PIANO EMERGENZA NEVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO EMERGENZA NEVE"

Transcript

1 COMUNE DI CASORATE PRIMO (provincia di Pavia) PIANO EMERGENZA NEVE Piano Emergenza Neve Pagina 1

2 INDICE: 1. Premessa 2. Scopo del piano 3. Fasi di intervento 4. Limitazioni della viabilità 5. Intervento 1 prevenzione ghiaccio 6. Intervento 2 sgombero neve 7. Informazioni 8. Collaborazione dei cittadini 9. Allegato A planimetria strade con viabilità e intervento primario 10. Allegato B planimetria punti sensibili e edifici pubblici per cui garantire l accessibilità Piano Emergenza Neve Pagina 2

3 1. Premessa. Il presente piano fa riferimento a situazioni caratterizzate da formazioni di ghiaccio (intervento 1) o precipitazioni nevose (intervento 2), per le quali si renda necessario attuare interventi immediati per garantire i servizi essenziali,evitare gravi disagi alla popolazione, garantire condizioni di sicurezza per la circolazione stradale e ripristinare la viabilità e pedonabilità. Quando le precipitazioni sono tali da compromettere le condizioni di fluidità del traffico sulla rete stradale e causare gravi disagi alla popolazione, il Sindaco (o suo delegato) assume, nell ambito del territorio comunale, la direzione e il coordinamento dei servizi di emergenza e provvede ad attivare gli interventi necessari, delegando gli uffici preposti. Nella sua attività, il Sindaco sarà coadiuvato da: - Responsabile Servizio di Polizia Locale e Protezione Civile (dott.ssa Deborah Ariboni); - Responsabile dell Ufficio Servizi per il Territorio (arch. Donato Lamacchia o in sua assenza dott. Walter Vignati). 2. Scopo del piano. - individuare i tratti stradali e le zone più sensibili in relazione al fenomeno neve (mappatura della viabilità primaria - vedi allegato A); - individuare i servizi essenziali da garantire quali la viabilità e punti strategici, energia elettrica, gas, acquedotto, collegamenti telefonici, strutture sanitarie (ospedale, casa di riposo, poliambulatori medici, deposito Servizio ambulanze Croce Rossa), edifici pubblici, scuole (vedi allegato B); - individuare situazioni particolari (disabili, anziani residenti in abitazioni isolate ecc.); - organizzare uomini e mezzi e predisporre le misure preventive; - prevedere le modalità di raccordo e concorso dei soggetti concorrenti; - stabilire le modalità di attivazione ed intervento a seguito delle segnalazioni di emergenza; - individuare itinerari alternativi in relazione a situazioni di chiusura al traffico di tratti stradali fortemente innevati. 3. Fasi di intervento Al fine di consentire una tempestiva organizzazione delle strutture operative da attivare per gli interventi si individuano le seguenti fasi: FASE DI ATTENZIONE La fase di attenzione ha inizio a seguito della previsione di precipitazione nevosa nella zona. Adempimenti: - procedere ad una individuazione del personale effettivamente disponibile, compresa l eventuale mano d opera straordinaria da impiegare nel servizio di sgombero neve, costituire le squadre; - verificare la dislocazione dei mezzi, la loro efficienza e disponibilità di quanto necessario al loro tempestivo approntamento per l impiego (lame, catene, ecc.); - contattare le ditte private preventivamente individuate, per accertare la reale disponibilità di idonei mezzi sgombraneve da impiegare sul territorio; - verificare le scorte di sale da disgelo; - far dotare i mezzi pubblici di catene da neve da tenere a bordo o di pneumatici invernali. FASE DI PREALLARME La fase di preallarme inizia con l invio, da parte del Dipartimento della Protezione Civile del bollettino di condizioni meteo avverse, con la previsione di precipitazioni nevose oppure, dopo la fase di attenzione, con l inizio delle precipitazioni nevose. Adempimenti: Piano Emergenza Neve Pagina 3

4 - attuare quanto previsto per la fase di attenzione (qualora il preallarme non sia stato preceduto da tale fase); - convocare nella sede comunale i responsabili delle strutture operative e delle squadre comunali di intervento; - effettuare un controllo continuo delle zone a rischio. Compiti dell ufficio tecnico: - predisporre i mezzi e i materiali per gli eventuali interventi (veicoli, segnaletica, materiali e quant altro necessario); - effettuare gli interventi richiesti dalla Pattuglia sul territorio. Compiti del Comando Polizia Locale : - effettuare un controllo continuo della viabilità e delle zone a rischio. FASE DI ALLARME La fase di allarme inizia con il persistere della precipitazione nevosa (manto stradale coperto con conseguente difficoltà di circolazione). Adempimenti: - E necessaria la presenza del Sindaco o di un funzionario coordinatore, con esperienza e conoscenza del territorio, in modo da poter seguire la situazione, fornire notizie, disporre gli interventi, inoltrare eventuali richieste di concorso; - dare il via a tutte le attività d intervento previste nelle precedenti fasi; - informare e mantenere collegamenti costanti con la dirigenza scolastica per le modalità di intervento ( sospensione delle lezioni) e eventuale trasporto degli alunni. Compiti dell ufficio tecnico: - dare il via a tutte le attività d intervento previste nelle precedenti fasi; - effettuare gli interventi richiesti dal sindaco e dalla polizia locale, in modo da assicurare prioritariamente la transitabilità delle strade comunali di accesso a eventuali punti strategici della rete di distribuzione dei servizi essenziali (elettricità - acqua - gas - telefono), strutture sanitarie (compresa casa di riposo), edifici pubblici e scuole, utilizzando tutti i mezzi meccanici a disposizione; - attivare, ove si renda necessario, gli interventi delle ditte private preventivamente individuate, per coadiuvare le unità operative comunali negli interventi elencati nel precedente punto; - provvedere al trasporto e allo spargimento di sale da disgelo, con particolare riguardo alle vie di accesso nei pressi delle scuole, edifici pubblici e strutture sanitarie. Compiti del Comando Polizia Locale : - predisporre idoneo servizio di pattugliamento e controllo del territorio; - tenere sotto controllo le situazioni particolari, in precedenza individuate (disabili, anziani, residenti in strutture di emergenza o in abitazioni isolate). 4. Limitazioni della viabilità. A cura del Comando di Polizia Locale potrà essere data attuazione all ordinanza di chiusura al transito delle eventuali strade e vie pubbliche che, a causa del forte innevamento, risultino pericolose per la circolazione, o che devono essere lasciate libere per favorire il passaggio dei mezzi di soccorso. A seguito dell interdizione al traffico, la circolazione verrà consentita nelle strade adiacenti di qualsiasi natura, che siano comunque percorribili e in grado di sopportare il flusso veicolare relativo. Piano Emergenza Neve Pagina 4

5 5. Intervento 1- prevenzione ghiaccio. Coinvolti: ufficio tecnico polizia locale In concomitanza all abbassamento della temperatura, relativamente al grado di umidità, su indicazione della Polizia Locale, l ufficio tecnico prevede l uscita di automezzi con attrezzature spargisale nei punti ritenuti pericolosi e critici per la viabilità e la pedonabilità. L intervento prevenzione ghiaccio avverrà con personale dotato di attrezzature a mano e automezzi comunali o della ditta appaltatrice predisposti per l aggancio dell attrezzatura spargisale. Nella cartina ( allegato B ) e nella relativa tabella sono indicati i punti di intervento in ordine di priorità. Sarà poi cura dell ufficio tecnico verificare se sussistono altre situazioni di pericolo che richiedono ulteriori interventi. 1. Accesso garage scuolabus via De Nicola; 2. Ingresso scuola media in via F.lli Kennedy; 3. Ingresso scuola elementare via Vittorio Rho e vi a c. Mira, 10; 4. ingresso scuola prima infanzia via Europa Unita; 5. Ingresso nido via F.lli Kennedy; 6. ingresso centro cottura via F.lli Kennedy; 7. Ingresso Palestra e auditorium in via Kennedy; 8. Parcheggio + marciapiedi area mercato e distributore acqua di via Europa Unita; 9. Zona adibita a mercato (se l intervento è nel giorno di mercoledì notte o giovedì mattina) 10. Ingresso Municipio via Anselmo Dall Orto; 11. ingresso Municipio via C. Mira, 10; 12. Ingresso edificio ambulatori e Croce Rossa in via Matteotti; 13. Ingresso ufficio postale via Anselmo dall Orto, 11; 14. Fermate bus via C. Battisti, Ospedale, via Motta Visconti, piazza Contardi via Di Vittorio, via Santagostino; 15. accesso alla biblioteca via C. Mira; 16. Ingresso casa di riposo in via Palazzo (strada comunale); 17. Piazza Europa e Ponte collegamento tra la via L. Da vinci con la via Delle Primule 18. Piattaforma ecologica in via P. Lombardi 19. Ingresso Cimitero e marciapiede in via Milano Seguiranno su indicazione dell ufficio tecnico i marciapiedi e le ciclopedonali; 6. Intervento 2 sgombero neve. Coinvolti : ufficio tecnico polizia locale protezione civile ( in emergenza) Saranno oggetto dell intervento tutte le strade pubbliche, nonché le piazze ed i marciapiedi del territorio comunale. Quando, per il persistere delle precipitazioni nevose, si raggiunge la fase di allarme, è prevista l uscita di automezzi con lame spartineve che provvederanno allo sgombero delle vie cittadine. Nelle cartine ( allegato A e B) e nella relativa tabella sono indicati i punti di intervento, le priorità secondo cui si procederà allo sgombero manuale per consentire l accesso ai pubblici edifici e allo spazzamento neve delle strade con idonei mezzi, oltre ai punti di accatastamento neve. Sgombero manuale della neve davanti agli edifici pubblici ( evidenziati nell allegata planimetria B ): 1. Ingresso autorimessa municipio; 2. Ingresso scuola media; 3. Ingresso scuola materna; 4. Ingresso scuola elementare; Piano Emergenza Neve Pagina 5

6 5. Ingresso nido; 6. marciapiede fronte scuole da via Europa 3 a via F.lli Kenendy, 3; 7. marciapiede parcheggio + marciapiedi via Europa Unita casetta acqua; 8. marciapiede Municipio via A. Dall Orto; 9. marciapiede Municipio via C. Mira; 10. marciapiede ufficio postale e carabinieri; 11. Ingresso Palestra in via Giardini e accesso alla biblioteca 12. Piazza Europa passaggi pedonali per mercato 13. Ingresso Cimitero e marciapiede in via Pionnio Spazzamento neve delle strade con idonei mezzi, le priorità di intervento saranno le seguenti ( evidenziate nell allegata planimetria A ): 1. Magazzino mezzi e parcheggio P.L. di via Mira, 10; 2. deposito sale e accesso secondario cimitero str. Comunale Bubbiano, da via Pionnio; 3. Via Biagi, Ecocentro comunale; 4. Via Europa Unita, piazza del mercato; 5. Via Kennedy, 1 centro cottura 6. Via Motta Visconti sede dei pompieri, lungo SP 190; 7. Via A. Dall Orto; 8. Via V. Rho; 9. Via F.lli Kennedy 10. p.zza Donatori del sangue/ largo Avis (parcheggio ospedale) 11. p.zza Contardi -Via Vittorio Emanuele II 12. p.zza Contardi via Dall Orto - Via Motta Visconti - Turati 13. Via Santagostino Santini Garibaldi - Besate 14. rotatoria Doria - Via C. Tosi via Palazzo via Monte Adamello cav. di Vittorio Veneto 15. Via Capo di Vico 16. Via Marconi-Meucci-Berlinguer-Matteotti 17. Via Pionnio 18. Via Garibaldi A seguire le restanti vie di viabilità secondaria, partendo dal centro storico. Parcheggi pubblici strategici per garantire la sosta : (evidenziati nell allegata planimetria A) 1. parcheggio del cimitero via Pionnio 2. parcheggi Centro Sportivo R. Chiodini via Magnaghi 3. parcheggio fronte scuole medie via f.lli Kennedy 4. parcheggi via Europa unita; 5. parcheggi via Vittorio Emanuele II- via Bremi; Punti accatastamento neve : - centro storico e resto del paese: andane lungo le strade. 7. Informazione Coinvolti : Servizi per il Territorio Polizia Locale Protezione Civile. In caso di nevicate copiose, i cittadini potranno costantemente essere informati su tutte le operazioni di trattamento strade chiamando l ufficio LL.PP. - Manutenzioni - Ecologia dei Servizi per il Territorio al n o in assenza alla Polizia Locale e/o Protezione Civile al n , con deviazione di chiamata alla pattuglia. Piano Emergenza Neve Pagina 6

7 A questo numero potranno essere segnalate necessità, bisogni relativi all emergenza e situazioni particolari. Si suggerisce di mantenersi costantemente informati, leggere i giornali quotidiani; ascoltare telegiornali o radio giornali locali; chiamare l Ufficio Servizi per il Territorio o la Polizia Locale; collegarsi al sito Internet del Comune di Casorate Primo - consultare le previsioni meteorologiche in Internet - avere a portata di mano i numeri utili di telefono: Polizia Locale Vigili del Fuoco 115 Pronto Soccorso Sanitario 118 Carabinieri 112 Polizia di Stato 113 Ufficio LL.PP. e Manutenzione Protezione Civile Pronto intervento pubblica illuminazione diurno Reperibilità Notturna --- ENEL Gas (rete pubblica) Acqua rete fognaria ASM Pavia SpA Enel - segnalazioni guasti Collaborazione dei cittadini Coinvolti : i cittadini Oltre che agli uffici comunali, alla Polizia Locale e alla Protezione Civile, gli altri attori coinvolti sono sicuramente i cittadini, che sono chiamati a giocare un ruolo altrettanto importante. Infatti in caso di copiose nevicate, il piano neve è attuato dall ufficio tecnico Comunale che coordina gli interventi sul territorio, tuttavia tali interventi potranno essere resi ancor più efficaci e veloci con la collaborazione di tutti. Bastano poche regole : Mantenersi sempre aggiornati sulle situazioni di emergenza In caso di neve, evitiamo di ricorrere all uso dell automobile: se è proprio necessario assicuriamoci di avere le catene a bordo o pneumatici invernali. Ad ogni nevicata, infatti, le automobili bloccate e abbandonate creano sempre gravissimi problemi ed enormi ritardi nella pulizia delle strade; Affinché gli spazzaneve possano intervenire, è indispensabile evitare di lasciare automobili in sosta sulla strada. In caso di nevicate è necessario parcheggiare le automobili all interno dei cancelli delle abitazioni; La pulizia dei marciapiedi e di eventuali accumuli di neve davanti agli stabili e ai passi carrai e pedonali delle proprietà private, deve essere eseguita a cura dei cittadini, ciascuno per il tratto che gli compete. Il passaggio pedonale sui marciapiedi viene garantito dai residenti delle abitazioni e dagli operatori commerciali che danno sulla strada e sui marciapiedi. La neve proveniente dallo sgombero delle proprietà private e quella accumulata davanti alle stesse proprietà, deve essere diligentemente ammucchiata sull area privata, o sulle andane create dallo spartineve, evitando di gettarla sulla strada o sui marciapiedi ostacolando il traffico veicolare o pedonale. E bene acquistare sale e munirsi di pale per sgomberare le proprie aree private. Quando il manto nevoso supera i dieci centimetri non esporre nessun tipo di rifiuto sulla strada poiché il servizio di raccolta non viene effettuato e i sacchi o i bidoni potrebbero intralciare le operazioni di sgombero neve. Piano Emergenza Neve Pagina 7

8 Verificare costantemente che non si creino condizioni di pericolo per i passanti come l accumulo eccessivo di neve sui tetti spioventi o la formazione di ghiacci pendenti dalle grondaie. Seguire tutte le informative, rilasciate dal Gestore della rete idrica, per evitare il congelamento e/o la rottura del proprio contatore acqua potabile. Per favorire la circolazione stradale, si ricorda di: utilizzare la propria automobile solo in caso di assoluta necessità, moderare la velocità, utilizzare marce basse e mantenere le distanze di sicurezza; non avventurarsi su percorsi innevati con pneumatici lisci o non adatti; utilizzare le catene, se necessario; usare i mezzi pubblici, per rendere più scorrevole il traffico, favorendo i lavori di sgombero della neve dalle strade; non parcheggiare la propria auto, se possibile, su strade e aree pubbliche, ma su aree private e all interno di garage, per agevolare il lavoro di sgombero neve; parcheggiare in modo corretto dove è consentito. I comportamenti e gli accorgimenti utili suggeriti dagli esperti includono i seguenti: restare sempre informati e aggiornati sulla situazione di emergenza; non camminare nelle vicinanze di alberi e prestare attenzione, soprattutto in fase di disgelo, ai blocchi di neve che si staccano dai tetti; non utilizzare mezzi di trasporto su due ruote; indossare scarpe adatte, per evitare infortuni conseguenti a cadute e a scivolamenti; fare scorte alimentari per le persone e i familiari più anziani; avere a disposizione una scorta di sale; acquistare preventivamente pale o badili; parcheggiare le automobili in modo corretto o in aree private, per non ostacolare i lavori di sgombero. Per segnalare eventuali situazioni critiche e di imminente pericolo in relazione alla viabilità (alberi e pali pericolanti, crolli e simili), si ricorda di telefonare alla Polizia Locale: Piano Emergenza Neve Pagina 8

Nevica!... Cosa fare : cosa può fare il cittadino - Consigli utili

Nevica!... Cosa fare : cosa può fare il cittadino - Consigli utili Nevica!... Cosa fare : cosa può fare il cittadino - Consigli utili Nel Piano emergenza neve sono coinvolti diversi attori (Comune, Provincia, Regione, ecc); anche i cittadini sono chiamati a giocare un

Dettagli

PIANO COMUNALE EMERGENZA NEVE

PIANO COMUNALE EMERGENZA NEVE PIANO COMUNALE EMERGENZA NEVE Approvato con delibera di Giunta Comunale n 92 del 22/12/2015 PREMESSE Il presente piano neve sottoposto all approvazione della Giunta Municipale, programma e disciplina gli

Dettagli

C O M U N E D I G I O V E P R O V I N C I A D I T E R N I

C O M U N E D I G I O V E P R O V I N C I A D I T E R N I PIANO EMERGENZA NEVE COMUNALE INVERNO 2012-2013 PREMESSA Il presente piano costituisce strumento di attivazione degli interventi e di coordinamento delle componenti della Protezione Civile affinché, in

Dettagli

PIANO NEVE. COMUNE DI MARRADI Provincia di Firenze ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE N. 82/GC DEL 30.11.2013

PIANO NEVE. COMUNE DI MARRADI Provincia di Firenze ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE N. 82/GC DEL 30.11.2013 ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE N. 82/GC DEL 30.11.2013 SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO PIANO NEVE Per informazioni: Comune di Marradi (Fi) - Uff. Tecnico. Te.l. 055/8045952 - tecnico@comune.marradi.fi.it

Dettagli

EMERGENZA NEVE: COME GESTIRLA AL MEGLIO

EMERGENZA NEVE: COME GESTIRLA AL MEGLIO EMERGENZA NEVE: COME GESTIRLA AL MEGLIO La Provincia di Pistoia ha realizzato questo piccolo opuscolo per forinire ai cittadini le informazioni necessarie a prevenire gli eventuali disagi che la neve potrebbe

Dettagli

Comune di Polesella PIANO NEVE

Comune di Polesella PIANO NEVE Comune di Polesella PIANO NEVE Presentazione Il Piano Neve definisce l insieme di attività da adottare per garantire la messa in sicurezza e la transitabilità delle strade quando si preveda il verificarsi

Dettagli

Comune di San Lazzaro di Savena. Piano Neve. informazioni e suggerimenti. per affrontare insieme le nevicate in città

Comune di San Lazzaro di Savena. Piano Neve. informazioni e suggerimenti. per affrontare insieme le nevicate in città Comune di San Lazzaro di Savena Piano Neve informazioni e suggerimenti per affrontare insieme le nevicate in città Comune di San Lazzaro di Savena Piano Neve Il nuovo Piano Neve di San Lazzaro di Savena

Dettagli

PIANO EMERGENZA NEVE ANNO 2014-2015

PIANO EMERGENZA NEVE ANNO 2014-2015 COMUNE DI CANNARA Provincia di Perugia PIANO EMERGENZA NEVE ANNO 2014-2015 1. PREMESSA 2. SCOPI DEL PIANO 3. FASI DI INTERVENTO MISURE PREVENTIVE 4. LIMITAZIONI DELLA VIABILITA ITINERARI ALTERNATIVI 5.

Dettagli

COMUNE DI ORIOLO ROMANO Provincia di Viterbo PIANO COMUNALE DI EMERGENZA PER LA GESTIONE DEL RISCHIO NEVE E GHIACCIO

COMUNE DI ORIOLO ROMANO Provincia di Viterbo PIANO COMUNALE DI EMERGENZA PER LA GESTIONE DEL RISCHIO NEVE E GHIACCIO COMUNE DI ORIOLO ROMANO Provincia di Viterbo PIANO COMUNALE DI EMERGENZA PER LA GESTIONE DEL RISCHIO NEVE E GHIACCIO PRINCIPALI NORME DI COMPORTAMENTO E AUTOPROTEZIONE IN CASO DI NEVE E GELO A CASA: -

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER SGOMBERO NEVE

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER SGOMBERO NEVE Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce il

Dettagli

PIANO NEVE 2013-2016

PIANO NEVE 2013-2016 COMUNE DI MONTEFIORINO (DECORATO DI MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE) Provincia di Modena UFFICIO TECNICO COMUNALE PIANO NEVE 2013-2016 Il Coordinatore Il Responsabile del Settore Tecnico PIANO NEVE INVERNO

Dettagli

Reggio Emilia PIANO NEVE 2012-2013 INFORMAZIONI E SUGGERIMENTI PER AFFRONTARE INSIEME LE NEVICATE IN CITTÁ

Reggio Emilia PIANO NEVE 2012-2013 INFORMAZIONI E SUGGERIMENTI PER AFFRONTARE INSIEME LE NEVICATE IN CITTÁ Reggio Emilia PIANO NEVE 2012-2013 INFORMAZIONI E SUGGERIMENTI PER AFFRONTARE INSIEME LE NEVICATE IN CITTÁ ANCHE TU PER ESEMPIO DIVENTA VOLONTARIO PER L EMERGENZA NEVE Anche quest anno il Comune, in collaborazione

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE

REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE 1.Premessa Gli interventi finalizzati alla gestione delle emergenze che interessano il sistema viario autostradale

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO PER I CITTADINI IN CASO DI EVENTO NEVOSO

NORME DI COMPORTAMENTO PER I CITTADINI IN CASO DI EVENTO NEVOSO NORME DI COMPORTAMENTO PER I CITTADINI IN CASO DI EVENTO NEVOSO Le precipitazioni nevose sono eventi atmosferici, non sempre prevedibili, che per le loro caratteristiche provocano disagi e difficoltà su

Dettagli

Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015

Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015 Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015 PIANIFICAZIONE INVERNALE PER LA GESTIONE DELLA VIABILITA E REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI PESANTI IN AUTOSTRADA IN CASO DI PRECIPITAZIONI NEVOSE

Dettagli

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA PER CADUTA NEVE FORMAZIONE DI GHIACCIO E ONDATE DI GRANDE FREDDO

PIANO DI EMERGENZA PER CADUTA NEVE FORMAZIONE DI GHIACCIO E ONDATE DI GRANDE FREDDO PIANO DI EMERGENZA PER CADUTA NEVE FORMAZIONE DI GHIACCIO E ONDATE DI GRANDE FREDDO 469 ORDINANZA DEL SINDACO... del IL SINDACO Oggetto: Disposizioni per l emergenza di caduta neve -formazione di ghiaccio

Dettagli

Via XXV Aprile, 10 50068 Rufina (FI) Codice Fiscale 06096360489 Tel. 055/839661 Fax 055/8396634 web www.uc-valdarnoevaldisieve.fi.

Via XXV Aprile, 10 50068 Rufina (FI) Codice Fiscale 06096360489 Tel. 055/839661 Fax 055/8396634 web www.uc-valdarnoevaldisieve.fi. Norme di Comportamento In Caso di Evento Nevoso UNIONE DEI COMUNI VALDARNO E VALDISIEVE UFFICIO ASSOCIATO DI PROTEZIONE CIVILE Via XXV Aprile, 10 50068 Rufina (FI) Codice Fiscale 06096360489 Tel. 055/839661

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO

PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO REDAZIONE DI PIANO COMUNALE DI EMERGENZA TOMO 3 : RISCHIO INCENDI DI INTERFACCIA TOMO 4 : RISCHIO SISMICO TOMO 5 : RISCHIO NIVOLOGICO MARZO 2014 1 Indice TOMO

Dettagli

PIANO NEVE MILANO SMISTAMENTO Orario 2013/2014

PIANO NEVE MILANO SMISTAMENTO Orario 2013/2014 PIANO NEVE MILANO SMISTAMENTO Orario 2013/2014 Fase di ALLERTAMENTO Definizione; Attivazione della fase di allertamento; Piano Neve Rete Ferroviaria Italiana Disponibilità risorse/impianti/attrezzature;

Dettagli

PIANO NEVE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE

PIANO NEVE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE PIANO NEVE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Massimo Chiarello Francesco Albera Comitato Volontario Protezione Civile Montecchio Maggiore Responsabile Operativo Comunale Comune di Montecchio Maggiore Coordinatore

Dettagli

Comune di ROCCAFRANCA (BS) Piano di Emergenza Comunale

Comune di ROCCAFRANCA (BS) Piano di Emergenza Comunale R1 RISCHIO VIABILISTICO R1.1 Incidente stradale Descrizione: SCHEDA SCENARIO La protezione civile interviene nel caso di incidenti di vaste proporzioni che possono avere ricadute sulla popolazione o sull'ambiente.

Dettagli

UNIONE di COMUNI FIESOLE VAGLIA Provincia di Firenze Ufficio Protezione Civile PIANO NEVE

UNIONE di COMUNI FIESOLE VAGLIA Provincia di Firenze Ufficio Protezione Civile PIANO NEVE UNIONE di COMUNI FIESOLE VAGLIA Provincia di Firenze Ufficio Protezione Civile PIANO NEVE Orario d ufficio: Martedì 08,00 13,00 e Giovedì 08,00 13,00 Sabato chiuso Palazzina Mangani Via Portigiani 24 tel.

Dettagli

PIANO DI INTERVENTO PER EMERGENZA NEVE

PIANO DI INTERVENTO PER EMERGENZA NEVE COMUNE DI ANTEGNATE Provincia di Bergamo PIANO DI INTERVENTO PER EMERGENZA NEVE Periodo 2015-2016 Ente titolare del Piano: AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI ANTEGNATE (BG) Via Castello n. 12 24051 Antegnate

Dettagli

Piano Comunale di Protezione Civile

Piano Comunale di Protezione Civile MODELLO D INTERVENTO B/6.5 Rischio antropico e residuo Paralisi traffico automobilistico collegato alla chiusura della viabilità autostradale EVENTO PREVEDIBILE E NON La Paralisi del traffico automobilistico

Dettagli

SCENARIO DI RISCHIO SISMICO

SCENARIO DI RISCHIO SISMICO Tipo di rischio SISMA SCENARIO DI RISCHIO SISMICO Località Territorio comunale Evento sismico di media entità (magnitudo Richter Descrizione compresa tra 4,0 e 5,5) Grado di rischio Alto SCENARIO 3.29

Dettagli

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Al verificarsi di un evento a carattere sovracomunale (Tipo B), o di un evento che interessa un singolo Comune ma che il Comune stesso

Dettagli

SCENARIO N. 1 ALLAGAMENTO SOTTOPASSO VIA ROMA VIA STAZIONE

SCENARIO N. 1 ALLAGAMENTO SOTTOPASSO VIA ROMA VIA STAZIONE SCENARIO N. 1 ALLAGAMENTO SOTTOPASSO VIA ROMA VIA STAZIONE Descrizione evento: La zona presa in considerazione rappresenta uno stralcio di mappa della Tavola 3. Si tratta di un allagamento della sede viaria

Dettagli

GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012

GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012 GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012 L EVENTO Complessivamente dal 31 gennaio al 13 febbraio sono stati registrati i seguenti spessori del manto nevoso Parte orientale della Regione: fascia

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO GAS Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Guasto o rottura con

Dettagli

Informazioni specifiche area esterna

Informazioni specifiche area esterna ALLEGATO 5 al Capitolato Speciale d Appalto Servizio di Ristorazione Scolastica Fiesole il. Spett.le... (denominazione e indirizzo ditta / Impresa incaricata di eseguire il lavoro in appalto) OGGETTO :

Dettagli

0187 699913-335 7212215 Gruppo Volontari Protezione Civile. norme di comportamento per affrontare le emergenze in sicurezza

0187 699913-335 7212215 Gruppo Volontari Protezione Civile. norme di comportamento per affrontare le emergenze in sicurezza norme di comportamento per affrontare le emergenze in sicurezza n u m e r i u t i l i Comune Santo Stefano di Magra Centralino 0187 697111 Polizia Municipale 0187 699913-335 7212215 Gruppo Volontari Protezione

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

PROCEDURA. Istituzione dei cancelli e attivazione delle ronde antisciacallaggio. PROTEZIONE CIVILE EDUCATIONAL www.casaleinforma.it/pcivile.

PROCEDURA. Istituzione dei cancelli e attivazione delle ronde antisciacallaggio. PROTEZIONE CIVILE EDUCATIONAL www.casaleinforma.it/pcivile. Comune di San Rocco al Porto Ufficio di Protezione Civile Sezione viabilità Bozza: Ottobre 2000 1a stesura: Luglio 2001 Verifica: Ottobre 2001 PROCEDURA Istituzione dei cancelli e attivazione delle ronde

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI REPERIBILITA

COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI REPERIBILITA COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI REPERIBILITA ( approvato con deliberazione della Giunta municipale n. 211 del 29/05/2007) ART. 1 Oggetto del Regolamento. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

COSA FARE QUANDO NEVICA. Il Comune Informa COSA FARE QUANDO NEVICA

COSA FARE QUANDO NEVICA. Il Comune Informa COSA FARE QUANDO NEVICA COSA FARE QUANDO NEVICA Il Comune Informa COSA FARE QUANDO NEVICA Con la collaborazione: COSA FARE IN CASO DI NEVE D inverno può nevicare e la neve provoca disagi anche notevoli soprattutto in zone, come

Dettagli

MODALITÀ DI ATTIVAZIONE DEL PIANO NEVE

MODALITÀ DI ATTIVAZIONE DEL PIANO NEVE MODALITÀ DI ATTIVAZIONE DEL PIANO NEVE Durante il periodo di reperibilità il Comando di Polizia Locale mantiene attivo un collegamento giornaliero con il servizio di previsione meteorologica dei principali

Dettagli

INFORMAZIONI IMPORTANTI - PIANO NEVE

INFORMAZIONI IMPORTANTI - PIANO NEVE INFORMAZIONI IMPORTANTI - PIANO NEVE Nevicate e gelate sono eventi atmosferici eccezionali, che provocano sempre disagi e problemi alla circolazione. Il servizio meteorologico, attraverso modelli scientifici,

Dettagli

Provincia di Forlì Cesena COMUNE DI FORLI. Global Service manutentivo delle infrastrutture stradali e loro pertinenze ed accessori

Provincia di Forlì Cesena COMUNE DI FORLI. Global Service manutentivo delle infrastrutture stradali e loro pertinenze ed accessori Provincia di Forlì Cesena COMUNE DI FORLI Global Service manutentivo delle infrastrutture stradali e loro pertinenze ed accessori Procedure operative Le Procedure Operative del Piano Neve in vigore da

Dettagli

Evento meteo, idrogeologico e idraulico

Evento meteo, idrogeologico e idraulico 163 A seguito della ricezione di Avviso od Informativa di previsione per fenomeni meteorologici avversi o a seguito di un Ufficio Gestione delle Emergenze ed Eventi Servizio I/ Gestione Sala Operativa

Dettagli

Comune di COLONNA Ufficio Polizia Locale 00030 COLONNA (RM) Il sottoscritto nato a ( )il / / e residente a Colonna (RM) in via n. recapito telefonico

Comune di COLONNA Ufficio Polizia Locale 00030 COLONNA (RM) Il sottoscritto nato a ( )il / / e residente a Colonna (RM) in via n. recapito telefonico Protocollo Al Comune di COLONNA Ufficio Polizia Locale 00030 COLONNA (RM) Oggetto: Richiesta/o Rinnovo contrassegno di parcheggio per disabili. Il sottoscritto nato a ( )il / / e residente a Colonna (RM)

Dettagli

Il servizio invernale dell autostrada del Brennero

Il servizio invernale dell autostrada del Brennero Il servizio invernale dell autostrada del Brennero Ing. Carlo Costa Direttore Tecnico Lunghezza complessiva: 314 km Dislivello coperto: da 50 a 1375 m.s.l.m. Intersezioni con altre autostrade: - Brenner

Dettagli

IL PIANO NEVE 2014-2015 PER LA CITTÀ DI BRESCIA

IL PIANO NEVE 2014-2015 PER LA CITTÀ DI BRESCIA IL PIANO NEVE 2014-2015 PER LA CITTÀ DI BRESCIA Il Piano Neve è attivo da lunedì 10 novembre 2014 a domenica 8 marzo 2015. Durante questo periodo il personale di Aprica, dedicato al servizio, è reperibile

Dettagli

10040 - Provincia di TORINO. Ufficio del Responsabile dei lavori Pubblici, Manutenzioni e Patrimonio e-mail roberto.racca@comune.volvera.to.

10040 - Provincia di TORINO. Ufficio del Responsabile dei lavori Pubblici, Manutenzioni e Patrimonio e-mail roberto.racca@comune.volvera.to. Documento unico di valutazione dei rischi da interferenze, derivanti da attività affidate ad imprese appaltatrici o a lavoratori autonomi, ai sensi del D.Lgs. 81/08 art. 26 comma 3. Servizio di sgombero

Dettagli

MANUTENZIONE EDIFICI ISTRUZIONE

MANUTENZIONE EDIFICI ISTRUZIONE Centro di responsabilità n. 01.601 Manutenzioni Responsabile: arch. Massimiliano Filipozzi Programma RPP n.1 Area Organizzativa: Gestione Territorio Servizio Organizzativo di Riferimento Manutenzione Reti

Dettagli

COMUNE DI VILLACIDRO PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO

COMUNE DI VILLACIDRO PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO COMUNE DI VILLACIDRO PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO Documento Unico di Valutazione dei Rischi di Interferenze Data: Stazione Appaltante: COMUNE DI VILLACIDRO Oggetto Appalto: ASSISTENZA E VIGILANZA ALUNNI

Dettagli

La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI)

La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI) Ente committente: La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI) DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENTI Art. 26 D.Lgs. 81/2008 Fornitura di generi alimentari per

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER BLACK OUT

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER BLACK OUT Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER BLACK OUT Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Direttiva sulla circolazione stradale in periodo invernale e in caso di emergenza neve Prot. RU \ 1580 16.01.2013 A tutti gli Enti proprietari di strade

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO IDRAULICO Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Alluvione o esondazione

Dettagli

SCENARIO N. 2 RISCHIO CHIMICO INDUSTRIALE - VIABILISTICO

SCENARIO N. 2 RISCHIO CHIMICO INDUSTRIALE - VIABILISTICO SCENARIO N. 2 RISCHIO CHIMICO INDUSTRIALE - VIABILISTICO Rischio: Ribaltamento di un autobotte di benzina lungo SS 342 SP48 SP69 FS171 Descrizione evento: Lo scenario ipotizzato è relativo al rischio chimico

Dettagli

CORPO POLIZIA MUNICIPALE

CORPO POLIZIA MUNICIPALE C I T T À D I P R O V I N C I A D I C A R I N I P A L E R M O CORPO POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEL CONTRASSEGNO DI PARCHEGGIO PER INVALIDI E PER L ISTITUZIONE DEI PARCHEGGI

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Allegato al contratto di appalto relativo al.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Allegato al contratto di appalto relativo al. (art. 26 comma 3 D.Lgs. 8/8) di 5 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 8/8 Allegato al contratto di appalto relativo al Servizio di accompagnamento su scuolabus

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

COMUNE DI LONGARE. Provincia di Vicenza Area Lavori Pubblici Gestione e Manutenzione Patrimonio Ambiente

COMUNE DI LONGARE. Provincia di Vicenza Area Lavori Pubblici Gestione e Manutenzione Patrimonio Ambiente Provincia di Vicenza Area Lavori Pubblici Gestione e Manutenzione Patrimonio Ambiente Via G. Marconi 26 36023 Longare(VI) cod. fisc. 00415090240 tel. 0444/555444 fax 0444/953441 SERVIZIO DI MANUTENZIONE

Dettagli

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 54 4.1 Funzionalità del sistema di allertamento locale Il Comune deve garantire i collegamenti telefonici, via fax, e via e-mail, sia con la Sala

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2015-2016 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-7

Dettagli

DUVRI. Per ciascun lotto, i costi della sicurezza, non soggetti a ribasso sono quantificati in 35,00

DUVRI. Per ciascun lotto, i costi della sicurezza, non soggetti a ribasso sono quantificati in 35,00 PROCEDURA, IN ECONOMIA, PER LA SOTTOSCRIZIONE DI ACCORDI QUADRO PER L ACQUISIZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA ALLE ATTIVITÁ DI VIGILANZA DELL UFFICIO METROLOGIA LEGALE DELLA CCIAA DI VERONA Lotto 1: CIG

Dettagli

MISURE DI AUTOPROTEZIONE

MISURE DI AUTOPROTEZIONE COMUNE DI VICENZA ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E PROTEZIONE CIVILE EMERGENZA ALLUVIONE E NEVE INTERVENTI COMUNALI E MISURE DI AUTOPROTEZIONE Sempre più spesso sentiamo nei comunicati radio e televisivi

Dettagli

ALLEGATO 7. Procedura interna del. COMANDO POLIZIA LOCALE Federazione Camposampierese

ALLEGATO 7. Procedura interna del. COMANDO POLIZIA LOCALE Federazione Camposampierese ALLEGATO 7 Procedura interna del COMANDO POLIZIA LOCALE Federazione Camposampierese PIANO DI GESTIONE DELLA VIABILITA PER IL PIANO DI EMERGENZA ESTERNA DEL SITO INDUSTRIALE AUTOSPED S.r.l. Santa Giustina

Dettagli

Servizio di Protezione Civile

Servizio di Protezione Civile COMUNE DI GAVARDO Provincia di Brescia Servizio di Protezione Civile Parliamo di Protezione Civile In Italia il Servizio Nazionale della Protezione Civile è costituito da una pluralità di Amministrazioni,

Dettagli

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE All.OdS 9/04 Agg.12 UMC SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 3 TO Procedura Operativa in caso di Evacuazione 1. SCOPO Scopo della presente procedura operativa è quello di fornire tutte le indicazioni

Dettagli

Premessa. previsione degli scenari più probabili per le tratte autostradali interessate;

Premessa. previsione degli scenari più probabili per le tratte autostradali interessate; LINEE GUIDA PER LA GESTIONE COORDINATA DELLE EMERGENZE INVERNALI SU AREE GEOGRAFICHE VASTE CON INTERESSAMENTO DI PIÙ CONCESSIONARIE AUTOSTRADALI *EDIZIONE 2014-2015* Premessa Il presente documento si prefigge

Dettagli

COMUNE DI VANZAGO Provincia di Milano APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PRE E POST SCUOLA E CENTRO DIURNO ESTIVO (CRE)

COMUNE DI VANZAGO Provincia di Milano APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PRE E POST SCUOLA E CENTRO DIURNO ESTIVO (CRE) COMUNE DI VANZAGO Provincia di Milano APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PRE E POST SCUOLA E CENTRO DIURNO ESTIVO (CRE) D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI VOLTURARA IRPINA

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI VOLTURARA IRPINA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI VOLTURARA IRPINA ATTIVAZIONI IMMEDIATE DOPO UN EVENTO SALA OPERATIVA Presso la Casa comunale Se questi locali risultassero inagibili la sala operativa sarà allestita

Dettagli

ALLEGATO 15. Misure di autoprotezione della Popolazione ALL N 15 MISURE DI AUTOPROTEZIONE DELLA POPOLAZIONE

ALLEGATO 15. Misure di autoprotezione della Popolazione ALL N 15 MISURE DI AUTOPROTEZIONE DELLA POPOLAZIONE PIANO EMERGENZA ESTERNO Pag 1 di 5 ALLEGATO 15 Misure di autoprotezione della Popolazione PIANO EMERGENZA ESTERNO Pag 2 di 5 Generalità Le azioni che le persone devono compiere, e quelle che devono evitare,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, CIRCOLAZIONE E SOSTA DEI VEICOLI ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO FONTANAROSSA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, CIRCOLAZIONE E SOSTA DEI VEICOLI ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO FONTANAROSSA AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA S.p.A Via Sant Euplio, 168 95125 - Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, CIRCOLAZIONE E SOSTA DEI VEICOLI ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO FONTANAROSSA 1.

Dettagli

preallerta N COSA CHI DOCUMENTI NOTE Avvisa il Sindaco e il Responsabile del Centro Operativo responsabile dichiarazione stato preallerta

preallerta N COSA CHI DOCUMENTI NOTE Avvisa il Sindaco e il Responsabile del Centro Operativo responsabile dichiarazione stato preallerta RISCIO FRANA preallerta Ricezione avviso Funzionario Avvisa il Sindaco e il del Centro Operativo responsabile Comunale 1 Dichiarazione stato preallerta Lo stato di preallerta può essere dichiarato dichiarazione

Dettagli

PIANO PER L ESODO ESTIVO 2015

PIANO PER L ESODO ESTIVO 2015 PIANO PER L ESODO ESTIVO 2015 Agosto 2015: previsioni di traffico nella direttrice Milano - Trieste Autostrade A4 da Padova Est a Venezia Est e A57 Tangenziale di Mestre Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA LASCHI AREZZO

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA LASCHI AREZZO Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA LASCHI AREZZO 1 STRUTTURA SEDE RESIDENZA LASCHI (AREZZO) Via G. Laschi, 24 AREZZO

Dettagli

PREMESSA. Parte speciale del Piano Neve Prefettura U.T.G. di Trieste- edizione 2014

PREMESSA. Parte speciale del Piano Neve Prefettura U.T.G. di Trieste- edizione 2014 PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE CRITICITÀ DERIVANTI DA EVENTUALE LIMITAZIONE ALLA CIRCOLAZIONE DEL MEZZI PESANTI IN SLOVENIA Parte Speciale del Piano Neve della Prefettura UTG di Trieste (ed. 2014) 1 PREMESSA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 62 del 11/11/2002 A cura dell Ufficio Lavori Pubblici Ambiente e Protezione

Dettagli

B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO

B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO Descrizione I rischi sono noti e quantificabili quando ci sono dei sistemi di monitoraggio presenti nel territorio che consentano di attivare la risposta locale

Dettagli

COMUNE DI ALLERONA PROVINCIA DI TERNI. Ufficio Protezione Civile

COMUNE DI ALLERONA PROVINCIA DI TERNI. Ufficio Protezione Civile COMUNE DI ALLERONA PROVINCIA DI TERNI Ufficio Protezione Civile 2013-2014 1) PREMESSA Il presente Piano fa riferimento a situazioni caratterizzate da precipitazioni nevose per le quali si renda necessario

Dettagli

Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Taranto

Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Taranto Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Taranto Comitato operativo per la viabilità Piano di gestione delle criticità nella circolazione stradale in caso di neve ELENCO DI DISTRIBUZIONE UFFICI

Dettagli

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL Terminal Crociere - Piazzale dei Marmi 57123 Livorno (LI) Italia Tel. (+39) 0586 20.29.01 Fax (+39) 0586 89.22.09 info@portolivorno2000.it Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società

Dettagli

Provincia di Savona Settore Difesa del Suolo e Tutela Ambientale Servizio Protezione Civile. Piano di Emergenza Speditivo per il Rischio Idrogeologico

Provincia di Savona Settore Difesa del Suolo e Tutela Ambientale Servizio Protezione Civile. Piano di Emergenza Speditivo per il Rischio Idrogeologico DEFINIZIONE DELLO SCENARIO Il dato fondamentale per la redazione di un piano di Emergenza, è la definizione dello scenario di riferimento. Per tale capitolo si fa riferimento ai risultati emersi dallo

Dettagli

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLEGATO B 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura ha lo scopo di realizzare le condizioni di massima sicurezza per tutti coloro che intendono conferire materiali/rifiuti nel CENTRO DI RACCOLTA

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

Incidente chimico-industriale stabilimento/nucleare/trasporti

Incidente chimico-industriale stabilimento/nucleare/trasporti chimico-industriale stabilimento/nucleare/trasporti 203 Consulta i capitoli, la cartografia e le tavole degli Scenari predefiniti e dei Piani di emergenza per rischio specifico e attua le procedure degli

Dettagli

DICEMBRE 2015 - APRILE

DICEMBRE 2015 - APRILE ***** LINEE GUIDA PIANO NEVE DICEMBRE 2015 - APRILE 2016 ***** - 1 - PIANO NEVE Il Piano Neve definisce l insieme di attività da adottare per garantire la messa in sicurezza e la transitabilità delle strade

Dettagli

cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a FASI OPERATIVE

cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a FASI OPERATIVE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE DISPOSIZIONI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA O PROVA DI EVACUAZIONE cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a Avvio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Giunta Comunale n. 31 del 10.02.2011 MODIFICATO con deliberazione di Giunta Comunale n.

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 2. Casa delle Associazioni, via Miramare 9.

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 2. Casa delle Associazioni, via Miramare 9. Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Terzo incontro di ascolto in Zona 2 Casa delle Associazioni, via Miramare 9 16 Settembre 2015 Il terzo incontro di ascolto con i cittadini della zona 2 ha avuto

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Diop Mor Samb Modou FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria

Dettagli

Comune di Aprica (Provincia di Sondrio) p.zza Mario Negri scultore snc. 23031 Aprica (SO)

Comune di Aprica (Provincia di Sondrio) p.zza Mario Negri scultore snc. 23031 Aprica (SO) Comune di Aprica (Provincia di Sondrio) p.zza Mario Negri scultore snc. 23031 Aprica (SO) RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA PER L APPALTO DEI SERVIZI CONNESSI ALLA PULIZIA, SGOMBERO E ASPORTO NEVE (art. 279,

Dettagli

ATTIVAZIONE GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE CERRETO SANNITA

ATTIVAZIONE GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE CERRETO SANNITA ATTIVAZIONE GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE CERRETO SANNITA ATTIVAZIONE GRUPPO COMUNALE DA PARTE DEL SINDACO; TERMINE ATTIVITA GRUPPO COMUNALE. STATO DI PREALLERTA DIARIO DELLE ATTIVITA SVOLTE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ARESE VIA DEI GELSI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ARESE VIA DEI GELSI ISTITUTO COMPRENSIVO DI ARESE VIA DEI GELSI Scuola dell infanzia Peter Pan Arese, viale Einaudi Scuola primaria Don Gnocchi Arese, via dei Gelsi (sede amministrativa IC) Scuola primaria G. Pascoli Arese,

Dettagli

CITTÀ DI ALZANO LOMBARDO Provincia di Bergamo

CITTÀ DI ALZANO LOMBARDO Provincia di Bergamo CITTÀ DI ALZANO LOMBARDO Provincia di Bergamo LINEE GUIDA ad uso informativo della cittadinanza in ordine al servizio di sgombero neve e spargimento del materiale antigelo lungo le strade comunali per

Dettagli

COMUNE DI PREMARIACCO

COMUNE DI PREMARIACCO COMUNE DI PREMARIACCO PIANO NEVE Piano operativo di intervento PREMESSA La neve e il gelo sono eventi atmosferici naturali che possono presentarsi con frequenze ed intensità anche impreviste: tali eventi

Dettagli

Roma, 25 Novembre 2008

Roma, 25 Novembre 2008 1 Roma, 25 Novembre 2008 Trentino Trento Trento 22 novembre 24 dicembre 2008 Arco 21 novembre 23 dicembre 2008 Levico Terme 22 novembre 6 gennaio 2009 Alto Adige Bolzano 28 novembre 23 dicembre 2008 Bolzano

Dettagli

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza:

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: 1. Probabili cause di pericolo Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: incendio all interno dell edificio incendio esterno all edificio o nelle vicinanze crolli dovuti a cedimenti

Dettagli

PIANO COMUNALE EMERGENZA NEVE

PIANO COMUNALE EMERGENZA NEVE COMUNE DI QUINTO VICENTINO PROVINCIA DI VICENZA SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE PIANO COMUNALE EMERGENZA NEVE Aggiornato a luglio 2010 Internet: www.comune.quintovicentino.vi.it Ufficio Protezione Civile Tel

Dettagli

MoVimento 5 Stelle Castelfranco Emilia INTERPELLANZA

MoVimento 5 Stelle Castelfranco Emilia INTERPELLANZA Al Sindaco Stefano Reggianini Al Presidente del Consiglio Comunale Renzo Vincenzo Alla Giunta Comunale All Assessore competente Castelfranco Emilia, 08/05/2015 INTERPELLANZA Oggetto Disagio frazione di

Dettagli

COMUNE DI SAN GENESIO ED UNITI PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI SAN GENESIO ED UNITI PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI SAN GENESIO ED UNITI PROVINCIA DI PAVIA CARTA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO (Approvata con deliberazione di G.C. n. 23 del 25/02/2013) La Carta del Servizio di trasporto scolastico è uno

Dettagli

COMUNE DI ONANO Provincia di Viterbo

COMUNE DI ONANO Provincia di Viterbo COMUNE DI ONANO Provincia di Viterbo REGOLAMENTO PER IL DECORO ESTETICO AMBIENTALE, L ARREDO URBANO, LA SICUREZZA. Approvato con delibera consiliare n. 4 del 11/05/2012 ARTICOLO 1. OGGETTO Il presente

Dettagli

C o m u n e d i L u v i n a t e

C o m u n e d i L u v i n a t e C o m u n e d i L u v i n a t e PROVINCIA DI VARESE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l esecuzione dei lavori di rimozione della neve e di spargimento di

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria Varlungo

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto di. Zona 4. Il quartiere Molise-Calvairate ha fatto emergere la necessità di uno

Sintesi degli incontri di ascolto di. Zona 4. Il quartiere Molise-Calvairate ha fatto emergere la necessità di uno Sintesi degli incontri di ascolto di Zona 4 Molise Calvairate, Ortomercato Il quartiere Molise-Calvairate ha fatto emergere la necessità di uno spazio di aggregazione, di promozione culturale e di documentazione,

Dettagli