La Regione Piemonte e la politica europea: gli indirizzi locali per il rispetto delle direttive comunitarie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Regione Piemonte e la politica europea: gli indirizzi locali per il rispetto delle direttive comunitarie"

Transcript

1 Il trattamento della frazione organica dei rifiuti urbani: sfide locali e globali La Regione Piemonte e la politica europea: gli indirizzi locali per il rispetto delle direttive comunitarie dr agr Enrico G. Accotto Torino, 15 marzo

2 La disciplina europea riguardante la gestione della frazione organica dei rifiuti urbani (1/3) Direttiva 2008/98/CE Articolo 2 Esclusione dall ambito di applicazione comma 2 - Sono esclusi dall ambito di applicazione della presente direttiva nella misura in cui sono contemplati da altra normativa comunitaria: b) sottoprodotti di origine animale, compresi i prodotti trasformati contemplati dal regolamento (CE) n. 1774/2002, eccetto quelli destinati all incenerimento, allo smaltimento in discarica o all utilizzo in un impianto di produzione di biogas o di compostaggio; Articolo 22 - Rifiuti organici Gli Stati membri adottano, se del caso e a norma degli articoli 4 e 13, misure volte a incoraggiare: a) la raccolta separata dei rifiuti organici ai fini del compostaggio e dello smaltimento dei rifiuti organici; 2

3 La disciplina europea riguardante la gestione della frazione organica dei rifiuti urbani (2/3) Direttiva 1999/31/CE (e D. Lgs. 36/2003 art. 5) Art. 5 - (Obiettivi di riduzione del conferimento di rifiuti in discarica) 1. Entro un anno dalla data di entrata in vigore del presente decreto, ciascuna regione elabora ed approva un apposito programma per la riduzione dei rifiuti biodegradabili da collocare in discarica ( ), per raggiungere, a livello di ATO o provinciale i seguenti obiettivi: a) entro il 2008 i RUB devono essere < 173 kg/anno per abitante; b) entro il 2011 i RUB devono essere < 115 kg/anno per ab.; c) entro il 2018 i RUB devono essere <81 kg/anno per ab.. 2. Il programma di cui al comma 1 prevede il trattamento dei rifiuti e, in particolare, il riciclaggio, il trattamento aerobico o anaerobico, il recupero di materiali o energia. 3

4 La disciplina europea riguardante la gestione della frazione organica dei rifiuti urbani (3/3) Regolamento 1069/2009 (e Reg. 142/2011) articolo 10 (SOA di cat. 3, lett. f): prodotti di origine animale, o prodotti alimentari contenenti prodotti di origine animale, i quali non sono più destinati al consumo umano per motivi commerciali o a causa di problemi di fabbricazione o difetti di condizionamento o altri difetti che non presentano rischi per la salute pubblica o degli animali; articolo 10 (SOA di cat. 3, lett. p): rifiuti di cucina e ristorazione diversi da quelli contemplati all articolo 8, lettera f). articolo 14 (smaltimento ed uso SOA cat. 3); articolo 21 (rifiuti cucina e ristorazione: esclusione dal Reg. 1069/09 in quanto contemplati dalla Dir. 2008/98/CE); articolo 24 (riconoscimento stabilimenti) 4

5 L END OF WASTE PER IL COMPOST - Considerazioni A seguito dell entrata in vigore del Regolamento n. 333/2011 (sui rottami metallici), considerate le evidenti differenze sull interpretazione di alcuni passaggi, nonché preso atto che gli altri Reg. che seguiranno per gli altri rifiuti con tutta probabilità prenderanno fortemente spunto da tale primo Regolamento, occorre evidenziare almeno tre aspetti controversi, esaminati dalle Regioni ed approvati in Commissione Ambiente Energia: a) Le procedure semplificate ex art. 216 del D. Lgs. 152/06 e DM 5/2/1998 restano in vigore (ai sensi degli artt. 24, 25 e 26 della Dir. 2008/98/CE) e, qualora le sostanze in uscita non siano conformi al Reg. sull EOW su tali sostanze, saremo in presenza di rifiuti. b) I prodotti generati, conformi al Reg. per la specifica sostanza, potranno esser conferiti nelle aree attualmente individuate deposito MPS (in tali aree non saranno considerati rifiuti): è il problema riguardante la cessazione della qualifica di rifiuto solo all atto della cessione dal produttore ad altro detentore: tali aree infatti ad oggi sono considerate deposito di prodotti e non di rifiuti. c) Gli operatori devono informare le Province, trasmettendo copia del certificato di conformità del sistema di gestione della qualità. 5

6 La disciplina regionale riguardante la gestione della frazione organica dei rifiuti urbani D.C.R. 30/7/1997 n : Piano regionale di gestione dei rifiuti D.G.R. 5/7/2004 n : Programma regionale per la riduzione dei RUB da collocare in discarica in attuazione dell art. 5 del D. Lgs. 36/2003 D.G.R. 1/3/2010 n : Criteri tecnici regionali in materia di gestione dei rifiuti urbani 6

7 D.G.R. 1/3/2010 n Criteri tecnici regionali in materia di gestione dei rifiuti urbani Obiettivi specifici riguardanti la Frazione Organica (F.O.): Produzione di biogas da trattamento della F.O Riduzione RUB in discarica Prevenzione della desertificazione Azioni riguardanti la F.O. Riduzione produzione RU pro capite mediante a) Compostaggio domestico b) Compostaggio domestico collettivo (di prossimità) c) Compostaggio rifiuti verdi nel luogo di produzione d) Raccolta derrate non vendibili e pasti non consumati (L 155/03) RD F.O. a 90 kg/ab. anno (30 kg/ab. per il verde) Colore marrone per i contenitori dedicati alla F.O. 7

8 Il Compostaggio Domestico in Piemonte (1/2) n comuni con compostaggio domestico n comuni che applicano riduzioni tassa/tariffa Anno N utenze domestiche N utenze che praticano compostaggio domestico N comuni con compostaggio domestico N comuni che applicano riduzioni tassa/tariffa

9 Il Compostaggio Domestico in Piemonte (2/2) Utenze domestiche totali in Piemonte: Utenza dom. che effettuano compostaggio dom, in Piemonte: Il 5,6 % di Ut. Dom. praticano il compostaggio domestico Calcolo della riduzione del conferimento di rifiuto organico domestico grazie al compostaggio domestico La sola frazione organica prodotta da un abitante presso la propria abitazione corrisponde a 0,198 kg/giorno In Piemonte una ut. dom. è composta mediamente da 2,13 abitanti 0,198 x 365 x 2,13 x = tonn/anno di rifiuto organico domestico sottratto al serv. di raccolta (verde escluso) 9

10 Indagine per la quantificazione del rifiuto organico e del rifiuto indifferenziato Fondi ALCOTRA, Progetto R2D2 Campagna di pesatura anno 2011 Relazione completa sul sito: RIFIUTO BIODEGRADABILE [UTENZE DOMESTICHE] Scarti del giardino Scarti dell orto Rifiuti gestione aree verdi Cer Origine vegetale Origine animale Rifiuti cucina Cer Rifiuto oggetto del presente studio Avviata una campagna di pesatura del rifiuto organico (+ indiff.) Prodotto dalle famiglie Regione Piemonte + IPLA (Istituto per le Piante da Legno e l Ambiente) METODO PER QUANTIFICARE LA FRAZIONE ORGANICA SOTTRATTA 10

11 METODO APPLICATO Esecuzione delle pesate: 2 cicli di 1 settimana ciascuno 1 ciclo invernale 21-26feb11 2 ciclo estivo 11-16lug11 [ A settimana: 3 pesate per famiglia, ogni 2/3 giorni] Definizione del campione: 179 adesioni raccolte durante i corsi sul compostaggio domestico [CCA CISA COSRAB] Selezione del campione [136 famiglie giàcompostano]per ottimizzare i percorsi delle pesate [117/ 111 contatti telefonici] PARTECIPANTI 91FAMIGLIE PER IL 1 CICLO 87FAMIGLIE PER IL 2 CICLO MATERIALE CONSEGNATO ALLE FAMIGLIE: 2 tipi di sacchetti (ORGANCO ED INDIFFERENZIATO) mastello con coperchio e adesivo istruzioni e calendario di pesata tabella annotazioni pasti 11

12 CARATTERISTICHE DEL CAMPIONE 12

13 RISULTATI: CARATTERISTICHE DEL CAMPIONE NUMERO DI PESATE RIFIUTO ORGANICO PREVISTE ESEGUITE PERDITE N. % 1 O CICLO ,3% 2 O CICLO ,8% TOTALE ,0% PRODUZIONE PROCAPITE RICAVATA TIPOLOGIA DI RIFIUTO g/giorno g/pasto a g/pasto*2 (a) RIFIUTO ORGANICO (cucina) RIFIUTO INDIFFERENZIATO RIFIUTO TOTALE (org.+indif.)

14 L uso di un compostatore elettromeccanico per la gestione del rifiuto organico: valutazioni ambientali ed economiche Fondi ALCOTRA, Progetto R2D2 - Relazione completa all indirizzo: 5Nov2011.pdf Il R.O. è l unico tipo di rifiuto che può avvalersi non solo della raccolta di prossimità, ma anche della gestione di prossimità al fine di giungere ad un utilizzo, spesso anch esso di prossimità, del fertilizzante prodotto. Il Compostaggio di Prossimità sfrutta quindi un elemento peculiare del R.O.: la possibilità di essere gestito in loco, azzerando i costi di raccolta, trasporto e conferimento per il recupero: l operatore del compostaggio di prossimità deve quindi poter contare su questo risparmio della collettività, facendone il proprio portafoglio operativo. Il R.O. raccolto grazie al compostaggio di prossimità può essere gestito con diverse modalità, alcune delle quali non garantiscono gli standard igienicosanitari [tra i quali la garanzia di una T > 55 C per 3 giorni] che questa sperimentazione si è imposta. 14

15 La disciplina di riferimento per il compostaggio di prossimità Viene compostato esclusivamente il proprio R.O. Viene compostato il R.O. di terzi: D. Lgs. 152/2006 COMPOSTAGGIO DI PROSSIMITA (ad es con Compostatore Elettromeccanico) Utilizzazione in proprio dell ammendante Cessione a terzi dell ammendante: D. Lgs. 75/2010 Ente competente: Provincia Ente competente: Min. Agr. Il Compostaggio di Prossimità mediante un compostatore elettromeccanico Voci di Costo Euro/anno Ammortamento del C.E Costo del pellet 125 Consumo di elettricità 125 Manodopera 650 Manutenzione ordinaria 150 Eventuali costi amministrativi 0 TOTALE Il compostatore el. è attivo dal 5/7/11 Il costo di questo sistema va esaminato tenendo conto sia delle utenze che occorre coinvolgere per renderlo economico (domestiche e di ristorazione collettiva), sia con la localizzazione territoriale (aree con costi di raccolta elevati) sia infine con le scelte di politica ambientale riflesse sui tributi locali 15

16 Prov. Comune Ragione sociale Quantità autorizzata (t/a) Rifiuto trattato (t/a) Fraz. org. Selez. ( ) Verde ( ) Fanghi Altro AL ALESSANDRIA A.R.AL Spa Impianti di compostaggio in Piemonte anno 2010 AL AT CN CASAL CERMELLI SAN DAMIANO D'ASTI BORGO SAN DALMAZZO BIOLAND SRL G.A.I.A. S.p.A ,05 ACSR spa CN FOSSANO SAN CARLO s.r.l CN MAGLIANO ALFIERI AZ. AGR. OLMO BRUNO CN SALUZZO COOP. AGR. GALATERO CN NO SOMMARIVA PERNO NOVARA S.T.R. Srl ex A.A.B.S.r CONSORZIO DI BACINO BASSO NOVARESE NO POMBIA Fucci Antonio NO TO SAN NAZZARO SESIA ALBIANO D'IVREA KOSTER ROFFINO s.r.l TO BORGARO T.SE AMIAT S.p.A TO COLLEGNO CIDIU COLLEGNO TO DRUENTO PUNTO AMBIENTE TO PECETTO TORINESE MOLINETTO AZIENDA AGRICOLA TO PINEROLO ACEA TO RIVA PRESSO CHIERI RE.LI.CE. sas TO TORINO ITALCONCIMI VC SANTHIA' TERRITORIO E RISORSE SRL VCO VERBANIA COOPERATIVA SOCIALE RISORSE SRL

17 Impianti di compostaggio e di digestione anaerobica in Piemonte anno 2010 PROVINCIA N IMPIANTI attivi TOT TRATTATO FORSU VERDE e LEGNO FANGHI e SCARTI AGRIC. Ales s andria As ti Biella Cuneo Novara Torino Vercelli VCO Totale trattato (tonnellate)

18 P r o v C o m u n e P o t e n z i a l i t à a u t o r i z z a t a ( t / a ) R i f i u t o i n i n g r e s s o ( t ) T i p o l o g i a Impianti di Trattamento Meccanico Biologico in Piemonte anno 2010 A L A l e s s a n d r i a t / a S + B S A L C a s a l e M o n f e r r a t o t / a S + B S A L N o v i L i g u r e t / a S A L T o r t o n a t / a S + B S A T A s t i - V a l t e r z a B I C a v a g l i a ' t / a t / a ( R U + R S ) S + B S + C D R S + B E C N V i l l a f a l l e t t o t / a B E + C D R C C C N N N T O M a g l i a n o A l p i S o m m a r i v a B o s c o B o r g o S a n D a l m a z z o P i n e r o l o t / a S + B S t / a S + B S t / a t / a ( t / a d e l D i g A n. e p r o d C D R t / a d e l l a l i n e a c o m p o s t a g g i o ) 0 S + B S ( R i n d + F r a z. O r g ) S + C D R ( + D i g A n d i F O R S U ) A L A l e s s a n d r i a t / a C D R C N R o c c a v i o n e t / a d i c u i t / a d i C D R C D R * N e l l e t o n n e l l a t e d e i r i f i u t i i n i n g r e s s o a l l i m p i a n t o d i T o r t o n a s o n o c o m p r e s i a n c h e i r i f i u t i p r o v e n i e n t i d a l l i m p i a n t o d i T r a t t a m e n t o M e c c a n i c o d i N o v i L i g u r e d e s t i n a t i a l l a l i n e a d i T r a t t a m e n t o B i o l o g i c o. 18

L uso di un compostatore elettromeccanico per la gestione del rifiuto organico: valutazioni ambientali ed economiche

L uso di un compostatore elettromeccanico per la gestione del rifiuto organico: valutazioni ambientali ed economiche Il Compostatore Elettromeccanico è una valida alternativa per il trattamento degli scarti organici? L esperienza presso il Laboratorio didattico sull ambiente di Pracatinat L uso di un compostatore elettromeccanico

Dettagli

L uso di un compostatore elettromeccanico per la gestione del rifiuto organico: valutazioni ambientali ed economiche

L uso di un compostatore elettromeccanico per la gestione del rifiuto organico: valutazioni ambientali ed economiche L uso di un compostatore elettromeccanico per la gestione del rifiuto organico: valutazioni ambientali ed economiche L esperienza presso il Laboratorio didattico sull ambiente di Pracatinat Obiettivo:

Dettagli

Capitolo 19 - AMBIENTE

Capitolo 19 - AMBIENTE Capitolo 19 - AMBIENTE Tab. 19.1 - Consumi di energia elettrica per settore di attività economica (milioni di kwh). Anno 2013 2013 Province e regioni Agricoltura Industria Terziario* Domestico Totale Torino

Dettagli

Produzione e Gestione dei Rifiuti

Produzione e Gestione dei Rifiuti Direzione Ambiente Osservatorio Regionale Rifiuti Produzione e Gestione dei Rifiuti Parte Prima Rifiuti Urbani (Anno ) Assessorato Ambiente, risorse idriche, acque minerali e termali, difesa del suolo,

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU23 09/06/2011

REGIONE PIEMONTE BU23 09/06/2011 REGIONE PIEMONTE BU23 09/06/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 17 maggio 2011, n. 69-2068 Adeguamento ai nuovi limiti previsti dall'articolo 5 del D.Lgs 13 gennaio 2003 n. 36 relativi al collocamento

Dettagli

La Rete dove l umido vuole cadere

La Rete dove l umido vuole cadere La Rete dove l umido vuole cadere 5 aziende per un obiettivo comune: il recupero dei rifiuti organici I numeri della rete RIUSO Rete Imprese Umido-Sostanza Organica, è la somma di Acea Pinerolese Industriale

Dettagli

CO 2 EVITATA. Grazie alla valorizzazione dei rifiuti organici ad opera della rete RIUSO, in un solo anno è possibile:

CO 2 EVITATA. Grazie alla valorizzazione dei rifiuti organici ad opera della rete RIUSO, in un solo anno è possibile: I NUMERI DELLA RETE RIUSO è la rete composta da cinque aziende piemontesi, leader nel settore del trattamento dei rifiuti organici, nata per accrescere, individualmente e collettivamente, la capacità innovativa

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

ESPERIENZE DI COMPOSTAGGIO DI PROSSIMITA : MONITORAGGIO QUALITATIVO E LINEE GUIDA

ESPERIENZE DI COMPOSTAGGIO DI PROSSIMITA : MONITORAGGIO QUALITATIVO E LINEE GUIDA ESPERIENZE DI COMPOSTAGGIO DI PROSSIMITA : MONITORAGGIO QUALITATIVO E LINEE GUIDA Claudia Bianco, Enrico Accotto Regione Piemonte - Direzione Ambiente, Governo e Tutela del territorio Torino, 11 marzo

Dettagli

2. RIFIUTI URBANI: PRODUZIONE E RACCOLTA DIFFERENZIATA

2. RIFIUTI URBANI: PRODUZIONE E RACCOLTA DIFFERENZIATA Capitolo 2 Rifiuti urbani: produzione e raccolta differenziata 2. RIFIUTI URBANI: PRODUZIONE E RACCOLTA DIFFERENZIATA 2.1 Situazione 2013 In base ai dati rilevati dall Osservatorio Rifiuti della Provincia

Dettagli

Liguria e Valle d Aosta

Liguria e Valle d Aosta Liguria e Valle d Aosta Rapporti, confini normativi e competenze Sanità-Ambiente: SOTTOPRODOTTI O RIFIUTI? Castelnuovo Rangone, 22 novembre 2011. Francesco Bonicelli Servizio Veterinario ed Igiene degli

Dettagli

Liguria e Valle d Aosta

Liguria e Valle d Aosta Rapporti, confini normativi e competenza Sanità-Ambiente: SOTTOPRODOTTI O RIFIUTI? Tiziana Serraino Ufficio III - Igiene degli alimenti di origine animale DGSAN Ministero della Salute REGOLAMENTO (CE)

Dettagli

Gestione dei rifiuti: le principali modifiche introdotte dal nuovo Codice ambientale: gli scarti vegetali Massimo Centemero

Gestione dei rifiuti: le principali modifiche introdotte dal nuovo Codice ambientale: gli scarti vegetali Massimo Centemero Gestione dei rifiuti: le principali modifiche introdotte dal nuovo Codice ambientale: gli scarti vegetali Massimo Centemero Padova, 15 settembre 2011 Il decreto legislativo n. 205/2010 Sulla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

SUPERATA!!!! Definizione di RIFIUTO. INQUADRAMENTO NORMATIVO: rifiuti, sottoprodotti e prodotti

SUPERATA!!!! Definizione di RIFIUTO. INQUADRAMENTO NORMATIVO: rifiuti, sottoprodotti e prodotti INQUADRAMENTO NORMATIVO: rifiuti, sottoprodotti e prodotti Corso avanzato La produzione di compost e biogas da rifiuti organici Lorella Rossi, Oristano, 28 maggio 2012 Centro Ricerche Produzioni Animali

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2012 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Giugno 2013 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI -

Dettagli

IMPIANTI AUTORIZZATI ALLA GESTIONE RIFIUTI

IMPIANTI AUTORIZZATI ALLA GESTIONE RIFIUTI DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Seconda sessione: DATI E INFORMAZIONI INERENTI LO STATO DELL AMBIENTE IMPIANTI AUTORIZZATI ALLA GESTIONE RIFIUTI Regione Piemonte Direzione Ambiente

Dettagli

SEZIONE I. CONSIGLIO REGIONALE - Deliberazioni. 2 Supplemento al Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n. 51 del 22.12.2004

SEZIONE I. CONSIGLIO REGIONALE - Deliberazioni. 2 Supplemento al Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n. 51 del 22.12.2004 2 Supplemento al Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n. 51 del 22.12.2004 SEZIONE I CONSIGLIO REGIONALE - Deliberazioni DELIBERAZIONE 23 novembre 2004, n. 151 Programma regionale per la riduzione

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2012 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Giugno 2013 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI -

Dettagli

2. RIFIUTI URBANI: PRODUZIONE E RACCOLTA DIFFERENZIATA

2. RIFIUTI URBANI: PRODUZIONE E RACCOLTA DIFFERENZIATA Capitolo 2 Rifiuti urbani: produzione e raccolta differenziata 2. RIFIUTI URBANI: PRODUZIONE E RACCOLTA DIFFERENZIATA 2.1 Situazione 2011 Si sottolinea in premessa che i dati di riferimento per la popolazione,

Dettagli

Il recupero della frazione organica della raccolta differenziata. I numeri del sistema. Valeria Frittelloni Andrea M. Lanz

Il recupero della frazione organica della raccolta differenziata. I numeri del sistema. Valeria Frittelloni Andrea M. Lanz Il recupero della frazione organica della raccolta differenziata. I numeri del sistema Valeria Frittelloni Andrea M. Lanz Comunicazioni della Commissione Europea Comunicazione della Commissione al Consiglio

Dettagli

L applicativo O.R.SO. Modalità,, contenuti e tempistiche per la compilazione previsti dalla dgr 2513/2011 Scheda Impianti

L applicativo O.R.SO. Modalità,, contenuti e tempistiche per la compilazione previsti dalla dgr 2513/2011 Scheda Impianti L applicativo O.R.SO. Modalità,, contenuti e tempistiche per la compilazione previsti dalla dgr 2513/2011 Scheda Impianti Limbiate, 20 marzo 2013 Matteo Lombardi ARPA Lombardia - Settore Attività produttive

Dettagli

CRITICITÀ IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI

CRITICITÀ IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 12/43/CR07a/C5 CRITICITÀ IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI Gli aspetti operativi legati all interpretazione del Regolamento comunitario sull end of waste

Dettagli

Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti

Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Regione Siciliana SCUOLA SECONDARIA DI 1 1 GRADO S. QUASIMODO - Ragusa Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Esperto: ing. Walter

Dettagli

COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO

COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO Ai sensi del D.P.R. 158/1998 ANNO 2013 COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO 2013 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il Comune di Borgolavezzaro conta, al 31/12/2012,

Dettagli

COMUNE DI LEVANTO ASSESSORATO ALL AMBIENTE. Regolamento Comunale di Gestione del Compostaggio Domestico MENO RIFIUTI, PIÙ RESPONSABILI

COMUNE DI LEVANTO ASSESSORATO ALL AMBIENTE. Regolamento Comunale di Gestione del Compostaggio Domestico MENO RIFIUTI, PIÙ RESPONSABILI COMUNE DI LEVANTO ASSESSORATO ALL AMBIENTE Regolamento Comunale di Gestione del Compostaggio Domestico MENO RIFIUTI, PIÙ RESPONSABILI Sommario ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 3 ART. 2 CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Abitanti 183.136 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 183.136 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 183.136 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 183.136 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Sondrio N dei comuni 78 N delle schede da compilare 75 N delle schede compilate 75 % di copertura 1,% Abitanti 183.136 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 183.136 Ab. dei Comuni che

Dettagli

Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Milano N dei comuni 134 N delle schede da compilare 134 N delle schede compilate 134 % di copertura 100,0% Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei

Dettagli

IL TRATTAMENTO BIOLOGICO IN ITALIA: LA PRODUZIONE DI BIOSTABILIZZATO E DI AMMENDANTE COMPOSTATO

IL TRATTAMENTO BIOLOGICO IN ITALIA: LA PRODUZIONE DI BIOSTABILIZZATO E DI AMMENDANTE COMPOSTATO IL TRATTAMENTO BIOLOGICO IN ITALIA: LA PRODUZIONE DI BIOSTABILIZZATO E DI AMMENDANTE COMPOSTATO Massimo Centemero, Werner Zanardi Consorzio Italiano Compostatori e-mail: centemero@compost.it Sommario Esaminando

Dettagli

martedì 8 luglio 2014 alle ore 9.45 Reggia La Venaria Reale Aula Magna - Centro Restauro Via XX Settembre 18 - Venaria Reale (TO)

martedì 8 luglio 2014 alle ore 9.45 Reggia La Venaria Reale Aula Magna - Centro Restauro Via XX Settembre 18 - Venaria Reale (TO) Torino, 20/06/2014 Prot. 83 Ai Presidenti, Amministratori Delegati, Consiglieri delle Aziende associate Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie ed Ospedaliere Ai Sindaci, Assessori ai Servizi Comunali

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2011 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Ottobre 2012 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI

Dettagli

3 - Programma regionale per la riduzione dei rifiuti urbani biodegradabili da collocare in discarica (lett. o bis dell articolo 9 comma 1 della l.r.

3 - Programma regionale per la riduzione dei rifiuti urbani biodegradabili da collocare in discarica (lett. o bis dell articolo 9 comma 1 della l.r. Allegato di Piano 3 - Programma regionale per la riduzione dei rifiuti urbani biodegradabili da collocare in discarica (lett. o bis dell articolo 9 comma 1 della l.r. 25/1998) SOMMARIO 1. PREMESSA 3 2.

Dettagli

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU DEFINIZIONE DI RIFIUTO D.Lgs.. 152/2006 (Testo Unico) Parte quarta, Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica

Dettagli

Digestione ed impiego di fanghi di depurazione in agricoltura

Digestione ed impiego di fanghi di depurazione in agricoltura Digestione anaerobica da biomasse, scarti agroindustriali e riduzione dell azoto dai digestati Udine, 22 settembre 2011 Digestione ed impiego di fanghi di depurazione in agricoltura Prof. Ing. Daniele

Dettagli

Linee guida per la realizzazione di iniziative di compostaggio di comunità mediante cumuli statici in cassoni o casette

Linee guida per la realizzazione di iniziative di compostaggio di comunità mediante cumuli statici in cassoni o casette Linee guida per la realizzazione di iniziative di compostaggio di comunità mediante cumuli statici in cassoni o casette Riccardo Marchesi (Corintea soc. coop.) Claudia Bianco e Enrico Guido Accotto (Direzione

Dettagli

15 Frazione organica. 15.1 Dati e valutazioni relative al contesto europeo. 15.2 Dati e valutazioni sull andamento del settore a livello nazionale

15 Frazione organica. 15.1 Dati e valutazioni relative al contesto europeo. 15.2 Dati e valutazioni sull andamento del settore a livello nazionale 15.1 Dati e valutazioni relative al contesto europeo La Direttiva discariche n. 31/1999 ha richiesto agli Stati membri della Comunità europea una riduzione progressiva del quantitativo di rifiuti urbani

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Le raccolte differenziate dei rifiuti organici: considerazioni sui sistemi di raccolta

Le raccolte differenziate dei rifiuti organici: considerazioni sui sistemi di raccolta Le raccolte differenziate dei rifiuti organici: considerazioni sui sistemi di raccolta Walter Giacetti, ETRA S.p.a./Consorzio PD1 Riccardo Venturi, Pasquale Lepore, Sintesi S.r.l. La raccolta differenziata

Dettagli

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI Allegato A CRITERI DI ACCETTAZIONE E CONTROLLO DEI RIFIUTI IN INGRESSO pag.1/9 1. Premessa La presente procedura descrive le modalità

Dettagli

AMBIENTE RAPPORTO CUNEO 2008. I comuni cuneesi "ricloni" BRA DOGLIANI MARENE VILLANOVA MONDOVI' FARIGLIANO RACCONIGI MAGLIANO ALPI VERDUNO

AMBIENTE RAPPORTO CUNEO 2008. I comuni cuneesi ricloni BRA DOGLIANI MARENE VILLANOVA MONDOVI' FARIGLIANO RACCONIGI MAGLIANO ALPI VERDUNO RAPPORTO CUNEO 2008 AMBIENTE Produzione pro-capite di rifiuti urbani (in Kg) - anni 2004-2006 ALESSANDRIA ASTI BIELLA CUNEO NOVARA TORINO VERBANO-CUSIO-OSSOLA VERCELLI 2004 2005 2006 I comuni cuneesi "ricloni"

Dettagli

Il destino dei RIFIUTI

Il destino dei RIFIUTI Comune di Padova Settore Ambiente Il destino dei RIFIUTI Osservatorio Ambientale sull inceneritore DEFINIZIONI RIFIUTO: Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia

Dettagli

Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Milano N dei comuni 134 N delle schede da compilare 134 N delle schede compilate 134 % di copertura 10 Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni

Dettagli

La scelta delle migliori tecniche disponibili e l attività di ACSEL coordinamento ed armonizzazione delle scelte operative

La scelta delle migliori tecniche disponibili e l attività di ACSEL coordinamento ed armonizzazione delle scelte operative La scelta delle migliori tecniche disponibili e l attività di ACSEL coordinamento ed armonizzazione delle scelte operative Sandro Teruggi Università degli Studi di Parma - Facoltà di Ingegneria Dipartimento

Dettagli

Le opportunità e le criticità del sistema compost in Italia

Le opportunità e le criticità del sistema compost in Italia Le opportunità e le criticità del sistema compost in Italia Massimo Centemero CONSORZIO ITALIANO COMPOSTATORI Fondazione per lo svilupp sosteni Roma, 17 giugno 2009 - FOCAL POINTS LA RACCOLTA DIFFERENZIATA

Dettagli

SINTESI PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DELLE BONIFICHE

SINTESI PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DELLE BONIFICHE SINTESI PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DELLE BONIFICHE PERCORSO DEL PIANO FASI Elaborazione Schema di Piano e RP Scoping PROCEDURA PIANO Elaborazione Schema di Piano PROCEDURA VAS L Autorità

Dettagli

INCENTIVI ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA E AL PASSAGGIO TASSA/TARIFFA

INCENTIVI ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA E AL PASSAGGIO TASSA/TARIFFA Capitolo 6 Incentivi alla raccolta differenziata e al passaggio da tassa a tariffa 6. INCENTIVI ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA E AL PASSAGGIO TASSA/TARIFFA Fin dal 2002 la Provincia di Torino, per far fronte

Dettagli

Certificazione del compost: una garanzia in più per gli utilizzatori. Werner Zanardi

Certificazione del compost: una garanzia in più per gli utilizzatori. Werner Zanardi Certificazione del compost: una garanzia in più per gli utilizzatori Werner Zanardi Torino 27 marzo 2009 Sistema Compostaggio 2007 I numeri indice Impianti di compostaggio in Italia Scarto organico trattato

Dettagli

La Discarica Virtuale

La Discarica Virtuale La Discarica Virtuale La Politica per la Qualità e per la Salvaguardia dell Ambiente adottata dalla E.R.I.C.A. soc. coop. attribuisce grande valore all approccio etico al lavoro, tanto da considerare come

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTSA CRITRI PR LA GSTION DLLA FRAZION ORGANICA DL RIFIUTO SOLIDO URBANO PROVNINT DALLA RACCOLTA DIFFRNZIATA DLL AMBITO TRRITORIAL OTTIMAL DLLA PROVINCIA DI TORINO PR L ANNO 2009 TRA L ASSOCIAZION

Dettagli

Inquadramento normativo

Inquadramento normativo Provincia di Vercelli Programma Provinciale per la Gestione dei Rifiuti Urbani Inquadramento normativo Con il recepimento della Direttiva 98/2008 sui rifiuti, è stata introdotta nell ordimento interno

Dettagli

LE ANALISI MERCEOLOGICHE

LE ANALISI MERCEOLOGICHE S.p.A. G.A.I.A. s.p.a. via A. Brofferio,48 14100 Asti (AT) Tel. 0141/35.54.08 Fax 0141/35.38.49 sito: www.gaia.at.it e-mail : info@gaia.at.it Ing. Flaviano Fracaro Direttore Generale di G.A.I.A. spa LE

Dettagli

COMUNE DI FORLIMPOPOLI Provincia di Forlì-Cesena. Raccolta rifiuti Porta a Porta

COMUNE DI FORLIMPOPOLI Provincia di Forlì-Cesena. Raccolta rifiuti Porta a Porta COMUNE DI FORLIMPOPOLI Provincia di Forlì-Cesena Raccolta rifiuti Porta a Porta OBIETTIVO NORMATIVO Al 31 dicembre 2012 la percentuale di Raccolta Differenziata dovrà essere non inferiore al 65% PERCHE

Dettagli

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni UNIAMO LE ENERGIE 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni Recuperabilità dei rifiuti speciali non pericolosi in provincia di Torino Duccio Bianchi Obiettivi Analizzare la struttura dello stock di rifiuti

Dettagli

Piano d Ambito. Lo sviluppo del sistema impiantistico di gestione dei rifiuti urbani nella provincia di Reggio Emilia

Piano d Ambito. Lo sviluppo del sistema impiantistico di gestione dei rifiuti urbani nella provincia di Reggio Emilia Piano d Ambito nuove strategie per la riduzione ed il recupero dei rifiuti Lo sviluppo del sistema impiantistico di gestione dei rifiuti urbani nella provincia di Reggio Emilia Febbraio 2013 1 - Prevenire

Dettagli

RELAZIONE SULLO STATO DEL SISTEMA DI GESTIONE RIFIUTI Luglio 2007

RELAZIONE SULLO STATO DEL SISTEMA DI GESTIONE RIFIUTI Luglio 2007 Provincia di Torino Osservatorio Rifiuti RELAZIONE SULLO STATO DEL SISTEMA DI GESTIONE RIFIUTI Luglio 2007 Organizzazione a cura dell Osservatorio Rifiuti Provinciale con la collaborazione dei Servizi

Dettagli

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA Denominazione indicatori Definizione tecnica indicatori Fonte dei dati Responsabilità produzione dato Inclusione nel PSN Principali elementi sulla rilevazione S.07 - Rifiuti urbani smaltiti in discarica

Dettagli

Presentazione nuovo progetto di riorganizzazione del SISTEMA INTEGRATO DI RACCOLTA RIFIUTI

Presentazione nuovo progetto di riorganizzazione del SISTEMA INTEGRATO DI RACCOLTA RIFIUTI Presentazione nuovo progetto di riorganizzazione del SISTEMA INTEGRATO DI RACCOLTA RIFIUTI LA RACCOLTA DIFFERENZIATA NELLA PROVINCIA DI TORINO La Provincia di Torino impone il raggiungimento del 50% di

Dettagli

Il MODELLO di GESTIONE dei RIFIUTI URBANI nel VENETO

Il MODELLO di GESTIONE dei RIFIUTI URBANI nel VENETO Il MODELLO di GESTIONE dei RIFIUTI URBANI nel VENETO Direttore Generale Carlo Emanuele Pepe Roma, 24 luglio 2014 http://www.arpa.veneto.it/temi-ambientali/rifiuti Enti di gestione 33 AZIENDE di GESTIONE

Dettagli

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Edo Ronchi Fondazione per lo sviluppo sostenibile Sponsor Le modifiche alle Direttive sui rifiuti del pacchetto sull economia circolare La Direttiva

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INTEGRATO DI GESTIONE DELLA FRAZIONE ORGANICA UMIDA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INTEGRATO DI GESTIONE DELLA FRAZIONE ORGANICA UMIDA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI CATANZARO SETTORE TUTELA AMBIENTALE ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INTEGRATO DI GESTIONE DELLA FRAZIONE ORGANICA UMIDA Il giorno del mese di dell

Dettagli

#$2.#2 #2 #$2 3 44&2" 4 & "&43 3 3 # 0.#$2 #5754854#95:&'"(" '()*+,! !""" '*+,!6) *788)(-!- "# $ #$$"%" 0#12 ! % #$$"%! #$$"%"3"! #$$"%#4& !

#$2.#2 #2 #$2 3 44&2 4 & &43 3 3 # 0.#$2 #5754854#95:&'( '()*+,! ! '*+,!6) *788)(-!- # $ #$$% 0#12 ! % #$$%! #$$%3! #$$%#4& ! '"(" '()*+, -- " "./. (4./ % '*+,6) *788)(-- ' ( ) ( ( ) ( "# $ #$$"% #$"$$"% " *,)"' "- -"'% "$.%" %"/ 01'1 1$ % #$ 0#12 3 5 % $1$.. 5'"3'" 6''665"36 3 442" % #$2.#2 #$$"%" #$$"% #$$"%"3" #$$"%#4 #$$"%"

Dettagli

Ai Presidenti, Amministratori Delegati, Consiglieri delle Aziende associate Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie ed Ospedaliere

Ai Presidenti, Amministratori Delegati, Consiglieri delle Aziende associate Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie ed Ospedaliere Torino, 11/11/09 Prot. 184 Ai Presidenti, Amministratori Delegati, Consiglieri delle Aziende associate Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie ed Ospedaliere Ai Sindaci, Assessori ai Servizi Comunali

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI

PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI SEZIONE 3 Rifiuti speciali di origine sanitaria Luglio 1998 1 SOMMARIO 1. Quadro conoscitivo -------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

% Raccolta Differenziata - ultimo triennio* (* I semestre per il 2015)

% Raccolta Differenziata - ultimo triennio* (* I semestre per il 2015) ton Sede Legale: Via G. Di Vittorio, 84-381 LAVIS (TN) 461 24 11 81 - Fax 461 24 2 % Raccolta Differenziata - ultimo triennio* (* I semestre per il 21) 9% 88% 86% 84% 82% 8% 78% 76% 74% 72% %RD (con spazzamento)

Dettagli

IO DIFFERENZIO, MA POI? LA FILIERA DEI RIFIUTI. QUALE È IL DESTINO DEI

IO DIFFERENZIO, MA POI? LA FILIERA DEI RIFIUTI. QUALE È IL DESTINO DEI Dicomano, 5 giugno 2015 IO DIFFERENZIO, MA POI? LA FILIERA DEI RIFIUTI. QUALE È IL DESTINO DEI MATERIALI PROVENIENTI DA RACCOLTA DIFFERENZIATA? QUALE LA POSSIBILITÀ DI RIUTILIZZO E RIUSO LA GESTIONE DEL

Dettagli

Introduzione alla normativa europea, nazionale e regionale

Introduzione alla normativa europea, nazionale e regionale Introduzione alla normativa europea, nazionale e regionale Oli e grassi commestibili esausti Gli oli e grassi commestibili esausti sono tutti quelli che residuano dal consumo umano e dalla cottura. Il

Dettagli

Produzione Rifiuti e Raccolta Differenziata Anno 2011 INDICE. Parte I - La situazione a livello provinciale

Produzione Rifiuti e Raccolta Differenziata Anno 2011 INDICE. Parte I - La situazione a livello provinciale Produzione Rifiuti e Raccolta Differenziata 2011 INDICE Glossario dei termini utilizzati Pag. 2 Nota sulla raccolta dei dati Pag. 4 Parte I - La situazione a livello provinciale Sintesi dei dati sulla

Dettagli

Cenni normativi e ottimizzazione ciclo di gestione reflui e scarti industriali

Cenni normativi e ottimizzazione ciclo di gestione reflui e scarti industriali Cenni normativi e ottimizzazione ciclo di gestione reflui e scarti industriali 24 gennaio 2013 Definizioni Cosa sono gli scarti di produzione o residui industriali (NON acque reflue industriali o rifiuti)

Dettagli

DIFFERENZIAMOCI PERCHE E COME?

DIFFERENZIAMOCI PERCHE E COME? DIFFERENZIAMOCI PERCHE E COME? Spunti di meditazione per un progetto comunale di raccolta differenziata spinta porta a porta PERCHE FARE LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI La Provincia di Pavia ha un

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU26 27/06/2013

REGIONE PIEMONTE BU26 27/06/2013 REGIONE PIEMONTE BU26 27/06/2013 Codice DB1014 D.D. 8 maggio 2013, n. 264 Approvazione dello schema di accordo relativo alla condivisione di informazioni ambientali in materia rifiuti tra Regione Piemonte

Dettagli

Aggiornamento normativo

Aggiornamento normativo Aggiornamento normativo LEGGE 28 dicembre 2015, n. 221 Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell uso eccessivo di risorse naturali Pubblicata

Dettagli

Programma provinciale per la riduzione dei Rifiuti Urbani Biodegradabili (RUB) da conferire in discarica

Programma provinciale per la riduzione dei Rifiuti Urbani Biodegradabili (RUB) da conferire in discarica Programma provinciale per la riduzione dei Rifiuti Urbani Biodegradabili (RUB) da conferire in discarica Luglio 2008 L elaborato è stato predisposto dal gruppo di lavoro interno (team di progetto) costituito

Dettagli

Le Nuove Sfide del Consorzio Riciclone delle Marche. Giuseppe Giampaoli Direttore Cosmari SRL

Le Nuove Sfide del Consorzio Riciclone delle Marche. Giuseppe Giampaoli Direttore Cosmari SRL Le Nuove Sfide del Consorzio Riciclone delle Marche Giuseppe Giampaoli Direttore Cosmari SRL L EVOLUZIONE IL PERCORSO 1976 - Si costituisce il ConSmaRi con Decreto Prefettizio 1981/1995 - Realizzazione

Dettagli

Regione Abruzzo D.Lgs.151/05 RAEE. Dott. Franco Gerardini Regione Abruzzo Servizio Gestione Rifiuti

Regione Abruzzo D.Lgs.151/05 RAEE. Dott. Franco Gerardini Regione Abruzzo Servizio Gestione Rifiuti D.Lgs.151/05 RAEE Dott. Franco Gerardini Servizio Gestione Rifiuti La gestione integrata dei rifiuti Criticità del sistema regionale di gestione dei rifiuti la L.R.83/00 (contenente il PRGR) non recepisce

Dettagli

Programma Provinciale per la Gestione dei Rifiuti Urbani

Programma Provinciale per la Gestione dei Rifiuti Urbani Provincia di Vercelli Programma Provinciale per la Gestione dei Rifiuti Urbani Inquadramento normativo Con il recepimento della Direttiva 98/2008 sui rifiuti, è stata introdotta nell ordimento interno

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

LINEE GUIDA PER LO SVILUPPO E POTENZIAMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

LINEE GUIDA PER LO SVILUPPO E POTENZIAMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA PROVINCIA DI PAVIA Divisione Territorio Settore Tutela Ambientale PIANO PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI AZIONI DI ATTUAZIONE LINEE GUIDA PER LO SVILUPPO E POTENZIAMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

Dettagli

P R O V I N C I A D I V E R C E L L I

P R O V I N C I A D I V E R C E L L I P R O V I N C I A D I V E R C E L L I Deliberazione della Giunta Provinciale Verbale N 120 SEDUTA DEL 27 Novembre 2015 L anno duemilaquindici addì ventisette del mese di novembre alle ore 10.00 in Vercelli

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 288 del 11 marzo 2014

ALLEGATOA alla Dgr n. 288 del 11 marzo 2014 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 288 del 11 marzo 2014 CERTIFICAZIONE DELLA PERCENTUALE DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI AI SENSI DELL ART. 39 DELLA L. R. 3/2000 1. Premessa

Dettagli

5. ATTIVITA DI FINANZIAMENTO DELLA PROGETTAZIONE TERRITORIALE DELLE RACCOLTE DIFFERENZIATE E COSTI DELLA GESTIONE RIFIUTI

5. ATTIVITA DI FINANZIAMENTO DELLA PROGETTAZIONE TERRITORIALE DELLE RACCOLTE DIFFERENZIATE E COSTI DELLA GESTIONE RIFIUTI 5. ATTIVITA DI FINANZIAMENTO DELLA PROGETTAZIONE TERRITORIALE DELLE RACCOLTE DIFFERENZIATE E COSTI DELLA GESTIONE RIFIUTI 5.1. Introduzione Le difficoltà di spesa riscontrate negli anni passati, di seguito

Dettagli

La nuova vita di un rifiuto: tra recupero e valorizzazione di energia e materia

La nuova vita di un rifiuto: tra recupero e valorizzazione di energia e materia Workshop Waste To Energy La nuova vita di un rifiuto: tra recupero e valorizzazione di energia e materia Centro Studi SAFE Biblioteca del Senato "Giovanni Spadolini" Roma, 25 giugno 2012 Agenda Quadro

Dettagli

Programma regionale per la riduzione dei rifiuti biodegradabili da collocare in discarica ad integrazione del Piano Regionale di gestione dei rifiuti

Programma regionale per la riduzione dei rifiuti biodegradabili da collocare in discarica ad integrazione del Piano Regionale di gestione dei rifiuti ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 2442 DEL 20 OTTOBRE 2006 Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Direzione regionale dell Ambiente Decreto Legislativo 13 gennaio 2003, n 36 Attuazione della Direttiva 1999/31/CE

Dettagli

Gli investimenti effettuati e programmati nel recupero delle frazioni organiche

Gli investimenti effettuati e programmati nel recupero delle frazioni organiche Gli investimenti effettuati e programmati nel recupero delle frazioni organiche Piano regionale di gestione dei rifiuti urbani DGR 73/7 del 20.12.2008 Raggiungimento del 65% di raccolta differenziata entro

Dettagli

INCHIESTA PUBBLICA nell ambito della procedura di Valutazione Ambientale Strategica del Piano regionale di gestione dei rifiuti e delle bonifiche

INCHIESTA PUBBLICA nell ambito della procedura di Valutazione Ambientale Strategica del Piano regionale di gestione dei rifiuti e delle bonifiche Piano regionale di Gestione Rifiuti e bonifiche INCHIESTA PUBBLICA nell ambito della procedura di Valutazione Ambientale Strategica del Piano regionale di gestione dei rifiuti e delle bonifiche 22 maggio

Dettagli

I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA

I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA REPORT STATISTICO I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA ANNI A 2007 2007-20122012 1 I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione

Dettagli

L ECONOMIA CIRCOLARE NELLA PIANIFICAZIONE REGIONALE

L ECONOMIA CIRCOLARE NELLA PIANIFICAZIONE REGIONALE L ECONOMIA CIRCOLARE NELLA PIANIFICAZIONE REGIONALE Renata Caselli, Regione Toscana in collaborazione con ARRR - Agenzia Regionale Recupero Risorse spa L economia circolare in pillole La transizione verso

Dettagli

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27.

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27. Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27 dicembre 2013 Suppl. Ordinario n. 89) Rosanna Laraia IL DPCM 12 dicembre

Dettagli

3) di incaricare il Settore Tutela del Territorio per l attuazione e la gestione del presente programma di indagini;

3) di incaricare il Settore Tutela del Territorio per l attuazione e la gestione del presente programma di indagini; 66 7.12.2004 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 49 Vista la deliberazione della Giunta regionale n. 37 del 20.01.2003 avente per oggetto legge 13 maggio 1989 n. 13 - approvazione programma

Dettagli

Differenziata e per l introduzione l raccolta dell organico per le utenze condominiali AMSA. MSA S.p.A FEBBRAIO 2012

Differenziata e per l introduzione l raccolta dell organico per le utenze condominiali AMSA. MSA S.p.A FEBBRAIO 2012 Piano per l incremento l della Raccolta Differenziata e per l introduzione l della raccolta dell organico per le utenze condominiali AMSA MSA S.p.A FEBBRAIO 2012 1 Raccolta differenziata dell organico

Dettagli

I dati di produzione e gestione dei Rifiuti urbani in Campania

I dati di produzione e gestione dei Rifiuti urbani in Campania I dati di produzione e gestione dei Rifiuti urbani in Campania ARPAC U.O. R.I.U.S. Dott. Claudio Marro a cura della Sezione Regionale del Catasto Rifiuti (Ing. Alberto Grosso, Ing. Giuseppe De Palma) La

Dettagli

STATISTICHE SUI RIFIUTI

STATISTICHE SUI RIFIUTI STATISTICHE SUI RIFIUTI 1 Rifiuti: comportamento virtuoso dell Isola nella gestione dei rifiuti urbani. Le ultime statistiche mostrano come il comparto della gestione dei rifiuti urbani in Sardegna sia

Dettagli

DISCARICA DI CA LUCIO DI URBINO. Relatore: Ing. UGOLINI DANIELA

DISCARICA DI CA LUCIO DI URBINO. Relatore: Ing. UGOLINI DANIELA DISCARICA E IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO DI CA LUCIO DI URBINO Relatore: Ing. UGOLINI DANIELA 01/07/2009: CESSIONE RAMO D AZIENDA FILIERA DISCARICA E FILIERA COMPOSTAGGIO A MARCHE MULTISERVIZI S.p.a.: C.M.

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI. AMBIENTE E SALUTE 23 giugno 2008

IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI. AMBIENTE E SALUTE 23 giugno 2008 IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI AMBIENTE E SALUTE 23 giugno 2008 I 5 Principi della Gestione Integrata dei Rifiuti 1. Prevenzione nella formazione dei rifiuti 2. Riduzione della loro pericolosità 3. Riciclaggio

Dettagli

Piano Provinciale per la Gestione dei Rifiuti Urbani 3.1. LA PRODUZIONE DI RIFIUTI E LA RACCOLTA DIFFERENZIATA

Piano Provinciale per la Gestione dei Rifiuti Urbani 3.1. LA PRODUZIONE DI RIFIUTI E LA RACCOLTA DIFFERENZIATA 3. LA SITUAZIONE ATTUALE Una ricognizione aggiornata sullo stato delle raccolte differenziate e degli impianti ha portato ad individuare la seguente situazione. 3.1. LA PRODUZIONE DI RIFIUTI E LA RACCOLTA

Dettagli

CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO

CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO La gestione dei rifiuti, dei rifiuti pericolosi, degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggi è disciplinata dal Decreto Legislativo n 22 del 5/02/1997 Attuazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RAGGIUNTO NEL 2014 L OBIETTIVO DEL 45,2% DI RACCOLTA DIFFERENZIATA, + 3% RISPETTO AL 2013

COMUNICATO STAMPA RAGGIUNTO NEL 2014 L OBIETTIVO DEL 45,2% DI RACCOLTA DIFFERENZIATA, + 3% RISPETTO AL 2013 COMUNICATO STAMPA RAGGIUNTO NEL 2014 L OBIETTIVO DEL 45,2% DI RACCOLTA DIFFERENZIATA, + 3% RISPETTO AL 2013 CIRCA 14% IN MENO I RIFIUTI URBANI SMALTITI IN DISCARICA Presentato il Rapporto ISPRA sui Rifiuti

Dettagli

REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO ECOISTITUTO ABRUZZO

REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO ECOISTITUTO ABRUZZO REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO ED ECOISTITUTO ABRUZZO Mondocompost Progetto sperimentale per la promozione del compostaggio domestico sul territorio regionale DIREZIONE PROTEZIONE

Dettagli

PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO

PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO milioni di t 10.0 9.0 8.0 7.0 6.0 5.0 4.0 3.0 2.0 1.0 0.0 La produzione dei rifiuti in Toscana 1998-2011

Dettagli

Rapporto sulla produzione di RIFIUTI SOLIDI URBANI e sull andamento delle RACCOLTE DIFFERENZIATE

Rapporto sulla produzione di RIFIUTI SOLIDI URBANI e sull andamento delle RACCOLTE DIFFERENZIATE Provincia di Bergamo SERVIZIO AMBIENTE - OSSERVATORIO PROVINCIALE RIFIUTI Rapporto sulla produzione di RIFIUTI SOLIDI URBANI e sull andamento delle RACCOLTE DIFFERENZIATE anno 2004 Produzione Rifiuti e

Dettagli

GIUNTA REGIONALE Servizio Territorio e Ambiente P.F. Ciclo dei rifiuti, bonifiche ambientali, AERCA e rischio industriale

GIUNTA REGIONALE Servizio Territorio e Ambiente P.F. Ciclo dei rifiuti, bonifiche ambientali, AERCA e rischio industriale GIUNTA REGIONALE Servizio Territorio e Ambiente P.F. Ciclo dei rifiuti, bonifiche ambientali, AERCA e rischio industriale PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI (art.199 D.Lgs.152/2006) SCENARIO EVOLUTIVO

Dettagli

IL TRATTAMENTO BIOLOGICO IN ITALIA: GLI ASPETTI TECNICI E STRATEGICI DI UN SISTEMA

IL TRATTAMENTO BIOLOGICO IN ITALIA: GLI ASPETTI TECNICI E STRATEGICI DI UN SISTEMA IL TRATTAMENTO BIOLOGICO IN ITALIA: GLI ASPETTI TECNICI E STRATEGICI DI UN SISTEMA Massimo Centemero CONSORZIO ITALIANO COMPOSTATORI Bologna, Gennaio 2006 IL COMPOSTAGGIO SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli