Le modalità di versamento del saldo Iva 2016

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le modalità di versamento del saldo Iva 2016"

Transcript

1 Ai gentili clienti Loro sedi Le modalità di versamento del saldo Iva 2016 Il termine di versamento del saldo IVA risultante dalla dichiarazione annuale non è più influenzato dalle modalità di presentazione della dichiarazione (forma autonoma / unificata). Dal 2017, infatti: i) è stata soppressa la presentazione della comunicazione annuale dati IVA, di cui all art. 8-bis del DPR 322/98; i) è venuta meno la possibilità di unificare la dichiarazione annuale IVA con la dichiarazione dei redditi. Conseguentemente, per quanto concerne il versamento del saldo IVA: i) da una parte, viene confermata, come regola generale, la scadenza del 16 marzo; ii) dall altra, viene prevista la possibilità di differire il pagamento entro il termine previsto dal nuovo art. 17 del DPR 435/2001 per il versamento delle imposte dirette, maggiorando le somme da versare degli interessi nella misura dello 0,4% per ogni mese o frazione di mese successivo al 16 marzo. Peraltro, qualora si decidesse di differire il versamento del saldo IVA al nuovo termine previsto per il versamento del saldo IRPEF / IRES, il saldo IVA 2016 potrà essere versato: i) in unica soluzione al maggiorando quanto dovuto dello 0,40% per ogni mese o frazione di mese tra il 16.3 e il 30.6 (maggiorazione pari all 1,6%), ovvero al applicando, sull importo del saldo IVA comprensivo della suddetta maggiorazione dell 1,6%, l ulteriore maggiorazione dello 0,4%; ii) in forma rateale, a partire dal , maggiorando quanto dovuto dell 1,6% e suddividendo l importo così determinato nel numero di rate scelte (massimo 6 rate), ovvero a partire dal applicando - sull importo del saldo IVA comprensivo della suddetta maggiorazione dell 1,6% - l ulteriore maggiorazione dello 0,4%, e suddividendo l importo così determinato nel numero di rate scelte (massimo 5 rate). Ad ogni rata successiva alla prima vanno applicati gli interessi dello 0,33% mensile. Premessa Come noto, l art. 1 co. 641 della L n. 190 (legge di stabilità 2015) aveva previsto l obbligo di presentare la dichiarazione annuale IVA nel mese di febbraio dell anno successivo e conseguentemente l abolizione:

2 dell obbligo di presentare la comunicazione annuale dati IVA, di cui all art.8-bis del DPR 322/98; della possibilità di presentare la dichiarazione annuale IVA in forma unificata con la dichiarazione dei redditi (modello UNICO). OSSERVA Le suddette disposizioni si sarebbero dovute applicare a decorrere dalla dichiarazione IVA dovuta per l anno d imposta 2015, quindi a partire dagli adempimenti da effettuare nel Tuttavia, su tale previsione normativa è intervenuto successivamente l art. 10 co. 8-bis del DL 192/2014 (c.d. milleproroghe) che ha differito di un anno quindi a partire dall anno d imposta la decorrenza delle suddette novità. Con riferimento a tale adempimento è recentemente intervenuto l art. 4, co. 4, lett.c), del D.L n. 193, prevedendo che: la dichiarazione annuale IVA relativa al periodo d imposta 2016 (Modello IVA 2017), deve essere presentata nel mese di febbraio e comunque entro il prossimo 28 febbraio 2017; la dichiarazione annuale IVA relativa al periodo d imposta 2017 e successivi, potrà essere presentata tra il 1 febbraio al 30 aprile dell anno successivo. TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE IVA ANNUALE Dichiarazione IVA Nel periodo compreso tra il 1 febbraio e il settembre 2016 nel caso in cui il contribuente (periodo d imposta fosse tenuto alla presentazione in via autonoma, 2015) ovvero; entro il 30 settembre 2016 nel caso in cui il contribuente fosse tenuto a comprendere la dichiarazione Iva nella dichiarazione unificata.

3 Versamento saldo Iva Dichiarazione IVA Esclusivamente entro la fine del mese di febbraio (periodo d imposta 2016) Dichiarazione IVA Tra il 1 febbraio al 30 aprile dell anno successivo e successivi Le modifiche apportate in sede di conversione in legge del D.L n. 193 concernenti l abolizione della dichiarazione unificata dei redditi e IVA - interessano anche i termini di versamento del saldo IVA. In particolare, per quanto concerne il versamento del saldo IVA: da una parte, viene confermata, come regola generale, la scadenza del 16 marzo; dall altra, viene prevista la possibilità di differire il pagamento entro il termine previsto dal nuovo art. 17 del DPR 435/2001 per il versamento delle imposte dirette, maggiorando le somme da versare degli interessi nella misura dello 0,4% per ogni mese o frazione di mese successivo al 16 marzo. OSSERVA Versamento saldo Iva nei termini Quest ultima possibilità, infatti, era collegata alla presentazione della dichiarazione unificata, che presupponeva la presenza di un periodo d imposta coincidente con l anno solare ai fini delle imposte dirette. In relazione alla nuova disciplina, dovrà essere chiarito se la possibilità di differimento del versamento del saldo IVA è applicabile anche da parte dei soggetti non solari, dato che ai fini IVA il periodo d imposta è sempre coincidente con l anno solare. Il versamento del saldo dell IVA periodo di imposta 2016 può essere effettuato in unica soluzione ovvero in forma rateale.

4 Termini di versamento del saldo IVA periodo di imposta 2016 Unica soluzione Entro il Forma rateale L importo dovuto va suddiviso in rate di pari importo. Le rate devono essere versate entro il giorno 16 di ogni mese di scadenza, a partire dal , data entro la quale va versata la prima rata. La rateizzazione deve concludersi entro il mese di novembre e, pertanto, il numero massimo di rate è pari a 9. Alle rate successive alla prima vanno applicati gli interessi dello 0,33% mensile; la seconda rata va quindi maggiorata dello 0,33%, la terza dello 0,66%, la quarta dello 0,99% e così via. Unica soluzione Versamento del saldo Iva Versamento dell intero importo in un unica soluzione entro il Forma rateale RATA SCADENZA INTERESSI % 1^ ^ (poiché il cade di domenica) 0,33 3^ ,66 4^ ,99 5^ (poiché il cade di domenica) 1,32

5 6^ (poiché il cade di domenica) 7^ (poiché il cade di sabato) 1,65 1,98 8^ ,31 9^ ,64 Il versamento dell'iva dovuta a saldo, risultante dalla dichiarazione annuale deve essere effettuato utilizzando il modello di pagamento unificato F24, riportando nella Sezione Erario : il codice tributo 6099 (per gli interessi rateali 1668 ); il numero della rata che si sta versando ed il numero totale delle rate scelte (ad esempio, 0106 per la prima rata di 6, 0101 in caso di versamento in unica soluzione); l anno di riferimento 2016 ; l ammontare dell importo dovuto; l ammontare dell eventuale credito disponibile (ad esempio, IRPEF, IRES, ecc.) utilizzato per compensare il saldo IVA. In tal caso è necessario presentare il modello F24 anche se a seguito della compensazione il saldo finale risulta pari a zero. OSSERVA L'importo minimo da versare è pari a 10,33 euro. Considerato l arrotondamento all unità di euro degli importi esposti in dichiarazione, il saldo IVA (rigo VL38) va versato solo se superiore a 10. Se il versamento è effettuato in unica soluzione entro il , l importo da indicare è quello risultante dalla dichiarazione annuale e quindi va esposto all unità di euro, mentre nel caso di differimento e/o rateizzazione

6 l importo va espresso al centesimo di euro. Procedure telematiche utilizzabili per effettuare il versamento F24 On line", cui hanno accesso tutti i contribuenti in possesso del "pincode" di abilitazione al servizio; per usufruire di tale servizio è necessario avere un conto corrente presso una banca convenzionata con l'agenzia delle Entrate, sul quale ddebitare le somme dovute F24 cumulativo", riservato agli incaricati della trasmissione telematica delle dichiarazioni che intendono eseguire i versamenti on line delle somme dovute dai loro clienti con addebito diretto sui conti correnti bancari di questi ultimi o sul conto corrente dell'intermediario medesimo Sistemi di home/remote banking collegati al circuito CBI (Corporate Banking Interbancari) del sistema bancario o altri sistemi di home banking offerti dagli istituti di credito o dalla società Poste Italiane S.p.A Versamento saldo Iva differito alle scadenze del modello redditi A seguito del venir meno, dal 2017, della dichiarazione unificata (redditi + IVA) e del conseguente differimento del versamento al termine previsto per il saldo delle imposte sui redditi, il Legislatore ha comunque introdotto, modificando gli artt. 6 e 7, DPR n. 542/99 la possibilità di differire il versamento del saldo IVA al nuovo termine previsto per il versamento del saldo IRPEF / IRES. OSSERVA In particolare nei citati artt. 6 e 7 è stato sostituito il riferimento al differimento al nuovo termine di versamento previsto dall art. 17, comma 1, DPR n.435/2001. In base alla citata disposizione il versamento del saldo IRPEF scade il 30.6 (in luogo del precedente 16.6) mentre quello del saldo IRES scade l ultimo giorno del sesto mese successivo a quello di chiusura del periodo d imposta (30.6 per le società con esercizio coincidente con l anno solare).

7 Conseguentemente, il saldo IVA 2016 può essere differito al con possibilità di usufruire dell ulteriore differimento al con la maggiorazione dello 0,40% ancorché, nei citati artt. 6 e 7 del DPR n. 542/99 (per il versamento dell IVA annuale) non sia presente il riferimento al co. 2 del citato art. 17 del DPR n.435/2001 che consente di effettuare i versamenti del saldo IRPEF ed IRES entro il 30 giorno successivo alla scadenza di cui all art. 11, co. 1, del DPR 435/2001, con la maggiorazione dello 0,40% e questo per questioni di ordine logico e sistematico 1. Analogamente se il versamento del saldo Iva viene differito dal 16 marzo al 31 luglio (per esempio SPA solare che ha approvato il bilancio a giugno), dovrà essere applicata una maggiorazione del 2%( 0,4% per i periodi 17 marzo-16 aprile, 17 aprile-16 maggio, 17 maggio-16 giugno, 17 giugno-16 luglio e 17 luglio-31luglio). Se il versamento viene ulteriormente differito al 30 agosto, sull importo del saldo Iva comprensivo della suddetta maggiorazione del 2% è dovuta l ulteriore maggiorazione dello 0,4%. Riassumendo quindi, qualora si decidesse di differire il versamento del saldo IVA al nuovo termine previsto per il versamento del saldo IRPEF / IRES, il saldo IVA 2016 può essere versato: in unica soluzione: al maggiorando quanto dovuto dello 0,40% per ogni mese o frazione di mese tra il 16.3 e il Così, se il saldo è versato entro il la maggiorazione sarà pari all 1,6% (0,40% x 4); al applicando, sull importo del saldo IVA comprensivo della suddetta maggiorazione dell 1,6%, l ulteriore maggiorazione dello 0,4%; 1 Sul punto si precisa che ci sono pareri dottrinali diversi che ritengono non sia possibile l ulteriore differimento al perchè nei citati artt.6 e 7 non è presente, come detto, il riferimento al comma 2 del citato articolo 17 che appunto consente di effettuare i versamenti del saldo IRPEF ed IRES entro il 30 giorno successivo alla scadenza di cui all art. 11, co. 1, del DPR 435/2001, con la maggiorazione dello 0,40%. Si auspica un intervento dell Agenzia delle Entrate che possa dirimere ogni dubbio.

8 per le società che approvano il bilancio a giugno, entro il con la maggiorazione del 2%. Se il versamento viene ulteriormente differito al 30 agosto, sull importo del saldo Iva comprensivo della suddetta maggiorazione del 2% è dovuta l ulteriore maggiorazione dello 0,4%; in forma rateale: a partire dal , maggiorando quanto dovuto dell 1,6% e suddividendo l importo così determinato nel numero di rate scelte, per un massimo di 6 rate (in quanto la rateizzazione deve comunque concludersi entro il mese di novembre). Ad ogni rata successiva alla prima vanno applicati gli interessi dello 0,33% mensile; a partire dal applicando, sull importo del saldo IVA comprensivo della suddetta maggiorazione dell 1,6%, l ulteriore maggiorazione dello 0,4%, e suddividendo l importo così determinato nel numero di rate scelte, per un massimo di 5 rate (in quanto la rateizzazione deve comunque concludersi entro il mese di novembre). Ad ogni rata successiva alla prima vanno applicati gli interessi dello 0,33% mensile; per le società che approvano il bilancio a giugno: a partire dal applicando sull importo del saldo IVA la suddetta maggiorazione dell 2% e suddividendo l importo così determinato nel numero di rate scelte, per un massimo di 5 rate (in quanto la rateizzazione deve comunque concludersi entro il mese di novembre). Ad ogni rata successiva alla prima vanno applicati gli interessi dello 0,33% mensile; se il versamento viene ulteriormente differito al 30 agosto 2017, applicando sull importo del saldo IVA comprensivo della suddetta maggiorazione dell 2%, l ulteriore maggiorazione dello 0,4%, e suddividendo l importo così determinato nel numero di rate scelte, per un massimo di 4 rate (in quanto la rateizzazione deve comunque concludersi

9 entro il mese di novembre). Ad ogni rata successiva alla prima vanno applicati gli interessi dello 0,33% mensile. Rateizzazione saldo IVA differito alle scadenze del modello redditi N. rata Versamento della prima rata nel termine ordinario del 30 giugno Versamento della prima rata nel termine successivo del 30 luglio Solo soggetti IRES (solari) Versamento della prima rata nel termine ordinario del 31 Luglio Solo soggetti IRES (solari) Versamento della prima rata nel termine successivo del 30 Agosto I rata 30 giugno luglio luglio agosto 2017 II rata 17 luglio 2017 (poiché il 16 luglio cade di domenica) III rata IV rata 21 agosto 2017 (poiché il 20 agosto cade di domenica) 18 settembre 2017 (16 settembre cade di sabato) 21 agosto 2017 (poiché il 20 agosto cade di domenica) 18 settembre 2017 (16 settembre cade di sabato) 21 agosto 2017 (poiché il 20 agosto cade di domenica) 18 settembre 2017 (16 settembre cade di sabato) 18 settembre 2017 (16 settembre cade di sabato) 16 ottobre ottobre ottobre novembre 2017 V rata 16 ottobre novembre novembre 2017 VI rata 16 novembre 2017 Regime sanzionatorio L art. 13, co. 1, del DLgs. 471/97 prevede, per l omesso, insufficiente o tardivo versamento del saldo IVA, l applicazione della sanzione amministrativa pari al 30% dell importo non versato.

10 OSSERVA La sanzione di cui trattasi si applica a tutti i tipi di versamenti IVA (saldi, acconti, liquidazioni mensili e trimestrali, da dichiarazione annuale), anche se l'importo non versato è definito a seguito di accertamento. È bene segnalare, inoltre che, l attuale versione dell art. 13 del D.Lgs. n. 471/97, così come recentemente modificato dal D.Lgs n. 158, prevede - a decorrere dal la riduzione nella misura del 50% delle sanzioni previste, quando il tardivo versamento è contenuto entro i 90 giorni dalla scadenza del termine. Dunque, per effetto dell entrata in vigore delle suddette novità normative, il tardivo versamento del saldo IVA è così punito: per i ritardi sino a 14 giorni, la sanzione irrogabile sarà del 15% (30% *50%) ridotta a 1/15 per giorno di ritardo; per i ritardi da 15 a 90 giorni, la sanzione sarà pari al 15% (30% *50%); per i ritardi superiori a 90 giorni, la sanzione sarà pari al 30%. ENTITA DEL SANZIONI DALL ENTRATA IN VIGORE RITARDO del D.Lgs n. 158 ( ) Sino a 14 giorni La sanzione irrogabile sarà del 15% (30% *50%) ridotta a 1/15 per giorno di ritardo. Da 15 a 90 giorni La sanzione sarà pari al 15% (30% *50%). Superiori a 90 giorni La sanzione sarà pari al 30%. I contribuenti che non effettuano il versamento del Saldo IVA entro le predette scadenze possono, comunque, regolarizzare la propria posizione avvalendosi dell istituto del ravvedimento operoso (art. 13 del DLgs. 472/97), previo versamento delle eventuali imposte, degli interessi legali e delle sanzioni (ridotte dal ravvedimento).

11 OSSERVA Peraltro, trattandosi di violazioni connesse ad un tributo amministrato dall'agenzia delle Entrate, non dovrebbero esservi dubbi sull applicabilità delle modifiche apportate dalla Legge di stabilità per il 2015 (L. n. 190/2014) all istituto del ravvedimento operoso. In particolare, per quanto concerne l omesso versamento del Saldo IVA, il ravvedimento non è più inibito dall inizio di un controllo fiscale, ma dalla notifica dell avviso di accertamento. Riduzione da ravvedimento 1/10 del minimo = pari al 1,5% di quanto non versato (15%*1/10). 1/9 del minimo = sanzione pari al 1,67% di quanto non versato (15%*1/9). 1/8 del minimo = sanzione pari al 3,75% di quanto non versato (30% *1/8). 1/7 del minimo = sanzione pari al 4,29% di quanto non versato (30% *1/7). 1/6 del minimo = sanzione pari al 5% di quanto non versato (30%*1/6). Termini di esecuzione del ravvedimento Entro 30 giorni dalla scadenza, con ulteriore riduzione a 1/15 per giorno di ritardo se questo non è superiore a 14 giorni. Entro 90 giorni dal termine di scadenza Dopo 90 giorni dalla scadenza, ma entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all anno in cui la violazione è stata commessa. Entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all anno successivo a quello in cui la violazione è stata commessa. Oltre il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all anno successivo a quello in cui la violazione è stata commessa.

12 Resta ovviamente inteso che, affinché si perfezioni l istituto del ravvedimento operoso è necessario che il contribuente provveda al pagamento, mediante modello F24: dell imposta o della differenza d imposta dovuta (codice tributo 6099 ); della sanzione ridotta con le percentuali appena indicate (codice tributo 8904 ); degli interessi legali (codice tributo 1991 ) - attualmente previsti nella misura dello 0,1% annuo - commisurati all imposta dovuta e che decorrono: dal giorno successivo a quello in cui il versamento avrebbe dovuto essere effettuato; fino al dì di effettivo pagamento. Restiamo a vs disposizione per qualsiasi chiarimento. Cordiali saluti. Csa International Consulting Srl Dott.ssa Antonella Tarsia Morisco Milano, 28 febbraio 2017

Circolare N. 34 del 5 Marzo 2015

Circolare N. 34 del 5 Marzo 2015 Circolare N. 34 del 5 Marzo 2015 Saldo IVA 2014: alla cassa il prossimo 16.03.2015 per chi presenta la dichiarazione in forma autonoma Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che i soggetti

Dettagli

2. AVVERTENZE GENERALI 1

2. AVVERTENZE GENERALI 1 2. AVVERTENZE GENERALI 1 2.1 REPERIBILITÀ DEI MODELLI - VERSAMENTI E RATEIZZAZIONI Reperibilità dei modelli I modelli di dichiarazione IVA e le relative istruzioni non vengono stampati dall amministrazione

Dettagli

N. 75 FISCAL NEWS. Saldo Iva

N. 75 FISCAL NEWS. Saldo Iva a cura di Antonio Gigliotti N. 75 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale Saldo Iva 2009 25.02.2010 Categoria Sottocategoria Entro il prossimo 16.3 i soggetti tenuti alla presentazione

Dettagli

VERSAMENTO del SALDO IVA RELATIVO al 2010

VERSAMENTO del SALDO IVA RELATIVO al 2010 Circolare informativa per la clientela n. 7/2011 del 24 febbraio 2011 VERSAMENTO del SALDO IVA RELATIVO al 2010 In questa Circolare 1. Versamento del saldo Iva 2010 Modalità 2. Differimento del versamento

Dettagli

Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 8 20.02.2017 IVA: versamento saldo 2016 Categoria: IVA Sottocategoria: Dichiarazione annuale Anche quest anno l adempimento

Dettagli

BriaConsulting Commercialisti Associati Consulenza Societaria - Fiscale - del Lavoro

BriaConsulting Commercialisti Associati Consulenza Societaria - Fiscale - del Lavoro A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI Monza, 10 Dicembre 2015 ACCONTO IVA 2015 Scade il 28 dicembre il versamento dell acconto IVA per il 2015, atteso che il termine di legge del 27 dicembre cade di domenica. L

Dettagli

Circolari per la clientela

Circolari per la clientela Circolari per la clientela Circolare n. 23 del 12 settembre 2014 Presentazione dei modelli F24 - Estensione dell obbligo di utilizzare sistemi telematici dall 1.10.2014 Pag. 1 di 8 INDICE 1 Premessa...

Dettagli

Pagamento delle imposte: modifica delle scadenze

Pagamento delle imposte: modifica delle scadenze CIRCOLARE A.F. N.7 del 18 Gennaio 2017 Ai gentili clienti Loro sedi Pagamento delle imposte: modifica delle scadenze Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che la Legge di conversione

Dettagli

Studio D Alessio commercialisti

Studio D Alessio commercialisti commercialisti Circolare informativa Nuovi obblighi di presentazione telematica dei modelli F24 dall 1.10.2014 Via Roccatagliata Ceccardi 2 16121 Genova Tel. 010 589.219-564.779 Fax 010 582.956-580.981

Dettagli

Circolare N. 64 bis del 4 Maggio 2017

Circolare N. 64 bis del 4 Maggio 2017 Circolare N. 64 bis del 4 Maggio 2017 Contribuenti titolari di partita IVA: compensazione dei crediti tributari solo con Entratel o Fisco on line Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

Contribuenti titolari di partita IVA: compensazione dei crediti tributari solo con Entratel o Fisco on line

Contribuenti titolari di partita IVA: compensazione dei crediti tributari solo con Entratel o Fisco on line Ai gentili clienti Loro sedi Contribuenti titolari di partita IVA: compensazione dei crediti tributari solo con Entratel o Fisco on line Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che a seguito

Dettagli

Invio modello 770 e scadenza 15 settembre 2016: effetti in materia di ravvedimento

Invio modello 770 e scadenza 15 settembre 2016: effetti in materia di ravvedimento Ai gentili clienti Loro sedi Invio modello 770 e scadenza 15 settembre 2016: effetti in materia di ravvedimento Gentile cliente con la presente intendiamo ricordarle che scade domani 15 settembre 2016

Dettagli

LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI OMESSI / INSUFFICIENTI VERSAMENTI D IMPOSTA

LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI OMESSI / INSUFFICIENTI VERSAMENTI D IMPOSTA LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI OMESSI / INSUFFICIENTI VERSAMENTI D IMPOSTA Nel corso del 2015 il Legislatore ha modificato: l istituto del ravvedimento operoso; il regime sanzionatorio, la cui decorrenza è

Dettagli

Circolare N. 31 del 2 Marzo 2017

Circolare N. 31 del 2 Marzo 2017 Circolare N. 31 del 2 Marzo 2017 Le modalità di utilizzo del modello F24 dopo le modifiche del DL 193/2016 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che l art. 7-quater, co. 31, del DL 193/2016

Dettagli

IL VERSAMENTO DEL SALDO 2016 E DELL ACCONTO 2017 DELLE IMPOSTE

IL VERSAMENTO DEL SALDO 2016 E DELL ACCONTO 2017 DELLE IMPOSTE IL VERSAMENTO DEL SALDO 2016 E DELL ACCONTO 2017 DELLE IMPOSTE In applicazione dei nuovi termini di versamento introdotti dal Decreto Collegato alla Finanziaria 2017, entro il prossimo 30.6.2017 ovvero

Dettagli

Altri limiti alle compensazioni. Tavecchio & Associati Dottori Commercialisti - Revisori Contabili. Milano, 13 Ottobre Spettabile Cliente

Altri limiti alle compensazioni. Tavecchio & Associati Dottori Commercialisti - Revisori Contabili. Milano, 13 Ottobre Spettabile Cliente Tavecchio & Associati Dottori Commercialisti - Revisori Contabili ANDREA TAVECCHIO MASSIMO CALDARA ELISABETTA DE LORENZI GERARDO CAVALIERE GIOVANNI LURANI CERNUSCHI FABIO GALLIANI PAOLA RADAELLI Milano,

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 331 03.11.2016 Omesso versamento Iva e possibile compensazione Categoria: Iva Sottocategoria: Varie A cura di Paola Sabatino Nel caso di omesso

Dettagli

Circolare informativa 6/2016. ( a cura di Sara Razzi) BOLLO VIRTUALE

Circolare informativa 6/2016. ( a cura di Sara Razzi) BOLLO VIRTUALE Roma, 14 marzo 2016 Circolare informativa 6/2016 ( a cura di Sara Razzi) BOLLO VIRTUALE L imposta di bollo può essere corrisposta: mediante pagamento ad intermediario convenzionato con l Agenzia delle

Dettagli

Principali scadenze dal 16 al 31 luglio 2012

Principali scadenze dal 16 al 31 luglio 2012 Principali scadenze dal 16 al 31 luglio 2012 Si segnala che le scadenze riportate tengono conto del rinvio al giorno lavorativo seguente per gli adempimenti che cadono al sabato o giorno festivo, così

Dettagli

Principali scadenze dal 16 al 31 ottobre 2012

Principali scadenze dal 16 al 31 ottobre 2012 Principali scadenze dal 16 al 31 ottobre 2012 Si segnala che le scadenze riportate tengono conto del rinvio al giorno lavorativo seguente per gli adempimenti che cadono al sabato o giorno festivo, così

Dettagli

CIRCOLARE SPECIALE DIFFERIMENTO TERMINI SCADENTI DAL 1 AL 20 AGOSTO 2011

CIRCOLARE SPECIALE DIFFERIMENTO TERMINI SCADENTI DAL 1 AL 20 AGOSTO 2011 CIRCOLARE SPECIALE DIFFERIMENTO TERMINI SCADENTI DAL 1 AL 20 AGOSTO 2011 Vicenza, Luglio 2011 Con la presente circolare, lo studio desidera informare e aggiornare i Signori Clienti in merito al differimento

Dettagli

del 15 giugno 2012 Proroga dei termini di versamento - Differimento delle scadenze di agosto 2012 INDICE

del 15 giugno 2012 Proroga dei termini di versamento - Differimento delle scadenze di agosto 2012 INDICE Circolare n. 20 del 15 giugno 2012 Proroga dei termini di versamento - Differimento delle scadenze di agosto 2012 INDICE 1 Premessa... 2 2 Proroga dei versamenti collegati alle dichiarazioni... 2 2.1 Persone

Dettagli

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2013 pag. 293 PERSONE FISICHE E SOCIETA DI PERSONE

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2013 pag. 293 PERSONE FISICHE E SOCIETA DI PERSONE SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2013 pag. 293 19 novembre 2013 108/GD/om Imposte dirette - IR- PEF - IRES - IRAP - Cedolare Secca - Acconti Contenuto in sintesi Si illustrano le modalità di determinazione e versamento

Dettagli

studio associato zaniboni

studio associato zaniboni N.protocollo: 34/2008 Data: 14 luglio 2008 Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 LUGLIO AL 15 AGOSTO 2008 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 luglio 15 agosto 2008, con il commento dei

Dettagli

OGGETTO: Comunicazione dati Dichiarazione Iva Elenco dei clienti e dei fornitori relativi all anno 2006

OGGETTO: Comunicazione dati Dichiarazione Iva Elenco dei clienti e dei fornitori relativi all anno 2006 Dott. Carlo Agosta Dott. Enrico Pogolotti Dott. Davide Mancardo Dott.ssa Chiara Valente Dott.ssa Stefania Neirotti Torino, lì 30 gennaio 2007 Circolare n. 10/2007 OGGETTO: Comunicazione dati Dichiarazione

Dettagli

L utilizzo in compensazione del credito IVA annuale trova specifiche limitazioni in base all ammontare dello stesso.

L utilizzo in compensazione del credito IVA annuale trova specifiche limitazioni in base all ammontare dello stesso. L UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA 2014 RIFERIMENTI - Art. 10, DL n. 78/2009 - Circolari Agenzia Entrate 23.12.2009, n. 57/E; 15.1.2010, n. 1/E; 12.3.2010, n. 12/E; 3.6.2010, n. 29/E e 19.9.2014,

Dettagli

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 NOVEMBRE 2012 AL 15 DICEMBRE 2012

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 NOVEMBRE 2012 AL 15 DICEMBRE 2012 Occhio alle scadenze Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 NOVEMBRE 2012 AL 15 DICEMBRE 2012 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 2012 al 15 dicembre 2012, con il commento dei termini di

Dettagli

w w w. f e r d i n a n d o b o c c i a. i t

w w w. f e r d i n a n d o b o c c i a. i t Circ. n. 7 del 30 marzo 2009 A TUTTI I CLIENTI L O R O S E D I Oggetto: RAVVEDIMENTO OPEROSO: NUOVE REGOLE Il ricorso allo strumento del cosiddetto ravvedimento operoso per regolarizzare violazioni quali:

Dettagli

studio associato zaniboni

studio associato zaniboni N.protocollo: 14/2007 Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 NOVEMBRE AL 15 DICEMBRE 2007 Data: 12 novembre 2007 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 novembre al 15 dicembre 2007, con il

Dettagli

Contenuto in sintesi

Contenuto in sintesi DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 105 09.11.2012-105/GD/om TITOLO: Imposte dirette - IRPEF - IRES - IRAP - Cedolare Secca Acconti. Contenuto in sintesi Con la presente comunicazione si illustrano

Dettagli

CRITERI GENERALI: VERSAMENTI ACCONTI COMPENSAZIONE RATEIZZAZIONE

CRITERI GENERALI: VERSAMENTI ACCONTI COMPENSAZIONE RATEIZZAZIONE CRITERI GENERALI: VERSAMENTI ACCONTI COMPENSAZIONE RATEIZZAZIONE Versamenti I versamenti a saldo risultanti dalla dichiarazione, compresi quelli relativi al primo acconto IRES, devono essere eseguiti entro

Dettagli

SCADENZE PARTICOLARI. Registrazioni contabili associazioni sportive dilettantistiche

SCADENZE PARTICOLARI. Registrazioni contabili associazioni sportive dilettantistiche Circolare n 11 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 NOVEMBRE AL 15 DICEMBRE 2011 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 al 15 dicembre 2011, con il commento

Dettagli

ACCONTO DI NOVEMBRE (AVV. MAURIZIO VILLANI)

ACCONTO DI NOVEMBRE (AVV. MAURIZIO VILLANI) STUDIO LEGALE TRIBUTARIO Avv. MAURIZIO VILLANI PATROCINANTE IN CASSAZIONE VIA CAVOUR, 56 TEL. 0832 247510 73100 LECCE LECCE, 10/11/2004 ACCONTO DI NOVEMBRE (AVV. MAURIZIO VILLANI) Il 30 novembre p.v. scade

Dettagli

L AUMENTO DELLE SANZIONI RIDOTTE PER IL RAVVEDIMENTO OPEROSO

L AUMENTO DELLE SANZIONI RIDOTTE PER IL RAVVEDIMENTO OPEROSO Circolare N. 06 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 25 gennaio 2011 L AUMENTO DELLE SANZIONI RIDOTTE PER IL RAVVEDIMENTO OPEROSO La Legge di stabilità 2011 ha aumentato la misura delle sanzioni

Dettagli

1. PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 NOVEMBRE 2013 AL 15 DICEMBRE 2013

1. PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 NOVEMBRE 2013 AL 15 DICEMBRE 2013 Principali scadenze 1. PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 NOVEMBRE 2013 AL 15 DICEMBRE 2013 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 2013 al 15 dicembre 2013, con il commento dei termini di prossima

Dettagli

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista 1/6 OGGETTO ACCONTO IRPEF ANNO 2015 PER LE PERSONE FISICHE CLASSIFICAZIONE DT ACCONTI II.DD 20.000.101 RIFERIMENTI NORMATIVI ART. 2 DL 15.4.2002 N. 63; ART. 17 D.P.R. 7.12.2001 N. 435; L. 23.12.2000 N.

Dettagli

F.N.A.A.R.C. L imposta da versare a titolo di acconto è pari al 100% dell'importo del rigo RN61 "Differenza" del mod. Unico 2015 PF.

F.N.A.A.R.C. L imposta da versare a titolo di acconto è pari al 100% dell'importo del rigo RN61 Differenza del mod. Unico 2015 PF. Imposte dirette - IRPEF - IRES - IRAP - Cedolare secca Acconti 2015 Si illustrano le modalità di determinazione e versamento della seconda o unica rata dell acconto IRPEF, IRAP ed IRES e della cedolare

Dettagli

F.N.A.A.R.C. Federazione Nazionale Associazioni Agenti e Rappresentanti di Commercio

F.N.A.A.R.C. Federazione Nazionale Associazioni Agenti e Rappresentanti di Commercio F.N.A.A.R.C. Federazione Nazionale Associazioni Agenti e Rappresentanti di Commercio 2 DICEMBRE 2013 - IMPOSTE DIRETTE - IRPEF - IRES - IRAP - CEDOLARE SECCA - ACCONTI Si ricorda la scadenza del 2 dicembre

Dettagli

STUDIO MODENA ESTENSE SRL CIRCOLARE SPECIALE ACCONTO IVA Pagine da 1 a 5

STUDIO MODENA ESTENSE SRL CIRCOLARE SPECIALE ACCONTO IVA Pagine da 1 a 5 STUDIO MODENA ESTENSE SRL CIRCOLARE SPECIALE ACCONTO IVA 2008 Pagine da 1 a 5 1 Acconto IVA 2008 Il 29 dicembre 2008 (primo giorno lavorativo non festivo successivo al 27 dicembre) 1 scade il termine per

Dettagli

SALDO IVA 2013 VERSAMENTO ENTRO il 17 MARZO 2014

SALDO IVA 2013 VERSAMENTO ENTRO il 17 MARZO 2014 Circolare informativa per la clientela n. 6/2014 del 20 febbraio 2014 SALDO IVA 2013 VERSAMENTO ENTRO il 17 MARZO 2014 In questa Circolare 1. Calcolo dell'iva dovuta 2. Modalità e termini di versamento

Dettagli

LE SCADENZE DI LUGLIO 2012

LE SCADENZE DI LUGLIO 2012 LE SCADENZE DI 2012 2 lunedì sa (termine ordinariamente in scadenza il giorno 30 giugno che in questo anno cade di sabato) gli Enti non commerciali, associazioni o altre organizzazioni non commerciali,

Dettagli

L ACCONTO IVA modalità alternative di calcolo e peculiarità in caso di modifica dei regimi contabili adottati. Relatore Guido BERARDO, Commercialista

L ACCONTO IVA modalità alternative di calcolo e peculiarità in caso di modifica dei regimi contabili adottati. Relatore Guido BERARDO, Commercialista L ACCONTO IVA modalità alternative di calcolo e peculiarità in caso di modifica dei regimi contabili adottati Relatore Guido BERARDO, Commercialista Coordina i lavori Salvatore REGALBUTO, Commercialista

Dettagli

IMPOSTE DIRETTE IRPEF IRES IRAP Cedolare secca Acconti 2016

IMPOSTE DIRETTE IRPEF IRES IRAP Cedolare secca Acconti 2016 IMPOSTE DIRETTE IRPEF IRES IRAP Cedolare secca Acconti 2016 PERSONE FISICHE E SOCIETA DI PERSONE Misura del versamento L imposta da versare a titolo di acconto è pari al 100% dell'importo del rigo RN61

Dettagli

studio associato zaniboni

studio associato zaniboni N. protocollo: 35/2010 30 Dicembre 2010 Oggetto: SCADENZE DAL 15 NOVEMBRE 2010 AL 15 DICEMBRE 2010 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 al 15 dicembre 2010, con il commento dei termini

Dettagli

Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 13 13.04.2015 Semplificati i termini per Unico SP Categoria: Irpef Sottocategoria: Detrazione 55% L articolo 17, D.Lgs. 21 novembre 2014,

Dettagli

RAVVEDIMENTO OPEROSO:REGOLE DI COMPILAZIONE DELL F24 E SANATORIA PER LA MANCATA PRESENTAZIONE

RAVVEDIMENTO OPEROSO:REGOLE DI COMPILAZIONE DELL F24 E SANATORIA PER LA MANCATA PRESENTAZIONE RAVVEDIMENTO OPEROSO:REGOLE DI COMPILAZIONE DELL F24 E SANATORIA PER LA MANCATA PRESENTAZIONE Il ricorso allo strumento del cosiddetto ravvedimento operoso per regolarizzare violazioni quali: l omesso

Dettagli

L agenda dei pagamenti di Unico 2013, Irap 2013, Iva 2013 e della prima rata Imu

L agenda dei pagamenti di Unico 2013, Irap 2013, Iva 2013 e della prima rata Imu L agenda di Unico, Imu e degli altri pagamenti del Pag. n. 1 L agenda dei pagamenti di Unico, Irap, Iva e della prima rata Imu A CURA DI SALVINA MORINA E TONINO MORINA Persone fisiche, società di persone,

Dettagli

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 LUGLIO 2013 AL 15 AGOSTO 2013

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 LUGLIO 2013 AL 15 AGOSTO 2013 Occhio alle scadenze Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 LUGLIO 2013 AL 15 AGOSTO 2013 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 2013 al 15 agosto 2013, con il commento dei termini di prossima

Dettagli

VERSAMENTI - RATEAZIONE - COMPENSAZIONE

VERSAMENTI - RATEAZIONE - COMPENSAZIONE VERSAMENTI - RATEAZIONE - COMPENSAZIONE TERMINI E MODALITÀ DI VERSAMENTO NOVITÀ 2015 RATEAZIONE COMPENSAZIONE VERSAMENTO DI IMPOSTA DA CONTRIBUENTI NON RESIDENTI Il versamento delle imposte deve essere

Dettagli

Chiarimenti Agenzia delle Entrate sui nuovi obblighi di presentazione telematica dei modelli F24 dall

Chiarimenti Agenzia delle Entrate sui nuovi obblighi di presentazione telematica dei modelli F24 dall Chiarimenti Agenzia delle Entrate sui nuovi obblighi di presentazione telematica dei modelli F24 dall 1.10.2014 1 1 PREMESSA Con l art. 11 co. 2 del DL 24.4.2014 n. 66, conv. L. 23.6.2014 n. 89, sono stati

Dettagli

Anno 2015 N.RF048. La Nuova Redazione Fiscale

Anno 2015 N.RF048. La Nuova Redazione Fiscale Anno 2015 N.RF048 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 6 OGGETTO VERSAMENTO DEL SALDO IVA ANNO 2014 AL 16 MARZO 2015 RIFERIMENTI ART. 6 DPR 542/1999; CM 1/2011; CM 7/2012

Dettagli

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2016 pag. 450

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2016 pag. 450 SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2016 pag. 450 11 novembre 2016 167/ER/om Imposte dirette - IR- PEF - IRES - IRAP - Cedolare secca - Acconti 2016 RN61 Mod. Unico2016PF Inferiore o uguale a 51,65 Superiore a 51,65

Dettagli

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile Carlin Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI e REVISORI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 per informazioni su questa circolare: evacarlin@studiocla.it Circolare

Dettagli

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI SAS STP I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI SAS STP I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA CIRCOLARE INFORMATIVA N. 5 Del 16 GENNAIO 2017 Decreto Milleproroghe: inalterate le scadenze 2017 per la trasmissione dei dati delle fatture e delle liquidazioni Iva Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 58 15.07.2014 Adeguamento agli studi di settore in Unico Categoria: Studi di settore Sottocategoria: Varie Al fine di evitare il rischio di

Dettagli

CIRCOLARE n. 7 del 12/06/2013. UNICO 2013 PROROGA DEI TERMINI DI VERSAMENTO e DIFFERIMENTO DELLE SCADENZE DI AGOSTO 2013

CIRCOLARE n. 7 del 12/06/2013. UNICO 2013 PROROGA DEI TERMINI DI VERSAMENTO e DIFFERIMENTO DELLE SCADENZE DI AGOSTO 2013 \ CIRCOLARE n. 7 del 12/06/2013 UNICO 2013 PROROGA DEI TERMINI DI VERSAMENTO e DIFFERIMENTO DELLE SCADENZE DI AGOSTO 2013 INDICE 1. PREMESSA 2. PROROGA DEI VERSAMENTI COLLEGATI ALLE DICHIARAZIONI 2.1 Contribuenti

Dettagli

COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL F AX INFORMATIVA N. 21/2015

COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL F AX INFORMATIVA N. 21/2015 Como, 12.6.2015 INFORMATIVA N. 21/2015 Proroghe versamenti e differimento delle scadenze di agosto 2015 INDICE 1 PREMESSA... pag. 2 2 PROROGA DEI VERSAMENTI COLLEGATI ALLE DICHIARAZIONI... pag. 2 2.1 CONTRIBUENTI

Dettagli

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 AGOSTO 2013 AL 15 SETTEMBRE 2013

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 AGOSTO 2013 AL 15 SETTEMBRE 2013 Occhio alle scadenze Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 AGOSTO 13 AL 15 SETTEMBRE 13 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 13 al 15 settembre 13, con il commento dei termini di prossima

Dettagli

1. PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 LUGLIO 2014 AL 15 AGOSTO 2014

1. PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 LUGLIO 2014 AL 15 AGOSTO 2014 Principali scadenze 1. PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 LUGLIO 2014 AL 15 AGOSTO 2014 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 16 al 15 agosto 2014, con il commento dei termini di prossima scadenza.

Dettagli

Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2016 ma non per tutti

Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2016 ma non per tutti Ai gentili clienti Loro sedi Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2016 ma non per tutti Premessa Un D.P.C.M. in corso di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dispone la proroga al 6 luglio

Dettagli

Fiscal News N. 249 Unico 2012: integrativa entro il Categoria: Sottocategoria: ravvedimento di Unico 2012 Premessa 30 settembre Dichiarazione

Fiscal News N. 249 Unico 2012: integrativa entro il Categoria: Sottocategoria: ravvedimento di Unico 2012 Premessa 30 settembre Dichiarazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 249 26.09.2013 Unico 2012: integrativa entro il 30.09 Categoria: Intermediari Sottocategoria: Adempimenti Il termine del 30.09.2013 incide anche

Dettagli

Modelli 770/ Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso

Modelli 770/ Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso Modelli 770/2015 - Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso Novità Circolare numero 27 del 27 luglio 2015 Via Leoncino, 22 37121 Verona - IT Foro Buonaparte, 67 20121

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 354 02.12.2014 Società di persone: nuove modalità di presentazione e versamento delle imposte In caso di operazioni straordinarie, cambiano le

Dettagli

PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 NOVEMBRE AL 15 DICEMBRE

PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 NOVEMBRE AL 15 DICEMBRE Principali scadenze PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 NOVEMBRE AL 15 DICEMBRE 2016 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti 16 al 15 dicembre 2016, con il commento dei termini di prossima scadenza. segnala

Dettagli

Imposte dirette - IRPEF - IRES - IRAP - Cedolare Secca - Acconti

Imposte dirette - IRPEF - IRES - IRAP - Cedolare Secca - Acconti Prot. 298/2012 Milano, 12-11-2012 Circolare n. 110/2012 AREA: Circolari, Fiscale Imposte dirette - IRPEF - IRES - IRAP - Cedolare Secca - Acconti Con l avvicinarsi della scadenza del 30 novembre, termine

Dettagli

Scadenzario fiscale Agosto 2016

Scadenzario fiscale Agosto 2016 Scadenzario fiscale Agosto 2016 Indicazioni generali sui termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni Scadenze con data variabile Nel corso del mese scade: Tutti i termini di versamento

Dettagli

Roma, 23 Novembre Prot. n. 630 /2010/AR/SS/GN. AI CORRISPONDENTI C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n.: 28/2010

Roma, 23 Novembre Prot. n. 630 /2010/AR/SS/GN. AI CORRISPONDENTI C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n.: 28/2010 C.A.F. UIL S.P.A. CENTRO ASSISTENZA FISCALE DELLA UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE LEGALE VIA DI SAN CRESCENZIANO, 25 00199 ROMA TELEFONO 06/86.22.631 TELEFAX 06/86.22.63.33 E-MAIL cafuil@cafuil.it CAPITALE

Dettagli

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 SETTEMBRE 2013 AL 15 OTTOBRE 2013

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 SETTEMBRE 2013 AL 15 OTTOBRE 2013 Occhio alle scadenze Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 SETTEMBRE 2013 AL 15 OTTOBRE 2013 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 2013 al 15 ottobre 2013, con il commento dei termini di

Dettagli

Versamenti acconti Irpef, Ires, Irap

Versamenti acconti Irpef, Ires, Irap Versamenti acconti Irpef, Ires, Irap Il 30 novembre è il termine ultimo per versare la seconda o unica rata dell acconto IRPEF da parte delle persone fisiche tenute alla presentazione del Modello Unico

Dettagli

Forlì, 25 febbraio Dott. Enrico Zambianchi & PARTNERS STUDIO ANTONELLI

Forlì, 25 febbraio Dott. Enrico Zambianchi & PARTNERS STUDIO ANTONELLI NUOVE POSSIBILITA DI AVVALERSI DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 E NOVITA DEGLI ISTITUTI DEFLATTIVI DAL 2016 (Art. 1, commi 637-640 Legge di Stabilità 2015) Forlì, 25 febbraio 2015

Dettagli

Legge 23 dicembre 2014, n. 190 D.Lgs 24 settembre 2015, n. 158 Legge 28 dicembre 2015, n. 208 D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917/1986, art.

Legge 23 dicembre 2014, n. 190 D.Lgs 24 settembre 2015, n. 158 Legge 28 dicembre 2015, n. 208 D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917/1986, art. UNICO SP: versamento degli acconti e delle imposte e ravvedimento di Paolo Monarca e Paola Zanaboni - Studio Tarantino Cremona Monarca - Dottori Commercialisti in Milano ADEMPIMENTO " NOVITÀ " FISCO Le

Dettagli

Scadenzario fiscale Maggio 2015

Scadenzario fiscale Maggio 2015 Scadenzario fiscale Maggio 20 Indicazioni generali sui termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni Tutti i termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni, compresi gli elenchi

Dettagli

OGGETTO: Ravvedimento operoso per i tributi locali

OGGETTO: Ravvedimento operoso per i tributi locali Informativa per la clientela di studio N. 165 del 09.11.2016 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Ravvedimento operoso per i tributi locali Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo

Dettagli

Ravvedimento operoso - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Ravvedimento operoso - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Ravvedimento operoso - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate STUDIO PULIANI VIA F.TURATI 10 01016 TARQUINIA (VT) 0039 0766 / 845157 FAX 0766/848558 WWW. STUDIOPULIANI.COM 1 PREMESSA L Agenzia delle Entrate,

Dettagli

CIRCOLARE n. 16 del 09/12/2013 IL VERSAMENTO DELL ACCONTO IVA 2013

CIRCOLARE n. 16 del 09/12/2013 IL VERSAMENTO DELL ACCONTO IVA 2013 CIRCOLARE n. 16 del 09/12/2013 IL VERSAMENTO DELL ACCONTO IVA 2013 INDICE 1. PREMESSA 2. METODO STORICO 3. METODO PREVISIONALE 4. METODO DELLE OPERAZIONI EFFETTUATE 5. SOGGETTI ESONERATI DAL VERSAMENTO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Roma, 21 giugno 2012

RISOLUZIONE N. 69/E. Roma, 21 giugno 2012 RISOLUZIONE N. 69/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 giugno 2012 OGGETTO: Differimento, per l'anno 2012, dei termini di effettuazione dei versamenti dovuti dai contribuenti. Effetti sul piano di rateazione

Dettagli

IVA. Acconto del Alla cassa entro il

IVA. Acconto del Alla cassa entro il Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 364 10.12.2014 IVA. Acconto del 29.12. Alla cassa entro il 29.12.2014. Categoria: Iva Sottocategoria: Adempimenti Entro il 27.12 di ogni anno

Dettagli

L ACCONTO IVA L acconto IVA per il 2016, da versare entro il , va determinato utilizzando uno dei seguenti metodi.

L ACCONTO IVA L acconto IVA per il 2016, da versare entro il , va determinato utilizzando uno dei seguenti metodi. Lecco, 1 dicembre 2016 Alla Spettabile Clientela L ACCONTO IVA 2016 L acconto IVA per il 2016, da versare entro il 27.12.2016, va determinato utilizzando uno dei seguenti metodi. DETERMINAZIONE ACCONTO

Dettagli

L UTILIZZO DEL CREDITO IVA 2016

L UTILIZZO DEL CREDITO IVA 2016 CIRCOLARE N. 05 DEL 02/02/2017 L UTILIZZO DEL CREDITO IVA 2016 L utilizzo in compensazione del credito IVA 2016, risultante dal mod. IVA 2017, incontra le seguenti limitazioni in base all ammontare dello

Dettagli

Scadenzario fiscale Febbraio 2016

Scadenzario fiscale Febbraio 2016 Scadenzario fiscale Febbraio 20 Indicazioni generali sui termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni Tutti i termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni, compresi gli

Dettagli

SALDO IVA 2015: VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO 2016

SALDO IVA 2015: VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO 2016 Studio Fabrizio Mariani Viale Brigata Bisagno 12/1 16129 Genova Tel. e. fax. 010.59.58.294 f.mariani@studio-mariani.it Circolare n. 07/2016 del 25 febbraio 2016 SALDO IVA 2015: VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 110/E

RISOLUZIONE N. 110/E RISOLUZIONE N. 110/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 dicembre 2012 OGGETTO: Chiarimenti in merito all applicabilità dell istituto della remissione in bonis Sono pervenute alla scrivente, da parte

Dettagli

Scadenzario fiscale. Febbraio In evidenza questo mese. Indicazioni generali sui termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni

Scadenzario fiscale. Febbraio In evidenza questo mese. Indicazioni generali sui termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni Scadenzario fiscale Febbraio 20 Indicazioni generali sui termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni Tutti i termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni, compresi gli

Dettagli

OGGETTO: Acconto imposte dirette

OGGETTO: Acconto imposte dirette Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Acconto imposte dirette Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza del fatto che entro il 2 dicembre 2013

Dettagli

Scadenzario fiscale Febbraio 2017

Scadenzario fiscale Febbraio 2017 Scadenzario fiscale Febbraio 2017 Indicazioni generali sui termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni Tutti i termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni, compresi gli

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE IVA BASE

DICHIARAZIONE ANNUALE IVA BASE Ravenna, 12 Febbraio 2013 Circolare n. 11/13 OGGETTO: Dichiarazione annuale IVA L Agenzia delle Entrate, con Provvedimento del Direttore n. 2013/5267 del 15/01/2013, ha approvato i nuovi modelli, con le

Dettagli

OGGETTO: Saldo IMU e TASI 2015: ravvedimento

OGGETTO: Saldo IMU e TASI 2015: ravvedimento Informativa per la clientela di studio N. 187 del 17.12.2015 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Saldo IMU e TASI 2015: ravvedimento Gentile Cliente, con la stesura del presente documento intendiamo

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 16 25.01.2016 IVA: periodicità liquidazione per il 2016 Categoria: Iva Sottocategoria: Adempimenti La possibilità di liquidare l IVA con periodicità

Dettagli

Scadenzario fiscale Agosto 2015

Scadenzario fiscale Agosto 2015 Scadenzario fiscale Agosto 15 Indicazioni generali sui termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni Tutti i termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni, compresi gli elenchi

Dettagli

Liquidazione Iva per il 2014

Liquidazione Iva per il 2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 24 24.01.2014 Liquidazione Iva per il 2014 Categoria: Iva Sottocategoria: Adempimenti La liquidazione e l'eventuale versamento (se a debito) dell'iva,

Dettagli

Le principali scadenze fiscali dal 16 Settembre al 30 Settembre 2015

Le principali scadenze fiscali dal 16 Settembre al 30 Settembre 2015 Le principali scadenze fiscali dal 16 Settembre al 30 Settembre 2015 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 16 al 30 2015, con il commento dei termini di prossima scadenza. Si segnala ai Signori

Dettagli

Scadenzario fiscale Luglio 2016

Scadenzario fiscale Luglio 2016 Scadenzario fiscale Luglio 20 Indicazioni generali sui termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni Scadenze con data variabile Nel corso del mese scade: Tutti i termini di versamento e

Dettagli

Scadenzario fiscale. Aprile In evidenza questo mese. Indicazioni generali sui termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni

Scadenzario fiscale. Aprile In evidenza questo mese. Indicazioni generali sui termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni Scadenzario fiscale Aprile 20 Indicazioni generali sui termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni Tutti i termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni, compresi gli elenchi

Dettagli

Certi di garantire un sempre puntuale servizio, restiamo a disposizione per ogni eventuale

Certi di garantire un sempre puntuale servizio, restiamo a disposizione per ogni eventuale Alle ditte Clienti Loro sedi Collecchio, 13/07/2015 Oggetto: Informativa n. 10. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a:. Il nuovo ravvedimento

Dettagli

Spett.le Cliente. Studio Commerciale - Tributario Fabrizio Masciotti

Spett.le Cliente. Studio Commerciale - Tributario Fabrizio Masciotti Roma, 10/01/2015 Spett.le Cliente Studio Commerciale - Tributario Fabrizio Masciotti Dottore Commercialista e Revisore Contabile Piazza Gaspare Ambrosini 25, Cap 00156 Roma Tel 06/41614250 fax 06/41614219

Dettagli

che scadono di sabato o di giorno festivo sono prorogati di diritto al primo giorno lavorativo successivo

che scadono di sabato o di giorno festivo sono prorogati di diritto al primo giorno lavorativo successivo Scadenzario fiscale Aprile 20 Indicazioni generali sui termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni Tutti i termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni, compresi gli elenchi

Dettagli

Rivalutazione immobili: quando e come pagare l imposta

Rivalutazione immobili: quando e come pagare l imposta Rivalutazione immobili: quando e come pagare l imposta a cura di Antonio Gigliotti L art. 15 del D.L. 185/2008 (convertito con modif. dalla L 2/2009) prevede la possibilità di procedere alla rivalutazione

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 334 21.12.2015 Unico tardivo entro il 29.12 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Ravvedimento La mancata presentazione di Unico 2015 può essere

Dettagli