C O M U N E D I E R I C E

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "C O M U N E D I E R I C E"

Transcript

1 ORIGINALE OGGETTO: DECRETO DEL SINDACO N. 22 DEL 30/04/2013 NOMINA RESPONSABILI DEI SERVIZI ED ATTRIBUZIONE DELLE FUNZIONI DI CUI ALL ARTICOLO 51, COMMI 2 E 3 DELLA LEGGE 8 GIUGNO 1990, N. 142 PREMESSO: - che il comma 3 bis dell'articolo 51 della legge 8 giugno 1990, n. 142, come introdotta nell ordinamento siciliano con L.R , n.48 e modificata a seguito del recepimento della legge , n.127 effettuato con l art.2 della legge regionale 7 settembre 1998, n.23 recita: Nei comuni privi, di personale di qualifica dirigenziale le funzioni di cui al comma 3, fatta salva l'applicazione del comma 68, lettera c), dell'articolo 17 della legge 15 maggio 1997, n. 127, possono essere attribuite, a seguito di provvedimento motivato del sindaco, ai responsabili degli uffici o dei servizi, indipendentemente dalla loro qualifica funzionale, anche in deroga a ogni diversa disposizione ; - che il sopra citato comma 3 bis dell'articolo 51 della legge 8 giugno 1990, n. 142 prevede la facoltà del Sindaco di attribuire espressamente ai responsabili degli uffici o dei servizi, nominalmente individuati, le funzioni enumerate in elenco non tassativo dall'articolo 51, commi 2 e 3, della medesima legge; - che indipendentemente dall eventuale attivazione di specifiche azioni e dall applicazione di apposite sanzioni previste dal vigente ordinamento giuridico, il Sindaco può revocare anticipatamente il conferimento dell incarico e l esercizio delle funzioni dirigenziali per motivate ragioni organizzative connesse ai programmi ed ai progetti definiti dagli Organi di governo e per le altre motivazioni indicate dalla normativa vigente in materia; - che in data 6 e 7 maggio 2012 si sono svolte le elezioni amministrative per il rinnovo della carica del Sindaco e del Consiglio Comunale, con un nuovo programma di mandato; - che con deliberazioni n.114 del 14/06/2012 e n.279 del 28/12/2012, esecutive, la Giunta Municipale ha proceduto alla rimodulazione dell assetto strutturale dei servizi e degli uffici e dell organizzazione del personale, mediante la modifica della struttura organizzativa e dei settori funzionali dell Ente, così come di seguito riportata: Settore I - Affari Generali, Legali e Servizi Demografici; Settore II - Sport e Pubblica Istruzione; Settore III - Servizi Finanziari; Settore IV - Gestione Risorse; Settore V - Lavori pubblici, Ecologia, Servizi tecnico manutentivi, Servizi a rete Protezione civile; Settore VI - Gestione Territorio, SUAP, Condono e Abusivismo edilizio;

2 Settore VII - Turismo e Cultura, Eventi e Centro Storico; Settore VIII - Servizi Sociali e Politiche Giovanili; Settore IX Polizia Municipale. CONSIDERATO: che in attuazione di quanto stabilito con le suddette deliberazioni, di cui si richiamano integralmente le motivazioni riportate, compete al Sindaco provvedere alla nomina dei responsabili dei settori e delle altre unità organizzative collocate in posizione autonoma, nonché ad attribuire le funzioni di cui all'articolo 51, commi 2 e 3 della medesima legge n.142/90; RILEVATO, in particolare, che: in data 28 dicembre 2012 è stata modificata la struttura organizzativa con la deliberazione di Giunta Municipale n. 279 con la quale, a seguito di apposito indirizzo sindacale, è stato creato nel Settore IX Polizia Municipale uno specifico ufficio denominato Sorveglianza Territoriale ; la novità organizzativa introdotta rappresenta l ennesima traduzione operativa di uno dei principali obiettivi strategici dell Amministrazione Comunale, previsto nei programmi di mandato e , rappresentato dall accrescimento e rafforzamento del livello di sicurezza sul territorio comunale; l indicata scelta organizzativa si ricollega infatti direttamente anche al trasferimento dei locali del Comando di Polizia Municipale, dalla zona periferica di c.da Rigaletta al popoloso quartiere di San Giuliano, in via Ignazio Poma, nonché nell attuazione di specifiche azioni di controllo territoriale quali l istituzione del vigile di quartiere, l installazione di un sistema di videosorveglianza sempre nella zona di San Giuliano, e tutte le altre politiche di rafforzamento dei rapporti di collaborazione con le forze dell ordine (fra tutti, contributo alla Questura di Trapani per assicurare i servizi di controllo sul territorio, contributo al carcere di San Giuliano per sistema di videosorveglianza della struttura carceraria); le procedure di affidamento del sistema di videosorveglianza sono state completate con la stipulazione del contratto e si è in attesa del decreto definitivo di finanziamento per la consegna della fornitura; CONSIDERATO che: il mancato rispetto del Patto di Stabilità interno, come da note del responsabile dei Servizi Finanziari prot. n del 31/03/2013 avente per oggetto: CERTIFICAZIONI RELATIVE AL RISPETTO DEGLI OBIETTIVI DEL PATTO DI STABILITÀ INTERNO PER L ANNO 2012-MOD. CERTIF. 2012, MOD. CERTIF. 2012/A, MOD. CERTIF. 2012/C E MOD. CERTIF. 2012/D., impone a questo Ente alcune limitazioni in materia di finanza pubblica e di personale che non consentono l attivazione di procedure di assunzione di nuove risorse umane ai fini di una definitiva riorganizzazione della struttura amministrativa;

3 con la deliberazione di Giunta Comunale n.185 del 12/9/2012 è stato promosso ricorso avverso il Decreto 26 luglio 2012, n del Ministero dell Interno rubricato Riduzione delle risorse per sanzione ai comuni e alle province non rispettosi del patto di stabilità- anno 2011 per bloccare l irrogazione della sanzione, affidando l incarico congiunto agli avv. Salvatore Ciaravino del foro di Trapani e avv. Antonietta Sartorio del foro di Palermo; In data 16 novembre 12 il TAR Lazio ha emesso l ordinanza n.4133/2012 sull istanza cautelare rigettando la richiesta di sospensione; Con successiva deliberazione di Giunta Comunale n.238 del 20/11/2012 è stato promosso appello davanti al Consiglio di Stato avverso l ordinanza n.4133/2012 del TAR Lazio, atteso l interesse dell Ente ad impugnare gli atti sopra indicati essendo stato inserito nell elenco dei Comuni soggetti a sanzione e a richiedere, pertanto, la sospensione del Decreto 26 luglio 2012, n del Ministero dell Interno con i relativi allegati; Il Consiglio di Stato si è riservato di decidere in relazione all esito della pronuncia sulla questione di legittimità costituzionale, sollevato su ricorso della Regione Siciliana davanti la Corte Costituzionale, la cui pronuncia era attesa per il 26 marzo 2013 ma di cui non è conosciuto l esito; RIBADITO che il mancato rispetto del Patto di Stabilità Interno, come sopra richiamato, non ha consentito di procedere ad una stabile riorganizzazione della struttura amministrativa, annunciata con la deliberazione n.279/2012 e con il decreto sindacale n.1/2013, e pertanto, stante l espressa temporaneità del predetto decreto, nelle more del pronunciamento del Consiglio di Stato, occorre procedere alla individuazione in via temporanea dei responsabili di settore, anche in relazione all esito della pronuncia da parte del Consiglio di Stato; RILEVATO inoltre che sono in fase di definizione, in quanto collegate all approvazione del Bilancio di Previsione 2013, le procedure per la definizione della proposta di adesione del Comune di Erice all Unione dei comuni Elimo Ericini per la gestione associata di servizi finalizzata alla razionalizzazione della spesa nel rispetto delle disposizioni normative contenute nelle c.d. leggi spending review ed in special modo per quanto attiene le forme di riduzione e contenimento della spesa per il personale; RITENUTO: di provvedere in merito alla nomina dei responsabili di settore, tenuto conto della reale situazione di organico e delle figure professionali attualmente in servizio, in relazione agli obiettivi indicati nel programma amministrativo dell'amministrazione Comunale ed alla adeguata competenza professionale posseduta, come accertato dal fascicolo professionale e dai curricula degli interessati; DATO ATTO: che ai dipendenti nominati ed individuati ai sensi dell art.15 del CCNL per ricoprire gli incarichi di titolari di posizioni organizzative con il presente provvedimento, saranno attribuite le retribuzioni di posizione e risultato nei limiti previsti dall art. 10, commi 2 e 3 del CCNL del , secondo le modalità previste dall art. 30 del

4 Regolamento degli uffici e dei servizi e nella misura che sarà stabilita con apposita deliberazione giuntale, sulla base della valutazione effettuata dal Nucleo di Valutazione in osservanza della vigente metodologia di graduazione; che gli obiettivi assegnati ai dirigenti incaricati sono quelli desumibili dal programma amministrativo del Sindaco, dal PEG, nonché quelli di volta in volta assegnati con direttive espressamente impartite dal Sindaco e degli Assessori di riferimento e con deliberazioni della Giunta municipale; VISTI: - l art. 11 del C.C.N.L. comparto Regioni-Autonomie locali del 31 marzo 1999, in ordine ai Comuni, come il presente, privi di posizioni dirigenziali; - il vigente Regolamento sull Ordinamento degli Uffici e dei Servizi dell Ente, approvato con la deliberazione G.M. n.196 del e successive modifiche ed integrazioni, ed in particolare, gli artt. 28, 29, 30, 31, 32, 33 e 34 Capo IV I Dirigenti di Settore e i provvedimenti del Sindaco in materia di Personale, attinenti la nomina dei dirigenti di settore, il conferimento delle funzioni dirigenziali e l assegnazione alle posizioni organizzative; - il comma 2, art. 28, del vigente Regolamento Ordinamento degli Uffici e dei Servizi, ai sensi del quale ai fini del presente provvedimento può essere utilizzata la denominazione di dirigente di settore con riferimento ai dipendenti preposti ai settori con potere di gestione, ossia i responsabili degli uffici e dei servizi, impiegando la predetta denominazione per esclusive finalità di semplificazione non riconducibili, in nessun caso, alle posizioni e/o qualifiche della dirigenza prevista e disciplinata dal capo II del D.Lgs. 165/2001;l art.13, comma 1, della L.R. 26 agosto 1992, n. 7 che assegna al Sindaco la nomina dei responsabili degli uffici e dei servizi nonché l attribuzione e definizione degli incarichi dirigenziali, secondo le modalità ed i criteri dell'articolo 51 della legge 8 giugno 1990, n. 142 e successive modifiche, come recepito dall'articolo 1, comma 1, lettera h), della legge regionale 11 dicembre 1991, n. 48, nonché dello statuto e dei regolamenti afferenti del comune; - l art. 15 (Posizioni organizzative apicali) del CCNL che espressamente prevede che: Negli enti privi di personale con qualifica dirigenziale, i responsabili delle strutture apicali secondo l'ordinamento organizzativo dell'ente, sono titolari delle posizioni organizzative disciplinate dagli artt. 8 e seguenti del CCNL del l articolo 2103 del codice civile in quanto compatibile con la disciplina speciale; - l articolo 52 del D.Lgs , n. 165 (Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche); - l articolo 8 del CCNL stipulato il ; - l art. 52 del D.Lgs che prevede che per obiettive esigenze di servizio il prestatore di lavoro può essere adibito a mansioni proprie della qualifica immediatamente superiore nel caso di vacanza di posto in organico, per non più di sei mesi, prorogabili fino a dodici qualora siano state avviate le procedure per la copertura dei posti vacanti; - lo Statuto e l O.R.EE.LL.;

5 - la deliberazione di Giunta Comunale n.55/2013 con all oggetto: Introduzioni accertamenti sanitari sulla tossicodipendenza, alcool-dipendenza sulla assunzione di sostanze stupefacenti psicotrope. Obblighi di trasparenza dei soggetti nominati o incaricati intuitu personae. Atto di indirizzo ; - la deliberazione di Giunta Comunale n.73 del 17 aprile 2013 avente per oggetto: Erice trasparenza - direttive organizzative per il rafforzamento della trasparenza della struttura organizzativa del Comune di Erice ; - il Decreto Sindacale n.1/2013 di Nomina responsabili dei servizi ed attribuzione delle funzioni di cui all articolo 51, commi 2 e 3 della legge 8 giugno 1990, n. 142 fino al 31 marzo 2013; CONSIDERATO che - in caso di contemporanea assenza sia del titolare che del supplente di una posizione organizzativa e per brevi periodi di tempo, occorre prevedere ulteriori misure atte ad assicurare il buon andamento dell azione amministrativa e prevenire possibili refluenze negative nell attività dell Ente potendo procedersi alla nomina di un diverso sostituto anche a semplice disposizione scritta; ACCERTATA la propria competenza ad adottare tale provvedimento; D I S P O N E Per le motivazioni superiormente espresse che qui si intendono richiamate e trascritte: 1. Di assegnare, con decorrenza dalla data di notifica del presente provvedimento e fino al 30 giugno 2013, per le motivazioni sopra richiamate che qui si intendono ripetute e trascritte, ai dipendenti sotto elencati, inquadrati nella categoria D, la responsabilità degli uffici e dei servizi in relazione ai settori funzionali dell Ente qui di seguito rispettivamente distinti: Settore TITOLARE SUPPLENTE I - Affari Generali, Legali e Servizi Demografici: II - Sport e Pubblica Istruzione: dr. Leonardo Di Benedetto Dr. Michele Scandariato Dr.Michele Scandariato Dr.ssa Leonarda Messina III - Servizi Finanziari; Dr. Antonio Pugliesi Dr.ssa Rosa Grimaudo IV - Gestione Risorse; Dr.ssa Rosa Grimaudo Dr. Leonardo Di Benedetto V - Lavori pubblici, Ecologia, Servizi tecnico manutentivi, Servizi a rete Protezione civile; Arch. Andrea Denaro Arch. Francesco Tranchida

6 VI - Gestione Territorio, SUAP, Condono e Abusivismo edilizio; VII Turismo e Cultura, Eventi e Centro Storico VIII - Servizi Sociali e Politiche Giovanili; C O M U N E D I E R I C E Arch. Francesco Tranchida Dr. Salvatore Denaro Dr.ssa Leonarda Messina Arch. Andrea Denaro dr. Leonardo Di Benedetto Dr. Michele Scandariato IX - Polizia Municipale; dr. Giacomo Ippolito ========================= 2. Di stabilire che per effetto del mutato quadro circostanziale determinatosi sono revocate le disposizioni di incarico precedentemente conferite ed incompatibili con il presente provvedimento; 3. Di attribuire ai dipendenti nominati come al superiore punto 2), in relazione ai Settori di rispettiva responsabilità ed ai sensi del comma 3 bis dell'articolo 51 della legge 8 giugno 1990, n. 142, come introdotta nell ordinamento siciliano con L.R , n.48 e modificata a seguito del recepimento della legge , n.127 effettuato con l art.2 della legge regionale 7 settembre 1998, n.23, le funzioni di cui all'articolo 51, commi 2 e 3 della medesima legge n.142/90, dando atto che ai medesimi dipendenti competono tutti i poteri di gestione delle risorse destinate nel PEG ai servizi stessi, nonché la gestione del correlativo personale, con poteri di impegnare l Ente verso i terzi, conformemente alla vigente disciplina statutaria e regolamentare; 4. Di dare atto che gli obiettivi assegnati ai dirigenti testé incaricati sono quelli desumibili dal programma amministrativo del Sindaco, dal PEG, nonché quelli di volta in volta assegnati con direttive espressamente impartite dal Sindaco e degli Assessori di riferimento e con deliberazioni della Giunta municipale; 5. Di dare atto che, indipendentemente dall eventuale attivazione di specifiche azioni e dall applicazione di apposite sanzioni previste dal vigente ordinamento giuridico, il Sindaco può revocare anticipatamente il conferimento dell incarico e l esercizio delle funzioni dirigenziali per motivate ragioni organizzative connesse ai programmi ed ai progetti definiti dagli Organi di governo, in ipotesi di inosservanza delle direttive impartite dallo stesso, dalla Giunta o dall Assessore di riferimento, nonché nei casi di gravi o reiterate irregolarità nell adozione o nell emanazione di atti, di rilevanti inefficienze, omissioni o ritardi nello svolgimento delle attività o di significativi e/o ripetuti esiti negativi nel perseguimento degli obiettivi di azione prefissati, anche nel contesto del Piano esecutivo di gestione, per l ambito di competenza, che non siano riconducibili a cause segnalate all Amministrazione, dall interessato, in modo tale da consentire, all Amministrazione stessa, l utile predisposizione e l idonea assunzione di interventi correttivi, integrativi o rettificativi dei programmi e degli strumenti programmatori e gestionali adottati o da adottarsi. Sono fatte salve eventuali ulteriori e/o diverse cause previste e disciplinate da fonte contrattuale collettiva nel tempo vigente; 6. Di dare atto che ai dipendenti sopra nominati e individuati, ai sensi dell art.15 del CCNL , per ricoprire gli incarichi di titolari di posizioni organizzative con il presente

7 provvedimento, saranno attribuite le retribuzioni di posizione e risultato nei limiti previsti dall art. 10, commi 2 e 3 del CCNL del ; 7. Di dare atto, altresì, che ai sensi del vigente regolamento comunale sull ordinamento generale degli uffici e dei servizi, con successivo atto la Giunta provvederà a rideterminare il trattamento economico delle posizioni organizzative corrispondenti alle figure apicali preposte alle strutture organizzative di massima dimensione; 8. Di incaricare il Segretario Generale di coordinare la gestione della fase transitoria allo scopo di assicurare continuità nella trattazione di tutti i procedimenti amministrativi in itinere; 9. Di specificare che la presente determinazione sarà notificata ai dipendenti interessati, al Segretario Generale, e, per opportuna conoscenza, al Consiglio Comunale per il tramite del Presidente, e ai sigg.ri Assessori nonché alle OO.SS. ed agli R.S.U.; 10. Di specificare che la presente determinazione, immediatamente esecutiva, sarà pubblicata all'albo Comunale per 15 giorni consecutivi ai sensi dell'art. 20, comma 3 bis, del Regolamento dei diritti di accesso dei cittadini agli atti ed ai documenti amministrativi ed alle informazioni. Documenti allegati SI [ ] NO [X] Tabella dell Elenco degli eventuali Documenti Allegati Il Responsabile dell Istruttoria: Dott. Di Benedetto Leonardo Il Responsabile del Settore I Dott. Di Benedetto Leonardo IL SINDACO Sig. Giacomo Tranchida

Comune di San Michele Salentino Provincia di Brindisi

Comune di San Michele Salentino Provincia di Brindisi Comune di San Michele Salentino Provincia di Brindisi Prot. n. 3586 lì, 18.05.2015 DECRETO SINDACALE N. 07/2015 OGGETTO: Nomina Responsabile del Settore Affari Generali Titolare di posizione organizzativa.

Dettagli

Comune di Villamar Prazza de Corti, 1 09020 Villamar Prov. Medio Campidano Tel. 070/9306901 Fax 070/9306017

Comune di Villamar Prazza de Corti, 1 09020 Villamar Prov. Medio Campidano Tel. 070/9306901 Fax 070/9306017 Comune di Villamar Prazza de Corti, 1 09020 Villamar Prov. Medio Campidano Tel. 070/9306901 Fax 070/9306017 DECRETO DEL SINDACO ai sensi dell art. 50, comma 10, del D. Lgs. n. 267/2000 N 02 del 05/04/2013

Dettagli

SETTORE N. 3 GESTIONE E ORGANIZZAZIONE RISORSE UMANE D E T E R M I N A Z I O N E

SETTORE N. 3 GESTIONE E ORGANIZZAZIONE RISORSE UMANE D E T E R M I N A Z I O N E AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA EX PROVINCIA OLBIA TEMPIO Legge Regionale 12 marzo 2015, n. 7 Delibera Giunta Regionale n.14/8 del 8.4.2015 SETTORE N. 3 GESTIONE E ORGANIZZAZIONE RISORSE UMANE D E T E R

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI DEL COMUNE DI CEREA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI DEL COMUNE DI CEREA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI DEL COMUNE DI CEREA PARTE PRIMA...3 ORGANIZZAZIONE...3 Art. 1 - Oggetto... 3 Art. 2 - Finalità... 3 Art. 3 - Criteri generali di organizzazione...

Dettagli

COMUNE DI SONDRIO REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

COMUNE DI SONDRIO REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI COMUNE DI SONDRIO REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Regolamento approvato con deliberazione di giunta comunale n 33 in data 02/03/2010 entrato in vigore il 7/04/2010 S:\Istituzionali\Pers\direzione\REGOLAMENTO\2014\Regolamento_testo_vigente_dic_2014.doc

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

C I T T À D I E R I C E PROVINCIA DI TRAPANI

C I T T À D I E R I C E PROVINCIA DI TRAPANI C I T T À D I E R I C E PROVINCIA DI TRAPANI VERBALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE Delibera N. 152 del 26/07/2013 Proposta N. 194 del 18/07/2013 COPIA OGGETTO: PIANO DELLA PERFORMANCE DEL COMUNE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PERSONALE DELL AGENZIA REGIONALE PER IL LAVORO E L ISTRUZIONE ARLAS INTRODUZIONE. Art. 1. Oggetto e finalità del regolamento

REGOLAMENTO DEL PERSONALE DELL AGENZIA REGIONALE PER IL LAVORO E L ISTRUZIONE ARLAS INTRODUZIONE. Art. 1. Oggetto e finalità del regolamento ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL PERSONALE DELL AGENZIA REGIONALE PER IL LAVORO E L ISTRUZIONE ARLAS INTRODUZIONE Art. 1 Oggetto e finalità del regolamento 1. Il presente Regolamento disciplina l amministrazione

Dettagli

Comune di Villamar Prazza de Corti, 1 09020 Villamar Prov. Medio Campidano Tel. 070/9306901 Fax 070/9306017

Comune di Villamar Prazza de Corti, 1 09020 Villamar Prov. Medio Campidano Tel. 070/9306901 Fax 070/9306017 Comune di Villamar Prazza de Corti, 1 09020 Villamar Prov. Medio Campidano Tel. 070/9306901 Fax 070/9306017 DECRETO DEL SINDACO ai sensi dell art. 50, comma 10, del D. Lgs. n. 267/2000 N 04 del 05/04/2013

Dettagli

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO REGOLAMENTO SULLA MOBILITA INTERNA DEL C O M U N E DI SAN PANCRAZIO SALENTINO (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 95 del 26 luglio 2007) 1 INDICE SISTEMATICO Art. 1 Individuazione e definizione

Dettagli

Provincia di Frosinone REGOLAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE

Provincia di Frosinone REGOLAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE Provincia di Frosinone REGOLAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE Approvato con deliberazione di G. P. n. 448 del 20.11.2002 ART 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento, nell ambito della normativa

Dettagli

COMUNE DI FRASSINORO PROVINCIA DI MODENA DETERMI NAZI ONE DEL S ETTORE: Servizio Urbanistica ed Ambiente. Nr. Progr.

COMUNE DI FRASSINORO PROVINCIA DI MODENA DETERMI NAZI ONE DEL S ETTORE: Servizio Urbanistica ed Ambiente. Nr. Progr. COMUNE DI FRASSINORO PROVINCIA DI MODENA C O P I A DETERMI NAZI ONE DEL S ETTORE: Servizio Urbanistica ed Ambiente SERVIZIO TECNICO EDILIZIA-URBANISTICA. NOMINA RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO. Nr. Progr

Dettagli

DISCIPLINA DEI CRITERI E DELLE PROCEDURE PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI

DISCIPLINA DEI CRITERI E DELLE PROCEDURE PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI DISCIPLINA DEI CRITERI E DELLE PROCEDURE PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998,

Dettagli

ALLEGATO 1. Comune di Pisa Ordinamento degli uffici e dei servizi

ALLEGATO 1. Comune di Pisa Ordinamento degli uffici e dei servizi ALLEGATO 1 Comune di Pisa Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n 205 del 13 novembre 2012 INDICE Parte 1^ DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Oggetto Finalità Organizzazione

Dettagli

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive

Dettagli

DETERMINA DIRIGENZIALE N. 87 DEL 03/09/2015 IL DIRIGENTE

DETERMINA DIRIGENZIALE N. 87 DEL 03/09/2015 IL DIRIGENTE COPIA Settore GESTIONE RISORSE UMANE Ufficio: UFFICIO DI DIREZIONE (PERSONALE) N.Reg. Generale 1.009 Del 03/09/2015 DETERMINA DIRIGENZIALE N. 87 DEL 03/09/2015 OGGETTO: INDIZIONE selezione pubblica per

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Copia della presente determinazione viene trasmessa a: SINDACO SEGRETARIO GENERALE ASSESSORE ALLE RISORSE UMANE DIRIGENTE ORGANIZZAZIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE SERVIZIO FINANZIARIO ALTRI SERVIZI ALBO

Dettagli

COMUNE DI VILLASIMIUS

COMUNE DI VILLASIMIUS COMUNE DI VILLASIMIUS PROVINCIA DI CAGLIARI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA. =.=.=.=.=.=. N. 4 del 22-01-2013 COPIA OGGETTO: Modifica vigente Regolamento di Organizzazione degli Uffici e dei Servizi.

Dettagli

COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno

COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno Copia Determinazione del responsabile del 1- Settore Affari Generali e Istituzionali Num. determina: 126 Proposta n. 910 del 03/10/2013 Determina generale num. 879

Dettagli

Presiede la seduta il sig. Dott. Donato GENTILE nella sua qualità di Sindaco e sono presenti i seguenti sigg.ri:

Presiede la seduta il sig. Dott. Donato GENTILE nella sua qualità di Sindaco e sono presenti i seguenti sigg.ri: C I T T À DI B I E L L A ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 392 DEL 30.09.2013 OGGETTO: PERSONALE COSTITUZIONE FONDO RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E DI RISULTATO PERSONALE DIRIGENTE ANNO 2013

Dettagli

N. 195 Del 20/11/2015

N. 195 Del 20/11/2015 Piazza Duomo, 1 C.A.P. 80035 - C.F. 84003330630 - Partita I.V.A. : 01549321212 COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 195 Del 20/11/2015 OGGETTO: Linee di indirizzo per la dismissione delle partecipazioni

Dettagli

Regolamento di Organizzazione

Regolamento di Organizzazione A. S. P. CITTA DI SIENA: Azienda Pubblica di Servizi alla Persona (Legge Regione Toscana 3 Agosto 2004 n. 43) Regolamento di Organizzazione Deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 110 del 7 Dicembre

Dettagli

Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance. Finalità e principi

Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance. Finalità e principi Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance Finalità e principi Art. 1 - Finalità Il presente regolamento disciplina il sistema di misurazione e valutazione della

Dettagli

Copia deliberazione della Giunta Comunale

Copia deliberazione della Giunta Comunale C o m u n e d i M a r t i g n a n o P r o v i n c i a d i L e c c e ------------------------------------------ Copia deliberazione della Giunta Comunale n. 36 del 16/07/2014 Oggetto: Costituzione di un

Dettagli

CAPITOLO 12 - SISTEMA DEGLI INCARICHI E DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE

CAPITOLO 12 - SISTEMA DEGLI INCARICHI E DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE CAPITOLO 12 - SISTEMA DEGLI INCARICHI E DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE 12.1 Individuazione delle Strutture Semplici e Complesse Nell individuare le strutture complesse di cui all allegato n. 2

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE 36016 Thiene (VI VI) N. 27/2014 di reg. DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Con l'assistenza dei signori: In data: 16/01/2014 Direttore Amministrativo Direttore Sanitario Direttore dei Servizi Sociali

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

DOCUMENTO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE

DOCUMENTO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE Pagina 1 di 10 COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO DOCUMENTO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 28 del 27.02.2013 Si attesta che il presente

Dettagli

COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE

COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE ORIGINALE COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 40/2010 Reg. Delib. OGGETTO:DECRETO LEGISLATIVO N 150/09. APPROVAZIONE REGOLAMENTO SUL CICLO DI GESTIONE

Dettagli

Provincia di Salerno **********

Provincia di Salerno ********** COMUNE DI SICIGNANO DEGLI ALBURNI Provincia di Salerno ********** REGOLAMENTO NUCLEO DI VALUTAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO, ADOTTATA CON I POTERI

Dettagli

Regione Siciliana. Presidenza. L Assessore

Regione Siciliana. Presidenza. L Assessore Regione Siciliana Presidenza L Assessore DISEGNO DI LEGGE Disciplina dell impiego presso l amministrazione regionale ART. 1 (Ordinamento del personale dell Amministrazione regionale) 1. Il personale dei

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferraris:

A relazione dell'assessore Ferraris: REGIONE PIEMONTE BU9S1 05/03/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 2 marzo 2015, n. 25-1122 Attuazione dell'art. 2 del D.L. n. 101 del 31.8.2013, convertito con modificazioni in L. n. 125 del 30.10.2013.

Dettagli

COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA CRITERI DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE ESTRATTO DAL REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPROVATO CON ATTO

Dettagli

Comune di Galatina Provincia di Lecce

Comune di Galatina Provincia di Lecce Comune di Galatina Provincia di Lecce DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Numero 318 del 05-03-2015 REGISTRO GENERALE DELLE DETERMINAZIONI PRATICA N. DT - 315-2015 del 03-03-2015 L estensore CONGEDO LUCIANA TERESA

Dettagli

CITTA' DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

CITTA' DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Prot del CITTA' DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI ******* DETERMINAZIONE DEL SINDACO N. 40 DEL 27/05/2014 OGGETTO: INTEGRAZIONE DETERMINA SINDACALE N.40 DELL 08/03/2013 NOMINA A COLLABORATORE CIVICO A TITOLO

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA SETTORE 2 GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE

COMUNE DI RAGUSA SETTORE 2 GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE COMUNE DI RAGUSA SETTORE 2 GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE LINEE GUIDA PER LA DISCIPLINA DELLA STIPULA DEI CONTRATTI DI DIRITTO PRIVATO QUINQUENNALI PART-TIME CON I LAVORATORI UTILIZZATI IN ATTIVITA

Dettagli

OGGETTO: Medici Competenti Azienda Ospedaliera di Cosenza - Applicazione D.C.A. n. 128 del 15.12.2015.-

OGGETTO: Medici Competenti Azienda Ospedaliera di Cosenza - Applicazione D.C.A. n. 128 del 15.12.2015.- (istituita con D.P.G.R. Calabria 8 febbraio 1995 n 170) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N.073 DEL 05.04.2016 OGGETTO: Medici Competenti Azienda Ospedaliera di Cosenza - Applicazione D.C.A. n. 128

Dettagli

AREA UFFICIO TECNICO SETTORE LAVORI PUBBLICI

AREA UFFICIO TECNICO SETTORE LAVORI PUBBLICI C O M U N E D I SABBIO CHIESE P R O V I N C I A D I B R E S C I A via Caduti 1, 25070 SABBIO CHIESE (BS) AREA UFFICIO TECNICO SETTORE LAVORI PUBBLICI ----------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

DETERMINAZIONE. Estensore DE ANGELIS LORENZO. Responsabile del procedimento LUIGI CONTE. Responsabile dell' Area R. FIORELLI

DETERMINAZIONE. Estensore DE ANGELIS LORENZO. Responsabile del procedimento LUIGI CONTE. Responsabile dell' Area R. FIORELLI REGIONE LAZIO Dipartimento: Direzione Regionale: Area: DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO TRASPORTI PORTI E TRASPORTO MARITTIMO DETERMINAZIONE N. A10161 del 09/10/2012 Proposta n. 19582 del 24/09/2012

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI SAN VITO PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI SAN VITO PROVINCIA DI CAGLIARI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA N. 30 del 21.04.2015 OGGETTO: Sistema di misurazione e valutazione delle performance dei Responsabili di unità organizzativa

Dettagli

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione CAPO 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 27 capo 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 28 I Principi di Organizzazione titolo IV I Principi di Organizzazione Art. 18 - Principi

Dettagli

IL DIRIGENTE. Sostanzialmente il fondo è composto da due macroraggruppamenti di risorse definite stabili e variabili:

IL DIRIGENTE. Sostanzialmente il fondo è composto da due macroraggruppamenti di risorse definite stabili e variabili: IL DIRIGENTE Premesso che: il contratto nazionale di lavoro per il personale del comparto Regioni ed Enti Locali (di seguito per brevità CCNL) del 22/1/2004 all art. 31 ha ridisegnato, semplificando e

Dettagli

Comune di Montevago Provincia di Agrigento

Comune di Montevago Provincia di Agrigento Città Termale Comune di Montevago Provincia di Agrigento D E T E R M I N A Z I O N E DEL SETTORE SERVIZI TECNICI N 389 Del 28/12/2011 OGGETTO: Organizzazione interna del settore SERVIZI TECNICI e definizione

Dettagli

C I T T À D I E R I C E

C I T T À D I E R I C E C I T T À D I E R I C E VERBALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Delibera N. 55 del 09/09/2014 Proposta N. 26 del 04/08/2014 ORIGINALE OGGETTO: IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) COMPONENTE TARI DETERMINAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI AFFIDAMENTO, CONFERMA, REVOCA INCARICHI DIRIGENZIALI, AREE DIRIGENZIALI MEDICA - VETERINARIA e S.P.T.A.

REGOLAMENTO IN MATERIA DI AFFIDAMENTO, CONFERMA, REVOCA INCARICHI DIRIGENZIALI, AREE DIRIGENZIALI MEDICA - VETERINARIA e S.P.T.A. REGOLAMENTO IN MATERIA DI AFFIDAMENTO, CONFERMA, REVOCA INCARICHI DIRIGENZIALI, AREE DIRIGENZIALI MEDICA - VETERINARIA e S.P.T.A. Il presente regolamento definisce le procedure per l affidamento, la conferma

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 156 DEL 23 SETTEMBRE 2010

DETERMINAZIONE N. 156 DEL 23 SETTEMBRE 2010 COMUNE DI LONGI Provincia di Messina AREA AMMINISTRATIVA DETERMINAZIONE N. 156 DEL 23 SETTEMBRE 2010 Servizio Sport Turismo e Manifestazioni Timbro dell UffIcio LA RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Maria Galati

Dettagli

LE SANZIONI DISCIPLINARI NEL DECRETO LEGISLATIVO 27 ottobre 2009 n. 150. TITOLO IV, CAPO V Dall art. 67 all art. 73

LE SANZIONI DISCIPLINARI NEL DECRETO LEGISLATIVO 27 ottobre 2009 n. 150. TITOLO IV, CAPO V Dall art. 67 all art. 73 LE SANZIONI DISCIPLINARI NEL DECRETO LEGISLATIVO 27 ottobre 2009 n. 150 TITOLO IV, CAPO V Dall art. 67 all art. 73 ARTICOLO 67 Oggetto e finalità Comma 1 Finalità: potenziare i livelli di efficienza negli

Dettagli

COMUNE DI PREDOSA PROVINCIA DI ALESSANDRIA

COMUNE DI PREDOSA PROVINCIA DI ALESSANDRIA COMUNE DI PREDOSA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DETERMINAZIONE DEL SEGRETARIO COMUNALE N. 28/2012 Oggetto: COPERTURA A TEMPO PIENO ED INDETERMINATO DI N. 1 POSTO DI AGENTE DI POLIZIA MUNICIPALE CATEGORIA C

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA servizio risorse umane Pagina 1/7

PROVINCIA DI VERONA servizio risorse umane Pagina 1/7 Pagina 1/7 Verona, 19 aprile 2016 determinazione organizzativa n. 53/2016 All unità operativa trattamento economico e previdenziale e per conoscenza al dott. Roberto Maria Carbonara segretario direttore

Dettagli

NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 9 28 gennaio 2015 Immediatamente Eseguibile

NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 9 28 gennaio 2015 Immediatamente Eseguibile Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 9 28 gennaio 2015 Immediatamente Eseguibile Oggetto : Assunzione, con contratto a tempo determinato, ai sensi dell'art.

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO AZIENDALE DI ARPA EMILIA ROMAGNA

CODICE DI COMPORTAMENTO AZIENDALE DI ARPA EMILIA ROMAGNA CODICE DI COMPORTAMENTO AZIENDALE DI ARPA EMILIA ROMAGNA Approvato con Delibera del Direttore Generale n. 5 del 31/01/2014 In vigore dal 31/01/2014 Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente codice si

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 8 aprile 2013, n. 39. Capo I. Principi generali

DECRETO LEGISLATIVO 8 aprile 2013, n. 39. Capo I. Principi generali DECRETO LEGISLATIVO 8 aprile 2013, n. 39 Disposizioni in materia di inconferibilita' e incompatibilita' di incarichi presso le pubbliche amministrazioni e presso gli enti privati in controllo pubblico,

Dettagli

~... r TRIBUNALE DI ANCONA. R.G. n. 1454/2013

~... r TRIBUNALE DI ANCONA. R.G. n. 1454/2013 ... r TRIBUNALE DI ANCONA R.G. n. 1454/2013 DECRETO ex art. 28 L. n. 300170 ILOIUDICE Sciogliendo la riserva assunta all'udienza del 3 settembre 2013; letti gli atti; visto l'art. 28 L. n. 300170; rilevato

Dettagli

ALLEGATO 1 LINEE GUIDA IN MATERIA DI MOBILITÀ INTERNA ED ESTERNA DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO PREMESSE NORMATIVE

ALLEGATO 1 LINEE GUIDA IN MATERIA DI MOBILITÀ INTERNA ED ESTERNA DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO PREMESSE NORMATIVE ALLEGATO 1 LINEE GUIDA IN MATERIA DI MOBILITÀ INTERNA ED ESTERNA DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO PREMESSE NORMATIVE Decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modifiche ed integrazioni;

Dettagli

C O M U N E D I LA MADDALENA

C O M U N E D I LA MADDALENA C O M U N E D I LA MADDALENA AVVISO PUBBLICO PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO DIRIGENZIALE PROFILO ESPERTO AREA TECNICA A TEMPO PIENO E DETERMINATO AI SENSI DELL ART.

Dettagli

Art. 1 (Campo di applicazione)

Art. 1 (Campo di applicazione) Allegato C) alla deliberazione n. 29 del 31.10.2014 Regolamento per la definizione dei criteri per l individuazione, il conferimento, la valutazione e la revoca degli incarichi delle posizioni organizzative

Dettagli

Comune di Cavarzere Provincia di Venezia

Comune di Cavarzere Provincia di Venezia Comune di Cavarzere Provincia di Venezia Decreto Sindacale n. 2 in data 25.1.2013 OGGETTO: NOMINA DATORE DI LAVORO DELLA SICUREZZA, INDIVIDUAZIONE ED ATTRIBUZIONE COMPETENZE AI SENSI DEGLI ARTT. 17 E 18

Dettagli

3^ Settore DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. N. 189 del 30-06-2015. Il Dirigente di Settore

3^ Settore DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. N. 189 del 30-06-2015. Il Dirigente di Settore ORIGINALE 3^ Settore 3^ SERVIZIO - ECONOMATO - PROVVEDITORATO Oggetto: Determinazione a contrarre, per l'acquisizione del servizio di telefonia mobile mediante adesione alla Convenzione Consip denominata

Dettagli

COMUNE DI VALLEDORIA REGOLAMENTO SULLA M O BILITA INTERNA DEL PERSONALE

COMUNE DI VALLEDORIA REGOLAMENTO SULLA M O BILITA INTERNA DEL PERSONALE COMUNE DI VALLEDORIA Provincia di Sassari REGOLAMENTO SULLA M O BILITA INTERNA DEL PERSONALE A p p r o v a t o c o n D e l i b e r a z i o n e d i G i u n t a C o m u n a l e n. 1 0 7 d e l 3 0. 1 2. 2

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI COMUNE DI FAENZA REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO Approvato con deliberazione della Giunta

Dettagli

DECRETO DEL SINDACO. Settore V Comando di Polizia Municipale e servizi per il commercio. C I T T À D I T R A P A N I Provincia Regionale di Trapani

DECRETO DEL SINDACO. Settore V Comando di Polizia Municipale e servizi per il commercio. C I T T À D I T R A P A N I Provincia Regionale di Trapani C I T T À D I T R A P A N I Provincia Regionale di Trapani Settore V Comando di Polizia Municipale e servizi per il commercio Servizio Da ta 06/05/2010 N Regis tro Prot. Sindaco / Sezione 38/P.II^ Ca tego

Dettagli

COMUNE di TORTORETO Provincia di Teramo

COMUNE di TORTORETO Provincia di Teramo UFFICIO PERSONALE OGGETTO: Attribuzione alla Dr.ssa MARINA MARCHEGIANI Responsabile del Settore N. 6 Bilancio-ragioneria-economato-tributi-farmacia-informatizzazione di compiti e funzioni di cui all articolo

Dettagli

CITTÀ DI DOMODOSSOLA Provincia del Verbano Cusio Ossola

CITTÀ DI DOMODOSSOLA Provincia del Verbano Cusio Ossola Copia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.43 Oggetto:Assegnazione del personale alle Aree organizzative del comune e riapprovazione dotazione organica. L anno duemilaquattordici addì quattro

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: ASSEGNAZIONE AI RESPONSABILI DI SETTORE DEGLI OBIETTIVI PER L ANNO 2012.

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: ASSEGNAZIONE AI RESPONSABILI DI SETTORE DEGLI OBIETTIVI PER L ANNO 2012. C O M U N E D I P R I Z Z I Immediatamente esecutiva PROVINCIA DI PALERMO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 105 del Registro Data 10/10/2012 OGGETTO: ASSEGNAZIONE AI RESPONSABILI DI SETTORE

Dettagli

NUCLEO DI VALUTAZIONE

NUCLEO DI VALUTAZIONE Gli approfondimenti di Publika NUCLEO DI VALUTAZIONE O ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE SI PUÒ SCEGLIERE? A cura di Gianluca Bertagna NUCLEO O ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE A cura di Gianluca

Dettagli

COMUNE DI RIO MARINA PROVINCIA DI LIVORNO

COMUNE DI RIO MARINA PROVINCIA DI LIVORNO COMUNE DI RIO MARINA PROVINCIA DI LIVORNO PIAZZA SALVO D'ACQUISTO, 7-57038 - RIO MARINA (LI) C.F. 82001270493 - P.I. 00418180493 TEL 0565/925511 - FAX 0565/925536 www.comuneriomarina.li.it urp@comuneriomarina.li.it

Dettagli

COMUNE DI FORIO Provincia di Napoli Stazione di cura, soggiorno e turismo estiva ed invernale SETTORE 3

COMUNE DI FORIO Provincia di Napoli Stazione di cura, soggiorno e turismo estiva ed invernale SETTORE 3 COMUNE DI FORIO Provincia di Napoli Stazione di cura, soggiorno e turismo estiva ed invernale SETTORE 3 DETERMINA DEL RESPONSABILE DEL SETTORE N. 33 del 22/02/2011 OGGETTO: Determinazione risorse anno

Dettagli

Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA

Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA CITTÀ DI GIUGLIANO IN CAMPANIA Provincia di Napoli Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA N. 20. OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO DEL FABBISOGNO DI PERSONALE TRIENNIO 2014/2016 Data 04/02/2014

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI ma integrata con le risorse europee per lo sviluppo regionale; promuove e coordina i programmi e gli interventi finanziati dai fondi strutturali, i programmi finanziati dal Fondo per lo sviluppo e la coesione,

Dettagli

Il Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione

Il Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e, in particolare, l articolo 30, comma 2, che demanda a un decreto del Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione, previa consultazione

Dettagli

COMUNE DI RIO MARINA PROVINCIA DI LIVORNO

COMUNE DI RIO MARINA PROVINCIA DI LIVORNO COMUNE DI RIO MARINA PROVINCIA DI LIVORNO PIAZZA S. ACQUISTO, 7-57038 - RIO MARINA (LI) C.F. 82001270493 - P.I. 00418180493 TEL 0565/925511 - FAX 0565/925536 www.comuneriomarina.li.it urp@comuneriomarina.li.it

Dettagli

Regolamento del personale dipendente

Regolamento del personale dipendente Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Venezia Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 68 del 12.09.2007 (mod. con Del. 186 del 12.5.2010 e Del 283 del 11.6.2013) Regolamento

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE ANNO 2014 (Allegata alla deliberazione G.C. n 83 del 25/06/2015 )

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE ANNO 2014 (Allegata alla deliberazione G.C. n 83 del 25/06/2015 ) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE ANNO 2014 (Allegata alla deliberazione G.C. n 83 del 25/06/2015 ) La relazione sulla performance, prevista dall art. 10, comma 1, lettera b), del decreto legislativo 27 ottobre

Dettagli

Comune di Casalserugo Provincia di Padova

Comune di Casalserugo Provincia di Padova Comune di Casalserugo Provincia di Padova Prot. 6942/2015 SETTORE SERVIZI FINANZIARI - BIBLIOTECA Approvato con determinazione dirigenziale n. 225 del 13 agosto 2015 AVVISO PUBBLICO PER RICERCA DI PERSONALE,

Dettagli

COMUNE DI TOANO (Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ ESTERNA DEL PERSONALE

COMUNE DI TOANO (Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ ESTERNA DEL PERSONALE COMUNE DI TOANO (Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ ESTERNA DEL PERSONALE Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 93 del 17.10.2012 PARTE PRIMA - Passaggio diretto di personale Art. 1

Dettagli

COMUNE DI ROGLIANO (PROVINCIA DI COSENZA)

COMUNE DI ROGLIANO (PROVINCIA DI COSENZA) COMUNE DI ROGLIANO (PROVINCIA DI COSENZA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE SETTORE 1^-AMMINISTRATIVO-TRIBUTI-PATRIMONIO N.77 /Reg.SETTORE N.206 /Reg.GENERALE del 10 giugno 2013 del 10 giugno 2013 --- *

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO Provincia di Taranto

COMUNE DI MARUGGIO Provincia di Taranto SETTORE: Affari Generali COMUNE DI MARUGGIO Provincia di Taranto DETERMINA ORIGINALE Ufficio Casa Impegno di Spesa NUMERAZIONE DEL SERVIZIO Proposta determina N 21 del 15/09/2015 NUMERO DI REGISTRO GENERALE

Dettagli

Prot. n. 332/C1a Ancona, 8 gennaio 2013 IL DIRETTORE GENERALE

Prot. n. 332/C1a Ancona, 8 gennaio 2013 IL DIRETTORE GENERALE Registrato dalla Corte dei Conti il 28/02/2013, registro n. P.I., foglio n. 118 Prot. n. 332/C1a Ancona, 8 gennaio 2013 IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, concernente

Dettagli

COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno

COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno Originale Determinazione del responsabile del 1- Settore Affari Generali e Istituzionali Num. determina: 17 Proposta n. 116 del 31/01/2013 Determina generale num.

Dettagli

COMUNE DI BOVEZZO. PROVINCIA DI BRESCIA Via V.Veneto 28, CAP 25073. Codice Ente : 10275 D E T E R M I N A Z I O N E N 2 5 D E L 2 9 / 0 1 / 2 0 1 5

COMUNE DI BOVEZZO. PROVINCIA DI BRESCIA Via V.Veneto 28, CAP 25073. Codice Ente : 10275 D E T E R M I N A Z I O N E N 2 5 D E L 2 9 / 0 1 / 2 0 1 5 COMUNE DI BOVEZZO PROVINCIA DI BRESCIA Via V.Veneto 28, CAP 25073 Codice Ente : 10275 D E T E R M I N A Z I O N E N 2 5 D E L 2 9 / 0 1 / 2 0 1 5 COPIA CONFORME ALL ORIGINALE OGGETTO: CIG.Z8212E0978- AFFIDAMENTO

Dettagli

Raccolta Normativa della Regione Toscana 1

Raccolta Normativa della Regione Toscana 1 Legge Regionale 24 novembre 1997, n. 87 Disciplina dei rapporti tra le cooperative sociali e gli enti pubblici che operano nell ambito regionale. (Bollettino Ufficiale n. 42, parte prima, del 26.11.1997)

Dettagli

C O M U N E D I C U V I O Provincia di Varese

C O M U N E D I C U V I O Provincia di Varese C O M U N E D I C U V I O Provincia di Varese DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA Numero 98 Del 30-12-2014 Oggetto: INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO CON POTERE SOSTITUTIVO IN CASO DI INERZIA DEL RESPONSABILE

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI CARTURA PROVINCIA DI PADOVA C O P I A APPROVAZIONE DEL NUOVO SISTEMA DI PESATURA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE DELL'ENTE. Nr. Progr. 65 Data 24/09/2015 Seduta

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI LECCE

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI LECCE Alta Formazione Artistica e Musicale ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI LECCE Via Libertini, 3 cap. 73100 Tel. 0832/258611 Fax 0832/258636 accademialecce@libero.it / www.accademiabelleartilecce.com Prot. n. 5507/C11

Dettagli

Comune di Galatina. Provincia di Lecce. L estensore. Il responsabile del procedimento. Data. Il responsabile di servizio. Data Data Il Dirigente

Comune di Galatina. Provincia di Lecce. L estensore. Il responsabile del procedimento. Data. Il responsabile di servizio. Data Data Il Dirigente Provincia di Lecce REGISTRO DETERMINAZIONE Numero GENERALE 992 DELLE del DEL 08072014 DETERMINAZIONI DIRIGENTE Comune di Galatina PRATICA OREFICE del 08072014 N. DT 1028 2014 DATA 08072014 ANTONIO CLAUDIO

Dettagli

C I T T À D I E R I C E

C I T T À D I E R I C E C I T T À D I E R I C E VERBALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE Delibera N. 224 del 13/10/2014 Proposta N. 266 del 09/10/2014 ORIGINALE OGGETTO: AUTORIZZAZIONE AL SINDACO PER LA COSTITUZIONE DI PARTE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI PREMESSA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI PREMESSA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI Allegato A PREMESSA Il presente regolamento definisce le procedure per l affidamento, la conferma e la revoca degli incarichi dirigenziali di

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DECRETO 11 novembre 2011, n. 220 Regolamento recante determinazione dei requisiti di professionalità, onorabilità e indipendenza degli esponenti aziendali, nonché dei

Dettagli

Prot. n Roma, 15/01/2013. Alla Dr.ssa Paola Berardino Sub-commisario straordinario. e, p.c. Al Segretario e Direttore Generale Dott.

Prot. n Roma, 15/01/2013. Alla Dr.ssa Paola Berardino Sub-commisario straordinario. e, p.c. Al Segretario e Direttore Generale Dott. Segreteria Provinciale di Roma Prot. n Roma, 15/01/2013 Alla Dr.ssa Paola Berardino Sub-commisario straordinario e, p.c. Al Segretario e Direttore Generale Dott. Vincenzo Stalteri Al Direttore del Dipartimento

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E NUMERO 66 DATA 13/11/2014 OGGETTO: Misure organizzative per assicurare la tempestività

Dettagli

Comune appartenente all Unione Terre di Castelli DETERMINAZIONE

Comune appartenente all Unione Terre di Castelli DETERMINAZIONE Direzione Pianificazione Territoriale Servizio Edilizia privata e gestione del territorio - Urbanistica Tel. 059 777512 e-mail: sportelloedilizia@comune.vignola.mo.it Comune appartenente all Unione Terre

Dettagli

COMUNE DI MORSANO AL TAGLIAMENTO

COMUNE DI MORSANO AL TAGLIAMENTO COMUNE DI MORSANO AL TAGLIAMENTO (PROVINCIA DI PORDENONE) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA CITTADINA A TUTELA DELLA SICUREZZA URBANA. Adottato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti

Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti Master in gestione e innovazione nelle amministrazioni pubbliche Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti Giuseppe Panassidi 1

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU35 29/08/2013

REGIONE PIEMONTE BU35 29/08/2013 REGIONE PIEMONTE BU35 29/08/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 29 luglio 2013, n. 14-6180 Disciplinare per il conferimento degli incarichi di direzione di struttura complessa per la dirigenza medica

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA ORIGINALE COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE (Deliberazione n. 51 del 10/03/2011) OGGETTO: APPROVAZIONE DOTAZIONE ORGANICA E DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA Policlinico G. Martino Messina

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA Policlinico G. Martino Messina AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA Policlinico G. Martino Messina Deliberazione del Direttore Generale n 566 del 28.05.2015 A seguito di Proposta n. 499 in data 25/05/2015 U.O.C. Settore Affari Generali

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLA DOTAZIONE ORGANICA ED ALLE MODALITÀ DI REPERIMENTO DELLE RISORSE PROFESSIONALI.

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLA DOTAZIONE ORGANICA ED ALLE MODALITÀ DI REPERIMENTO DELLE RISORSE PROFESSIONALI. REGOLAMENTO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLA DOTAZIONE ORGANICA ED ALLE MODALITÀ DI REPERIMENTO DELLE RISORSE PROFESSIONALI. PREMESSA L Azienda speciale consortile COeSO Consorzio per la gestione delle politiche

Dettagli

COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE DATA 02.09.2014 OGGETTO: Programmazione triennale del fabbisogno di personale Triennio 2014-2015-2016. Piano delle N. 82 L anno duemilaquattordici il giorno

Dettagli