categorizzazione fonemica, esercizi di omissione e riconoscimento del suono iniziale, discriminazione di parole lunghe e corte.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "categorizzazione fonemica, esercizi di omissione e riconoscimento del suono iniziale, discriminazione di parole lunghe e corte."

Transcript

1 Parolandia Uno studio significativo in tal senso è stato effettuato da Orsolini e colleghi finalizzato a capire se la consapevolezza fonologica sia un prerequisito specifico per l apprendimento della lettura o se invece questo sia mediato anche da altre variabili con effetti di facilitazione - come una certa familiarità con la lingua scritta e l ortografia - o di ostacolo, come la presenza di deficit nella memoria a breve termine o la difficoltà a categorizzare foneticamente il segnale acustico. I dati raccolti evidenziano che non esiste un legame diretto tra ritardo fonologico e difficoltà iniziali di apprendimento e che i migliori predittori dell apprendimento della lettura sono la correttezza nelle prove di ricerca di simboli e di segmentazione di parole in fonemi. AI contrario, i fattori responsabili di una bassa prestazione nei compiti di consapevolezza fonologica sono: - l omissione o la sostituzione frequente di consonanti - la difficoltà nel segmentare le parole in fonemi - la difficoltà di concettualizzazione della lingua scritta, cioè la fatica di comprendere che le lettere codificano parti del suono delle parole. Lo studio di questi autori fornisce altre osservazioni interessanti; in particolare. mostra che non esiste un prerequisito specifico ma combinazioni di conoscenze e di abilità cognitive e linguistiche che forniscono ai bambini un potente elemento di facilitazione nell apprendimento della lettura; inoltre, suggerisce che i bambini con un ritardo linguistico limitato alla componente fonologica possono comunque avere un buon apprendimento della lettura. La letteratura non propone procedure educative, validate su dati scientifici, basate sul training fonologico che stimolino nel bambino sin dalla scuola dell'infanzia, una migliore consapevolezza fonetica e incrementino i prerequisiti necessari (ma non sufficienti) come l attenzione, la memoria uditiva, la fluenza articolatoria. Risulta di basilare importanza, secondo questa autrice, rispettare una sequenza precisa di giochi a difficoltà crescente: - iniziare la scomposizione di parole composte, e passare poi alla segmentazione in sillabe e suoni; - nei giochi di identificazione, ricordare che il bambino coglie più facilmente la posizione iniziale del suono; - i compiti di identificazione dei suoni sono più semplici di quelli di produzione; - è opportuno usare, in sequenze ordinate per complessità, un modello consonante-vocale, uno vocale-consonante, e infine uno consonante-vocale-consonante. Ogni unità stimolava i bambini all'esercizio su alcune componenti fondamentali delle abilità metalinguistiche, come le filastrocche rimate, i giochi di fusione, segmentazione e 1

2 categorizzazione fonemica, esercizi di omissione e riconoscimento del suono iniziale, discriminazione di parole lunghe e corte. APPENDICE Questi semplici e brevi esercizi, da affiancare al normale programma educativo per bambini di 5 anni o più grandi, se presentano difficoltà nell awiamento alla letto-scrittura, mira a stimolare la scoperta della struttura sonora del linguaggio, prerequisito fondamentale per l alfabetizzazione del bambino. Esso va quindi a promuovere la consapevolezza fonologica, con l obiettivo di awiare un training specifico sugli aspetti fonologici della parola, idealmente già con bambini in scuola dell'infanzia, abituandoli a pensare alle parole come a sequenze di suoni. Abbiamo pensato a una presentazione accattivante per i bambini, ad esempio a un grande poster appeso a una parete intitolato Parolandia, con un percorso a tappe simile a[ gioco dell oca, in cui il pupazzetto-mascotte, Parolino, passa da una tappa all altra, attraverso i giochi fonologici proposti di giorno in giorno. A questo riguardo, per6, ogni insegnante può sbizzarirsi, utilizzando qualsiasi idea che le suggerisce ]a sua fantasia o quella del bambini. Gioco del Tic Tac Bambini, giocate e ascoltate con me al ritmo del tic-tac e... attenti a non perdere il ritmo e a ripetere bene tutto quello che dico. Siete pronti? Allora, si parte! Gioco n. 1 a) Dam dam dam b) Fam fam fam dem dem dem fem fem fem dim dim dim fim firn fim dom dom dom fom fom fom dum dum dum fum fum fum dama, dimmi, doma, Dumbo fame, femmina, fumo c) Gam gam gam d) (Ripetere con fl metronomo a/ tempo ghem ghem ghem 88) 2

3 ghim ghim ghim gom gom gom gum gum gum gamba, gomma Bam bam bam bem bem bem bim bim bim bom bom bom bum bum bum. bombola,.bimbo, bombola Gioco n. 2 a) Cam cam cam d) Lam lam lam chem chem chem lem lem lem chim chim chim lim lim lim com com com lom lom lom cum cum cum lum lum lum lama, lemme, lombrico, lume, limone b) Fam fam fam fem fem fem e) (Ripetere le seguenfi frasi) fim fim flm Il camino è acceso fom fom fom Ho tanta fame fum fum fum lo ho la gomma famiglia, femmina, fumo La lama è lunga c) Gam gam gam ghem ghem ghem ghim ghim ghim gom gom gom gum gum gum gamba, gomma Gioco n. 3 a) Tam tam tam c) Quam quam quam tem tem tem quem quem quem tim tim tim quom quom quom 3

4 tom tom tom tum tum tum tamburo, timido, tombola quim quim quim quum quum quum quale, quello, qui b) Vam vam vam d) Sam sam sam vem vem vem sem sem sem vim vim vim som som som vom vom vom sim sim sim vum vum vum sum sum sum vampiro, vimini, vomere seme, somaro, simpatico e) Mam mam mam mem mem mem mim mim mim mom mom mom mum mum mum mamma, mimo, mummia Gioco n. 4 a) Nam nam nam c) (Ripetere le seguenti frasi) nem nem nem La mamma d bella nim nim nim Mangio i pomodori nom nom nom Il mio nome è Francesco num num num Io disegno la Pimpa nemico, nome, numero lo vedo un numero b) Pam pam pam pem pem pem pim pim pim pom pom pom pum pum pum pampino, Pimpa, pomodoro 4

5 Gloco n. 5 a) (limetronomovieneposizionatooltem- b) (limetronomovieneposizionatoaftempo 96) po 88) Ap ap ap Dap dap dap ep ep ep dep dep dep ip ip ip- dip dip dip op op op dop dopdop up up up dup dup dup appena, eppure, ippopotamo, operaio dapprima, deposito, dipende, dopo Dopo vado da mamma Appena arriva il gatto il topo scappa Gioco n. 6 a) Af af af b) Bat bat bat ef ef ef bet bet bet if if if bit bit bit of of of bof bof bof uf uf uf but but but affare, effetto, offeso, ufficio baffi, beffe, bufalo c) (Ripetere le seguenti frasi) e) (Ripetere le seguenti frasi) Quel signore ha i baffi La sarta usa l ago Ho visto un branco di bufali Le api hanno la regina Mi sono offeso con te lo guardo La bella e la bestia Quella luce fa effetto lo mangio il biscotto Mio padre è in giro per affari d) (Prima pronucia del suono duro, poi del suono dolce) Ag ag ag eg eg eg ig ig ig og og og ug ug ug 5

6 Gioco, n. 7 a) Ababab d) Cam cam cam eb eb eb cem cem cem ib ib ib cim cim cim ob ob ob com com com ub ub ub cum cum cum abbiamo, ebbene, obbedire, ubriaco cambio, cembalo, cima, come b) Tab tab tab e) (Il metronomo viene posizionato al temteb teb teb po 96) tib tib fib A al al tob tob tob el el el tub tub tub il il il tabella, tibia, tubo ol ol ol Noi abbiamo mangiato il biscotto ul ul ul lo guardo dentro il tubo ala, elica, olio c) Ram ram ram rem rem rem rim rim rim rom rom rom rum rum rum ramo, remo, rima, Roma Gioco n. 8 a) (Il metronomo viene posizionato al tem- e) Gal gal gal po 88) gel gel gel Bal bal bal gil gil gil bel bel bel gol gol gol bil bil bil gul gul gul 6

7 bol bol bol gallo, gelo, gilè, gola bul bul bul ballo, bello, bollo, bullo f) (Ripetere le seguenti frasi) lo sono bello Ci piace il ballo b) Tal tal tal lo tolgo il berretto tel tel tel La tela del ragno til til til Il delfino nuota tol tol tol Il dolce mi piace tul tul tul Ho gli occhi celesti tale, telefono, tolgo, tulle Fa tanto caldo Il gallo canta c) Dal dal dal Mi metto il golfino del del del dil dil dil dol dol dol dui dui dui dalia, delfino, dillo, dolce d) Cal cal cal cel cel cel cil cil cil col col col cul cul cul calce, celeste, ciliegia, collo, culmine Gioco n. 9 c) Bas bas bas fug fug fug bes bes bes fagiolo, figura, foga, fuggire bis bis bis bos bos bos c) Quas quas quas bus bus bus ques ques ques bastone, bestia, biscia, bosco quis quis quis quasi, questa, quisquilia b) Fog fag fag 7

8 feg feg feg fig fig fig fog fog fog Uhhh... Che paura! Il gioco delle parole spezzate Parolino è entrato in una stanza buia e ha avuto una tale paura che adesso non riesce a dire un sola parola per intero. Vediamo un po' se riusciamo a capire quello che tremando vuole dirci T.. o... r... t... a.accipicchia, che cosa ha detto? Provo a indovinare- torta? Va bene? Allora pronti, proviamo con altre, e attenti a capire quello che dice. M... e... l... a... T.. a... n... a... P.. i... p... a... V e... l... o... S... a... l... a... D... a... d- o L... a... n... a... G... o... l.a... N... i... d... o... R... a... n... a... Parolino balbetta Quando è emozionato, Parolino si fa tutto rosso in viso e inizia a parlare saltando sempre la prima letterina di ogni parola. Ma voi lo capite se dice: _ ela oppure _ erendina? Secondo me, ha detto mela, e poi voleva dire merendina. Che fatica capire anche queste: (m) are (d) ito (1) upo (p) era (C) ocia (n-)eve (s) ole (b) uco (v) aso (f) ungo 8

9 Il gioco del bastimento Uno del giochi che Parolino fa con i suoi amichetti si chiama é arrivato un bastimento carico di... n e vince il bambino che dice più paroline che iniziano tutte allo stesso modo. Vediamo di capirci. Allora: è arrivato un bastimento carico... cario di cose che iniziano con la p. Chi sa dirmi paroline che conosce che iniziano per p? Aspettate, inizia Parolino: pane. Altre? Forza, vediamo chi vince. È arrivato un bastimento carico di... m È arrivato un bastimento carico di... b È arrivato un bastimento carico di... c È arrivato un bastimento carico di... t È arrivato un bastimento carico di... s È arrivato un bastimento carico di... e È arrivato un bastimento carico di- f È arrivato un bastimento carico di... o È arrivato un bastimento carico di... i È arrivato un bastimento carico di... u Nasolungo e Ditocorto Questi buffi amici di Parolino, Nasolungo e Ditocorto, si chiamano così perchè Nasolungo dice sempre parole lunghe, lunghe, che non finiscono mai, come... vediamo... se, ricordo dice: passamontagna o motocicletta. Ditocorto, invece, dice parole talmente brevi che se non stai attento, sembrano volare via. Un esempio? Aspetta... ah, dice ago. Allora, Parolino dirà tutte le parole che si ricorda di avere sentito dai suoi due strani amici, e voi dovete indovinare chi le ha dette... va bene? Iniziamo. Topo - papavero Canarino - vela Coccodrillo - naso Telefono - pino Casa - locomotiva Fata - elefante Tegamino - rete Sera - serenata Sorella - sole Pesca - pescatore 9

10 Indovina fa prima letterina (fa pure la rima) Vi ricordate la storia di prima? V! ho raccontato che Parolino, quando prende una grande paura, si dimentica di dire la prima letterina di ogni parola; ora, però, la paura gli è passata e le dice proprio bene! Non ci credete? E allora giochiamo! Parolino dice una parola e voi dovete dire con quale letterina inizia. Una prova? Va bene: allora, Parolino dice mare. Va detta bene oppure ha ancora paura? Vediamo: con quale letterina inizia la parola mare? Masi, abbiamo sentito bene: inizia per m. Ora ascoltate attentamente queste parole e dite con quale letterina iniziano. Mano Pane Bolla Tana Dito Naso Fata Vela Rosa Luna Parolino poeta Ma lo sapete che Parolino scrive anche poesie? Certo: gli piacciono tante le poesie con le rime, Beh, c'è un piccolo problema: qualche volta non gli viene in mente neanche una rima, e allora deve trovare qualche amico che gli db una mano, e ci mette la parolina giusta. Lo aiutiamo anche noi? Bene! Ne sardi contentissimo! C'è nel bosco un uccellino che ha fatto il nido sopra un A lui piace assai cantare quando è stanco di Su ogni ramo lui saltella fa una vita proprio Sentite queste. Apelle figlio di Apollo Fece una palla di pelle di E tutti i pesci vennero a galla Per vedere fa Di pelle di pollo Fatta da Apelle figlio di... Sentiamo un altra poesia: 10

11 Giro giro tondo Trenta giorni a novembre casca il con april, giugno e settembre casca la di ventotto ce n è uno tutti giù per. tutti gli altri ne han Ancora un altra. Uccellin che vien dal mare Quante penne puoi.. Ne posso portare ventitrè Uno, due e Oggi è domenica, non si lavora Possa lentissima ora per. Fuori è gennaio, c'6 freddo e gelo Nuvole nere attraversano il. È la mattina presto Quando mi sveglio, mi lavo e mi.. Sono contento di buonurnore Sette risate mi ballano in. Filastrocca impertinente Chi sta zitto non dice. Chi sta fermo non cammina Chi va lontano non si. Chi si siede non sta ritto Chi va storto non va.. E questa la conoscete? Zucca Pelata ha fatto i tortelli E non dà niente ai suoi... I suoi fratelli fanno la frittata E non dan niente a Zucca... Scopri la letterina nascosta Parolino si veste ora da investigatore e deve scovare le letterine che si nascondono dentro le parole. Un esempio? Nella parola carta, c'è il suono a? Si che c'è! Avete capita? Allora, in cerca! 11

12 Carta: c'è. la t? Matita: c è la p? Biscotto: la b? Ruota: c'è la u? Canarino: c'è la n? Papavero: c'è la p? Metro: c'è la r? Ancora: c'è la c? Bicicletta: c'è la L? Latte: c'è la L? Pallone: c'è la G? Uguali o diversi? Vi dirò due parole, una vicina all'altra: alcune sono uguali, come pane pane ; altre, invece, sono diverse, come ad esempio pane panna. Ditemi se sono uguali, oppure no, queste parole: Nave - nave Pino - tino Pila - pila Casa - cosa Vela - tela Cane - cane Foto - foto Passo - basso Rete - rete Polo - palo Indovina che cos è Avete mai giocato agli indovinelli? Parolino inizierà a dire come iniziano, oppure come terminano, alcune paroline che conoscete bene. State attenti: dovete indovinare di cosa si tratta. La cosa che inizia per occh... 12

13 La cosa che termina per... etta La cosa che termina per... one La cosa che inizia per mat... La cosa che inizia per sold... La cosa che finisce con... etta La cosa che inizia con cap... La cosa che termina con ino La cosa che termina con... ella La cosa che inizia con cioc... Le parole staccate Alcune paroline si sono per incanto spezzate esattamente in due, e non s! riesce più a capire che cosa vogliono dire. Ad esempio, una parola si spezzata così: ca sa ; se le attacco, viene fuori casa. Bene, provate a incollare le altre. me - la ta - na pi - pa ve - lo sa - fa da - do fa - na go - fa ni-do ra - na La lingua degli extraterrestri Da qualche giorno, Parolino dice cosa senza senso, che non si capiscono, e lui dice che ha imparato a parlare come gli extraterrestri, quelli che vivono lontano lontano, nello spazio. Proviamo a imparare, ripetendole, le parole della sua stranissima lingua. Iniziamo da quelle pio semplici: 13

14 fosto prisi tonca pusto stoso vorca serdo lanfo dorta bepre tazio buolo staro trisi pando tente Poi quelle un pochino più difficili: gnoba cogiu gnaro gnufo sceto eglia chida rigli rascevo tagnidro bachimio Arrivano quelle difficili, attenti! docaro ginema redoce vranoma redazza binamba diminio arezzama forconto canimedo locostato tacipacc verdusape tambilina sirbolone E quelle stranissimel abato chiedibile tendometro vacuazione stereotassi scimiaro caglisto fegnosto 14

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

A SCUOLA SENZA ZAINO Quale metodologia? Organizzazione delle attività nei primi giorni di scuola

A SCUOLA SENZA ZAINO Quale metodologia? Organizzazione delle attività nei primi giorni di scuola Cinzia Turini Emilia Catastini A SCUOLA SENZA ZAINO Quale metodologia? Organizzazione delle attività nei primi giorni di scuola Clima relazionale E importante costruire già dal primo giorno di scuola un

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO Iniziamo il percorso ricordando agli alunni le motivazioni che hanno spinto gli uomini a creare sistemi di misurazione del tempo, come fatto già per l orologio. Facciamo

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali.

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali. Unità uno I numeri da 0 a 10 Che tempo fa? 1 I colori Le parti del corpo I numeri da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali Gli animali (2) I giorni, i mesi, le stagioni barche e vento Da dove

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

L Angolo del Buonumore

L Angolo del Buonumore T L Angolo del Buonumore T- Sapete qual è il colmo per un insegnante di diritto? Abitare in Via della Costituzione. T- Sai qual è il colmo per un libro di aritmetica? Non avere problemi. T- Lo sapete qual

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO LAVORO DELLA PERCEZIONE UDITIVA NEL LINGUAGGIO Identificazione e rafforzamento delle caratteristiche fonemiche della lingua e, contemporaneamente, inibizione delle caratteristiche che le sono estranee

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Edizione N 8 Mese GIUGNO/LUGLIO 2011. Giorni da ricordare nei mesi di APRILE e MAGGIO. 28/05/2011 Qui affianco la nostra Elide che compie 100 anni!!!

Edizione N 8 Mese GIUGNO/LUGLIO 2011. Giorni da ricordare nei mesi di APRILE e MAGGIO. 28/05/2011 Qui affianco la nostra Elide che compie 100 anni!!! 09/05/2011 e 16/05/2011 Fazzoletto Bandiera con i ragazzi del catechismo!! 12/05/2011 Uscita al mercato Paesano.. 18/04/2011 CINOTERAPIA!! 08/05/2011 FESTA DELLA MAMMA 03/04/2011 Canti e Balli con Rinaldo

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

ÒMangio a scuolaó sezione bambini

ÒMangio a scuolaó sezione bambini DISCRIMINANTI DEL CAMPIONE Istituto scolastico Classe Comune 1) Sesso maschio femmina 2) Etˆ 7-10 anni 11-13 anni 3) Preparazione dei pasti preparati nella cucina preparati altrove e della scuola portati

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura

Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura Laboratorio DiLCo Dipartimento di Linguistica Università degli studi di Firenze Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura Ricerca in collaborazione

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Scacchi ed enigmistica

Scacchi ed enigmistica Scacchi ed enigmistica Di Adolivio Capece Sciopero della fame in massa Visto che con un capo avean da fare col qual non si potea più ragionare nessuno, ad un tratto, s'è più fatto avanti e han smesso di

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

ATTENTI BAMBINI A POSTO LE BRACCIA SPINTA IN AVANTI CHE IN ALTO SI VA!

ATTENTI BAMBINI A POSTO LE BRACCIA SPINTA IN AVANTI CHE IN ALTO SI VA! ATTENTI BAMBINI A POSTO LE BRACCIA SPINTA IN AVANTI CHE IN ALTO SI VA! FACCIAMO LA CATENA DIETRO LA SCHIENA BATTIAMO LE MANI CON GIOIA E AMOR FACCIAMO IL PONTICELLO SUONIAMO LA TROMBETTA(PEREPPEPPE) SE

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello "La scuola fa bene a tutti" 1 La trasparenza di una lingua L U P O /l/ /u/ /p/ /o/ C H I E S

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)?

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Molti di voi avranno sentito parlare di gare in cui i cani concorrono in esercizi di olfatto, come la ricerca, o gare di agility e di

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

L INCONTRO CON LA MATEMATICA IN CLASSE PRIMA

L INCONTRO CON LA MATEMATICA IN CLASSE PRIMA Relazione Finale in Matematica e Didattica della Matematica L INCONTRO CON LA MATEMATICA IN CLASSE PRIMA Relatore Professoressa Ana María Millán Gasca Correlatore Dottoressa Viviana Rossanese Laureanda

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Progetto Psicomotricità

Progetto Psicomotricità Progetto di Psicomotricità Corpo in movimento, emozioni in gioco Attività psicomotoria per bambini della scuola d infanzia (3-6 anni) Dott. Franceschi Fabio PREMESSA IL SEGUENTE PROGETTO SI SVILUPPA IN

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

AVVIAMENTO ALLA LETTURA E SCRITTURA in prima classe. di MIRCA PASSARELLA SETTEMBRE 2012

AVVIAMENTO ALLA LETTURA E SCRITTURA in prima classe. di MIRCA PASSARELLA SETTEMBRE 2012 AVVIAMENTO ALLA LETTURA E SCRITTURA in prima classe di MIRCA PASSARELLA SETTEMBRE 2012 Fondamentale la programmazione congiunta e sistematica degli insegnanti delle classi prime, ponendo particolare attenzione

Dettagli

SCHEDA N 2 PRECEDENTE PAROLA DATA SUCCESSIVA

SCHEDA N 2 PRECEDENTE PAROLA DATA SUCCESSIVA SCHEDA N 2 Cerca, sul dizionario, la parola precedente e quella successiva rispetto a quella data, che troverai, scritta in rosso, nella colonna in mezzo. PRECEDENTE PAROLA DATA SUCCESSIVA SALDO SALE SALGEMMA

Dettagli

Sensibilizzazione dei genitori

Sensibilizzazione dei genitori Sensibilizzazione dei genitori Precisione e chiarezza Quando si vogliono comunicare ai genitori le difficoltà del bambino, delle quali andrebbero valutate la natura, la gravità e le modalità di intervento,

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO)

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO) PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 Giorno Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta Pasta all olio e Uova strapazzate Riso alla zucca Bresaola* / formaggio fresco Pasta olio e Bocconcini

Dettagli

'' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari

'' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari '' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari Io ho tanto coraggio ma certe volte non lo dimostro. Per esempio: io ho coraggio a dire in faccia le cose, ma qualche volta no perché non mi fido e allora

Dettagli

APPROCCIO LUDICO-MOTORIO PER L' ACQUISIZIONE DI ALCUNI PRE-REQUISITI LOGICO-MATEMATICI

APPROCCIO LUDICO-MOTORIO PER L' ACQUISIZIONE DI ALCUNI PRE-REQUISITI LOGICO-MATEMATICI DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO CESENATICO Anno Scolastico 2011/ 2012 APPROCCIO LUDICO-MOTORIO PER L' ACQUISIZIONE DI ALCUNI PRE-REQUISITI LOGICO-MATEMATICI Ideato e realizzato da CI.nzia Giorgetti

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica Il carnevale degli animali di Camille Saint Saёns Grande fantasia zoologica Per due pianoforti e piccola orchestra Obiettivi del nostro lavoro Imparare a riconoscere il timbro di alcuni strumenti musicali.

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Canzoni popolari. Melissa Jacobacci. 3 scuola elementare. Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli. 4 a scuola elementare

Canzoni popolari. Melissa Jacobacci. 3 scuola elementare. Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli. 4 a scuola elementare Canzoni popolari Melissa Jacobacci Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli 3 scuola elementare 4 a scuola elementare ALLA MATTINA C È IL CAFFE Alla mattina c è il caffè, ma senza zucchero, ma senza zucchero;

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli