La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti"

Transcript

1 Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N La comunicazione dei beni d impresa concessi a soci/familiari e finanziamenti ricevuti Le istruzioni per la compilazione del nuovo modello da inviare entro il 31 gennaio Categoria: Finanziaria Sottocategoria: Manovra estiva 2011 Nuova scadenza e nuovo modello. La prima scadenza per la presentazione della comunicazione dei beni d impresa concessi in godimento a soci/familiari e familiari dei soci e dei finanziamenti/apporti ricevuti da società e ditte individuali (sopra soglia) nel 2012, prevista per il 12 dicembre 2013, può essere inviata sino al 31 gennaio 2014, grazie all apertura del canale telematico, annunciata dall Agenzia con Comunicato stampa del 05 dicembre In effetti, tale allungamento dei termini risponde alle esigenze degli operatori che solo il 27 novembre 2013 avevano ricevuto dall amministrazione le specifiche tecniche, il modello e le istruzioni, comprensive di chiarimenti importanti, per poter adempiere alla scadenza. Il modello ministeriale, che si compone di un frontespizio e di 10 righi (da BG01 a BG10), va utilizzato per effettuare entrambe le comunicazioni: beni in godimento ai soci/familiari e finanziamenti/capitalizzazioni ricevute. Premessa Lo scorso 27 novembre 2013 sono state pubblicate sul sito internet dell Agenzia delle Entrate le specifiche tecniche per l invio dei dati, il modello e le istruzioni alla compilazione della comunicazione in esame. Si tratta della comunicazione all Anagrafe tributaria delle informazioni relative ai beni d impresa concessi in godimento ai soci o ai familiari dell imprenditore Via Vecchia Ferriera, Vicenza 1

2 e dei finanziamenti all impresa o le capitalizzazioni da parte di soci o familiari dell imprenditore che hanno un valore complessivo pari o superiore ai euro. Il modello va, quindi, utilizzato: - per comunicare all Anagrafe tributaria le informazioni relative ai beni d impresa concessi in godimento ai soci o ai familiari dell imprenditore; - per segnalare all Agenzia delle Entrate i finanziamenti d impresa o le capitalizzazioni da parte di soci o familiari che hanno un valore pari o superiore ai euro. Quelli sotto questa soglia, invece, non devono più essere segnalati all Agenzia delle Entrate. Deve utilizzare questa comunicazione: - l impresa che concede i beni in godimento ai soci o ai familiari dell imprenditore - oppure quella che ha ricevuto finanziamenti o capitalizzazioni pari o sopra i euro da parte dei soci o dei familiari dell imprenditore. SCADENZA PRESENTAZIONE COMUNICAZIONE (Comunicato Stampa ) BENI AI SOCI/FAMILIARI FINANZIAMENTI/CAPITALIZZAZIONI (anno 2012) (anno 2013) (anno 2012) (anno 2013) La compilazione del frontespizio Sulla base delle recenti istruzioni ministeriali, colui che compila la comunicazione dovrà, innanzitutto, selezionare: - l anno di riferimento: per la comunicazione in scadenza il 12 dicembre 2013 l anno di riferimento è il La comunicazione è, infatti, presentata con riferimento all anno solare. - il tipo di comunicazione: va cioè indicato se se si tratta di comunicazione ordinaria, sostitutiva o di annullamento. In questi ultimi due casi, v a inserito anche il protocollo telematico da annullare o sostituire, oltre al progressivo cioè il numero assegnato dal sistema al file inviato. 2

3 Invio ordinario È l invio delle comunicazioni relative al periodo di riferimento, da effettuare entro la scadenza fissata dal provvedimento del direttore dell Agenzia delle Entrate del 2 agosto 2013 ( ). L eventuale ritardo nella trasmissione del modello potrà essere notificato nella ricevuta telematica. Se il file viene inviato per la prima volta, verrà flaggata la casella Ordinaria. L Agenzia delle Entrate, come di consueto, attesterà l avvenuta ricezione della comunicazione con una ricevuta, resa disponibile (salvo cause di forza maggiore) entro 5 giorni lavorativi successivi all invio. Va tenuta memoria del protocollo del file originario, da sostituire o annullare, perché va indicato anch esso nella nuova comunicazione. Invio sostitutivo È la comunicazione con cui si sostituisce un documento - individuato dal Numero di Protocollo e dal Protocollo documento assegnati all atto di acquisizione e desumibili dalla ricevuta telematica - contenuto nel file (ordinario o sostitutivo) trasmesso in precedenza e già acquisito dal sistema. Il nuovo documento sostituisce integralmente quello precedente, che non sarà più disponibile. Perciò il contribuente dovrà indicare nel documento sostitutivo tutte le posizioni, anche quelle corrette e già inviate, eccetto quelle che vuole cancellare. Annullamento È la trasmissione con cui il contribuente richiede di annullare un documento contenuto in un file ordinario o sostitutivo trasmesso in precedenza. Dati del soggetto che comunica Beni ai soci Le istruzioni affermano che, alla luce della responsabilità solidale di entrambi i soggetti in merito all adempimento, sono obbligati alla comunicazione: - l impresa (società o ditta individuale) che concede i beni in godimento - oppure il socio concessionario o il familiare dell imprenditore individuale. La comunicazione può essere assolta, dunque, alternativamente, da uno dei soggetti interessati (ditta individuale/familiare dell imprenditore, società/socio o familiare del socio della società concedente). 3

4 Ciò si riflette sulla compilazione del frontespizio. In particolare, nei casi in cui a comunicare i dati siano: - persone fisiche, il campo qualifica all interno del frontespizio del modello (sezione dati del soggetto che comunica ) assume il valore 1, mentre il campo tipo soggetto può assumere i valori: - A: i soci, residenti e non residenti nel territorio dello Stato, di società e di enti privati di tipo associativo residenti che svolgono attività commerciale; - B: i familiari, residenti e non residenti nel territorio dello Stato, dell imprenditore residente. 1 persone fisiche A socio B familiare Nei casi in cui a comunicare i dati siano soggetti diversi dalle persone fisiche, il campo qualifica assume il valore 2, mentre il campo tipo soggetto può assumere i seguenti valori: - E imprenditore individuale; - F società di persone (società in nome collettivo e società in accomandita semplice); - G società di capitali (società per azioni, società a responsabilità limitata, società in accomandita per azioni); - H società cooperative; - I stabili organizzazioni di società non residenti; - L enti privati di tipo associativo solo per i beni relativi alla sfera commerciale. 4

5 2 impresa E imprenditore individuale F società di persone (S.n.c., S.a.s.) G società di capitali (S.r.l., S.p.A., S.a.p.a.) H cooperative I SO di società non residenti L enti privati di tipo associativo per beni sfera commerciale Finanziamenti e capitalizzazioni Sono obbligati alla comunicazione coloro che esercitano attività di impresa, sia in forma individuale, che collettiva. In particolare, il campo qualifica del modello assume il valore 3, mentre il campo tipo soggetto può assumere i seguenti valori: - E imprenditore individuale; - F società di persone (società in nome collettivo e società in accomandita semplice); - G società di capitali (società per azioni, società a responsabilità limitata, società in accomandita per azioni); - H società cooperative; - I stabili organizzazioni di società non residenti; - L enti privati di tipo associativo solo per i beni relativi alla sfera commerciale. 3 finanziamenti E imprenditore individuale F società di persone (S.n.c., S.a.s.) G società di capitali (S.r.l., S.p.A., S.a.p.a.) H cooperative I SO di società non residenti L enti privati di tipo associativo per beni sfera commerciale 5

6 ESEMPI Dunque, se è il familiare della ditta individuale a compilare la comunicazione compilerà la sezione dati del soggetto che comunica del frontespizio indicando il proprio codice fiscale, codice 1 come qualifica e lettera B come tipologia di soggetto. Qualora, invece, sia la ditta individuale a comunicare i dati del godimento, compilerà la sezione dati del soggetto che comunica del frontespizio indicando il proprio codice fiscale, codice 2 come qualifica e lettera E come tipologia di soggetto. Così se è il socio di una società di persone a compilare la comunicazione compilerà la sezione dati del soggetto che comunica del frontespizio indicando il proprio codice fiscale, codice 1 come qualifica e lettera A come tipologia di soggetto. Qualora, invece, sia una S.n.c. concedente a comunicare i dati del godimento, compilerà la sezione dati del soggetto che comunica del frontespizio indicando la partita iva/codice fiscale, codice 2 come qualifica e lettera F come tipologia di soggetto. Nel punto 1.3. del provvedimento n del è stato precisato che restano escluse dall adempimento le società semplici nonché gli enti non commerciali e i soggetti non residenti che non svolgono attività produttive di reddito d'impresa. Stessa cosa la si può dire per l esercente un attività agricola. La stessa regola sembrerebbe valere anche per la comunicazione dei finanziamenti e delle capitalizzazioni (la frase è riportata anche nel paragrafo 1.1. del provv del ), anche se in tale provvedimento non è stata ripetuta quest'ultima precisazione. Impegno alla presentazione telematica Il riquadro deve essere compilato e sottoscritto solo dall intermediario che trasmette la comunicazione. 6

7 Occorre riportare: - il codice fiscale; - se è un CAF, il numero di iscrizione all albo; - la data (giorno, mese e anno) di assunzione dell impegno a trasmettere la comunicazione. Inoltre, è necessario indicare se la comunicazione è stata predisposta dal contribuente oppure da chi effettua l invio. Documentazione che l intermediario (incaricati della trasmissione e società del gruppo) deve rilasciare al dichiarante e prova della presentazione della comunicazione In base alle disposizioni contenute nel DPR n. 322 del 1998, l intermediario abilitato e le società del gruppo incaricate della trasmissione telematica, devono: - rilasciare al dichiarante, insieme alla ricezione della comunicazione o dell assunzione d incarico per la sua predisposizione, l impegno a presentare in via telematica all Agenzia delle Entrate i dati in essa contenuti, precisando se la comunicazione gli è stata consegnata già compilata o verrà da lui predisposta. Questo impegno dovrà essere datato e sottoscritto dall intermediario o dalla società del gruppo, anche se rilasciato in forma libera; - rilasciare al dichiarante, entro 30 giorni dal termine previsto per presentare la comunicazione in via telematica, l originale del frontespizio e del riepilogo della comunicazione dei dati trasmessi, redatta su modello conforme a quello approvato dall Agenzia delle Entrate, sottoscritta dal contribuente, insieme alla copia della comunicazione di conferma di ricezione da parte dell Agenzia. La comunicazione è prova per il dichiarante della presentazione della comunicazione e dovrà essere conservata insieme all originale del frontespizio e del riepilogo e al resto della documentazione per il periodo previsto in cui possono essere effettuati i controlli da parte dell Amministrazione finanziaria (art. 43 del DPR n. 600 del 1973); - conservare copia delle comunicazioni trasmesse, anche su supporti informatici, per lo stesso periodo previsto dall art. 43 del DPR n. 600/73. Per conservare i documenti informatici rilevanti per l Agenzia delle Entrate occorre osservare le modalità previste dal Dm del 23 gennaio 2004 e le 7

8 procedure contenute nella delibera CNIPA n. 11 del 19 febbraio E necessario memorizzare questi documenti su supporto informatico leggibile nel tempo, purché sia assicurato l ordine cronologico e non vi sia soluzione di continuità per ciascun periodo d imposta. Inoltre, devono essere consentite le funzioni di ricerca e di estrazione delle informazioni dagli archivi informatici per cognome, nome, denominazione, codice fiscale, partita Iva, data o associazioni logiche di questi ultimi. OBBLIGHI DELL INTERMEDARIO DOCUMENTAZIONE DA CONSEGNARE AL CLIENTE impegno alla presentazione telematica (datato e sottoscritto dall intermediario) originale del frontespizio e del riepilogo (sottoscritto dal contribuente) copia ricevuta invio telematico (firmata dal contribuente) SCADENZA Precedente invio 11/01/2014 CONSERVAZIONE DEL MODELLO su supporto cartaceo o informatico (fino al 2016) Dati del soggetto che concede o utilizza il bene o che effettua il finanziamento BENI AI SOCI Al rigo BG01 della sezione vanno indicati i dati: - del soggetto che concede o utilizza il bene - o del soggetto che effettua il finanziamento: 8

9 Le istruzioni ministeriali affermano che: - la comunicazione da parte del socio o del familiare dell imprenditore deve contenere i dati dell impresa che ha concesso in godimento i beni; - se il bene è concesso in godimento al familiare del socio, la comunicazione da parte del socio dovrà contenere, oltre ai dati dell impresa, il codice fiscale del familiare del socio; - se il bene è concesso in godimento al familiare del socio, la comunicazione da parte dell impresa dovrà contenere, oltre ai dati del familiare del socio, il codice fiscale del socio; - la comunicazione da parte dell impresa deve contenere i dati dei soci, dei relativi familiari, dei familiari dell imprenditore e anche dei soci o familiari di altra società dello stesso gruppo a cui sono stati concessi in godimento i beni. ESEMPI Dunque, per semplificare queste affermazioni lapidarie facciamo degli esempi: - se è il familiare della ditta individuale a compilare la comunicazione, compilerà il frontespizio indicando i suoi dati e il rigo BG01 del modello indicando il codice fiscale della ditta individuale a casella 1, il numero 2 a casella 2 e la lettera E a casella 3, indicando poi i dati anagrafici del titolare della ditta individuale nei campi successivi. - qualora, invece, sia la ditta individuale a comunicare i dati del godimento, compilerà il frontespizio con i dati del titolare e il rigo BG01 del modello indicando il codice fiscale del familiare a casella 1, il numero 1 a casella 2 e la lettera B a casella 3, indicando poi i dati anagrafici del familiare nelle caselle successive. - così se è il socio di una società di persone a compilare la comunicazione, compilerà il frontespizio indicando i propri dati personali e il rigo BG01 indicando il codice fiscale della società a casella 1, il codice 2 come qualifica e la lettera F come tipologia di soggetto. - qualora, invece, sia una S.n.c. concedente a comunicare i dati del godimento, compilerà il frontespizio con i dati della società e il rigo BG01 indicando il codice fiscale del socio utilizzatore a casella 1, il codice 1 come qualifica e la lettera A come tipologia di soggetto. 9

10 FINANZIAMENTI La comunicazione da parte dell impresa di finanziamenti ricevuti da soci o familiari dell imprenditore deve, invece, contenere i dati dei soci o dei familiari dell imprenditore da cui l impresa ha ricevuto finanziamenti o capitalizzazioni. 1 persone fisiche A socio B familiare Se il soggetto obbligato alla presentazione è quindi sempre e solo la società o la ditta individuale e dunque nel frontespizio vanno riportati i dati della stessa, al rigo BG01 vanno riportati i dati della persona fisica che effettua il finanziamento o l apporto. Apporti e finanziamenti da parte di persone giuridiche sono escluse. Andrà, quindi, compilata sempre la prima parte del rigo BG01, indicando il codice fiscale del familiare della ditta o del socio della società che hanno dato vita al flusso nel Il campo qualifica della cella 2 andrà compilata indicando il numero 1 e il campo tipo soggetto della cella 3 indicando: - la lettera A se si tratta del socio - o B se si tratta del familiare. Tipologia di utilizzo Tipologia di utilizzo del bene Indicare se l utilizzo del bene è in uso esclusivo o non esclusivo (barrando casella 1 o 2). 10

11 casella 3 Subentro: selezionare questa casella quando il soggetto a cui si riferisce la comunicazione subentra a un altro che godeva in passato dello stesso bene. Data subentro: va indicata la data in cui il soggetto a cui si riferisce la comunicazione è subentrato al precedente utilizzatore. Se il subentro è avvenuto prima del 1 gennaio 2012, deve essere indicata la data Dati del contratto Al rigo BG03 dovranno essere indicati nella sezione dati del contratto : - la data di stipula del contratto o della concessione del finanziamento o data della capitalizzazione: indicare la data della stipula del contratto o, in assenza di questa, della concessione del finanziamento oppure la data della capitalizzazione. - la data inizio concessione bene: indicare la data in cui è iniziato il godimento del bene. Se l utilizzo del bene è iniziato prima del 1 gennaio 2012, deve essere indicata la data la data fine concessione bene: indicare la data in cui nell anno ha avuto fine il godimento del bene. - Comodato - caso d uso altro: indicare a che titolo è concesso o ricevuto il bene, se in comodato, in uso o per altra forma di godimento. - Finanziamenti/capitalizzazioni: selezionare la casella in caso di finanziamenti e/o capitalizzazioni. Bene concesso in godimento Tra i beni dell impresa oggetto di comunicazione vanno considerati quelli strumentali, i beni-merce e gli immobili-patrimonio. In particolare: - per l imprenditore individuale: si considerano relativi all impresa, ai sensi dell art. 65 del TUIR, i beni indicati nell inventario; - per le società, sia di persone che di capitali: vanno presi in considerazione tutti i beni a esse appartenenti; - per le società di fatto: assumono, invece, rilevanza i beni-merce e i beni strumentali, compresi quelli iscritti in pubblici registri a nome dei soci ed utilizzati esclusivamente come strumentali per l esercizio dell impresa. Si tratta di tutti i beni di cui l impresa ha conseguito la disponibilità, posseduti in proprietà o in base a un diritto reale ovvero detenuti in locazione, anche finanziaria, noleggiati o ricevuti in comodato. 11

12 Il Provv. del 05 agosto 2013 al paragrafo 3.1. stabilisce che sono esclusi dalla comunicazione: i beni concessi in godimento agli amministratori; i beni concessi in godimento al socio dipendente o lavoratore autonomo, qualora detti beni costituiscano fringe benefit assoggettati alla disciplina prevista dagli articoli 51 e 54 del Tuir; i beni concessi in godimento all imprenditore individuale; i beni di società e di enti privati di tipo associativo che svolgono attività commerciale, residenti o non residenti, concessi in godimento a enti non commerciali soci che utilizzano gli stessi beni per fini esclusivamente istituzionali; gli alloggi delle società cooperative edilizie di abitazione a proprietà indivisa concessi ai propri soci; i beni ad uso pubblico per i quali è prevista l integrale deducibilità dei relativi costi nonostante l utilizzo privatistico riconosciuto per legge. I righi da BG04 a BG08 accolgono le informazioni sulla tipologia del bene: Tra i beni da comunicare vengono previsti specificatamente: - al rigo BG04 le autovetture e gli altri veicoli di cui indicare il numero di telaio (attenzione!!! Non la targa, che sarebbe facilmente reperibile da parte dell intermediario, ma il num. di telaio). E NECESSARIO FARSI DARE DAL CLIENTE COPIA DELLA CARTA DI CIRCOLAZIONE. - al rigo BG05 le unità da diporto, per le quali va indicata la lunghezza in metri, - al rigo BG06 gli aeromobili, per i quali va indicata la potenza del motore in Kw, 12

13 - al rigo BG07 gli immobili dei quali occorre segnalare il comune, la provincia, il foglio e la particella catastale - al rigo BG08 tutti gli altri beni diversi dai precedenti che però vanno indicati solo se il valore normale del diritto di godimento supera i euro al netto dell IVA (in quanto considerati evidentemente di valore modesto). Il punto 1.5 del provvedimento del 16 novembre 2011 e oggi il 3.2. del provvedimento n del 02 agosto 2013 prevedono che non sussiste obbligo di comunicazione quando i beni concessi in godimento diversi da autovetture, altri veicoli, aeromobili e immobili siano di valore non superiore a al netto dell Iva. Per la precisione, il provvedimento riferisce il limite di valore di alla sola categoria altri beni (quindi una vettura del valore di 2.500, se utilizzata dal familiare dell imprenditore senza corrispettivo, deve essere oggetto di comunicazione). Corrispettivo relativo al bene Al rigo BG09 va indicato: - a casella 1 il corrispettivo relativo al godimento del bene, maturato per l anno o per la frazione di anno per cui il bene è stato concesso o ricevuto (cfr. Circolare n. 24 del 15/06/2012, paragrafo 3); - a casella 2 il valore di mercato del diritto di godimento del bene determinato in base al comma 3 dell articolo 9 del TUIR, con riferimento ai criteri evidenziati nella circolare n. 24 del 15/06/2012 e nella circolare n. 36 del 24 settembre La comunicazione deve essere effettuata per ogni bene concesso in godimento nel periodo d imposta compilando per ognuno un modulo distinto. La comunicazione deve essere effettuata esclusivamente nel caso in cui vi sia differenza tra il corrispettivo annuo relativo al godimento del bene e il valore di mercato del diritto di godimento, per ognuno dei beni concessi o ricevuti nel periodo d imposta. Va detto che l obbligo sussiste anche se il bene è stato concesso in godimento in periodi precedenti, nel caso in cui si continua a utilizzare nell anno di riferimento della comunicazione. 13

14 Inoltre, dato che l obbligo comunicativo sorge quando vi è un disallineamento tra valore normale e corrispettivo, tale ultimo parametro (il corrispettivo) non deve necessariamente essere stato pagato entro il termine del periodo di imposta; diversamente, il precedente modello richiedeva che il corrispettivo fosse versato. Nel caso in cui un immobile venga concesso in godimento per un periodo di 30 giorni ad un corrispettivo pari a 1.200,00, nel presupposto che il valore di mercato annuale del relativo diritto di godimento sia pari a ,00, il valore di mercato da confrontare con il corrispettivo pattuito sarà pari a: ( ,00 (valore di mercato annuale)* 30 gg/365)= 1.643,83 Il reddito diverso imputabile al socio sarà pari ad: 1.643, = 443,83. La compilazione sarà la seguente: RIGO BG09 Corrispettivo relativo al bene Casella 1 - Corrispettivo relativo al bene concesso in godimento (relativo alla durata della concessione) Casella 2 - Valore di mercato Finanziamenti e capitalizzazioni Il rigo BG10 è quello dedicato all indicazione dei finanziamenti e degli apporti ricevuti dalla società (indicata nel frontespizio) da parte del soggetto persona fisica, indicato al rigo BG01. le istruzioni ricordano che devono presentare la comunicazione in esame tutte le società/ditte individuali, che hanno ricevuto finanziamenti o capitalizzazioni pari o superiori a 3600 euro da parte dei soci o dei familiari dell imprenditore. Per l'individuazione delle capitalizzazioni può farsi riferimento, come per la disciplina del bonus "capitalizzazioni", alle: - costituzioni di capitale sociale di nuove società - e agli aumenti di capitale derivanti da conferimenti e apporti. 14

15 Rilevano anche per l'adempimento in esame soltanto le capitalizzazioni realizzate mediante l'immissione di nuove risorse nella società, poiché la comunicazione è finalizzata, come detto, all'effettuazione dell'accertamento sintetico, per il quale assumono rilevanza soltanto le spese "effettuate". Per lo stesso motivo non va comunicata la rinuncia, da parte dei soci, ai crediti relativi a precedenti finanziamenti, che provoca la trasformazione degli stessi in apporti, in assenza, però, di un nuovo esborso di denaro. Anche per l'individuazione della data di effettuazione degli aumenti di capitale va fatto riferimento al momento dell'effettiva erogazione delle somme. Nella comunicazione è richiesta l'indicazione del valore degli apporti, ma non si dovrebbe tenere conto di quello dei conferimenti in natura perché dei beni si tiene conto tramite lo spesometro, mentre il lavoro non rileva ai fini dell'accertamento. L Agenzia delle Entrate fornisce importanti e attesi chiarimenti in merito all adempimento: innanzitutto per ogni socio finanziatore o familiare dell imprenditore va compilato un modulo distinto del modello (una sorta di elenco soci/familiari) la soglia dei euro va verificata in capo al soggetto erogante e non alla società beneficiaria.; altro dubbio, che viene risolto grazie alle istruzioni ministeriali, è quello relativo alla compilazione del campo data qualora lo stesso socio avesse effettuato più finanziamenti in favore della società: va in tal caso compilata una scheda con l importo totale nell anno e indicando la data dell ultima operazione; inoltre, non si tiene conto delle restituzioni effettuate nel corso del 2012 al fine del computo dell ammontare dei finanziamenti/apporti. L Agenzia propone tre casi esemplificativi: caso 1 saldo zero, ma totale dei flussi superiore alla soglia Nel caso in cui un socio effettui finanziamenti: - in data per euro; - in data per euro; - in data gli venga restituita una cifra pari a euro; - in data effettui un ulteriore finanziamento per euro; - in data gli venga restituita una cifra pari a euro, 15

16 anche se il saldo finale ( =0) è zero, la società beneficiaria dovrà comunicare l importo di euro con data caso 2 saldo inferiore alla soglia, ma totale dei flussi superiore Nel caso in cui un socio effettui finanziamenti: - in data per euro; - in data per euro; - in data gli venga restituita una cifra pari a euro; - in data effettui un ulteriore finanziamento per euro; - in data gli venga restituita una cifra pari a euro, anche se il saldo finale ( = 2.000) è inferiore alla soglia dei euro, la società beneficiaria dovrà comunicare l importo di euro con data caso 3 totale dei flussi inferiori alla soglia Nel caso in cui un socio effettui finanziamenti: - in data per 500 euro; - in data per euro; - in data gli venga restituita una cifra pari a euro; - in data effettui un ulteriore finanziamento per 900 euro; a fine anno la somma dei finanziamenti ( =2.900) è inferiore alla soglia, la società beneficiaria non dovrà comunicare nulla. L obbligo di compilazione della comunicazione è, dunque, legata all importo dei flussi totali in uscita verso la società/ditta individuale, per socio/familiare (senza considerare eventuali restituzioni). Se il fine era quello di supportare l accertamento da redditometro, dove gli investimenti vanno considerati al netto dei disinvestimenti, ora invece l amministrazione richiede il dato della spesa effettivamente sostenuta dal contribuente. Vanno segnalati anche i versamenti effettuati dal socio che non ha ricevuto alcun bene in godimento. Sono esclusi dall'obbligo di comunicazione i dati relativi agli apporti, già in possesso dell Amministrazione finanziaria. 16

17 FINANZIAMENTI E APPORTI effettuati nel 2012 SOLO SE > O = EURO SOLO SE NON GIA IN POSSESSO DELL AMMINISTRAZIONE Il caso delle cooperative Le cooperative in possesso dei requisiti di cui all art c. c., che ricevono finanziamenti dai propri soci, sono esonerate dalla comunicazione dei dati sull accredito delle retribuzioni dei soci dipendenti, in quanto tali dati vengono comunicate all anagrafe tributaria tramite i modelli 770 ordinario o semplificato. - Riproduzione riservata - 17

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

CIRCOLARE n. 10 del 01/04/2014 COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI E DELLE CAPITALIZZAZIONI

CIRCOLARE n. 10 del 01/04/2014 COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI E DELLE CAPITALIZZAZIONI CIRCOLARE n. 10 del 01/04/2014 COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI E DELLE CAPITALIZZAZIONI INDICE 1. PREMESSA 2. COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI 2.1 Soggetti obbligati 2.2 Oggetto della

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale STUDIO GAMBI OGGETTO: Comunicazione beni ai soci e finanziamenti COMUNICAZIONE DEI BENI D IMPRESA AI SOCI/FAMILIARI SOGGETTO OBBLIGATO: - società (di capitali o persone) che concedono beni in uso ai soci

Dettagli

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista 1/6 OGGETTO COMUNICAZIONE PER L ANNO 2014 DEI BENI CONCESSI IN GODIMENTO AI SOCI O FAMILIARI E DEI FINANZIAMENTI E/O CAPITALIZZAZIONI RIFERIMENTI NORMATIVI Art. 2, COMMI da 36-terdecies a 36-duodevicies,

Dettagli

OGGETTO:Comunicazione beni ai soci e finanziamenti

OGGETTO:Comunicazione beni ai soci e finanziamenti Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO:Comunicazione beni ai soci e finanziamenti RACCOLTA DATI PRESSO IL CLIENTE I dati di cui necessitiamo per effettuare la comunicazione sono i seguenti : DATI DELL UTILIZZATORE

Dettagli

STUDIO CAGNIN ROVOLETTO

STUDIO CAGNIN ROVOLETTO STUDIO CAGNIN ROVOLETTO COMMERCIALISTI ASSOCIATI PIERO CAGNIN CHIARA ROVOLETTO DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI A Tutti i Clienti Loro Sedi COMUNICAZIONE PER I BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI

Dettagli

NUOVI ADEMPIMENTI FISCALI: COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI/COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI DAI SOCI

NUOVI ADEMPIMENTI FISCALI: COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI/COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI DAI SOCI A tutti i clienti LL.SS Ravenna, 26/11/2013 NUOVI ADEMPIMENTI FISCALI: COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI/COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI DAI SOCI Entro il prossimo 12 dicembre è previsto l invio

Dettagli

Circolare informativa n. 10 del 23 ottobre 2014 COMUNICAZIONE BENI AI SOCI E FINANZIAMENTI 2013

Circolare informativa n. 10 del 23 ottobre 2014 COMUNICAZIONE BENI AI SOCI E FINANZIAMENTI 2013 Circolare informativa n. 10 del 23 ottobre 2014 COMUNICAZIONE BENI AI SOCI E FINANZIAMENTI 2013 In presenza di società/ditte individuali che concedono in godimento l utilizzo di beni d impresa a un socio/familiare

Dettagli

R O S S I & A S S O C I A T I

R O S S I & A S S O C I A T I R O S S I & A S S O C I A T I C o r p o r a t e A d v i s o r s Main Office: Via S. Radegonda, 8 - Milano www.rossiassociati.it Tel +39 02.874271 Fax +39 02.72099377 NEWS SETTIMANALE Novembre 2013 nr.

Dettagli

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa NUMERO 25-14 OTTOBRE 20141

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa NUMERO 25-14 OTTOBRE 20141 Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa 1 1 PREMESSA L art. 2 co. 36-terdecies - 36-duodevicies del DL 13.8.2011 n. 138, conv.

Dettagli

Circolare informativa area tributaria. La comunicazione dei beni ai soci/familiari, la comunicazione dei finanziamenti e delle capitalizzazioni

Circolare informativa area tributaria. La comunicazione dei beni ai soci/familiari, la comunicazione dei finanziamenti e delle capitalizzazioni Circolare informativa area tributaria La comunicazione dei beni ai soci/familiari, la comunicazione dei finanziamenti e delle capitalizzazioni Nel mese di ottobre sono in scadenza 2 adempimenti riguardanti

Dettagli

OGGETTO: Comunicazione beni ai soci e finanziamenti - liberatoria

OGGETTO: Comunicazione beni ai soci e finanziamenti - liberatoria GIORDA FRANCESCO Informativa per la clientela di studio N. 18 del 29.01.2014 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Comunicazione beni ai soci e finanziamenti - liberatoria Gentile Cliente, con la stesura

Dettagli

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa Circolare n. 19 Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa del 20 ottobre 2014 INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti obbligati ad effettuare

Dettagli

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa NUMERO 36-7 OTTOBRE 20151

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa NUMERO 36-7 OTTOBRE 20151 Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa 1 1 PREMESSA L art. 2 co. 36-terdecies - 36-duodevicies del DL 13.8.2011 n. 138, conv.

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners.

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners. Roma, 19/10/2015 CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 9/2015 ARGOMENTO: ADEMPIMENTO ANNUALE RELATIVO ALLA: COMUNICAZIONE DEI BENI IN USO AI SOCI E FINANZIAMENTI A SOCIETA Gentile Cliente, con la stesura del presente

Dettagli

Comunicazione dei beni in godimento a soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa

Comunicazione dei beni in godimento a soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa 18.2015 Ottobre Comunicazione dei beni in godimento a soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa Sommario 1. PREMESSA... 2 2. SOGGETTI OBBLIGATI AD EFFETTUARE LA COMUNICAZIONE...

Dettagli

OGGETTO: COMUNICAZIONE DEI BENI CONCESSI AI SOCI E FAMILIARI E COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI CONCESSI DAI SOCI - modalità e termini di effettuazione

OGGETTO: COMUNICAZIONE DEI BENI CONCESSI AI SOCI E FAMILIARI E COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI CONCESSI DAI SOCI - modalità e termini di effettuazione A tutti i clienti Loro sedi OGGETTO: COMUNICAZIONE DEI BENI CONCESSI AI SOCI E FAMILIARI E COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI CONCESSI DAI SOCI - modalità e termini di effettuazione PREMESSA Come noto il D.L.

Dettagli

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile Carlin Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI e REVISORI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 per informazioni su questa circolare: evacarlin@studiocla.it Circolare

Dettagli

Circolare informativa n.18 del 03 dicembre 2013

Circolare informativa n.18 del 03 dicembre 2013 Circolare informativa n.18 del 03 dicembre 2013 COMUNICAZIONE BENI D IMPRESA IN GODIMENTO AI SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE

Dettagli

IL DIRETTORE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE

IL DIRETTORE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE Prot. n. 2013/94904 IL DIRETTORE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE Modalità e termini di comunicazione all'anagrafe tributaria, ai sensi dell articolo 7, dodicesimo comma, del decreto del Presidente della Repubblica

Dettagli

Pomara Scibetta & Partners

Pomara Scibetta & Partners Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Luciana Pomara Giuseppe Scibetta Onorina Zilioli Alessia Carla Vinci Roberto Scibetta Stefania Zilioli Rosaria Marano Sabrina Iannuzzi Your

Dettagli

Informativa speciale Compilazione e invio telematico Comunicazione Beni in godimento ai Soci

Informativa speciale Compilazione e invio telematico Comunicazione Beni in godimento ai Soci Informativa speciale Compilazione e invio telematico Comunicazione Beni in godimento ai Soci Vicenza 17 Gennaio 2014 Gentile Cliente, il 31/01/2014 scade il nuovo adempimento - di cui abbiamo trattato

Dettagli

La comunicazione dei beni d impresa concessi a soci e familiari e dei finanziamenti e capitalizzazioni

La comunicazione dei beni d impresa concessi a soci e familiari e dei finanziamenti e capitalizzazioni La comunicazione dei beni d impresa concessi a soci e familiari e dei finanziamenti e capitalizzazioni a cura diandrea Bongi Qualifica: Dottore Commercialista e Pubblicista La disciplina normativa di riferimento

Dettagli

Circolare N.37 del 13 marzo 2012

Circolare N.37 del 13 marzo 2012 Circolare N.37 del 13 marzo 2012 Beni ai soci: comunicazione entro il 2 aprile 2011 Richiesta dei documenti necessari al fine dell adempimento Beni ai soci: comunicazione entro il 2 aprile 2011 Richiesta

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 162 del 29 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi 12 dicembre 2013: appuntamento con la comunicazione dei beni e finanziamenti dati in godimento ai soci Rileva solo

Dettagli

Loro sedi. Oggetto: comunicazione dei beni concessi in godimento ai soci e finanziamenti soci entro il 12 dicembre 2013.

Loro sedi. Oggetto: comunicazione dei beni concessi in godimento ai soci e finanziamenti soci entro il 12 dicembre 2013. Studio Associato di Consulenza Aziendale Dottori Commercialisti Dott. Gianpiero Perissinotto Dott.ssa Monica Lacedelli Via degli Agricoltori n. 11 32100 Belluno tel: 0437/932080 fax: 0437/932095 E-mail:

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI ALL'IMPRESA ANNO 2013 : SCADENZA AL 30 OTTOBRE 2014

LA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI ALL'IMPRESA ANNO 2013 : SCADENZA AL 30 OTTOBRE 2014 LA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI ALL'IMPRESA ANNO 2013 : SCADENZA AL 30 OTTOBRE 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Entro il prossimo 30 Ottobre 2014 come

Dettagli

CIRCOLARE TEMATICA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI O FAMILIARI E DEI FINANZIAMENTI O CAPITALIZZAZIONI RICEVUTI DALL IMPRESA

CIRCOLARE TEMATICA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI O FAMILIARI E DEI FINANZIAMENTI O CAPITALIZZAZIONI RICEVUTI DALL IMPRESA Avv. GIORGIO ASCHIERI* Rag. Comm. SIMONETTA BISSOLI* Dott. Comm. MARCO GHELLI* Dott. Comm. ALBERTO MION* Dott. Comm. ALBERTO RIGHINI* Avv. ANTONIO RIGHINI* Dott. MONICA SECCO* Avv. ORNELLA BERTOLAZZI Avv.

Dettagli

Anno 2014 N. RF264. La Nuova Redazione Fiscale

Anno 2014 N. RF264. La Nuova Redazione Fiscale Anno 2014 N. RF264 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO GODIMENTO BENI AI SOCI E FAMILIARI - COMUNICAZIONE AL 30/10 RIFERIMENTI PROVV. N. 54581/2014 E N. 94902/2013

Dettagli

BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI

BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI D I S C I P L I N A E Q U E S T I O N I A P E R T E STUDIO ASSOCIATO TRIBUTARIO E SOCIETARIO BELLINI SECCHI SAVIOTTI FLORITA 20121 MILANO - PIAZZA CASTELLO,

Dettagli

COMUNICAZIONE DEI BENI UTILIZZATI DAI SOCI E FAMILIARI

COMUNICAZIONE DEI BENI UTILIZZATI DAI SOCI E FAMILIARI COMUNICAZIONE DEI BENI UTILIZZATI DAI SOCI E FAMILIARI A meno di un mese dalla scadenza, sono ancora innumerevoli i dubbi che riguardano la comunicazioni dei beni utilizzati dai soci delle società e dai

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 299 08.11.2013 Comunicazione finanziamenti e apporti dei soci/familiari alla società La disciplina, il nuovo adempimento e soluzioni su come affrontare

Dettagli

NUOVO SPESOMETRO e BENI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI

NUOVO SPESOMETRO e BENI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI Dott. Mario Conte Ragioniere Commercialista Dott. Dario Cervi Ragioniere Commercialista Dott. Giovanni Orso Rag. Pierluigi Martin Consulente aziendale Dott.ssa Arianna Bazzacco Dott. Oscar Sartor Dott.ssa

Dettagli

Carlin Laurenti & associati

Carlin Laurenti & associati Carlin Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI e REVISORI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 per informazioni su questa circolare: evacarlin@studiocla.it Circolare

Dettagli

Comunicazione Anti Elusione Beni in uso ai soci

Comunicazione Anti Elusione Beni in uso ai soci Nota Salvatempo Comunicazione Anti Elusione Beni in uso ai soci 25 Novembre 2013 Comunicazione Anti Elusione Beni in uso ai soci Normativa Fonti normative Provvedimento Agenzia Entrate 16 novembre 2011

Dettagli

Anno 2014 N. RF265. La Nuova Redazione Fiscale FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI COMUNICAZIONE AL 30 OTTOBRE

Anno 2014 N. RF265. La Nuova Redazione Fiscale FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI COMUNICAZIONE AL 30 OTTOBRE Anno 2014 N. RF265 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 8 OGGETTO FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI COMUNICAZIONE AL 30 OTTOBRE RIFERIMENTI PROVV. N. 94904/2013; DL 138/2011

Dettagli

Comunicazione dei beni dati in godimento ai soci e dei finanziamenti soci entro il prossimo 30 ottobre 2014

Comunicazione dei beni dati in godimento ai soci e dei finanziamenti soci entro il prossimo 30 ottobre 2014 Circolare 11/2014-C del 17.10.2014 Comunicazione dei beni dati in godimento ai soci e dei finanziamenti soci entro il prossimo 30 ottobre 2014 Come disposto dal provvedimento n. 54581 del 16 aprile 2014,

Dettagli

studio associato zaniboni

studio associato zaniboni N. protocollo: 51/2013 Oggetto: BENI AI SOCI E FINANZIAMENTI COMUNICAZIONE 2012 DA INVIARE ENTRO IL 12 DICEMBRE 2013 Con due distinti provvedimenti del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 2 agosto

Dettagli

COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO UNICO

COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO UNICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SOCIETÀ DI COMODO E/O IN PERDITA SISTEMATICA: PRESUNZIONI DI NON OPERATIVITÀ E CONSEGUENTE TASSAZIONE COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. RELEASE Versione 2013.1.5 Applicativo: GECOM MULTI

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. RELEASE Versione 2013.1.5 Applicativo: GECOM MULTI NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2013.1.5 Applicativo: GECOM

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE Modello ANR/2 IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE DICHIARAZIONE PER L IDENTIFICAZIONE DIRETTA, DI VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non

Dettagli

Bologna, 12 dicembre 2013

Bologna, 12 dicembre 2013 Bologna, 12 dicembre 2013 A tutti i Clienti dello Studio Loro sedi Oggetto: CIRCOLARE N. 16 COMUNICAZIONE ENTRO IL 31 GENNAIO 2014 DEI BENI DATI IN GODIMENTO AI SOCI E AI FAMILIARI E DEI FINANZIAMENTI

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE Modello ANR/3 IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE DICHIARAZIONE PER L IDENTIFICAZIONE DIRETTA, DI VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non

Dettagli

Nelle intenzioni del legislatore, il nuovo adempimento fiscale dovrebbe:

Nelle intenzioni del legislatore, il nuovo adempimento fiscale dovrebbe: 20.10.2014 Comunicazione dei beni d'impresa concessi in godimento ai soci o familiari dell'imprenditore - Comunicazione dei finanziamenti o delle capitalizzazioni dei soci o familiari ricevuti dall'impresa

Dettagli

ntrate FORMULARIO CONTENENTE I DATI DEGLI INVESTIMENTI IN ATTIVITÀ DI RICERCA E SVILUPPO genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Premessa

ntrate FORMULARIO CONTENENTE I DATI DEGLI INVESTIMENTI IN ATTIVITÀ DI RICERCA E SVILUPPO genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Premessa genzia ntrate FORMULARIO CONTENENTE I DATI DEGLI INVESTIMENTI IN ATTIVITÀ DI RICERCA E SVILUPPO Articolo 1, commi da 280 a 283, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, e successive modificazioni Decreto

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 18 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Nuova modalità di presentazione dei modelli F24;

Oggetto: Informativa n. 18 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Nuova modalità di presentazione dei modelli F24; Alle ditte Clienti Loro sedi Parma, 27 ottobre 2014 Oggetto: Informativa n. 18 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: Obbligo di comunicazione

Dettagli

IL DIRETTORE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE

IL DIRETTORE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE Prot. n. 166485 IL DIRETTORE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE Modalità e termini di comunicazione all Anagrafe Tributaria dei dati relativi ai beni dell'impresa concessi in godimento a soci o familiari, ai sensi

Dettagli

TRENTINO IMPRESE CENTRO DI ASSISTENZA FISCALE PER GLI ARTIGIANI E LE PICCOLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI TRENTO S.R.L. INFORMATIVA n 011/2015

TRENTINO IMPRESE CENTRO DI ASSISTENZA FISCALE PER GLI ARTIGIANI E LE PICCOLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI TRENTO S.R.L. INFORMATIVA n 011/2015 Trento, 19 ottobre 2015 INFORMATIVA n 011/2015 COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI O FAMILIARI E DEI FINANZIAMENTI O CAPITALIZZAZIONI RICEVUTI DALL IMPRESA Entro il 30.10.2015 devono essere presentate

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Loro sedi Oggetto: la nuova disciplina dei beni d impresa concessi in godimento a soci e familiari. I nuovi adempimenti di comunicazione dei beni concessi

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA OTTOBRE N. 10/2015

CIRCOLARE INFORMATIVA OTTOBRE N. 10/2015 CIRCOLARE INFORMATIVA OTTOBRE N. 10/2015 A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 16 ottobre al 15 novembre 2015. Versamenti Iva mensili e trimestrali Scade il 16

Dettagli

Termini e modalità di presentazione del 770/2014. La presentazione entro il 31 luglio 2014

Termini e modalità di presentazione del 770/2014. La presentazione entro il 31 luglio 2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 190 16.07.2014 Termini e modalità di presentazione del 770/2014 La presentazione entro il 31 luglio 2014 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria:

Dettagli

ISTANZA DI ATTRIBUZIONE DEL CREDITO D IMPOSTA PER GLI INVESTIMENTI IN AGRICOLTURA (Mod. ITS/A)

ISTANZA DI ATTRIBUZIONE DEL CREDITO D IMPOSTA PER GLI INVESTIMENTI IN AGRICOLTURA (Mod. ITS/A) ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA ISTANZA DI ATTRIBUZIONE DEL CREDITO D IMPOSTA PER GLI INVESTIMENTI IN AGRICOLTURA (Mod. ITS/A) Art. 11 del Decreto Legge 8 luglio 2002, n. 138, convertito dalla Legge

Dettagli

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI SOCI ALL'IMPRESA

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI SOCI ALL'IMPRESA GUIDA ALLA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI SOCI ALL'IMPRESA a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale ll prossimo mese di dicembre 2013, salvo proroghe dell'ultima ora

Dettagli

Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001;

Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001; ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 13/2001 Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001; Copyright 2001 Acerbi

Dettagli

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013 Circolare n. 33 del 10 ottobre 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone Protocollo n. 2012/156146 Modifiche al provvedimento del Direttore dell Agenzia delle entrate del 22 ottobre 2012 di approvazione del modello di comunicazione dei dati per l accesso al finanziamento dei

Dettagli

ISTANZA DI ATTRIBUZIONE DEL CREDITO D IMPOSTA IN AGRICOLTURA - ANNO 2007 (MOD. IIA)

ISTANZA DI ATTRIBUZIONE DEL CREDITO D IMPOSTA IN AGRICOLTURA - ANNO 2007 (MOD. IIA) genzia ntrate ISTANZA DI ATTRIBUZIONE DEL CREDITO D IMPOSTA IN AGRICOLTURA - ANNO 2007 (MOD. IIA) Art. 1, comma 1075, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 Decreto del Ministro delle politiche agricole

Dettagli

La comunicazione dei beni d impresa concessi in godimento ai soci

La comunicazione dei beni d impresa concessi in godimento ai soci La comunicazione dei beni d impresa concessi in godimento ai soci Premessa Le novità del D.L. 138/2011 e i provvedimenti attuativi 2 Impianto normativo: «di proroga in proroga» D.L. 138/2011 art. 2, commi

Dettagli

ATTESTAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 15 E/O DELL ARTICOLO 24 DELLA LEGGE N. 29 DEL 25 GENNAIO 2006

ATTESTAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 15 E/O DELL ARTICOLO 24 DELLA LEGGE N. 29 DEL 25 GENNAIO 2006 genzia ntrate ATTESTAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 15 E/O DELL ARTICOLO 24 DELLA LEGGE N. 29 DEL 25 GENNAIO 2006 La legge n. 29 del 25 gennaio 2006 (di seguito denominata legge comunitaria 2005), agli articoli

Dettagli

genzia ntrate Dati personali I dati richiesti nel modello devono essere indicati obbligatoriamente per poter fruire dell agevolazione richiesta.

genzia ntrate Dati personali I dati richiesti nel modello devono essere indicati obbligatoriamente per poter fruire dell agevolazione richiesta. genzia ntrate MODELLO DI COMUNICAZIONE PER L ACCESSO AL FINANZIAMENTO DEI PAGAMENTI DEI TRIBUTI, DEI CONTRIBUTI PREVIDENZIALI E ASSISTENZIALI E DEI PREMI PER L ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA A SEGUITO DEL

Dettagli

PREMESSA 1. RIFERIMENTI NORMATIVI E DI PRASSI

PREMESSA 1. RIFERIMENTI NORMATIVI E DI PRASSI COMUNICAZIONE DEI BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI E FAMILIARI. COMUNICAZIONE DEI FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI DA SOCI E FAMILIARI NEI CONFRONTI DELL IMPRESA PREMESSA Entro il 30 ottobre 2014, per

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE del MODELLO DI COMUNICAZIONE RELATIVO AGLI INVESTIMENTI EFFETTUATI IN CAMPAGNE PUBBLICITARIE LOCALIZZATE (Mod. RICAP) Art. 61, comma 13, della legge 27 dicembre 2002, n.

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. N. 6499/2014 Approvazione del modello di comunicazione dei dati per l accesso al finanziamento dei pagamenti dei tributi sospesi a seguito degli eventi meteorologici del novembre 2013 verificatisi

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA

IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2014/5266 Approvazione del modello per la richiesta di attribuzione del credito d imposta per i soggetti danneggiati dal sisma del 20 e 29 maggio 2012 (articolo 67-octies del decreto-legge 22 giugno

Dettagli

SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA

SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA L art. 21 del DL 31.5.2010 n. 78 (conv. L. 30.7.2010 n. 122) ha introdotto l obbligo, per i soggetti passivi IVA, di comunicare in via telematica all Agenzia delle Entrate le

Dettagli

Risposte alle domande più frequenti (FAQ)

Risposte alle domande più frequenti (FAQ) COMUNICAZIONE DEI DATI DEI BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE E DEI FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL IMPRESA

Dettagli

Firenze, 11 giugno 2013 A cura del Dott. Paolo Petrangeli

Firenze, 11 giugno 2013 A cura del Dott. Paolo Petrangeli Gli adempimenti fiscali delle Camere di Commercio Firenze, 11 giugno 2013 A cura del Dott. Paolo Petrangeli D.p.r. 322/1998 Sono obbligati alla presentazione per via telematica delle previste dal decreto

Dettagli

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c.

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c. CIRCOLARE N 4/2013 Tivoli, 16/01/2013 Oggetto: NOVITA DEDUCIBILITA AUTO. Spett.le Clientela, con la presente circolare siamo a comunicare che con la Riforma del mercato del lavoro, L. 28/06/2012 n. 92,

Dettagli

La normativa di riferimento

La normativa di riferimento C i r c o l a r e d e l 1 6 n o v e m b r e 2 0 1 1 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 28/2011 Oggetto MANOVRA CORRETTIVA D.L. 98/2011 CONVERTITO IN L. 111/2011 CIRCOLARE AGENZIA ENTRATE N. 41/E DEL 05/08/2011

Dettagli

Informativa n. 13 INDICE. del 12 marzo 2013

Informativa n. 13 INDICE. del 12 marzo 2013 Informativa n. 13 del 12 marzo 2013 Modelli 730/2013 - Ricezione in via telematica dall Agenzia delle Entrate del risultato contabile per l effettuazione dei conguagli (modelli 730-4) - Comunicazione all

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

Sintesi della normativa riguardante i rimborsi chilometrici per dipendenti e amministratori.

Sintesi della normativa riguardante i rimborsi chilometrici per dipendenti e amministratori. Fiscale Tributario A TUTTE LE AZIENDE ASSOCIATE Verona, 10 ottobre 2013 Prot. n. 199/13 LB/mm Circ. n. 199/FT/24-13 Oggetto: 1) LA VERIFICA DEI LIMITI DI DEDUCIBILITA PER I RIMBORSI CHILOMETRICI 2) BENI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 141/E

RISOLUZIONE N. 141/E RISOLUZIONE N. 141/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2010 OGGETTO: Interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Vincite conseguite per effetto della partecipazione a giochi on-line

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale STUDIO GAMBI OGGETTO: Beni aziendali in uso a soci / familiari : aspetti contabili e fiscali Diverse tipologie di utilizzo dei beni d impresa L assegnazione in godimento di beni ai soci è fattispecie che

Dettagli

Intermediari fiscali sotto controllo dell Agenzia

Intermediari fiscali sotto controllo dell Agenzia Intermediari fiscali sotto controllo dell Agenzia Omissioni, tardività e forzature degli invii telematici producono verifiche sul loro operato. Tardività, omissioni e forzature degli invii telematici producono

Dettagli

BENI in GODIMENTO ai SOCI e FINANZIAMENTI dei SOCI

BENI in GODIMENTO ai SOCI e FINANZIAMENTI dei SOCI Circolare informativa per la clientela n. 35/2013 del 27 novembre 2013 BENI in GODIMENTO ai SOCI e FINANZIAMENTI dei SOCI DISCIPLINA FISCALE e ADEMPIMENTI COMUNICATIVI SOMMARIO 1. «RATIO» delle DISPOSIZIONI...

Dettagli

SPAZIO AZIENDE ottobre 2015

SPAZIO AZIENDE ottobre 2015 Con la collaborazione del Centro Studi SEAC siamo lieti di inviarle il n. 10 di SPAZIO AZIENDE ottobre 2015 GGG Prelievi bancari non giustificati Sentenza Corte Cassazione n. 16948/2015 Indagini bancarie

Dettagli

SCADENZA AL 30 OTTOBRE PER LA COMUNICAZIONE BENI E FINANZIAMENTI 2014

SCADENZA AL 30 OTTOBRE PER LA COMUNICAZIONE BENI E FINANZIAMENTI 2014 FABIO BETTONI LAURA LOCATELLI RACHELE DENEGRI Circolare n. 19 del 05 Ottobre 2015 SCADENZA AL 30 OTTOBRE PER LA COMUNICAZIONE BENI E FINANZIAMENTI 2014 Come avvenuto lo scorso anno, entro il trentesimo

Dettagli

Lo Spesometro e la Comunicazione dei Beni ai soci

Lo Spesometro e la Comunicazione dei Beni ai soci Fondazione dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Padova Lo Spesometro e la Comunicazione dei Beni ai soci Padova, 03 ottobre 2013 Relatore: Andrea Onori Dottore Commercialista Revisore Legale

Dettagli

Informativa n. 22 INDICE. del 16 giugno 2011

Informativa n. 22 INDICE. del 16 giugno 2011 Informativa n. 22 del 16 giugno 2011 Comunicazione telematica all Agenzia delle Entrate delle operazioni rilevanti ai fini IVA di importo pari o superiore a 3.000,00 euro - Riepilogo della disciplina e

Dettagli

genzia ntrate UNICO Società di persone

genzia ntrate UNICO Società di persone genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Società di persone INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO SOCIETÀ DI PERSONE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

Plusvalenze immobiliari tassazione sostitutiva al 20 percento - COMPRAVENDITE - Studio Immobiliare Ba

Plusvalenze immobiliari tassazione sostitutiva al 20 percento - COMPRAVENDITE - Studio Immobiliare Ba Plusvalenze immobiliari tassazione sostitutiva al 20 percento - COMPRAVENDITE - Studio Immobiliare Ba Elevata al 20 percento la tassazione sostitutiva sulle plusvalenze immobiliari per i contratti stipulati

Dettagli

Beni concessi in godimento a soci e familiari e comunicazione dei finanziamenti e capitalizzazioni nei confronti dell impresa

Beni concessi in godimento a soci e familiari e comunicazione dei finanziamenti e capitalizzazioni nei confronti dell impresa Via Battuti Rossi, 6/A 47121 Forlì Via dell Arrigoni, 308 47522 Cesena Beni concessi in godimento a soci e familiari e comunicazione dei finanziamenti e capitalizzazioni nei confronti dell impresa Entro

Dettagli

MODELLO IVA 26 DICHIARAZIONE DI ADESIONE AL REGIME PREVISTO PER LE SOCIETÁ CONTROLLANTI E CONTROLLATE E COMUNICAZIONE DELLE VARIAZIONI ISTRUZIONI

MODELLO IVA 26 DICHIARAZIONE DI ADESIONE AL REGIME PREVISTO PER LE SOCIETÁ CONTROLLANTI E CONTROLLATE E COMUNICAZIONE DELLE VARIAZIONI ISTRUZIONI MODELLO IVA 26 DICHIARAZIONE DI ADESIONE AL REGIME PREVISTO PER LE SOCIETÁ CONTROLLANTI E CONTROLLATE E COMUNICAZIONE DELLE VARIAZIONI ISTRUZIONI Gli articoli di legge richiamati nel modello e nelle istruzioni

Dettagli

La comunicazione dei beni in uso ai soci e l interpello disapplicativo delle società non operative. Alessandro Cotto

La comunicazione dei beni in uso ai soci e l interpello disapplicativo delle società non operative. Alessandro Cotto La comunicazione dei beni in uso ai soci e l interpello disapplicativo delle società non operative Alessandro Cotto La manovra di ferragosto (DL 138/2011 conv. L. 148/2011) BENI D IMPRESA IN GODIMENTO

Dettagli

Durc imprese creditici della PA

Durc imprese creditici della PA CIRCOLARE INFORMATIVA Novità fiscali Scadenze Adempimenti Novità fiscali Durc imprese creditici della PA L'Inail con la circolare 53 dell'11 novembre 2013 ha chiarito che è possibile il rilascio del Durc

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA In presenza di un credito IVA risultante dalla dichiarazione annuale al contribuente è concesso di scegliere tra: il riporto all anno successivo con utilizzo

Dettagli

CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI

CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI 1 Decreto legislativo 14.3.2011, n. 23 Art. 3 Cedolare secca sugli affitti in vigore dal 7 aprile 2011 2 . Regime ordinario Base imponibile Irpef E rappresentata dal canone

Dettagli

Modello di Certificazione Unica ( CU )

Modello di Certificazione Unica ( CU ) Modello di Certificazione Unica ( CU ) Introduzione A partire dal 2015 per il periodo d'imposta 2014, i sostituti d'imposta dovranno trasmettere in via telematica all'agenzia delle Entrate, le certificazioni

Dettagli

LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC

LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC INFORMATIVA N. 081 25 MARZO 2013 DICHIARAZIONI LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC Istruzioni mod. UNICO 2013 SC Nel mod. UNICO 2013 SC sono presenti alcune novità connesse con l operatività di una serie

Dettagli

DICHIARAZIONE REDDITI 2000 LE SCADENZE

DICHIARAZIONE REDDITI 2000 LE SCADENZE DICHIARAZIONE REDDITI 2000 LE SCADENZE Anche quest anno è stata prevista una proroga generalizzata per la presentazione, ed i relativi versamenti, delle dichiarazioni dei redditi. Come annunciato, ormai,

Dettagli

COMUNICAZIONE BENI IN GODIMENTO AI SOCI: CHIARIMENTI CON PROROGA AL 2 APRILE 2013

COMUNICAZIONE BENI IN GODIMENTO AI SOCI: CHIARIMENTI CON PROROGA AL 2 APRILE 2013 COMUNICAZIONE BENI IN GODIMENTO AI SOCI: CHIARIMENTI CON PROROGA AL 2 APRILE 2013 Con il Provvedimento Direttoriale del 17 settembre 2012 l Agenzia delle Entrate ha disposto la proroga dell adempimento

Dettagli

BENI in GODIMENTO ai SOCI e FINANZIAMENTI dei SOCI DISCIPLINA FISCALE e ADEMPIMENTI COMUNICATIVI

BENI in GODIMENTO ai SOCI e FINANZIAMENTI dei SOCI DISCIPLINA FISCALE e ADEMPIMENTI COMUNICATIVI Circolare informativa per la clientela n. 33/2013 del 21 novembre 2013 BENI in GODIMENTO ai SOCI e FINANZIAMENTI dei SOCI DISCIPLINA FISCALE e ADEMPIMENTI COMUNICATIVI In questa Circolare 1. «Ratio» delle

Dettagli

Opzione Irap entro il 3 marzo

Opzione Irap entro il 3 marzo Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 07 24.02.2014 Opzione Irap entro il 3 marzo A cura di Devis Nucibella Categoria: Irap Sottocategoria: Base imponibile Entro il prossimo

Dettagli

CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI

CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI SENSI DELLA LEGGE 24.4.1990 N.100, ART. 4, E SUCCESSIVE

Dettagli

2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1

2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1 2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1 Il Modello UNICO Persone Fisiche 2016 comprende la dichiarazione dei redditi e la dichiarazione annuale IVA. Il Modello Unico per

Dettagli

CIRCOLARE N. 10/2010. Detrazione del 55% per le spese di riqualificazione energetica sostenute entro il 31/12/2010.

CIRCOLARE N. 10/2010. Detrazione del 55% per le spese di riqualificazione energetica sostenute entro il 31/12/2010. CIRCOLARE N. 10/2010 Detrazione del 55% per le spese di riqualificazione energetica sostenute entro il 31/12/2010. Come noto, la Finanziaria 2007 aveva introdotto la possibilità di portare in detrazione

Dettagli

Anno 2014 N.RF091. La Nuova Redazione Fiscale ISCRIZIONI AL 5 PER MILLE 2014 - INDICAZIONI DELLE ENTRATE

Anno 2014 N.RF091. La Nuova Redazione Fiscale ISCRIZIONI AL 5 PER MILLE 2014 - INDICAZIONI DELLE ENTRATE Anno 2014 N.RF091 www.redazionefiscale.it ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale Pag. 1 / 7 OGGETTO ISCRIZIONI AL 5 PER MILLE 2014 - INDICAZIONI DELLE ENTRATE RIFERIMENTI CIRCOLARE AG. ENTRATE N. 7 DEL

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. PROT. N. 2010/143663 Provvedimento attuativo della comunicazione dell impronta relativa ai documenti informatici rilevanti ai fini tributari, ai sensi dell articolo 5 del decreto 23 gennaio 2004. IL DIRETTORE

Dettagli

Quadro AC COMUNICAZIONE DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO

Quadro AC COMUNICAZIONE DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO Quadro AC COMUNICAZIONE DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 SOGGETTI INTERESSATI COME SI COMPILA CASI PARTICOLARI Il Quadro AC deve essere utilizzato per comunicare i dati identificativi

Dettagli