

COMUNE DI CUNEO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE CONTRATTI E PERSONALE COMUNE DI CUNEO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE CONTRATTI E PERSONALE N. Proposta 875 del 13/06/2014 OGGETTO: RICORSO ALLA COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE PROMOSSO DALLA INVESTIRE IMMOBILIARE

Dettagli

RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: arch. Mario Messina Responsabile Area Tecnica 1 f.f.

RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: arch. Mario Messina Responsabile Area Tecnica 1 f.f. N. 146 dell 11.09.2015 avente per oggetto: Presa atto e approvazione progetto esecutivo Intervento di riqualificazione e adeguamento alle norme vigenti in materia di agibilità, sicurezz, igiene e abbattimento

Dettagli

COMUNE DI NOVARA SERVIZIO COMMERCIO TURISMO GEMELLAGGI UNITA COMMERCIO. Prot. n. 34466 Novara, lì 30.05.2013 RI 04/3044. Ordinanza Sindacale n.

COMUNE DI NOVARA SERVIZIO COMMERCIO TURISMO GEMELLAGGI UNITA COMMERCIO. Prot. n. 34466 Novara, lì 30.05.2013 RI 04/3044. Ordinanza Sindacale n. COMUNE DI NOVARA SERVIZIO COMMERCIO TURISMO GEMELLAGGI UNITA COMMERCIO Prot. n. 34466 Novara, lì 30.05.2013 RI 04/3044 Ordinanza Sindacale n. 478 Oggetto: Norme d esercizio e prescrizioni per l utilizzo

Dettagli

C I T T À D I E R I C E

C I T T À D I E R I C E C I T T À D I E R I C E VERBALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE Delibera N. 224 del 13/10/2014 Proposta N. 266 del 09/10/2014 ORIGINALE OGGETTO: AUTORIZZAZIONE AL SINDACO PER LA COSTITUZIONE DI PARTE

Dettagli

L anno duemiladodici, addì ventuno del mese di novembre in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 10,00

L anno duemiladodici, addì ventuno del mese di novembre in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 10,00 PAG. 1 OGGETTO: Attuazione degli interventi, da parte della S.S. MACERATESE srl, rispettivamente, di istallazione di impianto fotovoltaico sopra le pensiline a copertura del parcheggio nonché di rifacimento

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 63 del 14 giugno 2013

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 63 del 14 giugno 2013 CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 63 del 14 giugno 2013 OGGETTO: Regolamento comunale per la disciplina dell orario di lavoro e della presenza in servizio

Dettagli

Comune di Crespellano Provincia di Bologna

Comune di Crespellano Provincia di Bologna Comune di Crespellano Provincia di Bologna Copia dell ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 61 DEL 25/08/2010. OGGETTO: RICORSO AL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER L'EMILIA ROMAGNA CONTRO

Dettagli

CITTA DI ALCAMO Provincia di Trapani. Settore Servizi tecnici Manutentivi e Ambientali

CITTA DI ALCAMO Provincia di Trapani. Settore Servizi tecnici Manutentivi e Ambientali Registro Determinazione n. 31 del 18/02/2015 CITTA DI ALCAMO Provincia di Trapani Settore Servizi tecnici Manutentivi e Ambientali DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DI IMPEGNO DI SPESA N. 00291 DEL 25/02/2015

Dettagli

REGISTRO GENERALE N.133 DEL 09-05-2014

REGISTRO GENERALE N.133 DEL 09-05-2014 1 SETTORE SEGRETERIA, ECONOMICO E TRIBUTI COPIA DETERMINAZIONE REGISTRO GENERALE N.133 DEL 09-05-2014 Oggetto: LIQUIDAZIONE PER STIPULA POLIZZA ASSICURATIVA PER N.18 LAVORATORI A.S.U. ASSICURAZIONE HDI.

Dettagli

1. FORME DI LAVORO A DISTANZA (TELELAVORO)

1. FORME DI LAVORO A DISTANZA (TELELAVORO) ATTO DI INDIRIZZO ALL ARAN PER LA DISCIPLINA MEDIANTE ACCORDI DELLE FORME CONTRATTUALI FLESSIBILI DI ASSUNZIONE E DI IMPIEGO DEL PERSONALE AI SENSI DELL ART. 36 D.LGS. N.29 DEL 1993 L art. 36, d. lgs.

Dettagli

COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA CRITERI DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE ESTRATTO DAL REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPROVATO CON ATTO

Dettagli

C O M U N E D I S A L U D E C I O

C O M U N E D I S A L U D E C I O C O M U N E D I S A L U D E C I O PROVINCIA DI RIMINI C.A.P. 47040 P.IVA 00667190409 Tel 0541/869709 Fax 0541/981624 SETTORE FINANZIARIO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE N.32 Data 29.08.2011

Dettagli

COMUNE di SAMBUCA DI SICILIA

COMUNE di SAMBUCA DI SICILIA COMUNE di SAMBUCA DI SICILIA (Provincia di Agrigento) AREA AMMINISTRATIVA, AFFARI GENERALI SERVIZI DEMOGRAFICI Concorso pubblico per soli titoli, riservato ai soggetti disabili di cui all art. 1 legge

Dettagli

C O M U N E DI Z O P P O L A PROVINCIA DI PORDENONE

C O M U N E DI Z O P P O L A PROVINCIA DI PORDENONE C O M U N E DI Z O P P O L A PROVINCIA DI PORDENONE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL'AREA PATRIMONIO E LAVORI PUBBLICI REGISTRO Determinazioni nr. 91 Del 24/03/2014 Esecutiva dal 24/03/2014 OGGETTO:

Dettagli

Nuovo Codice della Strada

Nuovo Codice della Strada La previdenza complementare per la Polizia Municipale: la normativa di riferimento Nuovo Codice della Strada Decreto Legislativo n. 285 del 30/04/1992 Articolo 208, commi 1,2,4: Proventi delle sanzioni

Dettagli

Legge 3 agosto 2007, n. 123. Prime indicazioni applicative. Ai Signori Direttori degli SPISAL delle Aziende ULSS del Veneto LORO SEDI

Legge 3 agosto 2007, n. 123. Prime indicazioni applicative. Ai Signori Direttori degli SPISAL delle Aziende ULSS del Veneto LORO SEDI Legge 3 agosto 2007, n. 123. Prime indicazioni applicative. Ai Signori Direttori degli SPISAL delle Aziende ULSS del Veneto LORO SEDI Facendo seguito alla informativa trasmessa dalla scrivente Direzione

Dettagli

ALLEGATO 1 LINEE GUIDA IN MATERIA DI MOBILITÀ INTERNA ED ESTERNA DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO PREMESSE NORMATIVE

ALLEGATO 1 LINEE GUIDA IN MATERIA DI MOBILITÀ INTERNA ED ESTERNA DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO PREMESSE NORMATIVE ALLEGATO 1 LINEE GUIDA IN MATERIA DI MOBILITÀ INTERNA ED ESTERNA DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO PREMESSE NORMATIVE Decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modifiche ed integrazioni;

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico DISPOSIZIONI CONCERNENTI LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DEI PARAMETRI PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ORGANICI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO TECNICO ED AUSILIARIO (ATA) DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E EDUCATIVE

Dettagli

Art. 1 Principi e riferimenti normativi

Art. 1 Principi e riferimenti normativi Provvedimento Dirigenziale Rep. 3649/2012 Protocollo n. 59815 del 21/12/2012 OGGETTO: Emanazione delle linee guida riportanti i criteri per la definizione delle indennità di responsabilità ALLEGATO 2)

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA Ufficio elettorale Piazza Sant Anna, 31 Cap. 37040 TEL. 0442/99133 99468 FAX 0442/99268 DETERMINAZIONE N. 30 del 07 aprile 2015 OGGETTO: Consultazioni elettorali

Dettagli

Comune di Cavarzere Provincia di Venezia

Comune di Cavarzere Provincia di Venezia Comune di Cavarzere Provincia di Venezia Decreto Sindacale n. 2 in data 25.1.2013 OGGETTO: NOMINA DATORE DI LAVORO DELLA SICUREZZA, INDIVIDUAZIONE ED ATTRIBUZIONE COMPETENZE AI SENSI DEGLI ARTT. 17 E 18

Dettagli

http://www.aranagenzia.it/homearan.nsf/46321d515c55387bc1256c05002d371d/4cfa...

http://www.aranagenzia.it/homearan.nsf/46321d515c55387bc1256c05002d371d/4cfa... Page 1 of 40 Comparto: Enti pubblici non economici Tipo: CCNL Area: Personale dei livelli Data: 01/10/2007 Descrizione: Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale non dirigente del

Dettagli

ART. 2 Mappatura del rischio ed individuazione delle attività

ART. 2 Mappatura del rischio ed individuazione delle attività Piano di prevenzione della corruzione (legge n. 190 del 6 novembre 2012) ART. 1 premessa a) il piano della prevenzione della corruzione si applica al Comune ai sensi del comma LIX dell art. 1 legge 190/2012

Dettagli

COMUNE DI SENNORI PROVINCIA SASSARI Via Brigata Sassari n 13 - C.F. 80003910900 - P.I. 01050300902

COMUNE DI SENNORI PROVINCIA SASSARI Via Brigata Sassari n 13 - C.F. 80003910900 - P.I. 01050300902 COMUNE DI SENNORI PROVINCIA SASSARI Via Brigata Sassari n 13 - C.F. 80003910900 - P.I. 01050300902 RESPONSABILE SETTORE AFFARI GENERALI Determinazione N. del 15 2 104 2013 OGGETTO: Ridefinizione assetto

Dettagli

Regolamento. sui. Controlli interni

Regolamento. sui. Controlli interni COMUNE di TARVISIO Provincia di Udine Regolamento sui Controlli interni Adottato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 del 26 febbraio 2013 I N D I C E TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

L esigenza di coniugare la valutazione dell efficacia produttiva con la valorizzazione dei

L esigenza di coniugare la valutazione dell efficacia produttiva con la valorizzazione dei TITOLO IV LA VALUTAZIONE E LA PREMIALITA DEL PERSONALE Premessa L esigenza di coniugare la valutazione dell efficacia produttiva con la valorizzazione dei comportamenti coerenti con la missione, i valori

Dettagli

CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE

CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE DETERMINAZIONE SETTORE: SETTORE CONTENZIOSO,CULTURA,PUBBLICA ISTRUZIONE,SPORT E RISORSE UMANE REG. GEN.LE N. 77500DEL 26/09/2014 REG. SERVIZIO

Dettagli

COMUNE DI PRESICCE "CITTA' DEGLI IPOGEI" PROVINCIA DI LECCE AREA AFFARI GENERALI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

COMUNE DI PRESICCE CITTA' DEGLI IPOGEI PROVINCIA DI LECCE AREA AFFARI GENERALI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO COMUNE DI PRESICCE "CITTA' DEGLI IPOGEI" Copia PROVINCIA DI LECCE AREA AFFARI GENERALI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO REG. GEN.LE N. 55 DEL 05/02/2015 OGGETTO: Riparto quota diritti di rogito

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI

DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI (approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 423 del 24/10/2011 e successivamente modificato ed integrato con le deliberazioni di Giunta Comunale

Dettagli

STATUTO. di "Poste Italiane - Società per Azioni" Titolo I. Costituzione, Denominazione, Sede, Durata, Oggetto della Società

STATUTO. di Poste Italiane - Società per Azioni Titolo I. Costituzione, Denominazione, Sede, Durata, Oggetto della Società STATUTO di "Poste Italiane - Società per Azioni" Titolo I Costituzione, Denominazione, Sede, Durata, Oggetto della Società Articolo 1 1. La società per azioni denominata "Poste Italiane - Società per Azioni"

Dettagli

COMUNE DI MONTAGNAREALE Provincia di Messina

COMUNE DI MONTAGNAREALE Provincia di Messina ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE Delibera n. 111 del 09/10/2012 OGGETTO: Prosecuzione contratti a tempo determinato per l anno 2013. Impegno spesa. Richiesta di finanziamento.- L anno

Dettagli

FORM., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIVER., DIR. STUDIO PROGRAMM. DELL'OFF. FORMAT. E DI ORIENTAMENTO DETERMINAZIONE

FORM., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIVER., DIR. STUDIO PROGRAMM. DELL'OFF. FORMAT. E DI ORIENTAMENTO DETERMINAZIONE REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: FORM., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIVER., DIR. STUDIO PROGRAMM. DELL'OFF. FORMAT. E DI ORIENTAMENTO DETERMINAZIONE N. G03049 del 20/03/2015 Proposta n. 3943 del 17/03/2015

Dettagli

Sicurezza nell ambiente di lavoro del professionista

Sicurezza nell ambiente di lavoro del professionista Sicurezza nell ambiente di lavoro del professionista (D.lgs. 626/1994) 1 PRINCIPI COSTITUZIONALI Art. 2 Costituzione Principi inviolabili dell uomo Libertà personale - Art. 13 Libertà di domicilio - Art.

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI PIEVE D OLMI PROVINCIA DI CREMONA DELIBERAZIONE N 58 DEL 27.07.2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: NOMINA DATORE DI LAVORO E ATTO DI INDIRIZZO PER INCARICO PROFESSIONALE

Dettagli

Immediatamente eseguibile

Immediatamente eseguibile DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 159 Del 15/06/2015 Oggetto: Autorizzazione alla spesa di cui al D.Lgs. 165/01 per la stipula dei CC.CC.II.AA. di individuazione ed utilizzo risorse del Personale

Dettagli

COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA

COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 2012-77 Data 25-07-2012 OGGETTO: INSTALLAZIONE DI UN IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA NELL AMBITO DELLA CASA COMUNALE.

Dettagli

RIFORMA DEGLI ASSETTI CONTRATTUALI

RIFORMA DEGLI ASSETTI CONTRATTUALI RIFORMA DEGLI ASSETTI CONTRATTUALI ASSETTI CONTRATTUALI La complessità dei settori rappresentati dalle Parti stipulanti, caratterizzati da una polverizzazione di imprese spesso piccole e piccolissime,

Dettagli

Convenzione per attività di collaborazione professionale per prestazioni di ingegneria clinica.

Convenzione per attività di collaborazione professionale per prestazioni di ingegneria clinica. DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE - -------------------------------------------------------------------- ----------------------------------------------------------------------------------- numero data

Dettagli