Adempimenti 2015 Dispensa #4 Guida operativa al riaccertamento straordinario dei residui

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Adempimenti 2015 Dispensa #4 Guida operativa al riaccertamento straordinario dei residui"

Transcript

1 FORMAZIONE CONTINUA IL PASSAGGIO ALLA NUOVA CONTABILITÀ ARMONIZZATA gli adempimenti da porre in essere per applicare il D. Lgs. 118/2011 Adempimenti 2015 Dispensa #4 Guida operativa al riaccertamento straordinario dei residui

2 SOMMARIO PREMESSA IL PRINCIPIO DELLA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA LA PROCEDURA Ricognizione e riclassificazione dei residui esistenti Le conclusioni dell attività ricognitiva La predisposizione del rendiconto della gestione Determinazione del Fondo Pluriennale Vincolato Il disavanzo tecnico La determinazione del risultato d amministrazione al 1 gennaio La copertura del disavanzo dopo il riaccertamento straordinario dei residui L individuazione delle voci del risultato d amministrazione al 1 gennaio Variazione del bilancio di previsione ESERCIZIO PROVVISORIO...16 vedasi anche il volume MANUALE DI CONTABILITÀ ARMONIZZATA Guida all applicazione del nuovo sistema contabile di Ebron D Aristotile e Filippo Rosa, CEL Editrice S.r.l. novembre 2014 TINN 2015 Riproduzione riservata 1

3 PREMESSA Il riaccertamento straordinario dei residui, previsto dall articolo 3 comma 7 e seguenti del D. Lgs. 118/2011 e successive modificazioni, costituisce certamente un altra delle attività propedeutiche e più impegnative con cui gli enti locali dovranno confrontarsi nell introduzione del nuovo sistema contabile cosiddetto armonizzato. Si tratta di un adempimento una-tantum necessario per definire, attraverso un operazione straordinaria, il passaggio definitivo dalle precedenti modalità di contabilizzazione delle entrate e delle spese a quelle previste dal nuovo principio di competenza finanziaria potenziata. In altri termini, come già avvenuto in occasione dell applicazione del vigente sistema contabile con la riforma prevista ed attuata dapprima con il D. Lgs. 77/1995 e, a seguire, con il D. Lgs. 267/2000, l operazione di riaccertamento costituisce il momento in cui l amministrazione effettua una ricognizione completa delle proprie posizioni debitorie e creditorie e ne verifica le ragioni giuridiche per il mantenimento, non più secondo le disposizioni del TUEL precedentemente in vigore, ma tenendo conto di quanto previsto dal D. Lgs. 118/2011 e del D. Lgs. 267/2000 così come modificato dal D. Lgs. 126/2014. Alla luce di questa premessa cercheremo di analizzare i vari steps con cui giungere ad una completa attività ricognitiva, evidenziando le possibili difficoltà che si possono incontrare. 1 IL PRINCIPIO DELLA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA Al fine di comprendere le ragioni per cui il legislatore ha effettuato alcune scelte legislative appare utile richiamare preliminarmente il Principio contabile applicato della competenza finanziaria c.d. potenziata già trattata nei paragrafi che precedono. Il nuovo principio prevede che le obbligazioni giuridiche perfezionate sono registrate nelle scritture contabili nel momento della nascita dell obbligazione, imputandole, però, all esercizio in cui l obbligazione viene a scadenza. La scadenza dell obbligazione è il momento in cui l obbligazione diventa esigibile; a riguardo la consolidata giurisprudenza della Corte di Cassazione definisce come esigibile un credito per il quale non vi siano ostacoli alla sua riscossione ed è consentito, quindi, pretendere l adempimento. In altri termini l esigibilità si riscontra quando vi è coincidenza con la possibilità di esercitare il diritto di credito. Si rinvia al principio contabile applicato della competenza finanziaria (allegato 4/2 al D. Lgs. 118/2011) per ulteriori approfondimanti. 2 LA PROCEDURA La procedura per il riaccertamento straordinario dei residui è scandita dallo stesso legislatore nell articolo 3 del D. Lgs. 118/2011 e successive modificazioni e precisata nel TINN 2015 Riproduzione riservata 2

4 punto 9.3 del Principio contabile applicato alla gestione finanziaria (allegato 4/2 al D. Lgs. 118/2011) che, a sua volta, rinvia all esempio n. 6 dello stesso documento. Si tratta di un adempimento abbastanza complesso che, tra l altro, si combina con le attività finalizzate alla predisposizione del rendiconto della gestione 2014 oltre che con quelle relative all esercizio provvisorio nell ipotesi, tra l altro molto probabile, visti i tempi di approvazione del bilancio 2014, di rinvio del termine di approvazione del bilancio 2015 oltre quello ordinario di legge (31 dicembre) fissato dal D. Lgs. 267/2000. Si ricorda, infatti, che il riaccertamento straordinario dei residui deve essere effettuato con riferimento alla data del 1 gennaio 2015, contestualmente all'approvazione del rendiconto 2014 (articolo 3 comma 7 D. Lgs. 118/2011) il quale, a sua volta, deve essere predisposto nel rispetto del previgente ordinamento contabile e, cioè, utilizzando i modelli previsti dal D.P.R. 194/1996 e le disposizioni contabili precedenti a quelle introdotte dal D. Lgs. 118/2011. Ne consegue che, da un punto di vista strettamente pratico, il Servizio Finanziario di ciascun ente è chiamato a gestire contemporaneamente I. il tradizionale riaccertamento dei residui necessario alla predisposizione del rendiconto 2014, nel rispetto delle disposizioni vigenti per l anno 2014; II. il riaccertamento straordinario dei residui, necessario all aggiornamento delle previsioni del bilancio di previsione 2015, nel rispetto delle diposizioni contenute nel D. Lgs. 118/2011; III. la predisposizione del rendiconto della gestione 2014 secondo gli schemi ed i modelli del precedente D.P.R. 194/96; IV. la determinazione del risultato di amministrazione al 1 gennaio 2015, in considerazione dell importo riaccertato dei residui attivi e passivi e dell importo del fondo pluriennale vincolato alla stessa data; V. l individuazione delle quote accantonate, destinate e vincolate del risultato di amministrazione al 1 gennaio 2015; VI. l aggiornamento del bilancio 2015 eventualmente già approvato, predisposto ai fini autorizzativi secondo il modello di cui al D.P.R. 194/1996 ed a fini informativi secondo gli schemi contenuti nell allegato 9 del D. Lgs. 118/2011 con il recepimento e la re-iscrizione delle voci di entrata e di spesa secondo il corretto principio dell esigibilità; VII. in alternativa al punto VI, nell ipotesi di esercizio o gestione provvisoria e nelle more dell approvazione dei bilanci di previsione, ad aggiornare le previsioni, registrando nelle scritture contabili le re-imputazioni. L insieme delle attività descritte trova una contestuale conclusione in occasione dell approvazione del rendiconto della gestione 2014 (30 aprile 2015). In quella sede, infatti, al fine di dare attuazione a quanto previsto dall articolo 3, comma 7, gli enti a) dapprima approvano il rendiconto 2014 (articolo 3 comma 7 D. Lgs. 118/2011) predisposto nel rispetto del previgente ordinamento contabile; b) quindi, deliberano il riaccertamento straordinario dei residui nella stessa giornata in cui è approvato il rendiconto 2014, immediatamente dopo la delibera del Consiglio. TINN 2015 Riproduzione riservata 3

5 Poiché il riaccertamento è un attività esclusivamente gestionale, di carattere ricognitivo dei residui esistenti al 31 dicembre 2014 e di adeguamento degli stessi al principio contabile generale della competenza finanziaria, il relativo provvedimento è adottato con delibera di Giunta, previo parere dell organo di revisione economico-finanziario ed è tempestivamente trasmesso al Consiglio. Alla delibera sono allegati i prospetti riguardanti la rideterminazione del fondo pluriennale vincolato e del risultato di amministrazione, di cui agli allegati n. 5/1 e n. 5/2 al decreto legislativo 118/2011 e successive modificazioni. Per completezza espositiva si ricorda che il principio contabile richiamato chiarisce che, al fine di evitare comportamenti opportunistici, non è possibile effettuare il riaccertamento straordinario dei residui attraverso successive deliberazioni. Trattandosi di una operazione straordinaria una-tantum questa dovrà essere completata con un unico provvedimento: ne consegue che eventuali errori od omissioni potranno essere recuperati nell ambito dell ordinaria attività di riaccertamento dei residui, ma solo in occasione della predisposizione del rendiconto 2015 (febbraio marzo 2016). 2.1 RICOGNIZIONE E RICLASSIFICAZIONE DEI RESIDUI ESISTENTI Il primo step dell intera procedura riguarda l analisi dei residui attivi e passivi presenti nella contabilità dell ente alla data del 31 dicembre Si tratta di una operazione che, per l analiticità che la contraddistingue, impegna gli enti in un lungo periodo e, per tale ragione, è da avviare il più presto possibile. La competenza ad eseguire le operazioni di riaccertamento dei residui attivi è attribuita ai soggetti preposti ai vari servizi a cui i capitoli di PEG sono assegnati, su impulso e coordinamento del responsabile del servizio economico-finanziario e riguarda la ricognizione, revisione ed eventuale riclassificazione delle somme di entrata e di spesa presenti nella gestione dell ente. In questa occasione, ciascun residuo attivo e passivo dovrà essere analizzato nella duplice ottica: a) quella prevista dal precedente ordinamento contabile (contenuto nel D. Lgs. 267/2000 prima delle modifiche introdotte dal D. gs. 118/2011) per la loro iscrizione nel rendiconto previsto secondo lo schema approvato con il DPR 194/1996; TINN 2015 Riproduzione riservata 4

6 b) quella introdotta dal nuovo sistema contabile armonizzato per la reiscrizione degli stessi nella colonna dei residui o della competenza del modello contenuto nell allegato 9 del D. Lgs. 118/2011. A solo fine di fornire possibili linee di indirizzo operative, si segnala come il nuovo ordinamento riduce fortemente, rispetto al passato, la capacità e la possibilità degli enti di mantenere delle somme in c/residui: possono infatti essere conservate esclusivamente le posizioni misuratrici di crediti e debiti effettivi dell ente, mentre devono essere eliminate tutte quelle posizioni creditorie e debitorie improprie, comunque presenti nel precedente ordinamento, oltre che quelle per le quali il debito non è certo, liquido ed esigibile alla data del 31 dicembre LE CONCLUSIONI DELL ATTIVITÀ RICOGNITIVA Sulla base delle analisi effettuate analiticamente da parte dei responsabili dei servizi sulla scorta del prospetto/tabella predisposta da parte del Servizio Finanziario estraendo gli accertamenti ed impegni alla data del 31 dicembre 2014 dalla contabilità dell ente, si giunge alla predisposizione di due separati prospetti riepilogativi: a) un primo, contenente l elenco analitico di tutti quei residui attivi e passivi, cui non corrispondono obbligazioni perfezionate e scadute alla data del 1 gennaio 2015 e che, come tali, in assenza di una obbligazione giuridicamente perfezionata, non sono conservabili e devono essere eliminati, con un contestuale effetto sulla determinazione dell avanzo d amministrazione. Questa operazione troverà evidenza sia nel rendiconto 2014 che nei documenti di bilancio 2015; b) un secondo, contenente l elenco dei residui attivi e passivi cui corrispondono obbligazioni giuridicamente perfezionate, ma non esigibili alla data del 31 dicembre 2014, destinati ad essere, quindi, re-imputati agli esercizi successivi, in base alle relative scadenze individuate. Questa operazione troverà evidenza solo nei documenti di bilancio LA PREDISPOSIZIONE DEL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2014 Completata la ricognizione, l operazione successiva, necessaria per il riaccertamento dei residui attivi e passivi (realizzato nel rispetto delle disposizioni contenute nel D. Lgs. 267/2000 ante modifiche previste dal D. Lgs. 118/2011 e secondo le ulteriori precisazioni contenute nel Principio contabile n. 2 approvato dall Osservatorio per la Finanza e la contabilità degli Enti Locali nel 2008) è l approvazione del Rendiconto della gestione e la determinazione del risultato d amministrazione, entrambi predisposti secondo gli schemi contenuti nel D.P.R. 194/1996. Con essa si conclude, di fatto, la gestione del bilancio 2014 che è iniziata con l applicazione delle previgenti disposizioni. TINN 2015 Riproduzione riservata 5

7 2.4 DETERMINAZIONE DEL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO Conclusa la prima fase di ricognizione e di cancellazione dei residui, si procede alla conversione ed re-iscrizione di quelli che presentano una esigibilità differita agli esercizi successivi. A tal fine costituisce indispensabile attività prodromica la determinazione del Fondo pluriennale Vincolato. Si ricorda che, nelle more del riaccertamento straordinario dei residui, gli stanziamenti del bilancio di previsione riguardanti il fondo pluriennale, iscritto nella parte entrata dell esercizio 2015, sono pari a zero. Inoltre, rispetto a quanto accadrà nei successivi esercizi, in occasione del riaccertamento ordinario dei residui, l operazione di riaccertamento straordinario viene posta in essere senza prendere in considerazione le relazioni esistenti tra capitoli vincolati, ma limitandosi a fare riferimento esclusivamente alla data di scadenza di una obbligazione giuridicamente perfezionata. Ne consegue che lo stesso legislatore, con riferimento al primo esercizio di applicazione del nuovo sistema contabile, provvede a definire il metodo di quantificazione del Fondo Pluriennale Vincolato al 1 gennaio 2015 da iscrivere nell entrata dell esercizio 2015 del bilancio di previsione , distintamente per la parte corrente e per il conto capitale, quale differenza tra i residui passivi ed i residui attivi re-imputati se detta differenza è positiva. La tabella che segue, tratta dallo schema contenuto nell allegato n.5 del D. Lgs. 118/2011, sintetizza la modalità di calcolo brevemente descritta in precedenza. FONDO PLURIENNALE DA ISCRIVERE IN ENTRATA DEL BILANCIO 2015 Residui passivi eliminati alla data del 1 gennaio 2015 e reimpegnati con imputazione agli esercizi 2015 o successivi Spesa corrispondente alle gare formalmente indette relative a lavori pubblici di cui all articolo 3, comma 7, del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, che si prevede esigibili nel 2015 e negli esercizi successivi, i cui impegni sono stati cancellati in assenza dell'obbligazione formalmente costituita (3) Residui attivi eliminati alla data del 1 gennaio 2015 e riaccertati con imputazione agli esercizi 2015 e successivi Fondo pluriennale vincolato da iscrivere nell'entrata del bilancio 2015, pari a (3)=( 1 )+(a) ( 2 ) se positivo, altrimenti indicare 0 1 a 2 3 PARTE CORRENTE CONTO CAPITALE La prima riga del riquadro propone i residui passivi eliminati alla data del 1 gennaio 2015 e re-impegnati con imputazione agli esercizi 2015 o successivi. Non vanno ricompresi nella riga (1) : - i residui passivi definitivamente cancellati perché non misuratori di una obbligazione giuridicamente perfezionata che confluiranno molto probabilmente nell avanzo libero; - i residui passivi eliminati relativi ad impegni assunti ai sensi dell art. 183, comma 5, del Tuel che confluiranno nell avanzo vincolato. TINN 2015 Riproduzione riservata 6

8 La seconda riga (a) riporta la spesa corrispondente alle gare formalmente indette relative a lavori pubblici di cui all articolo 3, comma 7, del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, che si prevede esigibili nel 2015 e negli esercizi successivi, i cui impegni sono stati cancellati in assenza dell'obbligazione formalmente costituita. Così come precisato nella nota 3 in calce al prospetto, la voce comprende anche le spese contenute nei quadri economici relative a d investimenti, nei casi in cui, nel rispetto del punto n. 5.4 del principio applicato della contabilità finanziaria, è consentita la costituzione del fondo pluriennale vincolato in assenza di obbligazioni giuridicamente costituite esigibili negli esercizi successivi. Rinviando al principio contabile richiamato per un approfondimento, in questa sede ci preme segnalare che tale fattispecie costituisce una deroga o eccezione al principio della competenza finanziaria potenziata che così recita possono essere finanziate dal fondo pluriennale (e solo ai fini della sua determinazione): a) tutte le voci di spesa contenute nei quadri economici relative a spese di investimento per lavori pubblici di cui all articolo 3, comma 7, del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 Codice dei contratti pubblici, esigibili negli esercizi successivi, anche se non interamente impegnate (in parte impegnate e in parte prenotate), sulla base di un progetto approvato del quadro economico progettuale. La costituzione del fondo per l intero quadro economico progettuale è consentita solo in presenza di impegni assunti sulla base di obbligazioni giuridicamente perfezionate, imputate secondo esigibilità, ancorchè relativi solo ad alcune spese del quadro economico progettuale, escluse le spere di progettazione. In altre parole l impegno delle sole spese di progettazione non consente la costituzione del fondo pluriennale vincolato per le spese contenute nel quadro economico progettuale; b) le spese riferite a procedure di affidamento attivate ai sensi dell articolo 53, comma 2, del citato decreto legislativo n. 163 del 2006, unitamente alle voci di spesa contenute nel quadro economico dell opera (ancorchè non impegnate). In assenza di aggiudicazione definitiva, entro l anno successivo, le risorse accertate cui il fondo pluriennale si riferisce confluiscono nell avanzo di amministrazione vincolato per la riprogrammazione dell intervento in c/capitale ed il fondo pluriennale deve essere ridotto di pari importo. Per completezza espositiva ed a dimostrazione delle numerose relazioni tra i vari prospetti si segnala che l importo riportato nella voce (a) in esame coincide con il valore (f) dell allegato 5/2 del D. Lgs. 118/2011 relativo al prospetto finalizzato a calcolare il risultato d amministrazione alla data di riaccertamento straordinario dei residui. La terza riga (2), infine, si riferisce a residui eliminati e riaccertati attraverso imputazione agli esercizi 2015 e seguenti. L ultima riga del prospetto (3) evidenzia il Fondo Pluriennale vincolato da iscrivere in entrata del bilancio 2015 nell ipotesi di un valore maggiore di zero ottenuto dalla somma algebrica dei campi analizzati. Operazioni del tutto analoghe dovranno essere effettuate anche con riferimento agli esercizi successivi utilizzando nello stesso prospetto i riquadri che seguono. Anche in essi il risultato finale misura il Fondo pluriennale vincolato di spesa dell esercizio in cui è riportato ed il Fondo pluriennale di entrata nell esercizio successivo. TINN 2015 Riproduzione riservata 7

9 2.4.1 Il disavanzo tecnico La soluzione adottata con il prospetto 5/1 allegato al D. Lgs. 118/2011, finalizzata alla costituzione in prima istanza del fondo pluriennale vincolato, è foriera di possibili situazioni di disequilibrio finanziario tra i vari esercizi del bilancio di previsione: è sufficiente a riguardo pensare agli effetti che si generano nel caso in cui le entrate di un capitolo vincolato sono re-iscritte per intero nel primo esercizio del bilancio (ad esempio il 2015) mentre le correlate spese vincolate sono imputate ai successivi esercizi 2016 e Per superare queste discrasie temporali il legislatore è intervenuto nei commi 13 e 14 dell art. 3 del D. Lgs. 118/2011 e successive modificazioni prevedendo che : I. nel caso in cui a seguito del riaccertamento straordinario, i residui passivi reimputati ad un esercizio siano di importo superiore alla somma del fondo pluriennale vincolato stanziato in entrata e dei residui attivi re-imputati al medesimo esercizio, tale differenza può essere finanziata a. con le risorse dell esercizio b. o costituire un disavanzo tecnico da coprirsi, nei bilanci degli esercizi successivi, con i residui attivi re-imputati a tali esercizi eccedenti rispetto alla somma dei residui passivi re-imputati e del fondo pluriennale vincolato di entrata. RPn >= FPVe + RAn da cui consegue che RPn - FPVe RAn >= 0 = disavanzo tecnico La tabella che segue evidenzia, con riferimento all anno 2015, una situazione di disavanzo tecnico. Riaccertam. esercizio 2014 Bilancio 2015 Bilancio 2016 Bilancio 2017 Bilancio 2018 e seguenti FPV entrata Residui attivi Residui Passivi FPV spesa Saldo Totali II. nel caso in cui a seguito del riaccertamento straordinario, i residui attivi re-imputati ad un esercizio sono di importo superiore alla somma del fondo pluriennale vincolato stanziato in entrata e dei residui passivi re-imputati nel medesimo esercizio, tale differenza è vincolata alla copertura dell eventuale eccedenza degli impegni reimputati agli esercizi successivi rispetto alla somma del fondo pluriennale vincolato di entrata e dei residui attivi. Nel bilancio di previsione dell esercizio in cui si verifica tale differenza è effettuato un accantonamento di pari importo agli stanziamenti di spesa del fondo pluriennale vincolato. RAn >= FPVe + RPn TINN 2015 Riproduzione riservata 8

10 da cui consegue che RAn - FPVe RPn >= 0 = ACCANTONAMENTO FPV SPESA Nella prima delle due ipotesi (in cui i residui passivi re-imputati ad un esercizio sono di importo superiore alla somma del fondo pluriennale vincolato stanziato in entrata e dei residui attivi reimputati al medesimo esercizio) viene a formarsi un disavanzo tecnico di importo corrispondente agli avanzi determinati negli esercizi successivi. Detto disavanzo trova evidenza nella voce Quota spese reimpegnate eccedente rispetto al FPV di entrata e alle entrate riaccertate dell allegato n. 5/1 al decreto legislativo 118/2011. La tabella che segue tratta dallo schema contenuto nell allegato n. 5 del D. Lgs. 118/2011 sintetizza quanto riportato. FONDO PLURIENNALE DI SPESA DEL BILANCIO 2015 E DI ENTRATA DEL BILANCIO 2016 Spese reimpegnate con imputazione all'esercizio Spesa corrispondente alle gare formalmente indette relative a lavori pubblici di cui all articolo 3, comma 7, del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, che si prevede esigibili nel b 2015 i cui impegni sono stati cancellati in assenza dell'obbligazione formalmente costituita Entrate riaccertate con imputazione all' esercizio Quota del Fondo pluriennale vincolato di entrata utilizzata nel 2015, pari a (6)=( 4 )+(b)-(5) se positivo, altrimenti indicare 0 Eccedenza dei residui attivi riaccertati accantonata al Fondo 7 pluriennale vincolato di spesa, di importo non superiore a (7)=( 5 )-(4)-(b) altrimenti indicare 0 (2) PARTE CORRENTE 6 Quota spese reimpegnate eccedente rispetto al FPV di entrata e alle entrate riaccertate, pari a (4)+(b)-(5)-(3) se positivo (3) Incremento del fondo pluriennale vincolato di spesa del bilancio di previsione 2015 e del fondo pluriennale di entrata dell'esercizio 2016 (8) = (3) (6)+(7). 8 CONTO CAPITALE Il disavanzo tecnico può essere finanziato con le risorse dell esercizio: a tal fine, la variazione di bilancio diretta a individuare la copertura del disavanzo tecnico è approvata dal Consiglio. Nella seconda ipotesi, e cioè quella contenuta nel comma 14 dell articolo 3 del D. Lgs. 118/2011 (in cui i residui attivi re-imputati ad un esercizio sono di importo superiore alla somma del fondo pluriennale vincolato stanziato in entrata e dei residui passivi re-imputati nel medesimo esercizio), tale differenza è vincolata alla copertura dell eventuale eccedenza degli impegni re-imputati agli esercizi successivi rispetto alla somma del fondo pluriennale vincolato di entrata e dei residui attivi. TINN 2015 Riproduzione riservata 9

11 Questo avanzo trova evidenza nella voce Eccedenza dei residui attivi riaccertati accantonata al Fondo pluriennale vincolato di spesa dell allegato n. 5/1 al decreto legislativo 118/2011. La tabella che segue tratta dallo schema contenuto nell allegato n. 5 del D. Lgs. 118/2011 sintetizza quanto riportato. FONDO PLURIENNALE DI SPESA DEL BILANCIO 2015 E DI ENTRATA DEL BILANCIO 2016 Spese reimpegnate con imputazione all'esercizio Spesa corrispondente alle gare formalmente indette relative a lavori pubblici di cui all articolo 3, comma 7, del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, che si prevede esigibili nel b 2015 i cui impegni sono stati cancellati in assenza dell'obbligazione formalmente costituita Entrate riaccertate con imputazione all' esercizio Quota del Fondo pluriennale vincolato di entrata utilizzata nel 2015, pari a (6)=( 4 )+(b)-(5) se positivo, altrimenti indicare 0 Eccedenza dei residui attivi riaccertati accantonata al Fondo 7 pluriennale vincolato di spesa, di importo non superiore a (7)=( 5 )-(4)-(b) altrimenti indicare 0 (2) PARTE CORRENTE 6 Quota spese reimpegnate eccedente rispetto al FPV di entrata e alle entrate riaccertate, pari a (4)+(b)-(5)-(3) se positivo (3) Incremento del fondo pluriennale vincolato di spesa del bilancio di previsione 2015 e del fondo pluriennale di entrata dell'esercizio 2016 (8) = (3) (6)+(7). 8 CONTO CAPITALE Nel bilancio di previsione dell esercizio in cui si verifica tale differenza deve essere effettuato un accantonamento di importo pari agli stanziamenti di spesa riguardanti il fondo pluriennale vincolato. La stessa fattispecie può verificarsi nel caso in cui il complesso dei residui attivi risulti superiore al totale dei residui passivi riaccertati e, anche se nell entrata dell esercizio 2015 non è costituito il fondo pluriennale vincolato, la distribuzione temporale delle re-imputazioni rende necessario destinare una parte dei residui attivi, imputati ad un esercizio, alla copertura dell eccedenza degli impegni imputati agli esercizi successivi. L eventuale eccedenza dei residui attivi re-imputata, se non necessaria alla copertura dei residui passivi re-imputati (compresi quelli imputati agli esercizi successivi) né alla copertura dell eventuale disavanzo di amministrazione determinato dal riaccertamento (compreso quello necessario alla eventuale ricostituzione di vincoli ed accantonamenti), può essere destinata al finanziamento di nuove spese. A tal fine, la variazione di bilancio diretta a individuare la destinazione di tale risorse, che può essere costituita anche da ulteriori accantonamenti ai fondi spese, è approvata dal Consiglio. TINN 2015 Riproduzione riservata 10

12 2.5 LA DETERMINAZIONE DEL RISULTATO D AMMINISTRAZIONE AL 1 GENNAIO 2015 In considerazione dell importo riaccertato dei residui attivi e passivi e dell importo del fondo pluriennale vincolato, al 1 gennaio 2015 occorre rideterminare il risultato di amministrazione alla stessa data. Si tratta di una operazione particolare in quanto, concluso e rendicontato l esercizio 2014 con le modalità e la normativa precedente, occorre procedere alla nuova quantificazione dell avanzo/disavanzo d amministrazione nel rispetto del nuovo principio di competenza finanziaria potenziata. A tal fine il legislatore ha previsto nell allegato n. 5/2 al D. Lgs. 118/2011 e successive modificazioni, un prospetto contenente una tabella dimostrativa delle modalità di calcolo del Risultato d amministrazione alla data del riaccertamento straordinario dei residui. Allegato n. 5/2 al D.Lgs 118/2011 PROSPETTO DIMOSTRATIVO DEL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE ALLA DATA DEL RIACCERTAMENTO STRAORDINARIO DEI RESIDUI RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE AL 31 DICEMBRE 2014 DETERMINATO NEL RENDICONTO 2014 (a) RESIDUI ATTIVI CANCELLATI IN QUANTO NON CORRELATI AD OBBLIGAZIONI GIURIDICHE PERFEZIONATE (b) (-) RESIDUI PASSIVI CANCELLATI IN QUANTO NON CORRELATI AD OBBLIGAZIONI GIURIDICHE PERFEZIONATE ( c) (+) RESIDUI ATTIVI CANCELLATI IN QUANTO REIMPUTATI AGLI ESERCIZI IN CUI SONO ESIGIBILI (d) (-) RESIDUI PASSIVI CANCELLATI IN QUANTO REIMPUTATI AGLI ESERCIZI IN CUI SONO ESIGIBILI (e) (+) RESIDUI PASSIVI DEFINITIVAMENTE CANCELLATI CHE CONCORRONO ALLA DETERMINAZIONE DEL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO (f) (+) FONDO PLURIENNALE VINCOLATO (g) = (e) -(d) + (f) (-) RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE DOPO IL RIACCERTAMENTO STRAORDINARIO DEI RESIDUI (h) = (a) -(b) + ( c) - (d)+ (e)+ (f) (g) (=) Dalla lettura delle voci che compongono la tabella si evince che il risultato viene rideterminato: - partendo dal Risultato di amministrazione al 31 dicembre 2014 così come determinato nel rendiconto approvato secondo gli schemi contenuti nel D.P.R. 194/1996 ( voce a)); - aggiungendo e sottraendo rispettivamente i residui passivi ed i residui attivi che non misurano obbligazioni giuridicamente perfezionate e che, quindi, ai sensi delle nuove disposizioni normative, non possono in nessun caso essere mantenute in conto residui ( voce b e c)); - aggiungendo e sottraendo rispettivamente i residui passivi ed i residui attivi che misurano obbligazioni giuridicamente perfezionate ma non esigibili e che dunque devono essere re-iscritte in esercizi successivi sulla base della ricognizione effettuata ( voce d,e)); - sottraendo il Fondo Pluriennale Vincolato calcolato quale differenza tra i residui passivi ed i residui attivi re-imputati. Tale valore corrisponde alla somma del fondo pluriennale vincolato di parte corrente e del fondo pluriennale vincolato in conto TINN 2015 Riproduzione riservata 11

13 capitale iscritto in entrata del bilancio di previsione , relativo all'esercizio 2015 ( voce f)). Si tratta di una quantificazione in linea con il nuovo articolo 186 comma 1 del TUEL che a seguito delle modifiche introdotte dal D.Lgs. 118/2011, prevede Il risultato contabile di amministrazione è accertato con l'approvazione del rendiconto dell'ultimo esercizio chiuso ed è pari al fondo di cassa aumentato dei residui attivi e diminuito dei residui passivi. Tale risultato non comprende le risorse accertate che hanno finanziato spese impegnate con imputazione agli esercizi successivi, rappresentate dal fondo pluriennale vincolato determinato in spesa del conto del bilancio La copertura del disavanzo dopo il riaccertamento straordinario dei residui Nel caso in cui il risultato d amministrazione al 1 gennaio 2015, calcolato utilizzando il prospetto riportato nel paragrafo precedente, evidenzia un eventuale maggiore disavanzo rispetto al risultato di amministrazione al 31 dicembre 2014, derivante dalla rideterminazione del risultato di amministrazione a seguito dell'attuazione del comma 7 dell articolo 3 del D. Lgs. 118/2011, il legislatore nel comma 15 e seguenti ha previsto che: - le modalità e i tempi di copertura saranno definiti con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministero dell economia e delle finanze, di concerto con il Ministero dell interno, in considerazione dei risultati al 1 gennaio 2015, prevederanno incentivi, anche attraverso la disciplina del patto di stabilità interno e dei limiti di spesa del personale, per gli enti che, alla data del 31 dicembre 2017, non presentano quote di disavanzo derivanti dal riaccertamento straordinario dei residui. (comma 15 dell art. 3); - le informazioni riguardanti il riaccertamento straordinario dei residui saranno acquisite attraverso i certificati di conto consuntivo relativi al 31 dicembre 2014, secondo le previsioni di cui all articolo 161 del decreto legislativo 267 del 2000; - nelle more dell emanazione del decreto, l eventuale maggiore disavanzo di amministrazione al 1 gennaio 2015, determinato dal riaccertamento straordinario dei residui, effettuato a seguito dell attuazione del comma 7 e dal primo accantonamento al fondo crediti di dubbia esigibilità, è ripianato per una quota pari almeno al 10 per cento l anno (10 anni). - in attesa del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri di cui al comma 15, entro il 31 luglio 2014, sono definiti criteri e modalità di ripiano dell eventuale disavanzo di amministrazione di cui al periodo precedente, attraverso un decreto del ministero dell economia e delle finanze, di concerto con il ministero dell interno, previa intesa in sede di Conferenza Unificata. Tale decreto dovrà disciplinare: 1. l utilizzo di quote accantonate o destinate del risultato di amministrazione per ridurre la quota del disavanzo di amministrazione; 2. la ridefinizione delle tipologie di entrata utilizzabili ai fini del ripiano del disavanzo; 3. l individuazione di eventuali altre misure finalizzate a consentire un sostenibile passaggio alla disciplina contabile prevista dal presente decreto. TINN 2015 Riproduzione riservata 12

14 2.6 L INDIVIDUAZIONE DELLE VOCI DEL RISULTATO D AMMINISTRAZIONE AL 1 GENNAIO 2015 Una volta quantificato, il risultato d amministrazione al 1 gennaio 2015 nel rispetto del principio della competenza finanziaria potenziata, dovrà essere ripartito secondo l articolazione introdotta dal D.Lgs. 118/2011 e contenuta nel novellato articolo 187 del Tuel. Dalla lettura dell articolo si evince che l avanzo di amministrazione dovrà essere distinto in: o fondi liberi; o fondi vincolati determinati da entrate con un vincolo di specifica destinazione alla spesa; o fondi destinati agli investimenti, costituiti dalle entrate in c/capitale senza vincoli di specifica destinazione non spese; o fondi accantonati che comprendono gli accantonamenti per passività potenziali e il fondo crediti di dubbia esigibilità. Inoltre, a tutela dell avanzo stesso, il comma 10 dello stesso articolo dispone che la quota libera del risultato di amministrazione al 31 dicembre 2014 non è applicata al bilancio di previsione 2015 in attesa del riaccertamento straordinario dei residui. La tabella che segue, anch essa ricompresa nell allegato 5/2 del D. Lgs. 118/2011, costituisce un utile indice per la quantificazione delle varie voci. Composizione del risultato di amministrazione dopo il riaccertamento straordianrio dei residui (g): Parte accantonata Fondo crediti di dubbia esigibilità al 31/12/. ) Fondo residui perenti al 31/12/. (solo per le regioni) Fondo..al 31/12/N 1 Fondo..al 31/12/N 1 Parte vincolata Vincoli derivanti da leggi e dai principi contabili Vincoli derivanti da trasferimenti Vincoli derivanti dalla contrazione di mutui Vincoli formalmente attribuiti dall'ente Altri vincoli da specificare di Totale parte accantonata (h) Totale parte vincolata (i) Totale parte destinata agli investimenti (l) Totale parte disponibile (m) =(g) (h) (i) (l) Se (m) è negativo, tale importo è iscritto tra le spese del bilancio di previsione 2015 Dalla sua lettura si evince che la parte accantonata: - non comprende il Fondo Pluriennale Vincolato - prevede la quantificazione del fondo crediti di dubbia esigibilità determinato a seguito del riaccertamento straordinario dei residui, ai sensi di quanto previsto nel principio contabile della contabilità finanziaria di cui all allegato 4.2 del D. Lgs. 118/2011. TINN 2015 Riproduzione riservata 13

15 A riguardo si ricorda che la lettera e) del comma 7 dell articolo 3 del Decreto richiamato, prevede che il vincolo di destinazione opera anche se il risultato di amministrazione non è capiente o è negativo e cioè nell ipotesi di disavanzo di amministrazione; La parte vincolata, invece, è destinataria di tutta l attività di riaccertamento straordinario dei cosiddetti impegni impropri previsti nel precedente articolo 183 comma 5 del TUEL, oggi abrogato. Dette spese, che nel precedente ordinamento costituivano correttamente residui passivi anche in assenza di una obbligazione giuridicamente perfezionata, confluiscono, oggi, nelle diverse voci della parte vincolata. Il responsabile del Servizio Finanziario, sulla base delle informazioni acquisite dai Settori, dovrà operare una distinzione in base alla tipologia di vincolo. Nel caso di vincolo attribuito dall ente (si pensi al caso dell applicazione dell avanzo di amministrazione in esercizi precedenti per la realizzazione di una opera pubblica mai avviata), lo stesso può essere eliminato con apposito atto dell ente. In tal caso le somme confluiscono tra i fondi liberi dell avanzo di amministrazione. 2.7 VARIAZIONE DEL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 L operazione conclusiva dell intera procedura di riaccertamento straordinario dei residui è costituita, in relazione alla cancellazione dei residui operata, dalla variazione: a) del bilancio di previsione annuale 2015 autorizzatorio, b) del bilancio pluriennale autorizzatorio c) del bilancio di previsione finanziario predisposto con funzione conoscitiva. Il riferimento specifico contenuto nel comma 7 lett. c) dell articolo 3 del D. Lgs. 118/2011 sia al bilancio annuale pluriennale autorizzatorio che al bilancio di previsione finanziario predisposto con funzione conoscitiva, ci rinvia inevitabilmente all articolo 11 comma 12 dello stesso decreto. Il comma richiamato dispone, infatti, che Nel 2015 gli enti di cui al comma 1 (Regioni e gli enti locali) adottano gli schemi di bilancio e di rendiconto vigenti nel 2014, che conservano valore a tutti gli effetti giuridici, anche con riguardo alla funzione autorizzatoria, ai quali affiancano quelli previsti dal comma 1, cui è attribuita funzione conoscitiva. Il bilancio pluriennale adottato secondo lo schema vigente nel 2014 svolge funzione autorizzatoria. Nel 2015, come prima voce dell entrata degli schemi di bilancio autorizzatori annuali e pluriennali è inserito il fondo pluriennale vincolato come definito dall articolo 3, comma 4, mentre in spesa il fondo pluriennale è incluso nei singoli stanziamenti del bilancio annuale e pluriennale. Si noti che, come già accaduto per gli enti in sperimentazione, gli enti locali che devono applicare per la prima volta la contabilità finanziaria potenziata e le norme previste dal D. Lgs. 118/2011, per il primo esercizio, operano secondo un doppio binario per cui utilizzano anche nel 2015 gli schemi di bilancio previsti dal D.P.R. 194/96 con valenza autorizzatoria. E inoltre da segnalare che l ipotesi legislativa esaminata si basa sull assunto che non vi sia uno slittamento del termine per l approvazione del bilancio di previsione e che, dunque, gli enti procedano alla sua approvazione entro il 31 dicembre In questa ipotesi, e cioè se il bilancio di previsione è approvato prima del riaccertamento straordinario dei residui, la variazione deve riguardare: TINN 2015 Riproduzione riservata 14

16 - con riferimento ai modelli di cui al D.P.R. 194/96 l iscrizione: a) del fondo pluriennale vincolato come prima voce dell entrata degli schemi annuali e pluriennali; b) del fondo pluriennale vincolato nelle previsioni del bilancio annuale e pluriennale per ciascuna unità elementare di spesa; c) dell eventuale utilizzo delle quote vincolate del risultato d amministrazione; d) delle previsioni di entrata (con riferimento sia alla competenza che alla cassa) delle somme relative a residui attivi riaccertati e reiscritti negli esercizi del bilancio pluriennale; e) delle previsioni di spesa (con riferimento sia alla competenza che alla cassa) delle somme relative a residui passivi riaccertati e reiscritti negli esercizi del bilancio pluriennale; f) dell applicazione quale prima voce di spesa dell eventuale quota del risultato d amministrazione negativo nelle ipotesi previste dall art. 188 del TUEL. - con riferimento ai modelli di cui all allegato n. 9 del D. Lgs. 118/ bilancio armonizzato): a) l iscrizione del fondo pluriennale vincolato come prima voce dell entrata degli schemi annuali e pluriennali (si ricorda a riguardo che nel primo esercizio di adozione del principio della competenza finanziaria potenziata non è possibile iscrivere il fondo pluriennale vincolato in entrata del primo esercizio del bilancio di previsione fino a quando non si provvede al riaccertamento straordinario dei residui, effettuato con riferimento alla data del 1 gennaio); b) l adeguamento del fondo pluriennale vincolato nelle previsioni del bilancio annuale e pluriennale per ciascuna unità elementare di spesa; c) l iscrizione dell eventuale utilizzo delle quote vincolate del risultato d amministrazione; d) dell adeguamento delle previsioni di entrata (con riferimento sia alla competenza che alla cassa) delle somme relative a residui attivi riaccertati e reiscritti negli esercizi del bilancio pluriennale; e) dell adeguamento delle previsioni di spesa (con riferimento sia alla competenza che alla cassa) delle somme relative a residui passivi riaccertati e reiscritti negli esercizi del bilancio pluriennale; f) dell applicazione quale prima voce di spesa dell eventuale quota del risultato d amministrazione negativo nelle ipotesi previste dall art. 188 del tuel. g) dell adeguamento della colonna riguardante i residui in quanto in essa è indicato l importo dei residui al 31 dicembre 2013 (trattasi di un dato previsionale se il bilancio di previsione è approvato prima del 31 dicembre 2013) come risultano definiti sulla base dei principi precedentemente vigenti. Si sottolinea l importanza di una corretta effettuazione della variazione in esame anche in riferimento al bilancio di previsione redatto secondo i nuovi modelli che, si ricorda, dall anno successivo (2016) sostituiranno ai fini autorizzativi quelli oggi in uso. A tal fine si richiama anche quanto contenuto nel comma 11 dell articolo 3 dove si precisa che il principio generale n. 16 della competenza finanziaria di cui all allegato n. 1 è applicato con riferimento a tutte le operazioni gestionali registrate nelle scritture finanziarie di esercizio, che nel 2015, sono rappresentate anche negli schemi di bilancio di cui all articolo 11, comma 12. TINN 2015 Riproduzione riservata 15

17 3 ESERCIZIO PROVVISORIO Una ultima riflessione riguarda l ipotesi, non del tutto remota, che il riaccertamento straordinario dei residui non avvenga dopo l approvazione del bilancio di previsione (31 dicembre 2014) ma che sia effettuato in vigenza di esercizio provvisorio o di gestione provvisoria del bilancio. Il legislatore nel comma 9 dell articolo 3 prevede che in detta ipotesi, nelle more dell approvazione dei bilanci di previsione, si provveda alla registrazione delle reimputazioni delle entrate e delle spese cancellate a ciascuno degli esercizi in cui l obbligazione è esigibile, nelle scritture contabili. La delibera di approvazione del bilancio di previsione, eventualmente approvato successivamente al riaccertamento dei residui, dovrà essere predisposta tenendo conto di tali registrazioni. TINN 2015 Riproduzione riservata 16

Come introdurre la nuova contabilità armonizzata nei comuni e nelle province

Come introdurre la nuova contabilità armonizzata nei comuni e nelle province Come introdurre la nuova contabilità armonizzata nei comuni e nelle province Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui, previsto dall articolo 3 comma 7 e

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale Modulo n. 5 Il riaccertamento straordinario e il fondo pluriennale vincolato (ottobre 2014) STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE:

Dettagli

IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO E IL RIACCERTAMENTO DEI RESIDUI

IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO E IL RIACCERTAMENTO DEI RESIDUI IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO E IL RIACCERTAMENTO DEI RESIDUI CINZIA SIMEONE 1 STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE: 1) DEFINIZIONE 2) IL FONDO PLURIENNALE NEL BILANCIO 3) IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE 4)

Dettagli

LA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA

LA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA LA RIFORMA CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI LA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA D.LGS. 23 GIUGNO 2011 N. 118 CINZIA SIMEONE STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE: 1. LA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA 2. IL

Dettagli

L ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

L ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI L ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI PROSPETTO DIM OSTRATIVO DEL RISULTATO DI AM M INISTRAZIONE ALLA DATA DEL RIACCERTAM ENTO STRAORDINARIO DEI RESIDUI RISULTATO DI AM M INISTRAZIONE AL 31 DICEM

Dettagli

Armonizzazione Contabile e Fattura Elettronica. Relatore: dott. Vincenzo Cuzzola ATRIPALDA 20 aprile 2015

Armonizzazione Contabile e Fattura Elettronica. Relatore: dott. Vincenzo Cuzzola ATRIPALDA 20 aprile 2015 Armonizzazione Contabile e Fattura Elettronica Relatore: dott. Vincenzo Cuzzola ATRIPALDA 20 aprile 2015 CORRELAZIONE TRA FATTURA ELETTRONICA REGISTRO UNICO DELLE FATTURE ARMONIZZAZIONE DEL BILANCIO Sul

Dettagli

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale Modulo n. 4 L APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE GENERALE DELLA COMPETENZA POTENZIATA (ottobre 2014) PRESENTAZIONE:

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

3^ Giornata di Corso. Relatore: Dr. PiersanteFabio

3^ Giornata di Corso. Relatore: Dr. PiersanteFabio 3^ Giornata di Corso Decreto Legislativo 118/2011 Relatore: Dr. PiersanteFabio Guida operativa D.Lgs. 118/2011 per l anno 2015 Enti NON Sperimentatori Riaccertamento dei residui e Gestione esigibilità

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2014-2016

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2014-2016 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2014-2016 Per gli enti che adottano la contabilità finanziaria potenziata, ai sensi del D. Lgs. n. 118/2011, la nota integrativa al bilancio di previsione 2014

Dettagli

Direzione Finanza 2015 01915/024 Area Bilancio GG 4 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. 26 maggio 2015

Direzione Finanza 2015 01915/024 Area Bilancio GG 4 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. 26 maggio 2015 Direzione Finanza 2015 01915/024 Area Bilancio GG 4 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 26 maggio 2015 Convocata la Giunta presieduta dal Sindaco Piero Franco Rodolfo FASSINO sono presenti

Dettagli

CARATTERISTICHE DEL BILANCIO Torino, 20 maggio 2014

CARATTERISTICHE DEL BILANCIO Torino, 20 maggio 2014 CORSO DI FORMAZIONE REVISORI ENTI LOCALI Armonizzazione dei sistemi contabili D.Lgs.118/2011 CARATTERISTICHE DEL BILANCIO Torino, 20 maggio 2014 Cristina CHIANTIA dottori commercialisti Massimo STRIGLIA

Dettagli

2^ Giornata di Corso. Dr. PiersanteFabio

2^ Giornata di Corso. Dr. PiersanteFabio 2^ Giornata di Corso Decreto Legislativo 118/2011 Dr. PiersanteFabio ARMONIZZAZIONE CONTABILE PER GLI ENTI SPERIMENTATORI NEL 2014 2015 2016 2017 Applicazione del Principio di competenza potenziato(all.

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili della Provincia di Matera. Dr.ssa Ivana Rasi. Matera 24 ottobre 2015

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili della Provincia di Matera. Dr.ssa Ivana Rasi. Matera 24 ottobre 2015 Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili della Provincia di Matera * Dr.ssa Ivana Rasi Matera 24 ottobre 2015 Programma 1. La verifica dei residui derivanti dalla gestione 2015 - La

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DELLA CONTABILITA' PUBBLICA: GLI SPERIMENTATORI INCONTRANO GLI ENTI LOCALI

ARMONIZZAZIONE DELLA CONTABILITA' PUBBLICA: GLI SPERIMENTATORI INCONTRANO GLI ENTI LOCALI GIORNATA DI STUDIO REGIONE EMILIA MAGNA Bologna 18 Marzo 2014 ARMONIZZAZIONE DELLA CONTABILITA' PUBBLICA: GLI SPERIMENTATORI INCONTRANO GLI ENTI LOCALI La programmazione delle spese d investimento, il

Dettagli

COMUNE DI BARANO D'ISCHIA PROVINCIA DI NAPOLI

COMUNE DI BARANO D'ISCHIA PROVINCIA DI NAPOLI ORIGINALE Protocollo n. 4770 del 9/07/2015 COMUNE DI BARANO D'ISCHIA PROVINCIA DI NAPOLI Data Delibera: 9/07/2015 N Delibera: 7 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Oggetto: DISAVANZO STRAORDINARIO

Dettagli

L ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI NEGLI ENTI LOCALI

L ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI NEGLI ENTI LOCALI BILANCIO ARMONIZZATO L ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI NEGLI ENTI LOCALI (aggiornato con il Dlgs 126/2014 correttivo del Dlgs. 118/2011 e relativi allegati) 2^ PARTE CREMONA 24 febbraio 2015 1 BILANCIO

Dettagli

Sponsorizzazione per attività culturali Fondo pluriennale vincolato

Sponsorizzazione per attività culturali Fondo pluriennale vincolato Azienditalia IPSOA, n. 4/14 Rilevazioni contabili: vecchia e nuova contabilità a confronto Sponsorizzazione per attività culturali Fondo pluriennale vincolato a cura di Mauro Bellesia Dirigente Comune

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI:

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI: ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI: al via la fase sperimentale A cura di Alessandro Beltrami Roma, 12 aprile 2012 I tempi di utilizzo degli strumenti I RESIDUI CON IL NUOVO PRINCIPIO CONTABILE IL FONDO

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

L APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE GENERALE DELLA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA

L APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE GENERALE DELLA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA L APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE GENERALE DELLA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA PAOLA MARIANI UDINE 26 MARZO 2014 LA COMPETENZA FINANZIARIA VIGENTE Per gli enti che adottano la contabilità finanziaria,

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA Premessa Il principio contabile applicato concernente la programmazione di bilancio (allegato 4/1 del d.lgs. 118/2011) prevede, per gli enti che adottano

Dettagli

Riaccertamento residui. di Elisabetta Civetta. 11 novembre Sala Convegni ODCEC Milano

Riaccertamento residui. di Elisabetta Civetta. 11 novembre Sala Convegni ODCEC Milano Riaccertamento residui di Elisabetta Civetta 11 novembre Sala Convegni ODCEC Milano Residui attivi e passivi Ai fini della formazione del rendiconto dell esercizio n-1, possono essere conservati: - tra

Dettagli

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 646 23/11/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 18299 DEL 23/11/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: Area: BILANCIO PROGRAM. ECONOMICA, BILANCIO, DEMANIO E PATRIMONIO

Dettagli

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi).

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). 1 Il bilancio consuntivo per l esercizio 2012 è stato approvato con Delibera del Cda

Dettagli

D.Lgs 118/2011 Principi contabili generali Principi contabili applicati

D.Lgs 118/2011 Principi contabili generali Principi contabili applicati Materiale sull armonizzazione contabile aggiornato con l intesa del 3 aprile 2014 in Conferenza Unificata [Fonte sito Arconet] D.Lgs 118/2011 Principi contabili generali Principi contabili applicati Materiale

Dettagli

Investimento finanziato con alienazioni patrimoniali

Investimento finanziato con alienazioni patrimoniali Rilevazioni contabili: vecchia e nuova contabilità a confronto Investimento finanziato con alienazioni patrimoniali a cura di Mauro Bellesia Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Premessa Il caso La

Dettagli

SPESA Fonte: Civetta Slides ( all. 4) IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO Il fondo pluriennale vincolato è un accantonamento di risorse già accertate destinate al finanziamento di obbligazioni passive

Dettagli

Contributo regionale vincolato

Contributo regionale vincolato Azienditalia IPSOA, n. 3/2014 Rilevazioni contabili: vecchia e nuova contabilità a confronto. Contributo regionale vincolato a cura di Mauro Bellesia Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Premessa

Dettagli

Salario accessorio del personale dipendente a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista

Salario accessorio del personale dipendente a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Salario accessorio del personale dipendente a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista : vecchia e nuova contabilità a confronto Premessa La rubrica : vecchia e nuova contabilità

Dettagli

Fatturazione elettronica

Fatturazione elettronica Programma Webinar Fatturazione elettronica MODULO 3: IMPLICAZIONI CONTABILI E D.LGS. 118/11 ROBERTO JANNELLI: KPMG UNIVERSITÀ DEL SANNIO ARMANDO ORREI: KPMG VINCENZO DI SAURO: KPMG Sommario Premessa La

Dettagli

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE (SECONDO L ATTUALE PRINCIPIO APPLICATO) E costituito dal fondo di cassa esistente al

Dettagli

Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015

Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Consiglio Comunale, 13 agosto 2015 VERSO UNO SCHEMA DI BILANCIO ARMONIZZATO.. L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI IL QUADRO NORMATIVO

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016-2018

BILANCIO DI PREVISIONE 2016-2018 COMUNE DI MOZZANICA Provincia di Bergamo BILANCIO DI PREVISIONE 2016-2018 NOTA INTEGRATIVA Premessa Il principio contabile applicato concernente la programmazione di bilancio (allegato 4/1 del d.lgs. 118/2011)

Dettagli

FORMAZIONE CONTINUA. IL PASSAGGIO ALLA NUOVA CONTABILITÀ ARMONIZZATA gli adempimenti da porre in essere per applicare il D. Lgs.

FORMAZIONE CONTINUA. IL PASSAGGIO ALLA NUOVA CONTABILITÀ ARMONIZZATA gli adempimenti da porre in essere per applicare il D. Lgs. FORMAZIONE CONTINUA IL PASSAGGIO ALLA NUOVA CONTABILITÀ ARMONIZZATA gli adempimenti da porre in essere per applicare il D. Lgs. 118/2011 Adempimenti 2015 Dispensa #2 Accertamento delle entrate 2015: Modalità

Dettagli

ADEMPIMENTI PER L ENTRATA A REGIME DELLA RIFORMA CONTABILE PREVISTA DAL DECRETO LEGISLATIVO 23 GIUGNO 2011, N. 118, NELL ESERCIZIO 2016

ADEMPIMENTI PER L ENTRATA A REGIME DELLA RIFORMA CONTABILE PREVISTA DAL DECRETO LEGISLATIVO 23 GIUGNO 2011, N. 118, NELL ESERCIZIO 2016 ADEMPIMENTI PER L ENTRATA A REGIME DELLA RIFORMA CONTABILE PREVISTA DAL DECRETO LEGISLATIVO 23 GIUGNO 2011, N. 118, NELL ESERCIZIO 2016 1) Introduzione Com è noto, nel corso del 2015, gli enti territoriali,

Dettagli

IL BILANCIO DEGLI ENTI LOCALI EFFETTI DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI

IL BILANCIO DEGLI ENTI LOCALI EFFETTI DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI IL BILANCIO DEGLI ENTI LOCALI EFFETTI DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI LE NORME Le norme di riferimento sono: il D. Lgs. 10 agosto 2014 n. 126 recante Disposizioni integrative e correttive del Decreto legislativo

Dettagli

Contabilizzazione dei mutui a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista

Contabilizzazione dei mutui a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Contabilizzazione dei mutui a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Rilevazioni contabili: vecchia e nuova contabilità a confronto Premessa La Rubrica Rilevazioni contabili:

Dettagli

Pasian di Prato, 23 Gennaio 2015

Pasian di Prato, 23 Gennaio 2015 Pasian di Prato, 23 Gennaio 2015 1 Una volta accadeva: Fondo Pluriennale Vincolato nell'esercizio X l'ente registrava in bilancio un entrata destinata ad investimenti (contributo regionale, contributo

Dettagli

Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo.

Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo. Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo. Il Presidente, d intesa con l Assessore della Programmazione, Bilancio, Credito

Dettagli

2 Confronto con le Regioni sperimentatrici sull armonizzazione contabile

2 Confronto con le Regioni sperimentatrici sull armonizzazione contabile 2 Confronto con le Regioni sperimentatrici sull armonizzazione contabile La gestione del bilancio di cassa Giornata di studio Bologna, 01/07/2014 1 REGIONE LIGURIA Direzione Centrale Risorse Strumentali,

Dettagli

Relazione allegata al Bilancio di previsione

Relazione allegata al Bilancio di previsione PATTO DI STABILITÀ 2015 Relazione allegata al Bilancio di previsione Aspetti introduttivi La legge di stabilità 2015 (L. n. 190/2014) torna a modificare le disposizioni riguardanti il patto di stabilità

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. Circoscrizione del Tribunale di Locri. Relazione del Tesoriere

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. Circoscrizione del Tribunale di Locri. Relazione del Tesoriere ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Circoscrizione del Tribunale di Locri Relazione del Tesoriere CONSUNTIVO ANNO 2009 ORDINE DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Circoscrizione

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUARTO PRINCIPI GENERALI SULL AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ 1. L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ In quanto ente pubblico istituzionale l INPS è regolato dai principi della L. 70/1975 che ha

Dettagli

Allegato F) Delib. G.C. n. 38/2015 CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO NOTA TECNICA

Allegato F) Delib. G.C. n. 38/2015 CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO NOTA TECNICA Allegato F) Delib. G.C. n. 38/2015 CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO NOTA TECNICA ANNO 2015 BILANCIO DI PREVISIONE 2015 NOTA TECNICA Premessa Il D.Lgs. 118/2011 come modificato ed integrato

Dettagli

Partiamo da quest'ultimo, che ne definisce la composizione.

Partiamo da quest'ultimo, che ne definisce la composizione. - Principio contabile applicato della contabilità finanziaria (punto 9.2) - Principio contabile applicato della programmazione (punto 9.7: tabella dimostrativa risultato presunto - Artt. 186 e 187 Tuel,

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI di concerto con la

Dettagli

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 a cura del Dipartimento Finanza Locale Il disegno di legge di stabilità 2016 contiene le seguenti principali disposizioni concernenti gli enti locali: 1) Soppressione

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE

CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE LINEE GUIDA PER LE RELAZIONI DEI REVISORI DEI CONTI SUI BILANCI DI PREVISIONE DELLE REGIONI PER L ANNO 2015, SECONDO LE PROCEDURE DI CUI ALL ART. 1, COMMI 166 E

Dettagli

Legge regionale 4 dicembre 2015, n. 16. Quarta variazione al Bilancio di previsione finanziario per il triennio 2015-2017 della Regione Campania.

Legge regionale 4 dicembre 2015, n. 16. Quarta variazione al Bilancio di previsione finanziario per il triennio 2015-2017 della Regione Campania. Legge regionale 4 dicembre 2015, n. 16. Quarta variazione al Bilancio di previsione finanziario per il triennio 2015-2017 della Regione Campania. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

Relazione allegata al Bilancio di previsione

Relazione allegata al Bilancio di previsione COMUNE DI CASTRIGNANO DEL CAPO PROVINCIA DI LECCE PATTO DI STABILITÀ 2013 Relazione allegata al Bilancio di previsione Cod. 05-3046-003 CEL EDITRICE 1. Il quadro normativo vigente 1.1 Aspetti introduttivi

Dettagli

Investimento finanziato con contributo regionale in conto capitale

Investimento finanziato con contributo regionale in conto capitale Investimento finanziato con contributo regionale in conto capitale a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Rilevazioni contabili: vecchia e nuova contabilità a confronto Premessa

Dettagli

COMUNE DI ORTONA Medaglia d Oro al Valore Civile PROVINCIA DI CHIETI

COMUNE DI ORTONA Medaglia d Oro al Valore Civile PROVINCIA DI CHIETI Repertorio generale n. 2234 COMUNE DI ORTONA Medaglia d Oro al Valore Civile PROVINCIA DI CHIETI Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Seduta del 10 luglio 2015 n. 61 OGGETTO: DISAVANZO STRAORDINARIO

Dettagli

TITOLO I Principi contabili generali e applicati per le regioni, le province autonome e gli enti locali

TITOLO I Principi contabili generali e applicati per le regioni, le province autonome e gli enti locali D.Lgs. 23/06/2011, n. 118 Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2

Dettagli

L anno duemilaquattordici, il giorno otto del mese di aprile nella sede comunale, IL RESPONSABILE DEL II SETTORE RISORSE STRATEGICHE

L anno duemilaquattordici, il giorno otto del mese di aprile nella sede comunale, IL RESPONSABILE DEL II SETTORE RISORSE STRATEGICHE Albo Pretorio online n. 621 Registro Pubblicazione Pubblicato il 09/04/2014 SETTORE II RISORSE STRATEGICHE Servizio Economico Finanziario UFFICIO SEGRETERIA GENERALE DETERMINAZIONE n. 20 DEL 08/04/2014

Dettagli

LA GESTIONE DEI RESIDUI

LA GESTIONE DEI RESIDUI LA GESTIONE DEI RESIDUI I residui passivi sono somme impegnate ma non ancora pagate entro il termine dell esercizio: costituiscono un debito del Dipartimento. I residui attivi sono somme accertate ma non

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI D. Lgs. 118/2011 Settembre 2013 Le origini: il federalismo fiscale Legge 5/5/2009 n. 42 Delega al Governo in materia di FEDERALISMO FISCALE in attuazione dell art.

Dettagli

I BILANCI 2015 DEI COMUNI

I BILANCI 2015 DEI COMUNI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 I BILANCI 2015 DEI COMUNI FIRENZE 13 FEBBRAIO 2015 1 BILANCIO DI PREVISIONE 2015 LINGUAGGIO ESOTERICO O DEMENZIALE?!?!?! COMMA 13, LEGGE STABILITA 2015 (bonus 80 euro) «Ai fini

Dettagli

Il Fondo crediti di dubbia esigibilità. Michele Petrelli

Il Fondo crediti di dubbia esigibilità. Michele Petrelli Il Fondo crediti di dubbia esigibilità Michele Petrelli Indice - Il Fondo crediti di dubbia esigibilità: principi - Il Fondo crediti di dubbia esigibilità nel bilancio di previsione - Il Fondo crediti

Dettagli

Le caratteristiche del sistema di contabilità economico patrimoniale previsto dal D.Lgs. n. 118/ 2011

Le caratteristiche del sistema di contabilità economico patrimoniale previsto dal D.Lgs. n. 118/ 2011 ..... Bilancio e contabilità... Armonizzazione contabile degli enti territoriali Le caratteristiche del sistema di contabilità economico patrimoniale previsto dal D.Lgs. n. 118/ 2011 di Stefano Ranucci

Dettagli

CONSORZIO SERVIZI SOCIALI

CONSORZIO SERVIZI SOCIALI CONSORZIO SERVIZI SOCIALI IN.RE.TE. REGOLAMENTO DI CONTABILITA Aggiornato in base ai principi del D.Lgs. n. 118/2011 (Approvato con deliberazione di Assemblea Consortile n. 35 del 30 novembre 2015 ) INDICE

Dettagli

DECRETO N. 6931 Del 24/08/2015

DECRETO N. 6931 Del 24/08/2015 DECRETO N. 6931 Del 24/08/2015 Identificativo Atto n. 761 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto FPV - APPROVAZIONE PROGETTO DI RICERCA RIVOLTO AD APPRENDISTI ASSUNTI AI SENSI DELL

Dettagli

29/04/2015 di competenza finanziaria potenziata

29/04/2015 di competenza finanziaria potenziata SLIDE 1 Il fondo pluriennale vincolato nasce dall esigenza di mantenere gli equilibri di bilancio stante l adozione del nuovo concetto di competenza finanziaria potenziata: l imputazione della spesa secondo

Dettagli

C O M U N E D I B E D U L I T A

C O M U N E D I B E D U L I T A NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 La nota integrativa al bilancio costituisce allegato obbligatorio al documento di programmazione e viene redatta in conformità alle prescrizioni del

Dettagli

Oggetto Chiusura della contabilità finanziaria. Dati per il conto consuntivo 2015. Istruzioni operative.

Oggetto Chiusura della contabilità finanziaria. Dati per il conto consuntivo 2015. Istruzioni operative. Direzione generale Direzione centrale programmazione, bilancio e controllo Circolare n. 91 Roma, 23 dicembre 2015 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali

Dettagli

LA SEZIONE OPERATIVA (SeO)

LA SEZIONE OPERATIVA (SeO) LA SEZIONE OPERATIVA (SeO) La SeO ha carattere generale, contenuto programmatico e costituisce lo strumento a supporto del processo di previsione definito sulla base degli indirizzi generali e degli obiettivi

Dettagli

Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2015 e Pluriennale 2015/2017 SOMMARIO

Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2015 e Pluriennale 2015/2017 SOMMARIO Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2015 e Pluriennale 2015/2017 Preambolo SOMMARIO Art. 1 Art. 2 - Bilancio annuale - Bilancio pluriennale Art. 3 - Allegati ex art.

Dettagli

Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche. Indice

Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche. Indice INSEGNAMENTO DI ECONOMIA DELLE AZIENDE E DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE LEZIONE VI I RISULTATI DELLA GESTIONE: IL RENDICONTO PROF. GAVINO NUZZO Indice 1 I risultati della gestione: il rendiconto -----------------------------------------------------------------

Dettagli

Agenzia Speciale APOF- IL

Agenzia Speciale APOF- IL Agenzia Speciale APOF- IL Provincia di Potenza Relazione dell organo di revisione sulle proposte di bilancio di previsione 2012 e di bilancio pluriennale 2012_2014 con i relativi documenti allegati L organo

Dettagli

Decreto-legge 19 giugno 2015, n. 78, coordinato con la legge di conversione 6 agosto 2015, n. 125

Decreto-legge 19 giugno 2015, n. 78, coordinato con la legge di conversione 6 agosto 2015, n. 125 La gestione in esercizio provvisorio del bilancio 2016 problemi della gestione collegati all approvazione di un bilancio solo annuale 2016, anche in riferimento all equilibrio di cassa. Giovanni Ravelli

Dettagli

RELAZIONE DI INIZIO MANDATO

RELAZIONE DI INIZIO MANDATO C o m u n e d i C i v i d a l e d e l F r i u l i RELAZIONE DI INIZIO MANDATO Sindaco Stefano Balloch Proclamazione 01/06/2015 L art. 4 bis del decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 149, prevede l obbligo

Dettagli

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Bilancio di Previsione 2009 e Pluriennale Triennio 2009 2011 (B. U. Regione Basilicata N. 60 del 29 dicembre 2008) Articolo 1 Stato di Previsione dell Entrata 1.

Dettagli

IL NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI

IL NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI IL NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI PAOLA MARIANI Udine 26 marzo 2014 PRESENTAZIONE: 1) L ARMONIZZAZIONE 2) IL QUADRO NORMATIVO 3) I SISTEMI CONTABILI ARMONIZZATI 4) GLI STRUMENTI DELL ARMONIZZAZIONE

Dettagli

IN 10 PUNTI GIUGNO 2015

IN 10 PUNTI GIUGNO 2015 IN 10 PUNTI Per semplificare la lettura del Decreto legge 19 giugno 2015, n 78, Disposizioni urgenti in materia di enti territoriali, abbiamo ritenuto opportuno fornire agli amministratori e operatori

Dettagli

IL FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA PAOLA MARIANI

IL FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA PAOLA MARIANI IL FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA PAOLA MARIANI UDINE 26 marzo 2011 IL FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA Lo strumento individuato, dalla disciplina della sperimentazione, per impedire l accertamento

Dettagli

. Introduzione Pag. 2. . 1 Il Contesto normativo Pag. 2. . 2 Il FPV previsto dal D. Lgs 118/2011- Caratteristiche Pag. 3

. Introduzione Pag. 2. . 1 Il Contesto normativo Pag. 2. . 2 Il FPV previsto dal D. Lgs 118/2011- Caratteristiche Pag. 3 . Introduzione Pag. 2. 1 Il Contesto normativo Pag. 2. 2 Il FPV previsto dal D. Lgs 118/2011- Caratteristiche Pag. 3. 2.1 FPV: Principi contabili uniformi Pag. 3. 2.2 FPV: Definizione Pag. 4. 2.3 FPV:

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA

DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA REGIONE BASILICATA DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA Bilancio di Previsione pluriennale per il triennio 2015-2017. Potenza, Dicembre 2014 * * * * * * * * * * Articolo 1 Stato di Previsione dell

Dettagli

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2011 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2011 2013. * * * * * * * * * *

Dettagli

Sezione Seconda Il nuovo ordinamento contabile

Sezione Seconda Il nuovo ordinamento contabile Capitolo 3: La programmazione 111 soggiace ai limiti degli stanziamenti indicati nell ultimo bilancio approvato, ove esistano. L ultimo comma dell art. 163 disciplina l ipotesi in cui la scadenza del termine

Dettagli

Articolo 227 Rendiconto della gestione

Articolo 227 Rendiconto della gestione TITOLO VI DLGS 267/200 RILEVAZIONE E DIMOSTRAZIONE DEI RISULTATI DI GESTIONE Articolo 227 Rendiconto della gestione 1. La dimostrazione dei risultati di gestione avviene mediante il rendiconto, il quale

Dettagli

OGGETTO. VARIAZIONE DI RIEQUILIBRIO E ASSESTAMENTO DEL BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 E DI VERIFICA DELLO STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI

OGGETTO. VARIAZIONE DI RIEQUILIBRIO E ASSESTAMENTO DEL BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 E DI VERIFICA DELLO STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI OGGETTO. VARIAZIONE DI RIEQUILIBRIO E ASSESTAMENTO DEL BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 E DI VERIFICA DELLO STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che: con delibera del Consiglio

Dettagli

REGIONE TOSCANA. Proposta di Legge

REGIONE TOSCANA. Proposta di Legge REGIONE TOSCANA Proposta di Legge Bilancio di previsione per l anno finanziario 2015 e pluriennale 2015 2017 e Bilancio di previsione conoscitivo 2015-2017 - Assestamento SOMMARIO Preambolo Capo I Assestamento

Dettagli

REGIONE TOSCANA. Bilancio di previsione per l esercizio finanziario 2012 e Bilancio pluriennale 2012 2014. Assestamento.

REGIONE TOSCANA. Bilancio di previsione per l esercizio finanziario 2012 e Bilancio pluriennale 2012 2014. Assestamento. REGIONE TOSCANA Proposta di Legge Bilancio di previsione per l esercizio finanziario 2012 e Bilancio pluriennale 2012 2014 Assestamento SOMMARIO Preambolo Capo I Assestamento del bilancio Art. 1 - Variazioni

Dettagli

Art. 1 (Bilancio di competenza Stato di previsione dell entrata e della spesa)

Art. 1 (Bilancio di competenza Stato di previsione dell entrata e della spesa) Legge regionale 27 dicembre 2012, n. 71 Bilancio di previsione della Regione Calabria per l anno finanziario 2013 e bilancio pluriennale 2013-2015. (BUR n. 23 del 17 dicembre 2012, supplemento straordinario

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE IL RENDICONTO DELLA GESTIONE Dott. Paolo Longoni Commissione Enti Pubblici del Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Commissione Enti Locali ed Utilities dell Ordine dei Dottori

Dettagli

Regione Piemonte VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 30 DEL 29/05/2015

Regione Piemonte VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 30 DEL 29/05/2015 COPIA COMUNE DI STRAMBINELLO Provincia di Torino Regione Piemonte VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 30 DEL 29/05/2015 Oggetto: PROPOSTA DI SCHEMA DI BILANCIO PER L'ANNO FINANZIARIO 2015

Dettagli

REGIONE TOSCANA. Bilancio di previsione per l anno finanziario 2007 e Bilancio pluriennale per il triennio 2007 2009. Assestamento.

REGIONE TOSCANA. Bilancio di previsione per l anno finanziario 2007 e Bilancio pluriennale per il triennio 2007 2009. Assestamento. REGIONE TOSCANA Proposta di Legge Bilancio di previsione per l anno finanziario 2007 e Bilancio pluriennale per il triennio 2007 2009 Assestamento SOMMARIO Art. 1 - Variazioni delle previsioni di entrata

Dettagli

REGIONE TOSCANA. Bilancio di previsione per l anno finanziario 2013 e Bilancio pluriennale 2013 2015. Assestamento.

REGIONE TOSCANA. Bilancio di previsione per l anno finanziario 2013 e Bilancio pluriennale 2013 2015. Assestamento. REGIONE TOSCANA Proposta di Legge Bilancio di previsione per l anno finanziario 2013 e Bilancio pluriennale 2013 2015 Assestamento SOMMARIO Preambolo Capo I Assestamento del bilancio Art. 1 - Variazioni

Dettagli

Oggetto Chiusura della contabilità finanziaria. Dati per il conto consuntivo 2013. Istruzioni operative.

Oggetto Chiusura della contabilità finanziaria. Dati per il conto consuntivo 2013. Istruzioni operative. Direzione generale Direzione centrale ragioneria Circolare n. 61 Roma, 17 dicembre 2013 Ai Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali Magistrato della Corte

Dettagli

VERBALE DEL REVISORE DEI CONTI DELL UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO

VERBALE DEL REVISORE DEI CONTI DELL UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO Verbale n. 2/2014 VERBALE DEL REVISORE DEI CONTI DELL UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO Il giorno 18 del mese di aprile dell anno 2014 alle ore 10,15 il sottoscritto Dott. Damiano

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga Parte I N. 4 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 31-1-2015 253 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Legge Regionale 27 gennaio 2015, n. 6 BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE

Dettagli

XX COMUNITA MONTANA DEI MONTI SABINI - 02037 POGGIO MOIANO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO

XX COMUNITA MONTANA DEI MONTI SABINI - 02037 POGGIO MOIANO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO XX COMUNITA MONTANA DEI MONTI SABINI - 02037 POGGIO MOIANO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO ANNO 2014 RELAZIONE DELL ORGANO ESECUTIVO AL RENDICONTO DI GESTIONE 2014 Articolo 231

Dettagli

Comune di BIBBONA (LI)

Comune di BIBBONA (LI) RELAZIONE AL BILANCIO SUL RISPETTO DEL PATTO DI STABILITA' 2013 1 IL QUADRO NORMATIVO VIGENTE 1.1 Aspetti introduttivi Le norme che disciplinano il patto di stabilità degli enti locali per l anno 2013

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 NOTA TECNICA DI ACCOMPAGNAMENTO

BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 NOTA TECNICA DI ACCOMPAGNAMENTO BILANCIO DI 2015-2017 NOTA TECNICA DI ACCOMPAGNAMENTO 1 Premessa A decorrere dall esercizio finanziario 2015 gli Enti Locali applicano, in relazione alla gestione finanziaria, le nuove disposizioni in

Dettagli

Lombardia/406/2010/PRSE

Lombardia/406/2010/PRSE Lombardia/406/2010/PRSE REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: Dott. Nicola Mastropasqua Presidente Dott. Antonio Caruso Dott. Giuliano

Dettagli

Art. 1 (Bilancio di competenza - Stato di previsione dell'entrata e della spesa)

Art. 1 (Bilancio di competenza - Stato di previsione dell'entrata e della spesa) Legge regionale 27 aprile 2015, n. 13 Bilancio di previsione della Regione Calabria per l anno finanziario 2015 e bilancio pluriennale 2015 2017. (BURC n. 27 del 27 aprile 2015) Art. 1 (Bilancio di competenza

Dettagli

Riaccertamento straordinario dei residui al 01/01/2015

Riaccertamento straordinario dei residui al 01/01/2015 Riaccertamento straordinario dei residui al 01/01/2015 DETERMINAZIONE FONDO CREDITI DI DUBBIA E DIFFICILE ESAZIONE AL 31/12/2014 1 Il Fondo Crediti di dubbia esigibilità Il Principio contabile applicato

Dettagli

* * * * * * * * * * * *

* * * * * * * * * * * * CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale: Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2009 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2009 2011. * * * * * * * * * * * * Articolo 1 Stato

Dettagli

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA'

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA' AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA' Approvato con Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 17.12.2001 1 CAPO I FINALITA E CONTENUTO

Dettagli