Fare Impresa Istruzioni per nuovi cittadini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fare Impresa Istruzioni per nuovi cittadini"

Transcript

1 Fare Impresa Istruzioni per nuovi cittadini Con il patrocinio di

2 La realtà dell immigrazione in Italia ha assunto contorni sempre più rilevanti. Non è soltanto la popolazione straniera ad aumentare ma anche il suo peso nel tessuto produttivo regionale. Infatti, si può constatare un fatto nuovo nella collocazione di molti stranieri nel mondo del lavoro: diversi di loro operano in qualità di piccoli imprenditori, in settori vari, a seconda della comunità di appartenenza: ad esempio nel mondo dell edilizia (soprattutto i romeni) e nella ristorazione (cinesi e nord africani). Da ciò l idea di organizzare una scuola per i cittadini stranieri (extracomunitari e neocomunitari rumeni, albanesi, arabi, sud americani, etc ) che sono o che vogliono diventare piccoli imprenditori. Lo scopo è quello di spiegare loro quali siano i principali adempimenti necessari per aprire una nuova attività imprenditoriale. La scuola si propone, inoltre, di fornire le conoscenze di base per interagire al meglio con i principali enti pubblici sul territorio, al fine di agevolare l osservanza degli obblighi fiscali e contributivi. L Agenzia Entrate, l Inps e la Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura di Torino hanno, quindi, realizzato una rete che cerca di fornire, con brevi lezioni congiunte e con quest opuscolo, delle risposte alle difficoltà incontrate da questa particolare fascia di utenza nell approccio con la Pubblica Amministrazione. In un percorso così ambizioso nei suoi obiettivi, le associazioni di stranieri presenti sul territorio, valide e insostituibili compagne di viaggio, sono le protagoniste indiscusse del progetto che si propone di offrire un aiuto concreto ai nuovi cittadini cui lo stesso è destinato. Si ringraziano in particolare la Caritas, il Sermig e l Associazione Cleopatra per la preziosa collaborazione. 2

3 Sommario CAPITOLO I: IL REGISTRO DELLE IMPRESE (a cura della Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura di Torino) 1. Come avviare un impresa individuale pag Imprenditori stranieri: le risposte alle domande più frequenti pag Come avviare un impresa artigiana pag Che cosa fare pag Quanto costa iscriversi pag Documentazione da allegare alle pratiche in base all attività pag Condizioni e adempimenti per ottenere le agevolazioni finanziarie pag La legge regionale 34/2008 e successive modifiche e integrazioni pag Autoimpiego pag Microcredito del Comune di Torino pag La Comunicazione Unica pag. 18 CAPITOLO II: ADEMPIMENTI E AGEVOLAZIONI FISCALI (a cura dell Agenzia delle Entrate) 1. Dichiarazione di inizio attività pag Il regime agevolato per i contribuenti minimi pag Il regime agevolato per chi inizia un attività pag Il tutoraggio pag I due regimi a confronto: prospetto comparativo pag. 23 CAPITOLO III: GLI OBBLIGHI PREVIDENZIALI NELLA GESTIONE DELL IMPRESA (a cura dell Inps) Pag. 25 INDIRIZZI UTILI PER ULTERIORI INFORMAZIONI pag. 30 3

4 Capitolo I IL REGISTRO DELLE IMPRESE 1. Come avviare un impresa individuale Le istruzioni che seguono sono valide fino al 31 marzo 2010: vedere aggiornamento relativo alla nuova procedura COMUNICA nel successivo paragrafo 4. Voglio diventare un imprenditore individuale. È obbligatorio richiedere la partita IVA? A chi devo richiederla? Quando si intraprende una attività economica di tipo imprenditoriale occorre sempre dare comunicazione all Agenzia delle Entrate Ufficio IVA, per l attribuzione della partita IVA. Quali documenti sono necessari per ottenere l attribuzione della Partita IVA? Occorre presentarsi presso l Agenzia delle Entrate con: un documento d identità valido il codice fiscale personale la domanda in duplice copia. La domanda, scaricabile dal sito non comporta alcun costo. La presentazione della documentazione può avvenire anche tramite posta o computer. Per compilare il modulo è necessario anche conoscere il codice dell attività (codice Ateco) che si intende avviare, reperibile sul sito oppure sullo stesso sito dell'agenzia delle Entrate, all indirizzo: Cos è il codice attività (codice Ateco)? Tutte le attività economiche sono classificate in una tabella e contraddistinte da uno specifico codice identificativo che va necessariamente utilizzato dai contribuenti per la richiesta della Partita IVA e in tutti gli atti e le dichiarazioni da presentare all Agenzia delle Entrate. L attuale tabella ATECOFIN 2007 è strutturata in sezioni, contraddistinte da un codice alfabetico che corrisponde ai grandi settori di attività economiche (agricoltura, pesca, attività manifatturiere, ecc.). Nell ambito di ciascuna sezione o sottosezione sono elencati i vari codici attività. Ottenuta l attribuzione della partita IVA, posso iscrivere la mia attività alla Camera di commercio? Se si svolge attività d impresa, dopo aver ottenuto l attribuzione della Partita IVA è obbligatorio presentare domanda di iscrizione al registro imprese della Camera di commercio. A seconda del tipo di attività che si intende svolgere occorre inoltre verificare se è necessario il possesso di particolari requisiti o di preventive autorizzazioni o licenze. 4

5 Quando devo iscrivermi al registro imprese? Entro 30 giorni dalla data di inizio dell attività. Fanno eccezione alcune attività, ad esempio: installazione, ampliamento e manutenzione impianti; autoriparazione; pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione; facchinaggio: in questi casi la domanda di iscrizione deve essere presentata lo stesso giorno della data di inizio attività. Quali moduli devo compilare per iscrivermi al registro imprese? Occorre compilare innanzitutto il modello I1, firmato dal titolare con firma semplice e fotocopia di documento di riconoscimento in corso di validità. Se viene aperta anche un unità locale (indirizzo diverso da quello della sede principale) occorre compilare anche il modello UL. Devo allegare qualche documento alla domanda di iscrizione? Quando l attività svolta è soggetta ad autorizzazioni, licenze, mandati o altro, occorre allegarne una semplice fotocopia. Sono un cittadino extracomunitario. Devo allegare all iscrizione al registro imprese il permesso di soggiorno? Si. La domanda di iscrizione presentata da cittadino extracomunitario deve essere accompagnata dal permesso di soggiorno in corso di validità (o dall eventuale richiesta di rinnovo) tranne che si tratti di attività preventivamente autorizzata da un altra pubblica amministrazione, che ha quindi già verificato la legittima presenza in Italia del cittadino non comunitario. Quanto costa iscriversi al registro imprese? Per l iscrizione di un impresa individuale al registro imprese si deve pagare un diritto di segreteria di 23,00 euro in caso di presentazione della pratica su carta allo sportello o per posta; di 18,00 euro in caso di presentazione della pratica su supporto informatico digitale o per via telematica. È inoltre obbligatorio, al momento stesso dell iscrizione oppure entro i 30 giorni successivi, il pagamento del diritto annuale. È obbligatorio il bollo? Sulla prima facciata del modello I1 occorre applicare una marca da bollo da 14,62 euro. Se la pratica viene presentata su supporto informatico e/o telematico l imposta di bollo è pari a 17,50 euro e sarà assolta in modo virtuale, cioè pagata automaticamente. Quali sono le modalità di pagamento? In contanti, con bancomat o con carta di credito, nel caso in cui si presenti la pratica direttamente allo sportello, oppure attraverso il conto corrente postale intestato alla Camera di commercio di Torino. In caso di presentazione telematica, i diritti di segreteria e tutti gli altri costi (bollo, diritto annuale) vengono versati con le modalità stabilite dalla convenzione stipulata (es. prepagato, post-pagato). Denunce telematiche Le iscrizioni, modifiche e cancellazioni possono essere presentate anche con il computer, per via telematica. Per le istruzioni è possibile consultare il sito Alla Camera di commercio di Torino è in via di sperimentazione la Comunicazione Unica (ComUnica), un nuovo procedimento semplificato con cui è possibile comunicare attraverso le reti informatiche, con un solo invio, iscrizioni, modifiche e cessazioni direttamente al registro imprese e a tutti gli altri enti interessati (dall INPS all INAIL, all Agenzia delle Entrate). Con l entrata in vigore definitiva della Comunicazione Unica (ComUnica), la presentazione di iscrizioni, modifiche e cancellazioni potrà avvenire solo per via telematica. Cos è il diritto annuale e come si paga? Il diritto annuale è il tributo che si paga per l iscrizione alla Camera di commercio. Le imprese iscritte o annotate nel registro imprese tenuto dalla Camera di commercio di Torino alla data del 1 gennaio oppure iscritte o annotate nel corso dell anno, devono provvedere al pagamento del diritto annuale. Il diritto annuale si paga esclusivamente attraverso il modello F24, oppure direttamente allo sportello al momento della presentazione della domanda di iscrizione. 5

6 Da anni ormai non vengono più inviati bollettini postali in azienda, si consiglia dunque di diffidare di richieste di questo tipo e di verificarle telefonando all Ufficio Relazioni con il Pubblico della Camera di commercio di Torino. Diritto annuale: attenzione alle truffe Le imprese devono diffidare di ogni richiesta di pagamento relativa all iscrizione in presunti annuari, registri e repertori, o relativa a presunte prestazioni assistenziali e previdenziali avanzate da organismi privati, che nulla hanno a che vedere con il pagamento obbligatorio del diritto annuale né con l iscrizione in registri tenuti dalla Camera di commercio. Alle imprese ogni anno viene inviata dalla Camera di commercio di Torino una lettera informativa con le indicazioni necessarie per la determinazione dell importo del diritto annuale e le istruzioni per la compilazione del modello F24. Se presento in ritardo una comunicazione al registro imprese devo pagare una sanzione? Si. Ogni comunicazione presentata oltre i termini previsti dal codice civile o dalle diverse disposizioni di legge comporta una sanzione (ad es. se ho iniziato l attività il 2 ottobre e presento l iscrizione il 20 novembre, quindi oltre il termine previsto di 30 gg. dalla data di inizio attività, dovrò pagare una sanzione di 20,00 euro tramite il modello F23, ma soltanto dopo la notifica del verbale di accertamento). Oltre all iscrizione al registro imprese devo iscrivermi anche all INPS? Dal 1 gennaio 2004 l iscrizione e la cancellazione al registro imprese valgono anche per l iscrizione e la cancellazione all INPS. Nel caso in cui, invece, sia necessario denunciare una variazione che incide sulla posizione contributiva dell'impresa, sarà l'imprenditore a dover presentare denuncia sia in Camera di commercio sia all'inps. 6

7 1.1 Imprenditori stranieri: le risposte alle domande più frequenti Devo aprire un impresa individuale. Cosa devo fare? Occorre chiedere innanzitutto l attribuzione della partita IVA all Agenzia delle Entrate. A seconda del tipo di attività che si intende svolgere è necessario inoltre dimostrare il possesso dei requisiti richiesti (p.e. per il commercio al dettaglio è necessario rivolgersi al Comune dove si intende svolgere l attività, per il Comune di Torino info su Al registro imprese occorre iscriversi entro 30 giorni dall inizio dell attività, compilando il modello I1, presentandolo firmato con fotocopia di un documento di riconoscimento (p.e. carta d identità) e applicando sulla prima facciata una marca da bollo da14,62 euro. L iscrizione al registro imprese vale anche per l iscrizione INPS. Cosa devo fare per ottenere la partita IVA? Per aprire la partita IVA è necessario recarsi presso gli uffici dell Agenzia delle Entrate presenti sul territorio con: un documento d identità valido il codice fiscale la domanda in doppia copia, scaricabile dal sito La presentazione della documentazione può avvenire anche via posta o via computer. È necessario anche conoscere il codice dell attività (Codice Ateco) che si intende avviare, reperibile sul sito Sono un cittadino extracomunitario. Devo allegare all iscrizione al registro imprese il permesso di soggiorno? Sì. La domanda di iscrizione presentata da un cittadino extracomunitario deve essere accompagnata dal permesso di soggiorno ancora valido (o dall eventuale richiesta di rinnovo), tranne nel caso in cui si tratti di un attività autorizzata prima da un altra pubblica amministrazione (p.e. Comune, Questura), che ha quindi già verificato la legittima presenza in Italia del richiedente. La Camera di commercio rilascia il permesso di soggiorno per lavoro autonomo? Non è possibile ottenere il permesso di soggiorno in Camera di commercio, ma è necessario rivolgersi agli uffici Immigrazione della Questura. Per maggiori informazioni Che tipo di permesso di soggiorno devo possedere per poter svolgere un attività di tipo autonomo? Il Decreto del Presidente della Repubblica n. 394/1999, art. 14, stabilisce che è possibile svolgere attività di lavoro autonomo se si è in possesso di uno dei seguenti tipi di permesso di soggiorno: - per attività autonoma - per motivi di lavoro subordinato - per motivi familiari (ricongiungimento familiare) - per ingresso al seguito del lavoratore - per motivi umanitari - per integrazione minore nei confronti di minori che si trovino in particolari condizioni (così come specificate dall art. 32 commi 1 bis e 1 ter del D.P.R. 394/1999) con parere favorevole del Comitato dei minori stranieri. Devo denunciare l inizio di attività in una sede diversa da quella principale. Che modello devo compilare? Per qualsiasi tipo di impresa (ditta individuale o società) la denuncia di inizio attività presso un indirizzo diverso dalla sede principale (la cosiddetta unità locale ) deve essere comunicata con il modello UL. 7

8 Devo chiudere un impresa individuale. Che modello devo presentare e con quali allegati? Per chiudere l impresa individuale occorre compilare il modello I2 e presentarlo firmato con fotocopia di un documento di riconoscimento, avendo applicato sulla prima facciata una marca da bollo da 14,62 euro. Non sono dovuti diritti di segreteria. Termine per la presentazione della richiesta: 30 giorni dalla data di cessazione di attività. Questa comunicazione vale anche ai fini INPS. La chiusura della partita IVA, invece, deve essere comunicata agli uffici finanziari presso l Agenzia delle Entrate. Come posso ottenere una visura? È possibile ottenere una visura recandosi agli sportelli Visure e certificati del registro imprese, in via S. Francesco da Paola 24, al piano terra, oppure in una delle sedi decentrate. L archivio del registro imprese è pubblico, quindi chiunque può chiedere e ottenere questo documento, che contiene la descrizione aggiornata di un impresa. Il costo di una visura ordinaria parte da un minimo di 4 euro fino a un massimo di 8 euro. È inoltre possibile ricevere una visura direttamente a domicilio utilizzando il servizio Certitel delle Poste Italiane: basta telefonare al numero 186, il documento verrà inviato via , via fax o con telegramma. È possibile anche ottenere visure direttamente via web, sul sito effettuando il pagamento con carta di credito. Come posso pagare il diritto annuale? Le imprese iscritte o annotate nel registro imprese tenuto dalla Camera di commercio di Torino alla data del 1 gennaio, oppure nel corso dell anno, devono pagare il diritto annuale. Il diritto annuale si paga esclusivamente attraverso il modello F24 (modello per il pagamento delle tasse), oppure direttamente allo sportello al momento della presentazione della domanda di iscrizione. N.B. Da anni ormai non vengono più inviati bollettini postali in azienda, si consiglia dunque di diffidare di richieste di questo tipo e di verificarle telefonando all Ufficio Relazioni con il Pubblico della Camera di commercio di Torino. Che cos è la dichiarazione dei parametri economico - finanziari? La Camera di commercio rilascia ai cittadini extracomunitari una dichiarazione in cui viene specificato che, per una determinata attività autonoma e imprenditoriale, occorre avere una certa disponibilità finanziaria. La dichiarazione viene rilasciata solo nel caso di un attività di lavoro autonomo che deve essere iscritta nel registro imprese. Che cos è la dichiarazione di insussistenza di motivi ostativi? La Camera di commercio rilascia una dichiarazione ai cittadini extracomunitari che intendono svolgere un attività che non richiede autorizzazioni da parte di altri enti, in cui viene specificato che non esistono motivi che possano ostacolare l esercizio dell attività. Che cosa devo fare per aggiungere un altra attività a quella che già sto svolgendo o comunque variarla? Per presentare una variazione o un aggiunta di attività di una impresa individuale occorre compilare il modello I2. Per le attività 8

9 soggette a particolari requisiti è necessario dimostrarne il possesso allegando copia della relativa documentazione. Che cosa devo fare per sospendere l attività? Per comunicare la sospensione dell attività occorre utilizzare il modello I2. L attività può essere sospesa per un periodo massimo di un anno (eventualmente prorogabile), senza allegare alcuna documentazione al modello I2. In caso di attività soggetta ad autorizzazioni si è comunque tenuti alla comunicazione della sospensione all ente competente prima di recarsi al registro imprese (ad es. il Comune per il commercio su area pubblica o al dettaglio e per la somministrazione). Cos è la conciliazione? La conciliazione è uno strumento, alternativo al giudice ordinario, che offre a imprese e privati cittadini la possibilità di risolvere in maniera efficace, con tempi brevi e costi contenuti i problemi che possono insorgere in diversi ambiti: telecomunicazioni, turismo, tintolavanderie, intermediazione immobiliare, riparazioni elettrodomestici, impiantistica, edilizia, condominio, rapporti societari. Nel procedimento di conciliazione le parti si incontrano con un conciliatore imparziale ed indipendente che le aiuta a trovare una soluzione soddisfacente per entrambe. Utilizzare il servizio è semplice: basta presentare una domanda alla Segreteria in Camera di commercio di Torino (vedi indirizzi a fondo dépliant). I documenti informativi e la modulistica sono reperibili nella sede centrale di Torino, presso le sedi decentrate della Camera di commercio di Torino a Chivasso, Ciriè, Ivrea, Moncalieri, Pinerolo, Rivoli e Susa e all indirizzo 9

10 Sintesi delle incombenze amministrative necessarie per aprire alcuni tipi di attività phone center parrucchiere estetista Commercio ambulante bar/ristorante 10 È necessario presentare copia della richiesta presentata all Ispettorato territoriale del Ministero delle Comunicazioni per ottenere l autorizzazione generale dell Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni. È un attività artigiana e per poterla svolgere è necessaria la qualifica professionale che viene riconosciuta dalla Commissione Provinciale per l Artigianato presso la Camera di commercio. L attività è soggetta ad autorizzazione del Comune. L autorizzazione viene rilasciata dopo la verifica del possesso dei requisiti. È un attività artigiana, per cui è necessaria l autorizzazione del Comune. Per poter ottenere l autorizzazione è necessario essere in possesso dell attestato di qualificazione professionale per estetista rilasciato dalle scuole riconosciute dalla Regione. È un attività che richiede l autorizzazione del Comune. Richiedi il dépliant Commercio di prodotti all ingrosso e al dettaglio disponibile in Camera di commercio di Torino È un attività che richiede l autorizzazione del Comune. Richiedi il dépliant Somministrazione al pubblico di alimenti e bevande disponibile in Camera di commercio di Torino Per tutte queste attività occorre presentare presso la Camera di commercio l iscrizione entro 30 giorni dall inizio dell attività. Basta compilare il modello I1 (o A1), avendo applicato sulla prima facciata una marca da bollo da 14,62 euro, e presentarlo agli sportelli firmato con fotocopia del documento di riconoscimento. 2. Come avviare un impresa artigiana 2.1 Che Cosa fare Dichiarazione fiscale di inizio attività e attribuzione partita IVA Quando si intraprende un attività artigiana occorre presentare, entro 30 giorni, una dichiarazione all Ufficio IVA o all Agenzia delle Entrate della circoscrizione in cui si trova il proprio domicilio fiscale. All atto della dichiarazione l Ufficio attribuisce la partita IVA. I modelli per la richiesta si trovano sul sito internet del Ministero dell Economia e delle Finanze (www.finanze.it). Iscrizione all INAIL Gli artigiani sono tenuti ad assicurare se stessi e gli eventuali dipendenti contro i danni fisici ed economici derivanti da infortuni e malattie causati dall attività lavorativa presentando all INAIL la denuncia nello stesso giorno dell inizio attività (www.inail.it). Requisiti per l iscrizione all Albo Artigiani È titolare di impresa artigiana chi esercita abitualmente e professionalmente l impresa con piena responsabilità svolge in misura prevalente il proprio lavoro anche manuale nel processo produttivo esercita un attività diretta alla produzione di beni e servizi ad esclusione delle attività agricole e commerciali. L impresa è artigiana anche quando l attività viene svolta con l ausilio di lavoratori dipendenti purché non vengano superati i limiti previsti dall art.4 della Legge 443/85. Iscrizione all INPS L iscrizione nell Albo Imprese Artigiane dell impresa individuale o della società, deliberata da parte della Commissione Provinciale per l Artigianato, comporta l iscrizione automatica nell INPS e il versamento dei contributi previdenziali.

11 Documenti da presentare per iscriversi Iscrizione impresa individuale Modello A1 (*), entro 30 giorni, con firma semplice e marca da bollo da 14,62 euro, fotocopia (o presentazione) di un documento di identità valido. Iscrizione società/consorzi o società consortili Modello A2 (*), entro 30 giorni, con firma semplice e marca da bollo da 14,62 euro, fotocopia (o presentazione) di un documento di identità valido del legale rappresentante. Modello AP (*) (da allegare al modello A2) con firma semplice, fotocopia (o presentazione) di un documento di identità valido e del codice fiscale, per tutti i soci, prestatori d opera e non, ad eccezione dei soci accomandanti. Modello AC (*) (da allegare al modello A2 nel caso di iscrizione di consorzio artigiano) con firma semplice del presidente del consorzio per l indicazione dei dati relativi alle imprese consorziate. (*) Tutti i modelli sono reperibili al seguente indirizzo internet: Cittadini extracomunitari Per i cittadini extracomunitari è richiesta la fotocopia (o la presentazione) del permesso di soggiorno in corso di validità o dell eventuale richiesta di rinnovo. Documenti da presentare per modificare o cessare un impresa artigiana Modifica o cessazione di imprese individuali Modello A3 (*) con firma semplice, fotocopia di un documento di identità valido del titolare, e marca da bollo da 14,62 euro (ad eccezione delle iscrizioni/cancellazioni di familiari coadiuvanti esenti da imposte di bollo). Modifica o cessazione di società o consorzi Modello A4 (*) con firma semplice, fotocopia di un documento di identità valido del legale rappresentante, e marca da bollo da 14,62 euro (ad eccezione delle denunce di inizio/cessazione di prestazione d opera, esenti da imposta di bollo). Apertura, modifica o cessazione di unità locali artigiane Modello A5 (*) con firma semplice e fotocopia di un documento di identità valido del titolare o del legale rappresentante. (*) Tutti i modelli sono reperibili al seguente indirizzo internet: Diritti di segreteria per denunce di modifica euro 10,00 da versare in contanti, o con pagobancomat, allo sportello all atto della presentazione della denuncia di modifica oppure allegando l attestazione del versamento da effettuare sul c/c postale n intestato alla Camera di commercio di Torino, avendo cura di indicare sul bollettino postale la causale: 11

12 Modificazione A.I.A.. Le variazioni toponomastiche (nome di vie, piazze ecc ) non sono soggette né a diritti di segreteria né all imposta di bollo. Diritti di segreteria per denunce di cessazione Le denunce di cessazione non sono soggette a diritti di segreteria. Retrodatazione cessazioni Per segnalare che l attività è cessata già da qualche mese/anno: allegare al modello appositamente predisposto, qualsiasi documento in fotocopia non autenticata che si riferisca alla data effettiva di fine attività (cessazione IVA o INAIL, buste paga nel caso di rapporto di lavoro dipendente, modd. 101, 740, ecc.). Denunce telematiche Le iscrizioni, modifiche e cancellazioni possono essere presentate anche con il computer, per via telematica. Per le istruzioni è possibile consultare la Guida alla pratica telematica artigiana scaricandola dal sito Alla Camera di commercio di Torino è in via di sperimentazione la Comunicazione Unica (ComUnica), un nuovo procedimento semplificato con cui è possibile comunicare attraverso le reti informatiche, con un solo invio, iscrizioni, modifiche e cessazioni direttamente al registro imprese e a tutti gli altri enti interessati (dall INPS all INAIL, all Agenzia delle Entrate). Con l entrata in vigore definitiva della Comunicazione Unica (ComUnica), dunque, la presentazione di iscrizioni, modifiche e cancellazioni potrà avvenire solo per via telematica. 2.2 Quanto costa iscriversi Diritti di segreteria per domande di iscrizione euro 31,00 da versare in contanti, o con pagobancomat, allo sportello all atto della presentazione della domanda di iscrizione, oppure sul c/c postale n intestato alla Camera di commercio di Torino, avendo cura di indicare sul bollettino la causale: Iscrizione A.I.A.. Diritto annuale: cos è e come si paga Il diritto annuale è il tributo che si paga annualmente alla Camera di commercio. Le imprese iscritte o annotate nel registro delle imprese tenuto dalla Camera di commercio di Torino alla data del 1 gennaio, oppure iscritte o annotate nel corso dell anno, devono provvedere al pagamento del diritto annuale. L importo può cambiare di anno in anno: per le imprese individuali nel 2008 era di 88,00 euro. Il diritto annuale si paga esclusivamente attraverso il modello F24 oppure direttamente allo sportello al momento della presentazione della domanda di iscrizione. 12

13 Da anni ormai non vengono più inviati bollettini postali in azienda, si consiglia dunque di diffidare di richieste di questo tipo e di verificarle telefonando all Ufficio Relazioni con il Pubblico della Camera di commercio di Torino. Diritto annuale: attenzione alle truffe Le imprese devono diffidare di ogni richiesta di pagamento relativa all iscrizione in presunti annuari, registri e repertori o relativa a presunte prestazioni assistenziali e previdenziali avanzate da organismi privati, che nulla hanno a che vedere con il pagamento obbligatorio del diritto annuale né con l iscrizione in registri tenuti dalla Camera di commercio. Ogni anno, alle imprese viene inviata dalla Camera di commercio di Torino una lettera informativa con le indicazioni necessarie per determinare l importo del diritto annuale e le istruzioni per compilare il modello F24. Imposta di bollo Le domande di iscrizione e le denunce di modifica e di cessazione all A.I.A. (modelli A1, A2, A3, A4), sono soggette all imposta di bollo (euro 14,62). Se la domanda/denuncia è composta da più modelli, dove previsto, l imposta di bollo va applicata una sola volta. Sono esenti da imposta di bollo le denunce: di iscrizione/cancellazione di familiari coadiuvanti di inizio/cessazione di prestazione d opera dei dati relativi alle unità locali, alle persone e alle imprese consorziate (modelli A5, AC, AP). 2.3 Documentazione da allegare alle pratiche in base all attività INSTALLAZIONE IMPIANTI (*) - Modello 1 per impiantisti debitamente compilato con allegati richiesti - versamento di euro 168,00 da effettuarsi sul c/c 8003 tasse concessioni governative Roma (tassa dovuta anche in caso di aggiunta di nuove tipologie di attività) - diritti di segreteria. IMPRESA DI PULIZIE (*) - Modello 1 per imprese di pulizia debitamente compilato con allegati richiesti - Modello 2 per imprese di pulizia (riservato esclusivamente alle imprese che partecipano agli appalti pubblici) - versamento di euro 168,00 da effettuarsi sul c/c 8003 tasse concessioni governative Roma (tassa dovuta anche in caso di aggiunta di nuove tipologie di attività) - diritti di segreteria. AUTORIPARAZIONI (*) - Modello 1 per autoriparatori debitamente compilato con allegati richiesti - versamento di euro 168,00 da effettuarsi sul c/c 8003 tasse concessioni governative Roma (tassa dovuta anche in caso di aggiunta di nuove tipologie di attività) - diritti di segreteria. FACCHINAGGIO (*) - Allegato A/1, debitamente compilato con allegati richiesti; nel caso di società, per ciascuno dei soci e per le s.a.s per ciascun accomandatario, allegare l intercalare per la dichiarazione relativa al possesso dei requisiti morali - per ciascuno dei soci artigiani preposti alla gestione tecnica allegare la relativa dichiarazione - Allegato B con marca da bollo da 14,62 euro per l istanza di iscrizione nella prima fascia di classificazione - versamento di euro 168,00 da effettuarsi sul c/c 8003 tasse concessioni governative Roma (tale tassa è dovuta anche in caso di aggiunta di nuove tipologie di attività) - diritti di segreteria. PANIFICAZIONE Copia della comunicazione presentata al Comune dove ha sede l attività. ATTIVITÀ SOGGETTE ALLA DISCIPLINA SUL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI Delibera di iscrizione all albo gestori rifiuti o autorizzazione provinciale. 13

14 ACCONCIATORE, ESTETISTA - Copia della comunicazione presentata al Comune dove ha sede l attività. - nel caso di società, allegare per ciascun socio prestatore d opera l intercalare parrucchieri/estetisti. TAXI, AUTONOLEGGIO CON CONDUCENTE Licenza comunale. AUTOTRASPORTO CONTO TERZI Carta di circolazione intestata all impresa con l indicazione esplicita dell uso per conto terzi (previa iscrizione all albo autotrasportatori). LAVORAZIONE E CONFEZIONAMENTO DI PRODOTTI ALIMENTARI (gastronomia, gelateria, girarrosto, pizza da asporto ecc.) Ricevuta della denuncia di inizio attività presentata al Comune dove ha sede l attività. ODONTOTECNICO E OTTICO Diploma di abilitazione vistato dall azienda sanitaria locale. FUOCHISTA Patentino per manutenzione caldaia rilasciato dall ispettorato del lavoro. AUTOSCUOLA Autorizzazione provinciale. FOTOGRAFO E RIPRESE CINEMATOGRAFICHE Comunicazione alla Questura. PALESTRA Diploma ISEF - laurea in scienze motorie. (*) Tutti i modelli e gli allegati indicati sono reperibili al seguente indirizzo internet: 3. Condizioni e adempimenti per ottenere le agevolazioni Finanziarie 14 Esistono agevolazioni per chi desidera avviare un attività in Italia? Sì, ci sono delle leggi che prevedono un finanziamento agevolato finalizzato all acquisto dei beni necessari per lo svolgimento dell attività e talvolta anche un contributo a fondo perduto su alcuni tipi di spesa. Tali normative prevedono il conferimento di una percentuale del capitale da parte dell ente pubblico e la restante percentuale a carico del sistema bancario. Ogni normativa stabilisce le caratteristiche dei beneficiari, le finalità, le spese ammissibili, eventuali settori esclusi e le condizioni agevolative Quali sono le condizioni richieste per presentare domanda di agevolazione? Le condizioni vengono stabilite in modo dettagliato da ciascuna normativa. Tutte prevedono la residenza e l ubicazione della sede dell attività nei territori agevolati. Ad esempio le leggi regionali richiedono che

15 sia la residenza del titolare sia la sede legale, amministrativa e operativa siano situate nel territorio regionale. A parte la normativa a favore dei soggetti disoccupati, tutte le leggi di finanziamento agevolato richiedono che, al momento della presentazione della domanda, l attività sia già effettivamente avviata e risulti iscritta in Camera di commercio. Viene finanziato l intero investimento o ci sono delle spese escluse? Normalmente viene finanziato l acquisto dei beni strumentali necessari per poter esercitare l attività in oggetto. Tali beni possono essere nuovi oppure usati, purché in questo secondo caso vengano sottoposti ad una perizia, a carico del richiedente, che ne attesti il valore di mercato. Ogni normativa contiene un elenco dettagliato delle spese ammissibili. E possibile richiedere un finanziamento agevolato per chi acquista un attività già avviata? Normalmente sì, a parte alcune esclusioni precisate in specifiche normative. In ogni caso, quando si parla di acquisto di attività esistente, è necessario distinguere il costo delle attrezzature e degli arredi che si rilevano dal costo dell avviamento commerciale. Verrà finanziato il costo delle attrezzature e degli arredi dopo averne accertato il valore di mercato attraverso la perizia ma non verrà riconosciuto anche il valore commerciale dell attività (avviamento commerciale). Qual è la differenza tra spese di investimento e spese di gestione? Le spese di investimento riguardano l acquisto di beni di tipo durevole necessari per lo svolgimento dell attività (macchinari, arredi, impianti, opere murarie, ecc.), le spese di gestione sono relative all acquisto di beni di consumo (materie, prime, affitti, utenze, ecc.) Quali tipi di agevolazione si possono ottenere? Le normative più diffuse permettono di ottenere un prestito agevolato. Questo vuol dire che il beneficiario dovrà restituire l intera cifra ricevuta ma ad un tasso di interesse particolarmente vantaggioso. A volte la normativa prevede, oltre al finanziamento agevolato, anche una parte a fondo perduto, cioè una cifra che parzialmente o totalmente non dovrà essere restituita. E possibile richiedere più di un finanziamento agevolato? Le leggi di finanziamento impongono che le agevolazioni non possono essere concesse per spese coperte con altre agevolazioni pubbliche. Ciò significa che se si ottiene un agevolazione per l acquisizione di strumenti di lavoro e poi si presenta la necessità di chiedere un ulteriore agevolazione giustificandola con l acquisizione di beni diversi, questo è possibile. Sono necessarie garanzie per accedere ai finanziamenti agevolati? Il finanziamento agevolato nasce da una convenzione tra banche ed un ente pubblico, con l intenzione di incentivare l investimento di aziende aventi determinate caratteristiche stabilite dalla legge. La particolarità ed il vantaggio di tale tipo di finanziamento sta nel fatto che la parte del capitale conferita dall ente pubblico è a tasso zero. L istruttoria della pratica prevede la valutazione del merito creditizio, finalizzata ad accertare la capacità del beneficiario a restituire il capitale ottenuto in prestito. Per incentivare l accesso al credito, vi sono però altre iniziative che sono caratterizzate dall assenza di richiesta di garanzie, in quanto indirizzate a soggetti che non hanno alcun tipo di appoggio creditizio, né familiare né personale. Per esempio il D.lgs. 185/2000 Titolo II che sostiene le iniziative promosse da soggetti disoccupati o il Microcredito del Comune di Torino prevedono che le garanzie vengano assunte dall ente pubblico gestore dell incentivo. Sul nostro territorio esistono numerose iniziative di microcredito gestite da associazioni, fondazioni ed enti privati. Che cos è il business plan? E un progetto d impresa, cioè una relazione che deve contenere una serie di informazioni sulle caratteristiche dell impresa, sull attività svolta, sulle risorse finanziarie e professionali impiegate. Le sue finalità sono diverse: ricerca di soci o di finanziatori, richiesta di finanziamenti, valutazioni dello stesso imprenditore in caso di avvio di nuova attività o di ampliamento di un impresa esistente. Il business plan normalmente è richiesto in tutte le domande di finanziamento agevolato ed è uno strumento necessario per verificare la fattibilità economica e finanziaria del proprio progetto. 15

16 Non bisogna però considerarlo solo un documento obbligatorio per accedere a determinate agevolazioni ma uno strumento utile alle valutazioni dello stesso imprenditore in quanto permette di verificare l esistenza di tutti i presupposti affinché la propria idea possa validamente funzionare sul mercato. Quali servizi vengono offerti alle persone che desiderano ottenere informazioni sulle agevolazioni esistenti in un dato momento e per una determinata attività? Il Settore Nuove imprese della Camera di commercio di Torino riceve su appuntamento chiunque desideri avviare un attività. Durante il colloquio viene spiegato qual è l iter burocratico necessario per l avvio dell attività richiesta e quali eventuali requisiti professionali vengono imposti dalle normative vigenti in capo al titolare. In seguito, si orienterà l aspirante imprenditore verso una o l altra legge di agevolazione, a seconda delle caratteristiche del soggetto richiedente e dell attività che si desidera porre in essere. Tale servizio è gratuito e non comprende la compilazione della domanda di finanziamento e/o contributo. Inoltre, nell ambito del Fondo Sociale Europeo POR 2007/2013, viene erogato un ulteriore servizio di assistenza. Si tratta di attività mirate all orientamento all imprenditorialità e alla valutazione di fattibilità dell idea d impresa (accompagnamento e redazione del business plan). Sono stati selezionati a livello provinciale una serie di sportelli che hanno il compito di fornire tali servizi consulenziali. La scelta dello sportello provinciale cui rivolgersi è legata al luogo in cui si intende creare la propria attività. Di seguito si riportano brevi schede riassuntive di alcuni incentivi a sostegno della nuova imprenditorialità. Le informazioni contenute in tali schede devono essere necessariamente approfondite presso il sito degli enti erogatori, ai quali si farà riferimento al termine di ogni scheda. Dati aggiornati al settembre La Legge regionale 34/2008 e successive modifiche e integrazioni Interventi per la nascita e lo sviluppo di creazione d impresa Caratteristiche del richiedente: Soggetti inoccupati e disoccupati in cerca di occupazione Soggetti sottoposti a misure restrittive della libertà personale Soggetti occupati con contratti di lavoro che prevedono prestazioni discontinue, con orario e reddito ridotto Soggetti occupati a rischio di disoccupazione Soggetti che intendono intraprendere un attività di autoimpiego. Tipologia di aiuto: finanziamento agevolato e contributo a fondo perduto Finalità: creazione di nuove imprese Ammontare erogabile: Finanziamento agevolato da un minimo di ,00 ad un massimo di ,00 finalizzato ad investimenti relativi all acquisizione di: macchinari, attrezzature, automezzi, sistemi informatici e relativi programmi applicativi, licenze, registrazione di brevetti e marchi (escluso l avviamento commerciale), attivazione e adeguamento degli impianti tecnici e dei locali; Contributo a fondo perduto, da un minimo di 4.000,00 ad un massimo di ,00 che copre il 40% di spese relative a: contratti di allacciamento utenze; promozione e pubblicità; parcelle per prestazioni professionali di consulenza o di collaborazione per la stesura del progetto allegato alla domanda; canoni di affitto per l immobile sede dell attività; assistenza tecnica e gestionale; costi esterni di formazione professionale e manageriale. Termini di presentazione della domanda: entro 15 mesi dalla costituzione. La data decorre dalla costituzione della società oppure dalla data di iscrizione in Camera di commercio per le ditte individuali. Territorialità: Regione Piemonte. Tale requisito è richiesto sia per la residenza o domicilio dei titolari sia per l ubicazione della sede dell impresa. 16

17 Interventi per la nascita e lo sviluppo del lavoro autonomo Caratteristiche del richiedente: Soggetti inoccupati e disoccupati in cerca di occupazione Soggetti sottoposti a misure restrittive della libertà personale Soggetti occupati con contratti di lavoro che prevedono prestazioni discontinue, con orario e reddito ridotto Soggetti occupati a rischio di disoccupazione Soggetti che intendono intraprendere un attività di autoimpiego. Tipologia di aiuto: finanziamento agevolato e contributo a fondo perduto Finalità: Nascita e sviluppo del lavoro autonomo Ammontare erogabile: Finanziamento agevolato minimo di 5.000,00 finalizzato ad investimenti relativi all acquisizione di: macchinari, attrezzature, automezzi, sistemi informatici e relativi programmi applicativi, licenze, registrazione di brevetti e marchi (escluso l avviamento commerciale), attivazione e adeguamento degli impianti tecnici e dei locali; Contributo a fondo perduto, da un minimo di 4.000,00 ad un massimo di 8.000,00 che copre il 40% di spese relative a: contratti di allacciamento utenze; promozione e pubblicità; parcelle per prestazioni professionali di consulenza o di collaborazione per la stesura del progetto allegato alla domanda; canoni di affitto per l immobile sede dell attività; assistenza tecnica e gestionale; costi esterni di formazione professionale e manageriale. Termini di presentazione della domanda: Possono presentare domanda i titolari di partita Iva in tutti i settori merceologici e professionali compresi quelli privi di Albo o ordine professionale. Tali soggetti devono aver ottenuto la partita Iva a far data dal 1 gennaio dei due anni precedenti la data di presentazione della domanda. Territorialità: Regione Piemonte. Tale requisito è richiesto sia per la residenza o domicilio dei titolari sia per l ubicazione della sede dell impresa. 3.2 Autoimpiego (D.lgs. 185/2000 Titolo II) Gestore: Invitalia S.p.A - Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa Caratteristiche del richiedente: disoccupati alla data di presentazione della domanda residenti nel territorio nazionale Tipologia di aiuto: finanziamento a tasso agevolato e contributo a fondo perduto Finalità: creazione di nuove imprese Ammontare erogabile: per le ditte individuali massimo erogabile per gli investimenti più 5.165, per le spese di gestione; per le società massimo erogabile per gli investimenti, più le spese di gestione. La normativa non prevede minimali di spesa Territorialità: tutto il territorio nazionale Riferimenti: Invitalia S.p.A. - Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa Numero verde: disponibile dal lunedì al venerdi dalle 9:00 alle 18:00 Sito internet: 3.3 Microcredito del Comune di Torino Gestore: Comune di Torino Caratteristiche del richiedente: imprese artigiane, industriali, commerciali e di servizi; cooperative di produzione e di lavoro. Le imprese devono risultare costituite dalla data del 1 gennaio 2008 Tipologia di aiuto: Finanziamento. Non è richiesta alcuna garanzia reale; la città di Torino chiede come garanzia il possesso di una valida idea imprenditoriale e si fa garante nei confronti del sistema creditizio. Tasso di interesse alle migliori condizioni di mercato Finalità: creazione di nuove imprese, apertura di sedi operative Ammontare erogabile: da un minimo di ad un massimo di Termini di presentazione della domanda: non ci sono termini di presentazione se non il fatto di avere non costituzione non anteriore al 1 gennaio

18 Territorialità: Comune di Torino Riferimenti: per tutte le informazioni è attivo il numero verde (dal lunedì al venerdi dalle ore 9,30 alle ore 13,30) Sito internet: 4. La Comunicazione Unica per l avvio dell impresa Dal 1 aprile 2010 chi vuole avviare un attività imprenditoriale, di qualunque genere (commerciale o artigiana) ed in qualunque forma (impresa individuale o società) deve utilizzare la Comunicazione Unica. 18 Cos è la Comunicazione Unica? Si tratta di una nuova procedura completamente informatica, che contiene tutta la modulistica degli enti coinvolti (AGENZIA ENTRATE, CAMERA DI COMMERCIO, INPS, INAIL) e che deve essere utilizzata per presentare tutte le domande e le denunce che sono necessarie per ottenere la partita Iva, per iscriversi al registro imprese e all albo delle imprese artigiane, per le denunce all INPS ed all INAIL. E possibile continuare ad utilizzare la modulistica cartacea? Dal 1 aprile 2010 non sarà più possibile utilizzare la modulistica cartacea, divenendo obbligatorio l uso della procedura informatica detta COMUNICA. A chi si presenta la COMUNICA? La COMUNICA si presenta tramite il registro delle imprese, che provvede a smistare poi agli Enti competenti le dichiarazioni e le denunce ad essi relativi tramite collegamento telematico. Il registro delle imprese delle Camere di commercio diventa lo sportello unico telematico presso il quale passano tutte le dichiarazioni che prima dovevano essere presentate presso ciascuno degli Enti coinvolti. Questi, a loro volta, risponderanno ad ogni richiesta tramite casella PEC (posta elettronica certificata). Quali sono gli adempimenti che dovranno essere fatti tramite la COMUNICA? dichiarazione di inizio attività, variazioni dati e cessazioni dell attività ai fini IVA; domanda di iscrizione di nuove imprese, modifica e cessazione nel registro delle imprese e nell Albo imprese artigiane (escluso il deposito di bilancio); domanda di iscrizione, variazione e cessazione ai fini INAIL; domanda di iscrizione, variazione e cessazione al registro delle imprese con effetto per l INPS relativamente alle imprese artigiane ed esercenti attività commerciali; domanda di iscrizione e cessazione d impresa con dipendenti ai fini INPS; variazione dei dati d impresa con dipendenti, sempre ai fini INPS; Cosa occorre per presentare la COMUNICA? Per presentare la Comunicazione unica occorre essere in possesso della firma digitale e di un indirizzo di posta elettronica certificata (Pec). Dove trovo le informazioni sulla COMUNICA? Le Camere di commercio hanno messo a disposizione, gratuitamente, il software ComUnica, che guida gli utenti a compilare il modello. Inoltre, sul sito internet è stata pubblicata la Guida alla compilazione della comunicazione unica d impresa.

19 CAPITOLO II ADEMPIMENTI E AGEVOLAZIONI FISCALI 1. Dichiarazione di inizio attività Cosa si deve fare quando cambiano i dati dichiarati? In caso di variazione di uno degli elementi indicati nella dichiarazione di inizio attività (ad esempio del domicilio fiscale) si deve presentare la dichiarazione di variazione dei dati utilizzando il modello AA9/9 se si è una persona fisica e il modello AA7/9 se si è un soggetto diverso. Le dichiarazioni devono essere presentate all Agenzia delle Entrate entro 30 giorni dalla data di avvenuta variazione. 2. Il regime agevolato per i contribuenti minimi C è un regime fiscale agevolato per i contribuenti minimi? Sì. A partire dal 1º gennaio 2008, è stato introdotto un nuovo regime fiscale agevolato per i contribuenti minimi. Il regime dei contribuenti minimi, utilizzabile soltanto dalle persone fisiche nell ambito di attività d impresa, arte o professione, è particolarmente vantaggioso perché prevede l esenzione dall Irap, l esonero dagli obblighi di liquidazione e versamento dell Iva, dalla tenuta delle scritture contabili e l esclusione dagli studi di settore. Quali sono le agevolazioni per i contribuenti minimi? Sono previste agevolazioni che riguardano l Iva, le imposte sui redditi e la contabilità. Vediamole: 1) Agevolazioni Iva. Per i contribuenti minimi è previsto l esonero dagli adempimenti ai fini Iva: niente versamenti, dichiarazioni, comunicazioni, tenuta e conservazione dei registri. Le fatture devono essere emesse senza l addebito dell Iva e non si può detrarre l Iva pagata sugli acquisti: conseguentemente l Iva si trasforma in un costo deducibile dal reddito. 19

20 2) Agevolazioni relative alle imposte sul reddito I contribuenti minimi sono esentati dall Irap; per quanto riguarda le imposte sul reddito, è prevista l applicazione di una imposta con aliquota del 20%, sostitutiva delle imposte sui redditi e delle addizionali regionali e comunali. Il reddito di impresa o di lavoro autonomo su cui applicare l imposta sostitutiva è costituito dalla differenza tra l ammontare dei ricavi o compensi percepiti e le spese sostenute nell esercizio dell attività durante il periodo d imposta considerato. In sostanza, si applica il principio di cassa. Non si applicano gli studi di settore e i contributi previdenziali versati in ottemperanza a disposizioni di legge si deducono dal reddito. 3) Contabilità I contribuenti minimi hanno l obbligo di conservare i documenti ricevuti ed emessi ma sono esonerati dagli obblighi di registrazione e di tenuta delle scritture contabili, dal versamento dell Iva e da tutti gli altri obblighi previsti dal decreto Iva (ad eccezione degli obblighi di numerazione e di conservazione delle fatture di acquisto e delle bollette doganali e di certificazione dei corrispettivi). Quali sono le condizioni per essere considerati contribuenti minimi? Le persone fisiche che esercitano attività di impresa, arti o professioni possono essere considerati contribuenti minimi se nell anno solare precedente: 1. hanno conseguito ricavi ovvero hanno percepito compensi non superiori a euro; 2. non hanno effettuato cessioni all esportazione; 3. non hanno sostenuto spese per lavoratori dipendenti o collaboratori, anche a progetto; 4. non hanno erogato utili di partecipazione ad associati che apportano solo lavoro; 5. se nel triennio solare precedente non hanno effettuato acquisti di beni strumentali, anche mediante contratti di appalto e di locazione, pure finanziaria, per un ammontare complessivo superiore a euro. Non sono considerati contribuenti minimi, e pertanto sono esclusi dall agevolazione: a) le persone fisiche che si avvalgono di regimi speciali ai fini Iva (ad esempio, agricoltori, agenzie di viaggio e turismo, ecc.); b) i soggetti non residenti in Italia; c) i soggetti che in via esclusiva o prevalente effettuano cessioni di fabbricati o porzioni di fabbricato, di terreni edificabili e di mezzi di trasporto nuovi; d) chi esercita attività d impresa o arti e professioni in forma individuale e contestualmente partecipa a società di persone o associazioni, ovvero a società a responsabilità limitata in regime di trasparenza fiscale. Chi inizia un attività, può scegliere il nuovo regime semplificato quando presenta la dichiarazione di inizio di attività ai fini Iva, nella quale deve dichiarare l ipotetico possesso dei requisiti necessari. I contribuenti minimi possono optare per il regime ordinario? Sì. I contribuenti minimi possono comunque optare per l applicazione dell Iva e delle imposte sul reddito nei modi ordinari. 20

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

Procedure Pagina 1 di 8 PROCEDURE AMMINISTRATIVE PER L AVVIO DI UNA IMPRESA INDIVIDUALE

Procedure Pagina 1 di 8 PROCEDURE AMMINISTRATIVE PER L AVVIO DI UNA IMPRESA INDIVIDUALE Procedure Pagina 1 di 8 PROCEDURE AMMINISTRATIVE PER L AVVIO DI UNA IMPRESA INDIVIDUALE Il codice civile (art. 2082) stabilisce che è imprenditore chi esercita professionalmente un attività economica organizzata

Dettagli

FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO

FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO INTRODUZIONE Il Medico o l Odontoiatra che intende esercitare la libera professione è tenuto ad osservare gli adempimenti fiscali previsti per legge: denuncia di inizio

Dettagli

La partita IVA, il regime agevolato e di vantaggio

La partita IVA, il regime agevolato e di vantaggio La partita IVA, il regime agevolato e di vantaggio La Partita IVA La procedura burocratica Dal punto di vista fiscale si definisce IVA (Imposta sul valore aggiunto disciplinata dal DPR 633/72) l'imposta

Dettagli

I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI

I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I regimi contabili e fiscali per imprese e professionisti Regime ordinario artt. 14-16 DPR 600/73 Regime semplificato art. 18 DPR 600/73 Regime

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI PRESSO L ALBO DELLE IMPRESE ARTIGIANE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI PRESSO L ALBO DELLE IMPRESE ARTIGIANE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI PRESSO L ALBO DELLE IMPRESE ARTIGIANE MODELLI DOCUMENTAZIONE DIRITTI IMPOSTA DI BOLLO Sommario: - 1. Norme di carattere generale. 2. Le domande di iscrizione. 2.1. L iscrizione di

Dettagli

Fare Impresa per il domani

Fare Impresa per il domani Fare Impresa per il domani L'Agenzia delle Entrate, l'inps e la Camera di commercio di Torino già da diversi anni portano avanti progetti congiunti di informazione, nelle materie di rispettiva competenza,

Dettagli

LE IMPOSTE NELLA COSTITUZIONE ITALIANA. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa

LE IMPOSTE NELLA COSTITUZIONE ITALIANA. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa LE IMPOSTE NELLA COSTITUZIONE ITALIANA GLI ADEMPIMENTI FISCALI PER L AVVIO DI UN ATTIVITÀ. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa LE IMPOSTE NELLA COSTITUZIONE ITALIANA Le imposte

Dettagli

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI L art. 1 co. 54-89 della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi,

Dettagli

Circolari per la clientela

Circolari per la clientela Circolari per la clientela NUOVO REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI FRUIBILITÀ DELL AGEVOLAZIONE CONTRIBUTIVA 1 1 NUOVO REGIME AGEVOLATO PER GLI AUTONOMI L art. 1 co. 54-89 della L. 23.12.2014 n. 190

Dettagli

Regime fiscale agevolato per autonomi

Regime fiscale agevolato per autonomi 1 REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI Regime fiscale agevolato per autonomi L art. 1, c. 54 89, della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi, destinato agli esercenti

Dettagli

Il nuovo regime forfetario: cambiano le agevolazioni per la. tassazione e la previdenza di imprese e professionisti

Il nuovo regime forfetario: cambiano le agevolazioni per la. tassazione e la previdenza di imprese e professionisti Il nuovo regime forfetario: cambiano le agevolazioni per la tassazione e la previdenza di imprese e professionisti RIFERIMENTI: Art. 1, commi da 54 a 89, l. 23 dicembre 2014, n. 190 Disposizioni per la

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Vito SARACINO Dottore Commercialista Revisore Contabile

Vito SARACINO Dottore Commercialista Revisore Contabile NUOVO REGIME FORFETARIO DEI MINIMI a cura del Dott. Vito SARACINO e in Bitonto (BA) L'art. 1, commi da 54 a 89, della legge 23.12.2014, n. 190 (Legge di Stabilità 2015), ha introdotto a partire dal 2015

Dettagli

Tel./Fax 081.760.72.23 e-mail: athena@na.camcom.it

Tel./Fax 081.760.72.23 e-mail: athena@na.camcom.it COME FARE PER.. ITER BUROCRATICO PER LA CREAZIONE D IMPRESA Tel./Fax 081.760.72.23 e-mail: athena@na.camcom.it . AVVIARE UN ATTIVITA ARTIGIANALE GUIDA PRATICA La normativa che definisce le caratteristiche

Dettagli

T Imposta di Bollo di euro 16,00

T Imposta di Bollo di euro 16,00 T Imposta di Bollo di euro 16,00 (contrassegno telematico) TITOLARE PARTITA IVA Al Presidente della Provincia di Settore/Servizio Cognome Nome _ Sede fissa operativa Via n. Città Prov.( ) Cap Tel. Fax

Dettagli

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI - LA CIRCOLARE MINISTERIALE

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI - LA CIRCOLARE MINISTERIALE IL NUOVO REGIME DEI MINIMI - LA CIRCOLARE MINISTERIALE A pochi giorni dalla definitiva conversione in legge della Finanziaria 2008, l Agenzia delle Entrate ha pubblicato la Circolare n. 73/E del 21.12.2007

Dettagli

IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità

IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità A cura del Dott. Michele Avesani A partire dal 1 gennaio 2012 è entrato in vigore il regime

Dettagli

20133 Milano Viale Campania n. 33 Tel 02 718992 Fax 02719118 info@studiofa.it www.studiofa.it Fortarezza & Associati

20133 Milano Viale Campania n. 33 Tel 02 718992 Fax 02719118 info@studiofa.it www.studiofa.it Fortarezza & Associati 20133 Milano Viale Campania n. 33 Tel 02 718992 Fax 02719118 info@studiofa.it FINANZIARIA 2008 IL NUOVO REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI Dott. Davide Toscano Technical meeting del 31/01/2008 1 La legge n.

Dettagli

Novità della Legge di Stabilità 2015: i nuovi minimi

Novità della Legge di Stabilità 2015: i nuovi minimi MAP Novità della Legge di Stabilità 2015: i nuovi minimi A cura di Piercarlo Bausola Dottore Commercialista in Torino La Legge di Stabilità per il 2015 (L. 23/12/2014, n. 190), pubblicata sulla Gazzetta

Dettagli

IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte

IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte 1 IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte IL NUOVO REGIME AGEVOLATO PER I CONTRIBUENTI DI MINORI

Dettagli

Temi trattati. » Società di Persone. » Lavoro Autonomo Lavoro autonomo occasionale Lavoro accessorio (voucher) Partita Iva (Regime Forfettario)

Temi trattati. » Società di Persone. » Lavoro Autonomo Lavoro autonomo occasionale Lavoro accessorio (voucher) Partita Iva (Regime Forfettario) Temi trattati» Lavoro Autonomo Lavoro autonomo occasionale Lavoro accessorio (voucher) Partita Iva (Regime Forfettario)» Società di Persone S.s. S.n.c. S.a.s» Società di Capitali S.r.l. S.r.l.s. S.p.A.»

Dettagli

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati. Bologna, 14/04/2015. Ai Signori Clienti Loro Indirizzi -----------------------

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati. Bologna, 14/04/2015. Ai Signori Clienti Loro Indirizzi ----------------------- Dott. Paolo Simoni Dott. Grazia Marchesini Dott. Alberto Ferrari Dott. Federica Simoni Rag. Lidia Gandolfi Dott. Francesco Ferrari Dott. Enrico Ferra Dott. Agostino Mazziotti Bologna, 14/04/2015 Ai Signori

Dettagli

The Hub Trentino Alto Adige

The Hub Trentino Alto Adige L AVVIO DI UN ATTIVITÀ DI IMPRESA O PROFESSIONALE Aspetti civilistici, fiscali e previdenziali Trento, lì 19 novembre 2014 1 FORME SOCIETARIE: SOCIETÀ PER AZIONI (S.P.A.) SOCIETÀ IN ACCOMANDITA PER AZIONI

Dettagli

LE COMPETENZE PROFESSIONALIZZANTI PER GLI INGEGNERI NEOLAUREATI. Trento, 9 maggio 2013

LE COMPETENZE PROFESSIONALIZZANTI PER GLI INGEGNERI NEOLAUREATI. Trento, 9 maggio 2013 LE COMPETENZE PROFESSIONALIZZANTI PER GLI INGEGNERI NEOLAUREATI Trento, 9 maggio 2013 Diego Uber dottore commercialista revisore legale dei conti «FORME ORGANIZZATIVE PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE:

Dettagli

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI 1 APERTURA PARTITA I.V.A. Lo psicologo che svolge in modo abituale e senza vincolo di subordinazione la propria

Dettagli

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni E INTRODOTTO IL REGIME FISCALE AGEVOLATO RISERVATO AI

Dettagli

Progetto Micro-Work: fare rete per il microcredito e l occupazione. Incentivi fiscali all autoimpiego

Progetto Micro-Work: fare rete per il microcredito e l occupazione. Incentivi fiscali all autoimpiego Progetto Micro-Work: fare rete per il microcredito e l occupazione Incentivi fiscali all autoimpiego Regimi fiscali incentivanti: Regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile ed i lavoratori

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 PARTE I PESCA E ACQUACOLTURA Legge Finanziaria per il 2008 (L. 24 dicembre 2007 n. 244, pubblicata nel Supplemento Ordinario n. 285 della G.U. 28 dicembre 2007,

Dettagli

LE FORME SOCIETARIE 1

LE FORME SOCIETARIE 1 LE FORME SOCIETARIE 1 DITTA INDIVIDUALE. LA DITTA INDIVIDUALE È UNA DELLE FORME PIÙ SEMPLICI PER AVVIARE UN'ATTIVITÀ IN PROPRIO. SI DISTINGUE DALLA LIBERA PROFESSIONE PERCHÉ L'OGGETTO DEL LAVORO NON DERIVA

Dettagli

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 MD/cm Monza, lì 03/03/2015 A Tutti i C l i e n t i Loro Sedi Oggetto : NUOVO REGIME FORFETTARIO PER PERSONE FISICHE Riferimenti: Legge n. 190/2014 (c.d. Legge

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 158 del 12 vembre 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Bozza Legge di Stabilità 2016. Regime forfettario e regimi agevolati: cosa ci aspetta nel 2016? Gentile cliente, con

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato Bilancio, Programmazione economico-finanziaria e Partecipazione

REGIONE LAZIO Assessorato Bilancio, Programmazione economico-finanziaria e Partecipazione REGIONE LAZIO Assessorato Bilancio, Programmazione economico-finanziaria e Partecipazione Avviso pubblico per la concessione di prestiti a valere sul Fondo per il Microcredito ai sensi dell articolo 1,

Dettagli

Le imprese individuali

Le imprese individuali Registro Imprese Le imprese individuali - L iscrizione - Il trasferimento sede da altra provincia - La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività Indice Come descrivere l attività 1

Dettagli

MODULO C Il sistema informativo e le contabilità aziendali

MODULO C Il sistema informativo e le contabilità aziendali MODULO C Il sistema informativo e le contabilità aziendali U.D. 2 Il sistema delle rilevazioni aziendali Paragrafo 7 Gli obblighi contabili delle imprese pag. 204 Paragrafo 7.2 Il regime dei contribuenti

Dettagli

B&B: novità e adempimenti entro il 24/02/2016. a cura di Studio Impresa 4 Young

B&B: novità e adempimenti entro il 24/02/2016. a cura di Studio Impresa 4 Young B&B: novità e adempimenti entro il 24/02/2016 a cura di Studio Impresa 4 Young Novità legislative e classificazione a cura della dott.ssa Monserrat Laura STRUTTURE RICETTIVE COMPLEMENTARI L art. 27 della

Dettagli

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI Anno 2013 N. RF160 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO RIFERIMENTI CIRCOLARE DEL 12/07/2013 CONTRIBUENTI E MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI ART.

Dettagli

Circolare informativa n.1/2015

Circolare informativa n.1/2015 Dott. Giuseppina Sica D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a A l b o u n i c o A V n. 6 2 7 R e v i s o r e d e i C o n t i n. 1 3 6. 6 9 2 C o n s u l e n t e T e c n i c o t r i b u n a l e A V n.

Dettagli

Finanziaria 2008, contribuenti minimi (sotto i 30.000 euro) istruzioni per l uso dal fiscalista della Fnsi

Finanziaria 2008, contribuenti minimi (sotto i 30.000 euro) istruzioni per l uso dal fiscalista della Fnsi Finanziaria 2008, contribuenti minimi (sotto i 30.000 euro) istruzioni per l uso dal fiscalista della Fnsi Come è noto la Legge Finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007 n. 244) ha introdotto un regime

Dettagli

Come costituire una società

Come costituire una società 1 Nel dettaglio verrà analizzato: Lo start up La gestione delle attività Le certificazioni L acquisizione delle fonti Le responsabilità dell impresa 2 Lo start up Una volta pianificato il Business Plan,

Dettagli

Psicologo e libera professione

Psicologo e libera professione Psicologo e libera professione aspetti amministrativi, fiscali, previdenziali 04/12/08 a cura del dott. Andrea Tamanini Lavoro autonomo Definizione Modalità di svolgimento dell attività Adempimenti iniziali

Dettagli

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Microcredito d Impresa della Regione Puglia - Microimprese operative - Scheda informativa sul nuovo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Questa scheda contiene

Dettagli

FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI

FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI Numero 1 Anno 2008 gennaio/2 FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI La Finanziaria 2008 ha introdotto un nuovo regime fiscale destinato alle persone fisiche esercenti attività d impresa, arti o professioni

Dettagli

Si applica a tutti gli atti di modificazione non espressamente indicati nella nota di cui al punto 3 (Nota 5).

Si applica a tutti gli atti di modificazione non espressamente indicati nella nota di cui al punto 3 (Nota 5). TABELLA A Allegata al decreto dirigenziale interministeriale 17 giugno 2010, integrato dal decreto dirigenziale 22 dicembre 2011 (decreto OIC 2012) IMPORTI DEI DIRITTI DI SEGRETERIA PER IL REGISTRO DELLE

Dettagli

ALBO IMPRESE ARTIGIANE COMUNICAZIONE UNICA (MODALITA SEMPLIFICATA)

ALBO IMPRESE ARTIGIANE COMUNICAZIONE UNICA (MODALITA SEMPLIFICATA) ALBO IMPRESE ARTIGIANE COMUNICAZIONE UNICA (MODALITA SEMPLIFICATA) DITTA INDIVIDUALE Modalità Operative Sommario Modalità semplificata Pag. 2 Iscrizione ditta individuale Albo Imprese Artigiane e Registro

Dettagli

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi Il Punto sull Iva I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi I regimi Iva previsti dalla normativa Il sistema giuridico italiano ha previsto, per le imprese e professionisti,

Dettagli

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI A CONFRONTO

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI A CONFRONTO IL NUOVO REGIME DEI MINIMI A CONFRONTO Dal prossimo anno il nuovo regime dei minimi sarà scontato, con l'imposta sostitutiva che si ridurrà al 5%, ma saranno poche le persone fisiche che lo potranno applicare.

Dettagli

ATTIVITA AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO Aspetti del diritto del lavoro e contributi sociali

ATTIVITA AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO Aspetti del diritto del lavoro e contributi sociali 17 novembre 2010 ATTIVITA AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO Aspetti del diritto del lavoro e contributi sociali SOMMARIO A. Ruolo degli agenti e rappresentanti di commercio 1. Ruolo degli Agenti e Rappresentanti

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI A SOSTEGNO DELLE NUOVE IMPRESE NATE DAI SERVIZI FORNITI DAGLI SPORTELLI PROVINCIALI PER LA CREAZIONE D IMPRESA

STRUMENTI FINANZIARI A SOSTEGNO DELLE NUOVE IMPRESE NATE DAI SERVIZI FORNITI DAGLI SPORTELLI PROVINCIALI PER LA CREAZIONE D IMPRESA ALLEGATO A STRUMENTI FINANZIARI A SOSTEGNO DELLE NUOVE IMPRESE NATE DAI SERVIZI FORNITI DAGLI SPORTELLI PROVINCIALI PER LA CREAZIONE D IMPRESA 1. BENEFICIARI Possono presentare domanda per le agevolazioni

Dettagli

Microcredito d Impresa della Regione Puglia Scheda informativa sullo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia

Microcredito d Impresa della Regione Puglia Scheda informativa sullo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia Microcredito d Impresa della Regione Puglia Scheda informativa sullo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Questa scheda contiene alcune informazioni sul

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE F.A.Q. art. 8 della L.R. 12/2004, come sostituito dall art. 33 della l.r. 30/2009 FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE 1. Modalità di presentazione

Dettagli

I SERVIZI ALLE IMPRESE: ACCESSO AL CREDITO. Luisa Silvestro ufficio crediti agevolati. Camera di commercio di Cuneo

I SERVIZI ALLE IMPRESE: ACCESSO AL CREDITO. Luisa Silvestro ufficio crediti agevolati. Camera di commercio di Cuneo I SERVIZI ALLE IMPRESE: ACCESSO AL CREDITO Luisa Silvestro ufficio crediti agevolati Camera di commercio di Cuneo La riforma delle Camere di commercio Il D. Lgs. 23/2010 modifica la L. 580/1993 Le camere

Dettagli

L adesione al Regime dei Contribuenti Minimi dal 2010 e la rettifica della detrazione Iva

L adesione al Regime dei Contribuenti Minimi dal 2010 e la rettifica della detrazione Iva Numero 32/2010 Pagina 1 di 10 L adesione al Regime dei Contribuenti Minimi dal 2010 e la rettifica della detrazione Iva Numero : 32/2010 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : ADEMPIMENTI REGIME FISCALE DEI

Dettagli

LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto Gabrielli

LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto Gabrielli LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto LE NUOVE INIZIATIVE PRODUTTIVE (Aggiornata al 24.02.2009) Riferimenti normativi Regime contabile introdotto, a partire dal periodo di imposta 2001, con l art. 13 della

Dettagli

Camera di commercio di Cuneo: servizi e opportunita di accesso al credito. Alba, 22 novembre 2013 - Luisa Silvestro Camera di commercio di Cuneo

Camera di commercio di Cuneo: servizi e opportunita di accesso al credito. Alba, 22 novembre 2013 - Luisa Silvestro Camera di commercio di Cuneo Camera di commercio di Cuneo: servizi e opportunita di accesso al credito La riforma delle Camere di commercio Il D. Lgs. 23/2010 modifica la L. 580/1993 L art. 2 della nuova legge 580/1993 riconosce nuove

Dettagli

N. 33 FISCAL NEWS. 20.01.2012 Il regime degli ex minimi. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale

N. 33 FISCAL NEWS. 20.01.2012 Il regime degli ex minimi. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 33 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 20.01.2012 Il regime degli ex minimi Categoria Sottocategoria Regimi

Dettagli

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE CONFCOMMERCIO MILANO PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI E LE NEO IMPRESE A cura di Direzione servizi tributari dott.ssa Federica Sottotetti IMPOSTE SUI REDDITI

Dettagli

SPAZIO AZIENDE giugno 2013

SPAZIO AZIENDE giugno 2013 Con la collaborazione del Centro Studi SEAC siamo lieti di inviarle il n. 06 di SPAZIO AZIENDE giugno 2013 ULTIME NOVITÀ FISCALI Studi di settore e chiusura della strada Sentenza CTR Lazio 10.4.2013, n.

Dettagli

SPORTELLO IMPRESA GIOVANI

SPORTELLO IMPRESA GIOVANI SPORTELLO IMPRESA GIOVANI FAQ: le domande più frequenti sul mondo dell imprenditoria 1. Che cos è il regime dei minimi per la partita IVA? 2. Quali sono i requisiti per poter aprire partita IVA con il

Dettagli

MODELLO S5 Inizio, modifica, cessazione di attività nella sede legale di società, ente pubblico economico, consorzio, G.E.I.E.

MODELLO S5 Inizio, modifica, cessazione di attività nella sede legale di società, ente pubblico economico, consorzio, G.E.I.E. MODELLO S5 Inizio, modifica, cessazione di attività nella sede legale di società, ente pubblico economico, consorzio, G.E.I.E. Avvertenze Generali Si raccomanda di indicare nell apposito spazio, in alto

Dettagli

MODELLO S5 Inizio, modifica, cessazione di attività nella sede legale di società, ente pubblico economico, consorzio, G.E.I.E.

MODELLO S5 Inizio, modifica, cessazione di attività nella sede legale di società, ente pubblico economico, consorzio, G.E.I.E. MODELLO S5 Inizio, modifica, cessazione di attività nella sede legale di società, ente pubblico economico, consorzio, G.E.I.E. Avvertenze Generali Si raccomanda di indicare nell apposito spazio, in alto

Dettagli

AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI D IMPRESA DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO DEL COMUNE DI SANTA MARINELLA

AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI D IMPRESA DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO DEL COMUNE DI SANTA MARINELLA AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI D IMPRESA DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO DEL COMUNE DI SANTA MARINELLA ART. 1 PREMESSA E FINALITA DELL INIZIATIVA Il Comune di Santa Marinella,

Dettagli

Ufficio competente alla ricezione del modulo E quello della sede legale dell impresa.

Ufficio competente alla ricezione del modulo E quello della sede legale dell impresa. MODULO S5 Inizio, modifica, cessazione di attività nella sede legale di società, ente pubblico economico, consorzio, G.E.I.E., ed altri soggetti giuridici AVVERTENZE GENERALI Soggetti utilizzatori del

Dettagli

Nuovo regime dei minimi 2015 ex art. 9 della bozza del disegno di Legge di stabilità 2015

Nuovo regime dei minimi 2015 ex art. 9 della bozza del disegno di Legge di stabilità 2015 scadenzario documenti visure cciaa quesiti news e rassegna stampa approfondimenti affiliazioni Nuovo regime dei minimi 2015 ex art. 9 della bozza del disegno di Legge di stabilità 2015 Foglio di calcolo

Dettagli

COMUNICAZIONE UNICA ISTRUZIONI COMPILAZIONE MODULISTICA GESTIONE PREVIDENZIALE COMMERCIANTI AUTONOMI

COMUNICAZIONE UNICA ISTRUZIONI COMPILAZIONE MODULISTICA GESTIONE PREVIDENZIALE COMMERCIANTI AUTONOMI COMUNICAZIONE UNICA ISTRUZIONI COMPILAZIONE MODULISTICA GESTIONE PREVIDENZIALE COMMERCIANTI AUTONOMI PREMESSA I contributi previdenziali da lavoro autonomo derivano dallo svolgimento dell attività di impresa

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 3 dell 11 gennaio 2012 Regime dei nuovi contribuenti minimi - Agevolazioni per i soggetti esclusi dal nuovo regime INDICE 1 Premessa... 2 2 Regime dei nuovi

Dettagli

Milano Roma. News fiscali e societarie

Milano Roma. News fiscali e societarie Milano Roma News fiscali e societarie Luglio 2011 FISCALITA PROVVEDIMENTI LEGISLATIVI La Manovra correttiva 2011 Il Decreto Legge 6 luglio 2011, n. 98, la c.d. Manovra correttiva, da convertire in legge

Dettagli

TEST D ACCESSO PER I REGIMI AGEVOLATI

TEST D ACCESSO PER I REGIMI AGEVOLATI TEST D ACCESSO PER I REGIMI AGEVOLATI ART. 1 C. 96 E SEGG. L. 244/2007; ART. 27, DL 98/2011; PROVV. ENTRATE DEL22/12/2011; CM N. 17 DEL 30/5/2012; ART. 13, L. 388/2000 Sintesi: si riepilogano le principali

Dettagli

TABELLA A Allegata al decreto dirigenziale interministeriale 17 luglio 2012, integrato dal decreto dirigenziale 22 dicembre 2011 (decreto OIC 2012)

TABELLA A Allegata al decreto dirigenziale interministeriale 17 luglio 2012, integrato dal decreto dirigenziale 22 dicembre 2011 (decreto OIC 2012) TABELLA A Allegata al decreto dirigenziale interministeriale 17 luglio 2012, integrato dal decreto dirigenziale 22 dicembre 2011 (decreto OIC 2012) IMPORTI DEI DIRITTI DI SEGRETERIA PER IL REGISTRO DELLE

Dettagli

QUADRO SINOTTICO CONCERNENTE LE MODIFICHE AL REGIME DEI MINIMI DI CUI ALL'ART. 27 DEL D.L. N. 98/2011

QUADRO SINOTTICO CONCERNENTE LE MODIFICHE AL REGIME DEI MINIMI DI CUI ALL'ART. 27 DEL D.L. N. 98/2011 QUADRO SINOTTICO CONCERNENTE LE MODIFICHE AL REGIME DEI MINIMI DI CUI ALL'ART. 27 DEL D.L. N. 98/2011 PERSONE FISICHE CHE HANNO INIZATO L'ATTIVITA' D'IMPRESA, D'ARTE O PROFESSIONE A PARTIRE DAL 1 GENNAIO

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 Certificato Cisq Cert n. 99.212 del 28.10.2009 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA VERONA

UNI EN ISO 9001:2008 Certificato Cisq Cert n. 99.212 del 28.10.2009 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA VERONA N. prot.: 17400/22.2 Uff. Registro delle Imprese Sigla: Rif: Data 22.06.2010 Spett.li ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO A tutti gli iscritti Loro

Dettagli

TABELLA A Allegata al decreto dirigenziale interministeriale 17 luglio 2012, integrato dal decreto dirigenziale 16 dicembre 2014 (decreto OIC 2015)

TABELLA A Allegata al decreto dirigenziale interministeriale 17 luglio 2012, integrato dal decreto dirigenziale 16 dicembre 2014 (decreto OIC 2015) TABELLA A Allegata al decreto dirigenziale interministeriale 17 luglio 2012, integrato dal decreto dirigenziale 16 dicembre 2014 (decreto OIC 2015) IMPORTI DEI DIRITTI DI SEGRETERIA PER IL REGISTRO DELLE

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA. Modifiche e cancellazione dell impresa individuale

CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA. Modifiche e cancellazione dell impresa individuale CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA Modifiche e cancellazione dell impresa individuale Guida a cura del Registro delle Imprese di Ancona Per informazioni registro.imprese@an.camcom.it versione 2 del 10 gennaio

Dettagli

Le novità normative introdotte restringono notevolmente la platea dei soggetti che potranno continuare ad applicare l attuale regime dei minimi.

Le novità normative introdotte restringono notevolmente la platea dei soggetti che potranno continuare ad applicare l attuale regime dei minimi. IL REGIME DEI MINIMI CAMBIA VOLTO (DAL 2012) La c.d. Manovra correttiva ha modificato il regime dei minimi che dal 2012 risulterà applicabile, al sussistere di specifiche condizioni, esclusivamente dalle

Dettagli

CIRCOLARE N. 01 / 2016 LEGGE DI STABILITA 2016

CIRCOLARE N. 01 / 2016 LEGGE DI STABILITA 2016 CIRCOLARE N. 01 / 2016 LEGGE DI STABILITA 2016 Premessa In data 30.12.2015 è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge di stabilità per il 2016 (legge n. 208 del 28.12.2015), che prevede numerose

Dettagli

Mini Guida per L'Aspirante Commerciante Online

Mini Guida per L'Aspirante Commerciante Online Mini Guida per L'Aspirante Commerciante Online Le domande generali per fare luce in modo semplice su cosa fare e come fare per aprire una attività di commercio online, Partita Iva etc... Per aprire un

Dettagli

Attività di impresa e lavoro autonomo: i regimi fiscali adottabili nel 2016

Attività di impresa e lavoro autonomo: i regimi fiscali adottabili nel 2016 riferimento: i) ai soggetti che iniziano l attività nel 2016; ii) ai soggetti già in attività nel 2015 in relazione alle scelte per il 2016. Attività di impresa e lavoro autonomo: i regimi fiscali adottabili

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI ARTICOLO 1 - Finalità La Camera di Commercio di Trapani, nell ambito del progetto

Dettagli

CESEDA studio associato. Circolare numero 2 del 17 gennaio 2014 IN BREVE

CESEDA studio associato. Circolare numero 2 del 17 gennaio 2014 IN BREVE CESEDA studio associato Circolare numero 2 del 17 gennaio 2014 IN BREVE Compensazione del credito IVA dal 16 gennaio 2014 Nuovi limiti alle compensazioni d imposta (imposte sui redditi, IRAP, ritenute

Dettagli

GUIDA alla BOLLATURA DEI LIBRI E DEI REGISTRI

GUIDA alla BOLLATURA DEI LIBRI E DEI REGISTRI REGISTRO DELLE IMPRESE GUIDA alla BOLLATURA DEI LIBRI E DEI REGISTRI (Aggiornata a dicembre 2013) 1. COMPETENZA TERRITORIALE DEL REGISTRO IMPRESE Competente alla bollatura è la Camera di Commercio nella

Dettagli

BANDO CONTRIBUTI PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE

BANDO CONTRIBUTI PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE Approvato con Determinazione Dirigenziale n 757 del 24/06/2015 BANDO CONTRIBUTI PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO SERVIZI ISTITUZIONALI E ALLE IMPRESE Premesso che : al fine

Dettagli

REGIME DEI MINIMI O SUPERMINIMI

REGIME DEI MINIMI O SUPERMINIMI REGIME DEI MINIMI O SUPERMINIMI Il regime dei contribuenti minimi (dal 2012 denominato superminimi) è riservato alle persone fisiche residenti nel territorio dello Stato che svolgono attività di impresa,

Dettagli

Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015

Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015 Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015 Torna il regime dei minimi per tutto il 2015 (Art. 10 comma 12 undecies DL n. 192 del 31.12.2014, convertito con legge n. 11 del 27.02.2015) Gentile cliente, con la presente

Dettagli

Seminario di approfondimento fiscale Guida ed Accompagnatore Turistico

Seminario di approfondimento fiscale Guida ed Accompagnatore Turistico Seminario di approfondimento fiscale Guida ed Accompagnatore Turistico Como, 27 Maggio 2015 1 Introduzione al sistema contabile 2 Prestazione occasionale 3 Cos è la Prestazione occasionale? Sono collaborazioni

Dettagli

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola)

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola) METTERSI IN PROPRIO METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE (A cura di: Ezio Casavola) L. 1 DISCIPLINA DELLE ATTIVITA COMMERCIALI FINO AL 1942: CODICE DI COMMERCIO, CHE REGOLAVA

Dettagli

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014 Disposizioni generali Art. 1 Finalità e destinatari Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico

Dettagli

Pratiche amministrative legate all inizio attività. Maria Loreta Raso

Pratiche amministrative legate all inizio attività. Maria Loreta Raso Pratiche amministrative legate all inizio attività Maria Loreta Raso 1 L iniziativa economica privata è libera art. 41, comma1, Cost. 2 Chi è imprenditore Chi esercita professionalmente un attività economica

Dettagli

pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia

pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia MicroPrestito d Impresa della Regione Puglia Scheda informativa sullo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Questa scheda contiene alcune informazioni sul

Dettagli

.LEGGE REGIONALE 18 MAGGIO 2004, N. 12 Articolo 8 sostituito dall articolo 33 della legge regionale 4 dicembre 2009, n. 30

.LEGGE REGIONALE 18 MAGGIO 2004, N. 12 Articolo 8 sostituito dall articolo 33 della legge regionale 4 dicembre 2009, n. 30 .LEGGE REGIONALE 18 MAGGIO 2004, N. 12 Articolo 8 sostituito dall articolo 33 della legge regionale 4 dicembre 2009, n. 30 FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO A FAVORE DI IMPRESE DI NUOVA COSTITUZIONE

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE. GUIDA alla BOLLATURA DEI LIBRI E DEI REGISTRI

REGISTRO DELLE IMPRESE. GUIDA alla BOLLATURA DEI LIBRI E DEI REGISTRI REGISTRO DELLE IMPRESE GUIDA alla BOLLATURA DEI LIBRI E DEI REGISTRI Aggiornata al 11/12/2014 INDICE 1. COMPETENZA TERRITORIALE DEL REGISTRO IMPRESE... 3 2. PREPARAZIONE DEI LIBRI DA BOLLARE... 3 3. LIBRO

Dettagli

MODELLO 730/2011 NOVITÀ

MODELLO 730/2011 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 11/2011 del 24 marzo 2011 MODELLO 730/2011 NOVITÀ In questa Circolare 1. Quadri del Modello 730/2011 2. Contribuenti che possono utilizzare il Modello 730/2011

Dettagli

a cura dello Studio de Strobel - Forti (Consulenza Societaria e Tributaria) - Roma, Via Montello, 20

a cura dello Studio de Strobel - Forti (Consulenza Societaria e Tributaria) - Roma, Via Montello, 20 Scadenze fiscali Principali adempimenti di carattere fiscale e previdenziale per i Professionisti e le Società in genere in scadenza nel periodo compreso dal 1 gennaio al 31 febbraio 2013. a cura dello

Dettagli

Possono beneficiare delle agevolazioni le imprese rispondenti ai requisiti di prevalente partecipazione femminile e di dimensione di piccola impresa.

Possono beneficiare delle agevolazioni le imprese rispondenti ai requisiti di prevalente partecipazione femminile e di dimensione di piccola impresa. LEGGE 25 febbraio 1992 n.215 Azioni positive per l imprenditoria femminile OGGETTO Strumento di incentivazione per la diffusione della imprenditorialità femminile che offre un sostegno diretto a tutti

Dettagli

ADEMPIMENTI MESE DI LUGLIO 2012

ADEMPIMENTI MESE DI LUGLIO 2012 ADEMPIMENTI MESE DI LUGLIO 2012 01 DOMENICA Antiriciclaggio Pagamenti in contante Dal 1.07.2012 le Pubbliche Amministrazioni potranno erogare stipendi, pensioni e ogni altro tipo di emolumento, di importo

Dettagli

CIRCOLARE DI STUDIO GENNAIO FEBBRAIO 2016. www.studioauterifloresta.it - info@studioauterifloresta.it Via Lituania,1 Paternò (CT) Tel.

CIRCOLARE DI STUDIO GENNAIO FEBBRAIO 2016. www.studioauterifloresta.it - info@studioauterifloresta.it Via Lituania,1 Paternò (CT) Tel. CIRCOLARE DI STUDIO GENNAIO FEBBRAIO 2016 SOMMARIO Legge di stabilità: le principali novità fiscali Tetto contante a 3000 euro Esenzione Tasi su abitazione principale - Comodati Esenzione IMU terreni agricoli

Dettagli