Tariffario Regionale per le Unita Operative Ospedaliere di Medicina del Lavoro (UOOML)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tariffario Regionale per le Unita Operative Ospedaliere di Medicina del Lavoro (UOOML)"

Transcript

1 Tariffario Regionale per le Unita Operative Ospedaliere di Medicina del Lavoro (UOOML)

2 Premessa Le Unita Operative Ospedaliere di Medicina del Lavoro (UOOML) della Regione Lombardia sono strutture specialistiche complesse organizzate in settori (diagnostica clinica e strumentale di medicina del lavoro, ergonomia, laboratorio di igiene e tossicologia occupazionali, epidemiologia, ricerca, sviluppo e formazione). Le UOOML hanno principalmente compiti di collaborazione clinico-specialistica con i Dipartimenti di Prevenzione delle ASL, nonche compiti di consulenza e prestazioni specialistiche a favore di soggetti terzi pubblici e privati (funzione di medico competente, sorveglianza sanitaria, valutazione e gestione dei rischi, formazione). L esigenza di avere un tariffario nomenclatore omogeneo di riferimento per le UOOML della Regione Lombardia nasce da presupposti plurimi: assenza di riferimenti specifici all area della medicina del lavoro nell attuale nomenclatore tariffario delle prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriali e di laboratorio erogabili dal Servizio Sanitario Regionale (DGR n.6/42606); determinazioni specifiche (DGR n.6/46797) in relazione alle attivita e funzioni delle UOOML, loro riorganizzazione e loro partecipazione ai progetti strategici speciali delle ASL di cui alla DGR n.7/1439, con espressa necessita di emanare apposito tariffario anche ai fini di finanziamento pubblico delle attivita istituzionali (allegato n.1, capo F della stessa DGR n.7/1439); esistenza di una quota consistente di utenza che e tenuta a compensare direttamente le prestazioni di medicina del lavoro e di medico competente, in quanto previste a carico del datore di lavoro da leggi dello stato (DPR 303/1956, D.LGS 626/1994 e successive modifiche); crescente attivita organizzativa in rete per le UOOML, con possibili utenti e clienti comuni a piu UOOML, in particolare per le funzioni di Centri di Riferimento Regionali; necessita di valorizzazione economica univoca per le attivita definite come istituzionali prioritarie a favore dei dipartimenti di Prevenzione delle ASL, come definito dalla gia citata DGR n.6/46797 (al capitolo B1). Il presente tariffario nomenclatore sostituisce il precedente obsoleto di cui alla DGR n.35101, le cui tariffe appaiono oggi inadeguate e i cui criteri non risultano aderenti al nuovo assetto aziendalistico del Servizio Sanitario Regionale Lombardo. Il tariffario considera le attivita ambulatoriale e di consulenza, in quanto quelle prestate in regime di ricovero (day hospital) hanno altra regolamentazione. Vengono elencate dapprima le attivita mediche, infermieristiche e clinico-strumentali delle UOOML. Successivamente le attivita dei laboratori di igiene e tossicologia occupazionali (LITO) delle UOOML. Per ogni capitolo vengono separatamente considerate le prestazioni gia inserite nel tariffario nomenclatore regionale (DGR n.6/42606) e quelle che invece non risultano inserite e non hanno riscontri anche analogici razionali. Inoltre, in

3 apposito capitolo, sono considerate le attivita generali previste per i Dipartimenti di Prevenzione delle ASL. I criteri di formulazione delle tariffe sono riconducibili, ove sostenibile, al nomenclatore regionale di cui sopra. Per la determinazione delle tariffe per terzi paganti si e pero tenuto conto dei riferimenti di mercato, nonche della specificita e qualita di molte prestazioni delle UOOML. Il tariffario e stato predisposto, tenendo presente anche le seguenti caratteristiche: esso ha valore di riferimento tassativo per i rapporti fra le varie UOOML 2in rete e per i rapporti delle UOOML con le ASL e con le Aziende Ospedaliere, in relazione alla valorizzazione economica delle prestazioni; esso ha valore di indicazione delle tariffe minime per i rapporti con soggetti terzi paganti pubblici e privati. Le aziende ospedaliere sede di UOOML possono,qualora vi siano esigenze o scelte locali particolari, adottare livelli piu elevati per le tariffe per terzi paganti, valutando le possibilita di mercato; le aziende ospedaliere hanno di norma facolta di prevedere sconti per gruppi e situazioni particolari, secondo una logica di libera trattativa con l utenza pubblica e privata e in relazione a prestazioni non effettuate su rischiesta-impegnativa del SSN (cio puo verificarsi per indagini mirate, convenzioni, accordi pluriennali, numero e tipologia di prestazioni concordate, etc ). Il tariffario comprende un elenco delle prestazioni possibili presso le UOOML, senza che cio' significhi che ogni singola UOOML eroghi tutte le prestazioni, in quanto si persegue l obbiettivo di collegarle in rete. Puo porsi il problema che singole UOOML sviluppino nuove prestazioni, non contemplate nel presente tariffario. In tal caso e opportuno che per la nuova prestazione venga proposta una tariffa con gli stessi criteri gia utilizzati (compreso il riferimento, ove possibile, a voci del nomenclatore regionale generale). La UOOML proponente comunichera alle altre UOOML le caratteristiche della prestazione aggiunta, in moo che la relativa tariffa venga formalmente recepita da tutte le aziende ospedaliere sede di UOOML.

4 Attivita ambulatoriali mediche, infermieristiche e clinico-strumentali delle UOOML A) Prestazioni ambulatoriali A1 gia inserite nel Tariffario Nomenclatore Regionale A2 non ancora inserite nel Tariffario Nomenclatore Regionale B) Prestazioni di consulenza, cessione di conoscenze teorico-pratiche

5 A) Prestazioni Ambulatoriali A1: prestazioni gia inserite nel Tariffario Nomenclatore Regionale Note: Prestazione: Codice SSN Costo/prestazione conto terzi VISITE MED.LAV. Visita specialistica di Medicina del Lavoro (1 visita) Visita Specialistica di Medicina del Lavoro (controllo) Visita specialistica di Medicina del Lavoro di , ,97 valutazione complessiva, con relazione Questionario anamnestico mirato ,49 AUDIOL. Esame audiometrico tonale completo ,49 Esame audiometrico vocale ,49 Esame clinico funzionalita vestibolare Impedenziometria ,49 VISIONE Questionario ergoftalmologico ,49 Studio della motilita oculare ,49 Studio acuita visiva e discriminazione cromatica ,49 Studio del campo visivo ,08 NEUROPS Test di intelligenza di base ,49 Test memoria, scala Wechsler Colloquio psicologico clinico RESP/CAR Spirometria semplice con curva flusso/volume ,24 Spirometria globale con valutazione volume residuo Diffusione alveolocapillare con CO (senza spirom.) ,24 Prove di funzionalita respiratoria pre-post ,97 broncodil. Test di provocazione bronchiale aspecifica ,98 Walking test ,98 Valutazione ventilazione gas espirati ,29 Test cardiorespiratorio da sforzo 89.43/44 56,81 Esame ergospirometrico ,79 Broncoscopia a fibre ottiche con biopsia ,76 Induzione espettorato con aerosol ,91 Monitoraggio incruento saturazione arteriosa ,36 Rinomanometria ,24 Elettrocardiogramma (esecuzione tracciato) ,91 Monitoraggio ECG (Telemetria) TRATTAM. Prelievo venoso ,58 Immunoterapia specifica (per inoculo) ,36 Terapia per fleboclisi 99.2A Vaccinazioni (tetano, epatite B ) ,58 Mantoux ,16 ALLERGO L Prick test fino a 12 allergeni (lettura immediata) ,24 Patch test (s lettura ritardata) / cad ,07/1

6 COSTO NOTE Prestazione CODICE SSN PRESTAZIONE SSN Tomografia computerizzata del capo ,09 TC del massiccio facciale ,32 Radiografia del cranio e dei seni paranasali ,21 Radiografia della colonna cervicale ,08 Radiografia della colonna toracica (dorsale) ,04 Radiografia della colonna lombo sacrale ,04 Radiografia completa della colonna ,60 TC del torace ,71 Radiografia del torace di routine, NAS ,49 TC dei reni ,04 TC dell addome superiore ,29 TC dell addome inferiore ,29 Radiografia della spalla e dell arto superiore ,56 Radiografia del gomito e dell avambraccio ,98 Radiografia del polso e della mano ,94 Radiografia di pelvi ed anca ,56 Radiografia di femore, ginocchio e gambe ,17 Radiografia del piede e della caviglia ,56 Radiografia scheletro in toto ,36 TC del rachide e dello speco vertebrale (per ulteriore spazio intersomatico o metamero codificare anche ,71 29,44 TC dell arto superiore ,87 TC del bacino ,71 TC dell arto inferiore ,71 Artro TC ,11 Ecografia muscolo tendinea ,41 RM torace ,24 RM della colonna ,24 RM muscolo scheletrica ,62 Visita neurologica ,53 Elettroencefalogramma ,24 Potenziali evocati acustici ,24 Potenziali evocati stimolo ed evento correlati Olfattivi ,17 Studio della funzione nasale (1 serie x 2) Olfattometria : valutazione della soglia Olfattometria : discriminazione/identificazione odori 10,33 Potenziali evocati motori ,60 Potenziali evocati uditivi ,36

7 Note Prestazioni Codice SSN COSTO PRESTAZIONE SSN Alanina Amino Transferasi (ALT GPT) ,55 Aspartato Amino transferasi (AST GOT) ,55 Bilirubina totale e frazionata ,55 Calcio totale ,55 Cloruro ,55 Colesterolo HDL ,07 Colesterolo LDL ,03 Colesterolo Totale ,55 Creatinina ,55 Ferritina ,30 Fosfatasi Acida ,07 Fosfatasi Alcalina ,55 Gamma Glutamin Traspeptidasi ,55 Glucosio ,55 Glucosio 6 Fosfato Deidrogenasi ,30 Potassio [S/U/Du/(Sg)Er] ,55 Elettroforesi delle proteine ,65 Elettroforesi delle proteine urinarie ,65 Sodio[S/U/Du/(Sg)Er] ,55 Tireotropina (TSH) ,26 Tiroxina libera (FT4) ,30 Transferrina ,16 Triglicerdi ,55 Triodotironina libera (FT3) ,30 Urea ,55 Urina Conta di Addis ,13 Urine Esame chimico fisico e microscopico ,07 Emocromo: HB,GR,GB,HCT,PLT,Ind. Deriv. F.L ,62 IgE Specifiche allergologiche: quantitativo per ogni allergene ,78 IgE Specifiche allergologiche: screening multiallergenico ,39 quantitativo IgE totali ,36 IgE specifiche allergologiche ,53 Piastrine ( Conteggio) (Sg) ,55 Proteina C reattiva ( quantitativa) ,16 VES ,07 Virus Epatite A Anticorpi ,81 Virus Epatite B Anticorpi HbcAg ,30 Virus Epatite B Anticorpi HbeAg ,81 Virus Epatite B Anticorpi HbsAg ,30 Virus Epatite B Antigene HbsAg ,68 Virus Epatite C HCV anticorpi ,78 Virus Rosolia Anticorpi ,75 Esame Citologico di Espettorato, broncoaspirato, lavaggio ,86 alveolare (ogni campione) Prelievo di Sangue venoso ,58 Screening allergologico per inalanti ,36 Valutazioni Ortottiche ,75 Elettromiografia semplice ,33 Velocità di conduzione nervosa motoria per nervo ,33 Velocità di conduzione nervosa sensitiva per nervo ,33

8 A) Prestazioni Ambulatoriali A2: prestazioni non ancora inserite nel Tariffario Nomenclatore Regionale Note: Prestazione: Codice SSN Costo/prestazione conto terzi Visita medica con giudizio di idoneita specifica in relazione ai rischi lavorativi Visita medica di valutazione complessiva con giudizio di idoneita specifica (es. valutazione peritale, medico-legale, etc ) - Visita medica di sorveglianza sanitaria (in funzione di medico competente): 1 visita e compilazione di cartella clinica - Somministrazione questionario di valutazione del rischio in relazione al rapporto uomo/ambiente - Somministrazione questionario mirato (almeno uno) ( ) 77,47 ( ) 103,29 ( ) ( ) 15,49 ( ) 15,49 tot. 56,81 Visita medica di sorveglianza sanitaria (in funzione di medico competente): visita successiva secondo piano sanitario - Somministrazione questionario di valutazione del rischio in relazione al rapporto uomo/ambiente - Somministrazione questionario mirato (almeno uno) Visita medica di allergologia professionale (con valutazione del rischio in relazione al rapporto uomo/ambiente) Questionario clinico anamnestico individuale (per soggetti esposti a rischi professionali) Ogni altro questionario/valutazione aggiuntivo/a secondo tariffario Esame audiometrico tonale con otoscopia per soggetti professionalmente esposti a rumore Esame oftalmometrico (Visiotest, Ergovision) (per soggetti professionalmente esposti a carichi visivi) Esame clinico-funzionale del rachide (per soggetti esposti a rischi professionali) Esame clinico-funzionale degli arti (sup. e inf.) (per soggetti esposti a rischi professionali) Rilevazione delle posture e dei movimenti, per segmento corporeo, per compito e operazione Test neurocomportamentali per soggetti professionalmente esposti a rischi neurotossici Fino a 7 test Test neurocomportamentali per soggetti professionalmente esposti a rischi neurotossici oltre a 7 test, per test singolo Esame psicodiagnostico di base per problemi lavorativi ( ) ( ) ( ) 15,49 15,49 tot. ( ) ( ) 15,49 ( ) 18,08 ( ) 18,08 ( ) ( ) ( ) 51,85 ( ) 41,32 ( ) 7,75 ( ) 154,94

9 Test di provocazione bronchiale specifica professionale, con specifici agenti lavorativi (spirometria di base e controlli fino a 15) Test di reattivita nasale aspecifica ( ) 15,49 Test di provocazione nasale specifica, con ( ) specifici agenti lavorativi ( ) 154,94 Esame citologico da espettorato o lavaggio nasale in soggetti professionalmente esposti a rischi ambientali Esame olfattometrico in soggetti esposti a ( ) 41,32 rischi professionali Test di screening dell atopia (prick test fino a ( ) 15,49 10) Test cutaneo intradermico con allergeni ( ) 5,16 professionali Visita specialistica in genere (es. oculistica, neurologica, etc:) 41,32 ( ) 33,57

10 B) Prestazioni di consulenza, cessione di conoscenze teorico-pratiche Note: Prestazione: Codice SSN Attivita didattica di formazione tecnico scientifica, per giornata (escluso rimborso spese di missione) Attivita didattica di formazione tecnico scientifica, per ½ giornata (scluso rimborso spese di missione) Attivita didattica di formazione tecnico scientifica, per ora (per docente attivato ed escluso rimborso spese di missione) Attivita di informazione ed educazione alla alute in generale, per ora Attivita di informazione ed educazione alla salute relativa ai rischi lavorativi, per ora Attivita svolta da personale infermieristico e tecnico sanitario, per ora Consulenza di personale medico-specialista, di medici dirigenti, per ora (attivita sanitaria non di visita, riunioni, relazioni, valutazione dei posti di lavoro, sopralluoghi in ambienti di lavoto ) Consulenza di personale medico apicale, di medici direttori, per ora (consultazioni complesse, programmazione sanitaria, approfondimenti scientifici, riunione di supervisione, sopralluoghi collegiali ) Sopralluogo per la valutazione del posto di lavoro e dei compiti di lavoro finalizzato alla formulazione del giudizio di idoneita alla mansione specifica (compreso accesso) Costo uscita singolo operatore (sostitutiva di altri rimborsi, nel raggio di 100 km) Costo giornata personale amministrativo (per attivita di supporto organizzativo e pubblica relazione) Costo giornata personale infermieristico e tecnico sanitario (per attivita assistenziali, di informazione, formzione, educazione alla salute) Costo giornata personale medico specializzato (per attivita consulenziali, assistenziali, di ricerca e di didattica) Costo/prestazione conto terzi 516,46 309,87 103,29 77,47 103,29 154,94 154,94 154,94 309,87 619,75

11 C) Attivita dei laboratori di igiene e tossicologia occupazionali (l.i.t.o.) delle UOOML - Analisi su matrici biologiche (Sangue e frazioni, urina, annessi, aria espirata) 1) Elementi tal quali o loro specie Già inseriti nel Nomenclatore Tariffario Regionale (*) Non ancora inseriti nel Nomenclatore Tariffario Regionale (*) 2) Composti chimici organici e loro metaboliti Già inseriti nel Nomenclatore Tariffario Regionale (*) Non ancora inseriti nel Nomenclatore Tariffario Regionale (*) 3) Altre analisi e metodiche (enzimi, complessi biologici, metodiche varie) Già inseriti nel Nomenclatore Tariffario Regionale (*) Non ancora inseriti nel Nomenclatore Tariffario Regionale (*) Altre analisi secondo metodica da non inserire nel Nomenclatore Tariffario Regionale (*) D) Prestazioni di igiene industriale 1) Prelievi e campionamenti 2) Analisi chimiche Metalli Altri Composti 3) Altre determinazioni fisiche e biologiche 4) Attività di Consulenza Tecnica e/o di sopralluogo in ambienti di lavoro (*) D.G.R. 23/04/99 n. 6/42606

12 ANALISI SU MATRICI BIOLOGICHE C1) ELEMENTI TAL QUALI O LORO SPECIE 1) Già Inseriti nel Nomenclatore Tariffario Regionale CODICE UTENTI S.S.N.. Costo/prestazi one conto terzi AAS-GF ALLUMINIO (P/S) AAS-GF CADMIO (E/U) AAS-GF CROMO (E/GR/P/S/U) AAS-F FERRO (E/U) ,49 AAS-F MAGNESIO (U) ,49 AAS-GF MANGANESE (E/S/U) AAS-H MERCURIO (E/U) AAS-GF NICHEL (S/U) AAS-GF PIOMBO (E/P/U) AAS-GF RAME EMATICO (E/S/U) ,49 AAS-GF SELENIO (S/GR) AAS-F ZINCO (S/U) ,49 NOTE 2) Non ancora inseriti nel Nomenclatore Tariffario Regionale CODICE UTENTI Costo/prestazion e conto terzi S.S.N. AAS ALTRI ELEMENTI NON PREVISTI Da stabilire AAS-GF ARGENTO Da stabilire AAS-H ARSENICO TOTALE (U) Da stabilire AAS-GF ARSENICO TOTALE INORGANICO (U) Da stabilire AAS-GF COBALTO (E/U) Da stabilire ICP- IODIO (U) Da stabilire MS/Altra 77,47 Tecnica AAS-GF/F METALLI IN ALTRE MATRICI BIOLOGICHE Da stabilire PREPARAZIONE DI CAMPIONE IN MATRICI Da stabilire COMPLESSE AAS-GF VANADIO (U) Da stabilire NOTE Legenda (matrici): E=Ematico GR= Globuli Rossi P/S=Plasma/Siero U=Urinario A=Altre matrici

13 C2) COMPOSTI CHIMICI ORGANICI E LORO METABOLITI 1) Già Inseriti nel Nomenclatore Tariffario Regionale CODICE UTENTI Costo/prestazion e conto terzi S.S.N. HPLC ACIDO 5 IDROSSI 3 INDOLACETICO (U) NOTE HPLC/CRO ACIDO DELTA AMINOLEVULINICO (U) MAT. HPLC ACIDO IPPURICO (U) GC ALCOOL ETILICO GC/MS BENZENE (U) HPLC FENOLI (U) LC/MS - GC/MS ORGANOFOSFORICI SANGUE ) Non ancora inseriti nel Nomenclatore Tariffario Regionale CODICE UTENTI S.S.N. Costo/prestazion e conto terzi HPLC 2,5-ESANDIONE (U) Da stabilire GC-FID ACETATO DI ETILE Da stabilire POTENZIO ACETILCOLINAESTERASI (GR) Da stabilire METRIA 18,08 HPLC ACETONE (U) Da stabilire HPLC ACIDO BENZILMERCAPTURICO (U) Da stabilire CROMAT. ACIDO D-GLUCARICO (U) Da stabilire HPLC ACIDO FENILGLIOSSILICO (U) Da stabilire 18,08 HPLC ACIDO FENILMERCAPTURICO (U) Da stabilire HPLC ACIDO MANDELICO (U) Da stabilire HPLC ACIDO METILIPPURICO (U) Da stabilire GC ACIDO METOSSIACETICO (U) Da stabilire HPLC ACIDO T,T-MUCONICO (U) Da stabilire CROMAT. ACIDO TRICLOROACETICO (U) Da stabilire GC/MS ALCOOL ISOPROPILICO (U) Da stabilire GC ALOTANO (U) Da stabilire GC/MS ALTRI ANESTETICI ALOGENATI (U) Da stabilire GC/MS BENZENE (E) Da stabilire GC/MS CLORURO DI METILENE (E) Da stabilire HPLC COTININA (U) Da stabilire HPLC CRESOLI ISOMERI (U) Da stabilire GC/MS DICLOROMETANO (E/U) Da stabilire GC/MS DICLOROPROPANO (U) Da stabilire Note

14 GC ESAFLUORO-ISOPROPANOLO (SEVORANE) (U) Da stabilire POTENZIO FLUORURI (DETERMINAZ. POTENZIOMETRICA) Da stabilire METRIA GC/MS FORANE (U) Da stabilire GC/MS - IDROCARBURI POLICICLICI AROMATICI (U) Da stabilire HPLC GC/MS - IDROCARBURI POLICICLICI AROMATICI ( 6 Da stabilire HPLC composti) (U) HPLC IDROSSIPIRENE (U) Da stabilire GC/MS METILEN-BIS-CLORO-ANILINA (U) Da stabilire HPLC METILETILCHETONE (U) Da stabilire HPLC METILISOBUTILCHETONE (U) Da stabilire GC MONOMETILFORMAMMIDE : MMF Da stabilire GC PROTOSSIDO DI AZOTO (U) Da stabilire GC/MS SOLFURO DI CARBONIO (EMATICO) Da stabilire GC/MS SOLVENTI CLORURATI NEL SANGUE (PER Da stabilire COMPOSTO) CROM TIOCIANATI (U) Da stabilire GC TRICLOROETANOLO (U) Da stabilire 18,08 154,94

15 C3) ALTRE ANALISI E METODICHE 1) Già Inseriti nel Nomenclatore Tariffario Regionale CODICE UTENTI Costo/prestazio ne conto terzi S.S.N. COLORIM. ALA DEIDRASI ERITROCITARIA (E) ,08 CO-OSSIME- CARBOSSIOEMOGLOBINA TRO 12,91 IMMUN. DOSAGGIO ALLERGENI POLVERI INDOOR (QUANT. PER SINGOLO ALLERGENE) 15,49 IMMUN. Ig-E SPECIFICHE ALLERGOLOGICHE QUANTITATIVE: PER OGNI ALLERGENE 8,78 IMMUN. Ig-E SPECIFICHE ALLERGOLOGICHE SCREENING MULTIALLERGENICO 41,32 QUALITATIVO IMMUN. Ig-E TOTALI ,08 IMMUN. Ig-G SOTTOCLASSE 1,2,3,4 (CIASCUNA) ,49 IMMUN. Ig-G SPECIFICHE ALLERGOLOGICHE (CIASCUNA) CO-OSSIME- METAEMOGLOBINA TRO 12,91 COLORIM. PORFOBILINOGENO (U) ,08 SPETTRO- URO-COPROPORFIRINE FOT. UV-VIS 18,08 EMATOFLU ZINCOPROTOPORFIRINA ERITROCITARIA (E) O-RIMETRIA 10,33 NOTE 2) Non ancora inseriti nel Nomenclatore Tariffario Regionale IMMUN. IMMUN. IMMUN. DOSAGGIO ALLERGENI ACARI POLVERE INDOOR (SCREENING QUALITATIVO) DOSAGGIO ALTRI ALLERGENI IN AMBIENTE (QUANTIT. PER SINGOLO ALLERGENE) Ig-E SPECIFICHE ALLERGOLOGICHE PANNELLO SCREENING QUANTITATIVO ( 9 ALLERGENI) PREPARAZ. ESTEMP. ALLERGENI PROFESS. PER TEST EPICUTANEI (OGNUNO) PREPARAZ. ESTEMP. ESTRATTI ALLERGENICI PROFESS. PER PRICK E/O INTRADERM. (CAD.) IPREPARAZ. SUPPORTI E CONTENITORI PER RACCOLTA MATRICI BIOLOGICHE CODICE UTENTI S.S.N. Da stabilire Da stabilire Da stabilire Costo/prestazio ne conto terzi 10,33 18,08 61,97 7,75 Da stabilire Da stabilire Da stabilire 5,16 NOTE

16 3) Altre analisi secondo metodica da non inserire nel Nomenclatore Tariffario Regionale FLUORIME TRIA GC GC/MS HPLC DETERM. FLUORIMETRICA CAMPIONE BIOLOGICO NON ALTROVE CONSID. (x COMPOSTO) DETERM. GASCROMATOG. COMP.CHIM. NON ALTROVE CONSID. (PER COMPOSTO) DETERM. GASCROMATOG. NON ALTROVE CONSIDERATE, CON METOD. COMPLESSA DETERM. HPLC NON ALTROVE CONSIDERATE (PER COMPOSTO) CODICE Costo/prestazione conto terzi UTENTI S.S.N. Non previsto 12,91 Non previsto Non previsto Non previsto ICP-MS DETERM. ICP-MS DI METALLI (PER SPECIAZIONI) Non previsto 258,23 ICP-MS DETERM. ICP-MS DI SINGOLO METALLO (AS,I) Non previsto 77,47 ICP-MS DETERM. ICP-MS MULTIELEMENTALE DI METALLI Non previsto 361,52 POTENZIO DETERM. POTENZIOMETRICA DI COMPOSTI NON Non previsto METRIA ALTROVE CONSIDERATI SPETTROF DETERM. SPETTROFOTOM. UV/VIS. DI COMP. Non previsto OT.UV-VIS CHIMICI NON ALTROVE CONSIDERATI (X CAMP.) MS DETERM. SPETTROMET.DI MASSA (COMP. Non previsto ORGANICI, ANTIBLASTICI) NOTE

17 D - PRESTAZIONI DI IGIENE OCCUPAZIONALE D1) Prelievi e campionamenti TARIFFA ATTUALE Costo/prestazione conto terzi Camp. CAMPION. CON UTILIZZO DI SUPPORTO SPECIALE Camp. CAMPION. DI GAS E VAPORI CON CAMPIONATORE PERSONALE 12,91 Camp. CAMPION. DI GAS O VAPORI CON CAMPIONATORE FISSO ,91 Camp. CAMPION. PARTICOLATO ATMOSFERICO PER ANALISI PONDERARLE O ALTRE ANALISI 10,33 Camp. CAMPION. PER DIFFUSIONE PASSIVA 5,16 Camp. CAMPION. POLVERI DI COTONE CON ELUTRIATORE TIPO LINCH 12,91 Camp. CAMPION. POLVERI CON SEPARAZIONE FRAZIONI GRANULOMETRICHE (PER OGNI FRAZIONE) 15,49 Camp. CAMPION.DI GAS E VAPORI CON ANALISI SEMIQUANTITATIVA COLORIMETRICA 15,49 Camp. STUDIO DELLA CONTAMINAZIONE DI SUPERFICIE MEDIANTE WIPE TEST 7,75 Camp. STUDIO COMPLETO FRAZIONI AERODISPERSE 206,58 Camp. TECNICHE DEI SURROGATI CUTANEI 15,49 D2) Analisi chimiche Metalli ICP 300 / ICP/MS 700 TARIFFA Costo/prestazione ATTUALE conto terzi ANALISI MULTI-ELEMENTALE (MINIMO 10 ELEMENTI) 361,52 ICP ANALISI MULTI-ELEMENTALE (MINIMO 10 ELEMENTI) 154,94 AAS-GF DETERM. METALLO (SINGOLO ELEMENTO) AAS-H DETERM. METALLO (SINGOLO ELEMENTO) 18,08 AAS-F DETERM. METALLO (SINGOLO ELEMENTO) ,91

18 Altri Composti TARIFFA ATTUALE Costo/prestazione conto terzi I.C./HPLC/COLO ACIDI INORGANICI (PER COMPOSTO) R GC/HPLC ALDEIDI (PER COMPOSTO, FINO A TRE) GC/HPLC ALDEIDI (PIU' DI 3 COMPOSTI) 103,29 TECNICHE ANALISI CON MESSA A PUNTO DEL METODO (BASSA VARIE COMPLESSITA') 258,23 TECNICHE ANALISI CON MESSA A PUNTO DEL METODO (ELEVATA VARIE COMPLESSITA') 774,69 TECNICHE ANALISI CON MESSA A PUNTO DEL METODO (MEDIA VARIE COMPLESSITA') 516,46 GC/MS ANALISI CROMATOGRAFICA INQUINANTE AMBIENTALE CON DETECTOR DI MASSA (PER COMPOSTO) LC/MS ANALISI CROMATOGRAFICA INQUINANTE AMBIENTALE CON DETECTOR DI MASSA (PER COMPOSTO) FLUOR. ANALISI FLUORIMETRICA (PER COMPOSTO) 15,49 GC ANALISI GASCROMATOGRAFICA SINGOLA HPLC ANALISI HPLC SINGOLA POTENZ. ANALISI POTENZIOMETRICA (PER COMPOSTO) 15,49 SPETTR. UV/VIS ANALISI UV/VIS SINGOLA 15,49 GC ANESTETICI (PER COMPOSTO) SPETTROFOTO DETERMINAZIONE ISTANTANEA COMPOSTI CHIMICI METRIA I.R. CON STRUMENTAZIONE A LETTURA DIRETTA : I.R. (PER SINGOLA MISURA) SPETTROFOTO METRIA FOTOACUSTICA DETERMINAZIONE ISTANTANEA COMPOSTI CHIMICI CON STRUMENTAZIONE A LETTURA DIRETTA : FOTO-ACUSTICA (PER SINGOLA MISURA) GC/HPLC FENOLI (PIU' DI 3 COMPOSTI) 103,29 GC/HPLC FENOLI (PER COMPOSTO, FINO A TRE) I.C./HPLC/COLO GAS INORGANICI (PER COMPOSTO) R GC/HPLC I.P.A. (PER COMPOSTO, FINO A TRE) GC/HPLC I.P.A. (PIU' DI 3 COMPOSTI) 103,29 GC/HPLC MONOMERI REATTIVI (PER COMPOSTO) GC/ GC-MS P.C.B. - ALTRI MICROINQUINANTI ORGANICI (PER COMPOSTO, FINO A TRE) GC/ GC-MS P.C.B. - ALTRI MICROINQUINANTI ORGANICI (PIU' DI 3 COMPOSTI) 206,58 GRAVIM. PARTICOLATO AERODISPERSO GC S.O.V. - ALCOLI (PIU' DI 3 COMPOSTI) 103,29 GC S.O.V. - ALCOLI (PER COMPOSTO, FINO A TRE) GC S.O.V. - ALTRE CATEGORIE OMOGENEE (PIU' DI 3 COMPOSTI) 103,29 GC S.O.V. - ALTRE CATEGORIE OMOGENEE (PER COMPOSTO, FINO A TRE) GC S.O.V. - CHETONI (PER COMPOSTO, FINO A TRE) GC S.O.V. - CHETONI (PIU' DI 3 COMPOSTI) 103,29 GC S.O.V. - ESTERI (PER COMPOSTO, FINO A TRE) GC S.O.V. - ESTERI (PIU' DI 3 COMPOSTI) 103,29 GC S.O.V. - GLICOLI / GLICOL-ETERI (PER COMPOSTO, FINO A TRE) GC S.O.V. - GLICOLI / GLICOL-ETERI (PIU' DI 3 COMPOSTI) 103,29 GC S.O.V. - IDROCARBURI ALIFATICI (PER COMPOSTO, FINO A TRE) GC S.O.V. - IDROCARBURI ALIFATICI (PIU' DI 3 COMPOSTI) 103,29 GC S.O.V. - IDROCARBURI ALOGENATI (PER COMPOSTO, FINO A TRE) GC S.O.V. - IDROCARBURI ALOGENATI (PIU' DI 3 COMPOSTI) 103,29 GC S.O.V. - IDROCARBURI AROMATICI (PER COMPOSTO, FINO A TRE) GC S.O.V. - IDROCARBURI AROMATICI (PIU' DI TRE COMPOSTI) 103,29 GC S.O.V. - MISCELE COMPLESSE 129,11 NOTE

19 D3) Altre determinazioni fisiche e biologiche TARIFFA Costo/prestazione ATTUALE conto terzi M.O. ANALISI MICROSCOPIA OTTICA DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO MOCF ANALISI MICROSCOPIA OTTICA IN CONTRASTO DI FASE DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO 41,32 MOCF RICERCA CORPUSCOLI ASBESTO IN ESPETTORATO INDOTTO, CON FILTRAZIONE E CONTA IN MOCF 38,73 FONOMETRIA ANALISI DELLO SPETTRO SONORO PER BANDA D'OTTAVA (PER SINGOLA MISURA) 18,08 MOCF DETERMINAZIONE ALTRE FIBRE MINERALI IN MICROSCOPIA OTTICA DIFRATT. RX DETERMINAZIONE AMIANTO IN MATERIALI CON DIFRATTOMETRIA A RAGGI X 61,97 DIFRATT. RX DETERMINAZIONE AMIANTO CON DIFRATTOMETRIA A MOCF RAGGI X + M.O.C.F. 92,96 MOCF DETERMINAZIONE AMIANTO IN MICROSCOPIA OTTICA IN CONTRASTO DI FASE DETERMINAZIONE QUANTITATIVA ALLERGENI ABITAT. NELLE POLVERI (DA 3->5 ALLERGENI) 38,73 DETERMINAZIONE SEMIQUANTATIVA DI 1 ALLERGENE NELLE POLVERI AMBIENTALI DETERMINAZIONE SEMIQUANTITATIVA ALLERGENI ACARIDICI NELLE POLVERI 18,08 DIFRATT. RX DETERMINAZIONE SILICE CRISTALLINA IN MATERIALI CON DIFRATTOMETRIA A RAGGI X (PER SINGOLA 61,97 FASE) DIFRATT. RX DETERMINAZIONE SILICE CRISTALLINA IN PARTICOLATO ATMOSFERICO CON DIFRATTOMETRIA A RAGGI X FONOMETRIA DOSIMETRIA ESPOSIZIONE INDIVIDIVIDUALE A RUMORE (PER OGNI ORA RILIEVO: Tmisura <=2H) FONOMETRIA DOSIMETRIA ESPOSIZIONE INDIVIDUALE A RUMORE (PER UN TEMPO DI RILEVAZIONE MAGGIORE DI 2H) 154,94 FONOMETRIA MISURA LIVELLO DI PRESSIONE SONORA (PER SINGOLA MISURA) 15,49 FONOMETRIA MISURA LIVELLO SONORO EQUIVALENTE + CALCOLO L.E PONDERATO (PER SINGOLA MISURA) FOTOMETRIA RILEV. INTENSITA' RADIAZ.IONE LUMINOSA I.R. o U.V (PER SINGOLA MISURA) FOTOMETRIA RILEVAZIONE LUMINANZA (PER POSTAZIONE) FOTOMETRIA RILEVAZIONE PARAMETRI ILLUMINAZIONE (PER POSTAZIONE) 10,33 CENTRALINA RILIEVO PARAMETRI MICROCLIMATICI (PER OGNI 8000 MICROCLIMA PARAMETRO) 5,16 FONOMETRIA RILIEVO FONOMETRICO: LEQ, LPD (PER OGNI ORA DI MISURA) 77,47 CENTRALINA RILIEVO PARAMETRI MICROCLIMATICI + CALCOLO INDICI MICROCLIMA CONFORT / STRESS TERMICO (PER OGNI POSIZ.IONE) NOTE

20 D4) Attività di Consulenza Tecnica e/o di sopralluogo in ambienti di lavoro Cont. Ore Cont. Ore CONSULENZA D'IGIENE / TOSSICOLOGIA OCCUPAZIONALE PER INSEDIAMENTO PRODUTTIVO A TECNOLOGIA COMPLESSA (FINO A 2 ORE) CONSULENZA D'IGIENE / TOSSICOLOGIA OCCUPAZIONALE PER INSEDIAMENTO PRODUTTIVO A TECNOLOGIA COMPLESSA (PER OGNI ORA AGGIUNTIVA) TARIFFA ATTUALE Costo/prestazione conto terzi 154,94 77,47 Cont. gg COSTO GIORNATA PERSONALE DIPLOMATO ,87 Cont. gg COSTO GIORNATA PERSONALE LAUREATO ,17 Cont. gg COSTO GIORNATA PERSONALE LAUREATO E SPECIALIZZATO ,75 Cont. Ore COSTO ORARIO PERSONALE CHIMICO LAUREATO O ANALOGO ,47 Cont. Ore COSTO ORARIO PERSONALE DIPLOMATO Cont. Ore COSTO ORARIO PERSONALE LAUREATO E SPECIALIZZATO ,29 Cont. Ore PREDISPOSIZIONE RELAZ. INDAGINE AMBIENT. (FINO A 2 ORE) 154,94 Cont. Ore PREDISPOSIZIONE RELAZ. INDAGINE AMBIENT. (X ORA AGGIUNT.) 77,47 RIMBORSO SPESE PER USCITA (ACCESSO LUOGO LAVORO) Cont. Ore SOPRALLUOGO CONOSCITIVO 154,94 129,11 VALUTAZIONE DI INQUINAMENTO MICROBIOLOGICO IN AMBIENTE LAVORATIVO NOTE (note:)

Appendice A: tabelle descrittive residenti

Appendice A: tabelle descrittive residenti Appendice A: tabelle descrittive residenti 1. PARAMETRI EMATOCHIMICI DI BASE Nelle tabelle 1-12 sono riportati in dettaglio i risultati delle analisi descrittive riguardanti i parametri ematochimici di

Dettagli

Infortunio sul lavoro:

Infortunio sul lavoro: Infortunio sul lavoro: evento che determina un danno alla persona, che si verifica per causa violenta in occasione di lavoro nell ambiente di lavoro, in un breve periodo di tempo (< 8 ore lavorative) Malattia

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento)

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) 1. Tutti i convocati (uomini e donne) dovranno presentarsi con: - originale o copia

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA Per prenotare ed eseguire un esame è necessario: 1. Il paziente deve avere una richiesta medica completa che comprenda cognome e nome, data di nascita, numero

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI POSTER con 10 consigli inclusi UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI nella gestione dei solventi in collaborazione con ESIG European Solvents Industry Group (ESIG) è un associazione che rappresenta i principali

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PROPOSTA TECNICA Genova, Giugno 2009 SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO...4 2.1 LE NORME CONTRATTUALI... 4 2.2 LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA

Dettagli

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEL NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLA SPECIALISTICA AMBULATORIALE NEL LAZIO

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEL NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLA SPECIALISTICA AMBULATORIALE NEL LAZIO LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEL NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLA SPECIALISTICA AMBULATORIALE NEL LAZIO Manuale degli Operatori del Numero Verde e di Front Office

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Patologie reumatiche esenti dal ticket

Patologie reumatiche esenti dal ticket Patologie reumatiche esenti dal ticket Il "Regolamento recante norme di individuazione delle malattie croniche e invalidanti" (Dm 28 maggio 1999, n. 239) emanato in attuazione del "sanitometro" è stato

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

VALUTAZIONE QUALITA ARIA

VALUTAZIONE QUALITA ARIA COMUNE di CASTELLARANO (loc. Roteglia) Provincia di REGGIO EMILIA VALUTAZIONE QUALITA ARIA STUDIO DI RICADUTA INQUINANTI riferito all attività svolta da COTTO PETRUS S.r.l. Roteglia Castellarano (RE) Luglio

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Elenco provvidenze nuova mutualità

Elenco provvidenze nuova mutualità Elenco provvidenze nuova mutualità Tipologia sussidio Importo erogato Periodicità del sussidio Documentazione da allegare Ricovero 15,00 al giorno (per massimo 20 giorni all anno) Ogni anno Certificato

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI Premessa La presente relazione fornisce i criteri e le modalità mediante i quali verranno valutate le dosi efficaci per lavoratori dipendenti,

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE L art. 186 del d.lgs.152/06 indica le condizioni alle quali è consentito

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE Antisepsi - Asepsi ANTISEPSI: : mira a rallentare lo sviluppo dei germi (freddo) ASEPSI: consiste nell applicazione di una serie di norme atte a impedire che su un determinato

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

CD4, carica virale e altri test

CD4, carica virale e altri test www.aidsmap.com CD4, carica virale e altri test Italiano Prima edizione 2010 Autore: Michael Carter Prima edizione italiana: 2010 Adattata dalla prima edizione inglese 2009 Si ringrazia LILA per la traduzione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

DIDATTICA DELLA CHIMICA

DIDATTICA DELLA CHIMICA DIDATTICA DELLA CHIMICA LEZIONE INTRODUTTIVA: Concetto di modello LEZIONE N 1 Domanda problema : se consideriamo un pezzo di legno, un mucchietto di sabbia, che aspetto hanno questi 2 tipi di materia?

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

DR. ANTERMITE ANTONIA

DR. ANTERMITE ANTONIA DR. ACERRA ALESSIO Il mercoledì dalle ore15,15 alle 19,45 VISITA ANESTESIOLOGICA 160,00 OSPEDALE TARQUINIA - viale Igea 1 DR.ACCORRA' Il martedì dalle ore 14,00 alle 16,00 VISITA PSICHIATRICA 99,00 POLIAMBULATORIO

Dettagli

: acido 4-Formilfenilboronico

: acido 4-Formilfenilboronico UnaveraChemLab GmbH SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA secondo il Regolamento (CE) Num. 1907/2006 Versione 5.1 Data di revisione 04.07.2013 Data di stampa 12.11.2014 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Doc. 391B0277.900 di Origine Nazionale pubblicato/a su : Gazz. Uff. Suppl. Ordin. n 200 del 27/08/1991

Doc. 391B0277.900 di Origine Nazionale pubblicato/a su : Gazz. Uff. Suppl. Ordin. n 200 del 27/08/1991 Decreto Legislativo del Governo n 277 del 15/08/1991 Attuazione delle direttive n. 80/1107/CEE, n. 82/605/CEE, n. 83/477/CEE, n. 86/188/CEE e n. 88/642/CEE, in materia di protezione dei lavoratori contro

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

nel settore metalmeccanico

nel settore metalmeccanico Leggi bene... per non farti male Manuale d uso per lavorare in sicurezza nel settore metalmeccanico Fonti legislative Il decreto legislativo n 81 emanato nell aprile 2008 e più noto come Testo Unico,

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/075/CR9c/C7

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/075/CR9c/C7 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/075/CR9c/C7 IL NUOVO RUOLO DELLA MEDICINA DELLO SPORT RIVISITAZIONE DEI PROTOCOLLI DI IDONEITA ALL ATTIVITA SPORTIVOAGONISTICA E NON AGONISTICA 24

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Prelievo e Trapianto di Cornee

Prelievo e Trapianto di Cornee Prelievo e Trapianto di Cornee Protocollo operativo Edizione giugno 2014 http://www.piemonte.airt.it/documenti/protocolli.html Regione Piemonte e Valle d Aosta Centro Regionale Trapianti Coordinamento

Dettagli

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI)

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Cosa sono le malattie interstiziali polmonari? Le malattie interstiziali polmonari sono dette anche interstiziopatie

Dettagli

LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE

LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE Ad ogni donazione, dovunque venga fatta, il sangue prelevato viene sottoposto ad analisi dal Centro Trasfusionale dell Ospedale San Michele ( Brotzu ) ed i relativi risultati

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL MONITORAGGIO ATTIVO DEI GAS INTERSTIZIALI DEL TERRENO (SOIL GAS)

LINEE GUIDA PER IL MONITORAGGIO ATTIVO DEI GAS INTERSTIZIALI DEL TERRENO (SOIL GAS) LINEE GUIDA PER IL MONITORAGGIO ATTIVO DEI GAS INTERSTIZIALI DEL TERRENO (SOIL GAS) Dipartimento Provinciale di Venezia (*) Redazione Servizio Rischio industriale e Bonifiche dott. Federico Fuin (*), dott.

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE Prot. n. 21096/II/1 dell 11 giugno 2009 UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE VISTA la Legge 8 luglio 1998, n. 230, recante "Nuove norme in materia di obiezione

Dettagli