MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI"

Transcript

1 MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno e di minuta manutenzione dei locali in uso al Ministero della giustizia - Dipartimento dell amministrazione penitenziaria in Roma largo Luigi Daga n. 2. Indice Art 1. Art 2. Art 3. Art 4. Art 5. Art 6. Art 7. Art 8. Oggetto e durata dell accordo quadro Descrizione dell immobile Prestazioni richieste valide per i singoli contratti attuativi Modalità di espletamento dei servizi Attivazione dei servizi Oneri e responsabilità a carico dell impresa Macchinari, attrezzature e prodotti utilizzati Personale: sicurezza dei lavoratori, requisiti e obblighi Allegati A - Prestazioni richieste B - Informazioni monte ore personale impiegato servizio pulizia ditta uscente Art. 1 Oggetto e durata dell accordo quadro Oggetto dell accordo quadro è l esecuzione dei servizi di pulizia di tutti i locali, ambienti e spazi, comprese le dotazioni di mobili ed arredi, e dei luoghi esterni di pertinenza, di facchinaggio interno e di minuta manutenzione dei locali in uso al Ministero della giustizia - Dipartimento dell amministrazione penitenziaria. I servizi dovranno eseguirsi in Roma largo Luigi Daga n. 2 presso la sede del Ministero della giustizia Dipartimento dell amministrazione penitenziaria. L accordo quadro avrà la durata complessiva di quattro anni a decorrere dal 1 Gennaio 2013 o dalla eventuale diversa data successiva definita in relazione ai tempi di conclusione delle operazioni di gara. Per dare modo ai concorrenti di disporre di tutti gli elementi utili alla presentazione dell offerta economica, il presente capitolato contiene la descrizione analitica delle aree oggetto dell accordo, suddivisa per destinazione d uso e metri quadri, dei locali oggetto dei servizi nonché le prestazioni richieste per lo svolgimento sia del servizio di pulizia (Allegato A) che del servizio di facchinaggio e di piccola manutenzione. Art. 2 Descrizione dell immobile I servizi di pulizia, di facchinaggio interno e di minuta manutenzione dei locali oggetto dell appalto sono da effettuarsi nella sede del Ministero della giustizia Dipartimento dell amministrazione penitenziaria sita in l.go L. Daga, n Roma. Trattasi di un immobile composto da sette piani, di cui uno interrato, più un piano di copertura e di un area esterna. Gli ambienti che costituiscono l edificio vengono distinti per la diversa tipologia e destinazione d uso in aree omogenee in base alle quali organizzare le prestazioni e le relative periodicità d intervento. In tale sede viene svolto già un servizio di pulizia e, ai fini della formulazione dell offerta, si riportano in allegato le indicazioni di massima riguardanti le prestazioni richieste per il servizio di pulizia (All. A), il personale impiegato per l esecuzione dell appalto in scadenza (All. B), i dati dimensionali dell immobile (Tab 1) e successivamente le aree individuate e le relative superfici classificate per destinazione d uso (queste ultime da considerarsi comunque indicative) (Tab 2).

2 Tabella1 Piano MQ Totali Per destinazione d uso Piano interrato 9950 Piano terra Piano primo 5740 Piano secondo 1940 Piano terzo 1940 Piano quarto 1940 Piano quinto 1940 Piano sesto 1900 MQ parziali per destinazione Aree uffici 830 Aree comuni 0 Servizi igienici 120 Aree tecniche 9000 Aree uffici 2970 Aree comuni 1560 Servizi igienici 230 Aree esterne Aree uffici 1100 Aree esterne 4000 Aree uffici 1300 Aree esterne 0 Aree uffici 1300 Aree esterne 0 Aree uffici 1300 Aree esterne 0 Aree uffici 1300 Aree esterne 0 Aree esterne 1900 Classificazione aree per destinazione d'uso Area ad uso uffici - Tipo a Area ad uso uffici - Tipo b Tabella 2 Sotto classificazione aree Aree adibite ad uffici ad alta turnazione (due passaggi giornalieri) Aree ad uso ufficio di livello dirigenziale generale e altre aree che necessitano di pulizia Mq

3 ad alta frequenza (un passaggio giornaliero) Area ad uso uffici - Tipo c Aree ad uso ufficio differenti 6850 dal livello dirigenziale generale (un passaggio settimanale) Aree comuni Aree destinate alla circolazione 4360 primaria e collegamenti verticali (atri, corridoio, pianerottoli, scale, ascensori) Aree servizi igienici Bagni e antibagni 750 Aree tecniche Magazzini, archivi, 9000 autorimesse, depositi Aree esterne Parcheggi, area perimetrale, accessi esterni, terrazzi TOTALE I metri quadri indicati in tabella rispecchiano la situazione attualmente gestita e possono subire variazioni, modifiche e soppressioni rispetto ad ogni singola voce in ragione di una diversa organizzazione del servizio connessa all organizzazione del lavoro e alle risorse disponibili. La tabella comprende alcune superfici, di seguito indicate, che si ritiene opportuno evidenziare per la loro particolare destinazione d uso: nelle aree del tipo a sono inclusi mq 335 di pavimenti di linoleum e mq 200 di pavimento flottante che necessitano di prestazioni accessorie e specifiche di seguito indicate: deceratura e inceratura pavimenti trattati con cere industriali (2 volte l anno); la superficie del locale BAR interno al Dap pari a mq 180 è stata inserita nell area considerata di tipo b ; la superficie del luogo di culto interno al DAP pari a mq 90 è stata inserita nei nell area considerata di tipo c ; la superficie relativa al presidio sanitario pari a mq 48 è inserita nell area considerata di tipo b ; l aula magna, di 200 mq, è stata inserita nell area ad uso ufficio di tipo b ; la sala passi di mq 60 è inserita nelle aree di tipo b. Ulteriori informazioni utili alla formulazione dell offerta relative a superfici non incluse nella tabella 1 e 2 per le quali sono previste attività di pulizia (all. a): la pulizia delle superfici a vetri, pari a mq 25, presenti nella sala passi avrà frequenza giornaliera; il doghettato presente nell androne al piano terra è pari a circa mq 150; le superfici dei vetri/vetrate interne ed esterne all edificio, di cui alcune apribili ed altre di tipo fisso, corrispondono ad un totale di circa mq. Le aree escluse dal servizio di pulizia sono la banca e gli alloggi destinati ai custodi. Sopralluoghi I concorrenti (quindi, coloro che saranno invitati nella fase successiva alla qualificazione) hanno l obbligo di effettuare a proprie cura e spese, anche tramite propri incaricati ed in presenza di personale dell Amministrazione, i sopralluoghi nei locali dove dovranno essere eseguiti i servizi. Il sopralluogo potrà essere concordato con l Amministrazione contattando il numero (Rag. Simona Colapicchioni) dal lunedì al venerdì dalle ore alle Qualora i sopralluoghi vengano effettuati da incaricati, gli stessi dovranno essere muniti, oltre che di idoneo documento di riconoscimento, anche di una delega scritta ad effettuare i sopralluoghi rilasciata dal rappresentante legale del concorrente. L Amministrazione rilascerà la relativa attestazione di avvenuto sopralluogo che dovrà essere allegata all offerta in copia. I sopralluoghi consentiranno ai concorrenti il rilievo delle superfici dei locali dove dovranno essere eseguiti i servizi e l individuazione delle aree riportate nelle Tabelle 1 e 2 in base alle quali organizzare le prestazioni e le relative periodicità d intervento.

4 Art. 3 Prestazioni richieste valide per i singoli contratti attuativi A) Servizio di pulizia Per prestazioni di pulizia si intendono le attività svolte per salvaguardare lo stato igienico sanitario degli ambienti di lavoro finalizzate ad assicurare il massimo comfort, le migliori condizioni di igiene e per garantire il benessere dei lavoratori impiegati nella sede oggetto del servizio. Costituiscono, altresì, attività di pulizia quelle che riguardano il complesso di procedimenti e operazioni atti a rimuovere polveri, materiale non desiderato o sporcizia da superfici, oggetti, ambienti confinati ed aree di pertinenza. Le prestazioni relative al servizio di pulizia sono descritte in apposito allegato (All. A), considerato parte integrante del presente capitolato. B) Facchinaggio interno Il servizio, che è stato quantificato in 700 ore annue, consiste nelle operazioni di movimentazione di mobilio, dotazioni d ufficio, attrezzature varie e materiale cartaceo all interno della sede oggetto del servizio. Le attività da eseguire sono prevalentemente le seguenti: - Smontaggio, eventuale imballaggio, trasporto e rimontaggio di arredi; - Disimballaggio del contenuto degli arredi ed eventuale loro riposizionamento; - Movimentazione di colli, pacchi di documentazione, faldoni, materiale cartaceo, macchine per ufficio ecc.; - Movimentazione di materiali o apparecchiature fragili (video, quadri, monitor ecc) previo eventuale idoneo imballaggio degli stessi; L impresa è responsabile, secondo le norme del codice civile (art. 1693), per la perdita o avaria dei materiali trasportati ed è tenuta al risarcimento integrale degli eventuali danni. C) Minuta manutenzione dei locali Il servizio, che è stato quantificato in 200 ore annue, consiste in piccole riparazioni che non richiedono l impiego di professionalità specializzate o di attrezzature complesse (riparazione di maniglie, sostituzione di serrature, piccole riparazioni di arredi, affissione quadri, minuta manutenzione edile, ecc.). Per ogni tipologia di servizio dovrà essere impiegato personale inquadrato nel rispettivo contratto collettivo nazionale del settore di riferimento. In corso di esecuzione del contratto relativo ai servizi attivati, l Amministrazione si riserva la facoltà di ridurre o aumentare, nell ambito del quinto d obbligo previsto dall art. 114 del d.lgs. 163/2006 e art. 311 del d.p.r. 207/2010, le ore di prestazione dei servizi predetti. Art. 4 Modalità di espletamento dei servizi I servizi dovranno essere effettuati con la rigorosa osservanza delle norme igienico-sanitarie vigenti e di quelle in materia di sicurezza di cui al d.lgs. 81/2008 e s.m.i. Sono a totale carico dell impresa tutti gli oneri connessi alle attrezzature, le macchine, i prodotti di consumo e quant altro occorre per l esecuzione dei servizi oggetto del presente accordo quadro. L incarico attribuito al gestore del servizio, interfaccia nei confronti dell Amministrazione come indicato nel capitolato speciale d oneri, dovrà essere formalizzato da apposito atto di conferimento di poteri da parte dell impresa e il cui nominativo sarà inserito nel singolo contratto attuativo. Tale figura sarà responsabile dell organizzazione dei servizi assicurandone il regolare svolgimento. Pertanto tutte le comunicazioni e contestazioni di inadempienze (anche telefoniche) fatte in contraddittorio con il gestore del servizio dovranno intendersi rese direttamente all impresa. A) SERVIZIO DI PULIZIA Il servizio, oggetto dell affidamento, consiste nella pulizia di tutti i locali, ambienti e spazi, comprese le dotazioni di mobili ed arredi, e dei luoghi esterni di pertinenza dell immobile sito in Roma largo Luigi Daga n. 2 presso la sede del Ministero della giustizia Dipartimento

5 dell amministrazione penitenziaria. Nell esecuzione del servizio l impresa dovrà attenersi, oltre che alle disposizioni contenute nel presente capitolato, a tutte le disposizioni normative, anche di natura tecnica, nazionali e/o comunitarie che disciplinano l esercizio delle attività di pulizia e l utilizzo di attrezzature, macchinari e materiali. Il servizio, eseguito da personale specializzato e dotato delle migliori attrezzature e materiali disponibili, è finalizzato ad assicurare la costante e perfetta pulizia di tutti i locali ed ambienti. Sono a totale carico dell Impresa le attrezzature e i materiali di consumo occorrenti per l esecuzione del servizio. Tutti gli interventi dovranno essere effettuati accuratamente ed a regola d arte con l impiego di mezzi e materiali idonei, in modo da non danneggiare i pavimenti, le vernici, gli arredi e quant altro presente negli ambienti oggetto degli interventi. Il personale impiegato è tenuto ad effettuare l apertura dei locali ed a verificare con cura la chiusura di finestre e porte di accesso dei locali oggetto del servizio una volta ultimato lo stesso. L Impresa è tenuta ad assicurare la continuità del servizio, mediante l esecuzione di tutte le operazioni sopra descritte, osservando scrupolosamente le periodicità previste. In caso si verifichino interruzioni e/o omissioni, anche parziali, del servizio o in caso di presenza in servizio di personale in misura inferiore e non sostituito entro 48 ore, ovvero insufficiente ad assicurare le ore di lavoro stabilite a garantire le attività previste, si applicheranno le sanzioni di cui all art 15 del Capitolato speciale d oneri. ATTIVITÀ PREVISTE Il servizio di pulizia comprende le seguenti attività: Attività programmate, secondo le indicazioni riportate nell Allegato A, suddivise in: a) Pulizie giornaliere, da effettuarsi una o più volte al giorno in relazione al tipo di operazioni e di ambienti; b) Pulizie periodiche, da effettuarsi con cadenza settimanale, mensile, trimestrale, ecc., in relazione al tipo di operazioni e di ambienti; Sono a carico dell Impresa, essendo comprese nell importo contrattuale le seguenti attività: posizionamento del materiale di consumo (carta igienica, sapone liquido, ecc.) che sarà fornito dall Amministrazione occorrente per i servizi igienici, nelle quantità e secondo le frequenze necessarie; fornitura e posizionamento di appositi sacchetti per i cestini gettacarte; raccolta dei rifiuti e trasporto nel locale destinato a deposito ovvero nell apposito contenitore della nettezza urbana; servizio di raccolta ai piani della carta da macero e della plastica dai contenitori appositi con sostituzione del sacco di plastica che sarà fornito dall Amministrazione, e trasporto dei rifiuti fino al punto di conferimento; interventi necessari a rendere praticabili con tempestività, con prodotti e mezzi idonei, tutti gli accessi allo stabile in caso di particolari situazioni meteorologiche (es. neve, gelo o allagamento). Attività straordinarie. Sono tutti gli interventi, che potranno essere ordinati dall Amministrazione, in occasioni di particolari eventi non allo stato prevedibili. Le attività dovranno comunque svolgersi secondo i tempi e le modalità richieste senza creare, in ogni caso, carenze nelle attività di pulizia programmate. Le stesse saranno fornite alle stesse condizioni economiche, tecnico-operative di quelle indicate per le prestazioni programmate. Orario del servizio Il servizio di pulizia dovrà essere espletato dal lunedì al venerdì, esclusi i giorni di festività infrasettimanali, nella fascia oraria , il sabato nella fascia oraria con le modalità da concordare con l Amministrazione. Dalle ore alle ore dovrà essere effettuato il secondo intervento giornaliero previsto per i servizi igienici. Per esigenze connesse al regolare funzionamento degli uffici, è facoltà del consegnatario modificare in qualsiasi momento le modalità concordate, previo preavviso al gestore del servizio.

6 B) e C) Facchinaggio interno e minuta manutenzione dei locali Il servizio di facchinaggio interno, da eseguire secondo le esigenze dell Amministrazione, potrà essere espletato fino al limite di 700 ore annuali, salve eventuali ore extra che saranno contabilizzate a parte. L Amministrazione comunicherà i giorni e il numero di addetti necessari 48 ore prima di ciascuna intervento. Così dicasi per gli interventi di minuta manutenzione che potranno essere richiesti dall Amministrazione fino ad un massimo di 200 ore annuali. A tal fine in fase di offerta economica, dovrà essere indicato il costo unitario/ora degli addetti al servizio di facchinaggio e minuta manutenzione. Sono a carico dell impresa le attrezzature e il materiale di ferramenta necessari ad espletare l attività di minuta manutenzione dei locali (chiodi, viti, cacciaviti, trapano, colla, ecc.). Art. 5 Attivazione dei servizi Dalla data di attivazione dei servizi sarà redatto tra le parti un verbale di consegna, con il quale l'impresa prenderà formalmente in carico i locali per l'esecuzione dei servizi medesimi. Il verbale di consegna è il documento redatto in contraddittorio tra Impresa ed Amministrazione e sottoscritto da entrambe le parti (consegnatario e gestore del servizio). In tale atto saranno indicati i locali che l Amministrazione metterà a disposizione dell Impresa per lo svolgimento del servizio. L impresa sottoscrivendo il verbale s impegna, formalmente, a prendersi cura delle strutture assegnate dall Amministrazione ed a mantenerle in modo tale da garantire il buono stato di conservazione delle stesse. L impresa dà atto, con tale documento, di essere a perfetta conoscenza dell ubicazione, dell estensione e dell utilizzo dei locali o zone ove dovranno svolgersi i servizi. Tale conoscenza si intende estesa anche agli arredi, infrastrutture, ecc. Ne consegue che nessuna obiezione potrà essere sollevata per qualsiasi evenienza dovesse insorgere nel corso di validità dei contratti, in relazione ad una pretesa od eventuale imperfetta acquisizione di tutti gli elementi che possono influire sull esecuzione dei servizi e che concorrono alla determinazione del suo corrispettivo. L impresa consegnerà, altresì, le schede tecniche dei prodotti e delle attrezzature utilizzati. Nella sede sarà istituito, a carico dell impresa, un apposito registro per l apposizione delle firme in entrata e in uscita del personale. La mancata apposizione delle firme, sul medesimo registro, determinerà l applicazione di una penale (Art. 15 del capitolato speciale d oneri). L Impresa comunicherà il domicilio, il recapito (telefonico/fax/indirizzo di posta elettronica), le modalità, i tempi e le presenze del Gestore del Servizio dedicati all Amministrazione. Come già indicato il Gestore deve essere reperibile, responsabile dell organizzazione ed in grado di assicurare il regolare svolgimento del servizio. La mancata reperibilità del Gestore del Servizio determinerà l applicazione della relativa penale (Art.15 del Capitolato Speciale d oneri ). L Impresa dovrà presentare all Amministrazione, prima dell attivazione dei servizi, l elenco del personale che sarà utilizzato per l espletamento dei servizi, corredato da una dichiarazione che assicuri l assenza di procedimenti giudiziali in corso e che dovrà essere autorizzato ad entrare nei locali dell Amministrazione. Per ciascun addetto dovranno essere forniti: cognome, nome, luogo e data di nascita, codice fiscale, numero di posizione INPS. L Impresa dovrà, altresì, presentare copia del libro unico da cui si rilevino i nominativi del personale impiegato. Qualora il predetto elenco subisca delle variazioni durante il corso dell appalto, ne dovrà essere data tempestiva comunicazione all Amministrazione. Art. 6 Oneri e responsabilità a carico dell impresa L Impresa è tenuta ad assicurare il servizio mediante l impiego di personale proprio, idoneo ed in numero adeguato per l esecuzione, a regola d arte, di tutte le operazioni di pulizia, di facchinaggio e di minuta manutenzione previste dal presente capitolato, nel rispetto del numero complessivo annuo di ore richieste. RESPONSABILITÀ NEI CONFRONTI DI TERZI L Impresa è direttamente responsabile di tutti gli eventuali danni a persone e cose che risultino prodotti dall uso di materiali inadatti o non conformi ai requisiti fissati dalle vigenti disposizioni e/o da incuria del personale addetto al servizio di pulizia. L Impresa è tenuta, in ogni caso, a provvedere, senza indugio ed a proprie spese, alla riparazione e/o sostituzione delle cose

7 danneggiate. L Impresa è, altresì, responsabile dei danni che, per fatto o colpa del personale impiegato nell assolvimento del servizio di pulizia, siano causati a persone dipendenti e/o a cose dell Amministrazione nonché a terzi e/o a cose di terzi. I danni arrecati dal personale addetto nell'espletamento del servizio all immobile saranno contestati per iscritto. L'accertamento del danno sarà effettuato in contraddittorio fra il consegnatario e il gestore del servizio. A tale scopo saranno comunicate al Gestore del Servizio, con congruo anticipo, la data e l ora dello svolgimento delle operazioni di accertamento del danno; qualora il Gestore del Servizio non si presenti, l'accertamento avrà comunque luogo e verrà redatto relativo atto di constatazione di danno. Tale atto costituirà titolo sufficiente al fine del risarcimento dei danni da corrispondersi a cura dell'impresa e di eventuale applicazione di penale. La responsabilità civile nei confronti dei terzi e del personale tutto dell Amministrazione derivante dalla gestione del servizio sarà coperta da polizza assicurativa, la quale dovrà avere le caratteristiche indicate all art. 11 del capitolato speciale d oneri. SUBENTRO ALLA DITTA CESSANTE DAL SERVIZIO DI PULIZIA L affidamento del servizio di pulizia è sottoposto alla osservanza delle norme in materia di cessazione e cambio di appalto previste dalla contrattazione collettiva vigente tra le Associazioni imprenditoriali di categoria e le Organizzazioni sindacali dei lavoratori comparativamente più rappresentative, così come previsto dall art. 4 del C.C.N.L. di categoria del 19 dicembre 2007 e s.m.i. Art. 7 Macchinari, attrezzature e prodotti utilizzati Macchine e attrezzature a) Sono a totale carico dell Impresa le attrezzature e i materiali di consumo occorrenti per l esecuzione dei servizi; b) b)l Impresa è tenuta ad impiegare attrezzature tecniche idonee e conformi alle vigenti norme di sicurezza, in quantità sufficiente a garantire il perfetto svolgimento del servizio. L impiego degli attrezzi e delle macchine, la loro scelta e le caratteristiche tecniche dovranno essere conformi alle prescrizioni antinfortunistiche vigenti in Italia e nell Unione Europea ed essere perfettamente compatibili con l uso dei locali; non dovranno essere rumorose, dovranno essere tecnicamente efficienti e mantenute in perfetto stato. A tutte le attrezzature e macchine utilizzate nel servizio dovrà essere applicata una targhetta indicante il nominativo o il marchio dell Impresa. L Impresa, prima di dare inizio al servizio dovrà inviare all Amministrazione un elenco indicante la tipologia ed il numero delle macchine e attrezzature previste per l esecuzione dell appalto, allegando le relative schede tecniche, certificazioni e documentazioni prescritte dalla normativa vigente. Il collegamento di ogni macchina funzionante elettricamente dovrà obbligatoriamente avvenire con dispositivi tali da assicurare una perfetta messa a terra con l osservanza delle norme in materia di sicurezza elettrica. c) E data facoltà all Impresa di tenere in deposito, in apposito locale disponibile presso l Amministrazione, le predette attrezzature per tutta la durata dell appalto. L Impresa sarà responsabile della custodia sia delle macchine ed attrezzature sia dei prodotti utilizzati. L Amministrazione non sarà responsabile nel caso di eventuali danni o furti delle attrezzature e dei prodotti, riservandosi la facoltà di effettuare controlli e verifiche periodiche sullo stato d uso e di mantenimento dei locali, delle attrezzature e dei materiali custoditi. È fatto divieto all Impresa di depositare in detti locali materiali infiammabili, esplodenti o comunque pericolosi, nel rispetto delle norme di sicurezza e delle prescrizioni delle autorità competenti. L Impresa è responsabile dei locali assegnati. d) L Impresa deve comunicare preventivamente all Amministrazione l eventuale impiego di nuove macchine nelle attività oggetto del presente capitolato ed inviare le relative schede tecniche al servizio preposto. Prodotti utilizzati per l esecuzione del servizio Tutti i prodotti chimici impiegati devono rispondere alle normative vigenti in Italia e nell Unione Europea relativamente ad etichettatura, biodegradabilità, dosaggi, avvertenze di pericolosità e modalità d uso. Per ognuno di essi dovrà essere fornita la relativa scheda di sicurezza.

8 L Impresa, all inizio dell appalto, dovrà dichiarare l elenco dei prodotti, suddivisi per tipologia e con l indicazione della marca/produttore, che verranno utilizzati per il servizio di pulizia, con l indicazione delle metodologie d impiego. L Amministrazione potrà proibire l utilizzo di materiali, detersivi, disinfettanti e quant altro possa, a suo giudizio, essere ritenuto non idoneo. L Amministrazione si riserva di sottoporre a verifica dell A.S.L. i prodotti, chiedendone la variazione nel caso di non adeguatezza. Art. 8 Personale: sicurezza dei lavoratori, requisiti e obblighi a) Nessun vincolo o rapporto potrà sorgere, in nessun caso, tra il personale suddetto e l Amministrazione. b) Il personale impiegato nell esecuzione dei servizi dovrà essere di gradimento dell Amministrazione, la quale, in caso contrario, si riserva la facoltà di richiederne in qualunque momento la sostituzione, ragionevolmente motivata; in tale ipotesi l impresa si dovrà impegnare a soddisfare la richiesta entro il termine di dieci giorni lavorativi. Ogni eventuale sostituzione in corso di esecuzione dell appalto dovrà essere tempestivamente comunicata. c) Il personale dovrà eseguire le prestazioni a perfetta regola d arte, assicurarsi che nessun estraneo non autorizzato entri o circoli nei locali interessati dai servizi. Dovrà astenersi dal prendere visione dei documenti presenti negli uffici, dall usare apparecchi telefonici, computers ed altre macchine ivi collocate e consegnerà ogni oggetto smarrito che risulti rinvenuto nell espletamento dei servizi. Il dipendente dell Impresa deve serbare assoluta riservatezza su tutti i fatti o circostanze concernenti l attività svolta nel Dipartimento, l organizzazione del medesimo e su notizie o informazioni su operatori e funzionari delle quali sia venuto a conoscenza durante l espletamento dei servizi. d) L Impresa è tenuta ad applicare nei confronti dei propri lavoratori dipendenti e secondo il loro inquadramento, le condizioni normative e retributive previste dai C.C.N.L e dagli accordi sindacali di categoria e della zona, in vigore per tutto il periodo di esecuzione dell appalto, anche se l Impresa non sia aderente alle associazioni stipulanti o receda da esse ed indipendentemente dalla natura, struttura e dimensione dell Impresa stessa e da ogni altra sua qualificazione giuridica, economica e sindacale. e) L Impresa è tenuta a rispettare tutte le prescrizioni in materia di trattamento fiscale e contributivo, nonché di assicurazione contro gli infortuni sul lavoro relativamente al citato personale. I relativi oneri sono interamente a carico dell Impresa. f) L Impresa è tenuta a porre in atto tutti gli accorgimenti necessari affinchè siano scrupolosamente rispettate, nel corso dell esecuzione dei servizi previsti dal presente capitolato, le disposizioni in tema di prevenzione antinfortunistica con particolare riferimento alla normativa del D.Lgs 81/2008 e s.m.i.. In particolare, l Impresa, ai sensi della normativa vigente, dovrà fornire all Amministrazione nei termini indicati in sede di offerta e previo accurato sopralluogo e presa visione del documento di valutazione dei rischi elaborato dall Amministrazione a tutela dei propri lavoratori dipendenti presso la sede del Dipartimento, una propria versione del documento di valutazione dei rischi specifici rilevati in relazione al luogo oggetto dell accordo quadro. L Impresa dovrà ottemperare alle norme relative alla prevenzione degli infortuni fornendo al personale dipendente adeguate informazione e formazione, anche e soprattutto in relazione ai rischi relativi al lavoro svolto presso la sede oggetto dell accordo quadro, dotando il personale di mezzi ed indumenti di protezione atti a garantire la massima sicurezza in relazione ai servizi svolti, e dovrà adottare tutti i provvedimenti e le cautele atti a garantire l incolumità delle persone addette ai servizi e dei terzi. g) L Impresa predispone le procedure più opportune al fine di effettuare gli interventi tecnico operativi previsti nell erogazione dei servizi oggetto dell accordo quadro, nel rispetto delle norme di sicurezza e igiene del lavoro, senza creare pregiudizio ai propri lavoratori, al personale dipendente dall Amministrazione ed al pubblico eventualmente presente nelle aree oggetto d intervento. h) Tutto il personale impiegato per i servizi oggetto del presente accordo quadro dovrà indossare decorose divise da lavoro (camici o tute), fornite dall Impresa, sulle quali dovrà essere applicato, in chiara evidenza, il tesserino di riconoscimento con le generalità ed il numero di matricola identificativo dell addetto ed il contrassegno con la denominazione

9 dell Impresa stessa. In caso di inadempienza sarà applicata la relativa penale (Art. 15 del Capitolato Speciale d oneri). Il medesimo personale dovrà tenere sempre un contegno irreprensibile nei rapporti con il personale dell Amministrazione e con gli impiegati. i) Le persone impiegate nei servizi oggetto dell appalto dovranno firmare, all inizio ed al termine del lavoro, apposito registro che l Impresa si impegna a mettere a disposizione dell Amministrazione sin dall inizio dell attivazione dei servizi. In caso di inadempienza sarà applicata la relativa penale (Art. 15 del Capitolato Speciale d oneri).

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CITTÀ DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI MARTINA FRANCA - Piazza Roma, 32-74015 Martina Franca (Ta) Tel. 0804836111

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA CAPITOLATO SPECIALE Procedura aperta per l'affidamento del servizio di pulizia ordinaria della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven, 48 Roma. CIG 6220354E7E ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

è stata acquisita la documentazione antimafia di cui all art.84 del D.Lgs. n.159/2011 ed il DURC attestante la regolarità e correntezza contributiva

è stata acquisita la documentazione antimafia di cui all art.84 del D.Lgs. n.159/2011 ed il DURC attestante la regolarità e correntezza contributiva CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI FACCHINAGGIO, TRASPORTO E SUPPORTO OPERATIVO PER GLI UFFICI, CENTRALI E DISTACCATI, DELL ACI IN ROMA E PER L UFFICIO PROVINCIALE ACI DI ROMA CIG n.5393972e7e tra L AUTOMOBILE

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 DETERMINAZIONE

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GARA EUROPEA A PROCEDURA RISTRETTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFESTAZIONE, PRESTAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO E LA MINUTA MANUTENZIONE DEI LOCALI, RELATIVI AGLI IMMOBILI

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI. C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI. C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO Art. 1 - OGGETTO 1. Il presente capitolato ha per oggetto lo svolgimento,

Dettagli

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate.

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate. Roma, 5 marzo 2010 AREA COORDINAMENTO AFFARI AMMINISTRATIVI Ufficio Affari Amministrativi Contabilità e Bilancio Prot. UAA-AIFA F.3./a.23734/P OGGETTO: Gara d appalto mediante cottimo fiduciario per l

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO E DISCIPLINARE DI GARA

CAPITOLATO TECNICO E DISCIPLINARE DI GARA Procedura aperta per l affidamento del servizio di pulizia ordinaria e di attività ausiliarie accessorie per la sede nazionale di Fondimpresa sita in Roma in via della Ferratella in Laterano n. 33 CAPITOLATO

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica GARA D APPALTO PER LA STIPULA DI UN CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILIO E ATTREZZATURE IN DOTAZIONE

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni ASSISTENZA ESTRATTO DELLE CONDIZIONI DI SERVIZIO Il presente documento costituisce un estratto delle Condizioni di Servizio, il cui testo integrale è depositato presso la sede legale del contraente, oppure

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO QUICK PACK EUROPE

CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO QUICK PACK EUROPE Validità a partire dal: 05 agosto 2013 CONDIZIONI GENERALI DEL SERVIZIO QUICK PACK EUROPE Le presenti Condizioni Generali, che si compongono di 13 articoli, disciplinano il Servizio Quick Pack Europe (di

Dettagli

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti PROCEDURA DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA, IGIENE AMBIENTALE E FACCHINAGGIO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI UFFICI DELL

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Attualmente per il lotto 2 servizio di Pulizie, disinfestazioni e piccoli traslochi sono assunti nr 15 operatori così suddivisi:

Attualmente per il lotto 2 servizio di Pulizie, disinfestazioni e piccoli traslochi sono assunti nr 15 operatori così suddivisi: Quesito nr. 1 gara Global Service Siamo a chiedere, con la presente, di poter conoscere il nome degli attuali gestori dei servizi relativi ai lotti 1 e 2? Risposta al Quesito nr. 1 L'attuale gestore del

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/2013-2013/2014-2014/2015,

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

CORE Consorzio Recuperi Energetici S.p.A.

CORE Consorzio Recuperi Energetici S.p.A. SERVIZIO DI FORMAZIONE PONTEGGI ANNI 2015-2017 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO (14/M/006C) CIG N 61470301A1 SOMMARIO Articolo 1. OGGETTO DELL APPALTO Articolo 1bis DEFINIZIONI Articolo 2. LUOGO DI ESECUZIONE

Dettagli

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi.

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi. Allegato alla determinazione n. 42/APPR del 27/11/2014 composto da n. 29 fogli (fronte/retro) Spett.le ditta OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

2) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Ins. Maria Lorizio Istruttore Direttivo Amm.vo

2) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Ins. Maria Lorizio Istruttore Direttivo Amm.vo COMUNE DI PUTIGNANO BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA PER IL SERVIZIO DI FACCHINAGGIO E DI POSIZIONAMENTO, TENUTA IN EFFICIENZA E RIMOZIONE TRANSENNE E SEGNALETICA MOBILE. Allegato A alla determina dirigenziale

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20816 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org

COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20816 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI DEL COMUNE DI CERIANO LAGHETTO E SERVIZI AUSILIARI - PERIODO 01/01/2011 31/12/2013 (CIG 058147692A) ART. 1 - OGGETTO

Dettagli