Tribunale Trieste, civile. Sentenza 11 ottobre 2011, n. 1082

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tribunale Trieste, civile. Sentenza 11 ottobre 2011, n. 1082"

Transcript

1 Tribunale Trieste, civile Sentenza 11 ottobre 2011, n Integrale - RESPONSABILITA' MEDICA - PAZIENTE - DOMANDA GIUDIZIALE - RESPONSABILITÀ CONTRATTUALE DELLA STRUTTURA SANITARIA - RESPONSABILITÀ DA CONTATTO SOCIALE DEL MEDICO - ONERE PROBATORIO - ESISTENZA DEL CONTRATTO - INSORGENZA O AGGRAVAMENTO DELLA PATOLOGIA - ALLEGAZIONE ALTRUI INADEMPIMENTO - DEBITORE - INSUSSISTENZA DELL'INADEMPIMENTO - IRRILEVANZA EZIOLOGICA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI TRIESTE SEZIONE CIVILE All'udienza del ore nella causa sub R.G. 2273/08 promossa da: An.La., res. in Trieste, rappresentata e difesa, per procura a margine dell'atto di citazione dall'avv. Ga.La., con domicilio eletto presso e nello studio del difensore in Trieste, via (...); attrice contro Co.Da., res. a Trieste in via (...) - Opicina -, rappresentato e difeso, per procura a margine dell'atto di citazione notificato, dal prof. Avv. Al.An. e dall'avv. Al.Ga., con domicilio eletto presso e nello studio dei difensori in Trieste, via (...); convenuto e nei confronti di Zu. S.A. Rappresentanza Generale per l'italia, in persona del legale rappresentante pro tempore, dott. Pi.Ga., corrente in Milano p.za (...), rappresentato e difeso, per delega in calce all'atto di chiamata in causa, dall'avv. Ma.Ca., domiciliatario presso il suo studio in Trieste via (...); terza chiamata e Assicuratrice Mi. S.p.A. in persona del Presidente legale rappresentante pro tempore, sig. Li.Fi., con sede in c.so (...), San Cesario sul Panaro (MO), rappresentata e difesa, per delega a margine della comparsa di costituzione, dagli Avv.ti Si.Fe., An.Pe. del Foro di Modena e dall'avv. Al.Ro. del Foro di Trieste, quest'ultima domiciliataria presso il suo studio in Trieste via (...); terza chiamata compaiono l'avv. La. in sost. Avv. Ga.La. per l'attrice, l'avv. Ga. per il convenuto, l'avv. Ma.Ca. per la terza chiamata Zu., e l'avv. Al.Ro. per la Assicuratrice Mi. S.p.A. che precisano le conclusioni, rispettivamente: parte attrice come in memoria autorizzata di data , l'avv. Ga. come in note conclusive autorizzate di data , l'avv. Ca. come in note conclusive dd e l'avv. Ro. come in proprie note conclusive dd. LEX24 - Gruppo 24 ORE Pagina 1 / 13

2 Si procede alla discussione orale della causa, i difensori illustrano brevemente - richiamando i propri atti - le argomentazioni più rilevanti e svolgono reciproche repliche, depositando note spese. Al termine della discussione, dopo la camera di consiglio, alle ore in presenza dei difensori sopraindicati, il giudice pronuncia la sentenza, dando lettura del dispositivo e della concisa esposizione delle ragioni di fatto e di diritto della decisione. FATTO E DIRITTO 1. Con atto di citazione in data la sig.ra An.La., ha convenuto in giudizio il dott. Da.Co., per ottenere il risarcimento dei danni patrimoniali e non patrimoniali in tesi patiti a seguito ed in conseguenza di intervento chirurgico estetico di mastopessi con protesi, praticatole dal convenuto in data , allegando in particolare, quale esito pregiudizievole un'anomala evoluzione fortemente antiestetica delle cicatrici postoperatorie. Espone inoltre l'attrice essere stato inutilmente tentato un intervento di rimodellamento, sempre ad opera del convenuto, in data L'azione è svolta sulla base di solo titolo contrattuale, allegando - sulla scorta di perizia medico legale di parte - un'incongrua tecnica di sutura dei piani cutanei ovvero l'insufficienza della sutura stessa. Lamenta ancora l'attrice la genericità e l'insufficienza dell'informazione ricevuta prima dell'intervento, non essendo stata informata circa le probabilità di buon esito dello stesso. Domanda pertanto l'attrice, nell'ambito dell'azione svolta e tra l'altro, quali specifiche voci di danno, il ristoro delle spese future da affrontare per l'emenda dei danni (quantificato in Euro ,00), oltre alla restituzione del compenso pagato (quantificato in Euro 9.350,00). 2. Con comparsa di data , si è costituito in giudizio il convenuto dott. Co.Da., svolgendo in sintesi le seguenti difese: (I) ha contestato i rilievi svolti dall'attrice in ordine al difetto informativo, affermando di avere fornito alla signora La. tutte le informazioni del caso, anche su possibili effetti collaterali quali la formazione di cicatrici, e precisando che la stessa - contro il suo parere - avrebbe insistito nel richiedere l'applicazione di protesi di grandi dimensioni; (II) ha rilevato che sarebbe notorio come l'esito cicatriziale costituisca effetto non prevedibile di un procedimento il cui andamento dipende massimamente da fattori soggettivi ed individuali (biologia dei tessuti e patologie sistemiche preesistenti); (III) l'effettuazione di un secondo intervento di correzione costituiva evento del tutto usuale nell'ambito del genere di interventi oggetto di causa, e l'esito era stato di piena soddisfazione della signora La., che infatti, in seguito, aveva chiesto al dott. Da. un ulteriore intervento estetico che il convenuto però le aveva sconsigliato; (IV) ha contestato la sussistenza di qualsivoglia motivo di responsabilità a titolo contrattuale, sia con riguardo al dovere di informazione e sia con riguardo all'attività compiuta - da inquadrarsi comunque nell'ambito delle obbligazioni di mezzi -; (V) ha contestato la prova dei danni evidenziati; (VI) ha contestato che l'attrice l'avrebbe pagato per l'importo di Euro 9.350,00; (VII) ha chiesto di chiamare in causa in garanzia la Compagnia Zu. S.A. (già Zu.) in forza di polizza privata per la responsabilità civile. 3. Con comparsa in data si è costituita la terza chiamata Zu. S.A. svolgendo le seguenti difese: (I) ha eccepito l'inoperatività della polizza invocata dal convenuto - n. (...), che era stata annullata da Zu. con dichiarazione di recesso dd e cessazione delle garanzie dal giorno , mentre risultava dagli atti come il dott. Da. avesse ricevuto richiesta di risarcimento (con la notifica dell'atto di citazione) solo il ; (II) ha eccepito, in via subordinata, che la polizza in questione sarebbe a secondo rischio e solo in eccedenza rispetto ai massimali prestati da altre assicurazioni stipulate dallo stesso assicurato o dalle strutture pubbliche o private abilitate ad erogare prestazioni sanitarie; (III) ha eccepito che la polizza non coprirebbe pretese da mancata rispondenza dell'intervento all'impegno di risultato assunto, e la franchigia - per i danni estetici e fisiognomici - del 10%; (IV) ha rilevato l'assenza di copertura per danni da carenza consenso informato; (V) ha eccepito il massimale di polizza e l'inoperatività rispetto a pretese di restituzione di compensi; (VI) ha contestato, genericamente e nel complesso, la domanda attorea. 4. All'udienza del la difesa del convenuto chiedeva, preso atto delle eccezioni sollevate dalla terza chiamata Zu., l'autorizzazione a chiamare in causa As. S.p.A. con la quale aveva stipulato polizza assicurativa successiva a quella con la predetta compagnia. 5. Con comparsa di data si costituiva la Assicuratrice Mi. S.p.A. svolgendo in sintesi le seguenti difese: (I) ha aderito alle difese svolte dal convenuto nei confronti dell'attrice; (II) ha contestato la domanda attorea nell'an e nel quantum; (III) ha eccepito l'inoperatività della polizza n. (...), sottoscritta il , in quanto il dott. Da., in violazione degli artt. 5 e 17 delle condizioni generali, non ebbe a dichiarare, ed anzi escluse, rischi con riguardo alla vicenda oggetto di causa che non potevano non essergli già noti; (IV) ha eccepito l'inoperatività della polizza per danni da vizio del consenso informato; (V) ha eccepito l'operatività della polizza a secondo rischio rispetto a polizze stipulate dalla struttura sanitaria; (VI) ha eccepito l'assenza di copertura quanto a restituzione del compenso; (VII) ha eccepito la garanzia a seconda richiesta quanto a danni da fatti anteriori alla vigenza della polizza; (VIII) ha rilevato l'applicabilità dell'art c.c.; (IX) ha eccepito la limitazione della copertura alla sola quota di responsabilità direttamente ascrivibile al dott. Da.; (X) ha eccepito la violazione dell'art c.c. nel caso in cui il dott. Da. non si fosse attivato per rendere operante la polizza stipulata per danni a terzi da parte della struttura medica. LEX24 - Gruppo 24 ORE Pagina 2 / 13

3 6. Con la prima memoria ex art. 183 co. 6 c.p.c. la difesa del convenuto ha replicato alle eccezioni svolte nei di lei confronti dalle compagnie assicuratrici chiamate in causa in garanzia Nei confronti di Zu. la convenuta ha sostenuto la vessatorietà, sia con riguardo alla disciplina contenuta nel Codice del Consumo che con riferimento agli artt e 1342 c.c., delle clausole c.d. claims made e della previsione del recesso unilaterale. Oltre a ciò ha contestato l'operatività a seconda richiesta rilevando di non essere stato a conoscenza dell'esistenza della polizza per la responsabilità civile stipulata da Me Nei confronti di Assicuratrice Mi. S.p.A. poi, ha ribadito di non avere avuto sentore, prima della stipula del contratto, né di richieste risarcitone né di insoddisfazione per il proprio operato da parte della signora La. Inoltre ha richiamato le considerazioni svolte con riguardo all'operatività a seconda richiesta sostenuta dalla difesa della predetta Compagnia. 7. Dopo lo scambio di memorie ex art. 183 co. 6 c.p.c. la causa era istruita con CTU medico legale affidata, all'udienza del , al dott. Ra.Ba., il quale, il , depositava l'elaborato peritale ed il successivo le repliche alle osservazioni critiche dei CIP. Il CTU, anche all'esito del contraddittorio tecnico, concludeva, in sintesi, nei seguenti termini: sussistenza del peggioramento dello stato di salute dell'attrice riconducibile a non adeguata suturazione, assenza di complicanze o coesistenze, prestazioni mediche non comportanti soluzione di problemi di speciale difficoltà tecnica, IP al 7%, ITP del 25% per un mese, spese mediche (Euro 631,81) congrue, dolorosità a livello basso, danno estetico non più emendabile ed informazioni rese congrue e soddisfacenti. 8. All'udienza del veniva sentito un testimone (il sig. Mi.Qu.) in ordine alla circostanza della copertura assicurativa della clinica Me., con acquisizione, ex art. 210 c.p.c., del testo della polizza all'epoca in vigore. 9. La causa è stata successivamente discussa oralmente ex art. 281 sexies c.p.c., e decisa con sentenza all'udienza del La domanda attorea è fondata e dev'essere accolta nei limiti e per i motivi di seguito sinteticamente illustrati Va preliminarmente richiamato il riparto dell'onere probatorio in materia di responsabilità contrattuale in ambito medico - sanitario. "In tema di responsabilità contrattuale della struttura sanitaria e di responsabilità professionale da contatto sociale del medico, ai fini del riparto dell'onere probatorio l'attore, paziente danneggiato, deve limitarsi a provare l'esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l'insorgenza o l'aggravamento della patologia ed allegare l'inadempimento del debitore, astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato, rimanendo a carico del debitore dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante (nella specie la S.C. ha cassato la sentenza di merito che - in relazione ad una domanda risarcitoria avanzata da un paziente nei confronti di una casa di cura privata per aver contratto l'epatite C asseritamente a causa di trasfusioni con sangue infetto praticate a seguito di un intervento chirurgico - aveva posto a carico del paziente l'onere di provare che al momento del ricovero egli non fosse già affetto da epatite)" Cass. Sez. U, Sentenza n. 577 del 11/01/2008; conf. Cass. Sez. 3, Sentenza n del 18/09/2009 e Cass. Sez. 3, Sentenza n del 26/01/ Nel caso di specie sono provati, ma anche non contestati, il titolo contrattuale ed il peggioramento della salute dell'attrice Quanto al nesso causale, in sede di ctu sono emerse, quali possibili cause dell'evento di danno (cicatrizzazione patologica e disestetica): complicanze intra o post operatorie, quali emorragie, necrosi, infezioni, ovvero imprevedibili reazioni della paziente - a loro volta correlabili a caratteristiche biologiche della stessa o a precedenti patologie o ad assunzione di farmaci -, ovvero ad incongruità nelle operazioni di sutura. La difesa attorea ha fin dal principio allegato, quale profilo di inadempimento qualificato, errori tecnici nelle operazioni di sutura e così facendo ha assolto l'onere di allegazione su di essa incombente. Deve escludersi che vi siano state complicanze intra o post operatorie, in quanto nessuna parte le ha allegate, non risultano dalla documentazione medica (anzi si da conto di un decorso postoperatorio regolare) e neppure sono emerse in sede di CTU. Va pure esclusa la predisposizione soggettiva della paziente, in quanto è presente, sulla cute della stessa, altra precedente cicatrice - peraltro di origine traumatica e perciò tendenzialmente a maggior rischio di disestesia - regolarmente ed accettabilmente formatasi. Tale circostanza è stata tempestivamente allegata (già in perizia prodotta con la citazione) dall'attrice ed il CTU l'ha fatta propria con argomentazione ragionevole e condivisibile. D'altro canto - essendo tale ipotesi inquadrabile nella fattispecie del caso fortuito - l'onere della prova liberatoria incombeva in capo al convenuto che si è, invece, limitato a svolgere rilievi critici demolitori in sede di ctu, senza però apportare o richiedere al riguardo un'idonea prova o letteratura scientifica a supporto delle proprie tesi. Lo stesso è a dirsi circa l'influenza che uno stato patologico preesistente (HIV) e l'assunzione di farmaci retrovirali potrebbe avere avuto. Il CTU ha dato atto di avere cercato e non rinvenuto evidenze scientifiche su tale relazione, mentre il CTP del convenuto si è limitato a svolgere rilievi critici senza però specificare le basi scientifiche a supporto della tesi sostenuta. LEX24 - Gruppo 24 ORE Pagina 3 / 13

4 Ne risulta, per esclusione, che appare certamente più probabile la sussistenza del nesso causale tra evento di danno ed incongrua sutura, rispetto a qualsiasi alternativa, possibile ed è noto che, in ambito di responsabilità civile, il nesso causale opera proprio nei termini della maggiore probabilità (cfr. Cass. Sez. 3, Sentenza n del 16/10/2007; Sez. 3, Sentenza n del 11/05/2009; Sez. 3, Sentenza n. 975 del 16/01/2009). Tale conclusione è ulteriormente corroborata dall'applicazione della regola del riparto degli oneri probatori, unita al criterio guida della vicinanza della prova. Spettava al convenuto l'onere di provare il corretto adempimento, e ciò anche nell'ambito dell'attività professionale di sutura delle ferite. Solo il convenuto avrebbe potuto offrire gli elementi conoscitivi per valutare l'accaduto, riferendo il tipo di manovra effettuata, la strumentazione (ago, filo) utilizzata, gli accorgimenti posti in essere, e le valutazioni circa la durata del periodo di tempo trascorso prima della rimozione dei punti. Tutti elementi del fatto che non sono stati neppure allegati in causa e la cui mancata conoscenza (analogamente rispetto al caso della cartella clinica lacunosamente tenuta) non può che riverberarsi, indirettamente - tramite il fallimento dell'onere probatorio - a svantaggio della tesi difensiva della parte onerata. 11. Venendo alle considerazioni in ordine ai danni risarcibili, va richiamato il contenuto della domanda come formulato in atto di citazione: "accertare e dichiarare la responsabilità professionale del convenuto e per l'effetto condannarlo al pagamento, in favore dell'attore, a titolo di risarcimento del danno patrimoniale non patrimoniale, biologico e morale, dell'importo di Euro ,00 - o maggiore o minore somma che sarà accertata in corso di causa, o che parrà di giustizia, oltre agli interessi legali dal fatto al saldo". Si tratta, all'evidenza, di una domanda risarcitoria onnicomprensiva, laddove l'importo monetario è chiaramente fissato in termini indicativi, e le specifiche voci di danno trattate nel sintetico atto di citazione (spese mediche sostenute, spese per un futuro intervento riparatore, restituzione del compenso versato al convenuto), non possono che intendersi come non esaustive e come proposte in coerenza con il dato emergente dalla perizia medico legale di parte. In atto di citazione - e non vi sono state modifiche con la prima memoria ex art. 183 co. 6 n. 1 c.p.c. - si è poi fatto riferimento al "danno biologico", sicché perfettamente in linea con le domande, oltre che con i quesiti formulati da questo giudice, sono state le analisi del ctu sul punto, e perfettamente accoglibili sono le di lui conclusioni in termini di inabilità temporanea ed invalidità permanente. D'altro canto lo stesso attore, in note conclusionali, adeguando la domanda - in riduzione rispetto all'atto introduttivo - alle conclusioni del ctu, se da un lato conferma l'adeguatezza delle conclusioni qui richiamate, dall'altro rende superfluo esaminare le questioni non riproposte quali quella relativa alla ripetizione del compenso al medico. 12. Questo Tribunale, per la quantificazione in termini monetari del danno non patrimoniale, con orientamento consolidato e recentemente avallato dalla Suprema Corte, utilizza, quale strumento equitativo, le tabelle elaborate dal Tribunale di Milano. In base a tali tabelle, nella loro più recente versione aggiornata e rivalutata all' , si ottengono i seguenti valori: - i.t.p.: 100 x 60 gg./4 = Euro 1.500,00; - i.p.: 7%, 43 anni = Euro ,00; per un totale parziale, per danno non patrimoniale alla salute, di Euro ,00. Va precisato ancora, al riguardo, che, tenuto conto delle conclusioni del ctu in tema di dolorosità delle conseguenze dannose, in mancanza di specifiche allegazioni al riguardo, non si è ritenuto di operare alcun ulteriore aumento per la personalizzazione del danno e si è tenuto il valore giornaliero dell'inabilità temporanea, prossimo al minimo (minimo previsto in 91,00 euro). Il danno morale va comunque risarcito e ricompreso nella decisione del presente giudizio, sia in quanto la fattispecie materiale produttiva del danno potrebbe astrattamente integrare fattispecie penale di lesioni colpose, e sia in quanto dalla semplice visione delle rappresentazioni fotografiche in atti è ragionevole desumere in via presuntiva un certo grado di conseguente sofferenza fisica dell'attrice, secondo l'id quod plerumque accidit. La carenza di allegazioni in ordine alle conseguenze degli eventi lesivi sulla vita personale e di relazione, se da un lato non impediscono di svolgere valutazioni presuntive sulla base degli elementi oggettivi a disposizione (rappresentazioni fotografiche in atti) dall'altro impongono di mantenere tali valutazioni in termini minimi e non medi, sicché si opererà una riduzione sul valore tabellare per invalidità permanente in misura del 10%, ottenendo così il valore complessivo di Euro ,80 ( Euro ,80 + Euro 1.500,00). 13. La condanna al risarcimento comprende anche le spese mediche sostenute e necessarie quantificate dal CTU in Euro 631,81, come pure, per il principio di completezza del risarcimento, le spese per la consulenza di parte (Euro 720,00), da ritenersi spesa necessaria nell'ambito del contenzioso del tipo di quello presente, anche per garantire il doveroso e sèrio approfondimento tecnico a supporto della domanda risarcitoria. 14. Trattandosi di debito risarcitorio di valore è dovuta la rivalutazione secondo indici Istat sui prezzi al consumo, dal giorno a partire alla quale è stata calcolata la rivalutazione, ovvero dall'esborso, fino alla data della presente sentenza. Di seguito, le somme dovute e liquidate in sentenza, già comprensive della rivalutazione, produrranno, quale debito pecuniario di valuta liquido ed esigibile, interessi in misura legale dalla data della pronuncia fino al saldo effettivo. LEX24 - Gruppo 24 ORE Pagina 4 / 13

5 15. Su tutte le somme da risarcire, poi, andrà riconosciuto un ulteriore aumento a titolo di danno da ritardo nel pagamento, da intendersi come componente implicita della domanda risarcitoria (Cass. Sez. 3, Sentenza n del 11/05/2007; Sez. 3, Sentenza n. 844 del 16/01/2007), ed equivalente del mancato godimento della somma dovuta, per tutto il tempo che intercorre fra il fatto e la liquidazione (giur. consolidata a partire dalla nota sentenza della Corte di Cassazione S.U. n. 1712/95, secondo la quale vi è un "principio generale di equità che impone di compensare con l'attribuzione degli interessi il conseguimento, in ritardo rispetto al sorgere del credito, della disponibilità di una somma di denaro; somma che arricchisce il patrimonio del debitore che non paga subito, con correlativo lucro cessante di chi dovrebbe ottenerlo e non ne ha la disponibilità"). La prova, in proposito, può essere data anche mediante presunzioni semplici e facendo ricorso all'art c.c. (criteri equitativi) e, quindi, in questo ambito di equo apprezzamento (art c.c.) il lucro cessante può essere liquidato col criterio degli interessi, tenendo presente, però, che gli stessi interessi non potranno calcolarsi sulla intera somma rivalutata, ma dovranno - per evitare un indebito arricchimento del creditore, per esempio, calcolarsi anno per anno sul valore della somma via via rivalutata nell'arco del suddetto ritardo, oppure sulla base di indici medi di rivalutazione. Il calcolo potrà essere utilmente operato, in ragione degli interessi legali, sugli importi netti dovuti, previamente devalutati alla data del fatto dannoso e, di seguito, come di anno in anno rivalutati, ex indici Istat sui prezzi al consumo, fino alla data della presente sentenza. 15. A questo punto vanno esaminate le domande svolte dal convenuto nei confronti delle terze chiamate in causa in garanzia. 16. Quanto alla domanda nei confronti della Zu. S.A. deve ritenersi inapplicabile alle condizioni contrattuali di polizza, la disciplina consumeristica, non potendo il dott. Da. rientrare nella fattispecie del consumatore con riguardo alla polizza assicurativa per danni a terzi stipulata nell'ambito dell'attività professionale svolta. E' invece fondata l'eccezione di vessatorietà della clausola "a richiesta fatta" contenuta nel contratto assicurativo in questione, trattandosi di clausola claims made c.d. mista che, non solo prevede la copertura assicurativa solo con riferimento a tutte le richieste risarcitone proposte, per la prima volta, all'assicurato durante il periodo di vigenza della polizza, ma anche limita, nel tempo, l'estensione della copertura nel caso di richieste risarcitone tempestive, svolte per condotte colpose antecedenti (oltre 3 anni) rispetto al dies a quo della efficacia della polizza. Si tratta, come recentemente ritenuto dal Tribunale di Milano (sent. Sez. V, n. 3527) di una clausola con effetti certamente limitativi della responsabilità dell'assicuratore, che altrimenti (c.d. claims made pura) sarebbe estensibile a condotte produttive di danno anteriori fino al termine prescrizionale di 10 anni rispetto al dies a quo dell'efficacia. Nel caso di specie manca una specifica sottoscrizione, che presuppone una doppia firma che nel caso di specie manca, nell'ambito dell'appendice di polizza contenente la limitazione, ma l'inefficacia che ne consegue, dovendo operare solamente per la parte di clausola - appunto - limitativa della responsabilità (in base al generale principio di conservazione del negozio), finisce per risultare irrilevante nel caso di specie, nel quale, comunque, la prima domanda risarcitoria è successiva alla cessazione del rapporto. 17. Quanto alla clausola che prevede il recesso anticipato in caso di sinistro (art. 7 delle condizioni generali di polizza - doc. 2 difesa Zu.), trattandosi di facoltà riconosciuta ad entrambi i contraenti, non si può annoverare tra le clausole c.d. vessatorie. 18. Passando alla domanda svolta nei confronti dell'assicuratrice Mi. S.p.A. è infondata, in primo luogo, l'eccezione svolta con riguardo all'operatività a seconda richiesta, dato che, dalla lettura della polizza stipulata dalla Me. ed acquisita agli atti, a seguito di ordine di esibizione, emerge chiaramente che la copertura assicurativa di quest'ultima non si estende a danni di natura estetica e fisionomica conseguenti ad interventi di chirurgia estetica (art. 3 A - 1 delle condizioni generali di polizza). L'inoperatività, in concreto, della polizza della struttura medica fa si che operi a prima copertura la polizza personale del dott. Da. Appare, invece, fondata l'eccezione di inoperatività in base alla previsione di cui all'art. 17 delle condizioni generali, dovendosi ritenere che, quantomeno una volta effettuato l'intervento di revisione delle cicatrici, in data , il convenuto avrebbe dovuto conoscere, unitamente all'esito di questo ulteriore intervento, l'esistenza dei presupposti per la propria responsabilità o comunque per una richiesta risarcitoria. In mancanza di percezione o riconoscimento di tali presupposti, mancanza la cui natura colposa può desumersi per l'evidenza degli inestetismi e la loro pacifica natura anomala e patologica, ovvero in mancanza di denuncia all'assicuratrice, per la previsione contrattuale la garanzia non è operante. 19. Ne consegue che, per la soccombenza, il convenuto dovrà rifondere le spese non solo a parte attrice ma anche ai terzi chiamati, spese che si liquidano in dispositivo applicando parametri tariffari calcolati sul valore del decisum sensibilmente inferiore al quantum richiesto in citazione. 20. Le spese di lite seguono la soccombenza come liquidate in dispositivo e le spese di CTU, per l'esito parzialmente favorevole al convenuto, rimarrà a carico solidale delle parti attrice e convenuta. P.Q.M. LEX24 - Gruppo 24 ORE Pagina 5 / 13

6 Il Tribunale di Trieste, Sezione civile, in persona del Giudice dott. Sergio Carnimeo, definitivamente pronunciando nella causa suindicata, ogni altra domanda da intendersi rigettata: A) accoglie, nei seguenti termini, la domanda di An.La. e, per l'effetto: 1. condanna il convenuto dott. Co.Da. al pagamento, in favore dell'attrice An.La. della complessiva somma di Euro ,61 (di cui Euro ,80 per il danno non patrimoniale in moneta corrente al e la restante parte per danno patrimoniale), oltre a rivalutazione dall' , e per la residua somma dai vari pagamenti, alla data della presente sentenza; 2. condanna il convenuto dott. Co.Da. a pagare all'attrice, a titolo di danno da ritardato pagamento, gli interessi in misura legale, da calcolarsi sulle somme indicate al punto che precede - previa devalutazione (quanto al danno non patrimoniale), alla data del , così come di anno in anno rivalutata in base agli indici ISTAT sui prezzi al consumo, fino alla data della presente sentenza; 3. condanna il convenuto dott. Co.Da. a pagare all'attrice gli interessi legali sulle somme di denaro sopraindicate ai punti 1 e 2, già calcolate comprensive di rivalutazione ed interessi, dalla pronuncia della presente sentenza fino al saldo effettivo; B) rigetta le domande di manleva e garanzia svolte dal convenuto dott. Co.Da. nei confronti di Zu. S.A. (già Zu.) e di Assicuratrice Mi. S.p.A.; C) condanna il convenuto dott. Co.Da. alla rifusione delle spese di lite: 1. in favore dell'attrice An.La. con il pagamento della somma di Euro 3.652,11, di cui Euro 352,11 per esborsi, Euro 1.200,00 per diritti, Euro 2.100,00 per onorari, oltre al 12,5% di diritti ed onorari per rimborso forfettario spese generali, IVA e CPA come per legge; 2. in favore della chiamata Zu. S.A. con il pagamento della somma di Euro 4.850,00, di cui Euro 50,00 per spese imponibili, Euro 3.000,00 per diritti, Euro 1.800,00 per onorari, oltre al 12,5% di diritti ed onorari per rimborso forfettario spese generali, IVA e CPA come per legge; 3. in favore della chiamata Assicuratrice Mi. S.p.A. con il pagamento della somma di Euro 4.630,00, di cui, Euro 1.030,00 per spese, Euro 1.400,00 per diritti, Euro 2.200,00 per onorari, oltre al 12,5% di diritti ed onorari per rimborso forfettario spese generali, IVA e CPA come per legge; D) pone definitivamente a carico solidale delle parti attrice e convenuta le spese di CTU. Così deciso in Trieste l'11 ottobre Depositata in Cancelleria il l'11 ottobre LEX24 - Gruppo 24 ORE Pagina 6 / 13

7 Corte d'appello Roma, Sezione 3 civile Sentenza 22 marzo 2011, n Integrale - RISARCIMENTO DANNI DA INCIDENTE STRADALE - ASSICURAZIONE - CLAUSOLA CLAIMS MADE SPURIA - OGGETTO DELLA GARANZIA ASSICURATIVA - INDIVIDUAZIONE - FATTISPECIE - VESSATORIETÀ - CONFIGURABILITÀ - ESCLUSIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO CORTE D'APPELLO DI ROMA TERZA SEZIONE CIVILE composta dai signori magistrati Dr. Giuseppe Lo Sinno - Presidente rel. ed est. - Dr. Angelo Martinetti - Consigliere - Dr. Maurizio de Stefano - Consigliere - ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile di XI grado iscritta al n. 1661/2006 del Reg. Gen. Affari Contenz. posta in decisione all'udienza del e vertente tra So.Ca. a.r.l., in persona del legale rapp.te p.t., con sede in Verona, - rapp.ta e difesa dall'avv. Pi.Co. del foro di Roma, elettivamente dom.ta presso lo studio del medesimo avv.to in Roma, giusta delega in atti; Appellante c/ Provincia Religiosa - Fa., in persona del legale rapp.te p.t., con sede in Roma, rappresentata e difesa dall'avv. Gi.M. del foro di Roma ed elettivamente domiciliata in Roma, presso lo studio del medesimo avvocato, per delega in atti; Appellata e appellante inc.le e Po.Ad., rapp.ta e difesa dall'avv. Ra.Va. del foro di Roma ed elettivamente domiciliata presso lo studio del medesimo, in Roma, giusta delega in atti; Appellata nonché Il.Du. S.p.A., in persona del suo legale rapp.te p.t., rapp.ta e difesa dall'avv.to Ma.Ro. del foro di Roma ed elettivamente dom.ta presso quest'ultimo in Roma, giusta procura in atti; Appellata LEX24 - Gruppo 24 ORE Pagina 7 / 13

8 e Na.As. S.p.A., quale impresa incorporante la Mm.Da. S.p.A. (già Ca.As. S.p.A.) in persona del suo legale rapp.te p.t., corrente in Milano, rapp.ta e difesa dall'avv.to Ma.Ro. del foro di Roma ed elettivamente dom.ta presso quest'ultimo in Roma, giusta procura in atti; appellata Oggetto: Appello a sentenza del Tribunale di Roma - n. 1577/05 (risarcimento danni per responsabilità sanitaria). SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con citazione notificata in data la Ca.As. coop. a.r.l. ha proposto appello avverso la sentenza emessa in data dal Tribunale di Roma con la quale era accolta la domanda avanzata da Po.Ad. con citazione notificata nei confronti della Pr.Re. - Fa., con la richiesta di condanna del convenuto a risarcirle i danni patiti a seguito di un intervento chirurgico di laparoisterectomia in data Il primo giudice (nel contraddicono della convenuta che si era opposto alla domanda e richiesto di chiamare in causa la Du.As. S.p.A. e la Ca.As. S.p.A. per essere da esse manlevata in caso di condanna ed in virtù delle polizze stipulate; società che si erano costituite e una di esse aveva chiamato in causa la Cab As. coassicuratrice con la Du., poi costituitasi) aveva ritenuto sussistente la prova sia del fatto illecito ascritto alla convenuta (per fatto dei medici operanti presso l'ospedale) e liquidato il danno effettivamente risentito dalla attrice in Euro ,00 oltre interessi e spese di lite; condannando anche le compagnie di assicurazione a tenere indenne, ciascuno per la sua rispettiva quota contrattuale, la convenuta Provincia Religiosa (previa dichiarazione di nullità delle limitazioni di responsabilità ex art comma 2 c.c.. La appellante deduce e sostiene l'erroneità della sentenza per quanto riguarda il capo recante condanna solidale della Ca.Du. S.p.A. e Ca. S.p.A. a ienere indenne la Provincia religiosa da tutti gli effetti di condanna a favore di Po., e per le spese del giudizio attribuite con le stesse modalità; chiedendo la riforma della sentenza di primo grado e, ritenuta la non operatività della garanzia assicurativa prestata dalla Ca. nei confronti della Provincia Religiosa, con il contratto n. (...), rigettare nel merito la domanda proposta dalla Provincia Religiosa con la condanna della medesima al pagamento di tutte le somme pagate a qualsiasi titolo in relazione alla sentenza appellata, oltre al pagamento delle spese dei due gradi di giudizio. Si è costituita la Provincia Religiosa - Fa. - per contrastare l'appello principale e chiederne il suo rigetto, ed in via di appello incidentale per chiedere l'accertamento della nullità delle clausole "claims made" ex art c.c.; con il favore delle spese del giudizio. Si è costituita l'appellata Po.Da. per contestare l'appello proposto perché inammissibile, nei suoi confronti, ed infondato e per chiederne il totale rigetto con la conferma della sentenza di I grado ed il favore delle ulteriori spese processuali. Si è costituita la Du.As. S.p.A. per dedurre l'assoluta estraneità ai motivi di gravame e chiedendo il rigetto di ogni domanda nei suoi confronti, con il favore delle spese del giudizio. Si è costituita la Na.As. (già Ca.As.) per contestare l'appello e chiedere il rigetto di ogni domanda nei suoi confronti, con vittoria di spese. Quindi precisate le conclusioni all'udienza collegiale del , la causa è stata trattenuta per la decisione ai sensi dell'art. 352 c.p.c. con riserva del deposito della sentenza allo scadere dei termini di cui all'art. 190 c.p.c.. MOTIVI DELLA DECISIONE Con il I motivo di appello si censura la sentenza per avere respinto l'eccezione di non operatività della polizza assicurativa Ca./Provincia Religiosa (n. (...) del scadente il ) deducendosi che l'evento dannoso oggetto di causa era avvenuto in epoca antecedente ( ) alla stipula della garanzia assicurativa in questione ove le parti (art. 2 appendice di polizza) avevano pattuito una "Condizione Speciale - inizio e termine della garanzia" che prevedeva la validità dell'assicurazione per le richieste di risarcimento presentate per la prima volta durante il periodo di efficacia dell'assicurazione "purché il fatto che ha dato origine alla richiesta di risarcimento sa stato commesso nel medesimo periodo o anche in epoca antecedente tale periodo ma comunque non prima di tre anni dalla data di perfezionamento del presente contratta". Deduce la appellante che tale clausola - definita "claims made" (richiesta fatta) - rientrava nei comuni schemi di responsabilità civile generale cui si riferivano le pratiche assicurative anglossassoni, e doveva essere tenuta in debito conto per la verifica della pretesa della appellata assicurata che poteva ritenersi garantita solo dove l'evento dannoso fosse avvenuto anche le triennio antecedente la stipula della polizza ma alla condizione che il danneggiato avesse avanzato, per la prima volta, la domanda di risarcimento all'assicurato nel periodo di durata del contratto assicurativo. Negandosi che tale patto fosse una clausola limitativa della responsabilità dell'assicuratore, essendo lo stesso un patto diretto a determinare l'oggetto del contratto, riguardando il contenuto ed i limiti della garanzia assicurativa e dunque specificando il rischio garantito; con la conseguenza che, stante la pacifica e documentata prima richiesta di risarcimento avanzata alla Provincia Religiosa nel Novembre 1999 (cioè quando l'efficacia del contratto assicurativo era da tempo cessata: ), rispetto ad un evento dannoso antecedente alla stipula del contratto, "era venuta LEX24 - Gruppo 24 ORE Pagina 8 / 13

9 meno la possibilità di verificazione della condizione imprescindibile voluta dalle parti per la ricomprensione della garanzia contrattuale di eventi precedenti alla stipula del contratto; e cioè la condizione che per tali eventi precedenti la richiesta risarcitoria fosse presentata per la prima volta durante il periodo di efficacia del contratto inter partes" (così pag. 11 appello). Ritiene questa Corte che la clausola claims made riferisca la copertura assicurativa agli eventi dannosi non solo verificati ma anche denunciati all'impresa assicurativa nel periodo di assicurazione, riguardando i reclami avanzati nei confronti dell'assicurato e notificati all'assicuratore per la prima volta durante il periodo di validità della copertura; e che detta clausola comporti una deroga, del tutto legittima, all'art. 1917, I comma, c.c., non figurando tale disposizione tra quelle dichiarate inderogabili dall'art c.c. (che tali dichiara solo quelle dei commi 3 e 4 dell'art c.c.). Per vero, le clausole claims made pongono una regolamentazione del contratto di assicurazione per la responsabilità civile derogatoria rispetto a quella di cui all'art c.c., I comma a mente del quale tale contratto copre i rischi relativi ai fatti che si verificano durante il periodo di esplicazione degli effetti della polizza assicurativa, a prescindere, dunque, dalla dislocazione temporale della richiesta risarcitoria che può sopravvenire anche a distanza di tempo. Infatti, con la c.d. claims made il sinistro assicurato (l'oggetto della garanzia assicurativa) è la "richiesta di risarcimento del terzo" e non l'evento oggettivo che ha cagionato il danno al terzo che si sia rivolto all'assicurato (quello che l'art. 1917, comma 1, c.c. definisce il "fatto accaduto durante il tempo dell'assicurazione'), e questo giustifica il perché in tali casi (pur con diversi adattamenti) le parti prevedano che la garanzia sia estesa anche ad eventi dannosi avvenuti anteriormente alla stipula del contratto (nel limite temporale variabile in base alla polizza: nel caso de quo "tre anni"; ovvero senza limite temporale per le forme di claims made pura). La clausola claims made pura stabilisce, infatti, che il contratto assicurativo copra i rischi relativi a tutte le richieste di risarcimento che pervengono durante il periodo di vigenza della polizza a prescindere dalla data della verificazione dell'evento produttivo di danno. Rimanendo, pertanto, all'ipotesi di cui al contratto Ca./Provincia Religiosa, deve ritenersi non solo la liceità della clausola claims made spuria (e ciò anche sulla scorta della sentenza della Cass n. 5624, che, aveva tuttavia ritenuto la stessa idonea a modificare il tipo legale di cui all'art c.c. riconducendo il contratto di assicurazione per la responsabilità professionale con clausola claims made pura nell'alveo dei contratti atipici con interesse meritevole di tutela), ma considerare la stessa anche a contenuto non vessatorio. Nel contratto di assicurazione per la responsabilità professionale con inserimento di una clausola claims made spuria che esclude la responsabilità dell'assicurazione con riferimento alle richieste pervenute oltre la data di vigenza della polizza, pur se afferente a fatti verificatisi entro un determinato periodo temporale anteriore, non può attribuirsi valenza di vessatorietà di detta clausola (con la conseguente necessità della doppia approvazione di cui all'art c.c. ai fini della sua validità) perché non si tratta, in concreto, di una ipotesi di "limitazione di responsabilità" dell'assicuratore quanto piuttosto di una delimitazione del rischio assicurato avendo le parti pattuito, nell'interesse della parte assicurata, che l'impresa l'avrebbe garantita anche per fatti dannosi sorti prima della stipula del contratto (e che di norma non rientrano nella comune polizza di responsabilità civile) a condizione che il danneggiato avesse avanzato la sua richiesta di risarcimento all'assicurato, per la prima volta, durante il periodo di efficacia dell'assicurazione. Spostando il Termine di collegamento causale della copertura assicurativa dal "fatto accaduto" alla "richiesta di risarcimento' (la richiesta fatta da cui il nome di "claims made") onde consentire alla Provincia Religiosa (già assicurata con altre compagnie con polizze di r.c. ordinarie - polizza Du.As.) di aumentare la sua copertura assicurativa per fatti dannosi eventualmente insorti nel triennio antecedente pur con la condizione (specificatamente pattuita come speciale) che le richieste di risarcimento di quei fatti pervenissero, per la prima volta, nel periodo di vigenza del contratto. Ciò consentendo di ottenere sia uno sconto sull'importo del premio che un aumento della copertura assicurativa per l'ospedale Fa. (per tutto il triennio dal al ). Per questo risulta evidente come la clausola claims made non può essere ritenuta vessatoria in astratto, in quanto essa non pone "limitazioni di responsabilità" (art. 1341, II co., c.c.) in favore dell'assicuratore, ma definisce l'oggetto della copertura assicurativa, stabilendo quali siano i sinistri indennizzabili; e poiché essa è certamente consentita dalla legge e non può - in sé e salvo specifiche circostanze del caso concreto - essere qualificata come vessatoria ai sensi dell'art c.c.. In merito si è formato un orientamento, ormai costante, della Suprema Corte secondo cui "nel contratto di assicurazione sono da considerare clausole limitative della responsabilità, per gli effetti dell'art c.c. quelle che limitano le conseguenze della colpa o dell'inadempimento o che escludono il rischio garantito, mentre attengono all'oggetto del contratto le clausole che riguardano il contenuto e i limiti della garanzia assicurativa e, dunque, specificano il rischio garantito" (Cass. civ., sez. III, , n ; Cass. civ., sez. III, , n ). E tale è certamente la clausola in base alla quale le parti convengono che l'assicurazione vale per le richieste di risarcimento presentate per la prima volta all'assicurato nel corso del periodo di efficacia dell'assicurazione "purché il fatto che ha dato origine alla richiesta di risarcimento sia stato commesso in epoca antecedente tale periodo ma comunque non prima di tre anni dalla data di perfezionamento del presente contratto" (conf. anche Cass. civ., sez. III, , n. 1430). E ciò a prescindere dal fatto, oggettivo, che la clausola di cui si discute risulta nel testo delle condizioni particolari allegate alla polizza e sottoscritte LEX24 - Gruppo 24 ORE Pagina 9 / 13

10 dalla appellata contraente che paiono avere il contenuto e la forma di pattuizioni specifiche del rapporto tre quelle parti e non un mero formulario o una clausola inserita nelle condizioni generali di contratto unilateralmente predisposta dalla assicurazione. L'appello, per tali ragioni, va accolto e quindi, parzialmente, riformata la sentenza di primo grado nel punto in cui la Ca.As. è stata condannata a tenere indenne la Provincia Religiosa - Fa.; condanna che rimarrà esclusivamente a carico della Du. S.p.A. (ora Na.As.) e della Ca.As. S.p.A. nelle percentuali di contratto come indicate nella sentenza di I grado (non appellata sul punto). Di conseguenza la appellata Provincia Religiosa - Fa. - va condannata al pagamento delle spese di questo giudizio, a favore della appellante e liquidate come da notula tenuto conto del valore della controversia e della attività compiute dal procuratore; mentre le spese del I grado possono essere compensate.. Infatti, nonostante la soccombenza della parte appellata, ad avviso della Corte sono integrati i giusti motivi che, ex art. 92 comma 2 c.p.c. ratione temporis vigente prima della modifica introdotta dalla legge n. 69/2009, suggeriscono la compensazione delle spese di lite. Tali motivi sono integrati innanzitutto dall'oggettiva complessità della materia, che al momento della proposizione della domanda, come ancor oggi, non vedeva ancora la giurisprudenza pienamente consolidata nei termini sopra esposti. Infine, sussistono giusti motivi (rinvenibili nelle ragioni dell'appello proposto dalla appellante) per compensare le spese tra le altre parti del giudizio. P.Q.M. La Corte Di Appello Di Roma Terza Sezione Civile definitivamente pronunciando, ogni contraria istanza, eccezione e deduzione respinta, così decide sull'appello proposto da Ca.As. Coop. a.r.l. nei confronti della Provincia Religiosa - Fa. (appellante inde) + 3, ed avverso la sentenza del Tribunale di Roma emessa in data (con il n. 1577/2005) a) in accoglimento dell'appello, ed in parziale riforma della sentenza appellata, Rigetta la domanda di manleva proposta dalla Provincia Religiosa - Fa. nei confronti della So.Ca. di Coop. a.r.l., annullando la condanna a carico di quest'ultima e di cui al capo B) della sentenza appellata; b) Condanna la Provincia Religiosa - Fa. - alla rifusione delle spese sostenute dalla appellante in questo grado di giudizio, liquidandole in Euro 82,40 per spese, Euro 1.170,00 per diritti e Euro 1.900,00 per onorari (oltre al forfettario, Iva e Cap come per legge); compensando interamente le spese del primo grado di giudizio tra dette parti; e) Compensa interamente le spese del grado tra le altre parti appellate. Così deciso in Roma, il 25 febbraio Depositata in Cancelleria il 22 marzo Massima redazionale - Assicurazione - Clausola claims made spuria - Oggetto della garanzia assicurativa - Individuazione - Fattispecie - Vessatorietà - Configurabilità - Esclusione. Nel contratto di assicurazione in cui è stata inserita la clausola c.d. "claims made" (richiesta fatta), l'oggetto della garanzia assicurativa è la "richiesta di risarcimento del terzo" e non l'evento oggettivo che ha cagionato il danno al terzo che si sia rivolto all'assicurato (quello che l'art. 1917, comma 1, c.c. definisce il "fatto accaduto durante il tempo dell'assicurazione"). Questo giustifica il perché in tali casi (pur con diversi adattamenti) le parti prevedano che la garanzia sia estesa anche ad eventi dannosi avvenuti anteriormente alla stipula del contratto (nel limite temporale variabile in base alla polizza: nel caso de quo "tre anni"; ovvero senza limite temporale per le forme di claims made pura). Ciò premesso, alla clausola claims made spuria che esclude la responsabilità dell'assicurazione con riferimento alle richieste pervenute oltre la data di vigenza della polizza, pur se afferente a fatti verificatisi entro un determinato periodo temporale anteriore, non può attribuirsi valenza di vessatorietà (con la conseguente necessità della doppia approvazione di cui all'art c.c. ai fini della sua validità) perché non si tratta, in concreto, di una ipotesi di "limitazione di responsabilità" dell'assicuratore quanto piuttosto di una delimitazione del rischio assicurato. LEX24 - Gruppo 24 ORE Pagina 10 / 13

11 PUBBLICAZIONE Il Sole 24 Ore, Mass. Repertorio Lex24 LEX24 - Gruppo 24 ORE Pagina 11 / 13

12 Tribunale Milano, civile Sentenza 18 marzo 2010, n Massima redazionale - ASSICURAZIONI - CLAUSOLA "CLAIMS MADE". La clausola "claims made" cd. pura, in virtù della quale l'assicurazione copre le richieste di risarcimento del danno pervenute all'assicurato nel periodo di efficacia della polizza, ma relativamente a tutti i rischi (dedotti in polizza) verificatisi nel decennio precedente, cioè fino al momento in cui l'assicurato può ritualmente eccepire la prescrizione del diritto del danneggiato di chiedere il risarcimento del danno, non è di per sé vessatoria, perché non è limitativa della responsabilità. PUBBLICAZIONE TRIFIRÒ & PARTNERS AVVOCATI, TRIFIRÒ & PARTNERS AVVOCATI - Newsletter T&P, 2010, 44, pg. 2 LEX24 - Gruppo 24 ORE Pagina 12 / 13

13 Tribunale Milano, civile Sentenza 18 marzo 2010, n Massima redazionale - ASSICURAZIONI - CONTRATTO DI ASSICURAZIONE - RC PROFESSIONALE - CLAUSOLA «CLAIMS MADE» - LEGITTIMITÀ - SUA VESSATORIETÀ - CONDIZIONI. Nel contratto con il quale la struttura sanitaria assicuri il rischio derivante dalla propria responsabilità professionale, qualora nelle condizioni di polizza sia prevista la clausola cosiddetta claims made, la stessa dovrà essere ritenuta lecita, non risultando il contratto, contenente tale disposizione negoziale, nemmeno atipico rispetto allo schema di cui all'articolo 1917 del codice civile. La clausola cosiddetta claims made non comporta dunque né una diversa natura del rischio oggetto del contratto assicurativo, né il venir meno del rischio stesso ai sensi dell'articolo 1895 del codice civile. La clausola in questione non può essere ritenuta vessatoria quando sia valida per ogni richiesta danni pervenuta all'assicurato nel periodo di efficacia della polizza, ma relativamente a tutti i rischi verificatisi nel periodo precedente fino alla prescrizione del diritto del danneggiato. Sarà invece vessatoria la clausola claims made quando sia inserita in un sistema cosiddetto misto, vale a dire quando la stessa contempli una limitazione di responsabilità che riduca il lasso di tempo entro il quale rimane fermo l'obbligo dell'assicuratore di tenere indenne l'assicurato. Tuttavia l'inefficacia prevista dall'articolo 1341, comma 2 del codice civile deve incidere esclusivamente sulla parte della clausola che comporti una limitazione della responsabilità. PUBBLICAZIONE Il Sole 24 Ore, Guida al Diritto, 2010, 18, pg. 13 La Sentenza è stata ulteriormente massimata e pubblicata in: Ipsoa, Il Corriere del Merito, 2010, 11, pg Ipsoa, Danno e Responsabilità, 2011, 2, pg. 167 LEX24 - Gruppo 24 ORE Pagina 13 / 13

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 1 Num. 22580 Anno 2014 Presidente: SALVAGO SALVATORE Relatore: GENOVESE FRANCESCO ANTONIO Data pubblicazione: 23/10/2014 Cron.225;20 SENTENZA Rep. 39(4 sul ricorso 24811-2007 proposto

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

L INFORMAZIONE GIURIDICA

L INFORMAZIONE GIURIDICA L INFORMAZIONE GIURIDICA note di giurisprudenze sulla responsabilità professionale medica nota II/2009 a cura di Alessandro Riccioni e Nicola Mazzera, avvocati in Roma LA CLINICA (DI REGOLA) RISPONDE DELL

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

per gli attori-intimanti: "come da memorie integrative autorizzate" per il convenuto-intimato: "come da memoria integrative autorizzate"

per gli attori-intimanti: come da memorie integrative autorizzate per il convenuto-intimato: come da memoria integrative autorizzate Locazione - Procedimento Concessione di termine per pagamento somme non contestate Ottemperanza - Convalida di sfratto Insuscettibilità Cognizione ordinaria ai fini della risoluzione del contratto per

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan-

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan- Civile Sent. Sez. 1 Num. 26065 Anno 2014 Presidente: SALVATORESALVAGO Relatore: Data pubblicazione: SENTENZA sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA GRAZIA Elettivamente

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO R.G.N, REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Bari -dr. ssa Maria Giovanna Deceglie- nelle controversie individuali di lavoro riunite sub nn. R.G. 22661/07,

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile. Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045

Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile. Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045 www.unicolavoro.ilsole24ore.com Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045 Integrale Sanzioni disciplinari - trasferimento del lavoratore per giustificato motivo tecnico,

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO).

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CASS. CIV., SEZ. II, 8 NOVEMBRE 2010, N. 22653. Le parti che firmano un contratto preliminare possono stabilire che entro il termine fissato dallo stesso il promittente

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

Procedimento di controllo Commissione Contratti

Procedimento di controllo Commissione Contratti Procedimento di controllo Commissione Contratti PARERE IN MATERIA DI CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Con la presente si comunica che, nell ambito del procedimento in oggetto, la Commissione Contratti di

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Contra non valentem agere non currit praescriptio

Contra non valentem agere non currit praescriptio PER GLI ENTI DI PATRONATO 1 TERMINI DI PRESCRIZIONE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE MALATTIE PROFESSIONALI E TERMINE DI REVISIONE DELLE RENDITE UNIFICATE DA EVENTI POLICRONI LIMITE INTERNO ED ESTERNO

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

Il contratto di assicurazione contro i rischi di malattia non prevede alcun indennizzo per l evento morte

Il contratto di assicurazione contro i rischi di malattia non prevede alcun indennizzo per l evento morte «Il contratto di assicurazione contro i rischi di malattia non prevede alcun indennizzo per l evento morte» (Cassazione civile, Sez. III - Sentenza 17 Marzo 2015, n.5197) Invalidità permanente responsabilità

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti

PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti Corte di Cassazione Sez. lavoro Sentenza 28 ottobre 2009 n. 22823 (Pres.

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO?" Riccardo MAZZON

FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO? Riccardo MAZZON FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO?" Riccardo MAZZON P&D.IT In relazione al compiuto significato della locuzione fondi finitimi, ci si è chiesti se quest

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

RESPONSABILITÀ CIVILE - PADRONI E COMMITTENTI IN GENERE.

RESPONSABILITÀ CIVILE - PADRONI E COMMITTENTI IN GENERE. RESPONSABILITÀ CIVILE - PADRONI E COMMITTENTI IN GENERE. CASS. CIV., SEZ. III, 13 LUGLIO 2011, N. 15394. Gli enti sportivi sono tenuti a tutelare la salute degli atleti anche attraverso la prevenzione

Dettagli

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO Gli Stati contraenti della presente convenzione, desiderosi di promuovere gli scambi e gli investimenti internazionali attraverso una migliore cooperazione

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013 MASSIMA Ad avviso di questo Collegio, né l art. 23 della l. 18 aprile 2005, n. 62 (legge comunitaria 2004), né l art. 57 D. Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, né i principi comunitari consolidati in materia

Dettagli

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti 74 Quesito n. 9 n., rappresentati, assistiti e difesi dall avv., c.f., presso il cui studio in, elettivamente domiciliano per mandato in calce al presente atto, il quale, ai sensi e per gli effetti dell

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

Commissione Protocolli. Regola n. 17 I mutui bancari e le clausole vessatorie

Commissione Protocolli. Regola n. 17 I mutui bancari e le clausole vessatorie Commissione Protocolli Regola n. 17 I mutui bancari e le clausole vessatorie In caso di contratti di finanziamento tra Istituti di Credito e soggetti qualificabili come "consumatori", il Notaio, pur in

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

LINEE GUIDA PER I CTU

LINEE GUIDA PER I CTU LINEE GUIDA PER I CTU per lo svolgimento delle operazioni peritali e per la redazione delle consulenze tecniche. PARTE PRIMA Le operazioni peritali Accettazione dell incarico. - Il c.t.u. ha l obbligo

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

CORTE DI APPELLO DI FIRENZE SEZIONE PRIMA CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA

CORTE DI APPELLO DI FIRENZE SEZIONE PRIMA CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA CORTE DI APPELLO DI FIRENZE SEZIONE PRIMA CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte, riunita in Camera di consiglio in persona di: Dott. Antonio Chini Presidente Dott. Pietro Mascagni Consigliere Dott.

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

Compravendita di opera d arte non autentica

Compravendita di opera d arte non autentica Compravendita di opera d arte non autentica Nicola Tacente Dottorando di ricerca in Dottrine generali del diritto nell Università di Foggia Sommario: 1. Introduzione. 2. Disciplina applicabile. 3. Stato

Dettagli