Nuova Appendice I ( approvata dal Comitato Esecutivo il 4 e 5 marzo 2004)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nuova Appendice I ( approvata dal Comitato Esecutivo il 4 e 5 marzo 2004)"

Transcript

1 Nuova Appendice I ( approvata dal Comitato Esecutivo il 4 e 5 marzo 2004) Lingue: Interpretariato a) Le lingue per le quali si avrà un interpretazione attiva nelle riunioni statutarie e nelle conferenze della FSESP sono: inglese, francese, tedesco, italiano, spagnolo, e una lingua scandinava. Le riunioni statutarie basate sui collegi elettorali dovrebbero godere di una certa flessibilità nella scelta delle lingue attive. b) Si cercherà di assicurare un massimo servizi di interpretazione passiva (parlare ma non ascoltare) e/o altre forme di assistenza linguistica durante le riunioni statutarie e le conferenze della FSESP. c) I servizi di interpretariato si organizzeranno sulla base delle iscrizioni formalizzate nel termine previsto per la registrazione alle riunioni. Non verrà garantito il servizio di interpretariato per quei partecipanti non aventi diritto di parola. Nel caso in cui il partecipante per il quale sono stati contrattati i servizi di interpretariato non può prendere parte alla riunione, l assenza dovrà essere notificata al Segretariato come minimo con quattro settimane d anticipo. Nel caso in cui il termine non venga rispettato il sindacato del partecipante in questione dovrà farsi carico delle spese di interpretariato, salvo che questi non possa parteciparvi per motivi urgenti. Traduzione d) I documenti della FSESP che richiedono una decisione di un organismo statuario della FSESP verranno pubblicati in cinque lingue: inglese, francese, tedesco, spagnolo, e svedese (decisione, del Comitato Esecutivo della FSESP, del 14 giugno 2002). e) In conformità all art. 7.1 (cambiata la numerazione) dello Statuto della FSESP, il Comitato Esecutivo avrà la possibilità di modificare le suddette disposizioni con i limiti stabiliti nell art

2 Appendice II ( vecchia appendice I) ( vedi il punto A della prima pagina del presente documento) FEDERAZIONE SINDACALE EUROPEA DEI SERVIZI PUBBLICI Regolamento del Congresso Preparazione del Congresso 1. Il Comitato esecutivo nominerà per elezione/ ratifica del Congresso La Commissione per la verifica dei poteri; Presidenza del Congresso; La Commissione per il regolamento; La Commissione per le risoluzioni; Gli scrutatori Risoluzioni 2. In virtù dell art dello Statuto, il Comitato Esecutivo determinerà le aree in cui desidera sottoporre risoluzioni strategiche al Congresso. Costituirà una Commissione per le risoluzioni formata dai membri del Comitato Esecutivo da ogni collegio elettorale ( un titolare e un sostituto) o rappresentanti delegati di questi. La Commissione per le risoluzioni dovrà preparare progetti di risoluzione a nome del Comitato Esecutivo. Consiglierà il Comitato Esecutivo su come rispondere alle risoluzioni e sugli emendamenti alle risoluzioni presentate dalle organizzazioni affiliate. La Commissione per le risoluzioni verrà costituita 18 mesi prima del Congresso e inizierà le attività il prima possibile, non più tardi di un anno prima che abbia inizio il Congresso. Continuerà le sue attività durante il Congresso. 3. Le organizzazioni affiliate che intendono presentare progetti di risoluzione e modifiche agli Statuti, affinché queste vengano messi all ordine del giorno del Congresso, devono essere comunicate per iscritto al Segretario generale, al massimo, sei mesi prima che abbia inizio il Congresso. Le copie dei progetti di risoluzione validi verranno inviate alle affiliate non più tardi di cinque mesi prima che abbia inizio il Congresso. Gli emendamenti ai progetti di risoluzione verranno comunicati per iscritto al Segretario generale, al massimo, quattro mesi prima che abbia inizio il Congresso. Il Comitato Esecutivo con l aiuto dalla Commissione per le risoluzioni, fornirà raccomandazioni su come votare le risoluzioni e/ o gli emendamenti ricevuti. Le risoluzioni finali verranno consegnate ai delegati del Congresso non più tardi di due mesi prima che abbia inizio il Congresso. Nomine dei candidati per le cariche elettive 4. I termini di tutte le cariche elettive scadranno con l apertura del Congresso. Le affiliate potranno presentare candidature alla Presidenza, Segreteria Generale ed ai Revisori dei conti per la loro elezione da parte del Congresso. Trasmetteranno le candidature al Segretario Generale almeno cinque mesi prima del Congresso. A due mesi dall inizio del Congresso, il Comitato Esecutivo deciderà quali candidature gli sembra opportuno sostenere. Arrivati a questo punto gli attuali titolari delle cariche in riferimento annunceranno la loro intenzione ad essere o meno rieletti. 2

3 Composizione del Congresso 5. Il Congresso sarà composto da: a) Delegati aventi diritto al voto in rappresentanza di organizzazioni membre, secondo quanto stabilito dagli artt e 5.6, sulla base di 2 voti per ogni sindacato membro di circa x membri, o parte proporzionale di suddetto numero, e di un voto in più per ogni x membri addizionali paganti, o parte proporzionale di suddetta quantità. Nessun sindacato ha il diritto a mandare più delegati del numero di voti che gli corrispondono. Il valore di x viene calcolato nel seguente modo: numero di membri paganti/numero di seggi rimanenti dopo l assegnazione di due seggi per sindacato. Si calcolerà la distribuzione delle delegazioni sulla base dei dati di affiliazione disponibili per l anno più vicino al Congresso Ad eccezione dei sindacati che si sono incorporati alla FSESP nel periodo compreso tra i congressi, potranno inviare delegati solo quelle organizzazioni che abbiano versato il corrispettivo finanziario, così come stabilito dagli artt. 5.3, 5.4 e 5.5, per ogni anno nel periodo compreso tra i congressi. Il numero massimo di delegati sarà approssimatamene di 500. b) Il Presidente e il Segretario generale della FSESP aventi diritto di parola e di voto. c) I rappresentanti dell ISP nel Comitato Esecutivo aventi diritto di parola e di voto. d) Rappresentanti della CES ed altre organizzazioni sindacali europee ed internazionali ai quali sono affiliati i sindacati membri, invitati dal Comitato Esecutivo. e) (attuale e) invitati che possono prendere parola nel Congresso, previo invito del Comitato Esecutivo. f) (attuale c) osservatori e personale tecnico di organizzazioni affiliate in numero non superiore alla metà dei delegati autorizzati, e osservatori di organizzazioni non membre, previo invito del Comitato Esecutivo. g) (attuale f) il personale necessario a garantire il funzionamento delle sessioni del Congresso. Costituzione del Congresso 6. Nella sua prima sessione, il Congresso eleggerà o ratificherà: La Commissione per la verifica dei poteri, che sarà incaricata di verificare le credenziali dei delegati. La Commissione ha l autorità di controllare se le affiliate soddisfano i requisiti e gli obblighi stipulati negli statuti. La Commissione per la verifica dei poteri ha il diritto di richiedere al segretario generale, ai membri del Comitato Esecutivo e a qualunque delegato presente al Congresso l informazione necessaria per l adempimento dei loro obblighi o prove di legittimità delle credenziali dei delegati. La Commissione per la verifica dei poteri presenterà al congresso una relazione nella quale vi sarà il numero dei delegati/e iscritti e votanti. Nel caso in cui qualche delegato registrato non possa assistere al Congresso, l organizzazione affiliata, a cui appartiene il delegato, dovrà notificare al segretario generale le generalità del sostituto, di modo che la Commissione per la verifica dei poteri possa approvare la lista esatta dei delegati. Le votazioni o elezioni non si 3

4 terranno finché esso non abbia esaminato e votato il rapporto e le raccomandazioni iniziali della Commissione per la verifica dei poteri. La presidenza del Congresso sarà formata da quattro presidenti (due donne e due uomini). Queste quattro persone si avvicenderanno alla presidenza delle sessioni del Congresso e vigileranno sul corretto svolgimento dei lavori. Verranno assistiti da due segretari (un uomo e una donna) che hanno il compito di mettere a verbale gli interventi a favore o no delle risoluzioni, contabilizzare i voti a favore, contro e le astensioni. La presidenza approverà e firmerà gli atti del congresso I membri della segreteria e i gli assistenti tecnici qualora vengano richiesti assisteranno la presidenza del Congresso. La Commissione delle risoluzioni, che fornirà, qualora lo ritenga conforme, spiegazioni sulle risoluzioni e sulle raccomandazioni di voto La Commissione per il regolamento, ha il compito di raccomandare l ordine dei lavori e la durata limite degli interventi; esaminare e commentare la validità di tutte le risoluzioni e degli emendamenti ricevuti da parte delle organizzazioni affiliate e dal Comitato Esecutivo, e consigliare il Congresso su qualunque questione il cui sviluppo richieda una decisione. Gli scrutatori verranno nominati dal Congresso per accertare il numero di voti. Sviluppo del Congresso Partecipazione ai dibattiti 7. la Presidenza del Congresso avrà il compito di dirigere i dibattiti e organizzare l ordine dei lavori delle sessioni d accordo con l ordine del giorno e con i calendari stabiliti. La Presidenza redigerà la lista dei relatori secondo le richieste di parola. 8. Le richieste di parola dovranno essere trasmesse al tavolo, per iscritto e prima dell inizio della sessione corrispondente, indicando il nome dei delegati, l organizzazione e il paese rappresentato, ed anche il rapporto o l ordine del giorno nel quale si vuole intervenire. 9. ad eccezione della presentazione dei rapporti e delle risoluzioni verrà assegnato ad ogni delegato un tempo massimo di sette minuti. Qualora fosse ritenuto necessario per esigenze di tempo, il Consiglio potrà limitare ancor di più il tempo o chiudere la lista dei relatori riguardo a un determinato argomento. La presidenza potrà interrompere il relatore che va oltre il tempo stabilito o il cui argomento non è inserito nell ordine del giorno. 10. Le risoluzioni ed altri documenti politici sottoposti ad approvazione saranno presentati e proposti da un membro del Comitato Esecutivo. presentatore avrà il diritto di rispondere ad eventuali chiarimenti. 11. il presidente e il segretario generale della FSESP hanno il diritto di intervenire in qualsiasi momento. Votazione 12. Salvo diversa indicazione, le votazioni del congresso richiedono il raggiungimento del 50% + 1 dei delegati iscritti e votanti. 13. La votazione nel Congresso si effettuerà per alzata di tessera tra i delegati aventi diritto al voto, come previsto dagli artt e 5.6 dello Statuto. Qualora fossero disponibili dei sistemi di votazione elettronici, verranno utilizzati per assicurare una rapidità e precisione nel conteggio 14. Supponendo che la maggioranza raggiunta o il quorum necessario creassero dei dubbi, gli scrutatori effettueranno il conteggio. Nel caso di parità dei voti la presidenza procederà a una nuova votazione. Se ci dovesse essere nuovamente una parità si sottoporrà il progetto di risoluzione all attenzione e approvazione del comitato Esecutivo. 4

5 15. Su richiesta di un minimo di 4 sindacati provenienti da 4 paesi diversi, si procederà ad una votazione per mandato, fissando il numero di voti secondo quanto stabilito nel comma 6 a) del regolamento interno. Risoluzioni d urgenza 16. Si potranno presentare delle risoluzioni d urgenza su quelle questioni per le quali si siano prodotte delle novità oltre il termine di presentazione delle proposte. La Commissione per le risoluzioni esaminerà l ammissibilità di tali risoluzioni prima di sottoporle a dibattito e votazione nel Congresso. Mozione d ordine e diritto a pronunciarsi contro 17. I delegati hanno il diritto di richiedere una mozione d ordine fuori della lista degli iscritti a parlare. Verranno ammesse mozioni d ordine relative a una proposta di chiusura della lista degli interventi, alla limitazione del tempo di parola, alla formulazione di una proposta alternativa di presentazione dei punti all ordine del giorno o l applicazione delle procedure di voto. I delegati potranno prendere parola una sola volta durante una mozione d ordine con il tempo a disposizione di due minuti. Non sarà permesso al delegato di prendere parola per una mozione d ordine pronunciandosi sulla sostanza dell oggetto in discussione. Una volta presentata la mozione d ordine, la presidenza del Congresso chiederà ai delegati se qualcuno si vuole pronunciare contro la mozione d ordine. Il delegato che voglia pronunciarsi contro avrà a disposizione solo due minuti. In seguito la mozione verrà sottoposta a votazione. Elezioni della presidenza e della segreteria generale Le rispettive elezioni di presidente e segretario generale avverranno per votazione segreta nel caso siano state presentate varie candidature per la carica. In ogni caso, se venisse richiesto da 4 sindacati provenienti da 4 paesi diversi l elezione avverrà tramite votazione. 5

6 Nuova appendice III REGOLAMENTO INTERNO DELLE RIUNIONI DEL COMITATO ESECUTIVO DELLA FSESP Membri 1. Ogni paese in cui la FSESP abbia delle organizzazioni affiliate ( 1 membro per ogni membri paganti), l ISP più un membro femminile addizionale per collegio elettorale. 2. Il presidente o i vice presidenti, il segretario generale e il segretario generale aggiunto. 3. I presidenti dei Comitati permanenti della FSESP con solo diritto di parola Altri rappresentanti 4. un rappresentante dell organizzazione internazionale affiliata Unyon Syndicale avrà un invito permanente come osservatore. 5. il rappresentante della FSESP in Eurocrades avrà un invito permanente come osservatore. 6. su invito del Segretario generale potranno assistere i rappresentanti della FSESP negli organi della CES. 7. il Segretario generale sarà colui che deciderà chi potrà assistere alla riunione Invitati 8. Verrà fatto un invito permanente al segretario generale della CES 9. Il comitato direttivo o la presidenza o la vice presidenza potranno, attraverso ill segretario generale, invitare una figura pubblica o una organizzazione non affiliata. Assistenti 10. ogni membro titolare, o in loro assenza il membro sostituto, avranno diritto ad essere aiutati da un assistente. I nomi degli assistenti dovranno essere registrati con il segretariato della FSESP nel termine della data dell iscrizione alla riunione. Diritto di parola 11. avranno diritto a parola le seguenti persone: membri titolari e sostituti; presidenti dei Comitati permanenti; altri rappresentanti ( quando gli si dia la parola) rappresentanti invitati della FSESP negli organi della CES ( quando gli si dia parola); membri del segretariato ( quando gli si dia parola) invitati (quando gli si dia parola) rappresentanti autorizzati in assenza dei corrispondenti membri titolari o sostituti ( sempre che il segretariato abbia conferma di ciò) 6

7 Diritto di voto 12. Avranno diritto al voto in virtù di quanto disposto nell art degli statuti della FSESP: membri titolari; membri sostituti in assenza dei loro corrispondenti titolari. Registrazione dei partecipanti 13. I partecipanti verranno iscritti nel registro del segretariato prima di occupare i loro seggi nella sala riunioni. I membri titolari, o in loro assenza i sostituti, riceveranno le schede elettorali nel momento della registrazione. Votazione 14. la Votazione si effettuerà per alzata di tessera. Quando un membro eleggibile del Comitato Esecutivo chiede una votazione verrà sottoposta ad approvazione dei membri. Una volta approvata dai membri per maggioranza semplice, si procederà alla votazione. Servizio di interpretariato 15. Il servizio di interpretariato sarà organizzato come descritto nell art. 6.4 degli statuti della FSESP, sulla base delle iscrizioni formalizzate nel termine previsto. 16. L interpretariato non sarà garantito, come descritto nell art. 6.4 degli statuti della FSESP, per quei partecipanti che si iscrivono oltre il termine 17. L interpretariato non sarà garantito, come descritto nell art degli statuti della FSESP, per quei partecipanti senza diritto di parola. 18. Nel caso in cui il partecipante per il quale sono stati contrattati degli interpreti non possa partecipare alla riunione, l assenza dovrà essere notificata al segretariato come minimo quattro settimane prima. Supponendo che il termine non venga rispettato il sindacato del partecipante in questione, dovrebbe pagare le spese di interpretariato, salvo che questi non possa partecipare per motivi di salute. Documenti della riunione 19. i documenti relativi alle riunioni verranno inviati o distribuiti esclusivamente ai membri titolari o sostituti, ed anche ai partecipanti con diritto di parola. Le versioni inglesi verranno inviate per posta otto settimane e quattro settimane prima della convocazione, salvo in casi di urgenza. Resoconti 20. I resoconti includeranno come minimo: la lista dei partecipanti; l ordine del giorno approvato; la lista di coloro che sono intervenuti; le proposte fatte e i presentatori le decisioni prese 7

8 Nuova Appendice IV Regolamento interno delle riunioni del Comitato direttivo della FSESP Membri 7. Ogni collegio elettorale della FSESP e l ISP possono essere rappresentati dai loro membri. Ci saranno membri del Comitato Esecutivo basati su due rappresentanti per collegio, tre se il collegio ha più di un milione di iscritti, l ISP. Almeno uno dei rappresentanti nominati dovrà essere una donna, Un collegio che non adempirà alla richiesta di nominare una domnna perderà un seggio. Ogni collegio nominerà dei sostituti. 8. nel caso in cui il collegio elettorale sia a favore di un sistema di rotazione dei membri ( titolari e sostituti), i nomi delle persone nelle posizioni di titolare o supplente dovranno essere comunicati per iscritto al segretariato nel termine previsto di iscrizione nella riunione. 9. Il presidente, i vice presidenti, il segretario generale e il segretario generale aggiunto. Osservatori 4. su invito del segretario generale potranno assistere i rappresentanti della FSESP negli organi della CES 5. il segretario generale sarà colui che deciderà chi, del Segretariato, potrà partecipare alle riunioni Invitati 6. il Comitato direttivo o la presidenza o la vicepresidenza potranno, attraverso il segretario generale, invitare una figura pubblica o una organizzazione non affiliata. Assistenti 7. ogni membro titolare, o in loro assenza il membro sostituto, avranno diritto ad essere aiutati da un assistente. I nomi degli assistenti dovranno essere registrati con il segretariato della FSESP nel termine della data dell iscrizione alla riunione. Diritto di parola 8. avranno diritto a parola le seguenti persone: membri titolari e sostituti; rappresentanti invitati della FSESP negli organi della CES ( quando gli si dia parola); rappresentanti autorizzati in assenza dei corrispondenti membri titolari o sostituti ( sempre che il segretariato abbia conferma di ciò) Diritto di voto 9. Avranno diritto al voto in virtù di quanto disposto nell art degli statuti della FSESP: membri titolari; 8

9 membri sostituti in assenza dei loro corrispondenti titolari. Registrazione dei partecipanti 10. I partecipanti verranno iscritti nel registro del segretariato prima di occupare i loro seggi nella sala riunioni. I membri titolari, o in loro assenza i sostituti, riceveranno le schede elettorali nel momento della registrazione. Votazione 11. la Votazione si effettuerà per alzata di tessera. Quando un membro eleggibile del Comitato direttivo chiede una votazione verrà sottoposta ad approvazione dei membri. Una volta approvata dai membri per maggioranza semplice, si procederà alla votazione. Servizio di interpretariato 12. Il servizio di interpretariato sarà organizzato come descritto nell art. 6.4 degli statuti della FSESP, sulla base delle iscrizioni formalizzate nel termine previsto. 13. L interpretariato non sarà garantito, come descritto nell art. 6.4 degli statuti della FSESP, per quei partecipanti che si iscrivono oltre il termine 14. L interpretariato non sarà garantito, come descritto nell art degli statuti della FSESP, per quei partecipanti senza diritto di parola. 15. Nel caso in cui il partecipante per il quale sono stati contrattati degli interpreti non possa partecipare alla riunione, l assenza dovrà essere notificata al segretariato come minimo quattro settimane prima. Supponendo che il termine non venga rispettato il sindacato del partecipante in questione, dovrebbe pagare le spese di interpretariato, salvo che questi non possa partecipare per motivi di salute. Documenti della riunione 16. i documenti relativi alle riunioni verranno inviati o distribuiti esclusivamente ai membri titolari o sostituti, ed anche ai partecipanti con diritto di parola. Le versioni inglesi verranno inviate per posta otto settimane e quattro settimane prima della convocazione, salvo in casi di urgenza. Resoconti 17. I resoconti includeranno come minimo: la lista dei partecipanti; l ordine del giorno approvato; la lista di coloro che sono intervenuti; le proposte fatte e i presentatori le decisioni prese 9

10 Appendice V (vecchia appendice II) Federazione Sindacale Europea dei Servizi Pubblici Lista dei collegi elettorali Danimarca, Norvegia, Svezia, Finlandia, Islanda Regno Unito, Irlanda Germania Benelux, Francia Europa centrale: Austria, Svezia, Rep. Ceca, Slovacchia, Ungheria, Slovenia, Croazia Europa Orientale: Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Romania, Bulgaria, Turchia Mediterraneo: Italia, Spagna, Portogallo, Malta, Grecia, Cipro Il 23 Aprile 2004 il Comitato esecutivo ha fatto una raccomandazione sul seguente emendamento Modificare: Germania, Austria e Svizzera Modificare: Europa centrale: Austria, Svizzera, Repubblica Ceca, Slovacchia Ungheria, Slovenia, Croazia Eliminare: Europa Orientale: Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia; Bulgaria, Turchia Sostituire la riga eliminata con: Nordest d Europa: Estonia, Lettonia, Lituania e Polonia Sudest d Europa: Romania, Bulgaria, Macedonia, Serbia e Turchia 10

11 Appendice VI ( vecchia appendice IV) FEDERAZIONE SINDACALE EUROPEA DEI SERVIZI PUBBLICI Direttive relative ai Comitati permanenti Il Comitato Esecutivo potrà istituire Comitati permanenti, all interno della politica e del bilancio della FSESP. Solo quei sindacati che hanno versato la quota di affiliazione alla FSESP o quelli a cui il Comitato abbia concesso una riduzione o esenzione dal pagamento hanno diritto a una rappresentanza nei Comitati Permanenti. Il Comitato Esecutivo potrà inoltre cercare risorse aggiuntive. Comitati Permanenti: obiettivi e funzioni 2. Un Comitato permanente è un organo costituito per un numeroso gruppo di lavoratori di un settore specifico dei servizi pubblici. Esso elaborerà un programma di attività conforme alla politica della FSESP e sarà orientato verso gli interessi dei lavoratori del settore per cui è stato costituito. Il programma dovrà essere approvato dal Comitato Esecutivo. Il Comitato renderà conto delle questioni su cui è impegnato al Comitato Esecutivo o tra le riunioni di questo, al Comitato Direttivo. Il Comitato Permanente presterà consulenza al Comitato Esecutivo sulle politiche realizzabili nel relativo settore per il quale è stato costituito. E autorizzato a formare delle sottosessioni per trattare le questioni che riguardano determinati gruppi di lavoratori del settore per il quale è stato creato, con riserva di approvazione da parte del Comitato Esecutivo. 3. Il Comitato permanente procederà ad uno scambio di informazioni sulla contrattazione collettiva e sugli accordi, condizioni di lavoro, campagne politiche e sindacali che si riferiscono al settore per il quale è stato formato. Vi è la possibilità che questo processo dia luogo a modalità di coordinamento e decisione comuni rispetto agli accordi sindacali a livello europeo. 4. Il Comitato Permanente sarà incaricato del dialogo sociale sotto la direzione del Comitato Direttivo vedi l art ( negoziazioni con le organizzazioni dei datori di lavoro a livello europeo) nel settore per il quale è stato istituito dal Comitato Esecutivo. Qualsiasi accordo derivato dal processo di dialogo sociale dovrà essere approvato dal Comitato Esecutivo. Il Comitato informerà sullo stato di evoluzione del dialogo sociale il Comitato Esecutivo o tra le sessioni di questo, il Comitato Direttivo. Composizione 5. Il Comitato Permanente sarà composto da responsabili sindacali appartenenti alle organizzazioni affiliate del settore di attività per il quale è stato istituito; che siano responsabili delle negoziazioni collettive nei loro paesi, sulla base di un rappresentante per paese nel quale la FSESP abbia delle organizzazioni e di un membro addizionale nel caso in cui il paese superi il milione di membri paganti. Deve garantirsi così la rappresentanza dei sindacati degli stati membri dell UE e delle amministrazioni e delle istituzioni europee. In questo modo ci si assicura che i datori di lavoro di diversi stati si 11

12 riuniscano con le loro controparti a livello europeo nell ambito del processo di dialogo sociale. 6. Durante l anno successivo al Congresso, il comitato Permanente eleggerà tra i suoi membri un presidente e due vicepresidenti. La presidenza, insieme al segretariato della FSESP, sarà responsabile della gestione ordinaria e delle attività del programma. La presidenza informerà il Comitato Esecutivo o durante le sessioni di questo, il Comitato Direttivo- sulle attività portate a termine e sullo stato del processo di dialogo sociale. Segretariato 7. Il segretariato del Comitato permanente verrà svolto dal segretariato della FSESP o in altri modi che siano decisi dal Comitato Esecutivo. 12

13 Appendice VII ( vecchia appendice V) FEDERAZIONE SINDACALE EUROPEA DEI SERVIZI PUBBLICI Gruppi di lavoro speciali Il Comitato esecutivo potrà formare uno o più gruppi di lavoro speciali per un determinato problema o interesse specifico. Il Comitato esecutivo stabilirà il mandato del gruppo. Il gruppo di lavoro fornirà consulenza al Comitato Esecutivo su come trattare le questioni. Ogni anno, il Comitato Esecutivo si pronuncerà sulla necessità di mantenere il (i) gruppo(i) di lavoro. 2. Il segretariato del gruppo di lavoro sarà diretto o dal segretariato della FSESP o sotto la direzione dalla FSESP. 13

14 Appendice VIII (anteriore appendice VI) (vedi il punto b. della prima pagina del presente documento) PROCEDURA E MANDATI PER IL DIALOGO SOCIALE Nel presente documento sono stabilite le procedure che la FSESP deve eseguire per ottenere un mandato e per adottare le decisioni corrispondenti agli accordi propri del dialogo sociale intersettoriale e settoriale. I. CONTRIBUTO AL DIALOGO SOCIALE: DEFINIZIONE DELLE POSIZIONI GENERALI DELLA FSESP Le posizioni che la FSESP concretizzerà sia rispetto al dialogo sociale intersettoriale che al settoriale dovranno basarsi sulle politiche adottate dal Congresso. Per quanto riguarda il dialogo intersettoriale sarà il Comitato Esecutivo che dovrà sviluppare le politiche, mentre per il dialogo settoriale saranno i Comitati Permanenti. II. DIALOGO INTERSETTORIALE I componenti del Comitato esecutivo, con il fine di consultazione e negoziazione così come stabilito nel capitolo sociale del Trattato dell Unione Europea, avranno la responsabilità politica di coordinare le posizioni con le affiliate e con i membri dei Comitati permanenti degli stati membri dell UE, dell EEA 1 e paesi candidati all adesione. Le informazioni verranno fornite, alle affiliate e ai membri del Comitato esecutivo, nelle lingue disponibili (Commissione e/o CES). Le posizioni della FSESP nella prima e seconda fase di consultazione verranno elaborate in inglese, dato il breve termine e in conformità con la decisione del Comitato esecutivo del maggio per risparmiare tempo, quando sarà possibile la corrispondenza verrà inviata per posta elettronica. La FSESP coordinerà i suoi contributi con la CES. I. Fase di consultazione e informazione 1.1 Inizio del processo di consultazione da parte della Commissione Europea La Commissione sottoporrà alla consultazione delle parti sociali, d accordo con le procedure disposte nel capitolo sociale, un documento o una proposta relativa alla politica sociale. Quando necessario, il segretariato della FSESP sottoporrà un progetto di proposta su una possibile posizione della FSESP, nel quale verranno specificate all attenzione dell insieme di affiliate le conseguenze per i lavoratori del settore pubblico e dei loro 1 Spazio Economico Europeo (European Economic Area): Islanda, Liechtenstein e Norvegia (NdR) 14

15 sindacati, al fine di informare e discutere, e ai membri del Comitato esecutivo per un processo di coordinamento tra le affiliate dei rispettivi paesi. Partendo dai commenti ricevuti, il Segretariato della FSESP sottoporrà ad approvazione del Comitato Direttivo una bozza di documento. Il Comitato direttivo deciderà l opportunità di trasmettere la posizione della FSESP alla Commissione e alla CES all interno del periodo di consultazione di sei settimane. Nel caso in cui non si possa convocare il Comitato direttivo si ricorrerà ad una procedura scritta. Le decisioni saranno comunicate all insieme delle affiliate e ai membri del comitato Esecutivo. 1.2 Seconda fase di consultazione La seconda fase di consultazione seguirà delle regole simili. Quando necessario, il segretariato della FSESP sottoporrà un progetto di proposta su una possibile posizione della FSESP, nel quale verranno specificate all attenzione dell insieme di affiliate le conseguenze per i lavoratori del settore pubblico e dei loro sindacati, al fine di informare e discutere, e ai membri del Comitato esecutivo per un processo di coordinamento tra le affiliate dei rispettivi paesi. Partendo dai commenti ricevuti, il Segretariato della FSESP sottoporrà ad approvazione del Comitato Direttivo una bozza di documento. Il Comitato Direttivo stabilirà se la FSESP crede nell opportunità che la politica sociale sia negoziabile o meno. La decisione che il Comitato Direttivo prenderà, verrà comunicata all insieme delle affiliate, ai membri del Comitato Esecutivo alla CES e alla Commissione. La CES deciderà se negoziare o meno la questione. Se la CES decidesse di non negoziare questo sarà la fine di del procedimento di dialogo sociale intersettoriale. Il periodo di consultazione avrà una durata di sei settimane. Le decisioni che verranno prese si comunicheranno alle affiliate e ai membri del Comitato esecutivo. Vi è la possibilità che la FSESP o le organizzazioni europee dei lavoratori del settore pubblico ritengano conveniente negoziare una determinata questione quando la CES, il CEEP e la Unice abbiano emesso una opinione sfavorevole. (Per questi casi, vedi il capitolo III Dialogo Sociale settoriale). II. Negoziazioni Le negoziazioni avvengono se le parti intersettoriali eiropee (CES, Unice, CEEP) si accordano sulla negoziazione. 2.2 Determinazione del mandato La FSESP riceverà una proposta dalla CES. Quando necessario il segretariato della FSESP formulerà dei commenti sulla proposta della CES basandosi sulla posizione della FSESP nella prima e seconda fase di consultazione. I membri del comitato Esecutivo e le affiliate riceveranno tutta l informazione necessaria sulle proposte della CES, i commenti del segretariato della FSESP riguardo le negoziazioni potenziali almeno quattro settimane prima che sia presa rispetto al mandato una decisione del Comitato Esecutivo della CES. 15

16 Affinché i rappresentanti della FSESP possano intervenire nell esecutivo della CES, i membri del Comitato Esecutivo della FSESP ( coordinando gli input delle affiliate) dovranno trasmettere per iscritto le loro opinioni al segretariato della FSESP, preferibilmente in inglese o in un altra lingua ufficiale della FSESP. Partendo dalle risposte ricevute, i rappresentanti della FSESP ( titolari e sostituti) nel Comitato esecutivo della CES stabiliranno la posizione finale della FSESP nel Comitato Esecutivo della CES. La FSESP informerà la CES che desidera far parte della delegazione trattante della CES e che verrà rappresentata dal segretario Generale della FSESP o da un suo rappresentante designato. 2.2 Monitoraggio delle negoziazioni Le affiliate, il Comitato direttivo ed esecutivo verranno informati regolarmente sui progressi delle negoziazioni. In caso d urgenza, potranno essere prese decisioni riguardanti il mandato o modificare lo stesso facendolo per scritto durante il periodo di consultazione di 4 settimane con i membri del Comitato esecutivo. Le affiliate saranno tenute informate sui fatti Quando le negoziazioni portano alla formulazione di una bozza di accordi, la stessa verrà inviata alle affiliate e al Comitato Esecutivo della FSESP, almeno sei settimane prima che il Comitato Esecutivo della CES prenda una decisione (per permettere la consultazione e la definizione del mandato per il voto) III. DIALOGO SOCIALE SETTORIALE Il processo di dialogo sociale avverrà nel seguente modo. 1. Inizio del processo La FSESP proporrà un tema di discussione con i datori di lavoro di settore o accetterà una proposta di discussione di questi. I comitati permanenti prenderanno le decisioni sulla base della politica generale adottata dalla FSESP e le priorità del programma FSESP. I Comitati Permanenti decideranno sulle questioni da loro ritenute importanti. 2. Nomina della delegazione trattante Verrà nominata una delegazione trattante che avrà il compito di preparare, se è conforme, una posizione congiunta. La nomina dei membri sarà a carico del comitato permanente, che veglierà per stabilire un equilibrio tra le competenze, regioni, uomini e donne. Il gruppo includerà un rappresentante del segretariato della FSESP. Questo potrà redigere proposte e risposte. 3. Negoziazioni Nelle trattative con i datori di lavoro, la delegazione trattante dovrà rendere conto alla presidenza e alla vicepresidenza del Comitato permanente. La presidenza, le vicepresidenze e la delegazione trattante stabiliranno quando richiedere contributi o decisioni ai membri. 4. Comitato di dialogo sociale settoriale 16

17 Le delegazioni della FSESP nei comitati di dialogo sociale settoriale saranno costituiti dai corrispondenti membri dei comitati permanenti, insieme ai rappresentanti di tutti i paesi membri dell UE. Nel caso in cui si stabilisca un dialogo sociale settoriale in un settore che non è rappresentato nel corrispondente comitato permanente, verrà costituito un gruppo negoziatore con rappresentanti dei sindacati interessati. Il gruppo dovrà rendere conto al Comitato permanente. Tutte le affiliate appartenenti ai rispettivi settori verranno informate e consultate sulle posizioni adottate nei Comitati di dialogo sociale settoriale. Il comitato permanente prenderà in considerazione il risultato finale delle negoziazioni settoriali. Sottoporrà ad approvazione del Comitato Esecutivo una raccomandazione da adottare o rifiutare. Nel caso di limitazioni di tempo, si affiderà al comitato Direttivo l approvazione della raccomandazione del Comitato permanente ( se necessario, la pratica potrà avvenire per iscritto) IV. PROCESSO DECISIONALE E VOTAZIONE 1. La votazione sui risultati finali delle negoziazioni (l attuale accordo) avverrà sulla base di una maggioranza dei due terzi dei voti espressi dai membri aventi diritto del Comitato esecutivo. Il quorum è fissato al 50% +1 dei membri titolari del Comitato esecutivo. 2. Lo stesso quorum è applicato per la procedura scritta ( 50% +1 dei membri titolari del Comitato Esecutivo), affinché si raggiunga il quorum il risultato dovrà essere per la maggioranza dei due terzi dei voti espressi. Nel caso in cui il tempo sia limitato il Comitato Direttivo potrà approvare i risultati ottenuti tramite risposta scritta e questa verrà trasmesso al Comitato esecutivo. 3. Avranno diritto al voto solo i membri del Comitato Esecutivo provenienti dai paesi dell UE. e dall EEE, poiché gli accordi verranno applicati solo a questi paesi. 4. Tutte le altre votazioni, sia del Comitato Direttivo, Esecutivo e Permanente, si svolgeranno per maggioranza semplice dei presenti e con diritto al voto ( art dello statuto della FSESP. 5. Le astensioni verranno considerate come una posizione di neutralità sulla questione. 6. I membri de Comitato Esecutivo, Direttivo o Permanente dovranno garantire il diritto di consultazione e partecipazione di tutti i sindacati entro i limiti stabiliti 7. Le organizzazioni sindacali che pensano che questa procedura non sia stata rispettata potranno mettersi in contatto con il Comitato Direttivo/Esecutivo attraverso il Segretariato. V. INTERPRETAZIONE DEL PRESENTE DOCUMENTO Il Comitato Esecutivo conviene che il segretariato, anche consultando la Presidenza, Vice Presidenza o il Comitato Direttivo laddove ci sia bisogno, sia l interprete del documento nel caso ci fossero domande e pareri relativi a circostanze non contemplate dal presente documento. Il Comitato esecutivo dovrà, in seguito, essere informato 17

18 Appendice IX ( vecchia appendice III) (Il Comitato Esecutivo riunitosi il 4 e 5 marzo 2004 ha convenuto che il dibattito su questo allegato continuerà a livello delle presidenze di entrambe le Organizzazioni) ACCORDO DI COOPERAZIONE TRA LA ISP E LA FSESP (adottato da EURECON e dal Comitato Esecutivo dell ISP nel novembre 1999) Il presente accordo basa i suoi fondamenti nel comma 6.2 dello statuto della FSESP 1. Aree di cooperazione L accordo riconosce due obiettivi principali per la FSESP: a) per i sindacati ISP formare la sottoregione ISP nella UE, nello SEE ed anche per i paesi che hanno fatto richiesta di adesione all Unione Europea. b) costruire nell ambito organizzativo della CES una federazione sindacale indipendente di lavoratori del settore pubblico. Il raggiungimento di questi obiettivi richiede accordi di cooperazione tra l ISP e la FSESP ed anche strutture e risorse indipendenti per occuparsi della questione relative al processo di integrazione europea. Relativamente al punto 1a il Comitato Esecutivo dell ISP e il Comitato Regionale Europeo hanno il compito di stabilire le attività regionali europee dell ISP. Per concretizzare suddette responsabilità la FSESP dovrà assistere l ISP per la messa in atto del piano di azione a livello subregionale. Relativamente al punto 1b è compito del Comitato Direttivo ed Esecutivo della FSESP fissare politiche e destinare risorse. Le quote di affiliazione della FSESP dovranno essere versate in euro su un conto bancario alla FSESP. Le affiliate della ISP e della FSESP dichiarano lo stesso numero di membri, per il pagamento delle quote di affiliazione sia all ISP che alla FSESP. La ISP sosterrà l attività della FSESP attraverso: Un adeguato co-finanziamento; mettendo del personale competente a disposizione della FSESP; fornendo assistenza amministrativa e tecnica. 2. Personale a) Ai fini del presente accordo il Segretario generale dell ISP delega al Comitato Direttivo della FSESP la responsabilità del Segretariato della FSESP in conformità dell art. 6.1 dello statuto della FSESP e 16.1 dello statuto dell ISP. Il Segretario Generale della FSESP è responsabile della gestione delle attività comuni del Segretariato rendendo conto al Comitato esecutivo e direttivo della FSESP. Queste competenze includono: L elaborazione e diffusione di documenti e pubblicazioni: L amministrazione generale di attività, uffici e personale; 18

19 L assunzione e il licenziamento di personale (soggetti aventi diritto, così come previsto dall accordo collettivo, al ricorso); Le richieste della FSESP che hanno a che vedere con le risorse finanziarie dell ISP o la gestione del personale, devono essere presentate al Segretario Generale della ISP. b) Il personale della FSESP dovrà essere assicurato dallo stesso datore di lavoro ad eccezione del personale messo a disposizione. c) Tenuto conto del livello insufficiente delle riserve finanziarie della FSESP si dovrà mantenere, per tutta la durata del presente accordo il rapporto di lavoro con l ISP, basato sul contratto collettivo della CISL internazionale. In caso di cambiamenti i diritti acquisiti dei lavoratori dovrebbero essere garantiti anche dal nuovo datore di lavoro e questo richiederà una contrattazione con il personale e con il suo sindacato. 3. Patrimonio Il Comitato Esecutivo della FSESP fisserà le necessità di risorse del segretariato ( ristrutturazione o trasferimento d uffici) nei limiti delle disponibilità finanziarie. Le richieste di fondi dovranno essere presentate nel momento della stesura del bilancio dell ISP, saranno a carico del Comitato Esecutivo della ISP e verranno stanziati previa autorizzazione. La FSESP cercherà di costituire delle riserve sufficienti, in un tempo ragionevole, per ridurre l importo di risorse ricevute dall ISP come anticipo. 4. Sostegno dell ISP alla FSESP a) Servizi professionali: Collegamento dell Ufficio dell ISP con il contabile della FSESP per garantire una coerente politica contabile; mantenimento e conciliazione del bilancio tra la FSESP e la ISP b) Supporto amministrativo: traduzioni, impaginazioni, fotocopie stampe e spedizioni. c) Il lavoro intrapreso dai membri del personale, per conto della ISP o della FSESP, verrà corrisposto sulla base di una tariffa stabilita, le cui condizioni sono soggette a revisione annuale. In caso di disaccordo rispetto a queste disposizioni, il Presidente della FSESP e della ISP dovranno essere informati. 5. Natura dell accordo Il presente accordo è un allegato dello statuto della FSESP. Esso potrà essere soggetto a revisione annuale e, se è necessario, a modifiche sia da parte del Segretario Generale dell ISP che del Segretario Generale della FSESP. 19

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DELLE ISTITUZIONI SUPERIORI DI CONTROLLO DELLE FINANZE PUBBLICHE (INTOSAI)

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DELLE ISTITUZIONI SUPERIORI DI CONTROLLO DELLE FINANZE PUBBLICHE (INTOSAI) * Traduzione a cura dell Ufficio Relazioni Internazionali e Comunitarie maggio 2007 INTOSAI STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DELLE ISTITUZIONI SUPERIORI DI CONTROLLO DELLE FINANZE PUBBLICHE (INTOSAI)

Dettagli

Art. 1. Ragione sociale

Art. 1. Ragione sociale Art. 1 Ragione sociale Sotto la ragione sociale SOS Ticino è costituita un associazione ai sensi dell art. 60 e segg. del Codice Civile svizzero con sede sociale a Lugano. Scopo Art. 2 SOS Ticino è un

Dettagli

Articolo 1 Composizione

Articolo 1 Composizione Regolamento interno di organizzazione per il funzionamento della Conferenza nazionale per la garanzia dei diritti dell infanzia e dell adolescenza Istituita dall art. 3, comma 7, della legge 12 luglio

Dettagli

Statuti della SGfB. I. Disposizioni generali

Statuti della SGfB. I. Disposizioni generali Statuti della SGfB I. Disposizioni generali Art. 1 Nome e sede Con la denominazione di Associazione Svizzera di Consulenza SGfB/Swiss Association for Counselling si è costituita un associazione ai sensi

Dettagli

STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA

STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA Atto Constitutivo e Statuto del 1998, modificato nelle Assemblee del 09.06.10 e 11.06.12 ITALIANO STATUTO DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO PER I CONGRESSI DI CIRCOLO, PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI SEGRETARI PROVINCIALI, DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA NAZIONALE

REGOLAMENTO PER I CONGRESSI DI CIRCOLO, PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI SEGRETARI PROVINCIALI, DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA NAZIONALE REGOLAMENTO PER I CONGRESSI DI CIRCOLO, PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI SEGRETARI PROVINCIALI, DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA NAZIONALE (Approvato dalla Direzione del 7 Ottobre 2013) PREMESSA Il

Dettagli

Comitato Aziendale Europeo di Autogrill. Regolamento Interno REGOLAMENTO INTERNO CAE AUTOGRILL

Comitato Aziendale Europeo di Autogrill. Regolamento Interno REGOLAMENTO INTERNO CAE AUTOGRILL Regolamento Interno REGOLAMENTO INTERNO CAE AUTOGRILL In riferimento a quanto stabilito nell Accordo del 18 novembre 2010 art.6 comma 3, ed in ottemperanza a quanto previsto dalla Direttiva Europea (2009/38/CE)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A Premessa Il presente regolamento è riferito alle elezioni RSU/RLS del Gruppo A2A (perimetro ex-aem) sulla base delle previsioni dell accordo sottoscritto

Dettagli

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n 17 del 30 marzo 2007 NORME

Dettagli

REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE

REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE - Approvato dal Consiglio Direttivo dell ANCE il 28 aprile 1992 - Modificato dal Consiglio Direttivo dell ANCE il 29 aprile 1993 - Modificato dal Comitato

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 1 Il Comitato di Sorveglianza dei Programmi Operativi Regionali (POR)

Dettagli

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015 LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego Laura Robustini EURES Adviser 04 Marzo 2015 IL LAVORO IN EUROPA EURES promuove la mobilità geografica ed occupazionale sostenendo i

Dettagli

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013)

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA POR OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) Comitato di Sorveglianza 13 maggio 2011 REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI REGOLAMENTO Regolamento Forum dei Giovani Pag. 1 di 8 ART.1 Istituzione Il Consiglio Comunale della Città di Pollena Trocchia riconosciuto: l importanza

Dettagli

S T A T U T I. La stessa riunisce, aiuta e sostiene i suoi membri nella loro attività professionale.

S T A T U T I. La stessa riunisce, aiuta e sostiene i suoi membri nella loro attività professionale. S T A T U T I I. DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA Articolo 1 - Generalità Con il nome dell Associazione Svizzera delle Imprese di Rimozione Amianto e Bonifiche (abbreviato ASIRAB) viene costituita un associazione

Dettagli

AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI

AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI Aprile 2006 Premessa L Assemblea Regionale delegata è attualmente disciplinata dall art.39 dello Statuto AGESCI e a livello regionale

Dettagli

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011)

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011) Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO (Anno 2011) INDICE: Art. 1 Costituzione, natura e sede Art. 2 Competenze e funzioni Art. 3 Rapporti

Dettagli

Regolamento Interno del CAE di UniCredit Group

Regolamento Interno del CAE di UniCredit Group Regolamento Interno del CAE di UniCredit Group Il Comitato Aziendale Europeo UniCredit Group (CAE UniCredit Group) nella sua seduta del... ha deliberato, secondo quanto previsto dall Accordo del 26.1.2007

Dettagli

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE Istituzione e insediamento Art. 1 Istituzione La Consulta per le politiche giovanili è istituita dal Comune di Floridia con deliberazione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della Prevenzione e della Comunicazione Direzione Generale Rapporti con l Unione Europea e per i Rapporti Internazionali - Ufficio II - Protocollo DG RUERI/ 3998 /I.3.b

Dettagli

ART. 1 COSTITUZIONE ART. 2 FINALITA

ART. 1 COSTITUZIONE ART. 2 FINALITA REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI ART. 1 COSTITUZIONE 1.1 Con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991)

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) CAPO I DELLA COSTITUZIONE E DEL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO NAZIONALE ART. 1 Insediamento del Consiglio - Entrata in carica

Dettagli

FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO

FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO Avvertenze: Il presente testo contiene alternativamente gli articoli dello Statuto della Federazione e del Regolamento.

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO Art. 1 Finalità Il presente Regolamento ha per oggetto le norme di funzionamento del Comitato Esecutivo di Slow Food Italia. Art. 2 Il Comitato Esecutivo.

Dettagli

STATUTO APPROVATO NELLA SEDUTA CONGRESSUALE AICCRE DEL 14 FEBBRAIO 2011. A.I.C.C.R.E. Associazione dei Comuni e delle Regioni d Europa EMILIA-ROMAGNA

STATUTO APPROVATO NELLA SEDUTA CONGRESSUALE AICCRE DEL 14 FEBBRAIO 2011. A.I.C.C.R.E. Associazione dei Comuni e delle Regioni d Europa EMILIA-ROMAGNA Associazione Italiana del Consiglio dei Comuni e delle Regioni d Europa Federazione dell Emilia-Romagna STATUTO APPROVATO NELLA SEDUTA CONGRESSUALE AICCRE DEL 14 FEBBRAIO 2011 A.I.C.C.R.E. Associazione

Dettagli

ALLEGATO IV MODELLO DI ACCORDO FINANZIARIO TRA ISTITUTO E PARTECIPANTE PER LA MOBILITÀ DEL PERSONALE DELLA SCUOLA ACCORDO N.

ALLEGATO IV MODELLO DI ACCORDO FINANZIARIO TRA ISTITUTO E PARTECIPANTE PER LA MOBILITÀ DEL PERSONALE DELLA SCUOLA ACCORDO N. ALLEGATO IV MODELLO DI ACCORDO FINANZIARIO TRA ISTITUTO E PARTECIPANTE PER LA MOBILITÀ DEL PERSONALE DELLA SCUOLA ACCORDO N. e: L Istituto (Denominazione istituto di appartenenza): Indirizzo completo:

Dettagli

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE STATUTO ANDISU ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE E costituita l Associazione Nazionale degli Organismi per il Diritto allo Studio Universitario (A.N.DI.S.U.). Di essa possono far parte tutti gli organismi

Dettagli

STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA

STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA ART. 1 DENOMINAZIONE SEDE 1. Il Centro di Firenze per la Moda Italiana, in forma abbreviata CENTRO MODA, costituito il 6 novembre 1954, è una Associazione

Dettagli

A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA. Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense

A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA. Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense Art. 1 Disposizioni generali E costituita in Roma, con sede legale presso il Tribunale Civile,

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE CALABRIA FEASR 2007-2013 Decisione della Commissione Europea C (2007) 6007 del 29 novembre 2007 Proposta di

Dettagli

Statuto. Servizio Cure a Domicilio del Luganese

Statuto. Servizio Cure a Domicilio del Luganese Statuto Servizio Cure a Domicilio del Luganese CAPITOLO 1 Scopo, sede e durata Denominazione Art. 1 Con la denominazione Servizio cure a domicilio del Luganese - SCuDo è costituita a Lugano un Associazione

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n. 42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640 Cod. Fiscale e P. IVA 02573090236 Accredited - Agréé U.O.C. SERVIZIO CONVENZIONI Via G. Murari

Dettagli

Dipartimento di Studi per l Economia e l Impresa Bando Free Mover a.a. 2015/2016

Dipartimento di Studi per l Economia e l Impresa Bando Free Mover a.a. 2015/2016 DIPARTIMENTO DI STUDI PER L ECONOMIA E L IMPRESA IL DIRETTORE Via E. Perrone, 18 28100 Novara NO Tel. 0321 375 521- Fax 0321 375 512 direttore.disei@unipmn.it Dipartimento di Studi per l Economia e l Impresa

Dettagli

Regolamento del Registro Comunale delle Associazioni e delle Consulte di Settore ISTITUZIONE E COMPOSIZIONE DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI

Regolamento del Registro Comunale delle Associazioni e delle Consulte di Settore ISTITUZIONE E COMPOSIZIONE DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI Regolamento del Registro Comunale delle Associazioni e delle Consulte di Settore TITOLO I ISTITUZIONE E COMPOSIZIONE DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI Articolo 1 ISTITUZIONE 1. E istituito il Registro Comunale

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE ENTE NON COMMERCIALE SENZA FINI DI LUCRO DENOMINATA CIRCOLO DI CULTURA FOTOGRAFICA PHOTOLIFE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE ENTE NON COMMERCIALE SENZA FINI DI LUCRO DENOMINATA CIRCOLO DI CULTURA FOTOGRAFICA PHOTOLIFE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE ENTE NON COMMERCIALE SENZA FINI DI LUCRO DENOMINATA CIRCOLO DI CULTURA FOTOGRAFICA PHOTOLIFE Denominazione e scopi Art. 1 In data 10 agosto 2002 è costituito in Lucca,

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

Progetto di Regolamento del Circolo PD di Bruxelles

Progetto di Regolamento del Circolo PD di Bruxelles Progetto di Regolamento del Circolo PD di Bruxelles Approvato dall Assemblea del Circolo PD di Bruxelles il XXX PREAMBOLO Il presente Regolamento (in prosieguo: "Regolamento PD Bruxelles") ha per scopo

Dettagli

Regolamento finanziario del Partito Democratico Città di Roma

Regolamento finanziario del Partito Democratico Città di Roma 1 Regolamento finanziario del Partito Democratico Città di Roma Articolo 1 - Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento disciplina l attività economica, finanziaria e patrimoniale del Partito Democratico

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013 ******************** Il Comitato di Sorveglianza del Programma Operativo Regionale FESR Sicilia

Dettagli

PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Regolamento. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi

PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Regolamento. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI Regolamento Regolamento del Comitato Controllo e Rischi Data approvazione: 16/01/2007 Ultima modifica: 08/11/2012 Regolamento del Comitato Controllo e Rischi

Dettagli

La Carta sociale in breve

La Carta sociale in breve La Carta sociale in breve La Carta sociale europea Un trattato del Consiglio d Europa che protegge i diritti dell uomo 5 La Carta sociale europea (qui di seguito denominata «la Carta») sancisce dei diritti

Dettagli

Parte I. Votazione delle delibere dell Assemblea Paritetica (Art. 15 dello Statuto)

Parte I. Votazione delle delibere dell Assemblea Paritetica (Art. 15 dello Statuto) REGOLAMENTO ELETTORALE PER LE VOTAZIONI DELLE DELIBERE DELL ASSEMBLEA PARITETICA, PER LE ELEZIONI, LA NOMINA E LA REVOCA DEI COMPONENTI L ASSEMBLEA DEI DELEGATI, IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ED IL COLLEGIO

Dettagli

Articolo 1 Nuovo tenore della Convenzione

Articolo 1 Nuovo tenore della Convenzione PROTOCOLLO DEL 3 GIUGNO 1999 RECANTE MODIFICA DELLA CONVENZIONE RELATIVA AI TRASPORTI INTERNAZIONALI FERROVIARI (COTIF) DEL 9 MAGGIO 1980 (PROTOCOLLO 1999) In applicazione degli articoli 6 e 19 2 della

Dettagli

Accordo europeo relativo al trasporto internazionale su strada delle merci pericolose (ADR)

Accordo europeo relativo al trasporto internazionale su strada delle merci pericolose (ADR) Traduzione 1 Accordo europeo relativo al trasporto internazionale su strada delle merci pericolose (ADR) 0.741.621 Conchiuso a Ginevra, il 30 settembre 1957 Approvato dall Assemblea federale il 4 dicembre

Dettagli

STATUTI. Nota: le definizioni di funzioni formulate al genere maschile si possono intendere anche al femminile

STATUTI. Nota: le definizioni di funzioni formulate al genere maschile si possono intendere anche al femminile STATUTI Nota: le definizioni di funzioni formulate al genere maschile si possono intendere anche al femminile Accettato dall Assemblea Generale del 19 marzo 2005 Statuti ASPT Pagina 2 I. Scopi e obiettivi

Dettagli

Regolamento gruppo giovani

Regolamento gruppo giovani Regolamento gruppo giovani Art.1 Costituzione E costituito presso l Associazione Costruttori Salernitani, con sede presso la stessa, il Gruppo Giovani Imprenditori Edili della Provincia di Salerno. Art.2

Dettagli

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010 ASSOCIAZIONE CULTURALE GLI ABRUZZESI A FIRENZE STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010 Articolo 1 Costituzione E costituita, con sede in Firenze, l Associazione culturale denominata GLI ABRUZZESI A FIRENZE

Dettagli

di Basilicata 1. (CONVOCAZIONE DEL PROCEDIMENTO ELETTORALE) 2. (ELETTORATO ATTIVO E PASSIVO)

di Basilicata 1. (CONVOCAZIONE DEL PROCEDIMENTO ELETTORALE) 2. (ELETTORATO ATTIVO E PASSIVO) REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA DELL UNIONE PROVINCIALE DI POTENZA E DI MATERA, DEI SEGRETARI E DEI COMITATI DIRETTIVI DI CIRCOLO 1 La Direzione Regionale del Partito Democratico

Dettagli

Associazione Nazionale tra Imprenditori di Piattaforme di Distribuzione STATUTO SOCIALE. Roma, 22 giugno 2012 INDICE

Associazione Nazionale tra Imprenditori di Piattaforme di Distribuzione STATUTO SOCIALE. Roma, 22 giugno 2012 INDICE Associazione Nazionale tra Imprenditori di Piattaforme di Distribuzione STATUTO SOCIALE Roma, 22 giugno 2012 INDICE Art. 1) Art. 2) Art. 3) Art. 4 ) Art. 5) Art. 6) Art. 7) Art. 8) Art. 9) Art. 10) Art.

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE ONLUS Marta per gli altri. Art. 1

STATUTO ASSOCIAZIONE ONLUS Marta per gli altri. Art. 1 STATUTO ASSOCIAZIONE ONLUS Marta per gli altri Art. 1 È costituita una associazione denominata Marta per gli altri, organizzazione non lucrativa di utilità sociale (Onlus). L'associazione assume nella

Dettagli

Traduzione 1 Convenzione istitutiva dell Organizzazione di cooperazione e di sviluppo economici

Traduzione 1 Convenzione istitutiva dell Organizzazione di cooperazione e di sviluppo economici Traduzione 1 Convenzione istitutiva dell Organizzazione di cooperazione e di sviluppo economici 0.970.4 Conchiusa a Parigi il 14 dicembre 1960 Approvata dall Assemblea federale il 14 giugno 1961 2 Ratificata

Dettagli

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze)

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze) STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) É costituita una Federazione tra l Associazione bancaria italiana (ABI), l Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici (ANIA) e le Associazioni rappresentative

Dettagli

Convenzione europea sull equivalenza dei periodi di studi universitari

Convenzione europea sull equivalenza dei periodi di studi universitari Traduzione 1 Convenzione europea sull equivalenza dei periodi di studi universitari 0.414.31 Conclusa a Parigi il 15 dicembre 1956 Approvata dall Assemblea federale il 6 marzo 1991 2 Istrumento di ratificazione

Dettagli

Fondazione Istituto Andrea Devoto

Fondazione Istituto Andrea Devoto Fondazione Istituto Andrea Devoto Istituto di ricerca sulle marginalità e polidipendenze ONLUS Allegato al verbale del Consiglio di Amministrazione del Preambolo. Ai sensi dell articolo 11, lettera m e

Dettagli

Accordo per l informazione e la consultazione a livello sovranazionale dei dipendenti

Accordo per l informazione e la consultazione a livello sovranazionale dei dipendenti Accordo per l informazione e la consultazione a livello sovranazionale dei dipendenti * del gruppo Deutsche Bank nell Unione Europea Commissione interna Euro Deutsche Bank Premessa In considerazione dello

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER N. 1 BORSA DI STUDIO PER ATTIVITA FREE MOVER 2014/2015

BANDO DI CONCORSO PER N. 1 BORSA DI STUDIO PER ATTIVITA FREE MOVER 2014/2015 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DEL FARMACO IL DIRETTORE Largo Donegani 2/3 28100 Novara NO Tel. 0321 375 602- Fax 0321 375 621 BANDO DI CONCORSO PER N. 1 BORSA DI STUDIO PER ATTIVITA FREE MOVER 2014/2015 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE 24 Luglio 2015 1 ARTICOLO 1 PREMESSA 1.1. Conto tenuto delle raccomandazioni contenute nel Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana S.p.A.,

Dettagli

REPLY S.p.A. Sede legale in Torino, Corso Francia n. 110. Capitale Sociale versato di 4.863.485,64. Registro delle Imprese di Torino n.

REPLY S.p.A. Sede legale in Torino, Corso Francia n. 110. Capitale Sociale versato di 4.863.485,64. Registro delle Imprese di Torino n. REPLY S.p.A. Sede legale in Torino, Corso Francia n. 110 Capitale Sociale versato di 4.863.485,64 Registro delle Imprese di Torino n. 97579210010 Codice fiscale n. 97579210010 Partita IVA n. 08013390011

Dettagli

associazione nazionale dirigenti e alte professionalità della scuola ADERENTE ALL ESHA EUROPEAN SCHOOL HEADS ASSOCIATION

associazione nazionale dirigenti e alte professionalità della scuola ADERENTE ALL ESHA EUROPEAN SCHOOL HEADS ASSOCIATION associazione nazionale dirigenti e alte professionalità della scuola ADERENTE ALL ESHA EUROPEAN SCHOOL HEADS ASSOCIATION Regolamento dei congressi e delle assemblee Approvato dal Consiglio Nazionale nella

Dettagli

COMUNE DI CALVENE. Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI CALVENE. Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI CALVENE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 44 DEL 29.11.2012 INDICE Art. 1 FINALITA Art. 2 COMPETENZE Art.

Dettagli

PROTOCOLLO RELATIVO ALLA CONVENZIONE PER LA PROTEZIONE DELLE ALPI (CONVENZIONE DELLE ALPI) SULLA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE

PROTOCOLLO RELATIVO ALLA CONVENZIONE PER LA PROTEZIONE DELLE ALPI (CONVENZIONE DELLE ALPI) SULLA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE PROTOCOLLO RELATIVO ALLA CONVENZIONE PER LA PROTEZIONE DELLE ALPI (CONVENZIONE DELLE ALPI) SULLA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE La Repubblica d Austria, la Repubblica Francese, la Repubblica Federale

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE PREAMBOLO Il presente Regolamento disciplina l attività del Consiglio dell Ordine Forense di Frosinone nell osservanza delle disposizioni legislative in materia

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE UNICA PER LE POLITICHE DEL LAVORO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE UNICA PER LE POLITICHE DEL LAVORO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE UNICA PER LE POLITICHE DEL LAVORO (D.Lgs 23 dicembre 1997, n. 469) SOMMARIO TITOLO I - Norme di organizzazione ART. 1 Ambito di applicazione ART. 2 Finalità ART.

Dettagli

COMUNE DI ALA. Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI.

COMUNE DI ALA. Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI. COMUNE DI ALA Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI. 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità e contenuti 1. Questo regolamento stabilisce le modalità per l

Dettagli

Università degli Studi di Perugia DR n. 2323

Università degli Studi di Perugia DR n. 2323 Università degli Studi di Perugia DR n. 2323 Il Rettore Oggetto: Avviso di selezione per l attribuzione di n. 30 contributi di mobilità per attività di Training (Staff mobility for training) Programma

Dettagli

Il Ministro per gli Affari Esteri

Il Ministro per gli Affari Esteri Decreto Ministeriale 16 marzo 2001, n. 032/655, Procedure di selezione ed assunzione di Personale a contratto. DM VISTATO REGISTRATO AL PERSONALE DALL UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO DM n. 032/655 PRESSO

Dettagli

Accordo europeo sul mantenimento delle borse di studio versate a studenti che proseguono i loro studi all estero

Accordo europeo sul mantenimento delle borse di studio versate a studenti che proseguono i loro studi all estero Traduzione 1 Accordo europeo sul mantenimento delle borse di studio versate a studenti che proseguono i loro studi all estero 0.414.7 Concluso a Parigi il 12 dicembre 1969 Approvato dall Assemblea federale

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 REGOLAMENTO INTERNO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA. Art.

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 REGOLAMENTO INTERNO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA. Art. PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 REGOLAMENTO INTERNO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA Art. 1 (Composizione) Il Comitato di Sorveglianza del Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo.

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo. REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Art.1 Finalità 1. Allo scopo di promuovere i diritti, accrescere le opportunità e favorire una idonea crescita socio-culturale dei ragazzi, nella piena consapevolezza

Dettagli

STATUTO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA

STATUTO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA STATUTO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NELLE IMPRESE COOPERATIVE. Testo approvato dall Assemblea ordinaria del 9 giugno 2005 ART. 1 COSTITUZIONE Al fine di promuovere

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE FALDUS

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE FALDUS STATUTO DELL ASSOCIAZIONE FALDUS ART. 1. COSTITUZIONE. Si è costituita con sede in Viale della Rimembranza 35, piano terra Fallo (CH) un associazione che assume la denominazione di Faldus. Il Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA Art. 1 - FUNZIONI e ATTIVITA del COMITATO Il Comitato Consultivo Misto (in sigla CCM), dell Azienda

Dettagli

Bando Erasmus+ Mobilità per Studio 2015/2016

Bando Erasmus+ Mobilità per Studio 2015/2016 Bando Erasmus+ Mobilità per Studio 2015/2016 Il Programma Erasmus+ permette di vivere esperienze culturali all'estero, di conoscere nuovi sistemi di istruzione superiore e di incontrare giovani di altri

Dettagli

DELLA CONSULTA COMUNALE PER LO SPORT

DELLA CONSULTA COMUNALE PER LO SPORT COMUNE di BRUGHERIO Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER LO SPORT Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 6 del 04/02/2005 Modificato con Deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 REGOLAMENTO INTERNO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA Art. 1 (Composizione) Il Comitato di Sorveglianza del PSR 2007-2013 (approvato dalla Commissione

Dettagli

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA CONVOCAZIONE ASSEMBLEA Con la presente si convoca l assemblea generale dei lavoratori per il giorno / / alle ore : presso la sede legale dell azienda sita in Via n a ( ) per discutere e re in merito ai

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile Approvato con D.C.C. n. 32 del 24/04/2008 Modificato con D.C.C. n. 9 del 14/04/2011 Art. 1 - Istituzione

Dettagli

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI ASSESSORATO ALLA PARTECIPAZIONE STATUTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I - NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI Art. 1 - Istituzione...

Dettagli

STATUTO DEL FONDO ASSISTENZA SANITARIA. CAPO I Ambito di applicazione, natura giuridica, finalità e funzioni. Art. 1 Ambito di applicazione

STATUTO DEL FONDO ASSISTENZA SANITARIA. CAPO I Ambito di applicazione, natura giuridica, finalità e funzioni. Art. 1 Ambito di applicazione STATUTO DEL FONDO ASSISTENZA SANITARIA CAPO I Ambito di applicazione, natura giuridica, finalità e funzioni Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il «Fondo Assistenza Sanitaria» (FAS) assicura l assistenza

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA ROMA CLUB REGOLAMENTO

ASSOCIAZIONE ITALIANA ROMA CLUB REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE ITALIANA ROMA CLUB REGOLAMENTO ALLEGATO ALLO STATUTO SOCIALE 05 Marzo 2010 1 PREMESSA Ai sensi dell art. 16 dello Statuto Sociale dell A.I.R.C. (Associazione Italiana Roma Club) è redatto

Dettagli

Statuto. La società a responsabilità limitata denominata "Livorno Sport S.r.l.", è retta da questo Statuto.

Statuto. La società a responsabilità limitata denominata Livorno Sport S.r.l., è retta da questo Statuto. Statuto Art.1 La società a responsabilità limitata denominata "Livorno Sport S.r.l.", è retta da questo Statuto. Art 2 La Società ha sede legale in Livorno, presso il complesso sportivo "La Bastia", in

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

COMUNE DI ESCALAPLANO

COMUNE DI ESCALAPLANO COMUNE DI ESCALAPLANO Provincia di Cagliari STATUTO CONSULTA GIOVANI DI ESCALAPLANO CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI FONTI NORMATIVE Le disposizioni contenute nel presente statuto trovano il loro

Dettagli

A.R.I. ASSOCIAZIONE RADIOAMATORI ITALIANI COMITATO REGIONALE TRENTINO-ALTO ADIGE REGOLAMENTO

A.R.I. ASSOCIAZIONE RADIOAMATORI ITALIANI COMITATO REGIONALE TRENTINO-ALTO ADIGE REGOLAMENTO ART. 1 - Atto costitutivo A.R.I. ASSOCIAZIONE RADIOAMATORI ITALIANI COMITATO REGIONALE TRENTINO-ALTO ADIGE REGOLAMENTO In Malga Coè ( Folgaria - Trento ), il giorno 25 luglio 1978, secondo quanto prescritto

Dettagli

STATUTI EUROPA DONNA SVIZZERA (EDS) Coalizione europea contro il cancro del seno

STATUTI EUROPA DONNA SVIZZERA (EDS) Coalizione europea contro il cancro del seno STATUTI EUROPA DONNA SVIZZERA (EDS) Coalizione europea contro il cancro del seno Preambolo Il cancro del seno è il tipo di cancro più frequente nelle donne in Europa. È una malattia alla quale è necessario

Dettagli

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO Art. 1 Denominazione E costituita, anche ai sensi dell art. 13 della L.R. 7/98, una associazione, senza scopo di lucro, denominata

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE FIDAS VERONA

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE FIDAS VERONA REGOLAMENTO REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE FIDAS VERONA PARAGRAFO 1 L associazione Fidas Verona è formata dall aggregazione delle associazioni di donatori volontari di sangue aderenti alla Fidas e operanti

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA Articolo 1 Si costituisce il Circolo Dipendenti della Federazione Trentina della Cooperazione con sede sociale presso la Federazione

Dettagli

Università degli Studi di Perugia DR n. 345. Il Rettore

Università degli Studi di Perugia DR n. 345. Il Rettore Università degli Studi di Perugia DR n. 345 Il Rettore Oggetto: Avviso di selezione per l attribuzione di n. 10 contributi di mobilità per docenza (Staff mobility for teaching) Programma Erasmus+ A.A.

Dettagli

GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE MARTELLAGO

GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE MARTELLAGO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE MARTELLAGO COMUNE DI MARTELLAGO Provincia Di Venezia SALA OPERATIVA: Deposito Comunale - Via Roma N 79-30030 Martellago (VE) TEL / FAX: 041-5408314 E-MAIL: pc.marte@provincia.venezia.it

Dettagli

Comune di Lugo REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE

Comune di Lugo REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Comune di Lugo REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Anno 2004-2005 REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE ASSOCIATIVE DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE FONDAZIONE TARAS 706 A.C.

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE ASSOCIATIVE DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE FONDAZIONE TARAS 706 A.C. REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE ASSOCIATIVE DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE FONDAZIONE TARAS 706 A.C. Art. 1 Indizione delle elezioni 1. Il Consiglio Direttivo convoca l Assemblea degli

Dettagli

Convenzione europea sullo statuto giuridico dei figli nati fuori matrimonio

Convenzione europea sullo statuto giuridico dei figli nati fuori matrimonio Traduzione 1 Convenzione europea sullo statuto giuridico dei figli nati fuori matrimonio 0.211.221.131 Conchiusa a Strasburgo il 15 ottobre 1975 Approvata dall Assemblea federale l 8 marzo 1978 2 Istrumento

Dettagli

unione regionale istituzioni e iniziative pubbliche e private di assistenza agli anziani STATUTO

unione regionale istituzioni e iniziative pubbliche e private di assistenza agli anziani STATUTO unione regionale istituzioni e iniziative pubbliche e private di assistenza agli anziani STATUTO in vigore dal 7 Aprile 2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Unione Regionale Istituzioni e Iniziative Pubbliche

Dettagli

BONIFICO E RID LASCIANO IL POSTO AI NUOVI STRUMENTI DI PAGAMENTO SEPA. Sai cosa cambia? Informati, ti riguarda! Bancaria Editrice 2013 - Bozza.

BONIFICO E RID LASCIANO IL POSTO AI NUOVI STRUMENTI DI PAGAMENTO SEPA. Sai cosa cambia? Informati, ti riguarda! Bancaria Editrice 2013 - Bozza. BONIFICO E RID LASCIANO IL POSTO AI NUOVI STRUMENTI DI PAGAMENTO SEPA Sai cosa cambia? Informati, ti riguarda! logo 2 QUALI PAESI FANNO PARTE DELLA SEPA 3 La SEPA include 33 Paesi: 17 Paesi della UE che

Dettagli

Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè. Adozione testo definitivo del 02/05/2014

Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè. Adozione testo definitivo del 02/05/2014 Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè Adozione testo definitivo del 02/05/2014 Art.1 RIFERIMENTI ALLO STATUTO COMUNALE 1 Il presente Regolamento si ispira al Titolo III

Dettagli

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con delibera consiliare n. 91 del 19 dicembre 2006 Comune di Prata di Pordenone Consiglio Comunale

Dettagli