OBIETTIVO DELLA TESI:

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OBIETTIVO DELLA TESI:"

Transcript

1 I SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI PER LA PIANIFICAZIONE DI ASSETTO DELLE AREE PROTETTE: Sperimentazione sulla Riserva regionale del Lago di Penne Relatore: Prof. Ing. Bernardino Romano Correlatore: Laureando: Gianluca Di Carmine Matricola: Dott. Francesco Zullo OBIETTIVO DELLA TESI: INFORMATIZZAZIONE DEL SIT DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE DEL LAGO DI PENNE INDICE METODOLOGICO INPUT CARTOGRAFICI GEORIFERIMENTO DIGITALIZZAZIONE OUTPUT CARTOGRAFICI APPLICAZIONI CONTENUTI NEL STRUMENTI PER L'ANALISI SPAZIALE INTERROGAZIONE DELLE BASI CARTOGRAFICHE GEODATABASE METADATA 1

2 RISERVA-PIANO DI ASSETTO Legge quadro sulle aree protette 6 DIC 1991 Art.2 CLASSIFICAZIONE DELLE AREE PROTETTE: -PARCHI NAZIONALI -PARCHI NATURALI REGIONALI -RISERVE NATURALI Legge Regionale 21 giugno 1996 Art.22 Piano di Assetto Naturalistico 2001 PAN DELLA RISERVA NATURALE di PENNE CONTENUTI DEL P.A.N. Interventi da attuare Piano Forestale La fauna e le specie a rischio L'agricoltura biologica L'analisi del territorio La normativa 2

3 LINEE PROGRAMMATICHE DEL P.A.N. Conservazione del patrimonio naturale della Riserva Fruizione dell'area protetta Educazione ambientale Servizi ai residenti Urbanistica e attività edilizia Energia e smaltimento rifiuti Artigianato Cartografia INFORMATICA SIT PROGET TO GESTI ONE MONITOR AGGIO FINALITA' DEL SIT Aggiornamento periodico dei dati ottenuti dal progetto Lettura delle dinamiche naturali del territorio in coerenza con quelle di origine antropica Basso impatto economico Up-gradabilità 3

4 I DATI DELLA RISERVA INPUT CARTOGRAFICI CTR CARTE TEMATICHE CARTA DEGLI INTERVENTI CARTA GEOMORFOLOGICA CARTA DELLA ZONIZZAZIONE CARTA UNITA' DI PAESAGGIO CARTA USO SUOLO CARTA DELLE PROPRIETA' CARTA MOBILITA' E BENI CONFINE DELLA RISERVA DATI GEOGRAFICI Quota minima 217,2 m s.l.m. Quota massima 504 m s.l.m. Estensione 1115,5 ettari 4

5 CARTA DEGLI INTERVENTI Zone omogenee di piano: - zona A di conservazione - E/5 zona agricola di rispetto e tutela ambientale-paesaggistica1 - E/6 zona agricola di rispetto e tutela ambientale e paesaggistica2 - E/7 zona agricola di riequilibrio ambientale-paesaggistico - E/8 zona agricola di recupero edilizio-ambientale-paesaggistico Interventi urbanistico-edilizi, usi e attività per ogni zona omogenea Interventi pratici Parcheggi Recupero detrattore ambientale Sito di interesse archeologico Centro di educazione ambientale Laboratorio dell'oasi Centro per l'energia alternativa Laboratorio editoriale CARTA GEOMORFOLOGICA Piano di Gestione Forestale Vegetazione Aree instabili Varie tipologie di piante Sentieri Punti caratteristici Frane Scarpate Sorgenti Zone umide faglie 5

6 CARTA DELLA ZONIZZAZIONE ZONE DI TUTELA: - zona A1, a conservazione integrale - zona A2, a conservazione parziale - zona B1, a trasformabilità mirata - zona C1, a trasformazione condizionata Definite le classi d'uso compatibili con le zone di tutela Uso agricolo Uso forestale Uso pascolivo Uso turistico Uso insediativo Uso tecnologico Uso estrattivo CARTA DELL'UNITA' DI PAESAGGIO UP1, unità paesaggistica del Lago UP2, unità paesaggistica della vegetazione arborea ed arbustiva spontanea UP3, unità paesaggistica del territorio agricolo UP4, unità paesaggistica del territorio agricolo di margine 6

7 CARTA USO DEL SUOLO Ripartizione del suolo agrario in 9 categorie: Seminativo non irriguo Seminativo arborato Uliveti Frutteti Vigneti Coltura ortiva Incolto produttivo Arboricoltura da legno CARTA DELLE PROPRIETA' Strutturata su 3 livelli Foglio Proprietà Particella Criteri d'indennizzo dei mancati redditi Es.aree forestali sottoposte a tutela 7

8 CARTA' MOBILITA' E BENI Stessa carta dell'unità di paesaggio Proprietà del Comune di Penne all'interno della Riserva Vie di comunicazione Strada provinciale Strada comunale Strada vicinale Altra strada NOTE AI DATI DI PARTENZA Caratteristiche delle Carte tematiche staticità Tempi lunghi per apportare modifiche Errore iniziale Informazione sincronica Le carte sono un prodotto nato come disegno, acquisito allo scanner e esportato in formato immagine 8

9 GEORIFERIMENTO La georeferenziazione è la procedura di attribuzione delle coordinate corrette ai punti di una mappa. Il principio è quello di stabilire opportune corrispondenze tra i punti dell'immagine da georiferire e i punti di coordinate note della CTR. INSERIMENTO DATI NUMERICI E' un processo di generazione di primitive geometriche finalizzato alla creazione della parte spaziale e di quella alfanumerica di un piano informativo vettoriale TIPOLOGIE PUNTUALE LINEARE POLIGONALE SPAZIALE ALFANUMERICA 9

10 ERRORI DI DIGITALIZZAZIONE LINEE DOPPIE ERRORI COMUNI MICRO POLIGONI NODI PENDENTI INCROCIO DI LINEE IMPRECISIONE DI SCALA ECCESSO DI ZOOM 1: 2000 DIFETTO DI ZOOM CARTA DEGLI INTERVENTI 10

11 10/04/2013 CARTA GEOMORFOLOGICA CARTA DELLA ZONIZZAZIONE 11

12 10/04/2013 CARTA DELL'UNITA' DI PAESAGGIO CARTA USO DEL SUOLO 12

13 10/04/2013 CARTA DELLE PROPRIETA' CARTA MOBILITA' E BENI 13

14 CARTE TEMATICHE vs GEODATABASE GIS CARTE TEMATICHE NON CONSENTONO DI Calcolare indici complessi Associare le coordinate geografiche alle entità territoriali Allestire scenari di verifica Overmapping dialogico tra le entità territoriali Output grafici in scala CONSENTONO DI GEODATABASE GIS STRUMENTI PER L'ANALISI SPAZIALE E' un processo di trasformazione che genera una nuova informazione a partire da dati esistenti FUNZIONI DI GEOPROCESSING UTILIZZATE DISSOLVE OVERLAY TOPOLOGICO MERGE UNION INTERSECT 14

15 DISSOLVE E' una funzione che agisce su elementi poligonali ed elimina le polilinee in comune tra due poligoni ottenendone un unico OBIETTIVO: aggregare le particelle catastali in fogli ESEMPIO: carta delle proprietà del comune di Penne Nella tab degli attributi sono presenti tre attributi per ogni poligono: Foglio Proprietario particella E' presente un unico attributo: Foglio MERGE-INTERSECT MERGE:fusione di più layer INTERSECT: intersezione di due piani informativi OBIETTIVO: fondere due layer distinti e in seguito realizzare un'intersezione poligonopunto ESEMPIO: la carta degli interventi presenta 2 layer distinti (fondere) su cui devono attuarsi degli interventi (punti da intersecare con il poligono) -Zona A -Zone omogenee -interventi (punti) FUSIONE Zona A U Zone omogenee -interventi (punti) INTERSEZIONE Zona A U Zone omogenee interventi (punti) 15

16 INTERROGAZIONE DELLE BASI CARTOGRAFICHE Selezione contestuale delle parti geografiche e tabellari del dato Query sugli attributi OPERAZIONI POSSIBILI Query spaziali QUERY SUGLI ATTRIBUTI ESEMPIO: conoscere all'interno della carta dell'uso del suolo tutte le aree di seminativo che superano i 5 ettari di estensione (query composta) uso_suolo= 'sem' ettari >= '5' uso_suolo = 'sem' AND ettari >= '5' 16

17 QUERY SPAZIALI ESEMPIO: individuare tutte le piante situate in un terreno instabile all'interno della carta geomorfologica -I WANT TO: si sceglie SELECT FEATURES FROM; -THE FOLLOWING LAYER(S): si spunta piante; -THAT: si seleziona INTERSECT; -THE FEATURES IN THIS LAYER: si sceglie area instabile. Select by location GEODATABASE PERSONAL GEODATABASE Arc catalog Dimensione max 2Gb Operazioni effettuabili Creazione di: Feature dataset Feature class Realizzazione di tabelle Importazione o esportazione di dati 17

18 PERSONAL GEODATABASE RISERVA PENNE. mdb FEATURE DATASET STESSO SISTEMA GEODETICO- CARTOGRAFICO STESSO DOMINIO SPAZIALE FEATURE CLASS METADATA I dati appartenenti ad un sistema informativo territoriale sono dotati di un corredo di metadati (dati sui dati) Certificazione dello strato informativo TIPOLOGIE ESRI-GIS BOZZA DEL DECRETO MINISTERIALE 18

19 ESRI-GIS BOZZA DECRETO MINISTERIALE Regole tecniche per definire il contenuto del Repertorio dei dati Strutturata in 10 articoli Accesso gratuito al Repertorio da parte di privati Modalità operative di accesso, comunicazione e popolamento del Repertorio Codice Dominio Tabella metadati 1.Identificatore del file.xml 2.Lingua dei metadati ITA Set dei caratteri dei metadati 4.Id file precedente 5.Livello gerarchico 005 Gianluca Di Carmine 6.1 Nome dell'ente 6.2 Ruolo Sito web 6.Responsabile dei metadati 6.3 Informazioni per contattare 6.3.2Telefono /06/09 7. Data dei metadati 8. Nome dello Standard 9. Versione dello Standard Identificazione dei dati 10. Titolo CARTA DELLE PROPRIETA' 11. Data 11.1 Data 03/06/ Tipo data Formato di presentazione Nome dell'ente Gianluca Di Carmine 13.2 Ruolo Sito web 13. Responsabile 13.3 Informazioni per contattare Telefono proprietà.shp 14. Identificatore 15. Id livello superiore CARTA DEGLI INTERVENTI 16. Altri dettagli 17. Descrizione ZONE DI CONSERVAZIONE E VINCOLI 18. Parola chiave 18.1 Parola chiave 18.2 Thesaurus 19.1 Nome dell'ente Gianluca Di Carmine 19.2 Ruolo Punto di contatto Sito web 19.3 Informazioni per contattare Telefono Tipo di rappresentazione spaziale 21.1 Scala equivalente 1: Risoluzione spaziale 21.2 Distanza 22. Lingua ITA 23. Set di caratteri Categoria tematica zone omogenee di piano Vincoli sui dati 26. Limitazione d'uso 27. Vincoli di accesso 28. Vincoli di fruibilità 29. Altri vincoli 30. Vincoli di sicurezza Estensione dei dati 31.1 Longitudine Ovest Longitudine Est Localizzazione geografica 31.3 Latitudine Nord Latitudine Sud Quota minima Quota massima Estensione verticale 32.3 Unità di misura local coordinates 32.4 Datum verticale Data inizio 03/06/ Estensione temporale 33.2 Data fine 03/06/10 Qualità dei dati 34. Livello di qualità 005 Sistema di riferimento 39. Sistema di riferimento spaziale 14 Gestione dei dati 43. Frequenza di aggiornamento OGNI ANNO 19

20 Tabella metadati Codice Dominio 1.Identificatore del file.xml 2.Lingua dei metadati ITA 3.Set dei caratteri dei metadati Nome dell'ente Gianluca Di Carmine 6.2 Ruolo 11 6.Responsabile dei metadati Sito web 6.3 Informazioni per contattare 6.3.2Telefono Data dei metadati 03/06/09 8. Nome dello Standard 9. Versione dello Standard Identificazione dei dati 10. Titolo CARTA DELLE PROPRIETA' 11. Data 11.1 Data 03/06/ Tipo data Formato di presentazione Nome dell'ente Gianluca Di Carmine 13.2 Ruolo 13. Responsabile Sito web 13.3 Informazioni per contattare Telefono Identificatore proprietà.shp 15. Id livello superiore CARTA DEGLI INTERVENTI 16. Altri dettagli 17. Descrizione ZONE DI CONSERVAZIONE E VINCOLI 18. Parola chiave 18.1 Parola chiave 18.2 Thesaurus 19. Punto di contatto Sito web 19.3 Informazioni per contattare Telefono Tipo di rappresentazione spaziale Scala equivalente 1: Risoluzione spaziale 21.2 Distanza 22. Lingua ITA 23. Set di caratteri Categoria tematica zone omogenee di piano Vincoli sui dati 26. Limitazione d'uso 27. Vincoli di accesso 28. Vincoli di fruibilità 29. Altri vincoli 30. Vincoli di sicurezza Estensione dei dati 31. Localizzazione geografica 32. Estensione verticale 33. Estensione temporale 31.3 Latitudine Nord Latitudine Sud Unità di misura local coordinates 32.4 Datum verticale 14 Qualità dei dati 34. Livello di qualità 005 Sistema di riferimento 39. Sistema di riferimento spaziale 14 Gestione dei dati 43. Frequenza di aggiornamento OGNI ANNO Tabella metadati Codice Dominio 1.Identificatore del file.xml 2.Lingua dei metadati ITA 3.Set dei caratteri dei metadati Id file precedente 5.Livello gerarchico Nome dell'ente Gianluca Di Carmine 6.2 Ruolo 11 6.Responsabile dei metadati Sito web 6.3 Informazioni per contattare 6.3.2Telefono Data dei metadati 03/06/09 8. Nome dello Standard 9. Versione dello Standard Identificazione dei dati 10. Titolo CARTA DEGLI INTERVENTI 11. Data 11.1 Data 03/06/ Tipo data Formato di presentazione Nome dell'ente Gianluca Di Carmine 13.2 Ruolo 13. Responsabile Sito web 13.3 Informazioni per contattare Telefono Identificatore percorsi.shp 15. Id livello superiore CARTA DEGLI INTERVENTI 16. Altri dettagli 17. Descrizione sentieri della Riserva 18. Parola chiave 18.1 Parola chiave 18.2 Thesaurus 19. Punto di contatto Sito web 19.3 Informazioni per contattare Telefono Tipo di rappresentazione spaziale Scala equivalente 1: Risoluzione spaziale 21.2 Distanza 22. Lingua ITA 23. Set di caratteri Categoria tematica sentieri della Riserva Vincoli sui dati 26. Limitazione d'uso 27. Vincoli di accesso 28. Vincoli di fruibilità 29. Altri vincoli 30. Vincoli di sicurezza Estensione dei dati 31. Localizzazione geografica 32. Estensione verticale 33. Estensione temporale 32.3 Unità di misura local coordinates 32.4 Datum verticale 14 Qualità dei dati 34. Livello di qualità 005 Sistema di riferimento 39. Sistema di riferimento spaziale 14 Gestione dei dati 43. Frequenza di aggiornamento OGNI ANNO Tabella metadati Codice Dominio 1.Identificatore del file.xml 2.Lingua dei metadati ITA 3.Set dei caratteri dei metadati Id file precedente 5.Livello gerarchico Nome dell'ente Gianluca Di Carmine 6.2 Ruolo 11 6.Responsabile dei metadati Sito web 6.3 Informazioni per contattare 6.3.2Telefono Data dei metadati 03/06/09 8. Nome dello Standard 9. Versione dello Standard Identificazione dei dati 10. Titolo CARTA DEGLI INTERVENTI 11. Data 11.1 Data 03/06/ Tipo data Formato di presentazione Nome dell'ente Gianluca Di Carmine 13.2 Ruolo 13. Responsabile Sito web 13.3 Informazioni per contattare Telefono Identificatore punti.shp 15. Id livello superiore CARTA DEGLI INTERVENTI 16. Altri dettagli 17. Descrizione INTERVENTI DA ATTUARE 18. Parola chiave 18.1 Parola chiave 18.2 Thesaurus 19. Punto di contatto Sito web 19.3 Informazioni per contattare Telefono Tipo di rappresentazione spaziale Scala equivalente 1: Risoluzione spaziale 21.2 Distanza 22. Lingua ITA 23. Set di caratteri Categoria tematica INTERVENT5I DA ATTUARE Vincoli sui dati 26. Limitazione d'uso 27. Vincoli di accesso 28. Vincoli di fruibilità 29. Altri vincoli 30. Vincoli di sicurezza Estensione dei dati 31. Localizzazione geografica 32. Estensione verticale 33. Estensione temporale 32.3 Unità di misura local coordinates 32.4 Datum verticale 14 Qualità dei dati 34. Livello di qualità 005 Sistema di riferimento 39. Sistema di riferimento spaziale 14 Gestione dei dati 43. Frequenza di aggiornamento OGNI ANNO 10/04/2013 RISULTATI INTERVENTI FEATURE DATASET interventi.shp punti.shp percorsi.shp 4.Id file precedente 5.Livello gerarchico 005 FEATURE CLASS 19.1 Nome dell'ente Gianluca Di Carmine 19.2 Ruolo Nome dell'ente Gianluca Di Carmine 19.2 Ruolo Nome dell'ente Gianluca Di Carmine 19.2 Ruolo Longitudine Ovest Longitudine Est Quota minima Quota massima Longitudine Ovest Longitudine Est Latitudine Nord Latitudine Sud Quota minima Quota massima Longitudine Ovest Longitudine Est Latitudine Nord Latitudine Sud Quota minima Quota massima Data inizio 03/06/ Data fine 03/06/ Data inizio 03/06/ Data fine 03/06/ Data inizio 03/06/ Data fine 03/06/10 20

GEOGRAPHICAL INFORMATION SYSTEM PER L ANALISI AMBIENTALE. Nicola Gilio. Dott. Nicola Gilio

GEOGRAPHICAL INFORMATION SYSTEM PER L ANALISI AMBIENTALE. Nicola Gilio. Dott. Nicola Gilio Nicola Nicola Gilio Gili GEOGRAPHICAL INFORMATION SYSTEM PER L ANALISI AMBIENTALE Dott. Nicola Gilio Un sistema informatizzato in grado di immagazzinare dati descrittivi della superficie terrestre Definizioni

Dettagli

DESCRIZIONE BANCHE DATI

DESCRIZIONE BANCHE DATI DESCRIZIONE BANCHE DATI The collected data have been supplied by: Province of Latina; National Park of Circeo; Consorzio di Bonifica dell'agro Pontino (Land Reclamation Consortium); Municipality of Latina;

Dettagli

ArcGIS - ArcView ArcCatalog

ArcGIS - ArcView ArcCatalog ArcGIS - ArcView ArcCatalog Marco Negretti Politecnico di Milano Polo Regionale di Como e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi.it 04/04/06 - v 1.1 2 ArcCatalog ArcCatalog: strumento

Dettagli

COMUNE DI CIVITELLA DI ROMAGNA

COMUNE DI CIVITELLA DI ROMAGNA COMUNE DI PIANO STRUTTURALE COMUNALE Censim ento degli edifici storici Legge regionale 24 marzo 2000, n. 20 Disciplina generale sulla tutela e l'uso del territorio Provincia di Forlì-Cesena SCHEDE DI ANALISI

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 003 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Cartografia numerica (3/4) CARTOGRAFIA VETTORIALE OGGETTO (reale) ENTITÀ

Dettagli

MANUALE UTENTE. 1. Registrazione

MANUALE UTENTE. 1. Registrazione MANUALE UTENTE 1. Registrazione Per poter accedere al portale SIT del Trigno-Sinello bisogna andare sul sito http://sit.trignosinello.it/ e registrarsi cliccando sulla richiesta di registrazione. Si aprirà

Dettagli

SCHEDA METADATA 2. vt_line, vt_pn

SCHEDA METADATA 2. vt_line, vt_pn SCHEDA METADATA 2 IDENTIFICAZIONE DEL DATASET Titolo dell'archivio Vincolo paesaggistico istituito con Decreti Ministeriali ai sensi del D.Lgs.42/2004 - Art.136 (ex L.1497/39) geometria poligonale vt_poly

Dettagli

Capitolo 1. Catasto terreni. Corso di estimo rurale. Prof. Carmelo Tatano

Capitolo 1. Catasto terreni. Corso di estimo rurale. Prof. Carmelo Tatano Capitolo 1 Catasto terreni Corso di estimo rurale Prof. Carmelo Tatano Il catasto L inventario dei beni immobili per fini fiscali, civili e giuridici Caratteristiche del Nuovo Catasto Terreni (NCT) attualmente

Dettagli

I DATI EVOLUTIVI DELLA DINAMICA URBANA

I DATI EVOLUTIVI DELLA DINAMICA URBANA Università Degli Studi Dell Aquila TESI DI LAUREA TRIENNALE I DATI EVOLUTIVI DELLA DINAMICA URBANA Metodi di elaborazione numerica e confronti geostatistici Relatore:Prof. Ing. Bernardino Romano Laureando:Vittorio

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO. Censim ento degli edifici di recente costruzione in am bito rurale

REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO. Censim ento degli edifici di recente costruzione in am bito rurale COMUNE DI BORGHI Provincia di Forlì-Cesena REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO Censim ento degli edifici di recente costruzione in am bito rurale Legge regionale 24 marzo 2000, n. 20 Disciplina generale sulla

Dettagli

ALLEGATO A COSTI DI RIPRODUZIONE DEL PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE (P.T.C.P.)

ALLEGATO A COSTI DI RIPRODUZIONE DEL PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE (P.T.C.P.) ALLEGATO A COSTI DI RIPRODUZIONE DEL PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE (P.T.C.P.) DOCUMENTAZIONE PTCP Volume A Il sistema economico sociale ed istituzionale Euro 9,67 Euro 3,38 Allegato A

Dettagli

COMUNE DI CIVITELLA DI ROMAGNA

COMUNE DI CIVITELLA DI ROMAGNA COMUNE DI PIANO STRUTTURALE COMUNALE Censim ento degli edifici storici Legge regionale 24 marzo 2000, n. 20 Disciplina generale sulla tutela e l'uso del territorio Provincia di Forlì-Cesena SCHEDE DI ANALISI

Dettagli

Il Portale SIRA della Toscana Le basi geografiche: strumento di integrazione delle informazioni territoriali ed ambientali Mario Desideri Servizio Geografico Regionale Firenze 14-2-2005 www.geografia.toscana.it

Dettagli

Indice Generale. Indice Generale... 3 Premessa... 6

Indice Generale. Indice Generale... 3 Premessa... 6 Indice Generale Indice Generale... 3 Premessa... 6 1. I SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI: INTRODUZIONE... 8 1.1. Nascita dei Sistemi Informativi Territoriali... 11 1.2. Cosa è un SIT... 20 1.3. Componenti

Dettagli

IL P.U.C. DI MODENA (Piano Urbanistico Comunale)

IL P.U.C. DI MODENA (Piano Urbanistico Comunale) MODELLO DATI PER GLI STRUMENTI URBANISTICI COMUNALI IN FORMATO DIGITALE (LR 20/2000) Regione Emilia Romagna IL P.U.C. DI MODENA (Piano Urbanistico Comunale) LA CARTOGRAFIA DI BASE Cartografia catastale

Dettagli

S.I.B.A. Sistema Informativo Beni Ambientali Scala 1:10.000

S.I.B.A. Sistema Informativo Beni Ambientali Scala 1:10.000 S.I.B.A. Sistema Informativo Beni Ambientali Scala 1:10.000 S.I.L.V.I.A. Sistema Informativo Lombardo per la Valutazione di Impatto Ambientale Scala 1:10.000 SIT per VIA: realizzazione di una banca dati

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE DELTERRITORIO

RAPPRESENTAZIONE DELTERRITORIO ORDINE ARCHITETTI P.P.C. DI PISTOIA COMMISSIONE FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE RAPPRESENTAZIONE DELTERRITORIO CORSO GIS BASE Corso di GIS livello base, della durata di 28 ore Obiettivi del corso:

Dettagli

PROGETTO MIRCA: Mosaico Informatico Regionale delle Classificazioni Acustiche

PROGETTO MIRCA: Mosaico Informatico Regionale delle Classificazioni Acustiche PROGETTO MIRCA: Mosaico Informatico Regionale delle Classificazioni Acustiche IL PROGETTO MIRCA Nasce dalla necessità di raccogliere in un unica sede tutti i Piani di Classificazione Acustica dei comuni

Dettagli

ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Specifiche Tecniche Poligonazione base Catastale Disposizioni Tecniche per i servizi di creazione poligoni Ver.01 Aggiornato al 1 luglio

Dettagli

COMUNE DI CIVITELLA DI ROMAGNA

COMUNE DI CIVITELLA DI ROMAGNA COMUNE DI PIANO STRUTTURALE COMUNALE Censim ento degli edifici storici Legge regionale 24 marzo 2000, n. 20 Disciplina generale sulla tutela e l'uso del territorio Provincia di Forlì-Cesena SCHEDE DI ANALISI

Dettagli

Cartografia Numerica

Cartografia Numerica Cartografia Numerica La cartografia moderna Fine 70 - cartografia automatica, insieme di procedimenti operativi di ausilio alla produzione cartografica con tracciamento automatico delle mappe mediante

Dettagli

SISTEMI PER L INFORMAZIONE GEOGRAFICA OPEN SOURCE... 13

SISTEMI PER L INFORMAZIONE GEOGRAFICA OPEN SOURCE... 13 INDICE GENERALE PREFAZIONE... 11 CAPITOLO 1 SISTEMI PER L INFORMAZIONE GEOGRAFICA OPEN SOURCE... 13 1.1 Cos è il GIS e la sua origine... 13 1.2 Cosa significa Open Source e le origini del termine... 15

Dettagli

Il Portale Geografico del Servizio Geologico d Italia

Il Portale Geografico del Servizio Geologico d Italia Conferenza Tematica AMFM2006 21-22 settembre 2006 Il Portale Geografico del Servizio Geologico d Italia (a cura di Apat Dipartimento Difesa Suolo ) Roma: CNR Piazzale Aldo Moro Il Portale come punto di

Dettagli

REGIONE MOLISE. Direzione Area IV - Servizio Pianificazione e Gestione Territoriale e Paesaggistica

REGIONE MOLISE. Direzione Area IV - Servizio Pianificazione e Gestione Territoriale e Paesaggistica REGIONE MOLISE Direzione Area IV - Servizio Pianificazione e Gestione Territoriale e Paesaggistica Indirizzo Viale Elena, 1-86100 CAMPOBASSO Telefono/Fax 0874/429079 / 0874/429098 E-Mail Sito Web http://cartografia.regione.molise.it/

Dettagli

REGIONE CAMPANIA COMUNE DI AVELLINO Settore AA.II. e Finanziamenti Europei

REGIONE CAMPANIA COMUNE DI AVELLINO Settore AA.II. e Finanziamenti Europei REGIONE CAMPANIA COMUNE DI AVELLINO Settore AA.II. e Finanziamenti Europei PIANO OPERATIVO REGIONALE Misura 6.2 Sviluppo della Società dell Informazione, Azione C Realizzazione di iniziative ed azioni

Dettagli

REGIONE SARDEGNA. Servizio Informativo e Cartografico Regionale

REGIONE SARDEGNA. Servizio Informativo e Cartografico Regionale REGIONE SARDEGNA Servizio Informativo e Cartografico Regionale Indirizzo Viale Trieste n. 186, angolo Via S. Paolo 09125 Cagliari Telefono/Fax 070 606 4206 / 070 606 5813 E-Mail geoportale@regione.sardegna.it

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2012-2013 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Cartografia numerica (1/4) CARTOGRAFIA: RAPPRESENTAZIONE SU UN

Dettagli

Autodesk Map parte I digitalizzazione e importazione dati

Autodesk Map parte I digitalizzazione e importazione dati Autodesk Map parte I digitalizzazione e importazione dati Marco Negretti e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi.it V 5.1 10/10/08 I dati in Autodesk Map I dati vengono memorizzati

Dettagli

AGC 16 GOVERNO DEL TERRITORIO SERVIZIO S.I.T. I servizi informativi integrati per la gestione del territorio in regione Campania

AGC 16 GOVERNO DEL TERRITORIO SERVIZIO S.I.T. I servizi informativi integrati per la gestione del territorio in regione Campania I servizi informativi integrati per la gestione del territorio in regione Campania brevi cenni normativi.. Legge Regionale n.16 del dicembre 2004 all art. 17 - istituzione del Sistema Informativo Territoriale

Dettagli

La rappresentazione dello spazio terrestre.

La rappresentazione dello spazio terrestre. La rappresentazione dello spazio terrestre nadia.carestiato@uniud.it La cartografia è è lo strumento privilegiato della conoscenza geografica in quanto rende visibile l informazione. Le carte sono delle

Dettagli

"Le banche dati geologiche realizzate per il progetto CARG: strutture e applicazioni. Mira (Venezia) Villa Widmann Foscari Rezzonico 9 giugno 2005

Le banche dati geologiche realizzate per il progetto CARG: strutture e applicazioni. Mira (Venezia) Villa Widmann Foscari Rezzonico 9 giugno 2005 "Le banche dati geologiche realizzate per il progetto CARG: strutture e applicazioni. Mira (Venezia) Villa Widmann Foscari Rezzonico 9 giugno 2005 Federico Toffoletto - Riccardo Campana Regione Veneto

Dettagli

Nome indicatore DPSIR Fonte dati Uso del suolo S Carta Tecnica Regionale. Disponibilità dati *** 2007 R

Nome indicatore DPSIR Fonte dati Uso del suolo S Carta Tecnica Regionale. Disponibilità dati *** 2007 R SUOLO Uso del territorio Uso del suolo Nome indicatore DPSIR Fonte dati Uso del suolo S Carta Tecnica Regionale Obiettivo Distribuzione delle diverse classi di uso del suolo nel territorio regionale Disponibilità

Dettagli

STA II ANNO: AA Ecologia e Fondamenti dei. Sistemi. Ecologici Introduzione ai. Sistemi. Informativi Geografici. Lezione del

STA II ANNO: AA Ecologia e Fondamenti dei. Sistemi. Ecologici Introduzione ai. Sistemi. Informativi Geografici. Lezione del STA II ANNO: AA 2016-2017 Ecologia e Fondamenti dei Sistemi Ecologici Introduzione ai Sistemi Informativi Geografici Lezione del 29.05.2017 GIS: INTRODUZIONE Sistemi Informativi (S.I.) Nelle scienze territoriali

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna

Regione Autonoma della Sardegna Regione Autonoma della Sardegna Direzione Generale della Pianificazione Urbanistica Territoriale e della Vigilanza Edilizia Dalla CTR numerica al Database Geografico www.regione.sardegna.it Dalla CTR numerica

Dettagli

4. ASSETTO DEL TERRITORIO AGRICOLO

4. ASSETTO DEL TERRITORIO AGRICOLO 4. ASSETTO DEL TERRITORIO AGRICOLO 32 4. Assetto del territorio agricolo 4.1 Le aree agricole del territorio di Sondrio: PTCP, PRG, DUSAF 4.1.1 Aree agricole strategiche da PTCP che per esposizione al

Dettagli

Autodesk Map parte I digitalizzazione e importazione dati

Autodesk Map parte I digitalizzazione e importazione dati Autodesk Map parte I digitalizzazione e importazione dati Marco Negretti e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi.it V 4.2 16/10/06 I dati in Autodesk Map I dati vengono memorizzati

Dettagli

Origini del catasto italiano

Origini del catasto italiano IL CATASTO Origini del catasto italiano Nel 1861 si contavano in Italia 22 diversi Catasti. Nel 1886 fu varata la prima legge per la costituzione di un unico catasto allo scopo di perequare l imposta fondiaria

Dettagli

DICHIARA CHE I DATI APPRESSO RIPORTATI SONO VERITIERI E POSSONO ESSERE VERIFICATI

DICHIARA CHE I DATI APPRESSO RIPORTATI SONO VERITIERI E POSSONO ESSERE VERIFICATI ALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI CINIGIANO OGGETTO: Relazione utilizzazione agraria, relativa alla richiesta di Concessione Edilizia per Il Sottoscritto nato a il residente in Via / Località / Podere, nella

Dettagli

Storia della cartografia ufficiale italiana

Storia della cartografia ufficiale italiana Storia della cartografia ufficiale italiana 1719 Cartografia catastale austriaca (Lombardia - Lombardo Veneto) scala 1: 2000 nessun inquadramento geodetico Fine 1700 Prima carta inquadrata della Lombardia

Dettagli

I S.I.T. aziendali. Progetto AVIGERE Applicazione della viticoltura di precisione ad alcune aziende

I S.I.T. aziendali. Progetto AVIGERE Applicazione della viticoltura di precisione ad alcune aziende Progetto AVIGERE Applicazione della viticoltura di precisione ad alcune aziende Progetto finanziato Misura 124 "Cooperazione perelol ecocompatibilità sviluppo di nuovi prodotti, processi e siciliane per

Dettagli

I Sistemi Informativi Territoriali. Nella Pubblica amministrazione

I Sistemi Informativi Territoriali. Nella Pubblica amministrazione I Sistemi Informativi Territoriali Nella Pubblica amministrazione Che cos è un GIS Un GIS (Geographic Information System) è un insieme di tecnologie di informazione, dati e procedure utilizzati per raccogliere,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA MORI

SCUOLA PRIMARIA MORI SCUOLA PRIMARIA MORI CLASSE: 5 A DOCENTE: BENONI MERCEDES DISCLIPLINA: GEOGRAFIA Anno Scolastico: 2015-2016 Leggere l organizzazione di un territorio, utilizzando il linguaggio, gli strumenti e i principi

Dettagli

SCENARI DI SVILUPPO E STRUMENTI DI GOVERNO PER IL PAESAGGIO RURALE TOSCANO. Cambiamenti di uso del suolo cambiamenti di paesaggio rurale

SCENARI DI SVILUPPO E STRUMENTI DI GOVERNO PER IL PAESAGGIO RURALE TOSCANO. Cambiamenti di uso del suolo cambiamenti di paesaggio rurale SCENARI DI SVILUPPO E STRUMENTI DI GOVERNO PER IL PAESAGGIO RURALE TOSCANO Cambiamenti di uso del suolo cambiamenti di paesaggio rurale Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 5 ottobre 2010 Università di Bologna,

Dettagli

Introduzione ai GIS. Potenzialità e limiti Software in commercio. Cartografia numerica e GIS

Introduzione ai GIS. Potenzialità e limiti Software in commercio. Cartografia numerica e GIS Introduzione ai GIS Potenzialità e limiti Software in commercio Cartografia numerica e GIS Cos è un GIS (Geographic Information System)? [SIT Sistema Informativo Territoriale] [LIS Land Information System]

Dettagli

INDICE. Introduzione. 3 Capitolo 1 Cenni di geodesia

INDICE. Introduzione. 3 Capitolo 1 Cenni di geodesia INDICE XI Introduzione 3 Capitolo 1 Cenni di geodesia 4 1.1 Le superfici di riferimento: definizioni e caratteristiche 1.1.1 La sfera come superficie di riferimento della Terra, p. 6 1.1.2 L ellissoide

Dettagli

SISTEMI ESPERTI PER LE EMERGENZE UMANITARIE SUPPORTO GRAFICO CAPITOLI 7-8

SISTEMI ESPERTI PER LE EMERGENZE UMANITARIE SUPPORTO GRAFICO CAPITOLI 7-8 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE PER LA COOPERAZIONE E LO SVILUPPO SISTEMI ESPERTI PER LE EMERGENZE UMANITARIE SUPPORTO GRAFICO CAPITOLI 7-8 PROF. ARCH. EMANUELE SANTINI MARZO

Dettagli

IL MAPPING PER LA MOBILITÀ: ESPERIENZE GIS PER I TRASPORTI, LE INFRASTRUTTURE E IL CATASTO STRADE Il SIT Mobilità e progetti infrastrutturali

IL MAPPING PER LA MOBILITÀ: ESPERIENZE GIS PER I TRASPORTI, LE INFRASTRUTTURE E IL CATASTO STRADE Il SIT Mobilità e progetti infrastrutturali IL MAPPING PER LA MOBILITÀ: ESPERIENZE GIS PER I TRASPORTI, LE INFRASTRUTTURE E IL CATASTO STRADE Il SIT Mobilità e progetti infrastrutturali del Centro Studi PIM mercoledì 11 marzo 2015 // Ordine degli

Dettagli

Rischio incendi d interfaccia: l esperienza del SIT della Provincia di Agrigento

Rischio incendi d interfaccia: l esperienza del SIT della Provincia di Agrigento ing. Ernesto Sferlazza di - nodo provinciale R Sicilia E-mail: e.sferlazza@gmail.com Rischio incendi d interfaccia: l esperienza del della di Conferenza Italiana Utenti ESRI 2008 (Roma, 21-22 maggio 2008)

Dettagli

REGIONE MARCHE. Servizio Ambiente. P.F. Informazioni Territoriali e Beni Paesaggistici REGIONE MARCHE

REGIONE MARCHE. Servizio Ambiente. P.F. Informazioni Territoriali e Beni Paesaggistici REGIONE MARCHE Servizio Ambiente P.F. Informazioni Territoriali e Beni Paesaggistici 1 La L.R. 35/1975 1 La Regione concede contributi agli enti locali che intendono realizzare rilievi cartografici secondo le norme tecniche

Dettagli

stato della cartografia 2010 REGIONE LAZIO

stato della cartografia 2010 REGIONE LAZIO stato della cartografia 2010 REGIONE LAZIO Assessorato Urbanistica e Territorio - Dipartimento Territorio - Area 1 Sistema Informativo Geografico Indirizzo Via del Giorgione, 129-00147 Roma Telefono/Fax

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA RONZO-CHIENIS

SCUOLA PRIMARIA RONZO-CHIENIS ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI Via Giovanni XXIII, n. 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it e-mail: segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

La struttura e il contenuto del database topografico

La struttura e il contenuto del database topografico La struttura e il contenuto del database topografico Ing. Marco Scaioni docente presso il Politecnico di Milano (B.E.S.T.) Collaudatore del progetto DbT dell aggregazione Provincia di Sondrio Cos è un

Dettagli

Tesi di laurea PIANIFICAZIONE AMBIENTALE NEI PAESAGGI DELL EROSIONE: LA RISERVA DEI CALANCHI DI ATRI

Tesi di laurea PIANIFICAZIONE AMBIENTALE NEI PAESAGGI DELL EROSIONE: LA RISERVA DEI CALANCHI DI ATRI UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA FACOLTA DI SCIENZE MM FF NN Tesi di laurea PIANIFICAZIONE AMBIENTALE NEI PAESAGGI DELL EROSIONE: LA RISERVA DEI CALANCHI DI ATRI LAUREANDA Serena CIABO FINALITÀ: Elaborazione

Dettagli

REGIONE EMILIA ROMAGNA

REGIONE EMILIA ROMAGNA REGIONE EMILIA ROMAGNA Servizio Sviluppo dell'amministrazione Digitale e Sistemi Informativi Geografici Indirizzo Viale Aldo Moro, 52 - Bologna Telefono/Fax / E-Mail infogeoportale@regione.emilia-romagna.it

Dettagli

Territorio I SISTEMI PER LA GESTIONE E IL CONTROLLO DEL TERRITORIO. Indice IL SIAN: LA FOTOGRAFIA PIÙ COMPLETA E PRECISA DEL TERRITORIO

Territorio I SISTEMI PER LA GESTIONE E IL CONTROLLO DEL TERRITORIO. Indice IL SIAN: LA FOTOGRAFIA PIÙ COMPLETA E PRECISA DEL TERRITORIO Territorio Indice il SIAN: la fotografia più completa e precisa del territorio italiano Liguria: immagini e mappe si comprano online Insiel: la gestione del comune si fa dalla mappa I SISTEMI PER LA GESTIONE

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA DI RIFERIMENTO DEL VENETO: IL FUSO 12

IL NUOVO SISTEMA DI RIFERIMENTO DEL VENETO: IL FUSO 12 Il Territorio tra scienza e comunicazione. L evoluzione L tecnologica e i nuovi sistemi di rappresentazione Padova, 16 febbraio 2015 Università degli Studi di Padova Il Territorio tra scienza e comunicazione.

Dettagli

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO (ai sensi della L.R. 12/05 e succ. mod. e int.)

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO (ai sensi della L.R. 12/05 e succ. mod. e int.) PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO (ai sensi della L.R. 12/05 e succ. mod. e int.) ELENCO ELABORATI ATTI PGT STUDI DI SETTORE VAS QUADRO CONOSCITIVO QC0 - Relazione QC1 - Sistema infrastrutturale a scala

Dettagli

Formazione della Cartografia Catastale Numerica

Formazione della Cartografia Catastale Numerica Trento, 4 giugno 2008 Formazione della Cartografia Catastale Numerica Aspetti tecnico-operativi a cura di Stefano Girardi Programma Motivazioni Supporto legislativo Disposizioni tecniche Le verifiche di

Dettagli

OpenDataLazio Formia 9 aprile 2015 Laboratorio. Roberto Angeletti

OpenDataLazio Formia 9 aprile 2015 Laboratorio. Roberto Angeletti OpenDataLazio Formia 9 aprile 2015 Laboratorio Roberto Angeletti OpenDataLazio dati.lazio.it Quali dati aperti del Lazio sono subito visualizzabili su una mappa? Troviamo i dati vettoriali catalogati

Dettagli

REGIONE BASILICATA. Dipartimento Ambiente e Territorio - Centro Cartografico Dipartimentale

REGIONE BASILICATA. Dipartimento Ambiente e Territorio - Centro Cartografico Dipartimentale REGIONE BASILICATA Dipartimento Ambiente e Territorio - Centro Cartografico Dipartimentale Indirizzo Via Vincenzo Verrastro, 5 - Potenza Telefono/Fax 0971/669068 / 0971/669082 E-Mail cartografia@regione.basilicata.it

Dettagli

U.O.D Sistema Informativo Territoriale. Il Sistema Informativo Territoriale a supporto del governo del territorio in regione Campania -

U.O.D Sistema Informativo Territoriale. Il Sistema Informativo Territoriale a supporto del governo del territorio in regione Campania - Il Sistema Informativo Territoriale a supporto del governo del territorio in regione Campania - brevi cenni normativi Legge Regionale n.16 del dicembre 2004 - art. 17 Il Sistema Informativo Territoriale

Dettagli

MIT Sponsorizzato da: Fondazione dei Geometri Regione Emiia Romagna Relizzato con la collaborazione: Agenzia del territorio Collegio Geometri Rimini P

MIT Sponsorizzato da: Fondazione dei Geometri Regione Emiia Romagna Relizzato con la collaborazione: Agenzia del territorio Collegio Geometri Rimini P MIT Mappa Informativa Territoriale 1 MIT Sponsorizzato da: Fondazione dei Geometri Regione Emiia Romagna Relizzato con la collaborazione: Agenzia del territorio Collegio Geometri Rimini Provincia di Rimini

Dettagli

USGS (United States Geological Survey), 2005

USGS (United States Geological Survey), 2005 Un Geographic Information System è un sistema informatico in grado di assemblare, memorizzare, modificare e visualizzare informazioni geografiche, cioè dati identificati in base alla loro localizzazione

Dettagli

Regione Umbria. Ambra Ciarapica 1

Regione Umbria. Ambra Ciarapica 1 DIREZIONE AMBIENTE TERRITORIO E INFRASTRUTTURE Servizio Informatico/Informativo: geografico ambientale e territoriale IL FUTURO APPARTIENE ALLE PERSONE CHE VEDONO LE POSSIBILITÀ PRIMA CHE DIVENTINO OVVIE

Dettagli

Numero localizzazione Via del Rio. Estratto della carta di Fattibilità Geologica:

Numero localizzazione Via del Rio. Estratto della carta di Fattibilità Geologica: Comune di ROÉ VOLCIANO provincia di Brescia VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA alla VAS della VARIANTE al Piano dei Servizi e al Piano delle Regole del PGT RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE Numero localizzazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO EUGENIO MONTALE

ISTITUTO COMPRENSIVO EUGENIO MONTALE GEOGRAFIA CLASSE I SCUOLA PRIMARIA Leggere e capire il mondo; acquisire progressivamente strumenti di lettura della realtà in termini Organizzator i temporali e spaziali (prima, poi, mentre, sopra, sotto,

Dettagli

Convenzione tra. per la realizzazione di sistemi locali interagenti con dati catastali

Convenzione tra. per la realizzazione di sistemi locali interagenti con dati catastali Convenzione tra Regione Toscana Agenzia del Territorio per la realizzazione di sistemi locali interagenti con dati catastali L anno 2006 (duemilasei) e questo dì del mese di, fra l Agenzia del Territorio

Dettagli

Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce. Alcuni cenni sul catasto

Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce. Alcuni cenni sul catasto Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce Alcuni cenni sul catasto Definizione Il catasto è l inventario dei beni immobili di uno stato Definisce i possessi delle persone fisiche e giuridiche È la base per

Dettagli

I servizi del SITR-IDT

I servizi del SITR-IDT I servizi del SITR-IDT Sistema Informativo Territoriale Regionale (SITR-IDT) Titolo Creatore I servizi del SITR-IDT SITR Data 05/02/10 Soggetto Tipo Editore Descrizione Autori Formato Riferimento Diritti

Dettagli

Il punto di vista del settore privato: Perché l ECDL-GIS può essere importante.

Il punto di vista del settore privato: Perché l ECDL-GIS può essere importante. Luca Rigano G.I.S. 2000 S.r.l. Il punto di vista del settore privato: Perché l ECDL-GIS può essere importante. L esperienza di una piccola impresa di Torino specializzata nel Settore GIS 25/05/2009 1 G.I.S.

Dettagli

PIANO DI ASSESTAMENTO E GESTIONE FORESTALE

PIANO DI ASSESTAMENTO E GESTIONE FORESTALE PIANO DI ASSESTAMENTO E GESTIONE FORESTALE Il piano di gestione e assestamento forestale (PGAF) è un documento tecnico a validità pluriennale (10-20 anni) con il quale vengono definiti gli obiettivi che

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Protezione Civile - Sistema Informativo Ambiente Territorio Indirizzo Via Roma, 50-38122 Trento Telefono/Fax 0461 495260 / 0461 981231 E-Mail segreteria.siat@provincia.tn.it

Dettagli

stato della cartografia 2010 REGIONE CALABRIA

stato della cartografia 2010 REGIONE CALABRIA stato della cartografia 2010 REGIONE CALABRIA Dipartimento Urbanistica e Governo del Territorio - Centro Cartografico Regionale Indirizzo c/o Centro Servizi Regionale - Area ex SIR 88046 Lamezia Terme

Dettagli

La presente Relazione Tecnica riguarda il sito n 10 del PIT ricadente nel Comune di Empoli (FI).

La presente Relazione Tecnica riguarda il sito n 10 del PIT ricadente nel Comune di Empoli (FI). RELAZIONE TECNICA SITO N 10 ALLEGATO A7 PONTORME NEL COMUNE DI EMPOLI (FI) DEL PIANO DI INDIRIZZO TERRITORIALE CON VALENZA DI PIANO PAESAGGISTICO (PIT) La presente Relazione Tecnica riguarda il sito n

Dettagli

Il sistema informativo del Dipartimento della Difesa del Suolo dell APAT

Il sistema informativo del Dipartimento della Difesa del Suolo dell APAT Seminario su Banche Dati Geologici Provincia di Venezia - 9 giugno 2005 F. Ventura ( Apat Dipartimento Difesa Suolo ) Il sistema informativo del Dipartimento della Difesa del Suolo dell APAT Mira : Villa

Dettagli

Piani Urbanistici Comunali in adeguamento al P.P.R.; le conoscenze territoriali di base. Strategie e Programmi

Piani Urbanistici Comunali in adeguamento al P.P.R.; le conoscenze territoriali di base. Strategie e Programmi Enti locali, finanze e urbanistica Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della vigilanza edilizia Piani Urbanistici Comunali in adeguamento al P.P.R.; le conoscenze territoriali

Dettagli

TOPOGRAFIA e CARTOGRAFIA

TOPOGRAFIA e CARTOGRAFIA 1. Un ettometro corrisponde a : a. 100 m ; b. 1.000 m ; c. 10.000 m ; 2. Un chilometro corrisponde a : a. 100 m ; b. 1.000 m ; c. 10.000 m ; 3. Un decametro corrisponde a : a. 0,1 m ; b. 0,01 m ; c. 10

Dettagli

stato della cartografia 2010 REGIONE PIEMONTE

stato della cartografia 2010 REGIONE PIEMONTE stato della cartografia 2010 REGIONE PIEMONTE Settore (DBo816) Cartografia e Sistema Informativo Territoriale Indirizzo C.so Orbassano 44 (336) Torino Telefono/Fax 0114326466 / 0 / 0114326462 / 01143 E-Mail

Dettagli

Acquisizione di dati presso lêupl nellêambito di una procedura

Acquisizione di dati presso lêupl nellêambito di una procedura Acquisizione di dati presso lêupl nellêambito di una procedura Gabrio Baldi, Sezione dello sviluppo territoriale 23 aprile 2009 TEMI Per uno scambio di dati digitali: 1. Formato 2. Flusso 3. Procedure

Dettagli

1. DESCRIZIONE DEL DATASET RELATIVO ALLA VIABILITA. Perché lo stradario

1. DESCRIZIONE DEL DATASET RELATIVO ALLA VIABILITA. Perché lo stradario LO STRADARIO COMUNALE DESCRIZIONE DEL DATASET RIGUARDANTE LA VIABILITÀ, FORNITO DALL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE AI COMUNI, E INDICAZIONI PER LA COSTRUZIONE DEGLI STRADARI COMUNALI Perché lo stradario

Dettagli

Salvatore Larosa, Maria Petillo, Antonello Azzato, Michele Rienzo, Giuseppe Coiro. XVII Conferenza Nazionale ASITA 2013 Riva del Garda, 5-7 Novembre

Salvatore Larosa, Maria Petillo, Antonello Azzato, Michele Rienzo, Giuseppe Coiro. XVII Conferenza Nazionale ASITA 2013 Riva del Garda, 5-7 Novembre PROGETTO A.I.R.T. - POR CAMPANIA FESR 2007-2011 Obiettivo Operativo 5.1: E-GOVERNMENT ED E-INCLUSION Un'Infrastruttura di Dati Spaziali a supporto delle funzioni associate in materia Urbanistica: l'esperienza

Dettagli

Specifica tecnica delle attività Studio di fattibilità della sistemazione idraulica dei corsi d acqua del bacino del fiume Po

Specifica tecnica delle attività Studio di fattibilità della sistemazione idraulica dei corsi d acqua del bacino del fiume Po Specifica tecnica delle attività Studio di fattibilità della sistemazione idraulica dei corsi d acqua del bacino del fiume Po Specifica per la ricostruzione dei confini del demanio fluviale sulla base

Dettagli

Università degli Studi di Torino Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria. Laurea Magistrale in Scienze Forestali e Ambientali

Università degli Studi di Torino Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria. Laurea Magistrale in Scienze Forestali e Ambientali Laurea Magistrale in Scienze Forestali e Ambientali T Obiettivi formativi Fornire strumenti CULTURALI, TECNICI e ORGANIZZATIVI per operare in autonomia con COMPITI PROGETTUALI, DECISIONALI e DIRETTIVI

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO II FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea Magistrale in Architettura (ambiente e paesaggio) Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO II FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea Magistrale in Architettura (ambiente e paesaggio) Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO II FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea Magistrale in Architettura (ambiente e paesaggio) Tesi meritevoli di pubblicazione Lettura e rappresentazione della città antica di Aquileia

Dettagli

Torino, 07/02/2008. Relatore Paolo Foietta

Torino, 07/02/2008. Relatore Paolo Foietta Torino, Un sistema informativo unificato per il Governo del Territorio attraverso gli strumenti di pianificazione urbanistica comunale Relatore Paolo Foietta E stata avviata una fase di sperimentazione

Dettagli

RETI ECOLOGICHE e TUTELE NATURALISTICHE E PAESAGGISTICHE

RETI ECOLOGICHE e TUTELE NATURALISTICHE E PAESAGGISTICHE RETI ECOLOGICHE e TUTELE NATURALISTICHE E PAESAGGISTICHE OBIETTIVO DEL PTCP: COORDINAMENTO e INTEGRAZIONE di diverse politiche e normative volte alla conservazione, tutela e valorizzazione della biodiversità,

Dettagli

Comune di Caldogno (VI) Piano degli Interventi L.R. 23 aprile 2004 n 11, art.18

Comune di Caldogno (VI) Piano degli Interventi L.R. 23 aprile 2004 n 11, art.18 Comune di Caldogno (VI) Piano degli Interventi L.R. 23 aprile 2004 n 11, art.18 Bando di raccolta delle manifestazioni d'interesse dei privati COMUNE DI CALDOGNO (VI) REDAZIONE DEL PIANO DEGLI INTERVENTI

Dettagli

I sistemi informativi e le banche dati geografiche al servizio dell Osservatorio del paesaggio e del territorio

I sistemi informativi e le banche dati geografiche al servizio dell Osservatorio del paesaggio e del territorio I sistemi informativi e le banche dati geografiche al servizio dell Osservatorio del paesaggio e del territorio Servizio osservatorio del paesaggio e del territorio, sistemi informativi territoriali 8

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENSE GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM SYLLABUS

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENSE GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM SYLLABUS EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENSE GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM SYLLABUS iptsat srl - via Sallustiana, 23-00187 Roma tel. 06.42041717 - fax 06.42041703 www.iptsat.com - info@iptsat.com Partita IVA 01882071002

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM Syllabus Versione 1 Febbraio 2007 Endorsed by the ECDL Foundation Copyright 2006 AICA - Uniroma1 LABSITA 1 Versione 1 Febbraio 2007 ECDL

Dettagli

Analisi diacronica delle superfici ad olivo in Agro di Sassari

Analisi diacronica delle superfici ad olivo in Agro di Sassari Università degli Studi di Sassari - Facoltà di Agraria Corso di Laurea in Ingegneria Agraria e Pianificazione del Territorio Rurale A.A. 2006/2007 Analisi diacronica delle superfici ad olivo in Agro di

Dettagli

Art. 7.2 Sistema delle aree forestali

Art. 7.2 Sistema delle aree forestali Art. 7.2 Sistema delle aree forestali DEFINIZIONE DI AREE FORESTALI sono tutte le superfici con vegetazione arborea ed arbustiva spontanea o di origine artificiale in grado di produrre legno o altri prodotti

Dettagli

Corso di laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio

Corso di laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Corso di laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Anno accademico 2012/2013 Corso di Topografia e Geomatica II TEMA D'ANNO: I SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI OGGETTO: COSTRUZIONE DELLA

Dettagli

Sistema Informativo Territoriale. DB topografico e toponomastica. Area Pianificazione e Controlli Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica

Sistema Informativo Territoriale. DB topografico e toponomastica. Area Pianificazione e Controlli Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica Area Pianificazione e Controlli Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica Sistema Informativo Territoriale DB topografico e toponomastica Milano, 19.11.2009 RISORSE COMUNI 2009 Ing. Silvia Castellanza

Dettagli

Progetto Co.R.E.M. sottoprogetto B. Ampliamento rete di di siti e spazi protetti e/o sensibili

Progetto Co.R.E.M. sottoprogetto B. Ampliamento rete di di siti e spazi protetti e/o sensibili Progetto Co.R.E.M. sottoprogetto B Ampliamento rete di di siti e spazi protetti e/o sensibili Seminario di presentazione Sottoprogetto B Sassari, 22 ottobre 2011 Composizione del parternariato del sottoprogetto

Dettagli

Il PRG del Comune di Napoli all'interno di un progetto di e-gov Portale Metropolitano Multicanale (PMM)

Il PRG del Comune di Napoli all'interno di un progetto di e-gov Portale Metropolitano Multicanale (PMM) Il PRG del Comune di Napoli all'interno di un progetto di e-gov Portale Metropolitano Multicanale (PMM) Arch. Francesca Pignataro Comune di Napoli - Dipartimento Pianificazione Urbanistica Dott.ssa Laura

Dettagli

Calcolo I.C.I sui terreni edificabili

Calcolo I.C.I sui terreni edificabili Calcolo I.C.I sui terreni edificabili OBBIETTIVI il Servizio che qui si propone, nasce dalla constatazione che i criteri come I.C.I. imposta comunale sugli immobili per i terreni edificabili sono inesatti

Dettagli

MODULO GIS DATI SPAZIALI E TERRITORIALI Augusto Frascatani

MODULO GIS DATI SPAZIALI E TERRITORIALI Augusto Frascatani MODULO GIS DATI SPAZIALI E TERRITORIALI Augusto Frascatani COSA S INTENDE PER GIS Un potente strumento per archiviare ed elaborare a piacere trasformare e visualizzare dati spaziali dal mondo reale per

Dettagli

Relazione di conformità alle previsioni in materia urbanistica, ambientale e paesaggistica

Relazione di conformità alle previsioni in materia urbanistica, ambientale e paesaggistica Relazione di conformità alle previsioni in materia urbanistica, ambientale e paesaggistica Pianificazione territoriale e di area vasta. La Regione Calabria si è dotata di un primo strumento di pianificazione

Dettagli

PROGETTO SFIDA. Il sistema di supporto alle decisioni PROCESSO DECISIONALE. Librobiancosullagovernance europea (COM 2001/428)

PROGETTO SFIDA. Il sistema di supporto alle decisioni PROCESSO DECISIONALE. Librobiancosullagovernance europea (COM 2001/428) AMBIENTE PARTECIPAZIONE PROGETTO SFIDA integrazione con obiettivi economici e sociali soggettività incertezza conflitto informazione/comunicazione rappresentatività finalizzazione rischio di autoreferenzialità

Dettagli