RELAZIONE TECNICA DI PARTE VERTENZA DI LAVORO COMPUTO DIFFERENZE RETRIBUTIVE & TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE TECNICA DI PARTE VERTENZA DI LAVORO COMPUTO DIFFERENZE RETRIBUTIVE & TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO"

Transcript

1 RELAZIONE TECNICA DI PARTE VERTENZA DI LAVORO COMPUTO DIFFERENZE RETRIBUTIVE & TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO Io sottoscritto Parente Antonello, in qualità di Consulente del Lavoro, iscritto all Albo di Roma, con n. 4499, in nome e per conto del Sig...., nato a..., il..., C.F...., incaricato di effettuare il computo delle differenze retributive ed il calcolo del trattamento di fine rapporto, in merito al rapporto di lavoro intercorso con la società..., in base alla documentazione consegnatami ed in relazione a quanto dichiarato dal dipendente stesso, ho riscontrato quanto segue: DATI DIPENDENTE Cognome e Nome: Luogo e data di nascita: Codice Fiscale: Residenza: DATI DATORE DI LAVORO Ragione sociale: Forma giuridica: Sede legale: P.Iva Codice Fiscale OGGETTO DEL CONTEGGIO Qualificazione del rapporto di lavoro Diritto alla qualifica superiore Computo differenze retributive Computo trattamento di fine rapporto

2 SITUAZIONE RISCONTRATA Data inizio rapporto di lavoro: 1 Febbraio 1998 Data fine rapporto di lavoro: 31 Marzo Tipologia contratto di lavoro: Dal al : lavoro in nero Dal al : apprendistato professionalizzante Dal al : tempo indeterminato Qualifica e livello: Dal al : lavoro in nero Dal al : apprendista 5 livello Dal al : operaio 5 livello Lunedì: (7 ore e 15 minuti senza pausa pranzo) Orario di lavoro: Martedì: (8 ore e 50 minuti senza pausa pranzo) Mercoledì: (7 ore e 15 minuti senza pausa pranzo) Giovedì: (8 ore e 50 minuti senza pausa pranzo) Venerdì: (7 ore e 15 minuti senza pausa pranzo) Sabato: 06: (5 ore) Ore retribuite: 40 ore settimanali Ore di straordinario diurno: Non sono mai state retribuite Ferie (173 ore annuali) Le ferie sono state conteggiate in giorni. (2,16 giorni al mese). A Novembre 2014: la Voce Ferie residue era pari a 63,26 giorni. A Dicembre 2014: la Voce Ferie residue era pari a 26,04 giorni. Questi 37,22 giorni di ferie non sono mai stati pagati né tantomeno fruiti. Permessi retribuiti (16 ore annuali) Inizialmente, sono stati conteggiati nei cedolini paga e poi, a partire da Maggio 2012, sono stati, volutamente, eliminati. Ad Aprile 2012: Voce R.O.L. Residui era pari ad ore 73,33 A Maggio 2012: Voce R.O.L. Residui era pari a zero ore Queste 73,33 ore non sono mai state retribuite né fruite. Contemporanemente, da Luglio 2011, nei cedolini paga è stata attivata la Voce Permessi residui. Anche in questo caso a Dicembre 2014 sono stati, artatamente, eliminati. A Novembre 2014: Voce Permessi Residui era pari ad ore 54,65 A Dicembre 2014: Voce Permessi Residui era pari ad ore 16,00 Queste 38,65 ore non sono mai state retribuite né fruite. Permessi retribuiti ex festività soppresse (32 ore annuali) Relativamente ai Permessi retribuiti ex festività soppresse è avvenuta la medesima cosa dei Permessi retribuiti. A Novembre 2014: Voce Festività residue era pari ad ore 205,33 A Dicembre 2014: la Voce Festività residue era pari a zero ore. Queste 205,33 ore non sono state retribuite né fruite. Aumenti periodici di anzianità Ricordando che l'assunzione è avvenuta il 10 Ottobre 2006, i primi scatti di anzianità sono stati inseriti nel cedolino paga a Dicembre 2015.

3 C.C.N.L. APPLICATO IN AZIENDA C.C.N.L. Per i lavoratori dipendenti delle aziende artigiane del settore Alimentare e delle imprese della panificazione. Nello specifico sono stati presi in esame, i seguenti documenti: C.C.N.L. stipulato in data Decorrenza dal al C.C.N.L. stipulato in data Decorrenza dal al C.C.N.L. stipulato in data Decorrenza dal al Verbale di accordo stipulato in data Decorrenza dal al Parti firmatarie datoriali: CNA (Confederazione Nazionale Artigianato); Confartigianato; Casartigiani; CLAAI (Confederazione Libere Associazioni Artigiane Italiane); Parti firmatarie lavoratori: FLAI-CGIL (Federazione Lavoratori Agroindustria); FAI-CISL (Federazione Agricola Alimentare - Ambientale Industriale Italiana); UILA-UIL (Unione Italiana Lavoratori Agroalimentari) IMPOSTAZIONI DEL CALCOLO Tipologia contratto di lavoro:contratto a Tempo Indeterminato dal al Categoria: Operaio Qualifica: Macellaio Mansioni: addetto alla lavorazione della carne, scarico delle merci in arrivo, sistemazione delle stesse in magazzino, preparazione degli ordini per i fornitori, consegne della merce lavorata presso: supermercati, macellerie, ristoranti, gestione dei prodotti stoccati in magazzino, gestione piano di controllo HACCP, maneggio denaro (incasso pagamenti dai clienti).. Livello di inquadramento: Sesto (dal al ) Quinto (dal al ) Quarto (dal al ) Divisore contrattuale orario: 173 Orario di lavoro: 40 ore settimanali Ore di straordinario: 4 ore settimanali (in media) Elementi della retribuzione: Paga base nazionale Ex Indennità di contingenza E.D.R. E.A.R. Aumenti periodici di anzianità Indennità di maneggio denaro

4 ISTITUTI CONTRATTUALI RIVENDICATI In relazione ai dati di cui sopra e, dopo aver esaminato tutta la documentazione consegnata dal lavoratore (contratto di lavoro, cedolini paga mensili e certificazioni uniche annuali), nonché in base a quanto da questi affermato, è stato effettuato il lavoro che segue. Si rivendicano: la qualificazione del rapporto di lavoro; il diritto alla qualifica superiore; le differenze retributive spettanti; il trattamento di fine rapporto; la posizione contributiva del lavoratore presso l'inps 1) Qualificazione del rapporto di lavoro = il presente computo delle differenze retributive parte dalla richiesta di qualificazione del rapporto di lavoro come rapporto subordinato ab origine. Difatti, il lavoratore dichiara di aver prestato la sua attività lavorativa, in modo continuativo, dal 1 Febbraio 1998 al 31 Marzo 2016, di aver lavorato per 6 giorni a settimana, di aver percepito un compenso fisso mensile e di essere, sempre, stato soggetto alla eterodirezione del datore di lavoro. A ciò si aggiunga che, dopo quasi 9 anni di lavoro in nero ( ), è stato fatto sottoscrivere al lavoratore un contratto di apprendistato professionalizzante. 2) Diritto alla qualifica superiore = il Sig...., dal al , ha sempre lavorato in nero ; dal al , ha lavorato con la qualifica di apprendista di 5 livello; dal al , ha lavorato come operaio di 5 livello. Per l'effettuazione del computo delle differenze retribuite, oltre alla qualificazione del rapporto di lavoro, come rapporto subordinato a tempo indeterminato ab orgine, sono stati riconosciuti al lavoratore anche i corretti livelli retributivi ed è, pertanto, stata ricostruita l'intera carriera lavorativa. Dal al = operaio di sesto livello (il livello più basso previsto dal C.C.N.L. applicato in azienda); Dal al = operaio di quinto livello. L' art. 22 C.C.N.L , con decorrenza , prevede il passaggio dal sesto al quinto livello, per i lavoratori che svolgono attività inerenti al processo produttivo per abilitarsi alle quali non occorrono conoscenze professionali, ma è sufficiente un periodo di pratica: dopo un periodo di 12 mesi, tali lavoratori verranno inquadrati nel livello superiore. Dal al = operaio di quarto livello. A riguardo si fa riferimento a: - Art. 36 Costituzione, comma 1 Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro ed in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé ed alla famiglia un' esistenza libera e dignitosa. - Art Codice Civile Il prestatore di lavoro deve essere adibito alle mansioni per le quali è stato assunto o a quelle corrispondenti alla categoria superiore che abbia successivamente acquisito ovvero a mansioni equivalenti alle ultime effettivamente svolte, senza alcuna diminuzione della retribuzione. Nel caso di assegnazione a mansioni superiori il prestatore ha diritto al trattamento corrispondente all'attività svolta, e l'assegnazione stessa diviene definitiva, ove la medesima non abbia avuto luogo per sostituzione del lavoratore assente con diritto alla conservazione del posto, dopo un periodo fissato dai contratti collettivi, e comunque non superiore a tre mesi.

5 - Art. 34 C.C.N.L. applicato in azienda Quando è destinato a compiere mansioni rientranti in categoria superiore a quella di appartenenza, al lavoratore dovrà essere corrisposto un compenso di importo non inferiore alla differenza fra il minimo contrattuale percepito e quello della predetta categoria superiore. Decorsi i tre mesi consecutivi nello svolgimento di mansioni inerenti alla categoria superiore, il lavoratore avrà diritto al passaggio definitivo alla categoria superiore ed alla relativa retribuzione contrattuale. - Sentenza n. 7123/2014 Corte di Cassazione Sezione Lavoro Secondo la costante giurisprudenza di questa Corte, nel procedimento logico - giuridico diretto alla determinazione dell'inquadramento di un lavoratore subordinato non può prescindersi da tre fasi successive, e cioè, dall'accertamento in fatto delle attività lavorative in concreto svolte, dall'individuazione delle qualifiche e dei gradi previsti dal contratto collettivo di categoria e dal raffronto tra il risultato della prima indagine ed i testi della normativa contrattuale individuati nella seconda (a riguardo anche: Cass., 12744/2003; 3069/2005; 17896/2007; 26233/2008); In ottemperanza al dettato normativo ed a quanto, costantemente, statuito dalla Suprema Corte, si è proceduto al raffronto tra le mansioni effettivamente svolte dal Sig.... e quanto previsto dal C.C.N.L. per i lavoratori inquadrati nel 4 livello retributivo. Mansioni svolte: addetto alla lavorazione della carne, scarico delle merci in arrivo, sistemazione delle stesse in magazzino, preparazione degli ordini per i fornitori, consegne della merce lavorata presso: supermercati, macellerie, ristoranti, gestione dei prodotti stoccati in magazzino, gestione piano di controllo HACCP, maneggio denaro (incasso pagamenti dai clienti). Livello quarto Art. 22 C.C.N.L. del i lavoratori specializzati che nella realizzazione del prodotto finito svolgono attività tecnico pratiche nelle operazioni di manutenzione e di conduzione di impianti di produzione o macchine complesse con capacità di regolazione e messa a punto; - i lavoratori specializzati con specifica e diretta responsabilità tecnica del lavoro attribuito ai fini della sua riuscita, pur assolvendo alla prescrizione e agli indirizzi del datore di lavoro o di chi ne fa le veci. A riguardo l'art. 21 Verbale di accordo del ha aggiunto, alla definizione del quarto livello, il seguente profilo professionale macellaio finito Da ultimo, preme far presente, che lo stesso contratto di apprendistato professionalizzante, sottoscritto tra le parti in data , prevedeva il raggiungimento del quarto livello, al termine del previsto periodo formativo. 3) Differenze retributive spettanti = gli importi che scaturiscono dal computo delle differenze retributive sono relativi ai seguenti istituti contrattuali: 3.1 Retribuzione ordinaria e festività = la retribuzione ordinaria è composta da: paga base nazionale, ex indennità di contingenza, E.D.R., E.A.R., aumenti periodici di anzianità, indennità di maneggio denaro. Le fesitività sono quelle canoniche e previste dall' Art. 28 del C.C.N.L. applicato in azienda. Retribuzione dovuta: ,86 Retribuzione percepita: ,07 Differenza spettante: ,79 Si fa presente che questa considerevole differenza tra retribuzione dovuta e retribuzione percepita è relativa, soprattutto, al periodo: (lavoro in nero ).

6 Durante questi anni il lavoratore ha dichiarato di aver percepito, per il periodo : 200 mila lire al mese ( 103,29); per il periodo : 200 euro al mese. Pertanto, scorporando la voce Differenza spettante, si ha: - Periodo = ,02 - Periodo = , Ferie godute = l'articolo 29 del C.C.N.L. applicato in azienda prevede 173 ore annuali di ferie. Retribuzione dovuta: ,72 Retribuzione percepita: 4.531,71 Differenza spettante: ,01 Anche in questo caso, la parte preponderante è relativa al periodo di lavoro in nero. Pertanto, scorporando la voce Differenza spettante, si ha: - Periodo = ,12 - Periodo = 1.555, Festività soppresse e Permessi goduti = gli articoli 22 e 28 del C.C.N.L. applicato in azienda prevedono: 32 ore annuali, quali permessi retribuiti in sostituzione delle quattro festività soppresse e 16 ore di ulteriori permessi retribuiti. Retribuzione dovuta: 2.939,68 Retribuzione percepita: 109,90 Differenza spettante: 2.829,78 Anche in questo caso, la parte preponderante è relativa al periodo di lavoro in nero. Pertanto, scorporando la voce Differenza spettante, si ha: - Periodo = 2.807,68 - Periodo = 22, Ferie non godute = l'articolo 29 del C.C.N.L. applicato in azienda prevede 173 ore annuali di ferie. Anno 2007 = ore 173 ; Anno 2008 = ore 69 ; Anno 2009 = ore 45 ; Anno 2010 = ore 29 Anno 2011 = ore ( - 51 ) ; Anno 2012 = ore 173 ; Anno 2013 = ore 61 ; Anno 2014 = ore 173 Anno 2015 = ore 173 ; Anno 2016 = ore 43,26 Totale ore di ferie non godute e da retribuirsi alla fine del rapporto di lavoro (in questo caso, alla data del 31 Marzo 2016) = ore 888,26 per paga oraria di 9,56. Importo totale per ferie non godute = 8.491,77 Retribuzione dovuta: 8.491,77 Retribuzione percepita: 0,00 Differenza spettante: 8.491,77 Le ferie non godute si riferiscono al periodo: 1 Gennaio Marzo Per il periodo precedente, 1 Febbraio Dicembre 2006, le ferie sono state considerate come godute e quindi retribuite in busta paga. 3.5 Festività soppresse e Permessi non goduti = l'articolo 28 (Festività soppresse) prevede che le quattro festività soppresse siano sostituite da 32 ore annuali di permessi retributi. Nel caso di mancata fruizione degli stessi nel corso dell'anno di maturazione, questi devono essere liquidati entro il 31 Dicembre dello stesso anno. L' articolo 22 (Permessi) prevede 16 ore annuali di permessi retribuiti. Nel caso di mancata fruzione degli stessi, nel corso dell'anno di maturazione, questi devono essere liquidati entro il 31 Gennaio dell'anno successivo. Retribuzione dovuta: 3.761,76 Retribuzione percepita: 0,00 Differenza spettante: 3.761,76

7 Le festività soppresse ed i permessi non goduti si riferiscono al periodo: 1 Gennaio Marzo Per il periodo precedente, 1 Febbraio Dicembre 2006, sono stati considerati come goduti e quindi retribuiti in busta paga. 3.6 Straordinari diurni = l'articolo 24 del C.C.N.L. applicato in azienda, prevede un maggiorazione del 30% per le ore di straordinario diurno. Si fa presente che il lavoratore ha effettuato, mediamente, quattro ore di straordinario a settimana, dal 1 Febbraio 1998 al 31 Marzo Retribuzione dovuta: ,56 Retribuzione percepita: 0,00 Differenza spettante: ,56 Scorporando la voce Differenza spettante, si ha: - Periodo = ,24 - Periodo = , Una Tantum = il C.C.N.L., nella sua evoluzione cronologica, ha previsto la corresponsione dei seguenti importi a titolo di Una Tantum. Ottobre 2004 = 215,00 ; Aprile 2005 = 80,00 ; Giugno 2008 = 200,00 ; Febbraio 2009 = 200,00 Settembre 2010 = 52,00 ; Aprile 2014 = 55,00 ; Settembre 2014 = 55,00 Retribuzione dovuta: 857,00 Retribuzione percepita: 0,00 Differenza spettante: 857, Tredicesima mensilità = l'articolo 36 del C.C.N.L. prevede la corresponsione, nel mese di Dicembre, della gratifica natalizia. Retribuzione dovuta: ,86 Retribuzione percepita: ,15 Differenza spettante: ,71 Anche in questo caso, la parte preponderante è relativa al periodo di lavoro in nero. Pertanto, scorporando la voce Differenza spettante, si ha: - Periodo = 9.946,05 - Periodo = 2.238,66 4) Trattamento di fine rapporto = l'articolo 57 del C.C.N.L. prevede In caso di risoluzione del rapporto di lavoro, è dovuto al lavoratore un trattamento di fine rapporto da calcolarsi ai sensi della L. 29 maggio 1982, n Nella retribuzione utile ai fini del calcolo del trattamento di fine rapporto, Sono state incluse le seguenti voci retributive: Retribuzione tabellare (paga base + ex indennità di contingenza + E.D.R. ) Aumenti periodici di anzianità E.A.R. Indennità di maneggio denaro Festività Straordinari Tredicesima mensilità Indennità per ferie non godute Indennità per permessi non goduti (permessi retribuiti e festività soppresse) Sono state escluse le seguenti voci retributive: Una Tantum

8 4.1 Inclusione dell'indennità per ferie non godute ed indennità per permessi non goduti nella retribuzione utile al trattamento di fine rapporto = si è ritenuto corretto includere i suddetti istituti contrattuali, per le seguenti motivazioni: art c.c. comma 2 Salvo diversa previsione dei contratti collettivi la retribuzione annua, ai fini del comma precedente, comprende tutte le somme, compreso l'equivalente delle prestazioni in natura, corrisposte in dipendenza del rapporto di lavoro, a titolo non occasionale e con esclusione di quanto è corrisposto a titolo di rimborso spese art. 57 C.C.N.L. del applicato in azienda In caso di risoluzione del rapporto di lavoro, è dovuto al lavoratore un trattamento di fine rapporto da calcolarsi ai sensi della L. 29 maggio 1982, n Sentenza della Suprema Corte di Cassazione Sezione Lavoro (n del , pubblicata il ) Il comma 2 dell' art concede ai C.C.N.L. la possibilità di derogare a quanto statuito dal legislatore. A riguardo, il C.C.N.L. applicato in azienda ha, espressamente, previsto di escludere dalla base di calcolo, esclusivamente, gli importi corrisposti a titolo di Una Tantum, rinviando per tutto il resto alla Legge n. 297 del 29 Maggio 1982 e quindi all'articolo 2120 del codice civile. A riguardo, la Sentenza della Suprema Corte n /15 ha dato ragiona alla società Rete Ferroviaria Italiana S.p.a. affermando la non computabilità dell'indennità per ferie non godute nella base di calcolo del T.F.R., in quanto il C.C.N.L. applicato, in deroga al 2 comma dell'art c.c., aveva, esplicitamente, elencato tutte le voci contrattuali che potevano essere ricomprense nella suddetta base di calcolo, non facendo menzione dell'indennità per ferie non godute. La Suprema Corte nel caso di specie ha riaffermato la possibilità per i C.C.N.L. Di derogare in modo chiaro ed univoco e non indiretto (Cass. 15 marzo 2010, n. 6204; Cass. 6 febbraio 2008, n. 2781). Nel caso del C.C.N.L. Per i lavoratori dipendenti delle aziende artigiane del settore Alimentare e delle imprese della panificazione l' unica voce esclusa in modo chiaro, univoco e non indiretto è l' Una Tantum. Pertanto, non rimane che applicare il dettato del 2 comma dell'art c.c. ed includere sia l'indennità per ferie non godute sia quella per permessi non goduti nella base di calcolo del T.F.R. 4.2 Inclusione delle ore di straordinario nella retribuzione utile al trattamento di fine rapporto = si è ritenuto corretto computare le ore di straordinario prestate dal lavoratore nella base di calcolo del trattamento di fine rapporto, per le seguenti motivazioni: 1. Il lavoratore ha prestato, mediamente, quattro ore di lavoro straordinario settimanali, a partire dal 1 Febbraio 1998 e fino al 31 Marzo Le stesse hanno avuto carattere non occasionale e sono state presenti in tutti i periodi di paga. 2. Il C.C.N.L. applicato in azienda non esclude dalla base di calcolo le ore di straordinario, limitandosi ad un generico rinvio alla L. n. 297 del senza altro aggiungere (vedasi: art. 53 c.c.n.l. stipulato in data ; art. 53 c.c.n.l. stipulato in data e art. 57 c.c.n.l. stipulato in data In caso di risoluzione del rapporto di lavoro, è dovuto al lavoratore un trattamento di fine rapporto da calcolarsi ai sensi della L. 29 maggio 1982, n. 297 ) 3. L'articolo 2120 c.c., come modificato dalla L. 297/1982, esclude dalla base di calcolo le sole somme aventi carattere occasionale e quanto corrisposto a titolo di rimborso spese. 4. In ossequio alle numerose senteze della Suprema Corte, aventi orientamento costante. A riguardo vedasi: - Cassazione Civile, sez. lavoro, ordinanza n del Cassazione Civile, sez. lavoro, sentenza 03/04/2007 n 8293 come questa Corte ha più volte affermato, la continuità dello straordinario ai fini della sua computabilità ai fini dell indennità di anzianità, se pure ammette una certa oscillazione quantitativa e distributiva nella effettuazione delle prestazioni e prescinde dalle ragioni che ne giustíficano lo svolgimento, richiede comunque la eccedenti (anche in quantità diverse) in ciascuno dei periodi di almeno in quasi tutti, sì da potersi escludere la configurazione ricorrenza delle ore paga considerati, o di tali prestazioni come saltuarie, occasionali o transitorie (cfr., in analoga controversìa relativa a sentenza della medesima Corte territoriale, la già citata Cassazione 5362/05).

9 Il trattamento di fine rapporto è stato computato dal 1 Febbraio 1998 al 30 Aprile 2015, in quanto, dal 1 Maggio 2015, il lavoratore ha deciso di percepire la quota di T.F.R., maturata mensilmente, direttamente in busta paga. Trattamento di fine rapporto dovuto al : ,58 T.F.R. maturato e rimasto in azienda al : ,98 Differenza tra T.F.R. dovuto e T.F.R. maturato: ,60 Il lavoratore non avendo percepito acconti sul T.F.R. maturato, deve percepire quale trattamento di fine rapporto ,58 (di cui ,98, maturati ed acccantonati in azienda, ma non corrisposti al lavoratore). 5) Q.u.i.r. = il Q.u.i.r. Rappresenta la quota di T.F.R. maturata mensilmente che, invece di essere accantonata, viene percepita mensilmente dal lavoratore, direttamente in busta paga. Il lavoratore dal 1 Maggio 2015 ha deciso di optare per questa soluzione. Q.u.i.r. Dovuto: 2.167,88 Q.u.i.r. Percepito: 1.158,46 Q.u.i.r. Spettante: 1.009,42 Per il computo del Q.u.i.r. sono stati utilizzati gli stessi criteri adottati per il calcolo del T.F.R. SITUAZIONE RIEPILOGATIVA FINALE DELLE SOMME DOVUTE Riepilogativo delle somme dovute per differenze retributive Per retribuzione ordinaria e festività ,79 Per ferie godute ,01 Per festività soppresse e permessi goduti 2.829,78 Per ferie non godute 8.491,77 Per festività soppresse e permessi non goduti 3.761,76 Per ore di straordinario ,56 Per Una Tantum 857,00 Per tredicesima mensilità ,71 TOTALE ,38 Riepilogativo delle somme dovute per T.F.R. & Q.u.i.r. Per trattamento di fine rapporto ,58 Per Q.u.i.r ,42 TOTALE , La presente Relazione Tecnica di Parte si compone di n.9 pagine e di n.6 Allegati --- Si allegano: Scheda di sintesi C.C.N.L. Ricostruzione carriera lavorativa Prospetto analitico mensile Prospetto mensilità aggiuntive Prospetto T.F.R. & Q.U.I.R. Prospetto sintetico annuale & Riepilogativo finale Palestrina (Rm),... In Fede

L incidenza degli elementi accessori sugli istituti indiretti. 25 settembre 2014 Relatore: avv. Alessia Bellini

L incidenza degli elementi accessori sugli istituti indiretti. 25 settembre 2014 Relatore: avv. Alessia Bellini L incidenza degli elementi accessori sugli istituti indiretti 25 settembre 2014 Relatore: avv. Alessia Bellini 1 Gli elementi accessori Le indennità (ad esempio, estero, disagiata sede, sostitutiva delle

Dettagli

Nel prospetto paga devono essere evidenziate le seguenti voci: la retribuzione minima contrattuale; gli eventuali scatti di anzianità; l eventuale

Nel prospetto paga devono essere evidenziate le seguenti voci: la retribuzione minima contrattuale; gli eventuali scatti di anzianità; l eventuale La retribuzione del lavoratore domestico è composta dalle seguenti voci: retribuzione minima contrattuale (più indennità di funzione per le categorie D e D-super); eventuali scatti di anzianità; eventuale

Dettagli

TESSILE ABBIGLIAMENTO CALZATURIERO GRUPPO A - AREA TESSILE MODA Ipotesi di Accordo del 25 luglio C.C.I.R.L. del 14 febbraio 2001

TESSILE ABBIGLIAMENTO CALZATURIERO GRUPPO A - AREA TESSILE MODA Ipotesi di Accordo del 25 luglio C.C.I.R.L. del 14 febbraio 2001 Tessile: tutto il settore tessile tradizionale (es. lana, cotone, seta, tinto-stamperia, tessili vari, ecc.) Calzaturieri: lavorazione e/o confezione di calzature e/o pantofole d ogni tipo Studi di disegni

Dettagli

VERBALE D INCONTRO. e le OO.SS. nazionali FP CGIL, FIT CISL, UILTRASPORTI, FIADEL CISAL

VERBALE D INCONTRO. e le OO.SS. nazionali FP CGIL, FIT CISL, UILTRASPORTI, FIADEL CISAL VERBALE D INCONTRO Addi, 15 luglio 2003 tra FISE Federazione Imprese di Servizi e le OO.SS. nazionali FP CGIL, FIT CISL, UILTRASPORTI, FIADEL CISAL è stato sottoscritto il presente Verbale col quale le

Dettagli

CCNL IMPIANTI ED ATTIVITA SPORTIVE PROFIT E NO PROFIT

CCNL IMPIANTI ED ATTIVITA SPORTIVE PROFIT E NO PROFIT CCNL IMPIANTI ED ATTIVITA SPORTIVE PROFIT E NO PROFIT PARTE ECONOMICA Preliminarmente appare opportuno ricordare che il ccnl sottoscritto il 22 dicembre 2015 rappresenta il primo contratto collettivo nazionale

Dettagli

Circolare Informativa n 32/2013 SCADENZE CCNL GIUGNO 2013

Circolare Informativa n 32/2013 SCADENZE CCNL GIUGNO 2013 Circolare Informativa n 32/2013 SCADENZE CCNL GIUGNO 2013 e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 10 INDICE 1) Autotrasporto merci e logistica pag. 3 2) Cemento Aziende industriali

Dettagli

PREVEDI COOPERLAVORO CONTRIBUTO CONTRATTUALE

PREVEDI COOPERLAVORO CONTRIBUTO CONTRATTUALE PREVEDI COOPERLAVORO CONTRIBUTO CONTRATTUALE Come noto, gli accordi di rinnovo dei c.c.n.l. per l industria, l artigianato e la cooperazione del settore edile dispongono, con decorrenza dal 1 gennaio 2015,

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO E GIORNI DI FERIE SPETTANTI QUESITO (posto in data 7 febbraio 2012) Sono un dirigente medico dipendente del SSN dal 31 dicembre 2008. Fino al 31 agosto 2009 ho lavorato

Dettagli

Retribuzione del personale

Retribuzione del personale Esercitazioni svolte 2013 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 19 Retribuzione del personale Marcella Givone COMPLETAMENTO Completare il seguente brano tratto da iltuosalario.it inserendo al posto dei puntini

Dettagli

TERZIARIO - Confcommercio Minimi tabellari

TERZIARIO - Confcommercio Minimi tabellari TERZIARIO - Confcommercio Minimi tabellari I valori riportati nelle tabelle che seguono sono riferiti a mese. Fino al 31 dicembre 2010 Dal 1º gennaio 2011 Dal 1º settembre 2011 Dal 1º aprile 2012 Dal 1º

Dettagli

CCNL TURISMO

CCNL TURISMO Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 2 e 3 Anno XXXVII n. 4 Chieti 28.01.2008 CCNL TURISMO 27.7.2007 LE TABELLE RETRIBUTIVE

Dettagli

Oggetto: C.C.N.L. segretari comunali e provinciali. Quadriennio normativo Bienni economici 2006/2007 e 2008/2009.

Oggetto: C.C.N.L. segretari comunali e provinciali. Quadriennio normativo Bienni economici 2006/2007 e 2008/2009. Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Previdenza Ufficio I - Pensioni Ufficio III - TFS, TFR, ASV e Previdenza Complementare Roma, 15/06/2011

Dettagli

RINNOVO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO

RINNOVO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO RINNOVO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO Il 25 gennaio 2008, a Roma, è stata raggiunta l ipotesi di accordo del Ccnl tra Fim, Fiom, Uilm e Unionmeccanica-Confapi. Il contratto di lavoro subordinato

Dettagli

RETRIBUZIONE E COSTI ORARI DELLA MANO D'OPERA EDILE PROVINCIA DI MESSINA DAL 1 GENNAIO 2015

RETRIBUZIONE E COSTI ORARI DELLA MANO D'OPERA EDILE PROVINCIA DI MESSINA DAL 1 GENNAIO 2015 RETRIBUZIONE E COSTI ORARI DELLA MANO D'OPERA EDILE PROVINCIA DI MESSINA DAL 1 GENNAIO 2015 Operaio di Operaio Operaio Operaio Op.Disc. Op.Disc. Custodi, guardiani Custodi, guardiani ecc. quarto livello

Dettagli

C.C.N.L Contratto nazionale di lavoro per i dipendenti dalle piccole e medie industrie metal meccaniche e di installazione di impianti

C.C.N.L Contratto nazionale di lavoro per i dipendenti dalle piccole e medie industrie metal meccaniche e di installazione di impianti C.C.N.L. 25-01-2008 Contratto nazionale di lavoro per i dipendenti dalle piccole e medie industrie metal meccaniche e di installazione di impianti Epigrafe Scadenze contrattuali Verbale di stipula Testo

Dettagli

NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI

NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI D.Lgs. 15 giugno 2015, n. 81 G.U. 24 giugno 2015, n. 144 Entrata in vigore: giovedì 25 giugno 2015 Alberto Bosco 1 Testo organico delle tipologie contrattuali Articolo 51

Dettagli

Congedo parentale (astensione facoltativa) (D.Lgs. n. 151/01)

Congedo parentale (astensione facoltativa) (D.Lgs. n. 151/01) Pagina1 Congedo parentale (astensione facoltativa) (D.Lgs. n. 151/01) Lavoratori dipendenti In base agli articoli 2, 32 e seguenti del Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 151 Testo unico delle disposizioni

Dettagli

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Napoli, lì 4 luglio

Dettagli

CCNL IGIENE AMBIENTALE AZIENDE MUNICIPALIZZATE: UNA TANTUM E ANTICIPAZIONE FORFETTARIA MENSILE (AFM)

CCNL IGIENE AMBIENTALE AZIENDE MUNICIPALIZZATE: UNA TANTUM E ANTICIPAZIONE FORFETTARIA MENSILE (AFM) INFORMATIVA N. 215 05 GIUGNO 2015 Contrattuale CCNL IGIENE AMBIENTALE AZIENDE MUNICIPALIZZATE: UNA TANTUM E ANTICIPAZIONE FORFETTARIA MENSILE (AFM) Verbale di intesa del 21 maggio 2015 Protocollo del 21

Dettagli

Contratto collettivo nazionale di lavoro per i lavoratori dipendenti delle

Contratto collettivo nazionale di lavoro per i lavoratori dipendenti delle C.C.N.L. 27-01-1998 Contratto collettivo nazionale di lavoro per i lavoratori dipendenti delle imprese artigiane dei settori tessile - abbigliamento - calzaturiero Epigrafe Scadenze contrattuali Verbale

Dettagli

TFS: BREVI INDICAZIONI SULLE MODALITA DI CALCOLO E SUI TEMPI DI LIQUIDAZIONE

TFS: BREVI INDICAZIONI SULLE MODALITA DI CALCOLO E SUI TEMPI DI LIQUIDAZIONE TFS: BREVI INDICAZIONI SULLE MODALITA DI CALCOLO E SUI TEMPI DI LIQUIDAZIONE Con la doverosa premessa che trattasi di materia complessa ed in continua evoluzione, intendiamo offrire alcune sintetiche e

Dettagli

METALMECCANICA - Aziende industriali - Costo del lavoro dal 1.1.2014

METALMECCANICA - Aziende industriali - Costo del lavoro dal 1.1.2014 METALMECCANICA - Aziende industriali - Costo del lavoro dal 1.1.2014 8Q 7 6 5S 5 4 3S 3 2 1 Minimo 2.267,54 2.212,93 1.981,60 1.847,11 1.724,89 1.611,65 1.578,14 1.545,50 1.396,02 1.266,57 Scatti di 81,92

Dettagli

Art. 1 C.C.N.L Art. 1 C.C.N.L

Art. 1 C.C.N.L Art. 1 C.C.N.L SCHDA D SNS (nella sua evoluzione cronologica) ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- ALMNA PANFCAZN

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 2. Oggetto: Liquidazione Indennità di Buonuscita del personale non dirigente dell ANAS.

NOTA OPERATIVA N. 2. Oggetto: Liquidazione Indennità di Buonuscita del personale non dirigente dell ANAS. DIREZIONE CENTRALE TFS TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE UFFICIO I - TFS TFR Roma, 19 febbraio 2007 AI DIRIGENTI GENERALI CENTRALI E COMPARTIMENTALI istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell

Dettagli

Dare attuazione all impegno a verbale previsto all art. 2 con l elaborazione delle linee guida in materia di produttività.

Dare attuazione all impegno a verbale previsto all art. 2 con l elaborazione delle linee guida in materia di produttività. PIATTAFORMA UNITARIA CONFEDERDIA, FAI-CISL, FLAI-CGIL, UILA-UIL PER RINNOVO CCNL QUADRI ED IMPIEGATI AGRICOLI Struttura ed assetto del Contratto Fermo restando l impianto della struttura ed assetto contrattuale,

Dettagli

In allegato si riporta Spazio aziende n. 12 del mese di dicembre 2014.

In allegato si riporta Spazio aziende n. 12 del mese di dicembre 2014. Spazio aziende è destinato alla clientela dello studio o dell associazione e contiene, con un linguaggio semplice, una sintesi delle ultime novità, un commento relativo ad argomenti di utilità generale

Dettagli

Art c.c. «PRESTAZIONE DEL LAVORO» (nuovo 2103) «MANSIONI DEL LAVORATORE» (vecchio 2103)

Art c.c. «PRESTAZIONE DEL LAVORO» (nuovo 2103) «MANSIONI DEL LAVORATORE» (vecchio 2103) Art. 2103 c.c. «PRESTAZIONE DEL LAVORO» (nuovo 2103) «MANSIONI DEL LAVORATORE» (vecchio 2103) L. delega 10 dicembre 2014, n. 183 Art. 1 7. Allo scopo di rafforzare le opportunità di ingresso nel mondo

Dettagli

RINNOVO CONTRATTUALE: AREA MECCANICA (ARTIGIANO DELLA METALMECCANICA, ORAFO E ODONTOTECNICA)

RINNOVO CONTRATTUALE: AREA MECCANICA (ARTIGIANO DELLA METALMECCANICA, ORAFO E ODONTOTECNICA) RINNOVO CONTRATTUALE: AREA MECCANICA (ARTIGIANO DELLA METALMECCANICA, ORAFO E ODONTOTECNICA) In data 16 giugno 2011 è stato stipulato l accordo per il rinnovo del CCNL Metalmeccanico ed istallazione di

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PERSONALE

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PERSONALE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PERSONALE Area Amministrativa - contabile : N.65 Registro Generale : N.95 Pubblicata il 15.10.2011 OGGETTO: Proroga assunzione a tempo determinato e a tempo

Dettagli

Come leggere la Busta Paga Fondazione Studi Consiglio Nazionale Consulenti del lavoro

Come leggere la Busta Paga Fondazione Studi Consiglio Nazionale Consulenti del lavoro Come leggere la Busta Paga Fondazione Studi Consiglio Nazionale Consulenti del lavoro * aggiornato al 25 febbraio 2008 CHE COS È è un documento obbligatorio che indica la retribuzione, le ritenute fiscali

Dettagli

MODELLO DI ACCORDO DI ARMONIZZAZIONE

MODELLO DI ACCORDO DI ARMONIZZAZIONE MODELLO DI ACCORDO DI ARMONIZZAZIONE ACCORDO DI ARMONIZZAZIONE PER IL PASSAGGIO DAL CONTRATTO COLLETTIVO DEL COMMERCIO A QUELLO DEGLI STUDI PROFESSIONALI Il giorno in, via, presso la sede TRA, da un lato

Dettagli

indietro ACCORDO DEL SETIORE AGRICOLO PER LA DISCIPLINA DELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O DI MESTIERE

indietro ACCORDO DEL SETIORE AGRICOLO PER LA DISCIPLINA DELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O DI MESTIERE indietro ACCORDO DEL SETIORE AGRICOLO PER LA DISCIPLINA DELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O DI MESTIERE AI SENSI DEL D.LGS. N. 167/2011 Le Parti - rilevata la scelta condivisa di valorizzare la contrattazione

Dettagli

Paghe. I contratti di solidarietà in busta paga

Paghe. I contratti di solidarietà in busta paga I contratti di solidarietà in busta paga Bartolomeo La Porta - Consulente del lavoro Massimo Mutti - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. Il D.Lgs. n. 148/2015, di riforma degli ammortizzatori sociali

Dettagli

Oggetto: C.C.N.L. Comparto Regioni Autonomie Locali. Quadriennio normativo / Biennio economico

Oggetto: C.C.N.L. Comparto Regioni Autonomie Locali. Quadriennio normativo / Biennio economico Roma, 27 febbraio 2004 DIREZIONE GENERALE DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI DI FINE SERVIZIO E PREVIDENZA COMPLEMENTARE Ufficio I Prestazioni di Fine Servizio AI DIRIGENTI GENERALI CENTRALI E COMPARTIMENTALI

Dettagli

La banca ore in busta paga

La banca ore in busta paga La banca ore in busta paga Definizione. La banca ore e` un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto individuale, di un numero di ore prestate in eccedenza rispetto al normale

Dettagli

newsletter FEBBRAIO 2016

newsletter FEBBRAIO 2016 newsletter FEBBRAIO 2016 4. Scadenziario marzo 2016 4. SCADENZIARIO MARZO 2016 Scadenze contrattuali Giornalisti: In data 31 marzo 2016 è prevista la scadenza del CNLG 24 giugno 2014 per i giornalisti

Dettagli

Come leggere la Busta Paga Fondazione Studi Consiglio Nazionale Consulenti del lavoro

Come leggere la Busta Paga Fondazione Studi Consiglio Nazionale Consulenti del lavoro Come leggere la Busta Paga Fondazione Studi Consiglio Nazionale Consulenti del lavoro * aggiornato al 21 dicembre 2007 CHE COS È è un documento obbligatorio che indica la retribuzione, le ritenute fiscali

Dettagli

LAVORO Legge 18 aprile 1962, n. 230 (in Gazz. Uff., 17 maggio 1962, n. 125). -- Disciplina del contratto di lavoro a tempo determinato. Art. 1.

LAVORO Legge 18 aprile 1962, n. 230 (in Gazz. Uff., 17 maggio 1962, n. 125). -- Disciplina del contratto di lavoro a tempo determinato. Art. 1. LAVORO Legge 18 aprile 1962, n. 230 (in Gazz. Uff., 17 maggio 1962, n. 125). -- Disciplina del contratto di lavoro a tempo determinato. Art. 1. Il contratto di lavoro si reputa a tempo indeterminato, salvo

Dettagli

Occhiali - Aziende industriali Retribuzioni minime mensili - 1 gennaio Dal 1 gennaio Quadri - Impiegati - Intermedi - Operai.

Occhiali - Aziende industriali Retribuzioni minime mensili - 1 gennaio Dal 1 gennaio Quadri - Impiegati - Intermedi - Operai. Occhiali - Aziende industriali Retribuzioni minime mensili - 1 gennaio 2011 Dal 1 gennaio 2011 Quadri - Impiegati - Intermedi - Operai Livello Retribuzione minima contrattuale Totale Minimo Contingenza

Dettagli

Il giorno 4 agosto 2010 alle ore 16.30, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra:

Il giorno 4 agosto 2010 alle ore 16.30, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro relativo al personale non dirigente dell Agenzia Spaziale Italiana - ASI - per il secondo biennio economico 2008-2009 Il giorno 4 agosto 2010 alle ore 16.30, presso

Dettagli

Circolare giugno/2016

Circolare giugno/2016 Circolare giugno/2016 Paghe e Contributi Calendario giugno 2016... 2 Part-time agevolato per pensionandi... 3 Metalmeccanici Industria: elemento perequativo... 5 Rivalutazione TFR: coeff. di maggio 2016...

Dettagli

Il minimo di retribuzione del livello 8Q e 7 è comprensivo rispettivamente dell'indennità di funzione e dell'elemento retributivo.

Il minimo di retribuzione del livello 8Q e 7 è comprensivo rispettivamente dell'indennità di funzione e dell'elemento retributivo. Metalmeccanica - Aziende industriali Retribuzioni minime mensili - 1 gennaio 2015 Dal 1 gennaio 2015 Qualificati Livello Minimo Totale 8Q 2.333,17 2.333,17 7 2.278,56 2.278,56 6 2.040,98 2.040,98 5S 1.902,42

Dettagli

Verbale integrativo all'accordo di rinnovo del CCNL Area Tessile Moda del 25 luglio 2014

Verbale integrativo all'accordo di rinnovo del CCNL Area Tessile Moda del 25 luglio 2014 Tessili (artigianato) Accordo 4.2.2016 Verbale integrativo all'accordo di rinnovo del CCNL Area Tessile Moda del 25 luglio 2014 Costituzione delle parti Il 4 febbraio 2016, in Roma tra: CNA Federmoda;

Dettagli

Articolo 1 FLESSIBILITA

Articolo 1 FLESSIBILITA Articolo 1 FLESSIBILITA 1. Il personale a tempo parziale a far data dell entrata in vigore della presente circolare può usufruire della stessa flessibilità del personale a tempo pieno, rispetto all orario

Dettagli

OGGETTO: Applicazione dei benefici di cui all articolo 2 della legge 24 maggio 1970, n. 336.

OGGETTO: Applicazione dei benefici di cui all articolo 2 della legge 24 maggio 1970, n. 336. ! Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali e per il loro tramite: "#$"%!%&#'%("%" - Alle Amministrazioni dello Stato )""*#&"+ - Agli Enti con personale iscritto *"',-&#&%(.)/"%-"& alle Casse

Dettagli

IL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO

IL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO Centro Studi e Ricerche Milano IL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO Relatrice Dott. Stella Crimi 1 FONTI NORMATIVE art. 2120 codice civile Legge n. 297 del 29 maggio 1982 (TFR) D. Lgs. 47/2000 (modifica delle

Dettagli

CONTRATTO INDIVIDUALE DI LAVORO A TEMPO PIENO E DETERMINATO TRAMERI ANDREA

CONTRATTO INDIVIDUALE DI LAVORO A TEMPO PIENO E DETERMINATO TRAMERI ANDREA COMUNE DI TEGLIO PROVINCIA DI SONDRIO CONTRATTO INDIVIDUALE DI LAVORO A TEMPO PIENO E DETERMINATO TRAMERI ANDREA CONTRATTO INDIVIDUALE DI LAVORO A TEMPO PIENO E DETERMINATO L'anno duemilatredici (2013)

Dettagli

newsletter MARZO 2015

newsletter MARZO 2015 newsletter MARZO 2015 4. Scadenziario aprile 2015 4. SCADENZIARIO APRILE 2015 Scadenze contrattuali Carta aziende industriali: Il CCNL 13 settembre 2012 ha previsto che, a decorrere dal 2011, ai lavoratori

Dettagli

I NUOVI CONTRATTI DI LAVORO Il lavoro a tempo parziale

I NUOVI CONTRATTI DI LAVORO Il lavoro a tempo parziale Il lavoro a tempo parziale Aliquota contributiva complessiva 39,67% 4 OP. P.T. IMP. P.T. O00 Y00 MA00 FZ00 1 26 1.680 636 1 26 2.000 757 1 1 4 3 106 142 1.120 1.710 424 648 11 300 6.510 2.465 2.465 140

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO 2008-2009 Art. 1 Campo di applicazione, durata e decorrenza del contratto 1. Il

Dettagli

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali Udine, 23 luglio 2014 CCNL Area Comunicazione del 13.05.2014, le principali novità Il 13 maggio 2014 è stato sottoscritto l accordo per il rinnovo del CCNL

Dettagli

CCNL SETTORE CHIMICA INDUSTRIA DEL 8/01/2016. Disciplina i settori dell'industria chimica, chimico-farmaceutica e delle fibre chimiche

CCNL SETTORE CHIMICA INDUSTRIA DEL 8/01/2016. Disciplina i settori dell'industria chimica, chimico-farmaceutica e delle fibre chimiche CCNL SETTORE CHIMICA INDUSTRIA DEL 8/01/2016 Disciplina i settori dell'industria chimica, chimico-farmaceutica e delle fibre chimiche PARTI CONTRAENTI FEDERCHIMICA, FARMINDUSTRIA, FILCEM-CGIL, FEMCA-CISL,

Dettagli

CONTRATTO DI LAVORO INDIVIDUALE A TEMPO DETERMINATO. Premesso che in data 20 ottobre 2003 è stato sottoscritto il Contratto collettivo relativo al

CONTRATTO DI LAVORO INDIVIDUALE A TEMPO DETERMINATO. Premesso che in data 20 ottobre 2003 è stato sottoscritto il Contratto collettivo relativo al COMUNE DI MOENA PROVINCIA DI TRENTO CONTRATTO DI LAVORO INDIVIDUALE A TEMPO DETERMINATO Moena, Rep. n. /a.p. Premesso che in data 20 ottobre 2003 è stato sottoscritto il Contratto collettivo relativo al

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici N. 102 31.05.2016 CIG: calcolo dell indennità di malattia e infortunio Categoria: Previdenza e Lavoro Sottocategoria: Cigs Nell

Dettagli

INCENTIVI PER LE ASSUNZIONI F.A.Q.

INCENTIVI PER LE ASSUNZIONI F.A.Q. INCENTIVI PER LE ASSUNZIONI F.A.Q. 1 Cosa si intende per imprese aventi una sede operativa STABILE in Valle d Aosta? Se l incentivo economico può essere richiesto ai sensi del regolamento de minimis 1407/2013

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEI SEGRETARI COMUNALI E PROVINCIALI PER IL

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEI SEGRETARI COMUNALI E PROVINCIALI PER IL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEI SEGRETARI COMUNALI E PROVINCIALI PER IL QUADRIENNIO NORMATIVO 2002-2005 E PER IL BIENNIO ECONOMICO 2002-2003. In data 7 marzo 2008, alle ore 11,00 ha avuto

Dettagli

Azione di Sistema Welfare to Work per le Politiche di Re-Impiego GLI INCENTIVI ALL ASSUNZIONE PREVISTI A LIVELLO NAZIONALE

Azione di Sistema Welfare to Work per le Politiche di Re-Impiego GLI INCENTIVI ALL ASSUNZIONE PREVISTI A LIVELLO NAZIONALE Azione di Sistema Welfare to Work per le Politiche di Re-Impiego 2015-2016 GLI INCENTIVI ALL ASSUNZIONE PREVISTI A LIVELLO NAZIONALE Il Dlgs 150/2015, art. 31, ha introdotto principi generali di fruizione

Dettagli

Vademecum per l applicazione del Regolamento 2013 per la gestione dei rapporti di lavoro dipendente

Vademecum per l applicazione del Regolamento 2013 per la gestione dei rapporti di lavoro dipendente Vademecum per l applicazione del Regolamento 2013 per la gestione dei rapporti di lavoro dipendente Roma, 24 gennaio 2013 Sommario 1. Classificazione 2. Armonizzazione Retribuzioni 3. Scatti di anzianità

Dettagli

Come leggere la Busta Paga

Come leggere la Busta Paga Come leggere la Busta Paga * aggiornato al 20 luglio 2009 CHE COS È è un documento obbligatorio che indica la retribuzione, le ritenute fiscali e quelle previdenziali, che il lavoratore percepisce per

Dettagli

CCRL Non dirigenti Regionali Contratto collettivo regionale di lavoro del personale regionale non dirigente biennio economico

CCRL Non dirigenti Regionali Contratto collettivo regionale di lavoro del personale regionale non dirigente biennio economico Pagina 1 di 7 Contratto collettivo regionale di lavoro del personale regionale non dirigente biennio economico 2002-2003 Art. 1 (Ambito di applicazione del contratto) 1. Il presente contratto collettivo

Dettagli

SERVIZI DI PULIZIA ARTIGIANATO

SERVIZI DI PULIZIA ARTIGIANATO SERVIZI DI PULIZIA ARTIGIANATO AGGIORNAMENTI: ccnl: gennaio 2015 ind. Speciale: ottobre 2014 prossimo aumento aprile 2015 LIVELLO RETRIBUZIONE TABELLARE Impiegati/Operai INDENNITA' SPECIALE(1) TOTALE EURO(4)

Dettagli

ORARIO DI LAVORO SETTIMANALE E GIORNALIERO

ORARIO DI LAVORO SETTIMANALE E GIORNALIERO Orario ORARIO DI LAVORO SETTIMANALE E GIORNALIERO L orario di lavoro settimanale è di 37 ore e 30 minuti, di norma distribuito dal lunedì al venerdì, al quale si deve applicare una riduzione di 30 minuti

Dettagli

Centro Studi Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro

Centro Studi Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro Centro Studi Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale Antonio Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Circolare informativa n 31/2004 Napoli, lì

Dettagli

GUIDA BUSTA PAGA ALLA LETTURA DELLA. Aggiornamento: ottobre 2014 DUEPUNTIACAPO COOPERATIVA SOCIALE SOCIALE ONLUS ONLUS

GUIDA BUSTA PAGA ALLA LETTURA DELLA. Aggiornamento: ottobre 2014 DUEPUNTIACAPO COOPERATIVA SOCIALE SOCIALE ONLUS ONLUS GUIDA ALLA LETTURA DELLA BUSTA PAGA Aggiornamento: ottobre 2014 DUEPUNTIACAPO COOPERATIVA SOCIALE SOCIALE ONLUS ONLUS LEGENDA I punti che seguono sono preceduti da numeri che corrispondono alla numerazione

Dettagli

Diritto del Lavoro. Le mansioni

Diritto del Lavoro. Le mansioni Diritto del Lavoro Mario GALLO Professore a contratto di Diritto del Lavoro nell Lazio Meridionale Cassino, 12 novembre 2015 1 Le mansioni 2 Principi generali: l oggetto della prestazione lavorativa Nel

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DIRIGENTI. Valido sino al 31/12/2017 CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DIRIGENTI. Valido sino al 31/12/2017 CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DIRIGENTI Valido sino al 31/12/2017 CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 (Campo di applicazione, durata, decorrenza) 1. Il contratto collettivo si applica a tutti i dirigenti

Dettagli

80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/ Fax 081/

80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/ Fax 081/ Centro Studi Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Napoli, lì 26 ottobre 2005 Circolare informativa

Dettagli

Rdl 1955/1956 e 1957 del

Rdl 1955/1956 e 1957 del R.S.U. Siae Microelettronica Lavoro straordinario La materia in questione é regolata da leggi e dal contratto nazionale. Le normative che riassumiamo si applicano ai lavoratori metalmeccanici dell'industria

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n Articolo 23

Decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n Articolo 23 Elaborazione documenti in corso... Decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600 Gazzetta Ufficiale 16 ottobre 1973, n. 268 Disposizioni comuni in materia di accertamento delle imposte

Dettagli

30. CONTRATTO DI LAVORO SUBORDINATO A TEMPO PARZIALE

30. CONTRATTO DI LAVORO SUBORDINATO A TEMPO PARZIALE 30. CONTRATTO DI LAVORO SUBORDINATO A TEMPO PARZIALE a cura di ALBERTO RUSSO Contratto di lavoro a tempo indeterminato a tempo parziale di tipo orizzontale tra: a) l impresa.., con sede in, rappresentata

Dettagli

Disciplina del contratto di lavoro a tempo determinato.

Disciplina del contratto di lavoro a tempo determinato. Legge 18 aprile 1962 n. 230 Disciplina del contratto di lavoro a tempo determinato. Articolo 1 1) Il contratto di lavoro si reputa a tempo indeterminato, salvo le eccezioni appresso indicate. 2) E' consentita

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali VISTO il Decreto legislativo 12 aprile 2006, n.163, concernente Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle

Dettagli

L.R. 1/2005, art. 4, commi 140 e 141 B.U.R. 17/10/2007, n. 42. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 27 settembre 2007, n. 0310/Pres.

L.R. 1/2005, art. 4, commi 140 e 141 B.U.R. 17/10/2007, n. 42. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 27 settembre 2007, n. 0310/Pres. L.R. 1/2005, art. 4, commi 140 e 141 B.U.R. 17/10/2007, n. 42 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 27 settembre 2007, n. 0310/Pres. Regolamento recante criteri e modalità di utilizzo delle risorse statali

Dettagli

Roma, 07/03/2011. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati

Roma, 07/03/2011. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Previdenza Ufficio I - Pensioni Ufficio III - TFS, TFR, ASV e Previdenza Complementare Roma, 07/03/2011

Dettagli

Cambiamenti e opportunità per la gestione del personale nei contratti di lavoro subordinato

Cambiamenti e opportunità per la gestione del personale nei contratti di lavoro subordinato Cambiamenti e opportunità per la gestione del personale nei contratti di lavoro subordinato Le novità introdotte dal Jobs Act: Revisione della normativa in tema di Mansioni Avv. Giorgio Molteni 1 La nuova

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEI SERVIZI GENERALI. Numero 77 S 46 dd

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEI SERVIZI GENERALI. Numero 77 S 46 dd COMUNE DI ROVERE DELLA LUNA Provincia di Trento 38030 ROVERE DELLA LUNA (TN) - Piazza Unità d Italia, 4 Tel. 0461/658524 - Fax 0461/659095 - Codice Fiscale 00309060226 E-mail: ragioneria@comune.roveredellaluna.tn.it

Dettagli

MOD. B-1 (contratto successivo al primo per personale docente o educativo che stipula più contratti) (Istituzione scolastica)

MOD. B-1 (contratto successivo al primo per personale docente o educativo che stipula più contratti) (Istituzione scolastica) MOD. B-1 (contratto successivo al primo per personale docente o educativo che stipula più contratti) (Istituzione scolastica) Prot. n. : data, / / Oggetto: contratto individuale di lavoro a tempo determinato

Dettagli

PAGHE. Note sulla versione 9.6.0

PAGHE. Note sulla versione 9.6.0 STUDI DI SETTORE PAGHE Note sulla versione 9.6.0 In Sommario > cartella IRAP studi di settore, è presente la scelta Tabulati studi di settore, al cui interno sono presenti le seguenti stampe: Categorie

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali VISTO il Decreto legislativo 12 aprile 2006, n.163 e s.m.i., concernente Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione

Dettagli

12. DETERMINAZIONE DELLA RETRIBUZIONE

12. DETERMINAZIONE DELLA RETRIBUZIONE 12. DETERMINAZIONE DELLA RETRIBUZIONE INDIVIDUALE DEFINIZIONE SOGGETTI INTERESSATI SOGGETTI ESCLUSI PROCEDURE SCADENZE CASI PARTICOLARI RIFERIMENTI La retribuzione del prestatore di lavoro può essere quantificata

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N. 3 del Festività 17 marzo 2011.

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N. 3 del Festività 17 marzo 2011. Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N. 3 del 10.03.2011 Festività 17 marzo 2011. Quadro normativo L art. 7-bis, comma 1 del decreto legge n. 64 del 30 aprile 2010 contenente disposizioni

Dettagli

e, p.c.: > ALLE ORGANIZZAZIONI SINDACALI CISL - FPS Fax 2638 UIL - FPL Fax 6298 DIRER - SDIRS Fax 2763

e, p.c.: > ALLE ORGANIZZAZIONI SINDACALI CISL - FPS Fax 2638 UIL - FPL Fax 6298 DIRER - SDIRS Fax 2763 Prot. n.p. 22861 Cagliari, 28 settembre 2012 Lettera inviata solo tramite tele-fax SOSTITUISCE L ORIGINALE Ai sensi art. 6, comma 2, L. 412/1991 > Alla Presidenza della Regione - Ufficio di Gabinetto -

Dettagli

Roma, 17/10/2002. Ai Direttori degli Uffici Centrali e Periferici LORO SEDI. Ai Coordinatori delle Consulenze Professionali LORO SEDI

Roma, 17/10/2002. Ai Direttori degli Uffici Centrali e Periferici LORO SEDI. Ai Coordinatori delle Consulenze Professionali LORO SEDI Roma, 17/10/2002 istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell amministrazione pubblica DIREZIONE CENTRALE TRATTAMENTI PENSIONISTICI UFF. 1 NORMATIVA Alla Direzione Centrale per la Segreteria

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. Decreto 20 dicembre 1995 (g.u. n. 081 05/04/1996) Determinazione molo semplificato per la comunicazione di assunzione dei lavoratori e foglio integrativo. preambolo Il ministro lavoro e la previdenza sociale

Dettagli

FERIE. Si tratta di un DIRITTO indisponibile vale a dire che il lavoratore non può rinunziarvi e il datore di lavoro deve concederle COSA ASPETTA?

FERIE. Si tratta di un DIRITTO indisponibile vale a dire che il lavoratore non può rinunziarvi e il datore di lavoro deve concederle COSA ASPETTA? 1 FERIE Il diritto alla ferie annuali è garantito dall art. 36, 3 comma della Costituzione: "il lavoratore ha diritto a ferie annuali retribuite, e non può rinunziarvi". Si tratta di un DIRITTO indisponibile

Dettagli

INDICE. Sezione Prima - ASPETTI GENERALI. Introduzione... pag. 11

INDICE. Sezione Prima - ASPETTI GENERALI. Introduzione... pag. 11 INDICE Introduzione... pag. 11 Sezione Prima - ASPETTI GENERALI I campi del cedolino paga... pag. 14 Dati anagrafici...» 15 Elementi retributivi...» 15 Sviluppo del cedolino paga...» 15 Calcolo contributi

Dettagli

Nota operativa n. 19 Ai Coordinatori delle Consulenze Professionali

Nota operativa n. 19 Ai Coordinatori delle Consulenze Professionali Istituto Na zionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Previdenza Ufficio I - Normativo Roma, 27/04/2009 Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali

Dettagli

Qualificati. Apprendistato ex D.Lgs. 167/2011. Apprendistato ex D.Lgs. n. 276/2003. Apprendistato ante ex D.Lgs. n. 276/2003. Retribuzioni.

Qualificati. Apprendistato ex D.Lgs. 167/2011. Apprendistato ex D.Lgs. n. 276/2003. Apprendistato ante ex D.Lgs. n. 276/2003. Retribuzioni. Studi professionali Retribuzioni minime mensili 1 aprile 2013 Qualificati Apprendistato ex D.Lgs. 167/2011 Apprendistato ex D.Lgs. n. 276/2003 Apprendistato ante ex D.Lgs. n. 276/2003 Retribuzioni Livello

Dettagli

Associazione professionale Petracci Marin -

Associazione professionale Petracci Marin - Orario di lavoro personale direttivo ccnl metalmeccanici Il quesito. 2) Un altro aspetto che Lei mi sottopone concerne le ore di lavoro straordinario svolte dal lunedì al venerdì nonché lo svolgimento

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 25/06/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 25/06/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 25/06/2015 Circolare n. 125 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

Art. 12 Accantonamenti presso la Cassa Edile

Art. 12 Accantonamenti presso la Cassa Edile Art. 12 Accantonamenti presso la Cassa Edile Con riferimento all'articolo 18 del C.C.N.L. la percentuale per ferie e gratifica natalizia, è confermata nella misura del 18,50% da calcolarsi nei limiti e

Dettagli

L accordo sul nuovo apprendistato professionalizzante nel settore industria

L accordo sul nuovo apprendistato professionalizzante nel settore industria N. 184 del 02.05.2012 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DPL Modena (1) L accordo sul nuovo apprendistato professionalizzante nel settore industria Il settore industria si da le regole

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO INTEGRATIVO DEL CONTRATTO PROVINCIALE DI LAVORO PER GLI OPERAI AGRICOLI E FLOROVIVAISTI DELLA PROVINCIA DI LODI Il giorno 01/02/2013 presso la sede di CONFAGRICOLTURA Milano Lodi E Monza

Dettagli

Ammortizzatori sociali Il contratto di Solidarietà in Telecom

Ammortizzatori sociali Il contratto di Solidarietà in Telecom Ammortizzatori sociali Il contratto di Solidarietà in Telecom Riordino della normativa dlgs 14 settembre 2015 n.148 in attuazione della legge 10 dicembre 2014 n.183 Disposizioni Generali Il contratto di

Dettagli

Il lavoro intermittente ( Lavoro a chiamata o Job on call )

Il lavoro intermittente ( Lavoro a chiamata o Job on call ) Il lavoro intermittente ( Lavoro a chiamata o Job on call ) Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È IL LAVORO INTERMITTENTE? Il lavoro intermittente (più comunemente definito anche lavoro a chiamata o job

Dettagli

I CONTRATTI DI SOLIDARIETA. Le modifiche del Jobs Act

I CONTRATTI DI SOLIDARIETA. Le modifiche del Jobs Act I CONTRATTI DI SOLIDARIETA Le modifiche del Jobs Act Milano, 26 gennaio 2016 Avv. Elisabetta Cassaneti 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge n. 863/1984 (successivamente modificata dalla Legge n. 263/1993 e

Dettagli

Circolare ABI - Serie Lavoro n dicembre 2015

Circolare ABI - Serie Lavoro n dicembre 2015 Circolare ABI - Serie Lavoro n. 87-1 dicembre 2015 CONTRATTI COLLETTIVI NAZIONALI DI LAVORO (AS/1171) Fondo nazionale per il sostegno dell Occupazione (F.O.C.) Verbale di accordo 25 novembre 2015 Si trasmette

Dettagli

INFORMATIVA N. 5. Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro II biennio economico 200/2001

INFORMATIVA N. 5. Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro II biennio economico 200/2001 DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DI FINE SERVIZIO E PREVIDENZA COMPLEMENTARE UFFICIO I PRESTAZIONI DI FINE SERVIZIO SEDE DI VIA BECCARIA Tel.: 063610698 Fax: 063224753 I S T I T U T O N A Z I O N A

Dettagli

Fondazione AVSI. Sostegno a distanza Adozioni a distanza Cooperazione allo sviluppo

Fondazione AVSI. Sostegno a distanza Adozioni a distanza Cooperazione allo sviluppo 1 Fondazione AVSI Sostegno a distanza Adozioni a distanza Cooperazione allo sviluppo Diritti e congedi È prevista una forma di congedo dal lavoro per il periodo di permanenza all estero per tutta la durata

Dettagli

* * * C.c.n.l. ceramica, terracotta, gres, decorazione di piastrelle, artigianato. Incrementi retributivi

* * * C.c.n.l. ceramica, terracotta, gres, decorazione di piastrelle, artigianato. Incrementi retributivi Accordo 12 febbraio 2003 per il rinnovo del c.c.n.l. per i dipendenti delle imprese artigiane della ceramica, porcellana, terracotta, gres, decorazione piastrelle Visto l'accordo interconfederale 20 maggio

Dettagli