Bankitalia: Palenzona, in primis spetta ad azionisti rimuovere Banchieri ( Asca ) Bagnaia (SI), 14 maggio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bankitalia: Palenzona, in primis spetta ad azionisti rimuovere Banchieri ( Asca ) Bagnaia (SI), 14 maggio"

Transcript

1 Dal sito di YAHOO.Finanza, 14 maggio 2011 Bankitalia: Mussari, se c'è problema giusto potere rimozione Banchieri ( Asca ) Bagnaia (SI), 14 maggio '' Il potere scatta in presenza di determinate condizioni, ci vuol un disequilibrio, una situazione di governance che non consente di agire in maniera ordinata, e se c'è un problema è bene che qualcuno abbia il potere di intervenire ''. Lo ha detto il Presidente dell'abi e di Banca Mps Giuseppe Mussari, a proposito della sollecitazione del Quirinale a recepire le norme comunitarie sui poteri di Vigilanza di Via Nazionale. '' E' una normativa europea, dobbiamo adeguarci, ma l'adeguamento spetta al Parlamento e al Governo. Sarà recepita - ha detto Mussari, parlando a margine del convegno 'Crescere tra le righe' a Bagnaia ( SI ) - nei tempi in cui il Parlamento e il Governo decideranno di recepirla. E' una norma che vale per tutta l'europa e le regole si osservano, non si commentano ''. Bankitalia: Palenzona, in primis spetta ad azionisti rimuovere Banchieri ( Asca ) Bagnaia (SI), 14 maggio Per Fabrizio Palenzona, Vice Presidente di Unicredit, '' è giusto attribuire alla Banca d'italia il potere di rimuovere banchieri oramai inadeguati al loro ruolo, ma prima di tutto penso che spetti agli azionisti per quanto riguarda le Banche quotate ''. Il Vice Presidente di Unicredit che conversava con i giornalisti a margine del convegno ''Crescere tra le righe-osservatorio permanente giovani editori'', ha così commentato le sollecitazioni del Quirinale a recepere le norme comunitarie nei poteri di Vigilanza di Palazzo Koch. '' Il primo compito degli azionisti è quello di rimuovere i manager che non vanno bene. Noi siamo perchè tutte le regole debbano essere rispettate, io penso che la Banca d'italia ce l'avrà questo potere. E' giusto che la Banca d'italia abbia questo potere. Per il bene collettivo ci deve essere, unavigilanza che per la verità Bankitalia ha sempre esercitato molto bene '', ha sottolineato Palenzona. Unicredit: Ghizzoni, quota libica congelata non è un problema ( Asca ) Bagnaia ( SI ), 14 maggio '' Il fatto che sia congelata non rappresenta un problema, vedremo come evolverà, così Federico Ghizzoni, A. D. di Unicredit, a margine del convegno ''Crescere tra le righe - Osservatorio Permanente Giovani Editori'', parlando della quota di Unicredit ( 7,6 % ) in mano al Fondo Sovrano libico e alla Banca Centrale Libica, i cui diritti di voto sono congelati. Intesa Sanpaolo: migliora redditività operativa ( + 8,8 % ) ( Asca ) Roma, 14 maggio Intesa Sanpaolo archivia il primo trimestre dell'anno con redditività operativa in miglioramento mentre il risultato netto si attesta a 661 milioni con una contrazione del 3,9 % sullo stesso periodo dell'anno scorso che beneficiava però di 86 milioni di imposte differite. Intesa Sanpaolo '' anche nel primo trimestre ha continuato a perseguire l'obiettivo prioritario della redditività sostenibile fondata sulle scelte strategiche riguardanti non solo i ricavi e i costi ma anche la liquidità, la solidità e il contenuto profilo di rischio, che hanno caratterizzato Intesa Sanpaolo in tutti gli esercizi dalla fusione ''.

2 Nel complesso interessi netti in linea a quelli del 2010, costi operativi in diminuzione; rettifiche su crediti in riduzione; un risultato corrente al lordo delle imposte in significativa crescita registrando un + 8,8 % a 1,26 miliardi di euro. Intesa Sanpaolo indica che scludendo le componenti non ricorrenti l'utile netto di periodo ammonta a 762 milioni con una crescita del 7,3 % rispetto allo stesso periodo del Sul fronte patrimoniale i crediti alla clientela raggiungono i 376 miliardi con un + 1,8 % mentre risultano in diminuzione per la prima volta d amolti anni i crediti deteriorati che ammontano a 20,8 miliardi dai 21,1 miliardi di fine Le attività finanziarie della clientela al 31 marzo ammontano a 821 miliardi con una lieve flessione dello 0,5 %. Bankitalia: Draghi completa la prima linea della Dirigenza ( Asca ) Roma, maggio Il Governatore della Banca d'italia, Mario Draghi, sentito il Direttorio, ha determinato una serie di incarichi che completano la prima linea della Dirigenza di Palazzo Koch. In particolare, spiega Bankitalia, Salvatore Rossi, dal 2007 Direttore Centrale dell'area Ricerca economica e relazioni internazionali, è nominato Segretario Generale. Egli curerà anche la comunicazione e le relazioni istituzionali; è inoltre nominato Consigliere speciale del Direttorio per i problemi della politica economica. Umberto Proia, dal 2009 Ispettore capo del Servizio Ispettorato Vigilanza, è nominato Direttore centrale dell'area Patrimonio immobiliare e acquisti. Daniele Franco, dal 2007 Capo del Servizio Studi di struttura economica e finanziaria, è nominato Direttore centrale dell'area Ricerca economica e relazioni internazionali. Fabio Panetta, dal 2007 Capo del Servizio Studi di congiuntura e politica monetaria, è nominato Funzionario Generale con l'incarico di coordinare le attività connesse con la partecipazione della Banca all'eurosistema e quelle di analisi e documentazione sulla stabilità finanziaria italiana. Marino Ottavio Perassi, dal 2006 Avvocato capo del Servizio Consulenza Legale, è nominato Avvocato Generale, responsabile dell'area Ricerca giuridica. Vieri Ceriani, dal 2004 Capo del Servizio Rapporti fiscali, è nominato Funzionario Generale con l'incarico di rappresentare l'istituto in ambiti nazionali e internazionali su materie tributarie; egli seguirà inoltre il tema della qualità dei servizi resi dalla Banca d'italia al pubblico. Bankitalia: Carosio, per la crescita non si possono aggirare ostacoli ( Asca ) Roma, maggio Le ricette per una crescita più elevata hanno a che fare con gli '' investimenti in ricerca '', e sono condizionate da '' una dimensione estremamente frantumata delle imprese. I risultati dei cambiamenti non possono essere in tempi brevi, ma non è possibile aggirare l'ostacolo ''. Il Vice Direttore Generale della Banca d'italia Giovanni Carosio indica la via per accelerare la crescita nel corso di una audizione alla Commissione Finanze della Camera. Il vero problema nel nostro Paese non è '' l'ipertrofia del sistema bancario anche in un sistema bancocentrico come il nostro,ha detto, c'è un problema di mutuo condizionamento di crescita della produttività, aumento del reddito e sviluppo del mercato dei capitali.

3 Intesa-Sanpaolo: Passera, quota in Bankitalia è inutile ( Asca ) Torino, maggio Sarebbe meglio vendere la quota del 44,2 % di Intesa Sanpaolo in Banca d'italia anche se si tratta di un Asset non facilmente negoziabile. Lo ha detto l'amministratore Delegato della Banca, Corrado Passera, nel corso dell'assemblea dei soci: '' Sarebbe meglio venderla? Certo - ha replicato Passera a un azionista - A cosa serve detenerla? Niente, anzi ci costa pure ''. Passera ha sottolineato che la partecipazione è posseduta al costo storico. Intesa Sanpaolo: Passera, mai incentivata vendita di derivati ( Asca ) Torino, maggio Intesa Sanpaolo non ha mai incentivato la vendita di singoli prodotti come i derivati. Lo ha detto l'amministratore Delegato Corrado Passera nel corso dell'assemblea di oggi, rispondendo alla domanda di un azionista. Sono poco più di 18mila le persone fisiche e giuridiche che al 31 dicembre 2010 avevano stipulato con Intesa- Sanpaolo contratti in titoli derivati, per un valore medio dei contratti di euro e un valore di mercato complessivo a debito del cliente per 744 milioni di euro ( su un nozionale di 18,7 miliardi ). '' Nei contratti derivati - ha precisato Passera - la Banca non è controparte, noi siamo intermediari e mediamo questo genere di copertura, giusta o sbagliata che si riveli nel tempo ''. Passera ha sottolineato che a fronte di volumi che sono passati dai 7,9 miliardi del 2008 ai 4,3 del 2010 i ricavi per la Banca sono stati pari a 29 milioni e a 22 milioni nel 2010 e comunque sempre inferiori allo 0,3 % dei ricavi complessivi. Per quanto riguarda il contenzioso, Passera ha precisato che relativamente alla Capogruppo sono in corso 76 controversie per un valore complessivo di 14 milioni mentre nei confronti delle Banche del Gruppo ci sono 96 controversie per 46 milioni complessivi. '' Non abbiamo sistemi di incentivi legati a prodotti - ha detto Passera - ma soltanto legati a risultati complessivi delle unità operative '' e ha dichiarato che non sono mai stati fatti tentativi per '' forzarne '' la vendita: '' non ci sono meccanismi che forzino o richiedano una concentrazione e quindi magari il tentativo di vendere prodotti sbagliati ai clienti sbagliati puntando l'incentivo sui singoli prodotti ''. Intesa Sanpaolo: in calo esposizione sulla Grecia ( Asca ) Roma, maggio Intesa Sanpaolo ha ridotto l'esposizione verso i titoli di debito della Grecia. A fine marzo i titoli greci nel portafoglio di Intesa Sanpaolo ammontavano a 1,06 miliardi di euro che a aprile sono scesi a 867 milioni. In totale l'esposizione nei confronti dei Paesi periferici Grecia, Irlanda, Portogallo e Spagna ammonta al 2 % del totale per Intesa Sanpaolo. Intesa: polemica tra Banca ed Ente Crf, ma Fondazione smorza toni ( Asca ) Bagnaia ( SI ), maggio E' polemica tra Ente Cassa di Risparmio e Banca CR Firenze ( Gruppo Intesa Sanpaolo ) anche se il Presidente della Fondazione fiorentina Michele Gremigni smorza i toni. A scatenare le polemiche una lettera inviata dal Presidente della Banca Aureliano Benedetti ai membri del Comitato di indirizzo dell'ente, pubblicata dal ' Corriere fiorentino '. Benedetti risponde alle critiche che sarebbero venute da componenti dell'ente per una scarsa informazione sull'aumento di capitale di Intesa Sanpaolo, di cui l'ente è socio con il 3,378 %. '' Non essendo stato convocato non ho insistito a chiedere audizioni per non essere poi tacciato di protagonismo '', afferma tra l'altro il numero uno della Cassa di Risparmio fiorentina a chi avrebbe chiesto una sua presenza per spiegare l'aumento di capitale.

4 '' E' una tempesta in un bicchier d'acqua - ha detto però oggi Gremigni, parlando con i giornalisti a margine del convegno ' Crescere tra le righe ' a Bagnaia ( SI ) - non so perchè è stata pubblicata ma è un falso problema. Il dossier dell'aumento di capitale era chiarissimo, ha seguito un iter, è stato esaminato dal Consiglio, dall Assemblea e quando è arrivato al Comitato di Indirizzo era corredato di un rapporto con cui venivano forniti tutti gli elementi di giudizio per poter prendere consapevolmente le decisioni ''. Tra l'altro la decisione è stata presa '' all'unanimità '', ha concluso Benedetti, precisando che '' le informazioni sono state chieste e sono state date ''. Intesa Sanpaolo: Passera, non siamo interessati alle Popolari (Asca) Roma, maggio Intesa Sanpaolo non è interessata a operazione nel settore delle Banche Popolari. E' quanto ha affermato il CEO del Gruppo Corrado Passera rispondendo alle domande degli analisti. '' Non siamo interessati al mercato delle Popolari '' ha detto Passera aggiungendo che per alcuni Istituti '' mi sembra ci sia necessità di forti interventi ''. Passera ha poi indicato che '' non mi aspetto particolari cambiamenti del quadro regolatorio nel settore delle Popolari ''. Intesa Sanpaolo: Guzzetti, su aumento capitale abbiamo avuto occhio lungo ( Asca ) Bagnaia (SI), maggio '' Bisogna avere l'occhio sempre molto lontano e lavorare sulla lunga distanza: tutti prevedevano che il nostro aumento di capitale avrebbe penalizzato il titolo, invece no ''. Così Giuseppe Guzzetti, Presidente della Fondazione Cariplo, azionista di Intesa Sanpaolo, a margine del convegno 'Crescere tra le righe' a Bagnaia ( SI ). '' E questo è un bel segno. Siamo stati i primi a farlo '', ha detto ancora, rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano un commento sulla decisione di Intesa Sanpaolo di procedere all'aumento mentre Unicredit ha rafforzato il capitale senza ricorrere alla ricapitalizzazione. Del resto, ha concluso Guzzetti, '' se il 58 % dell'assemblea, compresi i grandi Fondi americani, ha votato per l'aumento di capitale vorrà dire qualcosa ''. Intesa Sanpaolo: bonus a Top Manager per un terzo posticipati al 2013 ( Asca ) Torino, maggio Ammonta a 485 milioni di euro il monte premi destinato da Intesa Sanpaolo nel bilancio 2010 ai circa 650 top manager del Gruppo per premiare gli obiettivi di medio lungo termine. La corresponsione del premio sarà però differita per una quota di un terzo circa al Lo ha comunicato questa mattina in Assemblea l'amministratore Delegato Corrado Passera. Complessivamente Passera ha guadagnato nel 2010, 1,5 milioni come stipendio, 1,5 milioni di premio ( di cui 500mila appunto posticipati al 2013 ) e 500mila come compenso per il suo ruolo nel Consiglio di Gestione di Amministratore Delegato e di Consigliere. I due Direttori Generali, Marco Morelli e Gaetano Miccichè, hanno percepito 1,2 milioni di retribuzione e 1 milione di premio ( di cui 360mila ne 2013 ). A livello complessivo, ha sottolineato Passera, la componente variabile delle retribuzioni accumulata a bilancio ( di cui un terzo di derivazione contrattuale ), è pari a circa il 9 % del costo del lavoro, al 3 % dei proventi operativi e a meno dell'1 % del patrimonio netto. Banche: Mussari ( ABI ), su limiti finanza cattiva riflessione necessaria ( Asca ) Torino, maggio

5 Sulla separazione dalla finanza '' buona '' della finanza cosiddetta '' cattiva '', la speculazione, in particolare sui Credit Default Swap, titoli a copertura del rischio, ma utilizzati soprattutto come scommessa finanziaria che rischia di mettere in ginocchio interi Paesi, è in corso una riflessione in ambito creditizio. '' Rifletteremo anche con maggiore profondità. C'è un tema di disciplina, ma ora non ho una risposta ''. Lo ha dichiarato oggi Giuseppe Mussari, Presidente dell'abi a margine della presentazione del libro di Alessandro Azzi, Presidente di Federcasse '' La democrazia in banca '', al Salone del Libro. Nel corso del dibattito, rispondendo a una domanda del moderatore Massimo Muchetti, Azzi aveva sostenuto che su questo tema '' bisogna dare una risposta assieme all'abi, siamo consapevoli del percorso da fare e di cosa si aspetta la comunità ''. Banche: Azzi, troppe norme intollerabili, non solo per piccoli Istituti ( Asca ) Torino, maggio '' Sono caduti sulle banche italiane 440 provvedimenti in quattro - cinque anni, e questo sulle Banche di piccole dimensioni sta diventando un problema intollerabile ''. Lo ha sottolineato Alesandro Azzi, Presidente di Federcasse, presentando il suo libro '' La democrazia in banca '', al Salone del libro di Torino, assieme al giornalista Massimo Mucchetti, al Presidente dell'abi Giuseppe Mussari, e all'ex Presidente Bpm, Roberto Mazzotta. Azzi ha citato il recente intervento del Presidente della Consob Giuseppe Vegas sottolineando che la sovraregolamentazione è comunque un problema per tutti, non soltanto per quelle di Credito Aooperativo: '' La produzione legislativa - ha ricordato Azzi - si è ormai attestata sulle 15mila pagine annue. La normazione primaria e secondaria sui mercati finanziari sfiora le 700 pagine. L'azione di regolazione e di enforcement deve invece guardare alla sostanza dei fenomeni. Ma soprattutto tale azione deve sottrarsi alla tentazione di inseguire la ' regola perfetta ' o le pressioni verso una over - regulation che inevitabilmente emergono dopo le grandi crisi finanziarie ''. Sequestro preventivo effettuato nei confronti di Bnl ( Trend.online ), maggio La Guardia di Finanza di Messina ha effettuato un sequestro preventivo equivalente per oltre 17 milioni di euro nei confronti della Bnl ( Gruppo Bnp Paribas ), ed è stato effettuato per una presunta truffa ai Comuni di Messina e Taormina con strumenti di finanza derivata Stando a quanto ricostruisce l'agenzia Agenparl, " l'operazione, che prende il nome di 'Over the counter', è stata condotta dal G.I.C.O. di Messina, ed è diretta dalla Direzione Distrettuale Antimafia. L ipotesi investigativa è quella della truffa aggravata già contestata lo scorso anno a diversi funzionari della BNL nel periodo 2002 / 2007, che coinvolge anche l Istituto bancario ai sensi del Decreto Legislativo 231/2001 ( sulla responsabilità amministrativa delle società e degli Enti ). La somma congelata in questa fase dal GIP, in attesa della conclusione del procedimento, quale presunto illecito profitto per la BNL in danno delle due Amministrazioni Locali siciliane, è rappresentata da quei costi occultati ai Comuni per un importo complessivo di euro ,39. Il quadro probatorio sviluppato dalla Procura e dai finanzieri attraverso la disamina della corposa documentazione acquisita presso la BNL e gli Enti locali e l escussione a sommarie informazioni di soggetti a vario titolo coinvolti nelle indagini, supportate dalla consulenza tecnica fornita da una società specializzata nel settore, lascia emergere il forte squilibrio informativo esistente tra le parti protagoniste della sottoscrizione dei contratti. Infatti, all elevato tecnicismo della materia ( patrimonio dei soli funzionari della BNL ), si contrappone la conoscenza pressocché nulla della stessa da parte degli Amministratori Comunali,

6 non supportata da informazioni adeguate sui prodotti finanziari proposti dall Istituto di credito per il tramite dei propri funzionari; ed ecco quindi, in questo senso, il raggiro con qualificati artifizi. Venivano quindi meno i presupposti previsti dal D. M. 389 del 2003, laddove l utilizzo di strumenti derivati, introdotti per gli Enti Locali dalla legge 448 del 2001, dovevano essere improntati alla riduzione del costo finale dei debiti accesi a tasso fisso ed alla riduzione dell esposizione ai rischi del mercato ". Mps: Vigni, siamo impegnati per dare soddisfazione agli azionisti ( Asca ) Siena, maggio '' Sulla redditività a fine anno stiamo lavorando per dare soddisfazione agli azionisti '', così Antonio Vigni, D. G. di Monte Paschi Siena, rispondendo, nel corso della conference call con gli analisti, a una domanda sulle prospettive relative al dividendo per l'esercizio Mps: Vigni, contiamo di chiudere aumento capitale quanto prima ( Asca ) Siena, maggio '' Abbiamo l'assemblea per l'approvazione dell'aumento di capitale ( fino a 2,47 miliardi di euro, ndr ) il 6 di giugno, poi c'e' l'iter autorizzativo. Contiamo dunque di chiudere l'operazione quanto prima '', così Antonio Vigni, D. G. di Monte Paschi Siena, sulla tempistica dell'aumento di capitale del Monte. Mps: utile netto del primo trimestre a 140,3 mln, Tier 1 al 9,1 % ( Trend.online ) siena, maggio Banca Monte dei Paschi di Siena nei primi 3 mesi dell anno ha registrato un utile netto di 140,3 Mln di euro, dai 72,2 milioni nel primo trimestre 2010 ( senza considerare elementi non ricorrenti ). Il consenso degli analisti era per un utile di 131,9 Mln di euro. + 6,4 % annuo per i ricavi che si portano a 1.482,6 milioni mentre il risultato operativo netto con un + 45,8 % anno su anno si attesta a 348,7 milioni, + 1,1 % a/a per gli oneri operativi a 855 milioni, che però scendono del 7,2 % rispetto al trimestre precedente. Il patrimonio netto si è attestato a 17,5 miliardi, in crescita di 341 milioni di euro rispetto a fine 2010, 9,1 % per il Tier 1 ( 9,5 % considerando gli effetti della valorizzazione del patrimonio immobiliare ), dall 8,4 % del dicembre 2010 ( 7,5 % a dicembre 2009 ). Mps: Mancini, riduzione emolumenti e premi per Fondazione e Banca ( Asca ) Siena, maggio La Fondazione Mps varerà una '' significativa riduzione degli emolumenti '' e dei premi e chiederà alla Banca conferitaria di fare lo stesso. Lo annuncia il Presidente della Fondazione senese Gabriello Mancini, dopo che nei giorni scorsi ha Deputazione Amministratrice ha '' valutato positivamente '' l'aumento di capitale lanciato da Rocca Salimbeni. La Fondazione, assicura Mancini, farà '' la propria parte per sostenere la Banca, per garantirne la non scalabilità e continuare ad assicurare il suo legame con il territorio di riferimento ''. Questo però comporterà due cose. In primo luogo '' la Banca dovrà fortemente impegnarsi per tornare a crescere incrementando decisamente i ricavi, acquisendo nuovi clienti e mercati, abbattendo ulteriormente i costi, e remunerare adeguatamente gli azionisti. Nel nuovo Piano Industriale sono stati individuati obiettivi precisi e ritenuti realistici: devono essere raggiunti ''.

7 La Fondazione, invece, '' Non verrà meno al proprio compito di valorizzare questo territorio, ma dovrà aggiornare i propri programmi. Rivedere le priorità in un nuovo contesto caratterizzato da minori risorse disponibili. Si impone quindi una saggia politica di rigore nell'erogazione delle risorse e nella gestione della Fondazione e della Banca. Dovendo chiedere sacrifici agli altri abbiamo il preciso dovere di dare l'esempio noi stessi per primi. Proporrò pertanto alla Deputazione Generale - conclude Mancini - di deliberare una significativa riduzione degli emolumenti per gli Amministratori e dei Premi di rendimento per i Dirigenti della Fondazione e analogo comportamento chiederò anche alla Banca conferitaria per l'intero Gruppo Mps ''. Banco Popolare, utile netto primo trimestre - 22,1 % a 60 Milioni ( Borsainside ), maggio Banco Popolare ha annunciato oggi che nel primo trimestre del 2011 il suo utile netto è calato del 22,1 % a 60 milioni. Banco Popolare indica che il contributo di Banca Italease è risultato negativo per 20,8 milioni. Il margine di interesse è calato del 6,6 % a 445,7 milioni. Le commissioni nette sono cresciute del 5,3 % a 334,1. La crescita deriva principalmente dall attività di intermediazione creditizia e dalle commissioni derivanti dall attivitàdi collocamento di prodotti finanziari. I proventi operativi totali sono calati del 5,6 % a 864,3 milioni. Escludendo l'impatto derivante dalla fair value option i proventi operativi sono cresciuti del 9,3 % rispetto al primo trimestre del Per quanto riguarda i ratio patrimoniali il Core Tier 1 è salito dal 5,7 % al 6,5 % e il Tier 1 Capital ratio dal 7,2 % al 7,9 %. Banco Popolare indica che tali dati tengono conto sia dell operazione di aumento del capitale che del rimborso integrale dei Tremonti / bonds. Banco Popolare: approvato il Progetto di riarticolazione delle filiali del Gruppo ( Finanza.com ), maggio Il Consiglio di Gestione e il Consiglio di Sorveglianza del Banco Popolare hanno approvato il Progetto di riarticolazione delle reti commerciali dellebbanche del territorio e i Progetti di fusione per incorporazione di Banca Popolare di Cremona e di Banca Popolare di Crema in Banca Popolare di Lodi. Come ha precisato la società in una nota il Progetto di riarticolazione territoriale prevede il trasferimento tra le Banche del territorio del Gruppo di 161 filiali. Le filiali verranno riallocate, a seconda dei casi, attraverso una sequenza articolata di cessioni, conferimenti e scissioni di ramo d azienda ( quest ultime attuate in forma semplificata ) tra le Banche del Gruppo. A compimento del Progetto di riarticolazione, la struttura del Gruppo sarà basata su cinque Banche del territorio e Banca Aletti, mentre gli assetti azionari delle Banche del territorio, tenuto conto delle fusioni per incorporazione delle Banche Popolari di Cremona e Crema, risulteranno in linea con quelli attuali. Banca Etruria: utile del primo trimestre sale a 2,3 Mln di euro ( Finanza.com ), maggio Banca Etruria ha chiuso il primo trimestre 2011 con un utile di periodo di 2,3 milioni, in crescita di 1 milione di euro rispetto ai primi 3 mesi Nel primo trimestre il margine di interesse con un rialzo del 5 % è salito a 55,5 Mln mentre le commissioni nette si attestano a 25,2 Mln di euro ( - 3,2 Mln rispetto al 1 /Q 2010 ).

8 Il margine d intermediazione con un + 1,6 % annuo si è attestato a 90,2 milioni. Dal punto di vista patrimoniale nei primi tre mesi i crediti verso la clientela sono saliti a 8,05 Mld di euro ( + 0,5 % ), la raccolta diretta si portata a 7,8 Mld ( - 2,1 % ) e la raccolta indiretta ha totalizzato 3,9 Mld ( + 0,5 % ). Parmalat - Lactalis, indagate Intesa SP e Soc. Gen. Italia ( Reuters ) Milano, di Emilio Parodi La Procura di Milano ha iscritto sul registro degli indagati Intesa Sanpaolo e la sede italiana di Société Generale nell'ambito dell'inchiesta per aggiotaggio e insider trading sull'andamento del titolo Parmalat prima che i francesi di Lactalis salissero al 29 % di Collecchio, per poi lanciare l'opa a fine aprile. Lo ha riferito una qualificata fonte investigativa, dopo che ieri il Nucleo Valutario della Guardia di Finanza di Milano ha avviato una serie di perquisizioni negli uffici milanesi di Credit Agricole, Société Generale, Intesa Sanpaolo, Lazard e delle società di comunicazione Image Building e Brunswick, nell'ambito dell'inchiesta che vede indagate quattro persone. L'iscrizione di Intesa SP e Soc. Gen., ha detto la fonte, è stata disposta in base alla legge 231 sulla responsabilità amministrativa delle persone giuridiche in relazione all'ipotesi di condotte illecite di propri dirigenti. Lactalis aveva stipulato contratti di equity swap con Société Generale e Credit Agricole come controparti aventi a oggetto azioni Parmalat. Intesa Sanpaolo si era fatta promotrice di una cordata italiana che avrebbe dovuto opporsi a Lactalis. Image Building segue la comunicazione di Lactalis in Italia, mentre Brunswick Italia ha seguito i tre Fondi che cedettero le loro quote ai francesi. Per quel che riguarda la Banca italiana, la sua iscrizione è relativa all'ipotesi di reato di insider trading contestata a Fabio Canè, responsabile dei progetti speciali e del private equity della Divisione Corporate ed Investment Banking dell'istituto, che guidò le trattative con i tre Fondi per rilevare le loro quote per conto della cordata italiana. Per Société Generale il legame è con l'indagine per aggiotaggio nei riguardi di Patrizia Micucci, moglie di Canè e capo dell'investment Banking in Italia di Soc. Gen., advisor di Lactalis, rivale della cordata italiana. La legge 231 impone che ci sia una modello organizzativo e di compliance tale da evitare ragionevolmente i rischi di comportamenti illeciti dei proprio dirigenti. NO COMMENT SOCGEN, INTESA DIFENDE MANAGER. RIPARTONO PERQUISIZIONI Société Generale non ha voluto commentare, ma sottolinea che " la Banca collabora pienamente con le Autorità ". Oggi non è stato possibile al momento ottenere un commento da Intesa Sanpaolo, che ieri in una nota aveva dichiarato di non avere " mai avuto evidenze di elementi in base ai quali ritenere l'operato del dottor Fabio Cané lesivo degli interessi della Banca ". Una seconda fonte ha riferito che oggi riprendono, e presumibilmente andranno avanti per tutta la giornata, le attività di acquisizione di atti e documentazione da parte delle Fiamme Gialle, dopo che le perquisizioni nelle sedi delle società coinvolte erano state interrotte ieri sera. Nel Decreto di perquisizione notificato ieri e letto da Reuters, la Procura sostiene che Cané " in possesso di informazioni privilegiate relativamente al prezzo che avrebbe offerto Intesa Sanpaolo per l'acquisto del 15,3 % del capitale di Parmalat dai Fondi, le comunicava, al di fuori del normale esercizio delle sue funzioni, a Patrizia Micucci ", consentendo " al Gruppo Lactalis di offrire un prezzo di poco superiore a quello di Intesa Sanpaolo, sufficiente a permettere ai francesi di comprare il 15,3 % di Parmalat dai tre Fondi esteri ". SI INDAGA SU COMPLIANCE AZIENDALE E CONFLITTO INTERESSI Fonti giudiziarie e investigative riferiscono che, in base alle testimonianze e agli atti raccolti durante l'indagine, è emerso che Intesa SP aveva trattato con i tre Fondi Zenit Asset Management, Skagen e Mackenzie Financial Operation, fino al 21 marzo, offrendo un prezzo " sensibilmente superiore ai valori di mercato del titolo Parmalat ".

9 Nella tarda sera dello stesso giorno, 21 marzo, però, i tre Fondi chiusero invece la trattativa con Lactalis " a un prezzo lievemente superiore a quello offerto da Intesa Sanpaolo ", per poi annunciare il 22 marzo l'accordo con cui i francesi salivano al 29 % di Parmalat. Il punto su cui ora si sta concentrando - per quel che riguarda Intesa Sanpaolo - l'inchiesta condotta dal Pm Eugenio Fusco, dicono le fonti, è trovare una risposta alla domanda: affidare la conduzione di una trattativa di primo piano a un dirigente la cui moglie ha lo stesso incarico per conto della concorrenza, come si coniuga con la compliance aziendale bancaria, con le misure per prevenire l'insorgere di conflitti di interessi e soprattutto con la legge 231 che impone modelli organizzativi atti a prevenire comportamenti illeciti dei propri dipendenti. Un altro fronte che gli inquirenti intendono esplorare nel prosieguo di questa fase iniziale dell'inchiesta, dicono le fonti, è verificare se quella italiana fosse una vera cordata, con solide basi per una reale scalata alternativa a Lactalis. Oltre a Cané e Micucci e alle due persone giuridiche Intesa Sanpaolo e Societe Generale Italia, sono indagati al momento anche Carlo Salvatori, Presidente di Lazard Italia ( aggiotaggio ) e Massimo Rossi, che era stato designato A. D. ad interim nella lista dei tre Fondi esteri per il CdA di Parmalat ( aggiotaggio ). L'inchiesta venne avviata dalla Procura di Milano dopo la presentazione di un esposto da parte dell'a. D. di Parmalat, Enrico Bondi. Unicredit: rafforza Divisione Investment Banking ( Asca ) Roma, maggio UniCredit annuncia alcune modifiche alla prima linea di management del Corporate & Investment Banking, finalizzate a rafforzare ulteriormente la qualità del servizio offerto ai suoi clienti. Olivier Khayat entra in UniCredit con la qualifica di Vice Responsabile della Divisione Corporate & Investment Banking ( CIB ). Khayat assume anche la co-responsabilità - in condivisione con Vittorio Ogliengo - della linea di prodotto Financing & Advisory ( F&A ). La nomina di Khayat ha effetto immediato. Olivier Khayat è basato a Milano ed entra a far parte del Comitato Esecutivo di UniCredit. Vittorio Ogliengo aggiunge alla co-responsabilità sul Financing and Advisory anche la guida delle attività di Investment Banking in Italia. Alessandro Cataldo è, invece, nominato responsabile per la Rete Corporate italiana. Questa nuova struttura manageriale del CIB Italiano si propone di rispecchiare le caratteristiche del tessuto produttivo del Paese, e di migliorare ulteriormente la qualità dell'offerta ai clienti italiani, con la supervisione di Gabriele Piccini, il Country Chairman di UniCredit per l'italia. Il nuovo ruolo di Piergiorgio Peluso, fino a questo momento responsabile della Divisione di Corporate & Investment Banking in Italia, verrà annunciato a breve. Alessandro Cataldo e Olivier Khayat entrano a far parte del Comitato Esecutivo di CIB. TJ Lim assume l'intera responsabilità sulla linea di prodotto Markets mentre il nuovo ruolo di Mike Hammond, fino a questo momento co - responsabile di Markets, verrà annunciato a breve. A commento di questi sviluppi, Jean Pierre Mustier ha affermato: '' Con questi cambiamenti puntiamo a rafforzare ulteriormente la struttura di vertice di UniCredit Corporate & Investment Banking. Vogliamo focalizzare ulteriormente la nostra strategia sulla capacità di offrire in maniera integrata l'intera gamma di prodotti finanziari e di capitalizzazione alla nostra clientela. Sono, dunque, davvero lieto di dare il benvenuto nel nostro team a Olivier Khayat. Con Olivier, ci arricchiamo di un manager di altissimo profilo e di grande esperienza, maturata nell'investment Banking a livello internazionale ''. Bankitalia: Banca Mb in liquidazione coatta amministrativa ( Asca ) Roma, maggio

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI In un contesto ancora debole, il esprime una redditività in crescita continuando

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a)

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a) GRUPPO CARIPARMA CRÉDIT AGRICOLE: UTILE NETTO 2014 A 182 MILIONI (+21% A/A) TRAINATO DALLA GESTIONE OPERATIVA (+14% A/A); POSIZIONE PATRIMONIALE SOLIDA E LIVELLI PIÙ CHE ADEGUATI DI LIQUIDITÀ Il ha conseguito

Dettagli

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole continua a generare redditività malgrado

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli

Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015

Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015 Comunicato Stampa Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015 Utile netto consolidato a 7,6 milioni di Euro (+52,3% a/a) Ricavi consolidati a 44,8 milioni di Euro (+2,1% a/a) Risultato della gestione

Dettagli

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. approva il Bilancio consolidato ed il Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2012: Raccolta complessiva

Dettagli

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO COMUNICATO STAMPA Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO In forte accelerazione i flussi commerciali, 56.000 nuovi clienti nei primi quattro mesi

Dettagli

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Comunicato stampa GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA: I RISULTATI DI BILANCIO 2008 CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Dati economici consolidati riclassificati Proventi Operativi Netti

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 - Risultato economico netto consolidato dei primi sei mesi 2013 pari a -232 milioni di euro (perdita per l esercizio

Dettagli

Informazioni per gli Azionisti

Informazioni per gli Azionisti Informazioni per gli Azionisti RELATIVE ALL OPERAZIONE DI PAGAMENTO DEL DIVIDENDO PER L ESERCIZIO 2013 SU AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA DI EURO 0, 40 IN CONTANTI OPPURE A SCELTA DELL AZIONISTA

Dettagli

Primi nove mesi 2014 positivi per il Gruppo Cattolica L UTILE CONSOLIDATO CRESCE DEL 27,7% A 83 MILIONI

Primi nove mesi 2014 positivi per il Gruppo Cattolica L UTILE CONSOLIDATO CRESCE DEL 27,7% A 83 MILIONI Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: LA COMPARAZIONE

Dettagli

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS Comunicato stampa Mestre, 29 aprile 2010 Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS UTILI IN FORTE CRESCITA: +107,8% SUL 4 TRIMESTRE 2009, +13,9% SUL 1 TRIMESTRE

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Allegato "14" Piero Luigi Montani Consigliere Delegato Contesto economico 2011 Scenario macroeconomico Economia mondiale 2011: crescita debole del PIL ed elevata instabilità finanziaria a causa delle tensioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve COMUNICATO STAMPA Margini in forte crescita e indici di solidità patrimoniale a livelli di assoluta eccellenza: il Gruppo Banca IFIS conferma la validità del modello di business anche in mercati instabili

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: A SEGUITO DELL AVVENUTO CONFERIMENTO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2007 DATI DI BILANCIO

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

Altre deliberazioni Assemblea. 16-19 aprile 2010

Altre deliberazioni Assemblea. 16-19 aprile 2010 Altre deliberazioni Assemblea 16-19 aprile 2010 Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie come già detto in altra parte della relazione, l Assemblea ordinaria del 17 aprile 2009

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

POSTE ITALIANE: NEI 9 MESI UTILE NETTO QUASI RADDOPPIATO A 622 MLN

POSTE ITALIANE: NEI 9 MESI UTILE NETTO QUASI RADDOPPIATO A 622 MLN POSTE ITALIANE: NEI 9 MESI UTILE NETTO QUASI RADDOPPIATO A 622 MLN Radiocor - Il cda di Poste Italiane ha chiuso i nove mesi con un utile pari a 622 milioni di euro, quasi raddoppiato rispetto ai 333 milioni

Dettagli

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012 Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività 2012 Gruppo Unipol perimetro ante acquisizione Premafin Durante il 2012 le politiche di investimento hanno perseguito, in un

Dettagli

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA Ricavi totali: 23,9 miliardi, +6,0% ( 22,6 miliardi al 30.09.2014) Risultato

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

Relazione sulla gestione

Relazione sulla gestione PIANORO CENTRO SPA SOCIETA' DI TRASFORMAZIONE URBANA Sede legale: PIAZZA DEI MARTIRI 1 PIANORO (BO) Iscritta al Registro Imprese di BOLOGNA C.F. e numero iscrizione: 02459911208 Iscritta al R.E.A. di BOLOGNA

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE 2015-2017.

PIANO INDUSTRIALE 2015-2017. PIANO INDUSTRIALE 2015-2017. LINEE GUIDA DEL PIANO 1. Incremento dei ricavi attraverso una maggiore spinta sui mercati e una migliore gestione del portafoglio clienti con focus sui proventi commissionali

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2014 NOTA:

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. L utile netto si posiziona a 42,7 milioni, mentre l utile netto normalizzato 2 si attesta a

Dettagli

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Comunicato Stampa Investimenti e Sviluppo Mediterraneo S.p.A.: Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Trimestre: gennaio 2008 marzo 2008 Margine di interesse pari a euro 327.660 Margine di intermediazione

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

La fusione per incorporazione del Credito Bergamasco

La fusione per incorporazione del Credito Bergamasco Il Banco Popolare semplifica e razionalizza ulteriormente la struttura societaria del Gruppo: approvato il progetto di fusione per incorporazione del Credito Bergamasco e di Banca Italease Verona, 26 novembre

Dettagli

In merito ai punti all ordine del giorno della parte Ordinaria, l Assemblea ha deliberato:

In merito ai punti all ordine del giorno della parte Ordinaria, l Assemblea ha deliberato: ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA VENETO BANCA I Soci hanno approvato il bilancio al 31 dicembre 2014 e nominato quattro Consiglieri di Amministrazione. Si è svolta oggi a Villa Spineda, a Venegazzù

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 d.lgs. 58/1998 OFFERTA PUBBLICA DI SCAMBIO SU AZIONI ORDINARIE KME GROUP S.P.A. E INTEK S.P.A.

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 d.lgs. 58/1998 OFFERTA PUBBLICA DI SCAMBIO SU AZIONI ORDINARIE KME GROUP S.P.A. E INTEK S.P.A. COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 d.lgs. 58/1998 OFFERTA PUBBLICA DI SCAMBIO SU AZIONI ORDINARIE KME GROUP S.P.A. E INTEK S.P.A. In data odierna i Consigli di Amministrazione di KME

Dettagli

ACCORDI DI CO-VENDITA AVENTI AD OGGETTO AZIONI E OBBLIGAZIONI CONVERTENDE PRELIOS S.P.A.

ACCORDI DI CO-VENDITA AVENTI AD OGGETTO AZIONI E OBBLIGAZIONI CONVERTENDE PRELIOS S.P.A. ACCORDI DI CO-VENDITA AVENTI AD OGGETTO AZIONI E OBBLIGAZIONI CONVERTENDE PRELIOS S.P.A. Estratti ai sensi dell art. 122 del Decreto Legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 ( TUF ) e dell art. 130 del Regolamento

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa La situazione dell accesso al credito per le piccole e medie imprese che costituiscono

Dettagli

Audizione Confindustria. Disegno di legge n. 1051

Audizione Confindustria. Disegno di legge n. 1051 Audizione Confindustria Disegno di legge n. 1051 Delega al Governo su Informazione e Consultazione lavoratori e definizione misure su Democrazia economica XI Commissione Lavoro Senato della Repubblica

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 Risultati annuali APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 - Confermati i risultati preliminari consolidati già approvati lo scorso 11 febbraio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato,

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato, DALLE TARIFFE ALLA CRESCITA UN ASSICURATORE GLOBALE CHE COPRE I BISOGNI DEL CLIENTE ANCHE IN AMBITI COME LA SALUTE, L ABITAZIONE, LA SICUREZZA PATRIMONIALE. TRA RIGORE TECNICO, RICHIESTA DI FLESSIBILITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013)

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2014 GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) Il risultato è influenzato dagli oneri

Dettagli

Estense Grande Distribuzione

Estense Grande Distribuzione BNP Paribas REIM SGR p.a. approva le semestrali 2013, delibera il periodo di grazia e la riduzione della commissione di gestione dei Fondi Estense Grande Distribuzione e BNL Portfolio Immobiliare Estense

Dettagli

ROAD SHOW 2008 Company Results

ROAD SHOW 2008 Company Results ROAD SHOW 2008 Company Results Milano, 24 marzo 2009 1 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator 2 Agenda Company Highlights 31 Dicembre 2008 Linee Guida Piano Industriale

Dettagli

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento Alberto Balestreri 1. Il tema dovrebbe essere declinato sia in funzione dei settori di attività delle PMI che, più in generale, in funzione di

Dettagli

TITOLO. Consiglio di amministrazione del 6 novembre 2013: approvazione del resoconto intermedio di gestione consolidato al 30 settembre 2013.

TITOLO. Consiglio di amministrazione del 6 novembre 2013: approvazione del resoconto intermedio di gestione consolidato al 30 settembre 2013. Società cooperativa per azioni - fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio So - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 Approvata la proposta di autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie Margine di intermediazione consolidato

Dettagli

AREA TEMATICA RETRIBUZIONE

AREA TEMATICA RETRIBUZIONE AREA TEMATICA RETRIBUZIONE L'area tratta delle problematiche legate alla retribuzione: la retribuzione caratteristiche della retribuzione struttura e sistemi di retribuzione voci della retribuzione adempimento

Dettagli

BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013

BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 Utile lordo di Euro 35,6 mln e utile netto di 18,8 mln

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2008:

IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2008: CAMFIN s.p.a. COMUNICATO STAMPA IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2008: RISULTATO NETTO CONSOLIDATO: -42 MLN DI EURO (+9,1 MLN DI EURO NEL PRIMO SEMESTRE 2007). IL DATO RISENTE DEL

Dettagli

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012 COMUNICATO STAMPA GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012 UTILE NETTO: Euro 217,5 milioni, +125% MASSE AMMINISTRATE: Euro 49,1 miliardi, +5% RACCOLTA NETTA BANCA MEDIOLANUM: Euro 1.760 milioni CARLO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2017 DEL GRUPPO BPER

COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2017 DEL GRUPPO BPER COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2017 DEL GRUPPO BPER BECOMING BPER 5 S : Solidità - Semplicità Specializzazione Selettività Stakeholders Linee Guida del Piano 1. Rafforzamento

Dettagli

L ordine del giorno, pubblicato nei termini e modi di legge, in data 6 luglio 2015, è il seguente:

L ordine del giorno, pubblicato nei termini e modi di legge, in data 6 luglio 2015, è il seguente: SINTESI SOCIETA DI INVESTIMENTI E PARTECIPAZIONI S.p.A. Sede in Milano, Via Carlo Porta n. 1 Capitale sociale sottoscritto e versato Euro 721.060,67 Registro delle Imprese di Milano n. 00849720156 Sito

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE APPENDICE B - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLE OBBLIGAZIONI ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA

Dettagli

sette componenti almeno tre composizione qualitativa BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A.

sette componenti almeno tre composizione qualitativa BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. PUNTO 2. ALL ORDINE DEL GIORNO (parte ordinaria): Elezione dei Consiglieri di Amministrazione, previa determinazione del loro numero, tra cui il Presidente e il Vice Presidente, che resteranno in carica

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Variabile e Obbligazioni a Tasso Variabile Callable.

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Variabile e Obbligazioni a Tasso Variabile Callable. CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Variabile e Obbligazioni a Tasso Variabile Callable. Banca

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell articolo 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera 17221 del 12 marzo 2010, e successive

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA AGRICOLA POPOLARE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

proposta di delibera delibera

proposta di delibera delibera Relazione degli amministratori di Nice S.p.A. redatta ai sensi dell'articolo 125-ter del decreto legislativo 58/1998 e degli articoli 84-ter e 73 del regolamento adottato con delibera Consob n. 11971 del

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla

CONDIZIONI DEFINITIVE alla Società per azioni con unico Socio Sede sociale in Vignola, viale Mazzini n.1 Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Modena e Codice Fiscale/Partita I.V.A. 02073160364 Capitale sociale al 31

Dettagli

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia Roma, 21 maggio 2013 Giovanni Sabatini Lo scenario di riferimento macro La dinamica del mercato del credito Risultati 2012 Primo trimestre 2013 Prospettive

Dettagli

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio.

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio. anno centodiciannovesimo esercizio Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013 esercizio CXIX 16. Il sistema finanziario Gli andamenti nell anno Nel il sistema finanziario

Dettagli

GAS PLUS S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO

GAS PLUS S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO GAS PLUS S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 come successivamente modificato e integrato Rimborso del Finanziamento Soci a favore

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO BCC

Dettagli

BNP Paribas REIM SGR p.a. approva il rendiconto annuale 2014 del Fondo BNL Portfolio Immobiliare

BNP Paribas REIM SGR p.a. approva il rendiconto annuale 2014 del Fondo BNL Portfolio Immobiliare BNP Paribas REIM SGR p.a. approva il rendiconto annuale 2014 del Fondo BNL Portfolio Immobiliare BNL Portfolio Immobiliare: valore di quota pari a Euro 937,084 con un rendimento medio annuo composto (TIR)

Dettagli

Recesso a seguito dell approvazione di modifiche dello statuto ai sensi dell art. 2437, comma 1, lettera g) cod. civ.. Determinazione del valore di

Recesso a seguito dell approvazione di modifiche dello statuto ai sensi dell art. 2437, comma 1, lettera g) cod. civ.. Determinazione del valore di Recesso a seguito dell approvazione di modifiche dello statuto ai sensi dell art. 2437, comma 1, lettera g) cod. civ.. Determinazione del valore di liquidazione delle azioni ai sensi dell art. 2437-ter

Dettagli

26 gennaio 2014 Roberto Russo

26 gennaio 2014 Roberto Russo Nota sull aumento di capitale del gruppo Banco Popolare 26 gennaio 2014 Roberto Russo www.assitecasim.it Lo scorso 24 gennaio si è riunito il Consiglio di Amministrazione del Gruppo Banco Popolare per

Dettagli

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI La Banca europea per gli investimenti (BEI) promuove gli obiettivi dell'unione europea fornendo finanziamenti, garanzie e consulenza a lungo termine in relazione a

Dettagli

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro:

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro: MITTEL S.P.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz 7 Capitale sociale 66.000.000 i.v. Codice Fiscale - Registro Imprese di Milano - P. IVA 00742640154 R.E.A. di Milano n. 52219 Iscritta all U.I.C. al n. 10576

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010 COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010 Combined Ratio a 103,5%, in miglioramento rispetto al 108% di fine 2009 ed al 105% del primo trimestre 2010 Raccolta Danni

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked Tariffa RUUA

prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked Tariffa RUUA BNL VITA S.p.A. appartenente ad Unipol Gruppo Finanziario S.p.A. Mod. 3T884 - Ed. 06/09 Offerta pubblica di sottoscrizione di Polizza BNL Revolution Crescita prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE TELECOM ITALIA S.p.A. Sede Legale in Milano Piazza degli Affari n. 2 Direzione Generale e Sede Secondaria in Roma Corso d Italia n. 41 Casella PEC: telecomitalia@pec.telecomitalia.it Capitale sociale euro

Dettagli

TAS: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011

TAS: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011 Milano, 10 maggio 2011 COMUNICATO STAMPA ex artt. 114 D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e 66 del Regolamento Consob 11971/99 TAS: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011 Ricavi consolidati: 10,3 milioni

Dettagli

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014 ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA Sede in VIALE TRIESTE 11-30020 ANNONE VENETO (VE) Capitale sociale Euro 7.993.843,00 i.v. Codice fiscale: 04046770279 Iscritta al Registro delle Imprese di Venezia

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro)

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea 20 gennaio 2015 Audizione dell Amministratore Delegato

Dettagli

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE Ai sensi dell art. 123 ter del D.Lgs. n. 58/1998 e dell art. 84 quater e dell'allegato 3A del Regolamento CONSOB n. 11971/99 27 MARZO 2014 Buzzi Unicem SpA Sede: Casale Monferrato

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO. al 30 settembre 2006 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO. al 30 settembre 2006 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 SETTEMBRE 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La

Dettagli

Lab News. Nota bisettimanale a cura di Nicola Cicala. Coordinamento Nicola Maiolino N. 7

Lab News. Nota bisettimanale a cura di Nicola Cicala. Coordinamento Nicola Maiolino N. 7 Lab News Nota bisettimanale a cura di Nicola Cicala Coordinamento Nicola Maiolino N. 7. Il grafico: Banca d Italia, quale valore e in quante azioni? 2. La tabella: i numeri degli istituti di credito italiani

Dettagli

BPM approva una serie di misure per il rafforzamento e la stabilizzazione del capitale

BPM approva una serie di misure per il rafforzamento e la stabilizzazione del capitale COMUNICATO STAMPA BPM approva una serie di misure per il rafforzamento e la stabilizzazione del capitale In data odierna il Consiglio di Amministrazione di Banca Popolare di Milano ("BPM" o la "Banca")

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei COMUNICATO STAMPA PRESS OFFICE Tel. +39.040.671180 - Tel. +39.040.671085 press@generali.com INVESTOR RELATIONS Tel. +39.040.671202 - Tel. +39.040.671347 - generali_ir@generali.com www.generali.com RISULTATI

Dettagli

Comunicato Stampa. Il consiglio di amministrazione di Investimenti e Sviluppo S.p.A. approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2009

Comunicato Stampa. Il consiglio di amministrazione di Investimenti e Sviluppo S.p.A. approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2009 Comunicato Stampa Il consiglio di amministrazione di Investimenti e Sviluppo S.p.A. approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2009 Risultati consolidati al 31 marzo 2009: Ricavi netti pari

Dettagli

BANCA POPOLARE DI MILANO

BANCA POPOLARE DI MILANO Evaluation.it reports on demand Indicazione d'acquisto HOLD Target Price Azioni ordinarie ERM: 3,18 Azioni ordinarie DDM: 3,05 Informazioni sul titolo Ultimo Prezzo: 2,87 Euro Titoli in circolazione: 415,07

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10%

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% Utile netto consolidato a 100,3 milioni di euro, +11,2% a/a; investimenti per lo sviluppo dei canali di

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione Relazione economica Posso dire che ritengo oggi ci siano tutte le condizioni per riportare la Banca al ruolo che le compete anche grazie all impegno dei colleghi, che ho potuto apprezzare in questo periodo,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007:

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA * : 1.071,9 MLN DI EURO (+17%) RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 164 MLN DI EURO;

Dettagli