IL PIANO PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DOCENTE Coordinatore dello Staff (prof. Roberto Martini)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PIANO PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DOCENTE Coordinatore dello Staff (prof. Roberto Martini)"

Transcript

1 IL PIANO PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DOCENTE Coordinatore dello Staff (prof. Roberto Martini)

2 LA LEGGE 107/2015 e LA FORMAZIONE Art 1 comma 124 Obbligatorietà della formazione in servizio Definizione del Piano Nazionale di Formazione triennale Inserimento nel PTOF del Piano di Formazione della scuola Carta elettronica del docente per la formazione Individuazione di buone pratiche per la valorizzazione del docente

3 IL PIANO DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE Rappresenta il quadro di riferimento rinnovato per la formazione. Prevede indicazioni relative alla formazione dei Dirigenti Scolastici e di tutto il personale della scuola. Indirizza la progettualità delle scuole Consente di passare da interventi formativi frammentari ad un vero e proprio sistema.

4 IL PRINCIPI DEL PIANO: IERI E OGGI IERI Azioni frammentarie Formazione centralizzata Solo aggiornamento Formazione = esigenza individuale OGGI Sistema di formazione Filiere formative (reti) Formazione di qualità Formazione come priorità strategica (crescita)

5 IL PIANO E I DOCUMENTI DELLA SCUOLA RAV analisi interne PdM fissa gli obiettivi della scuola Piano della formazione definisce le azioni formative PTOF Parte dal RAV e contiene PdM e PdF

6 IL PORTFOLIO DEL DOCENTE Si prevede la predisposizione di una piattaforma on-line per documentare la storia formativa e professionale del docente Si consente ai docenti di costruire il proprio percorso formativo.

7 IL PORTFOLIO DEL DOCENTE Il portfolio è Uno strumento on-line Diviso in due parti - Pubblica - Riservata Parte del fascicolo digitale del docente Il documento costituito da: - Curriculum - Attività didattica - Piano individuale di sviluppo Il portfolio consente Descrivere il curriculum Mettere a disposizione del D.S. il curriculum digitale Elaborare il bilancio delle competenze Valutare la qualità della formazione

8 LE MACRO-AREE DELLA FORMAZIONE Competenze COMPETENZA DI SISTEMA COMPETENZE PER IL 21MO SECOLO COMPETENZE PER UNA SCUOLA INCLUSIVA Aree della formazione Autonomia didattica e organizzativa Valutazione e miglioramento Didattica per competenze e innovazione metodologica Lingue straniere Competenze digitali e nuovi ambienti per l apprendimento Scuola e lavoro Integrazione, competenze di cittadinanza e cittadinanza globale Inclusione e disabilità Coesione sociale e prevenzione del disagio giovanile

9 GLI ATTORI DELLA FORMAZIONE MIUR CABINA DI REGIA USR STAFF REGIONALE RETI DI SCUOLE - Definisce il Piano della Formazione - Ripartisce le risorse pubbliche - Monitora i risultati - Promuove la costituzione di reti - Accompagna le reti di scuole - Monitora la formazione - Organizza la formazione dei neo-assunti - Organizzala formazione per i dirigenti - Progettano e organizzano la formazione - Individuano una scuola polo per la formazione

10 GLI ATTORI DELLA FORMAZIONE SCUOLA POLO ISTITUTI SCOLASTICI UNIVERSITA ENTI ACCREDITATI - Coordina la progettazione - E assegnataria delle risorse finanziarie - Ha la gestione amministrativa-contabile - Si interfaccia con l USR - Progetta proprio piano di formazione Garantisce la coerenza del proprio piano di formazione con il RAV, il PdM, Piano Nazionale della Formazione - Promuovono azioni di formazione - Diffondono esperienze di ricerca - Predispongono le azioni di tirocinio nelle scuole

11 LE UNITA FORMATIVE Le unità formative possono essere promosse e attestate (art 1 D. 170/2016): dalla Scuola dalle Reti di scuole dall Amministrazione dalle Università e da altri soggetti accreditati

12 LE UNITA FORMATIVE Le unità formative comprendono: Formazione in presenza Formazione on-line Sperimentazione didattica Lavoro in rete Approfondimento personale e collegiale Documentazione e forme di restituzione alla scuola Sono unità formative anche la formazione da: Animatori digitali Team per l innovazione Tutor neo-immessi Coordinatori per l inclusione Ruoli chiave sull Alternanza scuola-lavoro CLIL

13 LE FONTI DI FINANZIAMENTO DEL PIANO La fonte di finanziamento Legge 107/2015 PON Altri Fondi MIUR Totale risorse per il triennio 2016/ Milioni di euro 160 milioni di euro 45 milioni di euro TOTALE PIANO DI FORMAZIONE 325 MILIONI DI EURO Carta del docente 1486 MILIONI EURO

14 Lo Staff Regionale di Supporto per la Toscana E' costituito da: - Dirigenti Tecnici; - Dirigenti Amministrativi degli Uffici Provinciali; - Docenti distaccati su autonomia scolastica e sui progetti nazionali.

15 Lo Staff Regionale di Supporto per la Toscana Si articola in 25 gruppi di lavoro, uno per ciascun ambito territoriale Raccorda tutte le scuole polo Garantisce il supporto e collabora alla progettazione del piano di ciascuna rete di ambito

16 Lo Staff Regionale di Supporto per la Toscana: AREZZO AMBITO TERRITORIALE 1: VALDICHIANA ARETINA MARINA BARETTA ROBERTO CURTOLO EMILIA MINICHINI AMBITO TERRITORIALE 2: VALDARNO ROBERTO MARTINI ROBERTO CURTOLO EMILIA MINICHINI AMBITO TERRITORIALE 2: CASENTINO/VALTIBERINA SALVINI LUCA ROBERTO CURTOLO LUCIA CORTI

17 Lo Staff Regionale di Supporto per la Toscana: FIRENZE AMBITO TERRITORIALE 4: FIRENZE LUCA SALVINI CLAUDIO BACALONI EMILIA MINICHINI / CHIARA BONFIGLIOLI AMBITO TERRITORIALE 5: MUGELLO/VALDARNO/VALDISIEVE ROBERTO MARTINI CLAUDIO BACALONI GOFFREDO MANZO AMBITO TERRITORIALE 6: FIORENTINA NORD OVEST ROBERTO MARTINI CLAUDIO BACALONI PIERPAOLO INFANTE

18 Lo Staff Regionale di Supporto per la Toscana: FIRENZE AMBITO TERRITORIALE 7: FIORENTINA SUD EST LUCA SALVINI BACALONI CLAUDIO GOFFREDO MANZO AMBITO TERRITORIALE 8: EMPOLESE GIACOMO D AGOSTINO BACALONI CLAUDIO PIER PAOLO INFANTE

19 Lo Staff Regionale di Supporto per la Toscana: GROSSETO AMBITO TERRITORIALE 9: COLLINE METALLIFERE/GROSSETANA NORD MARINA BARETTA GIACOMO D AGOSTINO GOFFREDO MANZO AMBITO TERRITORIALE 10: AMIATA GROSSETANA/COLLINE DELL'ALBEGNA/GROSSETANA SUD MARINA BARETTA GIACOMO D AGOSTINO PIER PAOLO INFANTE

20 Lo Staff Regionale di Supporto per la Toscana: LIVORNO AMBITO TERRITORIALE 11: LIVORNESE PAOLA FASANO ANNA PEZZATI ELEONORA MARCHIONNI AMBITO TERRITORIALE 12: BASSA VAL DI CECINA/VAL DI CORNIA/ELBA PAOLA FASANO ANNA PEZZATI CHIARA BUONFIGLIOLI

21 Lo Staff Regionale di Supporto per la Toscana: LUCCA AMBITO TERRITORIALE 13: PIANA DI LUCCA ROBERTO MARTINI DONATELLA BUONRIPOSI ALESSANDRA PAPA AMBITO TERRITORIALE 14: VERSILIA ANNA PEZZATI DONATELLA BUONRIPOSI LAURA GUIDO AMBITO TERRITORIALE 15: VALLE DEL SERCHIO LUCA SALVINI DONATELLA BUONRIPOSI LAURA GUIDO

22 Lo Staff Regionale di Supporto per la Toscana: MASSA AMBITO TERRITORIALE 16: APUANE SUD DONATELLA BUONRIPOSI LUCA SALVINI DONATELLA CIUFFOLINI DONATELLA BUONRIPOSI LUIGI SEBASTIANI DONATELLA CIUFFOLINI AMBITO TERRITORIALE 17: LUNIGIANA/APUANE NORD

23 Lo Staff Regionale di Supporto per la Toscana: PISA AMBITO TERRITORIALE 18: PISANA LUIGI SEBASTIANI PAOLA FASANO LAURA GUIDO AMBITO TERRITORIALE 19: VALDARNO INFERIORE/VALDERA/VAL DI CECINA LUIGI SEBASTIANI ROBERTO MARTINI DONATELLA CIUFFOLINI

24 Lo Staff Regionale di Supporto per la Toscana: PISTOIA AMBITO TERRITORIALE 20: PISTOIESE LAURA SCOPPETTA ROBERTO MARTINI ALESSANDRA PAPA AMBITO TERRITORIALE 21: VALDINIEVOLE LAURA SCOPPETTA PAOLA FASANO ALESSANDRA PAPA

25 Lo Staff Regionale di Supporto per la Toscana: PRATO AMBITO TERRITORIALE 22: PRATESE NORD LAURA SCOPPETTA PAOLA FASANO ELEONORA MARCHIONNI AMBITO TERRITORIALE 23: PRATESE SUD LAURA SCOPPETTA GIACOMO D AGOSTINO ELEONORA MARCHIONNI

26 Lo Staff Regionale di Supporto per la Toscana: SIENA AMBITO TERRITORIALE 24: ALTA VAL D'ELSA/SENESE NORD PAGLIAZZI FABIO BARETTA MARINA CORTI LUCIA AMBITO TERRITORIALE 25: AMIATA VAL D'ORCIA/VAL DI CHIANA SENESE/SENESE SUD PAGLIAZZI FABIO BARETTA MARINA CORTI LUCIA

IL PIANO PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DOCENTE Coordinatore dello Staff (prof. Roberto Martini)

IL PIANO PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DOCENTE Coordinatore dello Staff (prof. Roberto Martini) IL PIANO PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DOCENTE 2016-2019 Coordinatore dello Staff (prof. Roberto Martini) LA LEGGE 107/2015 e LA FORMAZIONE Art 1 comma 124 Obbligatorietà della formazione in servizio

Dettagli

Piano della Formazione

Piano della Formazione Istituto Comprensivo Grosseto 6 a.s. 2016-2017 Piano della Formazione (estratto da NOTE SUL PIANO PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI 2016-2019 ) Staff Regionale di Supporto Quadro normativo Legge 107/2015 Art

Dettagli

IC REGINA ELENA - AMBITO 1 - ROMA

IC REGINA ELENA - AMBITO 1 - ROMA la nuova normativa: quadro di riferimento Legge 107/2015 Art.1 comma 124 Art.1 comma 181 lett.b «Nell ambito degli adempimenti connessi alla funzione docente la formazione in servizio dei docenti di ruolo

Dettagli

PIANO PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI

PIANO PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI NOTE SUL PIANO PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI 2016-2019 a cura dello Staff Regionale di Supporto Coordinatore Staff (Prof. Roberto Martini) Art 1 comma 124 Legge 107/2015 Nell'ambito degli adempimenti connessi

Dettagli

PIANO PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI (SINTESI)

PIANO PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI (SINTESI) Istituto d Istruzione Secondaria Superiore Carlo Emilio Gadda Presidenza e Segreteria: v. Nazionale 6 43045 Fornovo di Taro (PR) Tel. 0525 400229 Fax 0525 39300 E-mail: pris00800p@istruzione.it Sito web:

Dettagli

Piano per la Formazione dei Docenti

Piano per la Formazione dei Docenti Piano per la Formazione dei Docenti 2016-2019 Ufficio Scolastico Regionale per le Marche Conferenze di Servizio Interprovinciali 24-25 Ottobre 2016 Dott.ssa Alessandra Di Emidio Formazione e Valutazione:

Dettagli

IL PIANO NAZIONALE DI FORMAZIONE PER IL TRIENNIO 2016/2019.in sintesi

IL PIANO NAZIONALE DI FORMAZIONE PER IL TRIENNIO 2016/2019.in sintesi I.C. ENZO BIAGI via Orrea 23 00123 ROMA IL PIANO NAZIONALE DI FORMAZIONE PER IL TRIENNIO 2016/2019.in sintesi MIUR D.M. 797 del 19 OTTOBRE 2016 F.S. Nicoletta Cigliano LEGGE 107/2015 La formazione in servizio

Dettagli

Il piano per la formazione docenti. in breve

Il piano per la formazione docenti. in breve Il piano per la formazione docenti in breve legge 107/2015 La formazione in servizio diventa obbligatoria, permanente e strutturale più valore al ruolo del docente per un sistema educativo di qualità in

Dettagli

Il piano per la formazione docenti in breve

Il piano per la formazione docenti in breve Il piano per la formazione docenti in breve legge 107/2015 La formazione in servizio diventa obbligatoria, permanente e strutturale più valore al ruolo del docente per un sistema educativo di qualità in

Dettagli

% RAV compilati Provincia Scuole statali Scuole paritarie Scuole statali Scuole paritarie AREZZO FIRENZE ,7 GROSSETO 32 3

% RAV compilati Provincia Scuole statali Scuole paritarie Scuole statali Scuole paritarie AREZZO FIRENZE ,7 GROSSETO 32 3 UN DATO DI PARTENZA % RAV compilati Provincia Scuole statali Scuole paritarie Scuole statali Scuole paritarie AREZZO 51 8 100 100 FIRENZE 110 43 100 97,7 GROSSETO 32 3 100 100 LIVORNO 44 12 100 100 LUCCA

Dettagli

PIANO PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI Il 3 Ottobre 2016 il MIUR ha presentato il Piano per la formazione dei docenti

PIANO PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI Il 3 Ottobre 2016 il MIUR ha presentato il Piano per la formazione dei docenti PIANO PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI 2016-2019 Il 3 Ottobre 2016 il MIUR ha presentato il Piano per la formazione dei docenti a cura di Assunta Mirante Perché un piano per la formazione docenti La formazione

Dettagli

Una questione complicata

Una questione complicata Una questione complicata mettere in ordine Documenti MIUR MIUR.AOODPIT.REGISTRO UFFICIALE(U).0000035.07-01-2016 OGGETTO: Indicazioni e orientamenti per la definizione del piano triennale per la formazione

Dettagli

I Prossimi passi. Coordinatore dello Staff: Prof. Roberto Martini

I Prossimi passi. Coordinatore dello Staff: Prof. Roberto Martini I Prossimi passi Coordinatore dello Staff: Prof. Roberto Martini Si è costituito lo Staff Regionale di Supporto presso l USR Toscana che ha: elaborato un vademecum «Note sul Piano di formazione del personale»

Dettagli

PIANO PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI

PIANO PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI PIANO PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI 2016-2019 IN SINTESI Formazione obbligatoria, permanente e strutturale Coinvolti tutti i 750mila docenti 1.4 miliardi di euro per 3 anni: 325 mln per il Piano + 1.1

Dettagli

PIANO TRIENNALE OFFERTA FORMATIVA. PIANO DI FORMAZIONE D ISTITUTO a.s (Legge 107/15 art.1 comma 124)

PIANO TRIENNALE OFFERTA FORMATIVA. PIANO DI FORMAZIONE D ISTITUTO a.s (Legge 107/15 art.1 comma 124) PIANO TRIENNALE OFFERTA FORMATIVA PIANO DI FORMAZIONE D ISTITUTO a.s. 2016-17 (Legge 107/15 art.1 comma 124) FORMAZIONE COME RISORSA La formazione in servizio del personale scolastico durante tutto l arco

Dettagli

ATTIVITÀ DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE SCOLASTICO

ATTIVITÀ DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE SCOLASTICO ATTIVITÀ DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE SCOLASTICO USR ABRUZZO Conferenze di servizio Lunedì 10 ottobre, ore 10,30 presso l IIS «Pomilio» di Chieti Lunedì 10 ottobre, ore 14,30 presso l IIS «Alessandrini»

Dettagli

Com. N. 39 COMUNE Allegato 1 Venezia,

Com. N. 39 COMUNE Allegato 1 Venezia, ISTITUTO COMPRENSIVO SAN GIROLAMO Venezia, Cannaregio 3022/A, CAP 30121 Tel. 041 717336 fax 041 721789 e mail VEIC84200T@istruzione.it VEIC84200T@pec.istruzione.it Codice Scuola VEIC84200T VENEZIA Com.

Dettagli

Partecipazione e terzo settore

Partecipazione e terzo settore 235 9 Partecipazione e terzo settore 236 9.1 La diffusione del terzo settore e le tipologie di organizzazioni Tabella 9.1: Istituzioni no-profit censite nel 2001 e incidenza sulla popolazione residente

Dettagli

PIANO-PER-LA-FORMAZIONE-DEI-DOCENTI

PIANO-PER-LA-FORMAZIONE-DEI-DOCENTI Le principali novità del Piano nazionale per la formazione degli insegnanti presentato da Stefania Giannini alla presenza di tre ospiti internazionali: Andreas Schleicher, Direttore del Directorate of

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale UFFICIO III

Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale UFFICIO III Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale UFFICIO III a cura di ANNA MNNA DI NOCERA PIANO PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI 2016/2019 I principi, le priorità e la governance Quadro normativo

Dettagli

Strutture ospedaliere pubbliche e private in funzione e posti letto disponibili - Anno Strutture per residenti.

Strutture ospedaliere pubbliche e private in funzione e posti letto disponibili - Anno Strutture per residenti. 4 Sanità 4.1 L offerta di servizi sanitari Tabella 4.1: Strutture ospedaliere pubbliche e private in funzione e posti letto disponibili - Anno 2004 Province Pubbliche Strutture presenti Private accreditate

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE

PIANO DI FORMAZIONE PIANO DI FORMAZIONE 2016-2019 Riferimenti normativi: Legge n. 107 del 13 luglio 2015, in particolare articolo 1, comma 124: "Nell'ambito degli adempimenti connessi alla funzione docente, la formazione

Dettagli

PIANO NAZIONALE FORMAZIONE DOCENTI AA.SS. 2016/7-2018/19

PIANO NAZIONALE FORMAZIONE DOCENTI AA.SS. 2016/7-2018/19 PIANO NAZIONALE FORMAZIONE DOCENTI AA.SS. 2016/7-2018/19 I RIFERIMENTI NORMATIVI L. 107/2015, art. 1, comma 124 Nota MIUR Prot. 35 del 7-1-2016 Indicazioni sul PTOF per la formazione del personale DM 797

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELLE ATTIVITA DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE DEL PERSONALE DOCENTE ED ATA

PIANO TRIENNALE DELLE ATTIVITA DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE DEL PERSONALE DOCENTE ED ATA PIANO TRIENNALE DELLE ATTIVITA DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE DEL PERSONALE DOCENTE ED ATA ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE VIA COPERNICO Codice Meccanografico: RMIS071006 sede: Via Copernico,

Dettagli

PIANO NAZIONALE FORMAZIONE (Presentato al Miur 3 ottobre report e scheda di sintesi del Piano )

PIANO NAZIONALE FORMAZIONE (Presentato al Miur 3 ottobre report e scheda di sintesi del Piano ) PIANO NAZIONALE FORMAZIONE (Presentato al Miur 3 ottobre report e scheda di sintesi del Piano ) Il 3 ottobre è stato presentato al Miur il Piano nazionale della Formazione, dal ministro Giannini. Presenti

Dettagli

PIANO PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI CONFERENZE DI SERVIZIO Treviso IS Palladio 19 ottobre 2016 Belluno IT Calvi 20 ottobre 2016

PIANO PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI CONFERENZE DI SERVIZIO Treviso IS Palladio 19 ottobre 2016 Belluno IT Calvi 20 ottobre 2016 PIANO PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI 2016 2019 CONFERENZE DI SERVIZIO Treviso IS Palladio 19 ottobre 2016 Belluno IT Calvi 20 ottobre 2016 LEGGE 107 del 13.7.2015 art. 1 comma 124 Nell'ambito degli adempimenti

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODRTO.Registro Interno AOODRTO.0000010.06-10-2016 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ORDINE DI SERVIZIO IL DIRIGENTE VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, recante

Dettagli

Orientamenti e indicazioni

Orientamenti e indicazioni PIANO PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI 2016-2019 Orientamenti e indicazioni Dirigente: Chiara Brescianini Responsabile del procedimento: Roberta Musolesi Tel. 051/3785271 e-mail: musolesi@g.istruzioneer.it

Dettagli

La presa in carico della persona con demenza in Toscana

La presa in carico della persona con demenza in Toscana Progetto Ministeriale Il ChronicCare Care Model, il Punto Unico di Accesso e il Team Aziendale degli specialisti (attuali UVA) per la presa in carico della persona con demenza Giornata di studio sulle

Dettagli

Riabilitazione dopo frattura femore

Riabilitazione dopo frattura femore ARS Dipartimento di Sanità Pubblica Università di Firenze Firenze 4 Novembre 2011 Convegno La gestione delle cronicità sul territorio in Toscana: evidenze dalla banca dati MaCro Approfondimenti descrittivi

Dettagli

COMPASS SOC.COOP.SOCIALE ONLUS G. DI VITTORIO COOP. SOCIALE ONLUS

COMPASS SOC.COOP.SOCIALE ONLUS G. DI VITTORIO COOP. SOCIALE ONLUS Progetto regionale sperimentale Pronto Badante Toscana di cui alla DGR 946/2015, ddrt 4604/2015 e ddrt 321/2016 Area territoriale/zona-distretto Numero Verde e Coordinamento regionale Zona Lunigiana COMPASS

Dettagli

Passirano, 19/10/16 CIRCOLARE DOCENTI N.22 PIANO NAZIONALE FORMAZIONE- TRIENNALE

Passirano, 19/10/16 CIRCOLARE DOCENTI N.22 PIANO NAZIONALE FORMAZIONE- TRIENNALE Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASSIRANO Via G. Garibaldi 3 25050 Passirano (Bs) 030 6546075 Fax 030 6548371 C.F. 98093190175 e-mail: postmaster@ic-passiranopaderno.it

Dettagli

REGIONE TOSCANA UFFICI REGIONALI GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA UFFICI REGIONALI GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA UFFICI REGIONALI GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 27-12-2016 (punto N 52 ) Delibera N 1413 del 27-12-2016 Proponente STEFANIA SACCARDI DIREZIONE DIRITTI DI CITTADINANZA

Dettagli

MIUR.AOODRPI.REGISTRO UFFICIALE(U)

MIUR.AOODRPI.REGISTRO UFFICIALE(U) MIUR.AOODRPI.REGISTRO UFFICIALE(U).0000458.19-01-2017 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ai Dirigenti scolastici delle scuole di ogni ordine e grado Ai docenti delle scuole di ogni

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TRIENNIO A.S. 2016/ / /19

PIANO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TRIENNIO A.S. 2016/ / /19 ITET V. EMANUELE III Via Dante, 12 71036 LUCERA (FG) 0881 521302 0881 521303 :www.itclucera.it fgtd060005@istruzione.it fgtd060005@pec.istruzione.it C.F. 82000970713 C.U.U. UF84Z1 Istituto Tecnico Economico

Dettagli

Il Dirigente Scolastico

Il Dirigente Scolastico Prot. n. 3587 Oggetto : DELIBERA COMITATO DI VALUTAZIONE. Il Dirigente Scolastico Vista la Legge 107/15 art. 1 comma 126,127.128.129; Viste le determinazioni assunte dal Collegio dei docenti in data 08/02/2016;

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 47 DELIBERAZIONE 6 novembre 2006, n. 822

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 47 DELIBERAZIONE 6 novembre 2006, n. 822 22.11.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 47 DELIBERAZIONE 6 novembre 2006, n. 822 DELIBERAZIONE 6 novembre 2006, n. 824 67 PSR 2005/2007 La salute in carcere - Sostegno delle attività

Dettagli

ALLEGATO 1. Descrittori

ALLEGATO 1. Descrittori A1) Qualità dell'insegnamento Conseguimento di competenze professionali certificate e attestati di formazione con ricaduta sull attività professionale (rif. anno in corso) Capacità di progettazione Capacità

Dettagli

ISTITITO COMPRENSIVO STATALE MONTE ARGENTARIO-GIGLIO PIANO DELLA FORMAZIONE

ISTITITO COMPRENSIVO STATALE MONTE ARGENTARIO-GIGLIO PIANO DELLA FORMAZIONE P I A N O D E L L A F O R M A Z I O N E Il Piano della formazione, relativo al triennio, è stato predisposto secondo le risultanze del RAV e degli obiettivi di miglioramento della scuola fissati nel PdM.

Dettagli

APPROVATO con delibera dal Collegio Docenti del 24 ottobre 2016 APPROVATO con delibera n. 205 del Consiglio di Istituto del 27 ottobre 2016

APPROVATO con delibera dal Collegio Docenti del 24 ottobre 2016 APPROVATO con delibera n. 205 del Consiglio di Istituto del 27 ottobre 2016 APPROVATO con delibera dal Collegio Docenti del 24 ottobre 2016 APPROVATO con delibera n. 205 del Consiglio di Istituto del 27 ottobre 2016 VISTA il comma 12 art. 1 legge 107/2015 (revisione annuale del

Dettagli

12.L'AREA DELLA FORMAZIONE TRIENNALE 2016/2019

12.L'AREA DELLA FORMAZIONE TRIENNALE 2016/2019 12.L'AREA DELLA FORMAZIONE TRIENNALE 2016/2019 VISTA la Legge 107/2015 di cui al comma 124 che stabilisce che la formazione è obbligatoria, permanente e strutturale; VISTA la nota MIUR n.35 del 7/01/2016

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE. (sulla base delle linee approvate dal Collegio Docenti il 26 ottobre)

PIANO TRIENNALE PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE. (sulla base delle linee approvate dal Collegio Docenti il 26 ottobre) Prot.406! Ministero dell Istruzione, dell università e della ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO Don Milani di Corte Franca P.le Cattaneo, 5-25040 Corte Franca (BS) Tel: 030-984180 - Fax: 030-9884214 www.iccortefranca.gov.it

Dettagli

Obiettivo MIGLIORAMENTO DEGLI ESITI

Obiettivo MIGLIORAMENTO DEGLI ESITI Obiettivo MIGLIORAMENTO DEGLI ESITI Allegato n 6 L obiettivo Miglioramento degli esiti prevede i seguenti due indicatori: 1. gestione delle criticità: ridurre il rischio di morte rispetto al benchmark

Dettagli

Incontro con le scuole polo per la formazione. Chiara Brescianini Dirigente Ufficio III. Bologna, 19 Dicembre 2017

Incontro con le scuole polo per la formazione. Chiara Brescianini Dirigente Ufficio III. Bologna, 19 Dicembre 2017 Incontro con le scuole polo per la formazione Chiara Brescianini Dirigente Ufficio III Bologna, 19 Dicembre 2017 LA NOTA DELL 8 NOVEMBRE 2017, PROT.47777 Con Nota dell'8 novembre 2017, prot.47777 Indicazioni

Dettagli

Convegno nazionale Dirigenti scolastici

Convegno nazionale Dirigenti scolastici Convegno nazionale Dirigenti scolastici -assicurare la direzione unitaria della scuola, promuovendo la partecipazione e la collaborazione tra le diverse componenti della comunità scolastica, con particolare

Dettagli

Convegno I LINCEI PER UNA NUOVA SCUOLA. La formazione dei docenti: novità e prospettive

Convegno I LINCEI PER UNA NUOVA SCUOLA. La formazione dei docenti: novità e prospettive Convegno I LINCEI PER UNA NUOVA SCUOLA La formazione dei docenti: novità e prospettive Capo del Dipartimento per la Programmazione e la Gestione delle Risorse Umane, Finanziarie e Strumentali del MIUR

Dettagli

Il Tutor dei docenti neoassunti Aspetti di contesto e... di senso. Dirigente Tecnico

Il Tutor dei docenti neoassunti Aspetti di contesto e... di senso. Dirigente Tecnico Il Tutor dei docenti neoassunti Aspetti di contesto e... di senso Bologna 14/11/2016 Marco Guspini Dirigente Tecnico 1 Il Tutor 1. Che cosa fa? 2. Chi è? 3. A cosa serve? 4. Uno sguardo al futuro... non

Dettagli

Piano di Formazione e Aggiornamento del personale docente Triennio 2016/2019 Il Collegio dei Docenti

Piano di Formazione e Aggiornamento del personale docente Triennio 2016/2019 Il Collegio dei Docenti Piano di Formazione e Aggiornamento del personale docente Triennio 2016/2019 Il Collegio dei Docenti VISTO l art. 1 della Legge 13 luglio 2015 n.107, commi da 12 a 19:Piano Triennale dell Offerta Formativa;

Dettagli

Focus Piano Nazionale di Formazione,

Focus Piano Nazionale di Formazione, Focus Piano Nazionale di Formazione, Giuseppina Rita Mangione Primo Ricercatore INDIRE Napoli, 18.11.2016 Conferenza Nazionale etwinning Azione di sistema Fine dello stop and go Formazione come adempimento

Dettagli

Indicatori Descrittori Documentazione a cura del

Indicatori Descrittori Documentazione a cura del Area A. Qualità dell insegnamento e del contributo al miglioramento dell istituzione scolastica, nonché del successo formativo e scolastico degli studenti A.1. Qualità dell insegnamento (7 indicatori)

Dettagli

FORMAZIONE DEL PERSONALE IPOTESI DI PIANO DI FORMAZIONE AMBITO NA-20

FORMAZIONE DEL PERSONALE IPOTESI DI PIANO DI FORMAZIONE AMBITO NA-20 FORMAZIONE DEL PERSONALE IPOTESI DI PIANO DI FORMAZIONE AMBITO NA-20 REPORT DELLA RILEVAZIONE DEI FABBISOGNI Coesione sociale e prevenzione del disagio Priorità formative giovanile globale 6% Scuola e

Dettagli

Commissione per il monitoraggio e la valutazione del Piano di formazione del personale docente neoassunto D.D.G. USR ER n. 363 del prot.

Commissione per il monitoraggio e la valutazione del Piano di formazione del personale docente neoassunto D.D.G. USR ER n. 363 del prot. 1 2 Bilancio competenze iniziale e finale Colloquio davanti al CdV Patto per lo sviluppo professionale Formazione on line e portfolio professionale Incontri propedeutici e di restituzione Peer to peer

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale Eleonora Marchionni USR Toscana Europa dell Istruzione Direttiva Ministeriale 21

Dettagli

IL COMITATO DI VALUTAZIONE. il DLgs , n. 297, art. 11 così come novellato dalla legge 107/15, ed in particolare il comma 3;

IL COMITATO DI VALUTAZIONE. il DLgs , n. 297, art. 11 così come novellato dalla legge 107/15, ed in particolare il comma 3; MINISTERO dell'istruzione,universita' e RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ELLERA VITERBO Piazza Gustavo VI Adolfo n. 000 Viterbo Tel. 076/34309 vtic834005@istruzione.it

Dettagli

Il Tutor dei docenti neoassunti

Il Tutor dei docenti neoassunti Il Tutor dei docenti neoassunti Aspetti di contesto e...di senso Modena 05/06/2016 Claudio Bergianti Dirigente Tecnico 1 Commissione per il monitoraggio e la valutazione del Piano di formazione del personale

Dettagli

Seconda giornata nazionale per referenti della Formazione Neoassunti 2016/2017 Il percorso di Formazione neoassunti a.s. 2016/2017 Ing.

Seconda giornata nazionale per referenti della Formazione Neoassunti 2016/2017 Il percorso di Formazione neoassunti a.s. 2016/2017 Ing. Seconda giornata nazionale per referenti della Formazione Neoassunti 2016/2017 Il percorso di Formazione neoassunti a.s. 2016/2017 Ing. Davide D Amico Ph.D. Ministero dell Istruzione, dell Università e

Dettagli

L esperienza del primo RAV dell I.C. R. Gasparini di Novi di Modena

L esperienza del primo RAV dell I.C. R. Gasparini di Novi di Modena Avvio del Sistema Nazionale di Valutazione L esperienza del primo RAV dell I.C. R. Gasparini di Novi di Modena Maria Lucia Preti Bolzano, 29 ottobre 2015 Il percorso Predisposizione format RAV Apertura

Dettagli

ELENCO CENTRI MICOLOGICI TOSCANI

ELENCO CENTRI MICOLOGICI TOSCANI ELENCO CENTRI MICOLOGICI TOSCANI - 2017 ZONA INDIRIZZO TELEFONO FAX E-MAIL PERIODO APERTURA ORARI APERTURA AZIENDA USL TOSCANA NORD-OVEST EX ASL 1 MASSA Lunigiana Apuane Monti di Licciana Piazza Pieve,

Dettagli

La residenzialità per anziani in Toscana

La residenzialità per anziani in Toscana La residenzialità per anziani in Toscana Sara Madrigali Regione Toscana Direzione Generale Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Residenzialità Territoriale, Cure Intermedie e Protezione Sociale

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca cod. mecc. RMIS069006 rmis069006@istruzione.it C.F. 97089790584 Sede Centrale: Via D. Parasacchi, 21-062003140-0620686637 fax062003026 Roma, 30 agosto 2017-0622468129 AL COLLEGIO DEI DOCENTI e per conoscenza

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO POLITICHE DI SOLIDARIETA' SOCIALE E INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA SETTORE TUTELA DEI MINORI, CONSUMATORI

Dettagli

IL SERVIZIO SOCIALE NELLE ZONE SOCIOSANITARIE REGIONE TOSCANA

IL SERVIZIO SOCIALE NELLE ZONE SOCIOSANITARIE REGIONE TOSCANA Quaderni per la cittadinanza sociale 2 IL SERVIZIO SOCIALE NELLE ZONE SOCIOSANITARIE DELLA REGIONE TOSCANA FONDAZIONE EMANUELA ZANCAN Onlus - Centro studi e ricerca sociale REGIONE TOSCANA Diritti di cittadinanza

Dettagli

Educazione Continua in Medicina. Informazioni per l operatore

Educazione Continua in Medicina. Informazioni per l operatore Educazione Continua in Medicina Informazioni per l operatore Regione Toscana Direzione generale del Diritto alla salute e politiche di solidarietà Immagini istockphoto Realizzazione e stampa Centro stampa

Dettagli

Criteri di valutazione IIS Francesco la Cava Bovalino (RC)

Criteri di valutazione IIS Francesco la Cava Bovalino (RC) 1 Criteri di valutazione IIS Francesco la Cava Bovalino (RC) La legge 107/2015, art. 1, comma 129, ha statuito di premiare l impegno professionale e la qualità dell insegnamento dei docenti sulla base

Dettagli

L OFFERTA SOCIALE NELLE ZONE SOCIOSANITARIE REGIONE TOSCANA LE MAPPE TERRITORIALI NEL TRIENNIO

L OFFERTA SOCIALE NELLE ZONE SOCIOSANITARIE REGIONE TOSCANA LE MAPPE TERRITORIALI NEL TRIENNIO Quaderni per la cittadinanza sociale 1 L OFFERTA SOCIALE NELLE ZONE SOCIOSANITARIE DELLA REGIONE TOSCANA LE MAPPE TERRITORIALI NEL TRIENNIO 2009-2010-2011 FONDAZIONE EMANUELA ZANCAN Onlus - Centro studi

Dettagli

Reti scolastiche Città metropolitana di Firenze

Reti scolastiche Città metropolitana di Firenze Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Ufficio V Ambito territoriale per la provincia di Firenze Reti scolastiche Città metropolitana di

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO POLITICHE SOCIALI DI TUTELA, LEGALITA', PRATICA SPORTIVA E SICUREZZA URBANA. PROGETTI INTEGRATI STRATEGICI

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore Statale

Istituto di Istruzione Superiore Statale CRITERI PER LA VALORIZZAZIONE DEI DOCENTI (deliberati dal Comitato di Valutazione in data 12 aprile 2016 ai sensi dell art. 1 comma 126 e ssgg). Legge 107/2015) Area ex L.107 Descrittori Precisazioni e/o

Dettagli

PIANO PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI Sintesi del piano presentato dal MIUR in data 04/10/2016

PIANO PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI Sintesi del piano presentato dal MIUR in data 04/10/2016 PIANO PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI 2016-2019 Sintesi del piano presentato dal MIUR in data 04/10/2016 Liceo artistico «Boccioni Palizzi» Napoli proff. Francesca Di Fenza e Irace Linda a.s. 2016-2017 Il

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO e Classico G. Asproni LICEO ARTISTICO R. Branca

LICEO SCIENTIFICO e Classico G. Asproni LICEO ARTISTICO R. Branca LICEO SCIENTIFICO e Classico G. Asproni LICEO ARTISTICO R. Branca PIANO DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DOCENTE Premessa La comunicazione del MIUR n.2915, del 15/09/2016 sulla progettazione delle attività

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali e, per il loro tramite, ai Dirigenti delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado All Ufficio speciale di lingua slovena AI Sovrintendente Scolastico

Dettagli

Rapporto sull individuazione di gruppi omogenei di Zone-Sociosanitarie Toscane per condizioni socio-demografiche e caratteristiche geografiche.

Rapporto sull individuazione di gruppi omogenei di Zone-Sociosanitarie Toscane per condizioni socio-demografiche e caratteristiche geografiche. Rapporto sull individuazione di gruppi omogenei di Zone-Sociosanitarie Toscane per condizioni socio-demografiche e caratteristiche geografiche. Il presente rapporto nasce nell ambito dell attività condotta

Dettagli

PROFESSIONALITA' DOCENTE INDICATORI DESCRITTORI PRESENZA/NON PRESENZA COMPETENZE PROFESSIONALI PERCEPITE ESTERNO SCUOLA INTERNO SCUOLA

PROFESSIONALITA' DOCENTE INDICATORI DESCRITTORI PRESENZA/NON PRESENZA COMPETENZE PROFESSIONALI PERCEPITE ESTERNO SCUOLA INTERNO SCUOLA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.MARCONI Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di primo grado Sedi di Paternò e Ragalna CRITERI PER LA VALORIZZAZIONE DEL MERITO PER L ATTRIBUZIONE DEL BONUS

Dettagli

;

; S.O.F.I.A.: Il Sistema Operativo per la Formazione e le Iniziative di Aggiornamento degli Insegnanti DAVIDE D AMICO Direzione generale per il personale scolastico Dirigente Ufficio VI Formazione personale

Dettagli

13 marzo 2017 Sede Ust- Pesaro

13 marzo 2017 Sede Ust- Pesaro Dirigente Ust: Marcella Tinazzi Dirigente scuola polo formazione ambito 9: Roberto Lisotti Dirigente scuola polo formazione ambito 10: Anna Gennari Staff Regionale Formazione Docenti e Dirigenti: M. Lorena

Dettagli

Via XVIII Aprile, 2/a 44011 ARGENTA (FE) Tel. e Fax 0532/804048

Via XVIII Aprile, 2/a 44011 ARGENTA (FE) Tel. e Fax 0532/804048 Prot. n. 2083/A.19 Argenta, 5 maggio 2016 Oggetto : Individuazione dei Criteri per la valorizzazione del merito del personale docente di ruolo ai fini dell assegnazione del bonus (legge n. 107/15 commi

Dettagli

CURRICULUM VITAE. 0564494097 fax 0564497342. gric83200r@pec.istruzione.it

CURRICULUM VITAE. 0564494097 fax 0564497342. gric83200r@pec.istruzione.it CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Cognome Barbara Rosini Data di Nascita 06/07/1963 Qualifica Dirigente Scolastico Amministrazione MIUR Incarico attuale I.C Grosseto 4 Incarico aggiuntivo Reggenza

Dettagli

ABBADIA SAN SALVATORE

ABBADIA SAN SALVATORE Toscana ABBADIA SAN SALVATORE Ser.T AMIATA SENESE (USL7 Siena) Indirizzo: Via Serdini (ex inam), 46 - S. Giovanni - 53021 - ABBADIA SAN SALVATORE Responsabile: Anna Maria Sbrilli Tel: 0577/776187 Fax:

Dettagli

MIUR.AOODPIT.REGISTRO DECRETI DIPARTIMENTALI IL DIRETTORE GENERALE

MIUR.AOODPIT.REGISTRO DECRETI DIPARTIMENTALI IL DIRETTORE GENERALE MIUR.AOODPIT.REGISTRO DECRETI DIPARTIMENTALI.0001441.22-12-2016 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo

Dettagli

COLLEGIO DEI DOCENTI, CONSIGLIO DI ISTITUTO, COMITATO DI VALUTAZIONE, DIRIGENTE SCOLASTICO, RSU DOPO LA LEGGE 107/15

COLLEGIO DEI DOCENTI, CONSIGLIO DI ISTITUTO, COMITATO DI VALUTAZIONE, DIRIGENTE SCOLASTICO, RSU DOPO LA LEGGE 107/15 COLLEGIO DEI DOCENTI, CONSIGLIO DI ISTITUTO, COMITATO DI VALUTAZIONE, DIRIGENTE SCOLASTICO, RSU DOPO LA LEGGE 107/15 ARGOMENTO AZIONE LEGGE DI RIFERIMENTO ORGANO COMPETENTE Prerogativa didattica Impiego

Dettagli

CRITERI PER LA VALORIZZAZIONE DEL MERITO DEI DOCENTI

CRITERI PER LA VALORIZZAZIONE DEL MERITO DEI DOCENTI Allegato Verb 2 del 5/5/2016 CRITERI PER LA VALORIZZAZIONE DEL MERITO DEI DOCENTI PREREQUISITI - contratto a tempo indeterminato; - assenza di azioni disciplinari con sanzioni erogate nel corso dell a.s.

Dettagli

TITOLO. Read -Eng/Comprehension DESCRIZIONE

TITOLO. Read -Eng/Comprehension DESCRIZIONE LEND - gruppo di FROSINONE indicare il nome di chi ha compilato il modulo: Andrelli Ermelinda TITOLO Read -Eng/Comprehension DESCRIZIONE Il corso di formazione proposto di Read-Eng, che si rivolge ai docenti

Dettagli

1. Parole chiave: reti, finanziamenti, piani, unità formative. 2. I quattro Piani di formazione

1. Parole chiave: reti, finanziamenti, piani, unità formative. 2. I quattro Piani di formazione Dirigente Ust: Marcella Tinazzi Dirigente scuola polo formazione ambito 9: Roberto Lisotti Dirigente scuola polo formazione ambito 10: Anna Gennari Staff Regionale e Ufficio Studi USP: Maria Lorena Farinelli

Dettagli

Corso per la costruzione di unità di competenza sui Cambiamenti climatici e la risorsa acqua

Corso per la costruzione di unità di competenza sui Cambiamenti climatici e la risorsa acqua Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Corso per la costruzione di unità di competenza sui Cambiamenti climatici e la risorsa acqua Il corso previsto dalla DGR 962/2012 con la collaborazione

Dettagli

Autovalutazione di Istituto a.s. 2014/2015

Autovalutazione di Istituto a.s. 2014/2015 VARIE FASI Fase 1-1 anno Autovalutazione di Istituto a.s. 2014/2015 Fase 2-2 anno Miglioramento a.s. 2015/2016 Fase 3-3 anno Rendicontazione sociale a.s. 2016/2017 Fase di valutazione esterna, su un primo

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE ESPERIENZE PROFESSIONALI A.S. 2016/2017

DICHIARAZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE ESPERIENZE PROFESSIONALI A.S. 2016/2017 ALLEGATO A DICHIARAZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE ESPERIENZE PROFESSIONALI A.S. 2016/2017 DOCENTE Cognome e Nome : Docente: Infanzia Primaria Secondaria I grado Con contratto di lavoro a tempo indeterminato

Dettagli

PIANO FORMAZIONE DEL PERSONALE

PIANO FORMAZIONE DEL PERSONALE PIANO FORMAZIONE DEL PERSONALE 2016-2019 Il Collegio dei Docenti riconosce l aggiornamento, sia individuale che collegiale, come un aspetto irrinunciabile e qualificante della funzione docente, funzionale

Dettagli

Gli obiettivi regionali Il Caso del Lazio

Gli obiettivi regionali Il Caso del Lazio Gli obiettivi regionali Il Caso del Lazio La normativa La Direttiva 36/2016 Art. 10 il Direttore dell USR adotta un piano annuale regionale di valutazione che contiene eventuali obiettivi definiti dal

Dettagli

PARTE VII LA VALUTAZIONE DELL EFFICIENZA OPERATIVA (F)

PARTE VII LA VALUTAZIONE DELL EFFICIENZA OPERATIVA (F) PARTE VII LA VALUTAZIONE DELL EFFICIENZA OPERATIVA (F) a cura di Milena Vainieri INTRODUZIONE La difficoltà nel reperire dati di costo e produttività confrontabili a livello di zona fa sì che vi siano

Dettagli

Piano triennale per l attuazione del piano nazionale scuola digitale

Piano triennale per l attuazione del piano nazionale scuola digitale Piano triennale per l attuazione del piano nazionale scuola digitale Animatore digitale d istituto triennio 2016-2019 docente Scafuto Teresa Premessa Il nostro istituto al fine di sviluppare e di migliorare

Dettagli

CRITERI BONUS - Art.1, comma 129, punto 3, lett.a), b) e c).

CRITERI BONUS - Art.1, comma 129, punto 3, lett.a), b) e c). CRITERI BONUS - Art.1, comma 129, punto 3, lett.a), b) e c). Il comitato individua i criteri per la valorizzazione dei docenti sulla base: A) AREA DIDATTICA della qualità dell'insegnamento e del contributo

Dettagli

CURRICULUM VITAE PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

CURRICULUM VITAE PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE CURRICULUM VITAE PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AMBITO: 02 LAZIO - ROMA POSTO O CLASSE DI CONCORSO: SCUOLA PRIMARIA POSTO COMUNE INDIRIZZO EMAIL: giuliana.manzo2@istruzione.it

Dettagli

DESCRITTORI Ai quali attribuire un peso in rapporto alla loro attinenza con RAV, P d M, PTOF

DESCRITTORI Ai quali attribuire un peso in rapporto alla loro attinenza con RAV, P d M, PTOF AREA INDICATORI di COMPETENZA DESCRITTORI Ai quali attribuire un peso in rapporto alla loro attinenza con RAV, P d M, PTOF EVIDENZE E RISCONTRI PESO A A1 Qualità dell insegnamento 1. Innova la propria

Dettagli

Ufficio VIII Ambito Territoriale di Modena Dott.ssa Cristina Monzani Ufficio Studi e Integrazione

Ufficio VIII Ambito Territoriale di Modena Dott.ssa Cristina Monzani Ufficio Studi e Integrazione Formazione neoassunti 2016/17 Ufficio VIII Ambito Territoriale di Modena Dott.ssa Cristina Monzani Ufficio Studi e Integrazione Riferimenti normativi Legge 13 luglio 2015, n. 107 2 Decreto Ministeriale

Dettagli

Gestione del personale della scuola, servizi informatici e comunicazione

Gestione del personale della scuola, servizi informatici e comunicazione PRIMI DATI SULLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE TOSCANE PER L ANNO SCOLASTICO 2016/17 I dati sono relativi alle estrazioni dal sistema informativo, al 22 febbraio 2016, a chiusura delle iscrizioni online alle

Dettagli

CAPITOLO 7 IL PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE DEL PERSONALE

CAPITOLO 7 IL PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE DEL PERSONALE CAPITOLO 7 IL PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE DEL PERSONALE 68 1. LA FORMAZIONE DEL PERSONALE Il 7 gennaio 2016, il MIUR ha emanato la nota n. 35 avente per oggetto Indicazioni e orientamenti per la definizione

Dettagli

Piano per la formazione dei docenti Schede di lettura Le priorità nazionali: i destinatari

Piano per la formazione dei docenti Schede di lettura Le priorità nazionali: i destinatari AUTONOMIA ORGANIZZATIVA E DIDATTICA Referenti di istituto, funzioni strumentali e figure di Progettazione nell ambito dell autonomia, flessibilità organizzativa, leadership educativa, governance territoriale

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.FORTUNATO

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.FORTUNATO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.FORTUNATO Sezioni associate LICEO CLASSICO G. FORTUNATO - PISTICCI ISTITUTO TECNICO - SETTORE TECNOLOGICO - indir. INFORMATICA e TELECOMUNICAZIONI - PISTICCI ISTITUTO

Dettagli

REPORTING FORMAZIONE NEOASSUNTI 2015/2016. USR-ER Ufficio V Ambito Territoriale di Bologna

REPORTING FORMAZIONE NEOASSUNTI 2015/2016. USR-ER Ufficio V Ambito Territoriale di Bologna REPORTING FORMAZIONE NEOASSUNTI 2015/2016 USR-ER Ufficio V Ambito Territoriale di Bologna Formazione docenti neoassunti a.s. 2015/2016 RIFERIMENTI NORMATIVI Decreto Ministeriale n. 850 del 27.10.2015 «Il

Dettagli

Allegato n. 3 STRUTTURA DEL PIANO DI AMBITO

Allegato n. 3 STRUTTURA DEL PIANO DI AMBITO Allegato n. 3 STRUTTURA DEL PIANO DI AMBITO Si propone di pervenire alla compilazione di questo modello dopo aver rilevato i Piani di Scuola redatti ai sensi del format di cui all All. n. 2. In questo

Dettagli