Lavoro. Commentario alla Riforma Fornero. Diritto &Pratica. del

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lavoro. Commentario alla Riforma Fornero. Diritto &Pratica. del"

Transcript

1

2

3 129961_frontespizio:frontespizio :52 Pagina 1 Diritto &Pratica Lavoro del Settimanale di amministrazione, gestione del personale, relazioni industriali e consulenza del lavoro Commentario alla Riforma Fornero (Legge n. 92/2012 e Legge n. 134/2012) Licenziamenti e rito speciale, contratti, ammortizzatori e politiche attive A cura di Franco Carinci e Michele Miscione Supplemento a Diritto & Pratica del lavoro n. 33 del 15 settembre 2012

4 ABCompos - 3B2 v. 7.51c/W (Jun ) - l:/riviste_libri/bu_lavoro/ Riviste/COPERTINE/0000_12-all-LAVO/colophone/coloph.3d SETTIMANALE DI AMMINISTRAZIONE, GESTIONE DEL PERSONALE, RELAZIONI INDUSTRIALI E CONSULENZA DEL LAVORO EDITRICE Wolters Kluwer Italia S.r.l. Strada 1, Palazzo F Milanofiori Assago (MI) INDIRIZZO INTERNET: Compresa nel prezzo di abbonamento l estensione on line della rivista, consultabile all indirizzo DIRETTORE RESPONSABILE Giulietta Lemmi COMITATO SCIENTIFICO Alfredo Casotti, Maria Rosa Gheido, Pierluigi Rausei, Francesco Rotondi, Angelo Sica, Pierguido Soprani, Gianluca Spolverato REDAZIONE Federica Calcagno, Antonella Carrara, Massimo Mutti, Evelin Oneta REALIZZAZIONE GRAFICA a cura di: Ipsoa - Gruppo Wolters Kluwer FOTOCOMPOSIZIONE Sinergie Grafiche s.r.l Rozzano (MI) Via Pavese, 1/3 Tel. 02/ STAMPA GECA s.p.a. Via Magellano, Cesano Boscone (MI) REDAZIONE Per informazioni in merito a contributi, articoli ed argomenti trattati scrivere o telefonare a: IPSOA Redazione Casella Postale Milano telefono telefax AMMINISTRAZIONE Per informazioni su gestione abbonamenti, numeri arretrati, cambi d indirizzo, ecc. scrivere o telefonare a: IPSOA Servizio Clienti Casella postale Milano telefono telefax Servizio risposta automatica: telefono PUBBLICITÀ: db Consulting srl Event & Advertising via Leopoldo Gasparotto Varese tel. 0332/ fax 0332/ Autorizzazione Tribunale di Milano n. 578 del 24 dicembre 1983 Spedizione in abbonamento postale 45% art. 2 comma 20/b legge 662/96 Filiale di Milano Iscritta nel Registro Nazionale della Stampa con il n vol. 34 foglio 417 in data 31 luglio 1991 Iscrizione al R.O.C. n A decorrere dal 18 gennaio 2002, a seguito dell introduzione dell Euro nell ordinamento nazionale per effetto del D.Lgs. 24 giugno 1998, n. 213, tutti gli importi espressi in lire nelle vigenti disposizioni normative si intendono espressi in Euro, secondo il tasso di conversione ufficiale (1 EURO = Lire 1936,27). Il provvedimento n. 213/98 disciplina inoltre le regole di arrotondamento secondo la natura degli importi da convertire. DISTRIBUZIONE Vendita esclusiva per abbonamento Il corrispettivo per l abbonamento a questo periodico è comprensivo dell IVA assolta dall editore ai sensi e per gli effetti del combinato disposto dell art. 74 del D.P.R. 26/10/1972, n. 633 e del D.M. 29/12/1989 e successive modificazioni e integrazioni. ABBONAMENTI Gli abbonamenti hanno durata annuale, solare: gennaio-dicembre; rolling: 12 mesi dalla data di sottoscrizione, e si intendono rinnovati, in assenza di disdetta da comunicarsi entro 30 gg. prima della data di scadenza a mezzo raccomandata A.R. da inviare a Wolters Kluwer Italia S.r.l. Strada 1 Pal. F6 Milanofiori Assago (MI). Servizio clienti: tel ITALIA Abbonamento annuale: Euro 319,00 ESTERO Abbonamento annuale: Euro 638,00 Prezzo copia: Euro 10,00 Arretrati: prezzo dell anno in corso all atto della richiesta Egregio abbonato, Ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196, La informiamo che i Suoi dati sono conservati nel data base informatico del titolare del trattamento, Wolters Kluwer Italia S.r.l. Responsabile del trattamento: Ufficio MID. L elenco aggiornato di tutti i responsabili del trattamento potrà essere richiesto per iscritto all Ufficio MID presso la sede della società. I Suoi dati saranno utilizzati dalla nostra società, da enti e società esterne ad essa collegati, nonché da soggetti terzi, titolari autonomi del trattamento, solo per l invio di materiale amministrativo-contabile, commerciale e promozionale. Ai sensi dell art. 7 del citato D.Lgs., Lei ha diritto di conoscere, aggiornare, rettificare, cancellare i Suoi dati, nonché di esercitare tutti i restanti diritti ivi previsti, mediante comunicazione scritta a Wolters Kluwer Italia S.r.l., Ufficio MID, Milanofiori, Strada 1-Palazzo F6, Assago (Mi).

5 Sommario SOMMARIO Presentazione... VII di Franco Carinci e Michele Miscione Nota sugli autori... XII Parte I I LICENZIAMENTI E IL RITO SPECIALE Dipendenti delle amministrazioni pubbliche soggette al D.Lgs. n. 165/ di Franco Carinci Finalità, monitoraggio, oneri finanziari... 5 di Franco Carinci Le modifiche del Parlamento alla legge Fornero sul lavoro con riferimento alle norme sulla c.d. flessibilità in entrata... 8 di Giuliano Cazzola Licenziamenti: tentativo di conciliazione e procedimento speciale di Domenico Borghesi L impugnazione del licenziamento: limiti al sindacato giurisdizionale e specialità del rito. Primi spunti di riflessione di Paola Cosmai Licenziamenti: la metamorfosi della tutela reale di Carlo Cester Licenziamenti nulli: tutela reintegratoria rafforzata di Elena Pasqualetto Il licenziamento disciplinare nell art. 18 St. lav di Marco Tremolada Le regole in materia di giustificato motivo oggettivo di licenziamento di Adriana Topo Il licenziamento inefficace di Franco Carinci La revoca del licenziamento di Irene Corso Decorrenza ed eventi sospensivi del nuovo licenziamento di Marco Frediani Licenziamenti collettivi di Luigi Angiello V

6 Commentario alla Riforma Fornero Parte II CONTRATTI, AMMORTIZZATORI, POLITICHE ATTIVE Contratto a termine: nuove regole di Luigi Menghini Lavoro accessorio, partite iva, contratto d inserimento e stage di Michele Miscione L apprendistato di Franco Carinci Lavoro a tempo parziale: meno flex, più security di Marina Brollo Maternità e paternità di Donata Gottardi Lavoro intermittente: uso improprio e misure di contrasto di Maria Giovanna Mattarolo Le novità normative sul lavoro a progetto e sulle prestazioni di lavoro autonomo rese dalle partite iva nella L. n. 92/2012 (art. 1, c ) di Giuseppe Santoro Passarelli Associazione in partecipazione di Paolo Tosi Assunzioni di disabili: rafforzamento delle norme di Francesca Limena Le dimissioni del lavoratore dalla L. 188/2007 alla riforma del di Maurizio Del Conte Appalto di opere o di servizi e solidarietà di Paolo Tosi Gli ammortizzatori sociali di Domenico Garofalo Gli incentivi alle assunzioni di Domenico Garofalo Politiche attive e servizi per l impiego di Valeria Filì Gli esami non finiscono mai : le politiche per l occupabilità passano per l apprendimento permanente e la certificazione delle competenze di Vincenzo De Michele La delega sulla partecipazione dei lavoratori: verso un nuovo modello di relazioni industriali? di Emanuele Menegatti VI

7 Presentazione PRESENTAZIONE La «Riforma Fornero» (L. n. 92/2012) di Franco Carinci già Professore ordinario di Diritto del lavoro nell Università di Bologna e di Michele Miscione - Professore ordinario di Diritto del lavoro I. Come ogni primo commento ad un nuovo intervento legislativo, anche questo non pretende essere in alcun modo esaustivo e tanto meno risolutivo; ma solo costituire un contributo al dialogo apertosi in questo scorcio estivo, propedeutico a quel pronunciamento giurisprudenziale che solo potrà permettere un approccio più ponderato e realistico. Tanto più che l intervento in parola costituisce una vera e propria riforma del diritto del lavoro, comparabile per dimensione e rilevanza a quella di circa un decennio fa, con una continuità di immagine che non trova riscontro nella disciplina. Le c.d. riforma Biagi e Fornero sono entrambe destinate a segnare la politica di un Governo, del secondo Berlusconi e di Monti, con la conclamata intenzione di rendere più europea la regolamentazione del nostro mercato del lavoro, tramite una accresciuta flessibilità nella provvista della forza lavoro. Ma minore è stata la libertà di manovra usufruibile da un Governo politico di centrodestra vis-à-vis di quella di un Governo tecnico di unità nazionale, peraltro a fronte di una situazione del mercato del lavoro migliore allora di ora. Sicché la riforma Biagi sarà costretta a giocare sulla sola flessibilità in entrata, tramite una ricca tipologia contrattuale c.d. atipica, essendole preclusa qualsiasi possibilità di intervenire su quella in uscita ; mentre la riforma Fornero potrà compensare una stretta sulla flessibilità in entrata con una apertura su quella in uscita. A ben guardare al termine della lunga gestazione della riforma, non è che la conclamata ed enfatizzata stretta sulla flessibilità in entrata si sia rivelata un gran che: dal punto di vista quantitativo, l unico contratto soppresso è stato quello d inserimento, con un recupero del suo potenziale ex-beneficiario a livello di sostegno sul mercato del lavoro; mentre dal punto di vista qualitativo, il bilancio finale è risultato di sostanziale pareggio. Il fatto è che cammin facendo ad avere buon gioco è stato un pressing confindustriale, confortato e rafforzato da un andamento del mercato del lavoro destinato a far passare in secondo piano il problema del precariato rispetto a quello della disoccupazione, ormai aggirantesi intorno alle due cifre. L autentica svolta, questa sì destinata a far celebrare la riforma Fornero come storica, riguarda la flessibilità in uscita, con la irreversibile caduta della mitica tutela reale, quale unica ed esclusiva sanzione della illegittimità del licenziamento individuale effettuato con riguardo ad una unità produttiva o ad un impresa al di sopra dei limiti occupazionali previsti dall art. 18 St. lav. Non meno discussa della prima è stata la seconda parte della riforma Fornero, che qui si stacca decisamente da quella Biagi, perché affronta se pur dilatandola nel tempo la questione degli ammortizzatori sociali, non certo nella prospettiva di una flexsecurity celebrata a parole, ma disattesa nei fatti, bensì di una riduzione di spesa. Solo che la duplice concorrente stretta sulle pensioni e sugli ammortizzatori sociali sta avendo una ricaduta pesantissima sulla fascia di età fra i cinquanta ed i sessanta anni, oggi investita in pieno dalla crisi occupazionale, sì da aver attivato una iniziativa parlamentare correttiva attualmente in corso. II. La riforma Fornero non è uscita dal Parlamento così come vi era entrata; né questa era nell effettiva possibilità del Governo, che avrebbe sì voluto licenziarla con un decreto legge, se non avesse trovato sulla sua strada il disco rosso del Pd. Di fatto al di là ed al di sopra di una consultazione condotta fra un Ministro con a sua parola d ordine o così o tutti a casa, una Cgil arroccata in una difesa intransigente ed una Cisl alla ricerca confusa di una posizione mediana; la partita si è giocata fra il Presidente del Consiglio e l ormai famoso acronimo Abc (Alfano, Bersa- VII

8 Commentario alla Riforma Fornero ni, Casini). Presentata con una dote di ben 77 articoli, verrà emendata al Senato; poi accorpata in soli 4 mega-articoli e passata alla Camera con altrettanti voti di fiducia, non senza essere accompagnata da un esplicita dichiarazione del Presidente del Consiglio sulla disponibilità del Governo ad una sua tempestiva modifica nelle materie calde della flessibilità in entrata e dei c.d. esodati. Così è diventata la l. 28 giugno 2012, n. 92, con un art. 1, sui contratti, di 69 commi, un art. 2, sugli ammortizzatori sociali, di 73, un art. 3, sulle tutele in costanza di rapporto, di 49 ed un art. 4 di ulteriori disposizioni, di 79; ed è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 3 luglio 2012 ed è entrata in vigore il 18 luglio E, non senza l intento di occultarne quella rilevanza tanto pubblicizzata nel corso della sua gestazione ma divenuta via via più ostica, la rubrica risulta sottodimensionata a Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro, nonché nobilitata con l aggiunta di in prospettiva di crescita. Questa è l evidenza condivisibile da tutti; mentre è una valutazione attribuibile solo a chi scrive, senza alcun coinvolgimento dei co-autori del commento, quella che evidenzia la rottura con la precedente esperienza di concertazione, per quanto fosse discontinua e variabile. A far da interlocutori espliciti e pubblicizzati sono stati i partiti e non più i sindacati, secondo quanto voluto e teorizzato dallo stesso premier, nel sostanziale silenzio di quel vociante partito politico culturale che, al tempo del Libro Bianco del secondo Governo Berlusconi, aveva tuonato contro l abbandono di una concertazione a tutto campo a pro di un dialogo sociale settoriale e specifico. Il che si inserisce in una visione tecnocratica propria per formazione e carriera del nostro Presidente del Consiglio, che considera disturbante qualsiasi mediazione, non solo sociale, come ben testimonia l insofferenza per la concertazione, fatta oggetto di pesante ironia; ma anche partitica, come ben prova l allergia per la stessa attività parlamentare, compressa e coartata con un autentica alluvione di voti di fiducia e trattata con sufficienza. Non è una questione strettamente personale del premier, perché proprio questa visione tecnocratica è stata alla base della scelta del Presidente della Repubblica, che, a giudizio di chi scrive, ha compiuto l errore di ritenere la democrazia incapace di far fronte ad una situazione di emergenza, con la fisiologica attribuzione dell ultima parola al popolo ; sì da delegittimare in partenza un Governo che non solo deve chiedere enormi sacrifici ma addirittura dovrebbe procedere a cessioni di sovranità a istituzioni sovra-nazionali. Il rischio reale è che, alla scadenza elettorale del prossimo anno, questo Governo riconsegni un Paese ancora in pieno travaglio economico e finanziario, ma per di più democraticamente collassato, per l assenza sia di un autentica union sacreé sia di una fisiologica dialettica maggioranza/opposizione. Di fatto è una visione tecnocratica che deve scontare un ammucchiata parlamentare tenuta insieme, in apparenza, dall ostinazione del Presidente della Repubblica a salvare la legislatura; ma, in realtà, dalla paura delle elezioni, per il Pd perché preoccupato di vincerle, per il Pdl perché sicuro di perderle. Del che la riforma Fornero ha inevitabilmente risentito anche dopo il suo varo, ieri, con riguardo alla flessibilità in entrata, tanto da essere rivista dal successivo decreto sviluppo; e, oggi, con rispetto agli ammortizzatori sociali, oggetto di ripensamenti ed aggiornamenti. Sembrerebbe che il punto di maggior tenuta della riforma sia stato proprio quello relativo all art. 18 St. lav. Di certo è stato quello ritenuto dal Governo più emblematico e significativo con riguardo al mondo esterno, comunitario ed extra-comunitario, proprio per l altissimo valore simbolico rivestito dalla tutela reale, vera e propria linea del Piave del sindacalismo uscito vittorioso dall autunno caldo del 68. Tant è che pur di accreditare questo messaggio, il Governo ha finito per dar semaforo verde ad un testo assemblato alla meglio, difficile da leggere in italiano, impossibile da tradurre in inglese, sì da far dubitare che qualcuno all estero sia in grado di capirci qualcosa. Così come c è stata restituita la legge in questione appare frutto di un progressivo arretramento rispetto al progetto originario di mantenere la tutela reale solo per il licenziamento discriminatorio, con un susseguirsi di concessioni in calando nei confronti del licenziamento disciplinare e del licenziamento economico. L elemento di continuità rispetto al passato è dato dal mantener ferme le fattispecie giustificatorie, quali la giusta causa ed il giustificato motivo soggettivo ed VIII

9 Presentazione oggettivo; mentre l elemento di discontinuità è costituito dal ricollegare alla accertata mancanza di tali fattispecie diverse causali sanzionatorie, quali, per il licenziamento disciplinare, l insussistenza del fatto contestato oppure allorché il fatto rientra tra le condotte punibili con una sanzione conservativa sulla base delle previsioni dei contratti collettivi ovvero dei codici disciplinari applicabili e, per il licenziamento economico, la manifesta infondatezza del fatto posto a base del licenziamento. Rimane, però, del tutto problematico il coordinamento fra le fattispecie giustificatorie e le causali sanzionatorie che secondo il legislatore dovrebbe risolversi in un continuum cronologico-logico del tutto indipendente, ma può ben rivelarsi diverso, con una prevedibile prevalenza delle prime rispetto alle seconde. Ciò, per la ben nota tendenza inerziale della giurisprudenza, qui favorita dalla approssimazione tecnica delle causali sanzionatorie, riecheggianti in maniera impropria le nozioni penalistiche del fatto non sussiste e costituzionali della manifesta infondatezza dell eccezione di costituzionalità. Non si può condividere quell interpretazione che, con un autentica caricatura della ratio e della lettera della legge tende a reintrodurre la tutela reale come regola, considerando discriminatorio qualsiasi licenziamento rivelatosi privo di giusta causa o di giustificato motivo. Ma si può ben convenire che proprio per tale prevedibile prevalenza, la tutela reale potrà rivelare nella risposta giurisprudenziale una resistenza certo non programmata e non voluta dal legislatore. Per non parlare di quell autentico punto di caduta costituito dal licenziamento battezzato come inefficace per difetto di quella motivazione contestuale pur resa obbligatoria oppure del previo esperimento del procedimento ex art. 7 St. lav, consacrato dal Giudice delle leggi come fatto di civiltà o del procedimento ex novellato art. 7 l. n. 604/1966; ma in verità efficace ad ogni effetto, con l unico costo di un indennità risarcitoria dimidiata. Molta attenzione al licenziamento individuale, poca al licenziamento collettivo, di cui il legislatore sembra essersi accorto solo da ultimo, allorché qualcuno ha avuto il buon senso di ricordargli che l art. 18 St. vi giocava un ruolo niente affatto secondario. E, conformemente a quanto già fatto, anche qui c è un sostanziale ridimensionamento del precedente rigorismo formale, sia rendendo sanabili gli eventuali vizi della comunicazione iniziale nell ambito di un accordo sindacale concluso nel corso della procedura ; sia sanzionando i possibili difetti della procedura con una indennità risarcitoria questa volta piena. Col che si può anche convenire, non senza una duplice riserva: quel rigorismo formale era stato enfatizzato dalla giurisprudenza a compensazione dell assoluto lassismo sostanziale, circa il perché ed il percome del licenziamento collettivo, qui lasciato tale e quale ; ma, soprattutto, il licenziamento collettivo fa corpo unico con il regime relativo al sostegno del reddito di chi ne è colpito, qui indebolito e ridimensionato. È troppo presto per formulare un bilancio. Ma, a stare al primo impatto, la riforma Fornero è passata senza lasciar traccia, eccezione fatta per qualche lode di convenienza da parte di chi vi era comunque tenuto per ragioni di ufficio: la trattativa anti-spread si trascina fra molte parole e pochi fatti, con i mercati sempre più scettici. Ma l averne privilegiato la vendibilità all estero a costo di una approfondita e obbiettiva valutazione della rispondenza all evoluzione di un mercato del lavoro in via di accelerato peggioramento, potrebbe averla resa già in partenza inefficace, se non anche controproducente. Il tempo sarà buon giudice, anche se non ci si deve aspettare troppo da un mero cambiamento del regime giuridico, perché qui il diritto può fare qualcosa, ma non troppo, sicché, con buona pace del giurista, qualsiasi cambiamento nel sistema non deve essere né mitizzato né demonizzato. Il giurista non può disinteressarsi del contesto economico e politico che costituisce lo sfondo di un intervento riformatore, a costo di non coglierne il motivo ispiratore di fondo, pur tradotto e reso in un intreccio difficilmente districabile di compromessi. Ma questo non lo esime, anzi tutt altro, dal procedere oltre, cercando di recuperare un interpretazione, che senza tradire intenzionalmente ed apertamente la ratio della legge, cosa da avvocato e non da studioso, restituisca sistematicità e chiarezza alla sua lettera, a premessa di un applicazione quanto più prevedibile e certa, di cui l ultima e definitiva parola spetterà alla giurisprudenza. IX

10 Commentario alla Riforma Fornero Solo che nonostante la buona intenzione manifestata con l introduzione di un percorso privilegiato per i licenziamenti, il consolidarsi di una lettura inequivoca di un articolo uscito malamente manipolato dalle mani del legislatore come il 18 St. lav. richiederà tempo, sì da rimandare alle rinomate calende greche quella prevedibilità richiesta da una qualsiasi attività d impresa. III. Ci sono tre questioni che hanno preceduto ed accompagnato la riforma Fornero, trovandovi altrettante risposte. La prima è quella avanzata e pubblicizzata con grande risonanza mediatica sotto l etichetta imprecisa ma suggestiva di contratto unico, coincidente con uno a tempo indeterminato: risolubile liberamente durante un periodo iniziale; oppure tendenzialmente sempre, dietro pagamento di un corrispettivo monetario. Di essa è rimasta nella legge una traccia verbale, laddove ribadisce la primazia del contratto a tempo indeterminato, qualificato con un darwinismo d accatto come dominante ; nonché una coda normativa, quale costituita dal perpetuare la vecchia tecnica della conversione di un contratto di lavoro non stabile risultato fuori regola in uno di lavoro subordinato a tempo indeterminato. Niente più, perché la ricca tipologia atipica figlia della legge Biagi che sembrava destinata ad una severa potatura resta la stessa, eccezion fatta per quel contratto di inserimento, non certo il più meritevole di morte precoce. Il legislatore si è spinto a qualificare il contratto di apprendistato - visto e vissuto a sensi del precedente testo unico a tempo indeterminato - come l ingresso formativo nel mercato del lavoro destinato a divenire del tutto prevalente. Si può prescindere dall artificio ideologico, fino al limite del propagandistico, di considerare a tempo indeterminato un apprendistato, il cui carattere temporaneo riesce confermato dal previsto limite di durata con contemporaneo potere di recesso ad nutum. Ma certo è che il farne l ingresso formativo par excellence è privo di qualsiasi riscontro effettivo, perché il suo tipo prevalente, cioè il professionalizzante, copre una percentuale del tutto minoritaria della componente giovanile avviata al lavoro fra i 15 ed i 29 anni, fra l altro con una prospettiva assai più occupazionale che formativa, pienamente riflessa nella sua stessa regolamentazione legislativa e collettiva. La seconda questione, riguarda la stra-citata contrapposizione fra insiders ed out-siders, cioè fra quelli dentro e fuori, peraltro con riferimenti volta a volta diversi: inoccupati contro disoccupati assistiti, inoccupati e disoccupati contro occupati, assunti a termine contro assunti senza termine, dipendenti da datori al di sotto contro dipendenti da datori al di sopra dei limiti statutari ecc. Quest ultima contrapposizione ruotante intorno all art. 18 St. lav. è stata al centro della riforma, la quale ha fatto propria un analisi estremamente controversa, che, cioè, la difficoltà di licenziare il lavoratore adulto in pianta stabile costituisse la causa prima della propensione ad assumere il lavoratore giovane in forma precaria. Senza prendere qui posizione in una discussione finita in un aspra diatriba, c è da prendere atto che la riforma opta per una unificazione al ribasso, la quale non rimette in discussione i limiti statutari, ma conserva la preesistente tutela obbligatoria per chi ne restava fuori e ridimensiona la previgente tutela reale per chi ne era dentro, non senza l evidente intenzione di rendere quest ultima da esclusiva a residuale. Certo l operazione risente qui di quella approssimazione tecnica che caratterizza l intera riforma. Niente di nuovo rispetto alla costante di una rivoluzione permanente della materia, dettata da una prevalente ragione politica o personale, perché non solo una maggioranza ma anche un ministro vuol segnare la sua presenza; sicché la sistematicità, la coerenza, la univocità passano tutte in secondo piano, compromesse non solo dall inevitabile tira e molla nel rapporto coi partiti e con le forze sociali, ma dalla comune consapevolezza della caducità della riforma in itinere. Ed ecco che qui la prospettiva prescelta di puntare ad una riunificazione al ribasso delle tutele garantite agli insiders ed agli outsiders dello Statuto si trova contraddetta, episodicamente, da una disciplina del licenziamento inefficace per carenza di motivazione meno grave per i primi che per i secondi; e sistematicamente dall aver previsto per i primi, ma non per i secondi quel vero e proprio monstrum, qui assunto nel senso di mirabile ma passibile d esser declinato in futuro nel senso di mostruoso, costituito dal nuovo processo. X

11 Presentazione Seguendo un ordine di crescente rilevanza, la terza questione è data da quella flexsecurity, favoleggiata in lungo ed in largo nel nostro paese, con un attenzione tanto spasmodica quanto approssimativa alla mitica realtà del nord-europa, quale esemplarmente testimoniata dalla Danimarca. Di per sè trattasi solo della fusione di due parole dalla portata completamente opposta, perché la flessibilità richiama l insicurezza e la sicurezza richiama la rigidità. Tant è che la convivenza è resa possibile dalla diversa dimensione i cui si muovono, la flessibilità nel rapporto e la sicurezza nel mercato del lavoro: libertà di licenziamento versus garanzia di reddito e di nuovo impiego, previo un eventuale percorso formativo. Solo che la Danimarca non è l Italia, tant è che non avrebbe costituito un esempio significativo neppure quando il favorevole andamento economico permetteva al suo sistema di flexsecurity di funzionare al meglio, come non è più oggi. Ma, soprattutto, un tale sistema richiede un enorme impegno finanziario ed organizzativo, perché costruito su una integrata politica del lavoro, con la componente passiva data da una doppia rete di sicurezza, una mutualistica per chi ne ha titolo ed una assistenziale per chi non ne ha, sì da coprire l intero universo inoccupato e disoccupato; e con la componente attiva costituita da un articolata e qualificata struttura di servizi per l impiego, formativi e ricollocativi, obbligatori per i destinatari di indennità di supporto. Di questo non può dirsi ci sia alcun riscontro nella riforma Fornero, che fa il paio con quella pensionistica, all insegna di una politica della lesina, certo non priva delle sue buone ragioni, ma non contrabbandabile per quel che non è. IV. Se pure il Presidente del Consiglio pensa poco e male della concertazione e la riforma Fornero sia stata assai più discussa che concordata con le organizzazioni sindacali, certo non si può dire che questa non dia spazio alla contrattazione collettiva, a cominciare proprio dalla tanto discussa flessibilità in entrata, dove la legge risulta inevitabilmente priva della necessaria adattabilità e accettabilità. Ma qui risulta ancor più evidente la sofferenza di un diritto sindacale ormai residuo anacronistico di un glorioso passato: la cittadinanza sui luoghi di lavoro è affidata allo spezzone dell originario art. 19 St. lav. sopravvissuto al referendum abrogativo, cioè a quella lett. b) che, stando alla consolidata interpretazione offertane dalla giurisprudenza costituzionale, richiede non solo la partecipazione attiva alla trattativa ma anche la debita sottoscrizione; mentre, a sua volta, la contrattazione c.d. delegata è riservata alla formula varata fra il vecchio ed il nuovo secolo delle organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative, che già generica di per sé, viene anche qui lasciata a se stessa, senza farsi carico di un eventuale divisione fra le organizzazioni medesime. Solo che qui a latitare non è solo, né principalmente il Governo, questo come qualunque altro che lo abbia preceduto, ma lo stesso movimento sindacale, abituato, rectius viziato da un indirizzo legislativo tutto all insegna di una promozione senza regolamentazione, basata di fatto su un unità di azione sempre più difficile da realizzare in quell alternanza maggioritaria peculiare della c.d. seconda Repubblica. XI

12 Commentario alla Riforma Fornero NOTA SUGLI AUTORI FRANCO CARINCI già Professore ordinario di Diritto del lavoro nell Università di Bologna MICHELE MISCIONE Professore ordinario di Diritto del lavoro nell Università di Trieste LUIGI ANGIELLO già Professore ordinario nell Università di Parma DOMENICO BORGHESI Professore ordinario di Diritto processuale civile nell Università di Modena e Reggio Emilia MARINA BROLLO Professore ordinario di Diritto del lavoro nell Università di Udine GIULIANO CAZZOLA Vice presidente della Commissione lavoro della Camera CARLO CESTER Professore ordinario di Diritto del lavoro nell Università di Padova IRENE CORSO Dottore di ricerca in Diritto del Lavoro nell Università di Padova e Avvocato in Padova PAOLA COSMAI Avvocato in Napoli MAURIZIO DEL CONTE Professore associato di Diritto del lavoro nell'università degli Studi "Bocconi" di Milano VINCENZO DE MICHELE Avvocato in Foggia VALERIA FILÌ Professore associato di Diritto del lavoro nell Università di Udine MARCO FREDIANI Avvocato in Vasto DOMENICO GAROFALO Professore ordinario di Diritto del lavoro nell Università di Bari DONATA GOTTARDI Professore ordinario di Diritto del lavoro nell Università di Verona FRANCESCA LIMENA Ricercatrice dell Università di Padova MARIA GIOVANNA MATTAROLO Professore ordinario di Diritto del lavoro nell Università di Padova EMANUELE MENEGATTI Ricercatore di Diritto del lavoro nell Università di Bologna LUIGI MENGHINI Professore ordinario di Diritto del lavoro nell Università di Trieste ELENA PASQUALETTO Ricercatrice nell Università di Padova GIUSEPPE SANTORO PASSARELLI Professore ordinario di Diritto del lavoro all Università Sapienza di Roma ADRIANA TOPO Professore straordinario di Diritto del lavoro nell Università di Padova PAOLO TOSI Professore ordinario di Diritto del lavoro nell Università di Torino MARCO TREMOLADA Professore ordinario di Diritto del lavoro nell Università di Padova XII

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità

Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità di Francesco Verbaro Il dibattito scaturito con la riforma dell art. 18 ha colpito in maniera inaspettata il mondo

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEFINIZIONE 32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE DEFINIZIONE Il licenziamento è la risoluzione del rapporto di lavoro subordinato

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

TESTO PROPOSTO DALLA 11ª COMMISSIONE PERMANENTE DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA

TESTO PROPOSTO DALLA 11ª COMMISSIONE PERMANENTE DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3249-A Relazione orale Relatori Castro e Treu TESTO PROPOSTO DALLA 11ª COMMISSIONE PERMANENTE (LAVORO, PREVIDENZA SOCIALE) Comunicato alla Presidenza il 23 maggio

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

1 C. Giust. 7 settembre 2006, C-53/04, in MGL, 2006, 11, p. 829 ss. e in ADL,

1 C. Giust. 7 settembre 2006, C-53/04, in MGL, 2006, 11, p. 829 ss. e in ADL, Sanzioni per il contratto a termine nel lavoro pubblico e Corte di Giustizia Europea (Nota a alla sentenza del Tribunale di Genova del 14.12.2006, Dott. Basilico, Salvatore v. Ente Ospedaliero Galliera)

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

di Franco Carinci Sommario: 1. Lo scenario di fondo: l art. 1, co. 7, lett. c) l.d. n. 183/2014. - 2. L esclusione del

di Franco Carinci Sommario: 1. Lo scenario di fondo: l art. 1, co. 7, lett. c) l.d. n. 183/2014. - 2. L esclusione del Un contratto alla ricerca di una sua identità: il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti (ai sensi della bozza del decreto legislativo 24 dicembre 2014) di Franco Carinci Sommario: 1. Lo scenario

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI MASTER PART TIME. When you have to be right

GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI MASTER PART TIME. When you have to be right MASTER PART TIME GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI 2 0 1 4 TERZA EDIZIONE R E G G I O E M I L I A When you have to be right LA SCUOLA DI FORMAZIONE IPSOA La Scuola di Formazione

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani Un commento sugli effetti del decreto legge n. 138 del 2011 in antitesi alle teorie che vorrebbero una vacatio legis nel campo del trasporto dei rifiuti anche pericolosi L ABROGAZIONE DEL SISTRI NON CREA

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

Il tramonto delle collaborazioni a programma ma anche di quelle a progetto?

Il tramonto delle collaborazioni a programma ma anche di quelle a progetto? Il tramonto delle collaborazioni a programma ma anche di quelle a progetto? di Gabriele Bubola, Flavia Pasquini Gli interventi sulle collaborazioni coordinate e continuative a progetto e a programma proposti

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

inform@ata news n.02.14

inform@ata news n.02.14 inform@ata news n.02.14 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

Come può un contratto aziendale migliorare la riforma del mercato del lavoro?

Come può un contratto aziendale migliorare la riforma del mercato del lavoro? Come può un contratto aziendale migliorare la riforma del mercato del lavoro? Il 22 giugno durante il Festival del lavoro nella splendida cornice del salone Vanvitelliano di Brescia, si è tenuto l'incontro

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa di Paola Pittelli Sommario: 1. Premessa; 2. I considerando 89-99 della direttiva 2014/24/UE; 3. L

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 CONVALIDA DELLE DIMISSIONI E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 La Legge n. 92/2012 si occupa sia della questione delle dimissioni della lavoratrice madre (ovvero

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34)

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34) 1 di 10 24/06/2015 21:30 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80 Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre

Dettagli

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Luciana Pomara Giuseppe Scibetta Onorina Zilioli Alessia Carla Vinci Roberto Scibetta Stefania Zilioli Rosaria Marano Sabrina Iannuzzi Your

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Si può apporre un termine al contratto di lavoro solo in presenza di casi particolari, per cui son necessari alcuni requisiti fondamentali come la forma del contratto e la

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli