Referendum La riforma Costituzionale spiegata in modo semplice.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Referendum La riforma Costituzionale spiegata in modo semplice."

Transcript

1 Referendum 2016 La riforma Costituzionale spiegata in modo semplice.

2 Sommario 1 Introduzione al referendum costituzionale... 3 Il quesito... 4 Il superamento del bicameralismo paritario e il Senato degli enti Locali e Regionali Le competenze dello Stato e Regioni e il superamento delle materie concorrenti... 7 Partecipazione: le leggi di iniziativa popolare, le norme sul referendum e le quote rosa Il Presidente della Repubblica Norme sulle leggi Abolizione delle Province e dello CNEL Appendice Per approfondire

3 2 La riforma costituzionale modifica la Seconda parte della Costituzione e, in caso di affermazione del Sì, cambierà il funzionamento delle istituzioni dello Stato. La data del referendum è ormai prossima e gli indecisi sono ancora molti. È mia intenzione quindi riportare la discussione nel merito, lasciando da parte posizionamenti politici e argomentazioni che con la Costituzione non hanno nulla a che fare. Questo lavoro nasce proprio con l intenzione di aiutare i cittadini ad una scelta consapevole in vista del Referendum confermativo del 4 dicembre. Ho ritenuto necessario cercare di spiegare in modo semplice e diretto il contenuto della Riforma estrapolandone gli aspetti principali e che ritengo di maggior rilievo. In vista quindi dell importante appuntamento elettorale che ci attende a breve, vi invito a leggere questo lavoro. Vi auguro una buona lettura, Mercedes Bresso

4 Introduzione al referendum costituzionale Quando è il referendum? 3 Il referendum si terrà il 4 dicembre I seggi rimarranno aperti dalle ore 7.00 alle ore Ricordati di portare con te un documento di riconoscimento e la tessera elettorale. Chi può votare? Tutti i cittadini italiani che abbiano compiuto 18 anni, compresi quelli residenti all estero e iscritti all AIRE e quelli temporaneamente all estero per lavoro, studio, cure mediche. Per maggiori informazioni sul voto degli italiani all estero è bene visitare il sito del Ministero degli Affari Esteri. Per gli studenti fuori sede si consiglia di contattare uno dei comitati elettorali del territorio. [http://www.esteri.it/mae/it/italiani_nel_mondo/serviziconsolari/votoestero/referendum-costituzionale- 4-dicembre.html] Che cosa andiamo a votare? Il 4 dicembre saremo chiamati ad esprimerci sulla riforma della Seconda Parte della Costituzione che regola il funzionamento delle istituzioni. Perché dobbiamo votare per la Costituzione? Questa riforma è stata approvata al termine di lungo percorso, iniziato l 8 aprile 2014, che ha coinvolto gran parte del Parlamento ma perché la riforma entri in vigore è necessario il voto confermativo dei cittadini. Ci sono già stati referendum simili in Italia? Sì, nel 2001 e nel 2006 gli italiani sono stati chiamati a pronunciarsi sulla modifica della Costituzione. Il referendum confermativo del 2001 modificava solo il Titolo V della Costituzione ed è stato approvato, mentre quello del 2006 è stato respinto. E previsto un quorum? No, secondo la Costituzione per i referendum confermativi non è previsto un quorum, cioè non serve un numero minimo di cittadini che si rechino a votare per rendere il quesito valido. Il voto è diviso sui diversi punti della riforma? No, saremo chiamati ad esprimerci sull intera riforma, cioè confermeremo o bocceremo la riforma in blocco. Se vince il No cade il Governo? No, il Referendum non è pro o contro il Governo: in caso di vittoria del No il Governo non è tenuto a dimettersi. Perché vengono modificati ben 46 articoli? Non si stravolge la Costituzione così? E vero, vengono cambiati 46 articoli ma è per armonizzare la Nuova Costituzione. In realtà la riforma incide su 6 norme costituzionali. La riforma è stata voluta e votata da un solo partito?

5 Assolutamente No, il dibattito parlamentare è durato circa due anni, ha richiesto 6000 votazioni e nelle 6 letture ha ottenuto sempre il 60% circa dei voti. Se vincerà il No sarà possibile approvare una nuova riforma in tempi brevi? Siamo nel campo delle ipotesi ma, come dimostrano i precedenti, in caso di vittoria del No, sarà molto difficile trovare un intesa tra le forze politiche in Parlamento per riformare la Costituzione 4 Il quesito «Approvate il testo della legge costituzionale concernente disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del Cnel e la revisione del Titolo V della parte II della Costituzione, approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 88 del 15 aprile 2016?»

6 5 Il superamento del bicameralismo paritario e il Senato degli enti Locali e Regionali. Il superamento del bicameralismo paritario è l asse principale sul quale gravita la riforma. Ma che cosa prevede la riforma? Con la riforma la Camera dei Deputati diventerà una Camera prevalente, cioè approverà quasi tutte le leggi e avrà l esclusivo rapporto di fiducia con il Governo. Il Senato invece rappresenterà i territori con funzioni non solo legislative. Poteri Costituzione vigente Riforma costituzionale 2016 Per la Costituzione vigente la Camera dei La Camera dei Deputati diventerà la Deputati e il Senato della Repubblica hanno Camera prevalente, mentre il Senato gli stessi poteri: sia il Senato sia la Camera rappresenterà gli Enti Locali e Regionali hanno un rapporto fiduciario con il Governo; fungendo da raccordo tra essi e lo le leggi devono essere approvate nello stesso Stato. testo da entrambe le Camere, se una delle Fine della navetta parlamentare. due Camere modifica il testo deve tornare Solo la Camera avrà un rapporto nell atro ramo del Parlamento per essere fiduciario con il Governo. Il Senato approvata (Navetta parlamentare). Il Senato manterrà la funzione legislativa su è composto da 315 senatori a cui vanno alcune materie e acquisterà funzioni aggiunti i senatori a vita. non legislative attraverso cui controllerà la legislazione statale. Il Senato diventerà un organo permanente, non scandito da legislature. Composizione Il procedimento legislativo 315 membri eletti su base regionale a suffragio diretto con sistema proporzionale corretto. A questi si aggiungono i Senatori a vita. Attualmente tutte le leggi sono bicamerali: una legge deve essere approvata da entrambi i rami del Parlamento nel medesimo testo. I tempi legislativi quindi possono essere anche molto lunghi. Il nuovo Senato sarà così composto: 100 membri di cui: 74 scelti tra i consiglieri regionali, 21 scelti tra i sindaci (1 per Regione) e 5 nominati dal Presidente della Repubblica. Con la riforma il sistema bicamerale paritario si trasformerà in differenziato: quasi tutte le leggi saranno monocamerali, ma il Senato potrà chiedere di fare proposte di modifica. Per alcune specifiche leggi invece il

7 6 Senato dovrà esprimere obbligatoriamente un parere. Rimarranno alcune leggi bicamerali, quali le leggi costituzionali, le leggi che interessano gli Enti Locali (attuazione del Titolo V), leggi sull attuazione del diritto UE, leggi di ratifica Trattati UE, la legge elettorale del Senato. Tempi legislativi Questi i numeri della legislatura in corso: 55 leggi ordinarie approvate fino al 15 settembre 2016; In media tra la presentazione e l approvazione di una legge passano 563 giorni; il Senato impiega circa 360 giorni per la prima lettura e 226 per la seconda. I tempi saranno più corti: Con la riforma il Senato sarà obbligato a deliberare in 40 giorni. Ad esempio: su 260 leggi approvate in questa legislatura, 255 verrebbero approvate con la procedura monocamerale. Se vince il NO Il Senato rimane composto da 315 membri più i senatori a vita e continua ad avere gli stessi poteri della Camera. Il Governo deve chiedere la Fiducia ad entrambi i rami del Parlamento. I tempi di approvazione di una legge sono molto lunghi. Se vince il Sì Il Senato non sarà più il doppione della Camera e diventa la sede raccordo tra Stato, le Regioni, i Comuni e le Città metropolitane. Senatori saranno 100 di cui 74 consiglieri regionali e 21 sindaci e 5 di nomina presidenziale. Tutti i senatori saranno senza indennità. I tempi di approvazione delle leggi saranno più brevi e certi. Figura 1 Info-grafica tratta dal sito Bastaunsì.it

8 Le competenze dello Stato e Regioni e il superamento delle materie concorrenti 7 La riforma ridefinisce le competenze dello Stato e delle Regioni e ne regola i rapporti. Il principio cardine è il superamento della legislazione concorrente cioè quelle materie per le quali la competenza legislativa era divisa tra Stato e Regioni. Con la riforma, lo Stato avrà competenza esclusiva su materie che riguardano l intero Paese, mentre le Regioni manterranno le scelte rilevanti per gli ambiti e gli interessi regionali. Inoltre le Regioni potranno partecipare alle scelte politiche nazionali attraverso i propri rappresentanti nel nuovo Senato. Costituzione vigente Riforma costituzionale 2016 La riforma del 2001, riscrivendo l intero Titolo V della Parte Seconda della Costituzione, ha rivoluzionato la ripartizione delle competenze legislative fra Stato e Regioni. Per semplificare: l articolo 117 indica le materie sulle quali lo Stato ha una competenza legislativa esclusiva, quelle sulle quali le Regioni hanno una potestà legislativa concorrente e infine quelle materie residuali non espressamente citate per le quali le Regioni hanno una potestà legislativa esclusiva. E opinione diffusa che la legislazione concorrente abbia determinato numerosi conflitti di attribuzione di fronte alla Corte costituzionale e che abbia conseguentemente creato uno stallo nell applicazione delle leggi. La riforma chiarirà e semplificherà il rapporto tra Stato e Regioni: con l eliminazione delle cosiddette competenze concorrenti : lo Stato avrà competenza esclusiva su alcune materie di interesse nazionale mentre le Regioni manterranno le scelte rilevanti per gli ambiti e gli interessi regionali. Verrà introdotta la clausola di supremazia grazie alla quale la legge dello Stato può, su proposta del Governo, intervenire in materie o funzioni non riservate alla legislazione esclusiva quando lo richieda la tutela dell unità giuridica o dell unità economica della Repubblica o lo renda necessario la realizzazione di programmi o di riforme economico-sociali di interesse nazionale. Se vince il No Il Titolo V della Costituzione rimane invariato e la spartizione delle competenze tra Stato e Regioni rimane così com è. In particolare rimane la competenza concorrente. Se vince il Sì La spartizione delle competenze verrà profondamente rivista e vi sarà una chiara distinzione tra le materie di competenza delle Regioni e quelle di competenza dello Stato.

9 8 Partecipazione: le leggi di iniziativa popolare, le norme sul referendum e le quote rosa. La riforma aggiorna anche le modalità di partecipazione alla vita pubblica dei cittadini. Leggi di iniziativa popolare Costituzione vigente Riforma costituzionale 2016 Una legge di iniziativa popolare Aumenterà il numero delle firme può essere presentata al richieste, che passerà da Parlamento con firme. a , ma con la garanzia Ad oggi nessuna legge di costituzionale che la legge verrà iniziativa popolare è stata discussa e votata in Parlamento. discussa e votata in Parlamento e pochissime sono state protocollate. Norme sui referendum Ci sono due tipi di referendum: 1) il referendum abrogativo di leggi e atti aventi forza di legge (articolo 75): la Costituzione riserva l'iniziativa referendaria ai cittadini ( elettori) o alle Regioni (5 Consigli regionali), questi possono proporre all'elettorato "l'abrogazione, totale o parziale, di una legge o di un atto avente valore di legge". E richiesto un quorum 50%+1 perché il referendum sia valido. 2) il referendum sulle leggi costituzionali e di revisione costituzionale (articolo 138): prevede la possibilità di richiedere il referendum costituzionale dopo la seconda votazione da parte delle Camere di una legge di revisione costituzionale o di una legge costituzionale. Questo tipo di referendum non richiede un quorum. La riforma introdurrà due nuovi istituti: il referendum propositivo ed il referendum d indirizzo. Attraverso il referendum propositivo i cittadini avranno la possibilità di votare per sottoporre al Parlamento una proposta di legge avvertita come fondamentale per la pubblica opinione, mentre il referendum d indirizzo, darà ai cittadini la possibilità di orientare le scelte legislative, e mantenere un collegamento con la classe politica del momento. Il referendum abrogativo verrà aggiornato. Si avranno due possibilità di realizzazione: con 500 mila firme raccolte il quorum rimarrà al 51% degli elettori, invece se vengono raccolte 800 mila firme il quorum è fissato al 51% dei votanti alle ultime

10 elezioni politiche che equivale in media al 35% circa degli elettori. 9 Quote rosa Non c è la tutela costituzionale per la parità di genere. Viene stabilita costituzionalmente la parità di genere nelle Camere e nelle Regioni. Questo comporta che lo Stato e le Regioni dovranno dotarsi di norme appropriate per garantire la parità di genere. Verosimilmente ciò si tradurrà in regole nelle leggi elettorali che consentano l equilibrio tra uomini e donne. Leggi di iniziativa popolare Se vince il No Le leggi di iniziativa popolare continuano ad essere presentate da almeno 50 mila cittadini senza la garanzia che vengano discusse e votate dall aula. Se vince il Sì Si alzerà il numero di firme necessarie per presentare una legge di iniziativa popolare ma con la garanzia che verrà discussa e votata dal Parlamento. Norme sui referendum I referendum rimangono invariati: in particolare il referendum abrogativo mantiene il quorum del 50%+1 degli elettori. Si introdurranno due nuove tipologie di referendum: quello propositivo e quello di indirizzo. Per il referendum abrogativo si avranno due possibilità di realizzazione: o con 500 mila firme raccolte e un quorum del 50%+1 oppure con 800 mila firme raccolte e un quorum del 50%+1 dei votanti alle ultime elezioni politiche. Il quorum per i referendum abrogativi quindi si abbassa. Quote rosa La Costituzione rimarrà priva di una tutela costituzionale riguardante la parità di genere. Verrà introdotta in Costituzione la parità di genere nelle Camere e nelle Regioni.

11 Il Presidente della Repubblica La riforma affronta anche il tema dell elezione del Presidente della Repubblica che continuerà ad essere, eletto da entrambi i rami del Parlamento, riuniti, come si dice, in seduta comune. 10 Costituzione vigente Riforma della Costituzione 2016 Il Presidente della Repubblica è eletto dal Parlamento in seduta comune, integrato da rappresentanti delle Regioni (tre per ognuna, ad eccezione della Valle d'aosta, che ne ha uno solo, per un totale di 58) e dura in carica per sette anni. La Costituzione stabilisce che può essere eletto presidente chiunque, con cittadinanza italiana, che abbia compiuto i cinquanta anni di età e che goda dei diritti civili e politici. L'elezione del Presidente della Repubblica ha luogo per scrutinio segreto a maggioranza di due terzi dell'assemblea. Dopo il terzo scrutinio è sufficiente la maggioranza assoluta. Art. 83 della Costituzione. Il Presidente della repubblica può sciogliere entrambe le Camere. Il Presidente del Senato, durante l assenza del Presidente della Repubblica, ne fa le veci. La riforma modificherà le modalità di elezione del Presidente della Repubblica. La Costituzione riformata, come quella attuale, prevederà che per le prime tre votazioni il Presidente debba essere eletto dai 2/3 del Parlamento in seduta comune dunque 487 voti. Dal quarto al sesto scrutinio, il quorum necessario sarà i 3/5 dei voti degli aventi diritto 438 voti -, dal settimo scrutinio in poi i 3/5 dei votanti. Nessuna maggioranza politica può eleggere da sola il Presidente della Repubblica. La legittimazione del Capo dello Stato viene salvaguardata, poiché all elezione parteciperanno non solo i rappresentati politici nazionali, ossia i deputati, ma anche quelli territoriali, cioè i componenti del Senato della Repubblica. Il Presidente della Repubblica potrà sciogliere solo la Camera dei Deputati e non più il Senato. Il Presidente della Camera, durante l assenza del Presidente della Repubblica, ne farà le veci. Se vince il No Rimangono invariate le modalità di elezione del Presidente della Repubblica. Se vince il Sì Si modificherà il quorum per eleggere il Presidente della Repubblica. Non ci saranno più i 59 delegati regionali sostituiti dai senatori, la seconda carica dello Stato diventa il Presidente della Camera e si potrà sciogliere solo la Camera dei Deputati (Il Senato diventerà un organo permanente non scandito da legislature).

12 Norme sulle leggi La riforma cerca di limitare l utilizzo dei decreti legge e introduce la legge a data certa. 11 Costituzione vigente Riforma della Costituzione 2016 Il voto a data certa Decreti legge L attuale Costituzione non prevede lo strumento del voto a data certa e non pone dei vincoli all utilizzo della decretazione d urgenza. Il Governo, per quelle leggi la cui approvazione costituisce un presupposto imprescindibile per l attuazione del programma politico, potrà chiedere alla Camera di attivare una corsia preferenziale per l approvazione di un disegno di legge indicato come essenziale per l attuazione del programma di governo. Sono escluse, per questioni di garanzia tutte quelle leggi la cui approvazione venga demandata ad entrambe le camere. La Camera ha 5 giorni per accogliere o respingere la richiesta del Governo e, in caso di accoglimento, deve discutere e approvare la legge entro 70 giorni. (con un massimo di 15 giorni di rinvio). La riforma introdurrà delle limitazioni ai Decreti legge, tra le più importanti: 1) I decreti legge dovranno presentare una coerenza sistematica tra titolo e contenuto. 2) nel corso dell esame di disegni di legge di conversione dei decreti non possono, per questioni di coerenza e correttezza, essere approvate disposizioni estranee all oggetto o alle finalità del decreto. Il voto a data certa Decreti legge Se vince il No Questo meccanismo non viene inserito in Costituzione. Si mantiene lo status quo e perciò continua a non esserci nessun obbligo o vincolo in Costituzione circa i Decreti legge. Se vince il Sì Si inserirà una via preferenziale che permetterà al Governo di accelerare l iter di approvazione di leggi ritenute fondamentali per il suo programma politico. La Camera avrà la possibilità di accogliere o respingere questo iter. Si inseriranno importanti limitazioni ai Decreti legge.

13 Abolizione delle Province e dello CNEL La riforma abolisce sia le Province sia lo CNEL (Consiglio Nazionale Economia e Lavoro) 12 Province CNEL Costituzione Vigente Riforma della Costituzione 2016 Secondo la Costituzione la La riforma prevede che la Repubblica è composta da Repubblica sia costituita da Comuni, Città metropolitane, Comuni, Città metropolitane e Province e Regioni. Regioni. Si elimina quindi la tutela È un organo consultivo del Governo, delle Camere e delle Regioni, e ha diritto all'iniziativa legislativa, limitatamente alle materie di propria competenza ed è composto da «esperti e da rappresentanti delle categorie produttive, in misura che tenga conto della loro importanza numerica e qualitativa». Lo CNEL esprimere pareri e può promuovere iniziative legislative. I pareri sono forniti solo su richiesta del Governo, delle Camere o delle Regioni (quindi non sono obbligatori), e anche se forniti non risultano vincolanti. In 70 anni ha reso 96 pareri e 14 disegni di legge 1. Lo CNEL costa allo Stato circa 20 milioni di euro all anno. costituzionale alle Province. Lo CNEL viene abolito e, con esso, i costi del suo mantenimento. Se vince il No Se vince il Sì Province Rimane la tutela costituzionale delle Province e la Repubblica continuerà ad essere composta in Comuni, Città metropolitane, Province e Regioni. Non vi è più la tutela costituzionale delle Province e La Repubblica sarà composta da Comuni, Città metropolitane e Regioni. CNEL Si conserva lo CNEL. Si abolisce lo CNEL 1 Articolo 99: la riforma abolisce finalmente lo CNEL.

14 Appendice 13 Per approfondire. Il Servizio Studi Segreteria Generale Ufficio Stampa della Camera dei Deputati ha elaborato delle infografiche chiare ed esaustive che permettono di approfondire il nuovo procedimento legislativo previsto dalla riforma e la ripartizione delle competenze tra Stato e Regioni. Di seguito i link da dove è possibile scaricare il materiale. B.pdf V_WEB_V1.pdf

IL SENATO. Riforma costituzionale: cosa succede se vince il Sì o il No

IL SENATO. Riforma costituzionale: cosa succede se vince il Sì o il No Riforma costituzionale: cosa succede se vince il Sì o il No Il 4 dicembre gli Italiani sono chiamati ad esprimersi per il referendum costituzionale confermativo. Il referendum non prevede quorum. Oltre

Dettagli

LA RIFORMA DELLA SECONDA PARTE DELLA COSTITUZIONE

LA RIFORMA DELLA SECONDA PARTE DELLA COSTITUZIONE LA RIFORMA DELLA SECONDA PARTE DELLA COSTITUZIONE APPROVATA DEFINITIVAMENTE IL 12 APRILE 2016 WWW.RIFORMECOSTITUZIONALI.GOV.IT ELEMENTI ESSENZIALI DELLA RIFORMA COSTITUZIONALE SUPERAMENTO DEL BICAMERALISMO

Dettagli

SOLO UNA CAMERA FA LE LEGGI E DA LA FIDUCIA AL GOVERNO. SEMPLIFICAZIONE SUPERAMENTO DEL BICAMERALISMO PERFETTO

SOLO UNA CAMERA FA LE LEGGI E DA LA FIDUCIA AL GOVERNO. SEMPLIFICAZIONE SUPERAMENTO DEL BICAMERALISMO PERFETTO SOLO UNA CAMERA FA LE LEGGI E DA LA FIDUCIA AL GOVERNO. SEMPLIFICAZIONE SUPERAMENTO DEL BICAMERALISMO PERFETTO Non sarà più come fino ad ora: la Camera fa una legge che va al Senato, viene modificata e

Dettagli

IL DDL DI RIFORMA DELLA SECONDA PARTE DELLA COSTITUZIONE

IL DDL DI RIFORMA DELLA SECONDA PARTE DELLA COSTITUZIONE IL DDL DI RIFORMA DELLA SECONDA PARTE DELLA COSTITUZIONE SUPERAMENTO DEL BICAMERALISMO PARITARIO SOLO LA CAMERA DEI DEPUTATI CONFERISCE E REVOCA LA FIDUCIA AL GOVERNO LA CAMERA È PROTAGONISTA DEL PROCEDIMENTO

Dettagli

Riforma costituzionale Renzi-Boschi

Riforma costituzionale Renzi-Boschi Riforma costituzionale Renzi-Boschi Referendum 4 dicembre Punti salienti Iter legislativo in breve 1. Superamento del bicameralismo perfetto 1. Situazione attuale 2. Competenze della Camera 3. Composizione

Dettagli

LA RIFORMA DELLA COSTITUZIONE

LA RIFORMA DELLA COSTITUZIONE LA RIFORMA DELLA COSTITUZIONE Come cambierà l ordinamento? Sei macro aree di intervento A CURA DI GIUSEPPE ARCONZO (Università degli Studi di Milano) Come cambierà l ordinamento? Sei macro aree di intervento

Dettagli

PROGETTO DI RIFORMA COSTITUZIONALE

PROGETTO DI RIFORMA COSTITUZIONALE PROGETTO DI RIFORMA COSTITUZIONALE Progetto di riforma costituzionale Renzi-Boschi. Si tratta di una riforma non di una semplice revisione. La revisione costituzionale tocca disposizioni specifiche. La

Dettagli

Per questo è importante che il voto venga dato in modo documentato e responsabile.

Per questo è importante che il voto venga dato in modo documentato e responsabile. 2 PERCHÉ IL VADEMECUM Questa pubblicazione nasce dall esigenza di far comprendere in maniera semplice ed essenziale la Riforma Costituzionale approvata a maggioranza assoluta, ma inferiore ai 2/3 dei membri

Dettagli

CHE COS'E' fondamentale valori principi l organizzazione politica

CHE COS'E' fondamentale valori principi l organizzazione politica LA COSTITUZIONE CHE COS'E': La legge fondamentale del nostro Paese, l atto che ne delinea le caratteristiche essenziali, descrive i valori, i principi che ne sono alla base, stabilisce l organizzazione

Dettagli

RIFORMA COSTITUZIONALE. Superamento del bicameralismo e revisione del Titolo V

RIFORMA COSTITUZIONALE. Superamento del bicameralismo e revisione del Titolo V 2016 RIFORMA COSTITUZIONALE Superamento del bicameralismo e revisione del Titolo V COSTITUZIONE ITALIANA La Costituzione della Repubblica Italiana è la legge suprema d'italia. È stata approvata dall Assemblea

Dettagli

Dipartimento di Giurisprudenza Per Per una riflessione comune sulla riforma della Costituzione

Dipartimento di Giurisprudenza Per Per una riflessione comune sulla riforma della Costituzione Per Per una riflessione comune sulla riforma della Costituzione 21 giugno 2016 Aulario del Dipartimento di giurisprudenza Quadro sintetico delle principali novità 21 giugno 2016 Aulario del Dipartimento

Dettagli

PROGETTO DI REVISIONE COSTITUZIONALE RIDUZIONE DEL NUMERO DEI PARLAMENTARI

PROGETTO DI REVISIONE COSTITUZIONALE RIDUZIONE DEL NUMERO DEI PARLAMENTARI PROGETTO DI REVISIONE COSTITUZIONALE SUPERAMENTO DEL BICAMERALISMO PARITARIO RIDUZIONE DEL NUMERO DEI PARLAMENTARI RIDUZIONE DEI COSTI DI FUNZIONAMENTO DELLE ISTITUZIONI SOPPRESSIONE DEL CNEL REVISIONE

Dettagli

Cosa cambia con La riforma della seconda parte della Costituzione

Cosa cambia con La riforma della seconda parte della Costituzione Cosa cambia con La riforma della seconda parte della Costituzione Approvata in via definitiva il 12 aprile 2016 Un po' di Storia In 30 anni... NESSUN RISULTATO: 1983-1985: Bicamerale Bozzi 1993-1994: Bicamerale

Dettagli

La Riforma Costituzionale

La Riforma Costituzionale La Riforma Costituzionale Anna Maria Poggi V1.0 Mag 2016 Le innovazioni La riforma riguarda la Seconda Parte della Costituzione e precisamente: 1. Il Parlamento e la sua struttura bicamerale 2. Il procedimento

Dettagli

LA RIFORMA COSTITUZIONALE

LA RIFORMA COSTITUZIONALE LA RIFORMA COSTITUZIONALE Il 4 dicembre andremo a votare per il referendum costituzionale. La legge di revisione costituzionale, approvata il 12 Aprile 2016 dalla Camera dei deputati e pubblicata sulla

Dettagli

LA RIFORMA DEL SENATO E DEL TITOLO V DELLA COSTITUZIONE

LA RIFORMA DEL SENATO E DEL TITOLO V DELLA COSTITUZIONE LA RIFORMA DEL SENATO E DEL TITOLO V DELLA COSTITUZIONE RIFORMA DEL SENATO: ITER (fino al 31 gennaio 2016) Martedì 13 ottobre 2015 il Senato ha approvato la riforma del senato(il ddl Boschi) in prima lettura,

Dettagli

Che cosa cambia e perché

Che cosa cambia e perché Che cosa cambia e perché 1 La fine dell immobilismo Stop al bicameralismo paritario Procedure più snelle e veloci per fare le leggi Meno decreti legge disegni di legge con voto a data certa Il presidente

Dettagli

LA RIFORMA COSTITUZIONALE

LA RIFORMA COSTITUZIONALE SENATO DELLA REPUBBLICA Gruppo Partito Democratico LA RIFORMA COSTITUZIONALE COSA CAMBIA PER I CITTADINI, IL PARLAMENTO E LE ALTRE ISTITUZIONI NAZIONALI E TERRITORIALI La fine del bicameralismo perfetto

Dettagli

Come si può deliberare senza conoscere? Luigi Einaudi, Prediche inutili

Come si può deliberare senza conoscere? Luigi Einaudi, Prediche inutili Verso il Referendum Costituzionale Come si può deliberare senza conoscere? Luigi Einaudi, Prediche inutili Per che cosa votiamo? Nella G.U. del 15 aprile 2016 è stato pubblicato il testo della legge costituzionale

Dettagli

Costituzionale. Anna Maria Poggi. Professore di Diritto Costituzionale Università di Torino

Costituzionale. Anna Maria Poggi. Professore di Diritto Costituzionale Università di Torino La Riforma Costituzionale Anna Maria Poggi Professore di Diritto Costituzionale Università di Torino Le innovazioni La riforma riguarda la Seconda Parte della Costituzione e precisamente: 1. Il Parlamento

Dettagli

REFERENDUM COSTITUZIONALE DEL 4 DICEMBRE 2016

REFERENDUM COSTITUZIONALE DEL 4 DICEMBRE 2016 REFERENDUM COSTITUZIONALE DEL 4 DICEMBRE 2016 Il 4 dicembre si voterà per dire si o no alla riforma costituzionale voluta dal governo. Chiediamo ai cittadini di votare no a questa riforma che limiterebbe

Dettagli

Costituzione 1948 RIFORMA COSTITUZIONALE DDL 1429 D/2016

Costituzione 1948 RIFORMA COSTITUZIONALE DDL 1429 D/2016 Art. 55 Costituzione 1948 Il Parlamento si compone della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica. RIFORMA COSTITUZIONALE DDL 1429 D/2016 Disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario,

Dettagli

LA RIFORMA DELLA COSTITUZIONE IN SINTESI

LA RIFORMA DELLA COSTITUZIONE IN SINTESI LA RIFORMA DELLA COSTITUZIONE IN SINTESI 1 ARGOMENTI DELLA SINTESI La Costituzione italiana Il principio di separazione dei poteri Le fasi del procedimento legislativo Composizione del Parlamento Durata

Dettagli

LA RIFORMA COSTITUZIONALE

LA RIFORMA COSTITUZIONALE LA RIFORMA COSTITUZIONALE REFERENDUM COSTITUZIONALE del 4 dicembre 2016 VERSIONE DIMOSTRATIVA LA RIFORMA COSTITUZIONALE Referendum costituzionale del 4 dicembre 2016 Cat. I - N. 014200 - Grafiche E. GASPARI

Dettagli

La Riforma della Costituzione

La Riforma della Costituzione La Riforma della Costituzione Con 361 sì e 7 no la Camera ha approvato il ddl Boschi sulla riforma della Costituzione. Non hanno votato i deputati dell'opposizione. In autunno ci sarà il referendum confermativo

Dettagli

La riforma costituzionale AVV. DIANA MICHELAZZO E AVV. SILVIA ZUANON

La riforma costituzionale AVV. DIANA MICHELAZZO E AVV. SILVIA ZUANON La riforma costituzionale AVV. DIANA MICHELAZZO E AVV. SILVIA ZUANON Iter referendario ddl Boschi Il testo è stato discusso in parlamento per circa 2 anni. Sono state necessarie tre letture da entrambi

Dettagli

GLI EFFETTI SULLE POLITICHE DEI SERVIZI SOCIALI E SANITARI. Dispensa didattica a cura di Paolo Ferrario mappeser.com

GLI EFFETTI SULLE POLITICHE DEI SERVIZI SOCIALI E SANITARI. Dispensa didattica a cura di Paolo Ferrario mappeser.com mappeser.com 1 LA RIFORMA COSTITUZIONALE DEL 2016: GLI EFFETTI SULLE POLITICHE DEI SERVIZI SOCIALI E SANITARI Dispensa didattica a cura di mappeser.com 18 ottobre 2016 mappeser.com 2 LE POLITICHE LEGISLATIVE

Dettagli

IL TUO VOTO CONTA!!! REFERENDUM COSTITUZIONALE 4 DICEMBRE 2016

IL TUO VOTO CONTA!!! REFERENDUM COSTITUZIONALE 4 DICEMBRE 2016 IL TUO VOTO CONTA!!! REFERENDUM COSTITUZIONALE 4 DICEMBRE 2016 INTRODUZIONE ABBIAMO CERCATO PAROLE SEMPLICI E IMMAGINI PER AIUTARTI A CAPIRE MEGLIO UN TEMA DIFFICILE. CHIEDI A UN AMICO O A UNO DELLA FAMIGLIA

Dettagli

Principali modifiche e spunti di riflessione

Principali modifiche e spunti di riflessione LA RIFORMA COSTITUZIONALE Principali modifiche e spunti di riflessione A cura degli Uffici Legislativo e Relazioni Istituzionali CNA Nazionale È stata promulgata da Enrico de Nicola il 27 dicembre 1947

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE Disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione

Dettagli

LA COSTITUZIONE VIGENTE. In vigore dal 1 gennaio 1948

LA COSTITUZIONE VIGENTE. In vigore dal 1 gennaio 1948 LA COSTITUZIONE VIGENTE In vigore dal 1 gennaio 1948 ITALIA: GOVERNO PARLAMENTARE Il governo è legato al parlamento da un rapporto di fiducia. I cittadini eleggono il parlamento. Presenza di molti partiti:

Dettagli

La Riforma costituzionale

La Riforma costituzionale La Riforma costituzionale Relatore: Dott. Tommaso Cavaletto Mercoledì 23 novembre Comune di Polverara Un po di storia Tentativi di riforma della Costituzione avviati negli ultimi decenni: Commissione Bozzi

Dettagli

Le funzioni del Senato

Le funzioni del Senato Capitolo 2 Le funzioni del Senato 1 Introduzione Come evidenziato nel capitolo precedente, la caratteristica fondamentale del bicameralismo perfetto sta nel fatto che Camera e Senato hanno le stesse funzioni

Dettagli

Referendum sulla riforma della 2^ parte della Costituzione Materiali. Tonioloricerche 88 - ottobre 2016

Referendum sulla riforma della 2^ parte della Costituzione Materiali. Tonioloricerche 88 - ottobre 2016 Referendum sulla riforma della 2^ parte della Costituzione - 2016 Materiali Tonioloricerche 88 - ottobre 2016 Nella Gazzetta Ufficiale del 15 aprile 2016 è stato pubblicato il testo della legge costituzionale

Dettagli

Entriamo nel merito: i contenuti della riforma costituzionale

Entriamo nel merito: i contenuti della riforma costituzionale Entriamo nel merito: i contenuti della riforma costituzionale Emanuele Rossi con Paolo Addis, Francesca Biondi Dal Monte, Vincenzo Casamassima, Luca Gori, Andrea Marchetti, Cristina Napoli, Fabio Pacini,

Dettagli

riforma della costituzione - i contenuti più rilevanti che incidono sull autonomia e sul consiglio - spunti di lettura

riforma della costituzione - i contenuti più rilevanti che incidono sull autonomia e sul consiglio - spunti di lettura CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SERVIZIO LEGISLATIVO riforma della costituzione - i contenuti più rilevanti che incidono sull autonomia e sul consiglio - spunti di lettura ambito composizione

Dettagli

Promulgazione Pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

Promulgazione Pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. 1 LEGGI DI REVISIONE COSTITUZIONALE - PROCEDURA AGGRAVATA (art.138 cost) La legge costituzionale deve essere approvata due volte da ciascuna Camera, a distanza di almeno tre mesi tra la prima e la seconda

Dettagli

LA RIFORMA COSTITUZIONALE SPIEGATA IN MODO SEMPLICE IL PARLAMENTO E LA FUNZIONE LEGISLATIVA

LA RIFORMA COSTITUZIONALE SPIEGATA IN MODO SEMPLICE IL PARLAMENTO E LA FUNZIONE LEGISLATIVA Avv. ALESSANDRO ROGGERI Studio Legale ROGGERI&GRAPPIOLO Associazione Professionale Complesso Torri di Colombo, via C. Colombo, 52 18018 Arma di Taggia (IM) Tel. 0184/462259, Fax 0184/462751 Pagina Facebook:

Dettagli

Riforma Costituzionale Un Sì per il cambiamento

Riforma Costituzionale Un Sì per il cambiamento Riforma Costituzionale Un Sì per il cambiamento Come comunicare la Riforma. Alcune risposte alle domande più frequenti. Rielaborazione testi a cura di Elisa Filippi Perchè questa Riforma? Nessun paese

Dettagli

Il Parlamento bicamerale: struttura

Il Parlamento bicamerale: struttura Il Parlamento bicamerale: struttura Oggi: la Camera (630 componenti) e il Senato (315*) sono entrambi eletti direttamente dal popolo, durano entrambi 5 anni, entrambi votano la fiducia al Governo, entrambi

Dettagli

Gli organi costituzionali. Il Parlamento Camera+Senato

Gli organi costituzionali. Il Parlamento Camera+Senato Gli organi costituzionali Il Parlamento Camera+Senato Camera dei Deputati Camera dei Deputati: aula Senato della Repubblica Senato della Repubblica: aula Il Parlamento è Organo elettivo (elezioni politiche

Dettagli

divisione politica REGNO D'ITALIA REPUBBLICA ITALIANA

divisione politica REGNO D'ITALIA REPUBBLICA ITALIANA LO STATO ITALIANO 568 1861 1946 2016 divisione politica REGNO D'ITALIA REPUBBLICA ITALIANA ALCUNE DATE DA RICORDARE 568: l'arrivo dei Longobardi in Italia dà avvio alla divisione politica della Penisola.

Dettagli

Sintesi del ddl Boschi

Sintesi del ddl Boschi Sintesi del ddl Boschi Guida alla riforma costituzionale 1 Contesto politico di riferimento La revisione costituzionale è il fulcro dell accordo giornalisticamente noto come Patto del Nazareno (dal nome

Dettagli

SUL REFERUNDUM COSTITUZIONALE. IL PUNTO DEL GIURISTA. risponderà SI oppure NO al superamento del bicameralismo paritario, alla riduzione del numero

SUL REFERUNDUM COSTITUZIONALE. IL PUNTO DEL GIURISTA. risponderà SI oppure NO al superamento del bicameralismo paritario, alla riduzione del numero SUL REFERUNDUM COSTITUZIONALE. IL PUNTO DEL GIURISTA. Il quattro dicembre prossimo, l elettore che si recherà a votare attuerà la scelta che, in piena coscienza e conoscenza, avrà fatto sul quesito che

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA BOZZA N. 1653 DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE d iniziativa dei senatori MARINO, MUZIO e PAGLIARULO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 LUGLIO 2002 Modifica al Titolo

Dettagli

Disposizioni transitorie

Disposizioni transitorie Disposizioni transitorie ART. 53. (Disposizioni transitorie). 1. Le disposizioni di cui agli articoli 65, 69, 76, 84, 98-bis, 114, 116, 117, 118, 120, 122, 123, 126, terzo comma, 127, 127-bis, 131 e 133

Dettagli

LA RIFORMA COSTITUZIONALE

LA RIFORMA COSTITUZIONALE LA RIFORMA COSTITUZIONALE 1. La fine del bicameralismo perfetto e la riduzione delle funzioni del Senato Eliminato il rapporto di fiducia tra il Governo e il Senato: sarà la sola Camera ad accordare o

Dettagli

LA MAPPA DELLA SCHIFORMA RENZI BOSCHI

LA MAPPA DELLA SCHIFORMA RENZI BOSCHI a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente Forza Italia 1200 LA MAPPA DELLA SCHIFORMA RENZI BOSCHI 20 ottobre 2016 LA MAPPA DELLA SCHIFORMA RENZI

Dettagli

Sezione II La formazione delle leggi

Sezione II La formazione delle leggi Sezione II La formazione delle leggi COSTITUZIONE TESTO VIGENTE COSTITUZIONE TESTO MODIFICATO Art. 70 Art. 70 art. 10 La funzione legislativa è esercitata collettivamente dalle due Camere La funzione legislativa

Dettagli

Newsletter informa on line

Newsletter informa on line MARCHE Newsletter informa on line documentazione delle autonomie locali n 460 del 31maggio 2016 anno V RIFORMA COSTITUZIONALE IN SINTESI Nella Gazzetta Ufficiale del 15 aprile 2016 è stato pubblicato il

Dettagli

GUIDA AL REFERENDUM COSTITUZIONALE

GUIDA AL REFERENDUM COSTITUZIONALE GUIDA AL REFERENDUM COSTITUZIONALE 04 dicembre 2016 in versione facile da leggere Guida realizzata grazie al contributo dei lettori di prova di Anffas Onlus Udine Per visualizzare e scaricare altri documenti

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 813 B DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (LETTA) dal Ministro per le riforme costituzionali (QUAGLIARIELLO)

Dettagli

i dossier PRESIDENZIALISMO E RIFORME COSTITUZIONALI La proposta di legge costituzionale di iniziativa popolare

i dossier PRESIDENZIALISMO E RIFORME COSTITUZIONALI La proposta di legge costituzionale di iniziativa popolare 431 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com PRESIDENZIALISMO E RIFORME COSTITUZIONALI La proposta di legge costituzionale di iniziativa popolare 3 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE

Dettagli

OSSERVATORIO SUL SISTEMA POLITICO-COSTITUZIONALE DELLA FEDERAZIONE RUSSA

OSSERVATORIO SUL SISTEMA POLITICO-COSTITUZIONALE DELLA FEDERAZIONE RUSSA OSSERVATORIO SUL SISTEMA POLITICO-COSTITUZIONALE DELLA FEDERAZIONE RUSSA www.osservatoriorussia.it Sondaggio dell Osservatorio sul Sistema Politico-Costituzionale della Federazione Russa In ottemperanza

Dettagli

REVISIONE DELLA PARTE II DELLA COSTITUZIONE (AS 1429-A)

REVISIONE DELLA PARTE II DELLA COSTITUZIONE (AS 1429-A) Dossier n. 51 Ufficio Documentazione e Studi 24 luglio 2014 REVISIONE DELLA PARTE II DELLA COSTITUZIONE (AS 1429-A) Sintesi del testo approvato dalla I Commissione Affari Costituzionali del Senato, in

Dettagli

Gli organi dello Stato

Gli organi dello Stato Gli organi dello Stato Il Parlamento italiano Le immunità parlamentari L organizzazione delle Camere L iter legislativo Il ruolo del Presidente della Repubblica La responsabilità del Presidente della Repubblica

Dettagli

Organizzazione dello Stato

Organizzazione dello Stato Organizzazione dello Stato Circuito della decisione politica: comprende gli organi che determinano l indirizzo politico Circuito delle garanzie: comprende organi indipendenti dal potere politico e sprovvisti

Dettagli

LE MODIFICHE ALLA COSTITUZIONE VIGENTE PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI TITOLO IV RAPPORTI POLITICI

LE MODIFICHE ALLA COSTITUZIONE VIGENTE PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI TITOLO IV RAPPORTI POLITICI LE MODIFICHE ALLA COSTITUZIONE VIGENTE PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI TITOLO IV RAPPORTI POLITICI COSTITUZIONE TESTO VIGENTE COSTITUZIONE TESTO MODIFICATO ART. 48 ART. 48 art. 38, CO. 1 Sono elettori

Dettagli

Art. 83 Art. 83 Il Presidente della Repubblica è eletto dal Parlamento in seduta comune dei suoi membri.

Art. 83 Art. 83 Il Presidente della Repubblica è eletto dal Parlamento in seduta comune dei suoi membri. Titolo II IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Titolo II IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Art. 83 Art. 83 eletto dal Parlamento in seduta comune dei suoi membri. eletto dall Assemblea della Repubblica, presieduta

Dettagli

2 GIUGNO 1946 REFERENDUM POPOLARE SUFFRAGIO UNIVERSALE FORMA REPUBBLICANA COSTITUZIONE REPUBBLICA ITALIANA 1 GENNAIO 1948 ASSEMBLEA COSTITUENTE

2 GIUGNO 1946 REFERENDUM POPOLARE SUFFRAGIO UNIVERSALE FORMA REPUBBLICANA COSTITUZIONE REPUBBLICA ITALIANA 1 GENNAIO 1948 ASSEMBLEA COSTITUENTE 1 2 GIUGNO 1946 REFERENDUM POPOLARE SUFFRAGIO UNIVERSALE FORMA REPUBBLICANA COSTITUZIONE REPUBBLICA ITALIANA 1 GENNAIO 1948 ASSEMBLEA COSTITUENTE 2 POPOLO COSTITUZIONE POPOLO REPUBBLICA DEMOCRAZIA 3 ART.

Dettagli

PerchéSI COME SPIEGARE IL REFERENDUM

PerchéSI COME SPIEGARE IL REFERENDUM PerchéSI COME SPIEGARE IL REFERENDUM A cura di Confindustria - Area Affari Legislativi - Area Relazioni Esterne Roma, 14 luglio 2016 Impaginazione grafica: D.effe comunicazione - Roma Vademecum sulla Riforma

Dettagli

Dall art. 1 (che modifica l art. 55) all art. 9 (che modifica l art.69)

Dall art. 1 (che modifica l art. 55) all art. 9 (che modifica l art.69) Pubblichiamo le Modifiche degli Articoli della Costituzione parallelamente al Testo Vigente (Nella Proposta di Modifica troverete evidenziati i cambiamenti principali) Dall art. 1 (che modifica l art.

Dettagli

Referendum costituzionale del 4 dicembre 2016: cosa votare Sì o No?

Referendum costituzionale del 4 dicembre 2016: cosa votare Sì o No? Referendum costituzionale del 4 dicembre 2016: cosa votare Sì o No? Il prossimo 4 dicembre gli italiani saranno chiamati ad esprimere il proprio voto sulla riforma costituzionale. I cittadini dovranno

Dettagli

Le origini dei parlamenti moderni Il bicameralismo italiano Composizione e durata in carica delle Camere Organizzazione e funzionamento delle Camere

Le origini dei parlamenti moderni Il bicameralismo italiano Composizione e durata in carica delle Camere Organizzazione e funzionamento delle Camere IL PARLAMENTO Le origini dei parlamenti moderni Il bicameralismo italiano Composizione e durata in carica delle Camere Organizzazione e funzionamento delle Camere Il procedimento legislativo Le procedure

Dettagli

Democrazia diretta: referendum, proposte di legge popolari e garanzie costituzionali

Democrazia diretta: referendum, proposte di legge popolari e garanzie costituzionali Democrazia diretta: referendum, proposte di legge popolari e garanzie costituzionali Quali sono gli istituti di democrazia diretta Proposta di legge di iniziativa popolare Referendum abrogativo Referendum

Dettagli

Art. 83 Art. 83 Il Presidente della Repubblica è eletto dal Parlamento in seduta comune dei suoi membri.

Art. 83 Art. 83 Il Presidente della Repubblica è eletto dal Parlamento in seduta comune dei suoi membri. per farvi fronte. per farvi fronte. Art. 82 Art. 82 Ciascuna Camera può disporre inchieste su materie di pubblico interesse. A tale scopo nomina fra i propri componenti una commissione formata in modo

Dettagli

disciplina del procedimento di revisione costituzionale

disciplina del procedimento di revisione costituzionale DISEGNO DI LEGGE Istituzione del Comitato parlamentare per le riforme costituzionali ed elettorali e disciplina del procedimento di revisione costituzionale 5 giugno 2013 1 DISEGNO DI LEGGE Art. 1 (Istituzione

Dettagli

SCHEMA TEMATICO DI DISCUSSIONE SULLA RIFORMA DEL BICAMERALISMO

SCHEMA TEMATICO DI DISCUSSIONE SULLA RIFORMA DEL BICAMERALISMO SCHEMA TEMATICO DI DISCUSSIONE SULLA RIFORMA DEL BICAMERALISMO 1) Il bicameralismo rappresenta un modello di organizzazione dell istituzione parlamentare molto diffuso nell esperienza costituzionale moderna

Dettagli

ECC.MO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO ROMA - SEZ 2 BIS ATTO DI INTERVENTO AD ADIUVANDUM. (R.G. n /2016 c.c.

ECC.MO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO ROMA - SEZ 2 BIS ATTO DI INTERVENTO AD ADIUVANDUM. (R.G. n /2016 c.c. ECC.MO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO ROMA - SEZ 2 BIS ATTO DI INTERVENTO AD ADIUVANDUM (R.G. n. 10693/2016 c.c. 17 ottobre 2016) Nell'interesse dell'associazione Cittadini Europei (P. Iva

Dettagli

Istituzioni dello Stato: Camera dei Deputati, Senato e modifiche minori ad altri organi. Il Procedimento Legislativo

Istituzioni dello Stato: Camera dei Deputati, Senato e modifiche minori ad altri organi. Il Procedimento Legislativo Riforma Costituzionale 2016 Argomenti Istituzioni dello Stato: Camera dei Deputati, Senato e modifiche minori ad altri organi Il Procedimento Legislativo Titolo V: competenze Stato Regione Partecipazione

Dettagli

1 giugno Identico.

1 giugno Identico. 1 giugno 2012 TESTO VIGENTE DELLA COSTITUZIONE Art. 56 La Camera dei deputati è eletta a suffragio universale e diretto. Il numero dei deputati è di seicentotrenta, dodici dei quali eletti nella circoscrizione

Dettagli

Organizzazione dello Stato

Organizzazione dello Stato Organizzazione dello Stato Circuito della decisione politica: comprende gli organi che determinano l indirizzo politico Circuito delle garanzie: comprende organi indipendenti dal potere politico e sprovvisti

Dettagli

Referendum sulla Riforma costituzionale

Referendum sulla Riforma costituzionale Referendum sulla Riforma costituzionale Consiglio Generale, 23 giugno 2016 Principi da custodire e Istituti da riformare 1982: Commissione Bicamerale Bozzi 1992: Commissione De Mita Iotti 1997: Commissione

Dettagli

La riforma più inutile e dannosa della storia della repubblica Enrico Cappelletti

La riforma più inutile e dannosa della storia della repubblica Enrico Cappelletti La riforma più inutile e dannosa della storia della repubblica Enrico Cappelletti NOI CHE COSA ABBIAMO PROPOSTO? dimezzamento del numero dei parlamentari dimezzamento delle indennità e dei stipendi esclusione

Dettagli

Sintesi del ddl Boschi

Sintesi del ddl Boschi Sintesi del ddl Boschi Contesto di riferimento La revisione costituzionale è il fulcro del Patto del Nazareno (dal nome della sede nazionale del PD), siglato, nel gennaio 2014, tra il premier Renzi (allora

Dettagli

PARLAMENTO.

PARLAMENTO. PARLAMENTO http://www.parlamento.it/!1 Il Parlamento italiano è formato da due Camere CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA!2 Il nostro è un BICAMERALISMO PERFETTO: le due camere hanno uguali poteri

Dettagli

Progetto di revisione Costituzionale concepito ed elaborato da un giovane avvocato

Progetto di revisione Costituzionale concepito ed elaborato da un giovane avvocato Progetto di revisione Costituzionale concepito ed elaborato da un giovane avvocato Autore: Palma Giuseppe In: Diritto costituzionale PROGETTO DI REVISIONE COSTITUZIONALE CONCEPITO ED ELABORATO DA UN GIOVANE

Dettagli

Opuscolo informativo. Referendumprovinciale2016 Landesvolksbefragung2016. Centrale elettorale Alto Adige. # refaa16 AUTONOME PROVINZ BOZEN SÜDTIROL

Opuscolo informativo. Referendumprovinciale2016 Landesvolksbefragung2016. Centrale elettorale Alto Adige. # refaa16 AUTONOME PROVINZ BOZEN SÜDTIROL AUTONOME PROVINZ BOZEN SÜDTIROL PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO ALTO ADIGE Referendumprovinciale2016 Landesvolksbefragung2016 Opuscolo informativo Centrale elettorale Alto Adige # refaa16 Il Referendum

Dettagli

REFERENDUM SULLA RIFORMA COSTITUZIONALE IL 4 DICEMBRE. io voto

REFERENDUM SULLA RIFORMA COSTITUZIONALE IL 4 DICEMBRE. io voto REFERENDUM IL 4 DICEMBRE REFERENDUM RIFORMA COSTITUZIONALE Quando si vota: 4 dicembre 2016 Come si vota: Importante: gli elettori dovranno scegliere se approvare o non approvare l intero testo del DDL

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3424

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3424 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3424 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori PISTORIO e OLIVA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 26 LUGLIO 2012 Modifiche al testo unico di cui al decreto del Presidente

Dettagli

INDICE CAPITOLO I PROFILO STORICO DEL DIRITTO COSTITUZIONALE ITALIANO

INDICE CAPITOLO I PROFILO STORICO DEL DIRITTO COSTITUZIONALE ITALIANO Premessa......................................... V CAPITOLO I PROFILO STORICO DEL DIRITTO COSTITUZIONALE ITALIANO 1. Le origini dello Stato italiano: le vicende territoriali............. 1 2. Il sistema

Dettagli

Il sistema elettorale americano

Il sistema elettorale americano Il sistema elettorale americano IL PRESIDENTE Il Presidente degli Stati Uniti non è solo il capo dello Stato, a livello f e d e r a l e e s e r c i t a i l P o t e r e esecutivo. I requisiti previsti dalla

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE COSTITUZIONALE ZACCARIA, AMICI, D ANTONA, FERRARI, GIOVANELLI, NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE COSTITUZIONALE ZACCARIA, AMICI, D ANTONA, FERRARI, GIOVANELLI, NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 445 PROPOSTA DI LEGGE COSTITUZIONALE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI ZACCARIA, AMICI, D ANTONA, FERRARI, GIOVANELLI, NACCARATO Modifiche all articolo

Dettagli

IL DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA PARTE SECONDA DELLA COSTITUZIONE

IL DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA PARTE SECONDA DELLA COSTITUZIONE IL DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA PARTE SECONDA DELLA COSTITUZIONE APPROVATO IN SEDE REFERENTE DALLA 1 a COMMISSIONE DEL SENATO NELLA SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2014 WWW.RIFORMECOSTITUZIONALI.GOV.IT ELEMENTI

Dettagli

La Riforma Costituzionale -II. Anna Maria Poggi Professore di Diritto Costituzionale Università di Torino

La Riforma Costituzionale -II. Anna Maria Poggi Professore di Diritto Costituzionale Università di Torino La Riforma Costituzionale -II Anna Maria Poggi Professore di Diritto Costituzionale Università di Torino Aggiungiamo alcune considerazioni non tecniche: Luoghi comuni Aspetti positivi Aspetti problematici

Dettagli

CONOSCERE PER SCEGLIERE

CONOSCERE PER SCEGLIERE RIFORMA DELLA COSTITUZIONE E REFERENDUM CONOSCERE PER SCEGLIERE a cura della Commissione sociopolitica del decanato di Bollate Servire il bene comune. Questo ci siamo prefissi di fare con l'opuscolo che

Dettagli

LA RIFORMA COSTITUZIONALE E IL NUOVO SISTEMA ELETTORALE PER LA CAMERA DEI DEPUTATI

LA RIFORMA COSTITUZIONALE E IL NUOVO SISTEMA ELETTORALE PER LA CAMERA DEI DEPUTATI LA RIFORMA COSTITUZIONALE E IL NUOVO SISTEMA ELETTORALE PER LA CAMERA DEI DEPUTATI Macerata, 27 e 28 settembre 2016 Prof. Erik Longo 2 I precedenti e la chiave di lettura Chiave di lettura: le trasformazioni

Dettagli

REGOLAMENTO FORUM GIOVANILE

REGOLAMENTO FORUM GIOVANILE REGOLAMENTO FORUM GIOVANILE COMUNE DI MINERVINO MURGE (Aggiornato nel mese di marzo 2012) CAPO I - FINALITA E SCOPI Art. 1 Istituzione E istituito dal Comune di MINERVINO MURGE (BA), con Deliberazione

Dettagli

Italia 2015: un nuovo presidente al Quirinale

Italia 2015: un nuovo presidente al Quirinale Italia 2015: un nuovo presidente al Quirinale Il 14 gennaio 2015 si è dimesso Giorgio Napolitano 11 presidente (dal 1948) Il solo a essere stato eletto 2 volte In Italia ciascun mandato dura 7 anni, lui

Dettagli

COMUNE DI PALU PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI PALU PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI PALU PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Allegato alla deliberazione di Consiglio comunale n. 20 del 07/05/2012 Art.1 Generalità e Finalità

Dettagli

Iniziativa Quorum zero e Più Democrazia

Iniziativa Quorum zero e Più Democrazia Iniziativa Quorum zero e Più Democrazia ANALISI DDL COMITATO DI BOLZANO PRESENTAZIONE PROPOSTE GIA DISCUSSE PRESENTAZIONE ALTRE PROPOSTE Mercoledì 1 febbraio 2012 ore 19.00 Sala Rosa Palazzo della Regione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE APPROVATO, IN PRIMA DELIBERAZIONE, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE APPROVATO, IN PRIMA DELIBERAZIONE, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 2613-B DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE APPROVATO, IN PRIMA DELIBERAZIONE, DAL SENATO

Dettagli

Il sistema costituzionale italiano. Prof. Cecilia Bellè

Il sistema costituzionale italiano. Prof. Cecilia Bellè Il sistema costituzionale italiano Prof. Cecilia Bellè FORMA DI STATO (come modalità di esercizio del potere nei confronti dei cittadini) L Italia è una democrazia. (art. 1 Cost.) il potere appartiene

Dettagli

Legge regionale 9 ottobre 2009, n. 13 Istituzione del Consiglio delle autonomie locali *

Legge regionale 9 ottobre 2009, n. 13 Istituzione del Consiglio delle autonomie locali * Legge regionale 9 ottobre 2009, n. 13 Istituzione del Consiglio delle autonomie locali * Art. 1 Oggetto 1. È istituito il Consiglio delle autonomie locali (CAL), quale organo di rappresentanza delle autonomie

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE 31 marzo 2014 DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE DISPOSIZIONI PER IL SUPERAMENTO DEL BICAMERALISMO PARITARIO, LA RIDUZIONE DEL NUMERO DEI PARLAMENTARI, IL CONTENIMENTO DEI COSTI DI FUNZIONAMENTO DELLE ISTITUZIONI,

Dettagli

VADEMECUM RAPPRESENTANTI DI LISTA VOTO ESTERO

VADEMECUM RAPPRESENTANTI DI LISTA VOTO ESTERO VADEMECUM RAPPRESENTANTI DI LISTA VOTO ESTERO 1 Referendum costituzionale del 4 dicembre 2016 Il voto degli italiani all estero. Vademecum per i rappresentanti dei partiti politici * * * 1. PREMESSA. Con

Dettagli

LA RIFORMA COSTITUZIONALE

LA RIFORMA COSTITUZIONALE XVII LEGISLATURA servizio studi LA RIFORMA COSTITUZIONALE Testo di legge costituzionale pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n 88 del 15 aprile 2016 Sintesi del contenuto n. 216/12 parte terza - maggio

Dettagli

Proposta provvisoria di revisione di alcune norme della Costituzione 12 aprile

Proposta provvisoria di revisione di alcune norme della Costituzione 12 aprile Proposta provvisoria di revisione di alcune norme della Costituzione 12 aprile 1. I caratteri dell'intervento a. La proposta si ispira al principio del minimo indispensabile (contrario al massimo possibile).

Dettagli