Studio su Mat. 6:13* E non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studio su Mat. 6:13* E non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male"

Transcript

1 Studio su Mat. 6:13* E non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male Autore: A. Quintavalle Nella precedente parte della Preghiera del Signore c è un classico parallelismo ebraico tra la petizione «sia fatta la tua volontà» e la supplica «venga il tuo regno». Le richieste «non ci esporre alla tentazione» e «liberaci dal male/maligno» (Mat.6:13) sono anch esse parallele. Le due parti di un parallelismo non sono sempre sinonimiche, cioè identiche nel significato, ma spesso la seconda parte rafforza l'idea della prima, spiegando le sue implicazioni in maniera più completa. Inclinazione al peccato Il significato di base della parola ebraica nisayon tentazione - è prova. La Mishnah (Avot 5:3) parla di dieci prove che Abrahamo ha dovuto superare. I Vangeli sinottici riportano la storia delle tre prove con cui Satana tenta Yeshua cercando di farlo cadere (Mat.4:1-11; Mar.1:12,13; Luca 4:1-13). Questa petizione è probabilmente la parte più sconcertante della "Preghiera del Signore" (o meglio: la Preghiera dei Discepoli). La CEI traduce: «E non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male». La Diodati traduce nella stessa maniera. La Riveduta legge: «e non ci esporre alla tentazione, ma liberaci dal maligno». Questa parte della Preghiera del Signore ha stretti paralleli con "La Benedizione serale" (mishnah Berakhot. 9:1; Talmud Bab. Berakhot 60b che recita: "inducimi a compiere i comandamenti, e non indurmi a compiere trasgressioni, e non darmi in potere del peccato, né in potere dell iniquità, né in potere della tentazione ". Il mistero è questo: perché Dio ci dovrebbe indurre (o esporre) alla tentazione? Inoltre, questo va in contraddizione con quanto si legge in Giac.1:13,14: «Nessuno, quand'è tentato, dica: Io son tentato da Dio; perché Dio non può esser tentato dal male, né Egli stesso tenta alcuno; ma ognuno è tentato dalla propria concupiscenza che lo attrae e lo adesca». Mat.6:13 è in realtà un idioma ebraico in cui viene utilizzato un verbo attivo per esprimere non il fare una cosa, ma il permesso di farla. Un buon esempio è nel Tanak in Ger.4:10: «Allora io dissi: Ahi! Signore, Eterno! tu hai dunque ingannato questo popolo e Gerusalemme dicendo: Voi avrete pace mentre la spada penetra fino all'anima». Da intendere nel senso che YHWH HA PERMESSO al popolo di essere ingannato. Un altro esempio è nella Torah in Es.4:21: «ma io gl'indurerò il cuore, ed egli non lascerà partire il popolo». Il che significa che YHWH HA CONSENTITO al cuore del Faraone di essere indurito. 1

2 Così il passo di Mat.6:13 è un idioma ebraico da intendersi: «NON PERMETTERCI DI ESSERE INDOTTI IN TENTAZIONE...». Nella preghiera del Signore, la parola tentazione ha a che fare con l inclinazione dell uomo a peccare. Per evitare il peccato, un uomo non deve mettersi in una posizione dove sarà provato. Una tradizione preservata da Rabbi Yehuda a nomi di Rabbi è molto istruttiva: «Una persona non deve mettere se stessa alla prova [cioè mettersi nella situazione di essere tentato]. Il re Davide d Israele ha fatto proprio questo ed è caduto» (T. Bab. Sanhedrin 107a). Bisogna stare attenti sia al potere della tentazione che alla propria capacità di resistergli (cfr. Giac.1:14,15). A volte è impossibile evitare una prova, ma Yeshua insegna ai suoi discepoli di pregare che essi possano essere allontanati dalla tentazione. La natura peccaminosa può condurre una persona alla prova. Liberaci dal male o dal maligno? La seconda metà del parallelismo, va ben oltre l'idea della prova e introduce la supplica di essere salvati dalle forze del male, che sono, naturalmente, connesse con la tentazione. Secondo la versione di Matteo leggiamo: «ma liberaci dal male» nella CEI, nella Ricciotti e nella Martini. La Diodati, Nuova Diodati, Riveduta e Nuova Riveduta rendono Mat.6:13b con «liberaci dal maligno». La differenza è significativa, e stimola la curiosità. I traduttori delle versioni cattoliche hanno reso la frase greca apo tou ponērou (letteralmente, «dal cattivo») con: «dal male». I traduttori delle altre versioni hanno reso la stessa frase con: «dal maligno». Quali traduttori sono nel giusto? I primi fanno sì che Yeshua stia insegnando ai suoi discepoli di chiedere a Dio la protezione contro il male - tutto il male - indipendentemente dalla sua origine. I secondi limitano il significato ad una richiesta di protezione contro colui che è il male, in altre parole, contro Satana, il maligno. Per arrivare alle radici di questo problema linguistico, dobbiamo scavare. Una rapida occhiata al greco Innanzitutto, una rapida lezione di greco. Tutti i sostantivi e gli aggettivi greci sono classificati secondo il genere. Il genere può essere maschile, femminile, o neutro. Una parola greca, talvolta, può essere di un genere in un contesto e di un genere diverso in un altro contesto. La differenza di genere modifica il significato. Ad esempio, ponēros è di genere maschile e significa «un uomo cattivo» o «un entità maschile» Ma ponēron, essendo di genere neutro, significa «male» o «cosa malvagia» in senso largo e impersonale. Le difficoltà sorgono in quei contesti dove il maschile ponēros e il neutro ponēron ricorrono dopo certe preposizioni. Quando avviene, il loro significato ultimo può essere identico e indistinguibile. Mat.6:13b contiene la frase preposizionale apo tou ponērou, che può significare «da colui che è il male» o «dal male» (cosa). Perciò, tou ponērou è formalmente ambiguo. Ma non ci dobbiamo fermare qui! 2

3 Una congettura plausibile Di fronte a questa forma ambigua del sostantivo, i traduttori hanno dovuto fare una congettura plausibile su come tradurre il verso. C è chi ha interpretato ponērou come un sostantivo neutro, ma c è chi l ha trattato come un sostantivo maschile. Di conseguenza, abbiamo traduzioni che dicono «liberaci dal male», mentre altre hanno «liberaci dal maligno». Quale traduzione è quella giusta? Nel Nuovo Testamento il sostantivo ponēros è utilizzato sia nel genere maschile che in quello neutro. Si possono trovare esempi per entrambi i casi. 1Giov.2:13 legge: «Giovani, vi scrivo perché avete vinto il maligno [ton ponēron, maschile]». Qui ponēros ricorre come oggetto del verbo, un sostantivo singolare e maschile, che chiaramente si riferisce al diavolo. Lo stesso dicasi di 1Giov.5:18, dove leggiamo: «colui che nacque da Dio [Yeshua] lo preserva [il credente], e il maligno [ho ponēros, maschile] non lo tocca». Anche qui, il testo parla del diavolo come di «colui che è il male il maligno». In Mat.5:11 ponēros ricorre come sostantivo neutro. Il verso legge: «Beati voi quando vi oltraggeranno e vi perseguiteranno e, mentendo, diranno contro a voi ogni sorta di male [pan ponēron, neutro] per cagion mia». La forma neutra del sostantivo attribuisce al male un significato generale, astratto e impersonale. È interessante che il termine ponēros ricorre tre volte in un verso della Scrittura Luca 6:45: «L uomo buono dal buon tesoro del suo cuore reca fuori il bene [neutro]; e l uomo malvagio [ho ponēros, maschile], dal malvagio [tou ponērou, forma maschile o neutra] tesoro reca fuori il male [cosa to ponēron, neutro]». In questo verso, la chiave per tradurre correttamente è il contesto. La prima ricorrenza di ponēros si riferisce ad una personalità - di un uomo o del diavolo - e il contesto richiede che la traduzione sia «l uomo malvagio». La seconda ricorrenza di ponēros segue la preposizione ek (= da, fuori da) e, quindi, ricorre nella stessa forma ambigua nel genere come nella preghiera del Signore (Mat.6:13b). Però, il contesto di Luca 6:45 richiede che tou ponērou sia trattato come un sostantivo neutro, cioè «malvagio». La terza occorrenza di ponēros è l oggetto neutro del verbo, e come tale, significa «male» in senso generale ed impersonale. Mat.13:19 è particolare e richiede attenzione: «Tutte le volte che uno ode la parola del Regno e non la intende, viene il maligno [ho ponēros, maschile] e porta via quel ch è stato seminato nel cuore di lui». Il maschile ho ponēros non si riferisce ad un uomo malvagio, ma al diavolo. Dunque, Matteo non ha avuto alcun problema ad usare il maschile ho ponēros per indicare il diavolo. Questo fatto certamente non è sfuggito all'attenzione dei traduttori e può aver avuto un ruolo chiave nella loro decisione di trasformare apo tou ponērou in «liberaci dal maligno». Siamo pronti a trarre alcune conclusioni? Non ancora. Continuiamo a scavare. Abbiamo bisogno di andare oltre la sintassi e considerare il quadro più ampio il contesto originale 3

4 della preghiera di Yeshua. In quale lingua Yeshua ha insegnato questa preghiera ai suoi discepoli? Sicuramente non in greco. Infatti, tutti i saggi giudei del primo secolo, la maggior parte dei quali sappiamo che provenivano dalla Galilea, 1 hanno trasmesso i loro insegnamenti in ebraico. Abbiamo buoni motivi per credere che Yeshua non faceva eccezione. Riportare la frase greca apo tou ponērou (letteralmente, «dal cattivo») in ebraico e confrontare la Preghiera del Signore con altre antiche preghiere giudaiche ci dà una prospettiva più completa. La metodologia è ragionevole, perché cerchiamo di capire ogni possibile influenza, non solo sulla preghiera di Yeshua, ma anche sulla formazione del greco di Matteo. Quando consultiamo l antica traduzione greca della Bibbia Ebraica, la Septuaginta, vediamo che l ebraico ra (cattivo, malvagio) risulta essere il candidato principale per la parola «male/maligno» usata da Yeshua nella sua preghiera. Mi spiego meglio. Gli antichi traduttori della Septuaginta hanno usato ponēros 231 volte per tradurre ra. Solo raramente ponēros è stato usato per tradurre qualche altra parola ebraica. Quindi, in base all'alta corrispondenza nella Septuaginta tra il ponēros greco e l ebraico ra, l ebraico min hārā (letteralmente, «dal male») è probabilmente l origine della frase greca apo tou ponērou. Sia il greco che l ebraico significano «dal male». Ma mentre il greco è ambiguo, l'ebraico non lo è, e può significare solo «dal male». Questo diventerà più evidente esaminando alcuni esempi biblici dove viene usato ra, ed alcuni estratti di antiche preghiere giudaiche. Da notare: hārā (il cattivo, il malvagio) non è stato mai usato come titolo del diavolo nell ebraico biblico, né in quello post-biblico, né nella letteratura rabbinica. Le molte sfumature di Ra Nelle Sacre Scritture, ra ha una vasta gamma di sfumature. Gen.8:21 parla dell'inclinazione malvagia (ra ). Il profeta Isaia ha dichiarato: «le loro opere son opere d iniquità, e nelle loro mani vi sono atti di violenza. I loro piedi corrono al male (ra ), ed essi s affrettano a spargere sangue innocente» (Is.59:6b,7). Confrontiamo anche Giud.2:11; 3:7: «I figliuoli d Israele fecero ciò che è male [hāra ]», dove la Septuaginta legge to ponēron, «il male» (cosa neutro). In questi versi ra ha a che fare con il peccato, o con la condotta malvagia e distruttiva. In altri versi ra porta una sfumatura diversa. Per esempio, in Gen.44:34, dopo che Giuseppe ha accusato Beniamino per furto nascondendo una coppa d argento nel sacco del giovane, Giuda ha supplicato Giuseppe: «come farei a risalire da mio padre senz aver meco il fanciullo? Ah, ch io non vegga il dolore [rā ] che ne verrebbe a mio padre». Se Giuda fosse ritornato da suo padre Giacobbe senza Beniamino, il dolore e la pena avrebbe spezzato l uomo emotivamente, fisicamente e spiritualmente. Questo dolore è il ra dal quale Giuda ha chiesto di essere risparmiato. In seguito, quando Giacobbe ha benedetto i due figli di Giuseppe, disse: «L Iddio, nel cui cospetto camminarono i miei padri Abrahamo e Isacco, l Iddio che è stato il mio pastore dacché esisto fino a questo giorno, l angelo che mi ha liberato da ogni male [mikkol ra ], benedica questi fanciulli» (Gen.48:15,16). La frase 4

5 mikkol ra («da ogni male») assomiglia grammaticalmente a min hārā (dal male), la traduzione ebraica del greco apo tou ponērou. Da questi esempi biblici, impariamo che ra ha varie sfumature. Può riferirsi alla condotta malvagia o al comportamento peccaminoso. Può anche riferirsi alla tragedia personale derivata dalla perdita di una persona cara, può riferirsi alla sofferenza fisica, o al danno morale malevolo. Il significato di Ra nelle antiche preghiere giudaiche Rivolgendo la nostra attenzione alla letteratura post-biblica, possiamo acquisire ulteriori dati esaminando degli estratti di preghiere dai rotoli di Qumran, e da un esempio preso dalla letteratura Talmudica. In 11QPs b XIX, 5-6, un rotolo dei Salmi scoperto nella grotta 11 di Qumran, troviamo la seguente preghiera: «Non permettere a Satana o a uno spirito immondo di regnare sopra di me [ al tašleṭ bî śāṭān w e rûḥ ṭum āh], e non permettere al male o all istinto del male di avere autorità su di me». Questa preghiera contiene degli elementi tipici che si trovano nelle preghiere giudaiche: protezione da Satana e dalle sue schiere, dalla sofferenza fisica e dall inclinazione malvagia dell uomo. Il Testamento di Levi ha una preghiera simile: «E non permettere a Satana di governare sopra di me e di condurmi fuori strada». David Flusser ha notato la somiglianza tra questi testi e il Sal.119:133: «non lasciare che alcuna iniquità mi domini» - w e al tašleṭ bî kol āwen. In ebraico, le espressioni sono quasi identiche, eccetto per la parola «iniquità» che è stata sostituita con la parola «Satana» sia nel Testamento di Levi che nei Rotoli del Mar Morto. Prendiamo dunque nota, che quando si riferisce al diavolo, l ebraico usa la parola «Satana». Dire «il maligno» sarebbe estraneo al linguaggio. L ebraico ra ricorre nel Manuale di Disciplina 2:3: «Possa benedirti con ogni bene, e possa proteggerti da ogni male [mikkol ra ]». L'autore di questo rotolo di Qumran ha, in stile tipicamente midrashico, ampliato la benedizione sacerdotale di Num.6: Questa preghiera è per la protezione dal male in senso generale, astratto e impersonale. Da Berachot 16b del Talmud viene questa preghiera attribuita a Rabbi Giuda hanasi, il compilatore della Mishnah: «Sia la Tua volontà, Signore, Dio dei nostri padri, che Tu ci salvi da uomini e donne arroganti, dall uomo malvagio, da un caso sinistro, dal cattivo istinto, da un compagno cattivo, da un vicino cattivo e da Satana il distruttore». In questo testo, ra viene usato quatto volte come aggettivo. La frase, «dall uomo malvagio», ricorre in ebraico come me adam ra. Da solo, ra non ha il significato del male personificato. Se, parlando in ebraico, Yeshua voleva far riferimento al diavolo nella preghiera che ha dato ai suoi discepoli, avrebbe semplicemente detto, «liberaci da Satana». L ebraico satan sarebbe stato riportato molto facilmente in greco come satanas (Satana) o diabolos (diavolo). Il diavolo è nei particolari di Mat.13:19 È giusto chiedersi a questo punto se Matteo, o un successivo redattore, ha visto satanas o diabolos nella sua fonte di Mat.6:13b e l ha sostituito con ponērou. È probabile? Sembra che sia stato fatto in Mat.13:19. Analizziamo quel verso in maniera più approfondita, insieme ai suoi paralleli in Marco e Luca, prima di formulare una qualsiasi soluzione. 5

6 «viene il maligno e porta via quel ch è stato seminato» (Mat.13:19) «viene Satana e porta via la Parola seminata in loro» (Mar.4:15) «viene il diavolo e porta via la Parola dal cuor loro» (Luca 8:12) Per uno stile letterario più greco, Matteo ha probabilmente sostituito ponēros per il più semitico satanas che ricorre in Marco. Inoltre, Matteo ha introdotto una speciale costruzione greca chiamata «genitivo assoluto». Questa costruzione è caratteristica del greco e non corrisponde direttamente all ebraico. In altre parole, Mat.13:19 mostra delle tracce di attività redazionale per uno stile letterario greco. Così, sono riluttante a confrontare un verso come Mat.13:19, che ha subito un certo grado di stilizzazione, con Mat.6:13b, che non mostra alcuna prova di stilizzazione greca. 2 Quando cerchiamo di stabilire se apo tou ponērou della Preghiera del Signore deve essere tradotto «dal male» o «dal maligno», preferisco associare questa frase greca con il chiaro e non ambiguo idioma ebraico «dal male». Alla luce di questo preferisco la traduzione: «dal male». La verità confermata A questo punto, abbiamo approfondito la nostra comprensione di Mat.6:13. Dovrebbe essere letto: «non permetterci di essere indotti in tentazione, ma liberaci dal male». In confronto con la conclusione di Luca, «e non ci indurre/esporre alla tentazione», la versione di Matteo riflette più completamente quello che Yeshua disse ai suoi discepoli. L'accoppiata che fa Matteo di non ci indurre/esporre alla tentazione con la liberazione dal male, è un parallelismo, il marchio di garanzia della poesia ebraica. Riconoscere il parallelismo conferma anche l'interpretazione corretta del verso. «Non ci indurre alla tentazione» è una maniera giudaica per dire: «non lasciarci cadere nella tentazione di peccare». La frase successiva, «liberaci dal male», lascia intendere un'idea simile. Significa, «trattienici da fare il male», cioè, «fa che non cediamo alla nostra inclinazione malvagia, fa che non pecchiamo». Inoltre, proprio come una buona poesia può avere una molteplicità di allusioni, così «Liberaci dal male» può contenere l idea aggiuntiva della protezione dalla persona malvagia e dagli spiriti malvagi, e da tribolazioni e calamità. Le preghiere giudaiche dei tempi di Yeshua mostrano una consapevolezza della potenza del male che potrebbe sopraffare una persona. Nei Rotoli del Mar Morto sono state trovate delle preghiere che chiedono a Dio la liberazione dal potere del male. Un salmo non biblico recita: «al tashlet bi satan veruaḥ tum'ah», Non permettere a Satana o a uno spirito immondo di prendere il controllo su di me (11QPs XIX, 5). Questa richiesta implica qualcosa di più del semplice superare un desiderio peccaminoso. Uno deve vincere una potente forza malvagia e concreta che cerca di influire sulla sua vita. Consapevole della potenza del peccato, il salmista che ha composto un altro dei Salmi che sono stati scoperti nella Grotta 11 di Qumran e che era conosciuto anche in Siriaco, presenta 6

7 la sua zelante preghiera a Dio: «non condurmi in prove troppo difficili per me» - w e al tebî ēnî baqqāšôt mimmennî (11QPs 155, Colonna XXIV, linea 10). L'apostolo Paolo ha scritto: «Niuna tentazione vi ha còlti, che non sia stata umana; or Iddio è fedele e non permetterà che siate tentati al di là delle vostre forze; ma con la tentazione vi darà anche la via d uscirne, onde la possiate sopportare» (1Cor.10:13). L'autore del Salmo 155 (non biblico) ha riconosciuto la sua fragilità umana e ha chiesto di non essere condotto in alcuna prova che non fosse in grado di sopportare. Paolo ha specificato che Dio dà ad ognuno la forza di vincere la tentazione. Numerose preghiere rabbiniche contengono una richiesta d aiuto a Dio per resistere al potere del male. La benedizione che doveva essere recitata quando una persona si lavava la faccia al mattino, inizia con il ringraziare Dio per «aver rimosso i legami del sonno dai miei occhi», e continuava con una preghiera nella quale si chiedeva l aiuto di Dio per resistere alla tentazione. La preghiera è di Rabbi Giuda il Principe: «non farmi venire in potere del peccato, dell iniquità, della tentazione e della vergogna e piega la mia indole, perché ti sia sottomessa; allontanami da un uomo cattivo, da un compagno cattivo, e rendimi attaccato all indole buona Possa piacerti, o Signore nostro Dio e Dio dei nostri padri, di guidarci a camminare nei sentieri della tua Torah e stringerci ai tuoi comandamenti. Non indurci al peccato o alla trasgressione e all ingiustizia, o in tentazione o in disgrazia. Non permettere che l istinto del male abbia il controllo su di noi ma aiutaci a stringerci alle buone disposizioni e alle buone azioni, e piegare la nostra volontà per essere sottomessa a te» (T. Bab. Berachot 60b). Nel Talmud c è un altra preghiera, recitata prima di andare a dormire: «Possa piacerti, o Signore mio Dio di farmi giacere in pace, e darmi la mia parte della Tua legge. Istruiscimi a fare i tuoi comandamenti, e non permettere che io li trasgredisca. Non condurmi nella stretta del peccato, né nella stretta dell iniquità, né nella stretta della tentazione, né nella stretta della disgrazia. Possa l inclinazione al bene governare su di me. Possa l inclinazione al male non governare su di me, e liberami dal contatto con il male» (T. B. Berachot 60b) Flusser ha suggerito che molte di queste preghiere erano originariamente composte nella prima persona singolare, e dunque avevano un carattere più personale. In seguito, furono adattate per il culto pubblico e cambiate nella prima persona plurale per la preghiera collettiva. Il mondo sarebbe sicuramente un posto più felice se ognuno di noi pregasse giornalmente la Preghiera del Signore con convinzione e nella profonda comprensione del suo ricco retroterra giudaico: «Padre Celeste, allontanaci dal peccato e trattieni la nostra inclinazione malvagia! Possa questo trattenerci dal subire danni, e proteggerci dal male»! Arrendersi a Dio 7

8 «Non ci esporre alla tentazione ma liberaci dal maligno», si collega strettamente con le precedenti petizioni della preghiera del Signore a proposito del regno di Dio e dell esecuzione della sua volontà in cielo e in terra. Non meraviglia che i primi cristiani hanno riferito di aver usato questa preghiera al battesimo. La preghiera che Yeshua ha insegnato è quella di arrendersi alla volontà e al potere di Dio. Chi fa questa preghiera cerca il regno di Dio nella sua vita, e ha già perdonato coloro che gli hanno fatto un torto, e cerca il perdono dell Onnipotente. La richiesta della liberazione dalla tentazione e la protezione contro il male è la conclusione naturale di questa preghiera. La prima parte di questa petizione è una preghiera di essere allontanati dalla tentazione derivante dagli impulsi malvagi dell uomo. La seconda parte si riferisce alla forza del male che cerca di signoreggiare la volontà dell uomo ed influenzare la sua vita. 1 Vedi Shmuel Safrai, «The Jewish Cultural Nature of the Galilee in the First Century». Safrai ha fatto notare i seguenti saggi Galilei del primo secolo: Yohanan ben Zakkai, Hanina ben Dosa, Halafta, Hananiah ben Teradyon, Eleazar ben Azariah, Zadok, Elisha ben Avuyah, Yose ben Kismah, Ilai, Yohanan ben Nuri, Eleazar ben Parta, Eleazar ben Teradyon, Yose ben Tadai of Tiberias, Zakkai of Kavul, Yose ha-gelili, Abba Yose Holikofri of Tiv on. 2 Infatti, l intera Preghiera del Signore conserva un sapore eccezionalmente ebraico. Gli esempi di idiomi ebraici in questa preghiera sono: «il Padre che è nei cieli»; «la santificazione del nome»; «regno dei cieli»; «sia fatta la tua volontà»; «pane quotidiano»; «debiti» nel senso di peccati; «esporre alla tentazione» e «liberazione dal male». * Il presente studio è soggetto a revisioni e aggiornamenti 8

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

ENTRATA (PRELUDIO) INNO DI ENTRATA. SALUTO Pastore: Il Signore sia con voi! Comunità: E con il tuo spirito! oppure: E il Signore sia anche con te!

ENTRATA (PRELUDIO) INNO DI ENTRATA. SALUTO Pastore: Il Signore sia con voi! Comunità: E con il tuo spirito! oppure: E il Signore sia anche con te! Liturgia per matrimonio Versione abbreviata della liturgia di matrimonio della Chiesa luterana danese, autorizzata con risoluzione regale del 12 giugno 1992 ENTRATA (PRELUDIO) DI ENTRATA SALUTO Pastore:

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Tre minuti per Dio SHALOM

Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Editrice Shalom - 22.05.2005 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile concessione Fondazione di Religione Santi

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

PREGHIERE www.ruksak.sk IL SEGNO DELLA CROCE. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. BREVIARIO INTRODUZIONE

PREGHIERE www.ruksak.sk IL SEGNO DELLA CROCE. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. BREVIARIO INTRODUZIONE PREGHIERE www.ruksak.sk IL SEGNO DELLA CROCE Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. BREVIARIO INTRODUZIONE O Dio, vieni a salvarmi. Signore, vieni presto in mio aiuto. BREVIARIO BENEDIZIONE

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it XI DOMENICA PRIMA LETTURA Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Dal secondo libro di Samuèle 12, 7-10.13 In quei giorni, Natan disse a Davide: «Così dice il Signore, Dio d Israele: Io ti

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio Il Credo Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo, nato da Maria, nato a Betlemme, vissuto a Nazareth, quel Gesù di cui parlano i vangeli di Matteo, Marco, Luca, Giovanni, quel Gesù

Dettagli

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16.

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16. Vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce,

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

DELLA SCUOLA DEL SABATO GESTI SIMBOLICI 4 TRIMESTRE 2015

DELLA SCUOLA DEL SABATO GESTI SIMBOLICI 4 TRIMESTRE 2015 LEZIONE 6 DELLA SCUOLA DEL SABATO GESTI SIMBOLICI 4 TRIMESTRE 2015 SABATO 7 NOVEMBRE 2015 «Ho parlato ai profeti, ho moltiplicato le visioni, e per mezzo dei profeti ho proposto parabole.» (Osea 12:11)

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

L inizio della tristezza dell Uomo

L inizio della tristezza dell Uomo Bibbia per bambini presenta L inizio della tristezza dell Uomo Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: M. Maillot; Tammy S. Tradotta da: Lorena Circiello Prodotta da:

Dettagli

Omelia del lettura cardinale Angelo Sodano al Santuario della Madonna del Rosario.

Omelia del lettura cardinale Angelo Sodano al Santuario della Madonna del Rosario. IL Rosario Cose da fare: Pregare il Rosario, 5 decadi del Rosario stasera con la vostra famiglia. Continuare questa pratica attraverso ottobre, il mese che è specialmente dedicato al Rosario. Leggere le

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina .. mettendoci da parte vostra ogni impegno, aggiungete alla vostra fede (2 Pietro 1:5) Natale Mondello 14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina Dio ha un piano per

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

Pretendi il tuo raccolto

Pretendi il tuo raccolto Domenica, 11 marzo 2012 Pretendi il tuo raccolto Galati 6:7-10- Non vi ingannate, non ci si può beffare di Dio; perchè quello che l'uomo avrà seminato, quello pure mieterà. Perchè chi semina per la sua

Dettagli

Chiesa di Cristo in Ferrara Studi Biblici e Riflessioni

Chiesa di Cristo in Ferrara Studi Biblici e Riflessioni Chiesa di Cristo in Ferrara Studi Biblici e Riflessioni Chiesa di Cristo, Via Paglia 37, Ferrara Telefono: 0532 760138 http://www.chiesadicristofe.org NOTA: Iniziamo la presente serie con brevi puntualizzazioni

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA ARCIDIOCESI DI MILANO Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA Milano, Basilica di Sant Eustorgio 25 settembre 2011 ARCIDIOCESI DI MILANO

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 1. RITO ORDINARIO RITI INIZIALI 60. Il ministro, entrando dal malato, rivolge a lui e a tutti i presenti un fraterno saluto.

Dettagli

Le Dottrine della Bibbia Il Signore Gesù Cristo

Le Dottrine della Bibbia Il Signore Gesù Cristo Le Dottrine della Bibbia Il Signore Gesù Cristo Il Figlio di Dio - Deità La coscienza che Cristo aveva di Sé A dodici anni disse ai genitori «Non sapevate che io dovevo trovarmi nella casa del Padre mio?»

Dettagli

Novena di Natale 2015

Novena di Natale 2015 Novena di Natale 2015 io vidi, ed ecco, una porta aperta nel cielo (Apocalisse 4,1) La Porta della Misericordia Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE

PARROCCHIA SACRO CUORE PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 2013 1 ARCIDIOCESI DI CAPUA PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 30 OTTOBRE 2013 SULLE STADE DEL MONDO PRESIEDE DON CARLO IADICICCO MISSIONARIO FIDEI DONUM

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo MONASTERO INVISIBILE Diocesi di Treviso Centro Diocesano Vocazioni Aprile 2015 CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo Introduzione

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Tipologia Obiettivi Linguaggio suggerito Setting Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Una celebrazione

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

La decima e le offerte di digiuno

La decima e le offerte di digiuno La decima e le offerte di digiuno Placeholder «P ortate tutte le decime alla casa del tesoro e mettetemi alla prova in questo, dice l Eterno degli eserciti; e vedrete s io non v apro le cateratte del cielo

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Paternità e maternità di Dio. Dal Dio in cui crediamo, dipende la nostra esistenza

Paternità e maternità di Dio. Dal Dio in cui crediamo, dipende la nostra esistenza Incontri tematici Paternità e maternità di Dio Dal Dio in cui crediamo, dipende la nostra esistenza "Il Vangelo è una bomba: la speranza è che almeno qualche scheggia ci colpisca" I concetti di paternità

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

E il Signore ci dice:

E il Signore ci dice: E il Signore ci dice: mettetevi sulla strada buona (Paolo VI) Itinerario quaresimale con i Papi del Concilio Vaticano II: Giovanni XXIII e Paolo VI A cura di Mons. Battista Rinaldi Consulenza redazionale

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Cari confratelli, cari fratelli e sorelle nel Signore, volgiamo lo sguardo alla Parola dell Apocalisse di Giovanni: Colui (Gesù) che ci ama e ci ha liberati dai nostri

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

RITO DELLA MESSA. Dio onnipotente abbia misericordia di noi, perdoni i nostri peccati e ci conduca alla vita eterna. Amen.

RITO DELLA MESSA. Dio onnipotente abbia misericordia di noi, perdoni i nostri peccati e ci conduca alla vita eterna. Amen. RITO DELLA MESSA RITI DI INTRODUZIONE Nel nome del Padre del Figlio e dello Spirito Santo. La grazia del Signore nostro Gesù Cristo, l'amore di Dio Padre e la comunione dello Spirito Santo sia con tutti

Dettagli

per il solo crimine di desiderare che la Bibbia fosse tradotta nella lingua del suo paese. Dio ha sempre protetto la Sua Parola. Studiamola!

per il solo crimine di desiderare che la Bibbia fosse tradotta nella lingua del suo paese. Dio ha sempre protetto la Sua Parola. Studiamola! Che cos'è la Chiesa Gesù disse: "Edificherò la mia chiesa" (Matteo 16:18).Cosa intendeva dire parlando di "chiesa"? Che significato aveva questa parola per i discepoli? Avrete notato che la parola chiesa

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Mat.5:17: «Abolire» la Legge

Mat.5:17: «Abolire» la Legge Mat.5:17: «Abolire» la Legge (IL PRESENTE ARTICOLO È TRATTO E SVILUPPATO DAL LIBRO DI QUINTAVALLE ARGENTINO, ELEMENTI ESSENZIALI DELLA FEDE GIUDEO CRISTIANA, CAP. 9: CHE COS È LA TORAH) http://www.messiev.altervista.org/elementiessenziali.pdf

Dettagli

Insieme verso Gesù. Parrocchia di San Pietro

Insieme verso Gesù. Parrocchia di San Pietro Parrocchia di San Pietro Carissimo, carissima, questo messalino ti accompagnerà lungo queste domeniche durante le quali cercheremo di capire più a fondo il significato della Messa e delle sue varie parti.

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Lezione 2 Il Tabernacolo - dove incontriamo Dio

Lezione 2 Il Tabernacolo - dove incontriamo Dio Lezione 2 Il Tabernacolo - dove incontriamo Dio INTRODUZIONE: andare dove Dio è veramente adorato 1. DIO VIENE AD INCONTRARE NOI (Adamo ed Abramo) Adamo: Abramo: Genesi 12:6,7 (Sichem) - Genesi 14:8 (Bethel)

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

DELLA SCUOLA DEL SABATO CRISI IN CIELO 1 TRIMESTRE 2016

DELLA SCUOLA DEL SABATO CRISI IN CIELO 1 TRIMESTRE 2016 LEZIONE 1 DELLA SCUOLA DEL SABATO CRISI IN CIELO 1 TRIMESTRE 2016 SABATO 2 GENNAIO 2016 Durante questo trimestre studieremo i risultati della ribellione di Satana, e come fu contrastata dal piano divino

Dettagli

2. [19]Maria, da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore.

2. [19]Maria, da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore. MARIA DISCEPOLA DELLA PAROLA E MAESTRA DI PREGHIERA + Dal Vangelo secondo Luca 1,26-56 In quel tempo, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, sposa

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

L UMILTÀ DI CRISTO (Filippesi 2 : 5, 8)

L UMILTÀ DI CRISTO (Filippesi 2 : 5, 8) L UMILTÀ DI CRISTO (Filippesi 2 : 5, 8) Introduzione Finora, nel nostro studio della lettera ai Filippesi, abbiamo visto l enorme privilegio che abbiamo di partecipare al vangelo. Dio ha iniziato la buona

Dettagli

CENA PASQUALE EBRAICA

CENA PASQUALE EBRAICA PARROCCHIA B.V.M. IMMACOLATA CENA PASQUALE EBRAICA per i ragazzi della Prima Comunione Sabato 4 aprile 2009 - Ore 16,00 CAPPUCCINI ORISTANO 1 momento - La schiavitù del popolo d Israele (I ragazzi sono

Dettagli

L'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide,

L'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, L'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, chiamato Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. 1 Entrando

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO IN KENYA, UGANDA E NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA (25-30 NOVEMBRE 2015)

La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO IN KENYA, UGANDA E NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA (25-30 NOVEMBRE 2015) La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO IN KENYA, UGANDA E NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA (25-30 NOVEMBRE 2015) INCONTRO CON IL CLERO, I RELIGIOSI, LE RELIGIOSE ED I SEMINARISTI DISCORSO

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

LoveGodGreatly.com 1

LoveGodGreatly.com 1 LoveGodGreatly.com 1 Copyright 2015 by LoveGodGreatly.com È permesso stampare e riprodurre questo documento al fine di completare lo studio biblico online del Salmo 119. Si prega di non modificare questo

Dettagli

XXV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO. Sapienza 2, 12.17-20 Salmo 53 Giacomo 3, 16; 4,3. Daall Vaangeello sseeccondo Maarrcco 9,, 30--37

XXV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO. Sapienza 2, 12.17-20 Salmo 53 Giacomo 3, 16; 4,3. Daall Vaangeello sseeccondo Maarrcco 9,, 30--37 1 Oleggio 24/9/2006 XXV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO Sapienza 2, 12.17-20 Salmo 53 Giacomo 3, 16; 4,3 Dal Vangelo secondo Marco 9, 30-37 Riifflleessssiionii -- prreeghiieerraa La Chiesa, oggi, ci fa leggere

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

Piccolo Catechismo Evangelico per Bambini

Piccolo Catechismo Evangelico per Bambini Piccolo Catechismo Evangelico per Bambini Domande e risposte sommarie sulla fede cristiana evangelica 1. Chi ti ha creato? Mi ha creato Dio. 2. Che cosa ha fatto d'altro? Egli ha pure creato ogni altra

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

SEGUIRE GESU' Questo giovane ; Riconosce in Gesù Colui davanti al quale ci si può inginocchiare ed anche qui s impone una facile considerazione:

SEGUIRE GESU' Questo giovane ; Riconosce in Gesù Colui davanti al quale ci si può inginocchiare ed anche qui s impone una facile considerazione: SEGUIRE GESU' Uno dei capi lo interrogò, dicendo: "Maestro buono, che devo fare per ereditare la vita eterna?".e Gesù gli disse: "Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, tranne uno solo, cioè Dio.Tu conosci

Dettagli

2 lectio di quaresima

2 lectio di quaresima 2 lectio di quaresima 2014 GESU E LA SAMARITANA Sono qui, conosco il tuo cuore, con acqua viva ti disseterò. sono io, oggi cerco te, cuore a cuore ti parlerò. Nessun male più ti colpirà il tuo Dio non

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Le sette cose compiute da Gesù sulla croce!

Le sette cose compiute da Gesù sulla croce! Le sette cose compiute da Gesù sulla croce 1. Gesù si è fatto peccato affinché io diventassi giusto davanti a Dio. 2. È morto affinché io potessi vivere. 3. Si è fatto maledizione affinché io potessi essere

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

CERCARE CRISTO PIÙ DI OGNI ALTRA COSA (Filippesi 3:4-11)

CERCARE CRISTO PIÙ DI OGNI ALTRA COSA (Filippesi 3:4-11) CERCARE CRISTO PIÙ DI OGNI ALTRA COSA (Filippesi 3:4-11) Introduzione: Sermone Filippesi 3:4-7. Nell ultimo sermone in Filippesi, in 3:1-3, abbiamo visto che ci sono falsi insegnanti, che predicano la

Dettagli

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Matteo 5:6 Beati quelli che sono affamati e assetati di giustizia, perché saranno saziati. Giovanni 10:27 Le mie pecore ascoltano

Dettagli