PREMESSA CONSIDERAZIONI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PREMESSA CONSIDERAZIONI"

Transcript

1 PREMESSA Il 5 Censimento Generale dell Agricoltura è stato effettuato prendendo come riferimento la data del 22 ottobre Tale Censimento ha l obiettivo di offrire informazioni circa il numero, le caratteristiche e la distribuzione territoriale delle aziende agricole. Questo Capitolo del Quaderno è stato impostato facendo esclusivo riferimento ai dati ufficiali disponili nella banca dati del sito da cui sono state estrapolate le informazioni utili a permettere una comparazione a livello nazionale regionale e provinciale. I dati comunali, quando disponibili, sono stati forniti dal Servizio Anagrafe e Statistica del Comune di Alessandria. Vengono di seguito riportati i risultati definitivi riferiti al dato nazionale, regionale e provinciale, mentre l ISTAT non ha ancora ufficializzato, tramite il suo sito, il dato comunale. CONSIDERAZIONI Alla data di riferimento del Censimento (22 ottobre 2000) sono state rilevate a livello nazionale aziende agricole, zootecniche e forestali con una diminuzione, rispetto al 1990, pari al 14,2%. La superficie totale interessata è pari a 19,6 milioni di ettari, di cui 13,2 milioni di superficie agricola utilizzata (S.A.U.), con una diminuzione, nel confronto con i dati del 1990, rispettivamente del 13,6% e del 12,2%. Le intensità delle variazioni intervenute tra i due censimenti, con riferimento al numero delle aziende e alle loro superfici, sono risultate differenti nei vari ambiti territoriali: nel caso delle aziende si è verificata una rilevante diminuzione al nord (ad esempio in Piemonte pari a -37,8%), nel caso delle relative superfici, al contrario, la diminuzione è risultata più contenuta (ad esempio in Piemonte pari a -14,1%), derivandone, quindi, un aumento della superficie media per azienda (Tav. 1.1). Nell ambito della Regione Piemonte la Provincia di Alessandria non si discosta significativamente dal dato regionale, avendo subito una minore flessione per quanto attiene alla variazione percentuale del numero delle aziende (-35,1%) e della superficie totale (-11,8%), mentre per quanto riguarda la S.A.U. la diminuzione è quasi doppia rispetto a quella regionale (-8,2% rispetto a -4,6%) (Tav. 1.2). Dall analisi dei dati suddivisi per classi di S.A.U. si è indotti a ritenere che la struttura dimensionale delle aziende agricole della Regione Piemonte sia stata interessata da una espansione delle realtà imprenditoriali più rilevanti, collegate alle aziende di maggiori dimensioni, e dalla progressiva marginalizzazione delle aziende minori, comprovata dalla rilevante diminuzione del loro numero (Tav. 1.3). Nel 2000 continuano a prevalere ampiamente le aziende a conduzione diretta da parte del coltivatore sia a livello nazionale ( aziende pari al 94,7% del totale) che regionale ( aziende pari al 96,8% del totale) e, tra queste, quelle condotte con sola manodopera familiare rispettivamente aziende pari al 81,3% del totale nazionale e aziende pari al 93,8% del totale regionale.

2 Un dato significativo è, sia a livello nazionale che regionale, il calo delle aziende a conduzione diretta che utilizzano manodopera mista (familiare ed extrafamiliare), in quanto registrano su scala nazionale una diminuzione del 34,0% quelle con prevalente manodopera familiare e del 44,5% quelle con prevalente manodopera extrafamiliare, d altro canto, su base regionale, la diminuzione è per entrambe le fattispecie di circa il 70% (Tav. 1.4 e 1.4 bis). Il quadro della forza lavoro impiegata nel settore agricolo risulta caratterizzato da un ampia prevalenza della manodopera familiare, infatti, su un totale 333 milioni di giornate di lavoro prestate nell annata agraria 1999/2000, la quota coperta dalla manodopera familiare è stata pari all 85,1% - dato che si ottiene dalla somma delle percentuali relative ai conduttori di azienda (52,6%), ai loro familiari (27,9%) ed agli altri parenti (4,6%) -, mentre la restante parte di giornate di lavoro è stata prestata da lavoratori a tempo indeterminato (4,0%) e da lavoratori a tempo determinato (10,8%), fino a rappresentare il 68,6% delle complessive giornate di lavoro prestate nelle aziende con 100 ettari ed oltre (Tav. 1.12). Analogo discorso vale per la situazione piemontese dove, su un totale di circa 24,6 milioni di giornate di lavoro prestate nell annata agraria 1999/2000, la quota coperta dalla manodopera familiare è stata pari al 95,2% - dato che si ottiene dalla somma delle percentuali relative ai conduttori di azienda (59,0%), ai loro familiari (31,3%) ed agli altri parenti (4,9%) -, mentre la restante parte di giornate di lavoro è stata prestata da lavoratori a tempo indeterminato (2,9%) e da lavoratori a tempo determinato (1,9%), risultando meno significativa rispetto al corrispondente dato nazionale (Tav. 1.13). Particolarmente diffusa è la coltivazione dei seminativi sia a livello nazionale, presenti nel 59,9% delle aziende dove occupano il 55,6% della S.A.U., che a livello regionale, presenti nel 72,3% delle aziende dove occupano il 54,0% della S.A.U. All interno della Regione Piemonte, in termini di valori assoluti, la Provincia di Alessandria risulta avere la maggiore incidenza di S.A.U. destinata a seminativi (Tav. 1.5 e 1.6). Dato rilevante per il Piemonte è quello relativo alle coltivazioni legnose agrarie (vite e frutteti) che sono praticate dal 49,4% delle aziende con terreni ( ), coprendo, però, solamente il 9,0% della S.A.U. D altro canto il numero delle aziende che praticano tale tipo di coltivazione è notevolmente diminuito (-40,4%), mentre la diminuzione della relativa superficie investita risulta più contenuta (-13,9%) (Tav. 1.5 e 1.17bis). Come segnalato dall ISTAT tale flessione, però, non interessa le produzioni di qualità, che sono al contrario in netta espansione: la vite per la produzione di vini D.O.C. e D.O.C.G., infatti, segna un incremento del 12,1% in termini di aziende coltivatrici e del 37,1% in termini di superficie investita, mentre diminuisce del 59,5% la superficie investita nella produzione di altri vini, con un riduzione del 59,7% delle aziende coltivatrici. In Italia le aziende che praticano l allevamento di bestiame risultano essere pari al 26,1% del totale con una contrazione del 35,2% rispetto al 1990 che indica l abbandono della pratica zootecnica da parte di un gran numero di aziende, in misura più notevole tra quelle piccole e medie e in misura più contenuta tra quelle di maggiori dimensioni (oltre i 10 ettari).

3 La riduzione del numero di aziende ha coinvolto tutte le aree geografiche italiane, seppure con intensità variabili: nelle regioni del Nord-Ovest le aziende con allevamenti sono diminuite di oltre il 50%, ad eccezione della Valle d Aosta che ha registrato una flessione del 38,4% (Tav. 1.8) Gli allevamenti più diffusi a livello nazionale sono quelli avicoli (77% delle aziende con allevamenti), suini (28,9%) e bovini (25,7%), mentre a livello regionale prevalgono gli allevamenti avicoli (64%) e bovini (43,6%) (Tav e 1.11) Le aziende agricole in Piemonte che praticano l allevamento di bestiame risultano essere il 35,2% del totale regionale, con una rilevante diminuzione, pari al 53,3% rispetto al 1990, che indica l abbandono del settore da parte di un considerevole numero di operatori (Tav. 1.9). La meccanizzazione riguarda a livello nazionale la maggioranza delle aziende agricole (86,5% del totale). Riguardo al titolo di utilizzo prevalgono, in linea di massima, la proprietà (per i piccoli mezzi meccanici) e il contoterzismo (per i mezzi più costosi e meno versatili), mentre la comproprietà dei mezzi interessa solo una piccola percentuale di aziende. Analoga situazione si riscontra a livello di Regione Piemonte dove la percentuale di meccanizzazione si attesta sul livello nazionale così come la distribuzione del titolo di utilizzo (Tav e 1.16). Per la situazione nel solo Comune di Alessandria si veda la Tavola 1.18 ed il relativo commento.

4 Tav. 1.1 Aziende agricole, superficie totale e superficie agricola utilizzata in ITALIA, per Regione. Anni 1990, 2000 e variazioni percentuali (superfici in ettari) AZIENDE AGRICOLE SUPERFICIE TOTALE SUPERFICIE AGRICOLA UTILIZZATA percentuali percentuali percentuali Regioni / Province autonome Piemonte , , ,41-14, , ,73-4,6 Valle d'aosta , , ,61-5, , ,83-26,3 Lombardia , , ,91-11, , ,96-6,2 Trentino-Alto Adige , , ,04-2, , ,45-1,9 Bolzano - Bozen , , ,48-1, , ,25-1,9 Trento , , ,56-2, , ,20-1,9 Veneto , , ,09-7, , ,49-3,2 Friuli-Venezia Giulia , , ,34-14, , ,77-7,0 Liguria , , ,08-46, , ,67-32,3 Emilia-Romagna , , ,94-14, , ,57-9,6 Toscana , , ,48-8, , ,41-7,5 Umbria , , ,10-6, , ,38-7,3 Marche , , ,44-10, , ,77-8,2 Lazio , , ,87-14, , ,62-13,2 Abruzzo , , ,97-18, , ,22-17,7 Molise , , ,39-13, , ,19-14,3 Campania , , ,87-9, , ,40-9,4 Puglia , , ,82-12, , ,57-13,4 Basilicata , , ,12-15, , ,91-13,8 Calabria , , ,03-21, , ,07-16,1 Sicilia , , ,54-21, , ,04-19,8 Sardegna , , ,45-16, , ,60-24,7 Totale Italia , , ,50-13, , ,65-12,2

5 Tav. 1.2 Aziende agricole, superficie totale e superficie agricola utilizzata in PIEMONTE, per Provincia (superfici in ettari) AZIENDE AGRICOLE SUPERFICIE TOTALE SUPERFICIE AGRICOLA UTILIZZATA percentuali percentuali percentuali Province Torino , , ,40-8, , ,94 4,6 Vercelli , , ,29-12, , ,63-5,6 Biella , , ,24-28, , ,34-10,6 Verbano-Cusio-Ossola , , ,15-21, , ,74-15,8 Novara , , ,45-16, , ,45-5,7 Cuneo , , ,77-16, , ,20-6,0 Asti , , ,89-13, , ,85-7,7 Alessandria , , ,22-11, , ,58-8,2 Totale Piemonte , , ,41-14, , ,73-4,6

6 Tav. 1.3 Aziende agricole per classe di superficie agricola utilizzata in ITALIA. Anni 1990, 2000 e variazioni percentuali (superfici in ettari) AZIENDE AGRICOLE SUPERFICIE TOTALE SUPERFICIE AGRICOLA UTILIZZATA percentuali percentuali percentuali Classi di S.A.U. Senza S.A.U , , ,46-21, Meno di 1 ettaro , , ,83-14, , ,12-7,9 Da 1 a 2 ettari , , ,42-21, , ,23-17,7 Da 2 a 3 ettari , , ,79-23, , ,29-23,0 Da 3 a 5 ettari , , ,92-23, , ,22-24,8 Da 5 a 10 ettari , , ,50-22, , ,43-23,0 Da 10 a 20 ettari , , ,84-16, , ,70-16,1 Da 20 a 30 ettari , , ,50-7, , ,46-7,0 Da 30 a 50 ettari , , ,47-2, , ,61-2,8 Da 50 a 100 ettari , , ,01-4, , ,92-3,2 100 ettari e oltre , , ,76-10, , ,67-6,5 Totale , , ,50-13, , ,65-12,2 Aziende agricole per classe di superficie agricola utilizzata nelle PROVINCE PIEMONTESI. Anni 1990, 2000 e variazioni percentuali (superfici in ettari) AZIENDE AGRICOLE SUPERFICIE TOTALE SUPERFICIE AGRICOLA UTILIZZATA percentuali percentuali percentuali Classi di S.A.U. Senza S.A.U , , ,35-14, Meno di 1 ettaro , , ,97-44, , ,80-46,7 Da 1 a 2 ettari , , ,87-43, , ,64-45,2 Da 2 a 3 ettari , , ,96-44, , ,43-41,9 Da 3 a 5 ettari , , ,96-39, , ,91-39,5 Da 5 a 10 ettari , , ,72-34, , ,46-34,0 Da 10 a 20 ettari , , ,57-23, , ,15-20,8 Da 20 a 30 ettari , , ,63-6, , ,85-1,5 Da 30 a 50 ettari , , ,71 7, , ,39 16,8 Da 50 a 100 ettari , , ,72 20, , ,71 35,6 100 ettari e oltre , , ,95 4, , ,39 25,7 Totale , , ,41-14, , ,73-4,6 :

7 5 Censimento dell'agricoltura Aziende Agricole Grafico Comune di Alessandria Provincia di Alessandria Regione Piemonte Italia Italia Regione Piemonte Provincia di Alessandria Comune di Alessandria 1990

8 Tav. 1.4 Aziende agricole per forma di conduzione e titolo di possesso dei terreni in ITALIA. Anni 1990, 2000 e variazioni percentuali (superfici in ettari) FORME DI CONDUZIONE AZIENDE AGRICOLE SUPERFICIE TOTALE SUPERFICIE AGRICOLA UTILIZZATA TITOLO DI POSSESSO DEI TERRENI percentuali percentuali percentuali Forme di conduzione Conduzione diretta del coltivatore di cui: con sola manodopera familiare con manodopera familiare prevalente con manodopera extrafamiliare prevalente Conduzione con salariati (in economia) (a) Conduzione a colonia parziaria appoderata Altra forma di conduzione Totale , , ,06-13, , ,23-12, , , ,92-2, , ,60-0, , , ,37-32, , ,48-33, , , ,77-36, , ,15-36, , , ,95-13, , ,14-8, , , ,85-81, , ,24-82, , , ,64-68, , ,04-77, , , ,50-13, , ,65-12,2 Titolo di possesso dei terreni Terreno solo in proprietà Terreno solo in affitto (b) Terreno parte in proprietà e parte in affitto (b) di cui: terreno in proprietà terreno in affitto (b) Totale (c) , , ,56-19, , ,11-20, , , ,44 20, , ,73 21, , , ,50-1, , ,81 1, , ,46-7, , ,71-1, , ,04 5, , ,10 5, , , ,50-13, , ,65-12,2 (a) Comprese le aziende il cui conduttore si avvale esclusivamente di manodopera e mezzi forniti da terzi (b) Compresi i terreni in uso gratuito (c) Dal totale sono escluse le aziende senza terreno agrario

9 Tav. 1.4 bis Aziende agricole per forma di conduzione e titolo di possesso dei terreni in PIEMONTE. Anni 1990, 2000 e variazioni percentuali (superfici in ettari) FORME DI CONDUZIONE AZIENDE AGRICOLE SUPERFICIE TOTALE SUPERFICIE AGRICOLA UTILIZZATA TITOLO DI POSSESSO DEI TERRENI percentuali percentuali percentuali Forme di conduzione Conduzione diretta del coltivatore di cui: con sola manodopera familiare con manodopera familiare prevalente con manodopera extrafamiliare prevalente Conduzione con salariati (in economia) (a) Conduzione a colonia parziaria appoderata Altra forma di conduzione Totale , , ,79-11, , ,54-2, , , ,29-6, , ,80 3, , , ,72-37, , ,34-34, , , ,78-43, , ,40-39, , , ,02-19, , ,70-11, ,8 326,70 886,97-63,2 189,58 663,56-71, ,8 368,52 306,63 20,2 168,32 78,93-113, , , ,41-14, , ,73-4,6 Titolo di possesso dei terreni Terreno solo in proprietà Terreno solo in affitto (b) Terreno parte in proprietà e parte in affitto (b) di cui: terreno in proprietà terreno in affitto (b) Totale (c) , , ,15-27, , ,01-23, , , ,14-5, , ,65-4, , , ,12 12, , ,07 16, , ,72-1, , ,96 2, , ,40 26, , ,11 29, , , ,41-14, , ,73-4,6 (a) Comprese le aziende il cui conduttore si avvale esclusivamente di manodopera e mezzi forniti da terzi (b) Compresi i terreni in uso gratuito (c) Dal totale sono escluse le aziende senza terreno agrario

10 Tav. 1.5 ITALIA: Ripartizione delle superfici aziendali per Regione / Provincia Autonoma. Anno percentuali per il solo totale della Superficie Agricola Utilizzata (superfici in ettari) COLTURE ALTRA SUPERFICIE SUPERFICIE AGRICOLA UTILIZZATA BOSCHIVE (b) SUPERFICIE TOTALE Coltivazioni Prati permanenti e Variazione Seminativi (a) legnose agrarie pascoli Totale % Regioni / Province autonome Piemonte , , , ,73-4, , , ,83 Valle d'aosta 319, , , ,89-26, , , ,83 Lombardia , , , ,51-6, , , ,77 Trentino-Alto Adige 8.125, , , ,61-1, , , ,91 Bolzano - Bozen 3.999, , , ,40-1, , , ,31 Trento 4.125, , , ,21-1, , , ,60 Veneto , , , ,88-3, , , ,85 Friuli-Venezia Giulia , , , ,97-7, , , ,04 Liguria , , , ,33-32, , , ,14 Emilia-Romagna , , , ,92-9, , , ,56 Toscana , , , ,79-7, , , ,27 Umbria , , , ,42-7, , , ,25 Marche , , , ,58-8, , , ,80 Lazio , , , ,80-13, , , ,32 Abruzzo , , , ,12-17, , , ,03 Molise , , , ,49-14, , , ,39 Campania , , , ,98-9, , , ,32 Puglia , , , ,69-13, , , ,64 Basilicata , , , ,58-13, , , ,62 Calabria , , , ,75-16, , , ,16 Sicilia , , , ,84-19, , , ,28 Sardegna , , , ,26-24, , , ,33 Totale Italia , , , ,14-12, , , ,34 (a) Compresi gli orti familiari (b) Somma di boschi e arboricoltura da legno Rispetto al Censimento del 1990 si registra, a livello nazionale, una diminuzione del 12,2% della Superficie Agricola Utilizzata (media ponderata data dalla diminuzione del 9,7% per la superficie destinata a seminativi, del 11,8% di coltivazioni legnose agrarie e del 17,3% di prati permanenti e pascoli) e una diminuzione del 13,6% della Superficie Totale (media ponderata data dalla diminuzione del 16,1% di colture boschive e del 17,5% di altra superficie sommata a quelle precedentemente indicate)

11 Tav. 1.6 Regione PIEMONTE: Ripartizione delle superfici aziendali per Provincia. Anno percentuali per il solo totale della Superficie Agricola Utilizzata. (superfici in ettari) SUPERFICIE AGRICOLA UTILIZZATA COLTURE ALTRA SUPERFICIE BOSCHIVE (b) SUPERFICIE TOTALE Coltivazioni Prati permanenti e Variazione Seminativi (a) legnose agrarie pascoli Totale % Province Torino , , , ,84 4, , , ,51 Vercelli , , , ,46-5, , , Biella ,42 612, , ,02-10, , , ,17 Verbano-Cusio-Ossola 453,36 398, , ,50-15, , , ,98 Novara ,15 948, , ,03-5, , , ,57 Cuneo , , , ,61-6, , , ,03 Asti , , , ,31-7, , , ,03 Alessandria , , , ,96-8, , , ,98 Totale Piemonte , , , ,73-4, , , ,83 (a) Compresi gli orti familiari (b) Somma di boschi e arboricoltura da legno

12 5 Censimento dell'agricoltura SuperficieTotale e Superficie Agricola Utilizzata (S.A.U.) Grafico , , , ,34 Superficie Totale 2000 S.A.U Superficie Totale 1990 S.A.U S.A.U , , , Superficie Totale , S.A.U , ,96 Superficie Totale , , Italia Regione Piemonte Provincia di Alessandria Comune di Alessandria

13 Tav. 1.7 ITALIA: Ripartizione delle superfici aziendali per classe di superficie agricola utilizzata e forma di conduzione. Anno 2000 (superfici in ettari) CLASSI DI S.A.U. SUPERFICIE AGRICOLA UTILIZZATA COLTURE BOSCHIVE (b) FORME DI CONDUZIONE Coltivazioni Prati permanenti e Seminativi (a) legnose agrarie pascoli Totale ALTRA SUPERFICIE SUPERFICIE TOTALE Classi di S.A.U. Senza S.A.U. Meno di 1 ettaro Da 1 a 2 ettari Da 2 a 3 ettari Da 3 a 5 ettari Da 5 a 10 ettari Da 10 a 20 ettari Da 20 a 30 ettari Da 30 a 50 ettari Da 50 a 100 ettari 100 ettari e oltre Totale Forme di conduzione Conduzione diretta del coltivatore di cui: con solo manodopera familiare con manodopera familiare prevalente con manodopera extrafamiliare prevalente Conduzione con salariati (in economia) (c) Conduzione a colonia parziaria appoderata Altra forma di conduzione Totale , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,01 661, , , , , , , , , , , , ,34 (a) Compresi gli orti familiari (b) Somma di boschi e arboricoltura da legno (c) Comprese le aziende il cui conduttore si avvale esclusivamente di manodopera e mezzi forniti da terzi

14 Tav. 1.7 bis Regione PIEMONTE: Ripartizione delle superfici aziendali per classe di superficie agricola utilizzata e forma di conduzione. Anno 2000 (superfici in ettari) CLASSI DI S.A.U. FORME DI CONDUZIONE Seminativi (a) SUPERFICIE AGRICOLA UTILIZZATA Coltivazioni legnose agrarie Prati permanenti e pascoli Totale COLTURE BOSCHIVE (b) ALTRA SUPERFICIE SUPERFICIE TOTALE Classi di S.A.U. Senza S.A.U. Meno di 1 ettaro Da 1 a 2 ettari Da 2 a 3 ettari Da 3 a 5 ettari Da 5 a 10 ettari Da 10 a 20 ettari Da 20 a 30 ettari Da 30 a 50 ettari Da 50 a 100 ettari 100 ettari e oltre Totale Forme di conduzione Conduzione diretta del coltivatore di cui: con solo manodopera familiare con manodopera familiare prevalente con manodopera extrafamiliare prevalente Conduzione con salariati (in economia) (c) Conduzione a colonia parziaria appoderata Altra forma di conduzione Totale , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,80 95,55 68,20 25,83 189,58 89,60 47,52 326,70 52,38 12,52 103,42 168,32 146,33 53,87 368, , , , , , , ,83 (a) Compresi gli orti familiari (b) Somma di boschi e arboricoltura da legno (c) Comprese le aziende il cui conduttore si avvale esclusivamente di manodopera e mezzi forniti da terzi

15 Tav. 1.8 ITALIA: Aziende agricole con allevamenti secondo la specie di bestiame, per Regione / Provincia Autonoma. Valori assoluti anno percentuali per il solo totale delle Aziende con allevamenti. REGIONI / PROVINCE AUTONOME CLASSI DI SUPERFICIE TOTALE Totale AZIENDE CON ALLEVAMENTI: % Bovini Bufalini Suini Ovini Caprini Equini Avicoli Regioni / Province autonome Piemonte , Valle d'aosta , Lombardia , Trentino-Alto Adige , Bolzano - Bozen , Trento , Veneto , Friuli-Venezia Giulia , Liguria , Emilia-Romagna , Toscana , Umbria , Marche , Lazio , Abruzzo , Molise , Campania , Puglia , Basilicata , Calabria , Sicilia , Sardegna , Totale Italia , Rispetto al Censimento del 1990 si registra a livello nazionale una diminuzione pari al 35,2% di aziende con allevamenti (media ponderata data da aziende con allevamenti di bovini -46%, di bufalini +5,2%, suini -45,3%, ovini -40,6%, caprini -46,8%, equini -32,6% e avicoli -36,9%)

16 Tav. 1.9 Regione PIEMONTE: Aziende agricole con allevamenti secondo la specie di bestiame, per Provincia e classi di superficie totale. Valori assoluti anno percentuali per il solo totale delle Aziende con allevamenti. PROVINCE AZIENDE CON ALLEVAMENTI: CLASSI DI SUPERFICIE TOTALE Totale % Bovini Bufalini Suini Ovini Caprini Equini Avicoli Province Torino , Vercelli , Biella , Verbano Cusio - Ossola , Novara , Cuneo , Asti , Alessandria , Totale Piemonte , Classi di superficie totale Senza terreno agrario , Meno di 1 ettaro , Da 1 a 2 ettari , Da 2 a 3 ettari , Da 3 a 5 ettari , Da 5 a 10 ettari , Da 10 a 20 ettari , Da 20 a 30 ettari , Da 30 a 50 ettari , Da 50 a 100 ettari , ettari e oltre , Totale ,

17 5 Censimento dell'agricoltura Aziende Agricole con allevamenti Grafico Comune di Alessandria Provincia di Alessandria Regione Piemonte Italia Italia Regione Piemonte Provincia di Alessandria Comune di Alessandria 1990

18 Tav ITALIA: Capi di bestiame delle Aziende agricole secondo la specie, per Regione / Provincia Autonoma e classe di superficie totale delle aziende. Anno 2000 e variazioni percentuali REGIONI / PROVINCE AUTONOME CAPI DI BESTIAME: Bovini Variazione % Bufalini Variazione % Suini Variazione % Ovini Variazione % Caprini Variazione % Equini Variazione % Avicoli Variazione % Regioni / Province autonome Piemonte , , , , , , ,7 Valle d'aosta , , , , , ,7 Lombardia , , , , , , ,6 Trentino-Alto Adige , , , , , , ,0 Bolzano - Bozen , , , , , ,3 Trento , , , , , ,6 Veneto , , , , , , ,3 Friuli-Venezia Giulia , , , , , , ,4 Liguria , , , , , , ,5 Emilia-Romagna , , , , , , ,9 Toscana , , , , , , ,8 Umbria , , , , , , ,9 Marche , , , , , , ,3 Lazio , , , , , , ,4 Abruzzo , , , , , , ,0 Molise , , , , , , ,1 Campania , , , , , , ,6 Puglia , , , , , , ,0 Basilicata , , , , , , ,7 Calabria , , , , , , ,8 Sicilia , , , , , , ,9 Sardegna , , , , , , ,7 Totale Italia , , , , , , ,5

19 Tav Regione PIEMONTE: Capi di bestiame delle Aziende agricole secondo la specie, per Provincia e classe di superficie totale delle aziende. Anno 2000 e variazioni percentuali REGIONI / PROVINCE AUTONOME CAPI DI BESTIAME Bovini Variazione % Bufalini Variazione % Suini Variazione % Ovini Variazione % Caprini Variazione % Equini Variazione % Avicoli Variazione % Province Torino , , , , , , ,2 Vercelli , , , , , ,3 Biella , , , , , , ,1 Verbano-Cusio-Ossola , , , , , ,5 Novara , , , , , , ,1 Cuneo , , , , , , ,9 Asti , , , , , , ,5 Alessandria , , , , , , ,8 Totale Piemonte , , , , , , ,8 Classi di superficie totale Senza terreno agrario , , , , , , ,3 Meno di 1 ettaro , , , , , ,0 Da 1 a 2 ettari , , , , , , ,8 Da 2 a 3 ettari , , , , , ,7 Da 3 a 5 ettari , , , , , , ,5 Da 5 a 10 ettari , , , , , , ,5 Da 10 a 20 ettari , , , , , ,9 Da 20 a 30 ettari ,4 4-75, , , , , ,2 Da 30 a 50 ettari , , , , , , ,8 Da 50 a 100 ettari , , , , , , ,0 100 ettari e oltre , , , , , , ,2 Totale , , , , , , ,8

20 Tav ITALIA: Aziende agricole e relativo numero di giornate di lavoro secondo la categoria di manodopera agricola, per Regione / Provincia Autonoma. Anno 2000 REGIONI PROVINCE AUTONOME AZIENDE CON CONDUTTORE GIORNATE DI LAVORO AZIENDE CON CONIUGE DEL CONDUTTORE GIORNATE DI LAVORO AZIENDE CON ALTRI FAMILIARI DEL CONDUTTORE GIORNATE DI LAVORO AZIENDE CON ALTRI PARENTI DEL CONDUTTORE GIORNATE DI LAVORO AZIENDE CON MANODOPERA EXTRAFAMILIARE A tempo indeterminato GIORNATE DI LAVORO A tempo determinato GIORNATE DI LAVORO TOTALE AZIENDE TOTALE GIORNATE DI LAVORO AZIENDE Piemonte Valle d'aosta Lombardia Trentino-Alto Adige Bolzano - Bozen Trento Veneto Friuli-Venezia Giulia Liguria Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Totale Italia

21 Tav Regione PIEMONTE: Aziende agricole e relativo numero di giornate di lavoro secondo la categoria di manodopera agricola, per Provincia. Anno 2000 PROVINCE AZIENDE CON CONDUTTORE GIORNATE DI LAVORO AZIENDE CON CONIUGE DEL CONDUTTORE GIORNATE DI LAVORO AZIENDE CON ALTRI FAMILIARI DEL CONDUTTORE GIORNATE DI LAVORO AZIENDE CON ALTRI PARENTI DEL CONDUTTORE GIORNATE DI LAVORO AZIENDE CON MANODOPERA EXTRAFAMILIARE A tempo indeterminato GIORNATE DI LAVORO A tempo determinato GIORNATE DI LAVORO TOTALE AZIENDE TOTALE GIORNATE DI LAVORO Torino Vercelli Biella Verbano-Cusio-Ossola Novara Cuneo Asti Alessandria Totale Piemonte

22 Tav ITALIA: Giornate di lavoro aziendale secondo la categoria di manodopera, per classe di superficie agricola utilizzata e forma di conduzione. Anno 2000 CLASSI DI S.A.U. MANODOPERA FAMILIARE MANODOPERA EXTRAFAMILIARE TOTALE FORME DI CONDUZIONE Familiari del Altri parenti del A tempo A tempo Conduttore conduttore conduttore Totale indeterminato determinato Totale Classi di S.A.U. Senza S.A.U Meno di 1 ettaro Da 1 a 2 ettari Da 2 a 3 ettari Da 3 a 5 ettari Da 5 a 10 ettari Da 10 a 20 ettari Da 20 a 30 ettari Da 30 a 50 ettari Da 50 a 100 ettari ettari e oltre Totale Forme di conduzione Conduzione diretta del coltivatore di cui: con solo manodopera familiare con manodopera familiare prevalente con manodopera extrafamiliare prevalente Conduzione con salariati (in economia) (a) Conduzione a colonia parziaria appoderata Altra forma di conduzione Totale (a) Comprese le aziende il cui conduttore si avvale esclusivamente di manodopera e mezzi forniti da terzi

23 Tav bis Regione PIEMONTE: Giornate di lavoro aziendale secondo la categoria di manodopera, per classe di superficie agricola utilizzata e forma di conduzione. Anno 2000 CLASSI DI S.A.U. MANODOPERA FAMILIARE MANODOPERA EXTRAFAMILIARE TOTALE FORME DI CONDUZIONE Familiari del Altri parenti del A tempo A tempo Conduttore conduttore conduttore Totale indeterminato determinato Totale Classi di S.A.U. Senza S.A.U. Meno di 1 ettaro Da 1 a 2 ettari Da 2 a 3 ettari Da 3 a 5 ettari Da 5 a 10 ettari Da 10 a 20 ettari Da 20 a 30 ettari Da 30 a 50 ettari Da 50 a 100 ettari 100 ettari e oltre Totale Forme di conduzione Conduzione diretta del coltivatore di cui: con solo manodopera familiare con manodopera familiare prevalente con manodopera extrafamiliare prevalente Conduzione con salariati (in economia) (a) Conduzione a colonia parziaria appoderata Altra forma di conduzione Totale (a) Comprese le aziende il cui conduttore si avvale esclusivamente di manodopera e mezzi forniti da terzi

24 Tav ITALIA: Aziende agricole che utilizzano mezzi meccanici di proprietà, in comproprietà e forniti da terzi secondo il tipo di mezzo, per Regione / Provincia Autonoma. Anno 2000 REGIONI / PROVINCE AUTONOME Trattrici Motocoltivatori, motozappe, motofresatrici e motofalciatrici Mietitrebbiatrici AZIENDE CHE UTILIZZANO: Totale Macchine per la raccolta automatizzata Pomodoro da industria Patata Barbabietola da zucchero Altri prodotti Altri mezzi meccanici MEZZI DI PROPRIETA Piemonte Valle d'aosta Lombardia Trentino-Alto Adige Bolzano - Bozen Trento Veneto Friuli-Venezia Giulia Liguria Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Totale Italia /.

25 Tav (segue - a -) ITALIA: Aziende agricole che utilizzano mezzi meccanici di proprietà, in comproprietà e forniti da terzi secondo il tipo di mezzo, per Regione / Provincia Autonoma. Anno 2000 REGIONI / PROVINCE AUTONOME Trattrici Motocoltivatori, motozappe, motofresatrici e motofalciatrici Mietitrebbiatrici AZIENDE CHE UTILIZZANO: Totale Macchine per la raccolta automatizzata Pomodoro da industria Patata Barbabietola da zucchero Altri prodotti Altri mezzi meccanici MEZZI IN COMPROPRIETA Piemonte Valle d'aosta Lombardia Trentino-Alto Adige Bolzano - Bozen Trento Veneto Friuli-Venezia Giulia Liguria Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Totale Italia /.

Friuli-Venezia Giulia

Friuli-Venezia Giulia Presentazione dei dati definitivi Friuli-Venezia Giulia Vengono diffusi oggi i risultati definitivi del 5 Censimento dell agricoltura in Friuli- Venezia Giulia. I dati qui presentati riguardano, in particolare,

Dettagli

Valle d'aosta. Presentazione dei dati definitivi

Valle d'aosta. Presentazione dei dati definitivi Presentazione dei dati definitivi Valle d'aosta Vengono diffusi oggi i risultati definitivi, relativi alla Valle d'aosta, del 5 Censimento generale dell agricoltura. Le informazioni presentate riguardano

Dettagli

Presentazione dei dati definitivi Toscana

Presentazione dei dati definitivi Toscana Presentazione dei dati definitivi Toscana Vengono diffusi oggi i risultati definitivi, relativi alla Toscana, del 5 Censimento dell agricoltura. Le informazioni presentate riguardano le caratteristiche

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Garanzia Giovani: a cinque settimane dall avvio sono 74.394 i giovani che si sono registrati

COMUNICATO STAMPA. Garanzia Giovani: a cinque settimane dall avvio sono 74.394 i giovani che si sono registrati COMUNICATO STAMPA Garanzia Giovani: a cinque settimane dall avvio sono 74.394 i giovani che si sono registrati I dati del 5 report settimanale Il primo maggio 2014 è partita ufficialmente la Garanzia Giovani.

Dettagli

ALFID. Associazione Laica Famiglie in Difficoltà

ALFID. Associazione Laica Famiglie in Difficoltà ALFID Associazione Laica Famiglie in Difficoltà Separazione e Divorzio: alcuni dati a confronto sui principali recenti cambiamenti in Provincia di Trento e nel resto d Italia a cura di Marco Brusegan Il

Dettagli

Il settore agro-alimentare in Italia. Focus sul lattiero caseario. Direzione Studi e Ricerche

Il settore agro-alimentare in Italia. Focus sul lattiero caseario. Direzione Studi e Ricerche Il settore agro-alimentare in Italia. Focus sul lattiero caseario Direzione Studi e Ricerche Milano, 30 Marzo 2016 Agenda 1 Importanza e specificità dell agroalimentare italiano 2 Il lattiero caseario

Dettagli

UNA STRATEGIA PER LA CULTURA. UNA STRATEGIA PER IL PAESE

UNA STRATEGIA PER LA CULTURA. UNA STRATEGIA PER IL PAESE UNA STRATEGIA PER LA CULTURA. UNA STRATEGIA PER IL PAESE Rapporto Annuale Federculture 2013 - Dati e analisi - Focus SICILIA - La spesa e i consumi culturali Nel 2012, dopo un lungo trend di crescita costante

Dettagli

DIPARTIMENTO AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO STAMPA E RELAZIONI ESTERNE

DIPARTIMENTO AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO STAMPA E RELAZIONI ESTERNE 1 Condannati definitivi Per di e per Durata della Pena Residua Situazione al 13/05/2010 Fino a 1 anno Da 1 a 2 Durata della pena residua Da 2 a 3 Da 3 a 5 Da 5 a 10 Da 10 a 20 Da 20 in poi Ergastolo Totale

Dettagli

Le statistiche dell'istat sull'acqua: i dati del territorio

Le statistiche dell'istat sull'acqua: i dati del territorio Le statistiche dell'istat sull'acqua: i dati del territorio Carlo Declich ISTAT Ufficio territoriale per il Veneto e il Friuli Venezia Giulia 9 giugno 2015, Palazzo Moroni, Padova Le fonti dei dati ISTAT

Dettagli

La spesa turistica nelle regioni italiane 2000-2014

La spesa turistica nelle regioni italiane 2000-2014 La spesa turistica nelle regioni italiane 2000- Andrea Alivernini XVI Conferenza CISET L Italia e il turismo internazionale Risultati e tendenze per incoming e outgoing nel 2015 dai dati Banca d Italia

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI - ALLEGATO A DISTRIBUZIONE TERRITORIALE DEI PUNTI DI VENDITA DI GIOCO IPPICO

CAPITOLATO D ONERI - ALLEGATO A DISTRIBUZIONE TERRITORIALE DEI PUNTI DI VENDITA DI GIOCO IPPICO CAPITOLATO D ONERI - ALLEGATO A DISTRIBUZIONE TERRITORIALE DEI PUNTI DI VENDITA DI GIOCO IPPICO Procedura di selezione per l affidamento in concessione dell esercizio dei giochi pubblici di cui all articolo

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Dossier I dati regionali. Dossier Casa I dati regionali. A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

Dossier I dati regionali. Dossier Casa I dati regionali. A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Dossier I dati regionali A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Dossier Casa I dati regionali A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Sommario... 3 Mercato immobiliare residenziale...

Dettagli

I giovani Neet registrati

I giovani Neet registrati Roma, 24 Ottobre 2014 - L adesione al programma da parte dei giovani continua. Al 23 ottobre 2014 1 si sono registrati a Garanzia Giovani 262.171 giovani, di questi il 51% (134.071 giovani) lo ha fatto

Dettagli

Provincia di Monza e della Brianza

Provincia di Monza e della Brianza Provincia di Monza e della Brianza Comune di Lissone Via Gramsci Città di Lissone Comune di Lissone Sala Consiliare Città di Lissone Piazza IV Novembre Città di Lissone Biblioteca Civica Piazza IV Novembre

Dettagli

UTILIZZO DEI DISTRIBUTORI AUTOMATICI

UTILIZZO DEI DISTRIBUTORI AUTOMATICI UTILIZZO DEI DISTRIBUTORI AUTOMATICI Risultati della ricerca Milano, 20 ottobre 2006 Stefania Farneti Direttore di ricerca INDICE PREMESSA E OBIETTIVI 3 METODOLOGIA 4 LE 4 MACROAREE NIELSEN 5 IL CAMPIONE

Dettagli

L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI

L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Analisi dei PSR sulle Nuove SFIDE dell Health Check PARTE SECONDA - ASPETTI FINANZIARI Aggiornamento L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Documento realizzato nell ambito delle attività della Rete Rurale

Dettagli

VALUTAZIONE D IMPATTO DELLE POLITICHE REGIONALI PER LA PROMOZIONE DELL APPROPRIATEZZA ORGANIZZATIVA

VALUTAZIONE D IMPATTO DELLE POLITICHE REGIONALI PER LA PROMOZIONE DELL APPROPRIATEZZA ORGANIZZATIVA Mattone Misura dell appropriatezza GdLA 26 Settembre 2006 VALUTAZIONE D IMPATTO DELLE POLITICHE REGIONALI PER LA PROMOZIONE DELL APPROPRIATEZZA ORGANIZZATIVA QUESITI DELLA RICERCA Qual è stato l impatto

Dettagli

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/2011

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/2011 AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/ Dalla prima analisi dei dati forniti al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali dagli Organismi di Controllo (OdC) operanti in Italia al 31 dicembre

Dettagli

Anni Manodopera Materiali Trasporti Noli 2006 2,4 8,5 3,5 3,8 2007 4,5 9,3 3,3 3,4 2008 4,0 2,4 7,1 6,6 2009 4,0-14,8 0,9 1,6 2010 2,1 8,2 0,9 2,0

Anni Manodopera Materiali Trasporti Noli 2006 2,4 8,5 3,5 3,8 2007 4,5 9,3 3,3 3,4 2008 4,0 2,4 7,1 6,6 2009 4,0-14,8 0,9 1,6 2010 2,1 8,2 0,9 2,0 Direzione Affari Economici e Centro Studi INDICI ISTAT DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI TRONCHI STRADALI Aggiornamento a febbraio 2016 L indice del costo di costruzione di un tronco stradale con tratto di strada

Dettagli

Le aziende agrituristiche

Le aziende agrituristiche Nel 2014 sono state autorizzate all esercizio agrituristico 21.744 aziende, con una crescita del 4% rispetto al 2013. L attività preponderante riguarda l alloggio, praticato dall 82% degli agriturismi.

Dettagli

Prospetto 4.1. Pesi per unità di volume dei principali materiali strutturali

Prospetto 4.1. Pesi per unità di volume dei principali materiali strutturali 4.PESI PROPRI DEI MATERIALI STRUTTURALI. I pesi per unità di volume dei più comuni materiali, per la determinazione dei pesi propri. strutturali, possono essere assunti pari a quelli riportati nel prospetto

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

Roma, 22 luglio 2006. Ufficio Stampa. Che cosa caratterizza le sue vacanze estive?

Roma, 22 luglio 2006. Ufficio Stampa. Che cosa caratterizza le sue vacanze estive? Ufficio Stampa Roma, 22 luglio 2006 Che cosa caratterizza le sue vacanze estive? il riposo 27 26 26 le passeggiate 15 13 10 la tintarella 7 8 10 il divertimento 1 1 10 la visita a musei e beni culturali

Dettagli

EMBARGO ORE 9.30 DEL 28 MAGGIO

EMBARGO ORE 9.30 DEL 28 MAGGIO EMBARGO ORE 9.30 DEL 28 MAGGIO Turismo e commercio, Osservatorio Confesercenti. Continua la crisi: nei primi 4 mesi dell anno persi 1,8 miliardi di vendite e chiuse 45mila imprese. Crescono solo gli ambulanti

Dettagli

L export del vino veneto

L export del vino veneto Regione del Veneto Direzione Sistema Statistico Regionale Internazionalizzazione del vino veneto I contenuti della trattazione Le aziende vitivinicole al Censimento dell Agricoltura 2010 Le esportazioni

Dettagli

CAPITOLO III: I FATTORI PRODUTTIVI. 1. Il mercato fondiario

CAPITOLO III: I FATTORI PRODUTTIVI. 1. Il mercato fondiario Rapporto sull annata agraria della provincia di Bologna Anno 25 1. Il mercato fondiario CAPITOLO III: I FATTORI PRODUTTIVI Per l annata agraria 2-25, a causa del perdurare della crisi nel settore che ha

Dettagli

LE BANCHE DATI DELL INAIL e un focus sugli infortuni sul lavoro con mezzo di trasporto

LE BANCHE DATI DELL INAIL e un focus sugli infortuni sul lavoro con mezzo di trasporto LE BANCHE DATI DELL INAIL e un focus sugli infortuni sul lavoro con mezzo di trasporto Andrea Bucciarelli Mantova, 16 novembre 2015 Indice: - Alcuni dei canali informativi on-line sui dati Inail - Open

Dettagli

6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA IN LOMBARDIA Risultati definitivi

6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA IN LOMBARDIA Risultati definitivi 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA IN LOMBARDIA Risultati definitivi SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI L Istat diffonde oggi un approfondimento sui principali aspetti strutturali e sull evoluzione del

Dettagli

L AGRICOLTURA NELLA CAMPANIA IN CIFRE 2012. Assessorato Agricoltura

L AGRICOLTURA NELLA CAMPANIA IN CIFRE 2012. Assessorato Agricoltura L AGRICOLTURA NELLA CAMPANIA IN CIFRE 2012 Assessorato Agricoltura Coordinamento: Rossella Ugati La stesura delle singole parti si deve a: Economia e agricoltura: Concetta Menna e Tonia Liguori (Impiego

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TG42U ATTIVITÀ 74.40.2 AGENZIE DI CONCESSIONE DEGLI SPAZI PUBBLICITARI

STUDIO DI SETTORE TG42U ATTIVITÀ 74.40.2 AGENZIE DI CONCESSIONE DEGLI SPAZI PUBBLICITARI STUDIO DI SETTORE TG42U ATTIVITÀ 74.40.2 AGENZIE DI CONCESSIONE DEGLI SPAZI PUBBLICITARI Luglio 2006 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore TG42U Agenzie di concessione degli spazi pubblicitari,

Dettagli

Le aziende olivicole nel 6 Censimento Generale dell Agricoltura

Le aziende olivicole nel 6 Censimento Generale dell Agricoltura Le aziende olivicole nel 6 Censimento Generale dell Agricoltura Nel 21, secondo i risultati del 6 Censimento Generale dell Agricoltura, il settore olivicolo conta 92.75 aziende, in flessione del 19% circa

Dettagli

MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010

MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010 MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010 STATISTICHE RELATIVE AL PERIODO 1 GENNAIO 31 MARZO 2016 Ministero della Giustizia Dipartimento della Organizzazione Giudiziaria, del Personale e dei Servizi Direzione

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VG41U ATTIVITÀ 73.20.00 RICERCHE DI MERCATO E SONDAGGI DI OPINIONE Giugno 2013 Documento non definitivo PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore UG41U Ricerche di mercato e sondaggi

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico TABELLA "A" Dotazioni organiche regionali COMPLESSIVE - anno scolastico 2014-2015 a.s. 2011/12 a.s. 2012/13 a.s. 2014/15 rispetto a.s. 2011/12 a b c d e=d-a Abruzzo 5.195 5.124 5.119 5.118-77 Basilicata

Dettagli

Le imprese condotte da stranieri: il grado di imprenditorialità degli stranieri nelle aziende

Le imprese condotte da stranieri: il grado di imprenditorialità degli stranieri nelle aziende Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Le da stranieri: il grado di imprenditorialità degli stranieri nelle aziende Perché studiare l imprenditoria straniera p.2 Cosa si intende per da stranieri

Dettagli

CARATTERISTICHE STRUTTURALI

CARATTERISTICHE STRUTTURALI CARATTERISTICHE STRUTTURALI DELLE AZIENDE AGRICOLE DELLA FILIERA DELLE PIANTE OFFICINALI Corrado Ievoli Università del Molise www.ismea.it www.ismeaservizi.it ROMA 17/07/2013 L APPROCCIO E LE FONTI STATISTICHE

Dettagli

La geotermia e le pompe di calore per applicazioni domestiche

La geotermia e le pompe di calore per applicazioni domestiche La geotermia e le pompe di calore per applicazioni domestiche Ing. Carlo Novarese carlo.novarese@fondazionetelios.it Comune di Locana Sommario presentazione. Definizione di alcuni concetti fisici. Differenza

Dettagli

Guida agli archivi della Resistenza a cura di ANDREA TORRE

Guida agli archivi della Resistenza a cura di ANDREA TORRE Guida agli archivi della Resistenza a cura di ANDREA TORRE INDICE Introduzione, di Gianni Perona 13 Nota tecnica, di Andrea Torre 16 Tavola delle sigle 23 Istituto nazionale per la storia del movimento

Dettagli

MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE

MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE E quanto rilevato dall Osservatorio Mutui Casa alle Famiglie di Banca per la Casa Milano, febbraio 2007 - Il novimestre 2006 conferma la

Dettagli

Comitato Olimpico Nazionale Italiano Osservatòri Statistici per lo Sport RAPPORTO REGIONALE TRENTINO ALTO ADIGE

Comitato Olimpico Nazionale Italiano Osservatòri Statistici per lo Sport RAPPORTO REGIONALE TRENTINO ALTO ADIGE Comitato Olimpico Nazionale Italiano Osservatòri Statistici per lo Sport Censis Servizi I NUMERI 2001 DELLO SPORT RAPPORTO REGIONALE TRENTINO ALTO ADIGE Società, tesserati e operatori di tutte le Federazioni

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli

Piani operativi. attività di sorveglianza

Piani operativi. attività di sorveglianza Piani operativi. attività di sorveglianza Calabria sorveglianza domestici sorveglianza stradali Abruzzo sorveglianza con Siniaca e dati PS, 118, SDO, mortalità sorveglianza con: dati polizia, SDO, Mortalità).

Dettagli

CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE

CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE Edizione 2002 in collaborazione con RAPPORTO SUL CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE - Edizione 2002 RAPPORTO SUL

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA IN PIEMONTE. Risultati definitivi

6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA IN PIEMONTE. Risultati definitivi 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA IN PIEMONTE Risultati definitivi SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI Vengono diffusi oggi i principali risultati definitivi del 6 Censimento generale dell agricoltura

Dettagli

Percorsi di istruzione/formazione/abbandono/ inserimento lavorativo

Percorsi di istruzione/formazione/abbandono/ inserimento lavorativo Percorsi di istruzione/formazione/abbandono/ inserimento lavorativo Una prima sperimentazione di integrazione delle fonti regionali Romina Filippini, Annelisa Giordano Istat Progetto Archimede Annalisa

Dettagli

UNITÀ OPERATIVE TERRITORIALI DI CERTIFICAZIONE, VERIFICA E RICERCA

UNITÀ OPERATIVE TERRITORIALI DI CERTIFICAZIONE, VERIFICA E RICERCA UNITÀ OPERATIVE TERRITORIALI DI CERTIFICAZIONE, VERIFICA E RICERCA PIEMONTE ALESSANDRIA Competenza territoriale per le province di Alessandria, Asti 15121 Alessandria, via A. Gramsci 2 Tel. 0131/252653,

Dettagli

XVII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI

XVII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI Per quanto riguarda le singoli regioni, si registrano tendenze diverse, anche se si prendono in considerazione le regioni con una maggiore attività di procreazione assistita. I centri presenti in Piemonte

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

Bundesland Tirol Raumordnung - Statistik. Provincia Autonoma di Bolzano Istituto provinciale di statistica

Bundesland Tirol Raumordnung - Statistik. Provincia Autonoma di Bolzano Istituto provinciale di statistica Edizione 2000 Tirolo Alto Adige Trentino Bundesland Tirol Raumordnung - Statistik Provincia Autonoma di Bolzano Istituto provinciale di statistica Provincia Autonoma di Trento Servizio Statistica TERRITORIO

Dettagli

SOMMARIO NOTE TESTO. Art. 1. Art. 2. Art. 3. ALLEGATO A

SOMMARIO NOTE TESTO. Art. 1. Art. 2. Art. 3. ALLEGATO A Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 16/11/1995 Ripartizione di contributi a carico del bilancio dello Stato e relativi all'annualita' 1994 per la realizzazione dei piani di cui all'art.

Dettagli

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015)

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015) Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016 (Settembre 2015) In occasione dell inizio dell anno scolastico si fornisce una breve sintesi dei principali dati relativi alla

Dettagli

8 ottobre. Export italiano di agroalimentare

8 ottobre. Export italiano di agroalimentare 1991 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione

Dettagli

Il Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (SPRAR)

Il Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (SPRAR) Il Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (SPRAR) SPRAR Il Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (SPRAR) è la rete degli enti locali che realizzano progetti di accoglienza

Dettagli

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI 5.3 Il patrimonio scolastico e ospedaliero nelle aree di rischio Tra gli edifici esposti al rischio naturale rientrano alcune strutture, come le scuole e gli ospedali, che hanno una particolare importanza

Dettagli

SCREENING E DIAGNOSI PRECOCE IN ONCOLOGIA: COLON RETTO. Manuel Zorzi Registro Tumori del Veneto

SCREENING E DIAGNOSI PRECOCE IN ONCOLOGIA: COLON RETTO. Manuel Zorzi Registro Tumori del Veneto SCREENING E DIAGNOSI PRECOCE IN ONCOLOGIA: COLON RETTO Manuel Zorzi Registro Tumori del Veneto Lo screening colorettale in Italia I programmi di screening colorettale si sono diffusi in Italia a partire

Dettagli

1 - caratteristiche del prodotto 2 - caratteristiche del circuito 3 - modalità di utilizzo 4 - alcuni clienti

1 - caratteristiche del prodotto 2 - caratteristiche del circuito 3 - modalità di utilizzo 4 - alcuni clienti 1 - caratteristiche del prodotto 2 - caratteristiche del circuito 3 - modalità di utilizzo 4 - alcuni clienti 2007 Jakala Promoplan. Tutti i diritti riservati. 2 1. CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1/4 COS

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

L incidentalità sulle strade della provincia di Monza e della Brianza

L incidentalità sulle strade della provincia di Monza e della Brianza I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia L incidentalità sulle strade della provincia di Monza e della Brianza Novembre 2014 Per accedere al data-base dell incidentalità

Dettagli

SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA ED IN EMILIA- ROMAGNA DAL 2000 AL 2012

SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA ED IN EMILIA- ROMAGNA DAL 2000 AL 2012 SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA ED IN EMILIA- ROMAGNA DAL 0 AL 2012 L Istat ha recentemente pubblicato i dati relativi alla rilevazione delle separazioni e dei divorzi condotta nel 2012 presso le cancellerie

Dettagli

Gabriele Chiodini La nuova Pac: le principali novità e la regola dei pagamenti accoppiati

Gabriele Chiodini La nuova Pac: le principali novità e la regola dei pagamenti accoppiati Gabriele Chiodini La nuova Pac: le principali novità e la regola dei pagamenti accoppiati Le riforme della PAC 1962-1968: periodo transitorio; 1968-1984: funzionamento delle OCM; 1984-1988: prima riforma

Dettagli

Francesca Belinghieri. Novara, 11 giugno 2014

Francesca Belinghieri. Novara, 11 giugno 2014 Novara, 11 giugno 2014 "Il Nuovo SET (Servizio Emergenze Trasporti), uno strumento operativo per la gestione delle emergenze a supporto delle Autorità Pubbliche e delle Imprese". Francesca Belinghieri

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

FOCUS ottobre 2014. L agricoltura pugliese attraverso i dati delle rilevazioni censuarie PREMESSA. Fonti: Istat - data warehouse Censimento Generale

FOCUS ottobre 2014. L agricoltura pugliese attraverso i dati delle rilevazioni censuarie PREMESSA. Fonti: Istat - data warehouse Censimento Generale generale, alla direzione dell unità agricola, iii) in altra forma di condizione esempio compartecipanti quando individualmente alcuni soggetti si obbligano a coltivare in compartecipazione un terreno altrui

Dettagli

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Cod. ISTAT INT 00009 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Titolare: Dipartimento

Dettagli

ANALISI DEL POTENZIALE NAZIONALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO

ANALISI DEL POTENZIALE NAZIONALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Pagina 1 di 187 LA REALIZZAZIONE DELLA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO ai sensi dell art. 5, comma 1, del Decreto Legislativo 8 febbraio 2007, n.20 ("Attuazione della direttiva 2004/8/CE sulla promozione

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012 Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata Anno 2012 Premessa Nel settore della vigilanza privata il 2012 è stato un anno di record per gli ammortizzatori sociali, in particolare per

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO MARZO 2013

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO MARZO 2013 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO MARZO 2013 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo marzo 2013 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia Commento

Dettagli

le implicazioni sul territorio

le implicazioni sul territorio Napoli, 08 11 settembre 2010 l hinterland milanese tra sregolazione e illegalità la mafia le implicazioni sul territorio Intenso sviluppo edilizio svincolato dall andamento demografico che genera offerta

Dettagli

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Dipartimento delle politiche competitive del mondo rurale e della qualità Direzione generale della competitività per lo sviluppo rurale STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Bollettino

Dettagli

Le opportunità indotte dall utilizzo della moneta elettronica

Le opportunità indotte dall utilizzo della moneta elettronica Le opportunità indotte dall utilizzo della moneta elettronica Antonio Fabiano Via Pontida, 213 Zona Industriale e Tecnologica I Girasoli 24040 Stezzano - Bergamo Il Gruppo Index Il Gruppo Index è azionista

Dettagli

il nuovo sistema elettorale

il nuovo sistema elettorale il nuovo sistema elettorale Cosa cambia con Il testo approvato dalla Camera INIZIO /7 Numero di seggi alla Camera dei deputati Quanti deputati si eleggono? DAI VOTI ESPRESSI DAGLI ITALIANI ALL ESTERO:

Dettagli

1. LA CONGIUNTURA MONDIALE

1. LA CONGIUNTURA MONDIALE http://www.enit.it/it/studi.html IL TURISMO STRANIERO IN ITALIA A cura della Direzione Centrale Programmazione e Comunicazione 1. LA CONGIUNTURA MONDIALE I flussi turistici internazionali continuano a

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

della provincia di Padova Sintesi anno 2015 A cura del Servizio Studi - Padova, marzo 2016

della provincia di Padova Sintesi anno 2015 A cura del Servizio Studi - Padova, marzo 2016 Indicatori del mercato del lavoro della provincia di Padova Sintesi anno 2015 A cura del Servizio Studi - Padova, marzo 2016 Principali indicatori del mercato del lavoro provinciale Fonti disponibili Inps

Dettagli

Rapporto riparazioni 2016. Rapporto riparazioni 2016 RiparAutOnline Febbraio 2016. RiparAutOnline srl www.riparautonline.com info@riparautonline.

Rapporto riparazioni 2016. Rapporto riparazioni 2016 RiparAutOnline Febbraio 2016. RiparAutOnline srl www.riparautonline.com info@riparautonline. Rapporto riparazioni 2016 Rapporto riparazioni 2016 RiparAutOnline Febbraio 2016 RiparAutOnline srl www.riparautonline.com info@riparautonline.com Testo elaborato su dati 2015 del portale www.riparautonline.com

Dettagli

PIANO VIAGGI - ABRUZZO PIANO VIAGGI - BASILICATA PIANO VIAGGI - BOLZANO PIANO VIAGGI - CALABRIA

PIANO VIAGGI - ABRUZZO PIANO VIAGGI - BASILICATA PIANO VIAGGI - BOLZANO PIANO VIAGGI - CALABRIA PIANO VIAGGI - ABRUZZO ABRUZZO CHIETI 7 Partenza alle ore 14.00 dalla stazione FS di Chieti. Proseguimento per Sulmona stadio di atletica leggera dove alle ore 15.00 sale SULMONA 1 l'atleta di Sulmona.

Dettagli

I giovani e il lavoro. in provincia di Padova. Dati 2010

I giovani e il lavoro. in provincia di Padova. Dati 2010 I giovani e il lavoro in provincia di Padova Dati 2010 A cura di Anna Basalisco Nota metodologica: I dati esposti sono di fonte CO Veneto SILL Veneto, elaborati dall Osservatorio sul Mercato del Lavoro

Dettagli

Piano Nazionale di Prevenzione in Agricoltura e Selvicoltura -2009 / 2011-

Piano Nazionale di Prevenzione in Agricoltura e Selvicoltura -2009 / 2011- Piano Nazionale di Prevenzione in Agricoltura e Selvicoltura -2009 / 2011-1- IL CONTESTO 1.1) Le caratteristiche strutturali del comparto agro-forestale in Italia Per fornire una sintetica panoramica del

Dettagli

RAPPORTO IMPRESAINGENERE La crisi non ha fermato le donne: 35mila imprese femminili in più tra 2010 e 2015

RAPPORTO IMPRESAINGENERE La crisi non ha fermato le donne: 35mila imprese femminili in più tra 2010 e 2015 Comunicato stampa RAPPORTO IMPRESAINGENERE La crisi non ha fermato le donne: 35mila imprese femminili in più tra 2010 e 2015 Sono 1 milione e 312mila, danno lavoro a 3 milioni di persone e sono sempre

Dettagli

DEPOSITI E TRASPORTI A TEMPERATURA CONTROLLATA

DEPOSITI E TRASPORTI A TEMPERATURA CONTROLLATA DEPOSITI E TRASPORTI A TEMPERATURA CONTROLLATA MAZZOCCO Srl via Caduti del Lavoro, 23 - Bogolese 43058 Sorbolo - PR - ITALY Tel. +39-0521 664003 - Fax. +39-0521 604674 NEW LOGISTIC Srl via Nobel, 5/A -

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE WD23U ATTIVITÀ 16.29.40 LABORATORI DI CORNICIAI Febbraio 2015 Documento non definitivo PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore VD23U Laboratori di corniciai, è stata condotta analizzando

Dettagli

I centri antitumore dell'oncoguida suddivi per tipo di tumore e per Regione

I centri antitumore dell'oncoguida suddivi per tipo di tumore e per Regione I centri antitumore dell'oncoguida suddivi per tipo di tumore e per Regione REGIONE TUMORE ENTI CON PALLINI VERDI* ENTI SENZA PALLINO TOTALE ENTI % VERDI Abruzzo Colon - retto 2 28 30 6,67 Abruzzo Connettivo

Dettagli

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5%

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% I dati definitivi sul bilancio elettrico del 2014 fanno registrare una riduzione

Dettagli

Andamento della spesa sanitaria e farmaceutica e verifica dell efficacia delle misure di ripiano Anno 2004

Andamento della spesa sanitaria e farmaceutica e verifica dell efficacia delle misure di ripiano Anno 2004 Riunione CdA 24.02.05 Andamento della spesa sanitaria e farmaceutica e verifica dell efficacia delle misure di ripiano Anno 2004 Contenuto: Spesa consolidata 2004 Impatto delle manovre di contenimento

Dettagli

RICERCA DI MARKETING SUI CENTRI ESTETICI ITALIANI

RICERCA DI MARKETING SUI CENTRI ESTETICI ITALIANI RICERCA DI MARKETING SUI CENTRI ESTETICI ITALIANI La situazione attuale e le tendenze evolutive nel mondo dei centri estetici In collaborazione con: sintesi 1 IL MODELLO DI RICERCA INTEGRATA Ricerca Integrata

Dettagli

Stato dell arte del teleriscaldamento a biomassa in Italia: Numeri e prospettive. Walter Righini Presidente FIPER

Stato dell arte del teleriscaldamento a biomassa in Italia: Numeri e prospettive. Walter Righini Presidente FIPER Stato dell arte del teleriscaldamento a biomassa in Italia: Numeri e prospettive Walter Righini Presidente FIPER CHI SIAMO 86 Centrali di teleriscaldamento a biomassa vergine (di cui 16 cogenerative) 22

Dettagli

3 MONITORAGGIO DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

3 MONITORAGGIO DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Ente collegato: COMUNE DI POVOLETTO Chiudi Stato: Salvato in versione definitiva 3 MONITORAGGIO DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE VERIFICA DEL PARCO AUTO CENSITO AL 2011 Le tabelle

Dettagli

STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010. Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO

STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010. Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010 Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO La ricerca sviluppata ha preso in esame tutte le segnalazioni pervenute al Centro Operativo Nazionale del

Dettagli

BIO IN CIFRE 2014. Bologna, 6.9.2014 - Francesco Giardina

BIO IN CIFRE 2014. Bologna, 6.9.2014 - Francesco Giardina Bologna, 6.9.2014 - Francesco Giardina Andamento di operatori e superfici in Italia 1990-2013 Biologico in Italia al 31/12/2013 n. operatori: 52.383 SAU: 1.317.177 ha 1993-2013: dati MiPAAF; elaborazioni:

Dettagli

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*)

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) Regioni e province 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 ABRUZZO 15,07 19,62

Dettagli

Le retribuzioni medie si sono invece mantenute più o meno stabili intorno ai 2.400 euro mensili.

Le retribuzioni medie si sono invece mantenute più o meno stabili intorno ai 2.400 euro mensili. INTRODUZIONE La presente analisi si propone di approfondire l andamento economico che ha caratterizzato la città di Roma negli ultimi anni attraverso un quadro dei dati amministrativi INPS riguardanti

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

La Toscana al 6 Censimento Generale

La Toscana al 6 Censimento Generale na regione Toscana ilità diritti Valori innovazione sostenibilità La Toscana al 6 Censimento Generale dell Agricoltura Risultati Provvisori La Toscana al 6 Censimento Generale dell Agricoltura Risultati

Dettagli

VINI DOP E IGP DATI ECONOMICI E STRUTTURA DEL SISTEMA DELLA VITICOLTURA DI QUALITÀ IN ITALIA

VINI DOP E IGP DATI ECONOMICI E STRUTTURA DEL SISTEMA DELLA VITICOLTURA DI QUALITÀ IN ITALIA VINI DOP E IGP DATI ECONOMICI E STRUTTURA DEL SISTEMA DELLA VITICOLTURA DI QUALITÀ IN ITALIA www.ismea.it www.ismeaservizi.it L UNIVERSO DI RIFERIMENTO DELL ANALISI IL NUMERO DEI RICONOSCIMENTI TOTALI:

Dettagli

Produzione: crescono le rinnovabili (+11,1%), si conferma primato del gas nella produzione termica (67,1%)

Produzione: crescono le rinnovabili (+11,1%), si conferma primato del gas nella produzione termica (67,1%) Nota di sintesi Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2010 CRESCE LA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2010: +3,2% E il valore di crescita più alto del decennio 2001-2010, eguagliato l incremento

Dettagli

APPUNTI 23 MAGGIO 2016

APPUNTI 23 MAGGIO 2016 PUBBLICO E PRIVATO NEI SERVIZI PER IL LAVORO Anticipazione dei dati ISFOL-PLUS 2014 che verranno diffusi in un research paper 1 in corso di pubblicazione. Dopo il Rapporto annuale di monitoraggio sui Servizi

Dettagli