INDICE. Yuki Cross di Daisy Colantuono.34 Equilibrio di Distress Club..36

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE. Yuki Cross di Daisy Colantuono.34 Equilibrio di Distress Club..36"

Transcript

1 Marzo

2 INDICE Editoriali: Editoriali dei direttori di Guido Panzano e Sofia Zollo Editoriali dei rappresentanti d istituto.4 Editoriali dei rappresentanti alla consulta provinciale di Francesco Negozio...5 Articoli: Partita dura ai confini dell Europa di Alessandro Vigezzi Luna Rossa per l Europa di Marco Cilona...9 Considerazioni attuali: la caduta dei castelli di carta di Guido Panzano.. 10 Psicologia di massa del fascismo: come questo ha attirato milioni di persone e come tutti, in fondo, ne siamo attirati di Francesco Negozio Ironie paradossali di Marta Spizzichino Steve Jobs: così parlò l Ulisse senecano dei tempi nostri di Eleonora Corradi Alla luce del sole di Elisabetta Tortora Alain Resnais, il grande artiere della Nouvelle Vague di Luca Zammito La Grande Bellezza siamo noi di Alice Bertino La Grande Bellezza di Eleonora Di Benedetto Johnny Cash Out Among The Stars di Raffaele Ventura Molecola 8KS di Distress Club...23 Jok di Distress Club Test di Distress Club..25 Sotto questo cielo di Martina Mangione Componimenti creativi: Frozen di Anonimo. 28 La teoria delle stelle di Anonimo Senza nome di Anonimo Cera di Alice Sagrati...28 Sintomi di Alice Sagrati La strada nel deserto di Felix. 29 L angelo e la corda di Giulia Corsini. 30 La Tana del Ragno: parti quarta e quinta La meravigliosa e triste storia di poeti, scrittori e impavidi briganti: parte quinta di Gianmaria Gherardi De Candei e Guido Panzano Disegni: Yuki Cross di Daisy Colantuono.34 Equilibrio di Distress Club..36 Direttori: Guido Panzano e Sofia Zollo Capiredattori: Alessandro Vigezzi e Luca Zammito Impaginazione: Guido Panzano, Alessandro Vigezzi, Luca Zammito e Sofia Zollo Copertina: Anna Parlani Docente referente: Giulio De Martino Si desidera ringraziare i redattori, la segreteria, il Dirigente Scolastico Fabio Foddai e, in particolar modo, Loredana Polentini. 2

3 EDITORIALI DEI DIRETTORI Care lettrici e cari lettori, in questi mesi ho sempre incominciato i miei brevi editoriali con frasi come quello che avete tra le mani è il quarto numero de La Lucciola oppure questo è il primo numero de La Lucciola. Per variare, questo è il terzultimo numero de La Lucciola. Ebbene, contro tutte le previsioni che ci eravamo fatti all inizio, abbiamo raggiunto la quinta uscita in cinque mesi, raggiungendo le sette che ci eravamo proposti a Novembre. Fortunatamente, molto è cambiato dai primi numeri, la tecnica si va sempre più perfezionando. Come vi ho ripetuto stancamente, anche questa volta La Lucciola è un giornale splendido. Ma permettetemi di fare, prima di lasciarvi alla lettura, qualche riflessione con voi. Innanzitutto, se girerete questa pagina, ne troverete una vuota. Devo dire che già da due numeri avevo l intenzione di lasciare una facciata non scritta e, ammetterlo, per la redazione e per me è una grandissima sconfitta. Nonostante la nostra richiesta di articoli da parte dei rappresentati di Istituto, di editoriali informativi per tutti gli studenti, nulla è arrivato alla nostra mail. Negli ultimi tempi, mi ero anche personalmente abbassato a dei richiami. Insomma, prima delle elezioni della rappresentanza, tutte le liste ci mandarono i loro programmi, all assemblea di presentazione si riempirono la bocca con il nome del giornale e poi, in cinque mesi di pubblicazione, nemmeno una parola. Davvero, niente. Scusate, cari rappresentanti di Istituto, eletti democraticamente dal suffragio universale (oserei dire quasi dal plebiscito) della nostra vecchia scuola, ma tra i tanti impegni istituzionali (permettetemi l uso di questo termine tanto amato negli anni passati), quanto tempo poteva portare via la stesura di alcune misere righe di commento? Insomma, non dico di riportare i verbali dei comitati, delle vostre riunioni, delle proposte al preside, delle assemblee, dei collettivi, delle iniziative, delle manifestazioni, della cogestione, compito arduo e difficilissimo, ma almeno spendere qualche riga per presenziare su quella che è la fonte principale, nonché unica, di informazione nella nostra scuola! Avevate l opportunità di spiegare ed esporre a noi comuni studenti le gesta del nuovo organo della Commissione, idea sicuramente suggerita tenendo a modello le più alte diplomazie europee e mondiali, con tanto di rappresentanti dei rappresentanti e di presidenti dei rappresentanti. Perdonatemi se insisto, cari miei, ma io, dal basso del mio ultimo anno, non ho capito cos è questa Commissione e vi assicuro, per indagine diretta, che come me molti considerano oscure le vostre manovre nel corso di questo periodo scolastico. Uscite, se potete ancora farlo, dallo specchio degli occhiali della vostra perduta confusione e riprendetevi quello che in voi hanno visto i vostri elettori. Dimostratecelo. O almeno fate finta. Ma vi prego, fate qualcosa! Con sincero affetto, GUIDO PANZANO Gentili signori e signore, ci avviamo verso la fine di questo Anno Scolastico e bisogna accelerare i tempi per tentare di recuperare il recuperabile e, mentre mi concentro per non diventare isterica causa esame di maturità -, mi è capitato l altro giorno di risfogliare i vecchi numeri del giornale degli anni passati e mi ha fatto un enorme piacere notare come il giornale sia cambiato, cresciuto, pur rimanendo sempre con lo stesso spirito che ci permette di pubblicarlo ogni mese sempre con nuova euforia. Tutto ciò per dirvi, molto semplicemente, che a giugno quasi tutti i direttori (almeno si spera) se ne andranno dal Manara e, dopo questi mesi e anni in cui ho scritto sulla Lucciola, vi prego, vi scongiuro di non trascurarlo perché è una perdita per lei, per la scuola e per voi. Mi appello a tutta la redazione e a coloro a cui non interessa minimamente niente, continuate sempre e comunque a buttare giù qualcosa perché anche se fosse orrendo (e vi assicuro che ce ne sono stati di pezzi osceni tra queste pagine nel corso degli anni), nessuno, tranne i direttori, saprà chi diavolo siete. Con l augurio che anche questo numero vi appassioni, SOFIA ZOLLO 3

4 EDITORIALI DEI RAPPRESENTANTI DI ISTITUTO 4

5 EDITORIALE DEI RAPPRESENTANTI ALLA CONSULTA PROVINCIALE 22 FEBBRAIO, BANDIERE ROSSE AL VENTO Avevo previsto di pubblicare questo editoriale a Febbraio per evidenti motivi, poi ho avuto qualche problema a inviarlo. Il 22 febbraio 1980 tre uomini incappucciati entrano in casa Verbano nel quartiere di Montesacro, legano e imbavagliano i signori Verbano e attendono che rientri a casa il loro unico figlio: Valerio. Quando questi rientra, prima tentano di colpirlo per stordirlo ma, non essendoci riusciti, gli sparano alle spalle e lui cade, morendo di fronte ai genitori impotenti nelle ore successive. Gli assassini non verranno mai riconosciuti, ma tutti gli indizi puntano ad appartenenti ai NAR (Nuclei Armati Rivoluzionari), la formazione terroristica neo-fascista che imputridì Roma tra il 1977 e il Tuttavia nel 1989 la Procura chiuse l'inchiesta per mancanza di indizi, dopo uno dei processi più surreali, mal condotti e probabilmente inquinati della storia repubblicana italiana. Valerio era un diciottenne appartenente ad Autonomia Operaia, un ragazzo normale, appassionato di karate, Roma e fotografia. E forse fu proprio la passione per la fotografia che gli fu fatale. Nella stanza da letto di Valerio infatti venne ritrovato quello che poi verrà chiamato dossier Verbano, una raccolta di fotografie e appunti riguardante gli appartenenti all'estrema destra romana, forse l'inchiesta più completa sulle organizzazione sovversive neo-fasciste di questo periodo e sulle loro attività criminali. In questi fogli Valerio scrisse circa 900 nomi di coloro che, secondo un sentore comune presente negli ambienti della Sinistra romana, avrebbero tentato il colpo di stato sull'esempio di ciò che era accaduto in Argentina e in Cile. L'11 febbraio 1984 la Corte d' Appello ordinò la distruzione del dossier, distruggendo così la possibilità di rendere pubblici i risultati delle sue indagini. Grazie a testimonianze e alcune fotocopie di quei fogli sappiamo solo alcuni dei 900 appartenenti a organizzazioni sovversive neo-fasciste denunciati da Valerio. Tra questi ne riporto solo tre: Teodoro Buontempo, deputato senza interruzioni dal 1992 al 2008 con l'msi e Alleanza Nazionale; Stefano Delle Chiaie, fondatore di Avanguardia Nazionale; Francesco Storace, deputato e senatore per La Destra e Alleanza Nazionale, Ministro della Salute nel 2005 e Presidente della Regione Lazio tra il 2000 e il È per questo, e non solo per questo, che dobbiamo ricordare Valerio. Dobbiamo ricordarlo perché se fossimo nati 30 anni fa Valerio sarebbe potuto essere un mio compagno di banco, un mio vicino o sarei potuto essere io. Dobbiamo ricordarlo perché, se dimentichiamo le vittime del fascismo e del neo-fascismo, ricadremo nell'errore di sottovalutare queste forze. Dobbiamo ricordarlo perché in un momento di crisi economica, politica e sociale come questo, la politica demagogica fascista fa presa assoldando e formando giovani menti ignoranti. Dobbiamo ricordarlo perché le indagini furono svolte in maniera approssimativa e ignorando volontariamente prove importanti. Dobbiamo ricordarlo perché Valerio era un diciottenne che sapeva troppo. Dobbiamo ricordarlo perché 34 anni dopo altri Valerio Verbano sono stati uccisi da neo-fascisti: da Dax ucciso a Milano nel 2001 a Pavlos e Clement uccisi l'anno scorso rispettivamente in Grecia e in Francia. Dobbiamo ricordarlo perché il suo sacrificio non sia vano. FRANCESCO NEGOZIO 5

6 Partita dura ai confini dell Europa Se è difficile indovinare la schedina del Totocalcio, per la quale si commettono turpi delitti contro chi suggerisce sbagliato, per la quale si esulta per aver vinto cento cucuzze dopo averne perse mille, figuriamoci allora provare a prevedere il corso della Storia! Io, per esempio, ero convinto che la Russia non avrebbe mai osato far guerra all'ucraina. Al giorno d'oggi, le grandi nazioni tendono ad evitare i conflitti armati per il più solido dei motivi: non convengono. E' infatti il progresso stesso della tecnologia militare a rendere sempre più improbabile lo scontro diretto: più si è in grado di far male al proprio avversario, più l'avversario sarà in grado di contraccambiare la cortesia. Se poi l'avversario non è in grado, con ogni probabilità non combatterà, soprattutto se il nemico è della stessa etnia e non porta devastazione, ma promette ricchezza. E' quello che sta accadendo in Crimea: Putin e l'élite russa conoscono (e molto più profondamente) tutto questo, perciò si stanno muovendo con grande cautela e abilità. La fuga di Yanukovic e degli altri filorussi al governo dell'ucraina ha fatto capire nelle stanze del potere russe che controllare quel Paese, anche indirettamente, è impossibile. Però l'ucraina è una terra in posizione strategica, al confine con la Russia e alle porte dell'unione Europea; è una terra fondamentale per il controllo del Mar Nero e delle vie di transito del metano. Una terra, insomma, da non abbandonare a rivali politico-economici come la UE. Visto che i patti stretti con Yanukovic e i suoi sono diventati carta straccia, si è imposta l'esigenza di limitare i danni. Il governo di Mosca ha scelto il campo giusto, la Crimea, dove la stragrande 6 maggioranza della popolazione è di etnia russa, e il governo autonomo di quella regione è dichiaratamente filorusso. La Crimea per la Russia non è, quindi, solo una regione dell'ucraina in posizione strategica, ma è anche la più facile da conquistare. Putin ci si butta a pesce: le forze armate russe occupano la penisola, quasi senza incontrare resistenza. I soldati "ucraini" (parlano russo) si lasciano circondare e si consegnano spontaneamente. Un ufficiale ucraino, tale Iuli Mamciur, si è arreso qualche giorno fa, tutto fiero di essersi asserragliato quattro ore nella sua base, cantando l'inno nazionale, mentre i blindati russi sparavano in aria. Poi ha lodato i suoi uomini, di cui ben due su diverse centinaia erano feriti, elogiandoli "per aver fatto tutto il possibile" per difendere l'onore della loro divisa, e ha infine calato le brache. Che abbia fatto una saggia decisione a cedere di fronte a forze molto superiori è indubbio. Tutta questa contentezza per il proprio gesto, e il fatto che quasi tutti i soldati ucraini di stanza in Crimea lo stiano imitando, significa che nessuno ha mai pensato seriamente di opporsi. Il che è molto comprensibile: perché quei soldati dovrebbero scegliere di versare il loro sangue combattendo contro un invasore che parla la loro stessa lingua, e che promette loro di poter continuare a servire nell'esercito mantenendo il grado e con uno stipendio maggiore? Quanto al governo di Kiev, non ha nessuna intenzione di impegnarsi in una lotta dall'esito incerto contro un esercito superiore per numero e mezzi, in cui avrebbe tutto da perdere, e ha quindi ordinato una ritirata strategica (e che fatica stanno facendo per cercare di convincere i soldati della Crimea a non entrare nelle fila dei Russi!). Il nuovo governo di Kiev, inoltre, è ancora troppo fragile politicamente, ed è occupato quindi a consolidare la propria posizione, cavalcando l'entusiasmo del popolo per la cacciata dell'antieuropeista Yanukovic. Stanno varando misure per l'integrazione con l'unione Europea, e iniziando la "caccia alle streghe" per demolire il potere oligarchico dei grandi magnati industriali, che avevano sostenuto il governo

7 filorusso per le più vantaggiose condizioni economiche che offriva un alleanza con Putin, e che è inviso agli Ucraini per le porcate varie che si è concesso nel ventennio in cui è stato al potere: sono stati arrestati l'ex ministro dell'energia, al quale è stato confiscato l ingente patrimonio, ed un oligarca sospettato di organizzare una milizia separatista. Ma torniamo, letteralmente, a bomba (ne sono scoppiate poche, ma non si sa mai): per dare un gradevole aroma democratico all'incruenta occupazione della Crimea, il governo russo ha fatto indire un referendum, ed un modico 98% della popolazione si è dichiarato favorevole all'annessione. Ora, è noto come sia inutile e poco intelligente pensare che la Storia conceda il bis, però eventi similari avvengono ugualmente. Ai miei dotti lettori non potrà non venire in mente l'austria del 1938, passata alla Germania di Hitler, dopo essere stata invasa senza spargimento di sangue e dopo un referendum in cui soltanto il 98% degli Austriaci (che parlano tedesco) hanno detto "sì" all'unione dei due Stati. Anche allora una terra arcistufa di un ventennio di malgoverno ha accolto con sincero giubilo l'invasore. C'è però una differenza a rendere la situazione potenzialmente ancora più esplosiva: in Crimea sono esasperati anche dal fatto che fino ad ora si sono sentiti Russi dominati dai corrotti Ucraini di Kiev, e questa rivalità etnica fa sì che ora si sentano russi finalmente liberi nella propria nazione. Per essere molto più tranquilli è bene sapere che Putin è noto per aver rafforzato i suoi poteri personali a scapito degli organi democratici, per aver imposto leggi discriminanti, per esempio contro gli omosessuali, ma in generale contro tutti coloro che divergono dal pensiero di massa della Russia di oggi, che costituisce la base del potere del governo. Queste persone tendenzialmente fanno la fine delle Pussy Riot, mandate in gulag, travestiti da "centri di rieducazione. L esimio presidente russo ha inoltre fortemente limitato la libertà di informazione, e palesato le sue mire espansionistiche in campo politico, economico e militare. Ma lasciamo perdere prima di venire assassinati dal KGB o da quello che ne resta. Per mettersi definitivamente l'animo in pace basterà infine narrare come l'élite russa non si voglia limitare solo all'annessione della Crimea, ma voglia estendere 7 il più possibile la propria influenza in Ucraina: sfruttando tutti i "canali di contatto" dei tempi di Yanukovic (gli oligarchi, in cerca di protezione vista la cordialità del nuovo governo), e approfittando del fatto che nelle regioni del Sud e dell'est quasi la metà della popolazione è di etnia russa, vorrebbe quanto meno staccare quelle terre da Kiev, in modo da chiuderle ogni sbocco sul mare. Per fare questo occorre mettere in difficoltà il governo avversario e accrescere il malcontento fra la gente, con l'aiuto delle tensioni etniche, e quale miglior mossa che colpire le tasche dei cittadini? Oltre a cessare gli aiuti economici promessi all'ucraina con Yanukovic, il governo russo ha fatto salire alle stelle il prezzo del metano, e dato che da quelle parti non è che consumino molti gelati, la gente è costretta a svuotarsi il portafogli. Questo, da una parte, rende i "russi ucraini" sempre più vogliosi di unirsi alla Russia; dall'altra, rende invece gli Ucraini sempre più desiderosi di entrare nell'unione Europea. Abbiamo visto nel precedente articolo come l'ucraina sia troppo debole per affidarsi esclusivamente a sé stessa, ma abbia bisogno di modelli di civiltà da seguire e a cui appoggiarsi. Noi Occidentali lo siamo stati dopo la caduta dell'urss, quando in quelle terre in ginocchio eravamo visti come portatori di libertà e ricchezza. Passato il nostro apogeo non siamo più in grado di garantire quel benessere che stanno cercando da troppi secoli, come invece può fare la Russia, in gran ripresa. Quando però il filorusso Yanukovic, allontanatosi dalla UE, dopo essersi troppo appoggiato ai "russi ucraini" e agli odiati oligarchici, ha limitato la libertà dei cittadini, è esplosa la rivolta provocando tutta la serie di eventi fino a quelli attuali. Abbiamo visto come gli Ucraini che vogliono l'europa, e quindi la libertà e l'indipendenza, siano animati dal significato mistico di queste parole, che li ha fatti morire (inutilmente) come martiri fra le strade di Kiev. Ebbene, ora in quella città e nelle regioni a maggioranza ucraina del Nord e dell'ovest, dove è nata la rivolta, tanto più dure saranno le mosse della Russia tanto più crescerà in loro la volontà di raggiungere ciò per cui hanno combattuto.

8 E qui entriamo in gioco noi Occidentali. Obama, a cui è rimasto sul gozzo quel "bello e abbronzato" detto da Silvio in presenza di Putin, non ha intenzione di starsene a guardare, e nemmeno i decadenti Stati europei sono così deboli da abbandonare completamente il proprio pianerottolo politico. Anche questi devono scegliere il terreno adatto per vincere lo scontro: finché si rimane in ambito politico-militare, la Russia è troppo forte, lo scontro diretto non conviene mai, soprattutto in tempi di crisi, ed intervenire è complicato e controproducente. Si sposti però lo scontro sul piano economico, e Putin sobbalzerà come se gli avessero piantato uno spillo nel sedere. Perché è vero che la Russia è un colosso in ascesa e gli Stati occidentali sono chi più chi meno colossi in crisi, però siamo comunque tanti colossi e la Russia è sola. L'unica arma adoperabile, con tutti i macchinosi battibecchi fra alleati, sono le sanzioni economiche, le quali finora hanno avuto un'utilità relativa, per non dire che siano state completamente fallimentari (leggi Iran). Ma i governi occidentali stanno dimostrando di aver imparato qualcosa dai loro precedenti errori, e stanno cercando di volgere a loro vantaggio una caratteristica dell'attuale economia russa: la struttura oligarchica. Questa è la "pensata" che hanno avuto: invece di imporre sanzioni pantagrueliche che colpirebbero tutti i cittadini russi e farebbero peggiorare i rapporti internazionali oltre il livello di guardia, visto che l'economia (e quindi anche la politica) russa si basa sui singoli Lords, con sanzioni ad personam si colpirebbe il governo, ostacolandone le mosse, senza far esplodere il malcontento. Più di trenta straricchi oligarchi sono stati inseriti nella lista nera, e la finanza russa è in ebollizione. I potenti che fino ad ora hanno appoggiato Putin potrebbero mettere in dubbio la loro fedeltà: la borsa russa è in perdita, il rating rischia di essere abbassato, il Pil rallenta la sua crescita, le rendite finanziare degli oligarchi assomigliano sempre di più alle fiches del poker. Tutto questo è polvere di stelle, vero? Non tocca la nostra realtà quotidiana? Forse allora toccherà di più la nostra realtà il fatto che a Chelsea-Arsenal allo stadio di Stamford Bridge mancavano sia il presidente del primo club che l'azionista di maggioranza del secondo. E per mancare ad uno scontro diretto in chiave primo posto dovevano avere una buona ragione: si dà il caso infatti che Abramovich e Usmanov siano due fra i più ricchi oligarchi russi, e che durante la partita fossero in Russia a tastare il terreno. La finanza può sembrare polvere di stelle, ma Abramovich durante il crack mondiale del 2007 ha perso oltre la metà del proprio patrimonio e ha rischiato di dover vendere il Chelsea. Questo per dire che neanche la Russia dorme su un letto di rose, e che il tutto potrebbe ripercuotersi in Occidente, visto che il calcio è uno buono specchio dell'economia di un Paese. Ma c'è un altro fatto, ancora più importante: il disinteresse di quasi tutti per quello che sta accadendo, che si ripercuote poi inevitabilmente sulle classi dirigenti, così come Hitler e Mussolini sono stati frutto del malcontento dei propri popoli, e così come Putin è espressione della voglia di rivalsa del suo, dopo la crisi di vent'anni fa. Alla base di ogni decadenza nella storia c'è un peggioramento della mentalità, e la nostra decadenza non fa eccezione. Il nostro orizzonte politico è imploso dal Vietnam alla Crimea, e sta collassando ulteriormente: se alla maggioranza delle persone non importerà più nulla nemmeno del confine dell'europa, allora saremo finiti. In questo senso la Crimea è forse l'ultima spiaggia. Non è un caso che sull'orlo dell'europa, da una parte, Putin violi i diritti umani e il diritto internazionale e sia applaudito da coloro che sono invasi, e che, dall'altra, Erdogan imbavagli Twitter e i mezzi di informazione e la libertà di espressione, che le 8

9 Primavere Arabe, sorte ad un passo dalle nostre terre un tempo portatrici di civiltà, stiano miseramente morendo nel solito autunno senza fine. Non è un caso: sono i nostri valori, la nostra più alta cultura che non siamo più in grado di trasmettere, e questo semplicemente perché la stiamo perdendo, perché la stiamo a guardare impotenti mentre evapora, senza tentare in alcun modo di opporci, ma anzi approvando coloro che se ne infischiano. Ridicolo? Non tanto. Si provi a leggere la politica come frutto di tutto questo, e ogni cosa coinciderà. Sull'orlo dell'europa si sta giocando una partita veramente dura; l'orlo dell'europa è l'ultima spiaggia, poi il vestito si può solo scucire fino al centro. Ma dall'orlo si può anche ripartire. Ora l'ucraina (o quello che ne resterà) aderirà all'unione. Spero solo che quel popolo giovane e indurito dalle sventure porti nuova linfa, nuova energia nelle nostre pile scariche, e svegli magari chi ha voglia di fare qualcosa. Sto parlando di noi. ALESSANDRO VIGEZZI Luna Rossa per l Europa Non è Renzi, non ama l arroganza e la chiusura di Grillo, non è italiano e ha un programma rivoluzionario pronto a sorprendere l Europa. Stiamo parlando del greco Alexis Tsipras candidato del G.U.E. (Partito della Sinistra Europea) alla Presidenza della Commissione Europea per le elezioni europee di maggio. In Grecia è riuscito nell impresa di riunire sotto un unica coalizione la Sinistra radicale più divisa di tutta Europa, e nelle ultime elezioni svoltesi nel suo Paese, pur avendo in partenza un esiguo bacino elettorale, ha ottenuto il 26% dei consensi classificandosi al secondo posto alle spalle del democratico Antonis Samaras, ancora oggi a capo del governo greco (sebbene i sondaggi indichino Tsipras in vantaggio in caso di voto anticipato). In Europa c è chi già lo considera il nemico numero uno della UE mentre una gran parte delle Sinistre del continente si rispecchia unitariamente nelle sue coraggiose idee contro la politica dell austerità che, a suo parere, porta a pochi risultati pagati a un costo elevatissimo Infatti l aumento improvviso delle imposte e il drastico taglio sui servizi provocano solamente la crescita del tasso di disoccupazione e le disuguaglianze sociali, dato che i più bersagliati da questa strategia, volta a risanare il deficit pubblico, sono i componenti degli strati sociali più bassi. Altri punti del programma Tsipras sono il finanziamento di un progetto di ricostruzione economica, basato sull impiego della tecnologia e delle infrastrutture, che creerebbe nuovi posti di lavoro e spezzerebbe la lunga fase di recessione in cui è caduta l UE; la creazione di una Banca Europea che fornisca prestiti a basso interesse alle banche che accettano di fare credito a piccole e medie imprese, e che possa prestare denaro direttamente agli Stati membri. Tsipras propone inoltre una politica fiscale modificabile ciclicamente che esenti gli investimenti pubblici e che eviti nelle fasi recessive il diktat del pareggio di bilancio. Tra le altre idee trova spazio anche l aspirazione a una conferenza europea per il debito, sul modello di quella che si svolse nel 53 che cancellò una parte del debito tedesco dando i presupposti alla Germania per ripartire. In Italia è stata fondata una lista in suo sostegno promossa da intellettuali come Andrea Camilleri e Paolo Flores D Arcais e appoggiata da numerosi partiti della nostra sinistra radicale tra cui SEL (Sinistra Ecologia e Libertà) e PRC (Rifondazione Comunista) che sperano, dopo gli ultimi vani tentativi, di ricreare un movimento di sinistra che possa competere con il PD sfruttando il carisma di questo nuovo leader proveniente dall Est Europa. Il dubbio che rimane è se i suoi discorsi siano solo demagogici oppure realizzerà, in caso di vittoria, le sue promesse. MARCO CILONA 9

10 Considerazioni attuali: la caduta dei castelli di carta Resisto con molto piacere. Ero partito con l idea di commentare le ultime uscite della scena politica italiana. Venerdì scorso c è stata la prima rappresentazione (scusate non ho altre parole) del grillo parlante davanti alle televisioni italiane. Il comico, dall alto della saggezza suggeritagli dai suoi sessantasei anni, consigliato dal suo gaio guru dai capelli al vento, ha deciso di rispondere, di fatto non rispondendo, alle domande di un troppo sorridente e poco fiero giornalista. Pensavo di scrivere delle tante falsità che sono state dette, di come al populismo si univa una brillante tecnica oratoria, sicuramente attraente per le menti dei telespettatori più distratti. Scusate, ma oggi mi asterrò dallo scrivere dei fatti (non credo che quello che sta avvenendo di recente possa essere considerato veramente politica ) e vorrei piuttosto esporvi delle considerazioni, idee concrete, derivate totalmente dall esperienza, attuali, appunto. Prima di tutto, sentiamo intorno a noi, un aria comune di decadenza. Tutto ci parla di una fine di un epoca, di un trascinarsi stanco di vecchie abitudini del passato, inattuali e sterili. Vincono Oscar film che parlano di Eumolpi che vagheggiano tra bei paesaggi in distruzione e vaghe idee di (grande) bellezza. Lo si riscontra anche nella politica. I partiti sono morti. l antipolitica ci farà morire, siete vecchi. C è, nella nostra società, un senso di totale disfacimento, di crollo di antiche illusioni che non vengono sostituite da nulla. E c è quasi un senso di piacere, di autocompiacimento, nel non avere speranze, nel lasciare che le cose ci scorrano addosso, nel togliere la mano dal fiume della vita che scorre impetuoso. Molti, o quasi tutti, provano piacere nel rifugiarsi del pensare comune e in questo abisso (che sia esistente o da loro creato cambia ben poco) cercano le soluzioni di evasione più perversa. Lasciando stare ai moralisti il loro arduo compito, questa sensazione di decadenza ( sterile depressione ) diventa quindi una giustificazione al soddisfacimento dei desideri più proibiti, una spugna che cancella ogni senso di colpa. Questa può essere l osservazione imparziale di un osservatore (quasi) esterno, questo è quello che un occhio da spettatore può vedere nei balli sopra grattaceli illuminati e polveri bianche stese nei salotti buoni. Cosa possiamo dedurre da tutto ciò? Per rispondere a questa domanda, dobbiamo ritornare all inizio del nostro ragionamento, parlavamo di una fine di un epoca. Di conseguenza c è stato un inizio e uno svolgimento di quest epoca che ha potuto volgersi e spiegarsi grazie al progresso dei suoi individui, alla ricerca di una raggiungibile felicità materiale, consumistica e della proprietà. Alla fine dell epoca, la disponibilità di beni diventa quasi massima, insostenibile, non più di tanto migliorabile. Possiamo fare un parallelismo tra la crisi morale e le crisi cicliche di sovrapproduzione dell economia. La concezione borghese della vita, che poi si è espressa nel capitalismo, ha raggiunto il punto più alto della sua curva, fare di più è difficile, se non impossibile. Da qui viene in desiderio di una qualche autodistruzione, di una caduta della nostra qualità della vita per poter poi ritrovare la felicità nella speranza della crescita. Quindi, questo abisso davanti alla quale ci troviamo, possiamo affermare sia che esiste sia che non esiste. Può esistere in quanto siamo stati noi, viziati dalla disponibilità dei beni di cui ci siamo forniti, che ci siamo resi conto di una qualche insensatezza e insoddisfazione di tutto il nostro percorso. Dall altra parte può non esistere se paragoniamo la nostra condizione a chi non ha avuto le nostre possibilità. Facciamo per un attimo riferimento a chi non vive la sua vita, ai deboli, agli ultimi, che mai hanno visto salire la curva della loro esistenza. Anzi. Dunque, che valore ora ha questo nostro desiderio di distruzione, questo senso di decadenza, questa sterile depressione giustificatrice paragonata a quelle vite, così lontane dal nostro sguardo e dal nostro pensiero? Che valore hanno i piccoli residui di saggezza, sparsi in un mare di corruzione? Che valore hanno i geni e i corpi belli sepolti sotto un mare di trucco davanti a, per esempio, i bei persiani di cui ci parlava Pier Paolo Pasolini? Siamo diventati tutti dei Mastro-don Gesualdo, ma ancor meno sinceri e molto meno innocenti. Penso, in conclusione, che ci dobbiamo solamente vergognare dei nostri eccessi e delle nostre ree giustificazioni. Ritengo stucchevoli le considerazioni inattuali, dell epoca che finisce, del male incurabile, perché inutili e false, davanti a chi è stato meno eccessivo, eccentrico e egoista di noi. Usciamo solo per un momento dalle nostre lunghe automobili, mettiamo il naso fuori per sentire il vero odore del mondo. Quello che disprezziamo è solo la nostra torre di avorio, il nostro nido pieno di specchi che non ci doveva far sembrare fratelli, ma bensì amanti. Guardiamo coloro diversi da noi, che siamo i forti. Sono gli ultimi i soli che hanno qualcosa da insegnarci, dal loro luogo di spettatori esterni e non coinvolti, dall alto delle loro baracche e palazzi popolari. Alcuni intravidero una qualche giustizia sociale, altri una ricerca della purezza perduta. Forse è proprio per questo che vediamo bella l onestà di quei colori a tinte forti, perché proprio nei nostri ultimi c è la soluzione alla consapevolezza di essere, al fine della Storia, colpevoli. GUIDO PANZANO 10

11 Psicologia di massa del fascismo: come questo ha attirato milioni di persone e come tutti, in fondo, ne siamo attirati Nello studio del fascismo spesso ci si domanda come questo abbia potuto convincere così tante persone, nonostante le idee che portasse avanti fossero non solo assurde ma anche incredibilmente contraddittorie. Uno dei primi a chiederselo fu sicuramente Wilhelm Reich ( ), psichiatra austriaco di simpatie marxiste che, già nel 1933, con il saggio Psicologia di massa del fascismo, analizzò come e perché il nazi-fascismo avesse potuto prendere il sopravvento sulle masse. La spiegazione che si è data finora della svolta a destra degli anni '30, come dettata dalla crisi del '29 o dal trattato di Versailles, è sicuramente insufficiente a spiegare come più popoli si siano assoggettati a un autoritarismo così ridicolo e incoerente come quello nazi-fascista. In questo modo, infatti, si tende a svilire il fascismo come ideologia appartenente a una singola epoca storica e non ripetibile, mentre i fatti ci dimostrano che il fascismo (nelle sue infinite sfaccettature, tra cui quella razzista) non è iniziato nel '29 e finito nel '45, ma continua a permeare la nostra società. La prima domanda da farsi prima di affrontare qualunque discorso è questa: che cos'è il fascismo?. Facciamo rispondere Reich attraverso tre citazioni: Il fascismo non è l'opera di un Hitler o di un Mussolini, ma è l'espressione della struttura irrazionale dell'uomo di massa ; la mentalità fascista è la mentalità dell'uomo della strada mediocre, soggiogato, smanioso di sottomettersi ad un'autorità e allo stesso tempo ribelle ; il fascismo è l'espressione politicamente organizzata della 11 struttura caratteriale umana media, esso costituisce l'atteggiamento fondamentale dell'uomo autoritariamente represso dalla civiltà della macchine. Senza ricorrere eccessivamente ai concetti di repressione freudiana (tra cui l'inibizione morale della sessualità naturale del bambino che lo porta ad essere pauroso, timido, timoroso dell'autorità, ubbidiente, buono ed educabile in senso autoritario ) che Reich ritiene essere parte dei fondamenti del fascismo, egli ritiene che esso dipenda, anche e soprattutto, dalla paura di vivere. L'uomo di massa, infatti, pensa unicamente a salvaguardare la normalità della propria quotidianità, finendo poi con l'aderire al nazismo spontaneamente per sanare le contraddizioni della propria coscienza. Quindi non dobbiamo rivolgere tanto l'attenzione ai fattori esterni storico-sociali, quanto ai fattori interni, alle contraddizioni del nostro io combattuto tra Bene e Male. È indubbiamente difficile riuscire, nel corso della nostra vita, a isolare l'ombra che inevitabilmente ci appartiene, ma, quando lasciamo che essa vinca, la paura di vivere ha la meglio. A questo punto la via è segnata: siamo portati a esternare l'ombra su qualcun altro, per rassicurare il nostro ego. Ecco che vengono fuori le ideologie razziste, in cui l'ombra è proiettata collettivamente sul diverso, che incarna tutte le meschinità e le vergogne che ci appartengono, ma di cui vogliamo disfarci. La teoria della razza non è una creazione del fascismo. Al contrario: il fascismo è una creazione dell'odio razziale e la sua espressione politicamente organizzata. Perché? Perché quando l'ombra ci vince e la proiettiamo sugli Ebrei c'è il bisogno patologico di un Hitler che ci rassicuri, assicurandoci che lui combatterà gli Ebrei. Non solo l'odio razziale, però, è alla base del successo di un leader fascista: nel caso specifico della Germania come è possibile, infatti, che settanta milioni di persone siano state sedotte da uno psicopatico?

12 La risposta ovviamente non è semplicissima e non è data da un unico fattore, ma sicuramente possiamo rilevare che in Hitler vi fossero tutti i fattori psicologici di un membro medio della comunità portati all'estremo (il sentimento nazionalistico, l'anti-semitismo, l'anti-democraticità, etc.). Da ciò deriva l'infantile bisogno di appoggiarsi a qualcuno con cui identificarsi e riscoprirsi. Ecco quindi che il piccolo borghese ama e odia, in modo meccanico, ciò che il Führer dice di amare o odiare. Otto Strasser, confondatore del partito Nazista, scrive: Hitler risponde alle vibrazioni del cuore umano con la sensibilità di un sismografo che lo pone in grado di agire, come l'altoparlante che proclama apertamente i desideri più segreti, gli istinti più perversi, le sofferenze e le frustrazioni intime di un'intera nazione. L'errore del comunismo e dei partiti anti-fascisti in generale è stato quello di non riconoscere ciò, ma di negarlo fortemente, vedendo nel fascismo solo un movimento reazionario, senza interrogarsi per davvero su come questo movimento reazionario e fortemente anti-democratico e anti-liberale riuscisse a ottenere l'appoggio di masse che, a rigor di logica, sarebbero dovute essere attratte da altre ideologie che dessero loro la dittatura del proletariato (per le classi disagiate) o la democrazia liberale e liberista (per il ceto borghese). Ragionando e parlando a slogan, i partiti anti-fascisti non hanno saputo, o voluto, riconoscere che il fascismo va rintracciato nel proprio essere e che per renderlo inoffensivo non va negato ma riconosciuto. Se non lo si rintraccia nel proprio essere e nelle istituzioni che lo favoriscono (come una famiglia autoritaria o una società moralistica) non si potrà mai sconfiggere e si lascerà che intere popolazioni si vendano al Male per proteggersi dal Male stesso, non essendo più capaci di isolarlo e respingerlo dentro di loro. FRANCESCO NEGOZIO Ironie paradossali Ciò che risulta strano è pensare come in una persona possano confluire idee e opinioni diametralmente opposte. Mi capita spesso di fermarmi, sedermi e poi di rendermi conto che ciò che volevo realmente fare fosse solo camminare. In me, quindi, risiede l idea o la voglia di stare seduta come di stare in piedi. Ciò avviene anche quando ci si rende conto di dover prendere delle scelte di spessore ben maggiore, se è meglio arrancarsi a ciò che conosciamo o buttarsi alla cieca da un burrone di cui non si vede la fine. Risiedono in me opinioni discordi che si contraddicono in modo continuo senza arrivare a un pensiero di natura compatta e univoca. C è sempre una lotta intestina all interno della mente su ciò che è bene o è male fare, su ciò che bisognerebbe o si dovrebbe fare. E questo uno delle questioni che ha interessato maggiormente il pensiero filosofico e teologico da migliaia di anni. Quale sia la vera essenza ed identità del libero arbitrio, e soprattutto se è vero che esso sia davvero libero, credo che almeno uno volta tutti se lo siano chiesto. Anche se paradossalmente a volte il mio libero arbitrio appare tutt altro che libero, anzi, lo definirei paralizzato, del tutto immobile. E perché non si muove? La domanda sorge spontanea. L uomo è dotato d istinto. Istinto che spinge ad agire e ad amare, a cui però si contrappone una razionalità incatenata che priva l uomo di una delle facoltà più belle: la gioia di poter scegliere senza un perché o senza un fine. L arbitrio è dunque figlio della coscienza e dell incoscienza. Nasce dall anomala e contraddittoria unione della razionalità con l irrazionalità e noi siamo figli diretti di questi due elementi cardini. Impareremo prima poi a far convivere i due pacificamente in modo tale da poterci permettere di prendere delle decisioni con impavida e incosciente saggezza? Si riflette ininterrottamente tentando di porre, almeno per una volta, la ragione da una parte, ma più la si sopprime più essa riemerge (ciò che è più ironico e paradossale è voler razionalmente provare a pensare in maniera irrazionale). E allora cosa fare? Quale sia realmente la natura di questo sentimento 12

13 che ci rende del tutto inermi e fragili di fronte alla natura credo dovremmo saperlo! Kierkegaard forse parlerebbe d angoscia, io ancora devo riuscire a definirla. L arbitrio nasce nel presente di fronte alle aspettative di ciò che in potenza potrebbe essere tutto e che non è ancora niente di determinato. Viviamo, purtroppo, in una società oppressa dalla razionalità: mi chiedo solo se prima o poi potremmo far riemergere quella scintilla di irragionevolezza che rendevano gli uomini del passato così liberi. MARTA SPIZZICHINO Steve Jobs: così parlò l Ulisse senecano dei tempi nostri La mia storia racconta di una vita vera. Leggendo le tracce di un saggio breve che avrei dovuto svolgere come compito in classe, sono stata catturata dalla trama di un racconto. Protagonista della storia è Steve Jobs che, descrivendo le esperienze più importanti della sua esistenza, impartisce agli studenti universitari di Stanford una grandissima lezione di vita. Jobs comincia il lungo discorso proprio dalle esperienze giovanili, dal momento in cui decise di abbandonare l università per seguire i suoi sogni, le sue aspirazioni. Tutte le scelte fatte da giovane, scelte operate seguendo il cuore, si sono rivelate per lui le più importanti e, anche quelle che sul momento potevano sembrare insensate, con il passare del tempo si sono rivelate di un valore inestimabile. Ad esempio, tutti i corsi di calligrafia che seguì al college da quel momento in poi risultarono fondamentali anni dopo per la programmazione del Macintosh: il primo computer ad avere una bella tipografia. Ovviamente non era possibile all epoca unire i puntini (come ci dice Jobs), ma tutto diventò più chiaro dieci anni dopo, voltandosi indietro. Il suo è un incoraggiamento ad aver fiducia nel futuro, poiché i puntini che appaiono ora senza senso si uniranno con il passare del tempo. Proseguendo con il suo discorso, Steve ci racconta una storia di amore e perdita. Scoprì presto qual era il lavoro dei suoi sogni, il lavoro che amava fare e così fondò la Apple ad appena vent anni, nel garage di casa. L azienda continuò a crescere quando, dopo dieci anni e in seguito a contrasti all interno della compagnia, Jobs venne licenziato. Un colpo così duro avrebbe fatto arrendere chiunque. Ma non lui. L unica cosa che avrebbe potuto salvarlo era l amore infinito per il suo mestiere e così fu. Il licenziamento non rappresentava infatti alcun reale impedimento per Jobs, anzi gli diede l opportunità di ricominciare da zero, di entrare nel momento più creativo della sua vita e, come lui stesso afferma, il licenziamento fu la cosa migliore che gli potesse capitare. Infatti fondò altre due aziende, in seguito riacquistate dalla Apple, dove ben presto tornò a lavorare. L amore per le proprie passioni è ciò che ognuno di noi deve imparare a coltivare, a perseguire fino alla fine. Condurre il lavoro dei propri sogni è l aspirazione a cui tutti dovremmo mirare, senza perdere la fiducia, perché si sa che il cammino per arrivare al traguardo è sempre pieno di difficoltà. C è anche un altro modo per seguire il proprio cuore: l inesorabile scorrere del tempo. Steve Jobs da sempre ha creduto di voler vivere ogni istante come se fosse l ultimo, come del resto fa ciascuno di noi, ma mai ha capito fino in fondo cosa volesse dire come quando si è trovato di fronte alla morte: un cancro incurabile, massimo tre o sei mesi di vita. Ricordare che sarebbe morto presto fu lo strumento più utile che lo poté aiutare a fare le scelte importanti, poiché di fronte alla morte svanisce ogni cosa superflua e rimane solo ciò che davvero conta. Non si può perciò sprecare la propria esistenza seguendo dogmi, false credenze, vivendo la vita altrui o lasciandosi influenzare dalle opinioni. 13

14 La cosa più importante è avere il coraggio di seguire il proprio cuore e la propria intuizione, uniche strade che ci portano verso ciò che è veramente giusto. raramente le mettiamo in discussione sperimentando ciò che recepiamo. Spesso viviamo tutti i giorni conducendo una vita monotona e avendo poche aspirazioni per il futuro. Ma io credo che è proprio in un tale momento di crisi che dobbiamo prendere iniziative e affrontare le situazioni che ci si presentano con decisione e determinazione. Siamo noi gli artefici del nostro destino, siamo noi a decidere il nostro futuro. Il futuro è nelle nostre mani. ELEONORA CORRADI Il cancro diagnosticato a Steve Jobs si rivelò curabile e da quel momento in poi egli visse veramente ogni giorno come se fosse l ultimo della sua vita. Il suo racconto termina con un invito, una frase letta molti anni prima su una rivista degli anni Settanta, che per lui divenne una vera e propria filosofia di vita, ed è ciò che augura a tutti gli universitari di Stanford per il loro futuro: stay hungry, stay foolish. Fin dall antichità filosofi, pensatori e, più semplicemente, uomini hanno discusso riguardo la vita e la sua brevità. Leggendo questo discorso meraviglioso, ho subito pensato alla filosofia di Seneca, che pure affronta il tema dello scorrere inesorabile del tempo. Secondo Seneca, l uomo fa un uso profondamente scorretto della propria esistenza lamentandosi poi della sua brevità: infatti solo quando giunge alla fine si rende conto di averla vissuta soltanto per metà. Seneca è convinto, al contrario di molti altri, che la vita non sia affatto così breve, ma anzi lunga se il tempo viene gestito bene. Sempre secondo l autore latino, bisogna quindi vivere pienamente l oggi, considerandolo come una vita intera. Esiste anche un altro personaggio che incarna alla perfezione tutti gli aspetti riproposti da Steve Jobs: Ulisse, l uomo dominato dalla sete di conoscenza, mito dell eterna ricerca. Dove sono finiti oggi tutti questi valori? Abbiamo ora a disposizione mezzi tecnologici per recepire le informazioni ma 14 Alla luce del sole Alla luce del sole è un film di Roberto Faenza, tratto dalla storia vera di Don Pino Puglisi; è ambientato nel quartiere Brancaccio di Palermo tra il 1990 e il Don Puglisi è il sacerdote della chiesa del quartiere; vivendo a Brancaccio, si accorge di una dura verità: i bambini del quartiere sono coinvolti nella malavita e molti hanno dei genitori mafiosi. Egli cerca allora di cambiare i loro modi di fare, consigliando loro di andare a scuola, in chiesa e di non rubare. I ragazzi iniziano, quindi, a frequentare la sua parrocchia, perché è un luogo dove si possono sfogare giocando, per esempio, a calcio; i genitori mafiosi, però, non gradiscono gli insegnamenti di Don Puglisi e a un ragazzo di nome Domenico viene anche impedito di frequentare la parrocchia. Il sacerdote manda, comunque, dei messaggi chiari ai mafiosi di Brancaccio facendo un discorso nella piazzetta della chiesa, ma non viene ascoltato da nessuno. Il suo messaggio per i cosiddetti uomini d'onore era di presentarsi alla luce del sole e di non agire nell'ombra. In televisione e alla radio, annunciano l'omicidio di Giovanni Falcone e Don Puglisi decide di dedicargli una messa; successivamente arriva anche quello di Paolo Borsellino. In seguito ad una aggressione, Don

15 Puglisi si rende conto di essere in pericolo e che potrebbe essere ucciso da un momento all'altro. Ciò accade il giorno del suo 56º compleanno, per strada, da parte di un gruppo di mafiosi che lo avevano seguito in auto, proprio mentre Roberto Baggio segna un gol per la Juventus. Le sue ultime parole sono state: Vi aspettavo. Nell'ultima scena in cui viene celebrato il funerale, tutti i bambini della parrocchia sono presenti e lasciano un pensiero sopra la bara. Personaggi molto importanti sono i tanti bambini e ragazzi verso cui il parroco rivolge i propri sforzi: giovani e giovanissimi il cui animo è diviso tra il desiderio e il bisogno di legalità, suscitato da Don Puglisi, e la tradizione familiare legata alla criminalità organizzata. Si può dire che la pellicola si concentri su un dato: i bambini possono salvarci, sono la bellezza della rivoluzione, i bambini siamo noi prima di avere la rassegnazione dell'esser diventati adulti. Don Puglisi parla di regole, lo fa perché esse possono essere infrante a patto che prima si abbia la consapevolezza di essere liberi; ma questi bambini non lo sono, lo si comprende già da come pensano, ragionano e sognano; c'è chi, per esempio, desidera crescere, comprare una pistola e uccidere i poliziotti che hanno arrestato suo padre. silenzio disinteressato, non possiede più l'udito, perché non vuole ascoltare (aumentando la musica o il rumore del frullatore), non possiede più gli occhi, perché non vuole vedere (chiudendo le finestre o abbassando le serrande), tutto ciò per paura di essere coinvolta in un vortice che non lascia più liberi. Nonostante sia stato a volte solo nella sua lotta contro la mafia, Don Pino, nella sua determinazione, intende continuare a portare speranza e giustizia ai ragazzi dei luoghi in cui era nato. Lo scopo di Faenza è quello di mettere in luce chi è dimenticato mentre deve essere ricordato, è quello di parlare al cuore e non solo alla ragione, attraverso un linguaggio realistico e semplice. La macchina da presa trova il realismo di quei luoghi attraverso i desideri, la speranza che si annida negli animi di chi non teme, di chi non ha paura della sconfitta. La naturalezza e la verità del racconto sono tali che anche l'unico episodio di invenzione (il ragazzo che si suicida alla fine) è credibile, da brivido con quella danza della morte con la moto che inscena attorno a Don Puglisi prima di compiere quanto ha già deciso. Ci sono voluti anni per riconoscere il valore dell'opera di Don Puglisi e questo film testimonia ulteriormente come il suo sacrificio non sia stato vano, ma offra anche oggi una scintilla di speranza. ELISABETTA TORTORA Il compito di Don Puglisi è, quindi, quello d'insegnare la libertà attraverso le regole, con semplici azioni, come una partita a pallone o una festa di parrocchia. La mafia è talmente radicata tra le povere case di Brancaccio che ormai la gente è diventata preda del 15

16 Alain Resnais, il grande artiere della Nouvelle Vague Spero vivamente che i lettori possano perdonarmi la citazione di sapore carducciano (vedasi Congedo Giosuè Carducci), ma mi sembrava la più plausibile e adatta per tentare di delineare la figura di un regista tanto poliedrico, multiforme e inafferrabile qual è stato Alain Resnais, deceduto il 1 marzo Per quanto Resnais sia sempre stato annoverato fra i registi della Nouvelle Vague, è prima di tutto importante notare che non vi prese mai esplicitamente parte e che, per molti aspetti, si allontana dal modo di fare e concepire il cinema di Truffaut, Godard, Rivette e Chabrol (i principali animatori del movimento). Il movimento della Nouvelle Vague ( Nuova Ondata ) sorse a Parigi negli anni Cinquanta quando un gruppo di giovani critici cinematografici radunatisi intorno alla rivista Cahieurs du Cinéma ( Quaderni di Cinema ) e al suo direttore spirituale André Bazin incominciò a polemizzare con il cosiddetto cinema di qualità francese accusandolo di eccessiva letterarietà e di incapacità ad esprimersi in termini cinematografici. Questi giovani teorici riprendevano, fra tutte, le esperienze di registi del calibro di Hawks, Hitchcock, Minnelli, sottolineando come fossero riusciti ad imporre il marchio della propria personalità nonostante le sempre più rigide imposizioni del cinema hollywoodiano e i codici standardizzati del film di genere. Per loro la figura dell artista doveva essere in grado di esprimersi in termini autenticamente cinematografici. L anno scorso a Marienbad (1961): Delphine Seyrig e Giorgio Albertazzi Truffaut, Godard e gli altri si proponevano un tipo di cinema fedele alla sua vocazione realistica, che fosse scevro dalle manipolazioni del montaggio e che fosse espressione della soggettività degli autori. Un cinema in cui i confini fra critica, teoria e pratica cinematografiche fossero sempre più labili. Un cinema dove emergessero la spontaneità, la casualità e la leggerezza di un nuovo modo di operare. Considerando le premesse, risulta alquanto forzato l inserimento di Resnais nel novero dei registi della Nouvelle Vague. Non solo perché egli è stato un regista dalle grandissime ed elaboratissime abilità tecniche, ma anche perché il suo è un cinema tutt altro che spontaneo: è un cinema studiato e ponderato dove non è lasciato spazio all improvvisazione e in cui la matrice letteraria è molto forte, se non essenziale. Proveniente dalla borghesia medio-alta francese, Resnais è un uomo dall immensa cultura: lettore vorace che affonda le proprie radici artistiche nella letteratura francese dell Ottocento (Marcel Proust, in particolare) e nella tradizione cinematografica francese. Il regista nasce inizialmente come documentarista (realizzerà dal 48 al 57 ben otto corto-mediometraggi documentari) per poi approdare nel 1959 al lungometraggio con Hiroshima Mon Amour. Hiroshima Mon Amour (1959): Emanuelle Riva e Eiji Okada Per quanto Resnais si avvicini quindi ad un cinema di apparente finzione, la matrice documentaria è sempre presente nella persistenza oggettiva della realtà, di cui i suoi film diventano registrazioni autonome, in quanto sottoposte a sottili processi di astrazione. Lo stesso regista nega una qualunque intenzione simbolica e metaforica, ma è subito possibile individuare una sottile trama, nascosta sotto l apparente narratività del prodotto filmico. Il cinema di Resnais instaura, infatti, un rapporto dialettico fra il dato oggettivo e le operazioni mentali che su di esso i personaggi compiono. L esempio più lampante di questa compresenza di percezione e immaginazione è L anno scorso a Marienbad (1961), scritto dall esponente della Noveau Roman Alain Robbe-Grillet. Nel film la commistione fra le due dimensioni è fortissima e in molti casi è quasi impossibile individuarne una sostanziale distinzione: come infatti il dato percettivo è presente ed attivo nella sfera immaginativa, così quello immaginativo è 16

17 presente ed attivo nella sfera percettiva. Il film risulta essere allora «una messa in scena di una visione psicologica» (Paolo Bertetto). Esso rappresenta la proiezione della visione soggettiva del personaggio, che è però sempre costantemente determinata per via oggettiva e razionale. Come ha dichiarato lo stesso Resnais, il film rappresenta un vero e proprio tentativo di «avvicinarsi alle complessità del pensiero, del suo meccanismo». Proprio da queste considerazioni è possibile individuare il tema fondamentale della produzione di Resnais: l impossibilità di fondare e organizzare scientificamente la realtà. Essa si presta a continui mutamenti, e appare conseguentemente inafferrabile. Da qui emerge il profondo pessimismo dell autore: l impossibilità di determinare e di autodeterminarsi si esplicita nel continuo vagare, senza fine dei personaggi (i corridoi dell albergo nel caso de L anno scorso a Marienbad e la città di Hiroshima in Hiroshima Mon Amour) incessantemente desiderosi di comunicare. Tu non hai visto niente a Hiroshima, Io ho visto tutto a Hiroshima si alternano ininterrottamente sulle immagini del Giappone drammaticamente segnato dagli effetti della bomba atomica: un invocazione-evocazione che svela il desiderio senza posa di conoscenza. Il personaggio resnaisiano è l antieroe per eccellenza, l erranza rimpiazza l azione e il silenzio il discorso. Quest estetica del chiaro-confuso viene conseguentemente ad esplicitarsi per due vie: da una parte, l indistinzione del livello della realtà; dall altra, l utilizzo di un montaggio frenetico e maniacalmente preciso. A proposito di questa tecnica filmico-linguistica, Vincent Amiel ha ben definito il montaggio in Resnais un montaggio di ricomposizione che ordina diversamente delle realtà che appartengono a logiche diverse, indipendenti le une dalle altre. E chiaro, quindi, che il film si contraddistingua per una sostanziale frammentarietà. Providence (1976) di Alain Resnais Ogni inquadratura è concepita autonomamente in base alla singolarità della sequenza in esame ed appartiene ad un solo livello della realtà. Vi potrebbe essere però l equivoco di ritenere il montaggio di Resnais puramente meccanico: è proprio l opposto. Il montaggio è preciso, ma non si cristallizza: provoca degli attriti che sanciscono il definitivo strappo dell unità e, di conseguenza, la frammentarietà del senso della realtà. Il flusso filmico, apparentemente preciso, si caratterizza per un sostanziale lasciar accadere. Amiel distingue tre diverse forme di montaggio nel cinema di Resnais: il montaggio per accumulazione, il montaggio per sovrapposizione, il montaggio per interruzione. Il giardino e i frequentatori dell albergo in Marienbad Il primo tipo di montaggio si contraddistingue per inquadrature di oggetti immobili che si susseguono e sono accompagnate da una voce fuori campo (Mon oncle d Amèrique); il secondo per l esplicitarsi degli artifici della rappresentazione di cui si evidenza il processo di incollaggio (Hiroshima Mon Amour); il terzo per la sostanziale interruzione della processione narrativa per mezzo di musica, movimento, luce e colore (L amour à mort). I film di Resnais appaiono perciò essere delle sfuggevoli rappresentazioni di una realtà indefinibile. All indeterminatezza della narrazione pone rimedio la partitura musicale che costituisce lo scheletro intorno al quale il regista struttura i propri film. Essi presentano una costruzione musicale, in cui intorno ad un immagine se ne dispongono altre «che devono essere omogenee alla prima come lo sono gli elementi di una composizione musicale» (dichiarazione di Resnais in un intervista rilasciata a J. Carta e M. Mesnil). La musica non è un semplice accessorio, ma costituisce un elemento di primaria importanza nella costruzione drammatica del film. Resnais (la cui vasta conoscenza musicale è stata più volte riconosciuta dai suoi stessi collaboratori) non usa musica di repertorio, ma interagisce direttamente con il compositore in modo che il prodotto musicale possa essere il più funzionale possibile agli effetti prefissati. I film trovano nella musica l elemento di continuità del racconto: essa amplifica le emozioni, «per cui il non detto delle immagini e dei dialoghi viene affidato al commento sonoro» (Roberto Calabretto). Lo stesso Resnais, in un articolo di 17

18 poetica, sottolinea la grandissima importanza del sonoro nello spettacolo cinematografico: «Ciò che attira di più la loro [degli spettatori] attenzione non è tanto l immagine quanto la colonna sonora il suono delle voci, i rumori, le atmosfere, le musiche e soprattutto la possibilità di agire su due sensi contemporaneamente, l occhio e l orecchio». Ma la musica però non agisce solo sulle sfere visiva e uditiva dello spettatore: essa opera anche su quella mentale «giacché deve generare nello spettatore delle associazioni di idee». Il cinema di Alain Resnais risulta molto complesso nel rapporto che si instaura fra mezzo filmico e spettatore. La sua complessità è ulteriormente accresciuta dalla propria matrice letteraria: Resnais non ha mai scritto né collaborato alla scrittura delle sceneggiature per i propri film, ma è sempre ricorso ad uno sceneggiatore, che è stato, allo stesso tempo, anche uno scrittore. Lui stesso non si è mai definito un autore, bensì un metteur en scène. Questo non fa però sì che il cinema del regista sia asservito alla sua componente letteraria: quest ultima non è altro che un materiale profilmico che interagisce insieme agli altri all interno di una comune espressione artistica. Il regista tenta, attraverso i testi (perlopiù lirici) di sollecitare la reazione dello spettatore, stimolarlo procurandogli delle sensazioni e svegliando la sua riflessione. «E ciò che ho voluto realizzare: l equivalente di una lettura, lasciare allo spettatore altrettanta libertà e immaginazione che a un lettore di romanzi, che attorno all immagine, dietro l immagine e persino all interno dell immagine egli possa lasciar andare la sua immaginazione, subendo contemporaneamente la fascinazione dello schermo». LUCA ZAMMITO La Grande Bellezza siamo noi Molto è stato detto su La Grande Bellezza, il film di Sorrentino che ha vinto l'oscar come miglior film straniero, ben 15 anni dopo "La Vita è Bella" di Benigni. La critica si divide tra coloro che ritengono che si tratti di un capolavoro, un'opera meravigliosa "che rimarrà nella Storia" e coloro che invece lo descrivono come un film pessimo, una semplice scopiazzatura di Fellini, che riflette un'immagine sbagliata di Roma e dell'italia, quella che piace tanto agli Americani (che per questo l'hanno premiato). Come al solito, ogni mezza misura è abolita, non si contempla nessun altro giudizio se non i due estremi "è orrendo" - "è stupendo"; tra l'altro, molti di quelli che fino a pochi mesi fa rientravano nella prima categoria, oggi, un premio Oscar dopo, si affrettano a passare alla seconda e si dicono orgogliosi dell'opera meritatamente premiata. In ogni caso, è indubbio che La Grande Bellezza sia un film ben fatto: Sorrentino mostra grande maestria nel dirigere la macchina da presa, nella scelta delle musiche, nella costruzione scenica in generale. Poi, certo, il risultato può piacere come no: è un film sicuramente complesso, in primo luogo per il fatto che una vera e propria trama non c'è; è più un affresco, un alternarsi di immagini tra l'onirico e il descrittivo. E l'insieme è assurdo e grottesco, ma lo è volutamente: l'autore intende infatti compiere un'opera di osservazione, attraverso lo sguardo di un Jep Gambardella (interpretato da Toni Servillo) rassegnato alla vacuità della società che lo circonda e in essa perfettamente integrato. E' un film di profondi contrasti, che proprio con un contrasto inizia: si apre infatti con una visione immensa ed eterna di Roma dal Gianicolo, mentre si leva un canto sublime di musica sacra. Ma a rompere la serenità del momento è un urlo, un rumore 18

19 sbagliato, che rompe la perfezione e porta al movimento frenetico; infatti subito dopo il regista passa a inquadrare la scena della festa del sessantacinquesimo compleanno di Jep, dove gli invitati, vecchie cariatidi e patetici faccioni tirati a lucido, ballano sulle note di "A far l'amore comincia tu", che erompe altissima dopo il silenzio iniziale. stereotipo dell'italia all'estero, ma uno sguardo, se non realistico, quantomeno azzeccato, di ciò che effettivamente essa è: un contrasto vivente. E, del resto, tutto ciò che è italiano, compreso lo stesso Sorrentino, lo è: il regista, infatti, perfettamente in linea con quanto ha voluto mostrare nel suo film (e con quanto avrebbe tranquillamente potuto fare il suo protagonista, Jep), al momento di ritirare la statuetta, in un inglese maccheronico, dedica la vittoria, accanto a nomi quali Fellini e Scorsese (più che giusto), a Diego Armando Maradona, noto evasore del fisco italiano. Siamo così. ALICE BERTINO La Grande Bellezza E tutto il film è costruito su continui scarti da scene di questo tipo a meravigliose vedute di Roma, da musiche da villaggio turistico a meditativi silenzi: il regista intende in questo modo esprimere la contraddizione di una città come Roma, la Città Eterna, che ha in sé secoli e secoli di storia testimoniati dai meravigliosi e solenni monumenti antichi, e che, però, allo stesso tempo mostra un'altra faccia, quella degli uomini di potere corrotti, membri di una società privilegiata che si intrattengono in festini esagitati in cui regna lo sfarzo e il cattivo gusto, e dove si assiste alla triste sfilata di personaggi patetici nelle loro facce rifatte, nei loro balli sguaiati, nella loro mondanità. Mondanità che ha catturato nella sua bolla dorata, fatta di niente, lo stesso Jep, ex scrittore che ha scritto un solo libro per poi darsi alla bella vita; e accanto a lui vari altri personaggi non fanno altro che rappresentare la dissoluzione morale, che si accompagna al disfacimento fisico dopo una vita che si scopre essere stata inutile. E' un film per molti versi lugubre, che parla di decadenza, di vuoto, di morte; che esprime la consapevolezza di un'occasione perduta per sempre, di una grandezza antica che ormai non c'è più, sostituita invece da una modernità sbagliata, piena di brutture se non per il ricordo di uno splendore scheggiato, consumato nel tempo, la cui immagine sbiadita è offerta soltanto dalle rovine antiche di Roma. Sorrentino non lancia nessun messaggio di speranza, non offre nessuna conclusione morale; del resto non è quello il suo scopo. Si limita semplicemente a scattare una fotografia di Roma (e dell'italia) per come la vede lui (e per come lui stesso l'ha vissuta), nelle sue contraddizioni, tra lo splendore antico e la moderna superficialità; e ciò che offre non è il piatto E un film che ti schiaffeggia sulla poltroncina del cinema. Uno di quelli che parla per immagini e non sai se amarlo o odiarlo. E agrodolce, come l Oscar che ne segna la grandezza. Non sai fino a che punto gioirne perché racconta di una drammatica, inesorabile decadenza. La nostra. Il degrado della metropoli occidentale, dei suoi salotti un po sbilenchi e un po tragici che ospitano Jep Gambardella e i suoi amici. Jep è solo, deluso e consapevole del vuoto che lo circonda di cui si fa interprete. Quasi se ne compiace, a tratti, e nella sua malinconia ondeggia senza meta tra le meraviglie di Roma, quelle che non sono riuscite a salvarlo. E anche tutti gli altri sono vittime dello stesso paradosso: superstiti maledetti di un naufragio ormai compiuto. Alcuni preferiscono alienarsi e lasciarsi morire, come il figlio della facoltosa borghese Viola, impazzito e ormai dissociato da una realtà troppo abbruttita. Poi c è Romano, l autore di teatro troppo scrupoloso e troppo poco sfacciato, amico e figlioccio di Jep, che alla fine torna a casa dei suoi, a Nepi, alle sue radici. Roma ha deluso anche lui, e le sue origini sono l ultima ancora. Ma non tutti ne hanno una e preferiscono lasciarsi inghiottire dal 19

20 fracasso crescente delle terrazze in festa vicino al Colosseo, dove rimbomba in versione tecno sdrucita il tormentone della Carrà uh, uh, uh, uh, a far l amore comincia tuuuu. E tutti ballano, e ridono e si baciano tra loro come se si amassero. Ma non è così, e Jep lo sa e dice «Siamo tutti sull'orlo della disperazione, non abbiamo altro rimedio che farci compagnia, prenderci un po' in giro». Torna sempre l onirico flashback del primo amore di Jep, ambientato al mare, il mare purificatore di Fellini. Qui non c è spazio per l artificio e la spettacolarità, solo per la bellezza, quella primordiale che sanno i giovani. C è raccontata poi un amicizia, quella tra Gambardella e la bellissima Ramona interpretata da Sabrina Ferilli. E stato bello non fare l amore dice Jep, è stato bello volesse bene risponde lei con uno dei suoi sorrisi sinceri. La sua è una storia diversa, quella di una donna malata e sorpresa di fronte alla bambina magra e bionda che svuota barili di colore su una tela bianca e grandissima all ennesima festa strampalata e surreale degli amici di Jep. Col vestito imbrattato e gli occhi appiccicati dalla vernice fa di uno studiato delirio artistico lo spettacolo per gli ospiti compiaciuti e impassibili che la circondano e solo alla fine la catarsi sembra compiersi e mostrare il suo frutto nella tela armoniosa della piccola artista. Quindi eccesso e spettacolarità sono i paradigmi indiscussi della mondanità. La sofferenza inghiottita dal caos dionisiaco dei protagonisti, moderne Baccanti di una tragedia universale. La follia e il suicidio del figlio di Viola sembrano terapeutici e non è più possibile distinguere chi sia realmente sano. E la morte è solo un altro spettacolo. Fulminea e così cieca da non riuscire a capire cosa voglia dire. All improvviso sceglie e lascia soli coloro che restano, ma non tanto più soli di quando erano tutti insieme. E Jep è così dolce col suo sorriso autentico, con la sua parlata popolare che dice cose profonde. La sua sensibilità si scontra con il mondo e lui si lascia colpire come se non avesse scelta. Questo film inietta una grande responsabilità in tutte le vene di chi lo guarda, la responsabilità di essere migliori come vorrebbe Jep, che però è troppo deluso per provarci. Come immagine questa, magari bella grande, ma solo questa. ELEONORA DI BENEDETTO Johnny Cash Out Among The Stars E da poco uscito il nuovo album composto da inediti di Johnny Cash, risalenti agli anni Ottanta e pubblicati dieci anni dopo la morte. Ma chi si ricorda ancora di lui? John Ray Cash nasce nei primi anni Trenta nell'arkansas dove, però, non resterà a lungo infatti in quel periodo la grande depressione che colpiva l'america, costringe la famiglia a traslocare. Johnny inizia a dare una mano ai suoi e lavora nei campi; all'età di dodici anni decide di battezzarsi e inizia così il suo interesse per la musica, ascoltando canti di chiesa e canzoni passate alla radio fino al 1950, quando la Corea del Nord invade quella del Sud. Johnny decide allora di arruolarsi ed entra a far parte della U.S. Air Force; diventa abile con il codice Morse e viene mandato in Germania Ovest, dove compra la sua prima chitarra. Cash inizia a scrivere canzoni sotto lo pseudonimo di John Dollar e viaggia attraverso l'europa per circa un anno. Il 3 luglio 1954 John Ray viene congedato e due giorni dopo un ragazzo, di nome Elvis Aaron Presley, inciderà That's All Right. A settembre dello stesso anno conoscerà di persona Elvis che lo condurrà verso il primo album, facendo da tramite con Sam Philips, direttore della Sun Records. Da qui in poi, la sua vita è costellata da una serie di successi come I Walk The Line. Continua così almeno fino al 1957, quando rompe con la Sun Records perché lo costringeva a trovare sounds sempre più pop, da lui poco apprezzati. La Columbia Records non ci pensa due volte e gli propone un contratto più fruttuoso e nessuna restrizione sui suoi generi musicali. Nel 1959 la Columbia pubblica The Fabulous Johnny Cash, un disco che afferma ancora una volta il talento che si era mostrato nella Sun Records; l'album contiene canzoni dal sapore molto western, piene di spensierata energia come One More Ride, insieme a brani più malinconici e drammatici accompagnati dalla sua voce profonda, come nella magnifica Don't Take Your Guns To Town. Nel frattempo la Sun Records, pentita di essersi lasciata 20

21 scappare un ragazzo con così tante potenzialità, pubblica Greatest! un album con alcune canzoni di John Ray che entro la fine dello stesso anno coronerà con la Columbia un sogno che la Sun aveva ostacolato: un album composto solamente da gospel, ultimo album da buon cristiano e padre di famiglia. E così le tournèe lo portano a girare l'america senza tregua, passando molto tempo lontano da casa. Per sostenere tutto questo John inizia ad assumere dosi di anfetamina, iniziando così un legame con la droga che riuscirà a sciogliere a fatica dopo molti anni. L'alba di un nuovo decennio inizia con una serie di album che mostrano l'anima di Cash sofferente e tormentata da se stesso e dalla droga. Nel novembre del 1961 verrà arrestato per la prima volta per ubriachezza molesta, aggravando la crisi sia per l'uomo che per l'artista, che terminerà nel 1963 con The Ring Of Fire, un brano che inserisce nel contesto country la tromba, mai ascoltata prima di quella performance. In quegli anni il country cambia aspetto e sound grazie anche a un certo Bob Dylan che vede in Johnny Cash un maestro, il quale a sua volta stima e apprezza un giovane talentuoso come Dylan. Il 1964 apre le porte anche al Rock, alla Beatlemania in America e a un nuovo periodo di creatività per Johnny che scrive all'insegna della musica folk di protesta. Nell'ottobre del 1965 però la vita di Cash subisce un altro duro colpo sempre a causa dell'anfetamina: verrà fermato al confine con il Messico con un migliaio di pasticche nella chitarra e accusato di spaccio; passa una notte in carcere e durante l'udienza in tribunale si dichiarerà colpevole. Subito dopo il processo smette di assumere la droga ma l'astinenza durerà poco perché dopo aver fatto una tournèe in Inghilterra: frequentando Bob Dylan ricomincia la dipendenza per l'anfetamina che forse non era mai terminata. Tornato in America divorzia e nel 1967 pubblica Greatest Hits Volume 1 con la Columbia, una raccolta che contiene solo un inedito, Jackson, cantato a due voci, la sua e quella di June Carter sua futura moglie. A novembre dello stesso anno viene arrestato per la terza volta in Georgia per il solito motivo che lo perseguitava da sempre, la droga. June cerca di aiutarlo e riesce a risvegliare nel suo cuore la fede in Dio. Il 1968 per John Ray è un anno di svolta: incide un album dal vivo, At Folsom Prison. Uno show memorabile, durante il quale Cash, ripulito dalle vesti da drogato, suona e canta ai circa 3500 carcerati di Folsom in California. At Folsom Prison, sempre della Columbia Records, vende più di sei milioni di copie. In seguito a questo grande successo e ad altri live in America e in Gran Bretagna, John Ray Cash sposa June Carter con cui trascorre il viaggio di nozze in Israele sulle orme di Gesù, in nome della fede che voleva ritrovare completamente. Tornato in America, inizia a suonare con Bob Dylan incidendo circa una ventina di pezzi, alcuni indimenticabili come la bellissima Girl From The North Country. Nel 1969 viene registrato un altro live At San Quentin, un'altra prigione sempre in California. Durante questa videoregistrazione voluta dalle tv britanniche, Johnny suona classici al ritmo sfrenato del rockabilly o testi profondi dal sound country o gospel. All'inizio del 1970 si gode la popolarità raggiunta dal Johnny Cash Show, suonando con grandi ospiti e riprendendo le tematiche del vecchio West. Tuttavia questo momento di tranquillità sulla scia del successo durerà ancora per poco, infatti gli anni Settanta sono per Johnny l'inizio di un declino, interrotto solo nel 1976, anno del bicentenario della nascita degli Stati Uniti d'america, quando prese parte a molte trasmissioni come simbolo della musica tradizionale americana. Una breve parentesi che dura non più di dodici mesi, mentre la fama che diminuiva lo avvicina ad una vecchia conoscenza, la droga, e lo allontana dalla fede. Nel 1978 ritorna a essere il Johnny Cash tormentato e drogato, incide tre album con la Bear Family Records, un'etichetta tedesca, che ricordano il sound degli albori, quando era in cerca di gloria e soldi. Gli anni Ottanta si aprono con il suo ingresso nella Country Hall Of Fame, ma purtroppo l'onorificenza non gli restituisce il successo. Il country era in declino, in quel periodo i Ramones e i Clash avevano 21

22 preso il potere con il Punk. John prova a dare una svolta al suo suono incidendo Johnny 99, in cui si rifà moltissimo a Bruce Springsteen. È forse questo il periodo in cui John Ray scrive i pezzi di Out Among The Stars, inediti che il figlio John Carter Cash ha pubblicato solo quest'anno. Brani che forse negli anni Ottanta, quando la musica si stava evolvendo e il country risuonava monotono e troppo scontato, non avrebbero mai avuto successo, ma oggi rinfrescano con qualcosa di apparentemente diverso il panorama musicale. Alcune canzoni veramente toccanti, come She Used To Love Me A Lot, che suona come un classico intramontabile, come già lo sono molti dei suoi brani, non sembrano avere quel sapore vecchio e obsoleto. Cash scrive alcuni di questi brani con Waylon Jenning, un altro countryman amico di Johnny: molto interessante infatti è il duo in I'm Movin' On, un pezzo country molto ritmato che trasmette allegria e spensieratezza. Gli anni bui per Johnny Cash però non terminano con gli anni Ottanta: dopo essere stato costretto a lasciare la Columbia Records, scrive un disco per la Cristiana casa di registrazioni World un altro cd gospel. Nel 1987 muore il padre ottantottenne: inizia così un periodo in cui si dedica di più al figlio che aveva avuto con la seconda moglie June. Scrive un brano con Paul Mc Cartney, New Moon Over Jamaica, lavorando con l'etichetta Mercury con cui inciderà album fino ai primi anni Novanta, quando pubblica The Mistery Of Life, un album del tutto privo di novità e difatti venderà meno di mille copie. glorie. Sembra che gli sia tornata la voglia di suonare e la fame di successo. Rick Rubin ha l'idea geniale di farlo suonare alla Viper Room a Hollywood, locale di proprietà di Johnny Depp. Cash si esibirà in più di una serata, davanti a un pubblico giovane che non lo ricorda o lo conosce solo di nome, apparendo come un debuttante, una novità. Così Johnny continua a suonare dal vivo fino al 2000, anno in cui è costretto a fermarsi e smettere di esibirsi in pubblico, annunciando di essere afflitto dal morbo di Parkinson: era cosciente che gli rimanevano pochi anni di vita, così tra il 2000 e il 2002 pubblicò ancora diversi album tra cui l'ultimo ed eccezionale The Man Comes Around, composto da quasi tutte cover molto diverse tra loro ma più malinconiche delle originali, tutte con l'inconfondibile firma di Cash. Personal Jesus cantata con John Frusciante alla chitarra o una Hurt, in cui si percepiscono pienamente il dolore la sofferenza di un uomo arrivato quasi alla fine. Nel 1992 entra nella Rock 'n Roll Hall Of Fame; nel 1993 decide di tornare a suonare dal vivo in un tour europeo: suonerà a Dublino e incontrerà gli U2 e Brian Eno che lo invitano ai Windmil Studios. Johnny darà il suo contributo per scrivere The Wanderer. Tornato dalla tournèe europea, incontra Rick Rubin, proprietario della casa discografica Def American Records, e in meno di un solo anno registra novantaquattro canzoni, per lo più vecchie Il 12 settembre 2003 muore raggiungendo la moglie che lo aveva lasciato pochi mesi prima. John Ray Cash ci lascia una discografia immensa: 78 album e chissà quante altre incisioni mai pubblicate degne di essere ascoltate, opere di una leggenda della musica moderna che oggi come un tempo può essere riproposta e riscoperta come qualcosa di nuovo. Out Among The Stars quindi è più che un piacevole ritorno, è la puntata finale di una storia di grande talento. Almeno per ora RAFFAELE VENTURA 22

23 Molecola 8KS Che cosa è: Una bio-molecola concettuale, benefica che fa tendere in modo naturale alla felicità. Come si presenta: Essendo una molecola è pertanto invisibile ad occhio nudo. Può essere veicolata attraverso prodotti esposti alla molecola, come questo testo e quelli che seguiranno. Composizione: - Giocare (Jok) in forma instabile semiseria; - Ironia (AH²) sonoro ghigno sibilante; - Ego (Ès) di composizione magmatica; - Comunicare (αβ) in scariche logorroiche; - Imparare (Σ) tessuto spugnoso tentacolare ad alta densità curiosa e con 80% di umiltà ricettiva; - Sperimentare (X ) destrutturato adrenalinico nebuloso; - Viaggiare (Go) soluzione di micropulviscoli nomadi; - Cibo (Fo₂D) aroma gelatinoso, in posizione prona e chimicamente passivo. Effetti Indesiderati Inspiegabile buonumore in momenti di monotonia cosmica. Euforia fuori luogo, sovra-fiducia in se stessi, autoironia. Sordità temporanea a critiche distruttive altrui. Incredibile sensitività ricettiva a critiche costruttive altrui. Propensione a cantare a voce alta in luoghi non adatti. In una percentuale dal 48% al 58% DIPLOMA. Scadenza e Conservazione 8ks è sviluppata per resistere alla banalità e alla nebbia psicologica. Se intrisa di queste sostanze potrebbe scoppiarvi nello zaino, che tenderà a gonfiarsi fino a portarvi a dodici metri di altezza. Potete scriverlo nelle giustificazioni scolastiche. Ah, è una molecola evolutiva, quindi instabile per definizione. Reagisce in modo diverso a seconda dell organismo ospite. DISTRESS CLUB Indicazioni Terapeutiche Agisce contro patologie dello spirito quali: depressione, tristezza, pigrizia, apatia, alta influenzabilità. Indicata nei casi di ansia da distacco dalla coperta, noia scolastico-teorica, amnesie improvvise durante interrogazioni e successiva tendenza a belare. Predispone al pensiero autonomo. Agevola l ingresso neuronale di informazioni rilevanti, ostacola quello delle idiozie televisive, tiene uniti pezzi sparsi di materia grigia. Vivamente consigliata in caso di smarrimento di sicurezza personale, insufficienza di sinonimi, scompenso di intuizioni geniali, astinenza da caffeina. Controindicazioni Allergia comprovata all intelligenza. 23

24 Jok Atomo: Giocare Simbolo: Jok Configurazione: forma instabile semiseria Descrizione: per indole si aggroviglia intorno ai neuroni, disturbando il loro normale funzionamento. In composizione crea figure acrobatiche che distraggono la vostra attenzione da tutto ciò che stavate facendo. Il mondo dei Gamer è sconvolto dall arrivo di NEXT, un videogioco che promette l infinito. Concepito da una nuovissima Software House, crea un aspettativa maggiore della missione su Marte. Il trailer su YouTube è il più sensazionale che si sia mai visto, lontano anni luce dagli altri, e assicura un finale inverosimile. Si dice che il presidente della Ubisoft vedendolo sia svenuto dalla sedia. Il sito ufficiale di NEXT è invaso dai giocatori più famosi. Kentaro Shimazu, leader giapponese di Final Fintasy e COD, provoca gli altri giocatori affermando che riuscirà a finire il gioco in una settimana. Quarto da Vinci, Master di NFS e GTA, dichiara che in Italia abbiamo le palle di finirlo in 5 giorni. Bill Hawl from Massachussets, in arte Fatality, organizza lo squadrone USA deciso a fare il culo a strisce di tutte le altri nazioni meno dotate. C è chi vende il motorino per avere tutti i requisiti di sistema sul PC. Il traffico di console triplica in tutto il mondo entro le due settimane dal lancio. Tutti pronti. Chi ha dormito in sacco a pelo davanti ai negozi per tre giorni riesce ad avere il gioco originale. Gli altri vagano disperati e sono disposti ad acquistare la versione russa in cirillico, pur di averlo. Per un mese l 80% dei ragazzi tra i 13 e i 20 anni non esce di casa. I genitori li implorano per poter giocare. In Next sei te stesso. Con la scansione dell impronta digitale inviata online, Next riproduce le tue fattezze con una verosimiglianza del 100%. Vivi in una base spaziale e sei un pilota. Ma non è solo un gioco di 24 simulazione. Vivi in gruppo insieme ad altri cadetti alieni, acquisisci i gradi, impari a guidare astronavi di ogni classe e a superare le missioni spaziali. Il quadro comandi delle navicelle è davvero complesso. I tecnici NASA e BM stanno cercando di studiarlo per trarne ispirazione. Hai una tua stanza, soldi, armi, caratteristiche personali incredibili, ti innamori, baci, parli, mangi, dormi, ti stanchi, impari le lingue aliene. Quando ricevi i gradi di capitano, puoi entrare in sala tattica e vedere l universo ologrammatico. Oltre la via Lattea, oltre i pianeti conosciuti. Vedi il database di tutte le razze aliene con una vastità e una precisione di particolari che in confronto Star Trek non è niente. Puoi viaggiare nell iperspazio e raggiungere pianeti lontani anni luce, conoscere altri mondi e altra gente e le loro abitudini. In modalità online potresti incontrare Bill Fatality Hawl che ti sfancula mentre aziona l iperguida. Sei un universopolita, conosci le galassie come il tuttocittà, e sei libero di diventare ciò che vuoi. Next è infinito. Il nostro pilota Quarto è innamorato di Alayaga, ufficiale di Ves. Jay, via olomessaggio, lo invita a raggiungerlo su Saruk per bere qualcosa. Ma Quarto è in missione per l Accademia e sta sfidando il giapponese Kentaro. Deve batterlo a tutti i costi. Si avvicina al pianeta Baldur, attorno al quale girano vorticosamente asteroidi ferrosi. Deve entrare nell orbita per completare la sfida. Quarto vede Kentaro nei visori dell astronave, impenna, decelera, fa lo slalom tra i meteoriti, attraversa la nebulosa ed eccolo lì a ruotare nell orbita planetaria. Applausi di tutta la squadra. Kentaro brucia il suo joypad, deciso a non giocare mai più. Dieci minuti dopo prenderà il pad di riserva. Quarto è l idolo dei cadetti. Alla base festeggia con la troupe virtuale. Il giorno dopo si sveglia alle 5 per accendere il pc. Suonano al campanello. Stupito, va ad aprire alla porta. Di fronte casa è parcheggiata la sua astronave. Alayaga, in carne e ossa aliene, insieme al secondo pilota di Quarto, lo saluta. Perché quella faccia? Ci conosci bene no? Sì, siamo reali. Next è un protocollo di selezione. Sei il migliore! Abbiamo seguito il tuo addestramento. Abbiamo bisogno di nuovi piloti, hai 10 minuti per prepararti. Decolliamo. DISTRESS CLUB

25 Ego Test FINALMENTE PUOI SCOPRIRE LE PERCENTUALI DEL TUO IO FEMMINILE E DEL TUO IO MASCHILE, RISONDENDO A QUESTE DOMANDE. 1) Hai paura di invecchiare? [A] No [B] Si 6) Ti lavi la faccia con: [M] trattamento specifico [N] acqua / sapone / niente 7) Hai più di un tatuaggio? [O] No [P] Si 8) Chi tra i tuoi genitori si veste meglio? [Q] Padre [R] Madre 2) Vai dal parrucchiere: [C] Quando capita [D] A intervalli regolari 9) Vorresti: [S] essere il tuo idolo [T] incontrare il tuo idolo 3) Sai cosa significa Grippare? [E] No [F] Si 4) Pensi sia assurdo spendere più di 50 per una maglietta? [G] No [H] Si 5) Vorresti essere: [I] Un gatto [L] Un cane 10) Riesci a leggere ascoltando musica? [U] Si [V] No 11) Nelle tue conversazioni telefoniche, prevalentemente: [W] Parli del più e del meno [X] dai e ricevi informazioni 12) È meglio essere: [Y] bellissimi e stupidi [Z] intelligenti e brutti 25 DISTRESS CLUB

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Marcello Pera La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Cerisdi, Palermo, 26 novembre 2001 SENATO DELLA REPUBBLICA TIPOGRAFIA DEL SENATO La giustizia come fondamento dello sviluppo e della

Dettagli

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio X Forum Internazionale dei Giovani - Rocca di Papa (Roma), 24-28 marzo 2010 Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio Fabian Lair, Austria PREMESSA Viviamo in un mondo in cui tutto

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore Il nazismo al potere La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo Lezioni d'autore Dal sito: www.biography.com La Repubblica di Weimar (1919-1933) 3 ottobre 1918: Il Reich tedesco-prussiano

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Intervento di Stefano Tabò Condivido molto, quasi tutto di quello che è

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese della Riviera. L intervento del nostro leader in 20

Dettagli

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

27/11. Il Mattinale. Al diavolo la decadenza BERLUSCONI: Riconquistiamo l Italia! Speciale Manifestazione. ore 18.00

27/11. Il Mattinale. Al diavolo la decadenza BERLUSCONI: Riconquistiamo l Italia! Speciale Manifestazione. ore 18.00 Il Mattinale Roma, mercoledì 27 novembre 2013 27/11 ore 18.00 a cura del Gruppo Forza Italia-Pdl alla Camera Speciale Manifestazione Al diavolo la decadenza BERLUSCONI: Riconquistiamo l Italia! Mentre

Dettagli

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE GUIDA PRATICA IN 5 PASSI Sabrina Quattrini www.seichicrei.it Attenzione! Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale.

Dettagli

La strage di Capaci raccontata da Tina Montinaro

La strage di Capaci raccontata da Tina Montinaro La strage di Capaci raccontata da Tina Montinaro Venerdì 17 aprile, è venuta nella nostra scuola signora Tina Montinaro, vedova di Antonio Montinaro, uno dei tre uomini di scorta che viaggiavano nella

Dettagli

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti (riflessione di un giovane) Considerazioni in merito agli incontri con giovani di una Scuola Media della Lombardia PRIMA DELL INCONTRO Secondo

Dettagli

Gli alunni della classe 3I hanno rielaborato i contenuti del film rispondendo alle domande guida con un LAVORO DI GRUPPO. Ecco le loro produzioni:

Gli alunni della classe 3I hanno rielaborato i contenuti del film rispondendo alle domande guida con un LAVORO DI GRUPPO. Ecco le loro produzioni: Gli alunni della classe 3I hanno rielaborato i contenuti del film rispondendo alle domande guida con un LAVORO DI GRUPPO. Ecco le loro produzioni: Il film ci è piaciuto molto perché è riuscito a raccontare

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Convinzioni e Convenzioni

Convinzioni e Convenzioni Convinzioni e Convenzioni Il mio background accademico è l Antropologia Culturale, la scienza sociale che si occupa dello studio dell uomo dal punto di vista delle sue manifestazioni culturali, ossia quegli

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015)

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) Da circa otto mesi sto svolgendo un percorso di letture ad alta

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

La Manipolazione Mentale

La Manipolazione Mentale La Manipolazione Mentale Argomento vasto e complesso per le tante sfaccettature che può presentare. Innanzitutto poniamoci una domanda: cosa si intende per manipolazione mentale? Vuol dire semplicemente

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta ... e t Dopo-Cresima n e em c i l p m e S una prop osta A questa semplice parola possono essere attribuiti svariati significati: ciascuno la riempie a modo suo.... naturalmente il catechismo. Ci si libera

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano di Redazione Sicilia Journal - 25, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/cinema-la-bugia-bianca-il-dramma-dello-stupro-etnico-raccontato-da-unsiciliano/

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO

MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO 1943, versione riveduta nel 1970 Il problema di garantire il pieno impiego tramite l espansione della spesa pubblica, finanziata col debito pubblico,

Dettagli

Dopo il Silenzio. Di Pietro Grasso. Presentazione di regia. Di Alessio Pizzech

Dopo il Silenzio. Di Pietro Grasso. Presentazione di regia. Di Alessio Pizzech Dopo il Silenzio Di Pietro Grasso Presentazione di regia Di Alessio Pizzech Dopo la significativa esperienza di Per non Morire di mafia, tratto dall omonimo libro, che dopo il fortunato battesimo Spoletino

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

Gentile Presidente della Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo,

Gentile Presidente della Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo, 27 aprile 2015 Lettera Aperta ai Presidenti delle Banche di Credito Cooperativo, alle Autorità di Vigilanza ed alla politica italiana Gentile Presidente della Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo,

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

sa donare ciò che ha ricevuto e il suo talento non diviene proprietà, ma regalo per gli altri.

sa donare ciò che ha ricevuto e il suo talento non diviene proprietà, ma regalo per gli altri. Presentazione Questa estate ci siamo regalati un corso di Esercizi spirituali al Mericianum di Desenzano tenuti dall Autore che ha l età di uno dei nostri figli. Ora ci arriva un suo libro. È un libro

Dettagli

- Un ragazzo ed una ragazza si amano, ma sono costretti a tenere segreta la loro relazione.

- Un ragazzo ed una ragazza si amano, ma sono costretti a tenere segreta la loro relazione. Un film racconta una serie di azioni che delle persone compiono in determinate situazioni. Per iniziare a scrivere una sceneggiatura bisogna avere un idea di cosa si vuol far fare a queste persone, ai

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

I segreti della mente

I segreti della mente Vittorino Andreoli I segreti della mente Capire, riconoscere, affrontare i segnali della psiche Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06413-2 Prima edizione:

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Giuseppe Iosa Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Domenica, 19 aprile 2015 Premessa Il Partito Democratico di Peschiera Borromeo,

Dettagli

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo?

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? Il senso dei due incontri che vengono proposti sta nel riflettere sulla nostra

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE Conversazioni e consigli di dieci famiglie italiane Disegni di Alfredo Pompilio Dellisanti MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE (Conversazioni

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

Ogni 40 secondi, un essere umano si toglie la vita. UN ATTENZIONE AMOREVOLE PER TUTTI

Ogni 40 secondi, un essere umano si toglie la vita. UN ATTENZIONE AMOREVOLE PER TUTTI SUICIDIO, PIAGA DELLA NOSTRA CIVILTÀ Ogni 40 secondi, un essere umano si toglie la vita. Così, mentre celebrate il Natale in famiglia, con le persone che amate, mettete ai piedi dell albero, un mandala

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

LA CHIAVE D INGRESSO

LA CHIAVE D INGRESSO LA CHIAVE D INGRESSO Una personalità così ricca e così umanamente complessa quale quella che emerge dai manoscritti di Sandra Sabattini non poteva non essere analizzata da un punto di vista psico-grafologico.

Dettagli

"Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili

Macerie dentro e fuori, il libro di Umberto Braccili La presentazione venerdì 14 alle 11 "Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili "Macerie dentro e fuori" è il libro scritto dal giornalista Umberto Braccili, inviato della Rai Abruzzo, insieme

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Il reclutamento e la formazione dei militanti per le nuove lotte del federalismo La necessità di

Dettagli

La Santa Sede FESTA DELLE FAMIGLIE E VEGLIA DI PREGHIERA DISCORSO DEL SANTO PADRE. B. Franklin Parkway, Philadelphia Sabato, 26 settembre 2015

La Santa Sede FESTA DELLE FAMIGLIE E VEGLIA DI PREGHIERA DISCORSO DEL SANTO PADRE. B. Franklin Parkway, Philadelphia Sabato, 26 settembre 2015 La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO A CUBA, NEGLI STATI UNITI D'AMERICA E VISITA ALLA SEDE DELL'ORGANIZZAZIONE DELLE NAZIONI UNITE (19-28 SETTEMBRE 2015) FESTA DELLE FAMIGLIE E VEGLIA

Dettagli

apertamente, scambiarsi idee, ragionare sui valori, allargare i propri orizzonti, raccontare la propria giornata e perché no? anche pregare tutti

apertamente, scambiarsi idee, ragionare sui valori, allargare i propri orizzonti, raccontare la propria giornata e perché no? anche pregare tutti Presentazione Diventare genitori è sicuramente un immenso dono di Dio, da accogliere con partecipazione e buona volontà. Purtroppo nessuno insegna ad una coppia di neo-genitori come educare i propri figli;

Dettagli

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B 1 Letture: 2 Samuele 7, 1-5.8.12.14.16 Salmo 89 (88) Romani 16, 25-27 Vangelo: Luca 1, 26-38 Oleggio, 21/12/2014 IV Domenica di Avvento - Anno B NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO. AMEN!

Dettagli

Intervista ad Anke Merzbach

Intervista ad Anke Merzbach Intervista ad Anke Merzbach a cura di Giorgio Tani Seravezza Fotografia, iniziata da alcuni anni, si è affermata, per le proposte che vengono fatte, come una delle più interessanti manifestazioni nazionali.

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli