LE ALTRE COMPETENZE DEL GIUDICE TUTELARE PREVISTE NELLE LEGGI SPECIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE ALTRE COMPETENZE DEL GIUDICE TUTELARE PREVISTE NELLE LEGGI SPECIALI"

Transcript

1 LE ALTRE COMPETENZE DEL GIUDICE TUTELARE PREVISTE NELLE LEGGI SPECIALI Relatore: dott.ssa Maria Antonietta GUIDA consigliere pretore della Pretura circondariale di Milano Competenze del Giudice Tutelare previste nelle leggi speciali. Viene presa in esame la normativa in ordine al rilascio di documento valido per l espatrio dei minori e dei genitori con figli minori nelle diverse situazioni giuridiche. Vengono esposti i motivi posti a base delle cautele volute dal legislatore e la procedura innanzi al Giudice Tutelare (legge 21 novembre 1967 n. 1185). Viene poi affrontato il tema dell interruzione volontaria della gravidanza (I.V.G.) delle minorenni con riferimento alle norme, ai criteri interpretativi, alle strutture di riferimento ed all esperienza anche sul piano statistico dalla entrata in vigore della norma ad oggi (legge 22 maggio 1978 n. 194). Viene infine trattato il tema della normativa in materia d infermità mentale con brevi cenni storici e in particolare si esamina la disciplina del trattamento sanitario obbligatorio in condizioni di degenza ospedaliera per malattia mentale (cosiddetto T.S.O.) con riferimento alla tutela giurisdizionale, all attuazione concreta ed alla natura del provvedimento del Giudice Tutelare (legge 23 dicembre 1978 n. 833). L autorizzazione al rilascio del passaporto ex art. 3 legge 21 novembre 1967 n Ogni cittadino è libero di uscire dal territorio della Repubblica e di rientrarvi salvi gli obblighi di legge (art. 16, 2 comma Cost.). La legge del 21 novembre 1967 art la cui rubrica è norme sui passaporti prevede appunto delle limitazioni al diritto di espatrio. In particolare l art. 3 lett. a) e b) contiene delle deroghe rispetto al diritto di espatrio di carattere cautelativo a difesa di soggetti giuridicamente deboli. L impedimento al diritto di espatrio può essere rimosso dall autorizzazione del Giudice Tutelare. L art. 3 della legge citata recita: non possono ottenere il passaporto: a) coloro che essendo a norma di legge sottoposti alla patria potestà (dopo la riforma del 1975 la locuzione deve intendersi come potestà parentale) o alla potestà tutoria siano privi dell assenso della persona che la esercita e, nel caso di affidamento a persona diversa, dell assenso anche di questa; o, in difetto, dall autorizzazione del Giudice Tutelare. Soffermando l indagine alla disamina del capo della norma sopra riportato si osserva quanto segue: i soggetti per i quali è previsto un limite al diritto di espatrio sono i minori sottoposti a potestà a tutela (ossia i minori di 18 anni) e gli interdetti. Si tratta di soggetti che dal punto di vista giuridico versano in stato di capacità limitata e dal punto di vista naturale, per la fase evolutiva in cui si trovano (minori), o per i limiti personali (interdetti), versano in condizioni di fragilità rispetto ai soggetti adulti normali. L allontanamento dal territorio del loro paese di origine infatti potrebbe metterli in situazione di rischio.

2 È per questo che essi possono espatriare solo se hanno l assenso dell esercente la potestà o del tutore, o in mancanza, l autorizzazione del Giudice Tutelare. La legge sopra citata è del Successivamente vi sono state riforme sostanziali nel diritto di famiglia. Tra esse, ai fini che qui interessano, ha rilievo l introduzione del divorzio e la modifica dell istituto della potestà: la contitolarità e l esercizio congiunto della potestà da parte dei genitori ha sostituito la patria potestà. Pertanto la norma dell art. 3 lettera a) va interpretata tenendo conto dell attuale quadro normativo. La fattispecie si presenta più delicata nel caso di disgregazione della famiglia di origine del minore. Sembra di poter sostenere che: a) i minori sottoposti alla potestà ove ottengano l assenso di entrambi i genitori coesercenti la potestà possono ottenere il passaporto e ciò quale che sia il regime esistente tra i loro genitori; b) i minori sui quali esercita la potestà un solo genitore in virtù dell affidamento ad esso possono egualmente, quale che sia il regime esistente tra i loro genitori, ottenere il passaporto se vi è l assenso del genitore non affidatario; c) i minori sottoposti alla potestà di un genitore che esso solo eserciti la potestà e sprovvisti di assenso dell altro genitore non decaduto dalla potestà possano ottenerla con decreto del Giudice Tutelare. In tal caso il Giudice Tutelare innanzi al quale si incardina un procedimento volto ad ottenere l autorizzazione sente, se possibile, l altro genitore e poi decide nell interesse del minore. La ratio della norma sembra essere sostanzialmente duplice: 1) consentire al minore di recarsi all estero quando ciò non gli comporta particolari pericoli; 2) evitare che, nel caso di famiglia disgregata, uno dei due genitori porti con sé definitivamente il minore all estero per allontanarlo, o comunque allontanandolo dall altro genitore. Il Giudice Tutelare dovrà acquisire elementi di conoscenza e, se del caso, fare una piccola istruttoria prima di emettere il suo provvedimento. L art b) della norma in esame dispone che non possano ottenere il passaporto i genitori che avendo prole minore, non ottengano l autorizzazione del Giudice Tutelare. Tale autorizzazione non è necessaria quando il richiedente abbia l assenso dell altro genitore legittimo da cui non sia legalmente separato e che viva nel territorio della Repubblica. La ratio della norma è da ricercarsi nel pericolo che uno dei due genitori si rechi all estero ed ometta di adempiere al dovere costituzionalmente garantito di mantenere, istruire ed educare i figli (art. 30 Costituzione). Si tratta di obblighi che comportano una erogazione patrimoniale ma anche altre cure che, per essere proprie del mondo degli affetti, non sono per loro natura coercibili. Un prolungato distacco tuttavia può contribuire a far eludere tali doveri da parte di un genitore che sia poco proclive ad occuparsi dei propri figli con grave danno per i medesimi. Per quanto concerne la situazione in cui vi sia un solo genitore (vedovo o unico genitore che abbia effettuato il riconoscimento) ove non vi siano problemi tra tale genitore ed il figlio che abbiano reso necessario l intervento del Tribunale dei Minorenni non si vede perché tale genitore non possa esprimere con effetti determinanti il consenso senza passare per il vaglio del Giudice Tutelare. Il procedimento si modella secondo le tipologie di procedimenti in camera di Consiglio ex art. 737 e segg. c.p.c..

3 Viene introdotto da un ricorso, si svolge attraverso una istruttoria (audizioni, acquisizioni di elementi) e culmina con un decreto. Nel contemplare l esigenza di espatriare, che talvolta ha alla base anche motivi di lavoro, e la tutela dell adempimento dell obbligo di mantenimento il Giudice Tutelare può richiedere garanzie patrimoniali ovvero concedere l autorizzazione ma per un breve periodo e/o con validità limitata ad alcuni stati stranieri al fine di meglio vigilare (anche ex art. 337 c.c.) sull adempimento degli obblighi patrimoniali e se possibile, anche degli altri obblighi che non hanno minore importanza. Il decreto del Giudice Tutelare è impugnabile innanzi al Tribunale per i minorenni. L art. 12 della legge citata prevede l ipotesi in cui il documento valido per l espatrio sia stato a suo tempo concesso e successivamente sopravvengano circostanze che ne avrebbero legittimato il diniego. In tale caso il passapolto è ritirato: a) in Italia dai Questori e in casi eccezionali agli ispettorati di frontiera per gli italiani all estero, b) all estero dalle rappresentanze diplomatiche e consolari (combinato disposto dagli art. 12, 1 comma e art. 5 legge cit.). Si tratta di un meccanismo di controllo a posteriori che si aziona allorché il soggetto di cui all art. 3, sia già in possesso di passaporto e siano successivamente insorte cause ostative assenti al momento del rilascio. Gli aventi diritto ad obbligazioni alimentari possono obbligare il titolare del passaporto che si trovi all estero ad offrire la prova dell adempimento degli obblighi alimentari che derivino da pronuncia dell autorità giudiziaria o che riguardino i discendenti di età minore ovvero inabili al lavoro, gli ascendenti ed il coniuge non legalmente separato. Ove tale prova non sia fornita dall interessato al medesimo sarà ritirato il passaporto (art. 12, 2 comma). Il ritiro del passaporto è pure previsto quando il titolare del passaporto sia un minore e venga accertato che abitualmente svolga attività all estero, attività immorali e vi presti lavoro in industrie pericolose e nocive alla salute (art. 12, 3 comma). Il titolare di un passaporto ritirato potrà attivarsi per ottenerlo nuovamente quando siano venute meno le cause ostative. L interruzione volontaria di gravidanza delle minorenni. Il tema dell aborto è nuovamente di scottante attualità sia sotto l aspetto del dibattito fra opposte opinioni sia per quanto riguarda le proposte di riforma legislativa. Esso suscita reazioni intense e coinvolgenti per le sue rilevanti implicazioni oltre che nella sfera personale anche in quella sociale sotto l aspetto ideologico, giuridico e politico. In passato la mancata approvazione della legge regolatrice della materia nel 1976 contribuì a far cadere in anticipo una legislatura e, dopo l entrata in vigore della legge 22 maggio 1978 n. 194 vi furono due richieste di referendum. La consultazione referendaria avvenne il maggio 1981 e si concluse con esito contrario all abrogazione della legge. Sotto l aspetto giuridico, d altra parte, per quanto concerne l I.V.G. delle minorenni, sono state sollevate più volte nel corso di questi anni da diversi Giudici Tutelari eccezioni di legittimità costituzionale dell art. 12 che non hanno trovato accoglimento da parte della Corte Costituzionale. La disciplina vigente L art. 12 della legge prevede l interruzione di gravidanza della minorenne e dispone che la medesima debba avere l assenso degli esercenti la podestà o la tutela. Se la ragazza non vuole coinvolgere nelle sue scelte entrambi i genitori, o se ipotesi nella realtà molto più remota costoro informati rifiutino il loro assenso o esprimano pareri difformi, può, entro i primi novanta giorni della gravidanza, rivolgersi al consultorio o alle strutture sociosanitarie o al medico di fiducia, che, ai sensi dell art. 5, effettueranno i necessari accertamenti medici ed esamineranno con lei le possibili alternative.

4 Ove non vi sia altra soluzione, gli anzidetti soggetti invieranno al Giudice Tutelare del luogo ove essi operano, entro sette giorni, una relazione esprimendo anche il loro parere. Il Giudice Tutelare, sentita la minore e tenuto conto della sua volontà, delle ragioni che adduce e della relazione trasmessagli, potrà autorizzare la ragazza entro cinque giorni, con atto non soggetto a reclamo, a decidere l interruzione della gravidanza. Diversa è la regolamentazione per il caso in cui il medico accerti l urgenza dell intervento a causa di un grave pericolo per la salute della minorenne (3 comma) o per l interruzione della gravidanza dopo i novanta giorni (4 comma): in tali ipotesi il problema viene affrontato e risolto a livello sanitario. La disciplina introdotta dall art. 12 della legge n. 194 è la risultante della mediazione tra la posizione di coloro che volevano attribuire ai genitori il potere di decidere e quella opposta che voleva lasciare alla minorenne completa libertà di decisione. Con la regolamentazione introdotta si è voluto da una parte evitare che la minore pur di non far palese ai genitori la sua situazione facesse ricorso all aborto clandestino e, dall altra, far sì che la ragazza non fosse lasciata del tutto arbitra della decisione e sola ad affrontare un evento così potenzialmente traumatico. A tal fine fu individuata nel consultorio la struttura che, presa in carico la situazione della minore in relazione alla gravidanza, all interruzione di essa ed al rapporto della ragazza con i genitori, potesse assumere un ruolo di sostegno sostitutivo ed esprimere una valutazione in ordine all idoneità della ragazza a prendere una decisione così incisiva. Nel Giudice Tutelare fu individuata l autorevole figura che tenendo conto della volontà espressa dalla ragazza, dei motivi da essa addotti e della relazione del Consultorio valutasse l idoneità della minore a decidere in ordine a tale problema e, in caso positivo, rimuovesse con il proprio provvedimento i limiti della minore età, autorizzando la ragazza a decidere. Il decreto del Giudice Tutelare ha aspetti atipici. Esso non ha carattere decisionale ma rimuove l ostacolo inerente alla capacità di agire autorizzando la minorenne a decidere. Esso inoltre non è reclamabile in contrasto con la regola di cui all art. 739 c.p.c.. La ratio di tale disciplina è riconducibile sia all esigenza di celerità che a quella di segretezza. Condizioni per una buona attuazione della legge. Tale essendo il sistema previsto perché esso possa in concreto funzionare non solo sul piano dell efficienza ma anche e soprattutto nell aiutare la minore a prendere coscienza ed a crescere sia pure attraverso l esperienza negativa che si accinge ad affrontare, occorre innanzi tutto che esistano in tutto il Territorio del Paese dei Consultori i cui operatori siano sensibili e competenti, non solo nel settore medico, ma anche in quello psicologico e sociale. Occorre, poi, che l incontro tra la minore ed il Giudice Tutelare non sia la mera fase di un iter burocratico ma un momento di intensa comunicazione in cui il Giudice Tutelare assuma nell interesse della minore, con sofferenza ma anche con empatia, una posizione autorevole che, senza colpevolizzare la ragazza, la metta però di fronte alla responsabilità che ella ha nei confronti di se stessa e del suo futuro. Si è posto il problema dell opportunità di informare i genitori del momento di vita che la loro figlia minorenne sta affrontando. Tale problema va affrontato dal Consultorio o dal medico di fiducia. Ciò emerge oltre che dall interpretazione letterale anche dalla sequenza logica del 2 comma dell art. 12 legge citata. D altra parte è intuitivo che la sede più confidenziale e specialistica è quella più idonea a cercare di comprendere quale sia la situazione psicologica della minore, quale sia la relazione che essa ha con i suoi genitori e quale sia la personalità dei genitori e la loro possibile reazione in chiave di sostegno alla minore in difficoltà e di recupero di livelli di comunicazione evidentemente non esistenti.

5 Il Giudice Tutelare, dal quale peraltro non di rado la minore si presenta in compagnia dell unico genitore informato della situazione, interviene allorquando è stato già percorso un iter di approfondimento. Egli non interpreterebbe correttamente la funzione demandatagli dalla legge che è proprio quella di sostituire con il proprio provvedimento autorizzativo l assenso degli esercenti la potestà se comunque interpellasse i genitori. Occorre, infine, che vi sia tra Giudice Tutelare e Consultorio una stretta collaborazione soprattutto nei casi in cui le ragazze appaiono più fragili e bisognose di sostegno. Nel tentativo di tracciare un bilancio dell applicazione della legge 194 sono d aiuto i dati statistici relativi a tutto il territorio nazionale raccolti dal Ministero di Grazia e Giustizia. Da essi si rileva chiaramente la disomogenea applicazione della legge nelle varie aree del nostro Paese ed il diverso andamento della curva che rappresenta l entità quantitativa del fenomeno, negli anni dal 1978 ad oggi nelle diverse aree geografiche e comunque la contrazione del numero delle minori che hanno fatto ricorso all I.V.G.. Dati di esperienza. Per quanto riguarda la Pretura di Milano i dati statistici indicano che il fenomeno, inizialmente cospicuo quantitativamente, ha subito una sensibile contrazione con progressione costante. Tale diminuzione è avvenuta nonostante che abbiano adito il Giudice Tutelare di Milano ragazze residenti in altre zone, ove le strutture anche quelle giudiziarie hanno opposto resistenza all applicazione della legge. Ciò in base alla norma che radica la competenza territoriale del Giudice Tutelare con riferimento al luogo ove si trova il medico o il consultorio a cui la minore si è rivolta. Inoltre nel corso degli anni è cambiato l atteggiamento delle minorenni nei confronti di questo grave problema. Nei primi tempi dall applicazione della legge, forse anche sotto l influsso del clima socioculturale di quegli anni, le ragazze apparivano spavalde ed oppositive, ostentando una sicurezza molto probabilmente difensiva, ma tale tuttavia da rendere difficile una reale presa di contatto con la sofferenza che l esperienza abortiva comporta. Successivamente l attitudine è man mano cambiata: le ragazze sono apparse più consapevoli degli aspetti dolorosi dell esperienza e, probabilmente quindi, più capaci di elaborarne il significato e com è speranza di chi scrive di scoprire partendo da un esperienza di morte il valore della vita. Per quanto concerne, infine, il problema delle adolescenti per fortuna poche ed in progressiva diminuzione nel tempo che ripetono l esperienza abortiva si può, tranne qualche eccezione, tracciare il loro identikit. Si tratta, in genere, di ragazze che non studiano, non lavorano, sono in situazione di difficoltà sia nell ambito della famiglia che rispetto alla realtà ed a loro stesse. Nel loro caso la gravidanza, l interruzione e la recidiva sono l indice di un profondo e a volte grave disagio psicologico. Per loro, come e più che per le altre, operatori socio-psicologici abili possono cogliere l occasione per offrire quel sostegno psicologico di cui hanno bisogno e per tentare di trasformare un momento di grave caduta nell inizio di un processo di elaborazione. Il trattamento sanitario obbligatorio in condizioni di degenza per malattia mentale. La legge 180 del 1978 ha innovato profondamente il vecchio regime giuridico in materia di malattia mentale regolato dalla legge 14 febbraio 1904 n. 36 all epoca ancora vigente.

6 Essa è stata la risultante sul piano giuridico di nuove forze e del movimento di pensiero e di opinione sviluppatosi negli anni sessanta in altri Paesi ed in Italia che, in materia psichiatrica propugnava la chiusura dei manicomi e l adozione di garanzie per la privazione della libertà personale dell infermo di mente nonché la presa in carico delle esigenze del paziente nel loro complesso. Sul piano politico tale movimento diede luogo ad una richiesta di referendum per la chiusura dei manicomi che non ebbe poi luogo proprio per l affrettata approvazione della legge 180/78 che reca le tracce di una insufficiente e incompleta trattazione della materia. La legge fu poi assorbita nella riforma sanitaria (legge 833/1978). Fra le vecchie norme della legge 1 febbraio 1904 n. 36 e le norme della legge 180 del 1978 come tra le concezioni ispiratrici dell una e dell altra vi è un mutamento radicale tanto che appare giustificata la definizione di riforma psichiatrica per indicare sia tutta l elaborazione culturale sia il mutamento della normativa. La legge del 1904 Legge sui manicomi e sugli alienati nella sua prima parte reca la rubrica Disposizione sui manicomi e sugli alienati. Custodia e cura degli alienati in cui già dalla sequenza delle espressioni usate si ravvisa l attenzione volta prima alla struttura di contenimento (manicomio) e poi ai soggetti affetti da infermità psichiatriche (alienati) e l accento prima sull esigenza sociale della custodia che sul bisogno del paziente alla cura. Tutta la filosofia della legge è in tal senso com è dato comprendere già dalla formulazione dell art. 1, dall affidamento della vigilanza sui manicomi e sugli alienati (art. 8 e 9 della legge) al Ministro dell Interno ed a i Prefetti come se la malattia mentale fosse una questione principalmente attinente all ordine pubblico. Il ricovero dell alienato in manicomio in via provvisoria era disposto dal Pretore sulla base di un certificato medico (non era prevista la specializzazione del medico in patologie psichiatriche) e di un atto di notorietà. Il ricovero in via definitiva (e spesso per sempre) dell alienato in manicomio era disposto su istanza del Pubblico Ministero dal Tribunale in Camera di Consiglio sulla base di una relazione del direttore del manicomio dopo un periodo non eccedente un mese dal ricovero. La concezione socio-culturale sottesa dalle norme citate è trasparente. In compenso (art. 2 comma 4 e 5 ) in armonia con il sistema dei valori del legislatore dell epoca, in questa ed in altre materie più attento al patrimonio che non alla persona, era disciplinata la gestione patrimoniale dei beni dell alienato al quale era nominato a tale fine un curatore provvisorio. Il procedimento di interdizione a cui fa cenno la norma citata in ben pochi casi veniva successivamente instaurato per cui il regime provvisorio di fatto diveniva definitivo. L ottica della legge 180/78 ruota direi quasi di 360 : non si parla della struttura di contenzione che viene anzi smantellata (art. 64) l attenzione è spostata in senso garantistico sulla procedura con la quale si può privare della libertà personale l infermo di mente e solo per breve tempo. Secondo la legge del 23 novembre 1978 n. 833 nella quale è stata assorbita la legge 180/78 il T.S.O. in materia di infermità mentale può avvenire quando: 1) vi è un infermità mentale tale da richiedere urgenti interventi terapeutici (art. 34, 4 comma). Esulano dalla nozione di infermità mentale gli stati di incapacità derivanti da tossicodipendenza, alcolismo, o infermità non di carattere psichico; 2) manca il consenso dell interessato a sottoporsi alla terapia. Il consenso non deve essere necessariamente espresso verbalmente ma può desumersi dall atteggiamento complessivo del paziente il quale assuma volontariamente i farmaci prescritti, accetti colloqui a carattere terapeutico ecc.

7 D altra parte il consenso va conquistato dagli operatori della idonea struttura con opera di convincimento corretta ed efficace che va posta in essere prima di ricorrere alla coercizione (art. 33, 4 comma); 3) non vi è la possibilità di trattamento extraospedaliero (art. 34, 4 comma). Occorre quindi che gli operatori delle strutture sanitarie abbiano accertato l impossibilità della cura in regime extraospedaliero o ne abbiano invano tentato l esperibilità. La procedura, indicata dell art. 35 in relazione all art. 34, 4 comma e 33, 3 comma è la seguente: gli accertamenti e i trattamenti sanitari obbligatori sono disposti con provvedimento dal sindaco nella sua qualità di autorità sanitaria, su proposta motivata di un medico (art. 33, 3 comma). Il provvedimento del sindaco deve essere preceduto dalla convalida della proposta di cui sopra da parte di un medico dell unità sanitaria locale e dev essere motivato quanto ai suoi presupposti a) alterazioni psichiche che richiedano urgenti interventi terapeutici, b) mancata accettazione dei medesimi da parte del paziente, c) assenza di condizioni e circostanze che consentano l adozione di tempestive ed idonee misure sanitarie extraospedaliere) (art. 34, 4 comma). Tra la convalida e il provvedimento del sindaco non devono trascorrere più di 48 ore. Entro le successive 48 ore dal ricovero tale provvedimento a mezzo di messo comunale deve essere notificato al Giudice Tutelare nella cui circoscrizione rientra il comune (art. 35, 1 comma). Il Giudice Tutelare entro le successive 48 ore assunte le informazioni e disposti gli eventuali accertamenti provvede con decreto motivato a convalidare o a non convalidare il provvedimento e ne dà comunicazione al sindaco (art. 35, 2 comma). Il ricovero deve essere attuato presso gli ospedali generali in specifici servizi psichiatrici di diagnosi e cura all interno delle strutture dipartimentali per la salute mentale comprendenti anche i presidi ed i servizi extraospedalieri al fine di garantire la continuità terapeutica (art. 34, 5 comma). I sanitari devono rendere ragione con affermazioni sufficientemente motivate del loro operato. La funzione del Giudice Tutelare che, verificata l esistenza dei presupposti di legge, rende esecutiva la decisione dell autorità amministrativa non investe il merito ma ha carattere di controllo di legittimità. Essa tende a garantire che vi siano i presupposti che legittimano il T.S.O. e che siano stati seguiti in maniera corretta tutti i passaggi previsti dal legislatore con rispetto dei modi e dei tempi indicati. Ma tale controllo come accertamento dell inesistenza di vizi di legittimità dell atto amministrativo qual è l eccesso di potere nelle sue forme della motivazione insufficiente, incongrua, contraddittoria, ecc. può avere se necessario un carattere penetrante. Esso deve però arrestarsi di fronte alle specifiche valutazioni delle tecniche psichiatriche salvo il rimedio del ricorso a visita specialistica o a consulenza tecnica d ufficio (art. 35, 2 comma). La legge ha lasciato dei vuoti che gravano sul tessuto sociale incidendo sugli infermi e sulle loro famiglie il cui malcontento è sfociato in alcune associazioni che hanno canalizzato le loro proteste in varie direzioni. Sostanzialmente si può osservare: i presidi socio-sanitari previsti dalla legge o non sono stati attuati o per vari motivi non sempre imputabili agli operatori non svolgono adeguatamente le loro funzioni; esistono pazienti psichiatrici stabilmente bisognosi di assiduità di cura ma anche di contenimento continuativo anche per lunghi periodi in idonee strutture nel loro interesse e anche contro la loro volontà la cui situazione non è contemplata nelle norme esistenti; mancano anche per pazienti consenzienti strutture che lungi dall assomigliare al vecchio famigerato manicomio siano un reale luogo di cura e di contenimento terapeutico per quei pazienti psichiatrici il cui stato non si presta ad altre soluzioni;

8 non esiste alcuna struttura per pazienti psichiatrici in età adolescenziale per i quali spesso la permanenza in famiglia è patogena e la libertà ha sapore d abbandono e aspetti di grave pericolosità; esiste un vuoto per quanto riguarda la gestione patrimoniale dei beni e anche solo delle piccole rendite di soggetti incapaci e non interdetti (che sono la stragrande maggioranza). Il solo accenno contenuto nel 6 comma dell art. 35 legge 833/78 è assolutamente insufficiente. I progetti di riforma (1) purtroppo non sembrano indirizzati alla reale tutela dei diritti dei malati psichiatrici. Essi tendono alla privatizzazione dell assistenza psichiatrica con il grave rischio di creare strutture non controllabili le quali seguirebbero la logica del profitto a danno per gli infermi. Una struttura infatti davvero idonea per qualità e quantità di personale di ambienti e quant altro alla cura dei pazienti psichiatrici che spesso non possono sopportarne il costo essendo non abbienti è di per sé antieconomica. I progetti di riforma inoltre prevedono l abolizione del controllo giudiziario. Anche tale orientamento non appare ispirato dalla finalità di migliorare le condizioni dei malati di mente. Il controllo giudiziario, infatti, se esercitato con conoscenza della materia, solerzia, equilibrio e spirito di collaborazione pur nella specificità delle funzioni con gli altri Enti istituzionali può avere una sua utilissima funzione di garanzia del rispetto dei diritti dei soggetti più deboli e di stimolo al migliore funzionamento delle strutture. BIBLIOGRAFIA PASSAPORTI Isabella CESARI, L autorizzazione al passaporto, in Minori Giustizia n. 4/1993, p. 87. GRAVIDANZA R. CARINI I. FINZI, Aborto volontario ripetuto e desiderio di gravidanza. Contributi alla prevenzione, pp. 46, 65, 71, Ed. Franco Angeli, TRATTAMENTO SANITARIO OBBLIGATORIO BASAGLIA, ACCERTATIS, GIANNICHEDDA, Problemi di legislazione psichiatrica in paesi occidentali: il caso italiano, Arezzo Betti PAVARINI, La tutela sociale della follia. Note teoriche sulla scienza e pratica psichiatrica di fronte alle nuove strategie del controllo sociale, M.G. RUGGIANO, Alcune considerazioni sui trattamenti sanitari obbligatori con particolare riferimento alla situazione bolognese in Diritto di Famiglia e delle Persone, 1992, I, p M.G. RUGGIANO, Il trattamento sanitario obbligatorio del malato di mente in Minori Giustizia, n. 4/1993, p. 92. G. AUSILI, La necessità di cura ed il rifiuto di trattamento in Minori Giustizia n. 4/1993, p. 104.

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE DEGLI ACRONIMI RICORRENTI

Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE DEGLI ACRONIMI RICORRENTI AZIENDA SANITARIA LOCALE PROVINCIA DI MILANO 3 AL S 3 MONZA Organismo di coordinamento per la salute mentale Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE

Dettagli

TITOLO I - DIRITTO DEL MINORE ALLA PROPRIA FAMIGLIA

TITOLO I - DIRITTO DEL MINORE ALLA PROPRIA FAMIGLIA Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile" pubblicata

Dettagli

Indice. 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI LEGISLAZIONE MINORILE LEZIONE IV LA COMPETENZA CIVILE DEL TRIBUNALE PER I MINORENNI IN MATERIA DI ADOZIONI PROF. GIANLUCA GUIDA Indice 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Resta pertanto da vedere quale competenza rimanga al giudice tutelare in seguito alla riferita norma. Non sembra possa dubitarsi che siano rimasti

Resta pertanto da vedere quale competenza rimanga al giudice tutelare in seguito alla riferita norma. Non sembra possa dubitarsi che siano rimasti L ESECUZIONE DEI PROVVEDIMENTI IN MATERIA DI MINORI Relatore: dott. Antonino Luigi SCARPULLA pretore della Pretura circondariale di Palermo Premessa. I. Nel nostro ordinamento giuridico non esiste una

Dettagli

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO LA PSICOLOGIA GIURIDICA Funzione diagnostica conoscitiva e di

Dettagli

I doveri di solidarietà familiare. Premessa 31 1. Il principio di solidarietà nella Costituzione e nel diritto di famiglia

I doveri di solidarietà familiare. Premessa 31 1. Il principio di solidarietà nella Costituzione e nel diritto di famiglia Sommario XI Premessa alla nuova edizione Capitolo 1 Solidarietà familiare e sicurezza sociale nell assistenza alla famiglia 1 1. L assistenza (nella e) alla famiglia nel diritto delle persone fisiche 6

Dettagli

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Amministrazione di sostegno, curatela, tutela Consorzio Intercomunale per la gestione dei servizi socio-assistenziali dell Ovestticino (Comune di Cameri, Cerano,

Dettagli

PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE

PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE Comuni di COLBORDOLO - GABICCE MARE GRADARA - MOMBAROCCIO MONTECICCARDO MONTELABBATE PESARO SANT ANGELO IN LIZZOLA - TAVULLIA PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE PREMESSA - la

Dettagli

CHI PUÒ RICORRERE AL GIUDICE TUTELARE?

CHI PUÒ RICORRERE AL GIUDICE TUTELARE? CHI PUÒ RICORRERE AL GIUDICE TUTELARE? Legittimati a ricorrere al Giudice Tutelare, cioè le persone che possono richiedere al giudice l eventuale apertura di un procedimento di amministrazione di sostegno,

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE PROVINCIA DI BARI C.F. e Partita IVA 00878940725 ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E ALL INFANZIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO

Dettagli

L'INTERDIZIONE E L'INABILITAZIONE

L'INTERDIZIONE E L'INABILITAZIONE L'INTERDIZIONE E L'INABILITAZIONE L'interdizione e l'inabilitazione sono degli strumenti istituiti dal legislatore per tutelare le persone che per una serie di motivi non siano più capaci di curare i propri

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE IX CIVILE UFFICIO TUTELE

TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE IX CIVILE UFFICIO TUTELE n. 311/07 A.S. TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE IX CIVILE UFFICIO TUTELE Oggetto: Istanza di nomina di Amministratore di sostegno in favore di YY, nata a -- il 18.8.1934 proposta da Dott.--, Dirigente Responsabile

Dettagli

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 31 marzo 2011 n. 7504

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 31 marzo 2011 n. 7504 Pagina 1 di 9 Non basta la mera disponibilità dei nonni a prendersi cura dei nipoti per scongiurarne l'adozione se non è provata la presenza di "rapporti significativi" Sommario: 1) Breve commento alla

Dettagli

Affido condiviso di Maria Elena Bagnato. Altalex.it

Affido condiviso di Maria Elena Bagnato. Altalex.it Affido condiviso di Maria Elena Bagnato Altalex.it In virtù dell istituto dell affidamento condiviso la potestà genitoriale è esercitata da entrambi i genitori che assumono, di comune accordo, le decisioni

Dettagli

La parola tutela è molto ricca di significati, e ha una storia molto lunga che affonda le sue radici nel

La parola tutela è molto ricca di significati, e ha una storia molto lunga che affonda le sue radici nel Il Tutore volontario... quasi un Microgarante Tutela e protezione La parola tutela è molto ricca di significati, e ha una storia molto lunga che affonda le sue radici nel diritto romano. In generale, nella

Dettagli

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA TAVOLO NAZIONALE AFFIDO UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA Prime riflessioni sulle modifiche introdotte dalla Legge n. 173/2015 Modifica alla

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE N. 2805S DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RICONOSCIMENTO DEI FIGLI NATURALI

DISEGNO DI LEGGE N. 2805S DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RICONOSCIMENTO DEI FIGLI NATURALI DISEGNO DI LEGGE N. 2805S DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RICONOSCIMENTO DEI FIGLI NATURALI Art. 1. (Disposizioni in materia di filiazione) 1. L articolo 74 del codice civile è sostituito dal seguente: «Art.

Dettagli

LA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

LA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI LA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Si parla disottrazione internazionale del minore in due casi: a) Quando il minore viene condotto all estero dal genitore non affidatario senza il consenso dell altro

Dettagli

LA TUTELA DEI MINORI NELLE SITUAZIONE DI PREGIUDIZIO

LA TUTELA DEI MINORI NELLE SITUAZIONE DI PREGIUDIZIO LA TUTELA DEI MINORI NELLE SITUAZIONE DI PREGIUDIZIO la rilevazione l intervento dei servizi la segnalazione al tribunale per i minorenni l intervento del tribunale per i minorenni Presentazione Il presente

Dettagli

DOMICILIO Luogo in cui la persona ha stabilito la sede prevalente dei propri affari. Anche luogo indicato per la reperibilità di una persona.

DOMICILIO Luogo in cui la persona ha stabilito la sede prevalente dei propri affari. Anche luogo indicato per la reperibilità di una persona. PICCOLO GLOSSARIO AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO Strumento giuridico di protezione personalizzata della persona maggiorenne non autosufficiente, a seguito di una menomazione o di una infermità fisica o psichica

Dettagli

IL PERCORSO DEL PAZIENTE PSICHIATRICO TRA MEDICINA GENERALE E CENTRO SALUTE MENTALE ANCONA

IL PERCORSO DEL PAZIENTE PSICHIATRICO TRA MEDICINA GENERALE E CENTRO SALUTE MENTALE ANCONA IL PERCORSO DEL PAZIENTE PSICHIATRICO TRA MEDICINA GENERALE E CENTRO SALUTE MENTALE ANCONA Le fasi del percorso: 1. Invio 2. Valutazione 3. Restituzione 4. Invio a altro servizio o ad altro specialista

Dettagli

Caso 5.6. 5. L adozione internazionale

Caso 5.6. 5. L adozione internazionale Caso 5.6 5. L adozione internazionale A quale autorità giudiziaria gli adottanti devono ricorrere qualora, a seguito di una dichiarazione di adozione emessa dallo stato ucraino, gli stessi lamentino che

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Indice sommario... pag. Premessa alla prima edizione... pag. XIX. Premessa alla seconda edizione... pag.

INDICE-SOMMARIO. Indice sommario... pag. Premessa alla prima edizione... pag. XIX. Premessa alla seconda edizione... pag. INDICE-SOMMARIO Indice sommario... pag. V Premessa alla prima edizione... pag. XIX Premessa alla seconda edizione... pag. XXIII CAPITOLO I IL MATRIMONIO 1. Cenni storici... pag. 1 2. Teorie sulla natura

Dettagli

1. Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della propria famiglia.

1. Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della propria famiglia. Nuovo testo della Legge n. 184 del 1983 Diritto del minore ad una famiglia come modificata dalla legge del 28/3/2001 n. 149 TITOLO I Principi generali Art. 1 1. Il minore ha diritto di crescere ed essere

Dettagli

Il divorzio nel diritto cinese: confronto con il divorzio italiano

Il divorzio nel diritto cinese: confronto con il divorzio italiano STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO

TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO Tomo II La normativa processuale A cura di Michele Angelo Lupoi Indice Capitolo I Separazione e divorzio: quale modello procedimentale? di Michele Angelo Lupoi 1.

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI CAPITOLO I CENNI STORICI: EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI ADOZIONE 1. Introduzione... pag. 1 2. L'istituto dell'adozione

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO PRIMO PARTE SECONDA MINORE E FAMIGLIA PERSONE FISICHE Sommario: 1. Persona fisica. - 2. Capacità giuridica. - 3. Capacità di agire. - 4. Figure di incapacità legale di agire. - 5. Incapacità naturale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3 REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori

Dettagli

Indice. 2 Il venir meno della esclusività della giurisdizione ecclesiastica. --------------------------------- 5

Indice. 2 Il venir meno della esclusività della giurisdizione ecclesiastica. --------------------------------- 5 INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELLE RELIGIONI LEZIONE VIII LA GIURISDIZIONE ECCLESIASTICA MATRIMONIALE PROF. MARCO SANTO ALAIA Indice 1 Efficacia civile delle decisioni ecclesiastiche sui matrimoni canonici:

Dettagli

L AFFIDAMENTO DEI FIGLI NATURALI. Fondamento e criteri di applicazione.

L AFFIDAMENTO DEI FIGLI NATURALI. Fondamento e criteri di applicazione. L AFFIDAMENTO DEI FIGLI NATURALI. Fondamento e criteri di applicazione. di Carmelo Padalino SOMMARIO: 1. Presupposto immanente. 2. Proposte di modifica. 3. Profili processuali. 1. Presupposto immanente.

Dettagli

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE L affidamento familiare è un intervento temporaneo d aiuto e di sostegno ad un minore che proviene da una famiglia in difficoltà. Attraverso l affidamento, il bambino incontra

Dettagli

COMUNE DI GREZZANA REGOLAMENTO COMUNALE SULL'AFFIDO E SULLA TUTELA DEI MINORI

COMUNE DI GREZZANA REGOLAMENTO COMUNALE SULL'AFFIDO E SULLA TUTELA DEI MINORI PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO COMUNALE SULL'AFFIDO E SULLA TUTELA DEI MINORI (ai sensi della L. 184/83 e modifiche L. 149/01) INDICE PRINCIPI ISPIRATORI Art. 1. OGGETTO Art. 2. TIPOLOGIA DI INTERVENTI

Dettagli

L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67.

L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67. L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67. di G. MAZZI (Intervento al Corso avvocati presso Il Tribunale militare di Roma il 20 novembre 2014) 1. Considerazioni generali.

Dettagli

"IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO"

IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO Intervento al Convegno organizzato dall associazione assistenti sociali il 3 dicembre 2011 sul tema "IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO" Titolo dell intervento:

Dettagli

DICHIARAZIONE CONGIUNTA SUI DIRITTI DEI MALATI DI CANCRO

DICHIARAZIONE CONGIUNTA SUI DIRITTI DEI MALATI DI CANCRO DICHIARAZIONE CONGIUNTA SUI DIRITTI DEI MALATI DI CANCRO La Dichiarazione Congiunta è stata approvata a Oslo il 29 giugno 2002 nel corso dell Assemblea dell ECL (European Cancer Leagues) I diritti fondamentali

Dettagli

L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO NOZIONI E GIURISPRUDENZA

L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO NOZIONI E GIURISPRUDENZA L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO NOZIONI E GIURISPRUDENZA Tutti i diritti riservati all autore ROBERTO BATTISTA L AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO NOZIONI E GIURISPRUDENZA Legum servi sumus......ut liberi esse

Dettagli

Casi particolari di consenso informato

Casi particolari di consenso informato Pag. 1 di 9 Casi particolari di consenso informato lla PA XX Linee di Indirizzo per l acquisizione del consenso informato nei trattamenti sanitari Pag. 2 di 9 Sommario 1.PAZIENTE MINORENNE...3 1.1.Aspetti

Dettagli

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Elisa Ceccarelli, già Presidente del Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Destano particolare allarme e doloroso

Dettagli

L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali

L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali L affido in Italia: dalle prime esperienze all attuale normativa giuridica L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali Interventi della dott.ssa Barbara Montisci,, Giudice Onorario del T.M.

Dettagli

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI PROGRAMMA DIDATTICO 2015/2016 DATA ORE ARGOMENTO NOTE

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI PROGRAMMA DIDATTICO 2015/2016 DATA ORE ARGOMENTO NOTE PROGRAMMA DIDATTICO / DATA ORE ARGOMENTO NOTE n. 1 3 marzo 6 ore PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DEL PROGRAMMA DIDATTICO LA PROFESSIONE FORENSE E LA SPECIALIZZAZIONE, IN PARTICOLARE NEL DIRITTO DELLE RELAZIONI

Dettagli

Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali SETTORE AVVOCATI

Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali SETTORE AVVOCATI Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali SETTORE AVVOCATI 29 Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici

Dettagli

Politiche sociali per le famiglie. Stefania Mazza 25 marzo 2015

Politiche sociali per le famiglie. Stefania Mazza 25 marzo 2015 Politiche sociali per le famiglie Stefania Mazza 25 marzo 2015 La legge ordinaria legge 26 luglio 1975 n. 354 Norme sull Ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative

Dettagli

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI PROGRAMMA DIDATTICO 2015/2016 ORE ARGOMENTO NOTE DOCENTI 1 6 ore PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DEL PROGRAMMA

Dettagli

LA ISTITUZIONE DELLA FIGURA DELL AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO

LA ISTITUZIONE DELLA FIGURA DELL AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO LA ISTITUZIONE DELLA FIGURA DELL AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La nomina dell amministratore di sostegno. 2.1. Presupposti. 2.2. Legittimazione. 2.3. Procedimento.

Dettagli

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Disposizioni per conformare il diritto interno alla Decisione quadro 2008/909/GAI relativa all applicazione del principio del reciproco riconoscimento alle

Dettagli

Di Lello, Di Gioia, Locatelli, Pastorelli

Di Lello, Di Gioia, Locatelli, Pastorelli XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei DEPUTATI Di Lello, Di Gioia, Locatelli, Pastorelli Disposizioni in materia di consenso informato e di dichiarazioni di volontà anticipate

Dettagli

Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al

Legge 28 marzo 2001, n. 149 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile" pubblicata

Dettagli

Legge 28 marzo 2001, n. 149

Legge 28 marzo 2001, n. 149 Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile" pubblicata

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 02408/2010 REG. SEN. N. 00235/2008 REG. RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRIGNONE, CIVATI, ANDREA MAESTRI, PASTORINO, MATARRELLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRIGNONE, CIVATI, ANDREA MAESTRI, PASTORINO, MATARRELLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3599 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRIGNONE, CIVATI, ANDREA MAESTRI,

Dettagli

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO. relatore Avv. Annalisa Valgimigli

AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO. relatore Avv. Annalisa Valgimigli AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO relatore Avv. Annalisa Valgimigli Dati ISTAT in Italia persone disabili: I portatori di handicap sono oltre due milioni e 600 mila su un totale di 57.000.000 di cittadini, di

Dettagli

Associazione C rescere

Associazione C rescere Organizzazione di Volontariato Associazione C rescere con la sindrome di Turner e altre Malattie Rare ONLUS ex art. 10 c. 8 dlgs n 460/1997 Via Massarenti 11-40138 Bologna presso la Clinica Pediatrica

Dettagli

2014 I DIRITTI DELLA PERSONA

2014 I DIRITTI DELLA PERSONA Cendon / Book Collana diretta da Bruno de Filippis I DIRITTI DEL PRIMO LIBRO DEL CODICE CIVILE 02 2014 I DIRITTI DELLA PERSONA LEGISLAZIONE E PROSPETTIVE Bruno de Filippis Edizione NOVEMBRE 2014 Copyright

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA Gruppo Partito Democratico Ufficio Legislativo DISEGNO DI LEGGE

SENATO DELLA REPUBBLICA Gruppo Partito Democratico Ufficio Legislativo DISEGNO DI LEGGE DISEGNO DI LEGGE Disposizioni in materia di consenso informato e di dichiarazioni di volontà anticipate nei trattamenti sanitari al fine di evitare l'accanimento terapeutico d'iniziativa dei senatori:

Dettagli

PROPOSTA DI PROTOCOLLO

PROPOSTA DI PROTOCOLLO PROPOSTA DI PROTOCOLLO PER I PROCEDIMENTI DI COMPETENZA DEL TRIBUNALE ORDINARIO E RIGUARDANTI MINORI IN MATERIA DI SEPARAZIONE E DIVORZIO GIUDIZIALE, MODIFICA GIUDIZIALE DELLE CONDIZIONI DI SEPARAZIONE

Dettagli

ISSN 2284-3531 Ordine internazionale e diritti umani, (2014), pp. 390-395.

ISSN 2284-3531 Ordine internazionale e diritti umani, (2014), pp. 390-395. OSSERVATORIO SULLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA N. 2/2014 2. MATERNITÀ SURROGATA: LA NORMATIVA DELL UNIONE EUROPEA NON CONTEMPLA IL DIRITTO DI UNA MADRE COMMITTENTE AD OTTENERE UN CONGEDO RETRIBUITO

Dettagli

SEMINARIO COSTRUIRE INSIEME I PERCORSI DELL AFFIDO FAMILIARE 13 FEBBRAIO 2009

SEMINARIO COSTRUIRE INSIEME I PERCORSI DELL AFFIDO FAMILIARE 13 FEBBRAIO 2009 SEMINARIO COSTRUIRE INSIEME I PERCORSI DELL AFFIDO FAMILIARE 13 FEBBRAIO 2009 Laura D Urbino, Giudice Tribunale per i Minorenni di Brescia. Non ho preparato un intervento organico perché su questo argomento

Dettagli

COMUNE DI GALLARATE SETTORE SERVIZI SOCIALI

COMUNE DI GALLARATE SETTORE SERVIZI SOCIALI COMUNE DI GALLARATE SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO COMUNALE SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI (approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 12 del 23/02/2011) PREMESSA L affido familiare è

Dettagli

Protocollo del Distretto di Campobasso in tema di ascolto del minore PREMESSO

Protocollo del Distretto di Campobasso in tema di ascolto del minore PREMESSO Protocollo del Distretto in tema di ascolto del minore PREMESSO che le modifiche legislative intervenute nel corso dell anno 2006 hanno reso urgente e indilazionabile regolamentare le modalità di audizione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO FAMILIARE Art.1 - Oggetto Il presente Regolamento, in rispondenza alle priorità d intervento individuate dalla legge 328/00, norma gli interventi relativi agli affidamenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8 Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina l Istituto dell Affido e dell Appoggio Familiare presso i Comuni

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE Allegato sub lettera A) alla delibera di CC. N COMUNE DI MIRA (Provincia di Venezia) REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE 1 Art. 1 IL VALORE DELLA FAMIGLIA 1. La famiglia viene riconosciuta come l unità fondamentale

Dettagli

Legislazione minorile. Indice. 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------ 3

Legislazione minorile. Indice. 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI LEGISLAZIONE MINORILE LEZIONE V LA COMPETENZA AMMINISTRATIVA DEL TRIBUNALE PER I MINORENNI PROF. GIANLUCA GUIDA Indice 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909. Svolgimento del processo

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909. Svolgimento del processo SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909 Svolgimento del processo Il Tribunale di Benevento con sentenza del 15 settembre 2004 condannava i coniugi

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4993 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GAMBATO Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, in materia di adozione da parte di persone

Dettagli

LEGGE - 27/05/1929, n. 847 - Gazzetta Uff. 08/06/1929, n.133

LEGGE - 27/05/1929, n. 847 - Gazzetta Uff. 08/06/1929, n.133 LEGGE - 27/05/1929, n. 847 - Gazzetta Uff. 08/06/1929, n.133 TESTO VIGENTE LEGGE 27 maggio 1929, n. 847 (in Gazz. Uff., 8 giugno, n. 133). - Disposizioni per l'applicazione del Concordato dell'11 febbraio

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI.

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI. REGOLAMENTO COMUNALE n. 57 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI. Allegato B Alla deliberazione di Consiglio Comunale nr 34 del 31/3/2004 Protocollo operativo tra Centro

Dettagli

LA PROTEZIONE GIURIDICA DELLA PERSONA DISABILE INTELLETTIVA: L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO, L INTERDIZIONE E L INABILITAZIONE

LA PROTEZIONE GIURIDICA DELLA PERSONA DISABILE INTELLETTIVA: L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO, L INTERDIZIONE E L INABILITAZIONE LA PROTEZIONE GIURIDICA DELLA PERSONA DISABILE INTELLETTIVA: L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO, L INTERDIZIONE E L INABILITAZIONE Secondo il nostro ordinamento, ciascuno di noi nel momento in cui compie 18

Dettagli

Famiglia di sangue e famiglia adottiva: la tradizionale interazione tra i due modelli sul piano normativo.

Famiglia di sangue e famiglia adottiva: la tradizionale interazione tra i due modelli sul piano normativo. SOMMARIO INTRODUZIONE 1. 2. Famiglia di sangue e famiglia adottiva: la tradizionale interazione tra i due modelli sul piano normativo. La recente legge di riforma delle adozioni: luci ed ombre. p. 11 18

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE Art. 1 Normativa L articolo 31 della Costituzione sancisce che è compito dello Stato agevolare la formazione della famiglia e l'adempimento dei compiti relativi. Con l

Dettagli

CAPITOLO I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI. Sezione 1 Separazione giudiziale

CAPITOLO I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI. Sezione 1 Separazione giudiziale INDICE SOMMARIO Premessa... 5 CAPITOLO I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI Separazione giudiziale 1. Ricorso per separazione giudiziale senza richiesta di dichiarazione di addebito e senza provvedimenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Allegato alla delibera di C.C. n 49 del 27 settembre 2010 Il Segretario Direttore Generale Sacco Stevanella dott. Paolo CITTA di PIAZZOLA sul BRENTA Provincia di Padova Cap 35016 Cod.Fisc. 80009670284

Dettagli

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Edizioni Simone - Vol. 45/1 Compendio di Diritto Internazionale privato e processuale Parte seconda Cenni di parte speciale Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Sommario Z 1. La filiazione. - 2. L adozione.

Dettagli

Autorità parentale congiunta nuove norme in vigore dal 1 luglio 2014

Autorità parentale congiunta nuove norme in vigore dal 1 luglio 2014 Autorità parentale congiunta nuove norme in vigore dal 1 luglio 2014 Avv. Alberto F. Forni, Lugano-Viganello A) Introduzione B) Gli articoli più rilevanti della nuova legge C) Diritto transitorio D) Il

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE. Avv. Sibilla Santoni

LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE. Avv. Sibilla Santoni LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE Avv. Sibilla Santoni Società sempre più complessa e problematica necessità degli assistenti sociali di conoscere i rischi giuridici a cui vanno incontro

Dettagli

FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI. I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo

FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI. I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo affettivo ma anche davanti alla legge. La riforma sulla filiazione 1 ha definitivamente abolito

Dettagli

Retinopatia pigmentosa: diritto al rimborso da parte del Servizio Nazionale delle spese mediche presso strutture specializzate straniere

Retinopatia pigmentosa: diritto al rimborso da parte del Servizio Nazionale delle spese mediche presso strutture specializzate straniere Retinopatia pigmentosa: diritto al rimborso da parte del Servizio Nazionale delle spese mediche presso strutture specializzate straniere Non può essere posta in dubbio la legittimità del diritto del paziente

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Avv. Michele Maccarone Prof.ssa Avv. Maddalena Rabitti Membro designato dalla

Dettagli

REGOLAMENTO CONSORTILE PER GLI AFFIDAMENTI FAMILIARI

REGOLAMENTO CONSORTILE PER GLI AFFIDAMENTI FAMILIARI Approvato con Deliberazione C.d.A. N. 12 del 31/05/2004 REGOLAMENTO CONSORTILE PER GLI AFFIDAMENTI FAMILIARI PREMESSA La legge n.184 del 4 maggio 1983, così come modificata dalla Legge n.149 del 28 marzo

Dettagli

3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio.

3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio. Conseguenze dell istanza Conseguenze dell istanza 3. Conseguenze dell istanza. 3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio. Le conseguenze della presentazione dell istanza di mediazione possono

Dettagli

Riferimenti teorici, legislativi e bibliografici

Riferimenti teorici, legislativi e bibliografici tema n o 1 La problematica del maltrattamento dei minori ha assunto dimensioni drammatiche, oggetto spesso di interventi dei mezzi di informazione: si illustri il ruolo dell Assistente sociale in questo

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE CITTÀ DI RAGUSA Settore 12 - Servizi Sociali e Assistenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 65 del 08.11.2007 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Servizi sociali di Ambito

Servizi sociali di Ambito Regolamento sull affido familiare dell Ambito territoriale di Seriate Comuni di: Seriate, Albano S. Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate,

Dettagli

Politiche sociali per le famiglie Stefania Mazza 6 novembre2013

Politiche sociali per le famiglie Stefania Mazza 6 novembre2013 Politiche sociali per le famiglie Stefania Mazza 6 novembre2013 Le Adozioni Affinchè si possa dar luogo all adozione è necessaria: la dichiarazione dello stato di abbandono di un minore l'idoneità dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Allegato A alla deliberazione di C.C. n. 46 del 09/10/2015 IL SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Maria Teresa Vella 1 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI INDICE Art. 1 - Oggetto PREMESSA Art.

Dettagli

Regolamento per l Affidamento familiare dei minori. Premessa

Regolamento per l Affidamento familiare dei minori. Premessa Regolamento per l Affidamento familiare dei minori Premessa L Affido familiare è regolamentato dalla Legge 4 maggio 1983n.184 Disciplina dell Adozione e dell Affidamento dei Minori, modificata dalla Legge

Dettagli

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012. DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 31 28.03.2012-31/GPF/FS/om TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE. Capitolo 1 LA FILIAZIONE NOTE INTRODUTTIVE. di GILDA FERRANDO

INDICE INTRODUZIONE. Capitolo 1 LA FILIAZIONE NOTE INTRODUTTIVE. di GILDA FERRANDO INDICE XV Aggiornamento. Disegno di legge delega sullo status giuridico dei figli INTRODUZIONE Capitolo 1 LA FILIAZIONE NOTE INTRODUTTIVE di GILDA FERRANDO 3 1. Le linee evolutive 7 2. I diritti del bambino

Dettagli

I bambini e gli adolescenti negli istituti per minori DOCUMENTI

I bambini e gli adolescenti negli istituti per minori DOCUMENTI I bambini e gli adolescenti negli istituti per minori DOCUMENTI Legge 4 maggio 1983, n. 184 (1) (2) (1/circ) Diritto del minore ad una famiglia 175 TITOLO I PRINCIPI GENERALI (3) Art. 1 1. Il minore ha

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

REGOLAMENTO CAPITOLO 1 NORME GENERALI

REGOLAMENTO CAPITOLO 1 NORME GENERALI Approvato Regolamento del Consiglio dei Ministri Della Repubblica di Belarus N. 122 del 31/01/2007 Sulla procedura dell adozione internazionale e della tutela e curatela internazionale REGOLAMENTO CAPITOLO

Dettagli