1. LA SICUREZZA STRUTTURALE IN SITUAZIONI D INCENDIO I. Definizioni II. Obiettivi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. LA SICUREZZA STRUTTURALE IN SITUAZIONI D INCENDIO I. Definizioni II. Obiettivi"

Transcript

1 Ing. Antonino Gerardi 1 1. LA SICUREZZA STRUTTURALE IN SITUAZIONI D INCENDIO I. Definizioni II. Obiettivi 2. QUADRO NORMATIVO NAZIONALE I. Settori di regolamentazione II. Livelli di prestazione III. Criteri di progettazione 3. PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE DELLE STRUTTURE I. Approccio secondo le regole prescrittive II. Approccio ingegneristico g 4. PROCEDURE GENERALI PER IL CALCOLO DELLA CAPACITA PORTANTE I. Modelli di incendio II. Modelli di trasmissione del calore III. Modelli strutturali 5. COMPORTAMENTO DEI MATERIALI I. Calcestruzzo II. Acciaio III. Legno 6. ESEMPI DI CALCOLO DELLA CAPACITA PORTANTE I. Pilastro in c.a. II. Trave in acciaio III. Trave in legno 2

2 LA SICUREZZA STRUTTURALE IN SITUAZIONI D INCENDIO Il concetto di sicurezza di una costruzione in caso di incendio è stato definito nell ambito della Direttiva 89/106/CEE del 21 Dicembre 1988 (Construction Product Directive) Principi di base: Le costruzioni devono essere progettate e costruite in modo tale che, nel caso di sviluppo di un incendio: la capacità portante delle strutture sia garantita per un determinato periodo di tempo; la produzione e la propagazione di fiamme e di fumi all interno delle costruzioni sia limitata; la propagazione p dell incendio alle costruzioni vicine sia limitata; gli occupanti possano abbandonare la costruzione o essere messi in salvo; sia presa in considerazione la sicurezza delle squadre di soccorso. Ribaditi dal: Interpretative document n. 2: Safety in case of fire, 1993 Stabilisce il collegamento con le norme armonizzate a livello europeo in materia di prodotti e opere da costruzione. 3 QUADRO NORMATIVO NAZIONALE L Italia recepisce le direttive comunitarie con l emanazione di un corposo quadro normativo: NOVITÀ INTRODOTTE con riferimento al ruolo delle strutture portanti: - la definizione di nuove procedure per la valutazione del requisito di sicurezza in caso di incendio; -la possibilità di applicazione di metodi di calcolo basati su un approccio ingegneristico. SETTORI DI REGOLAMENTAZIONE PRINCIPALE 1. norme che definiscono il livello di prestazione prescritto per la struttura portante; 2. norme che specificano i criteri i di calcolo l utilizzabili per la progettazione strutturale; 3. norme per la qualificazione dei rivestimenti protettivi e per il loro dimensionamento 4

3 PROCEDURA PER LA DETERMINAZIONE DEL REQUISITO MINIMO DI R PER LE STRUTTURE 5 REGOLE PRESCRITTIVE DEL D.M LIVELLI DEFINITI sulla base di una valutazione del rischio d incendio : Livello I sole attività non soggette al controllo dei Vigili del Fuoco Livello II attività non aperte al pubblico che rispettano opportune limitazioni individuate dal D.M. stesso Livello III restanti ti attività ità Livelli IV e V attività in cui specifiche condizioni di sicurezza sono definite sulle basi delle richieste del committente o di specifici capitolati Tabella 4 Tabella 5 Per gli edifici in cui si svolgono queste attività è possibile progettare la sicurezza strutturale in caso di incendio anche mediante l applicazione dell approccio ingegneristico, purché siano rispettati i limiti di resistenza al fuoco previsti dal D.M. 09/03/07 (Tab. 4) verificando anche le disposizioni del D.M. Tab.5 6

4 D.M DEFINIZIONI RIFORMULATE : una delle fondamentali strategie di protezione da perseguire per garantire un adeguato livello di sicurezza della costruzione in condizioni di incendio. Essa riguarda la capacità portante in caso di incendio, per una struttura, per una parte della struttura o per un elemento strutturale nonché la capacità di compartimentazione rispetto all incendio per gli elementi di separazione sia strutturali, come muri e solai, sia non strutturali, come porte e tramezzi. attitudine della struttura, di una parte della struttura o di un elemento strutturale a conservare una sufficiente i resistenza meccanica sotto l azione del fuoco(r) con riferimento i alle altre azioni i agenti. attitudine di un elemento costruttivo tti a conservare, sotto l azione del fuoco, oltre alla propria stabilità (R), una sufficiente tenuta ai fumi e ai gas caldi della combustione(e) ed un sufficiente isolamento termico (I) nonché tutte le altre prestazioni se richieste. 7 CRITERI DI CALCOLO D.M. Ministero delle Infrastrutture 14/01/2008 (NTC 2008) Norme tecniche per le Costruzioni D.M. Ministero dell Interno 16/02/2007 Classificazione di resistenza al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi di opere da costruzione NTC 2008 Prevede al cap.3 quale azione eccezionale L INCENDIO Applicabile a tutti i tipi di costruzioni (soggette e non soggette al controllo dei Vigili del Fuoco) L azione termica da incendio: Curve d incendio Nominali -> VERIFICHE CONVENZIONALI Curve d incendio Naturali -> APPROCCIO INGEGNERISTICO Criteri di calcolo analitico: Eurocodici Parte Fuoco (1-2) + NAD 8

5 CRITERI DI CALCOLO D.M. 16/02/2007 sono specificate le seguenti modalità per la determinazione della resistenza al fuoco: prove sperimentali, condotte esclusivamente ai sensi di norme EN o, in caso di assenza, pren o ENV (ALLEGATO B); valutazioni analitiche, esclusivamente ai sensi delle parti fuoco degli Eurocodici (ALLEGATO C); confronto con le tabelle allegate al decreto medesimo (per strutture di acciaio validità limitata al 25/09/2010) (ALLEGATO D). 9 D.M. 16/02/2007 ALLEGATO C - Modalità per la classificazione in base ai risultati di calcoli C.1 I metodi di calcolo della resistenza al fuoco hanno l'obbiettivo di consentire la progettazione di elementi costruttivi portanti, separanti o non separanti, resistenti al fuoco anche prendendo in considerazione i collegamenti e le mutue interazioni i i con altri elementi, sotto specifiche condizioni i i di esposizione i al fuoco e attraverso il rispetto di criteri prestazionali e l'adozione di particolari costruttivi. C.2 Le condizioni di esposizione al fuoco sono definite in specifici regolamenti e basate sugli scenari di incendio in essi prescritti o su quelli attesi. Nei medesimi regolamenti sono definite le combinazioni di carico da considerare agenti insieme all'azione del fuoco e i coefficienti di sicurezza sui materiali e sui modelli. C.3 I metodi di calcolo da utilizzare ai fini del presente decreto sono quelli contenuti negli eurocodici si seguito indicati se completi delle appendici contenenti i parametri definiti a livello nazionale: C.3.1 EN «Azioni sulle strutture - Parte 1-2: Azioni generali -Azioni sulle strutture esposte al fuoco» C.3.2 EN «Progettazione delle strutture di calcestruzzo - Parte 1-2: Regole generali - Progettazione strutturale contro l'incendio» C.3.3 EN «Progettazione delle strutture di acciaio - Parte 1-2 Regole generali - Progettazione strutturale contro l'incendio» C.3.4 EN «Progettazione delle strutture miste acciaio calcestruzzo - Parte 1-2: Regole generali - Progettazione strutturale contro l'incendio» C.3.5 EN «Progettazione delle strutture di legno - Parte 1-2: Regole generali - Progettazione strutturale contro l'incendio» C.3.6 EN «Progettazione delle strutture di muratura -Parte 1-2: Regole generali - Progettazione strutturale contro l'incendio» C.3.7 EN «(Progettazione delle strutture di alluminio Parte1-2: Regole generali - Progettazione strutturale contro l'incendio» -continua- 10

6 D.M. 16/02/2007 ALLEGATO C - Modalità per la classificazione in base ai risultati di calcoli C.4 In attesa della pubblicazione delle appendici nazionali degli eurocodici, è possibile limitare l'impiego dei metodi di calcolo l alla sola verifica della resistenza al fuoco degli elementi costruttivi tti i portanti, ti con riferimento agli eurocodici indicati in C.3.2, C.3.3, C.3.4 e C.3.5 con i valori dei parametri da definire a livello nazionale presenti nelle norme stesse come valori di riferimento ovvero con riferimento alle norme UNI di seguito indicate: C.4.1 UNI 9502 «Procedimento analitico per valutare la resistenza al fuoco degli elementi costruttivi di conglomerato cementizio armato, normale e precompresso» C.4.2 UNI 9503 «Procedimento analitico per valutare la resistenza al fuoco degli elementi costruttivi di acciaio» C.4.3 UNI 9504 «Procedimento analitico per valutare la resistenza al fuoco degli elementi costruttivi di legno» C.5 I metodi di calcolo di cui in C.3 e C.4 possono necessitare della determinazione, al variare delle temperature, dei parametri termofisici dei sistemi protettivi eventualmente presenti sugli elementi costruttivi portanti. In questi casi i valori che assumono detti parametri vanno determinati esclusivamente attraverso le prove indicate all'articolo 2 comma 4 del presente decreto ed elencate nella tabella A.3 dell'allegato A. I valori dei parametri presenti nelle norme citate in C.4 possono essere ancora utilizzati purché il produttore, sulla base di idonee esperienze sperimentali, dichiari sotto la propria responsabilità, che il sistema protettivo garantisca le prestazioni definite in suddette norme, nonché aderenza e coesione per tutto il tempo necessario e ne fornisca le indicazioni circa i cicli di posa o di installazione. Tale possibilità decade con l'obbligo della marcatura CE dei sistemi protettivi, prevista in conformità alla pertinenti specificazioni tecniche ovvero dopo 3 anni dall'entrata in vigore del presente decreto. Elaborazioni numeriche dei valori di detti parametri, che esulano dall'ambito delle prove indicate all'articolo 2 comma 4 del presente decreto o dalle norme citate in C.4 sotto le condizioni suddette, non sono valide ai fini della verifica della resistenza al fuoco degli elementi costruttivi tti i portanti. ti 11 PROCEDURA PER LA VALUTAZIONE DELLA RESISTENZA AL FUOCO E MODELLI DI CALCOLO 12

7 PROCEDURA GENERALE PER IL CALCOLO DELLA CAPACITA PORTANTE Definiti: Geometria del compartimento Carico d incendio Tipologia d uso MODELLO D INCENDIO Tipologia di costruzione Caratteristiche dell incendio Esposizione termica all incendio Geometria dell elemento Proprietà Termiche Caratteristiche della trasmissione del calore MODELLO DI TRASMISSIONE DEL CALORE Gradienti termici Geometria dell elemento Carichi applicati MODELLO STRUTTURALE Proprietà meccaniche Capacità portante t 13 MODELLI DI INCENDI 14

8 MODELLO D INCENDIO CURVE NOMINALI Curva Temperatura Tempo (Post Fh) θ g = (1 0,325 e -0,167 t - 0,675 e -2,5t ) e [ C] Temperature θ g = log 10 (8t +1) θ g = (1 0,687 e -0,32 t - 0,313 e -3,8t ) Normalizzata Incendio Esterno Idrocarburi ISO Tempo [min] NO sollecitazioni indirette; E d,fi,ext = const (t=0); Verifica a tempo R 15 MODELLO D INCENDIO CURVE NATURALI SEMPLIFICATE - Incendi Parametrici (Post Fh) θ g = ( e -0.2t* e -1.7t* e -19t* ) θ g = temperature in the fire compartment ( C) t* = t Γ (h) t = time (h) Γ= (O/b) 2 /(0.04/1160) 2 b = (ρcλ) 0,5 and 1000 < b < 2000 O = opening factor: A v H/A t and 0.02 < O < 0.20 (m 1/2 ) A v = Area of vertical openings (m 2 ) A t = Area of enclosure (walls, ceiling, floor and openings) (m 2 ) ρ = density of the boundary of the enclosure (kg/m 3 ) c = specific heat of the boundary of the enclosure (J/kgK) λ = thermal conductivity of the boundary of the enclosure (W/mK) - Incendi Localizzati (Pre Fh) - Incendi su elementi Ext. (Post Fh) Sollecitazioni indirette; E d,fi,ext = var(t); Verifica fino al raffreddamento AVANZATE - Modelli a zone (Pre/Post Fh) - Modelli di campo (Fluidodinamica computazionale) 16

9 MODELLI DI TRASMISSIONE DEL CALORE 17 MODELLO DI TRASMISSIONE DEL CALORE MODELLO GENERALE Riscaldamento di un solido omogeneo, isotropo e Fuoreriano Variazione della temperatura nell unità di tempo Generazione di calore nel volume finito = 0 Variazione della temperatura nel volume finitoit Condizione spaziale Condizione temporale ρ c δθ/δt = Q + div(λ grad θ) θ(t = 0,x,y,z) = θ 0 div(λ grad θ) m = h net Flusso di calore netto trasmesso Convettivo h net,c = α c (θ g - θ m ) Coeff. convettivo (25 W/m 2 K exp. a ISO 834) (4 o 9 W/m 2 K NON exp.) h net = [W/m 2 ] Radiativo h 4 4 net,r = Φ ε m ε f σ [(θ r +273) - (θ m +273) Fattore di configurazione 1 Emissiv. fiamma =1 Emissiv. = 0,7 (st. cls.) 0,8 (legno) 18

10 MODELLO DI TRASMISSIONE DEL CALORE Caratteristiche delle procedure per l analisi termica MODELLI Tabelle progettuali dati sperimentali Formule semplificate Modelli avanzati Complessità Bassa Intermedia Elevata Meccanismo di trasferimento di calore Fonte Tipologia di incendio Conduzione -Prove sperimentali -Modelli di calcolo di riconosciuta validità Incendi standard -Interpolazione dati sperimentali -Semplificazioni di modelli di calcolo di riconosciuta validità -Convezione -Irraggiamento -Conduzione Modelli fisici accurati Incendi standard Incendi naturali Tipologia di elementi strutturali Parametri iniziali per la definizione del modello Soluzioni Dipende dai dati sperimentali disponibili Tipologia strutturale Geometria Campi di temperature della sezione trasversale Principalmente per strutture in acciaio (2 tipi) Qualunque materiale e tipologia di costruzione Flusso termico o curva di incendio Condizioni al contorno Geometria dell elemento Proprietà termiche dei materiali Campi di temperature della sezione trasversale di tipo semplificato Campi di temperatura da mono a tridimensionali Strumenti di Eurocodici EN 199X-1-2 Eurocodici EN 199X-1-2 Software FEM progetto Pubblicazioni di prove sperimentali Documenti tecnici 19 CARATTERISTICHE FISICHE DEI MATERIALI u =2% Upper limit - HSC Esplosive Spalling Lower limit cls calcareo Capacità termica calcestruzzo Se Cl. exp. clsx0oxc1:u< XC1 3% Cond. termica calcestruzzo Disidr. Idrosilicato di calcio Disidr. Solfoalluminati idrati Decomp. Idrossido di calcio u > 3% Frantumazione esplosiva Caduta del calcestruzzo Se a 7 cm : armare copriferro rete min. φ4 / 10x10 D.M.: per ricoprimenti > 50mm prevedere armatura aggiuntiva diffusa Massa volumica calcestruzzo con u=3% ρ(20 C) =2300 Kg/m 3 20

11 MODELLO SEMPLIFICATO DI TRASMISSIONE DEL CALORE NON ESISTONO p p per il cls modelli numerici semplificati Esistono mappe termiche per travi e pilastri rettangolari + pilastri circolari a vari R HP: λc (Low); Cp (u=1,5%); ε=0,7 ; c=25 W/m2K M Massa volumica l i calcestruzzo l t siliceo ili Corso di aggiornamento 818 Arezzo 8 giugno 2012 Ing. A. Gerardi 21 MODELLO AVAZANTO DI TRASMISSIONE DEL CALORE: FEM Mappe termiche da software FEM Corso di aggiornamento 818 Arezzo 8 giugno 2012 Ing. A. Gerardi 22

12 MODELLO AVANZATO DI TRASMISSIONE DEL CALORE: FEM 23 CARATTERISTICHE FISICHE DEI MATERIALI Capacità termica acciaio al carbonio Cond. termica acciaio al carbonio Massa volumica acciaio cost. ρa = kg/m 3 24

13 MODELLO SEMPLIFICATO DI TRASMISSIONE DEL CALORE Acciaio NON protetto Temperatura incendio Temperatura nell acciaio non protetto UNIFORME Δt < 5 s Ksh =0,9*(Am/V)b / (Am/V) per le sezioni ad H K Ksh =(Am/V)b /(A (Am/V) per le altre sezioni i Ksh = 1 per le sezioni convesse 25 MODELLO SEMPLIFICATO DI TRASMISSIONE DEL CALORE Acciaio NON protetto Influenza del fattore di sezione 26

14 MODELLO SEMPLIFICATO DI TRASMISSIONE DEL CALORE Acciaio protetto Temperatura incendio Protettivo Acciaio Temperatura nell acciaio protetto UNIFORME dp Spessore protettivo < 30 s 27 CARATTERISTICHE FISICHE DEI MATERIALI Frontiera di carbonizzazione Presenza di aria Assenza di aria Relazione temperatura t [ C] -conducibilità [W/mK] per il legno e lo strato carbonizzato Relazione temperatura [ C]-calore specifico [kj /kgk] per legno e carbone 28

15 MODELLO SEMPLIFICATO DI TRASMISSIONE DEL CALORE IPOTESI: 1. La carbonizzazione procede perpendicolarmente alle superfici esposte con velocità costante; t 2. Il legno conserva inalterate le proprie caratteristiche di resistenza e rigidezza nella parte non ancora combusta; 3. La valutazione della capacità portante viene fatta sulla sezione resistenza residua trascurando l arrotondamento degli spigoli; 4. Il calcolo viene eseguito agli SLU 29 MODELLI STRUTTURALI 30

16 MODELLO STRUTTURALE IN GENERALE DIFFERENZE DALLA PROGETTAZIONE STRUTTURALE A FREDDO Il progetto strutturale si svolge come quello classico a freddo con le seguenti differenze: 1) I carichi statici agenti sono ridotti: Combinazione eccezionale; 2) Devono essere considerate le variazioni delle caratteristiche meccaniche e della rigidezza del materiale; 3) L espansione termica può indurre forze interne legate all eventuale iperstaticità delle struttura: Azioni indirette; 4) I coeff. parziali di sicurezza dei materiali adottati nelle verifiche sono inferiori; 5) Le sezioni trasversali degli elementi possono subire riduzioni: Spalling 6) Non sono necessarie verifiche delle deformazioni degli elementi a meno che non modifichino la resistenza e/o producano danni agli elementi di compartimentazione e di protezione delle strutture, o nel caso in cui provochino il mancato funzionamento dei vincoli; 7) Devono essere considerati tutti i possibili meccanismi di collasso strutturale, che possono essere diversi da quelli a freddo (si ammettono, ad esempio, configurazioni in grandi spostamenti che fanno sviluppare il cosiddetto effetto catena); Effetto grandi spostamenti 31 MODELLO STRUTTURALE VERIFICHE DI SICUREZZA: SLU (no SLE) Le verifiche di sicurezza della struttura nel suo complesso o di un suo componente possono essere effettuate: Nel dominio della resistenza R fi,d,t E fi,d,t Nel dominio delle temperature θ d,t θ cr,d Nel dominio del tempo t fi,d t fi,richiesto 32

17 MODELLO STRUTTURALE Caratteristiche dei modelli di calcolo della capacità portante MODELLI Tabelle (2) Modelli di calcolo semplificati Modelli di calcolo avanzati Complessità Bassa Intermedia Elevata Modelli meccanici accurati (il Fonte Tipologia di analisi -Prove sperimentali -Modelli di calcolo di riconosciuta validità Elementi singoli -Interpolazione dati sperimentali -Semplificazioni di modelli di calcolo di riconosciuta validità -Elementi singoli -Sottostrutture Tipologia di incendio Incendio ISO 834 Incendi nominali Parametri iniziali Risultati -Tipologia strutturale -Geometria -Quantitativo di armatura? -Eventuale copriferro -Livello di carico? Classe di resistenza Progetto / Verifica della sezione Resistenza in condizioni di incendio modello deve tenere in conto della variazione delle caratteristiche meccaniche dei materiali con la temperatura, del comportamento non lineare dei materiali, della non linearità geometrica e delle azioni indirette) -Sottostrutture -Struttura completa -Incendi nominali -Incendi naturali -Tipologia strutturale -Geometria -Proprietà meccaniche dei materiali -Quantitativo di armatura -Campi di temperature Tempo di resistenza al fuoco della struttura Strumenti di Eurocodici EN 199X-1-2 Software FEM validato per le Eurocodici EN 199X-1-2 progetto D. M. 16/02/2007 condizioni di incendio: EN 199x MODELLO STRUTTURALE: Carichi Azioni agenti durante l evento incendio. Combinazione eccezionale di carico prevista dalle NTC per SLU con azioni eccezionali di progetto A d (comb. quasi permanente): 34

18 MODELLO STRUTTURALE: Schematizzazione della struttura Analisi globale della struttura Analisi di porzioni di strutture Analisi di elementi singoli 35 MODELLO STRUTTURALE: materiale Caratteristiche meccaniche del calcestruzzo Valide per velocità di riscaldamento di incendi ISO 834 Curve dei coeff. di riduzione della resistenza (fck) del cls cls calcareo cls siliceo 36

19 MODELLO STRUTTURALE: materiale Caratteristiche meccaniche degli acciai per c.a. Curve dei coeff. di riduzione della resistenza (fyk) delle armature per c.a. Classe N S. teso traf. a freddo ε s,fi 2% S. teso lam. a caldo ε s,fi 2% S. teso e compr. ε s,fi < 2% s. traf. a freddo (fili e trefoli) Classe B Curve dei coeff. di riduzione della resistenza (βfpk) dell acciaio da pretensione 37 MODELLO STRUTTURALE: materiale Caratteristiche meccaniche dell acciaio Curva di riduzione delle caratteristiche dell acciaio 38

20 MODELLO DI CALCOLO SEMPLIFICATO per strutture in: Verifica nel dominio delle resistenze E fi,d R fi,d α cc = 1 γ M0 = 1 γ m,fi = 1 e meno restrittive del D.M (si basano sul rapporto di utilizzo) D.M Metodi tabellari: + EC2-1-2: Pilastri: Pareti: - Metodo A: l 0,fi 3m; e e max (0,15h opp. b); A s 0,04*A04*A c λ fi 30; e max = 100mm; A s / A c - Metodo B: λ fi 80; e max = 200mm; b max = 60 cm; 0,1 ω 1 Con verifica di stabilità - Non portanti: migliori sono le tab. D.4 del D.M Portanti piene: e meno restrittive della circ. del Pareti tagliafuoco (M REI) Travi: - Isostatiche (classe WC) (Tab. D.6) D.M Continue Lastre: - Isostatiche: e meno restrittive della tab. D.5 del D.M Continue: e meno restrittive della circ. del Piane -Nervate 39 MODELLO DI CALCOLO SEMPLIFICATO per strutture in: Metodo ISOTERMA 500 C: Metodo A ZONA: 1. Si considera danneggiato il calcestruzzo che abbia raggiunto temperature maggiori di 500 C e si esclude ogni suo contributo alla resistenza; 2. La restante sezione trasversale mantiene i suoi valori di resistenza e modulo d elasticità iniziali; 3. Gli angoli arrotondanti dell isoterma possono essere valutati approssimando la forma; 4. reale delle isoterme a un rettangolo o un quadrato; 5. Si verifica la sezione trasversale ridotta a freddo; 40

21 Verifica di resistenza al fuoco pilastro in c.a. esistente Verifica R90 ISO 834 a=34mm c=20mm Parametri necessari per l ingresso nelle tabelle EC2 (App. C): λ, ω, n, e 41 Verifica di resistenza al fuoco pilastro in c.a. esistente Verifica R90 Interpolando per b =300mm si ha: dist amin = 32,5mm Essendo dist a > dist amin PILASTRO R90 42

22 MODELLO DI CALCOLO SEMPLIFICATO per strutture in: Classificazione di duttilità della sezione con: Coeff. parziali dei materiali: ε = 0,85 (235/f y ) 0,5 γ M γ M = 1 γ m,fi γ m,fi = 1 VERIFICA NEL DOMINIO DELLE TEMPERATURE Calcolo Temperatura Critica Sez. Cl.1,2 e 3 Tasso utilizzo μ 0 =E fi,d / R fi,d,0 d0 0, IPOTESI: Singoli elementi sottoposti a N e M puri. NO Sollecitazioni composte Curva d incendio ISO 834; Per le sezioni di Cl. 4 la θcr = 350 C Temperature critiche θcr in funzione del tasso di utilizzo μ 0 43 MODELLO DI CALCOLO SEMPLIFICATO per strutture in: Verifica nel dominio di θ Elemento Inflesso FATTORE DI ADATTAMENTO K = k 1 * k 2 tener conto della non uniforme distribuzione di temperatura all interno della sezione in acciaio; tale fattore assume i seguenti valori: Per una distribuzione di temperature non uniforme lungo la sezione trasversale: Trave esposta su quattro lati k 1 =1,00; Trave esposta su tre lati con soprastante soletta di calcestruzzo k 1 =0,70; Trave esposta su quattro lati k 1 =0,85; Trave su tre lati, ma protetti tti k 1 =0,85; 085 Per una distribuzione di temperature non uniforme lungo la trave: in corrispondenza dei vincoli di una trave staticamente indeterminata: k 2 =0,85; in tutti gli altri casi k 2 =1,00; Elemento Teso K=1 44

23 MODELLO DI CALCOLO SEMPLIFICATO per strutture in: Verifica nel dominio di θ NOMOGRAMMA (valido solo per elementi tesi o inflessi) 45 Verifica di resistenza al fuoco trave in acciaio Verifica R90 Soletta in c.a. collegata ma non collaborante M fi,ed = q*l 2 / 8 = 76 KNm ISO

24 NOMOGRAMMA 660 C C 0,44 47 Verifica di resistenza al fuoco trave in acciaio Verifica R90 ISO C 1100 W/m 3 K d p =0,026m Per rendere la trave R90 occorrerà utilizzare un rivestimento di intonaco a base di vermiculite di 26mm di spessore. 48

25 MODELLO DI CALCOLO SEMPLIFICATO per strutture in: ELEMENTI IN LEGNO 1. Assegnazione della velocità di combustione (costante nel tempo) in base al tipo di essenza di legno 2. Definizione delle superfici che partecipano alla combustione 3. Determinazione della sezione residua al tempo t; 4. Verifica soddisfatta se la sezione residua garantisce una caratteristica di sollecitazione superiore a quella esterna agente; d ef β n d ef = d char,n + k 0 d 0 = β n t + k 0 d 0 : profondità di carbonizzazione; : velocità di carbonizzazione ideale, convenzionalmente superiore a quella effettiva per includere fessurazioni e spigoli arrotondati; k 0 : coeff.(t); variabile da 0 a 1 per 0 < t < 20 min e 1 per t > 20 min d 0 = 7mm: strato iniziale di carbonizzazione Materiale β n [mm/min] 49 Verifica di resistenza al fuoco trave in legno nuova Verifica R60 ISO

26 Verifica di resistenza al fuoco trave in legno nuova Verifica R60 d ef = k 0 d 0 +β n t k 0 = 1 per t>20 min -2(d 0 + β n t) -(d 0 + β n t) t Verifica di resistenza: Verifica di stabilità: σ max,fi < σ crit TRAVE R60 51 Ing. Antonino Gerardi Via Trasimeno,7 Arezzo Cell Corso di aggiornamento 818 Arezzo 8 giugno

COMPORTAMENTO AL FUOCO DEI SISTEMI STRUTTURALI LA VERIFICA AL FUOCO SECONDO GLI EUROCODICI E D.M. 14-09 09-2005 LA VERIFICA DI SISTEMA

COMPORTAMENTO AL FUOCO DEI SISTEMI STRUTTURALI LA VERIFICA AL FUOCO SECONDO GLI EUROCODICI E D.M. 14-09 09-2005 LA VERIFICA DI SISTEMA Roma - 22 Maggio 2007 I nuovo approccio prestazionale della resistenza al fuoco delle strutture nella sicurezza antincendi COMPORTAMENTO AL FUOCO DEI SISTEMI STRUTTURALI LA VERIFICA AL FUOCO SECONDO GLI

Dettagli

Prevenzione Incendi L APPROCCIO PRESTAZIONALE

Prevenzione Incendi L APPROCCIO PRESTAZIONALE Prevenzione Incendi LA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI RESISTENZA AL FUOCO DELLE COSTRUZIONI E DI CLASSIFICAZIONE AI FINI DELLA RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE L APPROCCIO PRESTAZIONALE I REQUISITI DELLE

Dettagli

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo delle Strutture di Legno,

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo delle Strutture di Legno, Come indicato al Par. 4.4.14 del D.M. 14/01/2008, VERIFICA DI RESISTENZA AL FUOCO ELEMENTI LIGNEI Le verifiche di resistenza al fuoco potranno eseguirsi con riferimento a UNI EN 1995-1-2, utilizzando i

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DI STRUTTURE PREFABBRICATE SECONDO I DD.MM. 16.02.2007 09.03.2007

LA PROGETTAZIONE DI STRUTTURE PREFABBRICATE SECONDO I DD.MM. 16.02.2007 09.03.2007 CONSULTA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ORDINI E COLLEGI PROFESSIONI TECNICHE DEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI TREVISO TREVISO incede per ignes CO N V E G N O PRESTAZIONI DEGLI EDIFICI E RESISTENZA

Dettagli

1 RELAZIONE DI CALCOLO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE PASSIVA DALL INCENDIO... 1 1.1 PREMESSA... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO...

1 RELAZIONE DI CALCOLO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE PASSIVA DALL INCENDIO... 1 1.1 PREMESSA... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO... Sommario 1 RELAZIONE DI CALCOLO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE PASSIVA DALL INCENDIO... 1 1.1 PREMESSA.... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO.... 1 1.3 VITA NOMINALE, CLASSE D USO, PERIODO DI RIFERIMENTO....

Dettagli

Resistenza al fuoco di tetti a falda in legno

Resistenza al fuoco di tetti a falda in legno Resistenza al fuoco di tetti a falda in legno Prove di comportamento al fuoco di strutture edilizia isolate con schiume poliuretaniche Protezione passiva dal rischio incendi Come è noto per la valutazione

Dettagli

Le recenti disposizioni sulla resistenza al fuoco

Le recenti disposizioni sulla resistenza al fuoco Roma - 21 giugno 2007 ISTITUTO SUPERIORE ANTINCENDI Le recenti disposizioni sulla resistenza al fuoco Il decreto 16 febbraio 2007 modalità di determinazione della resistenza al fuoco di prodotti ed elementi

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI PISTOIA. Seminario di aggiornamento professionale. Pistoia, 30 novembre 2012

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI PISTOIA. Seminario di aggiornamento professionale. Pistoia, 30 novembre 2012 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI PISTOIA Seminario di aggiornamento professionale Protezione passiva dal fuoco di elementi strutturali Pistoia, 30 novembre 2012 "Dal progetto alla certificazione

Dettagli

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI Le lastre Ytong, sono elementi armati autoportanti che permettono di realizzare solai e tetti di edifici residenziali, con una velocità di posa insuperabile rispetto

Dettagli

Costruzioni in cemento armato e precompresso

Costruzioni in cemento armato e precompresso Costruzioni in cemento armato e precompresso PROMAT S.p.A. nell'ambito del proprio impegno per la protezione passiva all'incendio, ha messo a punto una vasta gamma di soluzioni certificate atte ad evitare,

Dettagli

La progettazione antincendio delle strutture in acciaio secondo l Eurocodice 3 Matteo Sbisà 1

La progettazione antincendio delle strutture in acciaio secondo l Eurocodice 3 Matteo Sbisà 1 La progettazione antincendio delle strutture in acciaio secondo l Eurocodice 3 Matteo Sbisà 1 SOMMAIO Il presente articolo illustra il quadro normativo e le procedure di valutazione della sicurezza delle

Dettagli

IL D.M. 16/2/2007 E LE PRESTAZIONI DI RESISTENZA AL FUOCO DEI PRODOTTI. dott. ing. Luca Ponticelli C.N.VV.F.

IL D.M. 16/2/2007 E LE PRESTAZIONI DI RESISTENZA AL FUOCO DEI PRODOTTI. dott. ing. Luca Ponticelli C.N.VV.F. IL D.M. 16/2/07 E LE PRESTZIONI DI RESISTENZ L FUOCO DEI PRODOTTI dott. ing. Luca Ponticelli C.N.VV.F. CMPO DI PPLICZIONE Classificazione prodotti per r.a.f. Il D.M. 16/2/07 si applica ai prodotti ed agli

Dettagli

Il nuovo approccio normativo alla resistenza al fuoco: i solai in laterocemento Vincenzo Bacco, progettista, Bari

Il nuovo approccio normativo alla resistenza al fuoco: i solai in laterocemento Vincenzo Bacco, progettista, Bari Il nuovo approccio normativo alla resistenza al fuoco: i solai in laterocemento Vincenzo Bacco, progettista, Bari Si analizzano i nuovi aspetti normativi legati ai problemi della caratterizzazione, ai

Dettagli

Milano 1/2 ottobre 2014

Milano 1/2 ottobre 2014 Milano 1/2 ottobre 2014 Protezione passiva dal fuoco di elementi strutturali quali: murature, cemento armato, solai in laterocemento e solai misti in lamiera grecata e calcestruzzo, mediante l applicazione

Dettagli

I prodotti della prevenzione incendi: certificazioni, omologazioni, marchio CE

I prodotti della prevenzione incendi: certificazioni, omologazioni, marchio CE I prodotti della prevenzione incendi: certificazioni, omologazioni, marchio CE Vigili del fuoco Belluno Ing. Giuseppe Lomoro ing. giuseppe lomoro 1 Certificazione (voce di Wikipedia) Il certificato, in

Dettagli

Nuovi decreti riguardanti la classificazione di resistenza al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi di opere da costruzione

Nuovi decreti riguardanti la classificazione di resistenza al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi di opere da costruzione Nuovi decreti riguardanti la classificazione di resistenza al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi di opere da costruzione di S. Vasini*, R. Gulino** *Istituto Giordano S.p.A., Bellaria (RN) **ANDIL

Dettagli

16. Le prestazioni delle strutture in acciaio per la sicurezza in caso di incendio negli edifici adibiti a deposito e ad attività industriale

16. Le prestazioni delle strutture in acciaio per la sicurezza in caso di incendio negli edifici adibiti a deposito e ad attività industriale 16. Le prestazioni delle strutture in acciaio per la sicurezza in caso di incendio negli edifici adibiti a deposito e ad attività industriale A cura di: La Commissione Tecnica per la Sicurezza delle Costruzioni

Dettagli

I criteri di calcolo previsti dalla normativa nazionale vigente

I criteri di calcolo previsti dalla normativa nazionale vigente 11. Verifica e validazione dei criteri di calcolo per la valutazione della sicurezza strutturale in caso di incendio mediante l applicazione dell approccio ingegneristico. A cura di: Premessa L applicazione

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA. LA PROTEZIONE PASSIVA: IL D.M. 16.02.2007 ANCE Cremona 9 MARZO 2012

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA. LA PROTEZIONE PASSIVA: IL D.M. 16.02.2007 ANCE Cremona 9 MARZO 2012 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA LA PROTEZIONE PASSIVA: IL D.M. 16.02.2007 ANCE Cremona 9 MARZO 2012 Direttore Dott. Ing. Massimiliano RUSSO 1 INDICE n SICUREZZA IN

Dettagli

FOCUS NORMATIVO LA PROTEZIONE AL FUOCO

FOCUS NORMATIVO LA PROTEZIONE AL FUOCO 18 FOCUS NORMATIVO FOCUS NORMATIVO FOCUS NORMATIVO FOCUS NORMATIVO FOCUS NORMATIVO LA PROTEZIONE AL FUOCO LA NUOVA NORMATIVA ANTINCENDIO D.M. 16.02.2007 Classificazione di resistenza al fuoco di prodotti

Dettagli

POROTON s=25 cm non intonacato (REI=240 min)

POROTON s=25 cm non intonacato (REI=240 min) Introduzione Riferimenti normativi Reazione al fuoco Reazione al fuoco: nuove normative Resistenza al fuoco Resistenza al fuoco: nuove normative Certificazione e dichiarazione di conformità dei materiali

Dettagli

Sistemi a secco Protezione con sistemi in lastre

Sistemi a secco Protezione con sistemi in lastre Sistemi a secco Protezione con sistemi in lastre Programma 1. Il Metodo Sperimentale: Rapporto di Prova, Rapporto di Classificazione, Fascicolo Tecnico 2. Compartimentazioni: Pareti a grande altezza 3.

Dettagli

I QUADERNI TECNICI DI SICEP

I QUADERNI TECNICI DI SICEP I QUADERNI TECNICI DI SICEP SISTEMI DI PROTEZIONE PASSIVA LA RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE PREFABBRICATE Ing. Arianna Ragusa Ing. Giuseppe Di Pisa (Ufficio Tecnico SICEP) (Libero professionista)

Dettagli

LA RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE CON I METODI DELL INGEGNERIA DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO

LA RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE CON I METODI DELL INGEGNERIA DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO LA RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE CON I METODI DELL INGEGNERIA DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO di Antonio La Malfa GLI EFFETTI DEL FUOCO SUGLI ELEMENTI STRUTTURALI L incendio standard, viene descritto

Dettagli

SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO:

SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO: SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO: Sistema cartongesso Gypsotech Dott. Vincenzo De Astis Responsabile Tecnico Sistema Cartongesso Rimini, 16 Marzo 2011 FASSA Un esperienza che

Dettagli

1 Sicurezza strutturale in caso di incendio e metodi di calcolo 1.1 Definizione della sicurezza strutturale in caso di incendio

1 Sicurezza strutturale in caso di incendio e metodi di calcolo 1.1 Definizione della sicurezza strutturale in caso di incendio 1 Sicurezza strutturale in caso di incendio e metodi di calcolo 1.1 Definizione della sicurezza strutturale in caso di incendio Nell ambito dell ingegneria civile, la sicurezza in caso di incendio di una

Dettagli

COI SISTEMI FASSA. Dott. Vincenzo De Astis Responsabile Tecnico Sistema Cartongesso. Milano, 26 Ottobre 2011

COI SISTEMI FASSA. Dott. Vincenzo De Astis Responsabile Tecnico Sistema Cartongesso. Milano, 26 Ottobre 2011 LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO COI SISTEMI FASSA Dott. Vincenzo De Astis Responsabile Tecnico Sistema Cartongesso Milano, 26 Ottobre 2011 COMPORTAMENTO IN CASO DI INCENDIO La Prevenzione è una materia

Dettagli

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE ANNESSI NAZIONALI DEGLI EUROCODICI. dott. ing. LUCA PONTICELLI C.N.VV.F. (Area V D.C.P.S.T.)

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE ANNESSI NAZIONALI DEGLI EUROCODICI. dott. ing. LUCA PONTICELLI C.N.VV.F. (Area V D.C.P.S.T.) RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE ANNESSI NAZIONALI DEGLI EUROCODICI dott. ing. LUCA PONTICELLI C.N.VV.F. (Area V D.C.P.S.T.) Seminario tecnico Parma, 18 settembre 2013 1 IL COMPORTAMENTO AL FUOCO DEI

Dettagli

Promat Marco Antonelli PROMAT S.p.A. Ordine degli Ingegneri della Provincia di Mantova 22 maggio 2012 Il nuovo scenar nor

Promat Marco Antonelli PROMAT S.p.A. Ordine degli Ingegneri della Provincia di Mantova 22 maggio 2012 Il nuovo scenar nor SPEAKER : Ordine degli Ingegneri della Provincia di Mantova Promat 22 maggio 2012 Roma 13 3m marzo 2012 2 Il nuovo scenario normativo per le certificazioni di resistenza al fuoco redatte a cura dei professionisti

Dettagli

LINEA FIRETECH SOLUZIONI PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO STRUTTURE

LINEA FIRETECH SOLUZIONI PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO STRUTTURE LINEA FIRETECH SOLUZIONI PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO STRUTTURE PROTEZIONE STRUTTURE IN ACCIAIO Le strutture in acciaio sono un sistema costruttivo sempre più utilizzato nelle costruzioni. In particolare

Dettagli

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE IN ACCIAIO

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE IN ACCIAIO SISTEMI DI CALCOLO DELLA RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE PORTANTI E SEPARANTI: ACCIAIO, LEGNO, MURATURA E CCA RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE IN ACCIAIO FSC Engineering srl :Samuele Sassi Torino

Dettagli

Soluzioni per la protezione passiva con i sistemi in lastre

Soluzioni per la protezione passiva con i sistemi in lastre Soluzioni per la protezione passiva con i sistemi in lastre il corretto uso dei rapporti di prova europei e del relativo fascicolo tecnico. Funzione tecnico-commerciale Ing. ZAMUNER Edoardo D.M. 16 febbraio

Dettagli

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco DIPARIMENTO DEI VIGLI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVULE Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile,

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

DECRETO 16 febbraio 2007

DECRETO 16 febbraio 2007 DECRETO 16 febbraio 07 Classificazione di resistenza al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi di opere da costruzione. (GU n. 74 del 297 Suppl. Ordinario n. 87) IL MINISTRO DELL'INTERNO Visto il decreto

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEGLI EDIFICI IN LEGNO

LA PREVENZIONE INCENDI NEGLI EDIFICI IN LEGNO LA PREVENZIONE INCENDI NEGLI EDIFICI IN LEGNO VALORIZZAZIONE DELLA RISORSA LEGNO NELL AMBITO DELLE COSTRUZIONI ATTRAVERSO L INDIVIDUAZIONE DI MODALITA PER IL RAGGIUNGIMENTO DI ELEVATI STANDARD DI SICUREZZA

Dettagli

Prodotti per la protezione passiva dal fuoco di elementi, strutture e materiali in acciaio, legno, cemento armato e muratura.

Prodotti per la protezione passiva dal fuoco di elementi, strutture e materiali in acciaio, legno, cemento armato e muratura. Prodotti per la protezione passiva dal fuoco di elementi, strutture e materiali in acciaio, legno, cemento armato e muratura. Vernici intumescenti (reattive), vernici fuoco ritardanti. I rivestimenti reattivi

Dettagli

SOLUZIONI PER LA REALIZZAZIONE DI INVOLUCRI PERFORMANTI E SICURI IN CASO DI INCENDIO Milano 6 dicembre 2011

SOLUZIONI PER LA REALIZZAZIONE DI INVOLUCRI PERFORMANTI E SICURI IN CASO DI INCENDIO Milano 6 dicembre 2011 SOLUZIONI PER LA REALIZZAZIONE DI INVOLUCRI PERFORMANTI E SICURI IN CASO DI INCENDIO Milano 6 dicembre 2011 Soluzioni in lana di roccia per la sicurezza in caso di Incendio. Arch. Fermo Mombrini Il Gruppo

Dettagli

L ANALISI DEI PONTI TERMICI NEL PROGETTO DELL ISOLAMENTO TERMICO

L ANALISI DEI PONTI TERMICI NEL PROGETTO DELL ISOLAMENTO TERMICO L ANALISI DEI PONTI TERMICI NEL PROGETTO DELL ISOLAMENTO TERMICO prof. ing. Vincenzo Corrado Dipartimento Energia, Politecnico di Torino vincenzo.corrado@polito.it Introduzione al concetto di ponte termico

Dettagli

Indice. R.07.a Relazione tecnica e di calcolo Illustrazione sintetica degli elementi essenziali del progetto. NUOVO TECNOPOLO Progetto Esecutivo

Indice. R.07.a Relazione tecnica e di calcolo Illustrazione sintetica degli elementi essenziali del progetto. NUOVO TECNOPOLO Progetto Esecutivo 1 Indice ILLUSTRAZIONE SINTETICA DEGLI ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO STRUTTURALE... 2 a) Contesto edilizio e caratteristiche del sito... 2 b) Descrizione generale della struttura e della tipologia d

Dettagli

Normative sismiche italiane

Normative sismiche italiane pag. 98 Normative sismiche italiane 1783 norme dopo il terremoto della Calabria: muratura intelaiata, limitazione di altezza. Edifici esistenti: riduzione di altezza 1908 norme sismiche locali dopo il

Dettagli

FIRE RESISTANCE OF WOODEN STRUCTURES

FIRE RESISTANCE OF WOODEN STRUCTURES FIRE RESISTANCE OF WOODEN STRUCTURES 43 CORSO ISPETTORI ANTINCENDI INTERNATIONAL FIRE-FIGTHERS WORKSHOP FIRE SERVICE COLLEGE Moreton in Marsh-UK 30 th September 2 th October 2003 I.A. Antonio Giulio Durante

Dettagli

SPEAKER: Marco Antonelli. Parma. 05 marzo 2014. PROMAT S.p.A. s.u. Omne pro alieno bono. Amministratore Delegato

SPEAKER: Marco Antonelli. Parma. 05 marzo 2014. PROMAT S.p.A. s.u. Omne pro alieno bono. Amministratore Delegato Omne pro alieno bono Marco Antonelli Resistenza al fuoco delle strutture e degli elementi di compartimentazione ai sensi del DM 16 febbraio 2007 e successivi aggiornamenti. CERT REI e asseverazioni di

Dettagli

4 Azioni sulle costruzioni

4 Azioni sulle costruzioni 4 Azioni sulle costruzioni Classificazione delle azioni 1/2 Si definisce azione ogni causa o insieme di cause capace di indurre stati limite in una struttura. Si definisce sollecitazione ogni effetto interno

Dettagli

PANNELLI MONOLITICI COIBENTATI

PANNELLI MONOLITICI COIBENTATI PANNELLI MONOLITICI COIBENTATI Domenico Leone PANNELLI MONOLITICI COIBENTATI Domenico Leone Il prof. Domenico Leone vanta un esperienza più che trentennale nel campo della progettazione e realizzazione

Dettagli

DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO.

DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO. DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO. Verifica statica della struttura esistente, al fine di determinare la portata del solaio esistente; redazione

Dettagli

APPROCCIO PRESTAZIONALE E PROGETTAZIONE STRUTTURALE IN CONDIZIONI DI INCENDIO: I PARCHEGGI MULTIPIANO FUORI TERRA

APPROCCIO PRESTAZIONALE E PROGETTAZIONE STRUTTURALE IN CONDIZIONI DI INCENDIO: I PARCHEGGI MULTIPIANO FUORI TERRA APPROCCIO PRESTAZIONALE E PROGETTAZIONE STRUTTURALE IN CONDIZIONI DI INCENDIO: I PARCHEGGI MULTIPIANO FUORI TERRA ing. Sandro Pustorino (sandro.pustorino@sis-ingegneria.com) Coordinatore della CONTENUTI

Dettagli

IMPIANTI di RISCALDAMENTO

IMPIANTI di RISCALDAMENTO ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI Di Vittorio Docente: GILBERTO GENOVESE IMPIANTI di RISCALDAMENTO Carico termico invernale Anno Scolastico 2008-2009 CORSO: Impianti CONTENUTI: Sistema clima impianto - edificio

Dettagli

Introduzione 7. 1. Nozioni di base 9. 1.2 Attenuazione dei ponti termici 23. 2. Conseguenze dei ponti termici 31. 2.5 Formazione di muffa 40

Introduzione 7. 1. Nozioni di base 9. 1.2 Attenuazione dei ponti termici 23. 2. Conseguenze dei ponti termici 31. 2.5 Formazione di muffa 40 INDICE indice Introduzione 7 1. Nozioni di base 9 1.1 Fisica del ponte termico 14 1.2 Attenuazione dei ponti termici 23 2. Conseguenze dei ponti termici 31 2.1 Inefficienza energetica 31 2.2 Effetti igienico-sanitari

Dettagli

Analisi sismica di edifici in muratura e misti

Analisi sismica di edifici in muratura e misti Analisi sismica di edifici in muratura e misti Parte 3 1 1. Verifiche meccanismi locali 2. Interventi locali (cerchiature, catene, rinforzo solai) 3. Collegamento 3Muri Axis VM per calcolo fondazioni ed

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874

RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874 RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874 DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI UNA VERNICE TERMICA A BASE CERAMICA SUI VALORI DI TRASMITTANZA DI PARETI INTONACATE, DELLA DITTA "ATRIA s.r.l." STABILIMENTO DI PARTANNA

Dettagli

Considerazioni sul copriferro ai sensi del DM 14.01.2008...2. Copriferro per Circolare ed EC2...3. Approccio secondo la Circolare...

Considerazioni sul copriferro ai sensi del DM 14.01.2008...2. Copriferro per Circolare ed EC2...3. Approccio secondo la Circolare... INDICE Considerazioni sul copriferro ai sensi del DM 14.01.2008...2 Copriferro per Circolare ed EC2...3 Approccio secondo la Circolare...3 Approccio secondo l Eurocodice 2...7 Interventi su Edifici esistenti.

Dettagli

RELAZIONE CALCOLO CARICO INCENDIO VERIFICA TABELLARE RESISTENZA AL FUOCO **** **** **** D.M. Interno 09 Marzo 2007 D.M. 16 Febbraio 2007 L.C.

RELAZIONE CALCOLO CARICO INCENDIO VERIFICA TABELLARE RESISTENZA AL FUOCO **** **** **** D.M. Interno 09 Marzo 2007 D.M. 16 Febbraio 2007 L.C. RELAZIONE CALCOLO CARICO INCENDIO VERIFICA TABELLARE RESISTENZA AL FUOCO **** **** **** D.M. Interno 09 Marzo 2007 D.M. 16 Febbraio 2007 L.C. 15/02/2008 L.C. 28/03/2008 GENERALITA' COMPARTIMENTI La presente

Dettagli

7. Il progetto dei sistemi di protezione dal fuoco delle

7. Il progetto dei sistemi di protezione dal fuoco delle 7. Il progetto dei sistemi di protezione dal fuoco delle strutture di acciaio. A cura di: Premessa Nel lavoro presentato sono illustrati gli aspetti principali legati alla protezione dal fuoco delle strutture

Dettagli

Valueconsult. Technical Advisory. Dalla gestione del rischio alla creazione di valore. Analysis and Structural investigations

Valueconsult. Technical Advisory. Dalla gestione del rischio alla creazione di valore. Analysis and Structural investigations Technical Advisory Analysis and Structural investigations Dalla gestione del rischio alla creazione di valore Analysis and Structural investigations Testing, Diagnosi, Analisi Valueconsult svolge un servizio

Dettagli

REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO

REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO 1. QUADRO NORMATIVO La scelta dei componenti di frontiera tra ambiente esterno ed interno o tra ambienti interni contigui è determinata dalla necessità

Dettagli

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE...

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... INDICE GENERALE PREMESSA... 1 OGGETTO... 2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI... 2.2 STATI LIMITE... 2.2.1 Stati Limite Ultimi (SLU)... 2.2.2 Stati Limite di Esercizio (SLE)...

Dettagli

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE 1 CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DI ELEMENTI COSTRUTTIVI SECONDO NORME, LEGGI E DIRETTIVE IN VIGORE 2 1. CLASSIFICAZIONE DELLA RESISTENZA AL FUOCO 2. CERTIFICAZIONE

Dettagli

...la soluzione definitiva!

...la soluzione definitiva! ...la soluzione definitiva! Località Bellavista, 25 (C.P. 275) Strada Statale n. 2 Cassia km 249,4 53036 Poggibonsi, Siena tel. +39 0577 979 048 fax +39 0577 979 394 e-mail: info@unibloc.it - url: www.unibloc.it

Dettagli

Le strutture di acciaio e la sicurezza in caso di incendio Ing. Sandro Pustorino, Structura Engineering s.r.l.(sandro.pustorino@sis-ingegneria.com) Coordinatore della Commissione Tecnica per la Sicurezza

Dettagli

CORSO PER ENERGY MANAGER DEL SETTORE ALBERGHIERO

CORSO PER ENERGY MANAGER DEL SETTORE ALBERGHIERO CORSO PER ENERGY MANAGER DEL SETTORE ALBERGHIERO PRESTAZIONI ENERGETICHE DEI COMPONENTI DELL INVOLUCRO 1 ARGOMENTI DEL MODULO 1. RISPETTO DELLE TRASMITTANZE MINIME PREVISTE DALLA NORMATIVA VIGENTE 2. TRASMISSIONE

Dettagli

L uso di modelli per la verifica della sicurezza antincendio delle facciate ventilate

L uso di modelli per la verifica della sicurezza antincendio delle facciate ventilate L uso di modelli per la verifica della sicurezza antincendio delle facciate ventilate Ing. Giovanni Longobardo Area V Protezione passiva giovanni.longobardo@vigilfuoco.it Negli ultimi decenni il numero

Dettagli

Comportamento al fuoco delle strutture di legno: concetti generali

Comportamento al fuoco delle strutture di legno: concetti generali Comportamento al fuoco delle strutture di legno: concetti generali È noto che il legno è un materiale combustibile, questo però non significa che le strutture di legno non possiedano resistenza al fuoco

Dettagli

SUPALUX. versione 1.0

SUPALUX. versione 1.0 SUPALUX versione 1.0 SUPALUX PRINCIPI DI PREVENZIONE INCENDI La scienza moderna studia l incendio al pari degli altri rischi, attraverso l analisi dei dati disponibili e, soprattutto, utilizzando l arma

Dettagli

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA INTRODUZIONE Il recente D.M. 14.1.2008 (N.T.C.), ha confermato ed ulteriormente migliorato le regole di progettazione per costruire in muratura armata, introdotte a livello

Dettagli

blocco termoisolante BREVETTATO

blocco termoisolante BREVETTATO blocco termoisolante BREVETTATO 1 blocco termoisolante Quadro Normativo RENDIMENTO ENERGETICO NELL EDILIZIA La Comunità Europea ha emanato nel 2002 la Direttiva 2002/91/CE del Parlamento e del Consiglio

Dettagli

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte.

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte. Lezione n. 2 La Protezione Antincendio. 1 A parte. La Protezione Antincendio. Come già accennato la protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

Calcolo della trasmittanza di una parete omogenea

Calcolo della trasmittanza di una parete omogenea Calcolo della trasmittanza di una parete omogenea Le resistenze liminari Rsi e Rse si calcolano, noti i coefficienti conduttivi (liminari) (o anche adduttanza) hi e he, dal loro reciproco. (tabella secondo

Dettagli

IL LEGNO: REAZIONE AL FUOCO

IL LEGNO: REAZIONE AL FUOCO PREMESSA Il legno è un materiale che, impiegato nelle costruzioni con diverse finalità (ad es. strutturali, decorativi o di arredamento ecc.), ha sempre posto il problema della sua combustibilità, intesa

Dettagli

Il legno e il fuoco C I principi della protezione antincendio e la legislazione vigente

Il legno e il fuoco C I principi della protezione antincendio e la legislazione vigente I corsi promo_legno (7 ottobre 2004) - 1 - I corsi promo_legno (7 ottobre 2004) - 2 - I corsi promo_legno (7 ottobre 2004) - 3 - Protezione antincendio del legno - obiettivi e strumenti La resistenza al

Dettagli

Sistema costruttivo ANPELWALL

Sistema costruttivo ANPELWALL Sistema costruttivo ANPELWALL Murature rinforzate in Lecablocco per edifici industriali e del terziario Guida alla progettazione ANPEL WALL Murature Certificate e Calcolate MURATURE IN LECABLOCCO nell

Dettagli

La trasmittanza termica dell involucro edilizio - Introduzione. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno

La trasmittanza termica dell involucro edilizio - Introduzione. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno LA TRASMITTANZA TERMICA DI STRUTTURE OPACHE La trasmittanza termica dell involucro edilizio - Introduzione Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno o Implementare le prestazioni

Dettagli

APPROFONDIMENTO DELLA TEMATICA DI PREVENZIONE INCENDI APPLICATA ALLA PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DI FACCIATE VENTILATE

APPROFONDIMENTO DELLA TEMATICA DI PREVENZIONE INCENDI APPLICATA ALLA PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DI FACCIATE VENTILATE APPROFONDIMENTO DELLA TEMATICA DI PREVENZIONE INCENDI APPLICATA ALLA PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DI FACCIATE VENTILATE Monza, 22 gennaio 2014 Progettazione di una facciata ventilata Nella

Dettagli

L INTONACO GRAS LECA E IL FUOCO

L INTONACO GRAS LECA E IL FUOCO Speedy Book NUOVA EDIZIONE L INTONACO E IL FUOCO Aggiornato (al DM 03/08/2015) e ancora più completo! (con TRAVI IN SPESSORE e PREFABBRICATI) NORMATIVA Concetti fondamentali sulla Resistenza al Fuoco 1.

Dettagli

blocco termofonoisolante ISO 30 isola dal rumore, dal freddo e dal caldo rispettando l'ambiente

blocco termofonoisolante ISO 30 isola dal rumore, dal freddo e dal caldo rispettando l'ambiente blocco termofonoisolante ISO 30 isola dal rumore, dal freddo e dal caldo rispettando l'ambiente ISO30: il blocco termofonoisolante per pareti divisorie interne Le pareti divisorie tra unità immobiliari

Dettagli

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma 1 Contenuti Metodologia di progettazione Valutazione della resistenza attuale (Capacità)

Dettagli

MILANOSPORT S.P.A. CENTRO SPORTIVO SAINI Viale Corelli, 136 20134 Milano. piscina 50 m NUOVA DISTRIBUZIONE IDRAULICA PROGETTO ESECUTIVO

MILANOSPORT S.P.A. CENTRO SPORTIVO SAINI Viale Corelli, 136 20134 Milano. piscina 50 m NUOVA DISTRIBUZIONE IDRAULICA PROGETTO ESECUTIVO MILANOSPORT S.P.A. CENTRO SPORTIVO SAINI Viale Corelli, 136 20134 Milano piscina 50 m NUOVA DISTRIBUZIONE IDRAULICA PROGETTO ESECUTIVO DIRETTORE TECNICO ARCH. STEFANO PEDULLA R4M engineering ELABORATO

Dettagli

PROGETTAZIONE DI EDIFICI CON STRUTTURE PORTANTI IN LEGNO

PROGETTAZIONE DI EDIFICI CON STRUTTURE PORTANTI IN LEGNO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Trentino Sviluppo S.p.a. - Consorzio Habitech Mercoledì, 10 novembre 2010 ROVERETO PROGETTAZIONE DI EDIFICI CON STRUTTURE PORTANTI IN LEGNO Utilizzo del legno nella progettazione

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento Vigili del Fuoco Soccorso Pubblico e Difesa Civile Comando Provinciale di Savona

Ministero dell Interno Dipartimento Vigili del Fuoco Soccorso Pubblico e Difesa Civile Comando Provinciale di Savona PROROGA APPLICAZIONE D.P.R. 151/11: D.L. 21 giugno 2013, n. 69. Disposizioni urgenti per il rilancio dell'economia. Pubblicato nella Gazz. Uff. 21 giugno 2013, n. 144, S.O. Art. 38 Disposizioni in materia

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO. Decreta:

IL MINISTRO DELL INTERNO. Decreta: Decreto del Ministero dell interno 9 marzo 2007 Prestazioni di resistenza al fuoco delle costruzioni nelle attività soggette al controllo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco. (pubblicato nella G.U.

Dettagli

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M.

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. Il patrimonio storico in Italia è largamente costituito da fabbricati e monumenti in muratura. Le tipologie costruttive e i materiali utilizzati sono i più vari (pietrame

Dettagli

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI 1.1 DIMENSIONAMENTO E VERIFICA DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI travi secondarie

Dettagli

Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol

Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol Gianfranco Righetti ASSOUNISOL, VERONA 1 - unisol : caratteristiche e prestazioni 1.1 - Caratteristiche generali Il solaio unisol è formato

Dettagli

8 COSTRUZIONI ESISTENTI

8 COSTRUZIONI ESISTENTI 8 COSTRUZIONI ESISTENTI 8.1 OGGETTO Il presente capitolo definisce i criteri generali per la valutazione della sicurezza e per la progettazione, l esecuzione ed il collaudo degli interventi sulle costruzioni

Dettagli

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. NORMATIVA... 8 3. MATERIALI... 8 4. DEFINIZIONE DEI CARICHI... 9 5. CRITERI DI VERIFICA... 9

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. NORMATIVA... 8 3. MATERIALI... 8 4. DEFINIZIONE DEI CARICHI... 9 5. CRITERI DI VERIFICA... 9 R4M engineering INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 1.1. CHIUSURA DEL FORO SCALA A CHIOCCIOLA ESISTENTE... 4 1.2. CHIUSURA CAVEDI IMPIANTISTICI ESISTENTI... 5 1.3. AMPLIAMENTO DELLA VASCA... 6 1.4. ORDITURA PORTANTE

Dettagli

Parte I: Basi del progetto

Parte I: Basi del progetto XV XVII Introduzione Prefazione Parte I: Basi del progetto 3 CAP. 1 - LA CONCEZIONE STRUTTURALE 3 1.1 Carattere di una costruzione 5 1.2 La forma tecnica della costruzione in calcestruzzo armato 11 1.3

Dettagli

DALLA PRESCRIZIONE AL COLLAUDO DELLE OPERE IN CEMENTO ARMATO CON IL DM 14.01.08

DALLA PRESCRIZIONE AL COLLAUDO DELLE OPERE IN CEMENTO ARMATO CON IL DM 14.01.08 Monza 14 novembre 2008 DALLA PRESCRIZIONE AL COLLAUDO DELLE OPERE IN CEMENTO ARMATO CON IL DM 14.01.08 Il nuovo quadro normativo di riferimento per la progettazione delle strutture in c.a. ed il collaudo

Dettagli

Obbligo Di marcatura CE dei componenti del calcestruzzo. Obbligo di certificazione FPC per gli impianti di betonaggio. Responsabilità del Direttore

Obbligo Di marcatura CE dei componenti del calcestruzzo. Obbligo di certificazione FPC per gli impianti di betonaggio. Responsabilità del Direttore Obbligo Di marcatura CE dei componenti del calcestruzzo. Obbligo di certificazione FPC per gli impianti di betonaggio. Responsabilità del Direttore dei Lavori e del Collaudatore secondo il D.M. 14/01/2008

Dettagli

PRINCIPI DI TRASMISSIONE DEL CALORE

PRINCIPI DI TRASMISSIONE DEL CALORE PRINCIPI DI TRASMISSIONE DEL CALORE La trasmissione del calore può avvenire attraverso tre meccanismi: - Conduzione; - Convezione; - Irraggiamento; Nella conduzione la trasmissione del calore è riconducibile

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO

MINISTERO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PROTEZIONE PASSIVA Lettera Circolare

Dettagli

Costruzioni in acciaio e composte: innovative, affidabili e sostenibili Ing. Mauro Sommavilla

Costruzioni in acciaio e composte: innovative, affidabili e sostenibili Ing. Mauro Sommavilla Costruzioni in acciaio e composte: innovative, affidabili e sostenibili Ing. Mauro Sommavilla Dott. Ing. Mauro Sommavilla Fondazione Promozione Acciaio www.promozioneacciaio.it Torino, 6 Febbraio 2013

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc 10.10.8 Esempi di progetti e verifiche di generiche sezioni inflesse o presso-tensoinflesse in conglomerato armato (rettangolari piene, circolari piene e circolari cave) Si riportano, di seguito, alcuni

Dettagli

Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento di solai in latero-cemento

Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento di solai in latero-cemento Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Relazione finale del contratto di consulenza Politecnico di Milano Laterlite Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DI MONOBLOCCO ISOLANTE IN EPS

RELAZIONE TECNICA DI VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DI MONOBLOCCO ISOLANTE IN EPS Committente: Callegaro Group Adria Sede Legale: Tel. 0426/42603 Fax. 0426/21491 Oggetto: RELAZIONE TECNICA DI VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DI MONOBLOCCO ISOLANTE IN EPS Versione: 1.1 Revisione:

Dettagli

Esempi Relazione di Calcolo

Esempi Relazione di Calcolo Esempi Relazione di Calcolo Introduzione Introduzione L ergonomia e la facilità di utilizzo di 3Muri permettono un agevole input e grande facilità di interpretazione dei risultati. La relazione di calcolo

Dettagli

COMUNE DI CHIOGGIA. AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n.

COMUNE DI CHIOGGIA. AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n. COMUNE DI CHIOGGIA AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n.300 OSSARI PROGETTO ESECUTIVO PIANO DI MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE (ELABORATO

Dettagli

CAT2007 Laurea specialistica IngEdile. Complementi di Architettura Tecnica CAT2007 I ponti termici in Edilizia. Ing. Mainini Andrea giovanni

CAT2007 Laurea specialistica IngEdile. Complementi di Architettura Tecnica CAT2007 I ponti termici in Edilizia. Ing. Mainini Andrea giovanni CAT2007 Laurea specialistica IngEdile Complementi di Architettura Tecnica CAT2007 I ponti termici in Edilizia Ing. Mainini Andrea giovanni I ponti termici 2 Considerando l involucro edilizio si è in presenza

Dettagli