Consorzio della Bonifica Parmigiana Moglia Secchia. Monitoraggio e gestione sostenibile delle acque irrigue nella rete consortile

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Consorzio della Bonifica Parmigiana Moglia Secchia. Monitoraggio e gestione sostenibile delle acque irrigue nella rete consortile"

Transcript

1 Consorzio della Bonifica Parmigiana Moglia Secchia Monitoraggio e gestione sostenibile delle acque irrigue nella rete consortile Ferrara 22/05/2008 ng. Paola Zanetti

2 La derivazione sul fiume Po a Boretto Consorzi: Bentivoglio Enza Parmigiana Moglia-Secchia Terre dei Gonzaga in destra Po Area irrigabile: Ha Portata di concessione da Fiume Po a Boretto: 60 mc/s Prevalenza media: 4,5 m Prevalenza Max (estate 2003): 7,0 m Potenza installata: kw

3 Le risorse utilizzate: Volume medio derivato: mc /anno Energia media consumata: kwh /anno

4 Aspetti quantitativi della risorsa idrica

5 l Bilancio drico del comprensorio sotteso dalla derivazione di Boretto - Monitoraggio volumi in ingresso al sistema: derivati alla fonte sul fiume Po a Boretto, apportati dalle precipitazioni in uscita agli scarichi finali, derivati dai Consorzi: dagli adduttori principali (Derivatore e Parmigiana Moglia) recuperati e reimmessi nel sistema

6 - Analisi della rete irrigua (caratteristiche geometriche, pedologia, gestione): determinazione delle perdite per infiltrazione dai canali in terra a cielo aperto (mediante formule da letteratura e prove sperimentali in campo) determinazione delle perdite per evaporazione dallo specchio liquido dei canali - Monitoraggio appezzamenti irrigati: colture, modalità di irrigazione, portata di prelievo e durata irrigazione

7 Bilancio idrico comprensorio sotteso da Boretto Rendimento rete consortile 120% 100% 100% Volumi che alimentano le falde superficiali % 80% Compreso volumi tecnici della rete 60% Volumi richiesti al campo + dispersioni rete interpoderale e aziendale 41,88% 38,34% 40% 16,54% 20% 3,23% 0% Volumi derivati Volumi scaricati Volumi infiltrati Volumi evaporati da canali in terra dalla rete a cielo a valle del aperto sistema (Po, Crostolo, Secchia, Mare Adriatico) Volumi consegnati all'utenza

8 Volumi derivati ,00 mc Volumi scaricati a valle del sistema (Po, Crostolo, Secchia, Mare Adriatico) Volumi infiltrati da canali in terra Volumi evaporati dalla rete a cielo aperto ,00 mc ,00 mc ,00 mc Volumi consegnati all'utenza ,00 mc Rendimento rete di distribuzione irrigua: Volume consegnato all utenza/ Volume Derivato: / = 41,9 % Rendimento ambientale: Volume consegnato all utenza/ (Volume Derivato Volume scaricato a valle)= /( ) = 50,2%

9 Volume infiltrato mc è un valore rilevante dal punto di vista della efficienza irrigua della rete. Si può però considerare che tali volumi vadano a sostenere le falde superficiali, costituendo di fatto un possibile apporto idrico per l agricoltura. Si può stimare che la superficie irrigua del comprensorio sia di circa Ha su Ha (il 10% del territorio è mediamente urbanizzato). L apporto idrico alla falda risulta mediamente di ( mc/ mq) x 1000 mm = 50 mm

10 Aspetti qualitativi della risorsa idrica

11 canali artificiali svolgono importanti funzioni strettamente legate al risanamento del territorio - - l livello qualitativo delle acque nei canali di bonifica è fortemente condizionato dalla pressione antropica del territorio canali consortili sono utilizzati: come vettori e distributori di acque a fini irrigui come collettori di raccolta delle acque di drenaggio del territorio in occasione degli eventi meteorici e delle acque di supero irrigue; come collettori di raccolta degli scarichi puntuali, sia di origine civile che industriale

12 Monitoraggio della qualità delle acque L attività di monitoraggio della qualità delle acque irrigue è stata effettuata nell ambito di molteplici studi sviluppati dal Consorzio BPMS: - Qualità delle acque irrigue nei comprensori di bonifica dalla pianura reggiana e modenese ( ) - riutilizzo dei reflui del depuratore di Mancasale a servizio della città di Reggio Emilia ( ); - La sostenibilità dell uso delle risorse idriche nelle aree lombarde dell oltre Po mantovano ( ). - Dal 2005 è in corso una attività sistematica di monitoraggio della qualità delle acque, sviluppata in collaborazione con l ARPA di Reggio Emilia (con cui il Consorzio della Bonifica Parmigiana Moglia Secchia ha sottoscritto una apposita convenzione)

13 Finalità del monitoraggio della qualità delle acque - descrizione dello stato di qualità delle acque nella rete consortile; - valutazione della idoneità delle acque all uso irriguo - Valutazione della capacità di rimozione degli inquinanti ad opera dei processi di autodepurazione della rete

14 Sezioni di controllo Le sezioni oggetto di monitoraggio sono state scelte tra quelle già comprese nella rete di monitoraggio regionale di ARPA, e sono in particolare: alle fonti di approvvigionamento: 1) Sul fiume Po a Boretto 2) Sul fiume Secchia a Castellarano su un adduttore principale: 3) a Moglia (MN) sul cavo Parmgiana Moglia (adduttore principale delle acque) in una sezione che dista da Boretto circa 40 km all uscita dal sistema, sul canale terminale di scarico: 4) Sul canale Emissario, a poche centinaia di metri a monte della Botte S. Prospero: punto di convergenza di tutta la rete di drenaggio, su cui convergono tutte le acque di supero irrigue e le acque di scolo.

15 La qualità delle acque Un giudizio complessivo sulla qualità delle acque dal punto di vista chimico-microbiologico è espressa attraverso la valutazione del Livello di nquinamento dei Macrodescrittori. l LM si ottiene sommando il punteggio assegnato a 7 parametri macrodescrittori

16 Stagionalità della valutazione del LM n genere il LM viene calcolato sulla base del 75 percentile della serie dei valori rilevati nell anno. Considerato che i canali sono fortemente influenzati dalle portate irrigue, si è effettuato il calcolo del LM con riferimento ai dati del periodo estivo

17 La qualità delle acque Livello nquinamento Macrodescrittori Castellarano Boretto Parmigiana Moglia Canale Emissario 500 ottimo buono 400 sufficiente 300 scadente Pessimo 200 LM 2006 LM livello 1 livello 2 livello 3 livello 4 livello 5

18 Confrontando il LM invernale con quello estivo si nota un evidente miglioramento della qualità delle acque nel periodo irriguo Confronto qualità estiva-invernale rete Arpa Parmigiana Moglia C.Emissario apr 02-set 02 ott 02-mar ott 01-mar 02 apr 03-set 03

19 La compatibilità con l uso irriguo Non vi sono normative specifiche di riferimento se non per quanto attiene al riuso dei reflui depurati Si è fatto riferimento alla classificazione proposta da Giardini, Borin e Grigolo che suddivide i parametri in tre gruppi: Gruppo A: parametri chimico-fisici; possono dare problemi di fitotossicità o accumulo, per i quali deve essere effettuato un controllo opportuno delle acque che li contengono Gruppo B: parametri micorbiologici; possono implicare problemi di tipo igienico-sanitario, quindi devono essere presi in considerazione per valutare la metodologia di irrigazione e il tipo di colture Gruppo C: parametri descrittivi complementari; danno indicazioni generali sul corpo idrico

20

21

22 Risultati: FUME PO A BORETTO 2006 Bore tto Fiume P o Giardini Gruppo A ph unità di ph Conducibilità a 20 C µs/cm ndice SAR Sodio (mg/l Na) Cloruri (Cl) mg/l Solfati (SO4) mg/l Boro (B) µg/l Cromo tot (Cr) µg/l Cadmio (Cd) µg/l Rame (Cu) µg/l Mercurio (Hg) µg/l Nichel (Ni) µg/l Piombo (Pb) µg/l Zinco (Zn) µg/l Ferro ( μg /l Fe ) Manganese ( μg /l Mn) Arsenico (As) µg/l Giardini gruppo C Solidi sospesi mg/l BOD5 mg/l COD mg/l Azoto totale mg/l Fosforo Totale (P) mg/l Durezza (CaCO3) mg/l 2007 Bore tto Fiume P o 7, , < 0,5 7 < 0, , Boretto Giardini Gruppo A ph unità di ph Conducibilità a 20 C µs/cm ndice SAR Sodio (mg/l Na) Cloruri (Cl) mg/l Solfati (SO4) mg/l Boro (B) µg/l Cromo tot (Cr) µg/l Cadmio (Cd) µg/l Rame (Cu) µg/l Mercurio (Hg) µg/l Nichel (Ni) µg/l Piombo (Pb) µg/l Zinco (Zn) µg/l Ferro ( μg /l Fe ) Manganese ( μg /l Mn) Arsenico (As) µg/l 7, , < 50 <2 < 0,5 8 <0,05 2 <2 < 10 < 20 16,5 2

23 Risultati: CAVO PARMGANA MOGLA (circa 40 km da Boretto) 2006 Ca vo P a rmigia na Moglia Giardini Gruppo A ph unità di ph Conducibilità a 20 C µs/cm ndice SAR Sodio (mg/l Na) Cloruri (Cl) mg/l Solfati (SO4) mg/l Boro (B) µg/l Cromo tot (Cr) µg/l Cadmio (Cd) µg/l Rame (Cu) µg/l Mercurio (Hg) µg/l Nichel (Ni) µg/l Piombo (Pb) µg/l Zinco (Zn) µg/l Ferro ( μg /l Fe ) Manganese ( μg /l Mn) Arsenico (As) µg/l Giardini gruppo C Solidi sospesi mg/l BOD5 mg/l COD mg/l Azoto totale mg/l Fosforo Totale (P) mg/l Durezza (CaCO3) mg/l 2007 Ca vo P a rmigia na Moglia 7, , <2 < 0,5 8 < 0, < 20 <5 <1 Cavo parmigiana Moglia Giardini Gruppo A ph unità di ph Conducibilità a 20 C µs/cm ndice SAR Sodio (mg/l Na) Cloruri (Cl) mg/l Solfati (SO4) mg/l Boro (B) µg/l Cromo tot (Cr) µg/l Cadmio (Cd) µg/l Rame (Cu) µg/l Mercurio (Hg) µg/l Nichel (Ni) µg/l Piombo (Pb) µg/l Zinco (Zn) µg/l Ferro ( μg /l Fe ) Manganese ( μg /l Mn) Arsenico (As) µg/l , ,5 <2 < < < 10 < 20 <5 1,5

24 Risultati: canale Emissario (raccolta scarichi e drenaggio) 2006 Giardini Gruppo A ph unità di ph Conducibilità a 20 C µs/cm ndice SAR Sodio (mg/l Na) Cloruri (Cl) mg/l Solfati (SO4) mg/l Boro (B) µg/l Cromo tot (Cr) µg/l Cadmio (Cd) µg/l Rame (Cu) µg/l Mercurio (Hg) µg/l Nichel (Ni) µg/l Piombo (Pb) µg/l Zinco (Zn) µg/l Ferro ( μg /l Fe ) Manganese ( μg /l Mn) Arsenico (As) µg/l Ca na le E missa rio , , <2 < 0,5 15 0,7 3 <2 < 10 < 20 7 <1 Giardini gruppo C Emissario Solidi sospesi mg/l BOD5 mg/l COD mg/l Azoto totale mg/l Fosforo Totale (P) mg/l Durezza (CaCO3) mg/l Giardini Gruppo A ph unità di ph Conducibilità a 20 C µs/cm ndice SAR Sodio (mg/l Na) Cloruri (Cl) mg/l Solfati (SO4) mg/l Boro (B) µg/l Cromo tot (Cr) µg/l Cadmio (Cd) µg/l Rame (Cu) µg/l Mercurio (Hg) µg/l Nichel (Ni) µg/l Piombo (Pb) µg/l Zinco (Zn) µg/l Ferro ( μg /l Fe ) Manganese ( μg /l Mn) Arsenico (As) µg/l Ca na le E missa rio 8, , <2 < < < 10 < 20 <5 2

25 Risultati: Castellarano Fiume Secchia 2006 Ca ste lla ra no Fiume S e cchia Giardini Gruppo A ph unità di ph Conducibilità a 20 C µs/cm ndice SAR Sodio (mg/l Na) Cloruri (Cl) mg/l Solfati (SO4) mg/l Boro (B) µg/l Cromo tot (Cr) µg/l Cadmio (Cd) µg/l Rame (Cu) µg/l Mercurio (Hg) µg/l Nichel (Ni) µg/l Piombo (Pb) µg/l Zinco (Zn) µg/l Ferro ( μg /l Fe ) Manganese ( μg /l Mn) Arsenico (As) µg/l Giardini gruppo C Solidi sospesi mg/l BOD5 mg/l COD mg/l Azoto totale mg/l Fosforo Totale (P) mg/l Durezza (CaCO3) mg/l 2007 Ca ste lla ra no Fiume S e cchia 8,2 V V V , <2 < 0,5 6 < 0, < <1 V Castellaran o Fiume Secchia Giardini Gruppo A ph unità di ph Conducibilità a 20 C µs/cm ndice SAR Sodio (mg/l Na) Cloruri (Cl) mg/l Solfati (SO4) mg/l Boro (B) µg/l Cromo tot (Cr) µg/l Cadmio (Cd) µg/l Rame (Cu) µg/l Mercurio (Hg) µg/l Nichel (Ni) µg/l Piombo (Pb) µg/l Zinco (Zn) µg/l Ferro ( μg /l Fe ) Manganese ( μg /l Mn) Arsenico (As) µg/l 8,2 V V V V V V , <2 < <0.05 <2 <2 <10 < 20 6 <1 V V

26 Valutazione della capacità di rimozione degli inquinanti in seguito ai processi di autodepurazione che hanno sede nella rete principale e secondaria di bonifica Modello di simulazione QUAL2K: Modello assai complesso. E stato applicato al Collettore Principale del Consorzio Terre dei Gonzaga in Destra Po. Studio ng. Marinelli Alberto

27 Le ipotesi del modello QUAL2K - - modello monodimensionale nel quale il canale viene considerato completamente miscelato sia verticalmente che lateralmente; moto stazionario bilancio termico su base giornaliera ed è funzione della meteorologia, considerata anch essa su base giornaliera; le cinetiche di tutti i parametri di qualità considerati sono simulate a scala giornaliera; viene riprodotto l effetto di immissioni ed emissioni di calore e carichi inquinanti di tipo sia puntuale che diffuso.

28 parametri considerati dal modello - Conduttività Solidi sospesi inorganici Ossigeno disciolto BOD biodegradabile lentamente BOD biodegradabile velocemente Azoto organico; Azoto ammoniacale; Azoto nitrico Fosforo organico; Fosforo inorganico Fitoplankton Solidi sospesi organici Patogeni Alcalinità Carbonio totale inorganico Sedimento organico algale

29 Sottomodelli utilizzati per il calcolo delle variabili di sistema - Modello idraulico: schematizzazione canale e manufatti - Modellazione della temperatura - Modello biochimico: Reazioni biochimiche (nitrificazione, denitrificazione, nitrato come substrato; ammonio come substrato) Composizione sostanze organiche; effetto della temperatura sulle reazioni; fitoplankton; alghe al fondo; ciclo BOD, ciclo del fosforo; bilancio ossigeno disciolto; apporti di ossigeno al sistema; batteri patogeni; carbonio inorganico; PH e alcalinità; Modello di interazione con i sedimenti per la valutazione del flusso di nutrienti ed il consumo di ossigeno nella zona di interfaccia fra acqua e sedimenti

30 ndividuazione delle sorgenti inquinanti nquinanti in ingresso da Parmigiana Moglia (dati monitoraggio qualità acque) - - carichi inquinanti puntuali continui nel tempo, quali ad esempio gli scarichi dei depuratori e degli insediamenti residenziali e produttivi che scaricano direttamente in acque superficiali; -carichi inquinanti puntuali episodici, di cui i principali esempi sono gli sfioratori di piena delle reti fognarie; - carichi inquinanti diffusi di origine agricola e zootecnica

31 -La carichi inquinanti puntuali continui nel tempo fonte principale di informazioni relative alle sorgenti puntuali di inquinamento è il catasto degli scarichi, relativo alle acque reflue urbane e industriali, della Provincia di Mantova. Per ogni punto di scarico censito sono state estrapolate le informazioni relative alle portate scaricate e alle concentrazioni di inquinanti disponibili (BOD5, NH4, P totale). Con l ausilio dei sistemi informativi GS è stata individuata l ubicazione dei vari punti di scarico, poi sulle carte CTR è stata studiato il percorso degli inquinanti lungo la rete dei canali consortili, per individuare la sezione più probabile di ingresso degli stessi lungo il Collettore Principale

32 -ndagini carichi inquinanti puntuali episodici sperimentali e ricerche compiute negli ultimi 30 anni hanno messo in evidenza elevati carichi inquinanti contenuti nelle acque meteoriche scaricate nei recapiti esterni attraverso reti di fognatura sia unitarie che separate. -Ciò è dovuto, in estrema sintesi, all'accumulo d'inquinanti di varia natura che si origina sulle superfici urbane, in particolare nella porzione impermeabile, a causa principalmente del traffico veicolare, della presenza di attività industriali e terziarie, della presenza di centrali termiche, dell'asportazione e dilavamento di materiale vegetale dalle aree verdi e di rifiuti in generale legati alla presenza dell'uomo e degli animali, nonché all azione di lavaggio delle onde di piena all interno dei condotti che presentano spesso sedimenti con elevato carico organico. Gli inquinanti presenti nelle acque meteoriche al termine del reticolo fognario vengono descritti prevalentemente attraverso i parametri Solidi Sospesi, BOD5, COD, azoto nelle varie forme, fosforo, metalli pesanti, oli e grassi.

33 carichi inquinanti diffusi L inquinamento da fonte diffusa è dovuto principalmente alle seguenti componenti: origine agricola: fertilizzanti e concimi chimici e naturali distribuiti sul suolo agricolo, che vengono dilavati dalle piogge verso i corsi d'acqua; esso è quindi proporzionale alla superficie di suolo coltivato e dipende dal tipo di coltura, ma anche dal tipo di suolo (tessitura, pendenza, ecc.) e dalle modalità d irrigazione adottate (a scorrimento, a pioggia, ecc.); origine zootecnica: dovuto agli allevamenti di bestiame, quindi proporzionale al numero dei capi di bestiame presenti in una zona e al tipo di allevamento; origine meteorica: dovuta all inquinamento atmosferico veicolato sul suolo e sui corpi idrici superficiali durante le precipitazioni e alla decomposizione naturale dell apporto vegetale; origine antropica: dovuta alle perdite delle reti fognarie, allo scarico sul suolo provenienti ad esempio da case sparse.

34 Simulazioni effettuate - 1A portata portata massima in ingresso in corrispondenza alla botte Borsiero e nessun apporto esterno; -1B: portata minima in ingresso in corrispondenza alla botte Borsiero e nessun apporto esterno; -2A: portata massima in ingresso in corrispondenza alla botte Borsiero e contributo delle portate in ingresso dalle altre prese irrigue attraverso i canali irrigui; - 2B: portata minima in ingresso in corrispondenza alla botte Borsiero e contributo delle portate in ingresso dalle altre prese irrigue attraverso i canali irrigui; -3A: portata massima in ingresso in corrispondenza alla botte Borsiero, contributo delle portate in ingresso dalle altre prese irrigue attraverso i canali irrigui e degli scarichi puntuali continui (acque reflue urbane e industriali); -3B: portata minima in ingresso in corrispondenza alla botte Borsiero e contributo delle portate in ingresso dalle altre prese irrigue attraverso i canali irrigui e degli scarichi puntuali continui (acque reflue urbane e industriali);

35 Simulazioni effettuate - 4A: portata massima in ingresso in corrispondenza alla botte Borsiero, contributo delle portate in ingresso dalle altre prese irrigue attraverso i canali irrigui, degli scarichi puntuali continui (acque reflue urbane e industriali), degli scarichi puntuali episodici (scaricatori di piena) e dei carichi diffusi; - 4B: portata minima in ingresso in corrispondenza alla botte Borsiero e contributo delle portate in ingresso dalle altre prese irrigue attraverso i canali irrigui, e degli scarichi puntuali continui (acque reflue urbane e industriali), degli scarichi puntuali episodici (scaricatori di piena) e dei carichi diffusi. Per quanto attiene le portate si passa da un minimo di 0,1 mc/s in tempo secco al massimo di 21 mc/s in tempo di pioggia

36 Risultati delle simulazioni n presenza di portate minori vi è una degradazione minore della sostanza organica, determinando nel tratto finale del canale, concentrazioni maggiori di OD e minori di BOD

37 Risultati delle simulazioni Gli apporti dei canali irrigui (2A) caratterizzati da concentrazioni di inquinanti inferiori a quelle presenti nel collettore Principale, determinano la diminuzione della concentrazione complessiva per effetto della diluizione, tanto più accentuata tanto maggiore è la portata immessa

38 Risultati delle simulazioni L immissione di carichi concentrati dovuti agli scarichi puntuali continui determina un aumento localizzato della concentrazione di inquinante, mentre in tempo di pioggia l apporto proveniente dal dilavamento delle aree agricole determina un aumento graduale delle concentrazioni (da km 51 a km 48) prima che subentri l effetto di diluizione dovuto all immisione del Canale rriguo Principale, in cui recapita un ampia zona urbanizzata

39 potesi di ndice Ambientale una strada percorribile è quella di affidarsi alla valutazione dei parametri legati al contenuto di sostanza organica e dei principali nutrienti. Nel caso specifico è stata simulata e confrontata con i dati derivabili dai campionamenti la concentrazione del BOD/COD e delle componenti azoto e fosforo ed è stato valutato l effetto di abbattimento della rete con scenari diversi di portata in transito. L efficienza di abbattimento è risultata essere variabile da un 25%-35% su percorsi variabili dai 10 ai 25 km e costituisce una prima ipotesi di indice di beneficio ambientale che le reti di bonifica e promiscue apportano allo stato qualitativo superficiale.

40 Le criticità del sistema - Difficoltà di approvvigionamento delle acque a Boretto connessa a riduzione progressiva dei livelli di magra del Po QUOTE MNME ESTVE DEL FUME PO A BORETTO 22,00 21,00 20,00 18,00 17,00 16,00 15,00 14,00 13,00 ANNO , QUOTA (ms.l.m.) 19,00

41 Le criticità del sistema - problemi di insabbiamento delle opere di presa

42 Le criticità del sistema Sistema di canali con funzionamento a gravità che richiede un notevole volume per l invaso e comporta la continua fuoriuscita dal bacino dei surplus irrigui Elevate perdite per infiltrazione nei canali a cielo aperto Promiscuità della canalizzazione: z aggravio condizioni di sicurezza idraulica, problemi gestionali (manovre per inversione flusso da irriguo a scolante, perdita volumi acqua causa svaso per pioggia); z decadimento della qualità delle acque Elevati consumi energetici dovuti al sollevamento (consumi medi Boretto: di kwh/anno; + BPMS utilizza altri kwh/anno per impianti su canali di risalita)

43

44 Prospettive dell irrigazione Le previsioni riguardanti l andamento climatico dei prossimi anni ci pongono di fronte ad una prospettiva di limitazione delle disponibilità idriche nonché ad una prospettiva di fabbisogni irrigui non decrescenti, considerato l andamento delle temperature. Tutto ciò a fronte di prevedibili difficoltà e costi crescenti dell approvvigionamento energetico, che nella realtà dei comprensori in oggetto è indispensabile per effettuare la distribuzione delle acque irrigue derivate dal Po. Assunto che comunque almeno la parte più avanzata dell agricoltura continuerà ad essere idroesigente e chiederà caratteristiche qualitative migliori della risorsa idrica, è indispensabile delineare una prospettiva sostenibile per l irrigazione

45

46 Per quanto attiene all aspetto quantitativo i Consorzi hanno sviluppato progetti di nuove opere e adeguamento delle esistenti, nonché modelli di gestione delle acque irrigue nella rete consortile finalizzate al risparmio idrico e al recupero di risorsa. Hanno anche sviluppato delle iniziative per incentivare l uso oculato delle risorse idriche da parte dell utenza (assistenza tecnica, consiglio irriguo, tariffa binomia in parte legata al consumo,)

47 Per quanto attiene all aspetto qualitativo le azioni da incentivare sono: - Attività di sorveglianza e procedure di emergenza per la gestione degli inquinamenti da sversamenti occasionali nella rete consortile - Lavaggi dei canali e cavi e rilasci a fini ambientali e igienicosanitari - Procedure di autorizzazione allo scarico di acque reflue e/o meteoriche per garantire la conformità ai requisiti di qualità stabiliti dalla legge - Monitoraggio della qualità delle acque - Analisi e gestione dei terreni di risulta dalle manutenzioni degli alvei dei canali - Studi su gestione vegetazione e sedimenti in alveo - Studi ed esperienze su Fitodepurazione e Fasce Tampone - nterventi di riqualificazione ambientale dei corsi d acqua

48 - n particolare le ultime attività di studio-progettazione e realizzazione sono finalizzate a incrementare la capacità autodepurativa della rete dei canali, che come descritto in precedenza, già allo stato attuale con le portate immesse in periodo irriguo, è in grado di abbattere circa il 25% delle sostanze organica introdotte su percorsi di 10 km. - L abbattimento potrà arrivare al 35% su percorsi di circa 35 km. Probabilmente sui comprensori BBE e BPMS tali abbattimenti sono inferiori, dato che i carichi inquinanti da fonti civili e industriali, sono più elevati. - Oltre alla rete dei canali altre opere di bonifica di rilievo si prestano a tale funzione: le casse di espansione delle piene, adeguatamente progettate per corrispondere alle attese di sicurezza idraulica e alla funzione di autodepurazione in tempo secco.

49 Al fine di garantire durante tutto l anno una migliore autodepurazione degli scarichi concentrati e diffusi, emerge che l immissione di acque da Po, nelle reti promiscue nella stagione non irrigua, apporterebbe un marcato miglioramento dell ecosistema locale. Occorre effettuare una valutazione di sostenibilità dei costi e di relativi benefici indotti al territorio. Tutte le attività sopra indicate, fondamentali per la soluzione dei problemi ambientali e il miglioramento della qualità delle acque irrigue - (valorizzazione produzioni agricole) - potrebbero costituire attività di sostegno per l irrigazione -

50 Grazie per l attenzione ng. Paola Zanetti

COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA

COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA REGOLAMENTO FOGNARIO DI DEPURAZIONE E DEGLI SCARICHI MAGGIO 2001. TITOLO I...4 FINALITA DEL REGOLAMENTO...4 ART.1 Oggetto del regolamento...4 ART. 2 Ambito

Dettagli

Le opere di difesa. Le opere di derivazione delle acque superficiali. Le opere di immissione nelle acque superficiali

Le opere di difesa. Le opere di derivazione delle acque superficiali. Le opere di immissione nelle acque superficiali Le opere di difesa Le opere di derivazione delle acque superficiali Le opere di immissione nelle acque superficiali I corsi d acqua ricevono svariati apporti liquidi derivanti dalle attività antropiche,

Dettagli

Valori misurati dei parametri inquinanti nelle stazioni della rete regionale di monitoraggio delle acque superficiali

Valori misurati dei parametri inquinanti nelle stazioni della rete regionale di monitoraggio delle acque superficiali settore ambiente servizio acque, suolo e protezione civile Valori misurati dei parametri inquinanti nelle stazioni della rete regionale di monitoraggio delle acque superficiali Allegato 1 Mantova, novembre

Dettagli

ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA

ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA Paolo Parati ARPAV (Direzione Tecnica Servizio Acque Interne) 5 Marzo 2009 INTERVENTI FINANZIATI DALLA REGIONE CON

Dettagli

Esperienze sperimentali per lo studio ed il controllo delle acque di prima pioggia a Bologna

Esperienze sperimentali per lo studio ed il controllo delle acque di prima pioggia a Bologna Esperienze sperimentali per lo studio ed il controllo delle acque di prima pioggia a Bologna Sandro Artina Marco Maglionico DISTART Costruzioni Idrauliche Università di Bologna -Facoltà di Ingegneria sandro.artina@unibo.it

Dettagli

1900 - BACINO DEL MARECCHIA

1900 - BACINO DEL MARECCHIA 19 - BACINO DEL MARECCHIA CARATTERISTICHE DEL BACINO IDROGRAFICO E IMPATTO DELL'ATTIVITÀ ANTROPICA Superficie del bacino Portata media alla foce Carico generato nel bacino Carichi sversati nei corpi idrici

Dettagli

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali Relatore: SERGIO CANOBBIO Seriate,,

Dettagli

Marco Maglionico Università di Bologna Dipartimento DICAM

Marco Maglionico Università di Bologna Dipartimento DICAM La gestione delle acque meteoriche nelle aree urbane: aspetti idraulici e ambientali Marco Maglionico Dipartimento marco.maglionico@unibo.it Effetti dell urbanizzazione sul ciclo idrologico L urbanizzazione

Dettagli

C.A.D.F. S.p.A. Servizio Idrico Integrato: Acquedotto Depurazione Fognatura

C.A.D.F. S.p.A. Servizio Idrico Integrato: Acquedotto Depurazione Fognatura C.A.D.F. S.p.A. C.A.D.F. S.p.A., società a capitale pubblico gestisce il Servizio Idrico Integrato: Acquedotto Depurazione Fognatura Codigoro Via Alfieri.3 Tel: 0533725111 Fax: 0533713617 Internet: www.cadf.it

Dettagli

CONVEGNO SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITA AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI IMPATTO DELLE ACQUE DI DILAVAMENTO SUI RICETTORI FLUENTI

CONVEGNO SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITA AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI IMPATTO DELLE ACQUE DI DILAVAMENTO SUI RICETTORI FLUENTI CONVEGNO SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITA AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI IMPATTO DELLE ACQUE DI DILAVAMENTO SUI RICETTORI FLUENTI Sergio Papiri Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura

Dettagli

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere.

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere. FOGNATURA IDEALE Acque nere Fognatura separata Impianto di depurazione Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99 Recapito cque bianche Eventuale trattamento In definitiva: FOGNATURA UNITARIA Acque

Dettagli

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura.

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura. Spett.le Consulta d Ambito per il servizio idrico integrato A.T.O. Orientale Goriziano Via A. Diaz n. 5 (Palazzo Alvarez) 34170 Gorizia Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

17. Il processo di inquinamento

17. Il processo di inquinamento 17. Il processo di inquinamento Gli inquinanti emessi da una sorgente vengono immessi nell'ambiente dove si propagano con velocità e per distanze che dipendono dal tipo d'inquinante e dal tipo di flusso,

Dettagli

Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto

Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto L'acqua inquinata Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto il suolo (falde acquifere). Va tenuto

Dettagli

Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico

Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico corpo idrico sotterraneo: del Siracusano meridionale b) Caratteristiche geografiche, geologiche, idrogeologiche Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico Localizzazione geografica L acquifero

Dettagli

CADF SpA Ciclo integrato Acquedotto Depurazione Fognatura

CADF SpA Ciclo integrato Acquedotto Depurazione Fognatura CADF SpA Ciclo integrato Acquedotto Depurazione Fognatura Regolamento del servizio di fognatura e depurazione TABELLE E SCHEMI TECNICI (Approvati con Delibera c.d.a. n. 30/7 del 14/01/2004) Aggiornamento

Dettagli

COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna

COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna SCHEDA TECNICA ILLUSTRATIVA PER SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI E ASSIMILATE / METEORICHE D. Lgs. maggio 999, n 52 Sezione A. IDENTIFICAZIONE DELL'AZIENDA.a) Identificazione

Dettagli

5.2: Reti tecnologiche

5.2: Reti tecnologiche 5.2: Reti tecnologiche Presentazione: Il corretto funzionamento e l efficienza delle reti tecnologiche di distribuzione e depurazione delle acque è senza dubbio alla base di una gestione corretta e sostenibile

Dettagli

Acque minerali. Acque potabili

Acque minerali. Acque potabili Acque minerali La classe di appartenenza di un'acqua minerale, dipende dalla quantità residuale di sali in essa contenuti, definita residuo fisso, determinata facendo bollire a 180 un litro d'acqua sino

Dettagli

COLATORE CIDELLARA-PIAVE

COLATORE CIDELLARA-PIAVE COLATORE CARATTERISTICHE ALORI Area omogenea (Bianchi, 199) 7 Bacino Idrografico Principale (Bassi,198) Oglio Bacino Idrografico Secondario (Bassi, 198) 13 Ente Gestore Cons. Bon. Dugali Comune inizio

Dettagli

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Evoluzione della normativa sulle acque in Italia RIFERIMENTO NORMATIVO APPROCCIO ALLA TUTELA L. 319/76 Limiti

Dettagli

Il sottoscritto. nato a il. residente a in via n. del fabbricato ad uso civile abitazione e/o laboratorio, sito in. via n. chiede

Il sottoscritto. nato a il. residente a in via n. del fabbricato ad uso civile abitazione e/o laboratorio, sito in. via n. chiede Marca da bollo Euro 10,33 AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS OGGETTO: Tutela delle acque dall inquinamento. D.Lgs. 11.05.1999, n. 152. Richiesta di autorizzazione allo scarico di

Dettagli

Piano di Gestione delle Acque: uso efficiente e sostenibile delle acque per uso agricolo

Piano di Gestione delle Acque: uso efficiente e sostenibile delle acque per uso agricolo Piano di Gestione delle Acque: uso efficiente e sostenibile delle acque per uso agricolo Andrea Braidot Autorità di Bacino fiumi Alto Adriatico San Vito al Tagliamento, 12 maggio 2015 Cosa ci chiede la

Dettagli

Scheda tecnica e documentazione elencata al punto 7) della stessa dovranno essere presentate in duplice copia.

Scheda tecnica e documentazione elencata al punto 7) della stessa dovranno essere presentate in duplice copia. SCHEDA N. 4 Documentazione tecnica da produrre per il rilascio dell autorizzazione all allacciamento alla rete fognaria e dell autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali che recapitano in

Dettagli

EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE

EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE Maurizio Brown Si sviluppa a partire dalla seconda metà del XIX secolo

Dettagli

DISCARICA DI SCURELLE - DATI

DISCARICA DI SCURELLE - DATI La discarica di Scurelle DISCARICA PER RIFIUTI URBANI NON PERICOLOSI DELLA COMUNITA VALSUGANA E TESINO LOC. SOLIZZAN SCURELLE Autorizzazioni per lo smaltimento dei rifiuti in discarica Anno N autorizzazioni

Dettagli

Relazione Tecnica Centro di raccolta - Isola Ecologica Sava (Ta)

Relazione Tecnica Centro di raccolta - Isola Ecologica Sava (Ta) -pag.1/6- Oggetto: Relazione Tecnica sui sistemi naturali sostenibili per la riduzione dell inquinamento diffuso delle acque di dilavamento in aree urbanizzate e riutilizzo delle acque meteoriche, per

Dettagli

La normativa regionale in materia di gestione delle acque meteoriche

La normativa regionale in materia di gestione delle acque meteoriche La normativa regionale in materia di gestione delle acque meteoriche Workshop Gestione, trattamento e riutilizzo delle acque meteoriche in ambito urbano Bologna, 7 marzo 2014 Dott. Francesco Tornatore

Dettagli

Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità

Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità Sergio Canobbio Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità Gerenzano,, 27 aprile 2011 37 km, dal Parco Pineta a Rho Sorgenti: (1) torrente Antiga (2) Vari rami interni al Parco Pineta Gradaluso (separato

Dettagli

esperienze in Sicilia

esperienze in Sicilia Programma di Cooperazione Transfrontaliera INTERREG IIIA Italia-Malta Gestione sostenibile delle risorse idriche in ambienti insulari aridi e semiaridi e uso delle acque reflue urbane depurate I trattamenti

Dettagli

Le misure del Piano Regionale di Tutela delle Acque -Collettamento e trattamento acque reflue-

Le misure del Piano Regionale di Tutela delle Acque -Collettamento e trattamento acque reflue- Le misure del Piano Regionale di Tutela delle Acque -Collettamento e trattamento acque reflue- ALESSANDRO ZUCCA Regione Autonoma FVG Direzione Ambiente ed Energia Palmanova- 19 MAGGIO 2015 Indirizzi e

Dettagli

AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PER LO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI

AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PER LO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI Allegare all istanza di Autorizzazione Unica Ambientale AUA (DPR 13 marzo 2013, n. 59) da presentare allo Sportello Unico per le Attività Produttive - SUAP territorialmente competente Mod. A ALLEGATO ALL

Dettagli

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA TAVOLO TECNICO INTERAGENZIALE GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE IDRICHE RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA Enio Decorte (Referente di ARPA Friuli Venezia Giulia nel Tavolo Tecnico) Quadro storico

Dettagli

COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI PROVINCIA DI PAVIA Tel. 0382-995611 Via Cavour, 18

COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI PROVINCIA DI PAVIA Tel. 0382-995611 Via Cavour, 18 COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI PROVINCIA DI PAVIA Tel. 0382-995611 Via Cavour, 18 E-MAIL: info@comune.sannazzarodeburgondi.pv.it D. Lgs. n 152/99 e D. Lgs. 258/00 SCHEDA DI RILEVAMENTO DELL ATTIVITA

Dettagli

Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008

Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008 Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008 COSA SONO Il D.Lgs. 152/99 e s.m.i. definisce corpi idrici "significativi" i corpi idrici, superficiali e sotterranei,

Dettagli

Indagine sui carichi inquinanti e relativi impatti sulle acque nei bacini Olona, Seveso, Lambro e Mella

Indagine sui carichi inquinanti e relativi impatti sulle acque nei bacini Olona, Seveso, Lambro e Mella Workshop CONTRATTI DI FIUME 12 giugno 2009 Indagine sui carichi inquinanti e relativi impatti sulle acque nei bacini Olona, Seveso, Lambro e Mella ARPA Lombardia Settore Suolo, Risorse Idriche e Meteoclimatologia

Dettagli

AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS

AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS Marca da bollo da euro 14,62 AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS OGGETTO: Tutela delle acque dall inquinamento. D.Lgs. 11.05.1999, n. 152. Richiesta di autorizzazione allo scarico

Dettagli

valori, qualità, consigli Il corso della vita.

valori, qualità, consigli Il corso della vita. Utenze Servizio domestiche idrico acqua Acqua Hera valori, qualità, consigli Il corso della vita. L acqua è un valore che non va mai fuori corso il ciclo dell acqua Siamo la seconda società italiana nei

Dettagli

&LWWjGL5DQGD]]R ,;62±(FRORJLDH$PELHQWH 5(/$=,21(7(&1,&$

&LWWjGL5DQGD]]R ,;62±(FRORJLDH$PELHQWH 5(/$=,21(7(&1,&$ 0RG,),;62±(FRORJLDH$PELHQWH 5(/$=,21(7(&1,&$ (DA ALLEGARE ALL ISTANZA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI NELLA FOGNATURA COMUNALE, AI SENSI DEL D.L.VO N. 152/1999 E S.M.I. E L.R.

Dettagli

I regolamenti regionali sulle acque del 24 marzo 2006

I regolamenti regionali sulle acque del 24 marzo 2006 I regolamenti regionali sulle acque del 24 marzo 2006 Paolo Casciano Direzione Generale Reti e servizi di pubblica utilità e sviluppo sostenibile Regione Lombardia Ordine Ingg BG 26/11/2007 - ing. Casciano

Dettagli

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione PROVINCIA DI PISA Documentazione tecnica ed elaborati grafici necessari al rilascio dell autorizzazione allo scarico, non in pubblica fognatura, ai sensi del Decreto Legislativo 152/06 e successive modifiche

Dettagli

ACQUA componente più abbondante dell organismo fabbisogno più abbondante riserve più limitate

ACQUA componente più abbondante dell organismo fabbisogno più abbondante riserve più limitate ACQUA componente più abbondante dell organismo fabbisogno più abbondante riserve più limitate L ORGANISMO ANIMALE NON SOPRAVVIVE ALLA PERDITA DEL 10% DI ACQUA Permette la vita, che può essere considerata

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO AL DIRIGENTE DEL SETTORE ECOLOGIA/AMBIENTE DEL COMUNE DI Per il tramite del SUAP del Comune di DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali, acque reflue industriali assimilate alle

Dettagli

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione PROVINCIA DI PISA Documentazione tecnica ed elaborati grafici necessari al rilascio dell autorizzazione allo scarico, non in pubblica fognatura, ai sensi del Decreto Legislativo 152/06 e successive modifiche

Dettagli

UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO -

UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO - Workshop UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO - 16 EDIZIONE - Roma, 29-30 novembre 2012 IL PROCESSO DEMON PER IL PRETRATTAMENTO DEI

Dettagli

AUTORITA DI AMBITO N.2 BASSO VALDARNO. Allegato n. 4 TARIFFA DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER LE ACQUE REFLUE INDUSTRIALI

AUTORITA DI AMBITO N.2 BASSO VALDARNO. Allegato n. 4 TARIFFA DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER LE ACQUE REFLUE INDUSTRIALI AUTRITA DI AMBIT N.2 BASS VALDARN Allegato n. 4 TARIFFA DI FGNATURA E DEPURAZINE PER LE ACQUE REFLUE INDUSTRIALI TARIFFA DI FGNATURA E DEPURAZINE PER LE ACQUE REFLUE INDUSTRIALI CALCL DELLA TARIFFA La

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

VAS PSC e RUE PIANO DI MONITORAGGIO PIANO URBANISTICO COMUNALE. Comune di Sant'Ilario d'enza. Provincia di Reggio Emilia

VAS PSC e RUE PIANO DI MONITORAGGIO PIANO URBANISTICO COMUNALE. Comune di Sant'Ilario d'enza. Provincia di Reggio Emilia Comune di Sant'Ilario d'enza Provincia di Reggio Emilia L.1150/1942 - L.R. 20/2000 e s.m.i PIANO URBANISTICO COMUNALE Capoluogo Calerno Sindaco Assessore all'urbanistica Segretario Comunale Ufficio Tecnico

Dettagli

Sistema di Monitoraggio Idrologico Tevere Aniene Area Urbana (Studio preliminare)

Sistema di Monitoraggio Idrologico Tevere Aniene Area Urbana (Studio preliminare) Ufficio Idrografico e Mareografico Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale Sistema di Monitoraggio Idrologico Area Urbana (Studio preliminare) Via Monzambano, 10-00185 Roma Tel. 06491658-064957746

Dettagli

Verso una gestione delle reti nel rispetto dell'ambiente: la riduzione delle portate parassite in fognatura

Verso una gestione delle reti nel rispetto dell'ambiente: la riduzione delle portate parassite in fognatura Verso una gestione delle reti nel rispetto dell'ambiente: la riduzione delle portate parassite in fognatura Con il patrocinio di OGGETTO INTERVENTO Cosa sono le Acque Parassite? Le Acque parassite sono

Dettagli

Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque

Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque 1 Acque reflue - acque di scolo di origine domestica o industriale che non possono essere smaltite in laghi o torrenti senza una preventiva depurazione

Dettagli

VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO

VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO Parametro Concentrazione Unità ammissibile ph 3 9,5 Solidi sospesi 50000 mg/l COD 60000 mg/l BOD5 50000 mg/l Azoto ammoniacale 800

Dettagli

Prescrizioni per Autorizzazione allo Scarico in Pubblica Fognatura Giugno 2014

Prescrizioni per Autorizzazione allo Scarico in Pubblica Fognatura Giugno 2014 Prescrizioni per Autorizzazione allo Giugno 2014 Sommario Riferimenti... 1 Documenti Allegati... 1 Premessa... 1 L autorizzazione potrà essere rilasciata alle seguenti condizioni... 2 D. Lgs 152/06 (Parte

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA, GEOTECNICA ED AMBIENTALE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA

Dettagli

Risultati della caratterizzazione dei fumi

Risultati della caratterizzazione dei fumi Progetto Produzione di energia e sostanza organica dai sottoprodotti del vigneto Risultati della caratterizzazione dei fumi Paolo Giandon ARPAV Dipartimento Provinciale di Treviso Biella, 24 settembre

Dettagli

23/03/2016. Signature Not Verified. Firma Digitale. a cura del servizio prelevatore. Dati Anagrafici. Accettazione a cura dello Sportello di: BOLOGNA

23/03/2016. Signature Not Verified. Firma Digitale. a cura del servizio prelevatore. Dati Anagrafici. Accettazione a cura dello Sportello di: BOLOGNA Sezione Provinciale di Bologna Laboratorio Integrato Resp.: Dott.ssa Maria Antonietta Bucci Sabattini via F.Rocchi,19 40138 Bologna tel. 051.396211 fax. 051.342642 e-mail aoobo@cert.arpa.emr.it Signature

Dettagli

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Insieme integrato di opere idrauliche atte a raccogliere, convogliare e allontanare dalle zone urbanizzate le acque reflue domestiche ed industriali,

Dettagli

DAISY S.R.L. Discarica per rifiuti non pericolosi sita in località San Procopio, S.P. 12 Km 4 76121 Barletta (BT)

DAISY S.R.L. Discarica per rifiuti non pericolosi sita in località San Procopio, S.P. 12 Km 4 76121 Barletta (BT) DAISY S.R.L. Discarica per rifiuti non pericolosi sita in località San Procopio, S.P. 12 Km 4 76121 Barletta (BT) A.I.A. n.124 del 09.12.2008 Relazione Annuale Gennaio Dicembre Data 28/01/14 Rev: 0 Pagina

Dettagli

Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno

Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno Scenario di riferimento Il sistema irriguo della pianura lombarda è costituito da un sistema idraulico

Dettagli

Codice archivio : AND00008i Rapporto di Prova: 14.00839. L'Analista

Codice archivio : AND00008i Rapporto di Prova: 14.00839. L'Analista INFORMAZIONI CLIENTE Azienda ZUCCARO GIORGIO AZ. AG Indirizzo C.da Laccata, snc C.A.P 87010 Località Lauropoli Provincia COSENZA ACQUA IRRIGAZIONE Campione Campione 2 Coltura Non specificato Substrato

Dettagli

PRESIDENZA COMUNICATO

PRESIDENZA COMUNICATO COMUNICATO POR FESR 2007-2013 Linea di attività 4.1.5.a Azioni volte al risparmio idrico attraverso il riutilizzo delle acque reflue depurate - Indirizzi per la predisposizione del Piano di Monitoraggio

Dettagli

TARIFFE ACQUEDOTTO POTABILE

TARIFFE ACQUEDOTTO POTABILE Acquedotto potabile uso domestico e assimilato Descrizioni aggiuntive netto di IVA U.M 1 Scaglione

Dettagli

L esperienza di Milano Nosedo e il riuso irriguo delle acque depurate

L esperienza di Milano Nosedo e il riuso irriguo delle acque depurate L esperienza di Milano Nosedo e il riuso irriguo delle acque depurate Francesca Pizza Processi e Controlli analitici Vettabbia S.c.a r.l. f.pizza@vettabbia.it Workshop «L acido peracetico nella disinfezione

Dettagli

SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI

SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI A) IDENTIFICAZIONE DELLA DITTA SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI I Identificazione dell Azienda Denominazione Sede legale in via n CAP Comune Tel Fax Email Attività Codice ISTAT CF dell impresa Partita

Dettagli

Dipartimento di Ingegneria Idraulica ed Applicazioni Ambientali Università di Palermo

Dipartimento di Ingegneria Idraulica ed Applicazioni Ambientali Università di Palermo Idraulica ed Università di Palermo Sistemi localizzati di riuso delle acque reflue e meteoriche in ambiente urbano G. Freni,, G. Mannina,, M. Torregrossa,, G. Viviani Sommario Introduzione alle problematiche

Dettagli

Michele Pisante Commissario Delegato CREA 02/03/2016 1

Michele Pisante Commissario Delegato CREA 02/03/2016 1 Michele Pisante Commissario Delegato CREA 02/03/2016 1 RISORSE IDRICHE: finalità e attività da svolgere 5 linee: Programmazione investimenti irrigui; Condizionalità Ex ante; Integrazione e sinergie con

Dettagli

I sistemi di trattamento delle acque meteoriche - Normativa

I sistemi di trattamento delle acque meteoriche - Normativa I sistemi di trattamento delle acque meteoriche - Normativa La normativa che disciplina la necessità di sottoporre a trattamento le acque reflue di origine meteorica è il D. Lgs. 152/06 (Testo Unico Ambientale)

Dettagli

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A INQUINAMENTO IDRICO Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A L inquinamento idrico è la contaminazione dei mari e delle acque interne superficiali (fiumi e laghi) e di falda tramite l immissione, da parte

Dettagli

Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Università degli Studi di Milano - Bicocca. Sergio Canobbio

Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Università degli Studi di Milano - Bicocca. Sergio Canobbio Sergio Canobbio Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive Saronno, 16-11-2009 La problematica Ambientale ALTERAZIONI: 1. QUALITA DELL ACQUA 1 3 2. REGIME IDRAULICO 3. MORFOLOGIA DELL AMBIENTE FLUVIALE

Dettagli

Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive

Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive Sergio Canobbio Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive Caronno P., 09-04 04-2010 La problematica Ambientale ALTERAZIONI: 1. QUALITA DELL ACQUA 1 3 2. REGIME IDRAULICO 3. MORFOLOGIA DELL AMBIENTE

Dettagli

Gli acquiferi costieri della Regione Emilia-Romagna. Paolo Severi Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli - Regione Emilia-Romagna

Gli acquiferi costieri della Regione Emilia-Romagna. Paolo Severi Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli - Regione Emilia-Romagna Gli acquiferi costieri della Regione Emilia-Romagna Paolo Severi Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli - Regione Emilia-Romagna Acquiferi nella pianura costiera emiliano romagnola Acquiferi alluvionali

Dettagli

MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione

MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione DATI DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO Denominazione impianto Codice Impianto: Comune Indirizzo Località Gestore dell Impianto di trattamento: Coordinate

Dettagli

Indirizzi normativi per la riduzione dell impatto ambientale delle acque meteoriche urbane

Indirizzi normativi per la riduzione dell impatto ambientale delle acque meteoriche urbane Giornata di Studio GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE Milano - Palazzo Lombardia - Auditorium 21 novembre 2012 Indirizzi normativi per la riduzione dell impatto ambientale delle acque meteoriche

Dettagli

OGGETTO: istanza di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali in pubblica fognatura

OGGETTO: istanza di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali in pubblica fognatura Marca da bollo 16,00 Allo Sportello Unico Attività Produttive Comune di San Donato Milanese da presentare in triplice copia OGGETTO: istanza di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali in

Dettagli

Un nuovo studio sullo stato del Serio: le preoccupazioni aumentano Di Alvaro Dellera - ottobre 2005

Un nuovo studio sullo stato del Serio: le preoccupazioni aumentano Di Alvaro Dellera - ottobre 2005 Un nuovo studio sullo stato del Serio: le preoccupazioni aumentano Di Alvaro Dellera - ottobre 2005 Introduzione Dopo lo studio commissionato da diversi enti e già commentato a http://www.verdicrema.org/archivio/dib_anal/serio.htm

Dettagli

Qualità dell'acqua nel tuo comune

Qualità dell'acqua nel tuo comune Qualità dell'acqua nel tuo comune Qui di seguito trovate il glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: CONCENTRAZIONE DEGLI IONI IDROGENO (ph) E' la misura della quantità di

Dettagli

Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento:

Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: CONCENTRAZIONE DEGLI IONI IDROGENO (PH) E' la misura della quantità di ioni idrogeno presenti nell'acqua, e ne fornisce di conseguenza

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO AL DIRIGENTE DEL SETTORE ECOLOGIA/AMBIENTE DEL COMUNE DI Per il tramite del SUAP del Comune di DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali, acque reflue industriali assimilate alle

Dettagli

Acqua: oro per noi. Piano di Tutela delle Acque della Regione Emilia-Romagna

Acqua: oro per noi. Piano di Tutela delle Acque della Regione Emilia-Romagna GIORNATA MONDIALE DELL ACQUA 22 MARZO 2006 Acqua: oro per noi Sala del Consiglio Provinciale Reggio Emilia Piano di Tutela delle Acque della Regione Emilia-Romagna Romagna: : obiettivi ed azioni di risparmio

Dettagli

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI Negli ultimi anni in Italia sono stati costruiti diversi impianti funzionanti a biomasse (biogas). BIOMASSE: in base all art. 2 del D.Lgs 387/2003

Dettagli

Best Management Practices per l invarianza idraulica e ambientale del territorio. Marco Maglionico

Best Management Practices per l invarianza idraulica e ambientale del territorio. Marco Maglionico Best Management Practices per l invarianza idraulica e ambientale del territorio Marco Maglionico Effetti dell urbanizzazione sul ciclo idrologico L urbanizzazione provoca alterazioni al regime delle acque

Dettagli

Alla PROVINCIA DI PESARO E URBINO SERVIZIO 4.3 BENI E ATTIVITÀ AMBIENTALI - AGRICOLTURA - CACCIA E PESCA Viale Gramsci, 7 61100 PESARO

Alla PROVINCIA DI PESARO E URBINO SERVIZIO 4.3 BENI E ATTIVITÀ AMBIENTALI - AGRICOLTURA - CACCIA E PESCA Viale Gramsci, 7 61100 PESARO (9) AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI E/O ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO DA STABILIMENTO INDUSTRIALE RECAPITANTI IN ACQUE SUPERFICIALI O SUL SUOLO ai sensi del D.Lgs n. 152 dell'11

Dettagli

SCHEDA IDENTIFICATIVA DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE PROVENIENTI DALLO SCARICATORE DI PIENA N

SCHEDA IDENTIFICATIVA DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE PROVENIENTI DALLO SCARICATORE DI PIENA N aggiornamento ottobre 2008 Pagina 1 di 6 SCHEDA IDENTIFICATIVA DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE PROVENIENTI DALLO SCARICATORE DI PIENA N 1 DATI IDENTIFICATIVI DELL ENTE PROPRIETARIO DELLE RETI FOGNARIE

Dettagli

14,62 ALL UNIONE DEI COMUNI CENTRO ECONOMICO DELLA BASSA FRIULANA Servizio Urbanistica, Ambiente e Territorio

14,62 ALL UNIONE DEI COMUNI CENTRO ECONOMICO DELLA BASSA FRIULANA Servizio Urbanistica, Ambiente e Territorio Spazio riservato per il protocollo Spazio riservato alla marca da bollo 14,62 ALL UNIONE DEI COMUNI CENTRO ECONOMICO DELLA BASSA FRIULANA Servizio Urbanistica, Ambiente e Territorio OGGETTO: autorizzazione

Dettagli

ARPA Umbria, Faber s.r.l. Tecnologie Avanzate per l Ambiente di Napoli, Vekos s.r.l. di Vicenza.

ARPA Umbria, Faber s.r.l. Tecnologie Avanzate per l Ambiente di Napoli, Vekos s.r.l. di Vicenza. INTRODUZIONE > Molti degli usi dell acqua non sono struttivi della stessa ma soltanto moficativi delle sue caratteristiche fisiche, chimiche e microbiologiche e, pertanto, a valle tali usi si producono

Dettagli

AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO

AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO (marca da bollo legale) (spazio riservato al protocollo) Al Sig. Sindaco del Comune di Crespellano 40056 CRESPELLANO Richiesta di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali ed industriali

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento ADEP Servizio Gestione degli Impianti Ing. Giovanni Battista Gatti. Pordenone, settembre 2013

Provincia Autonoma di Trento ADEP Servizio Gestione degli Impianti Ing. Giovanni Battista Gatti. Pordenone, settembre 2013 RUOLO DELLA PROVINCIA DI TRENTO NELLA GESTIONE DEI DEPURATORI E OTTIMIZZAZIONE DELLA RACCOLTA DEI DATI DI FUNZIONAMENTO PER FAVORIRE UNA GESTIONE CONSAPEVOLE DEGLI IMPIANTI Provincia Autonoma di Trento

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO. con sede legale in via n. Cod. Fisc. o P.IVA

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO. con sede legale in via n. Cod. Fisc. o P.IVA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO Marca da bollo Al Sindaco del Comune di Galgagnano sottoscritt nat a Prov. il in qualità di legale rappresentante titolare della ditta con sede legale in via n. Cod.

Dettagli

Il recupero agricolo

Il recupero agricolo Il recupero agricolo Origine dei fanghi biologici A seguito dell entrata in vigore della legge n. 319/76 (Merli), finalizzata alla tutela delle acque dall inquinamento, si è dato l avvio alla costruzione

Dettagli

Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta

Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta RAPPORTO FINALE TASK 4.1 PIANO DI MONITORAGGIO Territorio e Area industriale della Provincia di Rovigo Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta Data emissione 20-10-2006 Il Piano di

Dettagli

COMUNE DI EMPOLI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI PUBBLICA FOGNATURA

COMUNE DI EMPOLI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI PUBBLICA FOGNATURA Regolamento n. 209 COMUNE DI EMPOLI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI PUBBLICA FOGNATURA Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 236 del 29/6/1988 ed esecutivo ai sensi di legge, il

Dettagli

9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO

9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO 9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO Campagne di monitoraggio Marzo - Ottobre 2012 INDICE 1 INTROduZIONE... 3 2

Dettagli

Cenni normativi e ottimizzazione ciclo di gestione reflui e scarti industriali

Cenni normativi e ottimizzazione ciclo di gestione reflui e scarti industriali Cenni normativi e ottimizzazione ciclo di gestione reflui e scarti industriali 24 gennaio 2013 Definizioni Cosa sono gli scarti di produzione o residui industriali (NON acque reflue industriali o rifiuti)

Dettagli

Allegato 12. Sistema di Monitoraggio Ambientale

Allegato 12. Sistema di Monitoraggio Ambientale Integrazione PAC e VAS Punta Olmi Allegato 12 Sistema di Monitoraggio Ambientale Arch. G. Giovarruscio Ing. Maddalena Mestroni Dott. Paolo Parmegiani Dott. Geol. Gianpiero Pinzani Dott. Arch. Gianluca

Dettagli

FITODEPURAZIONE, AGRICOLTURA ED AMBIENTE.

FITODEPURAZIONE, AGRICOLTURA ED AMBIENTE. AMBIENTE - RISORSE IDRICHE FITODEPURAZIONE, AGRICOLTURA ED AMBIENTE. Una tecnologia verde utile alla riduzione dell inquinamento nell ambiente, positiva per la biodiversità e che permette il recupero di

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali / industriali e domestiche D.Lgs 152/99 e ss. mm. e ii. L.R.

Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali / industriali e domestiche D.Lgs 152/99 e ss. mm. e ii. L.R. Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali / industriali e domestiche D.Lgs 152/99 e ss. mm. e ii. L.R.64/01 bollo da 10.33 Alla Provincia di PRATO Servizio Tutela Ambientale Via

Dettagli

RIMOZIONE DEGLI IDROCARBURI E DEI METALLI PESANTI NELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA PER LO SCARICO SUL SUOLO (Limiti di emissione: Tabella 4 D.Lgs.

RIMOZIONE DEGLI IDROCARBURI E DEI METALLI PESANTI NELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA PER LO SCARICO SUL SUOLO (Limiti di emissione: Tabella 4 D.Lgs. RIMOZIONE DEGLI IDROCARBURI E DEI METALLI PESANTI NELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA PER LO SCARICO SUL SUOLO (Limiti di emissione: Tabella 4 D.Lgs. 152) ESPERIENZE SVOLTE E RISULTATI OTTENUTI MEDIANTE SISTEMI

Dettagli

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato 2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato La VAS prevede l avvio di un sistema di monitoraggio dei caratteri territoriali. Obiettivo del monitoraggio è assicurare il controllo sugli impatti significativi

Dettagli

BIOGAS: UN OPPORTUNITÀ PER LA GESTIONE SOSTENIBILE IN AGRICOLTURA Merigo Giambattista Dipartimento agricoltura, sviluppo sostenibile ed energie rinnovabili CONAF Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze

Dettagli