Armonizzazione dei sistemi contabili Parte entrata. di Elisabetta Civetta. 11 novembre Sala Convegni ODCEC Milano

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Armonizzazione dei sistemi contabili Parte entrata. di Elisabetta Civetta. 11 novembre Sala Convegni ODCEC Milano"

Transcript

1 Armonizzazione dei sistemi contabili Parte entrata di Elisabetta Civetta 11 novembre Sala Convegni ODCEC Milano

2 Armonizzazione sistemi contabili: cosa fare 1. Riclassificare i bilanci 2. Conoscere i nuovi concetti di competenza finanziaria potenziata 3. Riaccertamento residui

3 CLASSIFICAZIONE DELLE ENTRATE Nel bilancio di previsione le entrate sono aggregate in titoli, tipologie categorie: i titoli rappresentano la fonte di provenienza delle entrate; le tipologie individuano la natura delle entrate, nell ambito di ciascuna fonte; le categorie dettagliano l oggetto dell entrata; nell ambito di ciascuna categoria è data separata evidenza delle entrate non ricorrenti, eventualmente anche per quote. Ai fini della gestione (PEG) e rendicontazione le categorie possono essere ulteriormente articolate in capitoli e articoli. AUTORIZZAZIONE DEL CONSIGLIO Titoli Tipologie Categorie Capitoli/ Articoli Ex titolo Ex categorie Ex categorie Ex Risorse e SIOPE

4 IL PIANO INTEGRATO DEI CONTI (ALLEGATO N. 6 D.P.C.M. 28/12/2011) (ART.4 D.lgs 118/2011 e art. 8 DPCM 28/12/2011) LA PREVISIONE E IL RENDICONTO In tali fasi il Piano Finanziario va applicato almeno fino al 4 livello e i dati del Bilancio di previsione vanno esposti riclassificati in un apposito allegato secondo tale codifica. LA GESTIONE In fase di gestione il Piano Finanziario va applicato fino al 5 livello, quindi, sarà necessario che in fase di predisposizione della determinazione per assunzione dell impegno di spesa (accertamento di entrata), venga indicato il codice completo.

5 BILANCIO DECISIONALE AUTORIZZAZIONE CONSIGLIO COMUNALE BILANCIO GESTIONALE TITOLO TIPOLOGIA CATEGORIA CAPITOLO ARTICOLO Ex Titolo Ex Categoria Ex Categoria Ex- Risorsa Ex Siope I LIVELLO II LIVELLO III LIVELLO IV LIVELLO V LIVELLO PIANO DEI CONTI INTEGRATO

6 UN ESEMPIO PIANO DEI CONTI INTEGRATO: ENTRATA E Imposta municipale propria riscossa a seguito dell attività ordinaria di gestione Livello Voce Codice Denominazione I Entrate correnti E Titolo II Tributi E Tipologia III Imposte, tasse e proventi assimilati E Categoria IV (livello minimo articolazione per allegato al bilancio) Imposta municipale propria E Capitolo V Imposta municipale propria riscossa a seguito dell attività ordinaria di gestione E Articolo

7 Riclassificazione entrate Ogni ente dovrà raccordare i propri capitoli con il piano dei conti unico/armonizzato. Il raccordo tra i capitoli già esistenti al piano dei conti finanziario è effettuato, in via preliminare, associando ai capitoli di entrata e di spesa già esistenti il relativo conto del Piano dei Conti integrato. A riguardo, è necessario che i singoli settori analizzino i capitoli di propria competenza al fine di identificare le principali esigenze di: 1. spacchettamento, laddove un capitolo risulta raccordabile a più conti del piano dei conti integrato; 2. accorpamento, laddove più capitoli risultano raccordabili ad un conto del piano dei conti

8 PRINCIPIO DELLA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATO Competenza finanziaria L allegato 1 al DPCM 28 dicembre 2011 dispone che: << ( ) Tutte le obbligazioni giuridicamente perfezionate attive e passive, che danno luogo a entrate e spese per l ente, devono essere registrate nelle scritture contabili quando l obbligazione è perfezionata, con imputazione all esercizio in cui l obbligazione viene a scadenza. L accertamento costituisce la fase dell entrata con la quale si perfeziona un diritto di credito relativo ad una riscossione da realizzare e si imputa contabilmente all esercizio finanziario nel quale il diritto di credito viene a scadenza ( ) E esclusa categoricamente la possibilità di accertamento attuale di entrate future in quanto ciò darebbe luogo ad un anticipazione di impieghi (ed ai relativi oneri) in attesa dell effettivo maturare della scadenza del titolo giuridico dell entrata futura, con la conseguenza di alterare gli equilibri finanziari dell esercizio finanziario ( )>>

9 IL PRINCIPIO DI CONTABILITA FINANZIARIA <<POTENZIATA>> COSTITUISCE IL CRITERIO DI IMPUTAZIONE AI VARI ESERCIZI FINANZIARI DELLE OBBLIGAZIONI GIURIDICAMENTE PERFEZIONATE ATTIVE E PASSIVE (ACCERTAMENTI ED IMPEGNI) in sintesi la novità: le obbligazioni giuridicamente perfezionate sono registrate nelle scritture contabili (accertamenti ed impegni) con imputazione nell esercizio in cui esse vengono a scadenza. FINO AD OGGI: Registrazione ed imputazione: momento in cui l obbligazione giuridica si perfeziona (sorge il diritto o l obbligo) TUEL artt A REGIME e per sperimentatori: Registrazione: momento in cui l obbligazione giuridica si perfeziona Imputazione: esercizio in cui essa viene a scadenza

10 1. Principio di competenza finanziaria = criterio di imputazione agli esercizi finanziari delle obbligazioni giuridicamente perfezionate attive e passive (accertamenti e impegni). Tutte le obbligazioni giuridicamente perfezionate attive e passive devono essere registrate nelle scritture contabili quando l obbligazione è perfezionata, con imputazione all esercizio in cui l obbligazione viene a scadenza. 2. La contabilità finanziaria deve rilevare tutte le transazioni che incidono sui valori economici, patrimoniali, finanziari, che si originano dall interazione tra differenti soggetti, anche se non determinano flussi di cassa effettivi (quindi anche: donazioni, permute, ecc ) 3. Nel principio generale della competenza finanziaria viene definito il criterio di ESIGIBILITA delle obbligazioni attive e passive, ma il principio generale è declinato, in termini operativi, in criteri di imputazione differenziati in funzione della tipologia di entrata e di spesa.

11 Bilancio armonizzato Titolo 1 Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa Titolo 2 Trasferimenti correnti Titolo 3 Entrate extratributarie Vecchio bilancio Titolo 1 Entrate tributarie Titolo 2 Entrate derivanti da contributi e trasferimenti correnti dello Stato, della regione e di altri enti pubblici anche in rapporto all'esercizio di funzioni delegate dalla regione Titolo 3 Entrate extratributarie Titolo 4 Entrate in conto capitale Titolo 5 Entrate da riduzione di attività finanziarie Titolo 4 Entrate derivanti da alienazioni, da trasferimenti di capitale e da riscossioni di crediti Titolo 6 Accensione Prestiti Titolo 7 Anticipazioni da istituto tesoriere/cassiere Titolo 5 Entrate derivanti da accensioni di prestiti Titolo 9 Entrate per conto terzi e partite di giro Titolo 6 Entrate servizi per conto terzi

12 CLASSIFICAZIONE ENTRATE PER TIPOLOGIA TITOLO I Classificazione D.P.R 194/1996 Categoria 1 Imposte 2 Tasse 3 Tributi Speciali Tipologia Tributi Classificazione Titolo I entrata D.p.c.m Categoria Imposte, tasse e proventi assimilati Tributi destinati al finanziamento della sanità Tributi devoluti e regolati alle autonomie speciali Compartecipazione di tributi Fondi perequativi Fondi perequativi da Amministrazioni centrali Fondi perequativi dalla Regione o Provincia autonoma

13 VOCI DI ENTRATA Entrate tributarie Entrate tributarie gestite con ruolo (punto 3.7 allegato 2 D.p.c.m ) CRITERIO DI IMPUTAZIONE DEGLI ACCERTAMENTI DI ENTRATA Esigibilità del credito è la regola generale (punto 3.6 lettera a) allegato 2 D.p.c.m ) Le entrate tributarie gestite attraverso ruoli ordinari (bollettini, liste di carico...) a regime sono accertate e imputate contabilmente all esercizio in cui è emesso il ruolo. I ruoli coattivi, in quanto relativi ad entrate già accertate, non comportano l accertamento di nuove entrate. Le sanzioni e gli interessi correlati ai ruoli coattivi sono accertati per cassa. Le entrate tributarie gestite attraverso ruoli a contabilizzate, per ragioni di prudenza, per cassa potranno essere accertate per cassa fino al loro esaurimento. E consigliabile per una trasparenza contabile iscrivere tali crediti, al netto del fondo crediti dubbia esigibilità, nel conto del patrimonio.

14 VOCI DI ENTRATA Entrate tributarie riscosse per autoliquidazione CRITERIO DI IMPUTAZIONE DEGLI ACCERTAMENTI DI ENTRATA Le entrate tributarie riscosse per autoliquidazione dei contribuenti sono accertate sulla base delle riscossioni effettuate entro la chiusura del rendiconto e comunque entro la scadenza prevista per l approvazione del rendiconto o, nell esercizio di competenza, per un importo non superiore a quello stimato dal competente Dipartimento delle finanze attraverso il portale per il federalismo fiscale. La componente dell avanzo costituita da residui attivi accertati sulla base di tale stima è evidenziata nella rappresentazione dell avanzo di amministrazione. Periodicamente l ente verifica il grado di realizzazione di tali residui attivi e provvede all eventuale riaccertamento dandone conto nella relazione al rendiconto.

15 VOCI DI ENTRATA Entrate Tributarie riscosse attraverso il bilancio dello Stato o altra PA Avvisi di accertamento di entrate tributarie CRITERIO DI IMPUTAZIONE DEGLI ACCERTAMENTI DI ENTRATA Le entrate tributarie riscosse attraverso il bilancio dello Stato o di altra amministrazione pubblica sono accertate nell esercizio in cui è adottato l atto amministrativo di impegno della corrispondente spesa nel bilancio dello Stato e dell amministrazione pubblica che ha incassato direttamente il tributo. Nel caso di avvisi di accertamento riguardanti entrate tributarie, l accertamento contabile è registrato quando l avviso diventa definitivo (sempre se il contribuente non abbia già effettuato il pagamento del tributo). In tale caso l entrata è imputata alla voce del piano dei conti relativa al tributo considerato riscosso a seguito di attività di verifica e controllo

16 CLASSIFICAZIONE ENTRATE PER TIPOLOGIA TITOLO II Classificazione D.P.R 194/1996 Categoria 1 Contributi e trasferimenti correnti dallo Stato 2 Contributi e trasferimenti correnti dalla Regione 3 Contributi e trasferimenti correnti dalla Regione per funzioni delegate 4 Contributi e trasferimenti correnti da parte di organismi comunitari e internazionali 5 Contributi e trasferimenti correnti da altri enti del settore pubblico Tipologia Trasferimenti correnti Classificazione Titolo II Entrata D.p.c.m Categoria Trasferimenti correnti da amministrazioni pubbliche Trasferimenti correnti da Famiglie Trasferimenti correnti da Imprese Trasferimenti correnti da istituzioni sociali privati Trasferimenti correnti dall Unione Europea e dal Resto del Mondo

17 VOCI DI ENTRATA Trasferimenti/ Contributi (punto 3.6 lettera b) D.p.c.m ) da P.A. che adottano il medesimo principio della competenza finanziaria SCADENZA DEL CREDITO COINCIDE CON: Esercizio in cui viene adottato l atto amministrativo di attribuzione del trasferimento. Tuttavia, se l atto amministrativo prevede espressamente le scadenze di erogazione del trasferimento, l accertamento è imputato negli esercizi in cui l obbligazione viene a scadenza. A tal fine ogni P.A. deve darne comunicazione ai destinatari (web, lettere, ecc ) Gli stessi criteri di imputazione valgono per i trasferimenti e contributi in c/capitale Trasferimenti/ Contributi (punto 3.6 lettera b) D.p.c.m ) da P.A. che non adottano il medesimo principio della competenza finanziaria Esigibilità del contributo/trasferimento a prescindere dall esercizio di imputazione dell impegno da parte dell amministrazione erogante

18 CONTRIBUTI A RENDICONTAZIONE (P. 3.6 LETT. B ALL. 2) Beneficiario ed erogante applicano entrambi il principio della competenza finanziaria potenziato L ente erogante non applica il principio della competenza finanziaria potenziato Gli accertamenti relativi a contributi a rendicontazione devono necessariamente corrispondere agli impegni assunti dall amministrazione pubblica che eroga i trasferimenti (sia con riferimento agli importi che con riferimento agli esercizi di imputazione). Gli accertamenti relativi a contributi a rendicontazione sono imputati agli esercizi in cui l ente beneficiario prevede di impegnare la spesa cui il trasferimento è destinato sulla base del cronoprogramma e quindi non necessariamente gli accertamenti (sia con riferimento agli importi che con riferimento agli esercizi di imputazione)corrispondono con gli impegni assunti dall amministrazione pubblica che eroga i trasferimenti

19 CONTRIBUTI A RENDICONTAZIONE (P. 3.6 LETT. B ALL. 2) Beneficiario ed erogante applicano entrambi il principio della competenza finanziaria potenziato L ente erogante non applica il principio della competenza finanziaria potenziato Unione effettua spese per conto dei comuni di cui riceve il rimborso per un valore di 100. Spese sostenute dall unione sono 100 imputate 30 anno N e 70 anno n+1 UNIONE Entrata 30 N 70 n+1 Spesa 30 N 70 N+1 COMUNE Spesa 30 N 70 N+1 UNIONE Entrata 30 N 70 n+1 Spesa 30 N 70 N+1 COMUNE Spesa 100 N

20 CONTRIBUTI DEL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA PER GLI UFFICI GIUDIZIARI (P. 3.6 LETTERA C) Accertamento effettuato sulla base della formale comunicazione di riconoscimento del credito nei confronti del Comune, da parte del Ministero o in assenza sulla base dell effettivo incasso. In ogni caso, annualmente è considerato esigibile il 70% del contributo globalmente erogato nell anno precedente. La rata a saldo è accertata sulla base della formale comunicazione o sulla base dell effettivo incasso. Nell esercizio in cui si incassa il saldo si cancellano tutti i residui relativi

21 CONTRIBUTI UE (P ALLEGATO 2) Accertamento a seguito dell approvazione del piano economico-finanziario da parte della Commissione europea ma imputate negli esercizi in cui l ente ha programmato di eseguire la spesa. L eventuale erogazione di acconti è accertata nell esercizio in cui è incassato l acconto

22 CLASSIFICAZIONE ENTRATE PER TIPOLOGIA TITOLO III Classificazione D.P.R 194/1996 Categoria. 1 Proventi dei servizi pubblici 2 Proventi dei beni comunali 3 Interessi su anticipazioni o crediti 4 Utili netti delle aziende speciali e partecipate Classificazione D.p.c.m Tipologia Vendita di beni e servizi e proventi derivanti dalla gestione dei beni Proventi derivanti dall attività di controllo e repressione delle irregolarità e degli illeciti Interessi attivi Altre entrate da redditi da capitale 5 Proventi diversi Rimborsi e altre entrate correnti

23 VOCI DI ENTRATA Proventi dei servizi pubblici (punto 3.8 allegato 2) Interessi attivi (punto 3.9 allegato 2) CRITERIO DI IMPUTAZIONE DEGLI ACCERTAMENTI DI ENTRATA Sono accertate sulla base dell idonea documentazione che predispone l ente creditore e imputate all esercizio in cui il servizio è reso all utenza. Vale anche nel caso in cui la gestione del servizio sia affidata a terzi. Imputate all esercizio in cui l obbligazione risulta esigibile Interessi bancari esigibili alla data del 31 dicembre e comunicati nei primi mesi dell anno successivo: è possibile accertare l entrata nell anno successivo, imputandola all esercizio precedente, sulla base della comunicazione della banca o dell incasso verificatosi prima dell approvazione del rendiconto. Le entrate per interessi di mora (ad esempio per ritardato pagamento canoni affitto) sono accertate al momento dell incasso.

24 VOCI DI ENTRATA Gestione dei beni pubblici (punto 3.10 allegato 2) CRITERIO DI IMPUTAZIONE DEGLI ACCERTAMENTI DI ENTRATA Le entrate derivanti dalla gestione dei beni immobili, quali locazioni e concessioni, sono accertate sulla base dell idonea documentazione predisposta dall ente e imputate all esercizio in cui l entrata è esigibile. Le entrate derivanti da concessioni pluriennali che non garantiscono accertamenti costanti negli esercizi e costituiscono entrate straordinarie non ricorrenti sono considerate vincolate al finanziamento di interventi di investimento. Concessione diritti su beni demaniali o patrimoniali (punto 3.16 allegato 2) Le entrate derivanti dalla concessione di diritti su beni demaniali o patrimoniali sono accertate a seguito dell emanazione dell atto amministrativo, con imputazione contabile all esercizio previsto nell atto amministrativo per l esecuzione dell obbligazione pecuniaria

25 VOCI ENTRATE DA SANZIONI CODICE DELLA STRADA (esempio n. 4 allegato 2) CRITERIO IMPUTAZIONE ACCERTAMENTI L accertamento delle sanzioni avviene: alla data di notifica del verbale (non quindi alla data della violazione); qualora il trasgressore provveda al pagamento immediato (ossia in assenza di notifica), l accertamento avviene per cassa; per le sanzioni non riscosse, che diventano titolo esecutivo dopo 60 giorni, si provvede ad integrare l accertamento originario con le maggiori somme iscritte a ruolo (differenza tra somma iscritta a ruolo e somma originariamente accertata); per le sanzioni archiviate/annullate in sede di autotutela, si provvede alla riduzione dell accertamento originario; per le entrate che negli esercizi precedenti a quello di entrata in vigore dei nuovi principi contabili sono state accertate per cassa fino al loro esaurimento dovranno continuare ad essere accertate per cassa. La revisione dell accertamento originario può avvenire con periodicità stabilita dall ente e, in ogni caso, in sede di salvaguardia degli equilibri di bilancio entro il 31 luglio e in sede di assestamento, contestualmente alla revisione del fondo crediti dubbia esigibilità. La stima iniziale del fondo si deve basare su una stima della percentuale delle somme storicamente non riscosse rispetto alle somme notificate. Tale percentuale deve essere applicata alle previsioni di sanzioni da notificare nel corso dell esercizio (escluse quindi le previsioni di accertamento che saranno effettuate secondo il principio di cassa). DECORRENZA: RUOLI EMESSI A DECORRERE DALL ENTRATA IN VIGORE DEL PRINCIPIO DI COMPETENZA FINANZIARIO POTENZIATO Relativamente ai vincoli: in sede di previsione iniziale, dal totale entrate da sanzioni viene dedotto il fondo crediti di dubbia esigibilità previsto e le spese previste per compenso al concessionario e su tale differenza si applica la quota del 50% prevista dall art. 208 del codice della strada Durante l esercizio, a fronte del monitoraggio delle entrate e del fondo rischi su crediti, si adegueranno gli stanziamenti e con delibera di giunta si adegueranno i vincoli di destinazione

26 VOCI RATEIZZAZIONI DELLE ENTRATE (P. 3.5 ALLEGATO 2) CRITERIO IMPUTAZIONE ACCERTAMENTI Nei casi di rateizzazione di entrata l accertamento è effettuato ed imputato all esercizio in cui l obbligazione nasce a condizione che la rateizzazione risponda a principi di ragionevolezza e che non superi i 12 mesi dell anno successivo. Se la rateizzazione supera i 12 mesi, l accertamento è effettuato nell esercizio in cui l obbligazione nasce ma è imputata agli esercizio in cui scadono le rate Gli interessi attivi relativi alla rateizzazione devono essere imputati distintamente rispetto alle entrate cui si riferiscono

27 CLASSIFICAZIONE ENTRATE PER TIPOLOGIA TITOLO - IV E V Classificazione D.P.R 194/1996 Categ oria Titolo IV 1 Alienazione di beni patrimoniali Tipologia. Tributi in conto capitale Contributi agli investimenti Classificazione Titolo IV D.P.C.M Altri trasferimenti in conto capitale 2 Trasferimenti di capitali dallo Stato 3 Trasferimenti di capitali dalla Regione 4 Trasferimenti di capitali da altri enti del settore pubblico 5 Trasferimenti di capitali da altri soggetti 6 Riscossione di crediti Entrate da alienazione di beni materiali e immateriali Altre entrate in conto capitale Tipologia Classificazione Titolo V D.P.C.M Alienazione di attività finanziarie Riscossione di crediti a breve termine Riscossione di crediti a medio-lungo termine Altre entrate per riduzione di attività finanziarie

28 Contributi agli investimenti Altri trasferimenti in conto capitale (faq. 60) CONTRIBUTI AGLI INVESTIMENTI Sono erogazioni effettuate da un soggetto a favore di terzi, destinate al finanziamento di spese di investimento, in assenza di controprestazione TRASFERIMNTI IN CONTO CAPITALE Sono erogazioni effettuate da un soggetto a favore di terzi in assenza di controprestazione, ma non destinate al finanziamento di spese di investimento

29 Contributo agli investimenti ENTRATA Contributo agli investimenti E E E E E SPESA Contributo agli investimenti U U U U U E Contributo investimenti x rimborso prestiti da P.A. Negli equilibri di bilancio considerata come entrata corrente

30 Trasferimenti in conto capitale ENTRATA Per assunzione debiti E (P.A.) E (imprese) E (U.E. e Mondo) Per cancellazione debiti E E E SPESA Per assunzione debiti U (P.A.) U (famiglie) U (imprese) U (ist. Sociali private) U (U.E. e Mondo) Per escussione garanzie U U U U U Negli equilibri di bilancio considerato come spesa corrente

31 Trasferimenti in conto capitale ENTRATA Per ripiano disavanzi E E E Altri trasferimenti E E E E E SPESA Per disavanzi U U U U U Altri trasferimenti U U U U U Negli equilibri di bilancio considerato come spesa corrente

32 ENTRATE IN C/CAPITALE:I CONTRIBUTI Per quanto riguarda i contributi in conto capitale, valgono gli stessi criteri di imputazione indicati per i contributi in parte corrente. Gli accertamenti relativi a contributi a rendicontazione, in applicazione del nuovo principio della competenza finanziaria potenziata, devono necessariamente corrispondere agli impegni assunti dall amministrazione pubblica che eroga i trasferimenti (sia con riferimento agli importi che con riferimento agli esercizi di imputazione). ESEMPIO: Il Comune X intende realizzare un opera pubblica finanziandola interamente con contributo regionale. Per avanzare la domanda di contributo, il Comune deve presentare il progetto preliminare. La progettazione preliminare è finanziata con risorse del Comune, in quanto in tale fase la Regione non ha ancora concesso il contributo; Il Comune presenta la domanda e un cronoprogramma di massima per la realizzazione. L opera richiede 3 anni e la spesa è così suddivisa: 20 nel primo esercizio, 50 nel secondo esercizio e 30 nel terzo esercizio.

33 La Regione decide di finanziare l opera e adotta l atto di concessione del contributo per 100, la cui esigibilità è cadenzata in funzione del cronoprogramma di realizzazione dell opera. Ricevuta la comunicazione regionale di concessione del contributo, il Comune accerta 20 nel primo esercizio, 50 nel secondo esercizio e 30 nel terzo esercizio. Sul fronte della spesa, il Comune a seguito delle procedure di affidamento impegna specularmente 20 nel primo esercizio, 50 nel secondo esercizio e 30 nel terzo esercizio (o i minori importi risultanti dall aggiudicazione). Qualora il contributo venga concesso da un soggetto privato con un termine di esigibilità successivo rispetto all esigibilità della spesa correlata (il Comune sostiene la spesa nell esercizio n, il contributo è erogabile nell esercizio n+1), lo squilibrio di spesa correlata (di competenza e di cassa) viene finanziato nell esercizio n con risorse dell ente locale. Nell esercizio n+1 le entrate da contributo saranno essere utilizzate per altri investimenti.

34 Art. 1 c. 76 Legge 311/2004 (p allegato 2) D.p.c.m Il debito da operazioni di indebitamento deve essere iscritto nel bilancio dell ente che provvede all effettivo pagamento delle rate di ammortamento anche se il pagamento risulta effettuato a seguito di delegazione di pagamento. L amministrazione pubbliche beneficiaria del mutuo, le cui rate di ammortamento sono corrisposte agli istituti finanziatori da un amministrazione pubblica diversa iscrive il ricavato del mutuo tra le entrate per trasferimenti in conto capitale con vincolo di destinazione agli investimenti. Nel caso in cui il pagamento delle rate di ammortamento risulti effettuato pro quota da più enti, anche il debito deve essere iscritto pro quota nei bilanci degli enti coinvolti

35 Mutuo intestato al Comune (ente beneficiario) con delegazione di pagamento delle rate a carico della Provincia (ente pagatore) s Secondo punto 3.20 (utilizzo improprio del termine trasferimenti) COMUNE Quando riceve l erogazione del mutuo Entrata: Titolo 4 macro 03 (Trasferimenti in conto capitale per assunzioni di debiti dell amministrazione da parte di amministrazioni pubbliche) Spesa: Titolo 2 (spesa investimento) PROVINCIA Deve registrare il debito per mutuo perché di fatto è il debitore attraverso un giro contabile Mutuo: Titolo 6 entrata Spesa: Titolo 2 macro 03 (contributo agli investimenti) Iscriverà al titolo 1 la spesa per interessi e al titolo 4 la spesa per la quota capitale

36 Mutuo intestato al Comune (ente beneficiario) con delegazione di pagamento delle rate a carico della Provincia (ente pagatore) s Secondo punto 3.20 (utilizzo improprio del termine trasferimenti) COMUNE Quando riceve l erogazione del mutuo Entrata: Titolo 4 macro 03 (Trasferimenti in conto capitale per assunzioni di debiti dell amministrazione da parte di amministrazioni pubbliche) PROVINCIA Deve registrare il debito per mutuo perché di fatto è il debitore attraverso un giro contabile Mutuo: Titolo 6 entrata Spesa: Titolo 2 macro (Altri trasf.c/cap. per assunzioni debiti) Spesa: Titolo 2 (spesa investimento) Iscriverà al titolo 1 la spesa per interessi e al titolo 4 la spesa per la quota capitale

37 Mutuo intestato al Comune (ente beneficiario) con delegazione di pagamento delle rate a carico della Provincia (ente pagatore) Versione corretta COMUNE Quando riceve l erogazione del mutuo Entrata: Titolo 4 macro 02 (Contributo agli investimenti da amministrazioni pubbliche) Spesa: Titolo 2 (spesa investimento) PROVINCIA Deve registrare il debito per mutuo perché di fatto è il debitore attraverso un giro contabile Mutuo: Titolo 6 entrata Spesa: Titolo 2 macro 03 (Contributo agli investimenti) Iscriverà al titolo 1 la spesa per interessi e al titolo 4 la spesa per la quota capitale

38 Mutuo intestato al Comune (ente beneficiario) che pagherà le rate Provincia rimborsa la quota capitale COMUNE Registra l operazione di indebitamento Entrata: Titolo 6 Spesa: Titolo 2 (spesa investimento) Registra annualmente il rimborso della Provincia Entrata: Titolo 4 macro (contributo agli investimenti direttamente destinati al rimborso di prestiti da amministrazioni pubbliche) PROVINCIA Deve registrare il trasferimento al comune della quota di rimborso Spesa: Titolo 2 macro 03 (contributo agli investimenti) O forse è meglio Titolo 1 macro 04

39 VOCI DI ENTRATA Alienazioni beni immobili (punto 3.13 allegato 2) Cessione diritti superficie (punto 3.15 allegato 2) Competenza finanziaria: ALTRE ENTRATE IN C/CAPITALE CRITERIO DI IMPUTAZIONE DEGLI ACCERTAMENTI DI ENTRATA Immobili: l accertamento è effettuato al momento del rogito, con imputazione all esercizio previsto nel contratto per l esecuzione dell obbligazione pecuniaria. Nel caso in cui il contratto preveda il pagamento differito, è consentito l accertamento dell entrata nel primo esercizio se il pagamento non è stabilito oltre i 12 mesi successivi. Se l entrata è incassata prima del rogito l accertamento è registrato per cassa. L accertamento è effettuato al momento del rogito, con imputazione all esercizio previsto nel contratto per l esecuzione dell obbligazione pecuniaria. Se l entrata è incassata prima del rogito l accertamento è registrato per cassa. Se il diritto di superficie è convertito in un diritto di proprietà si applicano le norme della cessione dei beni Cessione altri beni (punto 3.14 allegato 2) L obbligazione giuridica attiva nasce con il passaggio della proprietà e in tale momento deve essere accertata l entrata con imputazione all esercizio previsto nel contratto per l esecuzione dell obbligazione pecuniaria

40 Alienazioni Vincoli (punto 3.13 allegato 2) Il corrispettivo della cessione è destinato: alla spesa di investimento al netto del debito IVA. Tale principio è diretto a garantire la copertura finanziaria dell eventuale posizione debitoria al termine previsto per la liquidazione dell IVA e consente di destinare l entrata iscritta tra le entrate in c/capitale a copertura delle spese correnti per il pagamento dell IVA. In ogni caso risulta possibile destinare l entrata in conto capitale corrispondente al debito IVA a copertura della spesa determinata dall IVA dovuta per spese di investimento (credito IVA). all estinzione anticipata di prestiti. L importo dell obbligazione attiva è registrato senza distinguere il plusvalore.

41 Permessi di costruire (punto 3.11 allegato 2) La quota immediatamente esigibile, collegata al rilascio del permesso, è accertata sulla competenza dell esercizio in cui il permesso è rilasciato La restante quota è accertata sulla competenza dell esercizio in cui si prevede sia riscossa sulla base dei regolamenti dell ente. In caso di incertezza, l entrata riguardante la seconda quota è accertata sulla competenza dell esercizio in cui scade il permesso.

42 CLASSIFICAZIONE ENTRATE PER TIPOLOGIA TITOLO VI E VII Classificazione D.P.R 194/1996 Catego ria 1 Anticipazioni di cassa 2 Finanziamenti a breve termine 3 Assunzioni di mutui e prestiti 4 Emissione di prestiti obbligazionari Classificazione Titolo 6 D.p.c.m Tipologia Emissione di titoli obbligazionari Accensione Prestiti a breve termine Accensione Mutui e altri finanziamenti a medio lungo termine Altre forme di indebitamento Classificazione titolo 7 D.P.C.M Anticipazioni da istituto tesoriere/cassiere

43 Mutui (punto 3.18 allegato 2) L accertamento è effettuato nel momento di stipula del contratto di mutuo o prestito con imputazione sull esercizio in cui la somma è esigibile = quando il soggetto finanziatore rende disponibile le somme. Nei mutui tradizionali la somma è esigibile al momento della stipula del contratto. All accertamento corrisponde un aumento del valore nominale dell indebitamento (p allegato 2) D.p.c.m. ) Nei casi in cui la Cassa Depositi e Prestiti (o altro istituto finanziatore), rende immediatamente disponibili le somme oggetto del finanziamento in un apposito conto intestato all ente, queste si intendono immediatamente esigibili (e danno luogo a interessi attivi) e devono essere accertate e riscosse. A fronte dell indicato accertamento l ente registra tra le spese, l impegno e il pagamento riguardanti il versamento dei proventi del prestito al deposito presso la Cassa Depositi e Prestiti. Il mandato emesso per la costituzione del deposito bancario è versato in quietanza di entrata nel bilancio dell ente, consentendo la rilevazione contabile dell incasso derivante dal prestito. A fronte dell impegno per la costituzione del deposito bancario si rileva, imputandolo sempre al medesimo esercizio, l accertamento delle somme destinate ad essere prelevate dal conto di deposito.

44 PER DEPOSITARE SUL C/C BANCARIO Rev. Tit. 6 Accensione mutui Mandato Tit. 3 Versamento a depositi PER PRELEVARE Rev. Tit. 5 Prelievi da depositi bancari Mandato Titolo 2 investimento Accertamento Tit. 5 Prelievi da depositi bancari

45 Approfondimento: LE OPERAZIONI DI INDEBITAMENTO (p all. 2 D.p.c.m.) Il principio pone un accento particolare alle operazioni di indebitamento, le quali: vanno valutate nella loro portata e nei riflessi che provocano nella gestione dell'anno in corso e degli anni successivi, in riferimento al costante mantenimento degli equilibri nel tempo; Sono attivabili solo se non sono presenti risorse finanziarie alternative che non determinino oneri indotti per il bilancio dell'ente. Quindi: opportuno il ricorso a forme flessibili di indebitamento quali le aperture di credito e altre disponibili per l'ente, per garantire l'inerenza e la corrispondenza tra flussi di risorse acquisite con il ricorso all'indebitamento e fabbisogni di spesa d'investimento migliore programmazione pluriennale delle opere pubbliche e della spesa d'investimento finanziata con l'indebitamento e un andamento sostenibile del medesimo, sia in termini di indebitamento netto annuale, sia di ammontare complessivo del debito in ammortamento

46 Inoltre ai fini del mantenimento dell equilibrio patrimoniale è opportuno commisurare il periodo di ammortamento dell indebitamento al presumibile periodo nel quale gli investimenti correlati potranno produrre la loro utilità

47 Voce Apertura Credito (punto 3.19 allegato 2) Rinegoziazione (punto 3.22 allegato 2) Estinzione anticipata (punto 3.22 allegato 2) Criterio imputazione Per le aperture di credito che si consolidano in mutui passivi a seguito dell effettiva necessità di liquidità, l accertamento è disposto, dal responsabile del contratto di prestito, sulla base delle erogazioni L utilizzo dell apertura di credito è effettuato sulla base delle necessità finanziarie dei correlati impegni di spesa nell esercizio. Gli importi dei singoli accertamenti e i relativi esercizi di imputazione dell entrata corrispondono a quelli degli impegni effettuati per la corrispondente spesa di investimento, sulla base del crono programma di spesa. In caso di rinegoziazione dei prestiti, eventuali indennizzi o penalità dell operazione sono da registrare nella spesa corrente In caso di estinzione anticipata, la spesa sostenuta per rimborsare il capitale va allocata al titolo quarto Rimborso di prestiti, mentre la spesa relativa agli interessi ancora dovuti o all eventuale indennizzo o penalità va inserita nel titolo primo.

48 Leasing finanziario (punto 3.25 allegato 2) Per il principio della prevalenza della sostanza sulla forma il leasing finanziario ed i contratti assimilati costituiscono debito che finanzia l investimento. Pertanto il leasing finanziario e le operazioni assimilate sono registrate con le medesime scritture utilizzate per gli investimenti finanziati da debito. Le operazioni di leasing finanziario sono contabilizzate secondo il cd. metodo finanziario al fine di rilevare sostanzialmente che l ente si sta indebitando per acquisire un bene. Al momento della consegna del bene oggetto del contratto, si rileva il debito pari all importo oggetto di finanziamento, da iscrivere tra le Accensioni di prestiti e si registra l acquisizione del bene tra le spese di investimento (si accerta l entrata, si impegna la spesa e si emette un mandato versato in quietanza di entrata del proprio bilancio). L importo del finanziamento è costituito dal valore corrente del bene all inizio del leasing, che deve essere pari al valore attuale dei pagamenti dovuti per il leasing (il tasso di sconto da utilizzare è il tasso di interesse implicito nell operazione di leasing; se non è disponibile, deve essere utilizzato il tasso di interesse marginale del locatario)

49 Leasing finanziario Anche se formalmente non è di proprietà dell ente,dal punto di vista contabile il bene è preso in carico dell ente, inventariato tra i beni in leasing ed oggetto di ammortamento. Al momento del pagamento i canoni periodici sono registrati contabilmente distinguendo la parte interessi, da imputare in bilancio tra le spese correnti, dalla quota capitale, da iscrivere tra i rimborsi prestiti della spesa. Alla fine del contratto di leasing, la spesa per l esercizio del riscatto è registrata tra le spese di investimento. I nuovi principi di contabilizzazione delle operazioni di leasing si applicano alle nuove operazioni di leasing Leasing operativo Il leasing operativo si caratterizza, invece, per la mancanza dell opzione di riscatto al termine del contratto. In tal caso, è lo stesso produttore del bene che lo concede in locazione per un canone che corrisponde generalmente alla entità dei servizi offerti dal bene stesso e non è in relazione con la sua durata economica

50 Derivati (punto 3.23 allegato 2) Nel rispetto del principio dell integrità del bilancio dovranno essere rilevati separatamente i flussi finanziari riguardanti il debito originario rispetto ai saldi differenziali attivi o passivi rilevati nel bilancio a seguito del contratto derivato. Gli eventuali flussi in entrata una tantum derivanti da rimodulazione temporale o modifica delle condizioni di ammortamento del debito (c.d. up front ) vengono contabilizzati nel titolo 6 delle entrate accensioni di prestiti ( ) La regolazione annuale di differenze di flussi di interessi è rilevata rispettivamente, per l entrata, nel Titolo III e, per la spesa, nel Titolo I del bilancio. L eventuale differenza positiva costituisce una quota vincolata dell avanzo di amministrazione, destinata a garantire i rischi futuri del contatto o direttamente destinabile al finanziamento di investimenti o alla riduzione del debito.

51 Derivati estinti anticipatamente (punto 3.23 allegato 2) Nel caso di estinzione anticipata di un derivato, la somma ricevuta o pagata, corrispondente al valore di mercato rispettivamente positivo o negativo che il derivato presenta al momento della risoluzione (cd. mark to market) è imputata, in caso di valore positivo, nel Titolo III delle entrate e, in caso di valore negativo, nel Titolo I delle spese. Nel caso di flusso positivo è necessario stanziare, tra le spese un accantonamento per un valore corrispondente alle entrate accertate, con riferimento al quale non è possibile impegnare e pagare. La conseguente economia di bilancio costituisce una quota vincolata del risultato di amministrazione, fino a completa estinzione di tutti i derivati contratti dall ente, a copertura di eventuali mark to market negativi futuri. L eventuale quota residua positiva è destinata all estinzione anticipata di debito.

52 Anticipazione cassa (punto 3.26 allegato 2) Le entrate derivanti dalle anticipazioni di tesoreria e le corrispondenti spese riguardanti la chiusura delle anticipazioni di tesoreria sono contabilizzate nel rispetto del principio dell integrità, per il quale le entrate e le spese devono essere registrate per il loro intero importo, al lordo delle correlate spese e entrate. Il bilancio di previsione annuale di competenza e di cassa e il bilancio di previsione pluriennale di competenza hanno carattere autorizzatorio fatta eccezione per i servizi per conto di terzi e per i rimborsi delle anticipazioni di tesoreria. Nel rendiconto generale si espone il saldo al 31 dicembre dell anticipazione attivata al netto dei relativi rimborsi. In allegato si dà conto di tutte le movimentazioni effettuate nel corso dell esercizio sui capitoli di entrata e di spesa riguardanti l anticipazione evidenziando l utilizzo medio e l utilizzo massimo dell anticipazione nel corso dell anno. La conciliazione del consuntivo con il conto del tesoriere è effettuata tenendo conto delle risultanze del consuntivo e dell allegato.

53 CLASSIFICAZIONE ENTRATE PER TIPOLOGIA TITOLO 9 Classificazione D.P.R 194/1996 Risorsa Rit. Previdenziali e assistenziali Ritenute erariali Tipologia Classificazione Titolo 9 D.p.c.m Entrate per partite di giro Entrate per conto terzi Altre ritenute personale Depositi cauzionali Entrate per servizi per conto terzi Anticipazioni fondi per il servizio economato Depositi per spese contrattuali

54 I SERVIZI PER CONTO TERZI Deroga: Le obbligazioni giuridicamente perfezionate attive e passive che danno luogo a entrate e spese riguardanti le partite di giro e le operazioni per conto terzi, sono registrate e imputate all esercizio in cui l obbligazione è perfezionata e non all esercizio in cui l obbligazione è esigibile. I servizi per conto di terzi comprendono le transazioni poste in essere per conto di altri soggetti in assenza di qualsiasi discrezionalità e autonomia decisionale (sostituto di imposta). Non comportando discrezionalità e autonomia decisionale le operazioni c/terzi non hanno natura autorizzatoria Ai fini dell individuazione delle operazioni per conto di terzi l autonomia decisionale sussiste quando l ente concorre alla definizione di almeno uno dei seguenti elementi della transazione: ammontare, tempi e destinatari della spesa

55 I SERVIZI PER CONTO TERZI Sono servizi per conto terzi le operazioni svolte dall ente come capofila, solo come mero esecutore della spesa, nei casi in cui l ente riceva risorse da trasferire a soggetti già individuati, sulla base di tempi e di importi predefiniti; la gestione della contabilità svolta per conto di un altro ente (anche non avente personalità giuridica) che ha un proprio bilancio di previsione e di consuntivo. Non sono servizi per conto terzi: le spese sostenute per conto di un altro ente che comportano autonomia decisionale e discrezionalità, anche se destinate ad essere interamente rimborsate (spese elettorali, le spese di giustizia, ecc). le operazioni svolte per conto di un altro soggetto che non ha un proprio bilancio nel quale contabilizzare le medesime operazioni i finanziamenti comunitari, anche se destinati ad essere spesi coinvolgendo altri enti, nei casi in cui non risultino predefiniti tempi, importi e destinatari dei successivi trasferimenti; le operazioni in attesa di imputazione definitiva al bilancio.

56 LA NUOVA STRUTTURA DEL BILANCIO DI PREVISIONE Il bilancio di previsione entrata è composto dei seguenti documenti obbligatori: il bilancio di previsione entrate (All. n 7); Riepilogo generale delle entrate per titoli (All.n 7); Allegato al PEG degli enti locali entrate per titoli, tipologie e categorie Previsioni competenza(all. n. 7); Elenco delle previsioni di competenza e cassa secondo la struttura del piano dei conti (almeno IV livello)

57 Bilancio di previsione annuale entrate prima D.L. 102/2009(All. n 7); PREVISIONI DELL'ANNO A CUI SI RIFERISCE IL BILANCIO Fondo pluriennale vincolato per spese correnti (1) Fondo pluriennale vincolato per spese in conto capitale (1) Utilizzo avanzo di Amministrazione - di cui avanzo vincolato utilizzato anticipatamente (2) Fondo di Cassa all'1/1/esercizio di riferimento previsioni di competenza 0,00 previsioni di competenza 0,00 previsioni di competenza 0,00 previsioni di competenza 0,00 previsioni di cassa 0,00 TITOLO TIPOLOGIA DENOMINAZIONE RESIDUI PRESUNTI AL TERMINE DELL'ESERCIZIO PRECEDENTE QUELLO CUI SI RIFERISCE IL BILANCIO PREVISIONI DEFINITIVE DELL'ANNO PRECEDENTE QUELLO CUI SI RIFERISCE IL BILANCIO PREVISIONI dell'anno cui si riferisce il Bilancio PREVISIONI ANNO VARIAZIONI rispetto all'anno precedente in aumento in diminuzione TITOLO 1: Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa Tipologia 101: Tributi diretti 0,00 previsione di competenza 0,00 0,00 0,00 0,00 previsione di cassa 0, Tipologia 102: Tributi indiretti 0,00 previsione di competenza 0,00 0,00 0,00 0, Tipologia 103: previsione di cassa 0,00

58 Bilancio di previsione entrate dopo D.L. 102/2009(All. n 7); TITOLO TIPOLOGIA DENOMINAZIONE RESIDUI PRESUNTI AL TERMINE DELL'ESERCIZIO PRECEDENTE QUELLO CUI SI RIFERISCE IL BILANCIO PREVISIONI DEFINITIVE DELL'ANNO PRECEDENTE QUELLO CUI SI RIFERISCE IL BILANCIO PREVISIONI ANNO. PREVISIONI DELL'ANNO N+1 PREVISIONI DELL'ANNO N+2 Fondo pluriennale vincolato per spese correnti (1) previsioni di competenza 0,00 0,00 Fondo pluriennale vincolato per spese in conto capitale (1) previsioni di competenza 0,00 0,00 Utilizzo avanzo di Amministrazione previsioni di competenza 0,00 0,00 - di cui avanzo vincolato utilizzato anticipatamente (2) previsioni di competenza 0,00 0,00 Fondo di Cassa all'1/1/esercizio di riferimento previsioni di cassa 0,00 0,00 TITOLO 1: Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa Tipologia 101: Imposte, tasse e proventi assimilati 0,00 previsione di competenza 0,00 0,00 0,00 0,00 previsione di cassa 0, Tipologia 102: Tributi destinati al finanziamento della sanità (solo per le Regioni) 0,00 previsione di competenza 0,00 0,00 0,00 0,00 previsione di cassa 0,00

59 Riepilogo generale delle entrate per titoli prima del D.L. 102/2013 (All.n 7); PREVISIONI DELL'ANNO A CUI SI RIFERISCE IL BILANCIO Fondo pluriennale vincolato per spese correnti Fondo pluriennale vincolato per spese in conto capitale Utilizzo avanzo di Amministrazione - di cui avanzo vincolato utilizzato anticipatamente Fondo di Cassa all'1/1/esercizio di riferimento previsioni di competenza 0,00 previsioni di competenza 0,00 previsioni di competenza 0,00 previsioni di competenza 0,00 previsioni di cassa 0,00 PREVISIONI PREVISIONI RESIDUI PRESUNTI AL dell'anno cui si riferisce il Bilancio DEFINITIVE VARIAZIONI rispetto TERMINE DELL'ESERCIZIO DELL'ANNO TITOLO DENOMINAZIONE all'anno precedente PRECEDENTE QUELLO CUI SI PREVISIONI PRECEDENTE QUELLO ANNO RIFERISCE IL BILANCIO CUI SI RIFERISCE IL in aumento BILANCIO TITOLO 1 Entrate correnti di natura tributaria e 0,00 previsione di competenza 0,00 0,00 0,00 contributiva e perequativa previsione di cassa 0, TITOLO 2 Trasferimenti correnti 0,00 previsione di competenza 0,00 0,00 0,00 previsione di cassa 0, TITOLO 3 Entrate extratributarie 0,00 previsione di competenza 0,00 0,00 0,00 previsione di cassa 0, TITOLO 4 Entrate in conto capitale 0,00 previsione di competenza 0,00 0,00 0,00 previsione di cassa 0, TITOLO 5 Entrate da riduzione di attività finanziarie 0,00 previsione di competenza 0,00 0,00 0,00 previsione di cassa 0, TITOLO 6 Accensione prestiti 0,00 previsione di competenza 0,00 0,00 0,00 previsione di cassa 0, TITOLO 7 Anticipazioni da istituto tesoriere/cassiere 0,00 previsione di competenza 0,00 0,00 0,00 previsione di cassa 0, TITOLO 9 Entrate per conto terzi e partite di giro 0,00 previsione di competenza 0,00 0,00 0,00 previsione di cassa 0,00 TOTALE TITOLI 0,00 previsione di competenza 0,00 0,00 0,00 previsione di cassa 0,00 TOTALE GENERALE DELLE ENTRATE 0,00 previsione di competenza 0,00 0,00 0,00 previsione di cassa 0,00

60 Riepilogo generale delle entrate per titoli dopo il D.L. 102/2013 (All.n 7); RIEPILOGO GENERALE ENTRATE PER TITOLI TITOLO TIPOLOGIA DENOMINAZIONE RESIDUI PRESUNTI AL TERMINE DELL'ESERCIZIO PRECEDENTE QUELLO CUI SI RIFERISCE IL BILANCIO PREVISIONI DEFINITIVE DELL'ANNO PRECEDENTE QUELLO CUI SI RIFERISCE IL BILANCIO PREVISIONI ANNO. PREVISIONI DELL'ANNO N+1 PREVISIONI DELL'ANNO N+2 Fondo pluriennale vincolato per spese correnti (1) previsioni di competenza 0,00 Fondo pluriennale vincolato per spese in conto capitale (1) previsioni di competenza 0,00 Utilizzo avanzo di Amministrazione previsioni di competenza 0,00 - di cui avanzo vincolato utilizzato anticipatamente (2) previsioni di competenza 0,00 Fondo di Cassa all'1/1/esercizio di riferimento previsioni di cassa 0, TITOLO 1 Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0,00 previsione di competenza 0,00 0,00 0,00 0,00 previsione di cassa 0, TITOLO 2 Trasferimenti correnti 0,00 previsione di competenza 0,00 0,00 0,00 0,00 previsione di cassa 0,00

61 ALLEGATO AL PEG DEGLI ENTI LOCALI ENTRATE PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA* TITOLO TIPOLOGIA CATEGORIA DENOMINAZIONE Previsioni dell'anno cui si riferisce il bilancio Totale di cui entrate non ricorrenti Previsioni dell'anno N+1 Previsioni dell'anno N+2 Totale di cui entrate non ricorrenti Totale di cui entrate non ricorrenti ENTRATE CORRENTI DI NATURA TRIBUTARIA, CONTRIBUTIVA E PEREQUATIVA Tipologia 101: Imposte tasse e proventi assimilati 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Imposta sostitutiva dell'irpef e dell'imposta di registro e di bollo sulle locazioni di immobili per finalità abitative (cedolare secca) 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0, Imposta municipale propria 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0, Imposta comunale sugli immobili (ICI) 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0, Addizionale comunale IRPEF 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0, Imposta sulle assicurazioni 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0, Accisa sul gasolio 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0, Imposta sulle assicurazioni RC auto 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0, Imposta di iscrizione al pubblico registro automobilistico (PRA) 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

62 ELENCO DELLE PREVISIONI ANNUALI DI COMPETENZA E DI CASSA SECONDO LA STRUTTURA DEL PIANO DEI CONTI (almeno al IV livello) CODIFICA DEL PIANO DEI CONTI ENTRATE DENOMINAZIONE VOCE del PIANO DEI CONTI PREVISIONI dell'anno cui si riferisce il bilancio COMPETENZA CASSA E ENTRATE CORRENTI DI NATURA TRIBUTARIA, CONTRIBUTIVA E PEREQUATIVA 0,00 0,00 E Tributi 0,00 0,00 E Imposte, tasse e proventi assimilati 0,00 0,00 E Imposta sostitutiva dell'irpef e dell'imposta di registro e di bollo sulle locazioni di immobili per finalità abitative (cedolare secca) 0,00 0,00 E Imposta municipale propria 0,00 0,00 E Imposta comunale sugli immobili (ICI) 0,00 0,00 (prosegue secondo la struttura del piano dei conti di cui agli allegati 5 e 6)

63 Entrate non ricorrenti L articolo 25, comma 1, lettera b) della legge 31 dicembre 2009, n. 196, distingue: entrate ricorrenti (si riferiscono a proventi la cui acquisizione è prevista a regime). Si ritiene che possa essere definita a regime un entrata che si presenta con continuità in almeno 5 esercizi, per importi costanti nel tempo. entrate non ricorrenti (si riferiscono a proventi la cui acquisizione è limitata ad uno o più esercizi). La sperimentazione prevede la possibilità di includere tra le entrate non ricorrenti anche le entrate presenti a regime nei bilanci dell ente, quando presentano importi superiori alla media riscontrata nei cinque esercizi precedenti (per l importo del superamento del limite). Per quanto riguarda le previsioni è corretto individuare la natura non ricorrente delle entrate sulla base dei trend degli ultimi cinque anni.

64 In considerazione della loro natura sono da considerarsi non ricorrenti : i contributi per la sanatoria di abusi edilizi e sanzioni; i condoni; le entrate da recupero evasione tributaria; le entrate per eventi calamitosi; le plusvalenze da alienazione; le accensioni di prestiti; tutti i trasferimenti in conto capitale (a meno che non siano espressamente definitivi continuativi dal provvedimento o dalla norma che ne autorizza l erogazione). Le altre entrate sono da considerarsi ricorrenti.

CLASSIFICAZIONE DELLE ENTRATE

CLASSIFICAZIONE DELLE ENTRATE CLASSIFICAZIONE DELLE ENTRATE Nel bilancio di previsione le entrate sono aggregate in titoli, tipologie categorie: i titoli rappresentano la fonte di provenienza delle entrate; le tipologie individuano

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) Sezione Voce Codice voce Competenza Cassa

Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) Sezione Voce Codice voce Competenza Cassa Bilancio Preventivo per l esercizio finanziario 2015 RIEPILOGO DELLE ENTRATE E DELLE SPESE SECONDO NOVO PIANO DEI CONTI INTEGRATO (art. 6 DPCM 22 settembre 2014) Istituto Superiore per la Protezione e

Dettagli

PREVISIONI DEFINITIVE DELL'ANNO PRECEDENTE QUELLO CUI SI RIFERISCE IL BILANCIO (3) previsione di competenza. previsione di competenza

PREVISIONI DEFINITIVE DELL'ANNO PRECEDENTE QUELLO CUI SI RIFERISCE IL BILANCIO (3) previsione di competenza. previsione di competenza DI PREVISIONE 2015 - ISTITUZIONE CENTRO OLIMPIA COMUNALE Allegato n.9 - Bilancio di previsione al D.Lgs 118/2011 DI PREVISIONE ENTRATE TITOLO TIPOLOGIA RESIDUI PRESUNTI AL TERMINE DELL'ESERCIZIO PRECEDENTE

Dettagli

Voce Entrate correnti di natura tributaria,contributiva e perequativa Tributi imposte, tasse e proventi assimilati tributi destinati al finanziamento

Voce Entrate correnti di natura tributaria,contributiva e perequativa Tributi imposte, tasse e proventi assimilati tributi destinati al finanziamento Voce Entrate correnti di natura tributaria,contributiva e perequativa Tributi imposte, tasse e proventi assimilati tributi destinati al finanziamento della sanità tributi devoluti e regolati alle autonomie

Dettagli

PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE

PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 1.0101 Tipologia 101: Imposte, tasse e proventi assimilati 22.496.118,21 0,00 1.0101.03 Imposta sostitutiva dell'irpef e dell'imposta di

Dettagli

CARATTERISTICHE DEL BILANCIO Torino, 20 maggio 2014

CARATTERISTICHE DEL BILANCIO Torino, 20 maggio 2014 CORSO DI FORMAZIONE REVISORI ENTI LOCALI Armonizzazione dei sistemi contabili D.Lgs.118/2011 CARATTERISTICHE DEL BILANCIO Torino, 20 maggio 2014 Cristina CHIANTIA dottori commercialisti Massimo STRIGLIA

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA Allegato A/2 Allegato n. 4/2 al D.Lgs 118/2011 PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA 1. Definizione Nelle amministrazioni pubbliche che la adottano, la contabilità finanziaria

Dettagli

Allegato n. 10 al DL

Allegato n. 10 al DL Allegato n. 10 al DL Allegato 13/2 al D.Lgs 118/2011 (previsto dell art. 15, comma 2) ELENCO DEI TITOLI, TIPOGIE E CATEGORIE DI ENTRATA DEGLI ENTI LOCALI Il prospetto sotto descritto riguarda l elenco

Dettagli

Comune di Bagno a Ripoli. Città metropolitana di Firenze

Comune di Bagno a Ripoli. Città metropolitana di Firenze Comune di Bagno a Ripoli Città metropolitana di Firenze R E N D I C O N T O D E L L A G E S T I O N E A R M O N I Z Z A T O D. L G S. 1 1 8 / 2 0 1 1 2 0 1 5 Entrate Quadro gestione delle entrate Quadro

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI D. Lgs. 118/2011 Settembre 2013 Le origini: il federalismo fiscale Legge 5/5/2009 n. 42 Delega al Governo in materia di FEDERALISMO FISCALE in attuazione dell art.

Dettagli

COMUNE DI TERTENIA Provincia dell'ogliastra QUADRO GENERALE RIASSUNTIVO TRIENNIO 2015-2017

COMUNE DI TERTENIA Provincia dell'ogliastra QUADRO GENERALE RIASSUNTIVO TRIENNIO 2015-2017 QUADRO GENERALE RIASSUNTIVO TRIENNIO - CASSA ANNO DI RIFERIMENTO DEL BILANCIO COMPETENZA ANNO DI RIFERIMENTO DEL BILANCIO SPESE CASSA ANNO DI RIFERIMENTO DEL BILANCIO COMPETENZA ANNO DI RIFERIMENTO DEL

Dettagli

FORMAZIONE CONTINUA. IL PASSAGGIO ALLA NUOVA CONTABILITÀ ARMONIZZATA gli adempimenti da porre in essere per applicare il D. Lgs.

FORMAZIONE CONTINUA. IL PASSAGGIO ALLA NUOVA CONTABILITÀ ARMONIZZATA gli adempimenti da porre in essere per applicare il D. Lgs. FORMAZIONE CONTINUA IL PASSAGGIO ALLA NUOVA CONTABILITÀ ARMONIZZATA gli adempimenti da porre in essere per applicare il D. Lgs. 118/2011 Adempimenti 2015 Dispensa #2 Accertamento delle entrate 2015: Modalità

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO 2015 - ENTRATE

BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO 2015 - ENTRATE Fondo pluriennale vincolato per spese correnti (1) previsione di competenza quello PREVISIONI PREVISIONI (3) dell'anno 2015 dell'anno 2016 PREVISIONI dell'anno 2017 101.172,21 Fondo pluriennale vincolato

Dettagli

Riaccertamento residui. di Elisabetta Civetta. 11 novembre Sala Convegni ODCEC Milano

Riaccertamento residui. di Elisabetta Civetta. 11 novembre Sala Convegni ODCEC Milano Riaccertamento residui di Elisabetta Civetta 11 novembre Sala Convegni ODCEC Milano Residui attivi e passivi Ai fini della formazione del rendiconto dell esercizio n-1, possono essere conservati: - tra

Dettagli

Comune di Riposto Entrate 2015 Dl 118

Comune di Riposto Entrate 2015 Dl 118 SezioneLivello Voce Competenza Cassa E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 10884969,76 10367165,73 E II Tributi 10884969,76 10367165,73 E III Imposte, tasse e proventi assimilati

Dettagli

PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE ENTI LOCALI - PREVISIONI DI COMPETENZA

PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE ENTI LOCALI - PREVISIONI DI COMPETENZA Comune di Jesi Esercizio: 2015 BILANCIO DI PREVISIONE - ENTRATE DI BILANCIO Data: 05-11-2014 Pag. 1 Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 1010100 101: Imposte, tasse e proventi

Dettagli

Allegato L ELENCO DEI TITOLI, TIPOGIE E CATEGORIE DI ENTRATA REGIONI ELENCO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE

Allegato L ELENCO DEI TITOLI, TIPOGIE E CATEGORIE DI ENTRATA REGIONI ELENCO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE Allegato L Allegato 13/1 al D.Lgs 118/2011 (previsto dell art. 15, comma 2) ELENCO DEI TITOLI, TIPOGIE E CATEGORIE DI ENTRATA Il prospetto sotto descritto riguarda l elenco delle entrate di bilancio per

Dettagli

SPESA Fonte: Civetta Slides ( all. 4) IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO Il fondo pluriennale vincolato è un accantonamento di risorse già accertate destinate al finanziamento di obbligazioni passive

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA 1. Definizione Nelle amministrazioni pubbliche che la adottano, la contabilità finanziaria costituisce il sistema contabile principale

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA 1. Definizione Nelle amministrazioni pubbliche che la adottano, la contabilità finanziaria costituisce il sistema contabile principale

Dettagli

LA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA

LA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA LA RIFORMA CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI LA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA D.LGS. 23 GIUGNO 2011 N. 118 CINZIA SIMEONE STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE: 1. LA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA 2. IL

Dettagli

La riforma della contabilità armonizzata

La riforma della contabilità armonizzata La riforma della contabilità armonizzata Oristano, 10 dicembre 2015 Dott. Carlo Raccosta La Riforma della contabilità negli Enti Locali e i nuovi adempimenti dei Revisori La nuova contabilità armonizzata

Dettagli

Contabilizzazione dei mutui a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista

Contabilizzazione dei mutui a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Contabilizzazione dei mutui a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Rilevazioni contabili: vecchia e nuova contabilità a confronto Premessa La Rubrica Rilevazioni contabili:

Dettagli

IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO E IL RIACCERTAMENTO DEI RESIDUI

IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO E IL RIACCERTAMENTO DEI RESIDUI IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO E IL RIACCERTAMENTO DEI RESIDUI CINZIA SIMEONE 1 STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE: 1) DEFINIZIONE 2) IL FONDO PLURIENNALE NEL BILANCIO 3) IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE 4)

Dettagli

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE (SECONDO L ATTUALE PRINCIPIO APPLICATO) E costituito dal fondo di cassa esistente al

Dettagli

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale Modulo n. 4 L APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE GENERALE DELLA COMPETENZA POTENZIATA (ottobre 2014) PRESENTAZIONE:

Dettagli

CORSO UMBERTO I 64 90038 (PA) C.F. 85001150821 P. IVA 02715630824 ESERCIZIO: 2014

CORSO UMBERTO I 64 90038 (PA) C.F. 85001150821 P. IVA 02715630824 ESERCIZIO: 2014 COMUNE DI PRIZZI CORSO UMBERTO I 64 90038 (PA) C.F. 85001150821 P. IVA 02715630824 ESERCIZIO: 2014 1 Entrate correnti di natura tributaria e contributiva Tipologia 101: Imposte, tasse e proventi assimilati

Dettagli

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale Modulo n. 5 Il riaccertamento straordinario e il fondo pluriennale vincolato (ottobre 2014) STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE:

Dettagli

87083 -Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche

87083 -Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche 87083 -Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche Sistema di bilancio delle Regioni Bilancio delle Regioni D.lgs. 28 marzo 2000, n.76: Stabilisce il concorso della finanza regionale al perseguimento

Dettagli

Il bilancio di previsione finanziario, ex d. lgs. 118/11. A cura di ftçwüé fñxäät

Il bilancio di previsione finanziario, ex d. lgs. 118/11. A cura di ftçwüé fñxäät Il bilancio di previsione finanziario, ex d. lgs. 118/11 A cura di ftçwüé fñxäät STRUTTURA COSTITUZIONALE DEL BILANCIO Art. 119 Costituzione Entrata Spesa I Comuni, le Province, le Città metropolitane

Dettagli

LA GESTIONE DEL BILANCIO

LA GESTIONE DEL BILANCIO LA GESTIONE DEL BILANCIO L equilibrio finanziario La gestione finanziaria Le fasi dell entrata Le fasi della spesa La Tesoreria (cenni) I residui I debiti fuori bilancio dott. Paolo Longoni L EQUILIBRIO

Dettagli

Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015

Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Consiglio Comunale, 13 agosto 2015 VERSO UNO SCHEMA DI BILANCIO ARMONIZZATO.. L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI IL QUADRO NORMATIVO

Dettagli

L INDEBITAMENTO REGIONALE NELLE MODIFICHE AL D.LGS. 118/2011

L INDEBITAMENTO REGIONALE NELLE MODIFICHE AL D.LGS. 118/2011 SEMINARIO Regione Emilia-Romagna Armonizzazione della contabilità regionale Antonio Strusi L INDEBITAMENTO REGIONALE NELLE MODIFICHE AL D.LGS. 118/2011 21/6/2013 1 L INDEBITAMENTO NEL DECRETO CORRETTIVO

Dettagli

2^ Giornata di Corso. Dr. PiersanteFabio

2^ Giornata di Corso. Dr. PiersanteFabio 2^ Giornata di Corso Decreto Legislativo 118/2011 Dr. PiersanteFabio ARMONIZZAZIONE CONTABILE PER GLI ENTI SPERIMENTATORI NEL 2014 2015 2016 2017 Applicazione del Principio di competenza potenziato(all.

Dettagli

Sponsorizzazione per attività culturali Fondo pluriennale vincolato

Sponsorizzazione per attività culturali Fondo pluriennale vincolato Azienditalia IPSOA, n. 4/14 Rilevazioni contabili: vecchia e nuova contabilità a confronto Sponsorizzazione per attività culturali Fondo pluriennale vincolato a cura di Mauro Bellesia Dirigente Comune

Dettagli

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Parte I N. 14 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 30-4-2014 2399 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Legge Regionale 30 aprile 2014, n. 9 BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ANNUALE ENTRATE

BILANCIO DI PREVISIONE ANNUALE ENTRATE Comune di Villa Collemandina Esercizio: 2015 BILANCIO DI PREVISIONE - ENTRATA Data: 20-08-2015 Pag. 1 BILANCIO DI PREVISIONE ANNUALE ENTRATE Fondo pluriennale vincolato per spese correnti Previsione di

Dettagli

- ALLEGATO 5 - CONTO CONSUNTIVO IN TERMINI DI CASSA ESERCIZIO 2014 ENTRATE (ENTRATE) Livello Descrizione codice economico Totale entrate I Entrate

- ALLEGATO 5 - CONTO CONSUNTIVO IN TERMINI DI CASSA ESERCIZIO 2014 ENTRATE (ENTRATE) Livello Descrizione codice economico Totale entrate I Entrate - ALLEGATO 5 - CONTO CONSUNTIVO IN TERMINI DI CASSA ESERCIZIO 2014 ENTRATE (ENTRATE) Livello Descrizione codice economico Totale entrate I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014/2016 EMENDATO

COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014/2016 EMENDATO COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO /2016 EMENDATO BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE INDICE Nota tecnica introduttiva pag. 3 Bilancio di Previsione Entrata pag. 5 Bilancio

Dettagli

Armonizzazione dei sistemi contabili

Armonizzazione dei sistemi contabili Armonizzazione dei sistemi contabili La cornice della riforma La cornice della riforma L esigenza di armonizzazione dei bilanci della Pubblica Amministrazione è stata introdotta: Legge Delega sul federalismo

Dettagli

Bilancio annuale 2013. Codifica del Piano dei Conti Denominazione voce del Piano dei Conti Previsioni dell'anno cui si riferisceil bilancio

Bilancio annuale 2013. Codifica del Piano dei Conti Denominazione voce del Piano dei Conti Previsioni dell'anno cui si riferisceil bilancio REGIONE LAZIO Bilancio annuale 2013 Elenco delle previsioni annuali di competenza e di cassa secondo la struttura del piano dei conti Legge di bilancio 2013-2015 Codifica del Piano dei Conti Denominazione

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA Pag.1 ENTRATE CORRENTI DI NATURA TRIBUTARIA CONTRIBUTIVA PEREQU 1010100 Tipologia 101: Imposte, tasse e proventi assimilati 1010106 Imposta municipale propria 2.019.505,00 2.019.505,00 2.019.505,00 1010108

Dettagli

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2011 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2011 2013. * * * * * * * * * *

Dettagli

Contributo regionale vincolato

Contributo regionale vincolato Azienditalia IPSOA, n. 3/2014 Rilevazioni contabili: vecchia e nuova contabilità a confronto. Contributo regionale vincolato a cura di Mauro Bellesia Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Premessa

Dettagli

Comune di Cagliari BILANCIO DI PREVISIONE. Triennio: 2015-2017

Comune di Cagliari BILANCIO DI PREVISIONE. Triennio: 2015-2017 Delibera: 14 / 25 del 31/03/25 Comune di Cagliari BILANCIO DI PREVISIONE Triennio: 25-27 Delibera: 14 / 25 del 31/03/25 ENTRATE Cassa Anno 25 Competenza 25 26 27 SPESE Cassa Anno 25 Competenza 25 26 27

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO

BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO Comune di Modena 2015-2017 BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO Ex D.Lgs 118/2011 Approvato con Delibera di Consiglio n. 17 del 05/03/2015 Pag. 1 Allegato n. 9 al D.Lgs. 118/2011 Bilancio di Previsione

Dettagli

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Bilancio di Previsione 2009 e Pluriennale Triennio 2009 2011 (B. U. Regione Basilicata N. 60 del 29 dicembre 2008) Articolo 1 Stato di Previsione dell Entrata 1.

Dettagli

Armonizzazione dei sistemi contabili Marco Marafini direttore Bilancio, Ragioneria, Finanza e Tributi

Armonizzazione dei sistemi contabili Marco Marafini direttore Bilancio, Ragioneria, Finanza e Tributi Armonizzazione dei sistemi contabili Marco Marafini direttore Bilancio, Ragioneria, Finanza e Tributi INDICE - Sezioni 1. LA GESTIONE REGIONALE DEL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE 2. I PRINCIPALI CAMBIAMENTI

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga Parte I N. 4 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 31-1-2015 253 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Legge Regionale 27 gennaio 2015, n. 6 BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO 2015 2017

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO 2015 2017 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO 2015 2017 (PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO art. 9.3 lettera m) La nota integrativa è un documento allegato al Bilancio di Previsione

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016/2018

BILANCIO DI PREVISIONE 2016/2018 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA X LEGISLATURA DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DALL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 23 DICEMBRE, N. 15 BILANCIO DI PREVISIONE 2016/2018 pdl 24

Dettagli

COMUNE DI TEULADA PROVINCIA DI CAGLIARI BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE

COMUNE DI TEULADA PROVINCIA DI CAGLIARI BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE Fondo pluriennale vincolato per spese correnti (1) previsione di competenza Fondo pluriennale vincolato per spese in conto capitale (1) previsione di competenza Utilizzo avanzo di Amministrazione previsione

Dettagli

Investimento finanziato con alienazioni patrimoniali

Investimento finanziato con alienazioni patrimoniali Rilevazioni contabili: vecchia e nuova contabilità a confronto Investimento finanziato con alienazioni patrimoniali a cura di Mauro Bellesia Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Premessa Il caso La

Dettagli

- ALLEGATO 5 - CONTO CONSUNTIVO IN TERMINI DI CASSA ESERCIZIO 2014 SPESE

- ALLEGATO 5 - CONTO CONSUNTIVO IN TERMINI DI CASSA ESERCIZIO 2014 SPESE - ALLEGATO 5 - CONTO CONSUNTIVO IN TERMINI DI CASSA ESERCIZIO 2014 SPESE (USCITE) Livello Descrizione codice economico 1.5 4.5 4.7 8.2 Totale uscite I Spese correnti 0,00 II Redditi da lavoro dipendente

Dettagli

* * * * * * * * * * * *

* * * * * * * * * * * * CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale: Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2009 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2009 2011. * * * * * * * * * * * * Articolo 1 Stato

Dettagli

Relazione sullo stato di. realizzazione dell attività. programmata nell anno 2010

Relazione sullo stato di. realizzazione dell attività. programmata nell anno 2010 COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA (TRAPANI) Relazione sullo stato di realizzazione dell attività programmata nell anno 2010 1 - LA LETTURA DEI RISULTATI DELLA GESTIONE 1.1 - Il risultato della gestione di competenza

Dettagli

28/07/2014. In collaborazione con. www.risorsecomuni.it 7 novembre 2013 / MILANO, Palazzo delle Stelline

28/07/2014. In collaborazione con. www.risorsecomuni.it 7 novembre 2013 / MILANO, Palazzo delle Stelline il BILANCIO dell Ente Locale e i vincoli del PATTO di STABILITA interno In collaborazione con 26 luglio 2014 / MILANO MILANO, Palazzo delle Stelline www.risorsecomuni.it 7 novembre 2013 / MILANO, Palazzo

Dettagli

Parere dell Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2009 del Comune di Corinaldo 1

Parere dell Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2009 del Comune di Corinaldo 1 Parere dell Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2009 del Comune di Corinaldo 1 ! "!#!!$!%"!&!"'()*)! " # $%!&# '()( * " ( +,-.# '(((+"(/#! 01 %2!& # 0 2 ' #! '! 2 3! 2" % 2!( ) Parere dell Organo

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO 2015/2017

BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO 2015/2017 Allegato "G" COMUNE DI PARABIAGO PROVINCIA DI MILANO PARABIAGO P.ZA VITTORIA, 7 01059460152 01059460152 BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO 2015/2017 Bilancio di Previsione Armonizzato 2015-2017 (Allegati)

Dettagli

Bilancio pluriennale 2013-2015. ENTRATE (dett. al V livello p.d.c.) Legge di bilancio 2013-2015

Bilancio pluriennale 2013-2015. ENTRATE (dett. al V livello p.d.c.) Legge di bilancio 2013-2015 REGIONE LAZIO pluriennale 2013-2015 ENTRATE (dett. al V livello p.d.c.) Legge di bilancio 2013-2015 Previsioni dell bilancio pluriennale Fondo pluriennale vincolato per spese correnti previsioni di competenza

Dettagli

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2008 5.3 SETTORE STATALE. 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2008 5.3 SETTORE STATALE. 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007 5.3 SETTORE STATALE 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007 Il settore statale ha registrato nel 2007 un fabbisogno di 29.563 milioni e un avanzo primario di 38.038 milioni (nel 2006 rispettivamente

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ANNI 2016-2018

BILANCIO DI PREVISIONE ANNI 2016-2018 Allegato sub A) alla proposta di deliberazione DCS2 n. 15/25 UNIONE DEI COMUNI PRATIARCATI FRA ALBIGNASEGO E CASALSERUGO (Provincia di Padova) BILANCIO DI PREVISIONE ANNI 26-28 DL 23/11/21 n. 118 Quadro

Dettagli

Allegato F) Delib. G.C. n. 38/2015 CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO NOTA TECNICA

Allegato F) Delib. G.C. n. 38/2015 CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO NOTA TECNICA Allegato F) Delib. G.C. n. 38/2015 CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO NOTA TECNICA ANNO 2015 BILANCIO DI PREVISIONE 2015 NOTA TECNICA Premessa Il D.Lgs. 118/2011 come modificato ed integrato

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA

DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA REGIONE BASILICATA DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA Bilancio di Previsione pluriennale per il triennio 2015-2017. Potenza, Dicembre 2014 * * * * * * * * * * Articolo 1 Stato di Previsione dell

Dettagli

Bilancio di previsione 2016 2018 (art.11, comma 1 lett a) D.Lgs.n.118/2011 e s.m.i)

Bilancio di previsione 2016 2018 (art.11, comma 1 lett a) D.Lgs.n.118/2011 e s.m.i) Bilancio di previsione 2016 2018 (art.11, comma 1 lett a) D.Lgs.n.118/2011 e s.m.i) 1 Riepilogo entrate per Titoli 2 BILANCIO DI PREVISIONE RIEPILOGO GENERALE ENTRATE PER TITOLI TITOLO DENOMINAZIONE RESIDUI

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. Circoscrizione del Tribunale di Locri. Relazione del Tesoriere

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. Circoscrizione del Tribunale di Locri. Relazione del Tesoriere ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Circoscrizione del Tribunale di Locri Relazione del Tesoriere CONSUNTIVO ANNO 2009 ORDINE DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Circoscrizione

Dettagli

COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA RIACCERTAMENTO BILANCIO PIANO INTEGRATO DEI CONTI CHIUSURA

COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA RIACCERTAMENTO BILANCIO PIANO INTEGRATO DEI CONTI CHIUSURA Premessa Il presente lavoro ha lo scopo di supportare, a fini esclusivamente didattici, il seminario svolto in aula nei giorni 3 e 4 aprile 2014 e quindi di facilitare il percorso post formazione teso

Dettagli

3^ Giornata di Corso. Relatore: Dr. PiersanteFabio

3^ Giornata di Corso. Relatore: Dr. PiersanteFabio 3^ Giornata di Corso Decreto Legislativo 118/2011 Relatore: Dr. PiersanteFabio Guida operativa D.Lgs. 118/2011 per l anno 2015 Enti NON Sperimentatori Riaccertamento dei residui e Gestione esigibilità

Dettagli

BILANCIO TRIENNALE 2015 2017

BILANCIO TRIENNALE 2015 2017 BILANCIO TRIENNALE 2015 2017 Bilancio di previsione triennale 2015 2017 - entrata pag 1 Riepilogo generale per missione - spesa pag 51 Bilancio di previsione triennale 2015 2017 - spesa pag 13 Quadro generale

Dettagli

Sezione Seconda Il nuovo ordinamento contabile

Sezione Seconda Il nuovo ordinamento contabile Capitolo 3: La programmazione 111 soggiace ai limiti degli stanziamenti indicati nell ultimo bilancio approvato, ove esistano. L ultimo comma dell art. 163 disciplina l ipotesi in cui la scadenza del termine

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE PER IL TRIENNIO 2016/2018" IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga

BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE PER IL TRIENNIO 2016/2018 IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga 770 N. 6 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 9-2-2016 Parte I Legge Regionale 9 febbraio 2016, n. 4 BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE PER IL TRIENNIO 2016/2018" IL CONSIGLIO REGIONALE ha

Dettagli

UNIONE ITALIANA TIRO A SEGNO PREVENTIVO FINANZIARIO GESTIONALE - Esercizio 2016 PARTE I - ENTRATA Codice Codice alternativo Denominazione Residui attivi presunti alla fine dell'anno in corso ( iniziali

Dettagli

BILANCIO ARMONIZZATO CON ALLEGATI 2015-2017 PROVINCIA DI VICENZA

BILANCIO ARMONIZZATO CON ALLEGATI 2015-2017 PROVINCIA DI VICENZA BILANCIO ARMONIZZATO CON ALLEGATI - PROVINCIA DI VICENZA Provincia di Vicenza - ESERCIZIO PARTE I - ENTRATA Pag.1 Titolo, Tipologia Fondo pluriennale vincolato per spese correnti Fondo pluriennale vincolato

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI di concerto con la

Dettagli

Nota integrativa CONTO ECONOMICO PATRIMONIALE 2011 GESTIONE COMPETENZA Titolo I Entrate tributarie ENTRATA Sono contabilizzati come proventi dell esercizio gli accertamenti di competenza assunti per un

Dettagli

29/04/2015 di competenza finanziaria potenziata

29/04/2015 di competenza finanziaria potenziata SLIDE 1 Il fondo pluriennale vincolato nasce dall esigenza di mantenere gli equilibri di bilancio stante l adozione del nuovo concetto di competenza finanziaria potenziata: l imputazione della spesa secondo

Dettagli

ELENCO DELLE PREVISIONI ANNUALI DI COMPETENZA E DI CASSA SECONDO LA STRUTTURA DEL PIANO DEI CONTI - ESERCIZIO 2015

ELENCO DELLE PREVISIONI ANNUALI DI COMPETENZA E DI CASSA SECONDO LA STRUTTURA DEL PIANO DEI CONTI - ESERCIZIO 2015 ELENCO DELLE PREVISIONI ANNUALI DI COMPETENZA E DI CASSA SECONDO LA STRUTTURA DEL PIANO DEI CONTI - ESERCIZIO Denominazione voce del Pag.1 U.1.00.00.00.000 Spese correnti 27.056.236,83 25.928.848,76 U.1.01.00.00.000

Dettagli

COMUNE DI FORMIGNANA. (Provincia di Ferrara)

COMUNE DI FORMIGNANA. (Provincia di Ferrara) COMUNE DI FORMIGNANA (Provincia di Ferrara) VERBALE N. 4 DEL 3 APRILE 2014 Il giorno tre del mese di aprile dell anno duemilaquattordici, alle ore 15,00 il Revisore dei Conti: Dott.ssa Angela Caselli,

Dettagli

COMUNE DI SAN CASCIANO VAL DI PESA BILANCIO DI PREVISIONE 2014-2015 - 2016 ENTRATE

COMUNE DI SAN CASCIANO VAL DI PESA BILANCIO DI PREVISIONE 2014-2015 - 2016 ENTRATE Pag. 1 BILANCIO DI PREVISIONE 2014-2015 - 2016 ENTRATE 2014 2015 2016 1.121.992,88 Titolo 1 Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0101 Tipologia 101: Imposte tasse e proventi

Dettagli

COMUNE DI CAVALLINO BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2016 - 2017 ENTRATE

COMUNE DI CAVALLINO BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2016 - 2017 ENTRATE Pag. 1 BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2016 - 2017 ENTRATE 2015 2016 2017 124.437,51 31.01 31.01 457.528,74 Titolo 1 Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 10101 Tipologia 101: Imposte

Dettagli

VERBALE DEL REVISORE DEI CONTI DELL UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO

VERBALE DEL REVISORE DEI CONTI DELL UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO Verbale n. 2/2014 VERBALE DEL REVISORE DEI CONTI DELL UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO Il giorno 18 del mese di aprile dell anno 2014 alle ore 10,15 il sottoscritto Dott. Damiano

Dettagli

COMUNE DI POLLA. Provincia di SALERNO. BILANCIO di PREVISIONE PLURIENNALE 2015-2017

COMUNE DI POLLA. Provincia di SALERNO. BILANCIO di PREVISIONE PLURIENNALE 2015-2017 Provincia di SALERNO BILANCIO di PREVISIONE PLURIENNALE 2015-2017 BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE 2015-2017 ENTRATE TITOLO TIPOLOGIA RESIDUI PRESUNTI AL TERMINE DELL'ESERCIZIO 2014 DEFINITIVE DELL'ANNO

Dettagli

Leasing secondo lo IAS 17

Leasing secondo lo IAS 17 Leasing secondo lo IAS 17 Leasing: Ias 17 Lo Ias 17 prevede modalità diverse di rappresentazione contabile a seconda si tratti di leasing finanziario o di leasing operativo. Il leasing è un contratto per

Dettagli

L armonizzazione della contabilità pubblica Gli schemi di bilancio

L armonizzazione della contabilità pubblica Gli schemi di bilancio L armonizzazione della contabilità pubblica Gli schemi di bilancio Giovanni Ravelli 1 Considerazioni preliminari Innanzitutto si attuano pienamente, nell ambito della rilevazione finanziaria, i principi

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014-2016. (Decreto Legislativo 23 giugno 2011 n. 118)

BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014-2016. (Decreto Legislativo 23 giugno 2011 n. 118) BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014-2016 (Decreto Legislativo 23 giugno 2011 n. 118) I N D I C E Bilancio di Previsione Entrate pag. 1 Bilancio di Previsione Spese pag. 11 Bilancio di Previsione Riepilogo

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 COMUNE DI _MOLINO DEI TORTI Provincia di _Alessandria PARERE DEL REVISORE DEI CONTI SULLA PROPOSTA DI: riapprovazione BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E DOCUMENTI ALLEGATI Espresso il _07/07/2014 Richiesta

Dettagli

COMUNE DI FUSIGNANO PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI FUSIGNANO RENDICONTO ESERCIZIO 2013. Conto economico Stato patrimoniale Prospetto di concilazione

COMUNE DI FUSIGNANO PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI FUSIGNANO RENDICONTO ESERCIZIO 2013. Conto economico Stato patrimoniale Prospetto di concilazione COMUNE DI FUSIGNANO PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI FUSIGNANO RENDICONTO ESERCIZIO 2013 Conto economico Stato patrimoniale Prospetto di concilazione CONTO ECONOMICO STATO PATRIMONIALE TIT. I - ENTRATE TRIBUTARIE

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE 2015-2017

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE 2015-2017 BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Fondo pluriennale vincolato per spese correnti previsione di competenza 0,00 2.499.348,11 Fondo pluriennale vincolato per spese in conto capitale previsione di competenza

Dettagli

DETERMINA N. 10 / 13 DEL 02/01/2013

DETERMINA N. 10 / 13 DEL 02/01/2013 COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D ARNO Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopoli in Val d'arno (PI) - ( 0571/44.98.11) SETTORE RAGIONERIA CODICE SERVIZIO RAGIONERIA DETERMINA N. 10 / 13 DEL 02/01/2013

Dettagli

Pasian di Prato, 23 Gennaio 2015

Pasian di Prato, 23 Gennaio 2015 Pasian di Prato, 23 Gennaio 2015 1 Una volta accadeva: Fondo Pluriennale Vincolato nell'esercizio X l'ente registrava in bilancio un entrata destinata ad investimenti (contributo regionale, contributo

Dettagli

LA GESTIONE DEI RESIDUI

LA GESTIONE DEI RESIDUI LA GESTIONE DEI RESIDUI I residui passivi sono somme impegnate ma non ancora pagate entro il termine dell esercizio: costituiscono un debito del Dipartimento. I residui attivi sono somme accertate ma non

Dettagli

COMUNE DI AGRATE CONTURBIA. COMPOSIZIONE DELL'ACCANTONAMENTO AL FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA'* Esercizio finanziario 2015

COMUNE DI AGRATE CONTURBIA. COMPOSIZIONE DELL'ACCANTONAMENTO AL FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA'* Esercizio finanziario 2015 COMUNE DI AGRATE CONTURBIA Allegato c) - Fondo crediti di dubbia esigibilità COMPOSIZIONE DELL'ACCANTONAMENTO AL FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA'* Esercizio finanziario 2015 TIPOLOGIA DENOMINAZIONE

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CONSUNTIVO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CONSUNTIVO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CONSUNTIVO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 Premessa Il bilancio consuntivo dell'esercizio chiuso al 31 dicembre 2013, composto da Stato Patrimoniale, Conto Economico e Nota Integrativa,

Dettagli

Le nuove regole di contabilità

Le nuove regole di contabilità Le nuove regole di contabilità marzo 2015 Dott.ssa Daniela Ghiandoni PRINCIPI CONTABILI GENERALI ED APPLICATI All. DLGS 118 All. DPCM 18 principi contabili generali Principi contabili applicati -Programmazione

Dettagli

2.7 DINAMICA E COSTO DELL INDEBITAMENTO, STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

2.7 DINAMICA E COSTO DELL INDEBITAMENTO, STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI 2.7 DINAMICA E COSTO DELL INDEBITAMENTO, STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI La tabella sottostante riporta l indebitamento globale del Comune, suddiviso per soggetto finanziatore e tipologia di contratto, con

Dettagli

BILANCIO ARMONIZZATO 2015/2017. Approvato con deliberazione consiliare n.24/127 del 30/03/2015

BILANCIO ARMONIZZATO 2015/2017. Approvato con deliberazione consiliare n.24/127 del 30/03/2015 BILANCIO ARMONIZZATO 2015/2017 Approvato con deliberazione consiliare n.24/127 del 30/03/2015 1 2 Bilancio di Previsione armonizzato Indice Pagina 1 Il Bilancio armonizzato - Entrate 5 2 Il Bilancio armonizzato

Dettagli

Salario accessorio del personale dipendente a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista

Salario accessorio del personale dipendente a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Salario accessorio del personale dipendente a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista : vecchia e nuova contabilità a confronto Premessa La rubrica : vecchia e nuova contabilità

Dettagli

Agenzia Speciale APOF- IL

Agenzia Speciale APOF- IL Agenzia Speciale APOF- IL Provincia di Potenza Relazione dell organo di revisione sulle proposte di bilancio di previsione 2012 e di bilancio pluriennale 2012_2014 con i relativi documenti allegati L organo

Dettagli