Roma, 12 giugno 1985 Circolare n. 11

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Roma, 12 giugno 1985 Circolare n. 11"

Transcript

1 C/I/22 DIREZIONE GENERALE DEL PERSONALE E DELL'AMMINISTRAZIONE Ufficio VIII Roma, 12 giugno 1985 Circolare n. 11 OGGETTO Legge 6 febbraio 1985, n Conti Correnti Valuta Tesoro Conti giudiziali Si ritiene opportuno fornire dettagliati chiarimenti in merito alla nuova disciplina relativa alla gestione ed utilizzazione dei «Conti Correnti Valuta Tesoro» (C.C.V.T.) regolata dalla legge 6 febbraio 1985, n. 15, pubblicata sulla G.U. n. 39 del 14 febbraio * * * 1) Sono istituiti C.C.V.T. presso le sedi elencate nell'annesso al D.M. (allegato) in corso di perfezionamento. 2) Con decorrenza 1 luglio 1985 devono essere aperti conti correnti presso Istituti bancari di fiducia; i conti correnti bancari devono essere intestati alla Rappresentanza diplomatica o Ufficio consolare e portare nell'intestazione la specifica «Conto Corrente Valuta Tesoro». A detti conti devono affluire le seguenti entrate: - redditi di terreni e fabbricati di proprietà dell'amministrazione; - canoni di fitto per immobili locati dall'amministrazione, ceduti a dipendenti o a terzi; - vendita di beni fuori uso; - entrate eventuali o diverse (fra cui gli interessi corrisposti dagli Istituti di credito); - diritti introitati dagli Uffici all'estero (percezioni consolari); - cessioni libretti passaporto; - tasse scolastiche dovute dagli alunni delle scuole italiane all'estero; - somme percepite dalle Rappresentanze italiane per visti su contratti di lavoro (attualmente soltanto per gli Uffici in Svizzera); Alle Rappresentanze Diplomatiche ed agli Uffici Consolari di 1ª categoria Alle Direzioni Generali, ai Servizi ed agli Uffici del Ministero

2 - saldi attivi dei capitoli di bilancio al termine dell'anno finanziario; - su indicazione del Ministero del Tesoro, altre entrate dello Stato realizzate all'estero. Le entrate riscosse nel trimestre devono essere versate entro due mesi dalla chiusura dello stesso. Le ricevute dei versamenti al C.C.V.T. costituiscono quietanze liberatorie per gli agenti alla riscossione che hanno effettuato i versamenti; tali quietanze devono essere allegate a discarico della contabilità attiva trimestrale cui si riferiscono. La Direzione Generale del Tesoro - Portafoglio dello Stato, compatibilmente con le disposizioni valutarie locali, autorizza il trasferimento in Italia delle disponibilità in valuta esistenti su C.C.V.T. per il successivo versamento del loro controvalore in lire all'entrata dello Stato. La predetta Amministrazione può inoltre autorizzare l'utilizzo delle disponibilità dei C.C.V.T. per le esigenze delle Rappresentanze diplomatiche e Uffici consolari oltre che di altre Amministrazioni. A carico dei C.C.V.T. graveranno le spese bancarie per la tenuta del conto comprese quelle concernenti i prelevamenti ed i trasferimenti di fondi; gli interessi che matureranno sui C.C.V.T. saranno acquisiti ai conti stessi. Interessi e spese formeranno oggetto di opportune registrazioni, che in tal senso dovranno essere fatte sul registro cassa B, sul registro c/c bancario e saranno contabilizzati sugli estratti C.C.V.T. 3) I C.C.V.T. saranno costituiti con un primo versamento rappresentato dall'ammontare risultante dall'estratto C.V.T. (o C.T.I.) al 30 giugno Alla stessa data dovrà provvedersi alla chiusura delle contabilità e degli eventuali conti correnti bancari intestati ai C.V.T. e ai C.T.I. Le entrate riscosse a tutto il 30 giugno 1985 ed eventualmente non versate, quindi non figuranti nell'estratto di cui al comma precedente, dovranno essere versate al C.C.V.T. entro il 31 agosto Per consentire l'adozione dei necessari provvedimenti di discarico, dovrà essere presentato un conto giudiziale relativo a tutte le entrate riscosse entro il 30 giugno. A tale conto giudiziale dovranno essere allegate le quietanze dei versamenti di cui al 1 e 2 capoverso del presente paragrafo. Copie di tali quietanze dovranno comunque essere trasmesse separatamente e non appena possibile alla D.G.P.A. - Uff. VIII. 4) Essendo i C.C.V.T. gestiti sotto la vigilanza delta Direzione Generale del Tesoro - Portafoglio dello Stato, le situazioni trimestrali dei predetti Conti, a partire da quella riflettente il 3 trimestre, dovranno essere trasmesse in originale con una copia a detta Amministrazione. Una copia inoltre dovrà essere inviata a questo Ministero ed una alla Ragioneria Centrale del M.A.E.

3 Le situazioni trimestrali inviate al Portafoglio dello Stato dovranno essere corredate dal relativo estratto del conto corrente bancario. 5) In conseguenza delle innovazioni sopra riportate al modello del riepilogo delle entrate (E/C/1/2-24 U.E.) dovrà essere allegato l'elenco con l'indicazione degli estremi (data, ammontare) dei versamenti bancari effettuati nel corso del trimestre. 6) Con successiva circolare verranno impartite opportune istruzioni per la elaborazione dei Conti Giudiziali. Il Direttore Generale del Personale BIANCHERI ALLEGATI

4 D.M. n DI CONCERTO CON IL MINISTRO PER IL TESORO VISTO l articolo 5 (e seguenti) della legge 6 febbraio 1985, n. 15 D E C R E T A presso le Rappresentanze diplomatiche e gli Uffici consolari italiani all'estero di cui all'annesso elenco, sono costituiti Conti Correnti Valuta Tesoro con decorrenza 1 luglio I Conti Correnti Valuta Tesoro sono aperti presso locali Istituti bancari di fiducia delle Rappresentanze ed Uffici consolari e sono gestiti sotto la vigilanza della Direzione Generale del Tesoro - Portafoglio dello Stato. A detti conti affluiscono: - redditi di terreni e fabbricati di proprietà dell'amministrazione; - canoni di fitto per immobili locali dall'amministrazione, ceduti a dipendenti o a terzi; - vendite di beni fuori uso; - entrate eventuali o diverse (fra cui gli interessi corrisposti dagli Istituti di credito); - diritti introitati dagli Uffici all'estero (percezioni consolari); - cessione libretti passaporto; - tasse scolastiche dovute dagli alunni delle scuole italiane all'estero; - somme percepite dalle Rappresentanze italiane per visti su contratti di lavoro (attualmente soltanto per gli Uffici in Svizzera); - rimanenze dei capitoli di bilancio al termine dell'anno finanziario; - su indicazione del Ministero del Tesoro, altre entrate dello Stato realizzate all'estero.

5 Gli agenti all'estero addetti alla riscossione delle entrate, effettueranno il versamento delle stesse ai Conti Correnti Valuta Tesoro entro due mesi dalla chiusura del trimestre. La ricevuta di tale versamento costituisce per l agente quietanza liberatoria e dovrà essere allegata a discarico della rispettiva contabilità trimestrale. Le situazioni dei C.C.V.T., correlate dall'estratto conto bancario dovranno essere trasmesse trimestralmente in originale ed una copia alla Direzione Generale del Tesoro - Portafoglio dello Stato. Una copia inoltre dovrà essere inviata al Ministero degli Affari Esteri ed una alla Ragioneria Centrale. Le disponibilità sui C.C.V.T. saranno trasferite in Italia o utilizzate per le esigenze delle Rappresentanze diplomatiche e consolari e di altre Amministrazioni a cura della Direzione Generale del Tesoro - Portafoglio dello Stato. Il presente decreto viene trasmesso alla Corte dei Conti per la registrazione. Roma, lì - 8 GIU.1985 IL MINISTRO PER IL TESORO IL MINISTRO PER GLI AFFARI ESTERI RAGIONERIA CENTRALE presso il MINISTERO AFFARI ESTERI DIV. I Visto n. 51 del 11 GIU IL DIRETTORE DELLA RAGIONERIA CENTRALE

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

Legge 6 febbraio 1985, n.15, Disciplina delle spese da effettuarsi all'estero dal Ministero degli affari esteri.

Legge 6 febbraio 1985, n.15, Disciplina delle spese da effettuarsi all'estero dal Ministero degli affari esteri. Legge 6 febbraio 1985, n.15, Disciplina delle spese da effettuarsi all'estero dal Ministero degli affari esteri. TITOLO I Finanziamento delle spese da effettuarsi all'estero Capo I - Procedure per il finanziamento

Dettagli

TITOLO Finanziamento delle spese da effettuarsi all'estero Capo I - Procedure per il finanziamento

TITOLO Finanziamento delle spese da effettuarsi all'estero Capo I - Procedure per il finanziamento Leggi d'italia L. 6-2-1985 n. 15 Disciplina delle spese da effettuarsi all'estero dal Ministero degli affari esteri. Pubblicata nella Gazz. Uff. 14 febbraio 1985, n. 39. Epigrafe TITOLO I Finanziamento

Dettagli

Legge 6 febbraio 1985, n. 15

Legge 6 febbraio 1985, n. 15 Legge 6 febbraio 1985, n. 15 (in Gazz. Uff., 14 febbraio, n. 39). Disciplina delle spese da effettuarsi all'estero dal Ministero degli affari esteri (1) (2) (3). (1) In base all'art. 21, d.p.r. 20 aprile

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero dell Economia e delle Finanze N. 0045475 - DIPARTIMENTO della RAGIONERIA GENERALE dello STATO - I.Ge.P.A. - Ufficio II di concerto con IL MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO per gli AFFARI INTERNI

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Emana il seguente regolamento: TITOLO I PRINCIPI GENERALI. CAPO I Destinatari. Art.1 Definizioni

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Emana il seguente regolamento: TITOLO I PRINCIPI GENERALI. CAPO I Destinatari. Art.1 Definizioni DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 febbraio 2010, n. 54 (in Gazz. Uff., 13 aprile, n. 85). - Regolamento recante norme in materia di autonomia gestionale e finanziaria delle rappresentanze diplomatiche

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI AGENTI CONTABILI

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI AGENTI CONTABILI COMUNE DI SPOTORNO Provincia di Savona REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI AGENTI CONTABILI 1 Sommario Art. 1 FINALITA DEL REGOLAMENTO Art. 2 ATTRIBUZIONE DELLE FUNZIONI Art. 3 INCASSI E VERSAMENTI EFFETTUATI DIRETTAMENTE

Dettagli

DECRETO 6 AGOSTO 2003 pubblicato sulla g.u. n. 197 del 26 agosto 2003

DECRETO 6 AGOSTO 2003 pubblicato sulla g.u. n. 197 del 26 agosto 2003 DECRETO 6 AGOSTO 2003 pubblicato sulla g.u. n. 197 del 26 agosto 2003 Nuove procedure per i pagamenti e gli incassi delle amministrazioni statali da effettuarsi in valuta in euro nei Paesi non aderenti

Dettagli

Regolamento degli agenti contabili interni (Approvato con delibera C.C. n. 3 del 21.01.2003)

Regolamento degli agenti contabili interni (Approvato con delibera C.C. n. 3 del 21.01.2003) Regolamento degli agenti contabili interni (Approvato con delibera C.C. n. 3 del 21.01.2003) Art. 1 Attribuzione delle funzioni 1) Le funzioni di agente contabile interno con maneggio di denaro o con incarico

Dettagli

COMUNE DI BARBARANO VICENTINO

COMUNE DI BARBARANO VICENTINO COMUNE DI BARBARANO VICENTINO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FUNZIONI DELL ECONOMO, DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI E DEI CONSEGNATARI DEI BENI Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

CITTA DI MONSELICE PROVINCIA DI PADOVA

CITTA DI MONSELICE PROVINCIA DI PADOVA CITTA DI MONSELICE PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI DEL COMUNE Art. 1 Attribuzione delle funzioni. 1. Le funzioni di agente

Dettagli

18 Dic 2007. Prot. N.. Palermo

18 Dic 2007. Prot. N.. Palermo REPUBBLICA ITALIANA NUMERO DI CODICE FISCALE 012000826 NUMERO DI PARTITA IVA 02711070827 REGIONE SICILIANA PRESIDENZA Dipartimento Regionale del Personale dei Servizi Generali di Quiescenza Previdenza

Dettagli

AMT AMT AMT AMT AMT AMT FACSIMILE FACSIMILE

AMT AMT AMT AMT AMT AMT FACSIMILE FACSIMILE 1 CONVENZIONE PER IL DISIMPEGNO DEL SERVIZIO DI CASSA A) Servizio di cassa per il triennio 2011, 2012, 2013. ART. 1 L A.M.T. affida il proprio servizio di cassa, all istituto di credito....operante su

Dettagli

RELAZIONE AL PARLAMENTO SULL AMMINISTRAZIONE DEL FONDO PER L AMMORTAMENTO DEI TITOLI DI STATO

RELAZIONE AL PARLAMENTO SULL AMMINISTRAZIONE DEL FONDO PER L AMMORTAMENTO DEI TITOLI DI STATO RELAZIONE AL PARLAMENTO SULL AMMINISTRAZIONE DEL FONDO PER L AMMORTAMENTO DEI TITOLI DI STATO Introduzione La Relazione è redatta ai sensi dell articolo 44 comma 3 del D.P.R. 30 dicembre 2003 n. 398 -

Dettagli

Vigilanza sulle Entrate - Capitoli 3402, 3404, 3405, 3629, 3645, 3646 e 3802 del Capo XII Presidenza del Bilancio della Regione Siciliana.

Vigilanza sulle Entrate - Capitoli 3402, 3404, 3405, 3629, 3645, 3646 e 3802 del Capo XII Presidenza del Bilancio della Regione Siciliana. REPUBBLICA ITALIANA NUMERO DI CODICE FISCALE 012000826 NUMERO DI PARTITA IVA 02711070827 REGIONE SICILIANA PRESIDENZA Dipartimento Regionale del Personale dei Servizi Generali di Quiescenza Previdenza

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE ART. 8 DELLO STATUTO DELLA REGIONE SARDEGNA - LEGGE COSTITUZIONALE 26 FEBBRAIO 1948, N.

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE ART. 8 DELLO STATUTO DELLA REGIONE SARDEGNA - LEGGE COSTITUZIONALE 26 FEBBRAIO 1948, N. Allegato alla Delib.G.R. n. 63/2 del 15.12.2015 SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE ART. 8 DELLO STATUTO DELLA REGIONE SARDEGNA - LEGGE COSTITUZIONALE 26 FEBBRAIO 1948, N. 3 Articolo

Dettagli

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) DISCIPLINARE DELL ESERCIZIO DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI DEL COMUNE

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) DISCIPLINARE DELL ESERCIZIO DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI DEL COMUNE COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) DISCIPLINARE DELL ESERCIZIO DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI DEL COMUNE Approvato con deliberazione consiliare n. 48 del 10 maggio 2000 INDICE Art. 1 Attribuzione

Dettagli

Art. 1 Definizioni 1. Ai fini della presente convenzione si intende per: a) modello F24, il modello di pagamento F24, di cui al capo III, sezione I,

Art. 1 Definizioni 1. Ai fini della presente convenzione si intende per: a) modello F24, il modello di pagamento F24, di cui al capo III, sezione I, CONVENZIONE TRA L AGENZIA DELLE ENTRATE E L ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO PER IL PAGAMENTO MEDIANTE IL MODELLO F24 DEI PREMI E DEI CONTRIBUTI DI SPETTANZA DELL

Dettagli

Roma, 23 gennaio 2009

Roma, 23 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 15/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 gennaio 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Imposta di bollo sulle comunicazioni riguardanti

Dettagli

COMUNE DI ENNA REGOLAMENTO DEGLI AGENTI CONTABILI DEL COMUNE DI ENNA

COMUNE DI ENNA REGOLAMENTO DEGLI AGENTI CONTABILI DEL COMUNE DI ENNA COMUNE DI ENNA REGOLAMENTO DEGLI AGENTI CONTABILI DEL COMUNE DI ENNA APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 14 DEL 21.03.2012 INDICE Art.1 - Compiti ed attribuzioni delle funzioni Art.2 - Incassi e versamenti

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato Regionale della Salute Palermo, li 9 novembre 2010

Regione Siciliana Assessorato Regionale della Salute Palermo, li 9 novembre 2010 D.A.S.O.E. Servizio 8 - Via Vaccaro - 90145 Palermo - tel.0917079358 / fax 0917079229 - E-mail: d.nifosi@regione.sicilia.it Regione Siciliana Assessorato Regionale Salute Palermo, li 9 novembre 2010 Dipartimento

Dettagli

RELAZIONE AL PARLAMENTO SULL AMMINISTRAZIONE DEL FONDO PER L AMMORTAMENTO DEI TITOLI DI STATO

RELAZIONE AL PARLAMENTO SULL AMMINISTRAZIONE DEL FONDO PER L AMMORTAMENTO DEI TITOLI DI STATO RELAZIONE AL PARLAMENTO SULL AMMINISTRAZIONE DEL FONDO PER L AMMORTAMENTO DEI TITOLI DI STATO Introduzione La relazione è redatta ai sensi dell articolo 44 comma 3 del D.P.R. 30 dicembre 2003 n. 398 -

Dettagli

RELAZIONE AL PARLAMENTO SULL AMMINISTRAZIONE DEL FONDO PER L AMMORTAMENTO DEI TITOLI DI STATO

RELAZIONE AL PARLAMENTO SULL AMMINISTRAZIONE DEL FONDO PER L AMMORTAMENTO DEI TITOLI DI STATO RELAZIONE AL PARLAMENTO SULL AMMINISTRAZIONE DEL FONDO PER L AMMORTAMENTO DEI TITOLI DI STATO (AI SENSI DELL ARTICOLO 2, COMMA 3, DELLA LEGGE 27 OTTOBRE 1993 N. 432) Nel 2003 il Ministero dell economia

Dettagli

CIRCOLARE N. _9_. Alla REGIONE SARDEGNA 09100 CAGLIARI

CIRCOLARE N. _9_. Alla REGIONE SARDEGNA 09100 CAGLIARI CIRCOLARE N. _9_ MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato Ispettorato Generale di Finanza Ufficio XIV Prot. n. 0017747 (Rif. prot. entrata n. ) Roma, 18

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO. Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO. Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria Gestione dei Pagamenti e degli Incassi 1. OBIETTIVO... 4 2. REFERENTI DELLA PROCEDURA... 4 3. AMBITO DI APPLICAZIONE... 4 4.

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 30 aprile 2015 Definizione di nuove modalita' di emissione, di natura informatica, degli ordinativi di pagamento da parte dei titolari di contabilita' speciale.

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ DEGLI AGENTI CONTABILI

REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ DEGLI AGENTI CONTABILI REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ DEGLI AGENTI CONTABILI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n.278 del 23 settembre 1996 esecutiva ai sensi di legge e modificato con Deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

COMUNE DI FOLIGNO AREA SERVIZI FINANZIARI Viale Umbria 36

COMUNE DI FOLIGNO AREA SERVIZI FINANZIARI Viale Umbria 36 COMUNE DI FOLIGNO AREA SERVIZI FINANZIARI Viale Umbria 36 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI A DENARO E A MATERIA APPROVATO CON ATTO C.C. NR. 224

Dettagli

Schema di decreto legislativo

Schema di decreto legislativo Schema di decreto legislativo Norme di attuazione dell art. 8 della legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l'articolo 87 della Costituzione; Vista la legge costituzionale

Dettagli

R e g o l a m e n t o

R e g o l a m e n t o C O M U N E D I F L O R I D I A (Provincia di Siracusa) R e g o l a m e n t o d i e c o n o m a t o Art. 1 curato dal servizio finanziario comunale Disciplina del servizio di economato Il comune si avvale

Dettagli

(2) La presente legge è stata abrogata dall'art. 9, D.P.R. 15 dicembre 2001, n. 482, ad eccezione dell'art. 5.

(2) La presente legge è stata abrogata dall'art. 9, D.P.R. 15 dicembre 2001, n. 482, ad eccezione dell'art. 5. Leggi d'italia L. 3-3-1951 n. 193 Norme relative al servizio del Portafoglio dello Stato. Pubblicata nella Gazz. Uff. 4 aprile 1951, n. 77. Epigrafe 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. L. 3 marzo 1951,

Dettagli

Utilizzo del credito infrannuale

Utilizzo del credito infrannuale Rimborsi Utilizzo del credito infrannuale di Ciro D Ardìa L adempimento Oggetto Presentazione del modello per la richiesta di rimborso/compensazione del credito IVA infrannuale. Soggetti interessati Contribuenti

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. - Ufficio XII

DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. - Ufficio XII N. 152284 - DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. - Ufficio XII Visto il regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440, riguardante disposizioni sull amministrazione del patrimonio e sulla

Dettagli

Decreto Legge del 18 gennaio 1993, n. 9 (1)

Decreto Legge del 18 gennaio 1993, n. 9 (1) Decreto Legge del 18 gennaio 1993, n. 9 (1) Disposizioni urgenti in materia sanitaria e socio-assistenziale. (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 19 gennaio 1993, n. 14 e convertito in legge, con modificazioni,

Dettagli

Regolamento di economato e degli agenti contabili

Regolamento di economato e degli agenti contabili economato e degli agenti contabili COMUNE DI ROCCA SUSELLA (Provincia di Pavia) Regolamento di economato e degli agenti contabili INDICE TITOLO I - SERVIZIO ECONOMALE - Articolo 1 - Istituzione del servizio

Dettagli

L. 28 novembre 1965, n. 1329 (1). Provvedimenti per l'acquisto di nuove macchine utensili (2) (3).

L. 28 novembre 1965, n. 1329 (1). Provvedimenti per l'acquisto di nuove macchine utensili (2) (3). L. 28 novembre 1965, n. 1329 (1). Provvedimenti per l'acquisto di nuove macchine utensili (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 14 dicembre 1965, n. 311. (2) Vedi, anche, l'art. 12, L. 7 agosto 1997,

Dettagli

Ambasciata d Italia a Riad

Ambasciata d Italia a Riad ISTRUZIONI PER LE IMPRESE E PER I TECNICI DI FIDUCIA PER L ATTUAZIONE DELL ART. 84 DEL D.P.R. 5 OTTOBRE 2010, N. 207 In data 8 giugno 2011 è entrato in vigore il Decreto del Presidente della Repubblica

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 07 marzo 2008. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 07 marzo 2008. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 07 marzo 2008 OGGETTO: Decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231 articolo 49, comma 10 Imposta di bollo su assegni bancari o postali

Dettagli

Prot. n. AOODRPU9047 Bari, li 14/08/2015

Prot. n. AOODRPU9047 Bari, li 14/08/2015 Prot. n. AOODRPU9047 Bari, li 14/08/2015 Ai Dirigenti Scolastici delle Istituzioni Scolastiche della Regione Puglia Ai Revisori dei Conti per il tramite delle Istituzioni scolastiche capofila degli Ambiti

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA Legge 1980033 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA

Dettagli

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI A DENARO E A MATERIA APPROVATO CON ATTO COMMISSARIALE. NR. 50 DEL 17/06/2004, CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

Pubblicazione su internet dei bilanci preventivi e consuntivi

Pubblicazione su internet dei bilanci preventivi e consuntivi LexItalia.it Rivista internet di diritto pubblico http://www.lexitalia.it/a Pubblicazione su internet dei bilanci preventivi e consuntivi D.P.C.M. 22 settembre 2014* (in G.U. n. 265 del 14 novembre 2014)

Dettagli

Modalità di pagam ento da parte della Cassa depositi e prestiti delle som m e destinate all'attuazione dei patti territoriali e dei cont ratti d'area.

Modalità di pagam ento da parte della Cassa depositi e prestiti delle som m e destinate all'attuazione dei patti territoriali e dei cont ratti d'area. D.M. 4-8-1997 Modalità di pagamento da parte della Cassa depositi e prestiti delle somme destinate all'attuazione dei patti territoriali e dei contratti d'area. Pubblicato nella Gazz. Uff. 5 settembre

Dettagli

Il Ministro dell economia e delle finanze

Il Ministro dell economia e delle finanze Il Ministro dell economia e delle finanze Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642, e successive modificazioni ed integrazioni recante la disciplina dell imposta di bollo;

Dettagli

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI Consiglio Regionale del Lazio Roma, 31 marzo 2010 NOTA INTEGRATIVA E RELAZIONE SULLA GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2009

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI Consiglio Regionale del Lazio Roma, 31 marzo 2010 NOTA INTEGRATIVA E RELAZIONE SULLA GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2009 Roma, 31 marzo 2010 NOTA INTEGRATIVA E RELAZIONE SULLA GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2009 PREMESSA Il Rendiconto Generale che viene presentato al Consiglio Regionale dell Ordine degli Assistenti Sociali

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 11 giugno 1997, n. 315

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 11 giugno 1997, n. 315 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 11 giugno 1997, n. 315 Regolamento di attuazione dell'articolo 15 della legge 7 marzo 1996, n. 108, concernente il fondo per la prevenzione del fenomeno dell'usura.

Dettagli

142691 3/10/2006. Palermo. Prot. N.. Allegati...

142691 3/10/2006. Palermo. Prot. N.. Allegati... REPUBBLICA ITALIANA NUMERO DI CODICE FISCALE 012000826 NUMERO DI PARTITA IVA 02711070827 REGIONE SICILIANA PRESIDENZA Dipartimento Regionale del Personale dei Servizi Generali di Quiescenza Previdenza

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO Allegato A) alla Deliberazione C.C. n. 40 del 21/05/2012 COMUNE DI ARGENTA Provincia di Ferrara Piazza Garibaldi, 1-44011 Argenta (FE) Cod. Fisc. 00315410381 - P.I. 00108090382 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO

Dettagli

COMUNE di FICARRA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE di FICARRA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE di FICARRA Provincia di Messina REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ECONOMATO ART.1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO 1. In applicazione del disposto del comma 7 dell art.3 del D.Lgs. 25 febbraio 1995,

Dettagli

S 3 Indice Indice Introduzione 5 Introduzione 6 Introduzione 7 Introduzione 8 Introduzione 9 Introduzione 10 Introduzione 11 Introduzione 12 13 Relazione sulla gestione 15 15 Relazione sulla gestione

Dettagli

Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi

Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria Gestione dei Pagamenti e degli Incassi 1. OBIETTIVO Il presente documento descrive le attività amministrativo-contabili inerenti la gestione dei pagamenti

Dettagli

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI PONTOGLIO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Indice Art. 1 Servizio di Economato Art. 2 Economo Comunale Art. 3 Funzioni del Servizio di Economato Art. 4 Indennità

Dettagli

REGOLAMENTO ECONOMALE

REGOLAMENTO ECONOMALE REGOLAMENTO ECONOMALE INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 L Economo Art. 3 Attribuzioni Art. 4 - Cassa economale Art. 5 Fondi a disposizione dell Economo Art. 6 Pagamenti a mezzo cassa economale

Dettagli

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale. Circolare numero 123 del 18-10-2012. e, per conoscenza,

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale. Circolare numero 123 del 18-10-2012. e, per conoscenza, Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Circolare numero 123 del 18-10-2012 Direzione Generale Roma, 18/10/2012 Circolare n. 123 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai

Dettagli

UN ANNO DI FORMAZIONE INSIEME Gennaio Dicembre 2015 BILANCIO D ESERCIZIO: LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

UN ANNO DI FORMAZIONE INSIEME Gennaio Dicembre 2015 BILANCIO D ESERCIZIO: LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO UN ANNO DI FORMAZIONE INSIEME Gennaio Dicembre 2015 BILANCIO D ESERCIZIO: LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Bilancio d esercizio ART. 2423 Codice Civile Stato Patrimoniale Conto economico Nota integrativa ART.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI A DENARO E A MATERIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI A DENARO E A MATERIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI A DENARO E A MATERIA 1 INDICE Art. 1 Scopo del Regolamento Art. 2 Compiti e attribuzione delle funzioni Art. 3

Dettagli

Mercoledì 10 marzo. Lunedì 15 marzo

Mercoledì 10 marzo. Lunedì 15 marzo MARZO 2010 Personale Entro oggi effetuare il versamento all'inpdap delle quote dovute per il mese precedente per l'ammortamento delle sovvenzioni in conto concessione del quinto delle retribuzioni, cumulativamente

Dettagli

COMUNE DI BORGHI PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI CASSA/ECONOMATO

COMUNE DI BORGHI PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI CASSA/ECONOMATO COMUNE DI BORGHI PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI CASSA/ECONOMATO Approvato con deliberazione di consiglio comunale n. 22 del 26.9.2012 1 INDICE Art. 1 Oggetto Art.

Dettagli

Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali

Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma,

Dettagli

RIPARTIZIONE CANTIERE MUNICIPALE REGOLAMENTO DEI LAVORI IN ECONOMIA

RIPARTIZIONE CANTIERE MUNICIPALE REGOLAMENTO DEI LAVORI IN ECONOMIA RIPARTIZIONE CANTIERE MUNICIPALE REGOLAMENTO DEI LAVORI IN ECONOMIA APPROVAZIONE Deliberazione n 2079 del 29/7/1968, esito favorevole C.P.C. n 26021/30285 del 27/8/1968. MODIFICHE 1) Delib. di C.C. n 4009

Dettagli

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO ARTICOLO 1 In attuazione dell art. 4 dello Statuto Sociale ed ai sensi di quanto prescritto dalle leggi, dalle deliberazioni del Comitato

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA Il Comitato Nazionale Italiano Permanente per il Microcredito

Dettagli

Roma, 24 ottobre 2011

Roma, 24 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Registro e altri tributi indiretti Direzione Centrale Normativa Roma, 24 ottobre 2011 OGGETTO:Imposta di bollo sulle comunicazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE Provincia di Ravenna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO Approvato con atto G.C. n. 58 del 29/05/1997 (C.R.C. n. 14787 del 05/06/1997) N\DATI\REGOLAMENTI\ECONOMO U\REGOLAMENTI\SERVIZIO

Dettagli

La misura degli interessi moratori è stata determinata nel 5,27%. RITARDATI PAGAMENTI NEGLI APPALTI DI LAVORI PUBBLICI

La misura degli interessi moratori è stata determinata nel 5,27%. RITARDATI PAGAMENTI NEGLI APPALTI DI LAVORI PUBBLICI Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 11/09/2012. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

Oggetto Chiusura della contabilità finanziaria. Dati per il conto consuntivo 2013. Istruzioni operative.

Oggetto Chiusura della contabilità finanziaria. Dati per il conto consuntivo 2013. Istruzioni operative. Direzione generale Direzione centrale ragioneria Circolare n. 61 Roma, 17 dicembre 2013 Ai Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali Magistrato della Corte

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie e Affari Generali.

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie e Affari Generali. Registro generale n. 2993 del 23/10/2015 Determina con di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie e Affari Generali Servizio di Staff Oggetto Interessi attivi

Dettagli

e, per conoscenza: Alla Circolare concernente il patto di stabilità interno per le province e i comuni. Art. 30 della Legge 23 dicembre 1999, n. 488.

e, per conoscenza: Alla Circolare concernente il patto di stabilità interno per le province e i comuni. Art. 30 della Legge 23 dicembre 1999, n. 488. Ministero del Tesoro del Bilancio e della Programmazione Economica Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato ---------------- Ispettorato Generale per la Finanza delle Pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Premessa CIRCOLARE N. 32. Roma, 31 OTTOBRE 2012

Premessa CIRCOLARE N. 32. Roma, 31 OTTOBRE 2012 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO ISPETTORATO GENERALE PER LA FINANZA DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI UFFICIO XI CIRCOLARE N. 32 Prot. N. 0088259

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO IL DIRETTORE GENERALE

Ministero dell economia e delle finanze AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO IL DIRETTORE GENERALE Prot n. 2009/37249/giochi/GST Ministero dell economia e delle finanze AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO IL DIRETTORE GENERALE Visto il regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440, recante disposizioni

Dettagli

SCADENZIARIO MAGGIO 2013

SCADENZIARIO MAGGIO 2013 SCADENZIARIO MAGGIO 2013 a cura di Eugenio Piscino e Claudia Giraudo Lo scadenziario è aggiornato al d.l. n. 35 del 8 aprile 2013. 02 MAGGIO (essendo il 01 maggio festivo il termine è fissato al 2 maggio

Dettagli

CONFSAL, FESICA-CONFSAL E CONFSAL-FISALS

CONFSAL, FESICA-CONFSAL E CONFSAL-FISALS Direzione centrale Organizzazione Direzione centrale Entrate contributive Direzione centrale Finanza, Contabilità e Bilancio Direzione centrale Sistemi informativi e Telecomunicazioni Roma, 17 Novembre

Dettagli

CIRCOLARE N. 36/D. Roma, 6 luglio 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI

CIRCOLARE N. 36/D. Roma, 6 luglio 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI CIRCOLARE N. 36/D Roma, 6 luglio 2004 Protocollo: 2655 Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI Alle Direzioni delle Circoscrizioni

Dettagli

Prot. n. 9045 C14 d Torino, 12 agosto 2010 Circ. Reg. n. 250 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche della Regione Piemonte LORO SEDI

Prot. n. 9045 C14 d Torino, 12 agosto 2010 Circ. Reg. n. 250 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche della Regione Piemonte LORO SEDI Prot. n. 9045 C14 d Torino, 12 agosto 2010 Circ. Reg. n. 250 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche della Regione Piemonte LORO SEDI OGGETTO:Adempimenti amministrativo-contabili da effettuare in riferimento

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

Legge di Stabilità. agevolazioni commisurate al valore ISEE e semplificazioni per i dati del conto corrente

Legge di Stabilità. agevolazioni commisurate al valore ISEE e semplificazioni per i dati del conto corrente MAP Legge di Stabilità: nuove agevolazioni commisurate al valore ISEE e semplificazioni per i dati del conto corrente A cura di Cecilia Rabagliati Dottore Commercialista e Revisore contabile in Cuneo La

Dettagli

CREDITO LEGGE REGIONALE 9 FEBBRAIO 1991, N. 3

CREDITO LEGGE REGIONALE 9 FEBBRAIO 1991, N. 3 LEGGE REGIONALE 9 FEBBRAIO 1991, N. 3 Costituzione di un fondo a favore del Credito fondiario Trentino-Alto Adige - Sezione opere pubbliche - o di altro istituto di credito speciale destinato all'erogazione

Dettagli

Parametri per la valutazione delle richieste

Parametri per la valutazione delle richieste L/X/11 SEGRETERIA GENERALE Circolare n. 1 OGGETTO Contributi ad enti ed associazioni con sede all estero per attività assistenziali a favore delle collettività italiane Roma, 16 gennaio 2003 Parametri

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. Roma, 4 agosto 2011. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 40/E. Roma, 4 agosto 2011. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 4 agosto 2011 OGGETTO: Imposta di bollo sulle comunicazioni relative ai depositi di titoli Decreto legge 6 luglio 2011, n. 98 convertito con modificazioni

Dettagli

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA COSTITUZIONE E L AMMINISTRAZIONE DELLE GESTIONI SEPARATE DELLE IMPRESE CHE ESERCITANO L ASSICURAZIONE SULLA VITA, AI SENSI DELL ARTICOLO 191,

Dettagli

Art. 1 Oggetto e affidamento del servizio di tesoreria

Art. 1 Oggetto e affidamento del servizio di tesoreria Allegato B REGOLAMENTO SERVIZIO TESORERIA Art. 1 Oggetto e affidamento del servizio di tesoreria 1. Il servizio di tesoreria consiste nel complesso delle operazioni riflettenti la gestione finanziaria

Dettagli

BOLLO - COMUNICAZIONI SUL DEPOSITO TITOLI - RILIQUIDAZIONE DELL'IMPOSTA - CHIARIMENTI

BOLLO - COMUNICAZIONI SUL DEPOSITO TITOLI - RILIQUIDAZIONE DELL'IMPOSTA - CHIARIMENTI www.soluzioni24fisco.ilsole24ore.com Agenzia delle Entrate Circolare 4 agosto 2011, n.40/e Imposta di bollo sulle comunicazioni relative ai depositi di titoli - Decreto legge 6 luglio 2011, n. 98 convertito

Dettagli

DOCUMENTO sulle Anticipazioni

DOCUMENTO sulle Anticipazioni DOCUMENTO sulle Anticipazioni Aggiornato al 9/12/2015 Requisiti generali Albo dei fondi pensione n. 61 Secondo quanto previsto dal Decreto Legislativo del 05 Dicembre 2005, n 252, art. 11, comma 7: Gli

Dettagli

Roma, 14/03/2005. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati. Agli Enti di Patronato

Roma, 14/03/2005. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati. Agli Enti di Patronato istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Roma, 14/03/2005

Dettagli

DECRETO 14 settembre 2010, n. 177

DECRETO 14 settembre 2010, n. 177 DECRETO 14 settembre 2010, n. 177 Regolamento concernente i criteri e le modalita' per la concessione e l'erogazione dei contributi di cui all'articolo 96 della legge 21 novembre 2000, n. 342, in materia

Dettagli

Legge 23 aprile 2003, n. 109

Legge 23 aprile 2003, n. 109 Legge 23 aprile 2003, n. 109 "Modifiche ed integrazioni al decreto del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1967, n. 18, recante ordinamento del Ministero degli affari esteri " (pubblicata nella Gazzetta

Dettagli

COMUNE DI CALENDASCO Provincia di Piacenza

COMUNE DI CALENDASCO Provincia di Piacenza COMUNE DI CALENDASCO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO ECONOMATO Approvato dal Consiglio Comunale in seduta 16/04/2009 atto n. 27 Art. 1 Istituzione del servizio economale TITOLO

Dettagli

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE 33 2.2 - GLI ENTI PREVIDENZIALI Il conto degli Enti previdenziali (tabella n. 6) per l anno 2004 evidenzia introiti per trasferimenti dal settore statale, per milioni 68.112, a fronte dei 58.226 milioni

Dettagli

N. 40124 DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO ISPETTORATO GENERALE DEL BILANCIO UFFICIO V

N. 40124 DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO ISPETTORATO GENERALE DEL BILANCIO UFFICIO V N. 40124 DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO ISPETTORATO GENERALE DEL BILANCIO UFFICIO V VISTO il decreto-legge 8 aprile 2013, n. 35, recante Disposizioni urgenti per il pagamento dei debiti

Dettagli

CORSO DIFORMAZIONE SULLA

CORSO DIFORMAZIONE SULLA CORSO DIFORMAZIONE SULLA CONTABILITA SCOLASTICA La gestione amministrativo-contabile ed i documenti cardini A cura di Marsico Massimo info@mcminformatica.it mcminformatica@pec.it La Contabilità scolastica

Dettagli

CAUSALI ENTRATA. Definizione utilizzo

CAUSALI ENTRATA. Definizione utilizzo C017 C017 - Compensi per lavoro autonomo occasionale con non residenti con convenzione C018 C018 - Compensi per lavoro autonomo occasionale con non residenti senza convenzione C019 C019 - Prof. iscritto

Dettagli

ADEMPIMENTI PER LA CHIUSURA DEL FALLIMENTO

ADEMPIMENTI PER LA CHIUSURA DEL FALLIMENTO ADEMPIMENTI PER LA CHIUSURA DEL FALLIMENTO CONTROLLI 1. Controllare attentamente che tutti i beni siano stati venduti, non ci siano crediti da riscuotere (eventualmente cederli e abbandonare quelli inesigibili)

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore telefono: 0257500115 ITALO CALVINO fax: 0257500163 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI

Istituto di Istruzione Superiore telefono: 0257500115 ITALO CALVINO fax: 0257500163 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI AZIENDA AGRARIA G. MENDEL Via K.Marx, 4 20090 Noverasco -Opera CONTO CONSUNTIVO ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 AGGREGATO 6 - VOCE 1 - ENTRATE - AZIENDA AGRARIA AGGREGATO G - VOCE G01 - USCITE - AZIENDA AGRARIA

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 01/07/2014

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 01/07/2014 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 01/07/2014 Circolare n. 83 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

Procedura Amministrativo-Contabile Servizio di Cassa Interno. Gestione Servizio di Cassa Interno

Procedura Amministrativo-Contabile Servizio di Cassa Interno. Gestione Servizio di Cassa Interno Procedura Amministrativo-Contabile Servizio di Cassa Interno Gestione Servizio di Cassa Interno 1. OBIETTIVO... 3 2. REFERENTI DELLA PROCEDURA... 3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 4. DEFINIZIONI E ACRONIMI...

Dettagli

Regolamento per la gestione dei Prestiti Sociali

Regolamento per la gestione dei Prestiti Sociali Regolamento per la gestione dei Prestiti Sociali Art. 1 Scopo Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti da Soci, sia persone fisiche che giuridiche, in conformità all art. 4 dello Statuto

Dettagli

Le novità del modello 730/2014

Le novità del modello 730/2014 Le novità del modello 730/2014 Sono state pubblicate e disponibili per la consultazioni sul sito dell Agenzia delle entrate le bozze del modello 730/2014 e le relative istruzioni. Numerose sono le novità

Dettagli

Casa di Soggiorno e Pensionato della Città Murata - I.P.A.B. Montagnana - PD -

Casa di Soggiorno e Pensionato della Città Murata - I.P.A.B. Montagnana - PD - Casa di Soggiorno e Pensionato della Città Murata - I.P.A.B. Montagnana - PD - Via Berga, 21-35044 MONTAGNANA (PD) C.F. 82000370286 Tel. (0429) 800228-800670 Fax (0429) 800671 P.I. 00736180282 Posta certificata:

Dettagli

COMUNE DI TOIRANO. Provincia di Savona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO

COMUNE DI TOIRANO. Provincia di Savona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO COMUNE DI TOIRANO Provincia di Savona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO TITOLO I Disposizioni generali Art. 1 Oggetto e scopo del regolamento 1. Il presente regolamento disciplina le procedure di acquisto,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI ZOAGLI Provincia di Genova REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 31 del 17-05-2013) 1 Sommario TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART.

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE STATALI TRA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE STATALI TRA ALLEGATO 1 SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE STATALI TRA. (denominazione scuola), con sede in.., Via.. n.., C.F. n. più avanti denominata semplicemente

Dettagli