Studio su Mat. 6:13* E non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studio su Mat. 6:13* E non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male"

Transcript

1 Studio su Mat. 6:13* E non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male Autore: A. Quintavalle Nella precedente parte della Preghiera del Signore c è un classico parallelismo ebraico tra la petizione «sia fatta la tua volontà» e la supplica «venga il tuo regno». Le richieste «non ci esporre alla tentazione» e «liberaci dal male/maligno» (Mat.6:13) sono anch esse parallele. Le due parti di un parallelismo non sono sempre sinonimiche, cioè identiche nel significato, ma spesso la seconda parte rafforza l'idea della prima, spiegando le sue implicazioni in maniera più completa. Inclinazione al peccato Il significato di base della parola ebraica nisayon tentazione - è prova. La Mishnah (Avot 5:3) parla di dieci prove che Abrahamo ha dovuto superare. I Vangeli sinottici riportano la storia delle tre prove con cui Satana tenta Yeshua cercando di farlo cadere (Mat.4:1-11; Mar.1:12,13; Luca 4:1-13). Questa petizione è probabilmente la parte più sconcertante della "Preghiera del Signore" (o meglio: la Preghiera dei Discepoli). La CEI traduce: «E non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male». La Diodati traduce nella stessa maniera. La Riveduta legge: «e non ci esporre alla tentazione, ma liberaci dal maligno». Questa parte della Preghiera del Signore ha stretti paralleli con "La Benedizione serale" (mishnah Berakhot. 9:1; Talmud Bab. Berakhot 60b che recita: "inducimi a compiere i comandamenti, e non indurmi a compiere trasgressioni, e non darmi in potere del peccato, né in potere dell iniquità, né in potere della tentazione ". Il mistero è questo: perché Dio ci dovrebbe indurre (o esporre) alla tentazione? Inoltre, questo va in contraddizione con quanto si legge in Giac.1:13,14: «Nessuno, quand'è tentato, dica: Io son tentato da Dio; perché Dio non può esser tentato dal male, né Egli stesso tenta alcuno; ma ognuno è tentato dalla propria concupiscenza che lo attrae e lo adesca». Mat.6:13 è in realtà un idioma ebraico in cui viene utilizzato un verbo attivo per esprimere non il fare una cosa, ma il permesso di farla. Un buon esempio è nel Tanak in Ger.4:10: «Allora io dissi: Ahi! Signore, Eterno! tu hai dunque ingannato questo popolo e Gerusalemme dicendo: Voi avrete pace mentre la spada penetra fino all'anima». Da intendere nel senso che YHWH HA PERMESSO al popolo di essere ingannato. Un altro esempio è nella Torah in Es.4:21: «ma io gl'indurerò il cuore, ed egli non lascerà partire il popolo». Il che significa che YHWH HA CONSENTITO al cuore del Faraone di essere indurito. 1

2 Così il passo di Mat.6:13 è un idioma ebraico da intendersi: «NON PERMETTERCI DI ESSERE INDOTTI IN TENTAZIONE...». Nella preghiera del Signore, la parola tentazione ha a che fare con l inclinazione dell uomo a peccare. Per evitare il peccato, un uomo non deve mettersi in una posizione dove sarà provato. Una tradizione preservata da Rabbi Yehuda a nomi di Rabbi è molto istruttiva: «Una persona non deve mettere se stessa alla prova [cioè mettersi nella situazione di essere tentato]. Il re Davide d Israele ha fatto proprio questo ed è caduto» (T. Bab. Sanhedrin 107a). Bisogna stare attenti sia al potere della tentazione che alla propria capacità di resistergli (cfr. Giac.1:14,15). A volte è impossibile evitare una prova, ma Yeshua insegna ai suoi discepoli di pregare che essi possano essere allontanati dalla tentazione. La natura peccaminosa può condurre una persona alla prova. Liberaci dal male o dal maligno? La seconda metà del parallelismo, va ben oltre l'idea della prova e introduce la supplica di essere salvati dalle forze del male, che sono, naturalmente, connesse con la tentazione. Secondo la versione di Matteo leggiamo: «ma liberaci dal male» nella CEI, nella Ricciotti e nella Martini. La Diodati, Nuova Diodati, Riveduta e Nuova Riveduta rendono Mat.6:13b con «liberaci dal maligno». La differenza è significativa, e stimola la curiosità. I traduttori delle versioni cattoliche hanno reso la frase greca apo tou ponērou (letteralmente, «dal cattivo») con: «dal male». I traduttori delle altre versioni hanno reso la stessa frase con: «dal maligno». Quali traduttori sono nel giusto? I primi fanno sì che Yeshua stia insegnando ai suoi discepoli di chiedere a Dio la protezione contro il male - tutto il male - indipendentemente dalla sua origine. I secondi limitano il significato ad una richiesta di protezione contro colui che è il male, in altre parole, contro Satana, il maligno. Per arrivare alle radici di questo problema linguistico, dobbiamo scavare. Una rapida occhiata al greco Innanzitutto, una rapida lezione di greco. Tutti i sostantivi e gli aggettivi greci sono classificati secondo il genere. Il genere può essere maschile, femminile, o neutro. Una parola greca, talvolta, può essere di un genere in un contesto e di un genere diverso in un altro contesto. La differenza di genere modifica il significato. Ad esempio, ponēros è di genere maschile e significa «un uomo cattivo» o «un entità maschile» Ma ponēron, essendo di genere neutro, significa «male» o «cosa malvagia» in senso largo e impersonale. Le difficoltà sorgono in quei contesti dove il maschile ponēros e il neutro ponēron ricorrono dopo certe preposizioni. Quando avviene, il loro significato ultimo può essere identico e indistinguibile. Mat.6:13b contiene la frase preposizionale apo tou ponērou, che può significare «da colui che è il male» o «dal male» (cosa). Perciò, tou ponērou è formalmente ambiguo. Ma non ci dobbiamo fermare qui! 2

3 Una congettura plausibile Di fronte a questa forma ambigua del sostantivo, i traduttori hanno dovuto fare una congettura plausibile su come tradurre il verso. C è chi ha interpretato ponērou come un sostantivo neutro, ma c è chi l ha trattato come un sostantivo maschile. Di conseguenza, abbiamo traduzioni che dicono «liberaci dal male», mentre altre hanno «liberaci dal maligno». Quale traduzione è quella giusta? Nel Nuovo Testamento il sostantivo ponēros è utilizzato sia nel genere maschile che in quello neutro. Si possono trovare esempi per entrambi i casi. 1Giov.2:13 legge: «Giovani, vi scrivo perché avete vinto il maligno [ton ponēron, maschile]». Qui ponēros ricorre come oggetto del verbo, un sostantivo singolare e maschile, che chiaramente si riferisce al diavolo. Lo stesso dicasi di 1Giov.5:18, dove leggiamo: «colui che nacque da Dio [Yeshua] lo preserva [il credente], e il maligno [ho ponēros, maschile] non lo tocca». Anche qui, il testo parla del diavolo come di «colui che è il male il maligno». In Mat.5:11 ponēros ricorre come sostantivo neutro. Il verso legge: «Beati voi quando vi oltraggeranno e vi perseguiteranno e, mentendo, diranno contro a voi ogni sorta di male [pan ponēron, neutro] per cagion mia». La forma neutra del sostantivo attribuisce al male un significato generale, astratto e impersonale. È interessante che il termine ponēros ricorre tre volte in un verso della Scrittura Luca 6:45: «L uomo buono dal buon tesoro del suo cuore reca fuori il bene [neutro]; e l uomo malvagio [ho ponēros, maschile], dal malvagio [tou ponērou, forma maschile o neutra] tesoro reca fuori il male [cosa to ponēron, neutro]». In questo verso, la chiave per tradurre correttamente è il contesto. La prima ricorrenza di ponēros si riferisce ad una personalità - di un uomo o del diavolo - e il contesto richiede che la traduzione sia «l uomo malvagio». La seconda ricorrenza di ponēros segue la preposizione ek (= da, fuori da) e, quindi, ricorre nella stessa forma ambigua nel genere come nella preghiera del Signore (Mat.6:13b). Però, il contesto di Luca 6:45 richiede che tou ponērou sia trattato come un sostantivo neutro, cioè «malvagio». La terza occorrenza di ponēros è l oggetto neutro del verbo, e come tale, significa «male» in senso generale ed impersonale. Mat.13:19 è particolare e richiede attenzione: «Tutte le volte che uno ode la parola del Regno e non la intende, viene il maligno [ho ponēros, maschile] e porta via quel ch è stato seminato nel cuore di lui». Il maschile ho ponēros non si riferisce ad un uomo malvagio, ma al diavolo. Dunque, Matteo non ha avuto alcun problema ad usare il maschile ho ponēros per indicare il diavolo. Questo fatto certamente non è sfuggito all'attenzione dei traduttori e può aver avuto un ruolo chiave nella loro decisione di trasformare apo tou ponērou in «liberaci dal maligno». Siamo pronti a trarre alcune conclusioni? Non ancora. Continuiamo a scavare. Abbiamo bisogno di andare oltre la sintassi e considerare il quadro più ampio il contesto originale 3

4 della preghiera di Yeshua. In quale lingua Yeshua ha insegnato questa preghiera ai suoi discepoli? Sicuramente non in greco. Infatti, tutti i saggi giudei del primo secolo, la maggior parte dei quali sappiamo che provenivano dalla Galilea, 1 hanno trasmesso i loro insegnamenti in ebraico. Abbiamo buoni motivi per credere che Yeshua non faceva eccezione. Riportare la frase greca apo tou ponērou (letteralmente, «dal cattivo») in ebraico e confrontare la Preghiera del Signore con altre antiche preghiere giudaiche ci dà una prospettiva più completa. La metodologia è ragionevole, perché cerchiamo di capire ogni possibile influenza, non solo sulla preghiera di Yeshua, ma anche sulla formazione del greco di Matteo. Quando consultiamo l antica traduzione greca della Bibbia Ebraica, la Septuaginta, vediamo che l ebraico ra (cattivo, malvagio) risulta essere il candidato principale per la parola «male/maligno» usata da Yeshua nella sua preghiera. Mi spiego meglio. Gli antichi traduttori della Septuaginta hanno usato ponēros 231 volte per tradurre ra. Solo raramente ponēros è stato usato per tradurre qualche altra parola ebraica. Quindi, in base all'alta corrispondenza nella Septuaginta tra il ponēros greco e l ebraico ra, l ebraico min hārā (letteralmente, «dal male») è probabilmente l origine della frase greca apo tou ponērou. Sia il greco che l ebraico significano «dal male». Ma mentre il greco è ambiguo, l'ebraico non lo è, e può significare solo «dal male». Questo diventerà più evidente esaminando alcuni esempi biblici dove viene usato ra, ed alcuni estratti di antiche preghiere giudaiche. Da notare: hārā (il cattivo, il malvagio) non è stato mai usato come titolo del diavolo nell ebraico biblico, né in quello post-biblico, né nella letteratura rabbinica. Le molte sfumature di Ra Nelle Sacre Scritture, ra ha una vasta gamma di sfumature. Gen.8:21 parla dell'inclinazione malvagia (ra ). Il profeta Isaia ha dichiarato: «le loro opere son opere d iniquità, e nelle loro mani vi sono atti di violenza. I loro piedi corrono al male (ra ), ed essi s affrettano a spargere sangue innocente» (Is.59:6b,7). Confrontiamo anche Giud.2:11; 3:7: «I figliuoli d Israele fecero ciò che è male [hāra ]», dove la Septuaginta legge to ponēron, «il male» (cosa neutro). In questi versi ra ha a che fare con il peccato, o con la condotta malvagia e distruttiva. In altri versi ra porta una sfumatura diversa. Per esempio, in Gen.44:34, dopo che Giuseppe ha accusato Beniamino per furto nascondendo una coppa d argento nel sacco del giovane, Giuda ha supplicato Giuseppe: «come farei a risalire da mio padre senz aver meco il fanciullo? Ah, ch io non vegga il dolore [rā ] che ne verrebbe a mio padre». Se Giuda fosse ritornato da suo padre Giacobbe senza Beniamino, il dolore e la pena avrebbe spezzato l uomo emotivamente, fisicamente e spiritualmente. Questo dolore è il ra dal quale Giuda ha chiesto di essere risparmiato. In seguito, quando Giacobbe ha benedetto i due figli di Giuseppe, disse: «L Iddio, nel cui cospetto camminarono i miei padri Abrahamo e Isacco, l Iddio che è stato il mio pastore dacché esisto fino a questo giorno, l angelo che mi ha liberato da ogni male [mikkol ra ], benedica questi fanciulli» (Gen.48:15,16). La frase 4

5 mikkol ra («da ogni male») assomiglia grammaticalmente a min hārā (dal male), la traduzione ebraica del greco apo tou ponērou. Da questi esempi biblici, impariamo che ra ha varie sfumature. Può riferirsi alla condotta malvagia o al comportamento peccaminoso. Può anche riferirsi alla tragedia personale derivata dalla perdita di una persona cara, può riferirsi alla sofferenza fisica, o al danno morale malevolo. Il significato di Ra nelle antiche preghiere giudaiche Rivolgendo la nostra attenzione alla letteratura post-biblica, possiamo acquisire ulteriori dati esaminando degli estratti di preghiere dai rotoli di Qumran, e da un esempio preso dalla letteratura Talmudica. In 11QPs b XIX, 5-6, un rotolo dei Salmi scoperto nella grotta 11 di Qumran, troviamo la seguente preghiera: «Non permettere a Satana o a uno spirito immondo di regnare sopra di me [ al tašleṭ bî śāṭān w e rûḥ ṭum āh], e non permettere al male o all istinto del male di avere autorità su di me». Questa preghiera contiene degli elementi tipici che si trovano nelle preghiere giudaiche: protezione da Satana e dalle sue schiere, dalla sofferenza fisica e dall inclinazione malvagia dell uomo. Il Testamento di Levi ha una preghiera simile: «E non permettere a Satana di governare sopra di me e di condurmi fuori strada». David Flusser ha notato la somiglianza tra questi testi e il Sal.119:133: «non lasciare che alcuna iniquità mi domini» - w e al tašleṭ bî kol āwen. In ebraico, le espressioni sono quasi identiche, eccetto per la parola «iniquità» che è stata sostituita con la parola «Satana» sia nel Testamento di Levi che nei Rotoli del Mar Morto. Prendiamo dunque nota, che quando si riferisce al diavolo, l ebraico usa la parola «Satana». Dire «il maligno» sarebbe estraneo al linguaggio. L ebraico ra ricorre nel Manuale di Disciplina 2:3: «Possa benedirti con ogni bene, e possa proteggerti da ogni male [mikkol ra ]». L'autore di questo rotolo di Qumran ha, in stile tipicamente midrashico, ampliato la benedizione sacerdotale di Num.6: Questa preghiera è per la protezione dal male in senso generale, astratto e impersonale. Da Berachot 16b del Talmud viene questa preghiera attribuita a Rabbi Giuda hanasi, il compilatore della Mishnah: «Sia la Tua volontà, Signore, Dio dei nostri padri, che Tu ci salvi da uomini e donne arroganti, dall uomo malvagio, da un caso sinistro, dal cattivo istinto, da un compagno cattivo, da un vicino cattivo e da Satana il distruttore». In questo testo, ra viene usato quatto volte come aggettivo. La frase, «dall uomo malvagio», ricorre in ebraico come me adam ra. Da solo, ra non ha il significato del male personificato. Se, parlando in ebraico, Yeshua voleva far riferimento al diavolo nella preghiera che ha dato ai suoi discepoli, avrebbe semplicemente detto, «liberaci da Satana». L ebraico satan sarebbe stato riportato molto facilmente in greco come satanas (Satana) o diabolos (diavolo). Il diavolo è nei particolari di Mat.13:19 È giusto chiedersi a questo punto se Matteo, o un successivo redattore, ha visto satanas o diabolos nella sua fonte di Mat.6:13b e l ha sostituito con ponērou. È probabile? Sembra che sia stato fatto in Mat.13:19. Analizziamo quel verso in maniera più approfondita, insieme ai suoi paralleli in Marco e Luca, prima di formulare una qualsiasi soluzione. 5

6 «viene il maligno e porta via quel ch è stato seminato» (Mat.13:19) «viene Satana e porta via la Parola seminata in loro» (Mar.4:15) «viene il diavolo e porta via la Parola dal cuor loro» (Luca 8:12) Per uno stile letterario più greco, Matteo ha probabilmente sostituito ponēros per il più semitico satanas che ricorre in Marco. Inoltre, Matteo ha introdotto una speciale costruzione greca chiamata «genitivo assoluto». Questa costruzione è caratteristica del greco e non corrisponde direttamente all ebraico. In altre parole, Mat.13:19 mostra delle tracce di attività redazionale per uno stile letterario greco. Così, sono riluttante a confrontare un verso come Mat.13:19, che ha subito un certo grado di stilizzazione, con Mat.6:13b, che non mostra alcuna prova di stilizzazione greca. 2 Quando cerchiamo di stabilire se apo tou ponērou della Preghiera del Signore deve essere tradotto «dal male» o «dal maligno», preferisco associare questa frase greca con il chiaro e non ambiguo idioma ebraico «dal male». Alla luce di questo preferisco la traduzione: «dal male». La verità confermata A questo punto, abbiamo approfondito la nostra comprensione di Mat.6:13. Dovrebbe essere letto: «non permetterci di essere indotti in tentazione, ma liberaci dal male». In confronto con la conclusione di Luca, «e non ci indurre/esporre alla tentazione», la versione di Matteo riflette più completamente quello che Yeshua disse ai suoi discepoli. L'accoppiata che fa Matteo di non ci indurre/esporre alla tentazione con la liberazione dal male, è un parallelismo, il marchio di garanzia della poesia ebraica. Riconoscere il parallelismo conferma anche l'interpretazione corretta del verso. «Non ci indurre alla tentazione» è una maniera giudaica per dire: «non lasciarci cadere nella tentazione di peccare». La frase successiva, «liberaci dal male», lascia intendere un'idea simile. Significa, «trattienici da fare il male», cioè, «fa che non cediamo alla nostra inclinazione malvagia, fa che non pecchiamo». Inoltre, proprio come una buona poesia può avere una molteplicità di allusioni, così «Liberaci dal male» può contenere l idea aggiuntiva della protezione dalla persona malvagia e dagli spiriti malvagi, e da tribolazioni e calamità. Le preghiere giudaiche dei tempi di Yeshua mostrano una consapevolezza della potenza del male che potrebbe sopraffare una persona. Nei Rotoli del Mar Morto sono state trovate delle preghiere che chiedono a Dio la liberazione dal potere del male. Un salmo non biblico recita: «al tashlet bi satan veruaḥ tum'ah», Non permettere a Satana o a uno spirito immondo di prendere il controllo su di me (11QPs XIX, 5). Questa richiesta implica qualcosa di più del semplice superare un desiderio peccaminoso. Uno deve vincere una potente forza malvagia e concreta che cerca di influire sulla sua vita. Consapevole della potenza del peccato, il salmista che ha composto un altro dei Salmi che sono stati scoperti nella Grotta 11 di Qumran e che era conosciuto anche in Siriaco, presenta 6

7 la sua zelante preghiera a Dio: «non condurmi in prove troppo difficili per me» - w e al tebî ēnî baqqāšôt mimmennî (11QPs 155, Colonna XXIV, linea 10). L'apostolo Paolo ha scritto: «Niuna tentazione vi ha còlti, che non sia stata umana; or Iddio è fedele e non permetterà che siate tentati al di là delle vostre forze; ma con la tentazione vi darà anche la via d uscirne, onde la possiate sopportare» (1Cor.10:13). L'autore del Salmo 155 (non biblico) ha riconosciuto la sua fragilità umana e ha chiesto di non essere condotto in alcuna prova che non fosse in grado di sopportare. Paolo ha specificato che Dio dà ad ognuno la forza di vincere la tentazione. Numerose preghiere rabbiniche contengono una richiesta d aiuto a Dio per resistere al potere del male. La benedizione che doveva essere recitata quando una persona si lavava la faccia al mattino, inizia con il ringraziare Dio per «aver rimosso i legami del sonno dai miei occhi», e continuava con una preghiera nella quale si chiedeva l aiuto di Dio per resistere alla tentazione. La preghiera è di Rabbi Giuda il Principe: «non farmi venire in potere del peccato, dell iniquità, della tentazione e della vergogna e piega la mia indole, perché ti sia sottomessa; allontanami da un uomo cattivo, da un compagno cattivo, e rendimi attaccato all indole buona Possa piacerti, o Signore nostro Dio e Dio dei nostri padri, di guidarci a camminare nei sentieri della tua Torah e stringerci ai tuoi comandamenti. Non indurci al peccato o alla trasgressione e all ingiustizia, o in tentazione o in disgrazia. Non permettere che l istinto del male abbia il controllo su di noi ma aiutaci a stringerci alle buone disposizioni e alle buone azioni, e piegare la nostra volontà per essere sottomessa a te» (T. Bab. Berachot 60b). Nel Talmud c è un altra preghiera, recitata prima di andare a dormire: «Possa piacerti, o Signore mio Dio di farmi giacere in pace, e darmi la mia parte della Tua legge. Istruiscimi a fare i tuoi comandamenti, e non permettere che io li trasgredisca. Non condurmi nella stretta del peccato, né nella stretta dell iniquità, né nella stretta della tentazione, né nella stretta della disgrazia. Possa l inclinazione al bene governare su di me. Possa l inclinazione al male non governare su di me, e liberami dal contatto con il male» (T. B. Berachot 60b) Flusser ha suggerito che molte di queste preghiere erano originariamente composte nella prima persona singolare, e dunque avevano un carattere più personale. In seguito, furono adattate per il culto pubblico e cambiate nella prima persona plurale per la preghiera collettiva. Il mondo sarebbe sicuramente un posto più felice se ognuno di noi pregasse giornalmente la Preghiera del Signore con convinzione e nella profonda comprensione del suo ricco retroterra giudaico: «Padre Celeste, allontanaci dal peccato e trattieni la nostra inclinazione malvagia! Possa questo trattenerci dal subire danni, e proteggerci dal male»! Arrendersi a Dio 7

8 «Non ci esporre alla tentazione ma liberaci dal maligno», si collega strettamente con le precedenti petizioni della preghiera del Signore a proposito del regno di Dio e dell esecuzione della sua volontà in cielo e in terra. Non meraviglia che i primi cristiani hanno riferito di aver usato questa preghiera al battesimo. La preghiera che Yeshua ha insegnato è quella di arrendersi alla volontà e al potere di Dio. Chi fa questa preghiera cerca il regno di Dio nella sua vita, e ha già perdonato coloro che gli hanno fatto un torto, e cerca il perdono dell Onnipotente. La richiesta della liberazione dalla tentazione e la protezione contro il male è la conclusione naturale di questa preghiera. La prima parte di questa petizione è una preghiera di essere allontanati dalla tentazione derivante dagli impulsi malvagi dell uomo. La seconda parte si riferisce alla forza del male che cerca di signoreggiare la volontà dell uomo ed influenzare la sua vita. 1 Vedi Shmuel Safrai, «The Jewish Cultural Nature of the Galilee in the First Century». Safrai ha fatto notare i seguenti saggi Galilei del primo secolo: Yohanan ben Zakkai, Hanina ben Dosa, Halafta, Hananiah ben Teradyon, Eleazar ben Azariah, Zadok, Elisha ben Avuyah, Yose ben Kismah, Ilai, Yohanan ben Nuri, Eleazar ben Parta, Eleazar ben Teradyon, Yose ben Tadai of Tiberias, Zakkai of Kavul, Yose ha-gelili, Abba Yose Holikofri of Tiv on. 2 Infatti, l intera Preghiera del Signore conserva un sapore eccezionalmente ebraico. Gli esempi di idiomi ebraici in questa preghiera sono: «il Padre che è nei cieli»; «la santificazione del nome»; «regno dei cieli»; «sia fatta la tua volontà»; «pane quotidiano»; «debiti» nel senso di peccati; «esporre alla tentazione» e «liberazione dal male». * Il presente studio è soggetto a revisioni e aggiornamenti 8

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Mat.5:17: «Abolire» la Legge

Mat.5:17: «Abolire» la Legge Mat.5:17: «Abolire» la Legge (IL PRESENTE ARTICOLO È TRATTO E SVILUPPATO DAL LIBRO DI QUINTAVALLE ARGENTINO, ELEMENTI ESSENZIALI DELLA FEDE GIUDEO CRISTIANA, CAP. 9: CHE COS È LA TORAH) http://www.messiev.altervista.org/elementiessenziali.pdf

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio 4 Minuti Cosa Uno studio biblico di sei settimane ci riserva il Futuro Precept Ministry International Kay Arthur George Huber Distribuito da : Precept Minstry Italia Traduzione a cura di Luigi Incarnato

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Studio sul Battesimo* Il retroterra giudaico del battesimo cristiano

Studio sul Battesimo* Il retroterra giudaico del battesimo cristiano Studio sul Battesimo* Il retroterra giudaico del battesimo cristiano Autore: A. Quintavalle Introduzione C è un periodo del calendario ebraico in cui ci si aspetta che ogni persona rifletta sulle azioni

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Incontro del 16 Novembre 2014 in viale Ofanto 27 - Foggia dalle ore 17.30 (LETTORE) Introduzione Viviamo le diverse parti della preghiera con calma e tranquillità,

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione»

Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione» CONGREGATIO DE CULTO DIVINO ET DISCIPLINA SACRAMENTORUM Prot. N.1139/11/L Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione» Probatum. Ex aedibus Congregationis de Cultu

Dettagli

1. una fede da far crescere nei vostri figli

1. una fede da far crescere nei vostri figli Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 3.a tappa: dopo il Battesimo 1. una fede da far crescere nei vostri figli Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Come far crescere

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola.

La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola. La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola.it LETTERA AGLI EFESINI 1 1 Paolo, apostolo di Cristo Gesù per volontà

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Le Valli Oscure di Enzo De Fano Pagina 1 di 6

Le Valli Oscure di Enzo De Fano Pagina 1 di 6 Le Valli Oscure di Enzo De Fano Pagina 1 di 6 "Quand'anche camminassi nella valle dell'ombra della morte, io non temerei alcun male, perché tu sei con me; il tuo bastone la tua verga mi danno sicurezza".

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo PREGHIERA La Tua Parola, Signore, è Verità perenne, la Tua Parola è vita piena, immortale. Nella tua sequela camminerò, nella luce che emana dalla tua Presenza dirigerò spedito i miei passi. Alla tua sorgente

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Nessuno ha mai visto Dio; l'unigenito Dio, che è nel seno del Padre, è quello che l'ha fatto conoscere (NR, 1994).

Nessuno ha mai visto Dio; l'unigenito Dio, che è nel seno del Padre, è quello che l'ha fatto conoscere (NR, 1994). Giovanni 1:18 Nessuno ha mai visto Dio; l'unigenito Dio, che è nel seno del Padre, è quello che l'ha fatto conoscere (NR, 1994). (1) Introduzione (2) Esegesi e analisi testo (3) Contributi di vari studiosi

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE UNO DEI SOLDATI GLI COLPÌ IL FIANCO CON LA LANCIA E SUBITO NE USCÌ SANGUE ED ACQUA NASCITA DEL SACRAMENTO CHIESA NELLA MOLTEPLICITA DEI SUOI DONI DI SALVEZZA. 1. TESTO

Dettagli

Ma Lo Sai Tu Che...?

Ma Lo Sai Tu Che...? Ma Lo Sai Tu Che...? ...che il battesimo in acqua fatto nei titoli di Padre, Figlio e Spirito Santo (Matteo 28:19) per Dio non è valido? Tu dirai: Perché non è valido?. La risposta è semplice: Non è valido

Dettagli

INVESTITI DI POTERE DALL ALTO SEMINARIO DI PREPARAZIONE PER IL TEMPIO

INVESTITI DI POTERE DALL ALTO SEMINARIO DI PREPARAZIONE PER IL TEMPIO INVESTITI DI POTERE DALL ALTO SEMINARIO DI PREPARAZIONE PER IL TEMPIO MANUALE DELL INSEGNANTE INVESTITI DI POTERE DALL ALTO SEMINARIO DI PREPARAZIONE PER IL TEMPIO MANUALE DELL INSEGNANTE Pubblicato dalla

Dettagli

LA LEGGE DI CRISTO E LA LEGGE DI MOSÈ

LA LEGGE DI CRISTO E LA LEGGE DI MOSÈ GESÙ DICE: «Chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica sarà paragonato a un uomo avveduto che ha costruito la sua casa sopra la roccia. La pioggia è caduta, sono venuti i torrenti, i venti

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 filemame: 42-18-18.evang.odt 3636 parole di Marco defelice, RO, mercoledì, 6 giugno, 2007 -- cmd -- La Bibbia è la Parola di Dio. È più attuale di quanto lo sia il giornale

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

LA PROMESSA E LA SPERANZA SECONDO LE SCRITTURE

LA PROMESSA E LA SPERANZA SECONDO LE SCRITTURE Sabato Mariano, 7 dicembre 2014 LA PROMESSA E LA SPERANZA SECONDO LE SCRITTURE P. Alberto Valentini, SMM La speranza biblica non è un vago sentimento, una semplice tensione verso un futuro, sognato migliore,

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede

La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede Scuola di Preghiera Venerdì 11 dicembre 2010 intervento di don Fabio Soldan La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede alla luce il suo

Dettagli

5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14

5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14 5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14 1.LA STORIA Il capitolo 22 del libro della Genesi è uno dei testi fondamentali nell Antico Testamento. Il testo appartiene ad

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

La nascita di Cristo e il Natale (Prima parte)

La nascita di Cristo e il Natale (Prima parte) La nascita di Cristo e il Natale (Prima parte) 1. Luca 1:26-38: L annuncio del concepimento Per iniziare questa analisi delle cose che la Bibbia dice sulla nascita di Gesù Cristo, andiamo a leggere il

Dettagli

Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio.

Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. 1 È BELLO LODARTI 2 CANTERÒ IN ETERNO 5 NOI VENIAMO A TE 6 POPOLI TUTTI È bello cantare il tuo amore, è bello lodare il tuo amore, è bello cantare il tuo amore, e bello lodarti Signore, è bello cantare

Dettagli

GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri?

GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri? GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri? L annuncio della resurrezione di Gesù dai morti è il cuore della buona novella (vangelo) che gli apostoli hanno diffuso attraverso il mondo e per la quale

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

CARNE DI MAIALE: PERCHÉ NO?

CARNE DI MAIALE: PERCHÉ NO? CARNE DI MAIALE: PERCHÉ NO? Ma lo Spirito dice esplicitamente che nei tempi futuri alcuni apostateranno dalla fede, dando retta a spiriti seduttori e a dottrine di demoni, sviati dall'ipocrisia di uomini

Dettagli

Come ho fatto io, fate anche voi

Come ho fatto io, fate anche voi Benedici il Signore, anima mia, quanto è in me benedica il suo santo nome. Benedici il Signore, anima mia, non dimenticare tanti suoi benefici. Egli perdona tutte le tue colpe, guarisce tutte le tue malattie;

Dettagli

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo Domenica, 15 novembre 2009 Dov'è il tuo zelo Apocalisse 3:14-22- All'angelo della chiesa di Laodicea scrivi: queste cose dice l'amen, il testimone fedele e veritiero, il principio della creazione di Dio:

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corinzi (15,1-11)

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corinzi (15,1-11) QUATTORDICESIMO INCONTRO CRISTO È VERAMENTE RISORTO : QUESTA È LA FEDE DI PAOLO, QUESTA È LA NOSTRA FEDE 1 Cor 15,1-11 ACCOGLIENZA E PRESENTAZIONE DELL INCONTRO PREGHIERA INIZIALE Lettore: Dio nostro,

Dettagli

I CHE COS È L ESEGESI?

I CHE COS È L ESEGESI? I CHE COS È L ESEGESI? Esegesi è una parola di origine greca (greco: exégesis) usata da Tucidide nel senso di «racconto, esposizione», da Polibio nel senso di «spiegazione, commento», da Platone nel senso

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

MA FU PROPRIO UNA MELA?

MA FU PROPRIO UNA MELA? MA FU PROPRIO UNA MELA? Per molti anni ci è stato insegnato che nel Giardino dell Eden c era un albero di mele. Al primo uomo, Adamo, e a sua moglie Eva, Dio comandò di non mangiare il frutto di questo

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Vi annuncio una grande gioia

Vi annuncio una grande gioia Vi annuncio una grande gioia Questo sussidio è disponibile sul sito diocesano www.diocesisansevero.it 28 NOVENA DI NATALE NELLE FAMIGLIE dicembre 2011 Natale Asciuga, Bambino Gesù, le lacrime dei fanciulli!

Dettagli

LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1

LA PASQUA SETTIMANALE DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 Spunti per la meditazione personale e per la riflessione agli alunni Fr. Donato Petti 1. Perché cercate tra i morti

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione.

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Eugenio e Chiara Guggi (tramite le parole di Benedetto XVI) Il laico dev essere

Dettagli

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Domanda della madre dei figli di Zebedeo Matteo 20, 20-28 Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli, e si prostrò per

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

CENTRO CULTURALE DI MILANO. Intervento di. Don Stefano Alberto Docente di Introduzione alla Teologia nell Università Cattolica, Milano

CENTRO CULTURALE DI MILANO. Intervento di. Don Stefano Alberto Docente di Introduzione alla Teologia nell Università Cattolica, Milano CMC CENTRO CULTURALE DI MILANO MEDITAZIONI Il Figlio dell uomo non ha dove posare il capo ( Luca, 9) Intervento di Don Stefano Alberto Docente di Introduzione alla Teologia nell Università Cattolica, Milano

Dettagli

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO Veglia di Preghiera Guida: Il sangue dei Martiri è sangue di speranza che, caduto in terra porta frutti di vita nuova. Non c è amore più grande di questo: dare la vita

Dettagli

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 Mi ha mandato a portare il lieto annuncio ai poveri a promulgare l anno di misericordia del Signore PACE CON GLI UOMINI compassione e giustizia 3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 ACCOGLIENZA Nel nome

Dettagli

DIO EDUCA IL SUO POPOLO

DIO EDUCA IL SUO POPOLO DIOCESI DI TRIESTE DIO EDUCA IL SUO POPOLO in preparazione della 62 ma Settimana Liturgica Nazionale Messaggio 1. A voi tutti, fratelli e sorelle che siete la Chiesa di Cristo a Trieste, giunga, da chi

Dettagli

III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo

III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo Obiettivo generale: L'incontro di questa domenica è incentrato sul cammino del discernimento della

Dettagli

SEMINARIO ARCIVESCOVILE PIO XI PEREGRINATIO ICONA MADRE DEL FIAT. Adorazione Eucaristica. A Gesù... per Maria

SEMINARIO ARCIVESCOVILE PIO XI PEREGRINATIO ICONA MADRE DEL FIAT. Adorazione Eucaristica. A Gesù... per Maria SEMINARIO ARCIVESCOVILE PIO XI PEREGRINATIO ICONA MADRE DEL FIAT Adorazione Eucaristica A Gesù... per Maria Guida: In occasione della Peregrinatio della Statua della Madonna di Lourdes, lasciamoci illuminare

Dettagli

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia Il Credo del Popolo di Dio è una Professione di Fede che Paolo VI ha formulato e presentato il 30 giugno

Dettagli

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO-

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- DOV'È TUO FRATELLO? Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- RE». Poi partorì ancora Abele, fratello di lui. Abele fu pastore

Dettagli

Vangelo e primo annuncio: Gesù nel Vangelo secondo Marco

Vangelo e primo annuncio: Gesù nel Vangelo secondo Marco Apostolato Biblico - Azione Cattolica Italiana Diocesi di Faenza Modigliana Introduzione al Vangelo secondo Marco - Seconda parte - Mons. Ermenegildo Manicardi: Vangelo e primo annuncio: Gesù nel Vangelo

Dettagli

Non Io, Ma Cristo di Jim Hohnberger

Non Io, Ma Cristo di Jim Hohnberger Non Io, Ma Cristo di Jim Hohnberger Dio ha un piano di salvezza e redenzione per l'uomo caduto e Satana ha un piano per mantenere l'uomo caduto in questo stato. L'intero piano di Satana è costruito attorno

Dettagli

LE BEATITUDINI. (Mt 5, 3-10) Conferenza di p. Alberto Maggi presso l associazione I beati costruttori di pace. Padova 2006

LE BEATITUDINI. (Mt 5, 3-10) Conferenza di p. Alberto Maggi presso l associazione I beati costruttori di pace. Padova 2006 LE BEATITUDINI (Mt 5, 3-10) Conferenza di p. Alberto Maggi presso l associazione I beati costruttori di pace. Padova 2006 trasposizione da audioregistrazione non rivista dall'autore Nota: la trasposizione

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Una risposta ad una domanda difficile

Una risposta ad una domanda difficile An Answer to a Tough Question Una risposta ad una domanda difficile By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Un certo numero di persone nel corso degli anni mi hanno chiesto

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

"In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18)

In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi (I Tessalonicesi 5:18) "In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18) Rendere grazie a Dio, sempre, in ogni circostanza, in qualsiasi momento, in qualunque

Dettagli

LO ACCOLSE NELLA SUA CASA : LA CASA DI MARTA E LA CASA DI LIDIA

LO ACCOLSE NELLA SUA CASA : LA CASA DI MARTA E LA CASA DI LIDIA Scheda 14 LO ACCOLSE NELLA SUA CASA : LA CASA DI MARTA E LA CASA DI LIDIA Nel contesto della sua predicazione itinerante, Gesù trova ospitalità nella casa di due sorelle, Marta e Maria (Lc 10,38-42). L

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Vita Abbondante. Corrado Salmé. Un giorno Gesù ha detto: «Io sono venuto affinché abbiano vita e l abbiano in abbondanza» (Giovanni 10:10).

Vita Abbondante. Corrado Salmé. Un giorno Gesù ha detto: «Io sono venuto affinché abbiano vita e l abbiano in abbondanza» (Giovanni 10:10). Vita Abbondante Corrado Salmé Un giorno Gesù ha detto: «Io sono venuto affinché abbiano vita e l abbiano in abbondanza» (Giovanni 10:10). Nessuno uomo ha mai potuto dire queste parole, perché nessun uomo

Dettagli