ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRATTA POLESINE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRATTA POLESINE"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRATTA POLESINE PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.lgs81/08) Plesso SCUOLA MEDIA ANDREA PALLADIO Fratta Polesine DATORE DI LAVORO- DIRIGENTE SCOLASTICO- DOTT.SSA MARIARITA PASQUALIN RESPONSABILE S.P.P. - ING. BORDIN MASSIMO MEDICO COMPETENTE- DOTT.SSA MAZZETTO FRANCESCA ADDETTO S.P.P. - SIGNORA SCUDELLARO MARIA MARGHERITA ADDETTO S.P.P. - BOLDRIN RENATO RAPPRESENTANTE L.S.- SIGNORA PAVAN MARIA GRAZIA 1

2 14/11/2013 OCCUPANTI L EDIFICIO SCOLASTICO: TOTALE n 95 DIRIGENTE SCOLASTICO: 1 INSEGNANTI: n 16 COLLABORATORI SCOLASTICI: n 3 ALUNNI: n 71 PERSONALE SEGRETERIA: n 4 Il piano delle emergenze è stato fatto con riferimento al D.lgs 81/08. Le attività principali cui si da priorità sono: Individuazione delle figure che si occupano della gestione delle emergenze, Definizione di procedure da attuare in caso di emergenza Predisposizione dei piani di evacuazione con l indicazione dei percorsi di fuga, dei presidi antincendio, dei dispositivi di arresto degli impianti di distribuzione dell energia elettrica, del gas e degli impianti di riscaldamento Istruzioni per l Attivazione dei soccorsi esterni. Tenuto conto delle caratteristiche della scuola, gli eventi che possono creare situazioni di emergenza e richiedere l evacuazione parziale o totale degli edifici sono i seguenti: EMERGENZE INTERNE: INCENDIO ALLAGAMENTO INFORTUNIO-MALORE EMERGENZE ESTERNE: TERREMOTO ALLUVIONE 2

3 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO L edificio scolastico è costituito da unico edificio a tre piani. Trattasi di edificio di grande valore storico e culturale. L edificio è circondato da un ampio cortile-giardino, vi sono n.5 aule adibite a classi. Una sala insegnanti, una biblioteca, un laboratorio di informatica, una sala riunioni, un piccolo ufficio per il Direttore dei servizi generali e amministrativi, due ampi spazi dedicati agli uffici amministrativi e di direzione, due archivi di cui uno esterno, 5 bagni,ufficio insegnanti,locale ascensore. DESCRIZIONE DELL ATTIVITA L attività svolta è di tipo Didattico ed amministrativo. NUMERO PERSONE PRESENTI Il massimo affollamento ipotizzabile all interno dell edificio scolastico è stato stimato in 136 persone compresi alunni, insegnanti, genitori personale in servizio Essendo presenti contemporaneamente più 100 persone l attività scolastica è di tipo 1. VIE E USCITE DI SICUREZZA I percorsi di fuga sono chiaramente individuabili da apposita segnaletica e privi di ostacoli. Le vie di fuga sono in verticale sia per il piano terra che per il primo e il secondo piano. SISTEMA D ALLARME In caso di incendio,l attuale sistema d allarme è costituito da impianto elettrico di sicurezza alimentato da apposita sorgente distinta da quella ordinaria. Negli altri casi, al fine di ovviare a un eventuale interruzione elettrica si sono distribuite alcune trombe da stadio che saranno utilizzate secondo un determinato suono convenuto: Tre suoni un po lunghi per l evacuazione dell edificio in caso di incendio. Un unico suono prolungato come ordine di evacuazione dopo il terremoto. PRESIDI SANITARI E ANTINCENDIO All interno dell edificio scolastico è ubicata una cassetta di pronto soccorso e una valigetta portatile. I presidi antincendio, estintori, sono posti nell edificio come evidenziato nei piani di evacuazione esposti. SEZIONAMENTO IMPIANTI TECNOLOGICI IMPIANTO ELETTRICO 3

4 Il quadro elettrico generale dal quale poter agire per lo sgancio dell impianto a servizio dell edificio è posto al piano terra nel locale apposito all interno dell aula magna, chiuso da porta inifuga e alimentato da luce di emergenza. IMPIANTI DI RISCALDAMENTO L impianto di riscaldamento dell edificio scolastico è alimentato dalla centrale termica ubicata in apposito locale all esterno dell edificio scolastico, la scuola non ha allacciamento al Gas. COMUNICAZIONI DI EMERGENZA Il telefono utilizzato per la chiamata dei soccorsi esterni risulta essere quello presente nel locale : ufficio insegnanti piano terra. Tale apparecchio funziona anche in mancanza di energia elettrica. In prossimità del telefono di emergenza sono esposti i numeri di telefono utili per contattare i soccorsi esterni. PRESENZA DISABILI Nell anno scolastico in corso sono presenti n. 4 alunni che non potrebbero reagire prontamente in caso di emergenza e di evacuazione dall edificio. Pertanto sono state previste delle particolari procedure che il personale scolastico dovrà adottare in caso di necessità. DITTE ESTERNE Nel caso in cui dovessero operare all interno dell edificio scolastico lavoratori di ditte esterne dovrà essere applicato l art.26 del D.lgs 81/08 (obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione). In particolare il personale dovrà essere informato sulle principali misure e comportamenti da adottare in caso di emergenza con particolare riferimento al segnale di allarme e alle vie di esodo da percorrere. PUNTO DI RACCOLTA Presso l edificio i punti di raccolta è n. 1 come evidenziato nei piani di evacuazione esposti e nelle planimetrie-allegate. ORGANIZZAZIONE DELL EMERGENZA Allo scopo di raggiungere un adeguato livello di automatismo nelle azioni da intraprendere in caso di emergenza è prevista la designazione del coordinatore delle emergenze, degli addetti- componenti le squadre di emergenza- con specifiche mansioni e di esercitazioni periodiche da effettuarsi almeno due volte nell arco dell anno scolastico. La squadra delle emergenze è così composta: Coordinatore dell emergenza 4

5 addetti alla lotta antincendio- mansioni Insegnanti Collaboratori scolastici COORDINATORE DELLE EMERGENZE ISTRUZIONI GENERALE Alla segnalazione di un emergenza il coordinatore attiva l addetto del caso, si reca sul posto dell evento, valuta la situazione di emergenza e la necessità di evacuazione: Dà il segnale di evacuazione generale; Ordina all incaricato di chiamare i soccorsi esterni del caso; Se necessario ordina ai collaboratori scolastici di sezionare l impianto elettrico e l adduzione del gas metano; Si reca sul punto di raccolta e controlla con la collaborazione degli insegnanti e dei collaboratori scolastici che tutte le persone siano evacuate dall edificio, quindi attende i soccorsi; Sovrintende tutte le operazioni dalla squadra di emergenza; In caso di smarrimento di qualche persona, raccoglie tutte le informazioni necessarie e le comunica alle squadre di soccorso esterne; All arrivo dei soccorsi esterni, cede il coordinamento e resta a loro disposizione. Al termine della situazione di pericolo il coordinatore segnala la fine dell emergenza. ISTRUZIONI SPECIFICHE Le istruzioni specifiche relative alle azioni che devono essere tenute dal coordinatore delle emergenze a seconda delle situazioni di pericolo che si possono presentare sono le seguenti: IN CASO DI INCENDIO: Dirama immediatamente l allarme di evacuazione come previsto Ordina all incaricato di chiamare i vigili del fuoco Ordina ai collaboratori scolastici se necessario di sezionare l impianto elettrico e l adduzione del gas metano Si reca sul punto di raccolta e controlla con la collaborazione degli insegnanti e dei collaboratori scolastici che tutte le persone siano evacuate dall edificio, quindi attende i soccorsi Sovrintende a tutte le operazioni della squadra di emergenza In caso di smarrimento di qualsiasi persona, raccoglie tutte le informazioni necessarie e le comunica alle squadre di soccorso esterne All arrivo dei soccorsi esterni, cede il coordinamento e resta a disposizione Al termine della situazione di pericolo, segnala la fine dell emergenza IN CASO DI ALLAGAMENTO: interrompere l energia elettrica agendo sull interruttore generale, interrompere l erogazione dell acqua dalla valvola periferica e/o dalla valvola 5

6 generale se il problema è di grave entità adottare le procedure d evacuazione verificare che non vi siano persone bloccate all interno dei locali controllare l accesso affinché non entri nei locali nessuno che non sia addetto alle operazioni di emergenza, verificare le cause della perdita e cercare di eliminare il problema qualora non fosse possibile chiamare il manutentore responsabile una volta eliminata la causa della perdita provvedere all asciugatura dei pavimenti verificare che i pavimenti siano asciutti e puliti verificare che l acqua non abbia raggiunto impianti ed apparecchiature elettriche prima di ridare tensione, dichiarare la fine della situazione d emergenza ripristinare l attività lavorativa. IN CASO DI INFORTUNIO O MALORE IL COORDINATORE DELL EMERGENZA Attiva gli addetti al pronto soccorso e si reca sul posto dell evento per coordinare gli interventi Se l azione di pronto soccorso è inefficace attiva gli addetti alle comunicazioni di emergenza e gli addetti all accessibilità dei soccorsi All arrivo dei soccorsi esterni resta a disposizione per eventuale collaborazione IN CASO DI TERREMOTO IL COORDINATORE DELL EMERGENZA Al termine del movimento tellurico il coordinatore dell emergenza dirama immediatamente l allarme di evacuazione come previsto e attiva gli addetti alle comunicazioni di emergenza per la chiamata dei soccorsi Dispone il sezionamento degli impianti, al termine di tali azioni si reca sul punto di raccolta e compie la ricognizione dei presenti e attende i soccorsi esterni IN CASO DI ESONDAZIONE / ALLUVIONE: non abbandonare i locali né utilizzare automezzi se i piazzali e le strade limitrofe sono già invase dalle acque; cercare di sigillare le porte del piano terra con materiale assorbente quale stracci, sabbia, segatura; collocare sopra i tavoli ed armadi le strumentazioni ed i materiali che possono essere danneggiati dall umidità; non utilizzare l ascensore; per coloro che si trovano al piano terra: recarsi ordinatamente al piano superiore, avendo cura di assistere le eventuali persone presenti non facenti parte dell organico 6

7 la prima classe proveniente dal piano inferiore dovrà collocarsi nella prima eventuale aula libera disponibile, le altre classi dovranno trovare sistemazione lungo il corridoio, curando di lasciare sempre uno spazio centrale adeguato per l eventuale evacuazione verificare che non sia rimasto nessuno bloccato ai piani inferiori, in caso contrario allertare immediatamente le squadre di soccorso attivando la procedura di chiamata d emergenza, per coloro che si trovano al primo piano: recarsi presso la propria aula-classe per gli addetti alla gestione emergenze: evitare l uso del telefono se non estremamente necessario onde evitare l intasamento delle linee telefoniche, mettersi in ascolto di notizie sintonizzando radio a batterie su emittenti locali o nazionali, attendere istruzioni dagli addetti alla gestione dell emergenza, al momento del cessato pericolo dichiarato dagli organi d informazione o stabilito con certezza da un esame dell esterno e delle condizioni atmosferiche, verificare con cautela le condizioni di sicurezza dei locali, in caso contrario avvisare i manutentori competenti e se necessario le squadre di soccorso, rendere asciutti e non scivolosi i pavimenti, dichiarare la fine dell emergenza, ripristinare l attività lavorativa. ADDETTI ALLA LOTTA ANTINCENDIO Gli addetti potranno rilevare un incendio nei seguenti modi: Rilevamento diretto Segnalazione da parte del coordinatore, collega, alunno Ascolto del segnale sonoro di allarme INCENDIO LOCALIZZATO L addetto alla lotta antincendio interviene con l estintore più vicino, se necessario richiede l intervento di altri addetti formati per collaborare alla lotta antincendio rimovendo eventuali materiali combustibili e/ infiammabili e allontanando eventuali persone presenti. Durante l attività di lotta antincendio gli addetti dovranno valutare l evoluzione del fenomeno e segnalare al coordinatore lo stato dell evento. Si ricordano alcune azioni fondamentali da attuare in caso di incendio: utilizzare gli estintori come da addestramento una prima erogazione a ventaglio di sostanza estinguente può essere utile per avanzare in profondità e aggredire il fuoco da vicino se si utilizzano due estintori contemporaneamente si deve operare da posizioni che formino rispetto al fuoco un angolo massimo di 90 7

8 operare a giusta distanza per colpire il fuoco con un getto efficace dirigere il getto alla base delle fiamme non attraversare con il getto le fiamme; attaccare progressivamente prime le fiamme vicine e poi quelle verso il centro non sprecare inutilmente le sostanze estinguenti se si valuta che il fuoco è di piccole dimensioni si deve arieggiare il locale, perché è più importante tenere bassa la temperatura dell aria per evitare il raggiungimento di temperature pericolose per l accensione di altro materiale presente e per far evacuare i fumi e gas responsabili d intossicazioni e ulteriori incendi. INCENDIO DIFFUSO Gli addetti informano il coordinatore delle emergenze sullo stato dell evento e attendono la conferma del sezionamento elettrico per l utilizzo degli idranti; attaccano l incendio senza compromettere la propria incolumità. RACCOMANDAZIONI FINALI Quando l incendio è domato gli addetti alla lotta antincendio: -si accertano che non permangano focolai nascosti o braci; -arieggiano i locali per eliminare gas o vapori; controllano i locali prima di renderli agibili per verificare che non vi siano lesioni a strutture portanti. NOTE GENERALI Attenzione alle superfici vetrate poiché a causa del calore possono esplodere. In caso d impiego di estintori a idrocarburi adogenati, in locali chiusi, abbandonare immediatamente dopo la scarica. Non dirigere mai il getto contro la persona avvolta dalle fiamme; usare grandi quantità d acqua oppure avvolgere la persona in una coperta o indumenti. ADDETI AL PRONTO SOCCORSO Su richiesta del coordinatore all emergenza e comunque in caso di necessità l addetto al pronto soccorso si reca presso l infortunato ed effettua gli interventi di pronto soccorso secondo la formazione ricevuta. All occorrenza chiede i presidi sanitari della cassetta di pronto soccorso e se necessario chiede la collaborazione dei colleghi presenti; se l azione di pronto soccorso è inefficace, richiede l intervento dei soccorsi esterni e assiste l infortunato fino al loro arrivo. 8

9 INSEGNANTI all ascolto del segnale d allarme e/o all insorgere di qualche emergenza l insegnante mantiene la calma e in base all emergenza esegue le rispettive norme di comportamento previste; all ordine di evacuazione dall edificio l insegnante verifica l accessibilità del percorso da seguire secondo i piani di evacuazione esposti; preleva il foglio delle presenze e fa uscire gli alunni ordinatamente evitando che si spingano e che corrano. Nel caso in cui il percorso non risulti agibile, l insegnante ne sceglie uno alternativo (se presente) secondo la formazione ricevuta e i piani di evacuazione esposti. Nel caso in cui non sia possibile evacuare, ritorna in aula e chiama i soccorsi esterni ( dalle finestre o con apparecchi cellulari se a disposizione). Una volta raggiunto il punto di raccolta l insegnante fa la ricognizione degli alunni tramite il foglio presenze comunicando poi al coordinatore se sono presenti tutti gli alunni o vi sono feriti o dispersi. COLLABORATORI SCOLASTICI All insorgere di un emergenza i collaboratori scolastici individuano la fonte del pericolo e ne valutano l entità. In caso di pericolo grave o immediato danno immediatamente il segnale di allarme per l evacuazione e avvertono il coordinatore dell emergenza attenendosi alle disposizioni impartite. Verificano la percorribilità d esodo, favoriscono il deflusso ordinato dall edificio, controlla che tutti i locali siano stati sfollati (bagni, archivi, uffici etc.) I collaboratori scolastici in collaborazione con il coordinatore dell emergenza: 1. effettuano la chiamata dei soccorsi esterni utilizzando il telefono previsto comunicando le seguenti informazioni: denominazione dell edificio scolastico nome proprio indirizzo e numero di telefono dell edificio Motivo della richiesta Indicazioni sul percorso Forniscono altre informazioni su richiesta dell ente di soccorso. 2. Sezionano l impianto elettrico generale agendo sull interruttore generale o sul pulsante di sgancio con vetro a rompere e si dirigono all esterno della centrale termica per togliere l adduzione del gas metano agendo sull apposita valvola d intercettazione. 3. Prelevano le chiavi dei locali oggetto dell emergenza, verificano che le vie di transito esterne all area scolastica siano libere da mezzi in sosta, si recano presso gli ingressi principali vietando a chiunque di entrare nell edificio. 4. All arrivo dei soccorsi segnalano eventuali persone in difficoltà o locali non accessibili e restano a disposizione per eventuale collaborazione. 9

10 ALLEGATI Allegato A: mansionario per gli addetti incaricati all emergena ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRATTA POLESINE PLESSO SCUOLA MEDIA ANDREA PALLADIO ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE ALLEGATO A MANSIONARIO ADDETTI INCARICATI ALL EMERGENZA Anno scolastico 2013/2014 MANSIONE COGNOME E NOME COORDINATORE DELL EMERGENZA COORDINATORE DELL EMERGENZA SOSTITUTO DIRIGENTE SCOLASTICO O PROF.ssa ZEMELLA PAOLA (fiduciaria di plesso) DIRIGENTE SCOLASTICO O PROF. SPIANDORELLO FRANCESCO (docente vicario) LOTTA ANTINCENDIO PROF. LAVEZZO GIORGIO PRONTO SOCCORSO INSEGNANTI VEDI ELENCO COLLABORATORI SCOLASTICI PAVAN MARIA GRAZIA DE BIAGGI ELISA 10

11 11

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRATTA POLESINE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRATTA POLESINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRATTA POLESINE PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.lgs81/08) Plesso scuola primaria Martiri della Libertà PINCARA DATORE DI LAVORO- DIRIGENTE SCOLASTICO- DOTT.SSA MARIARITA

Dettagli

Scuola dell Infanzia Oggetto: GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.Lgs. 626/1994 art. 4, comma 5, D.M. 26 agosto 1992 e D.M. 10 marzo 1998)

Scuola dell Infanzia Oggetto: GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.Lgs. 626/1994 art. 4, comma 5, D.M. 26 agosto 1992 e D.M. 10 marzo 1998) Oggetto: GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.Lgs. 626/1994 art. 4, comma 5, D.M. 26 agosto 1992 e D.M. 10 marzo 1998). Via Ippolito Nievo A.S. 2007-08 I N D I C E GENERALITÀ... 3 RIFERIMENTI NORMATIVI... 4 OGGETTO

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Istituto di Istruzione Superiore Piero Sraffa PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Documento redatto ai sensi dell art. 18, comma 1del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 coordinato al D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

Dettagli

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi)

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) DISPOSITIVI DI ALLARME E presente un sistema automatico

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA L. CASTIGLIONI P.LE TRATTATI DI ROMA, 1 MOZZATE

SCUOLA PRIMARIA L. CASTIGLIONI P.LE TRATTATI DI ROMA, 1 MOZZATE ISTITUTO COMPRENSIVO DI MOZZATE SCUOLA PRIMARIA L. CASTIGLIONI P.LE TRATTATI DI ROMA, 1 MOZZATE PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE Oggetto: GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.Lgs. 81/2008, D.M. 26 agosto 1992

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE M.E.BOSSI - VIALE LIBERTA, 3 MOZZATE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE M.E.BOSSI - VIALE LIBERTA, 3 MOZZATE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE M.E.BOSSI - VIALE LIBERTA, 3 MOZZATE SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Oggetto: PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (D.Lgs. 81/08, D.M. 26 agosto 1992 e D.M. 10 marzo 1998) Data:

Dettagli

Piano di emergenza 2014/15. Istituto Comprensivo Della Val Nervia

Piano di emergenza 2014/15. Istituto Comprensivo Della Val Nervia Piano di emergenza 2014/15 Istituto Comprensivo Della Val Nervia Oggetto: GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.Lgs. 81\08 aggiornato in base al D.Lgs.n 106 del 03\08\2009) Plesso di APRICALE Scuola Primaria Statale

Dettagli

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio:

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio: SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO All ordine di evacuazione dell edificio: - mantengono la calma, seguono le procedure stabilite e le istruzioni del docente; - gli apri-fila devono

Dettagli

Piano di emergenza 2014/15. Istituto Comprensivo Della Val Nervia

Piano di emergenza 2014/15. Istituto Comprensivo Della Val Nervia Piano di emergenza 2014/15 Istituto Comprensivo Della Val Nervia Oggetto: GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.Lgs. 81\08 aggiornato in base al D.Lgs.n 106 del 03\08\2009) Plesso di ISOLABONA Scuola dell infanzia

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA COMPITI DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA (PROC_1)...2 COMPITI DELL ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE (PROC_2)...3 COMPITI DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA (PROC_3)...4 COMPITI DEL PERSONALE

Dettagli

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza:

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: 1. Probabili cause di pericolo Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: incendio all interno dell edificio incendio esterno all edificio o nelle vicinanze crolli dovuti a cedimenti

Dettagli

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 I.I.S A.F. Formiggini Servizio Prevenzione e Protezione Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 SCHEDA 1 PIANO EVACUAZIONE ORIZZONTALE SE DOVETE ABBANDONARE

Dettagli

Organizzazione e gestione dell emergenza nella Scuola 1

Organizzazione e gestione dell emergenza nella Scuola 1 Organizzazione e gestione dell emergenza nella Scuola 1 GESTIONE DELLE EMERGENZE CHE COS E L EMERGENZA Si può definire emergenza tutto ciò che appare come condizione insolita e pericolosa che può presentarsi

Dettagli

Piano di emergenza 2013/14

Piano di emergenza 2013/14 Piano di emergenza 2013/14 Istituto Comprensivo Oggetto: GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.Lgs. 81\08 aggiornato in base al D.Lgs.n 106 del 03\08\2009) Plesso di CAMPOROSSO MARE Scuola Primaria Statale - Mare(IM)

Dettagli

Istituto Comprensivo Gherardi

Istituto Comprensivo Gherardi Informazione sulla sicurezza nella scuola Istituto Comprensivo Gherardi Via Taroni, 4-48022 Lugo (RA) Tel. 0545/22112 - Fax 0545/25674 PROCEDURE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA (per tutto il personale

Dettagli

PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE

PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE C 1 - Compiti della Squadra di Evacuazione per funzione SCHEDA 1 - COMPITI DEL COORDINATORE DELLE EMERGENZE Ricevuta la segnalazione di "inizio emergenza" il Coordinatore

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DEGLI EVENTI

INDIVIDUAZIONE DEGLI EVENTI PARTE PRIMA Premessa In accordo con gli obblighi normativi ed in sintonia con una nuova sensibilità nei confronti del problema del lavoro in condizioni di sicurezza, si è proceduto alla stesura di un piano

Dettagli

PROCEDURE GENERALI DA SEGUIRE IN CASO DI EMERGENZA PER IL PERSONALE NON DOCENTE Tra il personale non docente sono inclusi anche gli Addetti alle emergenze, i quali sono formati in modo specifico sul comportamento

Dettagli

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

piu ScuolaSicura In caso di

piu ScuolaSicura In caso di piu ScuolaSicura In caso di incendio fuga di gas sversamento allagamento azione criminosa infortunio/malore guasto elettrico terremoto nube tossica alluvione 1 Un coordinatore dell emergenza 2 Un docente

Dettagli

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO SEGNALAZIONI DI EMERGENZA ALLARME: Serie di almeno 10 suoni intermittenti ttenti EVACUAZIONE: Un suono continuo e prolungato CESSATO ALLARME:

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE Il piano di Emergenza dell Istituto Siani redatto dal R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda, ha previsto l individuazione degli addetti alla

Dettagli

Liceo Scientifico Carlo Cattaneo TORINO

Liceo Scientifico Carlo Cattaneo TORINO Liceo Scientifico Carlo Cattaneo TORINO Oggetto: GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.Lgs. 626/1994 art. 4, comma 5, D.M. 26 agosto 1992 e D.M. 10 marzo 1998) Plesso: Sede succursale via Postumia 57/60 10142 Torino

Dettagli

MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe)

MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe) MODULO N 1 MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe) Scuola data CLASSE PIANO ALLIEVI PRESENTI n EVACUATI n DISPERSI FERITI n.b. segnalazione nominativa Annotazioni: FIRMA DEL DOCENTE MODULO

Dettagli

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO IL PIANO DI EMERGENZA Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO Il Piano di Emergenza E una procedura di mobilitazione di mezzi e persone in grado di fronteggiare una determinata condizione di emergenza. Le

Dettagli

ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA Ministero Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale Tarra Via Correggio, 80-20020 Busto Garolfo (MI) Tel. 0331 569087 - Fax 0331 564462 Cod. Mec.: MIIC8DL00N

Dettagli

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITÀ e della RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE T. OLIVELLI Via Roma 9/11 25069 Villa Carcina (BS) 030/881023 - FAX 030/8982701 - C.F. 92008620178 - C.M. BSIC82600D

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara giugno 2014 Corpo E Polo Scientifico-Tecnologico di Via Saragat, 1 PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE INDICAZIONI GENERALI relative all edificio L edificio si sviluppa su 4 piani di cui uno interrato; il

Dettagli

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE All.OdS 9/04 Agg.12 UMC SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 3 TO Procedura Operativa in caso di Evacuazione 1. SCOPO Scopo della presente procedura operativa è quello di fornire tutte le indicazioni

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PER TUTTO IL PERSONALE Via Vulcano, 12-95047 Paternò (CT) Tel./Fax 095841054 e-mail ctee06800n@istruzione.it

Dettagli

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RIVAROLO Scuola e Sicurezza Semplici norme di comportamento in caso di emergenze Glossario emergenze e figure di riferimento 1 Piano di Emergenza: insieme di norme e di istruzioni

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1 CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO S.O.C. Prevenzione Protezione 1 DESTINATARIO TUTTO IL PERSONALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA SS ANTONIO E BIAGIO E C. ARRIGO S.O.C. Prevenzione

Dettagli

I.I.S. ATESTINO Via Garibaldi, 23 35042 ESTE Padova Tel. 0429-2031 Fax. 0429-4345. D.Lgs. 09 Aprile 2008 n. 81. D.M. 10 Marzo 1998 PIANO DI EMERGENZA

I.I.S. ATESTINO Via Garibaldi, 23 35042 ESTE Padova Tel. 0429-2031 Fax. 0429-4345. D.Lgs. 09 Aprile 2008 n. 81. D.M. 10 Marzo 1998 PIANO DI EMERGENZA I.I.S. ATESTINO Via Garibaldi, 23 35042 ESTE Padova Tel. 0429-2031 Fax. 0429-4345 D.Lgs. 09 Aprile 2008 n. 81. D.M. 10 Marzo 1998 PIANO DI EMERGENZA Versione 3.2 Novembre 2011 PIANO DI EMERGENZA PREMESSA

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO E S T R A T T O D A L P I A N O D I E M E R G E N Z A I N T E R N O S e z i o n e i n e r e n t e D O C E N T I A. T. A. - ALLI E V I Estensori

Dettagli

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze Gestione emergenze 1. Piano di emergenza 2. Misure di prevenzione 3. Misure di Protezione 4. Estintori e fuochi 5. Evacuazione dai locali 6. Controlli periodici Rev. 1 ott. 2009 Situazioni di emergenza

Dettagli

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA Consiglio Nazionale delle Ricerche Ufficio Prevenzione e Protezione Puglia e Basilicata PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA In base all art. 18, comma 1, lettere h) e t) del D. Lgs. 81/2008

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.M. 10 Marzo 1998, D.lgs81/2008)

PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.M. 10 Marzo 1998, D.lgs81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI OSTELLATO (FE) Scuola dell infanzia di Migliarino Via del Parco 1 Località Migliarino comune di Fiscaglia tel./fax 0533.52686 e-mail viadelparco@libero.it PIANO DI GESTIONE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA)

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) PREMESSA Il tema della sicurezza sta finalmente acquistando rilevanza sempre crescente, e la scuola è l ambito

Dettagli

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti;

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti; COMPITI DEGLI APRI-FILA E CHIUDI-FILA - Ogni aprifila, in caso di emergenza, ha il compito di aprire le porte e guidare i compagni verso le zone di raccolta; - I serra-fila hanno il compito di assistere

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA FASCICOLO DI CLASSE *****

PIANO DI EMERGENZA FASCICOLO DI CLASSE ***** PIANO DI EMERGENZA FASCICOLO DI CLASSE ***** PROCEDURE NORME DI COMPORTAMENTO A.S. 2008/2009 Allegato E NORME DI COMPORTAMENTO PER I RESPONSABILI DI CLASSE (DOCENTI) IN CASO DI EMERGENZA 1. In caso di

Dettagli

CHE COSA E UNA EMERGENZA

CHE COSA E UNA EMERGENZA Modalità operative CHE COSA E UNA EMERGENZA Ogni situazione anomala che presenti un pericolo potenziale o reale per l incolumità delle persone e dei beni. Esempio : CHE COSA E IL PIANO DI EMERGENZA E l

Dettagli

TUTTI SONO TENUTI A PRENDERE VISIONE DI TALI PLANIMETRIE.

TUTTI SONO TENUTI A PRENDERE VISIONE DI TALI PLANIMETRIE. SICUREZZA 1 RACCOMANDAZIONI IN CASO D INFORTUNIO ALUNNI/E: 2 COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO INDICAZIONI GENERALI: nel corridoio di ogni piano sono affisse planimetrie

Dettagli

MUSEO DELLE SCIENZE TRENTO. Area ex MICHELIN Trento TRENTO

MUSEO DELLE SCIENZE TRENTO. Area ex MICHELIN Trento TRENTO MUSEO DELLE SCIENZE TRENTO Area ex MICHELIN Trento TRENTO PIANO DI EMERGENZA INTERNO Stato delle Emissioni/Revisioni Emiss./Rev. Data Commenti Autore Controllato ed emesso da Approvato da 01/00 08/07 Richiesta

Dettagli

Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa

Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa PIANO DI EMERGENZA INCENDIO Gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro MINISTERO DELL INTERNO - DECRETO 10 MARZO 1998 Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa CONSULENTE TECNICO Nome del tecnico Ordine provinciale

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE. a.s. 2014/2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE. a.s. 2014/2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE a.s. 2014/2015 PREMESSA Nel rispetto del DMI del D.Lgs 81/2008 è stato predisposto per l'anno

Dettagli

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile)

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Norme di comportamento per tutto il personale in caso di Emergenza: Tutto

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE

SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. MAZZINI VIA S. ANDREA PORTO SANTO STEFANO, MONTE ARGENTARIO (GR) SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE PIANO DI

Dettagli

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corsi di specializzazione per ASPP macro settore di attività 8 Modulo B Valutazione Rischi Istituto ISIS Ponti piazza Giovine Italia n. 3 - Gallarate Lezione del 10.01.2012

Dettagli

DATA STATO REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE

DATA STATO REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE IO_11_Regole comportamentali per Fornitori Gentile Fornitore, Eco-recuperi srl ha stabilito una propria politica per la Qualità, la Sicurezza e l Ambiente (disponibile sul sito http://www.ecorecuperi.it/it/918-qualita.htm

Dettagli

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo)

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Liceo Scientifico C. Cavalleri - Parabiago SEDE STACCATA Via dei Partigiani,1 - Canegrate PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Il Datore di Lavoro Prof. Luciano Bagnato.. data / /.. Rev. 06 del

Dettagli

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI CHIAMATA DEI SOCCORSI Telefono Dirigenza scolastica: 091 6143265 Telefono plesso di via De Gasperi 091 490249 Telefono plesso di via Tomasi di Lampedusa 091 6142456 Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza Liceo Morgagni ll presente documento è da considerarsi integrazione e aggiornamento del Documento

Dettagli

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) I S T I T U T O C O M P R E N S I V O E S T 1 V I A A. D E L V E R R O C C H I O, 3 2 8 B r e s c i a SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PREMESSA

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria Varlungo

Dettagli

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO Chiunque noti un principio di incendio o una situazione anomala che presenta pericolo di incendio deve: Mantenere la calma ed evitare

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione Piano Emergenza Evacuazione Il D.M 10 marzo 1998 prevede che, a seguito della VDRI deve essere predisposto e tenuto aggiornato, in forma scritta, dal Datore di Lavoro un Piano di Emergenza Antincendio,

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti

Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti prot. n. 6329/D9 Foggia 10/10/2015 Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti Circolare n.17 a.s. 2015-16 Oggetto: D.L.vo 81/2008 prove evacuazione In relazione all oggetto, a quanto previsto

Dettagli

DM 10.3.1998 CRITERI GENERALI DI SICUREZZA ANTINCENDIO E PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI LUOGHI DI LAVORO

DM 10.3.1998 CRITERI GENERALI DI SICUREZZA ANTINCENDIO E PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI LUOGHI DI LAVORO D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e S.M.I. ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1 DELLA LEGGE 3 AGOSTO 2007, N.123, IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO. DM 10.3.1998 CRITERI GENERALI

Dettagli

INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014

INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014 Piano di esodo INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014 Il piano di emergenza deve essere predisposto per ogni luogo di lavoro. Per luoghi di lavoro di

Dettagli

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO INDICE 1. DEFINIZIONE DI EMERGENZA...2 1.1....2 2. ADDETTI GESTIONE EMERGENZA...3 3. SEGNALETICA...4 4. COMPITI DEL PERSONALE NELL EMERGENZA...5 4.1. COLLABOTORI SCOLASTICI E A.T.A....5 4.2. INSEGNANTI..

Dettagli

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA Estratto del PIANO DI EMERGENZA REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ART. 5 comma 1 D.M. 10 MARZO 1998, ART. 15 comma 1 lettera u D.LGS. 81/2008 E L ART. 12.0 D.M. 26/08/1992 INSIEME DELLE PROCEDURE

Dettagli

Piano per la gestione delle emergenze UFFICI E RESIDENZA FASCETTI -

Piano per la gestione delle emergenze UFFICI E RESIDENZA FASCETTI - Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE UFFICI E RESIDENZA FASCETTI 1 STRUTTURA SEDE UFFICI E RESIDENZA FASCETTI Piazza dei Cavalieri,

Dettagli

Istituto Comprensivo 3 V. Scamozzi Vicenza PIANO DELLE EMERGENZE

Istituto Comprensivo 3 V. Scamozzi Vicenza PIANO DELLE EMERGENZE Istituto Comprensivo 3 V. Scamozzi Vicenza PIANO DELLE EMERGENZE Plesso : Scuola Primaria P.Lioy LAPIO di ARCUGNANO Via S.Croce, 83 tel. 0444. 273470 - fax 0444.273470 e-mail: vicenza3@scamozzi.it anno

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Servizio di Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Servizio di Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA PIANO DI EMERGENZA Identificazione delle emergenze e delle situazioni incidentali Le emergenze e le situazioni incidentali ipotizzate ai fini di questo piano sono relative allo sversamento di prodotti

Dettagli

PROCEDURE DI EVACUAZIONE MANTENERE LA CALMA, NON SPINGERSI, NON CORRERE, NON URLARE.

PROCEDURE DI EVACUAZIONE MANTENERE LA CALMA, NON SPINGERSI, NON CORRERE, NON URLARE. SCUOLA MEDIA STATALE Rosa Bianca SALUZZO Via C. Segre 14-12037 SALUZZO 0175 211427/428/429 Area Personale 0175 211430 Area Alunni 0175 211432 0175 211431 - Capo Segreteria Fax 0175 211437 SEZIONE STACCATA

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV)

SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV) PIANO DI EMERGENZA (Linee guida) SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV) Anno scolastico 2014/2015 file:pem_primaria_trevignano.doc 1 di 21 PREMESSA Il piano di emergenza è uno

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 SEGNALE DI ALLARME: ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI AGLI ALLIEVI

SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 SEGNALE DI ALLARME: ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI AGLI ALLIEVI SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 PIANO DI EVACUAZIONE SEGNALE DI ALLARME: 1. TERREMOTO suono prolungato 2. ALLUVIONE suono breve ripetuto diverse volte 3. INCENDIO

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ORGANIZZAZIONE E PROCEDURE

PIANO DI EMERGENZA ORGANIZZAZIONE E PROCEDURE ISTITUTO COMPRENSIVO G.Mariti - Fauglia PIANO DI EMERGENZA ORGANIZZAZIONE E PROCEDURE Pagina 1 di 12 Revisione: 1.7 Data: 30.09.2014 Obiettivi Il presente piano tende a perseguire i seguenti obiettivi:

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA ALLEGATO N. 6 -TUTTI NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA - MANTENERE LA CALMA E, PER QUANTO POSSIBILE, NON FARSI PRENDERE DAL PANICO; - RISPETTARE LE DISPOSIZIONI IMPARTITE DAGLI ADDETTI

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Il Piano di Emergenza ed Evacuazione

Il Piano di Emergenza ed Evacuazione Il Piano di Emergenza ed Evacuazione Informazioni sulla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori Gennaio 2013 Pillole di sicurezza A cura del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

Dettagli

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA MISURE DI SICUREZZA PASSIVA: Resistenza al fuoco delle strutture e delle porte Compartimentazione Comportamento al fuoco dei materiali MISURE

Dettagli

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione)

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) FASE DI INDIVIDUAZIONE DI UN PERICOLO Chi si avvede dell incendio, nel limite del possibile ed in funzione delle proprie

Dettagli

Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014

Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014 Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014 AI DOCENTI AGLI STUDENTI AI GENITORI AL PERSONALE ATA Oggetto: Sintesi del PIANO DI EMERGENZA / EVACUAZIONE Il presente opuscolo costituisce una sintesi del Piano

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Padiglione 38. San Salvi FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Padiglione 38. San Salvi FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Padiglione 38 San Salvi FIRENZE 1 STRUTTURA Residenza Universitaria

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. Esistono due squadre per la gestione delle emergenze, una INFN ed una congiunta INFN/UNIFE.

PIANO DI EMERGENZA. Esistono due squadre per la gestione delle emergenze, una INFN ed una congiunta INFN/UNIFE. PIANO DI EMERGENZA PREMESSA Per emergenza si intende un evento improvviso, un fatto o una circostanza imprevista tali da mettere in situazione di pericolo reale o potenziale persone o cose rappresentano

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via Rimembranze, n. 2 73031 ALESSANO (LE) Distretto n. 47 Cod. Min.: LEIC80400T cod. Fisc. 90018660754 Tel e fax 0833-781118 email leee010007@istruzione.it Web Site: www.comprensivoalessano.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale LENTINI Scuola dell infanzia Scuola primaria Scuola secondaria di I grado Via Roma, 102 85045 LAURIA (PZ)

Istituto Comprensivo Statale LENTINI Scuola dell infanzia Scuola primaria Scuola secondaria di I grado Via Roma, 102 85045 LAURIA (PZ) Istituto Comprensivo Statale LENTINI Scuola dell infanzia Scuola primaria Scuola secondaria di I grado Via Roma, 102 85045 LAURIA (PZ) Oggetto: GESTIONE DELLE EMERGENZE D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81,sez.VI-Gestione

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Diop Mor Samb Modou FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA ISIS CIPRIANO FACCHINETTI COMUNE DI CASTELLANZA VIA AZIMONTI N 5 TEL.0331-635718 FAX 0331679586 ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA (Copia per il personale docente) Pagina 1 di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ Prot. 4409 del 17 settembre 2015 Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 Per assicurare lo svolgimento dell abbandono dell edificio

Dettagli

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO IL TERREMOTO I terremoti non danno alcun preavviso e avvertimento e, anche dopo una prima scossa, non si può sapere se ve ne saranno altre e di quale entità.

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore "J. M. Keynes" Castel Maggiore (Bo)

Istituto di Istruzione Superiore J. M. Keynes Castel Maggiore (Bo) Istituto di Istruzione Superiore "J. M. Keynes" Castel Maggiore (Bo) INFORMAZIONE AGLI STUDENTI E ALLE FAMIGLIE SULLA PREVENZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA (Art. 21 D. Lgs. 626/94) Presentazione Il Decreto

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 FASE OPERATIVA DI EVACUAZIONE GENERALE Quando si avverte il segnale acustico (sonoro e vocale) di evacuazione dell edificio si deve:

Dettagli

ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI A. CECCHERELLI

ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI A. CECCHERELLI COMPORTAMENTI DA ADOTTARE E COMPETENZE DURANTE L'EMERGENZA a) Comportamento da adottare in caso di incendio Comportamento dei lavoratori Chiunque assista ad un incendio deve: 1. Mantenere la calma; 2.

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 1 ISTITUTO COMPRENSIVO GOZZI-OLIVETTI PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 2 Premessa Il presente Piano di Evacuazione ed Emergenza individua

Dettagli

EMERGENZA ed EVACUAZIONE

EMERGENZA ed EVACUAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE C. MENNELLA PROCEDURA DA ATTUARSI NEI CASI DI EMERGENZA ed EVACUAZIONE DESTINATO AGLI INCARICATI ALL EMERGENZA ED EVACUAZIONE Questo libretto deve essere Consegnato ad

Dettagli

Circolare interna n. 59 Cavarzere, 12 novembre 2013

Circolare interna n. 59 Cavarzere, 12 novembre 2013 Circolare interna n. 59 Cavarzere, 12 novembre 2013 Al Prof. Funzione Strumentale Ballarin Marco AI DOCENTI DI SOSTEGNO ED OPERATORI SOCIO SANITARI E p.c personale ATA Oggetto: Piano di emergenza Prova

Dettagli

Registrazione avvenuta EVACUAZIONE dall edificio in Emergenza

Registrazione avvenuta EVACUAZIONE dall edificio in Emergenza MODULO 1a Registrazione avvenuta EVACUAZIONE dall edificio in Emergenza (da inserire all interno del registro di classe) Da consegnare immediatamente al Responsabile Emergenza una volta raggiunto il Punto

Dettagli

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO dispensa informativa per docenti e non docenti A CURA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PREMESSA Le informazioni contenute nella presente dispensa sono nozioni

Dettagli

Istituto Superiore Magnaghi Viale Romagnosi 7-43039 Salsomaggiore Terme (PR) Tel. 0524-572270 Fax 0524-574401

Istituto Superiore Magnaghi Viale Romagnosi 7-43039 Salsomaggiore Terme (PR) Tel. 0524-572270 Fax 0524-574401 CODICE FISCLE 91042640341 ISTRUZIONI D SEGUIRE Come da Piano di Emergenza sede TERREMOTO In caso di una scossa di terremoto comportarsi secondo i seguenti punti: Durante la scossa non cercare di abbandonare

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIA MASCAGNI SIENA

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIA MASCAGNI SIENA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIA MASCAGNI SIENA 1 STRUTTURA SEDE SEDE AMMINISTRATIVA VIA MASCAGNI 53,

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE: OBIETTIVI DEL PIANO

PIANO DI EVACUAZIONE: OBIETTIVI DEL PIANO PIANO DI EVACUAZIONE: OBIETTIVI DEL PIANO OBIETTIVI 1) Affrontare l'emergenza fin dal primo insorgere per contenerne gli effetti sulla popolazione scolastica. 2) Pianificare le azioni necessarie per proteggere

Dettagli

DI PRIMO GRADO PLESSO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIETRACATELLA- DATORE DI LAVORO PROF.SSA GIOVANNA FANTETTI PIETRACATELLA

DI PRIMO GRADO PLESSO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIETRACATELLA- DATORE DI LAVORO PROF.SSA GIOVANNA FANTETTI PIETRACATELLA PAGINA 1 DI 35 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIETRACATELLA PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE PIANO DI PRIMO SOCCORSO

Dettagli

Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro D.L. 81/08. Corso di. FORMAZIONE SPECIFICA (Modulo 2)

Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro D.L. 81/08. Corso di. FORMAZIONE SPECIFICA (Modulo 2) Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro D.L. 81/08 1 Corso di FORMAZIONE SPECIFICA (Modulo 2) Contenuti Formazione Specifica 2 2 Segnaletica Emergenze Procedure esodo ed incendi Procedure organizzative

Dettagli

LIBERA UNIVERSITA MARIA Ss. ASSUNTA MANUALE PER STUDENTI PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO

LIBERA UNIVERSITA MARIA Ss. ASSUNTA MANUALE PER STUDENTI PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO 2. EMERGENZA SANITARIA 3. ALLAGAMENTO 4. TERREMOTO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE (per qualsiasi tipo di emergenza, come

Dettagli