Il giardino che vorrei

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il giardino che vorrei"

Transcript

1 Scuola dell Infanzia Quadrifoglio Progetto didattico Il giardino che vorrei

2 "Vorrei che il bambino cominciasse ad avere un rapporto vero e caldo con la natura, con gli alberi, imparasse a conoscerli e, quando piove, riuscisse a sentire che musica fa la pioggia sulle foglie, si abituasse a vedere come crescono le erbe e andasse a cercare gli animali che si nascondono in mezzo al prato... Giocando con la natura il bambino gioca con l'immensità" Tonino Guerra 2

3 Le ragioni del documentare p 4 Motivazioni p 4 Primi giorni di scuola esperienze nella natura p 6 Casa delle farfalle p 5 Arriva la farfalla Vanessa p 8 Il nostro giardino in autunno p 9 Il nostro giardino d inverno p 13 Il gigante egoista p 17 Le emozioni p 19 Al museo p 21 Arriva un nuovo messaggio di Vanessa p 22 Uscita didattica a Valbonella p 23 Il nostro giardino in primavera p 25 Doni per il giardino p 27 Le narrazioni p 28 Alcune riflessioni p29 ATELAB Giochi a Corte Chiara condotto dall atelierista Stefania Giorgi p 30 3

4 Il giardino che vorrei Le ragioni del documentare Questa documentazione ripercorre il progetto Il giardino che vorrei che ha coinvolto tutti i bambini della Scuola Infanzia Quadrifoglio durante l anno scolastico Le insegnanti, in accordo con la coordinatrice pedagogica, hanno deciso di realizzare per il secondo anno una documentazione che ripercorre il progetto nel suo complesso. I destinatari sono i genitori, per dar loro la possibilità di conoscere e comprendere motivazioni, finalità, proposte ed esperienze che hanno coinvolto i loro bambini. L obiettivo è quello di continuare una pratica della memoria che consenta di lasciare una traccia dei percorsi, utile anche per le insegnanti per riprogettare. La documentazione crea una storia e contribuisce alla definizione dell identità del servizio, cerca di trasmettere i percorsi progettuali evidenziando il grande lavoro di riflessione, iniziale ed in itinere. L impegno necessario per una progettazione che parte dall analisi dei bisogni ed interessi dei bambini presenti nel servizio educativo in quell anno scolastico e che valorizza il territorio e le sue peculiarità. E un impegno del gruppo di lavoro che è chiamato al confronto ed alla condivisione di contenuti, obiettivi, strategie e metodologie. Motivazioni È abbastanza facile accorgersi come i bambini e le bambine tra i 3 e i 6 anni vivono esperienze di rapporto diretto con la natura con straordinaria intensità mettendo in gioco spontaneamente abilità, capacità intuitive e percettive. Pensiamo alla curiosità, alla capacità di osservare con le mani e con tutto il corpo, all attenzione alle cose apparentemente banali, alla meraviglia, allo sguardo attento e riflessivo davanti a della semplice terra o ad un lombrico. Se è vero che soprattutto nella scuola dell infanzia l interesse spontaneo dei bambini e delle bambine è spesso occasionale e una qualunque situazione può essere fonte di nuovi stimoli, è anche vero che ogni proposta può essere partecipata dai bambini in modo completo quando questa è in grado di suscitare emozioni e interessi canalizzabili verso forme di sostanziale crescita della loro personalità. Per assecondare interessi e curiosità verso il mondo naturale, possono bastare anche lembi banali di natura, che con la loro ricchezza, varietà e mutevolezza, 4

5 rappresentano una straordinaria occasione di esplorazione sensoriale, premessa e base di ogni conoscenza del mondo. In questo senso il giardino scolastico è un luogo quasi ideale, fa parte del vissuto quotidiano dei bimbi, dà loro sicurezza e libertà di movimento e può, attraverso semplici e stimolanti attività, diventare vero protagonista della vita scolastica. L albero, ad esempio, è un ambiente magico, pretesto per inventare situazioni, modificare o reinterpretare storie conosciute, farle vivere. Con un lavoro di collaborazione tra insegnanti, bambini e genitori, da costruire nel tempo, il giardino può essere ripensato nella sua struttura, arricchito e diventare un luogo stimolante nel quale organizzare diverse e importanti attività. ( Rivista Infanzia nov. 2007) Ci ha accompagnato in questo percorso la farfalla Vanessa principessa dei giardini, che abita nella Casa delle farfalle di Cervia e ha seguito i bambini che l hanno visitata in uscita didattica, fino alla scuola Quadrifoglio. Con lei i bambini hanno potuto interagire attraverso scambi comunicativi e da lei hanno avuto stimoli per accrescere la curiosità e l interesse sul giardino. Durante il percorso è stata inserita la storia de Il gigante egoista, secondo una rielaborazione tratta dal racconto di Oscar Wilde, che ha permesso di spaziare nel campo della sfera emotiva e immaginativa del bambino, prendendo in considerazione aspetti emozionali quali la rabbia, la paura e la gioia. 5

6 PRIMI GIORNI DI SCUOLA ESPERIENZE NELLA NATURA L'approccio con l'ambiente naturale del giardino esplorazione, è positivo e stimolante per i bambini. risponde ai bisogni di gioco, scoperta, A questo proposito, durante il periodo dell'inserimento, i bambini nel giardino della scuola e di casa hanno raccolto del materiale che è stato utilizzato per realizzare elaborati di accoglienza insieme al proprio genitore o con i compagni. CASA DELLE FARFALLE Le aule rossa e gialla sono andate col pulmino a Cervia alla "Casa delle farfalle". All'ingresso, ai bimbi sono stati fatti indossare cappellini con sopra un fiore, ali di farfalle, frutti di gommapiuma. Durante il percorso hanno potuto osservare diverse specie di farfalle libere nel loro habitat, la loro alimentazione e il loro ciclo vitale. Le farfalle hanno seguito i bambini posandosi spesso sui loro cappellini. 6

7 Conversazione con i bambini Giovanni: Siamo andati alla casa delle farfalle. Luca A.: si, a Cervia Federico M.: un posto molto lontano. Noemi: Siamo andati con il pulmino giallo. Siria: arrivati a Cervia siamo entrati in una serra molto grande. Alessandro B.P.: dentro c era un giardino bellissimo con molti alberi e fiori. Alice: però prima di entrare nel giardino Simona ci ha messo dei costumi. Aurora: si è vero. Da farfalle, da fiori e da frutta. Elena T.: le farfalle ci volavano intorno. Erano tante. Filippo M e di tutti i colori. Federico S:..grandi e piccole. Luca A: alcune grandissime di colore blu, giallo e rosa. Alessandro B.: ci venivano sulla testa e anche sulle scarpe. Elena P.: a me si è posata sulla mano. Alice: mi sono molto divertita tra le farfalle. 7

8 ARRIVA LA FARFALLA VANESSA A scuola succedono strane cose: una mattina si sente un grande profumo in tutti gli ambienti la mattina dopo si trovano tracce bianche, tracce colorate e brillantini e la finestra del salone è aperta. I bambini sono incuriositi, ipotizzano su chi o che cosa è entrato a scuola, aspettano con ansia di scoprire cosa accadrà. Il terzo giorno finalmente viene ritrovato un messaggio vocale con il quale la farfalla Vanessa, che Cari bambini, dice di averci seguito da Cervia, si presenta ai mi chiamo Vanessa e sono la regina delle farfalle. bambini portando loro in dono una medaglia e Alcuni di voi sono venuti a trovarmi nella mia promettendo di aiutarli a scoprire i segreti del casa e mentre attraversavate il mio giardino vi ho nostro giardino. seguito. Mi sono posata sulla testa di alcuni di voi: come eravate belli con i vostri costumi colorati e i vostri cappellini fioriti. Io e le mie amiche farfalle ci siamo molto divertite siete cosi simpatici!!!!!!! Così ho deciso di seguire il vostro pulmino giallo e vi ho raggiunto nella vostra scuola. Lì vi ho visto giocare e correre nel vostro bel giardino. Ma voi, sapete nasconde il giardino? quante cose meravigliose Voglio aiutarvi a scoprirlo e a renderlo speciale e magico con i miei doni. Tornerò ancora da voi volando in mezzo alle vostre piante e a quella bellissima siepe di rosmarino profumoso vicino al cancello Aspettatemi! A presto! 8

9 IL NOSTRO GIARDINO IN AUTUNNO I bambini hanno vissuto nel giardino momenti collettivi di esperienze sensoriali, stesi a terra, sia a pancia in giù che a pancia in su e in piedi, camminando, per osservare il giardino con diverse prospettive, cercando di cogliere, in un ambiente conosciuto, quei particolari che spesso non vengono notati. 9

10 Sono state colte alcune opportunità che offre il quartiere portando i bambini a trovare il nostro vicino, Sergio, nel suo orto. Ci accolgono piante nuove, frutti, semi caduti da alberi immensi, canne di bambù altissime e perfino un piccolo pollaio con qualche gallinella timorosa che si nasconde fra la vegetazione ma lascia in giro piume delicate che i bambini raccolgono per portare a scuola. 10

11 Siamo andati a piedi a casa di una bambina della nostra scuola per osservare il suo grande giardino, formato da una serie di giardini comunicanti. I bambini hanno percorso i tunnel e i labirinti, improvvisando giochi, osservando piante, frutti e i colori dell ambiente naturale. I bambini raccontano l esperienza Siamo saliti per la "collina" e poi siamo arrivati alla casa della Giulia dove c'è un giardino grandissimo. C'erano i nani e i funghi uno velenoso e uno no, c'erano i giochi e lo scivolo ma erano bagnati e non si poteva andare. Siamo passati in un passaggio segreto che ci ha fatto passare in un altra casa poi nella casa della sua nonna. Siamo anche poi passati da un cancellino e abbiamo visto i piccioni e le galline e si sentiva il canto del gallo. C'erano tanti alberi c'erano i corbezzoli e anche un mulino che si muoveva con il vento. C'erano le piante carnivore io le ho toccate! Quando siamo tornati alla casa di Giulia abbiamo piantato 2 piantine con le bacche rosse e tante belle foglie. La mamma della Giulia le ha annaffiate e dalla terra è uscito un verme lungo lungo. Semine nel nostro giardino: aglio Conversazione con i bambini Ins: Cosa abbiamo fatto all'aglio? Nicolò: abbiamo tolto tutte le bucce, le camice. Daniel: le bucce proteggono gli spicchi d'aglio, dallo spicchio nascono tanti agli. Hamdi: poi l'abbiamo coperto con il fango Nicolò: nooo, con la terra morbida... Ins: così gli fa come una coperta... Nicolò: è come una coperta che copre i bimbi! 11

12 ghiande e pigne Laboratorio di Natale Alcune mamme hanno realizzato gli addobbi natalizi per interni ed esterni. Nel salone hanno creato un pannello murale che riproduce un paesaggio invernale: i bambini hanno spugnato i fondi e i genitori con il cartoncino hanno fatto casette ed elementi del paesaggio aggiungendo cristalli di neve di polistirolo. Con materiali di recupero precedentemente raccolti da tutti i genitori hanno realizzato fiocchi di neve e stelle di Natale per addobbare il salone. Un abete esterno è stato abbellito con palline ricavate da bottiglie di plastica riciclate. Le mamme hanno poi cucito dei sacchettini di stoffa riempiti con caramelle che Babbo Natale ha portato ai bambini. Sopra i pacchettini è stata applicata una farfalla. 12

13 IL NOSTRO GIARDINO D'INVERNO Nella casina di Vanessa, che abbiamo appeso nel salone, si è accesa una lucina: è arrivato un nuovo messaggio. Vanessa ci ha fatto una sorpresa: gli alberi del giardino sono ricoperti di bianco... Conversazione con i bambini Siamo andati nel salone tutti insieme c'era una striscia bianca con l'odore del sale e il sapore di sale e zucchero era piccante poteva essere ghiaccio e neve. Sulla casina c'era una lucina che era funzionevole si accendeva e si spegneva. Sotto la casina abbiamo trovato un CD la più coraggiosa di tutte quante è stata la maestra Paola dell'aula rossa. La farfalla Vanessa parlava di neve continuamente, è andata a vedere il giardino tutto bianco di un gigante cosi ci ha regalato il bianco dell'inverno e l'ha messo di fuori sopra gli alberi. Noi siamo andati di fuori abbiamo visto anche una conchiglia un bastone e c'era un bianco sugli alberi, sì, gli alberi erano bianchi. Quando siamo tornati nel salone la luce era spenta. Speriamo che un giorno la troviamo ancora accesa perchè vuol dire che Vanessa è tornata a trovarci. 13

14 Scoperte in giardino Il nostro giardino è bellissimo anche in inverno; usciamo tutte le volte che ci è possibile, e il giardino è diventato un'aula decentrata. I bimbi hanno scoperto la terra bagnata e il fango, le cortecce ruvide, i nascondigli dietro le siepi e...la neve! Tutti i bambini hanno imparato a mettersi il cappottino, cappello e sciarpa da soli, e sono molto bravi a indossare gli stivali riponendo le scarpe con ordine. Saltare nel fango e camminare sotto la neve? Si può fare! 14

15 I bambini scoprono un lombrico In una gelida mattina un bambino arriva regalandoci piccole foglie di trifoglio raccolte in giardino! Conosciamo la brina la cerchiamo in giardino e la riproduciamo. Usiamo il fonendoscopio per ascoltare la voce del giardino. I bambini a turno lo passano, un po timidamente, sui tronchi, sulle foglie, sull erba, poi prendono confidenza con lo strumento e sentono la voce del gazebo e dei rami e anche quella del giubbotto, che è più liscia. 15

16 I colori dell'inverno Con il solo colore bianco o contrapposto al nero sperimentiamo diverse tecniche grafiche e utilizziamo materiali vari per composizioni polimateriche. Prepariamo anche un regalo per Vanessa che ci ringrazia facendoci trovare in giardino una piccola sorpresa. 16

17 IL GIGANTE EGOISTA Attraverso la lettura e l'elaborazione del racconto di Oscar Wilde, conosciamo il gigante di cui Vanessa ci ha parlato nel suo messaggio. Conversazione con i bambini Insegnante: Cosa vuol dire egoista? è uno che ruba tutte le cose uno che strappa le cose di mano che non vuol dare niente a nessuno prima il gigante non voleva le persone poi è diventato generoso, gentile 17

18 La storia diventa lo spunto per una serie di attività: drammatizzazione della storia attraverso giochi motori, costruzione di un binocolo e di cornici per osservare il giardino attraverso diverse forme geometriche. Strisciamo sotto la rete per entrare nel giardino del gigante 18

19 I bambini devono acquisire la capacità di descrivere le emozione che stanno provando e quindi nominarle, per questo è importante l aiuto dell adulto per identificarle: il bambino può imparare a distinguerle ed esprimere così più facilmente il suo stato d animo. Analizziamo i personaggi de "Il gigante egoista" e le emozioni che scaturiscono dal loro comportamento. Anche l'ambiente naturale ci dà la possibilità di vivere emozioni: lo stupore e la meraviglia nel vedere che il piccolo seme ha germogliato e cresce, la delusione vedendo le piantine aromatiche falciate da un giardiniere ignaro, la tristezza per la piantina che muore... Attraverso attività ludiche e esperienze dirette nella natura cerchiamo di aiutare i bambini a comprendere e distinguere le emozioni. I bambini associano liberamente un colore ad ognuna delle emozioni che conoscono. LA RABBIA è rossa ; LA PAURA è nera; LA GIOIA è rosa, di tutti i colori, color arcobaleno; LA "STIZZA" è blu; LA TRISTEZZA è grigia 19

20 Conversazione con i bambini Sono arrabbiato quando la mamma non mi dà la sorpresa appena arrivata a casa la mamma si arrabbia la mia mamma va a lavorare devo prendere le medicine Sono felice quando è il mio compleanno ricevo un regalo nessuno mi prende in giro la mamma e il papà mi comprano un regalo Sono triste quando la mamma mi sculaccia non posso uscire perché piove mio fratello non mi fa guardare i cartoni qualcuno mi dice una parolaccia 20

21 AL MUSEO La scuola ha sfruttato i percorsi interattivi proposti dal Museo della città di Rimini: le narrazioni coinvolgono attivamente i bambini con pupazzi, proiezioni visivo- narrative. In questa narrazione gli attori sono erba, fiori, piante, ortaggi, grilli, lucciole e nasi di fata. Un viaggio nelle immagini dell'arte alla scoperta della natura. L'uccellino Pip, alla ricerca di un luogo dove costruire il nido, ci fa entrare per gioco nei quadri scoprendo le magiche rappresentazioni degli alberi nell'arte e inventerà un albero speciale: un albero da passeggio da collocare ovunque se ne senta la necessità. 21

22 ARRIVA UN NUOVO MESSAGGIO DI VANESSA Cari bambini, sono la farfalla Vanessa. In questo periodo sono stata in un posto meraviglioso: ho visto prati verdi pieni di fiori, di colori e di profumi e avevo pensato di portare anche a voi un pò di tutto questo! Sono volata sulla vostra scuola e...meraviglia! Ho visto che gli alberi sono cresciuti, sono pieni di foglioline verdi; il prato è coperto di soffice erbetta e le vostre vetrate sono piene di fiori e di colori. Siete stati davvero bravi a prendervi cura del vostro giardino...però nel vostro giardino ci sono pochi fiori e così ho pensato di farmi aiutare dalle mie amiche farfalle e di portarvene un pò. Sono sicura che con questi fiori così colorati il vostro giardino diventerà ancora più bello! 22

23 USCITA DIDATTICA A VALBONELLA Un viaggio tra realtà e fantasia ci ha condotto nella magica atmosfera di Valbonella, dove, con l'aiuto di guide attente e capaci, ci siamo addentrati nel bosco di gnomo Mentino e con lui ci siamo emozionati in un viaggio alla scoperta del mondo fantastico degli gnomi in una natura ricca di colori e profumi. 23

24 E per finire la giornata dopo aver messo "le mani in pasta" abbiamo assaporato il profumo e il gusto del pane fatto da noi. 24

25 IL NOSTRO GIARDINO IN PRIMAVERA E' arrivata la primavera, la natura si risveglia e il soffice prato verde accoglie i bambini per nuovi giochi e nuove scoperte. Si ripropongono uscite a piedi nei giardini vicini per cogliere i cambiamenti. I semini crescono, le formiche lavorano freneticamente alla costruzione dei loro formicai, le lumache sono diventate grandi e, lentamente, percorrono il giardino alla ricerca di una prelibata piantina lasciando al loro passaggio una scia argentata. Ogni scoperta è stata l'occasione per nuovi apprendimenti, soddisfare curiosità, assaporare con i sensi e vivere con serenità le nuove esperienze. Le lumache 25

26 In giardino ci sono molte attività da fare ma ci si può anche riposare 26

27 Conversazione con i bambini per raccogliere elementi sul giardino che vorrei Adesso il giardino è tutto fiorito e c'è il profumo. Ci sono i fiori gialli e arancioni e rossi, è più bello di prima di quando era inverno, adesso gli alberi sono fioriti, ci sono le foglie. I rami non sono più nudi, ma vestiti di foglioline nuove, verdi e c'è anche il prato d'erba nuova. È pieno di fiori che nascono dagli alberi, anche la siepe ha le foglie nuove, abbiamo raccolto tutte le margherite. Però mancano degli altri giochi, ci vogliono più fiori e l'erba altissima per nasconderci dentro. Però il giardino può avere anche degli uccellini e se mettiamo i fiori arrivano anche le farfalline. Quando c'è il sole, è una bella giornata, quando i fiori sono aperti vengono anche le api, così poi fanno il miele. Nel giardino ci vogliono gli alberi che fanno i frutti, anche le banane. DONI PER IL GIARDINO 27

28 LE NARRAZIONI Le lumachine di "Storia di una lumaca che scoprì l'importanza della lentezza" di L. Sepulveda, affrontano un lungo e pericoloso viaggio alla ricerca di un posto sicuro in cui vivere e durante il viaggio imparano che la lentezza ha permesso loro di fare molti incontri importanti per il raggiungimento della loro meta. Il "Piccolo bruco mai sazio" di E.Carle mangia, mangia e diventa tanto grasso; allora si chiude in un bozzolo e quando ne esce è diventato una splendida farfalla. Questa storia è stata illustrata e rilegata ed utilizzata anche come strumento per il progetto continuità con la scuola primaria di Spadarolo. Le narrazioni proposte durante l'anno sono state scelte sulla base degli interessi che i bambini dimostravano verso certi aspetti del progetto e nello stesso tempo sono state spunto per nuove esperienze. 28

29 ...e per finire... alcune RIFLESSIONI I bambini, nei loro progetti in giardino, a volte sembrano essere sconclusionati per il loro fare, disfare, rifare; non producono prodotti da esporre, ma imparano a concentrarsi, a prendere possesso dello spazio, a lavorare con tutto il corpo, ad osservare, ad essere inventivi e collaborativi e tanto altro ancora. Attraverso le immagini del percorso, abbiamo cercato di offrire un ritratto dei bambini in giardino, dove gli adulti appaiono poco, ma sono una regia determinante. Vista la meraviglia, lo stupore, il piacere di fare e scoprire dimostrato dai bambini, riteniamo che valga la pena continuare nel tempo ad utilizzare questo contenitore didattico per dare loro altre nuove occasioni di apprendimento nella natura. 29

30 atelab Giochi a Corte Chiara Atelierista Giorgi Stefania 30

31 GIOCHI A CORTE CHIARA L ATELAB, allestito nella scuola dal 17 marzo 2014 al 28 Aprile, propone attività legate alla Narrazione Animata portata a scuola ad inizio anno scolastico. La Narrazione Animata è stata realizzata dal gruppo Atelier del Comune di Rimini utilizzando la storia tratta dal libro di H. Heine L uovo, Il pollaio di Corte Chiara. Il percorso Atelab vede coinvolti i campi d esperienza relativi a Immagini suoni e colori, Il corpo e il movimento. I linguaggi prevalentemente interessati sono quelli: mimico- gestuale- corporeo; verbale. La narrazione ha rappresentato il pretesto per affrontare le emozioni in particolare modo la Rabbia. Il 21 ottobre 2013 le atelieriste, Giorgi Stefania e M. Grazia Ricci, portano nella scuola la Narrazione animata L uovo, Il pollaio di Corte Chiara. A fine narrazione giochi mimico gestuali per il gioco Indovina chi ero 31

32 Il 17 marzo 2014 arriva a scuola Stefania per iniziare l Atelab. Si presenta ai bambini con una valigia dove dentro, oltre ai suoi giochi, ha messo il libro L uovo che vuole leggere ma il libro è tutto bianco! Sono sparite parole e immagini. I bambini non ci credono e vanno a controllare qualcuno propone una formula magica che però non funziona. I bambini non si danno per vinti e insieme decidono di lasciare sopra il libro una bacchetta magica non si sa mai che funzioni e ritornino immagini e parole. I bambini non sono proprio contenti ma sono sicuri che funzionerà. E infatti il giorno dopo ritornano immagini e parole. 32

33 L atelierista può finalmente leggere il libro. A fine lettura viene presentata una scatola speciale perché contiene dei braccialetti che servono per entrare in Atelier. La scatola viene messa sul tavolo davanti all Atelier. La mattina dopo purtroppo la scatola lasciata sul tavolo non c è più. Ma dove sarà? Siamo un po meravigliati, un po stupiti, forse anche un po arrabbiati Questa volta i bambini pensano che sia stata Vanessa, il personaggio fantastico del progetto didattico della scuola, e decidono di inviarle un messaggio. 33

34 In attesa dell arrivo della scatola dei braccialetti si gioca nel salone ad arrivare a Corte Chiara, il pollaio, luogo della storia L Uovo da cui parte il progetto dell Atelab. L atelierista propone attività ludico-teatrali che coinvolgono il corpo e facilitano nei bambini l immedesimazione nei ruoli che andranno ad assumere ed interpretare in atelier. Per tutta la durata dell esperienza Atelab tali giochi vengono proposti prima di ogni ingresso in Atelier. Apre i giochi una canzone scherzosa per salutarci: Ske ske kune, ske ske capisa, capi sa lanka, lanka ci lanka, kuma rende Ognuno si presenta e con i gesti parla di sé dicendo quello che sa fare: correre, saltare, muovere le braccia, fare capriole Poi si parte, si vola per arrivare al pollaio di Corte Chiara. Strada facendo, incontriamo e affrontiamo pericoli: ragni, coccodrilli, lupi, dinosauri, sabbie mobili Insieme decidiamo le soluzioni per superarli. 34

35 Durante questo viaggio capita di farsi male allora ci fermiamo all ospedale di Corte Chiara dove ci si rilassa e poi si riparte. Quando siamo stanchi ci fermiamo nell Albergo delle emozioni dove bussa un signore o una signora che per finta ci offre qualcosa da bere o da mangiare che ci fa diventare tristi, felici o arrabbiati e litigiosi come le galline della nostra storia. Un altro gioco che ci fermiamo a fare è la pompa e il palloncino. Poi ci facciamo trasportare ad occhi chiusi, accompagnati dal suono di una dolce musica. 35

36 Un giorno giocando nel salone ci accorgiamo che il messaggio per Vanessa messo nella casetta non c è più Allora la scatola con braccialetti e campanelli è vicina, i bambini la cercano e la trovano! Il messaggio per Vanessa ha funzionato e si avvisano tutti i bambini della scuola. Ora che sono tornati i braccialetti possiamo entrare in Atelier Per dare ai bambini uno spazio ludico - teatrale entro il quale sperimentarsi nella relazione con se stessi e con gli altri, viene chiesto loro di realizzare disegni che verranno utilizzati per delimitare lo spazio di Corte Chiara. Entriamo a Corte Chiara si sta bene però dopo un po i bambini (polli, galline, pulcini) cercano di uscire. Vogliono scoprire cosa c è fuori. Hanno già in mente quale personaggio vorrebbero diventare, come vorrebbero essere vestiti e dove andare. Nel momento della scelta dei vestiti iniziano i veri litigi per la contesa di oggetti: musi lunghi, pianto Si sperimenta la rabbia concretamente. Insieme se ne parla pensando a strategie per superare il problema. C è anche chi fa da mediatrice del contendere. 36

37 Una volta trovati gli accordi, inizia la vestizione. I bambini si divertono davanti allo specchio. Luci colorate che si muovono con i suoni prodotti dalla voce invitano i bambini a immaginare che fuori da Corte Chiara ci sia un mondo fantastico. Finiti i preparativi l atelierista, con il pretesto di aiutare i bambini ad immaginare ipotetici luoghi in cui poter andare, proietta immagini d arte e fotografie. In questi luoghi nascono storie legate ai personaggi che ciascuno interpreta: pompieri, cavalieri, principesse, pittori, streghe I personaggi inventati e interpretati da ciascun bambino vengono disegnati su acetati. 37

38 I disegni vengono poi proiettati utilizzando la lavagna luminosa. I bambini vi si immergono colorandosi. Con i personaggi disegnati e proiettati i bambini vivono le loro storie e scelgono gli amici con cui interagire. E per mostrare a tutti i nostri personaggi con cui abbiamo giocato prepariamo un cartellone per fare lo sfondo per un mandala che saluta e conclude l Atelab. 38

39 39

40 INSEGNANTI: PAVANI M.GRAZIA VASI VILMA ROMAGNOLI ANNA OPERATRICE SCOLASTICA: PATRIGNANI MILENA Alessi Leonardo Angeli Thomas Bassoli Beatrice Bonifazi Valentino Cancellieri Giulia Carnevali Gioele Casali Gabriele Ciapparelli Lorenzo Della Rosa Anna Di Silvestri Giulia Gllucaj Levis Guerra Samir Kertalli Sebastian Lippi Maria Vittoria Malocaj Elis Malocaj Erik Mani Uejda Moretti Federico Muratori Riccardo Paglioni Lorenzo Pecci Anna Piscaglia Alessia Polverelli Alice Protano Desiree Schifone Francesco Spadazzi Patrizio 40

41 INSEGNANTI: BAZZOTTI PAOLA CANDOLI EMANUELA OPERATRICE SCOLASTICA: QUINTAVALLE CARMELA e RICCIOTTI ANGELA Aquino Alex Arlotti Luca Buldrini Pasquini Alessandro Celato Valentina Coppola Maria Aurora D'amico Ilaria D'amico Noemi Di Noto Davide Di Noto Siria Fantini Matteo Galasso Alessandro Galasso Aurora Garuffi Luca Ghoul Akram Malafronte Carla Malpassi Federico Mani Ester Migani Filippo Panico Mattia Pratelli Elena Ruoppolo Giovanni Sassi Jenny Succi Federico Tamburini Alice Tamburini Elena Toprra Giulia 41

42 INSEGNANTI: MONTEVECCHI NADIA TORRI DANIELA / STRAGLIOTTO MARIROSA PALMA TIZIANA OPERATRICE SCOLASTICA: ANTIMI SANDRA Assou Hamdi Carnevali Samuele Cancellieri Federico Compagno Samuele Della Valle Agata Et'hemi Fiorela Garullim Mikol Gradoni Pietro Guci Daniel Lazzaroni Cristian Locatelli Leonardo Marini Daniel Montanari Samuel Muratori Alessia Olivieri Nicolo' Panaya Nina Parma Noemi Patrimia Simone Podeschiulisse Romano Andrea Severinimattia Spadazzi Lucia Tamburini Lucia Trandafili Samuel Valmaggi Matteo Valmaggi Viola 42

Raccontiamoci le favole.. Rac olta di favole sul ambiente

Raccontiamoci le favole.. Rac olta di favole sul ambiente Raccontiamoci le favole... Raccolltta dii ffavolle sullll ambiientte REGIONE DEL VENETO Presidente Luca Zaia Assessore all Ambiente Maurizio Conte Segretario Regionale per l Ambiente Mariano Carraro ARPAV

Dettagli

SE IO FOSSI UN ARCOBALENO COLOREREI IL MONDO

SE IO FOSSI UN ARCOBALENO COLOREREI IL MONDO I bambini di classe 3 a Scuola primaria Mancini Quadrellara Marina di Pietrasanta SE IO FOSSI UN ARCOBALENO COLOREREI IL MONDO Raccolta di tanti testi A cura di Monica Bianchi Veronica Panichi Quadrellara,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA

ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA PROGETTAZIONE ANNUALE UNITARIA TUTTI A BORDO per FARE giocando,

Dettagli

Tornare. i n n a m o r a rs i

Tornare. i n n a m o r a rs i Tariffa Assoc. Senza Fini di Lucro: Poste Italiane S.P.A - In A.P -D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/ 2004 n 46) art. 1, comma 2, DCB/43/2004 - Arezzo - Anno XIII n 2/2009 ad Tornare i n n a m o r a rs

Dettagli

Insieme si può. Viaggio verso la sostenibilità ambientale e sociale. A cura di David K. Lind

Insieme si può. Viaggio verso la sostenibilità ambientale e sociale. A cura di David K. Lind Insieme si può Viaggio verso la sostenibilità ambientale e sociale A cura di David K. Lind Questo libro è stampato su carta CYCLUS OFFSET della cartiera Dalum (www.dalumpapir.dk), prodotta al 100% con

Dettagli

Figli con disabilità Esperienze e testimonianze per genitori di bambini con disabilità

Figli con disabilità Esperienze e testimonianze per genitori di bambini con disabilità Figli con disabilità Esperienze e testimonianze per genitori di bambini con disabilità seconda edizione INDICE Prefazione Ombretta Fortunati...................................... 5 Ezio Casati............................................

Dettagli

SO DIRE DI SÌ, SO DIRE DI NO

SO DIRE DI SÌ, SO DIRE DI NO SO DIRE DI SÌ, SO DIRE DI NO Modulo di promozione alla salute promosso dal Dipartimento Dipendenze nell ambito della Scuola Primaria ATTIVITÀ RIVOLTE AGLI ALUNNI PER STIMOLARE LO SVILUPPO DELLE LIFE SKILLS

Dettagli

Il gioco nel. ROMA CAPITALE Municipio Roma IX U.O.S.E.C.S. Centro Famiglie Villa Lais

Il gioco nel. ROMA CAPITALE Municipio Roma IX U.O.S.E.C.S. Centro Famiglie Villa Lais ROMA CAPITALE Municipio Roma IX U.O.S.E.C.S. Centro Famiglie Villa Lais Il gioco nel Scelte educative per le nuove generazioni. Un racconto delle esperienze ludiche nei Servizi del Municipio Roma IX impaginato

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi. Progetto Non Uno di Meno Ragazze e ragazzi stranieri nell istruzione superiore

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi. Progetto Non Uno di Meno Ragazze e ragazzi stranieri nell istruzione superiore Progetto co-finanziato dall Unione Europea Ministero dell Interno Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto Non Uno di Meno Ragazze e ragazzi stranieri nell istruzione superiore

Dettagli

Percorsi interculturali di apprendimento linguistico. Io e gli Altri...... In viaggio insieme

Percorsi interculturali di apprendimento linguistico. Io e gli Altri...... In viaggio insieme Percorsi interculturali di apprendimento linguistico Io e gli Altri...... In viaggio insieme 18 Io e gli Altri Attività rivolte a studenti di livello A1 1. PRESENTIAMOCI! Obiettivi generali: conoscenza

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

BARZELLETTE CRONACHE RIME GIOCHI ACROSTICI POESIE FILASTROCCHE INDOVINELLI PRO ABRUZZO

BARZELLETTE CRONACHE RIME GIOCHI ACROSTICI POESIE FILASTROCCHE INDOVINELLI PRO ABRUZZO BARZELLETTE CRONACHE GIOCHI RIME ACROSTICI POESIE FILASTROCCHE INDOVINELLI PRO ABRUZZO Scuola G. Pascoli Taino a.s. 2008/2009 I BAMBINI DI CLASSE 1 RACCONTANO. VISITA ALLA FATTORIA DEL TOCE I CONIGLI Mi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Istituto Comprensivo Ferentino 1 SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE : il ruolo della Scuola dell Infanzia Nelle recenti Bozze delle Indicazioni Nazionali

Dettagli

Vivere più lenti, essenziali, consapevoli 4. Il quotidiano nell'essenziale 12. L'ultimo posto di fratello Charles. Al cuore del Natale Pubblicazioni

Vivere più lenti, essenziali, consapevoli 4. Il quotidiano nell'essenziale 12. L'ultimo posto di fratello Charles. Al cuore del Natale Pubblicazioni Tariffa Assoc. Senza Fini di Lucro: Poste Italiane S.P.A - In A.P -D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/ 2004 n 46) art. 1, comma 2, DCB/43/2004 - Arezzo - Anno IX n 4/2005 1 3 Primapagina Vivere più lenti,

Dettagli

I VALORI, GLI INTERESSI E LE SCELTE DEI GIOVANI DI RIMINI

I VALORI, GLI INTERESSI E LE SCELTE DEI GIOVANI DI RIMINI Comune di Rimini Assessorato alle Politiche Giovanili I VALORI, GLI INTERESSI E LE SCELTE DEI GIOVANI DI RIMINI a cura del Comune di Rimini Assessorato alle Politiche Giovanili Collana Quaderni dell Istituto

Dettagli

C era una volta Materiali didattici di italiano L2

C era una volta Materiali didattici di italiano L2 C era una volta Materiali didattici di italiano L2 a cura di Maria Frigo Francesca Angonova Silvia Balabio Giovanna Carrara Cristina Grillanda Stefano Zucca a cura di Maria Frigo C era una volta Materiali

Dettagli

Economica Laterza 353

Economica Laterza 353 Economica Laterza 353 Dello stesso autore in altre nostre collane: Guida al giornalino di classe «Universale Laterza» Se i bambini dicono: adesso basta! «i Robinson/Letture» Francesco Tonucci La città

Dettagli

Bibliografia: Testi che narrano la morte ai bambini e agli adolescenti

Bibliografia: Testi che narrano la morte ai bambini e agli adolescenti a cura di Francesca Ronchetti Bibliografia: Testi che narrano la morte ai bambini e agli adolescenti M. HOLZINGER, H. STÖLLINGER, Addio Anna, Edizioni Messaggero, 2001. Un libro illustrato che aiuta i

Dettagli

Da 0 a 3 mesi: Fare la differenza

Da 0 a 3 mesi: Fare la differenza Italian (0-3 months) Da 0 a 3 mesi: Fare la differenza Essere genitori per la prima volta e` emozionante. Ma anche difficile. Nei primi 3 mesi crescerete e imparerete insieme al neonato. Per il neonato

Dettagli

XIII - 3 / 2009 1, 2, DCB/43/2004

XIII - 3 / 2009 1, 2, DCB/43/2004 Tariffa Assoc. Senza Fini di Lucro: Poste Italiane S.P.A - In A.P -D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/ 2004 n 46) art. 1, comma 2, DCB/43/2004 - Arezzo - Anno XIII n 3 / 2009 Una regola minima 1 3 Primapagina

Dettagli

quaderno operativo per la scuola primaria Regioni PROGRAMMA DI COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE C.M. 78182G EDIZIONE FUORI COMMERCIO

quaderno operativo per la scuola primaria Regioni PROGRAMMA DI COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE C.M. 78182G EDIZIONE FUORI COMMERCIO quaderno operativo per la scuola primaria PROGRAMMA DI COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE C.M. 78182G EDIZIONE FUORI COMMERCIO Regioni quaderno operativo per la scuola primaria PROGRAMMA DI COMUNICAZIONE

Dettagli

INTERVISTA - che cos è Progetto Itaca

INTERVISTA - che cos è Progetto Itaca INTERVISTA - che cos è Progetto Itaca Che cos è Progetto Itaca? A questa domande e alle altre che seguono risponde Costanza, direttrice dell Associazione arrivata a Firenze nel febbraio del 2011. Coinvolta

Dettagli

XII - 3/2008 1, 2, DCB/43/2004

XII - 3/2008 1, 2, DCB/43/2004 Tariffa Assoc. Senza Fini di Lucro: Poste Italiane S.P.A - In A.P -D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/ 2004 n 46) art. 1, comma 2, DCB/43/2004 - Arezzo - Anno XII n 3/2008 Chiamati dal futuro 1 3 Primapagina

Dettagli

Carta del servizio Centro per l'infanzia la casa sull'albero

Carta del servizio Centro per l'infanzia la casa sull'albero Carta del servizio Centro per l'infanzia la casa sull'albero INTRODUZIONE E PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO La scelta di redigere una Carta del Servizio significa far conoscere il servizio, garantire trasparenza

Dettagli

Juanita Brown e la World Cafè Community. Il World Cafè. Guida pratica all organizzazione e alla gestione di incontri con la metodologia World Cafè

Juanita Brown e la World Cafè Community. Il World Cafè. Guida pratica all organizzazione e alla gestione di incontri con la metodologia World Cafè Juanita Brown e la World Cafè Community Il World Cafè Guida pratica all organizzazione e alla gestione di incontri con la metodologia World Cafè Indice Introduzione... 3 Il potenziale delle conversazioni

Dettagli

Associazione Italiana per i Disturbi dell'attenzione e Iperattività (A.I.D.A.I.)

Associazione Italiana per i Disturbi dell'attenzione e Iperattività (A.I.D.A.I.) MIO FIGLIO È COSÌ IRREQUIETO Ci siamo accorti che nostro figlio aveva dei problemi quando Un problema che si manifesta con una persistente difficoltà a stare attento viene riconosciuto soprattutto quando

Dettagli

LA VITA: UN DONO DA SCOPRIRE CON GESÙ

LA VITA: UN DONO DA SCOPRIRE CON GESÙ TEMPI E UNITÀ TEMI DEGLI INCONTRI OBIETTIVI RIFERIMENTI BIBLICI RIFERIMENTI AL ICFR 4 pp. 58-71 CELEBRAZIONI Cammino di catechesi per fanciulli e ragazzi Quinta tappa LA VITA: UN DONO DA SCOPRIRE CON GESÙ

Dettagli

Acqua Diamante. Una Coscienza

Acqua Diamante. Una Coscienza Acqua Diamante Una Coscienza Joël Ducatillon Steel Storm Staelhe NOTE DELL AUTORE E ovvio che il libro che segue è gratuito e moltiplicabile a piacere, proprio come l Acqua Diamante. Quasi tutti hanno

Dettagli