CERTIFICAZIONE UNICA CU 2015

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CERTIFICAZIONE UNICA CU 2015"

Transcript

1 CERTIFICAZIONE UNICA CU 2015 Da quest anno, vi sono due importanti innovazioni in merito alle certificazioni che i sostituti d imposta devono rilasciare ai percipienti, per attestare i redditi loro corrisposti e le relative ritenute subite. Infatti, a partire dal 2015 (per i redditi erogati nel 2014): è previsto un modello di certificazione unico: i sostituti d imposta debbono utilizzare un solo modello per attestare sia i redditi di lavoro dipendente e assimilati (che fino al 2014 erano riportati nel CUD), sia altri redditi, quali ad esempio quelli di lavoro autonomo e "redditi diversi" (che fino ad oggi erano certificati in forma libera). Con Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate prot del 15/01/2015 è stata approvata la Certificazione Unica CU 2015, unitamente alle istruzioni di compilazione, per attestare i redditi corrisposti nel 2014; è prevista la trasmissione telematica all Agenzia delle Entrate delle certificazioni uniche, redatte sul modello sopra citato: i sostituti d imposta devono inviare, esclusivamente in via telematica, all Agenzia delle Entrate tali certificazioni, entro il 7 marzo dell anno successivo a quello in cui sono state corrisposti redditi, come disposto dal nuovo comma 6-quinquies dell art. 4 del D.P.R. n. 322/1998, introdotto dall art. 2 del D.Lgs. 21/11/2014, n. 175 (Decreto Semplificazioni fiscali ). MODALITÀ E TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLA CERTIFICAZIONE UNICA CU 2015 Dunque, a norma di legge, le certificazioni uniche devono essere presentate all Agenzia delle Entrate esclusivamente per via telematica, direttamente o tramite un intermediario abilitato. Dal ieri è disponibile sul sito dell Agenzia delle Entrate il software da utilizzare per compilare e inviare le certificazioni uniche CU Come sopra detto, il termine per la trasmissione delle certificazione uniche è stabilito nel 7 marzo di ciascun anno con riferimento ai dati relativi all anno precedente e, conseguentemente, con riguardo ai redditi corrisposti nell anno 2014, il termine è il 9 marzo 2015 (poiché il 7 marzo 2015 cade di sabato). Come stabilito dall art. 2 del D.Lgs. 175/2014 e dal Provv. 2015/4790, nei casi di errata trasmissione delle certificazioni, la nuova sanzione prevista specificamente dal predetto art. 2 (pari a 100 euro per ogni certificazione omessa, tardiva o inesatta, come di seguito illustrato) non si applica, se la sostituzione o l annullamento della certificazione è effettuato entro i cinque giorni successivi alla predetta scadenza del 7 marzo.

2 Riepilogo di obblighi e termini dei sostituti d imposta Pertanto, alla luce delle citate novità, gli obblighi che i sostituti d imposta sono tenuti ad assolvere nel 2015 con riguardo alle certificazioni uniche (attestanti i redditi erogati nel 2014), sono i seguenti: consegna delle certificazioni uniche ai percipienti, in duplice copia, entro il 2 marzo 2015 (poiché il 28 febbraio 2015 cade di sabato), a norma dell immutato co. 6-quater, art. 4, D.P.R. n. 322/1998; trasmissione telematica delle certificazioni uniche all Agenzia delle Entrate, entro il 9 marzo 2015 (poiché il 7 marzo 2015 cade di sabato), a norma del nuovo co. 6- quinquies, art. 4, D.P.R. n. 322/1998; presentazione in via telematica all Agenzia del modello 770/2015 semplificato, entro il 31 luglio 2015, per dichiarare gli stessi dati contenuti nelle certificazioni. Si tratta di un evidente cambiamento rispetto al passato: infatti, se in precedenza l unico termine esistente in materia, rappresentato dal 28 febbraio per la consegna della certificazione al sostituito, non sempre veniva rispettato per motivi essenzialmente organizzativi, da quest anno, al suddetto termine si è aggiunta la scadenza del 7 marzo, la quale è invece perentoria, dato che la sua inosservanza può comportare sanzioni gravose in capo al sostituto d imposta. REGOLE GENERALI DELLA CERTIFICAZIONE UNICA CU 2015 Nelle istruzioni alla nuova Certificazione Unica CU 2015 vengono specificate le regole generali a cui i sostituti d imposta devono attenersi per la compilazione del nuovo modello: le certificazioni uniche vanno inviate all Amministrazione Finanziaria anche se attestano tipologie reddituali per le quali non è prevista la predisposizione della nuova dichiarazione precompilata (modello 730), introdotta dall art. 1 del D.Lgs. 175/2014, ossia anche per comunicare i redditi di lavoro autonomo, le provvigioni, ed i redditi diversi; è data facoltà al sostituto di inviare la parte del modello di Certificazione Unica relativa al lavoro dipendente ed assimilato, separatamente dalla parte dello stesso relativa a lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi. In tal modo viene lasciata distinta autonomia organizzativa agli operatori dedicati al settore previdenziale rispetto a quelli del settore fiscale, potendo inviare i primi la sezione afferente ai redditi da lavoro dipendente ed assimilati, ed i secondi la sezione afferente ai redditi di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi. SOGGETTI OBBLIGATI ALL INVIO Per principi di base, sono tenuti all invio del flusso telematico coloro che:

3 nel 2014 hanno corrisposto somme o valori soggetti a ritenuta alla fonte, ai sensi degli artt. 23, 24, 25, 25-bis, 25-ter, 29 del D.P.R. n. 600 del 1973, e art. 33, comma 4, del D.P.R. n. 42 del Occorre tuttavia considerare che, a dispetto del tenore letterale delle Istruzioni, esistono eccezioni al suddetto principio di base: - infatti, sono da comunicare con la certificazione unica anche le somme corrisposte a titolo di compenso per lavoro autonomo, o di provvigione, ai soggetti non residenti, e non assoggettate a ritenuta in virtù dell applicazione del regime delle convenzioni internazionali per evitare le doppie imposizioni; - inoltre, sono da indicare anche i compensi erogati ai lavoratori autonomi che hanno optato per i regimi agevolati delle nuove iniziative produttive (art. 13, L. 388/2000) e dei minimi (art. 27, L. 98/2011), ancorché non assoggettati a ritenuta. Peraltro, dalla disamina dei principi generali, nonché delle singole fattispecie illustrate nelle Istruzioni, sembra che l indicazione inerente all obbligo di indicare esclusivamente le somme assoggettate a ritenuta alla fonte (a titolo d acconto o d imposta) si riferisca al solo reddito principale, giacché, qualora venga corrisposto un reddito soggetto a ritenuta (ad es. per compensi da libera professione), diviene obbligatorio anche segnalare le somme strettamente collegate al predetto reddito principale, sebbene non assoggettate a ritenuta in quanto non costituenti reddito imponibile per i percipienti (come le spese anticipate dai professionisti in nome e per conto dei committenti). Analogamente, in presenza di una tipologia di reddito per sua natura assoggettata a ritenuta alla fonte, occorre distintamente indicare nel modello CU sia la quota-parte delle somme assoggettata a ritenuta, in quanto costituente reddito imponibile per il percettore (ad es., la quota delle provvigioni corrisposte ad un agente di commercio soggetta a ritenuta, pari al 50% o al 20%), sia la quota-parte delle somme non assoggettata a ritenuta, in quanto non costituente reddito imponibile per il percettore (ad es., la quota delle provvigioni corrisposte ad un agente di commercio soggetta a ritenuta, pari al 50% o all 80%). nel 2014 hanno corrisposto contributi previdenziali e assistenziali dovuti all INPS e all INPS Gestione Dipendenti Pubblici e/o premi assicurativi dovuti all INAIL. Inoltre, la certificazione unica va anche utilizzata per attestare: l ammontare dei redditi che non hanno concorso alla formazione del reddito imponibile ai fini fiscali e contributivi. Rientrano indubbiamente in questa categoria le tipologie di somme sopra menzionate, non assoggettate a ritenuta, in quanto non costituenti reddito imponibile per il percettore. CONTENUTO DELLA CERTIFICAZIONE UNICA CU 2015

4 Il nuovo modello CU è composto: dal Frontespizio, nel quale vengono riportate le informazioni relative al tipo di comunicazione, ai dati del sostituto, ai dati relativi al rappresentante firmatario della comunicazione, alla firma della comunicazione e all impegno alla presentazione telematica; dal Quadro CT, nel quale viene riportato l indirizzo telematico dove il sostituto può ricevere in via telematica i dati contenuti nei modelli resi disponibili dall Agenzia delle Entrate, dalla Certificazione unica 2015, che rappresenta l essenza del nuovo modello, e che contiene una prima parte dedicata ai dati anagrafici del sostituto d imposta e del percettore delle somme, ed una seconda parte che accoglie i dati fiscali e previdenziali relativi ai singoli percipienti: quest ultima è suddivisa in due sezioni, differenziate in funzione delle tipologie reddituali corrisposte: una è relativa ai redditi da lavoro dipendente, equiparati ed assimilati, mentre l altra è relativa ai redditi di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi, come di seguito illustrato.

5 FRONTESPIZIO Se il sostituto d imposta intende, prima della scadenza del termine di presentazione, annullare una certificazione già presentata, deve compilare una nuova certificazione, compilando la parte relativa ai dati anagrafici del contribuente, barrando la casella Annullamento Se il sostituto d imposta intende, prima della scadenza del termine di presentazione sostituire una certificazione già presentata, deve compilare una nuova certificazione comprensiva delle modifiche, barrando la casella Sostituzione Inserire i numeri delle certificazioni che vengono inviate

6 QUADRO CT

7 CERTIFICAZIONE UNICA 2015: DATI ANAGRAFICI DEL SOSTITUTO D IMPOSTA E DEL PERCETTORE DELLE SOMME

8 CERTIFICAZIONE UNICA 2015: SEZIONE CERTIFICAZIONE LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE La prima sezione, denominata Certificazione lavoro dipendente, assimilati ed assistenza fiscale, va utilizzata per attestare: l ammontare complessivo dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati, di cui agli articoli 49 e 50 del TUIR, corrisposti nell anno 2014 ed assoggettati a tassazione ordinaria (ritenuta a titolo d acconto), tassazione separata, a ritenuta a titolo d imposta e ad imposta sostitutiva. I redditi da dichiarare nella presente sezione sono ad esempio: stipendi, mensilità aggiuntive, indennità di trasferta, indennità e compensi corrisposti da terzi, borse di studio, compensi derivanti da rapporti di collaborazione coordinata e continuativa anche se svolti occasionalmente o con le modalità del progetto, trattamenti periodici corrisposti dai fondi pensione complementare. Per il commento a detta sezione, si rimanda ad una circolare dell area Lavoro di Unicaf, di prossima emanazione. CERTIFICAZIONE UNICA 2015: SEZIONE CERTIFICAZIONE LAVORO AUTONOMO, PROVVIGIONI E REDDITI DIVERSI La seconda sezione, denominata Certificazione lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi, va utilizzata per attestare: l ammontare complessivo dei redditi di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi di cui agli artt. 53 e 67, comma 1, del TUIR; l ammontare complessivo delle provvigioni, comunque denominate, per prestazioni, anche occasionali, inerenti a rapporti di commissione, di agenzia, di mediazione, di rappresentanza di commercio e di procacciamento di affari, nonché provvigioni derivanti da vendita a domicilio (art. 25-bis D.P.R. n. 600/1973); i corrispettivi dovuti dal condominio per prestazioni relative a contratti d appalto, assoggettati alla ritenuta del 4% (art. 25-ter del D.P.R. n. 600/1973); l ammontare complessivo delle indennità corrisposte per la cessazione dei rapporti di agenzia, per la cessazione da funzioni notarili e per la cessazione dell attività sportiva, quando il rapporto di lavoro è di natura autonoma (lett. d), e), f), dell art 17, comma 1, del Tuir).

9 1) Regole generali della sezione Certificazione lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi In base a quanto precisato nelle Istruzioni al modello CU 2015 si osserva che, in presenza di più compensi erogati allo stesso percipiente: o Il sostituto ha la facoltà di totalizzare i vari importi e di compilare un unica comunicazione (per il medesimo percipiente), qualora i compensi corrisposti siano riferiti alla stessa causale; o qualora si tratti di compensi di natura diversa (e quindi riferiti a differenti causali), corrisposti al medesimo soggetto nello stesso anno, il sostituto è tenuto a compilare tante certificazioni quanti sono i compensi erogati nell anno, avendo cura di numerare progressivamente le singole certificazioni riguardanti il medesimo percipiente. Nonostante il tenore letterale della precisazioni induca a ritenere obbligatoria la compilazione di un numero di certificazioni pari al numero dei compensi corrisposti, sembra ragionevole ritenere che il numero di certificazione debba corrispondere al numero delle tipologie reddituali erogate al medesimo percipiente, e che in ciascuna distinta certificazione i redditi, essendo della medesima tipologia, vadano sommati. Ad esempio, se nei primi mesi del 2014, un soggetto ha svolto prestazioni di lavoro autonomo occasionale, emettendo 3 note contabili di euro 1.000,00 ciascuna (per un importo complessivo di euro 3.000,00) e, negli ultimi mesi dell anno ha svolto prestazioni di lavoro autonomo, emettendo 2 fatture di euro IVA ciascuna (per

10 un importo complessivo di euro 8.000,00 + IVA), si ritiene che il sostituto d imposta debba compilare due distinte certificazioni CU 2015: una relativa ai redditi di lavoro autonomo occasionale (codice M), indicante l importo di euro 3.000,00, ed una relativa ai redditi di lavoro autonomo dipendenti dall esercizio di un arte e professione abituale (codice A), indicante l importo di euro 8.000,00. 2) Compilazione della sezione Certificazione lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi Dati relativi alle somme erogate Tipologia reddituale punto 1 Causale : va indicato il codice della causale del pagamento. I codici da indicare sono i seguenti: A prestazioni di lavoro autonomo rientranti nell esercizio di arte o professione abituale; B utilizzazione economica, da parte dell autore o dell inventore, di opere dell ingegno, di brevetti industriali e di processi, formule o informazioni relativi ad esperienze acquisite in campo industriale, commerciale o scientifico; C utili derivanti da contratti di associazione in partecipazione e da contratti di cointeressenza, quando l apporto è costituito esclusivamente dalla prestazione di lavoro; D utili spettanti ai soci promotori ed ai soci fondatori delle società di capitali; E levata di protesti cambiari da parte dei segretari comunali; G indennità corrisposte per la cessazione di attività sportiva professionale; H indennità corrisposte per la cessazione dei rapporti di agenzia delle persone fisiche e delle società di persone con esclusione delle somme maturate entro il 31 dicembre 2003, già imputate per competenza e tassate come reddito d impresa; L redditi derivanti dall utilizzazione economica di opere dell ingegno, di brevetti industriali e di processi, formule e informazioni relativi a esperienze acquisite in campo industriale, commerciale o scientifico, che sono percepiti dagli aventi causa a titolo gratuito (ad es. eredi e legatari dell autore e inventore); L1 redditi derivanti dall utilizzazione economica di opere dell ingegno, di brevetti industriali e di processi, formule e informazioni relativi a esperienze acquisite in campo industriale, commerciale o scientifico, che sono percepiti da soggetti che abbiano acquistato a titolo oneroso i diritti alla loro utilizzazione; M prestazioni di lavoro autonomo non esercitate abitualmente; M1 redditi derivanti dall assunzione di obblighi di fare, di non fare o permettere; N indennità di trasferta, rimborso forfetario di spese, premi e compensi erogati: nell esercizio diretto di attività sportive dilettantistiche; in relazione a rapporti di collaborazione coordinata e continuativa di carattere amministrativo-gestionale di natura non professionale resi a favore di società e associazioni sportive dilettantistiche e di cori, bande e filodrammatiche da parte del direttore e dei collaboratori tecnici;

11 O prestazioni di lavoro autonomo non esercitate abitualmente, per le quali non sussiste l obbligo di iscrizione alla gestione separata (Circ. INPS n. 104/2001); O1 redditi derivanti dall assunzione di obblighi di fare, di non fare o permettere, per le quali non sussiste l obbligo di iscrizione alla gestione separata (Circ. INPS n. 104/2001); P compensi corrisposti a soggetti non residenti privi di stabile organizzazione per l uso o la concessione in uso di attrezzature industriali, commerciali o scientifiche che si trovano nel territorio dello Stato ovvero a società svizzere o stabili organizzazioni di società svizzere che possiedono i requisiti di cui all art. 15, comma 2 dell Accordo tra la Comunità europea e la Confederazione svizzera del 26 ottobre 2004 (pubblicato in G.U.C.E. del 29 dicembre 2004 n. L385/30); Q provvigioni corrisposte ad agente o rappresentante di commercio monomandatario; R provvigioni corrisposte ad agente o rappresentante di commercio plurimandatario; S provvigioni corrisposte a commissionario; T provvigioni corrisposte a mediatore; U provvigioni corrisposte a procacciatore di affari; V provvigioni corrisposte a incaricato per le vendite a domicilio; provvigioni corrisposte a incaricato per la vendita porta a porta e per la vendita ambulante di giornali quotidiani e periodici (L. 25 febbraio 1987, n. 67); V1 redditi derivanti da attività commerciali non esercitate abitualmente (ad esempio, provvigioni corrisposte per prestazioni occasionali ad agente o rappresentante di commercio, mediatore, procacciatore d affari o incaricato per le vendite a domicilio); W corrispettivi erogati nel 2014 per prestazioni relative a contratti d appalto cui si sono resi applicabili le disposizioni contenute nell art. 25-ter del D.P.R. n. 600 del 29 settembre 1973; X canoni corrisposti nel 2004 da società o enti residenti ovvero da stabili organizzazioni di società estere di cui all art. 26-quater, comma 1, lett. a) e b) del D.P.R. 600 del 29 settembre 1973, a società o stabili organizzazioni di società, situate in altro stato membro dell Unione Europea in presenza dei requisiti di cui al citato art. 26-quater, del D.P.R. 600 del 29 settembre 1973, per i quali è stato effettuato, nell anno 2006, il rimborso della ritenuta ai sensi dell art. 4 del D.Lgs. 30 maggio 2005 n. 143; Y canoni corrisposti dal 1 gennaio 2005 al 26 luglio 2005 da società o enti residenti ovvero da stabili organizzazioni di società estere di cui all art. 26-quater, comma 1, lett. a) e b) del D.P.R. n. 600 del 29 settembre 1973, a società o stabili organizzazioni di società, situate in altro stato membro dell Unione Europea in presenza dei requisiti di cui al citato art. 26-quater, del D.P.R. n. 600 del 29 settembre 1973, per i quali è stato effettuato, nell anno 2006, il rimborso della ritenuta ai sensi dell art. 4 del D.Lgs. 30 maggio 2005 n. 143; Z titolo diverso dai precedenti. Dati fiscali punto 2: va riportato l anno in cui è sorto il diritto alla percezione del compenso, da indicare solo qualora nella casella 1 sia stata indicata la lettera G, H o I ;

12 punto 4: va indicato l ammontare lordo del compenso corrisposto (al netto dell IVA eventualmente dovuta). Si precisa che il contributo integrativo destinato alle Casse professionali (ad es. il 2% o il 4%) non fa parte del compenso, e, pertanto, non va indicato nella predetta casella. Tale contributo non va indicato neppure al successivo punto 7. Dato che, come detto in premessa, la certificazione va compilata anche nel caso di corresponsione di compensi ad esercenti prestazioni di lavoro autonomo che hanno optato per i regimi agevolati, riguardanti le nuove iniziative di cui all art. 13 della L. n. 388/2000, ovvero i nuovi minimi (ossia, l imprenditoria giovanile ed i lavoratori in mobilità) di cui all art. 27 del D.L. n. 98/2011, al punto 4 va indicato l intero importo corrisposto, ancorché non assoggettato a ritenuta alla fonte. Il medesimo importo deve essere riportato anche al punto 7. Per esplicita previsione delle Istruzioni al modello, nel punto 4 (e, di conseguenza, nel punto 7) non devono essere indicate le somme erogate ai soggetti di cui al quinto comma dell art. 25-bis del citato D.P.R. n. 600 del 29 settembre 1973, per le sole prestazioni escluse dalla ritenuta, derivanti dalla specifica attività ivi prevista. In ragione di tale esonero, non devono essere indicate le provvigioni non assoggettate a ritenuta per effetto delle esclusioni previste dal quinto comma dell'art. 25 bis del D.P.R. 600/73, come ad esempio le provvigioni che le cooperative agricole corrispondono ai mediatori e rappresentanti dei produttori agricoli e dai commissionari che operano nei mercati ortofrutticoli, escluse da ritenuta in virtù della specifica attività svolta a favore del settore agricolo. punto 5: va utilizzato per indicare le somme corrisposte a soggetti non residenti, non soggette a ritenuta in base al regime convenzionale per evitare le doppie imposizioni. Nelle Istruzioni al modello viene previsto che in tal caso, il sostituto d imposta deve conservare ed esibire o trasmettere, a richiesta dell Agenzia delle Entrate, il certificato rilasciato dal competente ufficio fiscale estero, attestante la residenza del percipiente, nonché la documentazione comprovante l esistenza delle condizioni necessarie per fruire del regime convenzionale. Nel caso in cui esista un modello convenzionale quest ultimo debitamente compilato, sostituisce la predetta documentazione. Si evidenzia che gli importi indicati nel punto 5 sono sempre ricompresi nel punto 4. punto 6: nel punto 6 è necessario utilizzare uno dei seguenti codici : 1 - nel caso di somme che non hanno concorso a formare il reddito imponibile (90% dell ammontare erogato), relativo ai compensi percepiti dai docenti e dai ricercatori in base a quanto stabilito dal D.L. n. 185/2008; 2 - nel caso di somme che non hanno concorso a formare il reddito imponibile (rispettivamente l 80% dell ammontare erogato per le lavoratrici ed il 70% per i lavoratori) per i lavoratori appartenenti alle categorie individuate con Decreto del Ministro dell Economia e delle Finanze del 3 giugno 2011 in possesso dei requisiti previsti per fruire del beneficio fiscale previsto dall art. 3 della L. 30 dicembre 2010, n. 238, a favore dei cittadini U trasferitisi in Italia per lavoro;

13 3 - nel caso di erogazione di altri redditi non soggetti a ritenuta ovvero esenti. Per ciascun codice indicato, occorre poi riportare il corrispondente ammontare nel successivo punto 7. punto 7: vanno indicate le somme diverse da quelle esposte al punto 5, che, per espressa disposizione di legge non costituiscono reddito imponibile per il percipiente e, pertanto, non sono state assoggettate a ritenuta (ad esempio la quota delle provvigioni corrisposte ad agenti di commercio, non soggetta a ritenuta in misura pari al 50% o all 80%, oppure le somme anticipate dai percipienti in nome e per conto dei committenti, preponenti o mandanti). Nel caso di compilazione del punto 7, deve essere compilato anche il precedente punto 6, indicando il codice 1, 2 o 3 (in linea generale si indica il codice 3). Si evidenzia che gli importi indicati nel punto 7 sono sempre ricompresi nel punto 4. punto 8: va indicato l imponibile, determinato dalla differenza tra l ammontare lordo di cui al punto 4 e le somme non soggette a ritenute, indicate nei punti 5 e 7. punto 9: va indicato l importo delle ritenute a titolo d acconto operate nell anno. punto 10: va indicato l importo delle ritenute a titolo d imposta operate nell anno. punto 11 va indicato l ammontare delle ritenute non operate per effetto delle disposizioni emanate a seguito di eventi eccezionali, già compreso negli importi indicati nei precedenti punti 9 e 10. punti 20 e 21: vanno indicati gli importi dei contributi previdenziali, rispettivamente a carico del soggetto erogante e a carico del percipiente, dovuti in relazione a: o redditi contrassegnati al punto 1 dal codice C ; o redditi annui superiori a euro contrassegnati al punto 1, dalle lettere M (prestazioni di lavoro autonomo non esercitate abitualmente), M1 (redditi derivanti dall assunzione di obblighi di fare, di non fare o permettere) e V (provvigioni corrisposte a incaricato per le vendite a domicilio) ESEMPIO DI COMPILAZIONE DELLA SEZIONE CERTIFICAZIONE LAVORO AUTONOMO, PROVVIGIONI E REDDITI DIVERSI : Commercialista che nel 2014 ha ricevuto competenze per: - Euro : Compenso assoggettato a ritenuta a titolo d acconto del 20%: da inserire nella casella 8; - Euro 400: Contributo 4% Cassa professionale (calcolato su euro ): non va inserito in alcuna casella, perché non fa parte del compenso; - Euro 4.000: Spese documentate anticipate dal professionista in nome e per conto del committente (non assoggettate a ritenuta ed escluse da IVA ex art. 15, n. 3, D.P.R.

14 n. 633/1972): da inserire nella casella 7, indicando nella precedente casella 6 il codice 3 Erogazione di altri redditi non soggetti a ritenuta ovvero esenti ; - Euro 2.000: Ritenuta a titolo d acconto del 20% (calcolata su euro ): da inserire nella casella 9. Nella casella Tipologia reddituale occorre inserire la causale A ( Prestazioni di lavoro autonomo rientranti nell esercizio di arte e professione abituale ). A SANZIONI In base al nuovo comma 6-quinquies dell art. 4 del D.P.R. n. 322/1998 (introdotto, come detto, dall art. 2 del D.Lgs. 175/2014), per l omessa, tardiva o errata presentazione è prevista una sanzione pari a 100 euro per ogni certificazione unica, senza applicazione del cumulo giuridico previsto dall art. 12 del D.Lgs. 472/1997. Ciò significa che, nell ipotesi in cui, ad esempio, il sostituto d imposta ometta (ovvero presenti tardivamente o in maniera inesatta), certificazioni uniche per 30 percipienti, la sanzione che gli sarà attribuita in caso di accertamento ammonterà ad Euro 3.000,00 (100 x 30). In merito alla possibilità di avvalersi del ravvedimento operoso, si evidenzia che in occasione di Telefisco 2015, è stato chiesto all Agenzia delle Entrate se, in caso di errori nella compilazione e nell invio della nuova Certificazione unica sia ipotizzabile una regolarizzazione spontanea ad opera del sostituto d imposta, mediante il ricorso al ravvedimento operoso, con il conseguente pagamento della sanzione ridotta ex articolo 13 del D.Lgs. 472/1997.

15 Purtroppo, la risposta è stata negativa, in quanto l Agenzia ha affermato che i sostituti d imposta possono correggere eventuali errori nella trasmissione delle certificazioni uniche, senza incorrere nelle sanzioni previste dall articolo 2 del decreto semplificazioni, trasmettendo una nuova certificazione, corretta, entro i cinque giorni successivi alla scadenza prevista (7 marzo). Resta fermo l obbligo di trasmettere comunque la certificazione corretta anche dopo questa scadenza. Non è prevista la possibilità di avvalersi dell istituto del ravvedimento. Infatti, la tempistica prevista per l invio delle certificazioni uniche (7 marzo) e il loro utilizzo per l elaborazione della dichiarazione precompilata, che deve essere resa disponibile ai contribuenti entro il 15 aprile, non sono compatibili con i tempi normativamente previsti per il ravvedimento. In sostanza, il diniego dell Amministrazione Finanziaria viene spiegato adducendo due ragioni: - in primo luogo, viene sostenuto che i sostituti d imposta possono correggere eventuali errori nella trasmissione telematica delle certificazioni uniche - senza incorrere nella sanzione pari a 100 euro per ogni certificazione omessa, tardiva o inesatta - trasmettendo una nuova certificazione corretta, entro i cinque giorni successivi alla scadenza prevista, che, sempre secondo l Agenzia, resta sempre e comunque individuata nel 7 marzo (anche se quest anno il termine dell invio è spostato a lunedì 9 marzo, in quanto il 7 marzo cade di sabato). Ne consegue che le eventuali certificazioni uniche correttive dovranno essere trasmesse entro il 12 marzo 2015 (e non entro il 14 marzo), se non si vuole incorrere in sanzioni. - In secondo luogo, la possibilità di avvalersi dell istituto del ravvedimento, nella regolarizzazione delle certificazioni uniche, viene esclusa per questioni che sono correlate alla tempistica dell obbligo: dal momento che l invio delle certificazioni entro il termine fissato rappresenta un passaggio necessario per l elaborazione della dichiarazione precompilata (modello 730) da parte dell Amministrazione Finanziaria, che deve essere resa disponibile online per i contribuenti entro il 15 aprile, eventuali ritardi sarebbero inconciliabili con i tempi normativamente previsti per il ravvedimento e non consentirebbero la messa online della precompilata in tempo utile. E evidente che la risposta fornita dall Agenzia si basa su mere ragioni organizzative e prescinde del tutto dal fondamento giuridico del ravvedimento operoso, istituto che, in linea di principio, si applica a tutte le violazioni tributarie. Oltre a ciò, occorre ricordare che l invio delle certificazioni uniche riguarda anche i dati di soggetti che non sono interessati dalla dichiarazione precompilata (come, ad esempio, i soggetti titolari di partita Iva), per i quali un eventuale posticipo della trasmissione telematica delle certificazioni uniche non implicherebbe alcunché. Considerati i dubbi sollevati dalla risposta fornita dell Agenzia, sarebbe auspicabile che l Agenzia rivedesse la propria interpretazione, trasferendola in modo ufficiale in una circolare. Per info: Stefano Bargossi

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI LA (Comunicazione CU) Il Decreto Legislativo Semplificazioni fiscali (art. 2, comma 1 del D.Lgs. n. 175/2014), introduce una novità assoluta in ambito fiscale: il Modello 730 pre-compilato a valere già

Dettagli

Modello 770 SEMPLIFICATO 2012

Modello 770 SEMPLIFICATO 2012 genzia ntrate 770 Modello 770 SEMPLIFICATO 2012 Redditi 2011 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA PER L ANNO 2011 DATI RELATIVI A CERTIFICAZIONI COMPENSI ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

Certificazione Unica

Certificazione Unica Nota Salvatempo Contabilità 13.0 15 GENNAIO 2014 Certificazione Unica Premessa normativa Il decreto legislativo n. 175/2014 pubblicato in G.U. il 29 novembre 2014, recante disposizioni in materia di semplificazioni

Dettagli

Modello di Certificazione Unica ( CU )

Modello di Certificazione Unica ( CU ) Modello di Certificazione Unica ( CU ) Introduzione A partire dal 2015 per il periodo d'imposta 2014, i sostituti d'imposta dovranno trasmettere in via telematica all'agenzia delle Entrate, le certificazioni

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. N. 7786/2016 Approvazione della Certificazione Unica CU 2016, relativa all anno 2015, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro

Dettagli

Via De Amicis n.10 27029 Vigevano. CIRCOLARE n. 16 / 2014. Mod. 770/2014

Via De Amicis n.10 27029 Vigevano. CIRCOLARE n. 16 / 2014. Mod. 770/2014 Terrazzini & partners consulenti del lavoro p.i./c.f. 05505810969 www.terrazzini.it Via Campanini n.6 20144 Milano Via Marsala n.29 26900 Lodi Via De Amicis n.10 27029 Vigevano t. +39 02 6773361 f. +39

Dettagli

MODULO DI RICHIESTA FATTURAZIONE ELETTRONICA PA

MODULO DI RICHIESTA FATTURAZIONE ELETTRONICA PA MODULO DI RICHIESTA FATTURAZIONE ELETTRONICA PA DATI DELLO STUDIO CHE CI DELEGA IL SERVIZIO (A CUI FATTUREREMO) RAGIONE SOCIALE SEDE: CITTA' PROV CAP INDIRIZZO N CODICE FISCALE PARTITA IVA TELEFONO FAX

Dettagli

Oggetto: LA CERTIFICAZIONE UNICA

Oggetto: LA CERTIFICAZIONE UNICA Legnano, 10 Febbraio 2015 Alle imprese assistite Oggetto: LA CERTIFICAZIONE UNICA Il Decreto Semplificazioni a seguito dell introduzione del mod. 730 precompilato è stato previsto l obbligo in capo ai

Dettagli

LE NOVITÀ DEL MODELLO 770/2015 SEMPLIFICATO 2 A PARTE

LE NOVITÀ DEL MODELLO 770/2015 SEMPLIFICATO 2 A PARTE INFORMATIVA N. 198 22 MAGGIO 2015 Fiscale LE NOVITÀ DEL MODELLO 770/2015 SEMPLIFICATO 2 A PARTE Agenzia delle Entrate, Provvedimento n. 4793 del 15 gennaio 2015 Agenzia delle Entrate, Provvedimento prot.

Dettagli

Certificazione Unica: le risposte dell'agenzia delle entrate al Telefisco 2015, Videoforum Italia Oggi e Forum lavoro

Certificazione Unica: le risposte dell'agenzia delle entrate al Telefisco 2015, Videoforum Italia Oggi e Forum lavoro A cura della Redazione Directio Certificazione Unica: le risposte dell'agenzia delle entrate al Telefisco 2015, Videoforum Italia Oggi e Forum lavoro Quesito n. 1 - CU e Ravvedimento operoso Rispetto all

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016

LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016 LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016 L Agenzia delle entrate, con provvedimento del 15 gennaio 2016, ha reso disponibile la versione definitiva della Certificazione Unica 2016, meglio nota come CU, da utilizzare

Dettagli

Circolare N. 29 del 25 Febbraio 2015

Circolare N. 29 del 25 Febbraio 2015 Circolare N. 29 del 25 Febbraio 2015 Il nuovo modello CU (Provvedimento n. 4790/E del 15.01.2015, circolare ASSONIME n. 4 del 19.02.2015) Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ASSONIME,

Dettagli

Ai Sigg. Clienti Loro Uffici Amministrativi. Milano, lì 19/01/2015. Circolare n. 02/2015

Ai Sigg. Clienti Loro Uffici Amministrativi. Milano, lì 19/01/2015. Circolare n. 02/2015 20121 Milano via San Primo 4, Italia t. +39 02 76.07.671 f. +39 02 76.00.64.74 Ai Sigg. Clienti Loro Uffici Amministrativi Milano, lì 19/01/2015 Circolare n. 02/2015 Giuseppe Chiaravalli RAGIONIERE COMMERCIALISTA

Dettagli

VideoLavoro 19 febbraio 2015. Nuova Certificazione Unica 2015

VideoLavoro 19 febbraio 2015. Nuova Certificazione Unica 2015 VideoLavoro 19 febbraio 2015 Nuova Certificazione Unica 2015 rubrica: novità e piccoli focus di periodo A cura di Alberto Bortoletto e Laurenzia Binda 1 Certificazione Unica 2015 2 DICHIARAZIONE PRECOMPILATA

Dettagli

CIRCOLARE n. 09/2015 Nuova Certificazione Unica - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate

CIRCOLARE n. 09/2015 Nuova Certificazione Unica - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate CIRCOLARE n. 09/2015 Nuova Certificazione Unica - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate 1 PREMESSA Il DLgs. 21.11.2014 n. 175 ha previsto la precompilazione dei modelli 730 da parte

Dettagli

Circolare 7. del 13 febbraio 2015. Nuova Certificazione Unica Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate INDICE

Circolare 7. del 13 febbraio 2015. Nuova Certificazione Unica Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate INDICE Circolare 7 del 13 febbraio 2015 Nuova Certificazione Unica Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 3 2 Ambito applicativo della certificazione unica... 3 2.1 Redditi

Dettagli

SCHEDA REGISTRAZIONE CEDENTI PRESTATORI. (sigla Prov.) nr.

SCHEDA REGISTRAZIONE CEDENTI PRESTATORI. (sigla Prov.) nr. SCHEDA REGISTRAZIONE CEDENTI PRESTATORI Ragione Sociale* Nome Cognome Indirizzo PEC invio fatture Indirizzo PEC CCIAA* P.IVA* Codice Fiscale* Regime Fiscale* (Vedi codifica tabella A) Esigibilità IVA (Vedi

Dettagli

Al fine di dare attuazione alle disposizioni del D.L.vo 175/2014 in tema di semplificazioni fiscali, è stato predisposto un nuovo schema di

Al fine di dare attuazione alle disposizioni del D.L.vo 175/2014 in tema di semplificazioni fiscali, è stato predisposto un nuovo schema di Il modello di Certificazione Unica dei redditi 2015 AUDITORIUM GAM - Torino, 16 dicembre 2014 LUISELLA FASSINO CONSIGLIERE ORDINE CDL DI TORINO Al fine di dare attuazione alle disposizioni del D.L.vo 175/2014

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

LA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INFORMATIVA N. 041 10 FEBBRAIO 2015 ADEMPIMENTI LA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Provvedimento Agenzia Entrate 15.1.2015 Istruzioni Certificazione Unica 2015 Come noto, a seguito delle novità introdotte dal

Dettagli

La comunicazione dati certificazioni di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi

La comunicazione dati certificazioni di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 25/2002 La comunicazione dati certificazioni di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA

IL DIRETTORE DELL AGENZIA P Approvazione della Certificazione Unica CU 2015, relativa all anno 2014, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro CT con le relative

Dettagli

MODELLI 770/2014 SEMPLIFICATO e ORDINARIO NOVITÀ

MODELLI 770/2014 SEMPLIFICATO e ORDINARIO NOVITÀ Circolare informativa per la clientela Luglio Nr. 1 MODELLI 770/2014 SEMPLIFICATO e ORDINARIO NOVITÀ In questa Circolare 1. Modelli 770/2014 Semplificato e Ordinario 2. Quadri che compongono il 770 3.

Dettagli

A numero già chiuso è uscito il Comunicato stampa dell'agenzia delle Entrate - il cui testo è in

A numero già chiuso è uscito il Comunicato stampa dell'agenzia delle Entrate - il cui testo è in NEWS DAL MONDO SPORTIVO :: ULTIMA ORA GIOVEDÌ 12 FEBBRAIO 2015 CERTIFICAZIONE UNICA - NOVITA' DELL'ULTIMA ORA Con un Comunicato Stampa del 12 febbraio, l'agenzia delle Entrate sembra esentare dall'adempimento

Dettagli

ART. 23 - RITENUTA SUI REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE 13 PREMESSA 16 1. SOSTITUTI DI IMPOSTA E INCAPIENZA DELLA RITENUTA (CO. 1) 22

ART. 23 - RITENUTA SUI REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE 13 PREMESSA 16 1. SOSTITUTI DI IMPOSTA E INCAPIENZA DELLA RITENUTA (CO. 1) 22 TITOLO III - RITENUTE ALLA FONTE ART. 23 - RITENUTA SUI REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE 13 PREMESSA 16 1. SOSTITUTI DI IMPOSTA E INCAPIENZA DELLA RITENUTA (CO. 1) 22 2. REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE PRESTATO

Dettagli

Nuova Certificazione unica CU 2015: redditidilavoroautonomo Edoardo Sesini e Valerio Artina - Dottori commercialisti in Bergamo

Nuova Certificazione unica CU 2015: redditidilavoroautonomo Edoardo Sesini e Valerio Artina - Dottori commercialisti in Bergamo Nuova Certificazione unica CU 2015: redditidilavoroautonomo Edoardo Sesini e Valerio Artina - Dottori commercialisti in Bergamo ADEMPIMENTO " NOVITÀ " LAVORO I sostituti d imposta sono tenuti ad utilizzare

Dettagli

Studio Rosina e Associati

Studio Rosina e Associati FULVIO ROSINA DANIELA ROSINA ANT ANTONIO ROSINA GIOVANNI TRAVERSO MAURIZIO CIVARDI FRANCESCO PITTIGLIO SIMONETTA MANFREDINI STEFANO LUPINI MASSIMO SCOTTON MARCO SANGUINETI SIMONE PAZZAGLIA PAOLA BROVERO

Dettagli

Nuova Certificazione Unica CU 2015: redditidilavorodipendente Cristina Piseroni e Marco Mangili - Dottori commercialisti in Bergamo

Nuova Certificazione Unica CU 2015: redditidilavorodipendente Cristina Piseroni e Marco Mangili - Dottori commercialisti in Bergamo Nuova Certificazione Unica CU 2015: redditidilavorodipendente Cristina Piseroni e Marco Mangili - Dottori commercialisti in Bergamo ADEMPIMENTO " NOVITÀ " LAVORO I sostituti d imposta, a seguito delle

Dettagli

QUESITI FORUM LAVORO 2015 L AGENZIA DELLE ENTRATE RISPONDE

QUESITI FORUM LAVORO 2015 L AGENZIA DELLE ENTRATE RISPONDE QUESITI FORUM LAVORO 2015 * * * L AGENZIA DELLE ENTRATE RISPONDE 1. Stampa progressivo certificazione Ai fini della compilazione della dichiarazione precompilata, il numero di progressivo della certificazione

Dettagli

SCADENZE FEBBRAIO 2015

SCADENZE FEBBRAIO 2015 SCADENZE FEBBRAIO 2015 MARTEDì 10 FEBBRAIO IMU TERRENI Scade il termine per il versamento dell IMU sui terreni; l imposta è calcolata in base alle aliquote standard (7,6 per mille) tranne quando i Comuni

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE UNICA

LA CERTIFICAZIONE UNICA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CERTIFICAZIONE UNICA MAURIZIO AGATE 6 febbraio 2015 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Fonti normative art. 4, D.P.R. n. 322/1998 D.Lgs. n.

Dettagli

trasmesse anche successivamente alla scadenza del 9 marzo 2015, senza che la circostanza comporti l applicazione di sanzion

trasmesse anche successivamente alla scadenza del 9 marzo 2015, senza che la circostanza comporti l applicazione di sanzion Certificazione Unica - Chiarimenti da parte dell Agenzia delle Entrate, possibilità di esenzione per i redditi da prestazione sportiva dilettantistica inferiori 7.500 Come già comunicato in precedenza

Dettagli

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali 1. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IMPOSTE DIRETTE 2. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IRAP 3. Detrazione IRPEF per la pratica sportiva dilettantistica 4. Cinque per Mille 5. Adempimenti

Dettagli

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE la comunicazione richiede tutti i dati già presenti nelle certificazioni rilasciate ai dipendenti. In particolare i

Dettagli

NOVITÀ MODELLI 770/2010 SEMPLIFICATO e ORDINARIO

NOVITÀ MODELLI 770/2010 SEMPLIFICATO e ORDINARIO Circolare informativa per la clientela n. 14/2010 del 10 giugno 2010 NOVITÀ MODELLI 770/2010 SEMPLIFICATO e ORDINARIO In questa Circolare 1. Modelli 770/2010 Semplificato e Ordinario 2. Principali novità

Dettagli

Certificazione Unica (c.d. CU2015)

Certificazione Unica (c.d. CU2015) (c.d. CU2015) Indice degli argomenti Introduzione 1. Disposizioni normative 2. Prerequisiti tecnici 3. Impostazioni necessarie per operare in Gestionale 1 4. Stampa Certificazioni Unica Assis tenza tecni

Dettagli

Fiscal Flash N. 41. Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) La notizia in breve 20.02.2014. Premessa

Fiscal Flash N. 41. Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) La notizia in breve 20.02.2014. Premessa Fiscal Flash La notizia in breve N. 41 20.02.2014 Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: CUD La certificazione unica dei redditi di lavoro

Dettagli

GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO CERTIFICAZIONE UNICA 2015 12/02/2015. Relatore:

GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO CERTIFICAZIONE UNICA 2015 12/02/2015. Relatore: GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO CERTIFICAZIONE UNICA 2015 12/02/2015 Relatore: Alessandro Dott. TODESCHELLI Dott. Comm.sta materia «Lavoro» OPEN Dot Com Servizio: Nome servizio Pag. 1 Torino,

Dettagli

STRUMENTI DI LAVORO CHECK LIST PER

STRUMENTI DI LAVORO CHECK LIST PER STRUMENTI DI LAVORO CHECK LIST PER COMPILAZIONE DELLA CERTIFICAZIONE UNICA 2016 CHECK LIST PER COMPILAZIONE DELLA CERTIFICAZIONE UNICA 2016 Contribuente Codice fiscale Partita IVA Presentazione della CU

Dettagli

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO I contribuenti che possiedono redditi di lavoro dipendente,

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE LEGALE COMO 12.12.2014 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 www.studiogorini.it FAX 031.27.33.84 E-mail: segreteria@studiogorini.it INFORMATIVA

Dettagli

LE INFORMAZIONI GENERALI SULLA CERTIFICAZIONE UNICA (CU)

LE INFORMAZIONI GENERALI SULLA CERTIFICAZIONE UNICA (CU) LE INFORMAZIONI GENERALI SULLA CERTIFICAZIONE UNICA (CU) GLI ASPETTI NORMATIVI Dal 2015 (in riferimento ai redditi erogati nel 2014) i sostituti d imposta devono utilizzare un nuovo modello per attestare

Dettagli

Dottore Commercialista

Dottore Commercialista DECRETO SEMPLIFICAZIONI: DAL 2015 NUOVO MODELLO 730 PRECOMPILATO a cura del Dott. Vito SARACINO e in Bitonto (BA) Il D.Lgs. 21.11.2014, n. 175 pubblicato sulla G.U. del 28 novembre 2014 ed entrato in vigore

Dettagli

Fatture Professionisti

Fatture Professionisti Fatture Professionisti INTRODUZIONE I redditi di lavoro autonomo sono individuati dall'articolo 53 del Tuir, con la importante distinzione tra quelli derivanti dall'esercizio di arti e professioni e quelli

Dettagli

CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012

CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012 CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2012 dell Ufficio

Dettagli

Circolare 28. del 12 dicembre 2014. Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE

Circolare 28. del 12 dicembre 2014. Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE Circolare 28 del 12 dicembre 2014 Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE 1 Premessa... 3 2 Precompilazione dei modelli 730 da parte dell Agenzia

Dettagli

NOVITÀ NEL MODELLO 770/2009 SEMPLIFICATO

NOVITÀ NEL MODELLO 770/2009 SEMPLIFICATO NOVITÀ NEL MODELLO 770/2009 SEMPLIFICATO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI PARTE B - DATI FISCALI SOMME EROGATI PER STRAORDINA- RI E PREMI PRODUTTIVITÀ PARTE D - ASSISTENZA 2008 ALTRI PROSPETTI Provv. Ag. Entrate

Dettagli

CIRCOLARE N. 25 2012/2013 DEL 17 GENNAIO 2013

CIRCOLARE N. 25 2012/2013 DEL 17 GENNAIO 2013 CIRCOLARE N. 25 2012/2013 DEL 17 GENNAIO 2013 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2013 dell Ufficio

Dettagli

La certificazione unica CUD

La certificazione unica CUD La certificazione unica CUD Il datore di lavoro sostituto d'imposta dei propri dipendenti: il CUD Entro il 28 febbraio di ogni anno (fino al 2007 il termine era il 15 marzo) il sostituto deve rilasciare

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale 2.2015 Gennaio Sommario 1. PREMESSA... 2 2. PRECOMPILAZIONE DEI MODELLI 730 DA PARTE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE...

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: LA CERTIFICAZIONE UNICA 2015: APPROVAZIONE DEL MODELLO DEFINITIVO PAG.

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: LA CERTIFICAZIONE UNICA 2015: APPROVAZIONE DEL MODELLO DEFINITIVO PAG. CIRCOLARE N. 06 DEL 27/01/2015 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: LA CERTIFICAZIONE UNICA 2015: APPROVAZIONE DEL MODELLO DEFINITIVO PAG. 2 IN SINTESI: Con il Provvedimento

Dettagli

Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento

Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento CIRCOLARE A.F. N. 123 del 25 Luglio 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo

Dettagli

REDDITI DI LAVORO AUTONOMO INDICAZIONI GENERALI

REDDITI DI LAVORO AUTONOMO INDICAZIONI GENERALI REDDITI DI LAVORO AUTONOMO INDICAZIONI GENERALI Indicazioni generali sui redditi di lavoro autonomo Le caratteristiche che secondo il Codice civile contraddistinguono il lavoratore autonomo, sono lo svolgimento

Dettagli

LAVORI USURANTI RICHIESTA BENEFICIO PREPENSIONAMENTO

LAVORI USURANTI RICHIESTA BENEFICIO PREPENSIONAMENTO SCADENZE MARZO 2016 MARTEDì 1 MARZO REGISTRO Scade il termine per registrare i nuovi contratti di locazione di immobili stipulati il 1 febbraio 2016 e per pagare l imposta di registro (2% o 1% per alcune

Dettagli

COMPENSI AI COLLABORATORI DI SOCIETÀ E ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

COMPENSI AI COLLABORATORI DI SOCIETÀ E ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE COMPENSI AI COLLABORATORI DI SOCIETÀ E ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI ASPETTI GENERALI TRATTAMENTO FISCALE ASPETTI PREVIDENZIALI E INAIL Art. 81, c. 1, lett. m) D.P.R.

Dettagli

RISOLUZIONE N.80/E QUESITO

RISOLUZIONE N.80/E QUESITO RISOLUZIONE N.80/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 luglio 2012 OGGETTO: Interpello - Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Fatture di importo inferiore a 300,00 euro - Annotazione cumulativa anche

Dettagli

2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1

2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1 2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1 Il Modello UNICO Persone Fisiche 2016 comprende la dichiarazione dei redditi e la dichiarazione annuale IVA. Il Modello Unico per

Dettagli

Modelli di dichiarazione 2012: in sintesi le novità

Modelli di dichiarazione 2012: in sintesi le novità Modelli di dichiarazione 2012: in sintesi le novità a cura di Fabio Bonicalzi (*) Sul sito Internet dell Agenzia delle Entrate sono stati pubblicati i Provvedimenti di approvazione dei seguenti modelli

Dettagli

Certificazione Unica 2016 - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate

Certificazione Unica 2016 - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate Circolare 3 del 12 febbraio 2016 Certificazione Unica 2016 - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 3 2 Ambito applicativo della certificazione unica 2016... 3

Dettagli

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista 1/6 OGGETTO COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA RELATIVA ALL ANNO 2013 RIFERIMENTI NORMATIVI ART. 9 D.P.R. 7 DICEMBRE 2001 N. 435; ART. 8BIS D.P.R. 22 LUGLIO 1998 N. 322; PROVVEDIMENTO AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir -

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA a.a.2013-2014 IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - 1 IRPEF IRPEF: redditi da lavoro autonomo L IRPEF è un imposta personale

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Oggetto: 730 senza sostituto casi particolari e Colf & badanti

Oggetto: 730 senza sostituto casi particolari e Colf & badanti Roma lì 04/05/2014 Prot. 202/2014 A tutti i Centri e Sportelli Circolare n. 52 Oggetto: 730 senza sostituto casi particolari e Colf & badanti L art. 51 bis del DL 69/2013 (Decreto del fare) ha previsto

Dettagli

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 54/2012 LUGLIO/8/2012 (*)

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 54/2012 LUGLIO/8/2012 (*) Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 54/2012 LUGLIO/8/2012 (*) 18 Luglio 2012 SCADE IL 31 LUGLIO 2012 IL

Dettagli

Circolare N.123 del 25 Luglio 2013

Circolare N.123 del 25 Luglio 2013 Circolare N.123 del 25 Luglio 2013 Modello 770-2013 e ravvedimento ritenute 2012. Il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento Gentile cliente con la presente

Dettagli

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Aspetti generali QUADRO RL. Inquadramento normativo. Redditi di capitale

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Aspetti generali QUADRO RL. Inquadramento normativo. Redditi di capitale Tratto da: Collana Dichiarazioni Fiscali 2009, Unico Persone Fisiche, a cura di: R. Artina V. Artina P. Monarca G. Cremona N. Tarantino Aspetti generali Inquadramento normativo Il quadro RL del modello

Dettagli

SCADENZE MAGGIO 2013 DOMENICA 12 MAGGIO

SCADENZE MAGGIO 2013 DOMENICA 12 MAGGIO SCADENZE MAGGIO 2013 DOMENICA 12 MAGGIO AGENTI DI COMMERCIO, MEDIATORI E SPEDIZIONIERI Gli adempimenti previsti entro tale data ed indicati all interno della nostra circolare 10.2013 (http://www.contrino.it/?p=1555)

Dettagli

SPAZIO RISERVATO ALL ENTE NOME

SPAZIO RISERVATO ALL ENTE NOME ENTE DI PREVIDENZA info@ SPAZIO RISERVATO ALL ENTE Comunicazione obbligatoria ai sensi del Decreto Legislativo 103/96 da inviare all Ente entro e non oltre il 31.7.2013 EPPI 03/2012 COGNOME NOME CODICE

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA

CERTIFICAZIONE UNICA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CERTIFICAZIONE UNICA VITTORIA LETIZIA LEONE 06 Febbraio 2015 - ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Esempio 1 La Società Pollicino

Dettagli

IL NUOVO MODELLO E LE NUOVE MODALITA DI INVIO DELLA DICHIARAZIONE D INTENTO DA PARTE DEGLI ESPORTATORI ABITUALI

IL NUOVO MODELLO E LE NUOVE MODALITA DI INVIO DELLA DICHIARAZIONE D INTENTO DA PARTE DEGLI ESPORTATORI ABITUALI IL NUOVO MODELLO E LE NUOVE MODALITA DI INVIO DELLA DICHIARAZIONE D INTENTO DA PARTE DEGLI ESPORTATORI ABITUALI Chiarimenti della Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 31/E del 30 dicembre 2014 L art.

Dettagli

SPAZIO RISERVATO ALL ENTE NOME

SPAZIO RISERVATO ALL ENTE NOME ENTE DI PREVIDENZA 222 info@ SPAZIO RISERVATO ALL ENTE Comunicazione obbligatoria ai sensi del Decreto Legislativo 103/96 da inviare all Ente entro e non oltre il 15.9.2014 EPPI 03/2013 COGNOME NOME CODICE

Dettagli

SCADENZE DEL MESE DI DICEMBRE 2014

SCADENZE DEL MESE DI DICEMBRE 2014 SCADENZE DEL MESE DI DICEMBRE 2014 Entro lunedì 1 dicembre (il 30 novembre è festivo) LAVORO/COMMITTENTI. DICHIARAZIONI E 1. Invio Modello EMens all INPS. Entro oggi gli enti associativi che abbiano instaurato

Dettagli

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI 1 APERTURA PARTITA I.V.A. Lo psicologo che svolge in modo abituale e senza vincolo di subordinazione la propria

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Comunicazione dati IVA per l anno 2014 Dichiarazione IVA per l anno 2014 - Chiusure contabili 2014 Entro lunedì 2 marzo 2015 deve

Dettagli

VISITING PROFESSOR E RESEARCHER Anno 2010

VISITING PROFESSOR E RESEARCHER Anno 2010 VISITING PROFESSOR E RESEARCHER Anno 2010 (Compensi erogati a soggetti non residenti) Con questa nota informativa i Visiting Professor e Researcher hanno a disposizione: 1. una guida ai documenti che dovranno

Dettagli

La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013

La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 6 14 GENNAIO 2014 La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013 Copyright 2014 Acerbi

Dettagli

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 2 2014 dell Ufficio

Dettagli

Circolare N.23 del 13 Febbraio 2014

Circolare N.23 del 13 Febbraio 2014 Circolare N.23 del 13 Febbraio 2014 CUD 2014. Scade il 28 febbraio il termine per la consegna ai contribuenti Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che il prossimo 28.02.2014 scade il termine

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: 1. Approvazione del modello 770/2015 Semplificato.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: 1. Approvazione del modello 770/2015 Semplificato. Prot.2015/4793 Approvazione del modello 770/2015 Semplificato, relativo all anno 2014, con le istruzioni per la compilazione, concernente le comunicazioni da parte dei sostituti d imposta dei dati delle

Dettagli

CIRCOLARE FISCALE N.1/2015

CIRCOLARE FISCALE N.1/2015 Anche per il 2015, gli enti sportivi ( associazioni e società sportive ) sono interessati da rilevanti novità, che vanno a regolamentare alcune situazioni e fattispecie per le quali si avvertiva da tempo

Dettagli

MODELLO EAS - VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI

MODELLO EAS - VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI MODELLO EAS - VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI Riferimenti Art. 30, DL n. 185/2008 Art. 1, comma 1, DL n. 225/2010 Risoluzione Agenzia Entrate 6.12.2010, n. 125/E Circolare Agenzia Entrate 24.2.2011,

Dettagli

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata Roma, 06 giugno 2005 Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 30/E Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a

Dettagli

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale È stato approvato con provvedimento dell Agenzia delle Entrate del 15 gennaio 2014 Prot.5131-2014

Dettagli

Scadenziario Febbraio 2015

Scadenziario Febbraio 2015 Studio Creanza & Partners Creanza rag. Flavio D Onofrio rag. Loredana Stramazzo dott.ssa Caterina Scadenziario Febbraio 2015 1 Domenica Soggetti con partita Termine iniziale per la presentazione telematica

Dettagli

Roma. Roma, 07 febbraio 2007

Roma. Roma, 07 febbraio 2007 CIRCOLARE N. 7/E Direzione Roma Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 07 febbraio 2007 Oggetto: Articolo 25-ter del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600 Ritenute sui corrispettivi

Dettagli

GENNAIO INFORMATIVA N. 329 29 DICEMBRE 2014

GENNAIO INFORMATIVA N. 329 29 DICEMBRE 2014 INFORMAT N. 329 29 DICEMBRE 2014 Si riportano di seguito le principali scadenze del PRIMO TRIMESTRE 2015. A seguito dell entrata in vigore delle semplificazioni contenute nel D.Lgs. n. 175/2014 alcuni

Dettagli

Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013

Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013 ORIENTAMENTI FISCALI Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013 Redditi di capitale: certificazione relativa agli utili ed agli altri proventi equiparati corrisposti

Dettagli

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITA SPORTIVA DILETTANTISTICA (IV PARTE) Nel mondo dell associazionismo sportivo tutti i dirigenti sportivi affrontano con abnegazione e spirito di sacrificio

Dettagli

CLIENTE Antolotti Sara

CLIENTE Antolotti Sara Spettabile ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI PARMA BORGO RETTO, 21/A 43121 PARMA CF 80012550341 AI SEN DEL D. LGS. 30 GIUGNO 2003, N. 196 DATI GENERALI

Dettagli

CONSEGNA CERTIFICAZIONE UNICA

CONSEGNA CERTIFICAZIONE UNICA SCADENZE MARZO 2015 LUNEDì 2 MARZO CONSEGNA CERTIFICAZIONE UNICA - Ultimo giorno utile per la consegna al lavoratore da parte del datore di lavoro o dell ente pensionistico della nuova Certificazione Unica

Dettagli

PRESUPPOSTO SOGGETTIVO DELL IRAP

PRESUPPOSTO SOGGETTIVO DELL IRAP 2 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO DELL IRAP DLgs. 446/97 3 Prassi C.M. 4.6.98 n. 141/E; C.M. 26.7.2000 n. 148/E; Circ. Agenzia delle Entrate 6.8.2007 n. 48; Circ. Agenzia delle Entrate 19.11.2007 n. 61; Circ. Agenzia

Dettagli

SCADENZE NOVEMBRE 2014

SCADENZE NOVEMBRE 2014 SCADENZE NOVEMBRE 2014 LUNEDì 17 NOVEMBRE RAVVEDIMENTO OPEROSO BREVE Scade il termine per regolarizzare gli adempimenti (omessi, tardivi o insufficienti versamenti di imposte o ritenute) non effettuati

Dettagli

Roma, 26 novembre 2012

Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Sisma maggio 2012 Finanziamento per il pagamento di tributi, contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori

Dettagli

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015 Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Soggetti interessati Sono obbligati alla presentazione della dichiarazione dei redditi (Mod. Unico PF 2015) i contribuenti

Dettagli

NUOVI ELENCHI CLIENTI-FORNITORI

NUOVI ELENCHI CLIENTI-FORNITORI NUOVI ELENCHI CLIENTI-FORNITORI L art. 21, DL n. 78/2010, al fine di contrastare l evasione fiscale e le frodi in materia di IVA, ha introdotto un nuovo adempimento, quello di comunicare telematicamente

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

SPAZIO RISERVATO ALL ENTE NOME

SPAZIO RISERVATO ALL ENTE NOME ENTE DI PREVIDENZA SPAZIO RISERVATO ALL ENTE Comunicazione obbligatoria ai sensi del Decreto Legislativo 103/96 da inviare all Ente entro e non oltre il 15.9.2014 EPPI 03/2013 COGNOME NOME CODICE FISCALE

Dettagli

SCADENZE DEL MESE DI GIUGNO 2014 DATORI DI LAVORO/COMMITTENTI. Entro martedì 3 giugno (il 31 maggio cade di sabato ed il 2 giugno è festivo)

SCADENZE DEL MESE DI GIUGNO 2014 DATORI DI LAVORO/COMMITTENTI. Entro martedì 3 giugno (il 31 maggio cade di sabato ed il 2 giugno è festivo) SCADENZE DEL MESE DI GIUGNO 2014 Entro martedì 3 (il 31 maggio cade di sabato ed il 2 è festivo) DATORI DI LAVORO/COMMITTENTI. 1. Invio Modello EMens all INPS. Entro oggi gli enti associativi che abbiano

Dettagli

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 49 16.12.2013 Unico: ravvedimento entro il 30.12 Categoria: Intermediari Sottocategoria: Adempimenti A cura di Devis

Dettagli

SCADENZARIO PER LE ASD APRILE

SCADENZARIO PER LE ASD APRILE SCADENZARIO PER LE ASD Si segnala che le scadenze riportate tengono conto del rinvio al giorno lavorativo seguente per gli adempimenti che cadono al sabato o giorno festivo, così come stabilito dall art.7

Dettagli

Si riportano di seguito le principali scadenze del TERZO TRIMESTRE 2015.

Si riportano di seguito le principali scadenze del TERZO TRIMESTRE 2015. INFORMAT N. 190 30 GIUGNO 2015 Si riportano di seguito le principali scadenze del TERZO TRIMESTRE 2015. LUGLIO Le scadenze dei versamenti derivanti dal mod. UNICO 2015 sono riportate alla luce della proroga

Dettagli