Economia degli intermediari finanziari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Economia degli intermediari finanziari"

Transcript

1 Economia degli intermediari finanziari L apertura di credito in conto corrente 1. Introduzione L apertura di credito in conto corrente è un prestito a breve termine in cui la banca mette a disposizione del cliente una determinata somma su un conto corrente. Questa operazione presenta diversi aspetti. In primo luogo, si tratta di un finanziamento di breve periodo volto a coprire fabbisogni che non si possono identificare in anticipo con certezza. In secondo luogo, la struttura tecnica del conto corrente consente di utilizzare tutti i servizi ad esso collegati: di pagamento, di incasso, di richiesta anticipi o sconto di cambiali Il cliente corrisponde un tasso d interesse alla banca solo sulla parte del prestito utilizzata per il tempo che la utilizza. Il contratto che regola il rapporto tra cliente e banca può essere a tempo determinato o indeterminato ed è disciplinato dal codice civile agli articoli (riquadro n 1). Riquadro n 1: L apertura di credito in conto corrente secondo il Codice Civile Art Nozione - L apertura di credito bancario è il contratto con il quale la banca si obbliga a tenere a disposizione dell altra parte una somma di denaro per un dato periodo di tempo o a tempo indeterminato. Art Utilizzazione del credito - Se non convenuto altrimenti l accreditato può utilizzare più volte il credito secondo le forme d uso, e può con successivi versamenti ripristinare la sua disponibilità. Salvo patto contrario, i prelevanti e i versamenti si eseguono presso la sede della banca dove è costituito il rapporto. Art Garanzia - Se per l apertura di credito è data una garanzia reale o personale, questa non si estingue prima della fine del rapporto per il solo fatto che l accreditato cessa di essere debitore della banca. Se la garanzia diviene insufficiente, la banca può chiedere un supplemento di garanzia o la sostituzione delle garanzie. Se l accreditato non ottempera alla richiesta, la banca può ridurre il credito proporzionalmente al diminuito valore della garanzia o recedere dal contratto. Art Recesso del contratto - Salvo patto contrario, la banca non può recedere dal contratto prima della scadenza del termine, se non per giusta causa. Il recesso sospende immediatamente l utilizzazione del credito, ma la banca deve concedere un termine di almeno quindici giorni per la restituzione della somma utilizzata e dei relativi accessori. Se l apertura di credito è a tempo indeterminato, ciascuna delle parti può recedere dal contratto, mediante preavviso nel termine stabilito dal contratto, dagli usi, in mancanza, in quello di quindici giorni. Mercato 1. La domanda 1

2 L apertura di credito in conto corrente viene richiesta da professionisti, imprese, enti locali, privati e famiglie che necessitano di un finanziamento bancario a breve termine. Le diverse attività poste in essere da un impresa generalmente producono effetti sulle entrate e le uscite di cassa. Può accadere nel corso di una settimana o di un mese che l avvicendamento tra entrate e uscite sia tale che le uscite superino le entrate, evidenziando un fabbisogno di liquidità. In tal caso, l impresa si può rivolgere ad una fonte esterna (la banca) per poter attingere la liquidità che la gestione corrente non genera in misura sufficiente. Si tratta di scompensi di breve durata determinati dal ciclo acquisti/trasformazione/vendita e che le successive entrate dovrebbero ripianare o ridurre. Nelle imprese l apertura di credito in conto corrente può essere richiesta anche per finanziare un temporaneo aumento della produzione o in attesa di ricevere un prestito a lungo termine (si tratta di una soluzione ponte). Tra i privati e i professionisti richiede un apertura di credito in conto corrente chi possiede un deposito in conto corrente e ritiene che a causa di spese impreviste, ritardi o mancati pagamenti, si possa trovare nella condizione di dover effettuare pagamenti senza avere sul conto proprie disponibilità. La possibilità di ricorrere a risorse messe a disposizione dalla banca, consente di gestire con maggiore tranquillità la propria cassa. Le famiglie e privati possono richiedere questa forma di finanziamento anche per finanziare spese di consumo. In tal caso si tratta di una particolare forma di finanziamento che rientra tra i prestiti personali. L apertura di credito per elasticità di cassa può essere richiesta da un ente locale nel caso in cui esistano i requisiti necessari (Riquadro n 2). Riquadro n 2 - comma 68 della legge finanziaria del 2005 Apertura di credito Gli enti locali sono autorizzati a contrarre aperture di credito nel rispetto della disciplina di cui al presente articolo. 2. Le spese per investimenti finanziate con il contratto di apertura di credito si considerano impegnate all'atto della stipula del contratto stesso e per l'ammontare dell'importo del progetto o dei progetti definitivi o esecutivi finanziati; alla chiusura dell'esercizio le somme oggetto del contratto di apertura di credito costituiscono residui attivi. 3. Il ricorso alle aperture di credito è possibile solo se sussistono le condizioni di cui all'articolo 203, comma 1, e nel rispetto dei limiti di cui all'articolo 204, comma 1, calcolati con riferimento all'importo complessivo dell'apertura di credito stipulata. 4. L'utilizzo del ricavato dell'operazione è sottoposto alla disciplina di cui all'articolo 204, comma I contratti di apertura di credito devono, a pena di nullità, essere stipulati in forma pubblica e contenere le seguenti clausole e condizioni: a) la banca è tenuta ad effettuare erogazioni, totali o parziali, dell'importo del contratto in base alle richieste di volta in volta inoltrate dall'ente e previo rilascio da parte di quest'ultimo delle relative delegazioni di pagamento ai sensi dell'articolo 206. L'erogazione dell'intero importo messo a disposizione al momento della contrazione dell'apertura di credito ha luogo nel termine massimo di tre anni ferma restando la possibilità per l'ente locale di disciplinare contrattualmente le condizioni economiche di un eventuale utilizzo parziale; b) gli interessi sulle aperture di credito devono riferirsi ai soli importi erogati. L'ammortamento di tali importi deve avere una durata non inferiore a cinque anni con decorrenza dal 1 o gennaio o dal 1 o luglio successivi alla data dell'erogazione; c) le rate di ammortamento devono essere comprensive, sin dal primo anno, della quota capitale e della quota interessi; d) unitamente alla prima rata di ammortamento delle somme erogate devono essere corrisposti gli eventuali interessi di preammortamento, gravati degli ulteriori interessi decorrenti dalla data di inizio dell'ammortamento e sino alla scadenza della prima rata; e) deve essere indicata la natura delle spese da finanziare e, ove necessario, avuto riguardo alla tipologia 2

3 dell'investimento, dato atto dell'intervenuta approvazione del progetto o dei progetti definitivi o esecutivi, secondo le norme vigenti; f) deve essere rispettata la misura massima di tasso applicabile alle aperture di credito i cui criteri di determinazione sono demandati ad apposito decreto del Ministro dell'economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dell'interno, da emanare entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente disposizione. 6. Le aperture di credito sono soggette, al pari delle altre forme di indebitamento, al monitoraggio di cui all'articolo 41 della legge 28 dicembre 2001, n. 448, nei termini e modalità previsti dal relativo regolamento di attuazione, di cui al decreto del Ministro dell'economia e delle finanze 1 o dicembre 2003, n I modelli per la comunicazione delle caratteristiche finanziarie delle singole operazioni di apertura di credito sono pubblicati in allegato al decreto di cui alla lettera f) del comma 5». 2. L offerta L apertura di credito in conto corrente viene offerta dal sistema bancario. E uno strumento particolarmente utilizzato dagli operatori economici che consente all offerente di veicolare una molteplicità di servizi e di ottenere un ampio patrimonio informativo rispetto al cliente. Le politiche di distribuzione riguardano le esigenze di contatto tra domanda e offerta che si creano in fase di avvio del rapporto e per la richiesta dei diversi servizi dispositivi e informativi. La disponibilità di diversi canali di contatto determina la possibilità di articolare la distribuzione del prodotto secondo criteri di economicità ed efficienza di prestazione del servizio. Riguardo la fase di avvio del rapporto, la modalità più tradizionale per accedere a questi strumenti è quella di recarsi presso lo sportello bancario. Altra modalità è rappresentata dall offerta attraverso i mediatori creditizi. Altri canali sono quelli chiamati a distanza. Questi per le aziende sono costituiti dal Corporate banking interbancario. Attraverso tale piattaforma telematica l azienda può interagire con la banca prescelta e con le altre presso le quali ha i diversi conti e disporre le operazioni e ricevere le diverse informazioni. Normalmente tale strumento è collocato all interno di un portafoglio più ampio di prodotti finanziari. In base alle caratteristiche del contratto, il finanziamento offerto è destinato ad una clientela con un fabbisogno di finanziamento di breve termine che può essere rappresentata da imprese o individui. Nel primo caso il prodotto rappresenta uno strumento utile per la gestione della liquidità che permette di far fronte ad eventuali problemi di cassa mentre nel caso degli individui solitamente il prodotto non viene offerto autonomamente ma come servizio accessorio rispetto al classico rapporto di conto utile al fine di gestire temporanei scoperti. La banca ha uno scarso controllo su tale forma di finanziamento in funzione degli ampi gradi di libertà che vengono concessi al cliente e deve, quindi, monitorare nel tempo l utilizzo dello strumento per identificare eventuali segnali di eventuali difficoltà finanziarie del soggetto affidato. In funzione di tale controllo esercitato dell intermediario, il cliente deve dimostrare durante la vita del contratto di movimentare frequentemente il conto e di non utilizzarlo sempre per importi vicini al limite massimo stabilito nella valutazione di fido. 3

4 La distribuzione del servizio viene realizzata direttamente dalla banca o attraverso mediatori creditizi e normalmente tale strumento è collocato all interno di un portafoglio più ampio di prodotti finanziari. 2. Aspetti tecnici e classificazione delle diverse forme tecniche di erogazione del servizio L apertura di credito in conto corrente è erogata attraverso la forma tecnica del conto corrente bancario e l intermediario sulla base del grado di affidabilità della controparte definisce il limite massimo di utilizzo di tale finanziamento (fido accordato). La valutazione dell affidabilità del cliente costituisce un pre-requisito dell operazione ed è realizzata in modo differente in funzione delle caratteristiche del richiedente. Nel caso delle imprese l analisi considera per ciascuna controparte aspetti quali l assetto del mercato in cui opera, la situazione economico-finanziaria e patrimoniale attuale, le strategie adottate e le prospettive future, le informazioni sul suo comportamento in passato e l esposizione nei confronti di altri intermediari. Nel caso della clientela retail le informazioni utilizzate sono legate al reddito percepito, al comportamento tenuto in passato nei confronti dell intermediario e all esposizione verso altri intermediari. Le informazioni raccolte vengono tradotte in un giudizio sintetico (definito rating) in base al quale l intermediario è in grado di valutare l accoglimento o il rigetto della richiesta di finanziamento, le condizioni contrattuali da applicare e l importo massimo di affidamento Entro il limite massimo stabilito dall intermediario, il cliente può decidere liberamente il livello di utilizzo della linea di credito accordata (fido utilizzato) più coerente con le sue esigenze. Le competenze per la banca vengono calcolate proporzionalmente alla durata e all entità della linea di credito utilizzata. Il prodotto, soprattutto quando offerto alla clientela imprese, può essere costruito sulle specifiche esigenze del cliente e, oltre ai costi e alle commissioni applicate, possono essere oggetto di contrattazione: - le modalità di utilizzo; - le garanzie del rapporto; - la durata. La classificazione sulla base delle modalità di utilizzo permette di identificare forme tecniche differenti in funzione di profili tecnici e/o finalità di utilizzo del servizio (Figura 1). Figura 1. La classificazione in funzione della modalità di utilizzo Modalità di utilizzo Aperture di credito semplici Aperture di credito per elasticità di cassa Aperture di credito ordinarie Aperture di credito con particolari finalità 4

5 Le aperture di credito semplici sono linee di credito messe a disposizione del cliente utilizzabili in un unica o in più soluzioni che non possono essere ricostituite attraverso successivi versamenti. Le aperture di credito per elasticità di cassa sono solitamente servizi collegati ad un normale rapporto di conto corrente con i quali l intermediario offre alla clientela la possibilità di avere scoperti temporanei sul suo conto. L apertura di credito ordinaria è la forma classica di erogazione del servizio da parte della banca che prevede la massima discrezionalità del cliente nel movimentare il conto nei limiti del fido accordato. Le aperture di credito con particolari finalità (stagionali, di credito agrario, etc ) sono aperture di credito ordinarie in cui, al fine di ridurre il costo del servizio, il cliente informa la banca preventivamente delle modalità e tempi di utilizzo riducendo il proprio ambito di discrezionalità nell utilizzo del servizio. In funzione del risultato dell analisi sul merito creditizio del cliente affidato, l intermediario può concedere il servizio richiedendo o meno una garanzia (Figura 2). Figura 2. La classificazione in funzione della modalità di utilizzo Le garanzie del rapporto In bianco o allo scoperto Garantite Con garanzie reali Lettere di patronage Con garanzie personali Nel caso in cui la rischiosità dell operazione sia trascurabile per la banca, il cliente ottiene un apertura di credito cosiddetta in bianco o allo scoperto e non deve presentare all intermediario alcuna garanzia per ottenere il servizio. Nel caso di posizioni con rischiosità non trascurabile, la banca richiede al cliente di rilasciare garanzie reali o personali. Nel primo caso la garanzia è rappresentata da un ipoteca o un pegno mentre nel secondo caso vengono rilasciate fideiussioni o avalli o, nel caso di imprese appartenenti a gruppi bancari, lettere di patronage da parte del holding. Vista la scarsa esecutività delle garanzie personali, la banca può anche chiedere al soggetto finanziato di rilasciare degli effetti di recupero, ossia delle cambiali in bianco che verranno utilizzate dall intermediario in caso di insolvenza del cliente per rendere esecutivo il processo di recupero. Un ultima classificazione dell apertura di credito in conto corrente può essere realizzata in funzione delle procedure e dei tempi previsti per la conclusione del contratto (Figura 3). 5

6 Figura 3. La classificazione in funzione della durata Durata del rapporto A tempo determinato A tempo indeterminato A revoca Le aperture di credito a tempo determinato prevedono una durata fissa (3-4 mesi) durante la quale la banca garantisce la disponibilità di un fido al cliente che può essere revocato solo per giusta causa. L intermediario ha limitate opportunità di modificare il contratto durante la sua vita e per questo motivo la banca concede tale forma di finanziamento soltanto alle controparti di alto standing. Le aperture di credito a tempo indeterminato prevedono per i due contraenti (banca e cliente) la possibilità di recedere dando un preavviso stabilito contrattualmente (in caso di assenza di tale clausola contrattuale, il pre-avviso minimo si intende fissato a 15 giorni). Il rapporto può essere estinto nel rispetto di tale procedura per qualsiasi motivo e non è necessaria la giusta causa. Le aperture di credito a revoca rappresentano la forma contrattuale che offre maggiore tutela al finanziatore poiché in un qualsiasi istante, per qualsiasi motivo e senza pre-avviso è possibile chiedere al cliente il rientro della posizione. 3. I documenti relativi al rapporto Le modalità di utilizzo della linea di credito messa a disposizione del cliente sono coerenti con le procedure previste per il classico strumento di conto corrente e, di conseguenza, devono essere rispettate tutte le prassi utilizzate per accrediti e prelievi su un classico conto corrente. I documenti principali da considerare per il calcolo del livello di utilizzo e del costo del servizio sono rappresentati dall estratto conto, dalla staffa e dal prospetto competenze e spese. Nell estratto conto vengono contabilizzate tutte le operazioni in funzione della data in cui il cliente ha impartito l ordine di eseguire una data operazione (data contabile). Il documento è redatto con frequenza trimestrale e presenta tutte le operazioni in ordine cronologico riportando per ciascuna operazione oltre alla data di esecuzione, una breve descrizione, il segno dell operazione (addebito o accredito) e la data da cui l operazione inizia a far maturare interessi attivi o passivi sul conto (data valuta). Il saldo ad una particolare data calcolato sull estratto conto viene denominato saldo contabile. La staffa è un prospetto in cui le singole operazioni vengono registrate in funzione della loro data valuta. Il documento attraverso il cosiddetto procedimento amburghese permette di calcolare degli interessi attivi e passivi relativi al rapporto. Il saldo ad una particolare data calcolato sulla staffa è definito saldo liquido. Il prospetto competenze e spese, partendo dalle informazioni raccolte in estratto conto e staffa, calcola il saldo netto delle competenze e delle spese di periodo. L entità delle spese dipende dalle condizioni contrattuali del rapporto banca-cliente e dalle movimentazioni registrate nel periodo. 6

7 4. Il costo del servizio e l addebito per il cliente L apertura di credito in conto corrente rappresenta una forma di finanziamento elastica che prevede l addebito di costi proporzionali all effettivo utilizzo del fido concesso. Il fido concesso dalla banca viene comunicato al cliente e rappresenta un ulteriore voce delle condizioni contrattuali definite dalla banca. Le voci di costo principali possono essere identificate in: interessi passivi; commissione di massimo scoperto; spese di tenuta conto; tasso di sconfinamento; giorni valuta per l accredito dei versamenti effettuati per la ricostituzione del fido disponibile. Gli interessi passivi sono calcolati sulla base dell ammontare e della durata dell utilizzo della linea di credito concessa e le competenze vengono normalmente liquidate su base trimestrale. Per il calcolo di tale voce di costo si moltiplicano i numeri dare relativi al periodo esaminato per il tasso di interesse debitorio. In formule: Interessi Passivi Numeri Dare 365 i Passivo dove vengono sommati i numeri dare dell intero periodo esaminato (solitamente il trimestre) e moltiplicati per il rapporto tra il tasso di interesse annuale debitorio e il totale di giorni dei giorni dell anno. Le informazioni utilizzate per il calcolo degli interessi passivi sono raccolte dalla staffa del periodo e il valore ottenuto è registrato nel prospetto competenze e spese come voce dare per il cliente. Esempio 1. Il calcolo degli interessi debitori Si consideri la seguente apertura di credito in conto corrente per elasticità di cassa nel periodo 01/01 31/03 (ipotesi: anno non bisestile): Estratto conto Data contabile Data valuta Descrizione Importo 01 Gennaio 31 Dicembre Saldo Iniziale Gennaio 20 Gennaio Bonifico ad impresa Marzo 15 Marzo Acquisto titoli Staffa Saldo Segno Importo Valuta Giorni Num. ridare Numeri avere 500 A Dicembre

8 D Gennaio D Gennaio D Marzo D Marzo Si calcolino gli interessi passivi per il cliente assumendo un tasso di interesse passivo del 5%. Soluzione Il totale dei numeri dare nel periodo è il seguente: Numeridare Assumendo un tasso di interesse passivo pari al 5%, il totale degli interessi passivi è dato: Numeri Dare i debitorio Interessi Passivi La commissione di massimo scoperto viene calcolata sull ammontare massimo di utilizzo della linea di credito (solitamente su un orizzonte temporale semestrale) e può variare tra lo 0.125% e lo 0.250% a seconda delle specifiche contrattuali. Negli ultimi anni si è registrata una notevole evoluzione della disciplina che ha portato ad introdurre alcuni vincoli in merito all applicazione di tale commissione (Box 2). Box 2. L evoluzione della disciplina sulla commissione di massimo scoperto La legge 28 gennaio 2009 n. 3 ha dichiarato nulle le clausole contrattuali aventi ad oggetto la commissione di massimo scoperto se il saldo del cliente risulta a debito per un periodo continuativo inferiore a trenta giorni o nel caso di utilizzi in assenza di fido. La norma ha reso altresì nulle tutte le clausole che prevedono una remunerazione accordata alla banca per la messa a disposizione di fondi a favore del cliente titolare di conto corrente indipendentemente dall effettivo prelevamento della somma, nonché quelle clausole che prevedono una remunerazione per la banca indipendentemente dall effettiva durata dell utilizzo dei fondi da parte del cliente Partendo dal documento della staffa del rapporto di conto corrente è possibile determinare l importo della commissione sulla base della seguente formula: Commissione Max Scoperto Max Saldi dare Cmax scoperto Dove il costo legato a tale commissione viene calcolato moltiplicando il massimo scoperto nel periodo per il tasso indicato per la commissione di massimo scoperto. Le informazioni utilizzate sono raccolte dalla staffa del periodo esaminato e il valore ottenuto viene riportato come voce dare nel prospetto competenze e spese. Esempio 2. Il calcolo della commissione di massimo scoperto 8

9 Si consideri la seguente apertura di credito in conto corrente per elasticità di cassa nel periodo 01/01/XXXX 31/03 (ipotesi: anno non bisestile): Estratto conto Data contabile Data valuta Descrizione Importo 01 Gennaio 31 Dicembre Saldo Iniziale Gennaio 20 Gennaio Bonifico ad impresa Marzo 15 Marzo Acquisto titoli Staffa Saldo Segno Importo Valuta Giorni Numeri dare Numeri avere 500 A Dicembre D Gennaio D Gennaio D Marzo D Marzo Si calcoli la commissione di massimo scoperto assumendo che il tasso stabilito contrattualmente sia pari allo 0.125%. Soluzione Il massimo dei saldi dare nel periodo è pari a e assumendo una commissione di massimo scoperto pari allo 0.125% è possibile calcolare la commissione di massimo scoperto come segue: Cmax % Commissione Max Scoperto Max Saldi dare scoperto Le spese di tenuta conto sono le varie voci di costo legate al rapporto che possono essere rappresentate dalle commissioni richieste per la singola operazione realizzata, le commissioni di apertura e chiusura del rapporto, imposte di bollo, etc L entità e la frequenza delle singole voci di costo vengono definite nel contratto nel rispetto di alcuni vincoli esterni posti a tutela del cliente. In alcuni rapporti può essere prevista/concessa la possibilità di utilizzare il conto anche per importi superiori al fido massimo deliberato e in questo caso la banca può prevedere un tasso di interesse passivo maggiore da applicare in caso di utilizzi del conto per importi superiori al fido indicato nel contratto. In questo caso le informazioni sono raccolte direttamente dalla staffa e l extra commissione calcolata viene ad essere riportata nel prospetto competenze e spese del periodo considerato. Il cliente della banca ha la facoltà di ricostituire il fido concesso dalla banca effettuando uno o più versamenti sul conto corrente in contanti oppure presentando all incasso assegni o altri titoli di credito. In funzione del grado di liquidità dei titoli presentati la banca applicherà un diverso numero di giorni banca (maggiore al diminuire del livello di liquidità del titolo presentato) per l accredito del loro controvalore sul conto e tanto maggiori saranno i giorni banca applicati tanto più elevata sarà la commissione implicita pagata alla banca. La presenza di giorni banca deve, quindi, essere considerata nella costruzione della staffa e l applicazione di tali giorni determinerà delle differenze nell entità e nella durata dei saldi registrati nel periodo con possibili effetti sugli interessi passivi di periodo, sulla commissione di massimo scoperto e/o sul tasso di sconfinamento. 9

10 Esempio 3. Il calcolo del costo complessivo di un apertura di credito in conto corrente Si consideri un impresa che ha aperto un apertura di credito per elasticità di cassa presso una banca alle seguenti condizioni: Giorni valuta stesso giorno per versamenti e prelievi in contante (sia presso ATM, sia presso lo sportello) 1 giorno valuta per assegni bancari versati sul conto ed emessi da correntisti della stessa banca 3 giorni valuta per assegni bancari versati sul conto ed emessi da correntisti di altre banche 3 giorni valuta per gli assegni circolari Tassi tasso debitore (dare) 10% tasso creditore (avere) 1,8 % Commissioni richieste per la fornitura dei servizi Carta di debito 25 euro l anno (valuta 15 gennaio) Bonifico 3 euro Altro Imposta di bollo euro 8,55 trimestrale (valuta 31/03, 30/6, 30/9, 31/12) Spese tenuta conto 10 euro trimestrali Liquidazione delle competenze trimestrale Commissione di affidamento 0,25% sul massimo saldo dare che è rimasto in essere per almeno 3 giorni Affidamento euro per elasticità di cassa Movimentazione del conto Si ipotizzi che il correntista abbia un saldo iniziale pari a 4800 euro e che nel corso del trimestre abbia effettuato le seguenti operazioni: Data di esecuzione dell operazione Importo in euro Descrizione 08 gennaio Versamento di un assegno circolare 15 gennaio Bonifico effettuato dal cliente 20 gennaio Bonifico effettuato dal cliente 03 febbraio Bonifico effettuato dal cliente 06 febbraio Prelievo presso ATM di altra banca 06 marzo 300 Versamento assegno emesso da un correntista altra banca 26 marzo 800 Bonifico ordinato a favore del cliente 10

11 Tenendo conto delle condizioni offerte e dei movimenti eseguiti nel corso del trimestre dal cliente, si costruisca l estratto conto, la staffa e si rediga l estratto conto relativo al trimestre 1 gennaio 31marzo (ipotesi anno non bisestile). Soluzione In funzione delle condizioni contrattuali applicate dalla banca e delle movimentazioni del conto nel trimestre esaminato, l estratto conto del cliente è il seguente: Estratto conto Data Valuta Descrizione operazione Importo Segno 01 gen 31 dic Saldo iniziale A 08 gen 11 gen Versamento assegno circolare A 15 gen 15 gen Commissione carta di debito 25 D 15 gen 15 gen Bonifico e commissione D 20 gen 20 gen Bonifico e commissione D 03 feb 03 feb Bonifico e commissione D 06 feb 06 feb Prelevamento presso ATM altra banca D 06 mar 09 mar Versamento assegno banca Pina 300 A 26 mar 26 mar Bonifico 800 A 31 mar 31 mar Imposta di bollo 8,55 D 31 mar 31 mar Sbilancio competenze 170,00 D 31 mar 31 mar Saldo finale 8.512,55 D Ai fini del calcolo degli interessi attivi e passivi del rapporto si procede al calcolo della staffa: Staffa Saldo Segno Importo Valuta Giorni Numeri Numeri dare avere A dic 11, A gen A gen 4, D gen A gen 0 0 D gen A gen 5, D gen 369 A gen 14, D feb D feb 3, D feb D feb 31, A mar D mar 17, A mar D mar 5, , mar 11

12 Il prospetto competenze e spese è il seguente: Calcolo competenze e spese Interessi passivi 140,34 Commissione max scoperto 23,58 Spese di tenuta conto 10 Totale vs dare 173,93 Interessi attivi 4,90 Ritenuta 0,98 Totale vs avere 3,92 Sbilancio competenze (Dare) 170,00 5. Conclusioni L apertura di credito in conto corrente rappresenta uno strumento ideale per un cliente che deve coprire fabbisogni di tesoreria imprevedibili per entità e durata. Vista l onerosità del servizio, la convenienza economica è collegata a fattispecie quali la possibilità di usufruire di sconti vantaggiosi da parte dei fornitori in caso acquisti in contanti oppure l esigenza di dilazionare ulteriormente il credito concesso ad alcuni clienti che non sono in grado di rispettare le scadenze stabilite contrattualmente. Dal lato del finanziatore, lo strumento si caratterizza per una forte rigidità e per un elevato rischio di credito soprattutto nelle forme contrattuali in cui non sono previste garanzie ed esistono vincoli temporali o formali per la revoca del fido concesso. A fronte di tali vincoli per il finanziatore, l intermediario ha la possibilità di applicare tassi di interessi particolarmente onerosi per la clientela e/o può utilizzare tale prodotto come strumento di cross selling per massimizzare i margini complessivi di profitto collocando anche altri servizi collaterali al cliente. Oltre a tali vantaggi per il finanziatore, l apertura di credito in conto corrente (e il conto corrente in generale) rappresenta uno strumento utile per raccogliere informazioni sull attività svolta dal cliente che possono essere utili per l offerta di altri beni o servizi alla clientela. 12

Università di Cagliari CORSO DI TECNICA BANCARIA A.A. 2014-2015

Università di Cagliari CORSO DI TECNICA BANCARIA A.A. 2014-2015 Università di Cagliari Dipartimento di Scienze Economiche ed Aziendali Facoltà di scienze economiche giuridiche e politiche CORSO DI TECNICA BANCARIA A.A. 2014-2015 Dott. Rundeddu Vincenzo LE OPERAZIONI

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Attività e passività finanziarie I prestiti bancari e altre operazioni di finanziamento I prestiti bancari - aspetti generali I prestiti bancari: sono eterogenei

Dettagli

PROCEDURE INTERNE PER L APPLICAZIONE DELLA COMMISSIONE ISTRUTTORIA VELOCE (C.I.V.) AI SENSI DEL D.M. n. 644/2012

PROCEDURE INTERNE PER L APPLICAZIONE DELLA COMMISSIONE ISTRUTTORIA VELOCE (C.I.V.) AI SENSI DEL D.M. n. 644/2012 PROCEDURE INTERNE PER L APPLICAZIONE DELLA COMMISSIONE ISTRUTTORIA VELOCE (C.I.V.) AI SENSI DEL D.M. n. 644/2012 Delibera CdA del 01.08.2012 Aggiornamento del 22 Gennaio 2014 INDICE PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA BANCA

INFORMAZIONI SULLA BANCA INFORMAZIONI SULLA BANCA GBM BANCA SpA Sede Legale e Amministrativa: via Abate Gimma n. 136 70122 Bari (BA). Capitale sociale al 31.12.2010: 28.579.000,00 Iscritta al Registro delle Imprese al n. P.I.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE ORDINARIO

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE ORDINARIO FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE ORDINARIO Norme sulla trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari (D.lgs 1/9/93 n. 385 Delibera CICR 4/3/03 Istruzioni di Vigilanza della Banca d Italia

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE DELLA BANCA CENTRALE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO

IL DIRETTORE GENERALE DELLA BANCA CENTRALE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO IL DIRETTORE GENERALE DELLA BANCA CENTRALE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO VISTO l articolo 39, commi 1 e 2 della Legge 17 novembre 2005, n. 165 che attribuisce, tra l altro, all Autorità di Vigilanza il

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE 1 Le Operazioni di Impiego: I Finanziamenti a Breve Termine Finanziamenti Bancari Finanziamenti a breve termine Finanziamenti a medio-

Dettagli

Variazione in senso sfavorevole delle condizioni economiche (tassi di interesse, commissioni e spese) ove contrattualmente previsto.

Variazione in senso sfavorevole delle condizioni economiche (tassi di interesse, commissioni e spese) ove contrattualmente previsto. Foglio informativo relativo all' APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE Sezione I - Informazioni sulla Banca Banca di Credito Cooperativo di Tarsia (CS) soc. coop. Sede legale e amministrativa: Tarsia (CS),

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 60/002 relativo a: APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE GIOVANI IMPRENDITORI PER INIZIO NUOVA ATTIVITA - - SOCI -

FOGLIO INFORMATIVO N. 60/002 relativo a: APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE GIOVANI IMPRENDITORI PER INIZIO NUOVA ATTIVITA - - SOCI - INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

Comune di LOREGGIA. VISTO si attesta ex art. 151 comma 4 T.U.EE.LL. D.Lgs. 267/2000 la copertura finanziaria della spesa

Comune di LOREGGIA. VISTO si attesta ex art. 151 comma 4 T.U.EE.LL. D.Lgs. 267/2000 la copertura finanziaria della spesa Comune di LOREGGIA ORIGINALE Rif. determina Reg. generale OGGETTO n.46 del 29/12/2010 309 ASSUNZIONE MUTUO CON LA BANCA PADOVANA PER L'OPERAZIONE DI RINEGOZIAZIONE DELLA POSIZIONE DEBITORIA PER L'ACQUISTO

Dettagli

Foglio Informativo C/C TRADING ONLINE

Foglio Informativo C/C TRADING ONLINE Foglio Informativo Conto corrente per consumatori (Conto a pacchetto) Profili: Famiglie con operatività bassa - Famiglie con operatività media - Famiglie con operatività elevata - Pensionati con operatività

Dettagli

LE BANCHE. Barbarossa Salvatore Marco Classe 5 ^ D MERCURIO ITE A. BASSI

LE BANCHE. Barbarossa Salvatore Marco Classe 5 ^ D MERCURIO ITE A. BASSI LE BANCHE Barbarossa Salvatore Marco Classe 5 ^ D MERCURIO ITE A. BASSI Cos è una banca? L'attività bancaria è definita come l'esercizio congiunto dell'attività di raccolta di risparmio tra il pubblico

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO C/5 FIDO ANTICIPO CREDITI (clienti non consumatori)

FOGLIO INFORMATIVO C/5 FIDO ANTICIPO CREDITI (clienti non consumatori) FOGLIO INFORMATIVO C/5 FIDO ANTICIPO CREDITI (clienti non consumatori) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Agricola Popolare di Ragusa Società Cooperativa per Azioni a responsabilità limitata (di seguito la

Dettagli

APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE

APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE Sezione I - Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica: BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DEGLI ULIVI - TERRA DI BARI - Società Coop. Sede

Dettagli

Capitale di credito PRESENTAZIONE DI EFFETTI SALVO BUON FINE

Capitale di credito PRESENTAZIONE DI EFFETTI SALVO BUON FINE PRESENTAZIONE DI EFFETTI SALVO BUON FINE Definizione È una forma di finanziamento basata sulla presentazione all incasso, da parte dell impresa, di crediti in scadenza aventi o meno natura cambiaria e

Dettagli

_ APERTURA DI CREDITO PER CASSA IN CONTO CORRENTE

_ APERTURA DI CREDITO PER CASSA IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO relativo a: _ APERTURA DI CREDITO PER CASSA IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA SANTA GIULIA S.p.A. Via Quartieri 39-25032 - CHIARI (BS) n. telefono e fax: 030 7014911 FAX

Dettagli

Sommario. Conto corrente. Conto corrente CORSI DI RIALLINEAMENTO 26/10/2011 ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2011-2012

Sommario. Conto corrente. Conto corrente CORSI DI RIALLINEAMENTO 26/10/2011 ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2011-2012 CORSI DI RIALLINEAMENTO ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2011-2012 Sommario Compilazione estratto conto e staffa Sbilancio delle competenze Tutor: Dott.ssa Lixi Marta 1 2 Conto corrente Il conto corrente è il contratto

Dettagli

APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE FINANZIAMENTO AGRO ALIMENTARE

APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE FINANZIAMENTO AGRO ALIMENTARE FOGLIO INFORMATIVO relativo a: APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE FINANZIAMENTO AGRO ALIMENTARE INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA SVILUPPO ECONOMICO S.p.A. Viale Venti Settembre 56-95128 - Catania (CT)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE

FOGLIO INFORMATIVO APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA: DENOMINAZIONE e FORMA GIURIDICA Banca delle Marche S.p.A., in Amministrazione Straordinaria SEDE LEGALE SEDE AMMINISTRATIVA Via Menicucci,

Dettagli

ESERCITAZIONE SUL CONTO CORRENTE DI CORRISPONDENZA PASSIVO

ESERCITAZIONE SUL CONTO CORRENTE DI CORRISPONDENZA PASSIVO ESERCITAZIONE SUL CONTO CORRENTE DI CORRISPONDENZA PASSIVO Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Laurea in Economia Aziendale, a.a. 2015-2016 Traccia Il 20 novembre 2015 viene aperto

Dettagli

Affidamenti in conto corrente e castelletto s.b.f.

Affidamenti in conto corrente e castelletto s.b.f. Aggiornamento n. 023 Data ultimo aggiornamento 04.10.2011 FOGLIO INFORMATIVO Affidamenti in conto corrente e castelletto s.b.f. Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica: Banca Alpi Marittime

Dettagli

Generalità del soggetto che effettua l offerta fuori sede (nome e cognome indirizzo/sede legale e-mail tel.)

Generalità del soggetto che effettua l offerta fuori sede (nome e cognome indirizzo/sede legale e-mail tel.) Foglio Informativo n. A.7 Aggiornamento del 01.10.2015 FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE BASE PER SOGGETTI AVENTI DIRITTO A TRATTAMENTI PENSIONISTICI FINO A 18.000,00 ANNUI OPERATIVITA LIMITATA PER TIPOLOGIA

Dettagli

Foglio informativo (C0223) CONTO CORRENTE SOGGETTI NON RESIDENTI (CC45)

Foglio informativo (C0223) CONTO CORRENTE SOGGETTI NON RESIDENTI (CC45) Foglio informativo (C0223) CONTO CORRENTE SOGGETTI NON RESIDENTI (CC45) Conto corrente per consumatori (conto a consumo, operatività bassa) Questo conto è particolarmente adatto per chi al momento dell

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 08/011 relativo a: APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE

FOGLIO INFORMATIVO N. 08/011 relativo a: APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI Il presente Foglio Informativo è rivolto a Clienti Consumatori qualora richiedano un affidamento di importo non compreso tra Euro 200,00 e 75.000,00 e non rientrante nell'ambito della Direttiva del Credito

Dettagli

CONTO CORRENTE SOVVENZIONI DIVERSE TASSO VARIABILE

CONTO CORRENTE SOVVENZIONI DIVERSE TASSO VARIABILE INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS È IL CONTO CORRENTE Banca Capasso Antonio SpA Piazza Termini n 1. 81011 ALIFE (CE) Tel. 0823 78 31 25-0823 78 72 28 FAX: 0823 91 82 31-0823 78 31 55 E-Mail: info@bancacapasso.it

Dettagli

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA Società Cooperativa

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO CON CAPITALE DI TERZI 1 LE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO CON CAPITALE DI TERZI OPERAZIONI A BREVE TERMINE - rapporto di conto corrente - operazioni

Dettagli

Foglio Informativo AFFIDAMENTI IN CONTO CORRENTE

Foglio Informativo AFFIDAMENTI IN CONTO CORRENTE Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica: BANCA DEL SUD S.p.A. Sede legale e amministrativa: VIA CALABRITTO, 20 80121 NAPOLI Indirizzo telematico: info@bancadelsud.com Codice ABI: 03353

Dettagli

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Tel +390647021 http://www.bnl.it - Codice ABI

Dettagli

APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE

APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO relativo a: INFORMAZIONI SULLA BANCA APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.p.A. PIAZZA DEL POPOLO N.15-12038 - SAVIGLIANO (CN) n. telefono e

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 1 CONTO CORRENTE ITALIA

FOGLIO INFORMATIVO N. 1 CONTO CORRENTE ITALIA INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO N. 1 CONTO CORRENTE ITALIA BANCA LEONARDO S.p.A. Sede legale a 20121-Milano, Via Broletto n. 46 Telefono n. 02/722061- e-mail privatebanking@bancaleonardo.com

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTI IN EURO DI NON RESIDENTI E CONTI IN DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO CONTI IN EURO DI NON RESIDENTI E CONTI IN DIVISA FOGLIO INFORMATIVO CONTI IN EURO DI NON RESIDENTI E CONTI IN DIVISA Norme sulla trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari (D.lgs 1/9/93 n. 385 Delibera CICR 4/3/03 Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE

APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE 1 FOGLIO INFORMATIVO APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SPINAZZOLA SOCIETA COOPERATIVA Sede legale: Corso Umberto I 65-76014 SPINAZZOLA (BT)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO, relativo al BANCA DEL CATANZARESE CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA

FOGLIO INFORMATIVO, relativo al BANCA DEL CATANZARESE CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA FOGLIO INFORMATIVO, relativo al APERTURA CREDITO IN CONTO CORRENTE BCC WEB INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DEL CATANZARESE CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA Sede legale ed amministrativa: via San

Dettagli

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa REGOLAMENTO DEI PRESTITI SOCIALI Art. 1 - Definizione dei prestiti sociali 1. I depositi in denaro effettuati da soci esclusivamente per il conseguimento dell oggetto sociale con obbligo di rimborso per

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo a APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE

FOGLIO INFORMATIVO. relativo a APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo a APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE Banca di Bedizzole Turano Valvestino Credito Cooperativo Soc. Coop. Via Garibaldi n. 6a 25081 - Bedizzole Tel.:

Dettagli

Foglio informativo (C0204) CONTO CORRENTE ASSOCIATI UISP (CC19)

Foglio informativo (C0204) CONTO CORRENTE ASSOCIATI UISP (CC19) Foglio informativo (C0204) CONTO CORRENTE ASSOCIATI UISP (CC19) Conto corrente per consumatori (Conto a pacchetto) Profili: Giovani, Famiglie con operatività bassa, Famiglie con operatività media, Famiglie

Dettagli

Apertura di Credito in Conto Corrente

Apertura di Credito in Conto Corrente INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO Apertura di Credito in Conto Corrente BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni Sede Legale e Amministrativa: Via Vittorio Veneto, 119 00187 Roma Telefono

Dettagli

ECONOMIA DEGLI STRUMENTI FINANZIARI E ASSICURATIVI/ TECNICA BANCARIA

ECONOMIA DEGLI STRUMENTI FINANZIARI E ASSICURATIVI/ TECNICA BANCARIA ECONOMIA DEGLI STRUMENTI FINANZIARI E ASSICURATIVI/ TECNICA BANCARIA Nome e cognome Matricola V.O. N.O. Tutti gli studenti devono rispondere alle domande: 1-9. Gli studenti del vecchio ordinamento devono

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle (BA) Soc.Coop. Via Tirolo,2-70029 Santeramo in Colle Tel.: 080 8828011- Fax: 080 3036515 Email: info@bccsanteramo.it

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE Qualora il titolare sia un consumatore, si avverte che questo conto è particolarmente adatto a chi al momento dell apertura del conto pensa di svolgere un numero bassissimo

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA BANCA

INFORMAZIONI SULLA BANCA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

Apertura di Credito in Conto Corrente

Apertura di Credito in Conto Corrente INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO Apertura di Credito in Conto Corrente BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni Sede Legale e Amministrativa: Via Vittorio Veneto, 119 00187 Roma Telefono

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento e di hedging I prestiti sono concessi nell ambito di un predefinito rapporto di fido o di affidamento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE CONVENZIONE CONTO IMPRESE (TITOLARI DI PARTITA IVA)

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE CONVENZIONE CONTO IMPRESE (TITOLARI DI PARTITA IVA) FOGLIO INFORMATIVO relativo a: APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE CONVENZIONE CONTO IMPRESE (TITOLARI DI PARTITA IVA) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Sassano SOCIETA COOPERATIVA

Dettagli

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Tel +390647021 http://www.bnl.it - Codice ABI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Articolo 1 - Oggetto 1.1. Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci in conformità all'articolo 7 dello statuto sociale. 1.2. Tale

Dettagli

ECONOMIA DEGLI STRUMENTI FINANZIARI E ASSICURATIVI/ TECNICA BANCARIA

ECONOMIA DEGLI STRUMENTI FINANZIARI E ASSICURATIVI/ TECNICA BANCARIA ECONOMIA DEGLI STRUMENTI FINANZIARI E ASSICURATIVI/ TECNICA BANCARIA V.O. N.O. Tutti gli studenti devono rispondere alle domande: 1-9. Gli studenti del vecchio ordinamento devono rispondere anche alle

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alla APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE

FOGLIO INFORMATIVO relativo alla APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo alla APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI TARSIA (CS) SOC. COOP. Sede legale e amministrativa: Tarsia (CS) - Via Olivella,

Dettagli

La pianificazione dell equilibrio finanziario

La pianificazione dell equilibrio finanziario La pianificazione dell equilibrio finanziario Sebastiano Di Diego - Fabrizio Micozzi 1 L ottimizzazione della gestione delle fonti di finanziamento richiede l analisi di una metodologia di calcolo del

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DELLA MEDIAZIONE CREDITIZIA

FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DELLA MEDIAZIONE CREDITIZIA FOGLIO INFORMATIVO Redatto secondo le indicazioni contenute nel Provvedimento del 29 Aprile 2005 dell'uic, nella Deliberazione del CICR del 4 marzo 2003, del Provvedimento della Banca d Italia del 25 luglio

Dettagli

Art. 1 Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti da soci persone fisiche in conformità all'art. 4 dello Statuto Sociale.

Art. 1 Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti da soci persone fisiche in conformità all'art. 4 dello Statuto Sociale. Art. 1 Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti da soci persone fisiche in conformità all'art. 4 dello Statuto Sociale. Tale raccolta, da impiegare esclusivamente per il conseguimento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE ORDINARIO IN EURO/DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE ORDINARIO IN EURO/DIVISA FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE ORDINARIO IN EURO/DIVISA Norme sulla trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari (D.lgs 1/9/93 n. 385 Delibera CICR 4/3/03 Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

LE NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA DI AFFIDAMENTI E SCONFINAMENTI

LE NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA DI AFFIDAMENTI E SCONFINAMENTI LE NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA DI AFFIDAMENTI E SCONFINAMENTI Ambito di applicazione Il decreto si applica alle seguenti operazioni: Aperture di credito regolate in conto corrente, in base alle quali il

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di Credito in Conto Corrente

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di Credito in Conto Corrente INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO Apertura di Credito in Conto Corrente BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni Sede Legale e Amministrativa: Via Vittorio Veneto, 119 00187 Roma Telefono

Dettagli

APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE

APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO relativo a: INFORMAZIONI SULLA BANCA APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE BANCA DI VERONA credito coop. cadidavid s.c.p.a. Via Forte Tomba, 8-37135 - Verona (VR) n. telefono e fax:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo agli AFFIDAMENTI IN CONTO CORRENTE (APERTURE DI CREDITO)

FOGLIO INFORMATIVO relativo agli AFFIDAMENTI IN CONTO CORRENTE (APERTURE DI CREDITO) FOGLIO INFORMATIVO relativo agli AFFIDAMENTI IN CONTO CORRENTE (APERTURE DI CREDITO) Informazioni sulla banca Banca di Credito Cooperativo di Monopoli s.c. Sede legale : Via Lepanto n.1/c ang. P.zza D

Dettagli

10AC_ap_credito_cc_Vilibero_SPV.doc 1/5 VIBanca Banca di Credito Cooperativo di S.Pietro

10AC_ap_credito_cc_Vilibero_SPV.doc 1/5 VIBanca Banca di Credito Cooperativo di S.Pietro INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione legale: - Sede legale e Amministrativa: Via Provinciale Lucchese, 125/b Tel.: 0573/91391 Fax: 0573/572442 Sito Internet: www.vibanca.it - E-mail: info@vibanca.it

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo al CONTO CORRENTE CONTO SEPARATO INTERMEDIARI ASSICURATIVI

FOGLIO INFORMATIVO. relativo al CONTO CORRENTE CONTO SEPARATO INTERMEDIARI ASSICURATIVI FOGLIO INFORMATIVO relativo al CONTO CORRENTE CONTO SEPARATO INTERMEDIARI ASSICURATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa Padana B.C.C. Società Cooperativa Via Garibaldi, 25-25024 Leno (BS) Tel.: 030 9040265/280

Dettagli

DIRITTI E STRUMENTI DI TUTELA DEL CLIENTE PRINCIPALI NORME DI

DIRITTI E STRUMENTI DI TUTELA DEL CLIENTE PRINCIPALI NORME DI Via Caldera, 21 20153 Mil ano DIRITTI E STRUMENTI DI TUTELA DEL CLIENTE PRINCIPALI NORME DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI DISCIPLINATA DAL D.LGS. 385/1993 (TESTO UNICO BANCARIO) E

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari

FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari CONTO CORRENTE ALTO RENDIMENTO - Clientela al Dettaglio / Clienti Non Consumatori

Dettagli

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma - Tel +390647021 http://www.bnl.it - Iscritta

Dettagli

ANTICIPAZIONE AL SALVO BUON FINE

ANTICIPAZIONE AL SALVO BUON FINE FOGLIO INFORMATIVO relativo a: INFORMAZIONI SULLA BANCA ANTICIPAZIONE AL SALVO BUON FINE BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.p.A. PIAZZA DEL POPOLO N.15-12038 - SAVIGLIANO (CN) n. telefono e fax:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE (no Credito ai Consumatori)

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE (no Credito ai Consumatori) NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

Foglio informativo redatto ai sensi della disciplina in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari

Foglio informativo redatto ai sensi della disciplina in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari Foglio informativo redatto ai sensi della disciplina in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari IL PRESENTE FOGLIO INFORMATIVO NON EDIZIONE N. 17 COSTITUISCE OFFERTA

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 21 giugno 2007, n. 14-94/Leg

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 21 giugno 2007, n. 14-94/Leg DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 21 giugno 2007, n. 14-94/Leg Regolamento di esecuzione della legge provinciale 16 giugno 2006 n. 3 "Norme in materia di governo dell'autonomia del Trentino" concernente

Dettagli

AFFIDAMENTO IN CONTO CORRENTE CONVENZIONE FIDIMPRESA LAZIO

AFFIDAMENTO IN CONTO CORRENTE CONVENZIONE FIDIMPRESA LAZIO scheda prodotto AFFIDAMENTO IN C/C FIDIMPRESA LAZIO rilascio del 30.08.2013 FOGLIO INFORMATIVO AFFIDAMENTO IN CONTO CORRENTE CONVENZIONE FIDIMPRESA LAZIO 1. Identità e contatti del finanziatore Finanziatore

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l..

CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l.. COPIA PER IL RICHIEDENTE CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l.. Il sottoscritto.............., codice fiscale., nato a......, il / /, domiciliato

Dettagli

ANTICIPAZIONI BANCARIE

ANTICIPAZIONI BANCARIE Il presente foglio informativo non costituisce offerta al pubblico ai sensi dell art. 1336 Cod.Civ. ANTICIPAZIONI BANCARIE Sezione I - Informazioni sulla Banca Cassa Rurale di Trento - Banca di Credito

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 01/003. Conto corrente INFORMAZIONI SULLA BANCA

FOGLIO INFORMATIVO N. 01/003. Conto corrente INFORMAZIONI SULLA BANCA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

"CONTI CORRENTI A CONFRONTO" TABELLA DI RACCORDO

CONTI CORRENTI A CONFRONTO TABELLA DI RACCORDO "CONTI CORRENTI A CONFRONTO" TABELLA DI RACCORDO tra le voci della "scheda standard" del c/c a pacchetto presente su www.comparaconti.it e le voci adottate dalla banca www.comparaconti.it Descrizione del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE (APPROVATO DALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI DEL 17.10.1997)

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE (APPROVATO DALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI DEL 17.10.1997) REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE (APPROVATO DALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI DEL 17.10.1997) REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Art.1 Art.2 Art.3 Oggetto Il presente regolamento

Dettagli

Foglio informativo (C0205) CONTO CORRENTE STUDENTI MAGGIORENNI (CCSTU)

Foglio informativo (C0205) CONTO CORRENTE STUDENTI MAGGIORENNI (CCSTU) Foglio informativo (C0205) CONTO CORRENTE STUDENTI MAGGIORENNI (CCSTU) Conto corrente per consumatori (Conto a pacchetto) Profilo Giovani INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Cambiano

Dettagli

CONVENZIONE. premesso che

CONVENZIONE. premesso che Allegato A CONVENZIONE....... (codice fiscale.. ), di seguito Amministrazione, nella persona di., nato il... a., in qualità di.. e.... con sede legale in..... (codice fiscale.... e iscrizione all albo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO TRADING ON LINE INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS'È IL CONTO CORRENTE

FOGLIO INFORMATIVO CONTO TRADING ON LINE INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS'È IL CONTO CORRENTE Questo conto è particolarmente adatto per chi al momento dell apertura del conto pensa di svolgere un numero bassissimo di operazioni o non può stabilire, nemmeno orientativamente, il tipo o il numero

Dettagli

APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE

APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO relativo a: INFORMAZIONI SULLA BANCA APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE BANCA SVILUPPO TUSCIA S.p.A. V.LE FRANCESCO BARACCA,73-01100 - VITERBO (VT) n. telefono e fax: 07611750100

Dettagli

Apertura di Credito in Conto Corrente

Apertura di Credito in Conto Corrente INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO Apertura di Credito in Conto Corrente BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni Sede Legale e Amministrativa: Via Vittorio Veneto, 119 00187 Roma Telefono

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO A/5 CONTO CORRENTE CONSUMATORI BAPR GIOVANI

FOGLIO INFORMATIVO A/5 CONTO CORRENTE CONSUMATORI BAPR GIOVANI FOGLIO INFORMATIVO A/5 CONTO CORRENTE CONSUMATORI BAPR GIOVANI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Agricola Popolare di Ragusa Società Cooperativa per Azioni a responsabilità limitata (di seguito la Banca )

Dettagli

Conto Extraordinario. Data aggiornamento 04/08/2009

Conto Extraordinario. Data aggiornamento 04/08/2009 Foglio N. 1.20.0.MC informativo Redatto in ottemperanza alla deliberazione CICR del 4 marzo 2003, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n 72 del 27 marzo del 2003 e delle Istruzioni di Vigilanza emanate

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE Qualora il titolare sia un consumatore, si avverte che questo conto è particolarmente adatto a chi al momento dell apertura del conto pensa di svolgere un numero bassissimo

Dettagli

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Tel +390647021 http://www.bnl.it - Codice ABI

Dettagli

ANTICIPAZIONE AL SALVO BUON FINE

ANTICIPAZIONE AL SALVO BUON FINE FOGLIO INFORMATIVO relativo a: INFORMAZIONI SULLA BANCA ANTICIPAZIONE AL SALVO BUON FINE BANCA DI VERONA credito coop. cadidavid s.c.p.a. Via Forte Tomba, 8-37135 - Verona (VR) n. telefono e fax: 0458292360-045543330

Dettagli

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese ALLEGATO 1 CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA tra L Associazione Pistoia Futura Laboratorio per la Programmazione Strategica della Provincia di Pistoia, con sede in Pistoia Piazza San

Dettagli

Informazioni di base...3. Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6. Tipi di prestito...

Informazioni di base...3. Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6. Tipi di prestito... GUIDA SUI PRESTITI Sommario Informazioni di base...3 Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6 Tipi di prestito...7 PRESTITO PERSONALE...7 CESSIONE DEL

Dettagli

CONTO CORRENTE ANTICIPO FATTURE TASSO VARIABILE

CONTO CORRENTE ANTICIPO FATTURE TASSO VARIABILE INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS È IL CONTO CORRENTE Banca Capasso Antonio SpA Piazza Termini n 1. 81011 ALIFE (CE) Tel. 0823 78 31 25-0823 78 72 28 FAX: 0823 91 82 31-0823 78 31 55 E-Mail: info@bancacapasso.it

Dettagli

APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE CON GARANZIA CONFIDI

APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE CON GARANZIA CONFIDI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Ronciglione Società Cooperativa Via Roma, 83-01037- Ronciglione(VT) Tel.:0761650065 -Fax:0761627859 Email: Banca@Ronciglione.bcc.it Sito internet:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo al CONTO CORRENTE IN VALUTA

FOGLIO INFORMATIVO. relativo al CONTO CORRENTE IN VALUTA FOGLIO INFORMATIVO relativo al CONTO CORRENTE IN VALUTA INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa Padana B.C.C. Società Cooperativa Via Garibaldi, 25 25024 Leno (BS) Tel.: 030 9040265/280 Fax: 030 9068361 email:

Dettagli

6b - Credito Personale Balloon

6b - Credito Personale Balloon INFORMAZIONI EUROPEE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 6b - Credito Personale Balloon 1. Identità e contatti del finanziatore / intermediario del credito Finanziatore Indirizzo Telefono Email Fax Sito web Banca

Dettagli

ANTICIPO EFFETTI AL SALVO BUON FINE

ANTICIPO EFFETTI AL SALVO BUON FINE ANTICIPO EFFETTI AL SALVO BUON FINE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA DI SCONTO E CONTI CORRENTI DI SANTA MARIA CAPUA VETERE S.P.A Sede legale e amministrativa: Piazza Giuseppe

Dettagli

I recenti articoli riguardanti l'usura e l'anatocismo bancario, così come gli

I recenti articoli riguardanti l'usura e l'anatocismo bancario, così come gli 1. Introduzione I recenti articoli riguardanti l'usura e l'anatocismo bancario, così come gli interventi legislativi, hanno riportato all'attenzione mediatica il problema della gestione del credito in

Dettagli

Foglio informativo (C0209) CONTO CORRENTE ORDINARIO CONSUMATORI (Cat. 02)

Foglio informativo (C0209) CONTO CORRENTE ORDINARIO CONSUMATORI (Cat. 02) Foglio informativo (C0209) CONTO CORRENTE ORDINARIO CONSUMATORI (Cat. 02) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI FORNACETTE S.C.P.A. Sede Legale e amministrativa: via Tosco Romagnola

Dettagli

CONTO CORRENTE DEPOSITO TITOLI

CONTO CORRENTE DEPOSITO TITOLI FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE DEPOSITO TITOLI OFFERTO AI CONSUMATORI Il conto Titoli è destinato ai seguenti profili: - Giovani - Famiglie con operatività bassa - Famiglie con operatività media - Famiglie

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO DEPOSITO PERSONE FISICHE

FOGLIO INFORMATIVO CONTO DEPOSITO PERSONE FISICHE FOGLIO INFORMATIVO CONTO DEPOSITO PERSONE FISICHE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Farmafactoring S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Via Domenichino, n 5 20149 Milano Numero di telefono al quale il

Dettagli

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO, COOPERAZIONE, RISORSE AGRICOLE E FORESTALI.

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO, COOPERAZIONE, RISORSE AGRICOLE E FORESTALI. REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO, COOPERAZIONE, RISORSE AGRICOLE E FORESTALI. CONVENZIONE per la disciplina e l attuazione delle operazioni previste

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO Banca di Credito Cooperativo di Capaccio Paestum Soc. Coop. Via Magna Graecia n. 345 84047 Capaccio (SA) Tel.: 0828 814111 - Fax: 0828 724292 Email: segreteria@bcccapaccio.it

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Conversano società cooperativa Via Mazzini, 52-70014 Conversano (BA) Tel.: 0804093111 - Fax: 0804952233 Email: direzione@bccconversanoweb.it Sito

Dettagli

_ APERTURA DI CREDITO PER ANTICIPAZIONI SU CREDITI RAPPRESENTATI DA RICEVUTE BANCARIE _

_ APERTURA DI CREDITO PER ANTICIPAZIONI SU CREDITI RAPPRESENTATI DA RICEVUTE BANCARIE _ FOGLIO INFORMATIVO relativo a: _ APERTURA DI CREDITO PER ANTICIPAZIONI SU CREDITI RAPPRESENTATI DA RICEVUTE BANCARIE _ INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA SANTA GIULIA S.p.A. Via Quartieri 39-25032 - CHIARI

Dettagli