La muratura armata in blocchi Alveolater 18

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La muratura armata in blocchi Alveolater 18"

Transcript

1 Indice La muratura armata 2 Premessa 2 Che cos è la muratura armata 3 Perché la muratura armata 4 Gli edifici in muratura in zona sismica 4 Le strutture devono resistere a terremoti di qualsiasi intensità senza subire danni? 6 Le caratteristiche del progetto di un fabbricato in muratura secondo il D.M. 16 gennaio Regole generali comuni a tutte le costruzioni in muratura 7 Regole specifiche per le costruzioni in muratura armata 8 Il dimensionamento semplificato 13 Quando si può ricorrere al dimensionamento semplificato? 13 Le strutture miste 16 L'inserimento di canne fumarie 17 La muratura armata in blocchi Alveolater 18 Come dimensionare rapidamente gli "edifici semplici" 20 Un modo rapido per progettare gli "edifici semplici" 20 Un esempio di dimensionamento semplificato 20 Regole comuni 21 Regole specifiche 21 Analisi dei carichi 22 Calcolo di verifica 23 Blocchi Alveolater impiegati 23

2 La muratura armata Premessa La normativa italiana parla per la prima volta di muratura armata nel decreto ministeriale 19 giugno 1984 "Norme tecniche relative alle costruzioni sismiche". In quel decreto, come pure nel successivo decreto del 24 gennaio 1986, la muratura armata era ammessa solo come sistema costruttivo, da sottoporre all'esame del Consiglio Superiore dei Lavori pubblici per ottenere la necessaria "idoneità tecnica", da rinnovare ogni Esempio di blocchi Alveolater per muratura armata. L elemento principale ha dimansioni di 30x30x19 cm, il mezzo blocco coordinato è invece di 14,5x30x19 cm. Per ircavare i vani per le armature è sufficiente togliere con un colpo di martellina le cartelle a chiusura dei fori di presa secondo le linee di rottura già predisposte.

3 tre anni. Questi decreti diedero origine ai cosiddetti "sistemi omologati". La muratura armata era utilizzata da tempo all'estero, ma era conosciuta anche in Italia. Già dopo il terremoto di Messina (1908) ci fu un'amplissma fioritura di ipotesi e di proposte per associare alla resistenza della muratura la duttilità del ferro: ipotesi e proposte che rimasero però praticamente solo a livello di progetto. Oggi, con il D. M. 16 gennaio 1996, la muratura armata è diventata "metodo costruttivo", così come lo sono la muratura semplice, il cemento armato, le strutture in legno e in metallo. Che cos è la muratura armata La muratura armata è una muratura portante, rinforzata in modo diffuso o in modo localizzato, mediante barre metalliche e getti integrativi di conglomerato. L'armatura resiste alle sollecitazioni di trazione, sollecitazioni alle quali la muratura semplice non è in grado di resistere, e aumenta la duttilità strutturale dell'insieme. Leggendo il D.M. 16 gennaio 1996 ed elaborandone alcuni passi, si può ricavare una definizione di muratura armata: "Per muratura armata si intende una muratura costituita dal elementi resistenti semipieni aventi le caratteristiche previste dal D.M. 20 novembre 1987 e collegati mediante malte di classe M1 o M2, nella quale sono inserite armature metalliche verticali concentrate, avvolte da calcestruzzo con resistenza caratteristica superiore a 15 N/mm 2, armature orizzontali concentrate (coincidenti con le armature dei cordoli di piano), e orizzontali (in alcuni casi anche verticali) diffuse, che le conferiscono continuità e resistenza a trazione". La muratura armata prevista dal decreto è una muratura ad armatura concentrata. Le armature infatti sono concentrate agli incroci dei muri, in corrispondenza delle aperture ma anche nel corso del muro, quando la lunghezza libera (ovvero la distanza fra muri portanti fra loro ammorsati) supera i 5 metri. Esistono anche altri tipi di muratura armata, non regolate dal decreto: le murature ad armatura diffusa (nelle quali i ferri verticali sono ad interasse ridotto, ad esempio ogni 50 cm) e le murature "confinate", nelle quali le armature verticali e orizzontali definiscono dei maschi murari non armati e le zone in cui sono posizionate le armature assumono quasi le dimensioni di travi e pilastri in c.a. La muratura armata del decreto è abbastanza simile, costruttivamente, alla muratura confinata.

4 Perché la muratura armata I vantaggi che la muratura armata può fornire sono prevalentemente di ordine strutturale, anche se non mancano riflessi economici. Sollecitata dal sisma, la struttura risponde in funzione del suo periodo di oscillazione, e attenua gli effetti del sisma dissipando energia per plasticizzazione delle fibre. La muratura armata è più duttile di una muratura normale, soprattutto di una muratura normale realizzata con blocchi di grandi dimensioni: ha quindi maggiore capacità di deformazione, e questo consente di assorbire meglio le sollecitazioni sismiche attraverso appunto la dissipazione di energia. Come si vedrà in seguito, con la muratura armata è possibile superare i limiti di altezza ammessi per le costruzioni in muratura ordinaria, fino ad un massimo di 25 metri in zona a bassa sismicità (nella stessa zona s=6 l'altezza consentita per la muratura ordinaria è di 16 metri) o, nel caso di dimensionamento semplificato, ridurre sensibilmente la percentuale di muratura richiesta nelle due direzioni principali del fabbricato (1,5 punti percentuali in meno). Gli edifici in muratura in zona sismica L'inserimento di armature nella muratura, così come l'impiego di blocchi in laterizio rispondenti alle prescrizioni di legge per percentuale di foratura, dimensione massima dei fori, spessore di pareti e setti e resistenza meccanica non sono, da soli, garanzia di un buon comportamento alle sollecitazioni sismiche. La qualità dei materiali va necessariamente associata alla regolarità morfologica e costruttiva dell'edificio, perché le azioni prodotte dal sisma vengano contrastate in modo omogeneo: una configurazione regolare, priva di sbalzi esuberanti, e soprattutto simmetrica, resiste meglio ai terremoti. Ma la qualità dei materiali va associata anche alla qualità della posa in opera. Le squadre che costruiscono il muro devono avere uguale competenza e cura: a parità di materiali, la più o meno corretta esecuzione può portare a resistenze finali variabili nell'ordine del 30 per cento. Con queste precauzioni progettuali ed esecutive, valide comunque sia per muratura normale che per muratura armata, la muratura è in grado di fornire prestazioni eccellenti, e non seconde rispetto ad altri sistemi costruttivi. E' ancora diffuso il convincimento, errato, che le strutture a telaio in cemento armato siano le sole ammesse in zona sismica e siano, al di là di tutto, più affidabili, citando, a conferma, i cedimenti delle costruzioni in muratura, rilevati in occa-

5 sione di eventi sismici. Non si deve invece dimenticare che nella maggioranza dei casi le costruzioni presenti sul nostro territorio sono vecchie, se non antiche, e per queste costruzioni vale quanto riportato nella relazione della Commissione incaricata di studiare e proporre le norme obbligatorie per i comuni colpiti dal terremoto del 28 dicembre 1908 e da altri anteriori, pubblicata sul Giornale del Genio Civile nel 1909: ".in generale le murature costituenti gli edifici sono di pessima struttura, il materiale pietroso impiegato è quasi sempre di forma irregolare e più generalmente di ciottoli fluviali nemmeno spaccati, le Particolari dell angolo e della parte terminale della muratura in un esempio di muratura armata eseguita con blocchi Alveolater e mezzi blocchi coordinati. Oggi, con il decreto ministeriale del 16 gennaio 1996, la muratura armata è diventata metodo costruttivo a tutti gli effetti, così come lo sono la muratura semplice, il cemento armato e le strutture in legno e in metallo.

6 malte non presentano consistenza per cattiva calce e cattive sabbie e i fabbricati non hanno fondazioni corrispondenti ad un buon tipo costruttivo". Le costruzioni mal fatte hanno portato discredito e diffidenza nei confronti delle costruzioni in muratura e troppo spesso quindi si confonde la muratura in laterizio con le murature povere del passato. La muratura armata può contribuire, anche dal punto di vista psicologico,a superare questa diffidenza. Le strutture devono resistere a terremoti di qualsiasi intensità senza subire danni? Questo sarebbe auspicabile. Ma il rispetto delle prescrizioni di legge può soltanto assicurare che le strutture non subiscano danneggiamenti significativi per terremoti la cui intensità corrisponda ad un tempo di ritorno uguale alla vita nominale della struttura. Soluzione di innesto tra due pareti in un esempio di muratura armata eseguita con Blocchi Alveolater e mezzi blocchi coordinati.

7 Tabella 1 Tipo di struttura Altezza massima S=6 m S=9 m S=12 M Muratura ordinaria ,5 Muratura armata Tabella 2 per L 3 H = 3 per 3<L 11 H = L per L>11 H = (L 11) Per terremoti di intensità superiore (ossia che possono avere periodi di ritorno molto maggiori) il fabbricato deve essere in grado di dissipare elevate quantità di energia, ammettendo anche danni gravi alle strutture (escludendo però il collasso), senza tuttavia perdita di vite umane. La dissipazione di energia è strettamente legata alle caratteristiche di duttilità della struttura, che deve poter subire spostamenti ciclici senza che si verifichi un eccessivo degrado di resistenza. Le caratteristiche del progetto di un fabbricato in muratura secondo il D.M. 16 gennaio 1996 Piano cantinato o seminterrato Si può realizzare un piano cantinato o seminterrato purché l'altezza totale del fabbricato, dall'estradosso delle fondazioni alla quota di imposta delle falde, non superi per più di 4 metri i valori indicati nella tabella 1. Altezza del fabbricato in funzione della larghezza stradale Nel caso che il fabbricato, qualunque sia la sua struttura, prospetti su strade o spazi pubblici di larghezza L, prevalgono, se più restrittive, le altezze H ricavabili dalle formule indicate nella tabella 2. Regole generali comuni a tutte le costruzioni in muratura Le regole generali comuni a tutte le costruzioni in muratura sono poche e chiare, e precisamente: - le strutture non devono essere spingenti (ovvero le spinte devono essere eliminate con tiranti, cerchiature o altri accorgimenti di analoga efficacia); - i solai devono essere in grado di ripartire le azioni orizzontali fra i muri maestri - i cordoli sono obbligatori, devono avere altezza pari a quella del solaio (e comunque non inferiore a cm 15) e devono essere armati con ferri di diametro minimo di mm 16 e per almeno 8 cm 2, con staffe 6/25";

8 Caratteristiche geometriche dei blocchi per muratura armata i travetti dei solai devono entrare nei cordoli per la metà della larghezza dei cordoli stessi, e comunque per almeno 12 cm; nelle pareti perimetrali, le aperture devono essere a distanza di almeno 1 metro dallo spigolo (compreso lo spessore del muro ortogonale); se l'interrato è fatto con pareti in calcestruzzo, lo spessore deve essere pari almeno allo spessore del muro in laterizio sovrastante; se è fatto in muratura, lo spessore del muro deve aumentare di almeno 20 cm. Regole specifiche per le costruzioni in muratura armata Resistenza meccanica dei blocchi Si devono usare esclusivamente blocchi artificiali semipieni con resistenza caratteristica minima a compressione di 5 N/mm 2 e di 1,5 N/mm 2 in direzione perpendicolare ai carichi verticali e nel piano della muratura (la resistenza caratteristica è approssimati-

9 vamente pari a 0,7 volte la resistenza media) e certificati presso laboratori ufficiali con cadenza annuale. Caratteristiche geometriche dei blocchi I blocchi devono avere spessore delle pareti maggiore o uguale a 10 mm, al netto della rigatura; setti interni di 8 mm; dimensione di ogni foro non superiore a 12 cm 2 ; un foro di presa di dimensione massima di 35 cm 2 per elementi di sezione maggiore di 300 cm 2 ; due fori di presa, ciascuno di dimensione massima di 35 cm 2 per elementi di sezione maggiore di 580 cm 2. Spessore minimo della muratura Lo spessore minimo è fissato in 24 cm. Va anche verificata la snellezza s, che non può superare il valore di 14, con la relazione h o /t <=14, dove h o è la distanza fra due solai (altezza di interpiano al grezzo) e t è lo spessore della muratura. La muratura deve avere spessore non inferiore al valore maggiore fra i due. Malte Si devono impiegare esclusivamente malte di classe M1 o M2 e quindi con la composizione indicata in tabella 3 I vani nei quali sono alloggiate le armature devono invece essere riempiti con una malta (o con un conglomerato) con resistenza caratteristica non inferiore a 15 N/mm 2. Giunti di malta Devono essere continui, in verticale e in orizzontale, e devono ricoprire interamente le facce del blocco. Lo spessore deve essere stabilito dal progettista, deve essere compreso fra 5 e 15 mm e deve essere costante in tutto il fabbricato. E' ovviamente escluso l'impiego di blocchi a incastro, è quindi privi del giunto verticale di malta, così come è escluso l'impiego di blocchi messi in opera a giunti interrotti o con leganti diversi dalle malte (ad esempio, blocchi rettificati montati a colla). Tabella 3 Classe Tipo Resistenza media Composizione Cemento Calce aerea Calce idraulica Sabbia Pozzolana N/mm 2 M2 cementizia >8 1-0,5 4 - M1 cementizia >

10 Quale acciaio si deve impiegare Si può impiegare esclusivamente acciaio ad aderenza migliorata. Dove va posizionata l'armatura concentrata L'armatura "di forza" deve essere concentrata alle estremità verticali e orizzontali dei pannelli murari (porzioni di muratura comprese fra i solai e fra due aperture o fra intersezioni che le limitano lateralmente). L'armatura verticale, pari ad almeno 4 cm 2, va quindi posta negli incroci fra i muri portanti e, sempre nelle murature portanti, in corrispondenza delle aperture di porte e finestre. Se la lunghezza del muro senza incroci o aperture supera i 5 metri, deve essere prevista una armatura concentrata intermedia di uguale sezione. L'armatura orizzontale, se i solai sono a distanza inferiore a 4 metri (e quindi nei casi più frequenti), coincide con l'armatura dei cordoli (8 cm 2 con staffe φ 6/25"). Se l'interpiano supera i 4 metri, bisogna prevedere altra armatura orizzontale, per almeno 4 cm 2. Armatura per almeno 3 cm 2, pari a 4 φ 10 o a 6 φ 8 va anche posta lungo i bordi orizzontali delle aperture di porte e finestre. Il vano che alloggia le armature verticali deve avere dimensione minima tale che sia inscrivibile un cilindro di diametro compreso fra 6 e 10 cm. Se il diametro del cilindro inscritto supera i 10 cm, la sovrapposizione delle armature verticali deve essere staffata (in alternativa si devono usare connessioni meccaniche). Dove va posizionata l'armatura diffusa L'armatura orizzontale diffusa è sempre obbligatoria, e, come minimo, consiste in un ferro di diametro φ 5 mm, avvolto dalla malta dei giunti, ogni 60 cm (e quindi ogni due corsi, se i blocchi sono alti 25 cm, o ogni tre corsi se i blocchi sono alti 19 cm). L'armatura verticale diffusa è richiesta solo nel caso di edifici pubblici o di edifici che devono garantire la massima sicurezza ( i cosiddetti edifici con coefficiente di importanza I maggiore di 1). In questi casi armatura orizzontale e armatura verticale diffusa devono essere a interasse non superiore al doppio dello spessore del muro, e in quantità non inferiore allo 0,4 per mille del prodotto dello spessore del muro rispettivamente per la sua lunghezza o per la sua altezza. Pertanto una parete di spessore 30 cm, alta 3,00 metri e lunga 4,50 metri, dovrà avere armatura verticale pari almeno a 30x300x0,4/1000 = 3,6 cm 2 e armatura orizzontale pari almeno a 30x450x0,4/1000 = 5,4 cm 2 da distribuire al

11 l'interno della muratura, con diametro minimo non inferiore al φ 5 e interasse non superiore a 60 cm. Sovrapposizione delle armature I ferri dell'armatura verticale devono avere sovrapposizioni di 60 diametri. Le armature orizzontali dei cordoli vanno ripiegate nel muro perpendicolare per una lunghezza pari ad almeno 30 diametri. L'armatura orizzontale diffusa (φ 5/60") va collegata mediante ripiegatura alle barre verticali presenti alle estremità dei pannelli murari. Protezione delle armature Per garantire una buona protezione della corrosione, le armature devono essere arretrate di 5 cm rispetto alla superficie esterna del muro e, naturalmente, avvolte dalla malta di allettamento (nel caso dell'armatura diffusa o comunque dell'armatura orizzontale aggiuntiva per pareti alte più di 4 metri) o dal conglomerato (nel caso di armatura verticale). Quando l'armatura orizzontale coincide con l'armatura dei cordoli, ad essa si applicano le prescrizioni relative al copriferrro e alla resistenza del conglomerato

12 Particolare del vano di alloggiamento delle armature ricavato nei blocchi Alveolater per muratura armata. Uno dei vantaggi dei blocchi Alveolater è la planarità delle facce che consente di eseguire una muratura normale per tutto il corso del muro, mentre per previste dal decreto 9 gennaio 1996 "Norme tecniche per il calcolo, l'esecuzione ed il collaudo delle strutture in cemento armato, normale e precompresso e per le strutture metalliche". Come si dimensiona la struttura In analogia con il decreto per le zone normali (D.M. 20/11/87 "Norme tecniche per la progettazione, esecuzione e collaudo degli edifici in muratura e per il loro consolidamento"), si può ricavare il vano di contenimento delle armature è sufficiente togliere dai blocchi stessi le cartelle di 10 mm poste a chiusura dei fori di presa con un coplo di martellina dato lungo le linee di rottura già predisposte. ricorrere al dimensionamento semplificato, ma si piò anche eseguire una vera e propria analisi delle sollecitazioni sismiche e una analisi statica secondo il metodo previsto per le strutture intelaiate. Il Decreto sismico prevede in questo caso la verifica elastica secondo il metodo delle tensioni ammissibili. La Circolare illustrativa n 65 del 10 aprile 1997 fornisce anche gli elementi necessari per la verifica con il metodo semiprobabilistico agli stati limite.

13 Il dimensionamento semplificato Quando si può ricorrere al dimensionamento semplificato? Si può ricorrere al dimensionamento semplificato a queste condizioni: - la pianta dell'edificio deve essere il più possibile compatta e simmetrica rispetto ai due assi ortogonali; - il rapporto fra il lato minore e il lato maggiore del fabbricato deve essere 1/3; Condizioni per il dimensionamento semplificato

14 - la distribuzione delle aperture, in pianta e in alzato, deve essere tale da garantire per quanto possibile la simmetria strutturale; - i muri maestri si devono intersecare con i muri maestri trasversali al massimo ogni 7 metri; - la distanza massima fra i solai (o fra lo spiccato delle fondazioni e l'intradosso del primo solaio) non deve superare i 7 metri (ovviamente lo spessore della muratura va adeguato in funzione della massima snellezza ammessa, pari a 14); - ogni muratura strutturale deve avere spessore superiore a cm 24, al netto degli intonaci; - se le fondazioni sono in muratura, devono presentare un aumento di spessore rispetto alle murature in elevazione di almeno 20 cm; - le aperture di porte e finestre devono essere verticalmente allineate. Se non Tabella 4 In zona S=12 I piano lo sono, ai fini della valutazione dell'area resistente, si devono prendere in considerazione, per la verifica del generico piano, esclusivamente le porzioni di muro che presentino continuità verticale dal piano oggetto di verifica fino alle fondazioni; - per ciascun piano, la sezione di muratura resistente non deve essere inferiore, in entrambe le direzioni, alle percentuali indicate nelle tabelle, riferite alla superficie in pianta dell'edificio (tabelle 4 e 5) - per ciascun piano deve risultare σ = N/(0,60 A) < σ m (σ m = tensione base ammissibile della muratura in funzione della resistenza a compressione dei blocchi e della malta; nel caso gli spessori dei muri e la distribuzione delle aperture siano costanti in tutti i piani, la verifica andrà fatta al piano più basso dell'edificio) % II piano % III piano % Edifici a 1 piano 4, Edifici a 2 piani 4,5 4,5 - - Edifici a 3 piani 5,5 4,5 4,5 - Edifici a 4 piani 5,5 5,5 4,5 4,5 IV piano % Tabella 5 In zona S=9 e S=6 I piano % II piano % III piano % IV piano % Edifici a 1 piano 3, Edifici a 2 piani 3,5 3, Edifici a 3 piani 4,5 3,5 3,5 - - Edifici a 4 piani 4,5 4,5 3,5 3,5 - Edifici a 5 piani 5,5 4,5 4,5 3,5 3,5 V piano %

15 a = interasse tra muri maestri e muri maestri trasversali b = lato maggiore dell edificio c = lato minore dell edificio - nel calcolo della percentuale di muratura resistente non si devono considerare i muri aventi rapporto altezza/lunghezza superiore a 3 (per interpiano di 3 m, il muro deve essere al minimo di 1 m, eccetto nel caso in cui si intersechi con un altro muro. In questo caso infatti si può considerare nella lunghezza anche lo spessore del muro intersecato). - il sovraccarico (dei solai, delle scale, dei balconi ecc) non deve superare i 4,0 kn/m 2 (400 kg/m 2 ) - l'altezza del fabbricato non deve superare i limiti previsti per la muratura normale (Muratura normale: 16 m in zona S=6; 11 m in zona S=9; 7,5 m in zona S=12) Il rispetto di queste specifiche consente di evitare la verifica sismica estesa, che è invece obbligatoria nel caso in cui una o più delle prescrizioni non siano rispettate. Qualche perplessità rimane sull'obbligo della verifica alla spinta del vento, secondo quanto previsto dal D.M. 20/11/87. Infatti la circolare n 65 del 10 Aprile 1997, illustrativa del D.M. 16/1/96, ribadisce l'obbligo del rispetto del D.M. 20/11/87. Ma se si ricorre al dimensionamento semplificato, che in zona sismica richiede percentuali di muratura nelle due direzioni decisamente superiori a quanto previsto da quel decreto, e se quel decreto esime dalla verifica al vento nel caso di edifici con un massimo di tre piani entro e fuori terra, questa verifica sembrerebbe non portare ulteriori informazioni agli effetti della resi-

16 stenza al sisma, a parità di altezza dell'edificio. Se si rispettano tutte le indicazioni richieste per il dimensionamento semplificato, l'interpretazione corretta è probabilmente questa: se non si superano i tre piani, non è necessaria né la verifica sismica né la verifica al vento; se invece l'edificio supera i tre piani (il D.M. 16/1/96 lo consente), si è esentati dalla verifica sismica ma è obbligatoria la verifica al vento secondo il D.M. 20 novembre Le strutture miste E' ammesso realizzare un edificio con struttura mista, ossia un edificio nel quale, allo stesso piano, siano presenti elementi strutturali in muratura ed elementi strutturali in calcestruzzo o in acciaio, purché le azioni sismiche siano integralmente affidate alla struttura in muratura. Naturalmente in questo caso non si potrà ricorrere al dimensionamento semplificato ma bisognerà eseguire la verifica sismica. Indicativamente un edificio può essere considerato a struttura mista secondo il punto C.5.4 del decreto 16 gennaio 1996 quando il rapporto percentuale fra la rigidezza della parte strutturale in calcestruzzo e quella della parte in muratura risulta inferiore al 2-5 per cento.

17 L'inserimento di canne fumarie Il precedente Decreto sismico del 24 gennaio 1986 giustamente vietava l'inserimento di canne fumarie all'interno della muratura portante. Infatti l'esame di fabbricati che hanno subito sollecitazioni sismiche evidenzia che le discontinuità strutturali sono elemento di grande debolezza e che nelle discontinuità si concentrano le lesioni. Quindi, anche se il nuovo decreto non è altrettanto esplicito, è essenziale che le canne fumarie e gli eventuali alloggiamenti di impianti siano previsti in posizione tale da non interferire né con le murature portanti né con i cordoli di solaio e che comunque, nel caso non si possa operare diversamente, siano previsti dal progetto e realizzati durante la costruzione della muratura (e non con rottura successiva), che dovrà sempre conservare uno spessore non inferiore al minimo ammesso (24 cm). Se l edificio non supera i tre piani (entro e fuori terra), e si rispettano tutte le indicazioni richieste per il dimensionamento semplificato, non è necessaria né la verifica sismica né quella al vento. Se l edificio supera i tre piani si è esentati dalla verifica sismica ( il decreto ministeriale del 16 gennaio 1996 lo consente) mentre si è obbligati a quella al vento secondo il decreto del 20 novembre 1987.

18 La muratura armata in blocchi Alveolater Dopo una serie numerosa di prove sperimentali di laboratorio eseguite negli anni '91-'92, alcuni i produttori aderenti al Consorzio hanno recentemente predisposto nuovi blocchi per muratura armata. Sono pertanto disponibili blocchi 30x25; 30x30; 30x45, tutti idonei per murature armate di spessore di cm 30. Questo spessore assicura un buon isolamento termico e un sensibile incremento strutturale rispetto al minimo consentito dal decreto in vigore (spessore minimo della muratura 24 cm). Questi blocchi Alveolater sono caratterizzati da fori sufficientemente grandi, a filo esterno, chiusi soltanto dalla cartella esterna di 10 mm e da uno o due fori per

19 l'alloggiamento dei pollici, in modo da consentire una presa agevole e ben bilanciata. Si può quindi eseguire una muratura normale in tutto il corso del muro. In corrispondenza degli angoli, degli incroci fra i muri, delle aperture di porte e finestre e dei rinforzi nelle pareti di lunghezza superiore a 5,0 m, le cartelle che delimitano i fori di grandi dimensioni a filo esterno del blocco vengono tolte con un semplice colpo di martellina, creando così, con l'accostamento di due blocchi, i vani necessari per l'alloggiamento dei ferri di armatura. In questo modo si evita la fornitura al cantiere di blocchi a facce piane, necessari per la costruzione del muro nelle zone non armate, e di blocchi per l'alloggiamento delle armature. I disegni dei blocchi Alveolater per muratura armata, tutti caratterizzati da numerose file di fori, lunghi e stretti, nel senso del flusso di calore, sono ottimizzati ai fini di un elevato isolamento termico. Blocchi Alveolater per muratura armata prodotti da alcuni associati al Consorzio Alveolater. Nella pagina precedente, il primo in alto a destra ha dimansioni di 30x25 cm, quello sotto è di 45x30 cm. Gli elementi di questa pagina sono di 30x30 cm (il blocco) e di 14,5x30 cm (il mezzo blocco coordinato). Con tutti si realizzano pareti di 30 cm di spessore, con quindi un sensibile incremento strutturale rispetto al valore minimo di 24 cm consentito dal decreto. Il disegno degli elementi, inoltre, caratterizzato da numerose file di fori lunghi e stretti nel senso del flusso termico, ottimizza le prestazioni termoisolanti dei blocchi e garantisce un elevato isolamento termico

20 Come dimensionare rapidamente gli "edifici semplici" Un modo rapido per progettare gli "edifici semplici" Stabilita l'altezza di interpiano del fabbricato, si determina lo spessore minimo consentito per le pareti. Se ad esempio l'interpiano è di 3,00 m, lo spessore minimo sarà di 24 cm (infatti il limite di snellezza h o /t = s =14 darebbe t = 300/14 = 21,4 cm, spessore non ammesso in zona sismica). Se si è in zone climatiche non particolarmente fredde, si potrà assumere lo spessore commerciale di 25 cm. E' consigliabile comunque fare riferimento allo spessore di 30 cm, almeno per le murature strutturali esterne. Fissati gli spessori, si definisce la superficie in pianta del fabbricato, ad esempio 22,00 x 10,00, avvicinandosi il più possibile alla misura modulare del blocco scelto. In questo caso il rapporto 10,15/22,00=0,46 è > 1/3, e quindi si può ricorrere al dimensionamento semplificato. Se si opera in zona S=9 e la palazzina è a tre piani, al primo piano si dovrà avere una quantità di muratura pari al 4,5% della superficie in pianta, nelle due direzioni, e quindi 10,05 m 2 sia in direzione x che in direzione y; mentre ai piani superiori sarà sufficiente il 3,5 % e cioè 7,8 m 2 in entrambe le direzioni. Se quindi la muratura ha uno spessore di 30 cm, occorreranno almeno: al primo piano 10,05/0,30 = 33,5 metri lineari di muratura in x e altrettanti in y; al secondo e terzo piano invece 7,8/0,30 = 26 m, sempre in entrambe le direzioni. A questo punto, giocando sulla partizione interna, sulla posizione e dimensione delle aperture (allineandole verticalmente per non perdere muratura utile) ed eventualmente trasformando in muratura portante divisori pensati inizialmente in elementi forati si avrà una progettazione molto vicina a quella definitiva. Affinata la progettazione, si passerà poi alla modulazione in funzione del blocco prescelto e quindi al posizionamento in pianta delle armature. Un esempio di dimensionamento semplificato Come si è visto in precedenza, è possibile ricorrere ad una verifica semplice (dimensionamento semplificato) se si rispettano le indicazioni previste dal decreto sia alla voce "Regole comuni" sia alla voce "Regole specifiche per la muratura armata"; nel caso una

21 o più regole specifiche non siano rispettate, è obbligatorio eseguire la verifica sismica estesa. Se il progetto è stato fatto secondo le indicazioni del paragrafo precedente, e supponendo di operare in zona S=9, si avrà già il rispetto di numerose regole progettuali. E' bene tuttavia ripercorrere passo per passo le richieste della norma, confermandone la rispondenza. Regole comuni Il progetto deve rispettare tutte le regole comuni e precisamente: - le strutture non sono spingenti; - i solai sono in grado di ripartire le azioni orizzontali fra i muri maestri - i cordoli, obbligatori, hanno altezza pari a quella del solaio (e quindi maggiore di cm 15) e sono armati con 4 ferri di diametro di mm 16 (> di 8 cm 2 ), con staffe φ 6/25"; - i travetti dei solai entrano nei cordoli per la metà della larghezza dei cordoli stessi, e quindi per più di 12 cm; - nelle pareti perimetrali, le aperture sono a distanza di più di 1 metro dallo spigolo (compreso lo spessore del muro ortogonale); - l'interrato è fatto con pareti in calcestruzzo di spessore pari allo spessore del muro in laterizio sovrastante. E' previsto l'impiego di blocchi artificiali semipieni con resistenza caratteristica minima a compressione di 10 N/mm 2 e di 1,5 N/mm 2 in direzione perpendicolare ai carichi verticali e nel piano della muratura, in opera con malta M2. Regole specifiche Si è fissato uno spessore della muratura di 30 cm, superiore al valore minimo di 24 cm; il limite di snellezza è rispettato (s = 300:30 = 10 < 14). Si è verificato inoltre che: - la pianta dell'edificio è compatta e simmetrica rispetto ai due assi ortogonali; - il rapporto fra il lato minore e il lato maggiore del fabbricato è 0,45 e quindi > 1/3; - la distribuzione delle aperture, in pianta e in alzato, è tale da garantire la simmetria strutturale; - i muri maestri si intersecano con i muri maestri trasversali al massimo ogni 5,18 m, e quindi ad una distanza inferiore ai 7 metri ammessi; - la distanza fra i solai e fra lo spiccato delle fondazioni e l'intradosso del primo solaio è di 3,00 metri e quindi non supera i 7 metri ammessi; - le fondazioni sono in calcestruzzo, con spessore pari alla muratura sovrastante (ma è anche possibile farle in muratura, con un aumento di spessore rispetto alle murature in elevazione di almeno 20 cm); le aperture di porte e finestre sono verticalmente allineate;

22 Analisi dei carichi Carichi Carichi Tot. U.m. permanenti accidentali Solaio di copertura 3,30 + 2,20 = 5,50 kn/m 2 Solaio piano tipo 4,50 + 2,50 = 7,00 kn/m 2 Solaio di sottotetto 3,50 + 2,00 = 5,50 kn/m 2 Scale 4,00 + 4,00 = 8,00 kn/m 2 Peso proprio della muratura intonacata 13,00 kn/m 2 Tramezzature 1,00 kn/m 2 Peso totale del solaio di copertura (compresi gli sbalzi e le pendenze) 2 x (23,00 x 6,00) x 5,5 = 1518,00 kn Peso del solaio di sottotetto (23,00 x 16,60) x 5,5 = 1468,00 kn Peso del piano tipo (22,00 x 10,15) x 7,0 x 3 = 4690,00 kn Peso della scala 2 x (2,50 x 1,20) x 8,00 x 2 = 96,00 kn Peso della muratura (vuoto per pieno) [(22,00 x 3) + (10,15 x 6)] x 0,3 x 9,90 x 13 = 4900,00 kn Peso delle tramezzature = 157,50 kn Peso totale edificio (parete in muratura, escluso interrato e fondazioni) 12830,00 kn Area totale della muratura, al netto delle aperture 27,15 m 2

23 l'altezza h tot fuori terra è di 9,90 m e l'altezza massima, comprensiva dell'interrato, è di 13,30 m e quindi rispetta i limiti sulle altezze. Si è già verificato, durante il progetto, che la percentuale di muratura, in entrambe le direzioni, è superiore alle percentuali indicate nelle tabelle. Calcolo di verifica Rimane da eseguire la sola verifica ai carichi verticali al piano più basso dell'edificio, prendendo in conto le porzioni di muratura che presentano continuità verticale per tutta l'altezza del fabbricato (se le aperture non fossero verticalmente allineate, la verifica andrebbe fatta ad ogni piano). Pertanto, eseguita l'analisi dei carichi, si ha σ = N/ (0,60 A) = x 100/ x 0,6= 7,90 kg/cm 2 (0,79 N/mm 2 ). La resistenza caratteristica fk per una muratura in blocchi con fbk = 100 kg/cm 2 è di 53 kg/cm 2 (vedi Tabella A D.M. 20/11/87); La tensione base ammissibile, con coefficiente di sicurezza 5, è 53/5 = 10,6 kg/cm 2 (1,06 N/mm 2 ). La prescrizione σ = N/ (0,60 A) < σ m risulta rispettata e i l fabbricato è verificato. La distribuzione delle armature deve poi essere fatta nel rispetto delle indicazioni specifiche viste ai paragrafi "Dove va posizionata l'armatura concentrata" e "Dove va posizionata l'armatura diffusa". Blocchi Alveolater impiegati Per il progetto illustrato nelle tavole delle pagine seguenti (relative alla pianta di un piano tipo: 1 e 2 fila), sono stati impiegati blocchi Alveolater di 30x30 cm e mezzi blocchi coordinati di 14,5x30 cm. Le loro caratteristiche di modularità e la facilità di ricavare il vano di alloggiamento delle armature, consentono di risolvere senza difficoltà tutti i particolari delle murature.

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA INTRODUZIONE Il recente D.M. 14.1.2008 (N.T.C.), ha confermato ed ulteriormente migliorato le regole di progettazione per costruire in muratura armata, introdotte a livello

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA PORTANTE 1 - ZONE NON SISMICHE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE

EDIFICI IN MURATURA PORTANTE 1 - ZONE NON SISMICHE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE EDIFICI IN MURATURA PORTANTE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE 1 - ZONE NON SISMICHE Riferimenti: D.M. LLPP 20.11.1987 Il calcolo strutturale degli edifici in muratura portante, secondo

Dettagli

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi Incontro di aggiornamento Edifici antisismici in calcestruzzo armato Aspetti strutturali e geotecnici secondo le NTC08 1 Esame visivo della struttura Orizzonte Hotel, Acireale 16-17 dicembre 2010 Aurelio

Dettagli

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M.

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. Il patrimonio storico in Italia è largamente costituito da fabbricati e monumenti in muratura. Le tipologie costruttive e i materiali utilizzati sono i più vari (pietrame

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

11. Criteri di analisi e di verifica

11. Criteri di analisi e di verifica 11. Criteri di analisi e di verifica Il progetto dell edificio esistente riflette naturalmente lo stato delle conoscenze al tempo della costruzione e può contenere difetti di impostazione e di realizzazione,

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI"DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERIDI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 13 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE

Dettagli

Fondazioni a platea e su cordolo

Fondazioni a platea e su cordolo Fondazioni a platea e su cordolo Fondazione a platea massiccia Una volta normalmente impiegata per svariate tipologie di edifici, oggi la fondazione a platea massiccia viene quasi esclusivamente adottata

Dettagli

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco L evento sismico che ha colpito la città de L Aquila ha messo in evidenza le debolezze dei diversi sistemi costruttivi, soprattutto

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI" DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERI DI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 8 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI PREVISTI IN FASE

Dettagli

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 2/6 INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 5 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI TRAVE... 9 6 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI

Dettagli

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI IL PROBLEMA DELLO SFONDELLAMENTO DEI SOLAI Con il termine sfondellame nto dei solai si indica la rottura e il distacco delle cartelle d intradosso delle pignatte (chiamate fondelle)

Dettagli

BASATI SULLA GERARCHIA DELLE RESISTENZE. Footer Text

BASATI SULLA GERARCHIA DELLE RESISTENZE. Footer Text ARGOMENTI: MATERIALI E PRODOTTI DA COSTRUZIONE TIPOLOGIE STRUTTURALI E DETTAGLI COSTRUTTIVI AZIONI SULLE COSTRUZIONI RISPOSTA SISMICA E CRITERI DI PROGETTAZIONE BASATI SULLA GERARCHIA DELLE RESISTENZE

Dettagli

Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE

Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE RELAZIONE DI CALCOLO OPERE IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO NORMALE, IN MURATURA PORTANTE ED IN FERRO (ai sensi dell'art. 4 della

Dettagli

Realizzazione di un edificio unifamiliare in muratura armata POROTON

Realizzazione di un edificio unifamiliare in muratura armata POROTON Consorzio POROTON Italia Via Gobetti 9-37138 VERONA Tel 045.572697 Fax 045.572430 www.poroton.it - info@poroton.it News - Realizzazioni 15 giugno 2004 Realizzazione di un edificio unifamiliare in muratura

Dettagli

Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol

Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol Gianfranco Righetti ASSOUNISOL, VERONA 1 - unisol : caratteristiche e prestazioni 1.1 - Caratteristiche generali Il solaio unisol è formato

Dettagli

Esempi Relazione di Calcolo

Esempi Relazione di Calcolo Esempi Relazione di Calcolo Introduzione Introduzione L ergonomia e la facilità di utilizzo di 3Muri permettono un agevole input e grande facilità di interpretazione dei risultati. La relazione di calcolo

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture Impostazione della carpenteria Impostazione della carpenteria Definizione dell orditura dei solai e della posizione di travi e pilastri ( La struttura deve essere in grado

Dettagli

SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE

SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE rev. 02 del 08/11 1. INTRODUZIONE In questo documento vengono illustrati gli elementi principali che compongono il sistema costruttivo Emmedue. Rev. 02 del 08/11

Dettagli

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO PREMESSA DELLO STUDIO ESEGUITO L edificio oggetto d intervento (fig.1) è situato nel Comune di Vittoria in Provincia di Ragusa. Si tratta di un edificio esistente con struttura portante mista, telai in

Dettagli

SISTEMA BIOCLIMA SISMICO CON MURATURA ARMATA

SISTEMA BIOCLIMA SISMICO CON MURATURA ARMATA SISTEMA BIOCLIMA SISMICO CON MURATURA ARMATA Essenzialmente, l armatura offre un incremento di resistenza a trazione e a taglio nonchè, ovviamente, a flessione mentre i blocchi e la malta assorbono prevalentemente

Dettagli

Regione Campania - Genio Civile

Regione Campania - Genio Civile Regione Campania - Genio Civile Controllo di progetti relativi ad edifici in muratura Le tipologie strutturali degli edifici in muratura esistenti e la loro vulnerabiltà sismica B. Calderoni - D.A.P.S.

Dettagli

Ordinanza 3274. Progettazione di edifici in zona sismica CONSOLIDAMENTO. Ing. Marco Cauda marco.cauda@niphe.com

Ordinanza 3274. Progettazione di edifici in zona sismica CONSOLIDAMENTO. Ing. Marco Cauda marco.cauda@niphe.com Ordinanza 3274 Progettazione di edifici in zona sismica CONSOLIDAMENTO Ing. Marco Cauda marco.cauda@niphe.com Consolidamento Il consolidamento di strutture esistenti coinvolge problemi interdisciplinari:

Dettagli

COMUNE DI: SCAFA RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI: SCAFA RELAZIONE TECNICA COMUNE DI: SCAFA PROVINCIA DI: PESCARA OGGETTO: Piano Scuole Abruzzo il Futuro in Sicurezza edificio scolastico c.so I Maggio Scuola Elementare. Intervento indicato al n.132 dell allegato al D.C.D. n.

Dettagli

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it Università degli Studi di Cassino Progettazione Sostenibile bl di Strutture tt Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Dettagli

Generalità sui provvedimenti tecnici

Generalità sui provvedimenti tecnici 14 Problemi Strutturali dei Monumenti e dell Edilizia Storica Immagini lezioni 2012 Generalità sui provvedimenti tecnici fuori piano arch. Mariateresa Guadagnuolo 1 Sintesi schematica di dissesti da sisma

Dettagli

Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio

Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio 1 Cenni introduttivi ed Analisi dei carichi.... 2 1.1 Descrizione Tipologica...2 1.2 Schematizzazione strutturale...4 1.3 Analisi

Dettagli

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI Le lastre Ytong, sono elementi armati autoportanti che permettono di realizzare solai e tetti di edifici residenziali, con una velocità di posa insuperabile rispetto

Dettagli

Via Gobetti, 9-37138 VERONA - Telefono 045.572697 - Fax 045.572430 - www.poroton.it - info@poroton.it Sistemi costruttivi POROTON : la muratura in mattoni L'assidua evoluzione dei mattoni POROTON ha condotto

Dettagli

1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO...

1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO... SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO... 3 5 I CRITERI DEL PROGETTO STRUTTURALE... 4 6 LE FASI REALIZZATIVE...

Dettagli

PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON

PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON La muratura armata rappresenta un sistema costruttivo relativamente nuovo ed ancora non molto conosciuto e le richieste di chiarimenti sulle modalità di

Dettagli

Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2

Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2 Indice Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2 A1.1 Relazione generale illustrativa dell opera... 2 A1.2 Normativa di riferimento... 3 A1.3 Descrizione del modello strutturale... 4 A1.4 Valutazione

Dettagli

MODELLAZIONE DI UN EDIFICIO IN MURATURA CON IL PROGRAMMA DI CALCOLO 3MURI

MODELLAZIONE DI UN EDIFICIO IN MURATURA CON IL PROGRAMMA DI CALCOLO 3MURI MODELLAZIONE DI UN EDIFICIO IN MURATURA CON IL PROGRAMMA DI CALCOLO 3MURI 1) CREARE UN FILE.DXF IN AUTOCAD NEL QUALE VENGONO RIPORTATE LE PIANTE DEI VARI PIANI DELL EDIFICIO DA ANALIZZARE. RISULTA CONVENIENTE

Dettagli

Inserimento di un nuovo solaio

Inserimento di un nuovo solaio Inserimento di un nuovo solaio DIRETTIVE TECNICHE Regioni Basilicata, Calabria e Campania, sisma del 9/9/1998 [ ] Cordoli in c.a.: verificare preliminarmente la fattibilità e l'efficienza di interventi

Dettagli

DATI, VERIFICHE ED ACCERTAMENTI NECESSARI PER LA REDAZIONE DEL CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA/SISMICA Edifici in cemento armato

DATI, VERIFICHE ED ACCERTAMENTI NECESSARI PER LA REDAZIONE DEL CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA/SISMICA Edifici in cemento armato DATI, VERIFICHE ED ACCERTAMENTI NECESSARI PER LA REDAZIONE DEL CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA/SISMICA Edifici in cemento armato Sezione n 1- Informazioni amministrative: In tale sezione devono essere

Dettagli

STRUTTURE DI ELEVAZIONE e SOLAI

STRUTTURE DI ELEVAZIONE e SOLAI STRUTTURE DI ELEVAZIONE e SOLAI DESCRIZIONE Il sistema costruttivo degli edifici che si articolano su due piani si basa generalmente su uno schema di tipo ricorrente: - il piano seminterrato o piano terra,

Dettagli

I.I.S. Morea Vivarelli --- Fabriano. Disciplina: SCIENZE TECNOLOGIE APPLICATE

I.I.S. Morea Vivarelli --- Fabriano. Disciplina: SCIENZE TECNOLOGIE APPLICATE I.I.S. Morea Vivarelli --- Fabriano Disciplina: SCIENZE TECNOLOGIE APPLICATE Classe 2^ C.A.T. Modulo N. 2 _ ORGANISMO EDILIZIO E SUOI ELEMENTI E RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Questionario N. 3a Fondazioni Muratura

Dettagli

DISEGNO dell ARCHITETTURA II

DISEGNO dell ARCHITETTURA II 1 DISEGNO dell ARCHITETTURA II Il disegno delle strutture portanti. Le diapositive costituiscono unicamente una base per lo sviluppo della lezione e, come tali, non sostituiscono in alcun modo i testi

Dettagli

3.5.20 Strutture orizzontali

3.5.20 Strutture orizzontali 3.5.20 Strutture orizzontali Le strutture orizzontali, destinate alla divisione dei piani possono essere piane o ad arco: costituite cioè da solai o da volte. Fra tutte le strutture esse sono le più delicate

Dettagli

4 Azioni sulle costruzioni

4 Azioni sulle costruzioni 4 Azioni sulle costruzioni Classificazione delle azioni 1/2 Si definisce azione ogni causa o insieme di cause capace di indurre stati limite in una struttura. Si definisce sollecitazione ogni effetto interno

Dettagli

Relazione ed elaborati di progetto per il solaio

Relazione ed elaborati di progetto per il solaio LABORATORIO DI COSTRUZIONE DELL ARCHITETTURA 2A prof. Renato Giannini Relazione ed elaborati di progetto per il solaio (arch. Lorena Sguerri) Relazione di calcolo Predimensionamento e analisi dei carichi

Dettagli

RISCHIO DI FESSURAZIONI E ROTTURE NEI SOLAI IN LATERO-CEMENTO

RISCHIO DI FESSURAZIONI E ROTTURE NEI SOLAI IN LATERO-CEMENTO Pagina 1 di 5 Vincenzo Bacco RISCHIO DI FESSURAZIONI E ROTTURE NEI SOLAI IN LATERO-CEMENTO Fin dal suo apparire nella tecnologia costruttiva dei solai misti, il componente in laterizio, inteso come blocco

Dettagli

INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO

INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO SPECIALISTICA OPERE INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE

Dettagli

Analisi dei carichi NNT 2008

Analisi dei carichi NNT 2008 Analisi dei carichi NNT 2008 2/25 Caso di studio Il caso di studio è rappresentato da un edificio di 2 piani, con altezza di interpiano pari a 3m, destinato a civile abitazione. 4.6m 5.2m 5.4m 1.5m 5.0m

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DI EDIFICI IN

LA PROGETTAZIONE DI EDIFICI IN LA PROGETTAZIONE DI EDIFICI IN MURATURA PORTANTE ORDINARIA E ARMATA SECONDO LE NTC 2008 Come progettare edifici prestazionali in laterizio Modena - 15 Febbraio 2013 Sommario Brevi cenni sull evoluzione

Dettagli

Analisi sismica di edifici in muratura e misti

Analisi sismica di edifici in muratura e misti Analisi sismica di edifici in muratura e misti Parte 3 1 1. Verifiche meccanismi locali 2. Interventi locali (cerchiature, catene, rinforzo solai) 3. Collegamento 3Muri Axis VM per calcolo fondazioni ed

Dettagli

Rinforzo e messa in sicurezza di strutture in muratura mediante materiali compositi.

Rinforzo e messa in sicurezza di strutture in muratura mediante materiali compositi. I materiali compositi nella riqualificazione strutturale ed antisismica. Normative, criteri di calcolo, verifiche strutturali, tecnologie ed interventi. Mantova, 4 Ottobre 2012 Rinforzo e messa in sicurezza

Dettagli

Isolamento acustico di pareti in laterizio: verifica delle prestazioni in opera

Isolamento acustico di pareti in laterizio: verifica delle prestazioni in opera Cis Edil s.r.l. Via C. Iotti, 92 42045 LUZZARA - REGGIO EMILIA Tel 0522.976128 - Fax 0522.977919 www.cisedil.it - info@cisedil.it Isolamento acustico di pareti in laterizio: verifica delle prestazioni

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PREMESSA Nell ambito dell incarico ricevuto dall Amministrazione Comunale con Determinazione del Responsabile n.976 del 23/08/2005, è stato redatto il progetto esecutivo

Dettagli

versus strutture intelaiate in c.a.

versus strutture intelaiate in c.a. Costruire oggi: muratura portante versus strutture intelaiate in c.a. DI M. Boscolo Bielo Godega di S. Urbano (TV) L analisi dei costi per la realizzazione di un edificio per il terziario a Godega di S.

Dettagli

IO NON TREMO la prevenzione del rischio sismico Efficienza energetica e conservazione della muratura antisismica Fano 13 28 aprile 2013

IO NON TREMO la prevenzione del rischio sismico Efficienza energetica e conservazione della muratura antisismica Fano 13 28 aprile 2013 IO NON TREMO la prevenzione del rischio sismico Efficienza energetica e conservazione della muratura antisismica Fano 13 28 aprile 2013 IL CONSOLIDAMENTO DI MURATURE STORICHE ovvero: valutazione e caratteristiche

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

GIOVANNI MOCHI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA GIORGIA PREDANI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA

GIOVANNI MOCHI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA GIORGIA PREDANI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA In collaborazione con: COMUNE DI BOLOGNA GIOVANNI MOCHI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA GIORGIA PREDANI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA IL TOTAL LOOK DEGLI EDIFICI Bologna 15 aprile 2015 In partnership con: PRESUPPOSTI

Dettagli

EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi

EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO E LEGNO Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO Sbalzi PONTI under construction Sbalzi

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa cui viene fatto riferimento nelle fasi di calcolo e progettazione è la seguente:

NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa cui viene fatto riferimento nelle fasi di calcolo e progettazione è la seguente: Sono illustrati con la presente i risultati dei calcoli che riguardano il progetto della scala in c.a da realizzarsi nel rifugio Cima Bossola in località Marciana NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa

Dettagli

Comune di Monte Santa Maria Tiberina

Comune di Monte Santa Maria Tiberina Studio Tecnico Amantini Ing. Matteo ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- COMUNE di MONTE SANTA MARIA TIBERINA

Dettagli

COMUNE DI CHIOGGIA. AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n.

COMUNE DI CHIOGGIA. AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n. COMUNE DI CHIOGGIA AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n.300 OSSARI PROGETTO ESECUTIVO PIANO DI MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE (ELABORATO

Dettagli

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI]

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] 2014 PROGETTARE BIOEDILE Giovanni Tona [LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] Analisi delle cause delle più frequenti lesioni presenti negli edifici con struttura in cemento armato, e metodi di

Dettagli

www.tecnaria.com RINFORZO DEI SOLAI IN LEGNO Sistema di calcolo aggiornato NTC2008 Connettori a piolo e ramponi

www.tecnaria.com RINFORZO DEI SOLAI IN LEGNO Sistema di calcolo aggiornato NTC2008 Connettori a piolo e ramponi www.tecnaria.com RINFORZO DEI SOLAI IN LEGNO Sistema di calcolo aggiornato NTC200 Connettori a piolo e ramponi TECNARIA SISTEMI MODERNI DI RINFORZO LA SOLUZIONE DI UN PROBLEMA x I vecchi solai in legno

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PREMESSA Lo scrivente Ufficio Lavori Pubblici è stato incaricato dall Amministrazione Comunale della progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva dei lavori di ristrutturazione

Dettagli

DIVISIONE: [ ] MILANO [ ] LA PREVIDENTE [ ] NUOVA MAA [ ] ITALIA AGENZIA DI:

DIVISIONE: [ ] MILANO [ ] LA PREVIDENTE [ ] NUOVA MAA [ ] ITALIA AGENZIA DI: GENNAIO2013 DIVISIONE: [ ] MILANO [ ] LA PREVIDENTE [ ] NUOVA MAA [ ] ITALIA AGENZIA DI: COD. Il presente questionario deve essere compilato in tutte le sue parti. La Società s'impegna a fare uso riservato

Dettagli

CALCOLI ESECUTIVI DELLE STRUTTURE

CALCOLI ESECUTIVI DELLE STRUTTURE OGGETTO LOCALITA' OPERE DI BONIFICA COPERTURA IN CEMENTO AMIANTO CAPANNONE AUTORIMESSA E OFFICINA Località "Palombare", Via Del Commercio 27 Ancona PROGETTISTA Dott. Ing. LUCA MOSCA ELABORATO PROGETTO

Dettagli

SETTI O PARETI IN C.A.

SETTI O PARETI IN C.A. SETTI O PARETI IN C.A. Parete Pareti accoppiate SETTI O PARETI IN C.A. Na 20% Fh i i h i Na/M tot >=0.2 SETTI O PARETI IN C.A. IL FATTORE DI STRUTTURA VERIFICHE SETTI O PARETI IN C.A. SOLLECITAZIONI -FLESSIONE

Dettagli

GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto.

GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto. GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto. Il progetto prevede: la realizzazione di un nuovo intervento strutturale:

Dettagli

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail:

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail: RELAZIONE TECNICO SPECIALISTICA DELL EDIFICIO MUNICIPALE DI AZZANO SANPAOLO BG- Curno, Novembre 2013 Tecnico incaricato Dott. Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI Descrizione dello stato di fatto II fabbricato

Dettagli

EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA parte 5

EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA parte 5 CORSO DI AGGIORNAMENTO SULLA NORMATIVA SISMICA DI CUI ALL ORDINANZA 3274 DEL 20 03 2003 EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA parte 5 1 Interventi di riabilitazione di edifici esistenti in muratura in zona sismica.

Dettagli

8 COSTRUZIONI ESISTENTI

8 COSTRUZIONI ESISTENTI 8 COSTRUZIONI ESISTENTI 8.1 OGGETTO Il presente capitolo definisce i criteri generali per la valutazione della sicurezza e per la progettazione, l esecuzione ed il collaudo degli interventi sulle costruzioni

Dettagli

11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5

11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5 11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5 La prima fase dell indagine è stata rivolta allo studio delle tipologie edilizie in

Dettagli

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi ANDILWall è un programma di calcolo per la progettazione e verifica sismica

Dettagli

Normativa - Circolare 4/1/1989, n. 30787

Normativa - Circolare 4/1/1989, n. 30787 MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI Circolare 4 Gennaio 1989, n. 30787 «Istruzioni in merito alle norme tecniche per la progettazione, esecuzione e collaudo degli edifici in muratura e per il loro consolidamento»

Dettagli

VALUTAZIONE DI SICUREZZA DELLO STATO DI FATTO

VALUTAZIONE DI SICUREZZA DELLO STATO DI FATTO Dott. Ing. Giacomo Giambrone VALUTAZIONE DI SICUREZZA DELLO STATO DI FATTO Inquadramento dell immobile La scuola elementare Comunale G. D Annunzio è ubicata nel Comune di Traversetolo (F. 24, mapp. 213,51,262)

Dettagli

da oltre 40 anni costruendo successi

da oltre 40 anni costruendo successi da oltre 40 anni costruendo successi Estratto dal Catalogo Generale 2010 Lecablocco Bioclima Zero, una famiglia completa Lecablocco Bioclima Zero è la famiglia di blocchi multistrato in argilla espansa

Dettagli

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE...

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... INDICE GENERALE PREMESSA... 1 OGGETTO... 2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI... 2.2 STATI LIMITE... 2.2.1 Stati Limite Ultimi (SLU)... 2.2.2 Stati Limite di Esercizio (SLE)...

Dettagli

www.ferracingroup.it Toti

www.ferracingroup.it Toti www.ferracingroup.it Toti Toti TOTI è un cassero a perdere in polipropilene riciclato utilizzato come elemento modulare per la realizzazione di platee di fondazione e solai mono/bidirezionali in calcestruzzo

Dettagli

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma 1 Contenuti Metodologia di progettazione Valutazione della resistenza attuale (Capacità)

Dettagli

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Gli interventi sulle strutture ad arco o a volta possono essere realizzati

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno-

CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno- CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno- CONSOLIDAMENTO DEL LEGNO BIODEGRADATO Prima che il legno affetto da degrado

Dettagli

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc 10.10.8 Esempi di progetti e verifiche di generiche sezioni inflesse o presso-tensoinflesse in conglomerato armato (rettangolari piene, circolari piene e circolari cave) Si riportano, di seguito, alcuni

Dettagli

dott. LUIGI A. CANALE I N G E G N E R E Schio (Vi) - via Veneto n. 2/c tel. 0445.500.148 fax 0445.577.628 canale@ordine.ingegneri.vi.

dott. LUIGI A. CANALE I N G E G N E R E Schio (Vi) - via Veneto n. 2/c tel. 0445.500.148 fax 0445.577.628 canale@ordine.ingegneri.vi. dott. LUIGI A. CANALE I N G E G N E R E Schio (Vi) - via Veneto n. 2/c tel. 0445.500.148 fax 0445.577.628 canale@ordine.ingegneri.vi.it Comune di xxx Provincia di xxx C O L L A U D O S T A T I C O SCUOLA

Dettagli

MANUALE D USO E MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE

MANUALE D USO E MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE MANUALE D USO E MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE Cap. 10.1 del D.M. 14 gennaio 2008 e cap. C10.1 par. 4.1 della Circ. n. 617/2009 1. PIANO DI MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE PREMESSA Ai sensi del C10.1 punto

Dettagli

1.800x0,01x(0,33+0,16)= - Sovraccarico accidentale di 400 kg/mq 400x0,33 132,00 kg/m

1.800x0,01x(0,33+0,16)= - Sovraccarico accidentale di 400 kg/mq 400x0,33 132,00 kg/m Premessa La scala si sviluppa in una gabbia, di forma rettangolare, formata da quattro pilastri posti agli spigoli e travi lungo i quattro lati. Viene realizzata secondo la tipologia di trave a ginocchio

Dettagli

COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona

COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona V SETTORE LAVORI PUBBLICI e MANUTENZIONE Progetto per l adeguamento strutturale e la messa a norma del nido di infanzia il colibri Calcoli esecutivi LEGNO -

Dettagli

Particolarità di esecuzione valide per tutti i solai

Particolarità di esecuzione valide per tutti i solai Particolarità di esecuzione valide per tutti i solai 1. - Premessa In genere nei solai la zona in prossimità degli appoggi risulta particolarmente critica in quanto le sollecitazioni in gioco sono molto

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Architettura, Costruzioni e Strutture IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA Ing. Elena Seri IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA

Dettagli

Strutture murarie. Lezione 2 L02

Strutture murarie. Lezione 2 L02 Strutture murarie Lezione 2 1 Cenni preliminari Nel passato veniva usata praticamente sempre la cosiddetta muratura continua. Dai tempi dei Romani, ad anche prima, si è sempre utilizzata, quindi è stata

Dettagli

ANALISI DI UNA STRUTTURA IN MURATURA ESISTENTE

ANALISI DI UNA STRUTTURA IN MURATURA ESISTENTE ANALISI DI UNA STRUTTURA IN MURATURA ESISTENTE si esamina una struttura esistente, individuando carenze sugli spessori della muratura con snellezza e pressoflessione trasversale (statica e sismica) non

Dettagli

SOLAI SOLAI RIFERIMENTO NORMATIVA D.M. 14.02.1992 CAPITOLO 7 Art.7.0 CLASSIFICAZIONE SOLAI PIENI IN C.A. o C.A.P. PER QUESTO TIPO DI STRUTTURE VALGONO TOTALMENTE LE INDICAZIONI STRUTTURALI E DI CALCOLO

Dettagli

Lezione. Tecnica delle Costruzioni

Lezione. Tecnica delle Costruzioni Lezione Tecnica delle Costruzioni 1 Azioni sulle costruzioni Classificazione Un modello completo di una azione descrive diverse proprietà di una azione: intensità posizione direzione durata interazione

Dettagli

FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI

FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI 1.0 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DEI PALI Il dimensionamento dei pali viene eseguito tenendo conto dei criteri appresso riportati. a) Inizialmente vengono determinati i carichi

Dettagli

29/10/2013. FUNZIONE degli IMPALCATI ORIZZONTALI (travi e solai):

29/10/2013. FUNZIONE degli IMPALCATI ORIZZONTALI (travi e solai): FUNZIONE degli IMPALCATI ORIZZONTALI (travi e solai): 1) riportare i carichi verticali agenti ai piani agli elementi strutturali verticali che a loro volta li trasmettono alle fondazioni; 2) garantire

Dettagli

Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori

Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori Introduzione Il progetto del tratto autostradale in esame prevede interventi relativi alle seguenti opere strutturali maggiori. Raddoppio

Dettagli

EX CONVENTO DI SAN BERNARDINO

EX CONVENTO DI SAN BERNARDINO EX CONVENTO DI SAN BERNARDINO Restauro edifici danneggiati dal sisma del 20 e 29 maggio 2012 Relatore : Ing. Andrea Scarpa Vicenza 25 Ottobre 2013 Progettista architettonico Malte e intonaci in cocciopesto

Dettagli

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio prof. Renato Giannini LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio (arch. Lorena Sguerri) PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO Norme per il predimensionamento

Dettagli

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l..

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l.. SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO ART S.r.l.. 1 Generalità... 1 2 Carichi massimi sui pali... 3 2.1 Pile... 3 2.2 Spalle...

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Università degli Studi di Firenze

Università degli Studi di Firenze Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pistoia ortolani@dicea.unifi.it PISTOIA 28/09/2012 ASPETTI GENERALI Malta: acqua

Dettagli

MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE

MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE Al termine della fase di classificazione (o suddivisione in capitoli), è possibile redigere l elenco delle voci (o articoli) che rappresentano la lavorazione da

Dettagli

La normativa italiana sulle murature

La normativa italiana sulle murature La normativa italiana sulle murature Andrea Ing. Nobili 1 Agosto 2007 1 Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Civile, Università di Modena e Reggio Emilia, via vignolese 905, 41100 Modena, tel. +39 059

Dettagli