Visualizzazione e navigazione 3D

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Visualizzazione e navigazione 3D"

Transcript

1 02 Visualizzazione e navigazione 3D La maggior parte dei progettisti che utilizzano AutoCAD, soprattutto quelli che lo usano da molto tempo sono, generalmente abituati a considerare questo software CAD come uno strumento bidimensionale e anche il sottoscritto, prima dell uscita della versione 2007, era sostanzialmente di questo avviso. In realtà, AutoCAD è un software completamente 3D: il piano di lavoro bidimensionale XY, quello su quale si ci confronta quotidianamente, è una porzione limitata di una realtà più vasta, completamente tridimensionale. La terza dimensione è sempre presente, anche se, per default, il progetto 2D viene costantemente inquadrato dall alto. Per ovviare a questa percezione parziale dell ambiente di lavoro di AutoCAD, prima di cominciare seriamente a modellare, abbiamo pensato che fosse necessario fare un minimo di esperienza con i comandi di visualizzazione e navigazione 3D. In questo capitolo affronteremo la nutrita serie di comandi che permettono di orientare ed inquadrare il modello 3D in modo accurato, da qualunque punto di vista, simulando qualunque tipo di fotocamera e con tantissime modalità di rappresentazione. Figura 2.1 I comandi di visualizzazione e navigazione 3D consentono di rappresentare il modello in modo accurato, da qualunque punto di vista e con tantissime modalità di rappresentazione 17

2 c a p i t o l o 02 Controlli finestra, vista e stile visualizzazione I controlli della finestra vengono visualizzati nell angolo superiore sinistro di ogni finestra e consentono di attivare/disattivare degli ulteriori strumenti di gestione della visualizzazione (ViewCube e SteeringWheels che vedremo più avanti nel capitolo), di modificare facilmente le inquadrature delle viste e gli stili di visualizzazione. È possibile fare clic all interno di ciascuna delle tre aree racchiuse tra parentesi per modificare le impostazioni (vedi figura 2.2). Fare clic sul primo riquadro [Controlli finestra] [ + ] o [ - ] per visualizzare le opzioni per ingrandire la finestra o ripristinarla, modificare la configurazione della finestra o controllare la visualizzazione degli strumenti di navigazione. Fare clic sul secondo riquadro [Controlli vista] per scegliere tra diverse viste standard e personalizzate. Fare clic sul terzo riquadro [Controlli stile visualizzazione] per scegliere uno dei diversi stili di visualizzazione disponibili. La maggior parte degli altri stili di visualizzazione viene utilizzata per la visualizzazione 3D. Figura 2.2 Controlli finestra, controlli vista e controlli stile visualizzazione Gli strumenti per navigare: ViewCube e SteeringWheels AutoCAD contiene due strumenti per agevolare l esplorazione dei modelli 3D. Essi hanno nome, rispettivamente, ViewCube e SteeringWheel. Il primo strumento è inteso per fornire una modalità comune a tutte le applicazioni Autodesk per gestire le rotazioni del modello e i cambi di inquadratura. Dalla versione 2009, infatti, AutoCAD, Inventor, Revit, Map 3D, Design Review, 3ds Max, Maya e tutti gli altri utilizzano ViewCube. SteeringWheel nasce con l intenzione di concentrare i principali comandi di visualizzazione in un piccolo pannello semi-trasparente, agganciato al cursore, sull area grafica. Personalmente non vado pazzo per lo SteeringWheel, ma questa è solamente la mia opinione. Vediamo ora come funzionano. 18

3 Visualizzazione e navigazione 3D Il ViewCube Lo strumento di navigazione ViewCube fornisce un interfaccia intuitiva per la visualizzazione del modello secondo punti di vista standard: piani, assonometrici o prospettici. Esso appare generalmente in alto a destra dell area grafica ed è dotato di facce, spigoli e vertici che si evidenziano quando vi si passa sopra con il cursore. Quando si seleziona uno di questi elementi, AutoCAD attiva in tempo reale il punto di vista associato. Oltre a scegliere tra i punti di vista predefiniti si può fare clic sul cubo e muovere il cursore per far orbitare liberamente il modello. Indipendentemente da come si modifica il punto di vista del modello, lo strumento ViewCube mostra automaticamente l orientamento corrente della vista. Per controllare la visualizzazione e il comportamento dello strumento ViewCube, fare clic con il tasto destro del mouse e selezionare Impostazioni ViewCube. Nella finestra di dialogo Impostazioni ViewCube è possibile specificare posizione, dimensione e opacità/trasparenza. Appena sotto il cubo del ViewCube è generalmente visualizzata la cosiddetta bussola. La bussola indica la direzione nord definita per il modello. La direzione nord indicata dalla bussola si basa sulle direzioni definite dal WCS del modello (ne parleremo nel capitolo 7). La visualizzazione della bussola al di sotto del ViewCube è controllata anch essa dalla finestra di dialogo Impostazioni ViewCube. Penso che il modo migliore per diventare bravi nell uso del ViewCube sia provare e familiarizzare con esso. Caricate un modello 3D di quelli presenti nella cartella del capitolo 2 ed utilizzatelo per i vostri esperimenti. Figura 2.3 Modello rappresentato sull area grafica insieme con il ViewCube Figura 2.4 Finestra di dialogo per la definizione delle impostazioni del ViewCube 19

4 c a p i t o l o 02 Lo SteeringWheel Lo strumento SteeringWheel presenta un tastierino navigazione che offre un rapido accesso a svariati strumenti di navigazione tra i quali spiccano: Pan, Zoom, Orbita, Riavvolgi, ecc., inoltre è presente un opzione che consente di spostare il centro della finestra di visualizzazione in una posizione indicata. Un menu a scelta rapida mette a disposizione opzioni per scegliere diverse dimensioni e modalità del disco/volantino (questa è infatti la traduzione letterale di SteeringWheel). Un interessante comando dello SteeringWheel è rappresentata dallo strumento Riavvolgi. Esso mostra dei riquadri delle ultime viste precedenti, disposte in serie sull area grafica. Scorrendo il cursore su ciascun riquadro se ne permette il rapido ripristino. Figura 2.5 Strumento SteeringWheel e menu contestuale Figura 2.6 Funzionalità Riavvolgi dello strumento SteeringWheel Lo strumento SteeringWheel possiede numerose opzioni con il quale può essere rappresentato, queste configurazioni di comandi di visualizzazione sono chiamate dischi/ mini dischi. In particolare, possiamo avere dei mini dischi: Disco Vista oggetto mini Disco Tour edificio mini Disco Navigazione completa mini e dei dischi di fattezze più grandi: Disco Vista oggetto Disco Tour edificio Secondo l autore si tratta di una scelta fin troppo ampia. Provate a passare da uno SteeringWheel all altro e, infine, scegliete quello che fa per voi. Di seguito solo alcune indicazioni prese dall esperienza. Il Disco Tour edificio è ideale per esplorare un edificio. Comprende strumenti come Avanti, Guarda e Su/Giù, oltre allo strumento Riavvolgi. Si possono personalizzare aspetto e comportamento del tastierino naviga- 20

5 Visualizzazione e navigazione 3D zione grazie alla finestra di dialogo Impostazioni SteeringWheels, accessibile tramite il menu contestuale (figura 2.8). Figura 2.7 Funzionalità Su-Giù dello strumento SteeringWheel in modalità Tour Edificio Figura 2.8 Finestra di dialogo delle Impostazioni SteeringWheels Le viste 3D predefinite Prima di avventurarci oltre le colonne d Ercole della visualizzazione, sperimentando la creazione personalizzata di viste ed apparecchi fotografici, è opportuno imparare ad interagire con i comandi predefiniti di gestione delle viste 3D. Con AutoCAD le viste 3D derivano da una serie di Punti di vista 3D che si trovano, prêt à porter, a disposizione del progettista pigro (o ancora inesperto) o, viceversa, con le idee chiarissime sulla inquadratura da cui riprendere il proprio lavoro. All interno della scheda Vista, fare 21

6 c a p i t o l o 02 clic sul menu a tendina delle viste 2D e 3D predefinite di AutoCAD contenuto nel pannello Viste (figura 2.9). Questo tipo di viste predefinite consentono la visualizzazione del modello 3D in tutte le posizioni canoniche previste dalle proiezioni ortogonali (Pianta, Frontale, Laterale, ecc.) e in tutte le rappresentazioni assonometriche isometriche. Come potete osservare, queste impostazioni non sono molto diverse da quanto si può fare con i controlli delle finestre presentati nel primo paragrafo di questo capitolo. Quale metodo usare, decidetelo voi. Il sottoscritto è passato ai controlli finestra nel più puro stile 3ds Max! Figura 2.9 Tendina dei punti di vista 3D, ormai abbastanza superata dai controlli della finestra descritti nella figura 2.2 Le viste 3D personalizzabili Per chi, invece, volesse approfittare di tutte le opportunità previste dai comandi di definizione delle viste, può lanciarsi nella personalizzazione/creazione di viste proprie. I punti di vista sono completamente personalizzabili, soprattutto durante la creazione di una vista nuova. Per fare questo utilizzare il pulsante Nuova nella finestra di dialogo che vedete rappresentata nella figura Il comando è accessibile attraverso il pannello Vista della barra multifunzione. Figura 2.10 Comando e finestra di dialogo di gestione delle viste 22

7 Visualizzazione e navigazione 3D All interno della finestra sono presenti, nella colonna centrale con sfondo grigio, buona parte dei parametri di definizione di una vista, nell ordine: Le Coordinate X, Y e Z della posizione dell apparecchio fotografico Le Coordinate X, Y e Z della posizione del punto di mira (il punto in cui si dirige lo sguardo) L angolo di rotazione. Se diverso da 0, significa che la telecamera è disposta diversamente dall orizzontale L altezza e la larghezza del riquadro di inquadratura La scelta tra le rappresentazioni Prospettica (On) e Isometrica (Off) La Distanza focale, cioè l obiettivo montato sull apparecchio fotografico o il Campo visivo, cioè l angolo di apertura possibile, espresso in gradi. Queste ultime due impostazioni (Distanza focale e Campo visivo) si influenzano mutuamente. L una è derivata dall altro e viceversa. La sezione inferiore, intitolata Ritaglio, riguarda il piani di ritaglio (clipping), eventualmente attivabili che hanno senso soprattutto con le viste ombreggiate. Figura 2.11a Finestra di dialogo di definizione parametri nuova vista e colore di sfondo (Proprietà vista) Figura 2.11b Finestra di dialogo di definizione parametri transizione e movimento (Proprietà inquadratura) Tornando al pulsante Nuova, la sua pressione visualizza una finestra di dialogo che contiene le informazioni di base per poter creare una vista personalizzata, la scheda Proprietà vista e la scheda Proprietà inquadratura. 23

8 c a p i t o l o 02 Il Nome della vista (cercate di sceglierne uno significativo) La Categoria (potete lasciarla in bianco se non intendete creare molte viste) La Tipologia, (si possono scegliere tre tipi di viste) la Passeggiata registrata è disponibile solo per le viste dello spazio modello Il Contorno, cioè i limiti del viewport. Estremamente utile il pulsante Visualizzazione corrente che tiene il viewport come appare all atto della creazione della vista. L UCS permette di associare un particolare Piano di lavoro alla vista La Sezione 3D, abilita o meno il sezionamento con piani di ritaglio già accennati Lo Stile di visualizzazione, imposta il metodo con cui viene visualizzato il modello sulla scena. Lo Sfondo consente di cambiare il colore di sfondo della vista superando le impostazioni definite con il comando presente nel Menu dell Applicazione: Strumenti Opzioni Visualizzazione Colori. Nella seconda scheda, Proprietà inquadratura, vengono visualizzate una serie di opzioni, oltre a quelle di base. Transizione, possiamo impostare il tipo di transazione e la durata Movimento, durante la riproduzione di una vista, ci permette di impostare il tipo di movimento, la durata di riproduzione dell animazione e la distanza dell apparecchio fotografico È possibile visualizzare anche un anteprima del risultato o scegliere di creare una riproduzione continua. Figura 2.12 Risultato delle impostazioni dello sfondo (sfumato) e dello stile di visualizzazione della vista 24

9 Visualizzazione e navigazione 3D Le viste 3D multiple Un altra caratteristica importante di AutoCAD nell ambito della gestione delle viste consiste nel organizzare più di un finestra (viewport) sulla stessa area grafica. Generalmente la configurazione prevede una sola grande finestra che occupa tutto lo spazio lasciato libero dai menu. Benché questa sia la modalità di gran lunga preferita dai progettisti, in alcuni contesti, si preferisce frazionare la porzione rettangolare di schermo dedicata all area grafica in un certo numero di finestre (2, 3, 4, in generale). Le finestre multiple, presenti anche quando si opera nel contesto 2D, sono particolarmente utili quando si lavora in 3D perché, ad esempio, si può impostare la vista in pianta in una finestra, la vista frontale in una seconda finestra, la vista prospettica in una terza e così via. Per attivare il comando per la creazione di una o più finestre, passare alla scheda Vista e utilizzare l icona del pannello Finestre. Naturalmente ognuna delle viste è sincronizzata con tutte le altre: una modifica effettuata quando una di queste è corrente, si ripercuoterà, immediatamente, anche sulle altre. Su ciascuna delle finestre che sono state definite si possono effettuare, indipendentemente: Operazioni di Pan e Zoom Impostazioni di Griglia e SNAP Definire uno specifico Stile di visualizzazione Precisare un orientamento Prospettico o Assonometrica Riparleremo, in modo molto più approfondito delle finestre di visualizzazione durante il capitolo 13, dedicato anche alla messa in tavola di viste 2D a partire dal modello 3D. Figura 2.13 Finestra di dialogo per l organizzazione di più finestre sull area grafica 25

10 c a p i t o l o 02 Figura 2.14 Esempio di organizzazione delle viste 2D e 3D nelle finestre multiple Navigazione interattiva 3D con la barra di navigazione Nei tre paragrafi precedenti si è affrontato il tema dell impostazione delle viste. Queste consentono di impostare la infrastruttura delle inquadrature più o meno statiche. In questo paragrafo si manipolerà il modello in maniera più interattiva, attraverso gli strumenti di navigazione 3D contenuti all interno della barra di navigazione. Gli strumenti di navigazione unificati, quali Autodesk ViewCube, ShowMotion, 3Dconnexion e SteeringWheels sono comuni a più prodotti Autodesk. Alcuni strumenti sono invece specifici di determinati prodotti e disponibili solo in essi. La barra di navigazione è mobile e può essere spostata sopra e lungo uno dei lati della finestra del modello corrente. Nella figura 2.15 la vedete rappresentata in orizzontale, ma generalmente, la sua disposizione è verticale, sul lato destro dello schermo. La barra di navigazione si attiva/disattiva attraverso la scheda Vista pulsante Interfaccia utente (in fondo, tutto a destra) e mettendo la spunta su Barra di navigazione. Figura 2.15 Barra di navigazione (disposta in orizzontale) 26 Orbitazione 3D vincolata L orbitazione vincolata consente di ruotare l oggetto/gli oggetti della scena 3D attorno ad un punto fisso nella finestra corrente. Se, prima di dare il comando Orbita

11 Visualizzazione e navigazione 3D (Scheda Vista, pannello Navigazione), si selezionano uno o più oggetti della scena, l orbitazione sarà centrata attorno agli oggetti selezionati, e solo questi rimangono visibili durante l orbitazione. Una volta concluso il comando anche il resto degli elementi presenti sulla scena sarà di nuovo visibile. Durante l esecuzione del comando, premendo il tasto centrale del mouse (o la rotellina, per chi usa il tipo Intellimouse) e trascinando il cursore, si otterrà uno spostamento degli oggetti nello spazio. Orbitazione 3D libera L orbitazione libera è molto simile alla orbitazione vincolata, salvo il fatto che è possibile gestire anche la rotazione rispetto all asse Z e la rotazione rispetto agli assi X e Y, contemporaneamente. Non ci si faccia ingannare, comunque, dalla maggiore flessibilità del comando: alcune volte queste numerose potenzialità finiscono per complicare le cose! Appena viene attivato il comando, attraverso l icona oppure attraverso la solita scheda Vista, pannello Navigazione Orbita libera, AutoCAD visualizza una circonferenza verde con quattro circonferenze più piccole in corrispondenza dei quattro quadranti, una sorta di mirino. Quando l opzione Attiva orbita con AutoTarget è deselezionata nel menu di scelta rapida, il punto di mira della vista rimane stazionario. La posizione dell apparecchio fotografico, o punto di vista, viene spostata attorno al punto di mira. Quest ultimo è il centro dell arco di rotazione, non il centro degli oggetti che si osservano. Diversamente dalla Orbitazione 3D vincolata, questa libera non vincola lo spostamento nella vista lungo l asse XY o nella direzione Z. Figura 2.16 Durante il comando di orbitazione 3D libera viene visualizzato un arco di rotazione La modalità di rotazione degli oggetti, quando si utilizza il comando di orbitazione libera, dipende dalla posizione del cursore grafico quando si preme il tasto sinistro del mouse. In particolare: Cursore esterno all arco di rotazione. Facendo clic e trascinando il cursore all esterno dell arco di rotazione, il modello ruota intorno all ipotetico asse Z dello schermo; quello centrato nell area grafica e uscente dallo schermo. Il cursore assume l aspetto caratteristico di un cartello stradale di rotatoria. 27

12 c a p i t o l o 02 Cursore posizionato uno dei due quadranti a sinistra e a destra dell arco di rotazione. Facendo clic e trascinando il cursore in corrispondenza di uno dei due piccoli cerchi posti a sinistra e a destra dell arco di rotazione, il modello ruota intorno all ipotetico asse Y dello schermo. Cursore posizionato uno dei due quadranti in alto e in basso sull arco di rotazione. Facendo clic e trascinando il cursore in corrispondenza di uno dei due piccoli cerchi posti in alto e in basso dell arco di rotazione, il modello ruota intorno all ipotetico asse X dello schermo. Cursore interno all arco di rotazione. Facendo clic e trascinando il cursore all interno dell arco di rotazione il modello ruota liberamente sui tre assi. Il movimento simula lo spostamento di un punto sulla superficie di un mappamondo. Anche con il comando di Orbita 3D libera, è possibile pre-selezionare gli oggetti che saranno visualizzati durante la rotazione. Figura Effetto della rotazione rispetto a Z dello schermo. Cursore esterno Figura 2.18 Effetto della rotazione rispetto a Y dello schermo. Cursore sul piccolo cerchio a destra Figura 2.19 Effetto della rotazione rispetto a X dello schermo. Cursore sul piccolo cerchio in alto 28

13 Visualizzazione e navigazione 3D il passaggio da orbita vincolata a orbita libera e viceversa Durante il comando di Orbita vincolata è possibile passare temporaneamente alla modalità libera. Per fare questo, semplicemente, tenere premuto il tasto <Maiusc>. La stessa cosa è possibile, al contrario, quando si è all interno del comando Orbita libera. Utilizzando la tastiera è possibile ridurre il ricorso alla attivazione del comando dalla barra di navigazione. Tutto quello che occorre fare è premere il tasto <Maiusc> e il tasto centrale del mouse, contemporaneamente. Infine trascinare il cursore in direzione alto-basso o sinistra-destra. Si otterrà l effetto desiderato. Orbitazione 3D continua L orbitazione continua serve essenzialmente per divertirsi! Scusate la ruvidezza del giudizio ma, personalmente, non trovo grande utilità questo comando se non nel campo della presentazione del lavoro (ma neanche tanto) oppure come antidoto alla comparsa dello screen-saver. In ogni caso, il comando di Orbitazione 3D continua consente di ottenere una rotazione che non si conclude, ne si attenua, dopo che avete rilasciato il tasto destro del mouse. L operatività è molto intuitiva: fare clic in un area di disegno e trascinare il dispositivo di puntamento in qualsiasi direzione, ma in accordo con le regole della orbitazione libera, in modo che gli oggetti inizino a muoversi nella direzione voluta. Quando si rilascia il pulsante sinistro del mouse, gli oggetti continuano a ruotare lungo l orbita nella direzione specificata. La velocità impostata per il movimento del cursore determina la velocità di rotazione degli oggetti. (Avete presente le macchinine a frizione? Stesso concetto). È possibile modificare la direzione dell orbita continua 3D facendo clic e trascinando nuovamente il dispositivo di puntamento. Inoltre, è possibile modificare la visualizzazione dell orbita continua 3D facendo clic con il pulsante destro del mouse nell area di disegno e scegliendo un opzione dal menu di scelta rapida. Fate qualche prova con questo comando! Dimenticavo: per fermare la rotazione, fare clic con il tasto sinistro del mouse in un punto qualsiasi dell area grafica. Viste assonometriche e viste prospettiche Un altra delle funzionalità del ViewCube è quella di passare agevolmente alla viste: Assonometriche (Parallele come sono chiamate in AutoCAD) Prospettiche Prospettiche con facce ortogonali 29

14 c a p i t o l o 02 Le viste con proiezione prospettica vengono calcolate in base alla distanza compresa tra una teorica cinepresa e il punto di mira. Ad una distanza più breve tra questi due elementi corrisponde una visualizzazione più marcata dell effetto prospettico. Le distanze maggiori producono invece effetti minori sul modello. Nelle viste con proiezione parallela sono visualizzati tutti i punti di un modello proiettati parallelamente allo schermo. Quando la vista di un modello cambia, viene aggiornata con l ultima modalità di proiezione, a meno che la modalità di proiezione corrente impostata per il ViewCube non sia Prospettiva con facce ortogonali. Tale opzione applica la modalità di proiezione prospettica a tutte le viste, a meno che il modello non venga visualizzato da una delle viste faccia, ovvero superiore, inferiore, anteriore, posteriore, sinistra o destra. Alla chiusura del ViewCube, la vista corrente mantiene la modalità di proiezione utilizzata per visualizzare il modello, a meno che Prospettiva con facce ortogonali non sia l ultima modalità impostata. In tal caso, alla vista viene infatti assegnata una proiezione parallela o prospettica. Quando il ViewCube viene riavviato, viene ripristinata l ultima proiezione della vista salvata. Ciascuno dei comandi visti fin qui, così come i comandi già noti dalla progettazione 2D quali, lo Zoom, il Pan, ecc. agiscono, indifferentemente, sia con rappresentazioni di vista assonometriche (parallele nel gergo AutoCAD) che prospettiche. L utilizzo dell una o dell altra modalità è, veramente, una questione di gusto personale. Il sottoscritto, per esempio, preferisce modellare in assonometria e, solo in fase di presentazione del progetto, passare alla rappresentazione prospettica. La differenza tra le viste prospettiche e quelle parallele consiste nel fatto che per le prime occorre specificare una distanza tra un apparecchio fotografico virtuale e un punto di mira. Distanze ridotte producono notevoli effetti di deformazione prospettica, distanze lunghe effetti più attenuati. Nella figura seguente è illustrato lo stesso modello in una proiezione parallela e in una proiezione prospettica. Entrambe si basano sulla stessa direzione di visualizzazione. Figura 2.20 Menu contestuale del ViewCube Figura 2.21 Modello ripreso in visualizzazione assonometrica (sinistra) e prospettica (destra) Il passaggio da una modalità all altra avviene attraverso due pulsanti all interno del pannello di controllo Navigazione 3D. Lì dentro si trovano i pulsanti che sono rappresentati appena sotto il titolo di questo paragrafo. 30

15 Visualizzazione e navigazione 3D la variabile che regola la rappresentazione di vista La variabile di sistema Perspective permette di commutare la vista da parallela a prospettica e viceversa. In particolare: se vale 0 la vista è parallela, se vale 1 la vista è prospettica. I due pulsanti del pannello di controllo della navigazione 3D non fanno altro che impostare il valore di questa variabile. Questa variabile di sistema è valida solo nello spazio modello. La vista prospettica non è disponibile nello stile di visualizzazione Wireframe 2D. Se si apre un file da una precedente release con cui la vista prospettica è stata salvata in Wireframe 2D, questa viene visualizzata come proiezione parallela. Stili di visualizzazione Per Stile di visualizzazione si intende un insieme di impostazioni che definiscono la visualizzazione degli spigoli e l ombreggiatura delle facce di un modello a video. All interno di AutoCAD sono previsti dieci diversi stili di visualizzazione predefiniti, che possono eventualmente essere modificati o utilizzati come base per degli stili personalizzati. L effetto del passaggio da uno stile di visualizzazione all altro è visibile nella finestra grafica non appena questo viene applicato o se ne modificano le impostazioni. In Gestione stili di visualizzazione vengono visualizzate le immagini di esempio degli stili di visualizzazione disponibili nel disegno. Lo stile di visualizzazione selezionato è indicato dal bordo giallo e le relative impostazioni vengono visualizzate nel pannello al di sotto delle immagini di esempio. Per modificare alcune impostazioni di uso frequente aprire il Gestione stili di visualizzazione. È disponibile anche una barra degli strumenti nella quale selezionare i pulsanti che commutano la visualizzazione da uno stile all altro. I dieci stili di visualizzazione predefiniti sono: Wireframe 2D: visualizza gli oggetti utilizzando linee e curve per rappresentare i contorni. Gli oggetti raster e OLE, i tipi di linea e gli spessori di linea sono visibili. 31

16 c a p i t o l o 02 Concettuale: applica l ombreggiatura agli oggetti e smussa gli spigoli tra le facce poligonali. Per l ombreggiatura viene utilizzato lo stile faccia di Gooch, una transizione tra colori freddi e caldi, anziché dallo scuro al chiaro. L effetto è meno realistico ma può rendere più visibili i dettagli del modello. Nascosto 3D: visualizza gli oggetti utilizzando la rappresentazione Wireframe 3D e nasconde le linee che rappresentano le facce posteriori. Realistico: applica l ombreggiatura agli oggetti e smussa gli spigoli tra le facce poligonali. Vengono visualizzati i colori dei materiali associati agli oggetti. Ombreggiato: visualizza gli oggetti tramite l applicazione di ombreggiature uniformi. Ombreggiato con spigoli: visualizza gli oggetti tramite l applicazione di ombreggiature uniformi e di spigoli visibili. Tonalità di grigio: visualizza gli oggetti tramite l applicazione di ombreggiature uniformi e di tonalità monocromatiche di grigio. Schizzo: visualizza gli oggetti tramite l effetto di schizzo manuale utilizzando linee di estensione e modificatori di spigoli di distorsione. Wireframe 3D: visualizza gli oggetti utilizzando linee e curve per rappresentare i contorni. Raggi X: visualizza gli oggetti parzialmente trasparenti. 32

17 Visualizzazione e navigazione 3D Figura 2.22 Pannello di controllo degli stili di visualizzazione Figura 2.23 Esempi di visualizzazione secondo i diversi stili il rendering non-fotorealistico di gooch L algoritmo di rendering non realistico di Gooch, nasce nei primi anni di questo secolo (2001) ad opera della coppia Bruce e Amy Gooch, due ricercatori americani nel campo della computer grafica. La premessa alla base delle loro ricerche è stata la convinzione che le rappresentazioni 33

18 c a p i t o l o 02 ombreggiate con l algoritmo di Phong (il più utilizzato algoritmo per il rendering fotorealistico nei programmi CAD. nda) non fornisca la stessa ricchezza di un disegno ombreggiato da un essere umano con i pastelli o un altra tecnica di colorazione. Il metodo di calcolo di questo nuovo algoritmo che simula la colorazione con i pastelli, si basa sul cambiamento di luminanza e di tonalità per indicare l orientamento delle facce, riservando i chiari e gli scuri agli spigoli e alle zone evidenziate. L ombreggiatura delle facce utilizza dei mezzi toni, in modo che gli spigoli in vista rimangano prominenti. In aggiunta questa tecnica permette di simulare con maggiore realismo gli oggetti metallici, scarsamente considerati con l algoritmo di Phong che agisce meglio con i materiali plastici. Figura 2.24 Effetti degli algoritmi di Phong (prima a sinistra) e Gooch a confronto Impostazione delle modalità di navigazione Buona parte delle impostazioni di navigazione presenti in AutoCAD, possono essere determinate all interno del menu contestuale di ognuno dei comandi di navigazione (orbita, zoom, pan, ecc.). Questo menu di navigazione consente di accedere facilmente alle impostazioni del comando di navigazione corrente o di passare ad un altra modalità di visualizzazione/navigazione. L aspetto più significativo, è la possibilità di passare da una modalità di navigazione ad un altra attraverso l utilizzo dei tasti numerici della tastiera. La opzione Altre modalità di navigazione, infatti permette di passare dallo Zoom all Orbita 3D vincolata con la semplice pressione del tasto <1>. Di seguito tutte le modalità gestite: Tasto 1 Orbita vincolata Tasto 2 Orbita libera Tasto 3 Orbita continua Tasto 4 Regola distanza Tasto 5 Ruota intorno ad asse Tasto 6 Passeggia Tasto 7 Vola Tasto 8 Zoom Tasto 9 Pan 34

19 Visualizzazione e navigazione 3D Sempre all interno dello stesso menu contestuale si può commutare lo stile di visualizzazione corrente, come riportato nella figura Figura 2.25 Menu contestuale sulle modalità di navigazione Figura 2.26 Passaggio da uno stile all altro attraverso il menu contestuale di navigazione La tabella seguente descrive tutte le opzioni possibili all interno del menu contestuale di navigazione. Esci Esce dal comando di visualizzazione corrente e fa tornate AutoCAD in una situazione di attesa di comandi Modalità corrente: Visualizza il comando di visualizzazione/navigazione dal quale si è effettuato il clic con il tasto destro del mouse Altre modalità di navigazione Attiva un sotto menu per la scelta degli altri comandi di visualizzazione Attiva Orbita con bersaglio automatico Accende/Spegne la funzionalità di bersaglio automatico quando i comandi attivi sono quelli di orbitazione 3D Impostazioni animazione Visualizza la finestra di dialogo per l impostazione dei parametri di animazione e per il loro salvataggio Zoom finestra Esegue uno Zoom finestra Zoom estensioni Esegue uno Zoom estensioni Zoom precedente Esegue uno Zoom precedente Parallela Passa ad una rappresentazione assonometrica Prospettica Passa ad una rappresentazione prospettica Ripristina vista Ripristina la vista corrente nella situazione antecedente al comando corrente di visualizzazione/navigazione Viste impostate Permette di passare ad una delle viste canoniche preimpostate (Alto, Basso, Destra, Sinistra, ecc.) Stili visualizzazione Commuta da uno stile di visualizzazione ad un altro 35

20 c a p i t o l o 02 Assistenza visuale Accende/Spegne una serie di strumenti che migliorano la rappresentazione della scena quando si utilizzano i comandi di visualizzazione, come documentato in figura Figura 2.27 Strumenti di assistenza visuale attivati (Bussola e Griglia) Personalizzare e ottimizzare la visualizzazione Oltre agli strumenti di navigazione e ai vari stili di visualizzazione, bisogna parlare anche della personalizzazione che possiamo fare con AutoCAD, dei diversi parametri relativi alla risoluzione di visualizzazione, tramite la finestra di dialogo delle Opzioni. Quando si modella e si creano oggetti tridimensionali, è importante settare la risoluzione di visualizzazione, in quanto, questi parametri ci permettono di migliorare l accuratezza di visualizzazione degli oggetti bidimensionali come archi, cerchi e polilinee, non solo, è possibile regolare anche la levigatezza degli oggetti ombreggiati e sottoposti a rendering e degli oggetti dai quali sono state rimosse le linee nascoste o specifica il numero di linee di contorno per superficie degli oggetti. Aumentando questi valori si avranno elementi ed oggetti 3D più accurati, a scapito però delle prestazioni del computer. Nel dettaglio: Accuratezza di archi e cerchi: Imposta la risoluzione degli oggetti nella finestra corrente (valore minimo 1, valore massimo 20000). Segmenti in una curva di polilinea: Imposta il numero di segmenti di linea per ogni polilinea di adattamento spline generata dall opzione Spline del comando EDITPL (valore minimo , valore massimo 32767). Accuratezza oggetto di rendering: Regola la levigatezza degli oggetti ombreggiati e sottoposti a rendering e degli oggetti dei quali sono state rimosse le linee nascoste (valore minimo 0,01, valore massimo 10). Linee di contorno per superficie: Specifica il numero di linee di contorno per superficie degli oggetti (valore minimo 0, valore massimo 2047). 36

21 Visualizzazione e navigazione 3D Figura 2.28 Scheda Visualizzazione con valori di Risoluzione di default (finestra di dialogo opzioni) Nelle due figure seguenti (2.29a e 2.29b), possiamo vedere la differenza di visualizzazione tra due immagini composte da un fotomontaggio di una porzione in wireframe e una porzione ombreggiata, con valori impostati al minimo ed al massimo. Figura 2.29a Esempio con impostazioni di Risoluzione basse. Modalità Wireframe Tonalità di grigio Figura 2.29b Esempio con impostazioni di Risoluzione alte. Modalità Wireframe Tonalità di grigio Conclusioni Siamo giunti alla conclusione di questo capitolo veramente molto importante per la buona riuscita nella modellazione 3D e nel rendering con AutoCAD. Provate a modellare qualcosa anche di molto semplice e utilizzatelo per delle prove di visualizzazione/ navigazione. Se non ne avete voglia o il tempo, nella cartella degli esercizi del capitolo due ci sono alcuni modelli con i quali potete esercitarvi. In bocca al lupo. 37

Il controllo della visualizzazione

Il controllo della visualizzazione Capitolo 3 Il controllo della visualizzazione Per disegnare in modo preciso è necessario regolare continuamente l inquadratura in modo da vedere la parte di disegno che interessa. Saper utilizzare gli

Dettagli

Indice. Indice vi- III. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9

Indice. Indice vi- III. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9 Percezione Costruzioni e comunicazione geometriche Indice vi- III Indice Unità 1 Il personal computer, 1 1.1 Struttura del personal computer, 2 1.2 Il software, 5 1.3 I dispositivi informatici di stampa,

Dettagli

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D AutoCAD 3D Lavorare nello spazio 3D Differenze tra 2D e 3 D La modalità 3D include una direzione in più: la profondità (oltre l altezza e la larghezza) Diversi modi di osservazione Maggiore concentrazione

Dettagli

La carta intelligente: l ambiente layout

La carta intelligente: l ambiente layout La carta intelligente: l ambiente layout Un layout di AutoCAD è paragonabile a un foglio di carta e vi consente di impostare alcune opzioni tra cui quelle di stampa. In un disegno avete la possibilità

Dettagli

Capitolo 11. Il disegno in 3D

Capitolo 11. Il disegno in 3D Capitolo 11 Il disegno in 3D o 11.1 Uso delle coordinate nello spazio o 11.2 Creazione di oggetti in 3D o 11.3 Uso dei piani di disegno in 3D (UCS) o 11.4 Creazione delle finestre di vista o 11.5 Definizione

Dettagli

CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI

CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI Benvenuti a tutti al corso sull utilizzo di Autocad, in questa prima lezione voglio quali sono i principi base del funzionamento di Autocad. Autocad non è nient altro che

Dettagli

EasyPrint v4.15. Gadget e calendari. Manuale Utente

EasyPrint v4.15. Gadget e calendari. Manuale Utente EasyPrint v4.15 Gadget e calendari Manuale Utente Lo strumento di impaginazione gadget e calendari consiste in una nuova funzione del software da banco EasyPrint 4 che permette di ordinare in maniera semplice

Dettagli

Manuale elettronico Selection CAD

Manuale elettronico Selection CAD Manuale elettronico Selection CAD Versione: 1.0 Nome: IT_AutoCAD_V1.PDF Argomenti: 1 Nozioni generali su Selection CAD (AutoCAD)...2 2 Interfaccia AutoCAD...2 2.1 Funzioni di menu...2 2.2 Funzioni delle

Dettagli

AutoCAD 3D base. Arch. Antonella Cafiero Studio di Architettura Lighting Design ss 275 km 19.900 Miggiano -LEwww.cafieroarchitettura.

AutoCAD 3D base. Arch. Antonella Cafiero Studio di Architettura Lighting Design ss 275 km 19.900 Miggiano -LEwww.cafieroarchitettura. AutoCAD 3D base 1 - Dialogo con AutoCAD Sistema di riferimento Specificazione dei punti Selezione di oggetti Personalizzazione dell ambiente operativo Creazione di un nuovo disegno Apertura di un disegno

Dettagli

Introduzione alla Grafica 3D

Introduzione alla Grafica 3D Informatica Grafica per le arti Introduzione alla Grafica 3D La realizzazione di grafica tridimensionale e' un processo molto complicato che richiede notevole potenza di calcolo. Generare un'immagine tridimensionale

Dettagli

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Microsoft PowerPoint è un software progettato

Dettagli

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9 Indice III Indice Unità 1 Il personal computer, 1 1.1 Struttura del personal computer, 2 1.2 Il software, 5 1.3 I dispositivi informatici di stampa, 6 1.4 Il disegno al computer, 7 1.5 La fotografia digitale,

Dettagli

L ambiente grafico e le viste

L ambiente grafico e le viste 1 In questo Tutorial impareremo a conoscere l ambiente grafico di Cinema 4D e a muoverci tra le varie viste dello stesso All apertura di Cinema 4D apparirà la seguente interfaccia Pag. 1 Clicchiamo nella

Dettagli

EasyPrint v4.7. Impaginatore Album. Manuale Utente

EasyPrint v4.7. Impaginatore Album. Manuale Utente EasyPrint v4.7 Impaginatore Album Manuale Utente Lo strumento di impaginazione album consiste in una nuova funzione del software da banco EasyPrint 4 che permette di organizzare le immagini in maniera

Dettagli

La creazione e l apertura dei disegni

La creazione e l apertura dei disegni Capitolo 3 La creazione e l apertura dei disegni Per lavorare con efficienza è importante memorizzare i documenti in modo da poterli ritrovare facilmente. È indispensabile, inoltre, disporre di modelli

Dettagli

Guida in linea. lo 1. TIC - Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione - Prof. Franco Tufoni - 1 -

Guida in linea. lo 1. TIC - Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione - Prof. Franco Tufoni - 1 - 1-1 - Introduzione Microsoft Excel 2000 è una applicazione software che può essere usata come: Foglio elettronico. Database. Generatore di grafici. Capittol lo 1 Introduzione e Guida in linea Si può paragonare

Dettagli

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Credo sia utile impostare fin da subito le unità di misura. InDesign > Unità e incrementi Iniziamo poi creando un nuovo documento. File

Dettagli

sommario 01 I fondamentali e l interfaccia di base 1 03 Apertura, creazione e salvataggio di disegni 27 04 Strumenti di ausilio al disegno 43

sommario 01 I fondamentali e l interfaccia di base 1 03 Apertura, creazione e salvataggio di disegni 27 04 Strumenti di ausilio al disegno 43 sommario 01 I fondamentali e l interfaccia di base 1 AutoCAD, AutoCAD per Mac, e 1 L avvio di AutoCAD 2 I primi cenni sull interfaccia 2 L area di disegno 5 Il cursore grafico 5 L icona del sistema di

Dettagli

Cominciamo dalla barra multifunzione, ossia la struttura a schede che ha sostituito la barra dei menu e la barra delle icone (Figura 1).

Cominciamo dalla barra multifunzione, ossia la struttura a schede che ha sostituito la barra dei menu e la barra delle icone (Figura 1). La barra multifunzione La barra multifunzione e il pulsante Microsoft Office Se avete lavorato per tanti anni con la suite da ufficio Office, questa nuova versione 2007 può disorientarvi davvero molto.

Dettagli

Guida rapida. Esplorazione dell interfaccia. Strumenti per visualizzare l immagine

Guida rapida. Esplorazione dell interfaccia. Strumenti per visualizzare l immagine Guida rapida Esplorazione dell interfaccia Questa guida indica come: Visualizzare le immagini ricostruite Utilizzare le funzionalità e gli strumenti principali per ottimizzare un immagine. 2 3 5 6 7 NOTA:

Dettagli

Viste prospettiche in Autocad: Vista Dinamica

Viste prospettiche in Autocad: Vista Dinamica Viste prospettiche in Autocad: Vista Dinamica La rappresentazione tridimensionale in AutoCAD comprende oltre alle viste assonometriche anche quelle prospettiche. Il comando VISTAD (_dview) consente di

Dettagli

Iniziare CAPITOLO 1. Obiettivi

Iniziare CAPITOLO 1. Obiettivi CAPITOLO 1 Iniziare Obiettivi Richiamare i comandi di AutoCAD tramite menu, menu di schermo, digitalizzatore, riga di comando o barre degli strumenti Comprendere il funzionamento delle finestre di dialogo

Dettagli

Microsoft Word 2007 Avanzato Lezione 16. Dimensione delle immagini

Microsoft Word 2007 Avanzato Lezione 16. Dimensione delle immagini Dimensione delle immagini e Scorrimento del testo Dimensione delle immagini Anche oggi parliamo di immagini. Cominciamo proponendo qualche considerazione circa le dimensioni e il ritaglio dell immagine

Dettagli

istruzioni per l uso 1. Che cos è Google Earth

istruzioni per l uso 1. Che cos è Google Earth istruzioni per l uso 1. Che cos è Google Earth Google Earth è un software che permette una navigazione virtuale della Terra. Il programma deve essere installato sul proprio computer e, per poterlo utilizzare

Dettagli

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Versione 1.0 Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Corso anno 2011 D. MANUALE UTILIZZO DEL VISUALIZZATORE Il Visualizzatore è un programma che permette di

Dettagli

Capitolo3. Si apre la seguente finestra. Figura 29. Proprietà immagine di sfondo. - Università degli Studi della Repubblica di San Marino -

Capitolo3. Si apre la seguente finestra. Figura 29. Proprietà immagine di sfondo. - Università degli Studi della Repubblica di San Marino - Capitolo3 LAVORARE CON LE IMMAGINI E certo che l impatto visivo in un sito internet è molto importante ma è bene tenere presente che immagini e fotografie, pur arricchendo la struttura grafica di un web,

Dettagli

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail. Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.com Indice: La finestra di Word Barra del titolo Barra dei menu Barra degli

Dettagli

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Il foglio elettronico (definito anche spreadsheet) è uno strumento formidabile. Possiamo considerarlo come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo si estende

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Pagina 29 di 47 3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Come abbiamo già detto in precedenza, l informatica si divide in due grandi mondi : l hardware

Dettagli

Guida introduttiva. Visualizzare altre opzioni Fare clic su questa freccia per visualizzare altre opzioni in una finestra di dialogo.

Guida introduttiva. Visualizzare altre opzioni Fare clic su questa freccia per visualizzare altre opzioni in una finestra di dialogo. Guida introduttiva Questa guida è stata creata con lo scopo di ridurre al minimo la curva di apprendimento di Microsoft PowerPoint 2013, che presenta numerose differenze rispetto alle versioni precedenti.

Dettagli

STRUMENTI PER L ACCESSIBILITÀ DEL COMPUTER.

STRUMENTI PER L ACCESSIBILITÀ DEL COMPUTER. STRUMENTI PER L ACCESSIBILITÀ DEL COMPUTER. Windows 7 e 8 strumenti per l ipovisione. Windows Seven/8 offrono ottimi strumenti per personalizzare la visualizzazione in caso di ipovisione: - una lente di

Dettagli

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per:

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: 1 - File Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: - l apertura e salvataggio di disegni nuovi e esistenti; - al collegamento con altri programmi, in particolare AutoCAD; - le opzioni di importazione

Dettagli

Programma MyHatch. Manuale d'uso

Programma MyHatch. Manuale d'uso Programma MyHatch Manuale d'uso PREMESSE... 2 SCOPO DEL PROGRAMMA... 2 I TRATTEGGI DI AUTOCAD... 2 IL PROGRAMMA MYHATCH... 2 LA DEFINIZIONE DEI MOTIVI... 3 USO DEL PROGRAMMA... 5 INSTALLAZIONE... 5 BARRA

Dettagli

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Crotone, maggio 2005 Windows Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Sistema Operativo Le funzioni software di base che permettono al computer di funzionare formano il sistema operativo. Esso consente

Dettagli

Le tavole di progetto

Le tavole di progetto Le tavole di progetto Una volta completato il modello ed organizzate le viste di progetto, predisporre le tavole esecutive per la costruzione è un gioco da ragazzi! La possibilità di estrarre le viste

Dettagli

Guida rapida - versione Web e Tablet

Guida rapida - versione Web e Tablet Guida rapida - versione Web e Tablet Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Gestisce interattivamente

Dettagli

Introduzione a PowerPoint

Introduzione a PowerPoint Office automation - Dispensa su PowerPoint Pagina 1 di 11 Introduzione a PowerPoint Premessa Uno strumento di presentazione abbastanza noto è la lavagna luminosa. Questo strumento, piuttosto semplice,

Dettagli

3.2. Passo 2: Navigazione per individuare l articolo richiesto

3.2. Passo 2: Navigazione per individuare l articolo richiesto 1. Tec-Service CAD Häfele Tec-Service CAD è una banca dati di articoli Häfele, dalla quale scaricare disegni e modelli da trasferire nei propri software CAD, ad es. AutoCAD. Tec-Service CAD permette di

Dettagli

Corso di INFORMATICA GRAFICA. Modulo 2 (CAD) Stefano Cinti Luciani. Introduzione ad AutoCAD

Corso di INFORMATICA GRAFICA. Modulo 2 (CAD) Stefano Cinti Luciani. Introduzione ad AutoCAD Corso di INFORMATICA GRAFICA Modulo 2 (CAD) Stefano Cinti Luciani Introduzione ad AutoCAD Autodesk AutoCAD COS È AUTOCAD? Autodesk AutoCAD è un pacchetto software per la costruzione e modifica di disegni

Dettagli

Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari

Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari Alla fine del capitolo saremo in grado di: Operare su forme tridimensionali comunque inclinate nello spazio rispetto ai piani

Dettagli

4. Strumenti di aiuto al lavoro

4. Strumenti di aiuto al lavoro 4. Strumenti di aiuto al lavoro GRIGLIA E SNAP La GRIGLIA è una matrice rettangolare di punti o linee (a seconda dello stile di visualizzazione) disposti secondo un intervallo X e Y che si estende sull'area

Dettagli

Messa in tavola di un modello tridimensionale

Messa in tavola di un modello tridimensionale 18 Messa in tavola di un modello tridimensionale Creare viste d insieme e di dettaglio, con sezioni e particolari di un modello tridimensionale. Introduzione In questo capitolo vedremo come documentare

Dettagli

Scansione. Stampante/copiatrice WorkCentre C2424

Scansione. Stampante/copiatrice WorkCentre C2424 Scansione In questo capitolo sono inclusi i seguenti argomenti: "Nozioni di base sulla scansione" a pagina 4-2 "Installazione del driver di scansione" a pagina 4-4 "Regolazione delle opzioni di scansione"

Dettagli

Introduzione a Microsoft Word 2007

Introduzione a Microsoft Word 2007 Introduzione a Microsoft Word 2007 Autore: Alessandra Salvaggio Tratto dal libro: Lavorare con Word 2007 Non ostante che Microsoft Office 2007 sia uscito da un po di tempo, molte persone ancora non sono

Dettagli

Photohands. Software di ritocco e stampa per Windows. Manuale di istruzioni. Versione 1.0 K862PSM8DX

Photohands. Software di ritocco e stampa per Windows. Manuale di istruzioni. Versione 1.0 K862PSM8DX I Photohands Versione 1.0 Software di ritocco e stampa per Windows Manuale di istruzioni K862PSM8DX Windows è un marchio di fabbrica di Microsoft Corporation. Altre aziende e nomi di prodotti sono marchi

Dettagli

DISPENSA DI GEOMETRIA

DISPENSA DI GEOMETRIA Il software di geometria dinamica Geogebra GeoGebra è un programma matematico che comprende geometria, algebra e analisi. È sviluppato da Markus Hohenwarter presso la Florida Atlantic University per la

Dettagli

MANUALE DI XTRA CONTROLLER PRO

MANUALE DI XTRA CONTROLLER PRO MANUALE DI XTRA CONTROLLER PRO INDICE Cliccando su una qualsiasi voce di questo elenco, verrà visualizzato il capitolo corrispondente 1. INTRODUZIONE...3 2. FUNZIONE TRAVELLING ZOOM...5 3. FUNZIONE CHAT

Dettagli

FINSON EXTRACAD 6 Manuale d uso minimo

FINSON EXTRACAD 6 Manuale d uso minimo FINSON EXTRACAD 6 minimo AVVIO Attraverso l icona ExtraCAD 2D presente sul desktop o tra i programmi del menù Start. In alcuni casi il software potrebbe non essere stato installato nella cartella Programmi,

Dettagli

INIZIAMO A IMPARARE WORD

INIZIAMO A IMPARARE WORD Associazione Nazionale Seniores Enel Associazione di solidarietà tra dipendenti e pensionati delle Aziende del Gruppo Enel Sezione Territoriale Lombardia - Nucleo di Milano E-Mail del Nucleo di Milano:

Dettagli

Guida per l utente. Versione 2.5.4 - gennaio 2011 info@fotostampadiscount.it. FotoMax editor è il software gratuito di

Guida per l utente. Versione 2.5.4 - gennaio 2011 info@fotostampadiscount.it. FotoMax editor è il software gratuito di Guida per l utente Versione 2.5.4 - gennaio 2011 info@fotostampadiscount.it FotoMax editor è il software gratuito di Indice Contenuti Introduzione... pag. 1 Copyright e contenuti... 2 Privacy... 2 Download

Dettagli

Alibre Design. Lezione n 6 Messa in tavola. www.lista.it Sesto esercizio, pagina 1 di 22

Alibre Design. Lezione n 6 Messa in tavola. www.lista.it Sesto esercizio, pagina 1 di 22 Alibre Design Lezione n 6 Messa in tavola www.lista.it Sesto esercizio, pagina 1 di 22 Abbiamo già visto nelle lezioni precedenti come avviare Alibre in modalità Pezzo (per disegnare una parte) o in modalità

Dettagli

Computare i locali. Materiale di proprietà di 4m group www.4mgroup.it Tutti i diritti riservati.

Computare i locali. Materiale di proprietà di 4m group www.4mgroup.it Tutti i diritti riservati. Computare i locali Il nostro sistema BIM è stato proprio pensato per ridurre tutte le attività noiose del progettista: pensate solo a quanto sia antipatico aggiornare il calcolo della metratura delle stanze

Dettagli

MArine Coastal Information SysTEm

MArine Coastal Information SysTEm GUIDA ALL UTILIZZO DELL INTERFACCIA CARTOGRAFICA Il MArine Coastal Information SysTEm è un sistema informativo integrato che permette di gestire dati ambientali interdisciplinari (fisici, chimici e biologici)

Dettagli

Capitolo 9. Figura 104. Tabella grafico. Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico. Si apre la seguente finestra:

Capitolo 9. Figura 104. Tabella grafico. Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico. Si apre la seguente finestra: Capitolo 9 I GRAFICI Si apra il Foglio3 e lo si rinomini Grafici. Si crei la tabella seguente: Figura 104. Tabella grafico Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico.

Dettagli

lo 2 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000

lo 2 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000 Capittol lo 2 Visualizzazione 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000 Nel primo capitolo sono state analizzate le diverse componenti della finestra di Word 2000: barra del titolo, barra dei menu,

Dettagli

Personalizzare l area di lavoro

Personalizzare l area di lavoro 1 Personalizzare l area di lavoro Panoramica della lezione In questa lezione conoscerai l interfaccia del programma Dreamweaver CS6 (Creative Suite 6) e imparerai come: Passare fra le viste documento Gestire

Dettagli

autocad sommario 12-10-2006 23:50 Pagina V Indice Introduzione

autocad sommario 12-10-2006 23:50 Pagina V Indice Introduzione autocad sommario 12-10-2006 23:50 Pagina V Indice Introduzione XV Capitolo 1 Introduzione ad AutoCAD 1 1.1 Comprensione della finestra di AutoCAD 1 Componenti della finestra 5 Area di disegno 9 Barra dei

Dettagli

Premessa. GUI: organizzazione generale

Premessa. GUI: organizzazione generale Premessa Luxology Modo è un software di grafica 3D di ultima generazione. Non è un software con una vocazione specifica, ma piuttosto un sistema estremamente flessibile che comprende modellazione solida

Dettagli

Gestire immagini e grafica con Word 2010

Gestire immagini e grafica con Word 2010 Gestire immagini e grafica con Word 2010 Con Word 2010 è possibile impaginare documenti in modo semi-professionale ottenendo risultati graficamente gradevoli. Inserire un immagine e gestire il testo Prima

Dettagli

Introduzione. Strumenti di Presentazione Power Point. Risultato finale. Slide. Power Point. Primi Passi 1

Introduzione. Strumenti di Presentazione Power Point. Risultato finale. Slide. Power Point. Primi Passi 1 Introduzione Strumenti di Presentazione Power Point Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it Con il termine STRUMENTI DI PRESENTAZIONE, si indicano programmi in grado di preparare presentazioni

Dettagli

CREARE PRESENTAZIONI CON POWERPOINT

CREARE PRESENTAZIONI CON POWERPOINT CREARE PRESENTAZIONI CON POWERPOINT Creare presentazioni per proiettare album fotografici su PC, presentare tesi di laurea, o esporre prodotti e servizi. Tutto questo lo puoi fare usando un programma di

Dettagli

Word_2000 Capitolo 1 Word_2000. lo 1

Word_2000 Capitolo 1 Word_2000. lo 1 Capittol lo 1 Introduzione e Guida in linea 1-1 Introduzione Microsoft Word 2000 è un programma di trattamento testi, in inglese Word Processor, che può essere installato nel proprio computer o come singolo

Dettagli

Comandi di Excel. Tasti di scelta rapida da Barra delle Applicazioni MAIUSC+F12 CTRL+N. dall utente MAIUSC+F1 ALT+V+Z

Comandi di Excel. Tasti di scelta rapida da Barra delle Applicazioni MAIUSC+F12 CTRL+N. dall utente MAIUSC+F1 ALT+V+Z 2.1 Primi passi con Excel 2.1.1 Introduzione Excel è il foglio elettronico proposto dalla Microsoft ed, in quanto tale, fornisce tutte le caratteristiche per la manipolazione dei dati, realizzazioni di

Dettagli

Guida a Mac OS X per gli utenti Windows

Guida a Mac OS X per gli utenti Windows apple 1 Per iniziare Guida a Mac OS X per gli utenti Windows Avete fatto il grande passo? Siete passati a Macintosh o siete tornati a questo sistema dopo un lungo periodo di utilizzo di Windows? Questa

Dettagli

MODULO DOMANDE INDICE

MODULO DOMANDE INDICE INDICE INDICE... 2 IL PROGRAMMA... 3 LA VIDEATA PRINCIPALE... 4 IL MENU FILE... 7 Esportare i file... 9 LA FINESTRA DELLA RISPOSTA... 11 TUTTI I MODI PER INSERIRE IL TESTO... 11 I Collegamenti... 12 MODELLI

Dettagli

icartoon manuale d uso

icartoon manuale d uso icartoon manuale d uso icartoon ti consente di creare animazioni anche complesse e di esportarle. Quello che esporti da icartoon è basato su QuickTime che è uno standard per il multimedia: può quindi essere

Dettagli

FONDAMENTI DI AUTOCAD

FONDAMENTI DI AUTOCAD Indice Introduzione XIII PARTE PRIMA FONDAMENTI DI AUTOCAD 1 Capitolo 1 Iniziare a disegnare 3 1.1 Conoscere AutoCAD 3 1.2 Avviare AutoCAD 4 1.3 Creare un nuovo disegno 5 1.4 Utilizzare l interfaccia di

Dettagli

L interfaccia di P.P.07

L interfaccia di P.P.07 1 L interfaccia di P.P.07 Barra Multifunzione Anteprima delle slide Corpo della Slide Qui sotto vediamo la barra multifunzione della scheda Home. Ogni barra è divisa in sezioni: la barra Home ha le sezioni

Dettagli

CORSISTA: ALESSANDRA ARMANNI CLASSE: G7 IMMAGINI DIGITALI settimana IV

CORSISTA: ALESSANDRA ARMANNI CLASSE: G7 IMMAGINI DIGITALI settimana IV CORSISTA: ALESSANDRA ARMANNI CLASSE: G7 IMMAGINI DIGITALI settimana IV La scorsa settimana, ci siamo avvalsi di tutorial disponibili in rete per utilizzare alcune funzioni di Gimp! Immaginate ora di dover

Dettagli

TypeEdit LaserType. TypeEdit e LaserType: i software artistici CAD/CAM, leader nel mercato, Vi offrono nuove e potenti funzionalità.

TypeEdit LaserType. TypeEdit e LaserType: i software artistici CAD/CAM, leader nel mercato, Vi offrono nuove e potenti funzionalità. TypeEdit LaserType V11 Innovativo Produttivo Ottimizzato TypeEdit e LaserType: i software artistici CAD/CAM, leader nel mercato, Vi offrono nuove e potenti funzionalità. Con la nuova versione V11, ottimizzano,

Dettagli

SardegnaFotoAeree. La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE

SardegnaFotoAeree. La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE SardegnaFotoAeree La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA [2] Indice 1. Introduzione 2. Navigatore 5 7 8 9 2.1. Strumenti di navigazione 2.2. Ricerca

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Maria Maddalena Fornari Aprire il programma Per creare un nuovo documento oppure per

Dettagli

Modulo 6 Strumenti di presentazione

Modulo 6 Strumenti di presentazione Modulo 6 Strumenti di presentazione Gli strumenti di presentazione permettono di realizzare documenti ipertestuali composti da oggetti provenienti da media diversi, quali: testo, immagini, video digitali,

Dettagli

Demo. La palette allinea. La palette Anteprima conversione trasparenza. Adobe Illustrator CS2

Demo. La palette allinea. La palette Anteprima conversione trasparenza. Adobe Illustrator CS2 Le Palette (parte prima) Come abbiamo accennato le Palette permettono di controllare e modificare il vostro lavoro. Le potete spostare e nascondere come spiegato nella prima lezione. Cominciamo a vedere

Dettagli

Istituto Alberghiero De Filippi Laboratorio di informatica Corso ECDL MODULO 6 ECDL. Strumenti di presentazione Microsoft PowerPoint ECDL

Istituto Alberghiero De Filippi Laboratorio di informatica Corso ECDL MODULO 6 ECDL. Strumenti di presentazione Microsoft PowerPoint ECDL Istituto Alberghiero De Filippi Laboratorio di informatica Corso ECDL MODULO 6 ECDL Strumenti di presentazione Microsoft PowerPoint ECDL Gli strumenti di presentazione servono a creare presentazioni informatiche

Dettagli

Microsoft PowerPoint 2003. Tutorial

Microsoft PowerPoint 2003. Tutorial Facoltà di Lettere e Filosofia Cdl in Scienze dell Educazione A.A. 2010/2011 Informatica (Laboratorio) Microsoft PowerPoint 2003 Tutorial Author Kristian Reale Rev. 2011 by Kristian Reale Liberamente distribuibile

Dettagli

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico 1 Finestra principale di Excel 2 Finestra principale di Excel Questi pulsanti servono per ridurre ad icona, ripristinare e chiudere la finestra dell applicazione.

Dettagli

2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento.

2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento. Uso del computer e gestione dei file 57 2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento. All interno

Dettagli

Capitolo I Esercitazione n. 1: Uso del computer e gestione dei file

Capitolo I Esercitazione n. 1: Uso del computer e gestione dei file Capitolo I Esercitazione n. 1: Uso del computer e gestione dei file Scopo: Windows, creare cartelle, creare e modificare file di testo, usare il cestino, spostare e copiare file, creare collegamenti. A

Dettagli

Talento LAB 2.1 - GUIDA E ASSISTENTE LA GUIDA IN LINEA. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 2.1 - GUIDA E ASSISTENTE LA GUIDA IN LINEA. In questa lezione imparerete a: Lab 2.1 Guida e assistente LAB 2.1 - GUIDA E ASSISTENTE In questa lezione imparerete a: Descrivere la Guida in linea e l'assistente Office, Descrivere gli strumenti della Guida in linea di Windows XP,Utilizzare

Dettagli

Guida all uso di Adobe Acrobat e Adobe Reader in ambito didattico

Guida all uso di Adobe Acrobat e Adobe Reader in ambito didattico Guida all uso di Adobe Acrobat e Adobe Reader in ambito didattico Indice Format PDF e software per la creazione di documenti Che cosa si può fare con Adobe Acrobat Commenti, annotazioni e marcature grafiche

Dettagli

Guida introduttiva. Zoom Usare questo dispositivo di scorrimento per ingrandire e ridurre la visualizzazione delle pagine della pubblicazione.

Guida introduttiva. Zoom Usare questo dispositivo di scorrimento per ingrandire e ridurre la visualizzazione delle pagine della pubblicazione. Guida introduttiva L'aspetto di Microsoft Publisher 2013 è molto diverso da quello delle versioni precedenti. Grazie a questa guida appositamente creata è possibile ridurre al minimo la curva di apprendimento.

Dettagli

Office 2007 Lezione 08

Office 2007 Lezione 08 Word: gli stili veloci e i temi Da questa lezione, iniziamo ad occuparci delle innovazioni che riguardano specificamente Word. Cominceremo parlando di stili e temi. Nella filosofia di questo nuovo Word,

Dettagli

Microsoft PowerPoint

Microsoft PowerPoint Microsoft introduzione a E' un programma che si utilizza per creare presentazioni grafiche con estrema semplicità e rapidità. Si possono realizzare presentazioni aziendali diapositive per riunioni di marketing

Dettagli

Modellazione mediante importazione di. file.dxf. Esempio guidato 4 Pag. 1

Modellazione mediante importazione di. file.dxf. Esempio guidato 4 Pag. 1 Esempio guidato 4 Modellazione mediante importazione di file.dxf Esempio guidato 4 Pag. 1 Esempio guidato 4 - Modellazione mediante importazione di file.dxf In questo Tutorial viene illustrata la procedura

Dettagli

On-line Corsi d Informatica sul web

On-line Corsi d Informatica sul web On-line Corsi d Informatica sul web Corso base di Windows Università degli Studi della Repubblica di San Marino Capitolo 1 IL DESKTOP Quando si avvia il computer, si apre la seguente schermata che viene

Dettagli

www.type3.com SCOPRITE Discover TYPE EDIT V12 Italiano 04-2014 1

www.type3.com SCOPRITE Discover TYPE EDIT V12 Italiano 04-2014 1 www.type3.com SCOPRITE Discover TYPE EDIT V12 Italiano 04-2014 1 Scoprite TYPE EDIT V12, la nuova versione del nostro software CAD/CAM per applicazioni industriali e artistiche dedicate alle macchine CNC.

Dettagli

I tracciati sono contorni che potete trasformare in selezioni o a cui potete applicare un riempimento o una traccia di colore. tracciato temporaneo

I tracciati sono contorni che potete trasformare in selezioni o a cui potete applicare un riempimento o una traccia di colore. tracciato temporaneo Disegnare Il disegno (1) Quando si disegna in Adobe Photoshop si creano forme vettoriali e tracciati. Per disegnare potete usare gli strumenti: Forma Penna Penna a mano libera Le opzioni per ogni strumento

Dettagli

ANALISI SOSPENSIONI Modalità Base

ANALISI SOSPENSIONI Modalità Base ANALISI SOSPENSIONI Modalità Base INTRODUZIONE Nella versione 2.30.04 di Race Studio 2 è stata introdotta una nuova funzionalità relativa allo strumento di Analisi delle sospensioni presente all interno

Dettagli

GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D

GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D Marzo 2015 (manuale on-line, con aggiunte a cura di L. Tomasi) Questo articolo si riferisce a un componente della interfaccia utente di GeoGebra. Viste Menu Vista Algebra

Dettagli

Guida introduttiva. Gestire i file Aprire, creare, condividere e stampare le note. Qui si possono anche modificare le impostazioni dell'account.

Guida introduttiva. Gestire i file Aprire, creare, condividere e stampare le note. Qui si possono anche modificare le impostazioni dell'account. Guida introduttiva Questa guida è stata creata con lo scopo di ridurre al minimo la curva di apprendimento di Microsoft OneNote 2013, che presenta numerose differenze rispetto alle versioni precedenti.

Dettagli

SUITE BY11250. Editor Parametri e Configurazione

SUITE BY11250. Editor Parametri e Configurazione Via Como, 55 21050 Cairate (VA) Pagina 1 di 16 SUITE BY11250 (1.0.0.1) Editor Parametri e Configurazione (1.0.0.0) IMPORTANTE Pagina 2 di 16 Le immagini riportate nel presente manuale fanno riferimento

Dettagli

Modulo 6 Power Point - 2014

Modulo 6 Power Point - 2014 Modulo 6 Power Point - 2014 Appunti gratuiti su Google appunti dispense modulo 6 ecdl syllabus 5.0 per chi ha acquistato la skills card dopo il 30/09/2014 specificare new ecdl o nuova ecdl 1 Utilizzo dell

Dettagli

Modulo 4 Strumenti di presentazione

Modulo 4 Strumenti di presentazione Modulo 4 Strumenti di presentazione Scopo del modulo è mettere l allievo in grado di: o descrivere le funzionalità di un software per generare presentazioni. o utilizzare gli strumenti standard per creare

Dettagli

REALIZZIAMO UN FILMATO A PARTIRE DALLE NOSTRE

REALIZZIAMO UN FILMATO A PARTIRE DALLE NOSTRE REALIZZIAMO UN FILMATO A PARTIRE DALLE NOSTRE FOTOGRAFIE CON EFFETTI SPECIALI E COLONNA SONORA Uno dei migliori programmi per raggiungere l obiettivo è gratuito ed è presente in WINDOWS XP: si tratta di

Dettagli

5-1 FILE: CREAZIONE NUOVO DOCUMENTO

5-1 FILE: CREAZIONE NUOVO DOCUMENTO Capittol lo 5 File 5-1 FILE: CREAZIONE NUOVO DOCUMENTO In Word è possibile creare documenti completamente nuovi oppure risparmiare tempo utilizzando autocomposizioni o modelli, che consentono di creare

Dettagli

INDICE. IL CENTRO ATTIVITÀ... 3 I MODULI... 6 IL MY CLOUD ANASTASIS... 8 Il menu IMPORTA... 8 I COMANDI DEL DOCUMENTO...

INDICE. IL CENTRO ATTIVITÀ... 3 I MODULI... 6 IL MY CLOUD ANASTASIS... 8 Il menu IMPORTA... 8 I COMANDI DEL DOCUMENTO... MANCA COPERTINA INDICE IL CENTRO ATTIVITÀ... 3 I MODULI... 6 IL MY CLOUD ANASTASIS... 8 Il menu IMPORTA... 8 I COMANDI DEL DOCUMENTO... 12 I marchi registrati sono proprietà dei rispettivi detentori. Bologna

Dettagli

Quinta lezione: Stampare e salvare una mappa

Quinta lezione: Stampare e salvare una mappa Quinta lezione: Stampare e salvare una mappa Stampa e salvataggio in vari formati. Utilizzare il prodotto per inserirlo in relazioni, come base di disegni In questa lezione vedremo come creare una mappa

Dettagli

11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica

11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica 11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica a cura di Gian Piero Benente Le competenze necessarie al docente di tecnologia e informatica della scuola elementare e della

Dettagli