Æqua Roma S.P.A. con socio unico. Soggetta a direzione e coordinamento di Roma Capitale SEDE LEGALE IN ROMA VIA OSTIENSE 131/L

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Æqua Roma S.P.A. con socio unico. Soggetta a direzione e coordinamento di Roma Capitale SEDE LEGALE IN ROMA VIA OSTIENSE 131/L"

Transcript

1 Æqua Roma S.P.A. con socio unico Soggetta a direzione e coordinamento di Roma Capitale SEDE LEGALE IN ROMA VIA OSTIENSE 131/L CAPITALE SOCIALE: ,00 i.v. REGISTRO IMPRESE DI ROMA N CODICE FISCALE: RELAZIONE DELL AMMINISTRATORE DELEGATO SULLA GESTIONE DELL'ESERCIZIO CHIUSO AL 31/12/2012

2 Indice RELAZIONE SULLA GESTIONE Le principali attività produttive... 4 Il contratto di servizio con il Dipartimento Risorse Economiche di Roma Capitale... 5 Il contratto di servizio con il settore Affissioni e Pubblicità di Roma Capitale Il contratto di servizio con AMA Le attività di gestione e supporto La gestione delle Risorse Umane I sistemi informativi La comunicazione ai cittadini L audit interno Il Documento Programmatico sulla Sicurezza I rapporti con Roma Capitale quale soggetto preposto alla direzione ed al coordinamento I principali rischi ed incertezze Rischi derivanti dalla gestione del rapporto contrattuale con il Dipartimento Attività Economiche e Produttive di Roma Capitale Rischi finanziari Rischi connessi con il perdurare del regime di contratto di affitto del ramo d azienda Servizi Tributari L evoluzione prevedibile della gestione Fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell esercizio I risultati economico finanziari Le altre informazioni

3 RELAZIONE SULLA GESTIONE 2012 Signori Azionisti, il bilancio dell esercizio chiuso al 31 dicembre 2012, che sottopongo alla vostra approvazione, evidenzia un utile netto di 9.908, rispetto all utile netto di dell esercizio precedente. Dal rendiconto dell esercizio 2012 emerge un quadro positivo dell andamento aziendale, che trova riscontro nel raggiungimento degli obiettivi fissati dai contratti di servizio con Roma Capitale e con Ama S.p.A.. Il raggiungimento degli obiettivi e l equilibrio di bilancio sono stati conseguiti in un quadro di crescenti difficoltà, prodotte da un lato dalla riduzione dei corrispettivi dei contratti con Roma Capitale nonché dalla completa eliminazione della parte variabile di tali corrispettivi, conseguente alla crisi della finanza degli enti locali in generale e di Roma Capitale in particolare; da altro lato dall emanazione di norme sempre più restrittive da parte del Legislatore che impattano sulla gestione aziendale e che si sono susseguite in un quadro normativo privo di chiare indicazioni attuative. E da segnalare come la concomitanza di queste circostanze abbia ridotto significativamente i margini delle possibilità operative a disposizione del management della società. A questi problemi, che hanno caratterizzato in generale nel corso dell anno le società in house di Roma Capitale, si sono aggiunti nel 2012 per Æqua Roma quelli prodotti dall avvio del nuovo sistema informativo Thebit Web messo a disposizione da Roma Capitale in una logica di unificazione dei sistemi informativi, che a causa di alcune disfunzioni nelle prime settimane di utilizzazione ha prodotto una temporanea paralisi pressoché completa dell attività produttiva in coincidenza dell estate, superata solo in autunno, con conseguenti affanni produttivi risolti in finire d anno. Ma mentre le prospettive di Thebit Web appaiono decisamente migliorate e il proseguimento delle attività in atto di completamento e affinamento, oltre che di risoluzione dei problemi residui, è destinato a rendere il sistema informativo sempre più efficiente e performante; sul versante dei corrispettivi contrattuali e delle regole normative riguardanti la società, invece, le difficoltà sembrano destinate a perdurare e a rendere sempre più ardui e complicati la gestione aziendale e l equilibrio di bilancio. Nell ambito delle disposizioni sulle società partecipate dagli enti locali, di cui al DL 95/12, convertito in L 135/12, con Deliberazione n. 24 del 23 gennaio 2013 la Giunta Capitolina di Roma Capitale ha inserito Æqua Roma tra gli enti e organismi per i quali sarà redatto il Piano di razionalizzazione previsto dall articolo 9 del provvedimento legislativo, cioè tra quelli strettamente necessari per il perseguimento delle finalità istituzionali indicate a livello costituzionale, anziché tra quelli per i quali l articolo 4 dello stesso provvedimento ha previsto la dismissione o lo 3

4 scioglimento. Agli Uffici capitolini è stato demandato dalla Deliberazione di Roma Capitale l espletamento dell analisi tecnica finalizzata all adozione del Piano, che dovrà individuare soluzioni organizzative in grado di sviluppare sinergie e integrazioni tra i diversi organismi o, comunque, prevedere la riduzione dei relativi oneri finanziari a carico dell Amministrazione capitolina almeno nella misura prevista dalla legge. Il bilancio al 31 dicembre 2012 della società è stato redatto sull assunzione che Roma Capitale, nei termini previsti dal decreto e non ancora scaduti, dia seguito a quanto indicato nella suddetta Deliberazione. Per quanto riguarda i contratti di servizio, nel corso del 2012 sono stati rinnovati tutti i tre rapporti giuridici con il Dipartimento Risorse Economiche di Roma Capitale, con il Dipartimento Attività Economiche e Produttive di Roma Capitale e con Ama S.p.A.. Il contratto con il Dipartimento Risorse Economiche ha durata triennale, cioè fino al 31 dicembre 2014, e ha previsto una riduzione dei corrispettivi fissi e l eliminazione di quelli variabili al raggiungimento degli obiettivi. Il Contratto con il Dipartimento Attività Economiche e Produttive ha durata annuale ed è scaduto il 28 febbraio 2013, ma sono in corso le procedure di rinnovo con anche un ampliamento delle attività previste e correlato aumento dei corrispettivi. Il contratto con Ama S.p.A. ha durata triennale, cioè fino al 31 dicembre 2014, e rispetto al passato ha previsto una riduzione del corrispettivo fisso ma un aumento complessivamente degli aggi a fronte dei maggiori accertamenti riguardanti la tariffa rifiuti nonché delle iscrizioni a ruolo. Il settore dei tributi locali, peraltro, è stato interessato nel 2012 dall importante sostituzione dell Ici con l Imu nonché è interessato quest anno dall entrata in vigore della nuova Tares, sostitutiva della precedente tariffa rifiuti. Ciò sta comportando per Æqua Roma la necessità di adattare le proprie procedure di accertamento alle novità normative, in vista dell avvio delle attività di controllo sui nuovi tributi che via via sostituiranno quelle sui vecchi. Si segnala, infine, che il 30 marzo 2012 l assemblea degli azionisti ha approvato il nuovo Statuto della società, in attuazione della delibera della Giunta Capitolina n. 77 del 15 dicembre Tra le innovazioni, l introduzione del Piano Strategico Operativo comprendente il Piano Industriale Pluriennale, e l istituzione della figura del Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili e societari. Le principali attività produttive L attività di supporto alle entrate tributarie e patrimoniali è stata svolta nel 2012 da Æqua Roma in attuazione di tre contratti di servizio stipulati con il Dipartimento Risorse Economiche di Roma Capitale, con il Dipartimento delle Attività Produttive di Roma Capitale e con AMA S.p.A.. I due Contratti principali (Dipartimento Risorse Economiche e AMA) che costituiscono oltre il 90% dei ricavi complessivi derivanti dalla gestione caratteristica dell azienda, stipulati nel 2012, hanno durata triennale, con scadenza al 31 dicembre Il terzo contratto è scaduto invece nel febbraio 2013 e per esso sono in corso le procedure di rinnovo. 4

5 Per valutare le prestazioni rese dall azienda sia sotto il profilo quantitativo che qualitativo, ciascuno dei contratti prevede un insieme di indicatori di risultato, attraverso i quali è possibile misurare il grado di raggiungimento degli obiettivi assegnati alla società. Il contratto di servizio con il Dipartimento Risorse Economiche di Roma Capitale L attività di controllo sulla regolarità degli adempimenti dei contribuenti e il conseguente contrasto all evasione e all elusione costituiscono il principale processo gestito da Æqua Roma con riguardo all ICI, alle entrate decentrate a livello di Municipi, quali il COSAP ed il CIP ed alle quote scolastiche. Le attività principali in cui si articola il processo di accertamento sono: a) individuazione dei segmenti potenzialmente a rischio di evasione o elusione; b) selezione delle posizioni soggettive da sottoporre ad accertamento; c) notifica degli atti; d) assistenza alla regolarizzazione; e) predisposizione degli atti ingiuntivi; f) predisposizione delle eventuali rettifiche o annullamenti degli atti emessi; g) predisposizione della documentazione tecnica a supporto e tutela della pretesa tributaria; h) verifica dei crediti vantati dai cittadini. Nei prospetti che seguono sono indicati i dati sintetici della produzione 2012, in termini di volume di attività (codici fiscali e atti emessi) e di maggior tributo intimato (al netto e al lordo delle sanzioni e degli interessi). Prospetto 1. Attività di controllo Dettaglio per tributo (produzione anno 2012) Tipo entrata Codici Fiscali Atti Entrata netta Entrata lorda ( ) ( ) ICI Controlli automatizzati ICI Controlli mirati COSAP CIP Quote scolastiche Totale

6 Prospetto 2a. Recupero evasione Maggior importo intimato Importo intimato Tipo entrata Variazioni % 2012 su 2011 Variazioni % 2012 su 2010 ICI Controlli automatizzati % 6% ICI Controlli mirati % 47% COSAP % 227% CIP % 59% Quote scolastiche % 27% Totale complessivo % 29% Prospetto 2b. Recupero evasione Numero atti emessi Numero di atti Tipo entrata Variazioni % 2012 su 2011 Variazioni % 2012 su 2010 ICI Controlli automatizzati % 66% ICI Controlli mirati % 61% COSAP % 119% CIP % 41% Quote scolastiche % 13% Totale complessivo % 45% Le attività di verifica svolte nel 2012 nel settore dell Ici hanno interessato prevalentemente le annualità di imposta successive al 2007 e sono state quindi sensibilmente influenzate dall entrata in vigore dell esenzione per l abitazione principale. Tale modifica legislativa ha infatti comportato, rispetto agli anni passati, la riduzione a circa un terzo del numero di soggetti passivi d imposta, con conseguente riverbero sull attività di accertamento nei confronti delle persone fisiche, che ha registrato una sensibile riduzione in termini di soggetti accertati passati dai del 2010 agli del Tale riduzione è stata in parte controbilanciata dall incremento delle verifiche su soggetti titolari di patrimoni immobiliari di particolare rilevanza, consentendo di emettere atti di accertamento che, sebbene in forma numericamente ridotta, hanno registrato un importo intimato complessivamente di euro a fronte degli euro del Dal confronto fra le attività di controllo effettuate nelle annualità 2010, 2011 e 2012 (Prospetti 2a e 2b), emerge la sostanziale conferma dei volumi di intimato nel triennio, al netto dell eccezionale accertamento ATER effettuato nel

7 Giova altresì segnalare che, come noto, l attività di accertamento svolta nel 2012 ha subito una sostanziale interruzione nel periodo che va dal 1 luglio al 31 agosto ed un sensibile rallentamento nel mese di settembre, a causa dell introduzione del nuovo sistema informatico. Tale criticità, puntualmente segnalata da Æqua Roma dal suo primo insorgere come peraltro dimostrato dall inteso scambio di note intervenuto fra la Società ed i diversi organi amministrativi di Roma Capitale, nonché da quanto riportato nei verbali delle riunioni tenutesi con i rappresentanti dei vari Dipartimenti ha comportato il perdurare della concentrazione degli invii degli atti negli ultimi mesi dell anno solare, impedendo, ancor più degli anni passati, la distribuzione in tutta la seconda metà dell anno, con conseguente congestionamento degli uffici di assistenza al pubblico nei primi mesi del Sempre con riguardo alla sola ICI, dal 2011 viene svolta un ulteriore attività riguardante la verifica della correttezza delle richieste di rimborso da parte dei cittadini, finalizzata al contrasto ai crediti inesistenti e alla velocizzazione della procedura di rimborso del dovuto. Tale attività completa il processo di controllo, anche attraverso le verifiche tempestive, avviate nel 2012, delle compensazioni effettuate dai contribuenti. Il recupero delle entrate di competenza dei Municipi (COSAP, CIP e Quote scolastiche) mostra un risultato apprezzabile, in quanto nel 2011 era stato compiuto uno sforzo eccezionale di estensione dell invio di atti di recupero della morosità, con particolare riferimento al COSAP, a tutte le annualità potenzialmente oggetto di accertamento. Nel 2012, quindi, in quasi tutti i Municipi supportati da Æqua Roma, è stata accertata la sola annualità disponibile: il Ciò comporta, come è ovvio, un volume di intimato decisamente minore, ma una qualità degli atti molto più elevata e un riscontro verso gli operatori economici soggetti al pagamento del canone di occupazione del suolo pubblico più rapido ed efficace. Il risultato è inoltre dovuto al recupero delle somme dovute da parte delle aziende che forniscono pubblici servizi, recupero al quale, nel 2012, è stata prestata particolare attenzione a supporto del Dipartimento Risorse Economiche. Una menzione va fatta anche per quanto riguarda il recupero delle quote scolastiche non riscosse dai Municipi negli anni passati. Anche in questo caso, soprattutto in quei Municipi che hanno chiesto per la prima volta il supporto di Æqua Roma anche in questo settore, si è proceduto ad accertare tutte le annualità pregresse, in modo di allinearsi ad un recupero della morosità pressoché immediato. Nel corso del 2012 si è avviata la profonda riorganizzazione dell assetto della unità organizzativa preposta alla gestione del supporto ai Municipi, evidenziata come necessaria già nel corso dell anno precedente, per rispondere in maniera tempestiva ed efficace alle nuove esigenze produttive anche alla luce di quanto stabilito con il nuovo contratto di servizio. La riorganizzazione privilegia una suddivisione trasversale delle attività affidate a ciascun coordinatore, ciò al fine di garantire omogeneità delle lavorazioni in tutti i Municipi in cui opera Æqua Roma, e al contempo favorire l adozione di procedure standard, l ottimizzazione dell impiego delle risorse umane, 7

8 l attivazione di procedure di gestione del contribuente già proficuamente sperimentate nella sede aziendale. Il servizio di assistenza al contribuente erogato attraverso un sistema integrato di gestione dei rapporti con i contribuenti (Sportelli, Call Center, fax, posta ordinaria, posta elettronica, sito istituzionale) rappresenta un aspetto fondamentale della missione di Æqua Roma. Nel corso del 2012 è stato compiuto un intervento di miglioramento sostanziale della qualità dei servizi di assistenza ai cittadini, attraverso il loro trasferimento al piano terra dell immobile di via Ostiense, principale sede aziendale. Ciò ha significato garantire: a) L accessibilità completa agli sportelli, liberi da ogni tipo di barriera architettonica. b) La visibilità immediata da parte dei cittadini senza necessità di rivolgersi ai servizi di portierato dell immobile. c) L incremento del numero degli sportelli, utile ad affrontare le criticità legate alle scadenze che provocano elevati picchi di affluenza. d) Il miglioramento qualitativo dell accoglienza e, in definitiva, dei contenuti del servizio di assistenza ed informazione che, ferma restando la polifunzionalità degli operatori, può essere differenziato per tipologia di utente. È stata inoltre portata a termine la riorganizzazione del call center, che ha consentito di soddisfare il 90% delle richieste telefoniche contro una media del 50% registrata nel passato. Si prevede di proseguire negli interventi, anche sperimentando possibilità di telelavoro finalizzato ad un recupero di personale attualmente in part time, specializzato nel servizio di assistenza telefonica. Il progetto prevede un adeguamento delle infrastrutture telefoniche e telematiche che andrà a beneficio anche del servizio di acquisizione dati e di controllo di qualità, già svolti in buona parte con la modalità del telelavoro. Inoltre, è stata ampliata la gamma di servizi, fornendo assistenza ai conduttori di strutture ricettive in materia di Contributo di soggiorno e fornendo, soprattutto telefonicamente, piena informazione sull IMU. I miglioramenti nei livelli di servizio dell assistenza ed informazione al cittadino, peraltro, sono stati analizzati, con esiti ampiamente positivi, dall indagine effettuata dall Agenzia per il controllo e la qualità dei servizi pubblici locali di Roma Capitale, pubblicata nel settembre Successivamente a questa indagine, Æqua Roma ha utilizzato gli schemi metodologici dell indagine per avviare una raccolta sistematica finalizzata alla misurazione della Customer Satisfaction, al fine di monitorare costantemente i servizi resi e di migliorarli con il contributo dei cittadini; questo progetto si è concretizzato, nel dicembre 2012, con la distribuzione di un questionario (anonimo, 8

9 facoltativo e compilabile online) a tutti i cittadini che fruiscono dei servizi di sportello e di Call Center. Le soluzioni tecnologiche adottate nel corso del 2012 per la creazione della nuova sede del front office, inoltre, sono risultate finaliste ai premi Innovazione ICT di Smau Lazio 2013 e Smart City Smau Business Roma Per quanto riguarda l entrata di più recente istituzione, il Contributo di soggiorno, ad un iniziale fase di organizzazione del lavoro attraverso la predisposizione di standard operativi e di modulistica in collaborazione con il Dipartimento Risorse Economiche, è seguita una fase più operativa di verifica dei pagamenti effettuati e di contrasto all evasione. Sono stati, infatti, inviati n avvisi di integrazione della documentazione alle strutture recettive non in regola con le dichiarazioni e i relativi pagamenti per l annualità 2011 e sono stati emessi, tra aprile e luglio 2012, n. 858 verbali di irrogazione delle previste sanzioni amministrative. Nel periodo da luglio a settembre 2012, sono stati notificati n. 616 verbali a strutture che non hanno aderito all invito di presentazione. I positivi risultati ottenuti, nonostante le difficoltà dovute essenzialmente al non completamento del quadro normativo, inducono a ritenere questo un settore con un margine di potenzialità e di sviluppo futuro. In materia di collaborazione dei Comuni nell'attività di accertamento condotta dagli uffici dell'amministrazione finanziaria, Æqua Roma, nella ricerca di nuove modalità di controllo integrato tra le diverse fonti informative di ambito locale, ha predisposto segnalazioni qualificate derivate soprattutto dagli accertamenti ICI effettuati negli anni precedenti. Nel 2012, l attività di contrasto all evasione effettuata per mezzo del controllo diretto sul territorio, svolta dagli Addetti Accertatori di Æqua Roma è stata da un lato orientata a consolidare i risultati già ottenuti negli anni precedenti per gli accertamenti su COSAP e CIP, dall altro ad estendere i controlli ad altre entrate. È, infatti, proseguita la campagna di controlli sulla TaRi, avviata nel 2011, ed è stata attivata una procedura di controllo riguardante l ICI/IMU. Nel 2012, in forza di quanto disposto dalla Delibera di giunta Capitolina n. 69 del 2012, è stato costituito da Roma Capitale il Gruppo Permanente Coordinamento Controlli sul Territorio, la cui attività ha consentito in particolare di armonizzare l attività svolta dagli accertatori di Æqua Roma con quella della Polizia di Roma Capitale, con l Inps ed in alcuni casi con la Guardia di Finanza, consentendo di ottenere sensibili recuperi di efficienza nonché una maggiore efficacia complessiva. In questo quadro, al fine di migliorare e rendere sempre più efficaci i controlli sul territorio, si è proceduto ad introdurre un nuovo modello di rilevazione (PT10), unico per ogni tipologia di controllo, da utilizzare per la redazione dei verbali di constatazione. Nella direzione di un rafforzamento degli strumenti disponibili per il controllo e di una più attenta gestione della base del prelievo, devono considerarsi tutte le lavorazioni affidate ad Æqua Roma nell ambito dell attuazione del Protocollo di Intesa tra Agenzia del Territorio e Roma Capitale. In 9

10 particolare, sono state effettuate rettifiche di toponomastica rispetto alle previste e sono state effettuate lavorazioni a fronte di una gestione prevista di n. 700 pratiche in relazione agli interventi in applicazione del comma 336 della legge 311/2004. Infine, Æqua Roma svolge per conto del Dipartimento Risorse Economiche un importante attività di controllo sulla legittimità delle richieste di agevolazione sociale. Tali controlli sono stati svolti su tutte le agevolazioni richieste ai fini dell esenzione dal pagamento della tariffa rifiuti e su una percentuale superiore al 70% delle richieste di agevolazione tariffaria nel settore dei servizi scolastici capitolini (asili nido, mense, trasporto ecc.). L obiettivo di fondo è quello di perseguire azioni di deterrenza di comportamenti opportunistici o elusivi, a fine di garantire una corretta ed equilibrata distribuzione dei benefici nei confronti delle categorie meno abbienti. Il sistema informativo delle Agevolazioni sociali rappresenta uno strumento indispensabile per il rafforzamento del sistema di controllo da parte dell Amministrazione capitolina sulle agevolazioni concesse e per potenziare la capacità di programmazione e definizione dei criteri agevolativi. Più in particolare, nel 2012 Æqua Roma ha effettuato verifiche massive incrociando le informazioni delle diverse banche dati (catasto, anagrafe comunale e Siatel) al fine di individuare i soggetti che pur avendo presentato la richiesta di agevolazione tariffaria (TaRi, asili nido e mense scolastiche) non ne avevano diritto in quanto privi dei requisiti richiesti. Su richieste controllate, hanno evidenziato anomalie, segnalate al Dipartimento Risorse Economiche o avviate ad accertamento per quanto riguarda la TaRi. Il contratto di servizio con il settore Affissioni e Pubblicità di Roma Capitale Le attività di supporto al settore Affissioni e pubblicità (all interno, attualmente, del nuovo Dipartimento Attività Economiche e Produttive Formazione e Lavoro) di Roma Capitale, svolte in attuazione del contratto di Servizio approvato con Delibera di Giunta Capitolina n.108 del 17 dicembre 2010 hanno indotto l Amministrazione Capitolina alla stipulazione del nuovo contratto di Servizio, approvato con Delibera di Giunta Capitolina n. 182 del 27 giugno Al fine di garantire il consolidamento dei nuovi modelli procedurali ed organizzativi e di favorirne l ulteriore sviluppo, sono state affidate ad Æqua Roma tutte le attività di competenza dello Sportello Impresa della Direzione Regolazione e Gestione Affissioni e Pubblicità; pertanto, tale competenza ha riguardato non solo le ditte pubblicitarie ma anche i privati, non solo istanze di spostamento ma anche nuove autorizzazioni, la gestione non solo di impianti pubblicitari ma anche altre forme di pubblicità temporanea e permanente (volantinaggio, pubblicità su veicoli e altro). Alcuni fatti di cronaca emersi in questo settore hanno portato l Amministrazione Capitolina ad attuare alcune modifiche sia di carattere strutturale sia di carattere normativo, che hanno avuto ripercussioni sulle attività di Æqua Roma, tra le quali è opportuno ricordare la sospensione per circa cinque mesi di ogni attività riguardante l impiantistica pubblicitaria a seguito dell Ordinanza del Sindaco n. 263/2011, nonché l adozione, con la Determinazione Dirigenziale n. 618/2012, di 10

11 nuove procedure relative alle istanze di spostamento e/o ricollocazione e di trasformazione degli impianti. I risultati ottenuti sono così sintetizzabili: sono state analizzate pratiche di cui necessitavano di ulteriore verifica prima di poter effettuare l aggiornamento nella Banca Dati; sono stati effettuati tutti gli aggiornamenti necessari, di cui oltre il 90% entro i 30 giorni dalla ricezione dell istanza. Il processo di gestione delle entrate è composto da verifiche contabili varie finalizzate all analisi delle posizioni contabili per annualità pregresse, alla predisposizione dei tabulati con le situazioni debitorie da inviare alle ditte, alla definizione dei conteggi per il rilascio di identificativi per nuovi impianti o vulture e spostamenti, nonché alla gestione dei contatti con le ditte e con i cosiddetti privati per quanto riguarda gli aspetti economici. Le verifiche hanno riguardato tutte le ditte presenti nella banca dati. Sono state ricevute e analizzate richieste di discarico rispetto a controversie giudiziali e stragiudiziali. Per oltre l 87% di tali richieste è stato interamente completato il processo di lavorazione. Il contratto di servizio con AMA Nei primi mesi del 2012 è stato rinnovato il contratto di servizio fra Ama S.p.A. e Æqua Roma S.p.A. che regola, su base triennale, l affidamento a quest ultima delle attività di contrasto all evasione totale e parziale della Ta.Ri. Nello specifico, ad Æqua Roma è dato l incarico di individuare quei contribuenti, siano essi persone fisiche o giuridiche, la cui comunicazione di iscrizione alla Ta.Ri. risulti infedele ovvero non presentata. Una volta terminata con esito positivo la fase di accertamento, le posizioni individuate sono oggetto di regolarizzazione da parte di AMA e rientrano da questo momento in poi nella completa autonomia gestionale di quest ultima anche per quanto riguarda il contrasto alla morosità. Tale impianto contrattuale comporta pertanto una costante e fisiologica riduzione negli anni del bacino di indagine sul quale opera Æqua Roma, al netto di nuove iscrizioni, variazioni o cessazioni. Ne deriva pertanto che, al fine di garantire il mantenimento in termini di somme intimate dei livelli di recupero dell evasione Ta.Ri nel corso degli anni, l azione di accertamento svolta da Æqua Roma debba essere caratterizzata dalla costante ricerca di nuove metodologie, in grado di permettere l individuazione di nuovi ambiti di evasione a compensazione dell esaurimento fisiologico di quei bacini per i quali le verifiche si sono concluse con esito positivo negli anni precedenti. 11

12 Nel corso del 2011, notevole impulso all individuazione di nuove metodologie di accertamento è stato fornito dall acquisizione di nuove banche dati da parte di enti esterni nonché dall aggiornamento e dalla riqualificazione di quelle disponibili. In tale contesto si inquadra l aggiornamento completo dell Anagrafe della popolazione, della banca dati della Camera di Commercio e l acquisizione degli studi di settore dall Agenzia delle entrate. Tali informazioni hanno consentito di avviare, sperimentalmente, alcune nuove linee di produzione nel corso del secondo semestre del 2011 e di porle a regime nell anno successivo. Non minor rilevanza ha assunto, a partire dal 2011, l incremento delle attività di accertamento scaturite dai sopralluoghi svolti dagli accertatori di Æqua Roma nel 2012, meglio articolata anche in virtù della partecipazione attiva al già citato Gruppo Permanente Coordinamento Controlli sul Territorio. Prospetto 4. Attività di controllo Accertamenti TaRi Sanzione Totale Anno di con sanzione con sanzione Tributo Agevolata Piena Interessi produzione agevolata piena Totale complessivo Per quanto riguarda la produzione del 2012, va segnalato che non sono stati spediti atti per un valore pari a ,43 (sanzione agevolata, pari a ,20 calcolando la sanzione piena) in quanto AMA ha avocato a sé le procedure di regolarizzazione/accertamento durante la fase di validazione. La produzione è stata caratterizzata dall emissione di atti per un pari numero di soggetti accertati. Tale produzione è risultata, in termini di somme intimate, in linea con gli obiettivi e solo leggermente inferiore a quella registrata nel Per quanto riguarda il numero di soggetti accertati si è assistito, invece, ad una drastica riduzione rispetto all anno precedente attestatosi a La motivazione della drastica riduzione del numero di soggetti accertati in costanza di somme intimate risiede principalmente nella scelta, effettuata quest anno, di concentrare l attenzione sul fenomeno dell evasione totale, rimasto negli anni precedenti sostanzialmente ai margini dell azione di accertamento, prevalentemente a causa della citata indisponibilità di informazioni. Mentre infatti nel 2011 l accertamento dell evasione totale riguardava il 20% dell attività complessiva, nel 2012 questa percentuale è salita a più del 70%. Tale cambiamento di indirizzo, 12

13 oltre ad andare nella direzione di una migliore garanzia del principio di equità fiscale, comporterà un incremento sostanziale, rispetto agli anni precedenti, delle somme iscrivibili a ruolo, in ragione dell applicazione di una sanzione piena doppia rispetto a quella prevista per l evasione parziale. L accertamento riguardante l utilizzo abitativo dell immobile (cosiddette utenze domestiche) in senso stretto ha portato all emissione di atti nei confronti di evasori totali per una somma intimata complessiva di euro a sanzione ridotta. I soggetti sono stati individuati attraverso l incrocio automatico dei dati catastali, dell Anagrafe della Popolazione, dell Anagrafe Tributaria e dei dati relativi alle utenze elettriche. All interno della categoria utenze domestiche, nel 2012, sono stati svolti accertamenti riguardanti anche particolari categorie di soggetti, quali i professionisti, che sono risultati, in base alle analisi preliminari, evasori totali ovvero iscritti erroneamente nella categoria delle utenze domestiche, in base all uso promiscuo dell immobile destinato all attività o dall elezione dello stesso come residenza. L accertamento riguardante i professionisti, che ha riguardati notai e avvocati, ha portato all emissione di atti nei confronti di 806 soggetti, dei quali circa l 80% evasori totali, per un importo complessivamente intimato di euro determinato applicando la sanzione ridotta. I soggetti sono stati individuati attraverso l incrocio automatico dei dati catastali, dell Anagrafe della Popolazione, dell Anagrafe Tributaria, dei dati relativi alle utenze elettriche, degli albi professionali e degli studi di settore. L accertamento riguardante prevalentemente l utilizzo commerciale degli immobili (utenze non domestiche) ha interessato prevalentemente le categorie merceologiche della ristorazione, dell abbigliamento, dell arredamento e dell edilizia. Tra questi, si segnalano gli accertamenti delle violazioni individuate in base ai verbali redatti dagli accertatori di Æqua Roma, dalla Polizia di Roma Capitale e dalla Guardia di Finanza, che hanno portato all emissione di atti nei confronti di 828 evasori parziali e totali per una somma complessivamente intimata di euro (sanzione ridotta). Nel corso del 2012, infine, è stata avviata la nuova procedura per l iscrizione al ruolo della riscossione coattiva degli accertamenti TaRi effettuati da Æqua Roma. Sono stati iscritti a ruolo gli atti emessi nel 2009, per un importo complessivo di euro Æqua Roma ha inoltre svolto il consueto servizio di assistenza ed informazione attraverso i propri sportelli, anche per quanto riguarda la tariffa rifiuti. Un cenno merita il coinvolgimento degli Addetti Accertatori nell attività di verifica della correttezza delle dichiarazioni TaRi, concentratasi quest anno nei confronti di grandi centri commerciali situati nel territorio di Roma Capitale. Tali rilevazioni hanno consentito di potenziare l azione di contrasto all evasione della tariffa con l utilizzo di mezzi istruttori diversi da quelli tradizionalmente usati. Questa nuova modalità di intervento è stata avviata nel 2011 e proseguirà nel 2013 in quanto risultata particolarmente efficace. 13

14 Le attività di gestione e supporto La gestione delle Risorse Umane Dotazione Organica Nel corso del 2012 è proseguito il consolidamento della struttura organizzativa aziendale introdotta nel 2011 con il varo del nuovo organigramma. In particolare, è proseguita l azione di miglioramento della distribuzione e dell utilizzo delle risorse umane tenuto conto degli assetti organizzativi e dei fabbisogni specifici delle singole strutture, al fine di perseguire nell operato aziendale una maggiore efficienza e una maggiore reattività all evoluzione delle politiche delle entrate e della lotta all evasione ed all elusione. Le vicende normative che hanno interessato nel corso del 2012 la legislazione sulle società partecipate dagli enti locali, in particolare il decreto legge 95/12, convertito dalla legge 135/12, hanno indotto il Consiglio di Amministrazione della società a non rinnovare, alla scadenza di agosto 2012, l incarico al direttore generale, in attesa che la legislazione si assesti e che siano adottati le scelte e i provvedimenti di competenza di Roma Capitale. Le funzioni del direttore generale, quindi, sono state svolte da quel momento direttamente dall Amministratore delegato. Nel mese di aprile 2012 la struttura organizzativa è stata integrata con l introduzione del nuovo Ufficio di Staff Contributo di Soggiorno, incardinato nell ambito della Direzione Fiscalità Generale. Il numero di risorse umane al 31/12/2012 è risultato pari a 324 unità, invariate rispetto al 2011, corrispondenti a 313,83 FTE (Full Time Equivalent). I rapporti di lavoro part time sono aumentati di 2 unità per complessivi 42 dipendenti (40 nel 2010), corrispondenti a 33,16 FTE. Organico al 31/12/2012 suddiviso per livelli d'inquadramento contrattuale Organico al 31/12/2012 suddiviso per livelli d'inquadramento contrattuale Dirigenti 5 Quadri 17 Impiegati 1 Livello 19 Impiegati 2 Livello 50 Impiegati 3 Livello 204 Impiegati 4 Livello 14 Impiegati 5 Livello 15 Totale 324 L organico alla data del 31/12/2012, suddiviso per genere, è composto dal 50,31% da donne e dal 49,69% da uomini e l età media del personale è di circa 43 anni. 14

15 Inoltre, sempre alla data del 31/12/2012, il personale era distribuito sul territorio di Roma Capitale come segue: Organico al 31/12/2012 suddiviso per dislocazione operativa ORGANICO AL 31/12/2012 SUDDIVISO PER DISLOCAZIONE OPERATIVA Sede Di Via Ostiense* 252 Municipi 43 Sportello Di Ostia 8 Presso Agenzia Del Territorio 17 Presso A.M.A. 1 In Distacco Presso Regione Lazio 2 In Distacco Presso Zetema 1 Totale 324 * di cui 6 in Telelavoro Del personale in forza al 31/12/2012, due lavoratrici sono in distacco presso la Regione Lazio, su richiesta dell Ente stesso, mentre 1 lavoratore è in distacco presso la società Zètema per distacco infragruppo. Sempre in posizione di distacco, presso Æqua Roma presta la propria opera, con incarico dirigenziale, un funzionario dell Agenzia delle Entrate. Nel corso dell anno è proseguito l utilizzo dell istituto della somministrazione di lavoro, che ha coinvolto 10 impiegati. Sono inoltre state effettuate n. 4 assunzioni, di cui 3 attingendo a risorse umane provenienti da aziende partecipata da Roma Capitale, mentre si sono verificate n. 4 cessazioni dei rapporti di lavoro, così suddivise: n. 2 decessi n. 1 per raggiunti limiti di età pensionabile; n. 1 per dimissioni. Durante il 2012 è stato corrisposto al personale il premio di produzione relativo al Come già nel 2011, confermando il processo di valutazione di tutti coloro che in azienda hanno un incarico dirigenziale, direttivo o di coordinamento, anche per il 2012 l Azienda ha assegnato a tutti i responsabili di struttura organizzativa obiettivi di risultato. La valutazione dei risultati raggiunti costituisce la base anche per la corresponsione della parte variabile della retribuzione. 15

16 Formazione L attività di formazione ha riguardato 279 lavoratori per un numero totale di ore, pari a 33,5 ore medie pro capite per partecipante. Rispetto al 2011 le ore di formazione erogate sono aumentate di circa il 13% ed i corsi hanno coinvolto circa l 85% delle risorse in forza. Gli interventi formativi hanno riguardato prevalentemente i temi della fiscalità locale in particolare l IMU, l informatica specialistica, il processo tributario, la polifunzionalità degli operatori di Front e Back Office nonché di quelli dislocati presso i Municipi, la riscossione coattiva e, per quanto attiene la formazione obbligatoria, la normativa sulla sicurezza sui luoghi di lavoro (D.Lgs. 81/2008). È stato in parte possibile utilizzare risorse finanziarie pubbliche messe a disposizione dagli organismi istituiti nell ambito del CCNL di categoria (Ente Bilaterale Territoriale di Roma e Fondo di Formazione del Terziario) ed in tal modo finanziare iniziative di formazione in tema di privacy, informatica avanzata, aggiornamento sulla fiscalità locale, sicurezza sui luoghi di lavoro, comunicazione efficace, contenzioso tributario, per un numero complessivo di ore di formazione finanziata erogate pari a per circa il 25% del personale. Una considerevole attenzione è stata dedicata alla formazione in house del personale coinvolto nei processi core, sul nuovo sistema informativo di produzione denominato Thebit Web, entrato in esercizio nel luglio La formazione si è svolta sia in modalità d aula che on the job. Infine si segnala che, nell aprile 2012, l Azienda ha presentato alla Regione Lazio un progetto formativo aderendo all iniziativa denominata A.G.I.S.C.O. Apprendimento per Generare Innovazione, Sviluppo delle Competenze e Occupazione, che prevedeva l erogazione da parte dell Ente di risorse a fondo perduto a valere sui fondi ex art. 9 della legge 236/93. Il progetto aziendale è stato ritenuto ammissibile al finanziamento di circa ,00, che però non sono stati liquidati per esaurimento delle risorse al momento disponibili, con riserva di riapertura delle erogazioni in presenza di nuove linee di finanziamento. I sistemi informativi Il 2012 è stato l anno di avvio del nuovo sistema informativo per la gestione degli accertamenti che Roma Capitale ha messo a disposizione di Æqua Roma in attuazione di un apposito protocollo d intesa, del luglio 2010, finalizzato all integrazione dei sistemi informativi comunali. L avvio è avvenuto il 1 luglio con una buona risposta, tanto funzionale quanto prestazionale, rispetto alle attività di servizio ai contribuenti (assistenza ed informazione, rettifica di atti, verifica dei versamenti effettuati ecc.). Più graduale e inizialmente problematica è stata, invece, 16

17 l implementazione a regime delle funzionalità di generazione degli accertamenti, sia ICI sia Ta.Ri., con il conseguente affollamento della notifica degli atti negli ultimi mesi dell anno. Oggi il sistema può dirsi avviato, ancorché suscettibile delle normali attività di tuning, in particolare riferite agli aspetti conclusivi del ciclo di vita dell accertamento non ancora provati sul campo; si tratta degli adempimenti connessi all iscrizione a ruolo, per la successiva riscossione coattiva, oltre che alla definizione di adeguati cruscotti direzionali. Tuttavia, la base informativa su cui si fonda il sistema sembra fornire sufficienti garanzie per una rapida e corretta implementazione di tali funzionalità. Naturalmente, la tendenza evolutiva si proietta interamente verso la gestione dei nuovi tributi locali, ovvero IMU e TARES. Per questo, già nel 2012 il sistema ha integrato i versamenti pervenuti per l IMU ed è predisposto, salvo variazioni normative, ad integrare i versamenti che perverranno per la TARES. Appare evidente, tuttavia, che l impegno più consistente riguarderà le nuove funzioni per la gestione degli atti di accertamento dei due nuovi tributi. Nel corso dell anno, inoltre, è stato avviato in esercizio il sistema di protocollazione informatica, conforme agli standard previsti dalla normativa nazionale, integrato con un sistema di gestione documentale. L operazione ha consentito un notevole efficientamento dei flussi documentali e la graduale dematerializzazione della documentazione aziendale. Infine, con l obiettivo di raggiungere un adeguato livello di compliance rispetto alle linee guida di DigitPA in materia di Disaster Recovery e Business Continuity, la società si è dotata di un sito secondario per la continuità del sistema informativo aziendale. Ciò consente, in caso di evento critico che riguardasse il data center aziendale, di operare su un data center secondario, fisicamente dislocato in una sede remota e perfettamente allineato a quello principale. La comunicazione ai cittadini Il sito internet aziendale (www.aequaroma.it) è stato aggiornato costantemente e tempestivamente, al fine di mantenere una comunicazione diretta con i cittadini nonché di contribuire a promuovere il ruolo e l immagine della società. I dati sugli accessi alle pagine web, verificati attraverso Google Analytics, hanno registrato un incremento di circa il 40% di visite rispetto al 2011, a ulteriore conferma di quanto il sito sia diventato punto di riferimento per i cittadini per le discipline dei tributi locali e per i servizi resi da Æqua Roma. Le informazioni sulla fiscalità locale, periodicamente aggiornate e allineate alle indicazioni riportate nel sito di Roma Capitale, la possibilità di prenotare on line gli appuntamenti presso gli uffici e la possibilità di esprimere giudizi sulla qualità dei servizi, rendono il sito uno strumento non solo di comunicazione con la cittadinanza, ma anche di governo dei processi di assistenza ai 17

18 cittadini, consentendo ad Æqua Roma di raccoglierne critiche e suggerimenti utili al miglioramento. L audit interno In ottemperanza a quanto previsto dal Piano delle attività 2012, nonché alle best practices di riferimento in materia, Æqua Roma ha svolto, nel periodo di competenza, nove interventi di audit, realizzati seguendo l iter procedurale disciplinato nel proprio Manuale operativo, elaborato nel corso del Tali interventi di audit hanno riguardato, nello specifico, le seguenti principali attività operative: 1. processo di autotutela 2. procedura rilevazione presenze sede centrale 3. contenzioso 4. verifica accessi 5. contributo di soggiorno 6. verifica presenze presso i municipi 7. gestione assunzioni 8. gestione consulenze 9. sistema poteri di firma. Le attività di internal audit sono state inoltre tese a supportare l Organismo di Vigilanza di Æqua Roma nel processo di applicazione concreta del Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 231/01, che comporta la verifica, per ciascun intervento di audit, della possibile attinenza dell oggetto dell intervento ai temi sensibili ai sensi del decreto. Il Documento Programmatico sulla Sicurezza L aggiornamento del Documento Programmatico sulla Sicurezza, ancorché non più obbligatorio per la soppressione del punto g) previsto dal comma 1 dell art.34 del Dlgs.196/2003, è, per le caratteristiche della società, un fondamentale momento di confronto per la puntuale definizione degli elementi di rischio per i dati personali trattati. Nel corso del 2012, l aggiornamento è stato formalizzato con C.I. n.60 del 26 marzo 2012, continuando così a rispettare, per una sorta di impegno aziendale, la normativa abrogata. L aggiornamento, viste le misure già adottate e riepilogate nelle due precedenti versioni del 2011, ha fotografato le ordinarie evoluzioni aziendali, senza particolari novità rispetto ai livelli di sicurezza già precedentemente consolidati. 18

19 I rapporti con Roma Capitale quale soggetto preposto alla direzione ed al coordinamento Per ciò che afferisce il rispetto delle regole di condotta in merito agli obblighi informativi, la società ha ottemperato alla presentazione trimestrale delle relazioni sul generale andamento della gestione e sui dati economici, patrimoniali e finanziari dell azienda. Nel corso dell esercizio non sono state svolte operazioni soggette agli obblighi di comunicazione e autorizzazione preventiva previsti dal comma 2, art. 14 dello Statuto della società. I principali rischi ed incertezze Rischi derivanti dalla gestione del rapporto contrattuale con il Dipartimento Attività Economiche e Produttive di Roma Capitale Il contratto annuale con il Dipartimento Attività Economiche e Produttive per il settore Affissioni e Pubblicità è scaduto il 28 febbraio. Le procedure per il rinnovo sono in fase avanzata al momento della redazione della presente relazione, con prospettiva di incremento delle attività nonché dei connessi corrispettivi economici. I tempi di approvazione, tuttavia, risentono delle difficoltà di bilancio di Roma Capitale e delle relative procedure di reperimento delle risorse necessarie al suo finanziamento. Rischi finanziari Non possono che confermarsi, rafforzate, le considerazioni espresse nel bilancio dell esercizio La situazione economica generale è divenuta ancor più critica. In tale contesto il sistema bancario ha ulteriormente diminuito l erogazione di credito a favore delle imprese. Considerando le difficoltà che anche Roma Capitale, nostro socio totalitario, presenta nel raggiungere il pareggio di bilancio e nel reperire le risorse finanziarie di cui abbisogna, si comprende come anche Aequa Roma abbia subito i contraccolpi di tale riduzione del credito. Nel corso del 2012 la società ha visto diminuire i propri affidamenti di 4,0 milioni di, da 30,1 a 26,1 milioni. Stante le considerazioni sopra esposte, si possono comprendere le difficoltà che il Management, nonostante gli sforzi intrapresi, incontra sistematicamente per mantenere la società in equilibrio finanziario. A tale fine diventa fondamentale che i pagamenti dei due clienti principali, Roma Capitale ed AMA, si velocizzino, allineandosi agli standard contrattuali. 19

20 Rischi connessi con il perdurare della mancata definizione dei rapporti riguardanti il ramo d azienda Servizi Tributari Come riferito nella relazione sul bilancio 2011, nel mese di maggio 2012 venivano riavviate le trattative tra Æqua Roma e la Curatela del fallimento Gemma (il 7 febbraio 2011 il Tribunale civile di Roma Sezione Fallimentare ha dichiarato il fallimento di Gemma Spa con la nomina di un collegio di curatori), aventi a oggetto una soluzione transattiva per la definizione dell annosa vicenda dell affitto da parte di Roma Entrate (poi divenuta Æqua Roma) del ramo d azienda RAST di proprietà di Gemma SpA. In particolare, con lettera del 15 maggio 2012, la Curatela Fallimentare, senza entrare nel merito delle questioni, manifestava la sua disponibilità a riprendere la trattativa e ad un incontro. In data 14 giugno 2012, Æqua Roma e la Curatela si incontravano, addivenendo ad un ulteriore ipotesi transattiva per la cessione del ramo d azienda. Tuttavia, in data 17 luglio 2012, la Curatela comunicava ad Æqua Roma di avere sottoposto alla valutazione del Comitato dei Creditori la nuova ipotesi transattiva e che il Comitato dei Creditori aveva espresso un netto dissenso all adesione alle condizioni ipotizzate. Con comunicazione in data 27 luglio 2012, Æqua Roma riscontrava detta ultima comunicazione della Curatela di Gemma rilevando come per la seconda volta Codesta Spettabile Curatela riferisce del dissenso del Comitato dei creditori nell accettare nostre ipotesi di soluzioni transattive per l annosa questione riguardante l affitto del ramo di azienda servizi tributari RAST formulando due osservazioni: La prima: la titolarità del credito verso la Gestione Commissariale è di Æqua Roma così come spiegato anche nella nostra ultima lettera del , onde le Vostre affermazioni al riguardo risultano completamente destituite di fondamento. La seconda osservazione concerne lo svolgimento delle trattative. Dopo varie riunioni in cui si è giunti ad ipotizzare una linea transattiva con notevole grado di dettaglio viene inviata una lettera in cui da parte del Fallimento si respinge in toto, con affermazioni del tutto generiche, l impostazione. In considerazione di ciò Æqua Roma accoglieva l invito a non ritenere perente le chances di successo relative ad una possibile intesa, sollecitando da parte della Curatela una riflessione su come procedere per proseguire la trattativa rendendo proficuo il lavoro di tutti. Nel mese di gennaio 2013 riprendevano i contatti tra la Curatela e Æqua Roma per valutare la possibilità di giungere ad una definizione transattiva non mediante la cessione del ramo di azienda, ma attraverso una risoluzione concordata del contratto di affitto. L obiettivo è porre fine alle varie questioni controverse riguardanti, per esempio, la definizione del perimetro del ramo d azienda, la durata del contratto d affitto, la titolarità dei crediti in esso originariamente contenuti nonché il loro valore, il pagamento delle rate del canone d affitto e il trattenimento da parte della Curatela del fallimento a diverso titolo di somme corrisposte da Æqua Roma ecc.; attraverso un accordo complessivo che veda il pagamento da parte di Æqua Roma in favore del 20

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI APPROVATO con delibera di C.C. n. 19 del 28 Febbraio

Dettagli

3.4.1 Descrizione del Programma

3.4.1 Descrizione del Programma PROGRAMMA N -006 GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE FINANZIARIE RESPONSABILE DOTT. GIULIO PINCHETTI (Il riferimento al Responsabile è puramente indicativo, individuazione formale avverrà in sede di P.E.G.,

Dettagli

Art. 1 - Oggetto del disciplinare di servizio

Art. 1 - Oggetto del disciplinare di servizio DISCIPLINARE PER L ESECUZIONE DEI SERVIZI DI ANALISI DELLA BANCA DATI IMU, FINALIZZATA ALL ATTIVITÀ DI EMISSIONE AVVISI DI ACCERTAMENTO E RISCOSSIONE DA PARTE DELL ENTE DELLE VIOLAZIONI IMU. Art. 1 - Oggetto

Dettagli

COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 21 del 02.05.2007 Modificato con Delibera del Consiglio n. 52 del 20.12.2007

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano Regolamento generale delle entrate comunali Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 8 del 25.01.1999 Modificato con deliberazioni del Consiglio Comunale

Dettagli

OGGETTO: Istruzioni sulla trattazione delle richieste di consulenza giuridica

OGGETTO: Istruzioni sulla trattazione delle richieste di consulenza giuridica CIRCOLARE n. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 AGOSTO 2011 OGGETTO: Istruzioni sulla trattazione delle richieste di consulenza giuridica Indice 1. Premessa... 2. Informazione e assistenza ai contribuenti.

Dettagli

COMUNE DI MONTECALVO IN FOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI MONTECALVO IN FOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI MONTECALVO IN FOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI Approvato con delibera del C.C. n. 14 del 30/03/2007 INDICE FINALITA Articolo 1 DISCIPLINA

Dettagli

Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013

Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013 CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013 a cura DELL ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Stefano

Dettagli

Mission e Trend Chiave di Contesto

Mission e Trend Chiave di Contesto Indice Sezione 1 - Executive summary. pag. 2 Sezione 2 - Mission e trend chiave di contesto pag. 4 Sezione 3 - Strategie ed operazioni straordinarie pag. 12 Sezione 4 - Politiche del personale e conferimento

Dettagli

Tuttavia, occorre rimarcare come il perdurare di una siffatta condizione mette a rischio l attuazione di politiche di sviluppo del personale

Tuttavia, occorre rimarcare come il perdurare di una siffatta condizione mette a rischio l attuazione di politiche di sviluppo del personale LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE 2014 L esercizio 2014 è stato caratterizzato dal pieno recepimento degli indirizzi del socio unico Roma Capitale, che hanno imposto una linea di austerità e di totale compliance

Dettagli

PRESENTAZIONE Una gestione moderna delle entrate locali

PRESENTAZIONE Una gestione moderna delle entrate locali CENTRO SERVIZI FINANZA LOCALE GESTIONE ENTRATE COMUNALI PRESENTAZIONE Una gestione moderna delle entrate locali 1 Premessa L obiettivo della presentazione è quello di far conoscere un progetto innovativo

Dettagli

Deliberazione n. 203

Deliberazione n. 203 Protocollo RC n. 7959/13 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DELL 8 MAGGIO 2013) L anno duemilatredici, il giorno di mercoledì otto del mese di maggio, alle ore 11,05,

Dettagli

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI Gli aggiornamenti più recenti rateizzazioni comunicazioni di irregolarità accertamenti esecutivi aggiornamento agosto 2014 CONTROLLO

Dettagli

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 6 luglio 2011

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 6 luglio 2011 CIRCOLARE N. 31/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 6 luglio 2011 OGGETTO: Tutela della sicurezza stradale e della regolarità del mercato dell autotrasporto di cose per conto di terzi - Applicazione

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE

APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Definizione delle entrate Art. 3

Dettagli

Allegato A. (ai sensi dell articolo 4, comma 3 del CCNL Regioni enti locali del 5 ottobre 2001)

Allegato A. (ai sensi dell articolo 4, comma 3 del CCNL Regioni enti locali del 5 ottobre 2001) Allegato A REGOLAMENTO RECUPERO EVASIONE ICI DEL PERIODO 1998/2001 RELATIVO A OMESSI E PARZIALI VERSAMENTI, RETTIFICHE D UFFICIO ED OMESSE DICHIARAZIONI PER AREE FABBRICABILI. (ai sensi dell articolo 4,

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE SERVIZI DI SUPPORTO GESTIONE TARES AD HCS S.r.l. ALLEGATO A ) alla CONVENZIONE SERVIZI DI SUPPORTO ALLA GESTIONE TARES

CAPITOLATO SPECIALE SERVIZI DI SUPPORTO GESTIONE TARES AD HCS S.r.l. ALLEGATO A ) alla CONVENZIONE SERVIZI DI SUPPORTO ALLA GESTIONE TARES CAPITOLATO SPECIALE SERVIZI DI SUPPORTO GESTIONE TARES AD HCS S.r.l. ALLEGATO A ) alla CONVENZIONE SERVIZI DI SUPPORTO ALLA GESTIONE TARES Gestione TARES (rifiuti e servizi indivisibili) anno 2013 L affidamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE Allegato alla Deliberazione Consiliare.., n. TITOLO I Art. 1 Oggetto del Regolamento Finalità ed Ambito di applicazione Il presente regolamento, adottato

Dettagli

COMUNE DI GALLIERA PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE ANNO 2015

COMUNE DI GALLIERA PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE ANNO 2015 COMUNE DI GALLIERA PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE ANNO 2015 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RESPONSABILE dott.ssa PIRANI CATIA SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RESPONSABILE: Pirani Catia ASSESSORE REFERENTE: Vergnana

Dettagli

3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA

3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA 3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA >> LA RISCOSSIONE MEDIANTE CARTELLA L Agenzia delle Entrate svolge l attività di riscossione nazionale dei tributi tramite la società per azioni

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI

REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 12 del 03/02/2000 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 del 31/01/2002 Modificato con

Dettagli

Osservatorio Enti Locali Luglio-Agosto 2009

Osservatorio Enti Locali Luglio-Agosto 2009 CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Osservatorio Enti Locali Luglio-Agosto 2009 a cura DELL ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI COMUNE DI GORLA MAGGIORE Provincia di Varese SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI Approvato con deliberazione C.C. n. 56 del 30/11/1998 Modificato con

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia Oggetto: Parere del Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ai sensi dell art. 153 del D.Lgs 267/2000. Bilancio di previsione anno 2014. Bilancio Pluriennale 2014/2016. Il sottoscritto Stefano Baldoni,

Dettagli

LA FINANZIARIA COMUNALE PER IL TRIENNIO 2014/2016. Assessorato alle Risorse economiche e finanziarie

LA FINANZIARIA COMUNALE PER IL TRIENNIO 2014/2016. Assessorato alle Risorse economiche e finanziarie LA FINANZIARIA COMUNALE PER IL TRIENNIO 2014/2016 Assessorato alle Risorse economiche e finanziarie Premessa Con la manovra di bilancio il Comune di Trezzo sull Adda è chiamato ad individuare i principali

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E PATRIMONIALI

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E PATRIMONIALI COMUNE DI FAETO (Prov. di Foggia) REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E PATRIMONIALI 1 TITOLO I NORME GENERALI Articolo 1 (Oggetto e finalità del regolamento) 1. Il presente Regolamento ha per

Dettagli

COMUNE DI S. GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine

COMUNE DI S. GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine COMUNE DI S. GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE per l applicazione dell istituto dell ACCERTAMENTO CON ADESIONE e dell AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA Approvato con deliberazione C.C.

Dettagli

COMUNE DI RIOFREDDO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI RIOFREDDO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI RIOFREDDO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 2 DEL 19/04/2012 Art.1 Disposizioni Generali 1-

Dettagli

COMUNE DI ROMANO D EZZELINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

COMUNE DI ROMANO D EZZELINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI ROMANO D EZZELINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con delibera di C.C. n. 8 del 10/04/2014 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

1. Modello EAS, quando presentarlo?

1. Modello EAS, quando presentarlo? COMITATO REGIONALE PUGLIA SETTORE JUDO Prot. 07/2016 Taranto, 04 Gennaio 2015 -Alle AASSDD JUDO PUGLIA e, p. c.: -Alla FIJLKAM Area Amministrazione -Loro Indirizzi OGGETTO: risposte ai quesiti amministrativi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO (PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) Approvato con Deliberazione del Consiglio comunale N. 11 del 14/02/2012 su

Dettagli

SERVIZIO ENTRATE COMUNALI

SERVIZIO ENTRATE COMUNALI SERVIZIO ENTRATE COMUNALI DENOMINAZIONE DEL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Responsabile del Procedimento Termine di conclusione del procedimento Normativa di riferimento Strumenti di tutela Potere sostitutivo

Dettagli

Comune di TRANI Provincia BT

Comune di TRANI Provincia BT Comune di TRANI Provincia BT Regolamento Comunale di applicazione del condono fiscale Art. 13 Legge 27 dicembre 2002 n. 289 AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE INDICE Art. 1 Scopo del regolamento Art. 2 Oggetto

Dettagli

CIRCOLARE N. 3/DF. Roma, 11 novembre 2010 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE AI COMUNI LORO SEDI

CIRCOLARE N. 3/DF. Roma, 11 novembre 2010 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE AI COMUNI LORO SEDI CIRCOLARE N. 3/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Roma, 11 novembre 2010 DIPARTIMENTO DELLE FINANZE IL DIRETTORE GENERALE DELLE FINANZE PROT. 23148 AI COMUNI LORO SEDI ALL ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 (deliberato dal C. di A. nella seduta del 19 giugno 2015) 1 1 - Introduzione e normativa di riferimento Il Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Dettagli

COMUNE DI SAVIGNONE. Provincia di Genova IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC)

COMUNE DI SAVIGNONE. Provincia di Genova IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) COMUNE DI SAVIGNONE Provincia di Genova IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO COMUNALE per la DISCIPLINA del TRIBUTO sui SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.

Dettagli

AREA CONTROLLO DI GESTIONE E TRIBUTI

AREA CONTROLLO DI GESTIONE E TRIBUTI AREA CONTROLLO DI GESTIONE E TRIBUTI U.O. Controllo di Gestione PROCEDIMENTO O SUB PROCEDIMENTO PRESIDIO CICLO DI PROGRAMMAZIONE: Esplicitazione delle finalità di programma e/o di progetto da conseguire

Dettagli

COMUNE DI ALBAIRATE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC -

COMUNE DI ALBAIRATE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC - COMUNE DI ALBAIRATE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC - Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 27 del 05/09/2014 INDICE PARTE PRIMA Disciplina generale della IUC PARTE

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI

CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI Art.1 Oggetto del Regolamento Art.2 Chiarezza e trasparenza delle disposizioni tributarie Art.3 Chiarezza e motivazione degli atti Art.4

Dettagli

OBIETTIVI P.R.O. 2015 AREA SERVIZI FINANZIARI E PERSONALE

OBIETTIVI P.R.O. 2015 AREA SERVIZI FINANZIARI E PERSONALE OBIETTIVI P.R.O. 2015 AREA SERVIZI FINANZIARI E PERSONALE Responsabile: Istruttore Direttivo Luciana Saggini Servizi: 1. Contabilità e bilancio 2. Personale 3. Tributi - Economato OBIETTIVI ANNO 2015 Codice:

Dettagli

ALLEGATO N. 3 MODALITA DI ESPLETAMENTO DELLE FUNZIONI DI CUI ALL ART. 2BIS AFFIDATE A TRENTINO RISCOSSIONI

ALLEGATO N. 3 MODALITA DI ESPLETAMENTO DELLE FUNZIONI DI CUI ALL ART. 2BIS AFFIDATE A TRENTINO RISCOSSIONI ALLEGATO N. 3 MODALITA DI ESPLETAMENTO DELLE FUNZIONI DI CUI ALL ART. 2BIS AFFIDATE A TRENTINO RISCOSSIONI 1. TIPOLOGIA PROCEDURE Il servizio, che può riguardare, anche disgiuntamente, sia le fasi pre-coattive

Dettagli

EQUITALIA NORD ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO DI TRENTO

EQUITALIA NORD ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO DI TRENTO EQUITALIA NORD ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO DI TRENTO Protocollo d Intesa e convenzione di erogazione di servizi Trento, 27 Marzo 2014 LE FINALITA PROMUOVERE E SVILUPPARE UNA FATTIVA COLLABORAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE SULLE ENTRATE TRIBUTARIE

REGOLAMENTO GENERALE SULLE ENTRATE TRIBUTARIE COMUNE DI ROCCA DI MEZZO PROVINCIA DI L AQUILA UFFICIO TRIBUTI - PERSONALE Piazza dell Oratorio n 1 67048 Rocca di Mezzo Tel 0862/9112 FAX 0862/917364 - Tributi.roccadimezzo@legalmail.it REGOLAMENTO GENERALE

Dettagli

COMUNE DI ANCONA ANCONA ENTRATE SRL CARTA DEI SERVIZI

COMUNE DI ANCONA ANCONA ENTRATE SRL CARTA DEI SERVIZI COMUNE DI ANCONA ANCONA ENTRATE SRL CARTA DEI SERVIZI Sommario 01.Presentazione della società... 2 02.Organizzazione e organigramma... 3 03.Dove siamo... 5 04.Informazioni Utili... 6 05.Contatti... 7 06.Lo

Dettagli

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007.

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. ALLEGATO 1 Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. L anno il giorno del mese di in Roma, con la presente

Dettagli

La regolarizzazione agevolata della tassa automobilistica

La regolarizzazione agevolata della tassa automobilistica La regolarizzazione agevolata della tassa automobilistica Di cosa si tratta Regione Lombardia con l.r. 8 luglio 2015, n. 20, ha avviato una campagna di definizione agevolata delle posizioni irregolari

Dettagli

Comune di Rosate (Provincia di Milano)

Comune di Rosate (Provincia di Milano) Comune di Rosate (Provincia di Milano) APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N 47 DEL 18 DICEMBRE 2010 MODIFICATO ( ART. 25) CON DELIBERAZIONE C.C. N 34 DEL 27/11/2012 INDICE TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

DISCIPLINARE PER L ESECUZIONE DI SERVIZIO DI ANALISI E ALLINEAMENTO DATABASE IMU SU SOFT-WARE IN USO PRESSO GLI UFFICI COMUNALI.

DISCIPLINARE PER L ESECUZIONE DI SERVIZIO DI ANALISI E ALLINEAMENTO DATABASE IMU SU SOFT-WARE IN USO PRESSO GLI UFFICI COMUNALI. DISCIPLINARE PER L ESECUZIONE DI SERVIZIO DI ANALISI E ALLINEAMENTO DATABASE IMU SU SOFT-WARE IN USO PRESSO GLI UFFICI COMUNALI. Art. 1 - Oggetto del disciplinare di servizio 1. Il presente disciplinare

Dettagli

R E L A Z I O N E. Dunque lo schema di decreto legislativo:

R E L A Z I O N E. Dunque lo schema di decreto legislativo: DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISCIPLINA SANZIONATORIA PER LE VIOLAZIONI DELLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 1371/2007, RELATIVO AI DIRITTI E AGLI OBBLIGHI DEI PASSEGGERI NEL TRASPORTO FERROVIARIO.

Dettagli

Budget economico 2015. Allegato d) Piano degli indicatori

Budget economico 2015. Allegato d) Piano degli indicatori Budget economico 2015 Allegato d) Piano degli indicatori (redatto ai sensi dell articolo 19 del Decreto Legislativo n. 91/2011 e in conformità alle linee guida generali definite con D.P.C.M. 18 settembre

Dettagli

MUNICIPIO DELLA CITTA DEL VASTO Provincia di Chieti

MUNICIPIO DELLA CITTA DEL VASTO Provincia di Chieti MUNICIPIO DELLA CITTA DEL VASTO Provincia di Chieti DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI RISCOSSIONE DELLE ENTRATE DELL ENTE COMUNE DI VASTO Approvato con Delibera di G.C.

Dettagli

DI M A N F R E D O N I A (Provincia di Foggia)

DI M A N F R E D O N I A (Provincia di Foggia) C I T T A DI M A N F R E D O N I A (Provincia di Foggia) REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E PATRIMONIALI DEL COMUNE DI MANFREDONIA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale N. 10

Dettagli

Sistema di Garanzia. Carta del Servizio

Sistema di Garanzia. Carta del Servizio Carta del Servizio INDICE Pag. 2 di 11 1. Premessa 2. Sistema di Garanzia: Visione e Missione Modalità di accesso al Sistema di Garanzia 2.1 I soggetti legittimati 2.2 Le fattispecie sensibili Attivazione

Dettagli

CONVENZIONE ROMA CAPITALE CAF avente ad oggetto i servizi di :

CONVENZIONE ROMA CAPITALE CAF avente ad oggetto i servizi di : CONVENZIONE ROMA CAPITALE CAF avente ad oggetto i servizi di : gestione delle istanze relative alla erogazione del bonus tariffa sociale per la fornitura di energia elettrica e della compensazione della

Dettagli

Intervento introduttivo. Fabrizia Lapecorella. Gli Immobili in Italia giunge quest anno alla quinta edizione.

Intervento introduttivo. Fabrizia Lapecorella. Gli Immobili in Italia giunge quest anno alla quinta edizione. Intervento introduttivo Gli immobili in Italia 2015: Ricchezza, Redditi e Fiscalità Immobiliare Fabrizia Lapecorella Gli Immobili in Italia giunge quest anno alla quinta edizione. Il progetto avviato nel

Dettagli

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 www.comune.borgaro-torinese.to.it REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE Articolo D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

CIRCOLARE N 1 DEL 14.01.2014

CIRCOLARE N 1 DEL 14.01.2014 STUDIO BURLONE - CRISA Dottori Commercialisti e Revisori contabili CIRCOLARE N 1 DEL 14.01.2014 LEGGE DI STABILITA La Legge di Stabilità (147/2013) è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 27 dicembre

Dettagli

Servizi dedicati di supporto e di gestione dell IMU

Servizi dedicati di supporto e di gestione dell IMU Servizi dedicati di supporto e di gestione dell IMU L entrata in vigore, dal 1 gennaio 2012, dell IMU impone ai Comuni un notevole sforzo organizzativo e strutturale. Infatti, oltre agli adempimenti formali

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE COMPONENTE:

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE COMPONENTE: COMUNE DI GHISALBA (Provincia di Bergamo) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 26 dell 08/09/2014 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE COMPONENTE: TRIBUTO SUI SERVIZI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI Città di Lecce REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 61 del 19 luglio 2010 Emendato con deliberazione di Consiglio Comunale n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ICI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ICI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ICI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 2 del 02/03/2009 Art. 1 Oggetto del regolamento 1) Il presente regolamento adottato

Dettagli

Fiscalità Edilizia. SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA-

Fiscalità Edilizia. SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA- Fiscalità Edilizia SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA- Marzo 2015 INDICE Premessa... 3 Compensazione credito IVA... 3 Rimborsi IVA Le nuove regole dal 2015...

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 20 Gennaio 2014 OGGETTO : Legge 27.12.2013 nr. 147 Legge di stabilità 2014 pubblicata sulla G.U. nr. 302 del 27.12.2013 S.O. n.87. È stata approvata la

Dettagli

DIREZIONE RISORSE FINANZIARIE

DIREZIONE RISORSE FINANZIARIE DIREZIONE RISORSE FINANZIARIE SERVIZIO ECONOMICO FINANZIARIO P.O. PROGRAMMAZIONE E BILANCIO E responsabile della formazione del bilancio di previsione annuale e pluriennale e della predisposizione relativi

Dettagli

Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune

Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento, in forza delle disposizioni contenute nell art. 13 L. 27 dicembre

Dettagli

COMUNE DI BRENTA Provincia di Varese

COMUNE DI BRENTA Provincia di Varese COMUNE DI BRENTA Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) Approvato con deliberazione consiliare n. 6 del 05/04/20112, esecutiva a termini di legge, ed inviato

Dettagli

Accertamento dei tributi locali. (Prof. Gianluigi Bizioli, Università di Bergamo)

Accertamento dei tributi locali. (Prof. Gianluigi Bizioli, Università di Bergamo) I. Introduzione. Accertamento dei tributi locali (Prof. Gianluigi Bizioli, Università di Bergamo) Con il termine accertamento si indicano sia l attività (generalmente condotta dagli organi dell amministrazione

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Cassa depositi e prestiti società per azioni

Cassa depositi e prestiti società per azioni Direzione Finanziamenti Pubblici Roma, 22 luglio 2008 Cassa depositi e prestiti società per azioni CIRCOLARE N. 1273 Oggetto: Revisione delle condizioni generali per l accesso al credito della gestione

Dettagli

COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO - APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 96 DEL 30.12.1999 - MODIFICATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 56 DEL 30.11.2000 -

Dettagli

ICI in Costruzione e sviluppo della banca dati degli oggetti immobiliari Comuni con popolazione superiore a 20.000 abitanti

ICI in Costruzione e sviluppo della banca dati degli oggetti immobiliari Comuni con popolazione superiore a 20.000 abitanti ICI in Costruzione e sviluppo della banca dati degli oggetti immobiliari Comuni con popolazione superiore a 20.000 abitanti 1 1. FINANZA LOCALE PARTNERSHIP E la struttura operativa del Gruppo Finanza Locale

Dettagli

PARTE QUARTA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI INDICE

PARTE QUARTA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI INDICE PARTE QUARTA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Oggetto del Regolamento Art. 2. Soggetto attivo Art. 3. Indicazione analitica dei

Dettagli

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 Misure per la semplificazione e razionalizzazione delle norme in materia di riscossione LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI RISCOSSIONE

Dettagli

Roma, 16 maggio 2005. OGGETTO: Interpello e attività di interpretazione

Roma, 16 maggio 2005. OGGETTO: Interpello e attività di interpretazione CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Interpello e attività di interpretazione La presente circolare fornisce ulteriori direttive e chiarimenti in merito

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE

CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE LINEE GUIDA PER LE RELAZIONI DEI REVISORI DEI CONTI SUI BILANCI DI PREVISIONE DELLE REGIONI PER L ANNO 2015, SECONDO LE PROCEDURE DI CUI ALL ART. 1, COMMI 166 E

Dettagli

V E R B A L E D I A C C O R D O

V E R B A L E D I A C C O R D O V E R B A L E D I A C C O R D O Fusione per incorporazione di Banca Toscana Spa in Banca Monte dei Paschi di Siena Spa Procedura sindacale ai sensi di legge e di contratto (Art. 47 L. 428/90 e art. 19

Dettagli

UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA MISSION

UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA MISSION PROFILO E MISSION UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA M.C.& Partners consulenze integrate aziendali - srl è una società di consulenza e servizi

Dettagli

LA NUOVA ATTIVITA DI ACCERTAMENTO ICI, TARSU E COLLABORAZIONE CON L AGENZIA DELLE ENTRATE. di Cesare Cava

LA NUOVA ATTIVITA DI ACCERTAMENTO ICI, TARSU E COLLABORAZIONE CON L AGENZIA DELLE ENTRATE. di Cesare Cava LA NUOVA ATTIVITA DI ACCERTAMENTO ICI, TARSU E COLLABORAZIONE CON L AGENZIA DELLE ENTRATE di Cesare Cava L attività di accertamento dei tributi locali e la collaborazione con l Agenzia delle Entrate per

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI COMUNE DI MASSERANO (Provincia di Biella) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale, n. 20 del 05/07/2014 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNITA MONTANA ESINO-FRASASSI Provincia di Ancona PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2012 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Rag.Floriano Flori Parere dell

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE Unione dei Comuni di Bientina, Buti, Calcinaia, Capannoli, Casciana Terme, Chianni, Lajatico, Lari, Palaia, Peccioli, Ponsacco, Pontedera, S. Maria a Monte, Terricciola ZONA VALDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI NONANTOLA PROVINCIA DI MODENA CARTA DEI SERVIZI DEL CONTRIBUENTE

COMUNE DI NONANTOLA PROVINCIA DI MODENA CARTA DEI SERVIZI DEL CONTRIBUENTE COMUNE DI NONANTOLA PROVINCIA DI MODENA CARTA DEI SERVIZI DEL CONTRIBUENTE Approvato con deliberazione del C.C. n. 40 del 31/05/2001 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo

Dettagli

COMUNE DELLA SPEZIA DIPARTIMENTO 1 REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE

COMUNE DELLA SPEZIA DIPARTIMENTO 1 REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNE DELLA SPEZIA DIPARTIMENTO 1 REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 24 del 19.7.2004 e Modificato con Deliberazione C.C. n. 10 del 29/03/2007 Modificato

Dettagli

3. crediti per i quali le Banche chiedono il discarico per difficile esazione.

3. crediti per i quali le Banche chiedono il discarico per difficile esazione. Allegato 2 alla Delib.G.R. n. 38/11 del 30.9.2014 Gestione del recupero e della riscossione dei crediti regionali per il tramite di istituti di credito convenzionati. Direttive per la rinegoziazione delle

Dettagli

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Approvato dal CONSIGLIO DIRETTIVO nella seduta del 3 marzo 2009,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI LUMARZO Provincia di Genova IMPOSTA UNICA COMUNALE - IUC REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) (art. 1, comma 682, legge 27 dicembre 2013, n. 147) (approvato

Dettagli

Comune di Palagianello Provincia di Taranto

Comune di Palagianello Provincia di Taranto Comune di Palagianello Provincia di Taranto REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.) RELATIVAMENTE ALLE AREE EDIFICABILI ai sensi dell articolo 13 della legge

Dettagli

CONVENZIONE CONVENZIONE

CONVENZIONE CONVENZIONE CONVENZIONE CONVENZIONE La Regione Lombardia con sede in Milano, Via Pola n. 14, codice fiscale 80050050154 (di seguito denominata "Regione"), legalmente rappresentata dal dott. Giovanni Tesi, nella sua

Dettagli

Roma, 16/10/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 171

Roma, 16/10/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 171 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Formazione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Pianificazione e Controllo di Gestione

Dettagli

CONVENZIONE 2013-2015. Piano delle attività dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

CONVENZIONE 2013-2015. Piano delle attività dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli CONVENZIONE 2013-2015 Piano delle attività dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli 1 Il Piano dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli per il triennio 2013 2015 PREMESSA La novità più significativa che

Dettagli

Comunicazione n. DEM/11012984 del 24-2-2011

Comunicazione n. DEM/11012984 del 24-2-2011 1 Comunicazione n. DEM/11012984 del 24-2-2011 OGGETTO: Richieste di informazioni ai sensi dell articolo 114, comma 5, del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, in materia di indennità per scioglimento

Dettagli

Piano delle attività 2013-2015 dell Area Monopoli

Piano delle attività 2013-2015 dell Area Monopoli Piano delle attività 2013-2015 dell Area Monopoli 1 Il Piano dell Agenzia Area Monopoli per il triennio 2013-2015 Il Piano delle attività sviluppato per il triennio 2013-2015 intende perseguire i seguenti

Dettagli

Socio unico Regione Campania

Socio unico Regione Campania S A U I E S.r.l. Socio unico Regione Campania Via S. Teresa degli Scalzi n. 36 80135 Napoli C.F. e Registro Imprese Napoli n. 80133090581 R. E. A. Napoli n. 463277 Capitale sociale 10.320,00 interamente

Dettagli

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 1. PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli