Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti??

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti??"

Transcript

1 Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti??

2 Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti?? CEI CAP CIRCUITI DI ALIMENTAZIONE DEI SERVIZI DI SICUREZZA Parte 563.3: La protezione contro i sovraccarichi, prescritta in 473.1, della parte 4 può essere omessa Ex par è fortemente raccomandato di non proteggere contro i sovraccarichi i circuiti di sicurezza INTERRUTTORE DIFFERENZIALE Si dovranno utilizzare altri Accorgimenti permessi dalla Norma par 412

3 CEI 64-8 \6- Parte PRESCRIZIONI PER LA SICUREZZA CAPITOLO Protezione contro i contatti diretti ed indiretti Zs x Ia < Uo Zs=impedenza dell anello di guasto Ia=corrente che provoca l interruzione automatica U0=tensione efficace tra fase e terra Funzionamento da rete (SA -P) P) Sistemi TN Rete alimentazione carico POWERSIN EP A.C.L Divisore di linee Rete alimentazione batterie

4 CEI 64-8 \6- Parte PRESCRIZIONI PER LA SICUREZZA CAPITOLO Protezione contro i contatti diretti ed indiretti FUNZIONAMENTO DA SOCCORRITORE ( in emergenza ) POWERSIN EP SISTEMA IT A.C.L Divisore di linee Rete alimentazione batterie

5 CEI 64-8 \6 - Parte PRESCRIZIONI PER LA SICUREZZA CAPITOLO 412- Protezione contro i contatti diretti ed indiretti FUNZIONAMENTO DA SOCCORRITORE ( in emergenza ) SISTEMA IT POWERSIN EP A.C.L Divisore di linee

6 CEI 64-8 \6 - Parte PRESCRIZIONI PER LA SICUREZZA CAPITOLO Protezione contro i contatti diretti ed indiretti FUNZIONAMENTO DA SOCCORRITORE ( in emergenza ) POWERSIN EP SISTEMA IT A.C.L Divisore di linee

7 Powersin - Il Fungo per i VV.F Collegamento 1 PowerSin - 1 pulsante Schema di principio FUNGO VV.F. Ingresso cavi

8 Powersin - Il Fungo per i VV.F Collegamento PowerSin in Cascata Ingresso cavi FUNGO VV.F. Powersin 2 Powersin 1

9 Powersin Schema di collegamento a terra Durante il funzionamento in emergenza, l uscita del POWERSIN è isolata da terra, formando un sistema di tipo IT

10 Sistema ACL

11 Sistema ACL Sistema modulare Suddivisione e protezione linee POWERSIN Gestione dei sovraccarichi sulle linee POWERSIN Accensione/Spegnimento carichi collegati alle linee POWERSIN Gestione più accurata e intelligente dei sovraccarichi sulle linee di alimentazione per evitare lo spegnimento del POWERSIN Segnalazione remotizzata e acustica di eventuali problemi sulle linee in tempo reale Funzionamento anche con linea RS485 da POWERSIN interrotta

12 ACL CARATTERISTICHE Due linee con protezione selettiva (magnetotermica ed elettronica) per un carico massimo di 1000VA Potenza su ogni linea impostabile su 250, 500, 750 e 1000VA Gestione sovraccarichi per evitare spegnimento POWERSIN Segnalazione visiva e acustica (locale) di stato delle linee e del POWERSIN Remotizzazione delle segnalazioni locali

13 MCL CARATTERISTICHE Collegato alle linee ACL Gestisce l alimentazione del carico collegato in caso di avaria locale Carico massimo gestibile 1000VA Accensione/spegnimento carico Diagnosi carico con LED multicolore (in abbinamento a DARDO PLUS) Remotizzazione segnalazioni

14 MCP CARATTERISTICHE Collegato alle linee ACL Gestisce l alimentazione del carico collegato in caso di avaria locale Carico massimo gestibile 80VA Accensione/spegnimento carico Diagnosi carico con LED multicolore (in abbinamento a DARDO PLUS) Remotizzazione segnalazioni

15 CEI 64-8/ SCELTA ED INSTALLAZIONE DEI CAVI Inoltre le condutture dell impianto di alimentazione di sicurezza devono essere previste per funzionare durante un incendio che possa svilupparsi lungo il loro percorso e pertanto devono per costruzione o per installazione essere resistenti al fuoco e ai danneggiamenti meccanici, in relazione al tempo di funzionamento previsto NORMA CEI Cavi resistenti al fuoco Norma CEI (IEC 331) Prova di resistenza al fuoco 750 C per 180 minuti CEI EN C per 90 minuti

16 IL TEMPO DI FUNZIONAMENTO PREVISTO? A CAVI NORMALI il tempo = R della stabilità meccanica della B compartimentazione del locale C CAVI NORMALI Cavi CEI CEI OPPORTUNI PROVVEDIMENTI il tempo > AL TEMPO di evacuazione del locale ( cavi normali bassa emissione di gas tossici Non propaganti l incendio)

17 specifica di prestazione La specifica è espressa dalla prestazione di resistenza al fuoco che indica il tempo durante il quale un elemento costruttivo conserva: - stabilità meccanica ; - - tenuta alle fiamme, ai fumi e ai gas (E); - - isolamento termico (I).

18 Cei 64-8 Parte 1: Oggetto, scopo e principi fondamentali Capitolo 13 - Principi fondamentali 133. Scelta dei componenti elettrici Condizioni di installazione I componenti elettrici devono essere scelti tenendo conto delle sollecitazioni e delle condizioni ambientali (Sezione 132.5) specifiche del luogo nel quale essi sono installati ed alle quali essi possono venire sottoposti. Se tuttavia un componente elettrico non possiede per costruzione le qualità adatte al luogo in cui è installato, esso può venire utilizzato a condizione che venga provvisto di una protezione addizionale appropriata che faccia parte integrante dell'impianto.

19 ANDAMENTO SPERIMENTALE INDICATIVO DELLE TEMPERATURE IN UNA SOLETTA IN LATERO - CEMENTO SOTTOPOSTA ALL INCENDIO NORMALIZZATO Andamento delle temperature in un solaio a travetti tralicciati e blocchi in laterizi, protetto da un intonaco premiscelato a base gesso ( dimensioni 16, ,5 di intonaco). (Valori sperimentali KNAUF)

20 NORMA CEI 64-8 DA TUTTONORMEL Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici Capitolo 56 - Alimentazione dei servizi di sicurezza 563. Circuiti di alimentazione dei servizi di sicurezza

21 specifica di prestazione La specifica è espressa dalla prestazione di resistenza al fuoco che indica il tempo durante il quale un elemento costruttivo conserva: - stabilità meccanica ; - - tenuta alle fiamme, ai fumi e ai gas (E); - - isolamento termico (I).

22 NORMA CEI 64-8 DA TUTTONORMEL Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici Capitolo 56 - Alimentazione dei servizi di sicurezza 563. Circuiti di alimentazione dei servizi di sicurezza

23 NORMA CEI 64-8 Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici Capitolo 56 - Alimentazione dei servizi di sicurezza 563. Circuiti di alimentazione dei servizi di sicurezza Testo I circuiti di alimentazione dei servizi di sicurezza devono esser indipendenti dagli altri circuiti. Nota - Questo significa che un guasto elettrico, un intervento, una modifica su un circuito non compromette il corretto funzionamento di un altro circuito. Questo può rendere necessarie separazioni con materiali resistenti al fuoco, involucri o circuiti con percorsi diversi. Commento Per evitare che un guasto elettrico, un intervento od una modifica su un circuito non comprometta il corretto funzionamento dei circuiti di alimentazione dei servizi di sicurezza può essere necessario utilizzare cavi multipolari distinti, canalizzazioni (tubi protettivi, canali) distinte, cassette di derivazione distinte o con setti separatori, materiali resistenti al fuoco, circuiti con percorsi diversi ecc.

24 NORMA CEI 64-8 DA TUTTONORMEL Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici Capitolo 56 - Alimentazione dei servizi di sicurezza 563. Circuiti di alimentazione dei servizi di sicurezza

25 NORMA CEI 64-8 Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici Capitolo 56 - Alimentazione dei servizi di sicurezza 563. Circuiti di alimentazione dei servizi di sicurezza

26 NORMA CEI 64-8 DA TUTTONORMEL Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici Capitolo 56 - Alimentazione dei servizi di sicurezza 563. Circuiti di alimentazione dei servizi di sicurezza

27 Parte 1: Oggetto, scopo e principi fondamentali Capitolo 13 - Principi fondamentali 133. Scelta dei componenti elettrici Condizioni di installazione I componenti elettrici devono essere scelti tenendo conto delle sollecitazioni e delle condizioni ambientali (Sezione 132.5) specifiche del luogo nel quale essi sono installati ed alle quali essi possono venire sottoposti. Se tuttavia un componente elettrico non possiede per costruzione le qualità adatte al luogo in cui è installato, esso può venire utilizzato a condizione che venga provvisto di una protezione addizionale appropriata che faccia parte integrante dell'impianto.

28 NORMA CEI 64-8 Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici Capitolo 56 - Alimentazione dei servizi di sicurezza 563. Circuiti di alimentazione dei servizi di sicurezza I circuiti dei servizi di sicurezza non devono attraversare luoghi con pericolo di incendio, a meno che non siano resistenti al fuoco. I circuiti non devono in ogni caso attraversare luoghi con pericolo di esplosione. Nota - Si raccomanda di evitare, per quanto possibile, che i circuiti attraversino luoghi con pericolo di incendio.

29 Noma CEI 64-8 Parte 7: Ambienti ed applicazioni particolari 752. Impianti elettrici nei luoghi di pubblico spettacolo e di trattenimento Scelta ed installazione dei componenti dell'impianto elettrico Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche) I cavi devono essere protetti contro la possibilità di danneggiamenti meccanici fino ad un'altezza di 2,5 m dal pavimento.

30 Linee di sicurezza DISTINTE E SEPARATE CIRCOLARE 15 FEBBRAIO 1951 n n 16 del MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DEI SERVIZI ANTINCEDIO ART 149 CARATTERISTICHE DELL ILLUMINAZIONE DI SICUREZZA: C) le condutture provenienti dalla sorgente di energia della illuminazione di sicurezza seguano un percorso diverso da quello del circuito normale senza passare sulla scena o in altri locali ove potrebbero essere danneggiati in caso d incendio

31 CEI SCELTA ED INSTALLAZIONE DEI CAVI Inoltre le condutture dell impianto di alimentazione di sicurezza devono essere previste per funzionare durante un incendio che possa svilupparsi lungo il loro percorso e pertanto devono per costruzione o per installazione essere resistenti al fuoco e ai danneggiamenti meccanici, in relazione al tempo di funzionamento previsto Da non confondere con:

32 CEI 64-8 Parte 1: Oggetto, scopo e principi fondamentali Capitolo 13 - Principi fondamentali 133. Scelta dei componenti elettrici Condizioni di installazione I componenti elettrici devono essere scelti tenendo conto delle sollecitazioni e delle condizioni ambientali (Sezione 132.5) specifiche del luogo nel quale essi sono installati ed alle quali essi possono venire sottoposti. Se tuttavia un componente elettrico non possiede per costruzione le qualità adatte al luogo in cui è installato, esso può venire utilizzato a condizione che venga provvisto di una protezione addizionale appropriata che faccia parte integrante dell'impianto.

33 CEI SCELTA ED INSTALLAZIONE DEI CAVI Inoltre le condutture dell impianto di alimentazione di sicurezza devono essere previste per funzionare durante un incendio che possa svilupparsi lungo il loro percorso e pertanto devono per costruzione o per installazione essere resistenti al fuoco e ai danneggiamenti meccanici, in relazione al tempo di funzionamento previsto Da non confondere con: CEI alimentazione dei servizi di sicurezza Per i servizi di sicurezza che devono funzionare in caso di incendio, Tutti i componenti elettrici devono presentare Sia per costruzione sia per installazione, Una resistenza al fuoco Di durata adeguata

34 CEI SCELTA ED INSTALLAZIONE DEI CAVI Inoltre le condutture dell impianto di alimentazione di sicurezza devono essere previste per funzionare durante un incendio che possa svilupparsi lungo il loro percorso e pertanto devono per costruzione o per installazione essere resistenti al fuoco e ai danneggiamenti meccanici, in relazione al tempo di funzionamento previsto Da non confondere con: Richiesto specificatamente cavo resistente al fuoco per 3 ore

35 Illuminazione di sicurezza

36 - Cosa segnalare? - Come segnalare per avere condizioni di segnalazione adeguate??

37 Come progettare un impianto d Illuminazione d di sicurezza a regola d arte d ed efficace? UNI EN 1838 UBICAZIONE APPARECCHI di segnalazione Punti obbligati

38 UBICAZIONE APPARECCHI di segnalazione PUNTI OBBLIGATI ad ogni porta di uscita prevista per l uso in emergenza e di sicurezza

39 UBICAZIONE APPARECCHI di segnalazione PUNTI OBBLIGATI ad ogni porta di uscita prevista per l uso in emergenza e di sicurezza

40 UBICAZIONE APPARECCHI di segnalazione PUNTI OBBLIGATI ad ogni porta di uscita prevista per l uso in emergenza e di sicurezza

41 UBICAZIONE APPARECCHI di segnalazione PUNTI OBBLIGATI Vicino ad ogni cambio di direzione per vicino si intende una distanza inferiore a 2 metri misurata orizzontalmente

42 UBICAZIONE APPARECCHI di segnalazione PUNTI OBBLIGATI Vicino Alle diramazioni dei corridoi per vicino si intende una distanza inferiore a 2 metri misurata orizzontalmente

43

44 D. lgs. 9 aprile 2008, n. 81 integrato con il D. lgs n.106/2009 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO allegato XXIV - XXV

45 C. Interno del 01/10/83 n.34 Segnaletica di sicurezza sul posto di lavoro (D.P.R. 8 giugno 1982, n. 524, G.U. 10 agosto 1982, n. 218 e successivo avviso di rettifica, G.U. 28 luglio 83, n. 206) Dir. del 24/06/92 n.58cee Recante le prescrizioni minime per la segnaletica di sicurezza e/o di salute sul luogo di lavoro PITTOGRAMMI NORMALIZZATI PER SEGNALI INDICANTI LE VIE DI FUGA E LE USCITE DI SICUREZZA (D. Lgs 9 aprile 2008, n D. lgs n.106/2009 all XXV par 3.4 cartelli di salvataggio)

46 D. lgs. 9 aprile 2008, n. 81 integrato con il Decreto legislativo n. 106/2009 Art Obblighi del datore di lavoro 1. Quando, anche a seguito della valutazione effettuata in conformità all'articolo 28, risultano rischi che non possono essere evitati o sufficientemente limitati con misure, metodi, ovvero sistemi di organizzazione del lavoro, o con mezzi tecnici di protezione collettiva, il datore di lavoro fa ricorso alla segnaletica di sicurezza, conformemente alle prescrizioni di cui agli allegati da XXIV a XXXII. 2. Qualora sia necessario fornire mediante la segnaletica di sicurezza indicazioni relative a situazioni di rischio non considerate negli allegati da XXIV a XXXII, il datore di lavoro, anche in riferimento alle norme di buona tecnica, adotta le misure necessarie, secondo le particolarità del lavoro, l'esperienza e la tecnica. 3. Il datore di lavoro, per regolare il traffico all'interno dell'impresa o dell'unità produttiva, fa ricorso, se del caso, alla segnaletica prevista dalla legislazione vigente relativa al traffico stradale, ferroviario, fluviale, marittimo o aereo, fatto salvo quanto previsto nell'allegato XXVIII.

47 D. lgs. 9 aprile 2008, n. 81 integrato con il Decreto legislativo n. 106/2009 Art Informazione e formazione 1. Il datore di lavoro provvede affinché: a) il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza e i lavoratori siano informati di tutte le misure da adottare riguardo alla segnaletica di sicurezza impiegata all'interno dell'impresa ovvero dell'unità produttiva; b) i lavoratori ricevano una formazione adeguata, in particolare sotto forma di istruzioni precise, che deve avere per oggetto specialmente il significato della segnaletica di sicurezza, soprattutto quando questa implica l'uso di gesti o di parole, nonché i comportamenti generali e specifici da seguire.

48 D. Lgs 9 aprile 2008, n D. lgs n.106/ allegato XXV - par UNI EN 1838 COLORI,DIMENSIONI E PROPORZIONI DELLA SEGNALETICA DI SALVATAGGIO AGGIO UNI 7546 par 5

49 DIMENSIONI E PROPORZIONI DELLA SEGNALETICA UNI 7546 par 5 UNI 7546 par 9

50 Le dimensioni, forme e tipo di messaggio devono essere conformi alle norme e non inventati..!!

51 D. lgs. 9 aprile 2008, n D. lgs n.106/2009 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Articolo 165 Sanzioni a carico del datore di lavoro e del dirigente 1. Il datore di lavoro ed il dirigente sono puniti: a) con l arresto da tre a sei mesi o con l ammenda da a euro per la violazione dell articolo 163; b) con l arresto da due a quattro mesi o con l ammenda da 750 a euro per la violazione dell articolo La violazione di più precetti riconducibili alla categoria omogenea di requisiti di sicurezza relativi alla segnaletica di sicurezza di cui agli allegati XXIV, OMISS L organo di vigilanza é tenuto a precisare in ogni caso, in sede di contestazione, i diversi precetti violati

52 D. Lgs 9 aprile 2008, n D. lgs n.106/2009 all XXV par 3.4 cartelli di salvataggio) ALLEGATO XXIV PRESCRIZIONI GENERALI PER LA SEGNALETICA DI SICUREZZA CONSIDERAZIONI PRELIMINARI La segnaletica di sicurezza deve essere conforme ai requisiti specifici che figurano negli allegati da XXV a XXXII. (Arresto da tre a sei mesi o con l ammenda da a euro il datore di lavoro e dirigenti. La violazione di più precetti riconducibili alla categoria omogenea di requisiti di sicurezza relativi alla segnaletica di sicurezza di cui agli allegati XXIV, punti 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11 e 12, XXV

53 DISTANZA MASSIMA DI DI VISIBILITA'

54 D.lgs 9 aprile 2008, n D.lgs n.106/2009 UNI EN 1838 D.lgs 9 aprile 2008, n D.lgs n.106/2009 UNI EN 1838 DISTANZA MASSIMA DI DI VISIBILITA' p P = altezza del segnale (m) Secondo UNI EN 1838 L = S x p S = 200 per segnali illuminati internamente S =100 per segnali illuminati esternamente L = metri L D. Lgs n D. lgs n.106/2009 all XXV L = S x 2000 Dove S = superficie del segnale S = m² m

55 D. Lgs 9 aprile 2008, n Titolo V SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Capo I Disposizioni generali Art Definizioni 1.Ai fini del presente titolo si intende per: g) cartello: un segnale che, mediante combinazione di una forma geometrica, di colori e di un simbolo o pittogramma, fornisce una indicazione determinata, la cui visibilità è garantita da una illuminazione di intensità sufficiente;

56 D. lgs. 9 aprile 2008, n. 81 integrato con il Decreto legislativo n. 106/2009 ALLEGATO XXV PRESCRIZIONI GENERALI PER I CARTELLI SEGNALETICI Caratteristiche intrinseche Omiss Per le caratteristiche cromatiche e fotometriche dei materiali si rinvia alla normativa di buona tecnica dell'uni

57 UNI EN 1838 L = S x p Dove: S =100 per segnali illuminati esternamente UNI EN 1838 SEGNALI DI SICUREZZA I segnali di sicurezza per le uscite di sicurezza e i segnali di pronto soccorso devono soddisfare i requisiti seguenti: 5.3 il valore minimo di luminanza dell intera area di colore di sicurezza del segnale deve essere di 2 cd\m² in ogni pertinente direzione di osservazione. ISO Per avere il rispetto della distanza di visibilità 100 con coefficiente 100 deve essere presente un illuminamento di 50 lux preferibilmente 80 lux

58 DISTANZA DISTANZA MASSIMA MASSIMA DI DI VISIBILITA VISIBILITA --UNI UNI EN EN S = 200 segnali illuminati internamente L = 24 m UNI EN 1838 L = S x p S = 100 segnali illuminati esternamente L = 12 m

59 ILLUMINAZIONE DI SICUREZZA segnaletica di sicurezza- distanza di visibilità

60 ILLUMINAZIONE DI SICUREZZA segnaletica di sicurezza- distanza di visibilità La luminanza Definizione : intensità luminosa emessa in una determinata direzione da una superficie luminosa o illuminata (sorgente secondaria di luce). In altri termini esprime l effetto di luminosità che una superficie produce sull occhio umano, sia essa sorgente primaria (lampada o apparecchio di illuminazione ) o secondaria ( piano di un tavolo che riflette la luce ). Simbolo: L Paragone idraulico : schizzi d acqua che rimbalzano da una superficie. la entità dell acqua che rimbalza dipende dalla capacità di assorbimento della superficie.

61 Elementi per una corretta segnalazione la dimensione del dettaglio UNI Segni grafici per segnali di sicurezza l'entità del contrasto di luminanza e colore ISO/FDIS :2001(E) uni en 1838 Il valore minimo di luminanza dell'intera area del colore di sicurezza del segnale deve essere 2 cd/m in ogni pertinente direzione di osservazione. Al di sotto di questa luminanza si perde l acuità visiva la distanza di percezione. UNI EN d = s x p

62 DISTANZA MASSIMA DI DI VISIBILITA' Il segnale deve essere integro D. Lgs 9 aprile 2008, n. 81 D. lgs n.106/ ALLEGATO XXIV 6. I mezzi e i dispositivi segnaletici devono, a seconda dei casi, essere regolarmente puliti, sottoposti a manutenzione, controllati e riparati e, se necessario, sostituiti, affinche' conservino le loro proprieta intrinseche o di funzionamento (Arresto da tre a sei mesi o con l ammenda da a euro il datore di lavoro e dirigenti. La violazione di più precetti riconducibili alla categoria omogenea di requisiti di sicurezza relativi alla segnaletica di sicurezza di cui agli allegati XXIV, punti 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11 e 12, OMISS

63 DISTANZA MASSIMA DI DI VISIBILITA' Devono essere visibili! e puliti! segnali corretti e non inventati (Arresto da tre a sei mesi o con l ammenda da a euro il datore di lavoro e dirigenti)

64 Descrizione segnaletica di sicurezza prezzari ufficiali Apparecchi Illuminanti? e la distanza di visibilità???

65 Descrizione segnaletica di sicurezza capitolati tecnici Segnalazione non illuminazione!! Distanza di visibilità non WATT!! Apparecchio per l illuminazione di sicurezza predisposto al funzionamento permanente. Costruito in materiale plastico autoestinguente resistente alla fiamma, conforme alle norme e CEI EN Grado di protezione IP 65. Lampada fluorescente da 24W. Posa a soffitto ed a parete, possibilità di posa ad incasso e contro soffitto. Accumulatori ermetici al Ni-Cd per una autonomia minima di 1h con una ricarica completa in 12h. Equipaggiato di pittogrammi adesivi per la segnalazione di sicurezza dove e.. chi li incollerà

66 Descrizione segnaletica di sicurezza Par 3 DEFINIZIONI 3.9 segnale di sicurezza Segnale che esprime un messaggio generale di sicurezza, ottenuto con la combinazione di un colore e di una figura geometrica e che, con l'aggiunta di un segno grafico o di un testo, esprime un messaggio di sicurezza particolare [ISO 3864:1984] segnale di sicurezza illuminato esternamente Segnale illuminato, quando richiesto, da una sorgente esterna segnale di sicurezza illuminato internamente Segnale illuminato, quando richiesto, da una sorgente interna.

67 D.lgs 9 aprile 2008, n. 81 (GU n. 101 del Suppl. Ordinario n.108) Titolo V SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Capo I Disposizioni generali Art Definizioni 2. Ai fini del presente decreto si intende per: A) segnaletica di sicurezza e di salute sul luogo di lavoro, in seguito indicato come segnaletica di sicurezza, una segnaletica che, riferita ad un oggetto, ad una attività o ad una situazione determinata, fornisce una indicazione o una prescrizione concernente la sicurezza o la salute sul luogo di lavoro, e che utilizza, a seconda dei casi, un cartello, un colore, un segnale luminoso o acustico, una comunicazione verbale o un segnale gestuale; omiss E) segnale di salvataggio o di soccorso, un segnale che fornisce indicazioni relative alle uscite di sicurezza o ai mezzi di soccorso o di salvataggio; omisss cartello, un segnale che, mediante combinazione di una forma geometrica, di colori e di un G) cartello simbolo o pittogramma, fornisce una indicazione determinata, la cui visibilità è garantita da una illuminazione di intensità sufficiente; omiss K) segnale luminoso, un segnale emesso da un dispositivo costituito da materiale trasparente o semitrasparente, che stesso come una superficie luminosa; omiss che è illuminato dall'interno o dal retro in modo da apparire esso

68 Decreto del Presidente della Repubblica 21 dicembre 1999, n. 554 Regolamento di attuazione della legge quadro in materia di lavori pubblici 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modificazioni (G.U. n. 98 del 28 aprile 2000, s. o. n. 66/L) TITOLO I - ORGANIZZAZIONE DEI LAVORI PUBBLICI Sezione terza: Progetto definitivo omis Omiss 4. Gli elaborati grafici e descrittivi nonché i calcoli preliminari sono sviluppati ad un livello di definizione tale che nella successiva progettazione esecutiva non si abbiano apprezzabili differenze tecniche e di costo. La descrizione della segnaletica in watt non risponde ai requisiti di legge!! La descrizione corretta è la distanza di visibilità

69 SUPPLEMENTO ORDINARIO N. 66/L DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 21 dicembre 1999, n.554 Regolamento di attuazione della legge quadro in materia di lavori pubblici 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modificazioni Art. 25 (Documenti componenti il progetto definitivo) omiss 4. Gli elaborati grafici e descrittivi nonché i calcoli preliminari sono sviluppati ad un livello di definizione tale che nella successiva progettazione esecutiva non si abbiano apprezzabili differenze tecniche e di costo. omiss TUBO 4 W P Secondo UNI EN 1838 L = S x p P TUBO 20 W visibilità minore visibilità maggiore 18 W costo maggiore distanza di visibilit 4w slim signal costo minore distanza di visibilit

70 DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 12 AGOSTO 1982, N. 802 Attuazione della direttiva CEE n.80/181 relativa alle unità di misura. (Gazzetta Ufficiale , n suppl.) coordinato con L. 12/10/1988, n. 473 e D.M. 30/12/1989 Art. 1. [1] Le unità di misura legali da utilizzare da utilizzare per esprimere grandezze sono quelle riportate nel capitolo I dell'allegato al presente decreto. [2] Sono ritenute legali fino al 31 dicembre 1985 le unità di misura destinate ad esprimere grandezze riportate nel capitolo II dell'allegato al presente decreto. Art. 2. [1] Le prescrizioni di cui all'articolo precedente si applicano, nelle attività economiche, nei settori della sanità e della sicurezza pubblica e nelle operazioni di carattere amministrativo, agli strumenti di misura impiegati, alle misurazioni effettuate e alle indicazioni di grandezza espresse in unità di misura. Art. 4. [1] Chiunque contravviene alle disposizioni del presente decreto è soggetto alla sanzione amministrativa pecuniaria da L a L

71 La segnaletica deve essere installata correttamente P?? P Distanza di visibilità UNI EN 1838 L = S x p

72 Secondo UNI EN 1838 L = S x p Dove: S = 200 per segnali illuminati internamente S =100 per segnali illuminati esternamente Distanza di visibilità???

73 La segnaletica deve essere installata correttamente

74 La segnaletica deve essere installata correttamente D. Lgs 9 aprile 2008, n. 81 ALLEGATO XXIV. (Arresto da tre a sei mesi o con l ammenda da a euro il datore di lavoro e dirigenti.

75

76 La segnaletica deve essere installata correttamente

77 Ogni segnale Hà la sua forma E senso d installazione Non si possono inventare! UNI 7546

78 D. Lgs 9 aprile 2008, n. 81 ALLEGATO XXIV. (Arresto da tre a sei mesi o con l ammenda da a euro il datore di lavoro e dirigenti.

79 DISPORSI SU 3 FILE D. Lgs 9 aprile 2008, n. 81 ALLEGATO XXIV. (Arresto da tre a sei mesi o con l ammenda da a euro il datore di lavoro e dirigenti.

80 Cartello multi funzionale

81 LA SEGNALETICA NON DEVE ESSERE INGANNEVOLE

82 LA SEGNALETICA NON DEVE ESSERE INGANNEVOLE

83 LA SEGNALETICA NON DEVE ESSERE INGANNEVOLE

84 LA SEGNALETICA NON DEVE ESSERE INGANNEVOLE D. Lgs 9 aprile 2008, n. 81 D.lgs n.106/2009 allegato XXV PRESCRIZIONI GENERALI PER I CARTELLI SEGNALETICI 2. Condizione d'impiego Omiss Il cartello va rimosso quando non sussiste più la situazione che ne giustificava la presenza.

85 LA SEGNALETICA NON DEVE ESSERE INGANNEVOLE D. Lgs 9 aprile 2008, n. 81 D.lgs n.106/2009 allegato XXV 2. Condizione d'impiego omiss 2.2. Il cartello va rimosso quando non sussiste più la situazione che ne giustificava la presenza.

86 La segnaletica deve essere sempre visibile D. Lgs 9 aprile 2008, n. 81 D.lgs n.106/2009 allegato XXV PRESCRIZIONI GENERALI PER I CARTELLI SEGNALETICI 2.1. I cartelli vanno sistemati tenendo conto di eventuali ostacoli, ad un'altezza e in un a posizione appropriata rispetto all'angolo di visuale, omiss

87 Troppo alti Non sono Visibili immediatamente D. Lgs 9 aprile 2008, n. 81 D.lgs n.106/2009 allegato XXV PRESCRIZIONI GENERALI PER I CARTELLI SEGNALETICI 2.1. I cartelli vanno sistemati tenendo conto di eventuali ostacoli, ad un'altezza e in un a posizione appropriata rispetto all'angolo di visuale, omiss

88 Troppo alti Non sono Visibili immediatamente C.m.i prot 880/4122 del 18/08/06 La sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro ove siano presenti Persone disabili, strumenti di verifica e controllo

89 Non esageriamo!!!!

90 Rispetto delle barriere architettoniche

91 segnaletica di sicurezza D. Lgs 9 aprile 2008, n D. lgs n.106/ Cartelli di salvataggio Caratteristiche intrinseche: - forma quadrata o rettangolare, -pittogramma bianco su fondo verde (il verde deve coprire almeno il 50% della superficie del cartello).

92 D. Lgs 9 aprile 2008, n D. lgs n.106/2009 all XXV par 3.4 cartelli di salvataggio) ALLEGATO XXIV 4. COLORI DI SICUREZZA 4.1. Le indicazioni della tabella che segue si applicano a tutte le segnalazioni per le quali e' previsto l'uso di un colore di sicurezza. Colore Significato o scopo Indicazioni e precisazioni Rosso Segnali di divieto Atteggiamenti pericolosi Pericolo - allarme Alt, arresto, dispositivi di interruzione d'emergenza Sgombero Materiali e attrezzature antincendio Identificazione e ubicazione.. omiss Verde Segnali di salvataggio o di soccorso Porte, uscite, percorsi, materiali, postazioni, locali Situazione di sicurezza Ritorno alla normalita' (Arresto da tre a sei mesi o con l ammenda da a euro il datore di lavoro e dirigenti. La violazione di più precetti riconducibili alla categoria omogenea di requisiti di sicurezza relativi alla segnaletica di sicurezza di cui agli allegati XXIV, punti 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11 e

93 Cosa indicano questi segnali D. Lgs 9 aprile 2008, n. 81 ALLEGATO XXIV. (Arresto da tre a sei mesi o con l ammenda da a euro il datore di lavoro e dirigenti.

94 Cosa indicano questi segnali D. Lgs 9 aprile 2008, n. 81 ALLEGATO XXIV. (Arresto da tre a sei mesi o con l ammenda da a euro il datore di lavoro e dirigenti.

95 Segni grafici per segnali di sicurezza Verso salvataggio o antincendio (UNI 7546 parte 7 ) Direzione da seguire ( cartello da aggiungere a quelli che precedono) D. Lgs 9 aprile 2008, n titolo V - Art allegato XXIV - XXV - XXVII (ex D.LGS 493\96 96 GU No 223 DEL 23\9\96 96 ) + + devono essere illuminati

Segnaletica di salute e sicurezza sul lavoro

Segnaletica di salute e sicurezza sul lavoro Segnaletica di salute e sicurezza sul lavoro Decreto Legislativo 9 aprile 2008, nr. 81 Art. 161 Campo di applicazione 1. Il presente titolo stabilisce le prescrizioni per la segnaletica di sicurezza e

Dettagli

D.LGS 81/2008 SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

D.LGS 81/2008 SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.LGS 81/2008 SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Campo di applicazione 1. Il presente titolo stabilisce le prescrizioni per la segnaletica di sicurezza e di salute sul luogo di lavoro. 2. Le

Dettagli

Segnaletica di sicurezza La segnaletica di sicurezza Titolo V D. Lgs. 81/08

Segnaletica di sicurezza La segnaletica di sicurezza Titolo V D. Lgs. 81/08 Segnaletica di sicurezza La segnaletica di sicurezza Titolo V D. Lgs. 81/08 La norma di riferimento è il Titolo V del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.: SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 1 2 Cos è la segnaletica

Dettagli

La segnaletica di sicurezza

La segnaletica di sicurezza La segnaletica di sicurezza 1/59 1/5 Normativa Cos è la segnaletica di sicurezza? La norma di riferimento è il D. Lgs 81/08 TITOLO V - SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 2/59 2/5 Cos è la segnaletica

Dettagli

PRESCRIZIONI GENERALI PER LA SEGNALETICA DI SICUREZZA

PRESCRIZIONI GENERALI PER LA SEGNALETICA DI SICUREZZA ALLEGATO XXIV PRESCRIZIONI GENERALI PER LA SEGNALETICA DI SICUREZZA ALLEGATO XXIV PRESCRIZIONI GENERALI PER LA SEGNALETICA DI SICUREZZA 1. CONSIDERAZIONI PRELIMINARI 1.1. La segnaletica di sicurezza deve

Dettagli

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1.1 ELENCO DEGLI IMPIANTI Saranno realizzati i seguenti impianti elettrici e speciali: - modifica al quadro generale di distribuzione esistente (QOO1) esistente - alimentazione

Dettagli

SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO TITOLO V dlgs del 9 aprile 2008 81/08

SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO TITOLO V dlgs del 9 aprile 2008 81/08 SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO TITOLO V dlgs del 9 aprile 2008 81/08 Art. 161 : IL PRESENTE TITOLO STABILISCE LE PRESCRIZIONI PER LA SEGNALETICA DI SICUREZZA E SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO

Dettagli

Segnaletica di sicurezza nei luoghi di lavoro - D.Lgs. 81/2008.

Segnaletica di sicurezza nei luoghi di lavoro - D.Lgs. 81/2008. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Istituto Comprensivo Via Cavolecchia, 4 - Manfredonia (FG) Tel. 0884-585923 Fax

Dettagli

La segnaletica di sicurezza

La segnaletica di sicurezza La segnaletica di sicurezza Nell ambito di una qualsiasi attività lavorativa, possono essere presenti diversi tipi di pericoli per la salute e l incolumità fisica dei lavoratori. La vigente normativa in

Dettagli

SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA

SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA La segnaletica svolge un ruolo importante ai fini della sicurezza: un appropriato segnale, infatti, trasmette con immediatezza un messaggio che fornisce unʹutile indicazione

Dettagli

LA SEGNALETICA DI SICUREZZA

LA SEGNALETICA DI SICUREZZA LA SEGNALETICA DI SICUREZZA ALLEGATO XXIV PRESCRIZIONI GENERALI PER LA SEGNALETICA DI SICUREZZA Norme generali sull intercambiabilità o complementarità delle segnaletiche di sicurezza MODI DI SEGNALAZIONE

Dettagli

Dispositivi di Protezione Individuale e Segnaletica

Dispositivi di Protezione Individuale e Segnaletica Dispositivi di Protezione Individuale e Segnaletica 1. Dispositivi di Protezione Individuale 2. Segnaletica di Sicurezza Rev. 2 ottobre 2009 Dispositivi di Protezione Individuale e Segnaletica slide 1

Dettagli

ing. Domenico Mannelli segnaletica nei cantieri e nelle attività estrattive

ing. Domenico Mannelli segnaletica nei cantieri e nelle attività estrattive ing. Domenico Mannelli segnaletica nei cantieri e nelle attività SIGNIFICATO DELL'ESPRESSIONE "SEGNALETICA" Mentre in passato con il termine "segnaletica" venivano compresi solamente i segnali grafici

Dettagli

SEGNALETICA DI SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO

SEGNALETICA DI SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO SEGNALETICA DI SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO IL D.Lgs. n 493 del 14/08/1996, IN ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 92/58/CEE, TRATTA LE PRESCRIZIONI MINIME PER LA SEGNALETICA DI SICUREZZA E/O DI SALUTE SUL LUOGO

Dettagli

ALLEGATO XXIV PRESCRIZIONI GENERALI PER LA SEGNALETICA DI SICUREZZA

ALLEGATO XXIV PRESCRIZIONI GENERALI PER LA SEGNALETICA DI SICUREZZA ALLEGATO XXIV PRESCRIZIONI GENERALI PER LA SEGNALETICA DI SICUREZZA 1. CONSIDERAZIONI PRELIMINARI 1.1. La segnaletica di sicurezza deve essere conforme ai requisiti specifici che figurano negli allegati

Dettagli

Dall infortunio all arresto per infortuni quando non si rispetta la segnaletica

Dall infortunio all arresto per infortuni quando non si rispetta la segnaletica Dall infortunio all arresto per infortuni quando non si rispetta la segnaletica Attuazione della direttiva 92/58/CEE concernente le prescrizioni minime per la segnaletica di sicurezza e/o di salute sul

Dettagli

LA SEGNALETICA DI SICUREZZA

LA SEGNALETICA DI SICUREZZA SCHEDA TECNICA N 23 LA SEGNALETICA DI SICUREZZA Servizio Prevenzione e Protezione V IA A LBERTONI, 15-40138 BOLOGNA! 051.63.61.371-FAX 051.63.61.358 E-mail: spp@aosp.bo.it I - DESCRIZIONE LA SEGNALETICA

Dettagli

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs 14 Agosto 1996 n 493) Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza S.P.P via R. Cozzi 53 Edificio U5 1 Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs

Dettagli

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione)

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione) Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti: o Isolamento delle parti attive; o Involucri o barriere con grado di protezione minimo IP2X o IPXXB. Per le superfici orizzontali superiori

Dettagli

LA SEGNALETICA DI SICUREZZA

LA SEGNALETICA DI SICUREZZA LA SEGNALETICA DI SICUREZZA LA SEGNALETICA DI SICUREZZA La segnaletica di sicurezza fornisce un indicazione o una prescrizione concernente la sicurezza sul luogo di lavoro. TIPOLOGIE: PERMANENTE Costituita

Dettagli

Mentre in passato con il termine "segnaletica" (cartelli segnaletici e contrassegni), attualmente, include tutte le forme di trasmissione di un

Mentre in passato con il termine segnaletica (cartelli segnaletici e contrassegni), attualmente, include tutte le forme di trasmissione di un ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info info La segnaletica nei cantieri i SIGNIFICATO DELL'ESPRESSIONE "SEGNALETICA" Mentre in passato con il termine "segnaletica" venivano compresi solamente i segnali

Dettagli

LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI

LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI ChiesadiMilano LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA ELETTRICA E DI SICUREZZA GESTIONE DELL EMERGENZA Relatore: P.E. Alessandro Fossati Milano,

Dettagli

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI VANI ASCENSORI E MONTACARICHI 2015 ilario.mammone@ordineingegneripisa.it ing. ilario mammone 1 NORMATIVA DPR 1497 DEL 29/05/63 APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER ASCENSORI E MONTACARICHI D.M. 246 DEL 16/05/87

Dettagli

Strutture alberghiere (Prescrizioni Particolari e Verifiche)

Strutture alberghiere (Prescrizioni Particolari e Verifiche) Prescrizioni particolari Segnaletica di sicurezza o La segnaletica di sicurezza deve rispondere a quanto previsto dalla Norma UNI EN 1838 (cioè dal Dlgs 493/96) sia per quanto concerne le dimensioni sia

Dettagli

Impianti d illuminazione di sicurezza. Procedure per la verifica e la manutenzione periodica.

Impianti d illuminazione di sicurezza. Procedure per la verifica e la manutenzione periodica. Impianti d illuminazione di sicurezza Procedure per la verifica e la manutenzione periodica. Leggi e Norme di riferimento Leggi e Norme di riferimento Rispetto della legge e della norma tecnica I parametri

Dettagli

Campo di applicazione e definizioni

Campo di applicazione e definizioni FORMAZIONE DEI LAVORATORI SEGNALETICA DI SICUREZZA e/o DI SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO D I S P E N S A M O N O G R A F I C A 1 Campo di applicazione e definizioni Il D. Lgs. n 493 del 14 agosto 1996, pubblicato

Dettagli

Impianti sportivi (Norme di Installazione)

Impianti sportivi (Norme di Installazione) Norme di installazione (le disposizioni indicate si riferiscono ad un impianto sportivo classificato come locale di pubblico spettacolo; se così non fosse, seguire le indicazioni per un impianto ordinario)

Dettagli

>>> RISCHI PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI <<< 4. PORTE, VIE E USCITE IN CASO DI EMERGENZA

>>> RISCHI PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI <<< 4. PORTE, VIE E USCITE IN CASO DI EMERGENZA 01. E stata effettuata una specifica Valutazione dei rischi associati alle porte dei locali, e alle porte e vie di uscita in caso di emergenza 02. Le porte dei locali di lavoro consentono una comoda e

Dettagli

Allegato G Schede segnaletica di sicurezza

Allegato G Schede segnaletica di sicurezza Allegato G Schede segnaletica di sicurezza Schede SEGNALETICA 1 Segnaletica di sicurezza In cantiere dovrà essere posizionata la segnaletica di sicurezza, conforme al D. Lgs. 81/08. Quando nei luoghi di

Dettagli

D. L. vo 493-96 SEGNALETICA DI SICUREZZA E SALUTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

D. L. vo 493-96 SEGNALETICA DI SICUREZZA E SALUTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA D. L. vo 493-96 SEGNALETICA DI SICUREZZA E SALUTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Vista la legge 22 febbraio 1994, n. 146; Vista la legge 6 febbraio 1996,

Dettagli

SEGNALETICA DI SICUREZZA

SEGNALETICA DI SICUREZZA SEGNALETICA DI SICUREZZA Lo scopo della segnalazione di sicurezza è quello di attirare in modo rapido e facilmente comprensibile l'attenzione su oggetti e situazioni che possono determinare pericoli. La

Dettagli

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI Relazione Illustrativa impianti elettrico e speciali - Pag.1 SOMMARIO SOMMARIO... 1 1. OGGETTO E LIMITI DELLA FORNITURA... 2 2. ELENCO ELABORATI... 3 3. DESTINAZIONE e CLASSIFICAZIONE DEI LOCALI... 3 4.

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

Guida alla segnaletica di sicurezza (prima parte)

Guida alla segnaletica di sicurezza (prima parte) Guida alla segnaletica di sicurezza (prima parte) Pubblicato il: 16/06/2004 Aggiornato al: 16/06/2004 di Gianfranco Ceresini L utilizzo della segnaletica di sicurezza può sembrare a prima vista un elemento

Dettagli

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA MISURE DI SICUREZZA PASSIVA: Resistenza al fuoco delle strutture e delle porte Compartimentazione Comportamento al fuoco dei materiali MISURE

Dettagli

Il codice dei colori per i componenti elettrici e la sicurezza - seconda parte -

Il codice dei colori per i componenti elettrici e la sicurezza - seconda parte - Pubblicato il: 28/02/2005 Aggiornato al: 16/03/2005 Il codice dei colori per i componenti elettrici e la sicurezza seconda parte di Gianluigi Saveri La tabella CEI UNEL 00721 Colori delle guaine dei cavi

Dettagli

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA Comune di Livorno UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA OGGETTO: NUOVA SEDE SCUOLA MATERNA PESTALOZZI IMPIANTI ELETTRICI

Dettagli

Il Decreto legislativo 626 del 1994 stabilisce delle misure generati di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori.

Il Decreto legislativo 626 del 1994 stabilisce delle misure generati di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori. INTRODUZIONE Il Decreto legislativo 626 del 1994 stabilisce delle misure generati di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori. Fra queste misure l'uso dei SEGNALI DI AVVERTIMENTO E SICUREZZA

Dettagli

Colori e segnali di sicurezza Parte 1: Prescrizioni generali

Colori e segnali di sicurezza Parte 1: Prescrizioni generali NORMA ITALIANA Colori e segnali di sicurezza Parte 1: Prescrizioni generali UNI 7543-1 DICEMBRE 2004 Safety colours and safety signs Part 1: General instructions CLASSIFICAZIONE ICS 01.080.99; 13.100 SOMMARIO

Dettagli

IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014

IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014 IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014 Riferimenti normativi: Norma CEI 64-8 Guida CEI 64-50 Prima di effettuare il progetto dell impianto elettrico è necessario acquisire tutte le informazioni relative alla

Dettagli

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro Il D.Lgs. 626/94 stabilisce le misure generali di tutela della salute e della sicurezza

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza

Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza Ing. Roberto Vinchi Associazione Imprese di Impianti tecnologici Unione Industriale di Torino D.Legs. 81/08 e s.m.i. CAPO III - Gestione

Dettagli

Segnaletica di sicurezza sul lavoro (D.Lgs 9 aprile 2008, nr. 81)

Segnaletica di sicurezza sul lavoro (D.Lgs 9 aprile 2008, nr. 81) Segnaletica di sicurezza sul lavoro (D.Lgs 9 aprile 2008, nr. 81) AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Abteilung 19 - Arbeit PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione 19 - Lavoro Editrice: Provincia

Dettagli

Sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro

Sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro IX Giornata della Sicurezza Como, 30 ottobre 2008 Sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro Ing. Claudio Giacalone Comando provinciale Vigili del fuoco di Como Decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139

Dettagli

IE 080 Uffici Novembre 2015

IE 080 Uffici Novembre 2015 IE 080 Uffici Novembre 2015 L impianto elettrico negli uffici deve essere molto flessibile al fine di consentire l allacciamento di nuovi utilizzatori o servire nuovi impianti. La flessibilità dipende

Dettagli

LA SEGNALETICA DI SICUREZZA. Fonti normative

LA SEGNALETICA DI SICUREZZA. Fonti normative Titolo V del D.Lgs 81/08 1 Fonti normative Attuazione della direttiva n. 92/58/CEE concernente le prescrizioni i i minime i per la segnaletica di sicurezza e/o di salute sul luogo di lavoro 2 1 Vocabolario

Dettagli

Corso di specializzazione in Prevenzione incendi (Legge 7 dicembre 1984, n. 818) IMPIANTI ELETTRICI

Corso di specializzazione in Prevenzione incendi (Legge 7 dicembre 1984, n. 818) IMPIANTI ELETTRICI Ordine degli Ingegneri della Provincia di Vicenza Corso di specializzazione in Prevenzione incendi (Legge 7 dicembre 1984, n. 818) IMPIANTI ELETTRICI Ing. Claudio Noro libero professionista - Vicenza 1

Dettagli

La sicurezza antincendio negli uffici

La sicurezza antincendio negli uffici G. Varisco C.T. ANIE AssoAscensori giovanni.varisco@kone.com Convegno La sicurezza antincendio negli uffici 13 marzo 2008 Istituto Superiore Antincendio Roma Le varie tipologie di ascensori previste dal

Dettagli

ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA

ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA Oggetto della presente relazione è la progettazione relativa all illuminazione di servizio e di emergenza della zona tecnica della piscina

Dettagli

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 Art. 4 VERIFICHE PERIODICHE 4.1 Generalità Per l esecuzione delle verifiche periodiche deve essere resa disponibile la documentazione tecnica relativa all impianto, compresa

Dettagli

D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81

D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81 D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81 81 La prevenzione incendi Disposizioni generali Restano inalterate, rispetto al D.Lgs. 626/94, le disposizioni sulla prevenzioni incendi La prevenzione incendi è la funzione

Dettagli

Obblighi generali per il datore di lavoro. Servizio di prevenzione e protezione - Nomina del responsabile del servizio

Obblighi generali per il datore di lavoro. Servizio di prevenzione e protezione - Nomina del responsabile del servizio Apparato sanzionatorio - Obblighi generali SICUREZZA E IGIENE DEL LAVORO Obblighi generali per il datore di lavoro Servizio di prevenzione e protezione - Nomina del responsabile del servizio DESTINATARIO/I

Dettagli

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Estratto dal: Decreto Ministeriale del 10 marzo 1998 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro. 3.1. DEFINIZIONI

Dettagli

Effetti sull uomo Procedura di verifica Effetti alla guida Indicazioni operative della Regione Veneto Test Test Tipologie Tipologie Parte I Parte II

Effetti sull uomo Procedura di verifica Effetti alla guida Indicazioni operative della Regione Veneto Test Test Tipologie Tipologie Parte I Parte II Effetti sull uomo Effetti alla guida Dal punto di vista medico gli effetti delle droghe sulla guida sono di particolare gravità per l'azione tossica sulle cellule nervose che si manifesta negli effetti

Dettagli

Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio. (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98)

Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio. (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98) Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98) RISC_INC Rev. 1 Pagina 1 di 12 Sede direzionale / amministrativa NOMINATIVO AZIENDA

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI SESTRI LEVANTE PROGETTO DEFINITIVO DI RISTRUTTURAZIONE DEL PALAZZO FASCIE ROSSI POLO CULTURALE E MUSEALE PER LA CITTA E PER IL TIGULLIO ORIENTALE IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

Dettagli

Relazione tecnica Impianti elettrici

Relazione tecnica Impianti elettrici Relazione tecnica Impianti elettrici GENERALITA La presente relazione tecnica definisce i requisiti a cui dovranno rispondere i materiali, le apparecchiature che costituiscono l impianto elettrico, nonché

Dettagli

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori 3.5 ascensori se attraversano due compartimenti, vano corsa protetto EI come strutture (vale anche per le scale) H > 24 m almeno un ascensore antincendio 1 4.1 affollamento aree vendita dettaglio alimentari

Dettagli

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte.

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte. Lezione n. 2 La Protezione Antincendio. 1 A parte. La Protezione Antincendio. Come già accennato la protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti

Dettagli

Guida per l installazione degli impianti fotovoltaici

Guida per l installazione degli impianti fotovoltaici Prescrizioni di prevenzione incendi per attività ove sono installati pannelli fotovoltaici 1 CONTENUTI DELLA GUIDA PREMESSA CAMPO DI APPLICAZIONE REQUISITI TECNICI CARATTERISTICHE DOCUMENTAZIONE VERIFICHE

Dettagli

INDICE Manuale Volume 2

INDICE Manuale Volume 2 INDICE Manuale Volume 2 Pag. NOTA DEGLI EDITORI PREFAZIONE 1. INTRODUZIONE 1 2. DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E RIFERIMENTI NORMATIVI 3 2.1 Principali disposizioni legislative 3 2.2 Principali norme tecniche

Dettagli

linee guida per l uso dell illuminazione di sicurezza Associazione Nazionale Produttori Illuminazione

linee guida per l uso dell illuminazione di sicurezza Associazione Nazionale Produttori Illuminazione Illuminazione di emergenza: una guida sicura linee guida per l uso dell illuminazione di sicurezza Associazione Nazionale Produttori Illuminazione Perché questa guida I professionisti della sicurezza sanno

Dettagli

CAPO III IMPIANTI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE

CAPO III IMPIANTI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo III Capo III articoli 80-87 e Allegati V- VI - IX Titolo IV Capo II art 117 e Allegato X - così come modificati dal Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n.

Dettagli

SEMINARIO ANTINCENDIO La progettazione di un impianto di rivelazione incendi in base alle norme EN 54 e UNI 9795-2010

SEMINARIO ANTINCENDIO La progettazione di un impianto di rivelazione incendi in base alle norme EN 54 e UNI 9795-2010 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI SEMINARIO ANTINCENDIO La progettazione di un impianto di rivelazione incendi in base alle norme EN 54 e UNI 9795-2010 Aggiornamenti sulla normativa e casi pratici

Dettagli

SEMINARIO TECNICO. Sistemi fissi di rivelazione automatica. La nuova normativa UNI9795. Il suo presente e futuro e TS EN54-14. Ing. Sergio Sanfratello

SEMINARIO TECNICO. Sistemi fissi di rivelazione automatica. La nuova normativa UNI9795. Il suo presente e futuro e TS EN54-14. Ing. Sergio Sanfratello SEMINARIO TECNICO Sistemi fissi di rivelazione automatica. La nuova normativa UNI9795. Il suo presente e futuro e TS EN54-14 Ing. Sergio Sanfratello Scopo e campo di applicazione La presente Norma descrive

Dettagli

COMUNE DI ANCONA AREA DELLA CITTA' E DEL TERRITORIO

COMUNE DI ANCONA AREA DELLA CITTA' E DEL TERRITORIO COMUNE DI ANCONA AREA DELLA CITTA' E DEL TERRITORIO Direzione Pregettazioni, Manutenzioni, Viabilità, Frana, Protezione Civile e Sicurezza. (Edilizia Scolastica ed Asili Nido) Progetto per l'ampliamento

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Dati dell'impresa installatrice

RELAZIONE TECNICA. Dati dell'impresa installatrice RELAZIONE TECNICA Impianto elettrico a servizio della scuola elementare Mons. MUCEDOLA con Obbligo di progetto dell'impianto da parte di un professionista Dati dell'impresa installatrice Ragione sociale:

Dettagli

IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDIO. Ing. PAOLO MAURIZI Corso 818/84

IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDIO. Ing. PAOLO MAURIZI Corso 818/84 IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDIO Ing. PAOLO MAURIZI Corso 818/84 GENERALITA E OBIETTIVI Misure di protezione incendi Protezione di tipo attivo Salvaguardia della incolumità delle persone (attraverso un

Dettagli

Energia e Luce di emergenza

Energia e Luce di emergenza TM Energia e Luce di emergenza Apparecchi e sistemi per l illuminazione d emergenza e la segnalazione di sicurezza Catalogo 2015 Energia e Luce di Emergenza Sommario generale Soluzioni per l illuminazione

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 14 agosto 1996, n. 493 Attuazione della direttiva 92/58/CEE concernente le prescrizioni minime per la segnaletica di sicurezza e/o di salute sul luogo di lavoro (G.U. 23 settembre 1996,

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO REDATTO DA ARCH/ING ELENA AMERI Ai sensi del D.M. 37/28 art 5 comma 2 punto c) RELAZIONE TECNICA 0. PREMESSA Il progetto dell

Dettagli

Il testo riportato è aggiornato con l emanazione del D.M. 16 febbraio 1982 che ha sostituito il D.M. 27 settembre 1965

Il testo riportato è aggiornato con l emanazione del D.M. 16 febbraio 1982 che ha sostituito il D.M. 27 settembre 1965 Circolare n 75 del 03/07/1967 Criteri di prevenzione incendi per grandi magazzini, empori, ecc. TESTO COORDINATO E' noto che al n. 87 del Decreto Interministeriale del 16 febbraio 1982, emanato ai sensi

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE OGGETTO Variante al piano attuativo di iniziativa privata ai sensi della L.R. 11/2005 autorizzato con delibera del C.C. n. 125 del 21/12/2005 S. Angelo di Celle - Deruta (Perugia) COMMITTENTE Novatecno

Dettagli

Opere di completamento per nuova sede E.S.A. S.p.A. PROGETTISTA OGGETTO CLIENTE INDICE 1 OGGETTO... 3 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO...

Opere di completamento per nuova sede E.S.A. S.p.A. PROGETTISTA OGGETTO CLIENTE INDICE 1 OGGETTO... 3 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... INDICE 1 OGGETTO... 3 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 4 3 DESCRIZIONE DELLE STRUTTURE E CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO... 5 4 CRITERI DI SICUREZZA ADOTTATI... 6 4.1 PROTEZIONE CONTRO SOVRACCARICHI

Dettagli

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Prevenzione e promozione della sicurezza Lavoro sicuro 1 LAVORO SICURO 2 1. Sicurezza: i provvedimenti

Dettagli

La SSL nella Polizia di Stato DOMANI

La SSL nella Polizia di Stato DOMANI Via Alessandria 220/E - 00198 Roma LA CLASSIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI IN RELAZIONE ALLA NORMATIVA Ambienti di lavoro CRISTIANO DE LUCA 1 La SSL nella Polizia di Stato DOMANI BOZZA REGOLAMENTO

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-NORMATIVA IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE TECNICO-NORMATIVA IMPIANTI ELETTRICI REGIONE CALABRIA COMUNE DI SANT ANDREA SULLO IONIO PROVINCIA DI CATANZARO COMPLETAMENTO DEGLI INTERVENTI DI RESTAURO DI BENI STORICO- ARTISTICI DELLA CHIESA DI SANT ANDREA APOSTOLO (POR CALABRIA 2007/2013

Dettagli

SEMINARIO Progettare in sicurezza i sistemi delle vie d esodo

SEMINARIO Progettare in sicurezza i sistemi delle vie d esodo SEMINARIO Progettare in sicurezza i sistemi delle vie d esodo COMANDO VIGILI DEL FUOCO DI VARESE VENERDI 07 Maggio 10 - ore 8,30 Sede: UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA - Villa Toeplitz Relatore: Ing.

Dettagli

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili In presenza di disabili quali ulteriori avvertenze si debbono adottare riguardo la sicurezza antincendio? Il Ministero dell Interno

Dettagli

FEDERAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELL INDUSTRIA MECCANICA VARIA ED AFFINE

FEDERAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELL INDUSTRIA MECCANICA VARIA ED AFFINE FEDERAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELL INDUSTRIA MECCANICA VARIA ED AFFINE Via L. Battistotti Sassi 11/b - 20133 Milano Tel. 02.73971 r.a. - Tel. e fax 02.7397846 e-mail: anima@anima-it.com - Url:

Dettagli

La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici.

La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici. La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici. Palazzo dei Torriani (UD) Martedì, 14 giugno 2011 La manutenzione delle apparecchiature elettriche: legislazione e normativa

Dettagli

Pericoli derivanti dalla DM 37/08 corrente elettrica: provvedimenti. protezione e norme

Pericoli derivanti dalla DM 37/08 corrente elettrica: provvedimenti. protezione e norme Area Iniziative Formative Via R. Guardini, 75 - Telefono 0461.496048 - Fax 0461.496093 1 CORSI DI FORMAZIONE PER ESPERTI VERIFICATORI Decreto del Presidente della Provincia n. 25-105/Leg del 20 novembre

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI PREMESSA La Presente relazione tecnica di progetto definitivo intende illustrare la metodologia seguita nella progettazione e descrivere le principali caratteristiche

Dettagli

VIE D ESODO E USCITE DI SICUREZZA

VIE D ESODO E USCITE DI SICUREZZA VIE D ESODO E USCITE DI SICUREZZA MINISTERO DELL'INTERNO MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1 DELLA LEGGE 3 AGOSTO 2007, N. 123, IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO

PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO Ing. Pietro Marco SIMONI Via Roncari, 39/A 21023 BESOZZO (VA) Tel/fax 0332-970793 PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA (ai sensi

Dettagli

Energia e Luce di emergenza

Energia e Luce di emergenza Energia e Luce di emergenza Apparecchi e sistemi per l illuminazione d emergenza e la segnalazione di sicurezza Catalogo 2014 Energia e Luce di Emergenza Sommario generale Soluzioni per l illuminazione

Dettagli

D. Lgs n 81 del 9 aprile 2008 - Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei

D. Lgs n 81 del 9 aprile 2008 - Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei D. Lgs n 81 del 9 aprile 2008 - Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. (TESTO UNICO) Art. 304 - Abrogazioni

Dettagli

Colorazioni della segnaletica in relazione alla indicazione che deve fornire

Colorazioni della segnaletica in relazione alla indicazione che deve fornire Segnaletica di sicurezza sul posto di lavoro prof F.Scinicariello Per il Biennio Itis Prescrizioni generali per la segnaletica di sicurezza Colorazioni della segnaletica in relazione alla indicazione che

Dettagli

COMUNE DI POZZALLO(RG)

COMUNE DI POZZALLO(RG) Tav.5 Relazione prevenzione incendi COMUNE DI POZZALLO(RG) PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN TERMINALE PER IL CARICO E SCARICO DI IDROCARBURI - GASOLIO E BIODIESEL A SERVIZIO DI DEPOSITO FISCALE, SITO

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 13 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 INDIVIDUAZIONE DEI

Dettagli

QUADERNO TECNICO Gennaio 2011

QUADERNO TECNICO Gennaio 2011 1/12 QUADERNO TECNICO Gennaio 2011 Autore: Dott. Mauro Baldissin - Tecnico della Prevenzione CANTIERI EDILI CONTROLLI FONDAMENTALI PER RIDURRE IL RISCHIO ELETTRICO Premessa Nei cantieri edili i rischi

Dettagli

ING. GIANLUCA CESAREO COMUNE DI ANCONA. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO ALLA NORMATIVA PREVENZIONE INCENDI Parcheggi Cialdini e Scosciacavalli

ING. GIANLUCA CESAREO COMUNE DI ANCONA. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO ALLA NORMATIVA PREVENZIONE INCENDI Parcheggi Cialdini e Scosciacavalli ING. GIANLUCA CESAREO COMUNE DI ANCONA INTERVENTI DI ADEGUAMENTO ALLA NORMATIVA PREVENZIONE INCENDI Parcheggi Cialdini e Scosciacavalli PROGETTO ESECUTIVO OGGETTO DELLA TAVOLA: TAVOLA N RELAZIONE GENERALE

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Guida alla progettazione ed all installazione secondo le norme tecniche CEI e UNI di MARCO

Dettagli

Nuova sede della Facoltà di Scienze della Formazione nel Campus Umanistico del Centro Murattiano di Bari

Nuova sede della Facoltà di Scienze della Formazione nel Campus Umanistico del Centro Murattiano di Bari I SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. GENERALITÀ... 3 2.1. SCOPO... 3 2.2. DESTINAZIONE D USO... 3 2.3. CLASSIFICAZIONE... 4 3. UBICAZIONE... 4 3.1. GENERALITÀ... 4 3.2. ACCESSO ALL AREA... 4 4. SEPARAZIONI -

Dettagli

Il D.M. 27 luglio 2010 La regola tecnica sulle attività commerciali con superficie superiore a 400 mq. (G.U. n. 187 del 12-8-2010)

Il D.M. 27 luglio 2010 La regola tecnica sulle attività commerciali con superficie superiore a 400 mq. (G.U. n. 187 del 12-8-2010) MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE CORSO DI AGGIORNAMENTO IN MATERIA DI PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO AL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE

Dettagli

Sicurezza degli Impianti Elettrici

Sicurezza degli Impianti Elettrici FACOLTÁ DI INGEGNERIA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Sicurezza degli Impianti Elettrici Prof. Dott. Ing. Roberto Mugavero tel/fax 06-72597320 e-mail mugavero@ing.uniroma2.it Definizione di

Dettagli

Informazioni base per la sicurezza nell ambiente scolastico. Liceo Statale Vito Capialbi

Informazioni base per la sicurezza nell ambiente scolastico. Liceo Statale Vito Capialbi Liceo Statale Vito Capialbi Liceo Musicale - Liceo Linguistico - Liceo Scienze Umane - opz. Economico Sociale Via S. Ruba snc * 89900 VIBO VALENTIA * Cod.Mecc. VVPM01000T 0963/592415 * Fax 0963/991310

Dettagli