EMIRATI ARABI UNITI DATI MARCOECONOMICI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EMIRATI ARABI UNITI DATI MARCOECONOMICI"

Transcript

1 EMIRATI ARABI UNITI DATI MARCOECONOMICI Reddito pro-capite euro Tasso di inflazione % 2,2 Tasso di disoccupazione % 4,2 Tasso di variazione del PIL (2014 su 2013) % 4,3 Previsione di crescita del PIL per il 2015 % 4,5 Totale import Miliardi di euro 187,98 Totale export Miliardi di euro 277,78 Saldo bilancia commerciale Miliardi di euro 89,8 Totale importazioni dall Italia Miliardi di euro 4,75 Totale esportazioni verso l Italia Miliardi di euro 0,58 Saldo interscambio Italia Miliardi di euro -4,14 Investimenti esteri verso il paese Miliardi di euro 90,2 Investimenti del paese all estero Miliardi di euro 54,27 Investimenti italiani nel paese Miliardi di euro n.d Investimenti del paese in Italia Miliardi di euro n.d. Fonti: CIA World Factbook; FMI Fondo Monetario Internazionale; Istat. I dati dell interscambio con l Italia si riferiscono al periodo gennaio-novembre I dati sulle importazioni e esportazioni si riferiscono all anno 2013.

2 Emirati Arabi Uniti Business Atlas Emirati Arabi Uniti Dubai CARATTERISTICHE DEL PAESE Fuso orario: (rispetto all Italia): +3 (+2 con ora legale) Superficie: kmq Popolazione: Comunità italiana: circa iscritti all AIRE nel territorio di competenza dell Ambasciata (Abu Dhabi) e in quello corrispondente alla circoscrizione consolare di Dubai, Sharjah, Ajman, Umm al-quwain, Ras al Khaimah e Fujairah. Capitale: Abu Dhabi Città principali: Dubai, Sharjah, Ajman, Umm al-quwain, Ras Al Khaimah e Fujairah. Moneta: Dirham EAU (AED) Tasso di cambio 1 : 1 Euro= 4,879 AED Lingua: Arabo (ufficiale); Inglese (commerciale) diffuso Religioni principali: Musulmani (76%) - di cui Sunniti (85%) e Sciiti (15%); Induisti e Buddisti (15%); Cristiani (9%); Ordinamento dello Stato: Monarchia federale elettiva assoluta. Recentemente il governo ha allargato il suffragio per l elezione dell Assemblea nazionale (popolazione votante intorno al 12%). Suddivisione amministrativa: confederazione di 7 Emirati: Abu Dhabi, Dubai, Sharjah, Ajman, Umm al-quwain, Ras al Khaimah e Fujairah. QUADRO DELL ECONOMIA Quadro macroeconomico 2 Nel 2014 gli EAU hanno registrato una crescita del 4,3% del PIL grazie agli elevati proventi petroliferi, ma anche per l espansione dell economia non oil. Gli EAU sono, infatti, il quinto produttore al mondo di petrolio (9,4% delle riserve mondiali) e gas, e sono al terzo posto per riserve di idrocarburi. Politiche economiche varate dal Governo mirano al consolidamento delle finanze pubbliche e alla protezione dal rischio della volatilità del prezzo del petrolio. Le previsioni di crescita permangono positive anche per il 2015 (PIL +4,5%). Ulteriori elementi per lo sviluppo di settori non oil sono lo stabilimento di numerose Zone Franche, il sistema fiscale vantaggioso e la posizione geograficamente strategica del mercato emiratino. Principali settori produttivi 3 L economia degli Emirati Arabi Uniti ha subito un forte processo di diversificazione. L utilizzo di tecniche per il miglioramento del recupero di petrolio (enhanced oil recovery EOR) hanno incrementato i tassi di estrazione nelle aree petrolifere mature, anche se sono molto basse le probabilità di scoprire nuovi giacimenti petroliferi. L obiettivo per il 2018 è quello di riuscire a estrarre 3,5 milioni di barili al giorno. Il settore non oil (in particolare, commercio, manifatturiero - 1 Tasso di cambio medio Fonte: Fondo Monetario Internazionale 3 Fonte: CIA World Factbook; Dossier Emirati Arabi Uniti a cura Interprofessional Network per il Ministero dello Sviluppo Economico 4 Fonte: Constructionweekonline.com chimico, meccanico, siderurgico e alimentare - turismo) sta aumentando sempre più la sua incidenza sul PIL (attualmente al 75%) e la sua crescita per il biennio è stimata intorno al 4,4%. Il settore manifatturiero impiega quasi persone, pari a circa il 15% della forza lavoro. Il settore delle costruzioni raggiungerà l 11,1% del PIL per la fine del Anche il comparto turistico, grazie agli ingenti investimenti fatti soprattutto nell emirato di Dubai, ha avuto una crescita vertiginosa negli ultimi anni (16% del PIL nel 2013). Infrastrutture e trasporti 4 Il traffico aereo è in costante aumento (si stima una crescita media annuale del 5,2% fino al 2030). Sono presenti 8 aeroporti: il Dubai International Airport (DXB) è il principale mentre altri hub internazionali si trovano ad Abu Dhabi, Sharjah e Fujairah. L aeroporto Al Maktoum di Jebel Ali (Dubai) è già attivo per il traffico cargo, ma entrerà a pieno regime entro il 2025; riuscirà ad avere una capacità di 120 milioni di visitatori e 12 milioni di tonnellate di merci ogni anno, facendone così l aeroporto più grande al mondo. Anche nell Emirato di Abu Dhabi è in corso un espansione dell infrastruttura aeroportuale, tramite la costruzione del Midfield Terminal Complex, la cui apertura è prevista per l anno L 1 gennaio 2015 è decollato il primo volo di Alitalia Sai, compagnia aerea a maggioranza italiana e partecipata al 49% dall emiratina Etihad Aiways, con un aumento di capitale di 387,5 milioni di euro. 169

3 Importanti sono anche i numerosi porti (15 commerciali) tra i quali: Jebel Ali (situato a Dubai, terzo porto commerciale al mondo), Khor Fakkan (Khawr Fakkan), Mubarraz Island, Mina Rashid (Dubai), Mina Saqr (Ra s al Khaymah) Port Rashid, Port Khalid, Port Saeed ed il Khalifa Port. Al momento la sola città di Dubai è dotata di una moderna ed efficiente rete metropolitana (inaugurata nel 2009), anche se è già in programma la costruzione di un altra rete nella città di Abu Dhabi che sarà operativa entro il A dicembre 2014, è stata inaugurata la prima rete tramviaria nell Emirato di Dubai. All interno delle principali città, sono presenti infrastrutture urbane efficienti e gli spostamenti sono facilitati da autobus e taxi a basso costo. Si segnala inoltre che il consorzio italiano Ansaldo/Salini-Impregilo si occuperà della costruzione di una delle fasi del progetto della GCC Railway Network, la prima rete ferroviaria, che collegherà gli Emirati Arabi, l Oman e l Arabia Saudita, passando per Al Ain e Ghweifat. Tra gli altri progetti che saranno realizzati entro il 2030 o sono in fase di completamento nel 2015 si segnalano: la trasformazione di Dubai Old Town in un isola, la costruzione di Khalifa City (per una spesa prevista di mld/euro 30), della Yas Island (che accoglierà alberghi, uffici etc., ed avrà un costo di mld/euro 29,8), dell Isola di Saadiyat (che avrà all interno anche un distretto culturale e sarà completata nel 2018, con un investimento di mld/euro 21,4), di tre nuovi parchi divertimento, del Mall of the World (la prima città climatizzata), del Dubai Water Canal, della nuova zona di Dubai chiamata Mohammed Bin Rashid, dell Hotel Bulgari, del Marina 101 di Dubai (il secondo edificio più alto di Dubai dopo il Burj Khalifa) e del National Oil Company Headquarters di Abu Dhabi. Insieme al Burj Khalifa, questi due grattacieli sono annoverati tra i dieci piu alti al mondo. L Abu Dhabi Company for Onshore Oil Operation (ADCO) ha inoltre assegnato all azienda italiana del settore oil and gas Maire Tecnimont una commessa del valore di 1,7 miliardi di euro, che riguarda la terza fase del giacimento petrolifero onshore-offshore di Al-Dabbiya, a 30 km circa da Abu Dhabi. Al completamento di questa fase, la produzione del giacimento dovrebbe ammontare a circa barili al giorno. Questa assegnazione rappresenta un traguardo di rilievo per l eccellenza dell industria italiana dell oil and gas. Commercio estero 5 Totale import: mld/euro 187,98 Totale export: mld/euro 277,78 Principali prodotti importati: macchinari ed attrezzature; chimica; agroalimentare. Principali prodotti esportati: petrolio (45%); gas naturali; riesportazioni; pesce affumicato; datteri. Principali partner commerciali Paesi Clienti: (%) Giappone (15,4); India (13,4); Iran (10,7); Singapore (5,5); Thailandia (5,5). Paesi Fornitori: (%) India (17); Cina (13,7); USA (10,5); Germania (5,1), Giappone (4,2). 5 Fonte: CIA World Factbook Fonte: ISTAT (i dati fanno riferimento al periodo gennaionovembre 2014) 7 Fonte: Ministero dell Economia degli EAU 8 Fonte: Fisco Oggi 9 Fonte: a-z Consultancy Business Atlas Medio Oriente e Africa 170 Interscambio con l Italia 6 Saldo commerciale: mld/euro -4,17 Principali prodotti importati dall Italia (%): gioielleria (23,5); macchinari (23); abbigliamento e accessori (7,8); metalli e lavorati in metallo (7,1); derivanti dalla raffinazione del petrolio (6,1); mezzi di trasporto (5); interior design (5). Principali prodotti esportati in Italia (%): metalli e lavorati in metallo (39); minerali (36,4); derivanti dalla raffinazione del petrolio (14,7); articoli in gomma e materie plastiche (7,2). Investimenti esteri (principali Paesi) 7 Paesi di provenienza: India, USA, Regno Unito, Arabia Saudita, Qatar, Germania, Svizzera e Francia sono tra i primi 10 paesi ed il valore dei loro investimenti è pari al 72% degli investimenti esteri totali in entrata. Investimenti esteri (principali settori) 7 Verso il Paese: edilizia, turismo ed intrattenimento, chimico, servizi finanziari, consulenza al commercio, alimentare e tabacco, servizi informatici, comunicazione e metalli. ASPETTI NORMATIVI E LEGISLATIVI Regolamentazione degli scambi Sdoganamento e documenti di importazione: ispezioni efficienti e pratiche doganali puntuali e celeri. La tassa di importazione è pari mediamente al 5% su tutte le merci, escluse quelle sottoposte a regime di restrizione. Classificazione doganale delle merci: Sistema Armonizzato. Restrizione alle importazioni: alcune voci sono regolate da regime monopolistico come gli alcolici (incluso il vino) e i tabacchi. La carne deve essere macellata secondo il metodo Halal, ma è permessa l importazione di carne suina. Importazioni temporanee: è consentita la pratica di esportazione temporanea (non in uso il Carnet Ata). Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese Normativa per gli investimenti stranieri 8 : il sistema fiscale è caratterizzato dalla presenza di numerosi regimi speciali e di favore, volti ad incentivare gli investimenti nel Paese. Non stupisce, pertanto, che gli Emirati siano inclusi, anche se con alcune limitazioni, nelle tre black list - che individuano gli Stati considerati a fiscalità privilegiata - della normativa italiana. La locale legge societaria prevede delle restrizioni alla possibilità, accordata ai soggetti che non hanno cittadinanza emiratina, di stabilire attività produttive nel Paese, o comunque di acquisire quote di società locali. Legislazione societaria 9 : il requisito principale per stabilire una società negli EAU è la presenza al 51% di uno sponsor con passaporto emiratino. Questa regola ha però le seguenti eccezioni: i casi in cui la legge preveda il 100% di proprietà locale; le oltre 30 zone franche che permettono il

4 100% di proprietà straniera; filiali ed uffici rappresentativi di aziende estere riconosciuti a Dubai; aziende professionali o artigiane a cui la legge consente l intera proprietà del capitale. Brevetti e proprietà intellettuale L.F. 37/1992 sui marchi commerciali, L.F. 40/1992 sulla protezione della proprietà commerciale e del copyright, L.F. 44/1992 sulla protezione della proprietà industriale. Sistema fiscale 10 Il Consiglio Federale mantiene il potere legislativo su difesa, affari esteri, educazione e salute, mentre ogni singolo Emirato mantiene il potere legislativo su altri settori pubblici, compreso quello fiscale. Anno fiscale: 1 gennaio-31 dicembre. Tassazione sul reddito delle persone fisiche: assente, nemmeno a titolo di ritenuta alla fonte. Le imprese che impiegano cittadini con passaporto emiratino sono obbligate a versare agli stessi una quota del salario, corrisposto in appositi fondi pensione. Questa quota ha diverse percentuali e sono basate sui salari ricevuti: per i datori di lavoro pubblici è del 15%, per i datori di lavoro privati è del 12,5%, per i dipendenti è del 5%. Tassazione sulle attività di impresa: unica imposta presente nel Paese e regolata localmente dai diversi Emirati. I decreti fiscali adottati dai sette Emirati, tuttavia, sono improntati ai medesimi principi e criteri generali. L imposta è tendenzialmente applicabile all utile netto prodotto da tutti gli enti e le società - con o senza personalità giuridica - che svolgono attività commerciali o industriali negli EAU. Sono soggetti ad imposta anche gli utili prodotti da filiali e sedi secondarie (stabili organizzazioni) di società estere. Imposta sul valore aggiunto (VAT): l introduzione di tale imposta con un aliquota del 3% è stata rinviata in accordo con gli altri stati del GCC. NOTIZIE PER L OPERATORE Rischio Paese 11 2/7 Condizioni di assicurabilità SACE 12 apertura senza condizioni Sistema bancario 13 Presente una Banca Centrale che ha il compito di dirigere le politiche monetarie, del credito e bancarie, e di supervisionare la loro effettiva attuazione. La legge bancaria emiratina riconosce ed individua 5 categorie principali abilitate all attività creditizia: le Banche Commerciali e d Investimento, gli istituti finanziari, gli intermediari finanziari e monetari. Sono 23 le Banche nazionali operanti negli UAE, mentre 28 sono quelle straniere. Tra queste banche sono presenti anche Intesa SanPaolo, che ha una filiale con licenza operativa a Dubai e nel 2015 trasformerà il suo ufficio di rappresentanza di Abu Dhabi in una filiale operativa; UniCredit con un ufficio di rappresentanza ad Abu Dhabi; BNL presente con un Italian Desk a Dubai; UBI Banca che aprirà una filiale nel Business Atlas Emirati Arabi Uniti 171 Aprire e gestire un conto corrente negli Emirati, nonostante le nuove regolamentazioni che tentano di contrastare gli episodi di riciclaggio avvenuti negli anni passati, è molto semplice e necessita solo di un visto di residenza. I finanziamenti a lungo termine sono disponibili, ma vengono erogati su una base molto selettiva. Sono stati inseriti recentemente anche i servizi di factoring e leasing tecnico e immobiliare, ma al momento sono ancora pochi gli istituti che offrono questo tipo di servizio. Per le aziende locali in cerca di finanziamenti industriali di medio e lungo periodo, è stata creata dal Governo Federale l Emirates Industrial Bank, con lo scopo di aiutare lo sviluppo del settore privato. Per quanto riguarda l attività creditizia la ripresa va invece ancora a rilento, non avendo finora ritrovato i ritmi di crescita che hanno caratterizzato gli anni precedenti alla crisi finanziaria ed alla crisi del debito di Dubai. Per questo motivo le banche continuano ad essere caute nell emissione di nuovi prestiti, sopratutto per investimenti nel settore immobiliare, e restano riluttanti ad intraprendere investimenti rischiosi. Da sottolineare sono anche le regolamentazioni emendate dalla Banca Centrale nel 2011 (Regolamento 29/2011), che mettono un tetto massimo ai prestiti personali, pari ad un massimo di venti volte lo stipendio mensile del beneficiario, e limitano il tempo di rimborso a non oltre i quattro anni dalla data di emissione. Peraltro è stata recentemente emanata una direttiva della Banca Centrale che limita al 50% del valore la finanziabilità dell acquisto di un immobile da parte di un privato non-residente e all 80% da parte di un residente. TASSI BANCARI 14 TIPOLOGIA VALORE Immobili 5% Beni di Consumo 5% Principali finanziamenti e linee di credito Attività SIMEST Studi di prefattibilità, fattibilità e assistenza tecnica collegati agli investimenti art. 6, c. 2 lettera b della L. 6/10/2008 n 133 Investimenti esteri Legge 100/90 Crediti all esportazione Dlgs. 143/98 (già Legge 227/77) Finanziamenti per l inserimento sui mercati esteri art. 6, c. 2 lettera a della L. 6/10/2008 n 133 Finanziamenti per la prima partecipazione a fiere/mostre Servizi di assistenza tecnica e consulenza professionale Ricerca partner/opportunità d investimento Per ulteriori informazioni si vedano le pagg Fonte: Diacron 11 Fonte: OCSE. Categoria OCSE (o categoria di rischio) indica il grado di rischiosità (da 0 a 7, dove 0=rischio minore e 7=rischio massimo), ovvero la probabilità che si verifichi un default 12 Per maggiori informazioni 13 Fonte: FMI 14 Non viene applicato un metodo a scalare, la percentuale prevista per il finanziamento del bene viene calcolata sull intero ammontare moltiplicato per il numero di anni previsti per la restituzione.

5 Parchi industriali e zone franche 15 Sono attive oltre 36 zone franche che offrono numerosi vantaggi agli investitori: proprietà straniera del 100%; nessuna imposta sulle società per 15 anni rinnovabili; libertà di rimpatriare il capitale e il reddito; nessuna imposta sul reddito personale; completa esenzione dai dazi doganali per le importazioni nella zona franca; nessuna restrizione valutaria. Le aziende operanti in queste zone sono tuttavia trattate come se fossero esterne agli EAU per quanto riguarda gli aspetti legali e commerciali. Le free Zones possono essere generaliste, se consentono lo svolgimento di qualsiasi attività economica o commerciale, o specialistiche, se permettono cioè lo svolgimento solo di determinate attività economiche. In genere, la maggior parte delle zone franche emette licenze commerciali, industriali e di servizi ad eccezione di Dubai Internet City, Dubai Media City, Dubai Health Care City e altre zone franche parte del gruppo Dubai Holding. Accordi con l Italia Convenzione per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e per prevenire le evasioni fiscali (in vigore dal ); Accordo di cooperazione nel settore della difesa (L.204/2009). Costo dei fattori produttivi MANODOPERA (in ) 16 CATEGORIA DA A Operaio Impiegato Dirigente Business Atlas Medio Oriente e Africa ACQUA AD USO INDUSTRIALE (fils/imperial gallon; 1 fils=0,1 DHS=2 cent. ) 19 Consumo mensile Tariffa , Oltre ,6 IMMOBILI (canone mensile in /m 2 ) 20 DA A Affitto locali uffici INFORMAZIONI UTILI Indirizzi Utili NEL PAESE RETE DIPLOMATICO CONSOLARE 21 Ambasciata d Italia PO BOX 46752, Abu Dhabi tel ; fax Consolato Generale PO BOX 9250 Dubai tel fax ALTRI UFFICI DI PROMOZIONE ITALIANI Ufficio ICE 22 Sheikh Zayed Road (exit 32) Dubai Internet City Arenco Tower, office 506/ Dubai tel fax ELETTRICITA AD USO INDUSTRIALE (in fils/kwh; 1 fils=0,1 DHS=cent. 2) 17 Consumo mensile Tariffa Oltre PRODOTTI PETROLIFERI (in /litro) 18 DA A Benzina 0,38 0,43 Nafta 0,56 0,56 Combustibile industriale 0,52 0,52 15 Fonte: Dubai Legal 16 Fonte: Camera di Commercio Italiana negli EAU (stime) 17 Fonte: Dubai Water and Electricity Authority (DEWA) 18 Fonte: Abu Dhabi National Oil Company (ADNOC) (1 = 4,18 AED) 19 Fonte: Dubai Water and Electricity Authority (DEWA) 20 Fonte: Real Estate Regulatory Agency (RERA) (1 = 4,18 AED) 21 Fonte: Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ( 22 Fonte: Agenzia ICE 23 Fonte: ENIT Ufficio Enit 23 : c/o Italian Industry & Commerce Office in the U.A.E. Suite No. 903, 9th Floor, Al Batha Tower Buhaira Corniche, P.O. Box Sharjah, U.A.E. tel fax: ISTITUTI DI CREDITO ITALIANI BNL c/o BNP Paribas Per informazioni e assistenza su progetti di sviluppo internazionale: Intesa Sanpaolo (Filiale estera Hub di Dubai) Sede Centrale: DIFC - Dubai International Financial Centre Building 1, 3rd Floor, The Gate Village 1 P.O. Box Dubai (U.A.E.) tel fax Intesa Sanpaolo (Ufficio di Rappresentanza) Al Bateen Area, Building C2 - Office N. 304 P.O. Box 60859, Abu Dhabi - U.A.E. tel fax

6 Unicredit Representative Office Alia Tower, Office 021 Shk. Khalifa Bin Zayed Street Abu Dhabi tel fax: Chief Representative: Mr Yahia El-Assadi IN ITALIA RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE Ambasciata via della Camilluccia 492, Roma tel fax Formalità doganali e documenti di viaggio Necessario il passaporto con almeno sei mesi di validità. Ai cittadini italiani viene rilasciato un visto turistico gratuito all ingresso nel Paese della durata di 30 giorni. Corrente elettrica: 220/240 volt a 50 cicli (le prese a muro sono quelle inglesi a 3 fori). Giorni lavorativi ed orari La settimana lavorativa è di 6 giorni (dal sabato al giovedì) o di 5 per tutti gli uffici governativi e la maggior parte delle aziende private (dalla domenica al giovedì). Uffici pubblici: sab-mer ; gio (inverno , estate ) Uffici privati: sab-mer Banche: sab-gio / Negozi: sab-gio per i centri commerciali e / tarda notte per i souk. Business Atlas Emirati Arabi Uniti Festività Tutte le festività cadono in giorni diversi da anno in anno in quanto legate al calendario islamico lunare, dai 10 ai 12 giorni più corto rispetto al calendario gregoriano. Le principali festività sono: UAE National Day (2 dicembre); Eid al-adha (Festa del Sacrificio), Capodanno islamico, Nascita del Profeta, Leilat al-miraj (Ascensione del Profeta), Eid al-fitr (fine del Ramadan). Assistenza medica Il sistema sanitario è privato. Ospedali, cliniche, ortodonzisti e dentisti sono di buon livello. Tutti i residenti con regolare permesso di soggiorno hanno diritto alla Health Card che garantisce assistenza di base presso le strutture ospedaliere pubbliche. MEZZI DI TRASPORTO Compagnia aerea di bandiera: Etihad Airways (Abu Dhabi) Altre compagnie che effettuano collegamenti con l Italia: Emirates (volo diretto). Trasferimenti da e per l aeroporto: servizio taxi, economico ed efficiente, e servizio di navette che generalmente gli alberghi mettono a disposizione dei propri clienti. Camera di Commercio Italiana negli Emirati Arabi Uniti Dubai ANNO DI FONDAZIONE: 2004 ANNO DI RICONOSCIMENTO: 2009 PRESIDENTE: Mohammed bin Faisal Al Qassimi SEGRETARIO GENERALE: Mauro Marzocchi INDIRIZZO: Suite 1001, 10th floor, 48 Burjgate, Downtown, Sheikh Zayed Road, P.O. Box TELEFONO: FAX: WEB: ORARIO: lun-giov: ; dom: NUMERO DEI SOCI: 316 QUOTA ASSOCIATIVA: euro 200 NEWSLETTER: settimanale inglese/italiano formato elettronico; Il Notiziario (trimestrale formato elettronico) PUBBLICAZIONI: Ospitalità Italiana (trimestrale formato cartaceo ed elettronico); Country Presentation (formato elettronico) ACCORDI DI COLLABORAZIONE: Padova Promex; CCIAA: Bergamo, Brescia, Como, Novara; Regione Calabria; Promos Dubai; Ca Foscari; Universita Bocconi; Università di Padova; Twister; Dante Alighieri Dubai; Cosmoprof; Sistemaeventi.it; Tomirex InternationaL LLC 173

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Opportunita di Business negli Emirati Arabi Uniti Visione

Dettagli

EMIRATI ARABI UNITI. Vicenza, 2 ottobre 2007. Dove sono:

EMIRATI ARABI UNITI. Vicenza, 2 ottobre 2007. Dove sono: EMIRATI ARABI UNITI Vicenza, 2 ottobre 2007 Dove sono: 1 Chi sono: Forma istituzionale: Confederazione di 7 Emirati costituita il 2 dicembre 1971 Abu Dhabi Dubai Sharjah Ajman Ras al Khaimah Fujairah Umm

Dettagli

Emirati Arabi Uniti - 1 - Informazioni Generali Superficie 83.600 Kmq

Emirati Arabi Uniti - 1 - Informazioni Generali Superficie 83.600 Kmq Emirati Arabi Uniti Informazioni Generali Superficie 83.600 Kmq Popolazione (stima 2007) 5.300.000 abitanti. Solo il 20% circa della popolazione è composta da cittadini degli Emirati, il resto è composto

Dettagli

LA CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA NEGLI EAU

LA CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA NEGLI EAU LA CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA NEGLI EAU In attività dal 1999, accordo di programma Regione Piemonte ICE Cna Riconoscimento ministeriale: 2009 Desk ENIT: 2010 Desk Qatar: 2010 2013 Desk Oman: 2015 Collaborazioni

Dettagli

Emirati Arabi Uniti. Informazioni Generali Superficie 83.600 Km2. Capitale Abu Dhabi (670.125 abitanti)

Emirati Arabi Uniti. Informazioni Generali Superficie 83.600 Km2. Capitale Abu Dhabi (670.125 abitanti) Emirati Arabi Uniti Informazioni Generali Superficie 83.600 Km2 Capitale Abu Dhabi (670.125 abitanti) Altre città principali Dubai (772.104 ab.) Sharjah (382.722 ab.) Ras al Khaimah (110.470 ab.) Ajman

Dettagli

Seminario di approccio al Mercato Emiratino Taranto, 13 Gennaio 2009

Seminario di approccio al Mercato Emiratino Taranto, 13 Gennaio 2009 Seminario di approccio al Mercato Emiratino Taranto, 13 Gennaio 2009 Cittadella delle Imprese Camera di Commercio di Taranto Ore 16,30 18,30 Programma Saluto del Presidente della Camera di Commercio di

Dettagli

Quadro legislativo, normativa societaria e free zones

Quadro legislativo, normativa societaria e free zones Quadro legislativo, normativa societaria e free zones SEZIONE I. Normativa Societaria Le forme societarie riconosciute negli EAU Le filiali e gli uffici di rappresentanza Le licenze necessarie SEZIONE

Dettagli

EMIRATI ARABI UNITI Dati macroeconomici 2013

EMIRATI ARABI UNITI Dati macroeconomici 2013 EMIRATI ARABI UNITI Dati macroeconomici 2013 Reddito Procapite Euro 21.700 Tasso di inflazione % 1,3 Tasso disoccupazione % 4,2 Tasso di variazione del PIL % 4,0 Previsione di crescita PIL 2014 % 3,9 Totale

Dettagli

DUBAI. Economia. Sviluppo Immobiliare

DUBAI. Economia. Sviluppo Immobiliare DUBAI 2013 DUBAI Economia Dubai oggi è un importante centro che basa la propria economia sul commercio marittimo (grazie ai suoi due Porti), sul turismo (con oltre 60 milioni di turisti all anno), sul

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

EMIRATI ARABI UNITI. Stefano Cruciani (matr. 40215) Michele Monachesi (matr. 38586) Alessandro Tommasi (matr. 40117)

EMIRATI ARABI UNITI. Stefano Cruciani (matr. 40215) Michele Monachesi (matr. 38586) Alessandro Tommasi (matr. 40117) EMIRATI ARABI UNITI Stefano Cruciani (matr. 40215) Michele Monachesi (matr. 38586) Alessandro Tommasi (matr. 40117) 1 LA NAZIONE Superficie: 83.600 kmq Popolazione: 6 milioni (stima 2009, 19% locali, 50%

Dettagli

EAU 2015 PRESENTAZIONE PAESE MARHABAN! Fonte: Italian Industry & Commerce Office in the UAE

EAU 2015 PRESENTAZIONE PAESE MARHABAN! Fonte: Italian Industry & Commerce Office in the UAE EAU 2015 PRESENTAZIONE PAESE MARHABAN! Fonte: Italian Industry & Commerce Office in the UAE PANORAMICA GENERALE SUGLI EAU EMIRATI ARABI UNITI I SETTE EMIRATI Image source: http://polyglotlegend.blogspot.it/2015/07/united-arab-emirates-cool-facts-52.html

Dettagli

Hong Kong e Macao Introduzione generale Dati macroeconomici. Hong Kong porta d ingresso della Cina Analisi geo-economica e politica

Hong Kong e Macao Introduzione generale Dati macroeconomici. Hong Kong porta d ingresso della Cina Analisi geo-economica e politica Hong Kong e Macao Introduzione generale Dati macroeconomici Hong Kong porta d ingresso della Cina Analisi geo-economica e politica Perche investire a Hong Kong Analisi dei dati di import/export di Hong

Dettagli

OLANDA DATI MARCOECONOMICI

OLANDA DATI MARCOECONOMICI OLANDA DATI MARCOECONOMICI Reddito pro-capite euro 40.187 Tasso di inflazione % 0,4 Tasso di disoccupazione % 6,6 Tasso di variazione del PIL (2014 su 2013) % 1,5 Previsione di crescita del PIL per il

Dettagli

emirati arabi uniti CENNI FISCALI

emirati arabi uniti CENNI FISCALI emirati arabi uniti CENNI FISCALI I dati contenuti nel presente documento sono a puro titolo informativo e potrebbero variare a seconda della specificità dei casi. Per ottenere informazioni più dettagliate

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

EAU: Struttura dell economia e rapporti commerciali e di investimento con l Italia Opportunità per le imprese clienti di CARIME

EAU: Struttura dell economia e rapporti commerciali e di investimento con l Italia Opportunità per le imprese clienti di CARIME EAU: Struttura dell economia e rapporti commerciali e di investimento con l Italia Opportunità per le imprese clienti di CARIME Luigi LANDONI Responsabile Ufficio di Rappresentanza UBI Banca a Dubai I

Dettagli

DI DUBAI E SRM PRESENTANO LO STUDIO: ECONOMIC OUTLOOK

DI DUBAI E SRM PRESENTANO LO STUDIO: ECONOMIC OUTLOOK COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO-HUB DI DUBAI E SRM PRESENTANO LO STUDIO: ECONOMIC OUTLOOK: IL BUSINESS ITALIANO NEGLI EMIRATI ARABI UNITI LA DIRETTRICE MEDITERRANEO-SUEZ-GOLFO NUOVO ORIZZONTE DI CRESCITA

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA

MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA OPPORTUNITÀ: Dato che il settore logistico in senso stretto (considerando cioè gli operatori di piattaforme o snodi di traffici merci dove vengono compiute operazioni

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero AFFARI E COMMERCIO CON GLI EMIRATI ARABI UNITI

Istituto nazionale per il Commercio Estero AFFARI E COMMERCIO CON GLI EMIRATI ARABI UNITI Istituto nazionale per il Commercio Estero AFFARI E COMMERCIO CON GLI EMIRATI ARABI UNITI I. COSTITUIRE UN IMPRESA NEGLI EMIRATI ARABI UNITI. Prima del 1984, ogni Emirato, Dubai, Abu Dhabi, Sharjah, Ajman,

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli

Camera di Commercio di Genova Ufficio E-Commerce e Commercio Estero Sportello per l internazionalizzazione

Camera di Commercio di Genova Ufficio E-Commerce e Commercio Estero Sportello per l internazionalizzazione Camera di Commercio di Genova Ufficio E-Commerce e Commercio Estero Sportello per l internazionalizzazione ***************************INFORMAZIONI GENERALI SUPERFICIE 83.600Kmq POPOLAZIONE 4.104.695 (censimento

Dettagli

Quadro generale Libia

Quadro generale Libia LIBIA Real estate Quadro generale Libia La Libia si estende per un area di circa 1.775.000 kmq quadrati. Ha delle ricche riserve petrolifere e depositi di acqua e gas naturali. Ha una popolazione di poco

Dettagli

Ufficio Emirati Arabi Uniti A cura di Cesare Maraglio

Ufficio Emirati Arabi Uniti A cura di Cesare Maraglio CONSORZIO CAMERALE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE Ufficio Emirati Arabi Uniti A cura di Cesare Maraglio PRESENTAZIONE PAESE EMIRATI ARABI UNITI COLLOCAZIONE GEOGRAFICA E DATI GENERALI Superficie: 83.600

Dettagli

registrato banche locali e banche estere

registrato banche locali e banche estere La Banca centrale svolge un ruolo di versatile nell'economia nazionale degli Emirati Arabi Uniti. Oltre al "banca di tutte le banche del paese, è anche un banchiere e consulente finanziario al governo.

Dettagli

Agenda. > Focus Paese. > Le zone economiche speciali. > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza

Agenda. > Focus Paese. > Le zone economiche speciali. > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza 1 Agenda > Focus Paese > Le zone economiche speciali > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza 2 Perché investire in India? Crescita economica > 7,4% nell anno fiscale 09-10; 6,7% nel 08-09; previsioni

Dettagli

SRI LANKA Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015

SRI LANKA Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015 SRI LANKA Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015 1 INDICE : 1. Analisi del quadro socio-economico 1.a Principali indicatori economici 1.b Principali indicatori sociali e demografici 2. Analisi

Dettagli

OCCHIALERIA negli EAU

OCCHIALERIA negli EAU Nota sul Settore OCCHIALERIA negli EAU Quadro macroeconomico del paese...2 Definizione del settore.....3 Valutazione del mercato...4 Previsioni del mercato...6 Comunicazione e manifestazioni....6 Appendice

Dettagli

MATCHING Brasile. San Paolo, 24-25 giugno 2013

MATCHING Brasile. San Paolo, 24-25 giugno 2013 MATCHING Brasile San Paolo, 24-25 giugno 2013 LE INFORMAZIONI GENERALI I settori* coinvolti sono : Agricolo, agroalimentare (food & beverage), agroindustriale Edilizia e impiantistica: materiali e prodotti

Dettagli

Lingua ufficiale. Shaykh Khalifa bin Zayed Al Nahayan Ingresso nell'onu 9 dicembre 1971. Popolazione totale 9.346.000. PIL pro capite 43 774 $

Lingua ufficiale. Shaykh Khalifa bin Zayed Al Nahayan Ingresso nell'onu 9 dicembre 1971. Popolazione totale 9.346.000. PIL pro capite 43 774 $ EMIRATI ARABI UNITI Lingua ufficiale Capitale Presidente Arabo Abu Dhabi Shaykh Khalifa bin Zayed Al Nahayan Ingresso nell'onu 9 dicembre 1971 Superficie totale 82.880 km² Popolazione totale 9.346.000

Dettagli

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia)

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia) L Italia in Russia I numeri della presenza italiana in Russia Esportazioni (2008): 10, miliardi (3% del totale export Italia) La Russia è il 7 paese cliente dell Italia (dopo Germania, Francia, Spagna,

Dettagli

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno Bojan Stevanovic, M.B.A. Console Consigliere Commerciale Consolato Generale della Repubblica di Serbia Milano Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR

Dettagli

Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane. Consulenza strategica all impresa

Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane. Consulenza strategica all impresa Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane PREMESSA L economia italiana attraversa una fase di acuta recessione. Conseguentemente, le attività industriali produttive, eccetto quelle

Dettagli

Perché investire in Irlanda? La FIBI può aiutare le aziende a sviluppare attività sui mercati internazionali avendo come base l Irlanda

Perché investire in Irlanda? La FIBI può aiutare le aziende a sviluppare attività sui mercati internazionali avendo come base l Irlanda Perché investire in Irlanda? La FIBI può aiutare le aziende a sviluppare attività sui mercati internazionali avendo come base l Irlanda Benvenuti in Irlanda L Irlanda è il primo paese in Europa per possibilità

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

CUBA Congiuntura Economica

CUBA Congiuntura Economica CUBA Congiuntura Economica Durante il 2011 l economia cubana ha avviato graduali riforme del sistema economico. Il tasso annuale di crescita del prodotto interno lordo dovrebbe attestarsi al 2.7% nel 2011.

Dettagli

Scheda Paese: Emirati Arabi Uniti

Scheda Paese: Emirati Arabi Uniti Scheda Paese: Emirati Arabi Uniti rubrica a cura di Martino Conserva VALUTAZIONE DI RISCHIO Nonostante il «cuscinetto» rappresentato dalle ingenti attività finanziarie estere degli Emirati, la recessione

Dettagli

Media Monthly Report Settembre 2009

Media Monthly Report Settembre 2009 Media Monthly Report Settembre 2009 Media Monthly Report Settembre 2009 The Nielsen Company, Media Indicatori macroeconomici Andamento dei consumi Investimenti pubblicitari Audience tv e Internet News

Dettagli

Missione imprenditoriale

Missione imprenditoriale Missione imprenditoriale Opportunità Dubai & middle east Supporto tecnico by: Missione imprenditoriale Presentazione e obiettivi Quando: dal 22 al 26 Maggio 2016 Dove: Dubai Partecipanti: imprenditori

Dettagli

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Indagine Confindustria sul mercato del lavoro nel 2012 Francesca Mazzolari In Italia segnali di fine caduta e ripresa

Dettagli

Gli Emirati Arabi Uniti

Gli Emirati Arabi Uniti International Accounting and Tax Consultancy ASPETTI FISCALI E CONTABILI NAZIONALI 3 Novembre 2015 Dubai, E.A.U. Karim Ramadan k.ramadan@diacron.ae Agenda Emirati Arabi : overview; Il Sistema Fiscale;

Dettagli

FOCUS ON Emirati Arabi Uniti: l età dell oro continua

FOCUS ON Emirati Arabi Uniti: l età dell oro continua ON Emirati Arabi Uniti: l età dell oro continua A cura dell'ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY L impegno emiratino verso una maggiore diversificazione economica offre opportunità oltre il solco

Dettagli

OPPORTUNITA' PER LE IMPRESE

OPPORTUNITA' PER LE IMPRESE Gli EAU sono il quinto produttore al mondo di petrolio e gas, e sono al terzo posto per riserve di idrocarburi. Nel 2014 gli EAU hanno registrato una crescita oltre il 4% del PIL (fonte FMI) grazie non

Dettagli

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana BIELORUSSIA Capitale Minsk Popolazione (milioni) 9,34 81/100 70/100 81/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 150,42 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

MF INTERNATIONAL CINA BRASILE RUSSIA PAESI DEL GOLFO AFRICA

MF INTERNATIONAL CINA BRASILE RUSSIA PAESI DEL GOLFO AFRICA MF INTERNATIONAL Un iniziativa editoriale focalizzata sulle ECONOMIE IN FORTE CRESCITA: le opportunità di business per gli investitori e imprenditori italiani, attraverso testimonianze dirette di uomini

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

Ufficio Emirati Arabi Uniti. A cura di Cesare Maraglio

Ufficio Emirati Arabi Uniti. A cura di Cesare Maraglio Ufficio Emirati Arabi Uniti A cura di Cesare Maraglio PRESENTAZIONE PAESE EMIRATI ARABI UNITI Principali dati macroeconomici e interscambio con Italia 1. COLLOCAZIONE GEOGRAFICA E DATI GENERALI Superficie:

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

Breve cenno storico agli anni recen8 di Dubai

Breve cenno storico agli anni recen8 di Dubai INTRODUZIONE Breve cenno storico agli anni recen8 di Dubai Anni 2000 introduzione progeb immobiliari e proprieta privata Boom economico ed immobiliare e Crisi 2008-2009 Ripresa economica e dei valori immobiliari

Dettagli

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria 52 Simposio AFI -1 giugno 2012 La farmaceutica è la prima industria hi-tech per

Dettagli

IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLE IMPRESE ITALIANE IN CINA

IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLE IMPRESE ITALIANE IN CINA IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLE IMPRESE ITALIANE IN CINA Gian Carlo Bertoni Responsabile Dipartimento Promozione e Marketing Roma, 25 settembre 2007 Cina: punti di di forza sesta grande potenza economica

Dettagli

COLLETTIVA ITALIANA alla FIERA INTERNAZIONALE di BAGHDAD. INCONTRI D AFFARI in IRAQ (Erbil e Baghdad)

COLLETTIVA ITALIANA alla FIERA INTERNAZIONALE di BAGHDAD. INCONTRI D AFFARI in IRAQ (Erbil e Baghdad) COLLETTIVA ITALIANA alla FIERA INTERNAZIONALE di BAGHDAD INCONTRI D AFFARI in IRAQ (Erbil e Baghdad) 30 ottobre 5 novembre 2015 ( Adesione entro il 9 ottobre 2015 ) La Camera di Commercio Italo-Araba C.C.I.A.

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

Gli aspetti fiscali e societari nelle varie strategie di internazionalizzazione sul mercato turco

Gli aspetti fiscali e societari nelle varie strategie di internazionalizzazione sul mercato turco di internazionalizzazione sul mercato turco International Accounting and Tax Consultancy FORUM UNICREDIT INTERNATIONAL TURCHIA 20 Giugno 2014 Palazzo Ciacchi Via Cattaneo, 34 PESARO Giacomo Luccisano g.luccisano@diacron.eu

Dettagli

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano)

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano) Tendenze in atto e prospettive per il futuro Luca Zanderighi (Università di Milano) Milano, 6 giugno 2012 Schema dell intervento La situazione internazionale L Italia di fronte a una svolta: prospettive

Dettagli

Analisi sull attrattività del mercato asiatico. Singapore, 29 Settembre 2014 RO / LS

Analisi sull attrattività del mercato asiatico. Singapore, 29 Settembre 2014 RO / LS Analisi sull attrattività del mercato asiatico Singapore, 29 Settembre 2014 RO / LS Il Sud-est Asiatico 2 10 Paesi 5,1 % di crescita media del PIL 3.000 di PIL pro-capite* *Dati al 2013 Fonte: www.worldbank.org

Dettagli

MALTA DATI MACROECONOMICI

MALTA DATI MACROECONOMICI MALTA DATI MACROECONOMICI Reddito pro-capite euro 16.484 Tasso di inflazione % 1,38 Tasso di disoccupazione % 5,8 Tasso di variazione del PIL (2014 su 2013) % 3,8% Previsione di crescita del PIL per il

Dettagli

Delocalizzazione a Dubai (EAU)

Delocalizzazione a Dubai (EAU) http://www.switzerland-family-office.com/it/servizi-di-family-office/delocalizzazione/delocalizzazione-a-dubai.html Delocalizzazione a Dubai (EAU) La delocalizzazione a Dubai va di moda. Da molti anni

Dettagli

petrolio Penisola Araba, non solo

petrolio Penisola Araba, non solo Arabia Saudita ed Emirati, opportunità per la meccanica nel Golfo. Ingenti introiti petroliferi, crescita demografica e investimenti per diversificare l economia, due Paesi dalle grandi prospettive. Un

Dettagli

NUMERO 97 MAGGIO 2015

NUMERO 97 MAGGIO 2015 NUMERO 97 MAGGIO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Indicatore ciclico

Dettagli

AUTUNNO 2015: ESPORTARE DI PIÙ E MEGLIO OPPORTUNITÀ SVIZZERA

AUTUNNO 2015: ESPORTARE DI PIÙ E MEGLIO OPPORTUNITÀ SVIZZERA AUTUNNO 2015: ESPORTARE DI PIÙ E MEGLIO OPPORTUNITÀ SVIZZERA Perché scegliere il mercato svizzero? Primo fruitore pro-capite al Mondo di Made in Italy La Svizzera è per le esportazioni italiane uno dei

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

IL MERCATO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI negli emirati arabi uniti

IL MERCATO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI negli emirati arabi uniti IL MERCATO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI negli emirati arabi uniti Incoming operatori esteri al CIBUS 2014 Parma 5-8maggio 2014 Questa indagine è stata realizzata dall ICE-Agenzia per la promozione all estero

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE

INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE Novembre 2010 Report realizzato dalla Indo-Italian Chamber of Commerce & Industry Introduzione L industria della trasformazione alimentare in India è una

Dettagli

Il processo di internazionalizzazione

Il processo di internazionalizzazione Il processo di internazionalizzazione Brescia, 16 aprile 2015 CONTENUTI Chi e Crossbridge Le fasi del processo di internazionalizzazione Le esperienze Le opportunità nel Far East I partner di Crossbridge

Dettagli

Presentazione Ecuador. Forum d Area America Latina. Progetto Integrato di Mercato PIM America Latina

Presentazione Ecuador. Forum d Area America Latina. Progetto Integrato di Mercato PIM America Latina Presentazione Ecuador Simona De Filippis Forum d Area America Latina Progetto Integrato di Mercato PIM America Latina POSIZIONE GEOGRAFICA DATI GENERALI SUPERFICIE: 256.370 kmq LINGUA UFFICIALE: Spagnolo

Dettagli

Riccardo Monti. Presidente ICE

Riccardo Monti. Presidente ICE Riccardo Monti Presidente ICE Le reti lean per la promozione del Made in Italy L export italiano: importante traino per l economia del Paese I rapporti con l estero costituiscono una componente primaria

Dettagli

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2012. anno 2011 centodiciottesimo esercizio.

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2012. anno 2011 centodiciottesimo esercizio. anno centodiciottesimo esercizio Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2012 esercizio CXVIII Presentata all Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno - centodiciottesimo esercizio

Dettagli

REPUBLIC OF TURKEY PRIME MINISTRY

REPUBLIC OF TURKEY PRIME MINISTRY REPUBLIC OF TURKEY PRIME MINISTRY Investment Support and Promotion Agency of Turkey ISPAT Raffaella Iaselli Italy Representative 22 settembre 2009 L Agenzia L Agenzia ISPAT La Turchia considera gli Investimenti

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

L attivita della IICUAE inizia a Sharjah nel 1999 come accordo di programma Regione Piemonte ICE. Nel 2006 la IICUAE inizia il processo di

L attivita della IICUAE inizia a Sharjah nel 1999 come accordo di programma Regione Piemonte ICE. Nel 2006 la IICUAE inizia il processo di L attivita della IICUAE inizia a Sharjah nel 1999 come accordo di programma Regione Piemonte ICE. Nel 2006 la IICUAE inizia il processo di riconoscimento da parte del Governo Italiano come Camera di Commercio

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale URUGUAY Maggio 2011 L'economia uruguaiana, nel 2010, ha registrato una significativa crescita del PIL dell 8,5% rispetto al 2009 e, nel primo

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

2008, UN ANNO DIFFICILE: LE PREVISIONI E I RISCHI

2008, UN ANNO DIFFICILE: LE PREVISIONI E I RISCHI Centro Studi 2008, UN ANNO DIFFICILE: LE PREVISIONI E I RISCHI Luca Paolazzi Direttore Centro Studi Confindustria 10 INDICATORE ANTICIPATORE OCSE (Variazioni % su sei mesi annualizzate) 8 6 4 2 0-2 -4-6

Dettagli

Le proposte del Banco Popolare

Le proposte del Banco Popolare Efficienza energetica, finanza agevolata e una nuova forma di alleanza. Per innovare le imprese del settore siderurgico e favorirne la crescita. Le proposte del Banco Popolare Banco Popolare e innovazione

Dettagli

Agenda. > Focus Paese. > Il sistema bancario. > Garanzie e finanziamenti. > Le zone economiche speciali

Agenda. > Focus Paese. > Il sistema bancario. > Garanzie e finanziamenti. > Le zone economiche speciali 0 Agenda > Focus Paese > Il sistema bancario > Garanzie e finanziamenti > Le zone economiche speciali Principali indicatori Trend 2009/2012 10,0% 8,8% 9% 5,0% 4% 3,5% 3,4% 3,2% 3,1% 2,7% 7,5% 6% 4,7% 4%

Dettagli

Progetto Integrato di Mercato PIM America Latina. Cile Presentazione del Paese Relatore : Stefania Turco Jones. Forum d Area America Latina

Progetto Integrato di Mercato PIM America Latina. Cile Presentazione del Paese Relatore : Stefania Turco Jones. Forum d Area America Latina Progetto Integrato di Mercato PIM America Latina Cile Presentazione del Paese Relatore : Stefania Turco Jones Forum d Area America Latina Dove siamo? Superficie: 756.626 km² (cui si aggiungono 1.250.000

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER I VIAGGIATORI (Aggiornata 13 novembre 2008)

SCHEDA INFORMATIVA PER I VIAGGIATORI (Aggiornata 13 novembre 2008) SCHEDA INFORMATIVA PER I VIAGGIATORI (Aggiornata 13 novembre 2008) Paese: EMIRATI ARABI UNITI Capitale: ABU DHABI Popolazione: 5 milioni circa Superficie: 83.600 km2 Fuso orario: + 2 ore rispetto all Italia

Dettagli

Italy-Qatar Development Of Trade And Culture Project

Italy-Qatar Development Of Trade And Culture Project Italy-Qatar Development Of Trade And Culture Project ITAQAM Associazione per lo Sviluppo dei Rapporti Economici e Culturali Italia - Qatar www.itaqam.com ITAQAM è un associazione senza fini di lucro che

Dettagli

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 i principali indicatori A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Il contesto internazionale Stime

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y EMIRATI ARABI UNITI NORMATIVA PER GLI INVESTIMENTI NEGLI EMIRATI ARABI UNITI di Avv. Francesco Misuraca Normativa sugli investimenti esteri e relativi incentivi Due leggi riguardano l ingresso nel paese

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII Relazione Annuale - Roma, 31 maggio 2007 anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO esercizio CXIII Relazione Annuale - Presentata all Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno 2006 - centotredicesimo esercizio

Dettagli

TUNISIA Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2016

TUNISIA Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2016 TUNISIA Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2016 Tunisia 1 INDICE : 1. Analisi del quadro socio-economico 1.a Principali indicatori economici 1.b Principali indicatori sociali e demografici 2.

Dettagli

COOPERAZIONE FINANZIARIA NEL MEDITERRANEO E NEI BALCANI

COOPERAZIONE FINANZIARIA NEL MEDITERRANEO E NEI BALCANI COOPERAZIONE FINANZIARIA NEL MEDITERRANEO E NEI BALCANI Linee di credito agevolato a sostegno delle PMI della Serbia, dell Albania, della Tunisia e della Siria (Sintesi) stefano.formenti@esteri.it 1 COOPERAZIONE

Dettagli

Scenari macroeconomici e prospettive di crescita

Scenari macroeconomici e prospettive di crescita Scenari macroeconomici e prospettive di crescita Luca Paolazzi Direttore Centro Studi Confindustria Lo scenario economico globale presenta condizioni favorevoli. Ma l incertezza è il maggior ostacolo a

Dettagli

LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE

LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE Le principali imposte e tasse che gravano sulle imprese straniere sono: La Corporate Income Tax - CIT; La Value Added Tax - VAT, corrispondente all IVA italiana);

Dettagli

Approfondimenti: Provincia di Cuneo

Approfondimenti: Provincia di Cuneo Approfondimenti: Provincia di Cuneo Premessa Contesto e attività/1 Nel generale contesto di crisi che ha continuato a caratterizzare il sistema economico italiano nel 2013 i dati relativi al Piemonte hanno

Dettagli

DATI MACROECONOMICI. Reddito pro-capite euro 33.337,6

DATI MACROECONOMICI. Reddito pro-capite euro 33.337,6 BELGIO DATI MACROECONOMICI Reddito pro-capite euro 33.337,6 Tasso di inflazione % 0,7 Tasso di disoccupazione % 8,5 Tasso di variazione del PIL (2014 su 2013) % 1,4 Previsione di crescita del PIL per il

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

Arabia Saudita. Informazioni Generali Superficie 2.173.000 di km2. Capitale Riyadh (2.7 milioni di abitanti)

Arabia Saudita. Informazioni Generali Superficie 2.173.000 di km2. Capitale Riyadh (2.7 milioni di abitanti) Arabia Saudita Informazioni Generali Superficie 2.173.000 di km2 Capitale Riyadh (2.7 milioni di abitanti) Altre cittŕ principali Mecca (966.000 ab.) Jeddah (2 milioni ab.) Medina (608.000 ab.) Popolazione

Dettagli

08.15 RAPPORTO MENSILE

08.15 RAPPORTO MENSILE 08.15 RAPPORTO MENSILE Agosto Crescita economica, Imprese 1 Mercato del lavoro 3 Inflazione 5 Commercio estero 6 Turismo 8 Credito 9 Frutticoltura, Costruzioni 10 Congiuntura internazionale 11 Autori Luciano

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

QUADRO MACROECONOMICO

QUADRO MACROECONOMICO IMPORTARE IN QATAR Forma istituzionale: Monarchia costituzionale Capo dello Stato: Emiro S.A. Sceicco Tamim bin Hamad Al Thani (dal 2013) Capitale : Doha Superficie : 11.521 km2 Popolazione : 300.000 popolazione

Dettagli

Ufficio ICE di Dubai EMIRATI ARABI UNITI

Ufficio ICE di Dubai EMIRATI ARABI UNITI Ufficio ICE di Dubai EMIRATI ARABI UNITI INTRODUZIONE Negli ultimi trenta anni gli Emirati Arabi Uniti (EAU) sono riusciti a costruire un immagine di progresso e modernita in tutto il Medio Oriente. Fin

Dettagli

FARE BUSINESS IN TURCHIA: la Cina Mediterranea. Informazioni generali. Superficie: kmq 783.562. Popolazione: 74.8 milioni di abitanti

FARE BUSINESS IN TURCHIA: la Cina Mediterranea. Informazioni generali. Superficie: kmq 783.562. Popolazione: 74.8 milioni di abitanti FARE BUSINESS IN TURCHIA: la Cina Mediterranea Informazioni generali Superficie: kmq 783.562 Popolazione: 74.8 milioni di abitanti Maggiori città: Istanbul (10.4 milioni), Ankara -capitale (3.846 milioni),

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO ITALO BRASILIANA www.ccib.it

CAMERA DI COMMERCIO ITALO BRASILIANA www.ccib.it CAMERA DI COMMERCIO ITALO BRASILIANA www.ccib.it SCHEDA PAESE BRASILE IL BRASILE IN BREVE Storia e geografia Ordinamento interno Economia Produzioni STORIA e GEOGRAFIA Storia Il Brasile è stato scoperto

Dettagli