QUELLE FANTASIE DI LIBESKIND

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUELLE FANTASIE DI LIBESKIND"

Transcript

1 Chinatown, trasloco a Lacchiarella Addio Gratosoglio, l' unica destinazione per il trasloco dei grossisti di Paolo Sarpi è andare fuori dai confini cittadini, a Lacchiarella. Ormai, in Comune, non ci crede più nessuno a veder nascere in via dei Missaglia l' Asian Trading Center. Non ci crede più il sindaco Moratti e neppure i suoi assessori. E domani, nell' ennesimo vertice tra Palazzo Marino e il console cinese, il cambio di rotta dovrà diventare ufficiale: addio al nuovo polo del commercio cinese in via dei Missaglia, annunciato con forte ottimismo due mesi fa, e nuova destinazione fissata a Lacchiarella. Con un ultimatum del Comune riassunto così dal vicesindaco De Corato: «Non si può più perdere tempo. I commercianti devono capire che in autunno Paolo Sarpi dovrà diventare una zona a traffico limitato, e l' anno prossimo un' isola pedonale». Dal Gratosoglio a Lacchiarella, il cambio in corsa non è ancora ufficiale. Ma a questo punto sta nelle cose e viene visto di buon occhio sia da Palazzo Marino che dalla Regione. Entro aprile la comunità cinese avrebbe dovuto pianificare con il Comune, dopo l' accordo annunciato il 19 febbraio, il trasferimento in via dei Missaglia. Aprile è passato, nessuna risposta è più arrivata. Nel frattempo però una cordata di imprenditori cinesi ha già prenotato 40mila metri quadrati al polo commerciale Il Girasole, al confine tra Lacchiarella e Binasco, ed è pronta a portarsi dietro tra i 200 e i 300 grossisti di Chinatown ma non solo. Una pura operazione commerciale privata. Che adesso il Comune spera di sposare per risolvere il rebus-chinatown. E dunque, domani, il console cinese è invitato a Palazzo Marino per spiegare le intenzioni dei suoi connazionali. Prima dell' incontro la giunta ufficialmente non vuole sbilanciarsi. L' assessore all' Urbanistica Carlo Masseroli si limita a questo telegramma: «Siamo arrivati al dunque e nessuno si può più tirare indietro: ci sono tutti gli elementi per il percorso di delocalizzazione, ci aspettiamo che il console ci dica dove vogliono andare i grossisti». Fuori dalle dichiarazioni ufficiali della vigilia, però, è chiarissima la previsione: i commercianti hanno abbandonato Gratosoglio, ma sono disponibili, almeno in parte, a trasferirsi a Lacchiarella. Da qui la giunta che sposa la nuova ipotesi. Anche dalla Regione l' assessore al Territorio Davide Boni si augura che «questa settimana la comunità cinese dia una volta per tutte una risposta definitiva su dove e come intende effettuare lo spostamento del commercio all' ingrosso». Il vicesindaco De Corato insiste: «è il tempo delle decisioni: se vogliono andare a Lacchiarella cercheremo di aiutarli, non con incentivi che un Comune non può dare ma sostenendo le procedure per arrivare al trasferimento il più velocemente possibile». Non a caso, dopo l' incontro di domani, lunedì è già convocato un nuovo incontro sul caso-chinatown anche con il comitato di residenti Vivisarpi. A tutti verrà, fra l' altro, presentato il progetto per la pedonalizzazione di Paolo Sarpi pronto dal 2003, ma solo ora ritirato fuori dal cassetto. Una carta di pressione, la zona a traffico limitato il prossimo autunno e la pedonalizzazione completa nel 2009, sui commercianti cinesi. Non l' unica: si sta studiando anche l' introduzione di vincoli al commercio all' ingrosso nel nuovo Piano di governo del territorio, che sostituirà il vecchio Piano regolatore. GIUSEPPINA PIANO La Repubblica , pagina 2 sezione MILANO Elzeviro Contro il grattacielo curvo di Milano QUELLE FANTASIE DI LIBESKIND Leggendo l' articolo scritto da Daniel Libeskind sul Corriere della Sera il primo maggio, mi viene in mente quel simpatico umorista che, iniziando un suo racconto diceva «... E nuotar vidi le rondini, e volar vidi le rane, vidi tante cose strane che or vi voglio raccontar». Una di queste, l' ultima, più bella di tutte, è la storia che Libeskind racconta del suo grattacielo storto, tanto storto «da farsi ombra da solo»! E che imprenditori, evidentemente dotati di una cultura strettamente personale, hanno scelto pensando di fare una gran bella cosa. Sia Libeskind che quegli imprenditori hanno completamente dimenticato la cosa più importante dell' architettura, che la fa essere l' arte più difficile di tutte le altre, perché deve tener conto di tutte le esigenze più materiali della nostra vita. L' architettura è prima di tutto «spazio per vivere»; tocca all' architetto fare in modo che il vivere non consista solo nel mangiare, dormire e andare al bagno, ma godere dell' alloggio che gli permetta di vivere nel modo migliore secondo i tempi, rendendo tutto questo un' opera d' arte. È evidente che più si conosce, più si impara, e più si ha da dire, ma è ridicolo, come fa nel suo articolo Libeskind, ispirarsi arbitrariamente a opere altrui per fare un' architettura propria, specialmente

2 quando le opere altrui sono di un tempo così lontano rispetto alle scoperte del secolo XX. Di fatto la storia dell' architettura ha solo due tempi: quello che va dall' archeologia al 1900, e quello dal 1900 a noi e al nostro futuro. Due tempi così diversi, dovuti alle grandi scoperte e relative invenzioni, appunto, della fine del 1800 e, non parliamone, delle ultime invenzioni della telematica. Per esempio, è troppo comodo per un architetto fare un' urbanistica e quindi delle abitazioni, senza pensare che oggi l' automobile è parte del nostro corpo e non può essere abbandonata a dieci chilometri di distanza, risolvendo la logistica con onerose viabilità pubbliche, oltretutto con grave disturbo all' ecologia sotterranea. Oggi è possibile costruire città dove le scale sono sostituite da rampe pedonali che permettono normalmente un' intera giornata nel verde e nel caso di incendio la possibilità per un disabile di salvarsi; città in cui si può passare un' intera giornata senza ricorrere all' uso dell' automobile, che può essere parcheggiata sotto casa e utilizzata solo in caso di necessità imprevedibili e di divertimento. Aggiungo soprattutto per gli imprenditori edili che il grattacielo prismatico, ideale ai tempi in cui in Italia c' erano automobili e non 52 milioni come oggi, rappresenta ormai una soluzione antieconomica rispetto ad altre più avanzate. Questo solo per ricordare che oggi si può vivere ancora bene abitando in alloggi pensati da architetti e non da soltanto «artisti contemporanei». Solo come «artisti» possono essere accettati Libeskind e quelli che la pensano come lui. Vengano pure con le loro sculture, ma non con le loro abitazioni, sono due cose diverse, ed è offensivo per i cittadini dire che un edificio del tipo «grattacielo storto» continui la storia dell' arte di Milano. Libeskind nel suo articolo si arrampica sui vetri per giustificare i suoi edifici, che non sono frutto di un' intelligenza, di una fantasia e di una razionalità personali, ma frutto di riferimenti ad altre opere, chiamate in causa cervelloticamente credendo che Milano sia tanto bambina da poter credere che un architetto, per progettare una vasca da bagno, si ispiri alla Pietà Rondanini. Mozzoni Guglielmo Pagina 39 (7 maggio 2008) - Corriere della Sera L' architetto che ha coniato il termine «Junkspace» Rem Koolhaas, l' elogio del caos «Nello spazio-spazzatura il motore del ventunesimo secolo» «Se lo Space-junk (spazzatura spaziale) sono i detriti umani che ingombrano l' universo, il Junkspace (spazio spazzatura) è il residuo che l' umanità lascia sul pianeta. (...) Noi pensiamo che sia un' aberrazione, una soluzione provvisoria ma è un errore. Il Junkspace è la realtà. Lo ha elaborato il Ventesimo secolo, e il prossimo secolo ne sarà l' apoteosi». Così raccontata, la realtà secondo Rem Koolhaas non ha vie d' uscita. L' architetto olandese, esponente della corrente del decostruttivismo e autore del discusso libro «Junkspace», descrive lo spazio urbano come un condensato di forze ingovernabili. L' arte? Inutile, perché è una risposta inconsistente a una realtà imbarazzante. La storia? Con i suoi simulacri architettonici deteriora e appiattisce il carattere della società. Quanto al progresso, inutile illudersi, non esiste più: la cultura barcolla come un granchio fatto di Lsd mentre l' architettura incarna vecchio e nuovo simultaneamente. Insomma, se alcune parti si deteriorano come colpite da Alzheimer, altre vengono invece riqualificate, senza fine. Perché il Junkspace non chiude mai. Scrittore, teorico indiscusso dell' architettura e psicanalista delle città, Koolhaas è l' uomo che con un libro-culto scritto trent' anni fa, «Delirious New York», ha analizzato storicamente e scientificamente lo sviluppo in verticale della Grande Mela, offrendone una chiave di interpretazione per il furente sviluppo delle megalopoli mondiali. A governarle è il caos più totale, il che non vuol dire disorganizzazione. Il caos koolhaasiano è una nuova categoria di pensiero, il Junkspace - appunto - uno stato d' animo occidentale, perché la nostra società appare sempre più ostile al rischio e ricerca il comfort. Che l' inviso maestro di similitudini introduce con lirico cinismo per aprirci gli occhi sullo spazio in cui viviamo. Il libro *** «Junkspace» (Quodlibet, 2006) è uno dei libri più discussi dell' architetto Rem Koolhaas C. Lo. Pagina 55 (8 maggio 2008) - Corriere della Sera

3 Bondi: voglio bellezza «Mi ispiro a Spadolini e Ronchey» «La cultura non è di destra o di sinistra. È la cultura». Sandro Bondi ha appena giurato da ministro. «La mia linea è parlare con tutti, e ascoltare tutti. Guardando al prestigio, non alle opinioni politiche». La cultura in Italia però è classificata a sinistra; in ogni caso, contro Berlusconi. «Ma io distinguo tra la militanza politica e l'aspetto più interessante, creativo, autentico del lavoro degli intellettuali, degli artisti, dei registi. Prendiamo Umberto Eco». Un mese fa avete avuto una polemica. «Sì, lui aveva dato giudizi su Berlusconi che erano in realtà pregiudizi. Ma io non posso non avere profonda stima di Umberto Eco, del suo lavoro di cinquant'anni. Voglio far cadere il tabù, le diffidenze. Voglio convincere lui e quelli che la pensano come lui che si stanno sbagliando sul nostro conto, che questo governo è aperto al dialogo, al confronto, allo scambio, alla collaborazione con le più importanti intelligenze del Paese». Tra i progetti, assicura il nuovo ministro, c'è il rilancio del cinema italiano. (...) E l'arte? «Sono molto legato a Pietro Cascella». Lo scultore del mausoleo di Arcore? «Non solo. Da giovanissimo vinse il concorso per il monumento su Auschwitz. Ha disegnato piazze, è un grande artista. Ma apprezzo anche Arnaldo Pomodoro. Ammiro Renzo Piano. E so bene che Massimiliano Fuksas è uno dei più grandi architetti al mondo. Distinguo tra le parole che con sofferenza gli sento dire da Santoro e le sue opere». Spiega Bondi di avere «due punti di riferimento. Il mio lavoro non potrà che sviluppare l'opera di intellettuali e ministri autorevoli come Giovanni Spadolini e Alberto Ronchey. E voglio partire da quello straordinario patrimonio di professionalità rappresentato dai sovrintendenti, e dai funzionari e uomini di cultura che lavorano al ministero. Persone di assoluta eccellenza, che rappresentano una élite nel nostro apparato statale. Voglio lavorare con loro con umiltà e con una missione comune. Solo così l'imponente giacimento culturale del Paese diventerà il luogo della bellezza e lo strumento per una fase nuova di progresso: economico, civile, culturale. La bellezza di un popolo. Un valore per tutti». Bondi parla proprio di «politica della bellezza». «Tra tutte le civiltà della storia, la più potente, cioè la civiltà industriale dell'occidente, è anche la più povera di testimonianze della sua genialità, di segni della bellezza. Dalle città devastate dalla bruttezza e dal degrado si annidano fenomeni allarmanti di disagio sociale: la bruttezza genera mostri. Per questo dobbiamo investire nella bellezza. Riportare l'arte nel cuore delle città. Far lavorare i nostri artisti. Lasciare qualcosa ai posteri». Anche Isozaki e la sua pensilina agli Uffizi, anche Meier e la contestata teca dell'ara Pacis? «Non dev'essere il gusto personale del ministro a decidere. In ogni caso, per me la bellezza è armonia. Gli interventi sono belli quando si armonizzano con le vestigia dei centri storici, quando sono persuasivi e non invasivi». Aldo Cazzullo Corriere della Sera Rassegna stampa archiworld Citylife, addio al simbolo della Fiera Sarà abbattuto il "Palazzo delle Meccanica" A sollevare un gran polverone su Citylife, l'area ex Fiera destinata alle tre torri d'autore di Libeskind, Hadid e Isozaki, stavolta non sono né i residenti che reclamano più verde né Berlusconi con gli attacchi al "grattacielo sbilenco", ma la dinamite. Domattina alle 10, con una nuvola di polvere e un breve boato, imploderà il Palazzo della Meccanica, l'edificio simbolo più massiccio (10315 metri quadrati) della Campionaria che fu. Costruito nel '69 su progetto di Melchiorre Bega e inserito invano nella lista di edifici storici di cui due anni fa era stata chiesta la salvaguardia ai Beni Culturali in un appello di architetti, è un osso duro che resiste alle demolizioni con ruspe e caterpillar: già svuotato e privato di scale e solette, sarà minato (una carica per pilastro) e al momento buono si "inginocchierà". Poi le pareti crolleranno ordinatamente una sull'altra come quelle di un

4 castello di carte, mentre decine di cannoni ad acqua spareranno getti nebulizzati in aria per abbattere in pochi minuti (circa dieci, si calcola) le polveri. Maurizio Bono la Repubblica Rassegna stampa Archiworld Meeting sul congresso mondiale Architetti: la conferenza dei 103 Ordini provinciali a Rimini Un meeting organizzativo in vista del grande appuntamento mondiale di Torino. Si è aperta ieri a Rimini la conferenza dei 103 Ordini provinciali del Consiglio nazionale degli architetti PPC. L'assise, che si concluderà oggi, è stata organizzata proprio per definire alcuni aspetti organizzativi della ventitreesima edizione del Congresso promosso dall'uia e dal titolo «Transmitting architecture», che si svolgerà, per la prima volta in Italia, dal 29 giugno al 3 luglio a Torino. "Ogni Ordine provinciale - ha spiegato il presidente nazionale Raffaele Sirica - avrà uno stand autonomo in cui presenterà progetti e iniziative appena concluse o avviate". Il Sole 24Ore Rassegna stampa Archiworld La lotta al rumore parte con 13 anni di ritardo Nel 1995 la legge, ma solo ora arriva il piano per ridurre i decibel. Croci: una svolta per Milano Via alla mappatura della soglia massima di decibel consentita isolato per isolato. Tutta la città sarà divisa in sei diverse classi Il nome è già quasi un rumore: zonizzazione acustica. Eppure è il piano destinato a cambiare il volto della città. A cambiarne i suoni e i ritmi. La vita, insomma. Combattere il fracasso. Quartiere per quartiere, isolato per isolato. E 174 casi individuati che in futuro dovranno essere sanati. Milano arriverà a breve a dotarsi del suo piano acustico. Tra pochi giorni arriverà in giunta, poi all' esame delle zone e infine in Consiglio comunale. Un ritardo di oltre dieci anni, rispetto alla legge che data Ma finalmente ci siamo. «D' altra parte - spiega l' assessore ai Trasporti Edoardo Croci - sono poche le grandi città che si sono già dotate di questo strumento». Per ora, via alla mappatura della soglia massima di decibel consentita. Isolato per isolato. Tutta la città divisa in sei diverse classi. Con quasi il 90% della popolazione che vive nelle zone classificate come «intermedie» (la III e la IV). Quelle cioè dove il rumore non dovrebbe superare i decibel di giorno e i di notte. Il sistema di calcolo è complesso. Ma per i cittadini in lotta contro i decibel in eccesso lo strumento potrebbe essere risolutivo. Ad esempio: se il passaggio del tram sotto casa porta a uno sforamento dei limiti fissati per quell' isolato il residente, dati alla mano, potrà gioco forza far valere le sue ragioni. Un caso limite è il San Raffaele, un ospedale vicino ad arterie stradali iper-trafficate che sicuramente portano al superamento dei decibel massimi. Oppure San Siro, dove per traffico e concerti i residenti sono da tempo sul piede di guerra. Ancora. I quartieri del nord-est cittadino, dove i comitati dei residenti contestano le nuove rotte di Linate, avranno un' arma in più dalla loro. Bisognerà intervenire, dunque. Senza pensare che lo strumento sia la soluzione a tutti i problemi. Un esempio classico: le discoteche fracassone. Che non rientrano nei 174 ambiti individuati. «Qui - spiega l' assessore - si può già intervenire per far rispettare i limiti, perché si tratta di un rumore fuori legge. E in molti casi, questa amministrazione l' ha già fatto». Bisognerà intervenire per insonorizzare, dunque. Per correggere il passato, e per pianificare il futuro. «La città che verrà va progettata tenendo conto delle indicazioni contenute nel piano», sottolinea Croci. «Proprio per questo - insiste - il lavoro fatto è stato collegiale. In stretta connessione con l' assessorato all' Urbanistica, ovviamente, ma anche di quello al Verde». Realismo ma anche ottimismo: «Abbiamo tenuto conto degli sviluppi futuri della città, che non può rimanere immobile. Ma sono sicuro che il piano migliorerà la qualità della vita di molti cittadini». * * * Inquinamento acustico *** Emergenza decibel in città I disagi Il 90% della popolazione vive nelle zone classificate come «intermedie», quelle cioè dove il

5 rumore non dovrebbe superare i decibel di giorno e i di notte *** Il Comune «Abbiamo tenuto conto degli sviluppi futuri della città, che non può rimanere immobile. Ma siamo sicuri che il piano migliorerà la qualità della vita di molti cittadini» Senesi Andrea Pagina 3 (11 maggio 2008) - Corriere della Sera Via Solferino 28 dalla parte del cittadino Il caso della settimana Via Valtellina, rivolta contro le discoteche «Numero chiuso per i locali e limiti agli orari» Via la Dogana, gli spedizionieri e i tir, è arrivato il traffico degli uffici, di giorno, e del popolo del divertimento, di notte. Via Valtellina soffoca, da dieci anni ostaggio di smog e rumore. Dimenticata, forse, dall' ufficio Viabilità: non ha nè strisce gialle nè blu. Un' autentica rarità nella metropoli. Le proteste degli abitanti sembrano dissolversi come bolle di sapone. «Forse siamo troppo civili», borbotta un' anziana. E nell' oblio sembra essere caduto l' esposto inviato un mese fa a tutte le autorità dal Comitato di via Valtellina e dintorni che era nato nel ' 98, all' indomani dall' apertura delle due megadiscoteche «Alcatraz» e «De Sade», a pochi metri l' una dall' altra. «Nella nostra via Valtellina, invece di tamponare la situazione di disturbo creato dalle due strutture e da altri esercizi nati successivamente, è stata autorizzata l' apertura di ulteriori locali, ultimo dei quali uno di intrattenimento notturno denominato "Queens" all' interno di un condominio densamente abitato, che nonostante non ne abbia l' autorizzazione svolge attività di discoteca», scrive il Comitato nell' esposto. Il «Queens» è stato chiuso per 15 giorni su disposizione dell' autorità di Pubblica sicurezza dopo il ritrovamento di stupefacenti. «Sono nata qui - racconta Valentina R. -, sono cresciuta nel trambusto degli spedizionieri. Niente a che vedere con il caos dei locali notturni». Si è trasferita la Dogana e i capannoni si sono svuotati. Al loro posto, locali notturni e immensi palazzi uffici tutto vetri e acciaio. «C' era in programma un parcheggio nell' area dello scalo Farini. Lo spazio è ancora un immenso vuoto nel cuore del quartiere - precisa il Comitato -. Avremmo dovuto avere, come residenti, un parcheggio nell' ex deposito dei tram. Ma lì dentro parcheggiano tutti e vale la legge di chi arriva prima». E il comitato chiede orari certi di chiusura per i locali, stop a nuove autorizzazioni e dehors, controlli più meticolosi. E non solo in via Valtellina, ma in via Borsieri, Alserio, piazzale Segrino. Basta, poi, al mercato notturno, con gli autonegozi che stazionano fino alle 6 del mattino. «Tra discoteca e autobar la nostra vita è un inferno». Raffaele Peccioli, uno dei portavoce del Comitato, usa un' immagine forte ma significativa: «Da dieci anni siamo violentati quotidianamente dal fracasso delle discoteche e dalla prepotenza del traffico dei pendolari. Che arrivano qui in auto, nonostante a due passi ci siano la fermata del Passante, Lancetti, e quella del metrò, Maciachini». Alla polizia i cittadini hanno chiesto una presenza stabile, all' uscita dalle discoteche del popolo della notte. Basta con le risse alle cinque del mattino, il lancio di bottiglie, i finestrini delle auto in sosta sfasciati per divertimento. Un esposto che è un libro bianco del quartiere. Soffocano le vie Farini e Lepontina. Dove i marciapiedi sono stati ampliati ma non certamente ad uso e consumo di pedoni e mamme con carrozzine. I marciapiedi sono parcheggi. E poi c' è l' area occupata dall' ex sede Telecom Milano Est «con ingresso in via Arnaldo da Brescia, abbandonata e in stato di totale incuria». «In via Farini e in via Arnaldo da Brescia, sulle facciate del palazzo, ad altezza d' uomo esistono delle strutture pensili che sono state costruite per essere delle fioriere, ma da tempo ormai immemorabile non vi è traccia alcuna di vegetazione e sono diventate esclusivamente contenitori di rifiuti lasciati dai passanti». C' è l' edificio con ampio porticato usato di notte come latrina e dormitorio di sbandati. D' Amico Paola Pagina 9 (11 maggio 2008) - Corriere della Sera I progetti Torri storte Expo 2015 e sviluppo I progetti per la città: I grattacieli storti l' Expo del 2015 e la corsa al futuro

6 Uno spettro si aggira per Milano, la diceria che il progetto sulle aree dismesse della Fiera, con i suoi discussi grattacieli, sia l' esito di un concorso. Non è vero: Luigi Roth, il suo presidente, ha messo in vendita l' area chiedendo - a mio avviso meritevolmente - che l' offerta economica fosse accompagnata da un progetto, e sui progetti presentati chiese il giudizio di undici esperti in vari campi. Non so degli altri, ma a me venne chiesto un parere dal punto di vista urbanistico, parere negativo su 4 progetti su 5 - ottimo era solo quello di Renzo Piano - con motivazioni che chiunque può leggere sul sito CONTINUA A PAGINA 4 * * * SEGUE DA PAGINA 1 Che a conti fatti la Fiera abbia poi scelto l' offerta più vantaggiosa, con uno scarto di cento milioni di euro, è del tutto ragionevole. Ma c' è da chiedersi perché l' amministrazione comunale abbia avallato il progetto scelto, che non era l' esito di un concorso pubblico e sarebbe potuto essere benissimo modificato. Ecco: secondo me gli amministratori di Milano vengono scelti ed eletti per le loro nobilissime qualità, tra le quali non viene considerato il buon gusto nel campo estetico della città. L' Expo del 1851, a Londra, lanciò la grande novità di un edificio in ferro e vetro simile a una serra. L' Expo di Barcellona del 1888 fu la vetrina del modernismo architettonico catalano sullo sfondo di Gaudì. L' Expo del 1889 a Parigi mostrò le incredibili possibilità costruttive dell' acciaio e, demolita l' immensa galleria delle macchine, ne rimase la torre Eiffel. L' Expo di Chicago del 1893 lanciò il movimento della City Beautiful, cui dobbiamo il rinnovo urbanistico di molte città americane e tra l' altro il Mall e il Campidoglio di Washington. L' Expo di Parigi del 1925 divenne cassa di risonanza dell' Art déco, ma toccò ancora a Barcellona, nell' Expo del 1929, di ospitare il nuovo stile moderno, con il famoso padiglione di Mies van der Rohe. E l' Italia? Se l' Expo di Torino del 1902 promosse la diffusione dello stile liberty in Italia: l' esposizione di Milano del 1906 non segnò alcun rinnovamento architettonico e finì per risolversi non solo in un programma estetico irrilevante ma anche, raccontano i giornali dell' epoca, in un fallimento su tutta la linea, compresa quella organizzativa che avrebbe dovuto legittimare la pretesa milanese di essere la capitale morale dello Stato. Le città hanno, come le persone, un carattere radicato nel loro passato che permane nel tempo e che è difficile modificare. Sicché, se Barcellona e Torino hanno colto nell' ultimo ventennio l' occasione delle Olimpiadi per affermare la propria vocazione culturale nell' architettura, a Milano la curiosa ostinazione sul progetto CityLife dimostra soprattutto la continuità del dubbio gusto tradizionale delle amministrazioni milanesi. Romano Marco Pagina (11 maggio 2008) - Corriere della Sera La lezione dei Comuni virtuosi Da Mezzago ad Albairate, i premi per i paesi che innovano In Lombardia il 75 per cento dei municipi ha meno di 5mila abitanti un record in Italia Scuole ecologiche con piscina, rifiuti con il microchip: il modello dei centri di provincia Mettiamo che un giorno Milano decidesse di copiare Mezzago (3.637 abitanti). Le scuole sarebbero tutte costruite in bioarchitettura, in legno e materiali soft. E i bambini delle materne - che di mattina utilizzano il "piedibus", un servizio di accompagnamento che riduce il traffico ed educa al moto - farebbero il bagno, già a fine maggio, in piccole piscine costruite all esterno degli asili. «Magari i milanesi farebbero qualche festicciola in meno - scherza il sindaco, Antonio Colombo, fiero delle "Cinque stelle" assegnate al suo municipio dall associazione dei comuni virtuosi - perché avrebbero le terrazze occupate da pannelli fotovoltaici che consentono il risparmio energetico». Luigi Alberto Tarantola, primo cittadino di Albairate (4.152 abitanti), invita Letizia Moratti a vedere come funziona la raccolta dei rifiuti nel suo paese: «Da anni ognuno paga la tassa dei rifiuti per quel che consuma, non per lo spazio che occupa. Ora stiamo per fare un passo in più: la gestione elettronica dei rifiuti. Ogni utente sarà dotato di un bidone con un microchip che contiene tutte le informazioni sulla sua produzione di immondizia. Così s incentiva la raccolta differenziata e spariscono campane e cassonetti. Si può fare anche a Milano: sa che ordine, in città, in vista dell Expo?». Anche ad Albairate si celebra oggi la festa nazionale dei piccoli comuni d Italia, organizzata da Legambiente. E di queste microrealtà urbane, così innovative da potersi proporre come modelli anche per i centri più grandi, la Lombardia detiene il record: i comuni con meno di cinquemila abitanti sono 1.152, il 75 per cento del totale. Ci vivono 2 milioni e 200mila persone, un

7 lombardo su quattro. Posti a volte incantevoli: ben dodici comuni, da Fortunago a Bienno, fanno parte dell esclusivo club dei "borghi più belli d Italia". Tra questi anche Tremezzo, sul lago di Como. Il sindaco, Mauro Guerra, sarà relatore venerdì a Milano, al Palazzo delle Stelline, per il secondo Forum nazionale dell associazionismo intercomunale. Un fenomeno, anche questo, nel quale la regione vanta un primato: «Le unioni sono 59 e raggruppano più di 300 comuni - spiega Guerra - e rappresentano il futuro dei piccoli centri: permettono cioè di preservare le identità comunali consentendo, al tempo stesso, che ai cittadini siano forniti servizi migliori». Così, per esempio, non esiste più il vigile-tuttofare di Lenno o di Mezzegra che magari deve anche guidare lo scuolabus: «Ora c è un vero e proprio corpo di polizia locale che ha raddoppiato i tempi di copertura del servizio», assicura Guerra. Quattro ragionieri anziché sei riescono a garantire meglio i servizi per i cittadini, potenziando l Ufficio tributi. Le spese per l energia elettrica vengono ricontrattate con i gestori e si risparmia sugli appalti, come ha apprezzato anche la corte dei Conti. E le unioni producono innovazione: «Da anni utilizziamo le reti wireless per le comunicazioni telefoniche e gli scambi di dati tra uffici comunali. Abbiamo introdotto le bici elettriche e realizzato una "greenway", un percorso ciclopedonale, del lago: l unione fa la forza anche del turismo». Il volto rurale della regione così si scopre "più avanti" delle città. Rocca Susella, nell Oltrepo Pavese, è seimila volte più piccola di Milano, ha la popolazione di un palazzo in periferia: eppure ospiterà un villaggio ecologico che produce energia con pannelli fotovoltaici e acqua scaldata con la biomassa locale. Ma è sull enogastronomia che i municipi mignon si giocano le loro carte, visto che sono loro a produrre il 93 per cento delle Dop. Mezzago ha dedicato il mese di maggio alla sagra dell asparago rosa. E la Lombardia è la regione più attiva nell Assodeco, l associazione nazionale per la denominazione comunale, che dà ai sindaci la possibilità di certificare la provenienza locale dei prodotti tipici: per i "casoncelli" di Barbariga o per la "berna" di Berzo Demo si fa già. DAVIDE CARLUCCI La Repubblica Pag. 5 11/05/2008

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 11 15/06/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 5 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 9 DOSSIER CONFCOMMERCIO

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

COMITATO PER LA RIDUZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE DELL'AEROPORTO DI CIAMPINO

COMITATO PER LA RIDUZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE DELL'AEROPORTO DI CIAMPINO AEROPORTO ROMA CIAMPINO: COSTANTE RUMORE DIURNO E NOTTURNO, CON VALORI TRA 58,2 E 85 DECIBEL CON LENZUOLA ANTISMOG E NUOVI ALLARMANTI DATI SUL RUMORE, LEGAMBIENTE E COMITATO RIDUZIONE IMPATTO AEROPORTO

Dettagli

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni.

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni. 1 Prima di qualsiasi altra valutazione, vorrei soffermarmi su tre considerazioni, per me fondamentali per meglio definire il contesto in cui si sviluppa la nostra azione o le nostre pratiche sindacali,

Dettagli

ARREDO INURBANO CAMPIONARIO MONZESE 2008 (LA CITTÀ DEL DISORDINE E DEL DEGRADO) www.hqmonza.it - hqmonza.info@gmail.com. Comitato San Fruttuoso 2000

ARREDO INURBANO CAMPIONARIO MONZESE 2008 (LA CITTÀ DEL DISORDINE E DEL DEGRADO) www.hqmonza.it - hqmonza.info@gmail.com. Comitato San Fruttuoso 2000 ARREDO INURBANO (LA CITTÀ DEL DISORDINE E DEL DEGRADO) CAMPIONARIO MONZESE 2008 I TOTEM DI TELECOM Sono le postazioni telefoniche pubbliche abbandonate, ormai da tempo senza apparecchio e tutte in condizioni

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

TEST I (Unità 1, 2 e 3)

TEST I (Unità 1, 2 e 3) TEST I (Unità 1, 2 e 3) 1) Indica la frase che non ha lo stesso significato delle altre. (1) a) Compro una macchina per l espresso, perché voglio il caffè come quello del bar. b) Compro una macchina per

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi.

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. LA CENTRALE RISCHI Di Emanuele Bellano MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. Noi volevamo avere qualche informazione per un mutuo. Allora

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAI CONSIGLIERI MENGHI E MUNAFO DEL COMITATO ANNA MENGHI IN MERITO AL PROGETTO DEL PERCORSO PEDONALE MECCANIZZATO NELLA GALLERIA DEL COMMERCIO.

Dettagli

Il solare termico. Il solare fotovoltaico. Le pompe di calore. Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno?

Il solare termico. Il solare fotovoltaico. Le pompe di calore. Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno? Il solare fotovoltaico Il solare termico Le pompe di calore Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno? ENERGIE RINNOVABILI COME FUNZIONANO? QUANTO SI RISPARMIA? A COSA

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

Il complesso edilizio NEGOZI. Il nuovo segno sul territorio della città di Udine

Il complesso edilizio NEGOZI. Il nuovo segno sul territorio della città di Udine Il complesso edilizio MERIDIANA si compone di 6 piani per un totale di 50 mila metri cubi con tre differenti destinazioni d uso: Spazi commerciali sono disponibili al piano terra e 1 piano Uffici e ambienti

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO,FACOLTA DI INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA RI(S)TRUTTURAZIONE DI CERNUSCO LOMBARDONE

POLITECNICO DI MILANO,FACOLTA DI INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA RI(S)TRUTTURAZIONE DI CERNUSCO LOMBARDONE POLITECNICO DI MILANO,FACOLTA DI INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA RI(S)TRUTTURAZIONE DI CERNUSCO LOMBARDONE 12esima EDIZIONE DEL PREMIO DI STUDIO Laure Larouzè AMBIENTE_COSTRUITO_IN_MODO_SOSTENIBILE Progetto

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO METANO PROMOSSO DAL COMUNE DI TORINO E PREORDINATO A LIMITARE GLI EFFETTI INQUINANTI SULL AMBIENTE DEI TRADIZIONALI GAS DI SCARICO.

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Il garage Informazioni per il PD

Il garage Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/8 Compito Gli alunni imparano come funziona un moderno garage e che profili professionali hanno le persone che vi lavorano. Obiettivo Gli alunni conoscono un garage. Materiale

Dettagli

Andiamo in bici. ...per migliorare l ambiente in città! Progetto cofinanziato dall Unione Europea

Andiamo in bici. ...per migliorare l ambiente in città! Progetto cofinanziato dall Unione Europea Progetto cofinanziato dall Unione Europea Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Andiamo in bici...per migliorare l ambiente in città! ARPAV Agenzia Regionale per la Prevenzione

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

Costruiamo insieme la città di domani. Servizi e innovazione per favorire la mobilità sostenibile

Costruiamo insieme la città di domani. Servizi e innovazione per favorire la mobilità sostenibile Costruiamo insieme la città di domani Servizi e innovazione per favorire la mobilità sostenibile Chi è SABA Il mondo del parcheggio, in mani esperte Siamo una grande realtà nel settore dei parcheggi pubblici

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 06 marzo 2014

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 06 marzo 2014 COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 06 marzo 2014 Giovedì, 06 marzo 2014 06/03/2014 Pagina 14 Salute, sport e divertimento in pillole per passare dal divano allo stile... 1 06/03/2014 Pagina 18

Dettagli

3BL. Erina bodo 3Bl ALICE CAMPI 3BL

3BL. Erina bodo 3Bl ALICE CAMPI 3BL Erina bodo 3Bl ALICE CAMPI La Mia Milano nel futuro: Nella nostra Milano del futuro, vorremmo che ci fosse meno smog di quanto ce ne sia ora nel 2011 e per collaborare bisognerebbe omettere macchine a

Dettagli

Periodicità: Settimanale 07/05/2010 Oggetto: Strada sì, tangenziale no Solo buone intenzioni?

Periodicità: Settimanale 07/05/2010 Oggetto: Strada sì, tangenziale no Solo buone intenzioni? RASSEGNA STAMPA MAGGIO 2010 Media: Ordine e libertà Periodicità: Settimanale 07/05/2010 Oggetto: Strada sì, tangenziale no Solo buone intenzioni? Pagina 1 Media: Ordine e libertà Periodicità: Settimanale

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale BENVENUTO! In questo viaggio attraverso la Lombardia che si prepara ad Expo, potrai scoprire molte cose che forse ancora non sai della tua regione e della

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA DEBITI P.A. decreto del fare Di Emanuele Bellano PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA L impegno che il Ministero dell Economia in particolare sta attuando con grande determinazione

Dettagli

Città di Sesto San Giovanni

Città di Sesto San Giovanni Il forum dei ragazzi INDICAZIONI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI SESTO SAN GIOVANNI L assemblea del Forum dei Ragazzi, dopo aver ricevuto dall Amministrazione Comunale l incarico di elaborare indicazioni

Dettagli

Perché affrontare il tema dell inquinamento?

Perché affrontare il tema dell inquinamento? Perché affrontare il tema dell inquinamento? Il problema dell'inquinamento dell'aria a Piacenza è serio e grave. Naturalmente sappiamo che non è grave solo nella nostra città, ma in tutta l Emilia Romagna

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Serena Righini, Vimercate: prove tecniche di sviluppo territoriale brianzolo

Serena Righini, Vimercate: prove tecniche di sviluppo territoriale brianzolo sito di urbanistica, società e altre cose -1/6 - http://eddyburg.it Serena Righini, Vimercate: prove tecniche di sviluppo territoriale brianzolo Siamo ai piedi delle colline brianzole, quasi al confine

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

GLI OBIETTIVI R 2.864"

GLI OBIETTIVI R 2.864 CHI SIAMO 6 5 La nam nasce dalla nostra scelta di lavorare nel mondo del riciclo e del riuso unendo la passione e professionalità per sviluppare un diverso concetto di eco sostenibilità. L attività si

Dettagli

Più differenzi, più riduci, più risparmi.

Più differenzi, più riduci, più risparmi. Più differenzi, più riduci, più risparmi. Da luglio 2014 la tassa sui rifiuti diventa su misura Comune di Medesano Più differenzi, più riduci, più risparmi La raccolta differenziata a Medesano è diventata

Dettagli

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE 18 PABLO PICASSO Nasce a Malaga in Spagna nel 1881. figlio di un professore di disegno. Dopo aver brillantemente compiuto gli studi presso l accademia

Dettagli

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai:

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai: Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro In questa unità imparerai: a leggere un testo informativo su un servizio per il lavoro offerto dalla Provincia di Firenze nuove parole del campo del lavoro l uso dei

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

Domenica 20 Luglio 2014 P. 3

Domenica 20 Luglio 2014 P. 3 Domenica 20 Luglio 2014 P. 3 1 2 Domenica 20 Luglio 2014 P. 28 3 Domenica 20 Luglio 2014 P. 28 4 Domenica 20 Luglio 2014 P. 4 5 6 Palermo Domenica 20 Luglio 2014 P. XI 7 Domenica 20 Luglio 2014 P. 8 Ridisegnare

Dettagli

un nuovo modo di abitare.

un nuovo modo di abitare. un nuovo modo di abitare. un nuovo modo di abitare. CasaClima, naturalmente tua. A Grotte Santo Stefano (VT), Via Sardegna n. 9 lena_zajchikova - Fotolia.com Casa tradizionale Casa in CLASSE A+ certificata

Dettagli

III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI

III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI Alessandro PROFUMO: Sarebbe stato un grande piacere essere qui con voi questa mattina, ma il Comitato esecutivo dell ABI mi ha impegnato

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica

Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica guardano cosa c è dentro al bidone poi prendono le bottiglie

Dettagli

SUPPORTO DIDATTICO LA STORIA DI ETRUSCA. Come sarebbe vivere in un mondo rispettoso di ambiente e persone dove la mobilita sostenibile e realta.

SUPPORTO DIDATTICO LA STORIA DI ETRUSCA. Come sarebbe vivere in un mondo rispettoso di ambiente e persone dove la mobilita sostenibile e realta. SUPPORTO DIDATTICO LA STORIA DI ETRUSCA Come sarebbe vivere in un mondo rispettoso di ambiente e persone dove la mobilita sostenibile e realta. Istruzioni Questa è la storia di Etrusca, una bambina che

Dettagli

Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni

Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni culturali e delle attività culturali. Noi Dottori Commercialisti

Dettagli

Tra le varie attività proposte sul tema dell acqua c è stata anche la visione di un film:

Tra le varie attività proposte sul tema dell acqua c è stata anche la visione di un film: Tra le varie attività proposte sul tema dell acqua c è stata anche la visione di un film: La prima richiesta fatta ai bambini è stata di indicare quali film conoscevano che raccontassero storie ambientate

Dettagli

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento dell Ing. Gaetano Battistella Mi occupo di protezione dell ambiente e porterò una testimonianza in un campo parallelo, ma che ha sicuramente forti legami

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA VOLUME 1 CAPITOLO 0 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: Terra... territorio...

Dettagli

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI Proseguire il lavoro svolto lo scorso anno scolastico sulle funzioni dei numeri proponendo ai bambini storie-problema

Dettagli

esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino

esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino Indice Esperienze naturali di gioco di Sabrina Bonaccini.6 Il rapporto tra bambino e natura: una convivenza da ritrovare di Federica Marani e

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

Il progetto Mo.Re.Co. e la Belluno dei bambini. Mobilità sostenibile e città: il percorso da casa a scuola

Il progetto Mo.Re.Co. e la Belluno dei bambini. Mobilità sostenibile e città: il percorso da casa a scuola Il progetto Mo.Re.Co. e la Belluno dei bambini Mobilità sostenibile e città: il percorso da casa a scuola Mo.Re.CO. e la Belluno dei bambini Nell ambito del progetto Belluno dei Bambini promosso dall Amministrazione

Dettagli

Premiazioni alunni del Rapisardi : menzione speciale nel Progettare una Smart city. Gli studenti consegnano una lettera al Sindaco

Premiazioni alunni del Rapisardi : menzione speciale nel Progettare una Smart city. Gli studenti consegnano una lettera al Sindaco Premiazioni alunni del Rapisardi : menzione speciale nel Progettare una Smart city. Gli studenti consegnano una lettera al Sindaco CALTANISSETTA Si è svolta ieri, nel Foyer del Teatro regina Margherita,

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO

CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO 1. Premessa Nei mesi scorsi Assolombarda ha espresso all Amministrazione Comunale la propria contrarietà alla congestion charge, ritenendola un provvedimento

Dettagli

Unità 15. Muoversi nel territorio. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A2. In questa unità imparerai:

Unità 15. Muoversi nel territorio. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A2. In questa unità imparerai: Unità 15 Muoversi nel territorio In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni sui servizi relativi al trasporto urbano parole relative all uso dei trasporti urbani ed agli strumenti

Dettagli

una storia di solidità e sicurezza

una storia di solidità e sicurezza G. CASE viene fondata nel 1996 da persone provenienti da esperienze pluriennali nel settore edilizio, che sentivano l esigenza di realizzare un progetto autonomo nel settore immobiliare delle seconde case

Dettagli

Esplorazione dello spazio: il ruolo dell Europa

Esplorazione dello spazio: il ruolo dell Europa Bozza provvisoria FILIPPO SABETTA, Presidente del Consiglio d area di ingegneria aerospaziale dell Università La Sapienza di Roma. Io parlerò brevemente del ruolo della ricerca e dell università nelle

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE periodico di idee, informazione, cultura a cura dell Associazione Infermieristica Sammarinese LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE Mi accingo a presiedere l AIS nel suo secondo triennio di vita. Mi ritengo

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

SCUOLA MEDIA EINSTEIN REGGIO EMILIA

SCUOLA MEDIA EINSTEIN REGGIO EMILIA SCUOLA MEDIA EINSTEIN REGGIO EMILIA ELEZIONE DEL 1 Qualora io venissi eletto, intendo proporre le seguenti 1) Abbellire la nostra scuola e costruire altre aule nuove. 2) Mettere più giochi per ragazzi

Dettagli

L ESAME PER LA PATENTE

L ESAME PER LA PATENTE L ESAME PER LA PATENTE Abdelkrim.: Ciao, Mario. Mario: Ciao, Abdelkrim. Dove vai? Abdelkrim: Sono stato a fare l esame per la patente. E tu? Mario: Vado a fare i documenti perché anch io devo fare la patente.

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi camminano in mezzo. A destra si nota una macchina d

Dettagli

Fotovoltaico. Portiamo il meglio dell energia a casa tua. www.solonathome.com

Fotovoltaico. Portiamo il meglio dell energia a casa tua. www.solonathome.com Fotovoltaico Portiamo il meglio dell energia a casa tua. www.solonathome.com Sì SENZA INCENTIVI, MI CONVIENE ANCORA SCEGLIERE IL FOTOVOLTAICO? ACCUMULI O GUADAGNI E SE PRODUCO TROPPA ENERGIA? È QUESTO

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma. La nostra città mi piace molto, ma negli ultimi

Dettagli

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio:

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio: allegato 1) PUNTO N. 3 all O.d.G.: Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina meccanica. Cedo la parola al Sindaco. MARCO FABBRI Sindaco: Sì, grazie

Dettagli

Chi l ha detto che la qualità costa cara?

Chi l ha detto che la qualità costa cara? Chi l ha detto che la qualità costa cara? al giusto prezzo bella e green Casadieci è il frutto di un lungo e attento studio delle migliori tecniche e materiali che è oggi possibile impiegare nelle costruzioni

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Proposta intitolazione parco interno residenze Parco Vittoria, Portello. Milano / 12 dicembre 2014

Proposta intitolazione parco interno residenze Parco Vittoria, Portello. Milano / 12 dicembre 2014 Proposta intitolazione parco interno residenze Parco Vittoria, Portello Milano / 12 dicembre 2014 INDICE 3 / TRE 4 / QUATTRO 6 / SEI 9 / NOVE 10 / DIECI 12 / DODICI 13 / TREDICI 14 / QUATTORDICI Storia

Dettagli

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la PARTE A PROVA DI COMPRENSIONE DELLA LETTURA A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la lettera A, B o C corrispondente alla risposta scelta. Esempio

Dettagli

PETRARCA 20 LA MAGIA DI IERI INCONTRA LA TECNOLOGIA DI OGGI

PETRARCA 20 LA MAGIA DI IERI INCONTRA LA TECNOLOGIA DI OGGI P REATR R PET C AA2 R 0 CA 20 P PETRARCA 20 LA MAGIA DI IERI INCONTRA LA TECNOLOGIA DI OGGI IL PROGETTO Petrarca 20 nasce da un armoniosa unione tra classicità e design. Inizialmente opificio con abitazione

Dettagli

Sedotta dal mondo del POKER. il punto G del gioco SPECIALE ENADA. Il gioco ritorna in fiera. POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari

Sedotta dal mondo del POKER. il punto G del gioco SPECIALE ENADA. Il gioco ritorna in fiera. POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari NUMERO 04 MARZO 2010 il punto G del gioco ZERO ASSOLUTO CASINÒ DI SANREMO SPECIALE ENADA SPECIALE ENADA Il gioco ritorna in fiera POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari numero 04 marzo 2010 PAMELA

Dettagli

Convegno Rapporti dall Europa

Convegno Rapporti dall Europa Spunti per l intervento dell On. Sandro Gozi Premio Grinzane Cavour Convegno Rapporti dall Europa Saluto augurale dell On. Sandro Gozi Giovedì 27 settembre 2007 Torino 1 Nel marzo scorso, l Europa ha festeggiato

Dettagli

PRIMA TAPPA: Case FIAT

PRIMA TAPPA: Case FIAT PRIMA TAPPA: Case FIAT Ritrovo presso la Casa nel parco, sede della Fondazione della Comunità di Mirafiori, all'interno del Parco Colonnetti (Via Panetti, 1 Incrocio con Via Artom). La Casa nel Parco è

Dettagli

UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO

UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO MC n 68 I protagonisti LUCA SCOLARI UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO di Simona Calvi Insieme a Fabio e Marco è alla guida della società creata dal padre negli anni Cinquanta, specializzata

Dettagli

Abitare. le metropoli ", le foto e il libro di Basilico. AlMaxxi " ritratto da Toni Thorimbert. Basilico MAXXI. L ' anticipazione a pag.

Abitare. le metropoli , le foto e il libro di Basilico. AlMaxxi  ritratto da Toni Thorimbert. Basilico MAXXI. L ' anticipazione a pag. Diffusione : 189861 Pagina 1: AlMaxxi " Abitare le metropoli " le foto e il libro di Basilico L anticipazione a pag. 21 LUIGI MORETTI Due scatti della mostra che ha inaugurato il museo nel maggio 2010

Dettagli

ELEZIONI EUROPEE 25 MAGGIO 2014. www.lorenapesaresi.eu

ELEZIONI EUROPEE 25 MAGGIO 2014. www.lorenapesaresi.eu ELEZIONI EUROPEE 25 MAGGIO 2014 www.lorenapesaresi.eu Il PD nel PSE per l Europa Lavoro. Il PSE vuole una nuova politica industriale, la promozione di tecnologie verdi e tutele per i lavoratori; rilancio

Dettagli

GENNAIO 2011. download www.maecla.it. Esperienza didattica nella scuola primaria a cura di Giuseppe Amato ( alias Davide Tamatoni )

GENNAIO 2011. download www.maecla.it. Esperienza didattica nella scuola primaria a cura di Giuseppe Amato ( alias Davide Tamatoni ) Esperienza didattica nella scuola primaria a cura di Giuseppe Amato ( alias Davide Tamatoni ) I NUMERI NEGATIVI Lezione tratta da http://www.maecla.it/bibliotecamatematica/af_file/damore_oliva_numeri/mat_fant_classe4.pdf

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06 Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA Il progetto sulla Terza Dimensione Queste attività si

Dettagli

Alla cortese attenzione degli assessori Viabilità (Claudio Lubatti) ed Ambiente (Enzo La Volta) del Comune di Torino

Alla cortese attenzione degli assessori Viabilità (Claudio Lubatti) ed Ambiente (Enzo La Volta) del Comune di Torino Alla cortese attenzione degli assessori Viabilità (Claudio Lubatti) ed Ambiente (Enzo La Volta) del Comune di Torino Coerentemente con quanto dichiarato e nelle intenzioni del Biciplan di Torino approvato

Dettagli

Gennaio 2014. Viaggio in Africa

Gennaio 2014. Viaggio in Africa Gennaio 2014 Viaggio in Africa Nella religione Tambor de Mina le tradizioni afro e indio convivono col cattolicesimo Nascono tre nuovi gruppi di giovani. E la casa in cui viviamo è invasa dai bambini Quella

Dettagli

DOVE VANNO LE CITTÀ DEL MONDO?

DOVE VANNO LE CITTÀ DEL MONDO? DOVE VANNO LE CITTÀ DEL MONDO? COS È GLOBAL CITY REPORT Global City Report è il primo Rapporto internazionale sul futuro delle città nei nuovi scenari economici, sociali e territoriali. Annualmente presenta

Dettagli

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME 1 Un materiale che dura nel tempo Una volta che hai scelto il rame non ci pensi più! Le coperture in rame durano secoli. Infatti il rame quando

Dettagli

ILLUMINAZIONE di esterni, inquinamento luminoso e RISPARMIO ENERGETICO

ILLUMINAZIONE di esterni, inquinamento luminoso e RISPARMIO ENERGETICO ILLUMINAZIONE di esterni, inquinamento luminoso e RISPARMIO ENERGETICO Collana prodotta dal Servizio Pianificazione Energetica e incentivi Agenzia Provinciale per l Energia Testi: F. Pocher - Servizio

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone

della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone Ufficio, esecutore Ufficio Educazione Ai genitori degli Alunni Ns. riferimento e data della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE P.C. Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone PROGETTI: Andiamo a scuola

Dettagli

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese della Riviera. L intervento del nostro leader in 20

Dettagli