Statuti circa l ambito giurisdizionale del vescovo militare cattolico per le Forze Armate tedesche

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Statuti circa l ambito giurisdizionale del vescovo militare cattolico per le Forze Armate tedesche"

Transcript

1 Statuti circa l ambito giurisdizionale del vescovo militare cattolico per le Forze Armate tedesche CAPITOLO I Il vescovo militare 1. - Il vescovo militare è titolare della potestà giurisdizionale di vescovo militare cattolico per le Forze Armate tedesche (ordinariato militare). Suo compito è regolare, guidare ed esercitare la pastorale tra i cattolici appartenenti alle Forze Armate. In forza del suo incarico, egli opera affinché i cattolici soggetti alla sua giurisdizione possano fruire nel modo più agevole e proficuo della dottrina cristiana, dei sacramenti della Chiesa e della guida pastorale. 2. La Santa Sede nomina all ufficio di vescovo militare un vescovo diocesano residente nella Repubblica Federale Tedesca, ferme restando le condizioni poste dall articolo 27 del Concordato stipulato tra la Santa Sede e il Reich tedesco il 20 luglio Con la nomina, il vescovo militare esercita tutti i diritti e i doveri che spettano ai vescovi diocesani; egli è titolare della giurisdizione che non compete ad altri vescovi, sia per il foro esterno che per quello interno, con riferimento alla giurisdizione ordinaria, personale e delegata. Tale giurisdizione non è però esclusiva; essa non sottrae perciò i sottoposti del vescovo militare all autorità dell ordinario diocesano e del parroco, che tuttavia nella pastorale militare possono operare soltanto in seconda battuta, sempre in virtù del proprio diritto Alla giurisdizione del vescovo militare sono soggetti tutti i soldati cattolici e i civili cattolici appartenenti alla Forze Armate in base alle leggi vigenti; ugualmente i membri cattolici delle famiglie dei soldati di professione, dei soldati temporanei e dei sopra citati civili, anche se il padre di famiglia non è cattolico. Il termine "famiglia" comprende la moglie e i figli, sia quelli del marito che quelli della moglie, siano essi propri o adottati, sino al compimento del 18 anno di età e sino a che abitano nella casa paterna. Non sono soggetti alla giurisdizione del vescovo militare la moglie separata legalmente dal marito e i figli con essa conviventi. Essi sottostanno unicamente alla giurisdizione del vescovo locale Alla giurisdizione del vescovo militare sono soggetti inoltre, nelle occasioni in cui si svolge la cura pastorale dei soldati, tutti gli edifici militari (caserme, opere di fortificazione, depositi ecc.), come pure le scuole delle Forze Armate tedesche, gli ospedali e le prigioni destinati esclusivamente ai membri delle Forze Armate tedesche; inoltre le chiese e le cappelle utilizzate esclusivamente per uso militare. Con riferimento agli altri edifici religiosi utilizzati soltanto in determinati giorni o in certi orari, dovranno essere stipulati accordi, approvati dal vescovo locale, col rettore della chiesa in questione o, se necessario, col proprietario o amministratore degli edifici stessi. 1

2 6. - Il vescovo militare fissa i suoi uffici di Curia nella sede del Governo regionale, in base a quanto stabilito dal diritto canonico (cann ). Il governo federale provvederà a mettere a disposizione i locali necessari. E opportuno mettere a disposizione un edificio adeguato. Al vescovo militare viene messa a disposizione una chiesa nella città in cui ha sede il governo regionale. Ciò sarà definito in accordo con l ordinario diocesano. Il vescovo militare ha il diritto di nominare un vicario generale, che lo aiuta in tutto ciò che riguarda la cura pastorale dei cattolici facenti parte delle Forze Armate tedesche e che dispone dei pieni poteri che il codice di diritto canonico riconosce al vicario generale E compito del vescovo militare istituire e modificare, in accordo con l autorità federale competente, ambiti pastorali così da assicurare, tramite i singoli sacerdoti militari, una efficace cura pastorale. Egli informerà i vescovi diocesani interessati dall attuazione di queste disposizioni Il vescovo militare ha il diritto di emanare un decreto pastorale circa la guida ecclesiastica dei sacerdoti militari e la regolamentazione della cura pastorale. In tale occasione si raccomanda che, in accordo con le autorità federali competenti, si preoccupi di venire incontro alla richiesta levata dai soldati di assistenza pastorale ed esercizio indisturbato del culto, facendo particolare attenzione alle caratteristiche particolari del servizio militare Le disposizioni e le linee direttive del vescovo militare vengono pubblicate nella Gazzetta Ufficiale del vescovo militare. 10. Quando l ufficio di vescovo militare è vacante, se la Santa Sede non ha disposto diversamente, la giurisdizione e gli altri pieni poteri afferenti a tale ufficio vengono svolti dal vicario generale, il quale però in questo periodo non può intraprendere nuove iniziative Il consiglio sacerdotale si disciplina in base alle norme del diritto canonico particolare e universale L Assemblea centrale dei soldati cattolici è l unione dei rappresentanti dell apostolato dei laici soggetti alla giurisdizione del vescovo militare cattolico per le Forze Armate tedesche. Essa viene regolata da uno statuto emesso dal vescovo militare. CAPITOLO II I cappellani militari Nell attività pastorale i cappellani militari sono soggetti unicamente al diritto canonico e sono indipendenti da direttive statali I cappellani militari sottostanno alle direttive ecclesiastiche generali e particolari del loro luogo di residenza, specialmente a quelle che si riferiscono ai doveri del clero e al servizio sacerdotale. 2

3 I cappellani militari devono indossare un abito talare conforme alle consuetudini locali e alle direttive del vescovo militare. Per l adozione dell uniforme da parte dei cappellani militari è necessario il parere favorevole del vescovo militare Il vescovo militare provvede alla nomina ecclesiastica dei cappellani militari, dopo essersi accertato che sussistano le premesse di cui all articolo 27 del Concordato con il Reich. Egli chiede conferma della nomina alle autorità federali competenti in base alle leggi vigenti, Il vescovo militare ha il diritto di modificare la sede operativa e l ufficio dei cappellani militari in accordo con le autorità federali competenti La nomina a cappellano militare non ha come conseguenza la scardinazione dal proprio vescovado. Una volta concluso il servizio come cappellano militare, il sacerdote ricade automaticamente sotto la giurisdizione dell ordinario dal quale aveva ricevuto il permesso di entrare a far parte dei cappellani militari. Il vescovo militare deve comunicare ai vescovi locali i nomi dei cappellani militari che vengono inviati nella loro diocesi o ne vengono richiamati, i loro spostamenti e le loro missioni. Ogni cappellano militare in rapporto di servizio temporaneo paga i contributi prescritti alla cassa pensioni della diocesi nella quale è incardinato Dove non è necessaria o possibile la presenza di un cappellano militare in servizio pieno, il vescovo militare, previo accordo col vescovo locale e con le autorità federali competenti, nomina per l espletamento del servizio pastorale militare sacerdoti o frati idonei, che svolgano il servizio di cappellani militari come incaricati a tempo parziale I cappellani militari in servizio pieno sottostanno totalmente durante il loro servizio alla giurisdizione del vescovo militare; i cappellani militari con incarico parziale sottostanno al vescovo militare limitatamente alla loro attività nella pastorale militare. Il vescovo militare si preoccupi quindi che ogni cappellano militare in servizio pieno o parziale ottenga un certificato che in caso di necessità lo legittimi all esercizio dei pieni poteri previsti dal suo incarico. CAPITOLO III Gli assistenti Gli assistenti pastorali vengono assunti in forza di un accordo tra il vescovo militare e il Ministro Federale della Difesa. Gli assistenti che dallo Stato vengono messi a disposizione dei cappellani militari come collaboratori nelle attività pastorali e nei compiti amministrativi relativi alla pastorale militare sono proposti dal Ministro Federale. La loro attitudine e capacità di assistenti nella pastorale militare viene accertata all occorrenza con un esame svolto alla presenza di un cappellano militare incaricato dal vescovo militare. 3

4 CAPITOLO IV Il consiglio parrocchiale In base allo statuto del vescovo militare, nella sede del cappellano militare di competenza vengono istituiti per i distretti pastorali dei consigli parrocchiali. CAPITOLO V L amministrazione dei sacramenti Per l amministrazione dei sacramenti e l esercizio della funzione pastorale dei cappellani militari si applica il diritto canonico universale e quello particolare, tenuto conto delle legittime consuetudini locali Nell esercizio della pastorale i cappellani militari godono dei diritti e dei poteri dell ufficio di parroco. Essi hanno il diritto di assistere ai matrimoni dei fedeli a loro soggetti, tenendo presente però che per la validità dei matrimoni questi pieni poteri sono da intendersi cumulativamente col vescovo locale e il parroco locale, oppure con un sacerdote delegato da uno di loro. Con riferimento alla celebrazione di un matrimonio vale quanto stabilito nel can del codice di diritto canonico Le cause matrimoniali rimesse alla giurisdizione del vescovo militare vanno trattate anche in prima istanza davanti al tribunale diocesano competente in base alle norme del diritto comune. Nelle eccezioni previste dai cann e 1687 del codice di diritto canonico anche la dichiarazione di nullità compete all ordinario locale Il vescovo militare deve vigilare affinché quando la celebrazione eucaristica si svolge all aperto vengono attentamente osservate le norme contenute nel CIC cann. 932 e 933. Si faccia particolare attenzione che la celebrazione della Santa Messa fuori dalle mura della chiesa non costituisca occasione di confusione tra rito religioso e festa mondana o politica. La celebrazione della Messa all aperto sia da lui permessa, tenendo conto delle relative norme, soltanto in ambiti militari circoscritti e in luoghi destinati ai soldati; se desidera permettere che si svolga altrove, deve chiedere il consenso del vescovo locale, anche se sono rispettate le condizioni dei can. 932 e Affinché gli atti e i documenti relativi alla cura pastorale siano custoditi nel modo corretto e in caso di necessità siano facilmente reperibili, i cappellani militari a servizio pieno e parziale devono preoccuparsi che tutti gli atti relativi a battesimi, cresime, matrimoni e casi di morte di fedeli soggetti alla giurisdizione del vescovo militare vengano predisposti al più presto in duplice copia e inviati ogni anno alla Curia del vescovo militare. Nell archivio canonico dell ordinario militare, i cui compiti sono definiti dal CIC cann , vengono conservati gli atti antichi della Curia del vescovo militare e del suo ambito giurisdizionale. 4

5 CAPITOLO VI Rapporto con la cura pastorale comune Dal momento che la cura pastorale militare costituisce una parte importante della cura pastorale generale e che per lo svolgimento ordinato e fruttuoso della cura pastorale occorre nominare almeno un cappellano militare a servizio pieno ogni 1500 soldati cattolici, i vescovi diocesani e i superiori degli Ordini devono mettere a disposizione del vescovo militare un numero sufficiente di sacerdoti idonei I vescovi locali ai quali si rivolge il vescovo militare per avere sacerdoti per la pastorale militare, si preoccuperanno che vengano convocati soltanto sacerdoti di provata virtù, particolare pietà e cultura, le cui caratteristiche e le cui qualità li rendano adatti all assunzione di un simile difficile compito. D altra parte possono esser presi in considerazione soltanto i cappellani militari proposti dal loro ordinario o in subordine da testimoni attendibili delle loro qualità e capacità Nel caso in cui vengono assunti come cappellani militari anche frati capaci ed esperti, devono essere osservate le norme dei dicasteri competenti della Santa Sede. Questi frati devono essere possibilmente collocati presso una casa della loro comunità I vescovi nella Repubblica Federale Tedesca faranno in modo che al vescovo militare e ai suoi cappellani militari vengano messe, se necessario, a disposizione gli edifici di culto e la collaborazione dei sacerdoti. Dal canto suo il vescovo militare si preoccuperà che i cappellani militari contraccambino con gratitudine questi servizi e soprattutto collaborino con i parroci locali nella cura pastorale. Se un cappellano militare vuole prestare servizio pastorale anche al di fuori del suo ambito di servizio a fedeli non soggetti alla sua giurisdizione, deve chiederne l autorizzazione al vescovo locale Il vescovo militare amministra in accordo con le diocesi competenti le imposte per la chiesa devolute dai fedeli che sottostanno alla sua giurisdizione Se nella cura pastorale o in altra questione di natura ecclesiastica dovesse sorgere una divergenza di opinioni tra cappellani militari e sacerdoti diocesani, essa deve essere risolta con buona volontà e disponibilità da parte dei rispettivi vescovi; altrimenti, la questione può essere deferita alla Sede Apostolica. 33. Le questioni canoniche non regolamentate da questi articoli, devono essere risolte in base alle prescrizioni del diritto canonico, in particolare secondo la costituzione apostolica del 21 aprile 1986 sulla cura pastorale militare "Spirituali militum cura". Con l entrata in vigore dei presenti statuti perdono validità gli statuti rilasciasti Motu proprio da Papa Paolo VI il 31 luglio 1965 "Normam secutus. 23 novembre

Fondo Comune Diocesano

Fondo Comune Diocesano Diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro Fondo Comune Diocesano Statuto e Regolamento Arezzo, 7 agosto 2013 12 11 di aver predisposto il seguente piano finanziario: Disponibilità attuali della Parrocchia

Dettagli

I BENI CULTURALI DI INTERESSE RELIGIOSO

I BENI CULTURALI DI INTERESSE RELIGIOSO I BENI CULTURALI DI INTERESSE RELIGIOSO Res Mixta: bene su cui verte sia la competenza dello Stato che della Chiesa Normativa canonica Normativa civile Normativa pattizia Il patrimonio culturale di interesse

Dettagli

vista la Convenzione 23 settembre 1884 stipulata tra la Santa Sede e lo Stato del Cantone Ticino

vista la Convenzione 23 settembre 1884 stipulata tra la Santa Sede e lo Stato del Cantone Ticino Disegno di legge sulla Chiesa cattolica (del...) Il Gran Consiglio della Repubblica e Cantone Ticino vista la Convenzione 23 settembre 1884 stipulata tra la Santa Sede e lo Stato del Cantone Ticino preso

Dettagli

COSTITUZIONE VIGENTE COSTITUZIONE COME RISULTANTE

COSTITUZIONE VIGENTE COSTITUZIONE COME RISULTANTE Ha l'iniziativa legislativa e può contribuire alla elaborazione della legislazione economica e sociale secondo i principi ed entro i limiti stabiliti dalla legge. Ha l'iniziativa legislativa e può contribuire

Dettagli

Tenuto conto dell esperienza di quest ultimo decennio e visti i Cann. 492, 493 e 494 del Codice di Diritto Canonico.

Tenuto conto dell esperienza di quest ultimo decennio e visti i Cann. 492, 493 e 494 del Codice di Diritto Canonico. Consiglio Diocesano Affari Economici-Statuto-Decreto 2000 L.V.D. XCI (2000) pp. 812-817 STATUTO DEL CONSIGLIO PER GLI AFFARI ECONOMICI DELLA DIOCESI DI BERGAMO Tenuto conto dell esperienza di quest ultimo

Dettagli

LE STATISTICHE DELLA CHIESA CATTOLICA

LE STATISTICHE DELLA CHIESA CATTOLICA Agenzia FIDES - Ottobre 2007 Speciale Giornata Missionaria 2007 LE STATISTICHE DELLA CHIESA CATTOLICA POPOLAZIONE MONDIALE CATTOLICI ABITANTI E CATTOLICI PER SACERDOTE CIRCOSCRIZIONI ECCLESIASTICHE - STAZIONI

Dettagli

Trattamento di Previdenza del clero secolare. Ufficio Sacerdoti I.D.S.C. Milano

Trattamento di Previdenza del clero secolare. Ufficio Sacerdoti I.D.S.C. Milano Trattamento di Previdenza del clero secolare Ufficio Sacerdoti I.D.S.C. Milano Premessa Il trattamento di previdenza del clero secolare e dei ministri di culto delle confessioni religiose diverse dalla

Dettagli

Il diritto ecclesiastico

Il diritto ecclesiastico 1 Il diritto ecclesiastico Studia il settore giuridico dello Stato volto a disciplinare il fenomeno religioso Studia cioè le norme che riguardano tutte le confessioni religiose e quelle che riguardano

Dettagli

2

2 Statuto 1 2 3 4 5 Capitolo I Denominazione, natura, fini e mezzi della Pia Unione Primaria Art. 1 - Erezione canonica e denominazione della Pia Unione Primaria In data 6 dicembre 2005 (Prot. n. 333/05),

Dettagli

Convenzione tra la Tavola valdese e la Comunità Evangelica di Confessione Elvetica di Trieste

Convenzione tra la Tavola valdese e la Comunità Evangelica di Confessione Elvetica di Trieste 2 Convenzione tra la Tavola valdese e la Comunità Evangelica di Confessione Elvetica di Trieste 224 N O T A La Convenzione, stipulata per la prima volta nel 1926, è stata successivamente rinnovata nel

Dettagli

Privacy e istituti religiosi. Avv. Luca Bolognini

Privacy e istituti religiosi. Avv. Luca Bolognini Privacy e istituti religiosi Avv. Luca Bolognini luca.bolognini@ictlegalconsulging.com Art. 26. Garanzie per i dati sensibili 1. I dati sensibili possono essere oggetto di trattamento solo con il consenso

Dettagli

Disposizioni concernenti la concessione di contributi finanziari della Conferenza Episcopale Italiana per i beni culturali ecclesiastici

Disposizioni concernenti la concessione di contributi finanziari della Conferenza Episcopale Italiana per i beni culturali ecclesiastici Disposizioni concernenti la concessione di contributi finanziari della Conferenza Episcopale Italiana per i beni culturali ecclesiastici Approvate dalla 67 a Assemblea Generale (Assisi, 10-13 novembre

Dettagli

LE AUTONOMIE TERRITORIALI

LE AUTONOMIE TERRITORIALI LE AUTONOMIE TERRITORIALI Titolo V della Costituzione = sistema delle autonomie territoriali (Regioni, Città metropolitane, Province, Comuni). Regioni a statuto speciale e Regioni a statuto ordinario.

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA S. ANTONIO ABATE DI GALLARATE Sede: Largo Boito n. 2 Gallarate

AZIENDA OSPEDALIERA S. ANTONIO ABATE DI GALLARATE Sede: Largo Boito n. 2 Gallarate AZIENDA OSPEDALIERA S. ANTONIO ABATE DI GALLARATE Sede: Largo Boito n. 2 Gallarate N. 613 del 23 ottobre 2014 Provvedimenti in merito alla proroga di contratto a tempo determinato nella posizione funzionale

Dettagli

STATUTO. Costituzione

STATUTO. Costituzione STATUTO Costituzione Art. 1. In ottemperanza al decreto conciliare Christus Dominus n.27 e al motu proprio Ecclesiae Sancte n.16, a norma dei canoni 511-514 C.J.C., è costituito nella diocesi di Agrigento

Dettagli

LE STATISTICHE DELLA CHIESA CATTOLICA

LE STATISTICHE DELLA CHIESA CATTOLICA Agenzia FIDES 21 ottobre 2012 Speciale Giornata Missionaria Mondiale 2012 LE STATISTICHE DELLA CHIESA CATTOLICA POPOLAZIONE MONDIALE CATTOLICI ABITANTI E CATTOLICI PER SACERDOTE CIRCOSCRIZIONI ECCLESIASTICHE

Dettagli

Regolamento delle Commissioni Comunali

Regolamento delle Commissioni Comunali Regolamento delle Commissioni Comunali approvato con deliberazione consiliare n. 5 del 29/02/2000 D:\Lavoro\Roccafranca\Sito\Progetto\Materiale pubblicato\documenti Ufficiali\Regolamenti\Regolamento COMMISSIONI.doc

Dettagli

Il rito cattolico in Italia

Il rito cattolico in Italia Il rito cattolico in Italia Preparazione dei documenti su richiesta. Per i cattolici, il matrimonio è più di un contratto civile tra un uomo e una donna. È un impegno sacro con Cristo e la Chiesa. Il prete

Dettagli

INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA

INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA LEGGE CASATI 13 NOVEMBRE 1859 ART. 315 ART. 374 di dal attengono L istruzione elementare comprende l insegnamento religioso Gli allievi delle scuole pubbliche elementari,

Dettagli

CARITAS AMBROSIANA E ORGANISMI COLLEGATI

CARITAS AMBROSIANA E ORGANISMI COLLEGATI CARITAS AMBROSIANA E ORGANISMI COLLEGATI La Caritas Ambrosiana, Ufficio all interno del Settore per la Missione e la Carità che opera nel quadro delle linee pastorali indicate dal Capitolo 4 del Sinodo

Dettagli

VISTA la legge 23 agosto 1988, n. 400, concernente Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri ;

VISTA la legge 23 agosto 1988, n. 400, concernente Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri ; VISTA la legge 23 agosto 1988, n. 400, concernente Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri ; VISTO il R.D. 23 maggio 1924, n. 827, concernente il regolamento

Dettagli

SOMMARIO. CAPITOLO PRIMO I PRINCIPI FONDAMENTALI pag. 15. PROFILI GIURISPRUDENZIALI pag. 36

SOMMARIO. CAPITOLO PRIMO I PRINCIPI FONDAMENTALI pag. 15. PROFILI GIURISPRUDENZIALI pag. 36 SOMMARIO CAPITOLO PRIMO I PRINCIPI FONDAMENTALI pag. 15 1. LA TUTELA DELLE CONFESSIONI RELIGIOSE NELLA COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA pag. 15 1.1. Cenni introduttivi pag. 15 1.2. I rapporti fra

Dettagli

BANCA D ITALIA ISTRUZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE, TITOLO V, CAP. 6. ISTRUZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE TITOLO V Capitolo 6

BANCA D ITALIA ISTRUZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE, TITOLO V, CAP. 6. ISTRUZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE TITOLO V Capitolo 6 ISTRUZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE TITOLO V Capitolo 6 1 GESTIONE DEI FONDI PENSIONE E ISTITUZIONE DI FONDI PENSIONE APERTI DA PARTE DI BANCHE SEZIONE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. Premessa

Dettagli

SPA: Società per azioni

SPA: Società per azioni SPA: Società per azioni E una società di capitali: (art. 2325 c.c., 1 comma)per le obbligazioni sociali risponde solo la società con il suo patrimonio (art. 2346 c.c., 1 comma) la partecipazione sociale

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE AL DIRIGENTE SCOLASTICO Istituto Comprensivo VIA DELLE AZZORRE A.S MODELLO A

DOMANDA DI ISCRIZIONE AL DIRIGENTE SCOLASTICO Istituto Comprensivo VIA DELLE AZZORRE A.S MODELLO A DOMANDA DI ISCRIZIONE AL DIRIGENTE SCOLASTICO Istituto Comprensivo VIA DELLE AZZORRE A.S. 2016-17 MODELLO A Il/La sottoscritto/a _ Padre Madre Tutore esercitante la patria potestà l iscrizione alla scuola

Dettagli

Città Metropolitana di Roma Capitale REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DI CONTROLLO E GARANZIA

Città Metropolitana di Roma Capitale REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DI CONTROLLO E GARANZIA Città Metropolitana di Roma Capitale REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DI CONTROLLO E GARANZIA Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 72 del 21 dicembre 2015 INDICE Art. 1 Oggetto

Dettagli

Attuazione del diritto dell UE nell ordinamento italiano

Attuazione del diritto dell UE nell ordinamento italiano Attuazione del diritto dell UE nell ordinamento italiano Legge 24 dicembre 2012, n. 234 Norme generali sulla partecipazione dell'italia alla formazione e all'attuazione della normativa e delle politiche

Dettagli

Percorso di formazione per tutori volontari

Percorso di formazione per tutori volontari Percorso di formazione per tutori volontari Luigi Fadiga Garante regionale per l'infanzia e l'adolescenza LA TUTELA DEI DIRITTI DEL MINORE Bologna, 7 maggio 2013 Tutela - molti significati: tutela di beni

Dettagli

LA FEDE NELLA GUERRA DEL NORD AFRICA I CAPPELLANI MILITARI I LUOGHI DI CULTO SUI CAMPI DI BATTAGLIA

LA FEDE NELLA GUERRA DEL NORD AFRICA I CAPPELLANI MILITARI I LUOGHI DI CULTO SUI CAMPI DI BATTAGLIA LA FEDE NELLA GUERRA DEL NORD AFRICA I CAPPELLANI MILITARI I LUOGHI DI CULTO SUI CAMPI DI BATTAGLIA L'assistenza spirituale dei militari ha origini molto antiche, la figura del cappellano militare nasce

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI PIEVE D OLMI 21 MARZO 2015 Provincia di Cremona VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: SERVIZIO DI STATO CIVILE - ISTITUZIONE, PRESSO LA CASA DELLA CULTURA, DI UN UFFICIO DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI. Art. 1 Costituzione e finalità

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI. Art. 1 Costituzione e finalità Allegato alla deliberazione consiliare n. 45 del 18/04/2012 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI Art. 1 Costituzione e finalità Il Comune di Senigallia riconosce nei giovani

Dettagli

FONDO COMUNE DIOCESANO

FONDO COMUNE DIOCESANO FONDO COMUNE DIOCESANO Il Fondo Comune Diocesano è costituito da una quota dell otto per mille trasmesso dalla CEI alla Diocesi di Brescia (settore per il Culto e la Pastorale) e dalle tasse sulle vendite

Dettagli

REGOLAMENTO. Approvato con delib. CC n. 51/

REGOLAMENTO. Approvato con delib. CC n. 51/ REGOLAMENTO Criteri di utilizzazione delle somme relative a oneri di urbanizzazione secondaria da destinare a: -«Chiese ed altri edifici per servizi religiosi»; -«Centri civici e sociali, attrezzature

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DI CONTROLLO E GARANZIA

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DI CONTROLLO E GARANZIA COMUNE DI ASCIANO - PROVINCIA DI SIENA REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DI CONTROLLO E GARANZIA (Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 17 del

Dettagli

Oggetto: Nomina del Referente Sanitario Regionale (RSR) per le grandi emergenze.

Oggetto: Nomina del Referente Sanitario Regionale (RSR) per le grandi emergenze. Il Presidente Oggetto: Nomina del Referente Sanitario Regionale (RSR) per le grandi emergenze. VISTO lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; VISTA la legge regionale 7 gennaio

Dettagli

Libertà e diritti dei cittadini

Libertà e diritti dei cittadini Libertà e diritti dei cittadini Aspetti giuridici della vita quotidiana dal condominio a internet Fondazione Università Popolare di Torino, Torino, 12.12.2013 Avv. Alessia Boario Avv. Daniele Beneventi

Dettagli

CITTÀ DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE DELLE UNIONI CIVILI

CITTÀ DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE DELLE UNIONI CIVILI CITTÀ DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE DELLE UNIONI CIVILI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 70 del 19.05.2014 INDICE GENERALE Art. 1 Principi e definizione dell Unione Civile.....

Dettagli

DECRETO DIRETTORIALE

DECRETO DIRETTORIALE DECRETO DIRETTORIALE N. 120 DEL 31/10/2016 OGGETTO: Conferimento incarico di studio e consulenza a titolo gratuito Paton Renzo, ai sensi dell'art. 5, comma 9, del D.L. n. 95/2012 e art. 6, comma 2, del

Dettagli

INDICE - SOMMARIO CAPITOLO PRIMO NOZIONI E RIFLESSIONI PRELIMINARI

INDICE - SOMMARIO CAPITOLO PRIMO NOZIONI E RIFLESSIONI PRELIMINARI INDICE - SOMMARIO CAPITOLO PRIMO NOZIONI E RIFLESSIONI PRELIMINARI 01. Diritto soggettivo e diritto oggettivo... pag. 3 02. La norma giuridica e i sui caratteri differenziali...» 5 03. La teoria della

Dettagli

TITOLO II LE FUNZIONI A. FUNZIONI TECNICHE

TITOLO II LE FUNZIONI A. FUNZIONI TECNICHE TITOLO II LE FUNZIONI A. FUNZIONI TECNICHE Art. 10 Ordinamento del giuoco, dei campionati e delle squadre nazionali 1. La F.I.G.C. detta le regole del giuoco del calcio in aderenza alle norme della F.I.F.A.

Dettagli

PARTE PRIMA QUESTIONI GENERALI

PARTE PRIMA QUESTIONI GENERALI INDICE-SOMMARIO Notizie sugli Autori...» V PARTE PRIMA QUESTIONI GENERALI CAPITOLO I IL DIRITTO ECCLESIASTICO: AMBITO E PRINCIPI 1. Concetto e ambito del «diritto ecclesiastico»... Pag. 3 2. segue...»

Dettagli

ATTO NORMATIVO DIOCESANO 1

ATTO NORMATIVO DIOCESANO 1 Azione Cattolica Italiana Arcidiocesi di Udine ATTO NORMATIVO DIOCESANO 1 CAP. 1 L Azione Cattolica Italiana dell Arcidiocesi di Udine L Atto Normativo Diocesano L Atto Normativo diocesano disciplina ed

Dettagli

IL COORDINATORE UNICO AD INTERIM DELLE RISORSE UMANE

IL COORDINATORE UNICO AD INTERIM DELLE RISORSE UMANE ATTI del DIRETTORE GENERALE dell anno 2016 Deliberazione n. 0000094 del 05/02/2016 - Atti U.O. Direzione Strategica Oggetto: NOMINA DELLA DELEGAZIONE TRATTANTE DI PARTE PUBBLICA PER LA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA

Dettagli

Comune di Monvalle Provincia di Varese Regolamento per l organizzazione del servizio per la celebrazione dei matrimoni civili

Comune di Monvalle Provincia di Varese Regolamento per l organizzazione del servizio per la celebrazione dei matrimoni civili Comune di Monvalle Provincia di Varese Regolamento per l organizzazione del servizio per la celebrazione dei matrimoni civili Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 22 del 22.09.2016 INDICE Art.

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI *** ATTO COMPLETO *** http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario 1 di 3 22/01/2015 19:10 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 14 gennaio 2015 Determinazione,

Dettagli

LE CONSEGUENZE. In mancanza di una convenzione di adozione del regime di separazione scatta la titolarità comune per gli acquisti.

LE CONSEGUENZE. In mancanza di una convenzione di adozione del regime di separazione scatta la titolarità comune per gli acquisti. A003368 FONDAZIONE INSIEME onlus. Da il sole 24 ore del 2/3/2016, , di Angelo Busani e Emanuele Lucchini Guastalla, giornalisti. Per la lettura completa

Dettagli

C O M U N E D I C O R A T O

C O M U N E D I C O R A T O C O M U N E D I C O R A T O (CITTÀ METROPOLITANA DI BARI) REGOLAMENTO DELLA CONSULTA PERMANENTE DELLO SPORT (Approvato con Delibera di C.C. n. 87 del 24.10.2016) INDICE Art. 1 - Finalità Art. 2 - Competenze

Dettagli

COMUNE DI SPILINGA (Provincia di Vibo Valentia) Tel Fax

COMUNE DI SPILINGA (Provincia di Vibo Valentia) Tel Fax COMUNE DI SPILINGA (Provincia di Vibo Valentia) Tel.0963.65035 Fax 0963.605802 www.comune.spilinga.vv.it REGOLAMENTO PER LA CONSULTA ANZIANI E PENSIONATI ART. 1 OBIETTIVI FONDAMENTALI La Consulta Comunale

Dettagli

PARTE I Diritti e Doveri dei Cittadini. TITOLO I Rapporti Civili

PARTE I Diritti e Doveri dei Cittadini. TITOLO I Rapporti Civili Alcuni Articoli della Costituzione della Repubblica Italiana Norme costituzionali sulla giurisdizione in genere e sulla responsabilità civile dei funzionari dello stato Testo coordinato dall avv. Nicola

Dettagli

Testo con le modifiche del disegno di legge costituzionale proposto dal Governo. Testo attuale TITOLO IV LA MAGISTRATURA TITOLO IV LA GIUSTIZIA

Testo con le modifiche del disegno di legge costituzionale proposto dal Governo. Testo attuale TITOLO IV LA MAGISTRATURA TITOLO IV LA GIUSTIZIA Testo attuale Testo con le modifiche del disegno di legge costituzionale proposto dal Governo TITOLO IV LA MAGISTRATURA Sezione I Ordinamento giurisdizionale TITOLO IV LA GIUSTIZIA Sezione I Gli organi

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (SCIA) AGENZIA D AFFARI ART. 115 T.U.L.P.S. art. 19 L. 241/1990 e s.m.i.

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (SCIA) AGENZIA D AFFARI ART. 115 T.U.L.P.S. art. 19 L. 241/1990 e s.m.i. Al COMUNE DI ASSAGO Servizio Polizia Amministrativa Via dei Caduti n. 5 20090 Assago Da trasmettere esclusivamente al seguente indirizzo PEC: suap.commercio@assago.legalmail.it previa sottoscrizione file

Dettagli

UNITÀ PASTORALE DI TRESTINA. preso atto del Decreto Vescovile. Prot. n. 97/11. del 26 agosto 2011, Solennità della Madonna delle Grazie,

UNITÀ PASTORALE DI TRESTINA. preso atto del Decreto Vescovile. Prot. n. 97/11. del 26 agosto 2011, Solennità della Madonna delle Grazie, UNITÀ PASTORALE DI TRESTINA preso atto del Decreto Vescovile Prot. n. 97/11 del 26 agosto 2011, Solennità della Madonna delle Grazie, che costituisce le UNITÀ PASTORALI, 1 / 23 il giorno 10 Settembre 2011,

Dettagli

UUniversità degli Studi di Roma Tor Vergata

UUniversità degli Studi di Roma Tor Vergata MODELLO 1 CONTRATTO DI CONSULENZA/RICERCA TRA Il Dipartimento di dell Università degli Studi di Roma Tor Vergata, in prosieguo denominato Università, codice fiscale 80213750583, con sede in Roma, Via,

Dettagli

La Santa Sede PAPA FRANCESCO STATUTO DELLA SEGRETERIA PER LA COMUNICAZIONE. Preambolo

La Santa Sede PAPA FRANCESCO STATUTO DELLA SEGRETERIA PER LA COMUNICAZIONE. Preambolo La Santa Sede PAPA FRANCESCO STATUTO DELLA SEGRETERIA PER LA COMUNICAZIONE Preambolo La Segreteria per la Comunicazione è costituita per rispondere all attuale contesto comunicativo, caratterizzato dalla

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE - --------------------------------------------------------------------- numero data Oggetto: Conferimento incarico di Collaborazione Professionale a titolo gratuito

Dettagli

TRASFERIMENTO O RINUNCIA DEL PARROCO

TRASFERIMENTO O RINUNCIA DEL PARROCO TRASFERIMENTO O RINUNCIA DEL PARROCO Il momento dell avvicendamento del Parroco è una situazione da seguire con particolare attenzione anche sotto il profilo amministrativo. E necessario, infatti, garantire

Dettagli

Il Presidente della Repubblica

Il Presidente della Repubblica Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 11 novembre 1993 Regolamento interno del Consiglio dei Ministri (Pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 15 novembre 1993, n. 268.) ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Francesco Miccichè. Vescovo di Trapani

Francesco Miccichè. Vescovo di Trapani DECRETO SUL MINISTERO STRAORDINARIO DELLA SANTA COMUNIONE Francesco Miccichè Vescovo di Trapani La Santissima Eucaristia è il dono che Gesù Cristo fa di se stesso, rivelandoci l'amore infinito di Dio

Dettagli

INDICE GENERALE. CAPITOLO I Il CONCILIO VATICANO II E LA LEGISLAZIONE CANONICA SUI BENI TEMPORALI

INDICE GENERALE. CAPITOLO I Il CONCILIO VATICANO II E LA LEGISLAZIONE CANONICA SUI BENI TEMPORALI Introduzione... Abbreviazioni... V IX CAPITOLO I Il CONCILIO VATICANO II E LA LEGISLAZIONE CANONICA SUI BENI TEMPORALI 1. I principi ispiratori della riforma codiciale sulla scia del Concilio Vaticano

Dettagli

I venerdì dell Avvocatura

I venerdì dell Avvocatura Arcidiocesi di Milano I venerdì dell Avvocatura Gli enti presenti in parrocchia e che collaborano con la parrocchia 10 ottobre 2014 Curia Arcivescovile Piazza Fontana, 2 Milano LE QUESTIONI COME SONO PRESENTI

Dettagli

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO N. 7 ORGANIZZAZIONE E PERSONALE. DECRETO n del 25 marzo 2008

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO N. 7 ORGANIZZAZIONE E PERSONALE. DECRETO n del 25 marzo 2008 2044 18-4-2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA - Parte III - n. 16 REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO N. 7 ORGANIZZAZIONE E PERSONALE DECRETO n. 3019 del 25 marzo 2008 Modifica del decreto dirigenziale

Dettagli

Indice. 1 L organizzazione territoriale della Chiesa ---------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 L organizzazione territoriale della Chiesa ---------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELLE RELIGIONI LEZIONE III L ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE DELLA CHIESA IN ITALIA PROF. MARCO SANTO ALAIA Indice 1 L organizzazione territoriale della Chiesa ----------------------------------------------------------

Dettagli

Convento-Parrocchia Santa Maria delle Grazie - Squinzano-

Convento-Parrocchia Santa Maria delle Grazie - Squinzano- Convento-Parrocchia Santa Maria delle Grazie - Squinzano- . IL COMANDAMENTO DELL AMORE Ama il Signore Dio tuo con tutto il cuore, con tutta la mente, con tutta la forza. Ama il prossimo tuo come te stesso.

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 349 del O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 349 del O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 349 del 17-5-2016 O G G E T T O Parafarmacia CORAZZA VETERINARIA di Portinari Gian Paolo via Manzoni, 8, Campiglia

Dettagli

TITOLO 1 Denominazione, Sede, Scopo. Art. 1) E costituita l Associazione Diocesana Milanese PROmozione RAdiotelevisiva (in forma abbreviata PRO.RA.

TITOLO 1 Denominazione, Sede, Scopo. Art. 1) E costituita l Associazione Diocesana Milanese PROmozione RAdiotelevisiva (in forma abbreviata PRO.RA. STATUTO della Associazione PROmozione RAdiotelevisiva - Associazione Diocesana Milanese (in forma abbreviata PRO.RA.) SEDE: Via Guglielmo Silva, 36 20145 MILANO TITOLO 1 Denominazione, Sede, Scopo Art.

Dettagli

Ai Dirigenti comunali Ai Responsabili di settore Ai dipendenti. E p.c. Al Sindaco Alla Giunta Al Presidente del Consiglio Comunale SEDE

Ai Dirigenti comunali Ai Responsabili di settore Ai dipendenti. E p.c. Al Sindaco Alla Giunta Al Presidente del Consiglio Comunale SEDE Ai Dirigenti comunali Ai Responsabili di settore Ai dipendenti E p.c. Al Sindaco Alla Giunta Al Presidente del Consiglio Comunale SEDE San Lazzaro di Savena, 23 febbraio 2015 Prot. 6782 /2015 OGGETTO:

Dettagli

COMUNE DI BRICHERASIO (Provincia di TORINO) REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI DIFESA AMBIENTALE

COMUNE DI BRICHERASIO (Provincia di TORINO) REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI DIFESA AMBIENTALE COMUNE DI BRICHERASIO (Provincia di TORINO) REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI DIFESA AMBIENTALE 1 ART. 1 FINALITA 1. Il Comune di Bricherasio istituisce e coordina il Servizio di Volontariato Comunale

Dettagli

COSTITUZIONE APOSTOLICA "ANGLICANORUM COETIBUS"

COSTITUZIONE APOSTOLICA ANGLICANORUM COETIBUS COSTITUZIONE APOSTOLICA "ANGLICANORUM COETIBUS" Pubblichiamo di seguito il testo integrale della Costituzione Apostolica Anglicanorum coetibus che istituisce degli Ordinariati personali per permettere

Dettagli

COMUNE DI CAMBIANO Provincia di Torino REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

COMUNE DI CAMBIANO Provincia di Torino REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI CAMBIANO Provincia di Torino REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 12 DEL 12/03/2010 1 INDICE: Articolo 1 Oggetto e finalità del regolamento...

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA PUGLIESE CIACCIO

AZIENDA OSPEDALIERA PUGLIESE CIACCIO AVVISO INTERNO MEDIANTE PROCEDURA COMPARATIVA DEI CURRICULA PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI DIRIGENTE DEL RUOLO AMMINISTRATIVO RESPONSABILE DELLA STRUTTURA OPERATIVA COMPLESSA GESTIONE RISORSE UMANE

Dettagli

FOLIUM DIOECESANUM Bauzanense Brixinense

FOLIUM DIOECESANUM Bauzanense Brixinense Annus XLIV Januarius 2008 Nr. 1 FOLIUM DIOECESANUM Bauzanense Brixinense I registri parrocchiali Direttive per la redazione dei registri parrocchiali Curia Vescolvile Bolzano-Bressanone 2009 Estratto dal

Dettagli

Oggetto: Incarichi di consulenza tecnica presso la Procura della Repubblica di Roma. Linee guida.

Oggetto: Incarichi di consulenza tecnica presso la Procura della Repubblica di Roma. Linee guida. Prot. n. 0042596 del 22.06.2015 A tutto il Personale Oggetto: Incarichi di consulenza tecnica presso la Procura della Repubblica di Roma. Linee guida. In data 7 maggio 2015 l Università La Sapienza ha

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. IN MATERIA DI SICUREZZA e per l esercizio coordinato delle funzioni di polizia locale tra. la PROVINCIA DI PISA e i COMUNI di

PROTOCOLLO D INTESA. IN MATERIA DI SICUREZZA e per l esercizio coordinato delle funzioni di polizia locale tra. la PROVINCIA DI PISA e i COMUNI di PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SICUREZZA e per l esercizio coordinato delle funzioni di polizia locale tra la PROVINCIA DI PISA e i COMUNI di Orciano Pisano, Monteverdi M.mo, Casale M.mo, Guardistallo,

Dettagli

copia n 125 del

copia n 125 del CITTÀ DI AGROPOLI (Provincia di Salerno) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE copia n 125 del 30.04.2013 OGGETTO : RICORSO AL TAR CONTRO LA DISPOSIZIONE DEL DIRETTORE GENERALE DELL ASL SALERNO N.5505 DEL

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE STRUTTURE DIDATTICHE DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOMOLECOLARI (DISB)

REGOLAMENTO DELLE STRUTTURE DIDATTICHE DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOMOLECOLARI (DISB) REGOLAMENTO DELLE STRUTTURE DIDATTICHE DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOMOLECOLARI (DISB) (emanato con Decreto Rettorale n.17/2016 del 20 gennaio 2016) in vigore dal 21 gennaio 2016 INDICE Articolo 1 - Principi

Dettagli

COSTITUZIONE DEL CONSIGLIO PASTORALE DELL ARCIDIOCESI DI MESSINA LIPARI S. LUCIA DEL MELA DECRETO

COSTITUZIONE DEL CONSIGLIO PASTORALE DELL ARCIDIOCESI DI MESSINA LIPARI S. LUCIA DEL MELA DECRETO COSTITUZIONE DEL CONSIGLIO PASTORALE DELL ARCIDIOCESI DI MESSINA LIPARI S. LUCIA DEL MELA DECRETO NOI IGNAZIO CANNAVÒ ARCIVESCOVO - ARCHIMANDRITA DI MESSINA LIPARI S. LUCIA DEL MELA Visti i Decreti Conciliari

Dettagli

COMUNE DI FROSINONE REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITA E LA TRASPARENZA DELLO STATO PATROMINIALE DEI TITOLARI DI CARICHE PUBBLICHE ELETTIVE E DI GOVERNO

COMUNE DI FROSINONE REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITA E LA TRASPARENZA DELLO STATO PATROMINIALE DEI TITOLARI DI CARICHE PUBBLICHE ELETTIVE E DI GOVERNO COMUNE DI FROSINONE REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITA E LA TRASPARENZA DELLO STATO PATROMINIALE DEI TITOLARI DI CARICHE PUBBLICHE ELETTIVE E DI GOVERNO Approvato con deliberazione di consiglio comunale n.

Dettagli

ANGELO SCOLA CARDINALE DI SANTA ROMANA CHIESA ARCIVESCOVO DI MILANO

ANGELO SCOLA CARDINALE DI SANTA ROMANA CHIESA ARCIVESCOVO DI MILANO STATUTO ANGELO SCOLA CARDINALE DI SANTA ROMANA CHIESA ARCIVESCOVO DI MILANO Prot. Gen. n. 2053 Oggetto: Decreto modifica Statuto Movimento Terza Età Il Movimento Terza Età, sorto nel 1972 in stretto contatto

Dettagli

REGIONE LIGURIA PROVINCIA DI GENOVA COMUNE DI RECCO

REGIONE LIGURIA PROVINCIA DI GENOVA COMUNE DI RECCO REGIONE LIGURIA PROVINCIA DI GENOVA COMUNE DI RECCO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PROGETTAZIONE SVOLTA DA SOGGETTI INTERNI ALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE E PER LA RIPARTIZIONE DEI RELATIVI INCENTIVI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEI PROFESSIONISTI. ARTICOLO 1 (Oggetto del Regolamento) ARTICOLO 2 (Finalità e compiti della Consulta)

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEI PROFESSIONISTI. ARTICOLO 1 (Oggetto del Regolamento) ARTICOLO 2 (Finalità e compiti della Consulta) REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEI PROFESSIONISTI ARTICOLO 1 (Oggetto del Regolamento) 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento, organizzazione, criteri di selezione ed il numero

Dettagli

La Santa Sede PAPA FRANCESCO STATUTI DEI NUOVI ORGANISMI ECONOMICI STATUTO DEL CONSIGLIO PER L ECONOMIA

La Santa Sede PAPA FRANCESCO STATUTI DEI NUOVI ORGANISMI ECONOMICI STATUTO DEL CONSIGLIO PER L ECONOMIA La Santa Sede PAPA FRANCESCO STATUTI DEI NUOVI ORGANISMI ECONOMICI Statuto del Consiglio per l'economia Statuto della Segreteria per l'economia Statuto dell'ufficio del Revisore Generale STATUTO DEL CONSIGLIO

Dettagli

Determinazione dirigenziale

Determinazione dirigenziale SETTORE AMMINISTRAZIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE --- SERVIZIO CONCORSI - ASSUNZIONI Determinazione dirigenziale Registro Generale N. 392 del 15/06/2015 Registro del Settore N. 91 del 15/06/2015 Oggetto:

Dettagli

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO CONSULTE COMUNALI

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO CONSULTE COMUNALI COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO CONSULTE COMUNALI EX ART.38 DELLO STATUTO DEL COMUNE DI GAETA 1) CONSULTA COMUNALE DELL ECONOMIA, DEL LAVORO E DELLE ATTIVITÁ SOCIALI 2) CONSULTA DELLA

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. Prot. n. 125604/2016 Definizione delle modalità di presentazione dell istanza di rimborso del canone di abbonamento alla televisione per uso privato, pagato a seguito di addebito nelle fatture emesse dalle

Dettagli

CALENDARIO PASTORALE DIOCESANO

CALENDARIO PASTORALE DIOCESANO CALENDARIO PASTORALE DIOCESANO 2016-2017 CALENDARIO PASTORALE DIOCESANO 2016-2017 Vengono indicati gli impegni di rilevanza diocesana, gli eventi nei quali la presenza del vescovo assume un particolare

Dettagli

COMUNE DI MARCELLINA Provincia di Roma

COMUNE DI MARCELLINA Provincia di Roma COMUNE DI MARCELLINA Provincia di Roma CONSULTA PER LA TUTELA AMBIENTALE LO SVILUPPO SOSTENIBILE E LA VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI Approvato con deliberazione di C.C n. 40 del 28/11/2012. Art 1 COSTITUZIONE

Dettagli

3) Competenze specialistiche per l'affidamento degli incarichi professionali.

3) Competenze specialistiche per l'affidamento degli incarichi professionali. AVVISO PUBBLICO DI INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI CURRICULA PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI CONSULENZA, ASSISTENZA LEGALE E RAPPRESENTANZA IN GIUDIZIO L Unità Locale Socio Sanitaria n. 2 di Feltre ritiene

Dettagli

Legislazione ecclesiastica archivi

Legislazione ecclesiastica archivi Legislazione ecclesiastica archivi Brescia 15-22 ottobre 2011 2011 a cura di Mauro Livraga 1 Transitus Domini È il Cristo che opera nel tempo e che scrive, proprio Lui, la sua storia, sì che i nostri brani

Dettagli

AZIENDA U.L.S.S. N. 16 DI PADOVA

AZIENDA U.L.S.S. N. 16 DI PADOVA 0016257-25/03/2016-DGDMF-COD_UO-A REGIONE DEL VENETO AZIENDA U.L.S.S. N. 16 DI PADOVA DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n. 288 del 23/03/2016 OGGETTO: Autorizzazione alla vendita on line di medicinali

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE alla SCUOLA dell INFANZIA STATALE

DOMANDA DI ISCRIZIONE alla SCUOLA dell INFANZIA STATALE DOMANDA DI ISCRIZIONE alla SCUOLA dell INFANZIA STATALE Al Dirigente Scolastico dell ISTITUTO COMPRENSIVO di FORNOVO TARO Via G. Marconi, 13 - FORNOVO TARO _l_ sottoscritt in qualità di genitore tutore

Dettagli

Legge regionale 9 ottobre 2009, n. 13 Istituzione del Consiglio delle autonomie locali *

Legge regionale 9 ottobre 2009, n. 13 Istituzione del Consiglio delle autonomie locali * Legge regionale 9 ottobre 2009, n. 13 Istituzione del Consiglio delle autonomie locali * Art. 1 Oggetto 1. È istituito il Consiglio delle autonomie locali (CAL), quale organo di rappresentanza delle autonomie

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 777 del 6-11-2015 O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 777 del 6-11-2015 O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 777 del 6-11-2015 O G G E T T O Approvazione schema bando di selezione per l'assegnazione di contributi per l'acquisto

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI LODI

AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI LODI AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI LODI Sede: 26900 Lodi - P.zza Ospitale, 10 C.F. - P.I. n. 03426440966 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE Servizio/U.O. proponente Responsabile del procedimento A.O. Direzione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 404/E

RISOLUZIONE N. 404/E RISOLUZIONE N. 404/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,29 ottobre 2008 OGGETTO: Istanza di interpello Tassa sulle concessioni governative per il rilascio di documenti di viaggio a stranieri

Dettagli

DIVISIONE ISTITUZIONE DIPARTIMENTI - CONTRATTI E CONVENZIONI Palazzo del Bo Via 8 Febbraio, Padova - I 049/ / /827.

DIVISIONE ISTITUZIONE DIPARTIMENTI - CONTRATTI E CONVENZIONI Palazzo del Bo Via 8 Febbraio, Padova - I 049/ / /827. DIVISIONE ISTITUZIONE DIPARTIMENTI - CONTRATTI E CONVENZIONI Palazzo del Bo Via 8 Febbraio, 2 35122 Padova - I 049/827.3074/3075 049/827.3529 Decreto n. 1868 Regolamento per le pubblicazioni Prot. n. 32095

Dettagli

STUDI DI FATTIBILITA E LORO SVILUPPO PROGETTUALE IL CIPE

STUDI DI FATTIBILITA E LORO SVILUPPO PROGETTUALE IL CIPE STUDI DI FATTIBILITA E LORO SVILUPPO PROGETTUALE IL CIPE VISTA la legge 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modifiche ed integrazioni (legge quadro in materia di lavori pubblici) che, all art. 14, dispone

Dettagli

REGOLAMENTO 20 dicembre 2013, n. 9

REGOLAMENTO 20 dicembre 2013, n. 9 REGOLAMENTO 20 dicembre 2013, n. 9 Regolamento di esecuzione dell articolo 1, comma 82 e comma 83, della legge regionale del 6 maggio 2013, n. 5 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale 2013

Dettagli

S.E. Rev.ma Mons. Rocco TALUCCI Nato il: Ordinato presbitero il:

S.E. Rev.ma Mons. Rocco TALUCCI Nato il: Ordinato presbitero il: Arcivescovi Emeriti S.E. Rev.ma Mons. Rocco TALUCCI Nato il: 06-09-1936 Ordinato presbitero il: 23-07-1961 Nato a Venosa (Pz), diocesi di Melfi-Rapolla-Venosa. Il 4 ottobre 1953 entra nel Pontificio Seminario

Dettagli

Il modello di governance dualistico per le società chiuse

Il modello di governance dualistico per le società chiuse Il modello di governance dualistico per le società chiuse a prima critica che viene fatta al modello di governance dualistico riguarda la nomina dei componenti il Consiglio di sorveglianza e la disciplina

Dettagli

COMUNE DI CASALINO Provincia di Novara

COMUNE DI CASALINO Provincia di Novara COMUNE DI CASALINO Provincia di Novara COPIA DELIBERAZIONE N. 14 DEL 14.01.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CELEBRAZIONE MATRIMONIO CIVILE NELLA CASA COMUNALE. DISPOSIZIONI.

Dettagli