categorizzazione fonemica, esercizi di omissione e riconoscimento del suono iniziale, discriminazione di parole lunghe e corte.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "categorizzazione fonemica, esercizi di omissione e riconoscimento del suono iniziale, discriminazione di parole lunghe e corte."

Transcript

1 Parolandia Uno studio significativo in tal senso è stato effettuato da Orsolini e colleghi finalizzato a capire se la consapevolezza fonologica sia un prerequisito specifico per l apprendimento della lettura o se invece questo sia mediato anche da altre variabili con effetti di facilitazione - come una certa familiarità con la lingua scritta e l ortografia - o di ostacolo, come la presenza di deficit nella memoria a breve termine o la difficoltà a categorizzare foneticamente il segnale acustico. I dati raccolti evidenziano che non esiste un legame diretto tra ritardo fonologico e difficoltà iniziali di apprendimento e che i migliori predittori dell apprendimento della lettura sono la correttezza nelle prove di ricerca di simboli e di segmentazione di parole in fonemi. AI contrario, i fattori responsabili di una bassa prestazione nei compiti di consapevolezza fonologica sono: - l omissione o la sostituzione frequente di consonanti - la difficoltà nel segmentare le parole in fonemi - la difficoltà di concettualizzazione della lingua scritta, cioè la fatica di comprendere che le lettere codificano parti del suono delle parole. Lo studio di questi autori fornisce altre osservazioni interessanti; in particolare. mostra che non esiste un prerequisito specifico ma combinazioni di conoscenze e di abilità cognitive e linguistiche che forniscono ai bambini un potente elemento di facilitazione nell apprendimento della lettura; inoltre, suggerisce che i bambini con un ritardo linguistico limitato alla componente fonologica possono comunque avere un buon apprendimento della lettura. La letteratura non propone procedure educative, validate su dati scientifici, basate sul training fonologico che stimolino nel bambino sin dalla scuola dell'infanzia, una migliore consapevolezza fonetica e incrementino i prerequisiti necessari (ma non sufficienti) come l attenzione, la memoria uditiva, la fluenza articolatoria. Risulta di basilare importanza, secondo questa autrice, rispettare una sequenza precisa di giochi a difficoltà crescente: - iniziare la scomposizione di parole composte, e passare poi alla segmentazione in sillabe e suoni; - nei giochi di identificazione, ricordare che il bambino coglie più facilmente la posizione iniziale del suono; - i compiti di identificazione dei suoni sono più semplici di quelli di produzione; - è opportuno usare, in sequenze ordinate per complessità, un modello consonante-vocale, uno vocale-consonante, e infine uno consonante-vocale-consonante. Ogni unità stimolava i bambini all'esercizio su alcune componenti fondamentali delle abilità metalinguistiche, come le filastrocche rimate, i giochi di fusione, segmentazione e 1

2 categorizzazione fonemica, esercizi di omissione e riconoscimento del suono iniziale, discriminazione di parole lunghe e corte. APPENDICE Questi semplici e brevi esercizi, da affiancare al normale programma educativo per bambini di 5 anni o più grandi, se presentano difficoltà nell awiamento alla letto-scrittura, mira a stimolare la scoperta della struttura sonora del linguaggio, prerequisito fondamentale per l alfabetizzazione del bambino. Esso va quindi a promuovere la consapevolezza fonologica, con l obiettivo di awiare un training specifico sugli aspetti fonologici della parola, idealmente già con bambini in scuola dell'infanzia, abituandoli a pensare alle parole come a sequenze di suoni. Abbiamo pensato a una presentazione accattivante per i bambini, ad esempio a un grande poster appeso a una parete intitolato Parolandia, con un percorso a tappe simile a[ gioco dell oca, in cui il pupazzetto-mascotte, Parolino, passa da una tappa all altra, attraverso i giochi fonologici proposti di giorno in giorno. A questo riguardo, per6, ogni insegnante può sbizzarirsi, utilizzando qualsiasi idea che le suggerisce ]a sua fantasia o quella del bambini. Gioco del Tic Tac Bambini, giocate e ascoltate con me al ritmo del tic-tac e... attenti a non perdere il ritmo e a ripetere bene tutto quello che dico. Siete pronti? Allora, si parte! Gioco n. 1 a) Dam dam dam b) Fam fam fam dem dem dem fem fem fem dim dim dim fim firn fim dom dom dom fom fom fom dum dum dum fum fum fum dama, dimmi, doma, Dumbo fame, femmina, fumo c) Gam gam gam d) (Ripetere con fl metronomo a/ tempo ghem ghem ghem 88) 2

3 ghim ghim ghim gom gom gom gum gum gum gamba, gomma Bam bam bam bem bem bem bim bim bim bom bom bom bum bum bum. bombola,.bimbo, bombola Gioco n. 2 a) Cam cam cam d) Lam lam lam chem chem chem lem lem lem chim chim chim lim lim lim com com com lom lom lom cum cum cum lum lum lum lama, lemme, lombrico, lume, limone b) Fam fam fam fem fem fem e) (Ripetere le seguenfi frasi) fim fim flm Il camino è acceso fom fom fom Ho tanta fame fum fum fum lo ho la gomma famiglia, femmina, fumo La lama è lunga c) Gam gam gam ghem ghem ghem ghim ghim ghim gom gom gom gum gum gum gamba, gomma Gioco n. 3 a) Tam tam tam c) Quam quam quam tem tem tem quem quem quem tim tim tim quom quom quom 3

4 tom tom tom tum tum tum tamburo, timido, tombola quim quim quim quum quum quum quale, quello, qui b) Vam vam vam d) Sam sam sam vem vem vem sem sem sem vim vim vim som som som vom vom vom sim sim sim vum vum vum sum sum sum vampiro, vimini, vomere seme, somaro, simpatico e) Mam mam mam mem mem mem mim mim mim mom mom mom mum mum mum mamma, mimo, mummia Gioco n. 4 a) Nam nam nam c) (Ripetere le seguenti frasi) nem nem nem La mamma d bella nim nim nim Mangio i pomodori nom nom nom Il mio nome è Francesco num num num Io disegno la Pimpa nemico, nome, numero lo vedo un numero b) Pam pam pam pem pem pem pim pim pim pom pom pom pum pum pum pampino, Pimpa, pomodoro 4

5 Gloco n. 5 a) (limetronomovieneposizionatooltem- b) (limetronomovieneposizionatoaftempo 96) po 88) Ap ap ap Dap dap dap ep ep ep dep dep dep ip ip ip- dip dip dip op op op dop dopdop up up up dup dup dup appena, eppure, ippopotamo, operaio dapprima, deposito, dipende, dopo Dopo vado da mamma Appena arriva il gatto il topo scappa Gioco n. 6 a) Af af af b) Bat bat bat ef ef ef bet bet bet if if if bit bit bit of of of bof bof bof uf uf uf but but but affare, effetto, offeso, ufficio baffi, beffe, bufalo c) (Ripetere le seguenti frasi) e) (Ripetere le seguenti frasi) Quel signore ha i baffi La sarta usa l ago Ho visto un branco di bufali Le api hanno la regina Mi sono offeso con te lo guardo La bella e la bestia Quella luce fa effetto lo mangio il biscotto Mio padre è in giro per affari d) (Prima pronucia del suono duro, poi del suono dolce) Ag ag ag eg eg eg ig ig ig og og og ug ug ug 5

6 Gioco, n. 7 a) Ababab d) Cam cam cam eb eb eb cem cem cem ib ib ib cim cim cim ob ob ob com com com ub ub ub cum cum cum abbiamo, ebbene, obbedire, ubriaco cambio, cembalo, cima, come b) Tab tab tab e) (Il metronomo viene posizionato al temteb teb teb po 96) tib tib fib A al al tob tob tob el el el tub tub tub il il il tabella, tibia, tubo ol ol ol Noi abbiamo mangiato il biscotto ul ul ul lo guardo dentro il tubo ala, elica, olio c) Ram ram ram rem rem rem rim rim rim rom rom rom rum rum rum ramo, remo, rima, Roma Gioco n. 8 a) (Il metronomo viene posizionato al tem- e) Gal gal gal po 88) gel gel gel Bal bal bal gil gil gil bel bel bel gol gol gol bil bil bil gul gul gul 6

7 bol bol bol gallo, gelo, gilè, gola bul bul bul ballo, bello, bollo, bullo f) (Ripetere le seguenti frasi) lo sono bello Ci piace il ballo b) Tal tal tal lo tolgo il berretto tel tel tel La tela del ragno til til til Il delfino nuota tol tol tol Il dolce mi piace tul tul tul Ho gli occhi celesti tale, telefono, tolgo, tulle Fa tanto caldo Il gallo canta c) Dal dal dal Mi metto il golfino del del del dil dil dil dol dol dol dui dui dui dalia, delfino, dillo, dolce d) Cal cal cal cel cel cel cil cil cil col col col cul cul cul calce, celeste, ciliegia, collo, culmine Gioco n. 9 c) Bas bas bas fug fug fug bes bes bes fagiolo, figura, foga, fuggire bis bis bis bos bos bos c) Quas quas quas bus bus bus ques ques ques bastone, bestia, biscia, bosco quis quis quis quasi, questa, quisquilia b) Fog fag fag 7

8 feg feg feg fig fig fig fog fog fog Uhhh... Che paura! Il gioco delle parole spezzate Parolino è entrato in una stanza buia e ha avuto una tale paura che adesso non riesce a dire un sola parola per intero. Vediamo un po' se riusciamo a capire quello che tremando vuole dirci T.. o... r... t... a.accipicchia, che cosa ha detto? Provo a indovinare- torta? Va bene? Allora pronti, proviamo con altre, e attenti a capire quello che dice. M... e... l... a... T.. a... n... a... P.. i... p... a... V e... l... o... S... a... l... a... D... a... d- o L... a... n... a... G... o... l.a... N... i... d... o... R... a... n... a... Parolino balbetta Quando è emozionato, Parolino si fa tutto rosso in viso e inizia a parlare saltando sempre la prima letterina di ogni parola. Ma voi lo capite se dice: _ ela oppure _ erendina? Secondo me, ha detto mela, e poi voleva dire merendina. Che fatica capire anche queste: (m) are (d) ito (1) upo (p) era (C) ocia (n-)eve (s) ole (b) uco (v) aso (f) ungo 8

9 Il gioco del bastimento Uno del giochi che Parolino fa con i suoi amichetti si chiama é arrivato un bastimento carico di... n e vince il bambino che dice più paroline che iniziano tutte allo stesso modo. Vediamo di capirci. Allora: è arrivato un bastimento carico... cario di cose che iniziano con la p. Chi sa dirmi paroline che conosce che iniziano per p? Aspettate, inizia Parolino: pane. Altre? Forza, vediamo chi vince. È arrivato un bastimento carico di... m È arrivato un bastimento carico di... b È arrivato un bastimento carico di... c È arrivato un bastimento carico di... t È arrivato un bastimento carico di... s È arrivato un bastimento carico di... e È arrivato un bastimento carico di- f È arrivato un bastimento carico di... o È arrivato un bastimento carico di... i È arrivato un bastimento carico di... u Nasolungo e Ditocorto Questi buffi amici di Parolino, Nasolungo e Ditocorto, si chiamano così perchè Nasolungo dice sempre parole lunghe, lunghe, che non finiscono mai, come... vediamo... se, ricordo dice: passamontagna o motocicletta. Ditocorto, invece, dice parole talmente brevi che se non stai attento, sembrano volare via. Un esempio? Aspetta... ah, dice ago. Allora, Parolino dirà tutte le parole che si ricorda di avere sentito dai suoi due strani amici, e voi dovete indovinare chi le ha dette... va bene? Iniziamo. Topo - papavero Canarino - vela Coccodrillo - naso Telefono - pino Casa - locomotiva Fata - elefante Tegamino - rete Sera - serenata Sorella - sole Pesca - pescatore 9

10 Indovina fa prima letterina (fa pure la rima) Vi ricordate la storia di prima? V! ho raccontato che Parolino, quando prende una grande paura, si dimentica di dire la prima letterina di ogni parola; ora, però, la paura gli è passata e le dice proprio bene! Non ci credete? E allora giochiamo! Parolino dice una parola e voi dovete dire con quale letterina inizia. Una prova? Va bene: allora, Parolino dice mare. Va detta bene oppure ha ancora paura? Vediamo: con quale letterina inizia la parola mare? Masi, abbiamo sentito bene: inizia per m. Ora ascoltate attentamente queste parole e dite con quale letterina iniziano. Mano Pane Bolla Tana Dito Naso Fata Vela Rosa Luna Parolino poeta Ma lo sapete che Parolino scrive anche poesie? Certo: gli piacciono tante le poesie con le rime, Beh, c'è un piccolo problema: qualche volta non gli viene in mente neanche una rima, e allora deve trovare qualche amico che gli db una mano, e ci mette la parolina giusta. Lo aiutiamo anche noi? Bene! Ne sardi contentissimo! C'è nel bosco un uccellino che ha fatto il nido sopra un A lui piace assai cantare quando è stanco di Su ogni ramo lui saltella fa una vita proprio Sentite queste. Apelle figlio di Apollo Fece una palla di pelle di E tutti i pesci vennero a galla Per vedere fa Di pelle di pollo Fatta da Apelle figlio di... Sentiamo un altra poesia: 10

11 Giro giro tondo Trenta giorni a novembre casca il con april, giugno e settembre casca la di ventotto ce n è uno tutti giù per. tutti gli altri ne han Ancora un altra. Uccellin che vien dal mare Quante penne puoi.. Ne posso portare ventitrè Uno, due e Oggi è domenica, non si lavora Possa lentissima ora per. Fuori è gennaio, c'6 freddo e gelo Nuvole nere attraversano il. È la mattina presto Quando mi sveglio, mi lavo e mi.. Sono contento di buonurnore Sette risate mi ballano in. Filastrocca impertinente Chi sta zitto non dice. Chi sta fermo non cammina Chi va lontano non si. Chi si siede non sta ritto Chi va storto non va.. E questa la conoscete? Zucca Pelata ha fatto i tortelli E non dà niente ai suoi... I suoi fratelli fanno la frittata E non dan niente a Zucca... Scopri la letterina nascosta Parolino si veste ora da investigatore e deve scovare le letterine che si nascondono dentro le parole. Un esempio? Nella parola carta, c'è il suono a? Si che c'è! Avete capita? Allora, in cerca! 11

12 Carta: c'è. la t? Matita: c è la p? Biscotto: la b? Ruota: c'è la u? Canarino: c'è la n? Papavero: c'è la p? Metro: c'è la r? Ancora: c'è la c? Bicicletta: c'è la L? Latte: c'è la L? Pallone: c'è la G? Uguali o diversi? Vi dirò due parole, una vicina all'altra: alcune sono uguali, come pane pane ; altre, invece, sono diverse, come ad esempio pane panna. Ditemi se sono uguali, oppure no, queste parole: Nave - nave Pino - tino Pila - pila Casa - cosa Vela - tela Cane - cane Foto - foto Passo - basso Rete - rete Polo - palo Indovina che cos è Avete mai giocato agli indovinelli? Parolino inizierà a dire come iniziano, oppure come terminano, alcune paroline che conoscete bene. State attenti: dovete indovinare di cosa si tratta. La cosa che inizia per occh... 12

13 La cosa che termina per... etta La cosa che termina per... one La cosa che inizia per mat... La cosa che inizia per sold... La cosa che finisce con... etta La cosa che inizia con cap... La cosa che termina con ino La cosa che termina con... ella La cosa che inizia con cioc... Le parole staccate Alcune paroline si sono per incanto spezzate esattamente in due, e non s! riesce più a capire che cosa vogliono dire. Ad esempio, una parola si spezzata così: ca sa ; se le attacco, viene fuori casa. Bene, provate a incollare le altre. me - la ta - na pi - pa ve - lo sa - fa da - do fa - na go - fa ni-do ra - na La lingua degli extraterrestri Da qualche giorno, Parolino dice cosa senza senso, che non si capiscono, e lui dice che ha imparato a parlare come gli extraterrestri, quelli che vivono lontano lontano, nello spazio. Proviamo a imparare, ripetendole, le parole della sua stranissima lingua. Iniziamo da quelle pio semplici: 13

14 fosto prisi tonca pusto stoso vorca serdo lanfo dorta bepre tazio buolo staro trisi pando tente Poi quelle un pochino più difficili: gnoba cogiu gnaro gnufo sceto eglia chida rigli rascevo tagnidro bachimio Arrivano quelle difficili, attenti! docaro ginema redoce vranoma redazza binamba diminio arezzama forconto canimedo locostato tacipacc verdusape tambilina sirbolone E quelle stranissimel abato chiedibile tendometro vacuazione stereotassi scimiaro caglisto fegnosto 14

Scuola Infanzia Piantedo A.S. 2012/2013. Percorso metafonologico e fonologico: GIOCO CON LE PAROLE

Scuola Infanzia Piantedo A.S. 2012/2013. Percorso metafonologico e fonologico: GIOCO CON LE PAROLE Scuola Infanzia Piantedo A.S. 2012/2013 Percorso metafonologico e fonologico: GIOCO CON LE PAROLE GRUPPO: intersezione bambini 5 anni UNITÀ DI APPRENDIMENTO TITOLO/OF OO FF Titolo: GIOCO CON LE PAROLE

Dettagli

Giochi Metafonologici

Giochi Metafonologici Giochi Metafonologici Attività metafonologica a livello sillabico Sillaba iniziale ( percezione) Mettere degli oggetti o figure un personaggio che viene da un altro mondo e non sa parlare bene e dice solo

Dettagli

PRIMA DELLA DIAGNOSI. Laboratorio. Adriano Grossi, DS Dir Did Fidenza e I.C. Busseto

PRIMA DELLA DIAGNOSI. Laboratorio. Adriano Grossi, DS Dir Did Fidenza e I.C. Busseto PRIMA DELLA DIAGNOSI Laboratorio Adriano Grossi, DS Dir Did Fidenza e I.C. Busseto Le prove criteriali di assessment Le abilità procedurali sono automatizzate o presentano difficoltà? 2 2 QUALI TEST Lettura

Dettagli

Laboratori fonologici: Verifica e punto di partenza per l apprendimento della lettoscrittura

Laboratori fonologici: Verifica e punto di partenza per l apprendimento della lettoscrittura Laboratori fonologici: Verifica e punto di partenza per l apprendimento della lettoscrittura Suggerimenti per le insegnanti Ins. Formatore Orfei Carla OBIETTIVI GENERALI: Esplorare e conoscere l ambiente

Dettagli

I bambini preconvenzionali

I bambini preconvenzionali I bambini preconvenzionali Sono bambini che scrivono lettere a caso, non quantificano la lunghezza della parole, in alcuni casi non scrivono nulla. In genere le difficoltà di questi bambini sono a due

Dettagli

A SCUOLA DI PAROLE. ATTIVITA PER I BIMBI DI 5 ANNI lavori di gruppo per docenti della Scuola dell Infanzia

A SCUOLA DI PAROLE. ATTIVITA PER I BIMBI DI 5 ANNI lavori di gruppo per docenti della Scuola dell Infanzia A SCUOLA DI PAROLE ATTIVITA PER I BIMBI DI 5 ANNI lavori di gruppo per docenti della Scuola dell Infanzia Lunedì 17 novembre 2014 Venerdì 30 gennaio 2015 Lunedì 11 maggio 2015 Chiara Portoraro - logopedista

Dettagli

Scuola dell Infanzia Umberto I Robecco sul Naviglio Anno Scolastico 2014-2015 PROGETTO LETTO-SCRITTURA

Scuola dell Infanzia Umberto I Robecco sul Naviglio Anno Scolastico 2014-2015 PROGETTO LETTO-SCRITTURA Scuola dell Infanzia Umberto I Robecco sul Naviglio Anno Scolastico 2014-2015 PROGETTO LETTO-SCRITTURA Il progetto nasce dal desiderio di accompagnare il bambino/a dell ultimo anno della Scuola dell Infanzia

Dettagli

Introduzione L insegnante: Oggi impareremo a conoscere le nostre capacità e quelle degli altri. Impareremo anche come complementarsi a vicenda.

Introduzione L insegnante: Oggi impareremo a conoscere le nostre capacità e quelle degli altri. Impareremo anche come complementarsi a vicenda. www.gentletude.com Impara la Gentilezza 5 FARE COMPLIMENTI AGLI ALTRI Guida Rapida Obiettivi: i bambini saranno in grado di: di identificare i talenti e i punti di forza propri e degli altri, e scoprire

Dettagli

ESERCIZI METAFONOLOGICI

ESERCIZI METAFONOLOGICI ESERCIZI METAFONOLOGICI - Segmentazione e fusione sillabica (es. MA-TI-TA); - Riconoscimento della sillaba iniziale delle parole ; - Riconoscimento del sillaba finale; - Riconoscimento della somiglianza

Dettagli

PERCHE UN PERCORSO FONOLOGICO GIA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA?

PERCHE UN PERCORSO FONOLOGICO GIA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA? PERCHE UN PERCORSO FONOLOGICO GIA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA? I bambini in età prescolare sono abituati a utilizzare il suono delle parole in modo inconsapevole, automatico, come un mezzo per arrivare

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

LABORATORIO FONOLOGICO. Anno scolastico 2015/2016

LABORATORIO FONOLOGICO. Anno scolastico 2015/2016 LABORATORIO FONOLOGICO Anno scolastico 2015/2016 1 MOTIVAZIONE Tra i quattro e i cinque anni i bambini, se stimolati, sono in grado di decentrarsi dal significato della parola, per concentrarsi sul suo

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione!

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! MATERIALE Un pupazzetto a forma di uccellino in un cestino, inizialmente nascosto da qualche parte. Stampa della diapositiva 8, incollata

Dettagli

Acca sì acca no. 1 - Prova a farti le seguenti domande. Se hai risposto sì ad una di queste domande allora metti l'h. domandarti:

Acca sì acca no. 1 - Prova a farti le seguenti domande. Se hai risposto sì ad una di queste domande allora metti l'h. domandarti: Acca sì acca no Per capire meglio... 1 - Prova a farti le seguenti domande Significa possedere? Significa provare sentire qualcosa? Significa aver eseguito o fatto qualcosa? Se hai risposto sì ad una di

Dettagli

Difficoltà e disturbi specifici di apprendimento: dalla valutazione al potenziamento delle abilità

Difficoltà e disturbi specifici di apprendimento: dalla valutazione al potenziamento delle abilità Difficoltà e disturbi specifici di apprendimento: dalla valutazione al potenziamento delle abilità 13 gennaio 2012 Barbara Carta Barbara Carta Fattori predittivi dei DSA Gli è stato diagnosticato questo

Dettagli

Log. Valeria Allamandri valeria.allamandri@aslcn1.it

Log. Valeria Allamandri valeria.allamandri@aslcn1.it Log. Valeria Allamandri valeria.allamandri@aslcn1.it Per allenare un pre-requisito importante della letto-scrittura Per individuare precocemente i bambini a rischio. INDIVIDUAZIONE PRECOCE E importante

Dettagli

Indice. Pasta per due... pag. 5. Scheda culturale - Le carte... pag. 42. Esercizi... pag. 45. Soluzioni degli esercizi... pag. 63

Indice. Pasta per due... pag. 5. Scheda culturale - Le carte... pag. 42. Esercizi... pag. 45. Soluzioni degli esercizi... pag. 63 Indice Pasta per due... pag. 5 Scheda culturale - Le carte... pag. 42 Esercizi... pag. 45 Soluzioni degli esercizi... pag. 63 Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma.

Dettagli

Stella stellina la prima si avvicina

Stella stellina la prima si avvicina Stella stellina la prima si avvicina Proposta di un laboratorio per un training fonologico per gli alunni dell ultimo anno della scuola d infanzia e alunni di classe prima Ins.te V. Piazza PREMESSA Il

Dettagli

DISLESSIA E DSA : il processo diagnostico, gli interventi riabilitativi

DISLESSIA E DSA : il processo diagnostico, gli interventi riabilitativi DISLESSIA E DSA : il processo diagnostico, gli interventi riabilitativi Rimini - 11 novembre 2005 Enrico Savelli Centro di Neuropsicologia Clinica dell Età Evolutiva ASUR Marche Zona di Pesaro 2005 E.

Dettagli

valentina.ferraris16@gmail.com

valentina.ferraris16@gmail.com LINGUAGGIO prevenzione e intervento (proposte operative) valentina.ferraris16@gmail.com Studi retrospettivi sui precursori dei DSA Studi longitudinali sull evoluzione dei bambini con DSL Molti DSA hanno

Dettagli

Osservare abilità metafonologiche

Osservare abilità metafonologiche Osservare abilità metafonologiche La competenza metafonologica Capacità di percepire e riconoscere i suoni per via uditiva, i fonemi che compongono le parole del linguaggio parlato, operando adeguate trasformazioni

Dettagli

PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO. Emidio Tribulato. Volume. Livello 1. Centro studi LOGOS - ONLUS - Messina

PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO. Emidio Tribulato. Volume. Livello 1. Centro studi LOGOS - ONLUS - Messina PROGRAMMA BASE PER LO SVILUPPO LOGICO E COGNITIVO Emidio Tribulato Volume Centro studi LOGOS - ONLUS - Messina 2 Livello 1 CENTRO STUDI LOGOS ONLUS CENTRO DI RICERCHE PSICOPEDAGOGICHE VIA PRINCIPE TOMMASO

Dettagli

UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI. adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e

UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI. adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e si va Il paese della RABBIA 1. Dove si sente la rabbia 2. Io mi arrabbio quando 3. Cosa mi aiuta 4.

Dettagli

Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO

Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO Area linguistico-intellettiva Le tappe del pensiero Nel corso del primo anno: segue con lo sguardo gli oggetti in movimento; distingue i volti

Dettagli

Scuola infanzia e primaria di Mortara(PV), 14 giugno 2012

Scuola infanzia e primaria di Mortara(PV), 14 giugno 2012 Prima di arrivare ai DSA Modulo letto-scrittura Dr.ssa Laura Landi Psicologa dell Apprendimento Dr.ssa Maria Carmela Valente Logopedista Insegnante per l Infanzia Scuola infanzia e primaria di Mortara(PV),

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Metafonologia. Luciana Ventriglia. insegnante-pedagogista clinico Formatore A.I.D

Metafonologia. Luciana Ventriglia. insegnante-pedagogista clinico Formatore A.I.D Metafonologia Luciana Ventriglia insegnante-pedagogista clinico Formatore A.I.D Definizione di competenza metafonologica È una particolare conoscenza metalinguistica che consiste nella capacità di percepire

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

II CIRCOLO DIDATTICO DI CASTELVETRANO LINGUA ITALIANA (PROVE INGRESSO) CLASSI TERZE

II CIRCOLO DIDATTICO DI CASTELVETRANO LINGUA ITALIANA (PROVE INGRESSO) CLASSI TERZE II CIRCOLO DIDATTICO DI CASTELVETRANO LINGUA ITALIANA (PROVE INGRESSO) CLASSI TERZE SAPER ASCOLTARE E COMPRENDERE SCHEDA 1- Il drago dalle sei teste Assegnare due punti per ogni risposta esatta (max 12

Dettagli

Unità III Gli animali

Unità III Gli animali Unità III Gli animali Contenuti - Fattoria - Zoo - Numeri Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Roberto racconta L Orsoroberto si presenta e racconta ai bambini un poco di sé. L Orsoroberto ama mangiare il miele,

Dettagli

Indicazioni: Questa è la mia cartella. Ho tantissime cose nella mia cartella: ci sono delle matite, dei pennarelli, una gomma, la colla, ecc.

Indicazioni: Questa è la mia cartella. Ho tantissime cose nella mia cartella: ci sono delle matite, dei pennarelli, una gomma, la colla, ecc. Unità II La scuola Contenuti - Oggetti scolastici - Utilizzo degli oggetti scolastici - Classe - Numeri Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. L Orsoroberto va a scuola L Orsoroberto ha sei anni e va a scuola.

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

Screening: che cosa è?

Screening: che cosa è? Screening: che cosa è? Con il termine screening si intende una metodologia di rilevazione che è in grado di predire un disturbo sulla base della presenza di un segno critico selezionato in precedenza (test

Dettagli

Unità IX Il corpo. Contenuti - Parti del corpo - Sentimenti - Sensi. Attività AREA ANTROPOLOGICA

Unità IX Il corpo. Contenuti - Parti del corpo - Sentimenti - Sensi. Attività AREA ANTROPOLOGICA Unità IX Contenuti Il corpo - Parti del corpo - Sentimenti - Sensi Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. L Orsoroberto introduce L Orsoroberto si tocca il naso e chiede ai bambini di fare lo stesso. Poi si tocca

Dettagli

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione Fare sport: tra tradizione e innovazione Lo sai papa, che quasi mi mettevo a piangere dalla rabbia, quando ti sei arrampicato alla rete di recinzione, urlando contro l arbitro? Io non ti avevo mai visto

Dettagli

ALLA RICERCA DEL PARTICOLARE

ALLA RICERCA DEL PARTICOLARE 1 ALLA RICERCA DEL PARTICOLARE Colora i disegni. Ti accorgerai che in ogni immagine manca un particolare. Spiega che cosa manca e disegnalo. Obiettivo: individuare gli elementi essenziali di immagini date

Dettagli

Dott.ssa PAOLA GUGLIELMINO ABILITAZIONE/RIABILITAZIONE DEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dott.ssa Paola Guglielmino Università di Torino

Dott.ssa PAOLA GUGLIELMINO ABILITAZIONE/RIABILITAZIONE DEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dott.ssa Paola Guglielmino Università di Torino Dott.ssa PAOLA GUGLIELMINO ABILITAZIONE/RIABILITAZIONE DEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO PERCHE ABILITAZIONE/ RIABILITAZIONE? DISLESSIA ACQUISITA Rieducazione e riabilitazione DISLESSIA EVOLUTIVA

Dettagli

DOCUMENTAZIONE PROGRAMMAZZIONE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA PONTE DELLA VENTURINA A.S. 2014/2015

DOCUMENTAZIONE PROGRAMMAZZIONE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA PONTE DELLA VENTURINA A.S. 2014/2015 . DOCUMENTAZIONE PROGRAMMAZZIONE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA PONTE DELLA VENTURINA A.S. 2014/2015 MOTIVAZIONI La consapevolezza che nei bambini della scuola dell infanzia sia necessario diffondere la

Dettagli

Chiavari, 16 Novembre 2013

Chiavari, 16 Novembre 2013 Chiavari, 16 Novembre 2013 È una particolare conoscenza metalinguistica che consiste nella capacità di percepire e riconoscere per via uditiva i fonemi che compongono le parole del linguaggio parlato,

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

Adotto un animale CD1 2

Adotto un animale CD1 2 Adotto un anima CD 2 Ascolta e indica chi parla. Oggi vado al canile a lavare i miei cani.. Ma tu non hai cani. Lo so. Per questo vado a lavare quelli del canile. Perché non ne prendi uno? La mia mamma

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

S- magari si potrebbe dire la prima riga, la seconda riga UNITÀ DIDATTICA: TESTO POETICO. Obiettivi

S- magari si potrebbe dire la prima riga, la seconda riga UNITÀ DIDATTICA: TESTO POETICO. Obiettivi UNITÀ DIDATTICA: TESTO POETICO Obiettivi - Confrontare due testi poetici - Trovare le differenze e le somiglianze - Osservare le differenze e coglierne le caratteristiche. ATTIVITÀ L argomento presentato

Dettagli

Workshop 11: !!!! Alphabetisierung in zwei Sprachen Costruire insieme la competenza comunicativa nella scuola primaria

Workshop 11: !!!! Alphabetisierung in zwei Sprachen Costruire insieme la competenza comunicativa nella scuola primaria Workshop 11: Alphabetisierung in zwei Sprachen Costruire insieme la competenza comunicativa nella scuola primaria Esperienza educativo - didattica della Scuola Primaria San Giovanni Bosco di Bolzano insegnante

Dettagli

Apprendere a leggere, capire, scrivere

Apprendere a leggere, capire, scrivere QUALCHE MATERIALE reperito in rete sui giochi per lo sviluppo della competenza metalinguistica e metafonologica 1. http://venus.unive.it/italslab/nozion/nozm.htm - Nozionario di glottodidattica DEFINIZIONE

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

- Screening II elementare Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

- Screening II elementare Marialuisa Antoniotti Claudio Turello - Screening II elementare Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Classificazione degli errori di scrittura 1 Errori fonologici: Scambio di suoni 1. Omologhi es. pampina x bambina 2. Fonologicamente simili

Dettagli

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE:

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: La frase la maestra scrive sulla lavagna Chiara una foto ai bambini fa Una torta prepara la mamma al cioccolato Giocano con la corda i ragazzi

Dettagli

In ogni frase troverai una coppia di parole dal suono simile, fai. attenzione a come sono scritte e cancella quella sbagliata.

In ogni frase troverai una coppia di parole dal suono simile, fai. attenzione a come sono scritte e cancella quella sbagliata. CANCELLA L ERRORE In ogni frase troverai una coppia di parole dal suono simile, fai attenzione a come sono scritte e cancella quella sbagliata. - Vicino al lago/l ago cè una casetta bianca. - La mamma

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Enrica Rosso Logopedista

Enrica Rosso Logopedista CORSO I.C. 2009 /2010 Indicatori per l'individuazione precoce e proposte per l'apprendimento Indicatori per il riconoscimento precoce delle difficoltàdi lettura e scrittura. Materiali per la valutazione

Dettagli

IRINA E GIOVANNI. La giornata di Irina

IRINA E GIOVANNI. La giornata di Irina IRINA E GIOVANNI La giornata di Irina La mia sveglia suona sempre alle 7.00 del mattino: mi alzo, vado in bagno e mi lavo, mi vesto, faccio colazione e alle 8.00 esco di casa per andare a scuola. Spesso

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 questionario di gradimento PROGETTO ESSERE&BENESSERE: EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 classi prime e seconde - Scuola Secondaria di I grado di Lavagno CLASSI PRIME Mi sono piaciute perché erano

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA «G.PASCOLI» A.S.2012/13 SEZIONE TRE ANNI STORIE A COLORI

SCUOLA DELL INFANZIA «G.PASCOLI» A.S.2012/13 SEZIONE TRE ANNI STORIE A COLORI SCUOLA DELL INFANZIA «G.PASCOLI» A.S.2012/13 SEZIONE TRE ANNI STORIE A COLORI Scuola dell infanzia «G.Pascoli» a.s. 2012/13 sezione tre anni primi giorni di scuola..prima storia: «LA RANA DALLA BOCCA LARGA»

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Mi figura dla rujenedes Meine Sprachenfigur La mia figura delle lingue Silvia Goller Scuola dell infanzia Santa Cristina/Val Gardena Le bambine e i bambini

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

LA COMPETENZA METAFONOLOGICA

LA COMPETENZA METAFONOLOGICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Associazione Italiana Dislessia Giornate di formazione rivolte ai docenti referenti LA COMPETENZA

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo bambini

Livello CILS A1 Modulo bambini Livello CILS A1 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

dott.ssa Elisa Damian, logopedista

dott.ssa Elisa Damian, logopedista L analisi degli errori nella scrittura dei bambini di classe seconda, laboratorio di correzione, tabulazione, e programmazione di in attività di rinforzo. dott.ssa Elisa Damian, logopedista L ANALISI DELL

Dettagli

Finalità. Sensibilizzare al rispetto di genere per prevenire forme di discriminazione.

Finalità. Sensibilizzare al rispetto di genere per prevenire forme di discriminazione. Finalità. Sensibilizzare al rispetto di genere per prevenire forme di discriminazione. Obiettivi. Suscitare curiosità verso l altro. Indagare sulle diversità e i ruoli. Riconoscere e valorizzare le differenze.

Dettagli

Si propongono quindi esercizi di:

Si propongono quindi esercizi di: PERCORSO FONOLOGICO PER LIVELLI DI ACQUISIZIONE DELLA SCRITTURA In ogni attività, per ogni livello, è importante valutare la gradualità delle proposte e i fattori di complessità delle parole. Quindi la

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

La scuola di fronte ai disturbi specifici di apprendimento: LA DISLESSIA

La scuola di fronte ai disturbi specifici di apprendimento: LA DISLESSIA La scuola di fronte ai disturbi specifici di apprendimento: LA DISLESSIA Informazioni e suggerimenti per la scuola Giuliana Nova Rezzonico Associazione AFORISMA Associazione accreditata dal MIUR per la

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

UNIVERSITA DELLA CALABRIA A.A

UNIVERSITA DELLA CALABRIA A.A UNIVERSITA DELLA CALABRIA A.A. 2012/2013 CORSO AGGIUNTIVO PER LE ATTIVITÀ FORMATIVE PER GLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP NELLA SCUOLA DELL INFANZIA (MATERNA) E NELLA SCUOLA PRIMARIA (ELEMENTARE) Educazione

Dettagli

MA CHI ABITA NEL NOSTRO GIARDINO?

MA CHI ABITA NEL NOSTRO GIARDINO? ISTITUTO COMPRENSIVO PONTASSIEVE SCUOLA DELL INFANZIA LEO LIONNI GRUPPO 5 ANNI MA CHI ABITA NEL NOSTRO GIARDINO? ROSSANA GUERRI, CHIARA NOVELLI CARATTERISTICHE GENERALI DEL PROGETTO MOTIVAZIONI La scuola

Dettagli

Cosa farò da grande?

Cosa farò da grande? Scuola dell Infanzia Paritaria Maestre Pie Rimini Progetto educativo Cosa farò da grande? Anno Scolastico 2009/2010 Quest anno abbiamo voluto coinvolgere i bambini e le famiglie in una programmazione incentrata

Dettagli

SVILUPPO DEL LINGUAGGIO NEL BAMBINO

SVILUPPO DEL LINGUAGGIO NEL BAMBINO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO NEL BAMBINO L.Carretti-logopedista- HSA - Como 1 1 2 L.Carretti-logopedista- HSA 2 - Como 3 L.Carretti-logopedista- HSA 3 - Como 4 L.Carretti-logopedista- HSA 4 - Como L.Carretti-logopedista-

Dettagli

Progetto . Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza.

Progetto <L Apprendista Cittadino >. Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza. Progetto . Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza. Le tematiche offerte, gli spunti di riflessione, gli argomenti trattati sono risultati interessanti

Dettagli

che hanno racconto come protagonisti degli animali una morale linguaggio semplice frasi brevi insegnamento parlano e si comportano come gli uomini

che hanno racconto come protagonisti degli animali una morale linguaggio semplice frasi brevi insegnamento parlano e si comportano come gli uomini LA favola È un racconto breve ha come protagonisti degli animali che parlano e si comportano come gli uomini un linguaggio semplice frasi brevi molti dialoghi una morale cioè un insegnamento hanno pregi

Dettagli

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI?

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? Lui. Tempo fa ho scritto un libro tutto parole niente immagini. Lei. Bravo. Ma non mi sembra una grande impresa. Lui. Adesso vedrai: ho appena finito un libro tutto immagini

Dettagli

/DSRHVLD ODSRHVLD. q XQRVIRJRGLIDQWDVLD IDDOOHJJHULUHODPHQWH ODSUHQGHHODSRUWDYLD FKHYRODOHJJHUDQHOODULD WLIDSLDQJHUHGLJLRLD FKHEHOODODSRHVLD

/DSRHVLD ODSRHVLD. q XQRVIRJRGLIDQWDVLD IDDOOHJJHULUHODPHQWH ODSUHQGHHODSRUWDYLD FKHYRODOHJJHUDQHOODULD WLIDSLDQJHUHGLJLRLD FKHEHOODODSRHVLD ODPDJLD 9HGRGHOODFTXDWUDVSDUHQWH ODYRJOLRWRFFDUH PL LVSLUD ODWRFFR DQ]L ODEHYRHODWRFFR /DPLDPDQREDJQDWD YROHYRDVFLXJDUPLVXOODPDJOLD PD ODPDQR QRQVLDVFLXJDYD DOORUD WRFFDLXQDOEHUR ORWRFFDL VLWUDVIRUPz LQXQJUDQGLVVLPRXFFHOOR

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Il 19 marzo si festeggiano tutti i papà ed i bambini, a scuola, sono spesso invitati a preparare lavoretti, temi o poesie dedicate al proprio papà.

Il 19 marzo si festeggiano tutti i papà ed i bambini, a scuola, sono spesso invitati a preparare lavoretti, temi o poesie dedicate al proprio papà. PREMESSA Il 19 marzo si festeggiano tutti i papà ed i bambini, a scuola, sono spesso invitati a preparare lavoretti, temi o poesie dedicate al proprio papà. A differenza della festa della mamma, la festa

Dettagli

scuola Convegno nazionale Riflessioni ed esperienze sulla scuola dell infanzia oggi Sabato 9 novembre 2013 ore 9:30-17:30

scuola Convegno nazionale Riflessioni ed esperienze sulla scuola dell infanzia oggi Sabato 9 novembre 2013 ore 9:30-17:30 scuola dell Convegno nazionale La GRANDE scuola per i piccoli. Riflessioni ed esperienze sulla scuola dell infanzia oggi Sabato 9 novembre 2013 ore 9:30-17:30 Istituto San Zeno Via don Giovanni Minzoni

Dettagli

Suggerimenti ai genitori sulla lettura ai bambini dal primo anno di vita

Suggerimenti ai genitori sulla lettura ai bambini dal primo anno di vita Suggerimenti ai genitori sulla lettura ai bambini dal primo anno di vita Il bambino, il suo sviluppo e la lettura Queste brevi indicazioni ti possono servire a seguire e comprendere lo sviluppo del tuo

Dettagli

Concorso CESAR Cibo sano, cibo per tutti

Concorso CESAR Cibo sano, cibo per tutti Classi terze A e B Scuola Primaria Statale Teresio Olivelli - Sale di Gussago (BS) ISTITUTO COMPRENSIVO DI GUSSAGO Concorso CESAR Cibo sano, cibo per tutti A.S. 2013/2014 Ho sentito che il 20 novembre

Dettagli

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza elementare 1 Presentarsi Ciao! Mi chiamo John e sono senegalese. Il mio Paese è il Senegal. Il Senegal è uno Stato dell Africa. Ho 17 anni e vivo in Italia,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE?

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE? SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 PROGETTO SCIENTIFICO di Marica Loppo Gruppo anni 5 LA MEMORIA è una GRANDE CASA in cui si depositano le informazioni recuperate con l aiuto dei sensi (LE FINESTRE)

Dettagli

Scheda di presentazione dei percorsi tematici

Scheda di presentazione dei percorsi tematici Scheda di presentazione dei percorsi tematici 1. Dati generali Nome e cognome Moscatelli Cristina, Flemma Donatella Presidio di riferimento Perugia (Umbria) Istituto di appartenenza 3 Circolo didattico

Dettagli

Capitolo 1. Ivo e Caramella 1. Completa il fumetto di Ivo con le parole della lista. 2. Leggi quello che dice Ivo, disegna e scrivi.

Capitolo 1. Ivo e Caramella 1. Completa il fumetto di Ivo con le parole della lista. 2. Leggi quello che dice Ivo, disegna e scrivi. Capitolo Ivo e Caramella Completa il fumetto di Ivo con le parole della lista. DIECI NNI È IL MIO CNE MI CHIMO IN CMPGN CIO! IO IVO. HO. ITO. CRMELL! Leggi quello che dice Ivo, disegna e scrivi. COMINRE

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

Laboratorio per Lo sviluppo dell attenzione e delle abilità cognitive

Laboratorio per Lo sviluppo dell attenzione e delle abilità cognitive Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Gabriella Trevisi, Caterina Bernardi, Donatella Caner, Chiara Da Dalt, Iole Giacomazzi,

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

Imparare a leggere e a scrivere

Imparare a leggere e a scrivere Imparare a leggere e a scrivere Alfabetizzarsi significa attivare dei processi cognitivi, linguistici e comunicativi che stanno alla base dell acquisizione delle varie forme che il segno può assumere.

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Il tempo e le stagioni

Il tempo e le stagioni Unità IV Il tempo e le stagioni Contenuti - Tempo atmosferico - Stagioni - Mesi - Giorni Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Roberto osserva L Orsoroberto guarda fuori dalla finestra e commenta il tempo atmosferico.

Dettagli

Quarto Incontro SICUREZZA SUL LAVORO

Quarto Incontro SICUREZZA SUL LAVORO Quarto Incontro SICUREZZA SUL LAVORO 6. QUARTO INCONTRO - SICUREZZA SUL LAVORO Materiali necessari al quarto incontro (per comodità, fare un segno di spunta sul materiale preparato) un PC portatile un

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Sonia Fiorentino Marina Fusmini Laives 2 settembre 2014

Sonia Fiorentino Marina Fusmini Laives 2 settembre 2014 INDIVIDUAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTÀ DI LETTO-SCRITTURA Sonia Fiorentino Marina Fusmini Laives 2 settembre 2014 Il bambino che non apprende con facilità è colui che davvero ha bisogno dell insegnante,

Dettagli

DALL OSSERVAZIONE ALLA DIAGNOSI

DALL OSSERVAZIONE ALLA DIAGNOSI DALL OSSERVAZIONE ALLA DIAGNOSI Lucia Papalia lugr.papalia@libero.it LA DISORTOGRAFIA Difficoltà nell attribuzione del valore sonoro convenzionale dei fonemi e di transcodifica fonema-grafema, caratterizzata

Dettagli