CARATTERISTICHE DEL BILANCIO Torino, 20 maggio 2014

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARATTERISTICHE DEL BILANCIO Torino, 20 maggio 2014"

Transcript

1 CORSO DI FORMAZIONE REVISORI ENTI LOCALI Armonizzazione dei sistemi contabili D.Lgs.118/2011 CARATTERISTICHE DEL BILANCIO Torino, 20 maggio 2014 Cristina CHIANTIA dottori commercialisti Massimo STRIGLIA

2 CARATTERISTICHE DEL BILANCIO Il nuovo criterio di contabilizzazione delle entrate e delle spese La registrazione dei fatti gestionali Principio di competenza finanziaria rafforzata applicazioni pratiche Riaccertamento ordinario e straordinario dei residui

3 LE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE SONO AMMINISTRATE IN BASE AD UN BILANCIO DI PREVISIONE DI COMPETENZA ( Competenza finanziaria e non economica) E DI CASSA FINO AD OGGI LE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE SONO ABITUATE AD ADOTTARE UN SISTEMA FINANZIARIO BASATO ESCLUSIVAMENTE SU RILEVAZIONI PREVENTIVE

4 CON IL D. Lgs 118/2011 SI IMPONE UN SISTEMA CONTABILE FINANZIARIO BASATO SU RILEVAZIONI PREVENTIVE AFFIANCATO DALLA CONTABILITA' ECONOMICO-PATRIMONIALE

5 PROGRAMMAZIONE GESTIONE RENDICONTAZIONE Contabilità finanziaria Bilancio di Previsione annuale Bilancio pluriennale Relazione previsionale e programmatica Piano esecutivo di gestione Piano delle Opere Fatti amministrativi Variazioni di bilancio Delibera di assestamento Conto del bilancio Conto economico Conto del patrimonio Contabilità economico -finanziaria Budget Fatti amministrativi Stato patrimoniale Conto economico Nota integrativa

6 nuovo criterio di contabilizzazione delle entrate e delle uscite: Lo si evince dal DPCM

7 Nell'ambito dei principi di armonizzazione dei sistemi contabili delle Amministrazioni Pubbliche Territoriali definiti dal D.Lgs.118/2011, Il DPCM , nel disciplinare le modalità di attuazione della sperimentazione biennale, ha individuato i contenuti della riforma contabile

8 nuovo criterio di contabilizzazione delle entrate e delle uscite: la contabilità finanziaria non anticipa più la registrazione dei fatti gestionali ma li contabilizza in un periodo molto più prossimo alla fase finale del processo (incasso o pagamento);

9 Principio contabile generale della contabilità finanziaria e dei principi contabili applicati della contabilità finanziaria ALLEGATI 1,2,3 AL DPCM

10 PRINCIPIO GENERALE DELLA COMPETENZA FINANZIARIA (Allegato 1 al DPCM) È il criterio generale di imputazione a bilancio delle entrate e delle spese di un'azienda pubblica

11 PRINCIPIO GENERALE DELLA COMPETENZA FINANZIARIA (Allegato 1 al DPCM) L'imputazione avviene con: l'accertamento per le entrate L'impegno per le spese

12 PRINCIPIO GENERALE DELLA COMPETENZA FINANZIARIA (Allegato 1 al DPCM) Con l'accertamento dell'entrata si perfeziona un diritto di credito relativo ad una riscossione da realizzare L'accertamento dell'entrata si imputa contabilmente all'esercizio finanziario nel quale il diritto di credito viene a scadenza

13 PRINCIPIO GENERALE DELLA COMPETENZA FINANZIARIA (Allegato 1 al DPCM) La documentazione necessaria deve contenere i seguenti requisiti: La ragione del credito Il titolo giuridico che supporta il credito Il soggetto debitore l'ammontare del credito La relativa scadenza

14 PRINCIPIO GENERALE DELLA COMPETENZA FINANZIARIA (Allegato 1 al DPCM) Con l'impegno della spesa sorge un'obbligazione giuridicamente perfezionata relativa ad un futuro pagamento da effettuare.

15 PRINCIPIO GENERALE DELLA COMPETENZA FINANZIARIA (Allegato 1 al DPCM) La documentazione necessaria deve contenere i seguenti requisiti: La ragione del debito la determinazione della somma da pagare Il soggetto creditore la specificazione del vincolo costituito sullo stanziamento di bilancio La relativa scadenza

16 LE NOVITA' LE TROVIAMO QUI! PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO DELLA CONTABILITA' FINANZIARIA (Allegato 2 al DPCM) Regole operative che devono essere seguite per una corretta contabilità. Vengono disciplinate le fasi contabili

17 PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO DELLA CONTABILITA' FINANZIARIA (Allegato 2 al DPCM) LA NOVITA' Principio di competenza finanziaria rafforzata IL CARATTERE AUTORIZZATORIO E' RIFERITO AL BILANCIO ANNUALE E PLURIENNUALE Nella previgente normativa era riferito solo al bilancio annuale

18 PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO DELLA CONTABILITA' FINANZIARIA (Allegato 2 al DPCM) Tutte le obbligazioni giuridicamente perfezionate attive e passive, che danno luogo a entrate e spese per l ente, devono essere registrate nelle scritture contabili ( previsione) quando l obbligazione è perfezionata

19 PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO DELLA CONTABILITA' FINANZIARIA (Allegato 2 al DPCM) le fasi successive dell'entrata e della spesa devono essere contabilizzate nell'esercizio in cui l'obbligazione viene a scadenza

20 per l'entrata Con l'accertamento si perfeziona un diritto di credito relativo ad una riscossione da realizzare L'accertamento dell'entrata si imputa contabilmente all'esercizio finanziario nel quale il diritto di credito viene a scadenza Gli incassi sono imputati al bilancio esercizio in cui il Tesoriere li ha ricevuti

21 per la spesa Con l'impegno della spesa sorge un'obbligazione giuridicamente perfezionata relativa ad un futuro pagamento da effettuare con l'imputazione all'esercizio finanziario in cui l'obbligazione passiva viene a scadenza I pagamenti sono imputati al bilancio dell'esercizio in cui il Tesoriere li ha effettuati

22 Le obbligazioni giuridicamente perfezionate attive e passive, che danno luogo a entrate e spese riguardanti le partite di giro e le operazioni per conto terzi, devono essere registrate ed imputate all esercizio in cui l obbligazione è perfezionata e scaduta e non all esercizio in cui l obbligazione è esigibile.

23 FASI ENTRATA Accertamento Incasso SENZA ARMONIZZAZIONE ( TUEL) Stanziamento a bilancio di previsione Su iscrizione a ruolo, su acquisiszione diretta di entrate da servizi, su liste di carico, su contratti stipulati, su atti amministrativi Riscossione Emissione Reversale d incasso Versamento : Incasso del Tesoriere CON ARMONIZZAZIONE REGISTRAZIONI CONTABILI Stanziamento a bilancio di previsione In base alla scadenza dell obbligazione Riscossione Emissione di Reversale d incasso Versamento : Incasso del Tesoriere

24 FASI SPESA Impegno Liquidazione Pagamento SENZA ARMONIZZAZIONE ( TUEL) Stanziamento a bilancio di previsione Perfezionamento del obbligazione ( es. emissione dell ordine di acquisto) a diritto acquisito da parte del creditore (es. ricevimento fattura ) Ordinezione : Emissione mandato di pagamento Pagamento : del tesoriere CON ARMONIZZAZIONE REGISTRAZIONI CONTABILI Stanziamento a bilancio di previsione In base alla scadenza dell obbligazione a diritto acquisito da parte del creditore (es. ricevimento fattura ) Ordinezione : Emissione mandato di pagamento Pagamento : del tesoriere

25 ALCUNE REGISTRAZIONI DEI FATTI GESTIONALI E APPLICAZIONI PRATICHE

26 Entrate tributarie riscosse tramite ruoli ACCERTAMENTO Sono accertate ( in contabilità finanziaria - Competenza finanziaria : entrate correnti) e imputate contabilmente (liquidazione) nell'esercizio in cui è emesso il ruolo In contabilità economico -finanziaria la scrittura contabile sarà gestita con il sistema della partita doppia e i codici del piano dei conti integrato con la nascita da del credito e e del ricavo

27 INCASSO Entrate tributarie riscosse tramite ruoli In contabilità finanziaria viene registrata l'emissione della reversale d'incasso e il versamento in tesoreria In contabilità economico -finanziaria la scrittura contabile sarà gestita con il sistema della partita doppia con l'entrata sul conto della tesoreria da un lato e con il contemporaneo storno del credito

28 I ruoli coattivi, in quanto relativi ad entrate già accertate, non comportano l accertamento di nuove entrate. Le sanzioni e gli interessi correlati ai ruoli coattivi sono accertati per cassa.

29 Le entrate per le quali è già stato emesso il ruolo ma che non erano state accertate, potranno essere accertate per cassa fino al loro esaurimento. Tali crediti saranno registrati, al netto del fondo crediti di dubbia esigibilità, tra le Immobilizzazioni o nell Attivo circolante (a seconda della data del credito) dello stato patrimoniale iniziale del primo anno di adozione della contabilità economico-patrimoniale con il principio della contabilità finanziaria potenziato.

30 Con la riscossione di tali crediti si provvederà alla corrispondente riduzione del credito cui l incasso si riferisce iscritto nello stato patrimoniale.

31 Le entrate tributarie riscosse per autoliquidazione dei contribuenti ACCERTAMENTO Sono accertate (in contabilità finanziaria - Competenza finanziaria : entrate correnti) sulla base delle riscossioni effettuate entro la chiusura del rendiconto e comunque entro la scadenza prevista per l approvazione del rendiconto o, nell esercizio di competenza, per un importo non superiore a quello stimato dal competente Dipartimento delle finanze attraverso il portale per il federalismo fiscale. In contabilità economico -finanziaria la scrittura contabile sarà gestita con il sistema della partita doppia e i codici del piano dei conti integrato con la nascita da del credito e e del ricavo

32 INCASSO Le entrate tributarie riscosse per autoliquidazione dei contribuenti In contabilità finanziaria viene registrata l'emissione della reversale d'incasso e il versamento in tesoreria In contabilità economico -finanziaria la scrittura contabile sarà gestita con il sistema della partita doppia con l'entrata sul conto della tesoreria da un lato e con il contemporaneo storno del credito

33 ENTRATE DA PROVENTI PER SERVIZI PUBBLICI ACCERTAMENTO Sono accertate ( contabilità finanziaria - Competenza finanziaria : entrate correnti) sulla base predisposta dall'ente creditore e imputate contabilmente nell'esercizio in cui il servizio è effettivamente reso agli utenti In contabilità economico -finanziaria la scrittura contabile sarà gestita con il sistema della partita doppia e i codici del piano dei conti integrato con la nascita da del credito e e del ricavo

34 INCASSO ENTRATE DA PROVENTI PER SERVIZI PUBBLICI In contabilità finanziaria viene registrata l'emissione della reversale d'incasso e il versamento in tesoreria In contabilità economico -finanziaria la scrittura contabile sarà gestita con il sistema della partita doppia con l'entrata sul conto della tesoreria da un lato e con il contemporaneo storno del credito

35 ENTRATE DA PROVENTI PER TRASFERIMENTI CORRENTI ACCERTAMENTO Sono accertati ( contabilità finanziaria - Competenza finanziaria : entrate correnti) nell' esercizio in cui viene adottato l atto amministrativo di attribuzione del trasferimento. Se l atto amministrativo prevede espressamente le scadenze di erogazione del trasferimento, l impegno è imputato negli esercizi in cui l obbligazione viene a scadenza. In contabilità economico -finanziaria la scrittura contabile sarà gestita con il sistema della partita doppia e i codici del piano dei conti integrato con la nascita da del credito verso l'ente e e del ricavo

36 ENTRATE DA PROVENTI PER TRASFERIMENTI CORRENTI INCASSO In contabilità finanziaria viene registrata l'emissione della reversale d'incasso e il versamento in tesoreria In contabilità economico -finanziaria la scrittura contabile sarà gestita con il sistema della partita doppia con l'entrata sul conto della tesoreria da un lato e con il contemporaneo storno del credito verso l'ente

37 PER I PROVENTI DA TRASFERIMENTI IN CONTO CAPITALE DA ENTI e PER LE ENTRATE IN CONTO CAPITALE VALGONO LE STESSE REGOLE I

38 SPESE PER SERVIZI ISTITUZIONALI ( es. telefono, pulizie ) IMPEGNO e LIQUIDAZIONE Sono impegnate ( contabilità finanziaria - Competenza finanziaria : spese correnti) nell' esercizio in cui risulta adempiuta completamente la prestazione. Sono liquidate ( contabilità finanziaria - Competenza finanziaria : spese correnti) nel momento in cui avviene l'esigibilità dell'obbligazione ( ricevimento fattura) In contabilità economico -finanziaria la scrittura contabile ( liquidazione ) sarà gestita con il sistema della partita doppia e i codici del piano dei conti integrato con la nascita del costo e del debito verso il fornitore.

39 SPESE PER SERVIZI ISTITUZIONALI ( es. telefono, pulizie ) ORDINAZIONE E PAGAMENTO In contabilità finanziaria viene registrata l'emissione del mandato di pagamento e il versamento in tesoreria In contabilità economico -finanziaria la scrittura contabile sarà gestita con il sistema della partita doppia con lo storno del debito verso il fornitore e l'uscita dal conto del tesoriere I

40 SPESA PER PERSONALE DIPENDENTE IMPEGNO e LIQUIDAZIONE E' impegnata ( contabilità finanziaria - Competenza finanziaria : spese correnti) per l'intero importo risultante dai tabellari all'inizio dell'esercizio. E' liquidata ( contabilità finanziaria - Competenza finanziaria : spese correnti) nel momento in cui avviene l'esigibilità dell'obbligazione ( liquidazione mensile ) In contabilità economico -finanziaria la scrittura contabile ( liquidazione ) sarà gestita con il sistema della partita doppia e i codici del piano dei conti integrato con la nascita del costo mensile e del debito verso dipendenti.

41 SPESA PER PERSONALE DIPENDENTE ORDINAZIONE E PAGAMENTO In contabilità finanziaria viene registrata l'emissione del mandato di pagamento e il versamento in tesoreria In contabilità economico -finanziaria la scrittura contabile sarà gestita con il sistema della partita doppia con lo storno mensile del debito verso i dipendenti e l'uscita dal conto del tesoriere

42 SPESE PER TRASFERIMENTI CORRENTI (es. a com.montane) IMPEGNO e LIQUIDAZIONE Sono impegnati ( contabilità finanziaria - Competenza finanziaria : spese correnti) nell'esercizio in cui viene adottato l atto amministrativo di attribuzione del trasferimento. Tuttavia, se l atto amministrativo prevede scadenze di erogazione l impegno è imputato negli esercizi in cui l obbligazione viene a scadenza. Sono liquidati ( contabilità finanziaria - Competenza finanziaria : spese correnti) nel momento in cui avviene l'esigibilità dell'obbligazione In contabilità economico -finanziaria la scrittura contabile ( liquidazione ) sarà gestita con il sistema della partita doppia e i codici del piano dei conti integrato con la nascita del costo e del debito verso l'ente

43 SPESE PER TRASFERIMENTI CORRENTI (es. a com.montane) ORDINAZIONE E PAGAMENTO In contabilità finanziaria viene registrata l'emissione del mandato di pagamento e il versamento in tesoreria In contabilità economico -finanziaria la scrittura contabile sarà gestita con il sistema della partita doppia con lo storno mensile del debito verso l'ente e l'uscita dal conto del tesoriere

44 RIACCERTAMENTO DEI RESIDUI

45 Quando si costruisce il rendiconto, possono essere conservati: - tra i residui ATTIVI, le entrate accertate, ma non incassate, esigibili nell esercizio di cui si sta formando il rendiconto ; - tra i residui PASSIVI, le spese impegnate, ma non pagate, esigibili nell esercizio

46 Le entrate e le spese accertate e impegnate non esigibili nell esercizio di cui si sta formando il rendiconto sono immediatamente reimputate all esercizio in cui sono esigibili.

47 Gli stanziamenti di spesa non corrispondenti ad obbligazione giuridicamente perfezionate e che pertanto non vengono impegnati, confluiscono in avanzo come economie di spesa.

48 Se a fronte di tali economie sono state accertate entrate con vincolo di destinazione, si genera una quota di avanzo vincolato che potrà essere applicato al bilancio dell esercizio successivo a quello del rendiconto per finanziare nuovamente la spesa.

49 se esiste l'obbligazione giuridicamente perfezionata ma la somma non è esigibile per l'anno successivo, la somma non costituisce residuo per l'anno successivo ma è prenotata per gli ulteriori anni successivi in funzione dell'esigibilità Per quanto riguarda le spese d'investimento per lavori pubblici, a fronte di un residuo di un certo esercizio, se esiste l'obbligazione giuridicamente perfezionata e la somma è esigibile per l'anno successivo, per l'anno successivo la somma costituisce residuo

50 Se non esiste l'obbligazione giuridicamente perfezionata ma è stata formalmente avviata entro il L'esercizio la procedura di affidamento La somma è conservata ma non costituisce residuo passivo, in quanto è prenotata sull'esercizio successivo o sugli esercizi ulteriormente successivi in funzione dell esigibilità. Se entro un anno dall avvio della procedura l obbligazione giuridica non sarà perfezionata, la somma sarà cancellata in sede di rendiconto,

51 Se non esiste l'obbligazione giuridicamente perfezionata e non è stata formalmente avviata entro il l'esercizio, la procedura di affidamento, la somma è cancellata e confluisce nell avanzo di amministrazione. Se l investimento è finanziato con entrate con vincolo di destinazione già accertate, è costituito vincolo per una corrispondente quota dell avanzo.

52 RIACCERTAMENTO STRAORDINARIO DEI RESIDUI

53 Per il l primo anno di applicazione dei nuovi principi contabili (es. 2015), è necessario effettuare il riaccertamento straordinario dei residui derivanti dal rendiconto 2014, al fine di eliminare quelli a cui non corrispondo obbligazioni giuridicamente perfezionate esigibili alla data del 31/12/2014. Con il riaccertamento straordinario dei residui, gli impegni assunti in assenza di un obbligazione giuridicamente perfezionata sono cancellati e non potranno essere reimputati. Le conseguenti economie di spesa confluiranno nel risultato di amministrazione come avanzo vincolato.

54 In corrispondenza di ciascun residuo eliminato in quanto non esigibile al , saranno indicati gli esercizi nei quali l obbligazione diviene esigibile, in applicazione del principio di competenza finanziaria rafforzato. Occorrerà riaccertare le entrate e le spese eliminate in quanto non corrispondenti ad obbligazioni giuridicamente perfezionate esigibili al 31/12/2014, con imputazione all esercizio 2015 o successivi, in cui l obbligazione sarà esigibile,

55 il risultato di amministrazione deve essere rideterminato per effetto del riaccertamento straordinario dei residui e deve essere accantonato il fondo crediti di dubbia esigibilità. Se la differenza tra residui passivi e residui attivi eliminati è positiva, nel 2014 dovrà essere costituito il Fondo Pluriennale Vincolato per la copertura degli impegni già assunti negli esercizi 2014 e precedenti ma esigibili negli esercizi 2015 e successivi, di importo pari alla differenza stessa; non si dà luogo alla formazione del FPV in entrata se la differenza è negativa

56 Le entrate riaccertate e reimputate agli esercizi successivi sono destinate alla copertura dell eventuale disavanzo determinato dalla cancellazione dei residui attivi dal risultato di amministrazione. La copertura dell eventuale disavanzo di amministrazione risultante dalla rideterminazione del risultato di amministrazione può essere effettuata nel triennio corrispondente al bilancio di previsione.

57 QUINDI Con la predisposizione del bilancio di previsione del primo anno ( 2015 ) di applicazione della norma sull'armonizzazione dei sistemi contabili il fondo pluriennale vincolato dovrà essere previsto:

58 1) con riferimento al triennio 2015/2017, in relazione alle spese che si prevede di impegnare nei diversi esercizi, ma che saranno esigibili negli esercizi successivi a quelli in cui l'impegno sarà assunto. (Quindi l iscrizione del fondo nel bilancio 2015 sarà solo tra le spese e nei bilanci degli esercizi successivi sia tra le entrate che tra le spese)

59 2) per effetto del riaccertamento straordinario dei residui, per adeguare i residui attivi e passivi dell'ente al nuovo principio della competenza finanziaria potenziato. Il fondo pluriennale vincolato è iscritto sia in entrata già a partire dall esercizio 2015 (quale differenza, se positiva, tra i residui passivi e i residui attivi eliminati), sia in spesa (per la quota di residui passivi reimpegnati negli esercizi 2016 e successivi).

60 ...grazie per l'attenzione e buona serata a tutti (...dopo il test) Cristina e Massimo

LA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA

LA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA LA RIFORMA CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI LA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA D.LGS. 23 GIUGNO 2011 N. 118 CINZIA SIMEONE STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE: 1. LA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA 2. IL

Dettagli

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale Modulo n. 5 Il riaccertamento straordinario e il fondo pluriennale vincolato (ottobre 2014) STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE:

Dettagli

IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO E IL RIACCERTAMENTO DEI RESIDUI

IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO E IL RIACCERTAMENTO DEI RESIDUI IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO E IL RIACCERTAMENTO DEI RESIDUI CINZIA SIMEONE 1 STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE: 1) DEFINIZIONE 2) IL FONDO PLURIENNALE NEL BILANCIO 3) IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE 4)

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale Modulo n. 4 L APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE GENERALE DELLA COMPETENZA POTENZIATA (ottobre 2014) PRESENTAZIONE:

Dettagli

SPESA Fonte: Civetta Slides ( all. 4) IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO Il fondo pluriennale vincolato è un accantonamento di risorse già accertate destinate al finanziamento di obbligazioni passive

Dettagli

2^ Giornata di Corso. Dr. PiersanteFabio

2^ Giornata di Corso. Dr. PiersanteFabio 2^ Giornata di Corso Decreto Legislativo 118/2011 Dr. PiersanteFabio ARMONIZZAZIONE CONTABILE PER GLI ENTI SPERIMENTATORI NEL 2014 2015 2016 2017 Applicazione del Principio di competenza potenziato(all.

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI:

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI: ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI: al via la fase sperimentale A cura di Alessandro Beltrami Roma, 12 aprile 2012 I tempi di utilizzo degli strumenti I RESIDUI CON IL NUOVO PRINCIPIO CONTABILE IL FONDO

Dettagli

Armonizzazione Contabile e Fattura Elettronica. Relatore: dott. Vincenzo Cuzzola ATRIPALDA 20 aprile 2015

Armonizzazione Contabile e Fattura Elettronica. Relatore: dott. Vincenzo Cuzzola ATRIPALDA 20 aprile 2015 Armonizzazione Contabile e Fattura Elettronica Relatore: dott. Vincenzo Cuzzola ATRIPALDA 20 aprile 2015 CORRELAZIONE TRA FATTURA ELETTRONICA REGISTRO UNICO DELLE FATTURE ARMONIZZAZIONE DEL BILANCIO Sul

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI D. Lgs. 118/2011 Settembre 2013 Le origini: il federalismo fiscale Legge 5/5/2009 n. 42 Delega al Governo in materia di FEDERALISMO FISCALE in attuazione dell art.

Dettagli

Come introdurre la nuova contabilità armonizzata nei comuni e nelle province

Come introdurre la nuova contabilità armonizzata nei comuni e nelle province Come introdurre la nuova contabilità armonizzata nei comuni e nelle province Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui, previsto dall articolo 3 comma 7 e

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2014-2016

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2014-2016 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2014-2016 Per gli enti che adottano la contabilità finanziaria potenziata, ai sensi del D. Lgs. n. 118/2011, la nota integrativa al bilancio di previsione 2014

Dettagli

Riaccertamento residui. di Elisabetta Civetta. 11 novembre Sala Convegni ODCEC Milano

Riaccertamento residui. di Elisabetta Civetta. 11 novembre Sala Convegni ODCEC Milano Riaccertamento residui di Elisabetta Civetta 11 novembre Sala Convegni ODCEC Milano Residui attivi e passivi Ai fini della formazione del rendiconto dell esercizio n-1, possono essere conservati: - tra

Dettagli

Allegato F) Delib. G.C. n. 38/2015 CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO NOTA TECNICA

Allegato F) Delib. G.C. n. 38/2015 CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO NOTA TECNICA Allegato F) Delib. G.C. n. 38/2015 CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO NOTA TECNICA ANNO 2015 BILANCIO DI PREVISIONE 2015 NOTA TECNICA Premessa Il D.Lgs. 118/2011 come modificato ed integrato

Dettagli

L ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

L ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI L ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI PROSPETTO DIM OSTRATIVO DEL RISULTATO DI AM M INISTRAZIONE ALLA DATA DEL RIACCERTAM ENTO STRAORDINARIO DEI RESIDUI RISULTATO DI AM M INISTRAZIONE AL 31 DICEM

Dettagli

FORMAZIONE CONTINUA. IL PASSAGGIO ALLA NUOVA CONTABILITÀ ARMONIZZATA gli adempimenti da porre in essere per applicare il D. Lgs.

FORMAZIONE CONTINUA. IL PASSAGGIO ALLA NUOVA CONTABILITÀ ARMONIZZATA gli adempimenti da porre in essere per applicare il D. Lgs. FORMAZIONE CONTINUA IL PASSAGGIO ALLA NUOVA CONTABILITÀ ARMONIZZATA gli adempimenti da porre in essere per applicare il D. Lgs. 118/2011 Adempimenti 2015 Dispensa #2 Accertamento delle entrate 2015: Modalità

Dettagli

Investimento finanziato con alienazioni patrimoniali

Investimento finanziato con alienazioni patrimoniali Rilevazioni contabili: vecchia e nuova contabilità a confronto Investimento finanziato con alienazioni patrimoniali a cura di Mauro Bellesia Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Premessa Il caso La

Dettagli

L APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE GENERALE DELLA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA

L APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE GENERALE DELLA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA L APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE GENERALE DELLA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA PAOLA MARIANI UDINE 26 MARZO 2014 LA COMPETENZA FINANZIARIA VIGENTE Per gli enti che adottano la contabilità finanziaria,

Dettagli

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE (SECONDO L ATTUALE PRINCIPIO APPLICATO) E costituito dal fondo di cassa esistente al

Dettagli

Milano 21 Novembre 2014. L armonizzazione contabile degli enti locali ed i controlli dell organo di revisione. a cura di Antonino Borghi

Milano 21 Novembre 2014. L armonizzazione contabile degli enti locali ed i controlli dell organo di revisione. a cura di Antonino Borghi Milano 21 Novembre 2014 L armonizzazione contabile degli enti locali ed i controlli dell organo di revisione a cura di Antonino Borghi 1 Gradualità entrata in vigore 1 gennaio 2015 Gli schemi di bilancio

Dettagli

Sponsorizzazione per attività culturali Fondo pluriennale vincolato

Sponsorizzazione per attività culturali Fondo pluriennale vincolato Azienditalia IPSOA, n. 4/14 Rilevazioni contabili: vecchia e nuova contabilità a confronto Sponsorizzazione per attività culturali Fondo pluriennale vincolato a cura di Mauro Bellesia Dirigente Comune

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili della Provincia di Matera. Dr.ssa Ivana Rasi. Matera 24 ottobre 2015

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili della Provincia di Matera. Dr.ssa Ivana Rasi. Matera 24 ottobre 2015 Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili della Provincia di Matera * Dr.ssa Ivana Rasi Matera 24 ottobre 2015 Programma 1. La verifica dei residui derivanti dalla gestione 2015 - La

Dettagli

Principio contabile applicato concernente la contabilità finanziaria: Accertamento delle entrate ed Impegno delle spese

Principio contabile applicato concernente la contabilità finanziaria: Accertamento delle entrate ed Impegno delle spese Come introdurre la nuova contabilità armonizzata nei comuni e nelle province concernente la contabilità finanziaria: Accertamento delle entrate ed Impegno delle spese Principi confermati: POTERE AUTORIZZATORIO

Dettagli

L ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI NEGLI ENTI LOCALI

L ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI NEGLI ENTI LOCALI BILANCIO ARMONIZZATO L ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI NEGLI ENTI LOCALI (aggiornato con il Dlgs 126/2014 correttivo del Dlgs. 118/2011 e relativi allegati) 2^ PARTE CREMONA 24 febbraio 2015 1 BILANCIO

Dettagli

3^ Giornata di Corso. Relatore: Dr. PiersanteFabio

3^ Giornata di Corso. Relatore: Dr. PiersanteFabio 3^ Giornata di Corso Decreto Legislativo 118/2011 Relatore: Dr. PiersanteFabio Guida operativa D.Lgs. 118/2011 per l anno 2015 Enti NON Sperimentatori Riaccertamento dei residui e Gestione esigibilità

Dettagli

Riaccertamento straordinario dei residui al 01/01/2015

Riaccertamento straordinario dei residui al 01/01/2015 Riaccertamento straordinario dei residui al 01/01/2015 DETERMINAZIONE FONDO CREDITI DI DUBBIA E DIFFICILE ESAZIONE AL 31/12/2014 1 Il Fondo Crediti di dubbia esigibilità Il Principio contabile applicato

Dettagli

Adempimenti 2015 Dispensa #4 Guida operativa al riaccertamento straordinario dei residui

Adempimenti 2015 Dispensa #4 Guida operativa al riaccertamento straordinario dei residui FORMAZIONE CONTINUA IL PASSAGGIO ALLA NUOVA CONTABILITÀ ARMONIZZATA gli adempimenti da porre in essere per applicare il D. Lgs. 118/2011 Adempimenti 2015 Dispensa #4 Guida operativa al riaccertamento straordinario

Dettagli

Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015

Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Consiglio Comunale, 13 agosto 2015 VERSO UNO SCHEMA DI BILANCIO ARMONIZZATO.. L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI IL QUADRO NORMATIVO

Dettagli

2 Confronto con le Regioni sperimentatrici sull armonizzazione contabile

2 Confronto con le Regioni sperimentatrici sull armonizzazione contabile 2 Confronto con le Regioni sperimentatrici sull armonizzazione contabile La gestione del bilancio di cassa Giornata di studio Bologna, 01/07/2014 1 REGIONE LIGURIA Direzione Centrale Risorse Strumentali,

Dettagli

GIORNATA STUDIO ARMONIZZAZIONE CONTABILE

GIORNATA STUDIO ARMONIZZAZIONE CONTABILE 20 novembre 14 GIORNATA STUDIO ARMONIZZAZIONE CONTABILE [ P R O V I I N C I A R E G I O N A L E D I M E S S I N A ] SOMMARIO Sommario... 2 PREMESSE... 3 RIFLESSI DELLA RIFORMA SULLA STRUTTURE ORGANIZZATIVA...

Dettagli

Fatturazione elettronica

Fatturazione elettronica Programma Webinar Fatturazione elettronica MODULO 3: IMPLICAZIONI CONTABILI E D.LGS. 118/11 ROBERTO JANNELLI: KPMG UNIVERSITÀ DEL SANNIO ARMANDO ORREI: KPMG VINCENZO DI SAURO: KPMG Sommario Premessa La

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA Allegato A/2 Allegato n. 4/2 al D.Lgs 118/2011 PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA 1. Definizione Nelle amministrazioni pubbliche che la adottano, la contabilità finanziaria

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA Premessa Il principio contabile applicato concernente la programmazione di bilancio (allegato 4/1 del d.lgs. 118/2011) prevede, per gli enti che adottano

Dettagli

Pasian di Prato, 23 Gennaio 2015

Pasian di Prato, 23 Gennaio 2015 Pasian di Prato, 23 Gennaio 2015 1 Una volta accadeva: Fondo Pluriennale Vincolato nell'esercizio X l'ente registrava in bilancio un entrata destinata ad investimenti (contributo regionale, contributo

Dettagli

LA GESTIONE DEL BILANCIO

LA GESTIONE DEL BILANCIO LA GESTIONE DEL BILANCIO L equilibrio finanziario La gestione finanziaria Le fasi dell entrata Le fasi della spesa La Tesoreria (cenni) I residui I debiti fuori bilancio dott. Paolo Longoni L EQUILIBRIO

Dettagli

Investimento finanziato con contributo regionale in conto capitale

Investimento finanziato con contributo regionale in conto capitale Investimento finanziato con contributo regionale in conto capitale a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Rilevazioni contabili: vecchia e nuova contabilità a confronto Premessa

Dettagli

FONDO CREDITI DUBBIA ESIGIBILITA

FONDO CREDITI DUBBIA ESIGIBILITA FONDO CREDITI DUBBIA ESIGIBILITA Principio contabile 2 A cura di Carlo Casari Accertamento delle entrate per competenza secondo il principio della competenza finanziaria potenziata L accertamento costituisce

Dettagli

Direzione Finanza 2015 01915/024 Area Bilancio GG 4 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. 26 maggio 2015

Direzione Finanza 2015 01915/024 Area Bilancio GG 4 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. 26 maggio 2015 Direzione Finanza 2015 01915/024 Area Bilancio GG 4 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 26 maggio 2015 Convocata la Giunta presieduta dal Sindaco Piero Franco Rodolfo FASSINO sono presenti

Dettagli

Le caratteristiche del sistema di contabilità economico patrimoniale previsto dal D.Lgs. n. 118/ 2011

Le caratteristiche del sistema di contabilità economico patrimoniale previsto dal D.Lgs. n. 118/ 2011 ..... Bilancio e contabilità... Armonizzazione contabile degli enti territoriali Le caratteristiche del sistema di contabilità economico patrimoniale previsto dal D.Lgs. n. 118/ 2011 di Stefano Ranucci

Dettagli

87083 -Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche

87083 -Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche 87083 -Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche Sistema di bilancio delle Regioni Bilancio delle Regioni D.lgs. 28 marzo 2000, n.76: Stabilisce il concorso della finanza regionale al perseguimento

Dettagli

Il Fondo crediti di dubbia esigibilità. Michele Petrelli

Il Fondo crediti di dubbia esigibilità. Michele Petrelli Il Fondo crediti di dubbia esigibilità Michele Petrelli Indice - Il Fondo crediti di dubbia esigibilità: principi - Il Fondo crediti di dubbia esigibilità nel bilancio di previsione - Il Fondo crediti

Dettagli

Contributo regionale vincolato

Contributo regionale vincolato Azienditalia IPSOA, n. 3/2014 Rilevazioni contabili: vecchia e nuova contabilità a confronto. Contributo regionale vincolato a cura di Mauro Bellesia Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Premessa

Dettagli

LA GESTIONE DEI RESIDUI

LA GESTIONE DEI RESIDUI LA GESTIONE DEI RESIDUI I residui passivi sono somme impegnate ma non ancora pagate entro il termine dell esercizio: costituiscono un debito del Dipartimento. I residui attivi sono somme accertate ma non

Dettagli

Armonizzazione dei sistemi contabili

Armonizzazione dei sistemi contabili Armonizzazione dei sistemi contabili La cornice della riforma La cornice della riforma L esigenza di armonizzazione dei bilanci della Pubblica Amministrazione è stata introdotta: Legge Delega sul federalismo

Dettagli

DECRETO N. 6931 Del 24/08/2015

DECRETO N. 6931 Del 24/08/2015 DECRETO N. 6931 Del 24/08/2015 Identificativo Atto n. 761 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto FPV - APPROVAZIONE PROGETTO DI RICERCA RIVOLTO AD APPRENDISTI ASSUNTI AI SENSI DELL

Dettagli

RELAZIONE DI INIZIO MANDATO

RELAZIONE DI INIZIO MANDATO C o m u n e d i C i v i d a l e d e l F r i u l i RELAZIONE DI INIZIO MANDATO Sindaco Stefano Balloch Proclamazione 01/06/2015 L art. 4 bis del decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 149, prevede l obbligo

Dettagli

Legge regionale 4 dicembre 2015, n. 16. Quarta variazione al Bilancio di previsione finanziario per il triennio 2015-2017 della Regione Campania.

Legge regionale 4 dicembre 2015, n. 16. Quarta variazione al Bilancio di previsione finanziario per il triennio 2015-2017 della Regione Campania. Legge regionale 4 dicembre 2015, n. 16. Quarta variazione al Bilancio di previsione finanziario per il triennio 2015-2017 della Regione Campania. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DELLA CONTABILITA' PUBBLICA: GLI SPERIMENTATORI INCONTRANO GLI ENTI LOCALI

ARMONIZZAZIONE DELLA CONTABILITA' PUBBLICA: GLI SPERIMENTATORI INCONTRANO GLI ENTI LOCALI GIORNATA DI STUDIO REGIONE EMILIA MAGNA Bologna 18 Marzo 2014 ARMONIZZAZIONE DELLA CONTABILITA' PUBBLICA: GLI SPERIMENTATORI INCONTRANO GLI ENTI LOCALI La programmazione delle spese d investimento, il

Dettagli

IL FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA PAOLA MARIANI

IL FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA PAOLA MARIANI IL FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA PAOLA MARIANI UDINE 26 marzo 2011 IL FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA Lo strumento individuato, dalla disciplina della sperimentazione, per impedire l accertamento

Dettagli

Sommario. Principi redazione del bilancio. I tre momenti. L ordinamento finanziario e contabile dell Ateneo di Cagliari

Sommario. Principi redazione del bilancio. I tre momenti. L ordinamento finanziario e contabile dell Ateneo di Cagliari Sommario L ordinamento finanziario e contabile dell Ateneo di Cagliari 1 da 9.00 10.30 11.00 a 10.30 11.00 13.00 n ore 1h+30' 30' 2h ARGOMENTO I tre momenti della previsione, della gestione e della rendicontazione.

Dettagli

Armonizzazione dei sistemi contabili Marco Marafini direttore Bilancio, Ragioneria, Finanza e Tributi

Armonizzazione dei sistemi contabili Marco Marafini direttore Bilancio, Ragioneria, Finanza e Tributi Armonizzazione dei sistemi contabili Marco Marafini direttore Bilancio, Ragioneria, Finanza e Tributi INDICE - Sezioni 1. LA GESTIONE REGIONALE DEL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE 2. I PRINCIPALI CAMBIAMENTI

Dettagli

VERBALE DEL REVISORE DEI CONTI DELL UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO

VERBALE DEL REVISORE DEI CONTI DELL UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO Verbale n. 2/2014 VERBALE DEL REVISORE DEI CONTI DELL UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO Il giorno 18 del mese di aprile dell anno 2014 alle ore 10,15 il sottoscritto Dott. Damiano

Dettagli

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese)

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) RELAZIONE SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012 L ORGANO DI REVISIONE Pasquale rag. Pizzi L ORGANO DI REVISIONE nella Sede Comunale, nel giorno 9 aprile 2013 ESAMINATI

Dettagli

Gli strumenti di programmazione dell ente locale

Gli strumenti di programmazione dell ente locale I BILANCI ARMONIZZATI E LA FORMA DI GOVERNO LOCALE: IL RUOLO DELLA GIUNTA, DEL CONSIGLIO COMUNALE, DEI DIRIGENTI Seminario di studio Parma, 23 aprile 2015 Gli strumenti di programmazione dell ente locale

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE ENTRATE

CLASSIFICAZIONE DELLE ENTRATE CLASSIFICAZIONE DELLE ENTRATE Nel bilancio di previsione le entrate sono aggregate in titoli, tipologie categorie: i titoli rappresentano la fonte di provenienza delle entrate; le tipologie individuano

Dettagli

C O M U N E D I B E D U L I T A

C O M U N E D I B E D U L I T A NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 La nota integrativa al bilancio costituisce allegato obbligatorio al documento di programmazione e viene redatta in conformità alle prescrizioni del

Dettagli

Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche. Indice

Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche. Indice INSEGNAMENTO DI ECONOMIA DELLE AZIENDE E DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE LEZIONE VI I RISULTATI DELLA GESTIONE: IL RENDICONTO PROF. GAVINO NUZZO Indice 1 I risultati della gestione: il rendiconto -----------------------------------------------------------------

Dettagli

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi).

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). 1 Il bilancio consuntivo per l esercizio 2012 è stato approvato con Delibera del Cda

Dettagli

Contabilizzazione dei mutui a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista

Contabilizzazione dei mutui a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Contabilizzazione dei mutui a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Rilevazioni contabili: vecchia e nuova contabilità a confronto Premessa La Rubrica Rilevazioni contabili:

Dettagli

Le nuove regole di contabilità

Le nuove regole di contabilità Le nuove regole di contabilità marzo 2015 Dott.ssa Daniela Ghiandoni PRINCIPI CONTABILI GENERALI ED APPLICATI All. DLGS 118 All. DPCM 18 principi contabili generali Principi contabili applicati -Programmazione

Dettagli

Partiamo da quest'ultimo, che ne definisce la composizione.

Partiamo da quest'ultimo, che ne definisce la composizione. - Principio contabile applicato della contabilità finanziaria (punto 9.2) - Principio contabile applicato della programmazione (punto 9.7: tabella dimostrativa risultato presunto - Artt. 186 e 187 Tuel,

Dettagli

Regione Piemonte VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 30 DEL 29/05/2015

Regione Piemonte VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 30 DEL 29/05/2015 COPIA COMUNE DI STRAMBINELLO Provincia di Torino Regione Piemonte VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 30 DEL 29/05/2015 Oggetto: PROPOSTA DI SCHEMA DI BILANCIO PER L'ANNO FINANZIARIO 2015

Dettagli

Decreto-legge 19 giugno 2015, n. 78, coordinato con la legge di conversione 6 agosto 2015, n. 125

Decreto-legge 19 giugno 2015, n. 78, coordinato con la legge di conversione 6 agosto 2015, n. 125 La gestione in esercizio provvisorio del bilancio 2016 problemi della gestione collegati all approvazione di un bilancio solo annuale 2016, anche in riferimento all equilibrio di cassa. Giovanni Ravelli

Dettagli

OGGETTO. VARIAZIONE DI RIEQUILIBRIO E ASSESTAMENTO DEL BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 E DI VERIFICA DELLO STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI

OGGETTO. VARIAZIONE DI RIEQUILIBRIO E ASSESTAMENTO DEL BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 E DI VERIFICA DELLO STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI OGGETTO. VARIAZIONE DI RIEQUILIBRIO E ASSESTAMENTO DEL BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 E DI VERIFICA DELLO STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che: con delibera del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese)

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) RELAZIONE SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2010 L ORGANO DI REVISIONE Pasquale rag. Pizzi L ORGANO DI REVISIONE nella Sede Comunale, nel giorno 09/03/2011 ESAMINATI

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. Circoscrizione del Tribunale di Locri. Relazione del Tesoriere

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. Circoscrizione del Tribunale di Locri. Relazione del Tesoriere ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Circoscrizione del Tribunale di Locri Relazione del Tesoriere CONSUNTIVO ANNO 2009 ORDINE DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Circoscrizione

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO 2015 - ENTRATE

BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO 2015 - ENTRATE Fondo pluriennale vincolato per spese correnti (1) previsione di competenza quello PREVISIONI PREVISIONI (3) dell'anno 2015 dell'anno 2016 PREVISIONI dell'anno 2017 101.172,21 Fondo pluriennale vincolato

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. ATTO 12 ANNO 2014 SEDUTA DEL 05/04/2014 ORE 10:00 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E BILANCIO PLURIENNALE 2014-2016 ADUNANZA di Prima

Dettagli

SETTORE FINANZIARIO ATTO DI DETERMINAZIONE DEL CAPO SETTORE

SETTORE FINANZIARIO ATTO DI DETERMINAZIONE DEL CAPO SETTORE COMUNE DI FRANCAVILLA IN SINNI (PROVINCIA DI POTENZA) SETTORE FINANZIARIO C.A.P. 85034 P.IVA 00242110765 ORIGINALE Proposta di Determinazione N. 53 del 13/12/2013 Determinazione Generale N 508 del 16/12/2013

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

ARCONET- FAQ - SPERIMENTAZIONE

ARCONET- FAQ - SPERIMENTAZIONE ARCONET- FAQ - SPERIMENTAZIONE Domanda n. 1: Cosa si intende all'art. 2, comma 2 del DPCM, quando si dice che le disposizioni riguardanti la sperimentazione sono applicate in via esclusiva in sostituzione

Dettagli

A.I.S.OS. ONLUS Codice fiscale 08433741009 VIA SANTA CROCE IN GERUSALEMME 97-00185 ROMA RM. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2014

A.I.S.OS. ONLUS Codice fiscale 08433741009 VIA SANTA CROCE IN GERUSALEMME 97-00185 ROMA RM. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2014 A.I.S.OS. ONLUS Codice fiscale 08433741009 VIA SANTA CROCE IN GERUSALEMME 97-00185 ROMA RM Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2014 Gli importi presenti sono espressi in unita' di euro Premessa

Dettagli

LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO PROVVISORIO

LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO PROVVISORIO LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO PROVVISORIO PAOLA MARIANI UDINE 26 MARZO 2014 Il decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 non dedica alcuna attenzione all istituto dell esercizio provvisorio. Solo nel corso

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016-2018

BILANCIO DI PREVISIONE 2016-2018 COMUNE DI MOZZANICA Provincia di Bergamo BILANCIO DI PREVISIONE 2016-2018 NOTA INTEGRATIVA Premessa Il principio contabile applicato concernente la programmazione di bilancio (allegato 4/1 del d.lgs. 118/2011)

Dettagli

La riforma della contabilità armonizzata

La riforma della contabilità armonizzata La riforma della contabilità armonizzata Oristano, 10 dicembre 2015 Dott. Carlo Raccosta La Riforma della contabilità negli Enti Locali e i nuovi adempimenti dei Revisori La nuova contabilità armonizzata

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO COMUNALE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO COMUNALE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO COMUNALE in collaborazione con Giornate Seminariali di Studi sul tema: Principi e metodologie del nuovo sistema contabile di Regioni, Province e Comuni di cui al D. Lgs. 23 giugno

Dettagli

Città di Trani. Medaglia d Argento al Merito Civile. Provincia BT

Città di Trani. Medaglia d Argento al Merito Civile. Provincia BT Città di Trani Medaglia d Argento al Merito Civile Provincia BT NOTA INTEGRATIVA E RELAZIONE TECNICA DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 I. PREMESSA La presente nota integrativa viene

Dettagli

Salario accessorio del personale dipendente a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista

Salario accessorio del personale dipendente a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Salario accessorio del personale dipendente a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista : vecchia e nuova contabilità a confronto Premessa La rubrica : vecchia e nuova contabilità

Dettagli

GESTIONE DELLE ENTRATE E FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA

GESTIONE DELLE ENTRATE E FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA GESTIONE DELLE ENTRATE E FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA ACCERTAMENTI DI ENTRATA PRINCIPI E REGOLE GENERALI Principio n. 16 ( Principio della competenza finanziaria ) dell allegato 1 ( Principi generali

Dettagli

COMUNE DI FORMIGNANA. (Provincia di Ferrara)

COMUNE DI FORMIGNANA. (Provincia di Ferrara) COMUNE DI FORMIGNANA (Provincia di Ferrara) VERBALE N. 4 DEL 3 APRILE 2014 Il giorno tre del mese di aprile dell anno duemilaquattordici, alle ore 15,00 il Revisore dei Conti: Dott.ssa Angela Caselli,

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI di concerto con la

Dettagli

LA FORMAZIONE DEL REVISORE DEGLI ENTI LOCALI

LA FORMAZIONE DEL REVISORE DEGLI ENTI LOCALI LA FORMAZIONE DEL REVISORE DEGLI ENTI LOCALI ELENA BRUNETTO DIRIGENTE SETTORE RISORSE ECONOMICHE E FINANZIARIE COMUNE DI VENARIA REALE(TO) 1 D.Lgs.118/2011 modificato del D.Lgs.126/2014 - Il nuovo ordinamento

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUARTO PRINCIPI GENERALI SULL AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ 1. L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ In quanto ente pubblico istituzionale l INPS è regolato dai principi della L. 70/1975 che ha

Dettagli

STATUTO DEL COMUNE DI LADISPOLI. Titolo VII GESTIONE ECONOMICO FINANZIARIA E CONTABILITA' Capo I PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA. Art.

STATUTO DEL COMUNE DI LADISPOLI. Titolo VII GESTIONE ECONOMICO FINANZIARIA E CONTABILITA' Capo I PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA. Art. Pagina 1 di 5 STATUTO DEL COMUNE DI LADISPOLI Titolo VII GESTIONE ECONOMICO FINANZIARIA E CONTABILITA' Capo I PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA Art. 72 La programmazione di bilancio 1. La programmazione dell'attività

Dettagli

Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2015 e Pluriennale 2015/2017 SOMMARIO

Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2015 e Pluriennale 2015/2017 SOMMARIO Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2015 e Pluriennale 2015/2017 Preambolo SOMMARIO Art. 1 Art. 2 - Bilancio annuale - Bilancio pluriennale Art. 3 - Allegati ex art.

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 UNIONE RENO GALLIERA PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE 1 VERIFICHE PRELIMINARI Il giorno 09 del mese di dicembre

Dettagli

ORDINE DEI MEDICI VETERINARI DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA RENDICONTO GENERALE

ORDINE DEI MEDICI VETERINARI DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA RENDICONTO GENERALE ORDINE DEI MEDICI VETERINARI DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA RENDICONTO GENERALE BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 RELAZIONE DEL TESORIERE AL BILANCIO CONSUNTIVO 2014 Dalle risultanze del Rendiconto

Dettagli

D.Lgs 118/2011 Principi contabili generali Principi contabili applicati

D.Lgs 118/2011 Principi contabili generali Principi contabili applicati Materiale sull armonizzazione contabile aggiornato con l intesa del 3 aprile 2014 in Conferenza Unificata [Fonte sito Arconet] D.Lgs 118/2011 Principi contabili generali Principi contabili applicati Materiale

Dettagli

TITOLO I - PRINCIPI GENERALI

TITOLO I - PRINCIPI GENERALI REGOLAMENTO DI CONTABILITA INTERNO AI SENSI DELL ART. 18, COMMA 4, DELLA LEGGE REGIONALE 22 DICEMBRE 2005 N.19 APPROVATO CON DELIBERA COMMISSARIALE N.34 DEL 15 DICEMBRE 2008, MODIFICATO CON DELIBERA COMMISSARIALE

Dettagli

COMUNE DI BARANO D'ISCHIA PROVINCIA DI NAPOLI

COMUNE DI BARANO D'ISCHIA PROVINCIA DI NAPOLI ORIGINALE Protocollo n. 4770 del 9/07/2015 COMUNE DI BARANO D'ISCHIA PROVINCIA DI NAPOLI Data Delibera: 9/07/2015 N Delibera: 7 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Oggetto: DISAVANZO STRAORDINARIO

Dettagli

VERIFICA SALVAGUARDIA EQUILIBRI DI BILANCIO E STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI ESERCIZIO FINANZIARIO 2015 (art. 193 dlgs 267/2000)

VERIFICA SALVAGUARDIA EQUILIBRI DI BILANCIO E STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI ESERCIZIO FINANZIARIO 2015 (art. 193 dlgs 267/2000) VERIFICA SALVAGUARDIA EQUILIBRI DI BILANCIO E STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI ESERCIZIO FINANZIARIO 2015 (art. 193 dlgs 267/2000) SALVAGUARDIA DEGLI EQUILIBRI DI BILANCIO 2015 La corretta ed economica

Dettagli

Il sistema contabile nelle aziende pubbliche

Il sistema contabile nelle aziende pubbliche Il sistema contabile nelle aziende pubbliche aziende pubbliche: finalità Il sistema di rilevazione assume la funzione principale di strumento per regolare ex ante i rapporti tra i diversi poteri e i diversi

Dettagli

L INDEBITAMENTO REGIONALE NELLE MODIFICHE AL D.LGS. 118/2011

L INDEBITAMENTO REGIONALE NELLE MODIFICHE AL D.LGS. 118/2011 SEMINARIO Regione Emilia-Romagna Armonizzazione della contabilità regionale Antonio Strusi L INDEBITAMENTO REGIONALE NELLE MODIFICHE AL D.LGS. 118/2011 21/6/2013 1 L INDEBITAMENTO NEL DECRETO CORRETTIVO

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA al Bilancio di Previsione 2015-2017

NOTA INTEGRATIVA al Bilancio di Previsione 2015-2017 NOTA INTEGRATIVA al Bilancio di Previsione 2015-2017 La nuova contabilità armonizzata prevede che gli enti alleghino al bilancio di previsione una nota integrativa la quale costituisce una relazione esplicativa

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA'

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA' SCHEMA DI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA' INDICE TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. Art. Art. Art. 1 Definizioni e denominazioni 2 Finalità 3 Adeguamenti ed aggiornamenti del regolamento 4

Dettagli

L anno duemilaquattordici, il giorno otto del mese di aprile nella sede comunale, IL RESPONSABILE DEL II SETTORE RISORSE STRATEGICHE

L anno duemilaquattordici, il giorno otto del mese di aprile nella sede comunale, IL RESPONSABILE DEL II SETTORE RISORSE STRATEGICHE Albo Pretorio online n. 621 Registro Pubblicazione Pubblicato il 09/04/2014 SETTORE II RISORSE STRATEGICHE Servizio Economico Finanziario UFFICIO SEGRETERIA GENERALE DETERMINAZIONE n. 20 DEL 08/04/2014

Dettagli

IL BILANCIO DEGLI ENTI LOCALI EFFETTI DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI

IL BILANCIO DEGLI ENTI LOCALI EFFETTI DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI IL BILANCIO DEGLI ENTI LOCALI EFFETTI DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI LE NORME Le norme di riferimento sono: il D. Lgs. 10 agosto 2014 n. 126 recante Disposizioni integrative e correttive del Decreto legislativo

Dettagli

Entrata da lotta all evasione di difficile esazione e fondo crediti dubbia esigibilità.

Entrata da lotta all evasione di difficile esazione e fondo crediti dubbia esigibilità. Azienditalia IPSOA, n. 1/2014 Rilevazioni contabili: vecchia e nuova contabilità a confronto. Entrata da lotta all evasione di difficile esazione e fondo crediti dubbia esigibilità. a cura di Mauro Bellesia

Dettagli

Allegato alla delibera assembleare n. 25 di data 30.11.2011. Regolamento di contabilità della Comunità della Valle di Cembra

Allegato alla delibera assembleare n. 25 di data 30.11.2011. Regolamento di contabilità della Comunità della Valle di Cembra Allegato alla delibera assembleare n. 25 di data 30.11.2011 Regolamento di contabilità della Comunità della Valle di Cembra 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità e contenuto del regolamento

Dettagli