Economia degli intermediari finanziari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Economia degli intermediari finanziari"

Transcript

1 Economia degli intermediari finanziari L apertura di credito in conto corrente 1. Introduzione L apertura di credito in conto corrente è un prestito a breve termine in cui la banca mette a disposizione del cliente una determinata somma su un conto corrente. Questa operazione presenta diversi aspetti. In primo luogo, si tratta di un finanziamento di breve periodo volto a coprire fabbisogni che non si possono identificare in anticipo con certezza. In secondo luogo, la struttura tecnica del conto corrente consente di utilizzare tutti i servizi ad esso collegati: di pagamento, di incasso, di richiesta anticipi o sconto di cambiali Il cliente corrisponde un tasso d interesse alla banca solo sulla parte del prestito utilizzata per il tempo che la utilizza. Il contratto che regola il rapporto tra cliente e banca può essere a tempo determinato o indeterminato ed è disciplinato dal codice civile agli articoli (riquadro n 1). Riquadro n 1: L apertura di credito in conto corrente secondo il Codice Civile Art Nozione - L apertura di credito bancario è il contratto con il quale la banca si obbliga a tenere a disposizione dell altra parte una somma di denaro per un dato periodo di tempo o a tempo indeterminato. Art Utilizzazione del credito - Se non convenuto altrimenti l accreditato può utilizzare più volte il credito secondo le forme d uso, e può con successivi versamenti ripristinare la sua disponibilità. Salvo patto contrario, i prelevanti e i versamenti si eseguono presso la sede della banca dove è costituito il rapporto. Art Garanzia - Se per l apertura di credito è data una garanzia reale o personale, questa non si estingue prima della fine del rapporto per il solo fatto che l accreditato cessa di essere debitore della banca. Se la garanzia diviene insufficiente, la banca può chiedere un supplemento di garanzia o la sostituzione delle garanzie. Se l accreditato non ottempera alla richiesta, la banca può ridurre il credito proporzionalmente al diminuito valore della garanzia o recedere dal contratto. Art Recesso del contratto - Salvo patto contrario, la banca non può recedere dal contratto prima della scadenza del termine, se non per giusta causa. Il recesso sospende immediatamente l utilizzazione del credito, ma la banca deve concedere un termine di almeno quindici giorni per la restituzione della somma utilizzata e dei relativi accessori. Se l apertura di credito è a tempo indeterminato, ciascuna delle parti può recedere dal contratto, mediante preavviso nel termine stabilito dal contratto, dagli usi, in mancanza, in quello di quindici giorni. Mercato 1. La domanda 1

2 L apertura di credito in conto corrente viene richiesta da professionisti, imprese, enti locali, privati e famiglie che necessitano di un finanziamento bancario a breve termine. Le diverse attività poste in essere da un impresa generalmente producono effetti sulle entrate e le uscite di cassa. Può accadere nel corso di una settimana o di un mese che l avvicendamento tra entrate e uscite sia tale che le uscite superino le entrate, evidenziando un fabbisogno di liquidità. In tal caso, l impresa si può rivolgere ad una fonte esterna (la banca) per poter attingere la liquidità che la gestione corrente non genera in misura sufficiente. Si tratta di scompensi di breve durata determinati dal ciclo acquisti/trasformazione/vendita e che le successive entrate dovrebbero ripianare o ridurre. Nelle imprese l apertura di credito in conto corrente può essere richiesta anche per finanziare un temporaneo aumento della produzione o in attesa di ricevere un prestito a lungo termine (si tratta di una soluzione ponte). Tra i privati e i professionisti richiede un apertura di credito in conto corrente chi possiede un deposito in conto corrente e ritiene che a causa di spese impreviste, ritardi o mancati pagamenti, si possa trovare nella condizione di dover effettuare pagamenti senza avere sul conto proprie disponibilità. La possibilità di ricorrere a risorse messe a disposizione dalla banca, consente di gestire con maggiore tranquillità la propria cassa. Le famiglie e privati possono richiedere questa forma di finanziamento anche per finanziare spese di consumo. In tal caso si tratta di una particolare forma di finanziamento che rientra tra i prestiti personali. L apertura di credito per elasticità di cassa può essere richiesta da un ente locale nel caso in cui esistano i requisiti necessari (Riquadro n 2). Riquadro n 2 - comma 68 della legge finanziaria del 2005 Apertura di credito Gli enti locali sono autorizzati a contrarre aperture di credito nel rispetto della disciplina di cui al presente articolo. 2. Le spese per investimenti finanziate con il contratto di apertura di credito si considerano impegnate all'atto della stipula del contratto stesso e per l'ammontare dell'importo del progetto o dei progetti definitivi o esecutivi finanziati; alla chiusura dell'esercizio le somme oggetto del contratto di apertura di credito costituiscono residui attivi. 3. Il ricorso alle aperture di credito è possibile solo se sussistono le condizioni di cui all'articolo 203, comma 1, e nel rispetto dei limiti di cui all'articolo 204, comma 1, calcolati con riferimento all'importo complessivo dell'apertura di credito stipulata. 4. L'utilizzo del ricavato dell'operazione è sottoposto alla disciplina di cui all'articolo 204, comma I contratti di apertura di credito devono, a pena di nullità, essere stipulati in forma pubblica e contenere le seguenti clausole e condizioni: a) la banca è tenuta ad effettuare erogazioni, totali o parziali, dell'importo del contratto in base alle richieste di volta in volta inoltrate dall'ente e previo rilascio da parte di quest'ultimo delle relative delegazioni di pagamento ai sensi dell'articolo 206. L'erogazione dell'intero importo messo a disposizione al momento della contrazione dell'apertura di credito ha luogo nel termine massimo di tre anni ferma restando la possibilità per l'ente locale di disciplinare contrattualmente le condizioni economiche di un eventuale utilizzo parziale; b) gli interessi sulle aperture di credito devono riferirsi ai soli importi erogati. L'ammortamento di tali importi deve avere una durata non inferiore a cinque anni con decorrenza dal 1 o gennaio o dal 1 o luglio successivi alla data dell'erogazione; c) le rate di ammortamento devono essere comprensive, sin dal primo anno, della quota capitale e della quota interessi; d) unitamente alla prima rata di ammortamento delle somme erogate devono essere corrisposti gli eventuali interessi di preammortamento, gravati degli ulteriori interessi decorrenti dalla data di inizio dell'ammortamento e sino alla scadenza della prima rata; e) deve essere indicata la natura delle spese da finanziare e, ove necessario, avuto riguardo alla tipologia 2

3 dell'investimento, dato atto dell'intervenuta approvazione del progetto o dei progetti definitivi o esecutivi, secondo le norme vigenti; f) deve essere rispettata la misura massima di tasso applicabile alle aperture di credito i cui criteri di determinazione sono demandati ad apposito decreto del Ministro dell'economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dell'interno, da emanare entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente disposizione. 6. Le aperture di credito sono soggette, al pari delle altre forme di indebitamento, al monitoraggio di cui all'articolo 41 della legge 28 dicembre 2001, n. 448, nei termini e modalità previsti dal relativo regolamento di attuazione, di cui al decreto del Ministro dell'economia e delle finanze 1 o dicembre 2003, n I modelli per la comunicazione delle caratteristiche finanziarie delle singole operazioni di apertura di credito sono pubblicati in allegato al decreto di cui alla lettera f) del comma 5». 2. L offerta L apertura di credito in conto corrente viene offerta dal sistema bancario. E uno strumento particolarmente utilizzato dagli operatori economici che consente all offerente di veicolare una molteplicità di servizi e di ottenere un ampio patrimonio informativo rispetto al cliente. Le politiche di distribuzione riguardano le esigenze di contatto tra domanda e offerta che si creano in fase di avvio del rapporto e per la richiesta dei diversi servizi dispositivi e informativi. La disponibilità di diversi canali di contatto determina la possibilità di articolare la distribuzione del prodotto secondo criteri di economicità ed efficienza di prestazione del servizio. Riguardo la fase di avvio del rapporto, la modalità più tradizionale per accedere a questi strumenti è quella di recarsi presso lo sportello bancario. Altra modalità è rappresentata dall offerta attraverso i mediatori creditizi. Altri canali sono quelli chiamati a distanza. Questi per le aziende sono costituiti dal Corporate banking interbancario. Attraverso tale piattaforma telematica l azienda può interagire con la banca prescelta e con le altre presso le quali ha i diversi conti e disporre le operazioni e ricevere le diverse informazioni. Normalmente tale strumento è collocato all interno di un portafoglio più ampio di prodotti finanziari. In base alle caratteristiche del contratto, il finanziamento offerto è destinato ad una clientela con un fabbisogno di finanziamento di breve termine che può essere rappresentata da imprese o individui. Nel primo caso il prodotto rappresenta uno strumento utile per la gestione della liquidità che permette di far fronte ad eventuali problemi di cassa mentre nel caso degli individui solitamente il prodotto non viene offerto autonomamente ma come servizio accessorio rispetto al classico rapporto di conto utile al fine di gestire temporanei scoperti. La banca ha uno scarso controllo su tale forma di finanziamento in funzione degli ampi gradi di libertà che vengono concessi al cliente e deve, quindi, monitorare nel tempo l utilizzo dello strumento per identificare eventuali segnali di eventuali difficoltà finanziarie del soggetto affidato. In funzione di tale controllo esercitato dell intermediario, il cliente deve dimostrare durante la vita del contratto di movimentare frequentemente il conto e di non utilizzarlo sempre per importi vicini al limite massimo stabilito nella valutazione di fido. 3

4 La distribuzione del servizio viene realizzata direttamente dalla banca o attraverso mediatori creditizi e normalmente tale strumento è collocato all interno di un portafoglio più ampio di prodotti finanziari. 2. Aspetti tecnici e classificazione delle diverse forme tecniche di erogazione del servizio L apertura di credito in conto corrente è erogata attraverso la forma tecnica del conto corrente bancario e l intermediario sulla base del grado di affidabilità della controparte definisce il limite massimo di utilizzo di tale finanziamento (fido accordato). La valutazione dell affidabilità del cliente costituisce un pre-requisito dell operazione ed è realizzata in modo differente in funzione delle caratteristiche del richiedente. Nel caso delle imprese l analisi considera per ciascuna controparte aspetti quali l assetto del mercato in cui opera, la situazione economico-finanziaria e patrimoniale attuale, le strategie adottate e le prospettive future, le informazioni sul suo comportamento in passato e l esposizione nei confronti di altri intermediari. Nel caso della clientela retail le informazioni utilizzate sono legate al reddito percepito, al comportamento tenuto in passato nei confronti dell intermediario e all esposizione verso altri intermediari. Le informazioni raccolte vengono tradotte in un giudizio sintetico (definito rating) in base al quale l intermediario è in grado di valutare l accoglimento o il rigetto della richiesta di finanziamento, le condizioni contrattuali da applicare e l importo massimo di affidamento Entro il limite massimo stabilito dall intermediario, il cliente può decidere liberamente il livello di utilizzo della linea di credito accordata (fido utilizzato) più coerente con le sue esigenze. Le competenze per la banca vengono calcolate proporzionalmente alla durata e all entità della linea di credito utilizzata. Il prodotto, soprattutto quando offerto alla clientela imprese, può essere costruito sulle specifiche esigenze del cliente e, oltre ai costi e alle commissioni applicate, possono essere oggetto di contrattazione: - le modalità di utilizzo; - le garanzie del rapporto; - la durata. La classificazione sulla base delle modalità di utilizzo permette di identificare forme tecniche differenti in funzione di profili tecnici e/o finalità di utilizzo del servizio (Figura 1). Figura 1. La classificazione in funzione della modalità di utilizzo Modalità di utilizzo Aperture di credito semplici Aperture di credito per elasticità di cassa Aperture di credito ordinarie Aperture di credito con particolari finalità 4

5 Le aperture di credito semplici sono linee di credito messe a disposizione del cliente utilizzabili in un unica o in più soluzioni che non possono essere ricostituite attraverso successivi versamenti. Le aperture di credito per elasticità di cassa sono solitamente servizi collegati ad un normale rapporto di conto corrente con i quali l intermediario offre alla clientela la possibilità di avere scoperti temporanei sul suo conto. L apertura di credito ordinaria è la forma classica di erogazione del servizio da parte della banca che prevede la massima discrezionalità del cliente nel movimentare il conto nei limiti del fido accordato. Le aperture di credito con particolari finalità (stagionali, di credito agrario, etc ) sono aperture di credito ordinarie in cui, al fine di ridurre il costo del servizio, il cliente informa la banca preventivamente delle modalità e tempi di utilizzo riducendo il proprio ambito di discrezionalità nell utilizzo del servizio. In funzione del risultato dell analisi sul merito creditizio del cliente affidato, l intermediario può concedere il servizio richiedendo o meno una garanzia (Figura 2). Figura 2. La classificazione in funzione della modalità di utilizzo Le garanzie del rapporto In bianco o allo scoperto Garantite Con garanzie reali Lettere di patronage Con garanzie personali Nel caso in cui la rischiosità dell operazione sia trascurabile per la banca, il cliente ottiene un apertura di credito cosiddetta in bianco o allo scoperto e non deve presentare all intermediario alcuna garanzia per ottenere il servizio. Nel caso di posizioni con rischiosità non trascurabile, la banca richiede al cliente di rilasciare garanzie reali o personali. Nel primo caso la garanzia è rappresentata da un ipoteca o un pegno mentre nel secondo caso vengono rilasciate fideiussioni o avalli o, nel caso di imprese appartenenti a gruppi bancari, lettere di patronage da parte del holding. Vista la scarsa esecutività delle garanzie personali, la banca può anche chiedere al soggetto finanziato di rilasciare degli effetti di recupero, ossia delle cambiali in bianco che verranno utilizzate dall intermediario in caso di insolvenza del cliente per rendere esecutivo il processo di recupero. Un ultima classificazione dell apertura di credito in conto corrente può essere realizzata in funzione delle procedure e dei tempi previsti per la conclusione del contratto (Figura 3). 5

6 Figura 3. La classificazione in funzione della durata Durata del rapporto A tempo determinato A tempo indeterminato A revoca Le aperture di credito a tempo determinato prevedono una durata fissa (3-4 mesi) durante la quale la banca garantisce la disponibilità di un fido al cliente che può essere revocato solo per giusta causa. L intermediario ha limitate opportunità di modificare il contratto durante la sua vita e per questo motivo la banca concede tale forma di finanziamento soltanto alle controparti di alto standing. Le aperture di credito a tempo indeterminato prevedono per i due contraenti (banca e cliente) la possibilità di recedere dando un preavviso stabilito contrattualmente (in caso di assenza di tale clausola contrattuale, il pre-avviso minimo si intende fissato a 15 giorni). Il rapporto può essere estinto nel rispetto di tale procedura per qualsiasi motivo e non è necessaria la giusta causa. Le aperture di credito a revoca rappresentano la forma contrattuale che offre maggiore tutela al finanziatore poiché in un qualsiasi istante, per qualsiasi motivo e senza pre-avviso è possibile chiedere al cliente il rientro della posizione. 3. I documenti relativi al rapporto Le modalità di utilizzo della linea di credito messa a disposizione del cliente sono coerenti con le procedure previste per il classico strumento di conto corrente e, di conseguenza, devono essere rispettate tutte le prassi utilizzate per accrediti e prelievi su un classico conto corrente. I documenti principali da considerare per il calcolo del livello di utilizzo e del costo del servizio sono rappresentati dall estratto conto, dalla staffa e dal prospetto competenze e spese. Nell estratto conto vengono contabilizzate tutte le operazioni in funzione della data in cui il cliente ha impartito l ordine di eseguire una data operazione (data contabile). Il documento è redatto con frequenza trimestrale e presenta tutte le operazioni in ordine cronologico riportando per ciascuna operazione oltre alla data di esecuzione, una breve descrizione, il segno dell operazione (addebito o accredito) e la data da cui l operazione inizia a far maturare interessi attivi o passivi sul conto (data valuta). Il saldo ad una particolare data calcolato sull estratto conto viene denominato saldo contabile. La staffa è un prospetto in cui le singole operazioni vengono registrate in funzione della loro data valuta. Il documento attraverso il cosiddetto procedimento amburghese permette di calcolare degli interessi attivi e passivi relativi al rapporto. Il saldo ad una particolare data calcolato sulla staffa è definito saldo liquido. Il prospetto competenze e spese, partendo dalle informazioni raccolte in estratto conto e staffa, calcola il saldo netto delle competenze e delle spese di periodo. L entità delle spese dipende dalle condizioni contrattuali del rapporto banca-cliente e dalle movimentazioni registrate nel periodo. 6

7 4. Il costo del servizio e l addebito per il cliente L apertura di credito in conto corrente rappresenta una forma di finanziamento elastica che prevede l addebito di costi proporzionali all effettivo utilizzo del fido concesso. Il fido concesso dalla banca viene comunicato al cliente e rappresenta un ulteriore voce delle condizioni contrattuali definite dalla banca. Le voci di costo principali possono essere identificate in: interessi passivi; commissione di massimo scoperto; spese di tenuta conto; tasso di sconfinamento; giorni valuta per l accredito dei versamenti effettuati per la ricostituzione del fido disponibile. Gli interessi passivi sono calcolati sulla base dell ammontare e della durata dell utilizzo della linea di credito concessa e le competenze vengono normalmente liquidate su base trimestrale. Per il calcolo di tale voce di costo si moltiplicano i numeri dare relativi al periodo esaminato per il tasso di interesse debitorio. In formule: Interessi Passivi Numeri Dare 365 i Passivo dove vengono sommati i numeri dare dell intero periodo esaminato (solitamente il trimestre) e moltiplicati per il rapporto tra il tasso di interesse annuale debitorio e il totale di giorni dei giorni dell anno. Le informazioni utilizzate per il calcolo degli interessi passivi sono raccolte dalla staffa del periodo e il valore ottenuto è registrato nel prospetto competenze e spese come voce dare per il cliente. Esempio 1. Il calcolo degli interessi debitori Si consideri la seguente apertura di credito in conto corrente per elasticità di cassa nel periodo 01/01 31/03 (ipotesi: anno non bisestile): Estratto conto Data contabile Data valuta Descrizione Importo 01 Gennaio 31 Dicembre Saldo Iniziale Gennaio 20 Gennaio Bonifico ad impresa Marzo 15 Marzo Acquisto titoli Staffa Saldo Segno Importo Valuta Giorni Num. ridare Numeri avere 500 A Dicembre

8 D Gennaio D Gennaio D Marzo D Marzo Si calcolino gli interessi passivi per il cliente assumendo un tasso di interesse passivo del 5%. Soluzione Il totale dei numeri dare nel periodo è il seguente: Numeridare Assumendo un tasso di interesse passivo pari al 5%, il totale degli interessi passivi è dato: Numeri Dare i debitorio Interessi Passivi La commissione di massimo scoperto viene calcolata sull ammontare massimo di utilizzo della linea di credito (solitamente su un orizzonte temporale semestrale) e può variare tra lo 0.125% e lo 0.250% a seconda delle specifiche contrattuali. Negli ultimi anni si è registrata una notevole evoluzione della disciplina che ha portato ad introdurre alcuni vincoli in merito all applicazione di tale commissione (Box 2). Box 2. L evoluzione della disciplina sulla commissione di massimo scoperto La legge 28 gennaio 2009 n. 3 ha dichiarato nulle le clausole contrattuali aventi ad oggetto la commissione di massimo scoperto se il saldo del cliente risulta a debito per un periodo continuativo inferiore a trenta giorni o nel caso di utilizzi in assenza di fido. La norma ha reso altresì nulle tutte le clausole che prevedono una remunerazione accordata alla banca per la messa a disposizione di fondi a favore del cliente titolare di conto corrente indipendentemente dall effettivo prelevamento della somma, nonché quelle clausole che prevedono una remunerazione per la banca indipendentemente dall effettiva durata dell utilizzo dei fondi da parte del cliente Partendo dal documento della staffa del rapporto di conto corrente è possibile determinare l importo della commissione sulla base della seguente formula: Commissione Max Scoperto Max Saldi dare Cmax scoperto Dove il costo legato a tale commissione viene calcolato moltiplicando il massimo scoperto nel periodo per il tasso indicato per la commissione di massimo scoperto. Le informazioni utilizzate sono raccolte dalla staffa del periodo esaminato e il valore ottenuto viene riportato come voce dare nel prospetto competenze e spese. Esempio 2. Il calcolo della commissione di massimo scoperto 8

9 Si consideri la seguente apertura di credito in conto corrente per elasticità di cassa nel periodo 01/01/XXXX 31/03 (ipotesi: anno non bisestile): Estratto conto Data contabile Data valuta Descrizione Importo 01 Gennaio 31 Dicembre Saldo Iniziale Gennaio 20 Gennaio Bonifico ad impresa Marzo 15 Marzo Acquisto titoli Staffa Saldo Segno Importo Valuta Giorni Numeri dare Numeri avere 500 A Dicembre D Gennaio D Gennaio D Marzo D Marzo Si calcoli la commissione di massimo scoperto assumendo che il tasso stabilito contrattualmente sia pari allo 0.125%. Soluzione Il massimo dei saldi dare nel periodo è pari a e assumendo una commissione di massimo scoperto pari allo 0.125% è possibile calcolare la commissione di massimo scoperto come segue: Cmax % Commissione Max Scoperto Max Saldi dare scoperto Le spese di tenuta conto sono le varie voci di costo legate al rapporto che possono essere rappresentate dalle commissioni richieste per la singola operazione realizzata, le commissioni di apertura e chiusura del rapporto, imposte di bollo, etc L entità e la frequenza delle singole voci di costo vengono definite nel contratto nel rispetto di alcuni vincoli esterni posti a tutela del cliente. In alcuni rapporti può essere prevista/concessa la possibilità di utilizzare il conto anche per importi superiori al fido massimo deliberato e in questo caso la banca può prevedere un tasso di interesse passivo maggiore da applicare in caso di utilizzi del conto per importi superiori al fido indicato nel contratto. In questo caso le informazioni sono raccolte direttamente dalla staffa e l extra commissione calcolata viene ad essere riportata nel prospetto competenze e spese del periodo considerato. Il cliente della banca ha la facoltà di ricostituire il fido concesso dalla banca effettuando uno o più versamenti sul conto corrente in contanti oppure presentando all incasso assegni o altri titoli di credito. In funzione del grado di liquidità dei titoli presentati la banca applicherà un diverso numero di giorni banca (maggiore al diminuire del livello di liquidità del titolo presentato) per l accredito del loro controvalore sul conto e tanto maggiori saranno i giorni banca applicati tanto più elevata sarà la commissione implicita pagata alla banca. La presenza di giorni banca deve, quindi, essere considerata nella costruzione della staffa e l applicazione di tali giorni determinerà delle differenze nell entità e nella durata dei saldi registrati nel periodo con possibili effetti sugli interessi passivi di periodo, sulla commissione di massimo scoperto e/o sul tasso di sconfinamento. 9

10 Esempio 3. Il calcolo del costo complessivo di un apertura di credito in conto corrente Si consideri un impresa che ha aperto un apertura di credito per elasticità di cassa presso una banca alle seguenti condizioni: Giorni valuta stesso giorno per versamenti e prelievi in contante (sia presso ATM, sia presso lo sportello) 1 giorno valuta per assegni bancari versati sul conto ed emessi da correntisti della stessa banca 3 giorni valuta per assegni bancari versati sul conto ed emessi da correntisti di altre banche 3 giorni valuta per gli assegni circolari Tassi tasso debitore (dare) 10% tasso creditore (avere) 1,8 % Commissioni richieste per la fornitura dei servizi Carta di debito 25 euro l anno (valuta 15 gennaio) Bonifico 3 euro Altro Imposta di bollo euro 8,55 trimestrale (valuta 31/03, 30/6, 30/9, 31/12) Spese tenuta conto 10 euro trimestrali Liquidazione delle competenze trimestrale Commissione di affidamento 0,25% sul massimo saldo dare che è rimasto in essere per almeno 3 giorni Affidamento euro per elasticità di cassa Movimentazione del conto Si ipotizzi che il correntista abbia un saldo iniziale pari a 4800 euro e che nel corso del trimestre abbia effettuato le seguenti operazioni: Data di esecuzione dell operazione Importo in euro Descrizione 08 gennaio Versamento di un assegno circolare 15 gennaio Bonifico effettuato dal cliente 20 gennaio Bonifico effettuato dal cliente 03 febbraio Bonifico effettuato dal cliente 06 febbraio Prelievo presso ATM di altra banca 06 marzo 300 Versamento assegno emesso da un correntista altra banca 26 marzo 800 Bonifico ordinato a favore del cliente 10

11 Tenendo conto delle condizioni offerte e dei movimenti eseguiti nel corso del trimestre dal cliente, si costruisca l estratto conto, la staffa e si rediga l estratto conto relativo al trimestre 1 gennaio 31marzo (ipotesi anno non bisestile). Soluzione In funzione delle condizioni contrattuali applicate dalla banca e delle movimentazioni del conto nel trimestre esaminato, l estratto conto del cliente è il seguente: Estratto conto Data Valuta Descrizione operazione Importo Segno 01 gen 31 dic Saldo iniziale A 08 gen 11 gen Versamento assegno circolare A 15 gen 15 gen Commissione carta di debito 25 D 15 gen 15 gen Bonifico e commissione D 20 gen 20 gen Bonifico e commissione D 03 feb 03 feb Bonifico e commissione D 06 feb 06 feb Prelevamento presso ATM altra banca D 06 mar 09 mar Versamento assegno banca Pina 300 A 26 mar 26 mar Bonifico 800 A 31 mar 31 mar Imposta di bollo 8,55 D 31 mar 31 mar Sbilancio competenze 170,00 D 31 mar 31 mar Saldo finale 8.512,55 D Ai fini del calcolo degli interessi attivi e passivi del rapporto si procede al calcolo della staffa: Staffa Saldo Segno Importo Valuta Giorni Numeri Numeri dare avere A dic 11, A gen A gen 4, D gen A gen 0 0 D gen A gen 5, D gen 369 A gen 14, D feb D feb 3, D feb D feb 31, A mar D mar 17, A mar D mar 5, , mar 11

12 Il prospetto competenze e spese è il seguente: Calcolo competenze e spese Interessi passivi 140,34 Commissione max scoperto 23,58 Spese di tenuta conto 10 Totale vs dare 173,93 Interessi attivi 4,90 Ritenuta 0,98 Totale vs avere 3,92 Sbilancio competenze (Dare) 170,00 5. Conclusioni L apertura di credito in conto corrente rappresenta uno strumento ideale per un cliente che deve coprire fabbisogni di tesoreria imprevedibili per entità e durata. Vista l onerosità del servizio, la convenienza economica è collegata a fattispecie quali la possibilità di usufruire di sconti vantaggiosi da parte dei fornitori in caso acquisti in contanti oppure l esigenza di dilazionare ulteriormente il credito concesso ad alcuni clienti che non sono in grado di rispettare le scadenze stabilite contrattualmente. Dal lato del finanziatore, lo strumento si caratterizza per una forte rigidità e per un elevato rischio di credito soprattutto nelle forme contrattuali in cui non sono previste garanzie ed esistono vincoli temporali o formali per la revoca del fido concesso. A fronte di tali vincoli per il finanziatore, l intermediario ha la possibilità di applicare tassi di interessi particolarmente onerosi per la clientela e/o può utilizzare tale prodotto come strumento di cross selling per massimizzare i margini complessivi di profitto collocando anche altri servizi collaterali al cliente. Oltre a tali vantaggi per il finanziatore, l apertura di credito in conto corrente (e il conto corrente in generale) rappresenta uno strumento utile per raccogliere informazioni sull attività svolta dal cliente che possono essere utili per l offerta di altri beni o servizi alla clientela. 12

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

CREDITO AI CONSUMATORI

CREDITO AI CONSUMATORI CREDITO AI CONSUMATORI DOMANDE E RISPOSTE con la collaborazione scientifica di 1 L utente di queste FAQ è inteso essere il consumatore medio, con una competenza finanziaria ridotta (molto spesso aggravata

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Edizione 2 del 23/12/08

FOGLIO INFORMATIVO Edizione 2 del 23/12/08 FOGLIO INFORMATIVO Edizione 2 del 23/12/08 CONTO CORRENTE di CORRISPONDENZA Sez. I Informazioni sulla Banca Denominazione e forma giuridica: BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE Soc. Coop. per azioni Sede legate:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

Regolamento delle fatture di acquisto. Esempio 1 pagamento con denaro contante:

Regolamento delle fatture di acquisto. Esempio 1 pagamento con denaro contante: Regolamento delle fatture di acquisto. Quando paghiamo una fattura di acquisto il nostro patrimonio netto non subisce variazione dal punto di vista quantitativo, ma solo qualitativo. Se paghiamo in contante

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express.

Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express. Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express. Regolamento Generale delle Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO BANCA DEGLI ERNICI di Credito Cooperativo SCpA VIA ROMANA SELVA, SNC - 03039 - SORA (FR) Tel. : 07768520 - Fax: 0776852030 Email:info@bancadegliernici.it

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano Soc. Coop. Piazza Roma, 17-25016 - GHEDI (BS) Tel. : 03090441 - Fax: 0309058501 Email:

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI PESCIA-CREDITO COOPERATIVO SOC.COOP. Via Alberghi n. 26-51012 - PESCIA (PT) Tel. : 0572-45941 - Fax: 0572-451621 Email:

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

0,00 EUR Canone mensile. 0,00 EUR Canone/forfait/spese trimestrali. 0,00 EUR Spese annue per conteggio interessi e competenze (*)

0,00 EUR Canone mensile. 0,00 EUR Canone/forfait/spese trimestrali. 0,00 EUR Spese annue per conteggio interessi e competenze (*) CONTO CORRENTE WEBANK L offerta commerciale della Banca contempla prodotti, servizi e attività differenti che si contraddistinguono per specifiche caratteristiche (es. i prodotti contraddistinti dal marchio

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

CONTO BANCOPOSTA CLICK CONDIZIONI CONTRATTUALI

CONTO BANCOPOSTA CLICK CONDIZIONI CONTRATTUALI CONTO BANCOPOSTA CLICK CONDIZIONI CONTRATTUALI (Conto corrente di corrispondenza per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale)

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... Come accade per tutte quelle aziende che servono in ogni momento

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito Finanziatore Indirizzo Telefono Email Fax Sito web Creditis Servizi Finanziari

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015 Foglio informativo INTERNET BANKING INFORMAZIONI SULLA BANCA Credito Cooperativo Mediocrati Società Cooperativa per Azioni Sede legale ed amministrativa: Via Alfieri 87036 Rende (CS) Tel. 0984.841811 Fax

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio N. 165 del 6 Novembre 2013 News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi POS obbligatorio per esercenti di attività di vendita di prodotti e servizi, anche professionali (Articolo 15 commi

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE Tutto quello che c è da sapere per comprendere meglio l estratto di conto corrente. In collaborazione con la Banca MPS e le Associazioni dei Consumatori: Acu Adiconsum

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;

Dettagli

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma PRODOTTO BASE UTENTE INFORMAZIONI SULL EMITTENTE ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo Sede legale e amministrativa Numero telefonico: 800.991.341 Numero fax: 06.87.41.74.25 E-mail

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Barlassina Società Cooperativa Via C. Colombo, 1/3 20825 BARLASSINA (MB) Tel.: 036257711 - Fax: 0362564276 Email: info@bccbarlassina.it - Sito internet:

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Regolamento Generale Carte di Pagamento American Express

Regolamento Generale Carte di Pagamento American Express Regolamento Generale Carte di Pagamento American Express Testo aggiornato a febbraio 2015 FOGLIO INFORMATIVO E DOCUMENTO DI SINTESI 10INFCHG0215 PER LE SEGUENTI CARTE DI PAGAMENTO EMESSE DA AMERICAN EXPRESS

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

OPERATIVITA' ESTERO E ORDINARI IN DIVISA

OPERATIVITA' ESTERO E ORDINARI IN DIVISA Foglio N. 6.07.0 informativo Codice Prodotto Redatto in ottemperanza al D.Lgs. 385 del 1 settembre 1993 Testo Unico delle leggi in materia bancarie creditizia (e successive modifiche ed integrazioni) e

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

293,10 Non previsto. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto

293,10 Non previsto. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto Questo conto è particolarmente adatto per chi al momento dell apertura del conto pensa di svolgere un numero bassissimo di operazioni o non può stabilire, nemmeno orientativamente, il tipo o il numero

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU

Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU IL PRESENTE FASCICOLO

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Comitato Interministenale per il Credito ed il Risparmio Il Ministro dell'economia e delle Finanze - Presidente RR

Comitato Interministenale per il Credito ed il Risparmio Il Ministro dell'economia e delle Finanze - Presidente RR Segreteria del Comitato lntenninisteriale per il Credito ed il Rispar7lJi01t' ~be~ ~. Comitato nterministenale per il Credito ed il Risparmio l Ministro dell'economia e delle Finanze - Presidente RR VSTO

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DOPO INCASSO EFF/RIBA/RID INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DOPO INCASSO EFF/RIBA/RID INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA ALTO VICENTINO CREDITO COOPERATIVO SCPA - SCHIO Sede Legale, Amministrativa e Direzione Generale Via Pista dei Veneti, 14 36015 Schio (VI) Tel.: 0445/674000 - Fax: 0445/674500

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli