Autodichiarazione di conformità. Informazioni Generali. Parte 1-Informazioni dettagliate sul richiedente e sul servizio. A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Autodichiarazione di conformità. Informazioni Generali. Parte 1-Informazioni dettagliate sul richiedente e sul servizio. A."

Transcript

1 Informazioni Generali Autodichiarazione di conformità Parte 1-Informazioni dettagliate sul richiedente e sul servizio. Servizio di ristorazione - pernottamento - solo colazione - bar - distributore automatico - altri servizi di ristorazione altro: Si prega di compilare e presentare in copia cartacea all organismo competente. A. Il richiedente Ragione Sociale: Indirizzo: Referente e sua posizione: Numero di telefono e fax: Pagina web: Ad uso dell amministrazione. Attività di fitness e sport Aree verdi piscina sauna altro: giardino parco foresta fattoria altro: Caratteristiche: Descrivere un qualsiasi servizio particolare fornito in aggiunta a quelli sopraelencati. B. La struttura Nome(i) registrato(i) della struttura: Tipo di struttura ai sensi della registrazione ufficiale (Azienda agricola, Agriturismo, Ditta di trasformazione agroalimentare ): C. Domanda di assegnazione marchio ecologico Parco del Frignano Questa richiesta intende aggiungersi ad un altro marchio per struttura ricettiva esistente? si no sto facendo contemporaneamente richiesta per l assegnazione del marchio europeo e di un altro marchio esistente. Fare una croce ai lati dei servizi offerti, che sono sotto la proprietà o la gestione diretta del richiedente o del direttore della struttura: 1 2

2 Riportare qualsiasi altra iniziativa ambientale (ecolabel, carte e altre iniziative) già assegnate al richiedente o alle quali egli sta facendo domanda di assegnazione. Parte 2- Per richiedere il marchio, il richiedente deve rispettare le leggi nazionali e locali. La seguente auto dichiarazione deve essere firmata dal richiedente. Dichiaro che: D. Dichiarazione del richiedente. Quale richiedente l assegnazione del marchio di qualità ambientale Parco del Frignano : Dichiaro di comprendere e di accettare le disposizioni del Regolamento istituzione ed utilizzo del marchio di fornitore di qualità ambientale del Parco Regionale Alto Appennino Modenese (Parco del Frignano). Rispetto al sistema di assegnazione del marchio; Dichiaro di comprendere e di accettare le procedure standard di valutazione e le procedure contrattuali proposte dall organismo competente e ne accetto i termini per l intera durata del contratto. Mi impegno ad assicurare che il servizio è conforme con i criteri indicati per l assegnazione del marchio, in ogni momento e a comunicare all organismo competente immediatamente qualsiasi modifica di rilievo al servizio fornito; 1. La struttura è costruita legalmente e rispetta tutte le rilevanti leggi o norme rispetto al terreno su cui poggia, e soprattutto riguardo al paesaggio e alla conservazione della biodiversità, se presenti; 2. Il servizio diretto è registrato secondo quanto richiesto dalle legislazioni nazionale e/o locali. Firma: Nome in stampatello: Posizione nella società: Data: Mi dichiaro responsabile per l uso corretto e adeguato del marchio di qualità ambientale proposto dal parco. Firma: Nome in stampatello: Posizione nella società: Data: 3 4

3 Criterio n 1 Dichiarazione di non applicabilità Criterio n 2 Dati sul consumo di energia criterio n 1. Seguono i dati relativi ai consumi della struttura, con periodo di riferimento pari ad un anno dalla data di presentazione della richiesta. CONSUMO DI ELETTRICITA Consumo totale di elettricità kwh Compilare con i valori di consumo per ogni trimestre. DATA DATA DATA DATA - elettricità acquistata da rete kwh elettrica (non proveniente da RES) - elettricità proveniente da kwh RES acquistata dalla rete elettrica. - elettricità auto-prodotta in kwh sito. ( specificare se fotovoltaica, eolica, idroelettrica, biogas, ). CONSUMO DI ENERGIA PER RISCALDAMENTO DELLE STANZE E DELL ACQUA CALDA Data Data Data Data Consumo totale di energia m 3 Consumo di Gas Naturale m 3 kwh Consumo di olio litri combustibile kwh Consumo di legname Consumo di benzina m 3 kwh litri kwh Consumo di combustibile per litri motori diesel kwh Solare termico kwh Teleriscaldamento kcal Altri tipi di energia kwh (specificare) Manutenzione e riparazione delle caldaie Dichiaro che il criterio n 2 non può essere applicato alla struttura per la seguente motivazione: La struttura non ha una caldaia Manutenzione e riparazione delle caldaie Criterio n 2 criterio n 2. La(e) caldaia(e) presenti nella struttura è (sono) la (le) seguente (i): o Caldaia standard o Caldaia a bassa temperatura o Caldaia a gas o Altro: In base ai requisiti previsti dalla legge e/o alla necessità, il piano di manutenzione della(e) caldaia(e) è il seguente: o Una volta all anno o Più spesso, Durante la manutenzione vengono controllati i seguenti elementi, in base al requisito di legge o del produttore: o Livello di efficienza o Altro Il(i) responsabile(i) del mantenimento è(sono): 5 6

4 Dichiarazione di non applicabilità Criterio n 3 Criterio n 4 Carbone e oli combustibili pesanti Dichiaro che il criterio n 3 non può essere applicato alla struttura per la seguente motivazione: La struttura non ha un sistema di riscaldamento autonomo Combustibile per riscaldamento Si utilizza come combustibile legna di recupero (potature, cippature, ramaglie, etc.) e pertanto è conforme al criterio n 4. Criterio n 3 Carbone e oli combustibili pesanti criterio n 3. Dichiaro che la natura dell energia utilizzata (esclusa l elettricità per uso non da riscaldamento) nella struttura ricettiva è: o Gas (metano) o Olio combustibile con contenuto di zolfo inferiore allo 0,2% o Solare o Cogenerazione di calore ed elettricità (CHP) o Da pompa di calore o Altro 7 8

5 Dichiarazione di non applicabilità Criterio n 6 Dichiarazione di non applicabilità Criterio n 5 Dispersione del calore Spegnimento delle luci non può applicare il criterio n 5 perché: La struttura ha un sistema automatico di spegnimento delle luci quando le persone lasciano la stanza non può applicare il criterio n 6 perché: o Al momento della richiesta la struttura ricettiva non possiede un impianto di riscaldamento né di condizionamento. o La struttura ha un sistema di spegnimento automatico dell impianto di condizionamento quando le finestre sono aperte. Si prega di indicare il motivo della non applicabilità del criterio. Criterio n 5 Criterio n 6 Spegnimento delle luci criterio n 5. Si conserva per eventuale verifica una copia dell informazione data agli ospiti relativa allo spegnimento delle luci quando lasciano la stanza. Specifico di seguito dove l informazione è situata all interno della struttura ricettiva. Dispersione del calore criterio n 6. Si conserva per eventuale verifica una copia dell informazione data agli addetti relativa alla chiusura delle finestre quando l impianto di riscaldamento o condizionamento è in funzione. Specifico inoltre dove l informazione è situata all interno della struttura. 9 10

6 Criterio n 7 Criterio n 8 Dati sul consumo di acqua criterio n 7. Nel caso si utilizzi l acquedotto e si abbiano quindi a disposizione le bollette di pagamento, seguono i dati relativi ai consumi della struttura, con periodo di riferimento pari ad un anno dalla data di presentazione della richiesta. Risparmio idrico criterio n 8. Si conserva per eventuale verifica una copia dell informazione data agli addetti (e, nel caso, ospiti) relativa a come contribuire al risparmio idrico nella struttura. Specifico inoltre dove l informazione è situata all interno della struttura. CONSUMO DI ACQUA Consumo totale di acqua litri Compilare con i valori di consumo per ogni trimestre. Data Data Data Data Costi totali di acqua Uso di acqua piovana o altra fonte di acqua naturale, escluso acqua proveniente da acquedotto. litri Specificare la % sul consumo totale di acqua litri Acqua inviata al sistema fognario Costi relativi al trattamento delle acque di scarico 11 12

7 Dichiarazione di non applicabilità Criterio n 9 Criterio n 10 Annaffiatura piante e giardini Dichiaro che il criterio n 9 non è applicabile alla struttura per la seguente situazione: o La struttura è ubicata in aree dove le condizioni climatiche non rendono necessaria l applicazione del criterio (specificare ). o Altro Scarichi fognari criterio n 10. Si conserva per eventuale verifica uno dei seguenti documenti: o Dichiarazione o altra documentazione attestante la connessione al sistema locale, pubblico o privato. Di trattamento delle acque di scarico. o Documentazione del sistema di trattamento autonomo della struttura ricettiva. Criterio n 9 Annaffiatura piante e giardini criterio n 9. Si conserva per eventuale verifica una descrizione di come e quando le piante sono innaffiate, inclusa copia delle procedure di annaffiatura se esistenti

8 Criterio n 11 Criterio n 12 Raccolta differenziata dei rifiuti Compostaggio criterio n 11. criterio n 12. Si conservano per eventuale verifica i seguenti documenti: o Copia delle procedure sul trattamento dei rifiuti all interno della struttura. o Contratti con terzi responsabili per la raccolta/trattamento dei rifiuti. Si conserva per eventuale verifica la documentazione dei contenitori per il compostaggio, che sono opportunamente posti al fine di evitarne l accesso alla fauna selvatica. Inoltre dichiaro che in caso di assenza dl servizio della raccolta differenziata dei rifiuti pericolosi da parte dell Autorità locale, la richiesta per tale servizio verrà rinnovata annualmente e la relativa documentazione sarà tenuta disponibile per verifiche ispettive nella struttura

9 Criterio n 13 Criterio n 14 Ripulire i terreni Materie prime criterio n 13. criterio n 14. I piatti tipici della zona utilizzati sono: Si conservano per eventuale verifica le fatture di acquisto degli ingredienti utilizzati lo scorso anno

10 Criterio n 15 Criterio n 16 Disinfettanti Detersivi criterio n 15. criterio n 16. La conformità è raggiunta per le seguenti categorie di detersivi: o Detersivi per lavaggio a mano dei piatti. o Detersivi per lavastoviglie. o Detersivi per bucato. o Detersivi multiuso e per servizi sanitari

11 Criterio n 17 Criterio n 18 Concimi chimici e pesticidi Responsabilità ambientale criterio n 17. Tutti i prodotti chimici utilizzati come concimi e pesticidi sono stati sostituiti con prodotti a basso impatto ambientale o con la lotta biologica integrata. criterio n 18. Si conserva per eventuale verifica una copia del materiale distribuito al responsabile ambientale

12 Criterio n 19 Criterio n 20 Promozione criterio n 19. Uso dei prodotti chimici criterio n 20. Si conserva per eventuale verifica la seguente documentazione: o Dichiarazione della politica ambientale della struttura ricettiva. o Procedure per la considerazione dei contributi forniti dagli ospiti. o Programma di azione per la realizzazione della politica ambientale inclusi gli obiettivi e le prestazioni ambientali relativi ad energia, acqua, sostanze chimiche e rifiuti

13 Criterio n 21 Criterio n 22 Volontariato Trasparenza garantirà 4 giornate uomo all anno per attività di volontariato e quindi è conforme al criterio 21. è conforme al criterio n

14 Criterio n 23 Dichiarazione di non applicabilità Criterio n 24 Impatto paesaggistico Ripristino edifici criterio 23. Si conserva per eventuale verifica copie di fatture attestanti recenti acquisti di beni materiali atti a ridurre l impatto paesaggistico. Dichiaro che il criterio n 24 non è applicabile alla struttura a causa di una mancata ristrutturazione dei locali nel periodo precedente la richiesta. Criterio n 24 Ripristino edifici è conforme al criterio n 24. Si conservano per eventuale verifica copie di fatture attestanti recenti ristrutturazioni con materiali e tecniche costruttive compatibili con gli aspetti paesaggistici e tradizionali del contesto locale

15 Criterio n 25 Criterio n 26 Ordine è conforme al criterio n 25. Alberi secolari è conforme al criterio n

16 Criterio n 27 Dichiarazione di non applicabilità Criterio n 28 Sentieristica e segnaletica Edifici è conforme al criterio n 27. Nel caso di danneggiamento di un sentiero, si conserva per eventuale verifica copia della comunicazione al CAI o altro centro di escursionismo che comprovi la collaborazione della struttura al ripristino del sentiero. Dichiaro che il criterio n 28 non è applicabile alla struttura essendo gli edifici occupati non di carattere di bene culturale. Criterio n 28 Edifici è conforme al criterio n

17 Dichiarazione di non applicabilità Criterio n 29 Criterio n 30 Zone umide Attingimenti idrici Dichiaro che il criterio n 29 non è applicabile alla struttura non facendo parte o non circondando con la delimitazione del proprio confine di proprietà alcuna zona umida. è conforme al criterio n 30. Criterio n 29 Zone umide è conforme al criterio n

18 Criterio n 31 Criterio n 32 Biodiversità Cotico erboso è conforme al criterio n 31. è conforme al criterio n

19 Dichiarazione di non applicabilità Criterio n 33 Dichiarazione di non applicabilità Criterio n 34 Registrazione animali Cani Dichiaro che il criterio n 33 non è applicabile alla struttura in quanto non vi sono animali. Dichiaro che il criterio n 34 non è applicabile alla struttura in quanto non vi sono cani. Criterio n 33 Criterio n 34 Registrazione animali è conforme al criterio n 33. Si conserva per eventuale verifica copia dei documenti attestanti la registrazione presso l Ente competente. Cani è conforme al criterio n 34. Si conserva per eventuale verifica copia dei documenti attestanti la registrazione presso l Ente competente

20 Criterio n 35 Criterio n 36 OGM è conforme al criterio n 35. Utilizzo mezzi meccanici è conforme al criterio n

21 Criterio n 37 Criterio n 38 Violenza sulle piante Promozione è conforme al criterio n 37. è conforme al criterio n

MODULI DI VERIFICA PER L ECOLABEL EUROPEO

MODULI DI VERIFICA PER L ECOLABEL EUROPEO Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i Servizi Tecnici MODULI DI VERIFICA PER L ECOLABEL EUROPEO EU Eco-Label Per IL SERVIZIO DI RICETTIVITÀ TURISTICA [Luglio 2005] Informazioni Generali Sezione

Dettagli

Ecolabel, pro dotti e servizi a marchio

Ecolabel, pro dotti e servizi a marchio Il Divulgatore n 6/2006 Aziende agricole in Eco-gestione pagg.26-39 Ecolabel, pro dotti e servizi a marchio Una margherita per identificare un prodotto o un servizio che lungo tutto il suo ciclo di vita

Dettagli

Marchio di qualità "Ospitalità ecosostenibile Frignano"

Marchio di qualità Ospitalità ecosostenibile Frignano Marchi di certificazione dei fornitori di qualità ambientale del Parco Regionale dell'alto Appennino Modenese Marchio di qualità "Ospitalità ecosostenibile Frignano" Esercizi a cui è rivolta l'iniziativa

Dettagli

La raccolta dati viene effettuata attraverso tre fasi:

La raccolta dati viene effettuata attraverso tre fasi: Il marchio Ecolabel è applicabile a tutte le strutture turistiche che prevedono, come attività principale, l erogazione a pagamento del servizio di pernottamento. La richiesta deve essere effettuata dal

Dettagli

CRITERI FACOLTATIVI: VERSO L ECOLABEL EUROPEO

CRITERI FACOLTATIVI: VERSO L ECOLABEL EUROPEO CRITERI FACOLTATIVI: VERSO L ECOLABEL EUROPEO Il Progetto SeA Sostenibilità e Accoglienza nel Parco nazionale del Circeo prevede l identificazione concordata e partecipata con gli aderenti al progetto

Dettagli

Confrontiamoci con l Ecolabel: i criteri ecologici in sintesi

Confrontiamoci con l Ecolabel: i criteri ecologici in sintesi Confrontiamoci con l Ecolabel: i criteri ecologici in sintesi Invitiamo gli albergatori a confrontarsi con questa tabella per valutare l impegno e il grado di difficoltà richiesto dall applicazione dei

Dettagli

COMMISSIONE. (Testo rilevante ai fini del SEE) (2009/578/CE)

COMMISSIONE. (Testo rilevante ai fini del SEE) (2009/578/CE) 30.7.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 198/57 COMMISSIONE DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 9 luglio 2009 che stabilisce i criteri ecologici per l assegnazione del marchio comunitario di qualità

Dettagli

COMMISSIONE. 29.4.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 108/67

COMMISSIONE. 29.4.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 108/67 29.4.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 108/67 COMMISSIONE DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 14 aprile 2005 che stabilisce i criteri per l assegnazione di un marchio comunitario di qualità ecologica

Dettagli

Informazioni generali sull Ecolabel europeo per il Servizio di ricettività turistica. 1. Chi può richiedere l Ecolabel?

Informazioni generali sull Ecolabel europeo per il Servizio di ricettività turistica. 1. Chi può richiedere l Ecolabel? Informazioni generali sull Ecolabel europeo per il Servizio di ricettività turistica Istituito nel 99, il marchio comunitario di qualità ecologica o Ecolabel (regolamento europeo n. 980 del 7 luglio 000),

Dettagli

Il turismo sostenibile per le aree protette e la Carta del Turismo Sostenibile

Il turismo sostenibile per le aree protette e la Carta del Turismo Sostenibile Il turismo sostenibile per le aree protette e la Carta del Turismo Sostenibile Regolamento europeo Ecolabel: adesione al sistema e opportunità competitive; Criteri di adesione per le strutture ricettive

Dettagli

anni '90 : l'ue adotta uno schema di certificazione per la qualità ecologica dei prodotti (Regolamento 880/92)

anni '90 : l'ue adotta uno schema di certificazione per la qualità ecologica dei prodotti (Regolamento 880/92) anni '90 : l'ue adotta uno schema di certificazione per la qualità ecologica dei prodotti (Regolamento 880/92) (sostituito dal Regolamento 1980/2000) Art. 1.1 Il marchio ha l obiettivo di promuovere prodotti

Dettagli

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale Giovedì 29 Marzo ore 14,30 18,30 Mercato Saraceno, Sala del Consiglio Andrea Zanfini EQO Srl Via Verde, 11 Bologna P.za Falcone Borsellino,

Dettagli

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Indirizzi del settore energia nella provincia di Livorno Roberto Bianco 19 giugno 2007 1 Pianificazione energetica provinciale: di linee di indirizzo

Dettagli

I.C. Sorelle Agazzi Scuola secondaria di primo grado Rodari Via Gabbro 6/a MI Classe 1 C A.S. 2011/2012 Progetto: Cart anchio a cura del WWF

I.C. Sorelle Agazzi Scuola secondaria di primo grado Rodari Via Gabbro 6/a MI Classe 1 C A.S. 2011/2012 Progetto: Cart anchio a cura del WWF I.C. Sorelle Agazzi Scuola secondaria di primo grado Rodari Via Gabbro 6/a MI Classe 1 C A.S. 2011/2012 Progetto: Cart anchio a cura del WWF Se Tutto Fosse Costruito Così... La nostra classe con la Professoressa

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

Efficienza energetica negli edifici

Efficienza energetica negli edifici Efficienza energetica negli edifici Marco Filippi Dipartimento di Energetica, Politecnico di Torino data conferenza In Italia si contano circa 13 milioni di edifici, di cui l 85% sono a destinazione residenziale,

Dettagli

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI DATI GENERALI Destinazione d'uso Oggetto dell'attestato Nuova costruzione Residenziale Intero edificio Passaggio di proprietà Non residenziale Unità immobiliare Locazione Classificazione D.P.R. 412/93:

Dettagli

Allegato B. Specifiche e requisiti tecnici minimi degli interventi

Allegato B. Specifiche e requisiti tecnici minimi degli interventi AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESONE DI FINANZIAMENTI DI INTERVENTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI ALTERNATIVE DESTINATA ALL AUTOCONSUMO A SERVIZIO DEL SETTORE COMMERCIALE - ARTIGIANALE - INDUSTRIALE -

Dettagli

Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene.

Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene. Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene. Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene E un progetto con il quale Banca Popolare di Bergamo contempera l esercizio della propria attività

Dettagli

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico 4 febbraio 2009 Contabilità delle emissioni comunali Il progetto è nato dalla collaborazione di CISA con ENEA. Enea ha messo a

Dettagli

DOSSIER PARERE PREVISTO NUMERO ARTICOLI

DOSSIER PARERE PREVISTO NUMERO ARTICOLI DOSSIER PL n. 514/9 di iniziativa del Consigliere A. NICOLÒ recante: "Modifiche ed integrazioni alla legge regionale 7 marzo 1995, n. 4 (Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri)"

Dettagli

FINANZIARIA 2008 Parma 5.02.2008

FINANZIARIA 2008 Parma 5.02.2008 FINANZIARIA 2008 Parma 5.02.2008 INCENTIVI PREVISTI DALLA FINANZIARIA 2007 Riqualificazione edifici con miglioramento del 20% Infissi con finestre, parti opache Caldaie a condensazione Solare Termico Fotovoltaico

Dettagli

Istruzione per l immissione dei dati

Istruzione per l immissione dei dati Istruzione per l immissione dei dati I dati da inserire si riferiscono all anno solare scorso. Si prega di inserire i dati in modo corretto e scrupoloso. I dati pervenuti all ufficio verranno inseriti

Dettagli

Il prodotto. Taglia la bolletta. Rispetta l ambiente. Partecipa alla rivoluzione energetica. Chi siamo

Il prodotto. Taglia la bolletta. Rispetta l ambiente. Partecipa alla rivoluzione energetica. Chi siamo IL TandEM PERCHE New! Taglia la bolletta Installando il TandEM di asjagen puoi generare contemporaneamente energia elettrica e calore (cogenerazione ad alto rendimento) utilizzando un unico combustibile.

Dettagli

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013 Gentile famiglia Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Il Comune di Brivio ha sottoscritto il Patto dei Sindaci, iniziativa Europea nata

Dettagli

A T T E S T A T O D I P R E S T A Z I O N E E N E R G E T I C A D E G L I E D I F I C I CODICE IDENTIFICATIVO: 001.2016 VALIDO FINO: 02/02/2026

A T T E S T A T O D I P R E S T A Z I O N E E N E R G E T I C A D E G L I E D I F I C I CODICE IDENTIFICATIVO: 001.2016 VALIDO FINO: 02/02/2026 simbolo regione A T T E S T A T O D I P R E S T A Z I O N E DATI GENERALI Destinazione d'uso Oggetto dell'attestato Nuova costruzione Residenziale Intero edificio Passaggio di proprietà Non residenziale

Dettagli

COMUNE DI AGNONE (IS)

COMUNE DI AGNONE (IS) COMUNE DI AGNONE (IS) CARATTERISTICHE EDIFICIO 1. Quanti sono i piani fuori terra dell edificio in cui vive? 2. Sono presenti piani interrati (cantine, garage, magazzini, ecc.)? SI NO 3. Qual è l altezza

Dettagli

COMUNE DI DISO Provincia di Lecce

COMUNE DI DISO Provincia di Lecce COMUNE DI DISO Provincia di Lecce INTERVENTO DI RIQUALIFICAZIONE ED EFFICIENTMAMENTO ENERGETICO DELL'IMMOBILE COMUNALE EX CONVENTO DEI PADRI CAPPUCCINI Programma Operativo Interregionale "Energie rinnovabili

Dettagli

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO La gestione ambientale di una struttura turistica prevede di porre sotto controllo, gestire e ridurre gli impatti ambientali legati al ciclo di vita

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 21 settembre 2009 n.129 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto il Decreto Delegato 25 giugno 2009 n.90 Audit Energetico obbligatorio,

Dettagli

L Ecolabel Europeo per i servizi turistici

L Ecolabel Europeo per i servizi turistici LA DELLE GESTIONE STRUTTURE AMBIENTALE TURISTICHE DELLE OPPORTUNITA STRUTTURE E CONFORMITA TURISTICHE NORMATIVA L Ecolabel Europeo per i servizi turistici Il disciplinare e le buone pratiche per l efficienza

Dettagli

"# # COMUNE DI ! " 1 ' '2 /%3 % $ ) ( www.agenda21altogarda.it Sportello Agenda 21 tel. 0464.573888 - fax 0464.552410

# # COMUNE DI !  1 ' '2 /%3 % $ ) ( www.agenda21altogarda.it Sportello Agenda 21 tel. 0464.573888 - fax 0464.552410 "# # COMUNE DI! " $ %&' & & ()**+,*- **+,*-./%&% %0 $ 1 ' '2 /%3 % $ ) ( &03%& 4 5## 6##)7 ##88 886##)7 '8**+ www.agenda21altogarda.it Sportello Agenda 21 tel. 0464.573888 - fax 0464.552410 Comune di Riva

Dettagli

E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni europei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria.

E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni europei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria. COS E IL PATTO DEI SINDACI? E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni pei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria. La ratifica del Patto impegna i Comuni a: Ridurre

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

Studio Tecnico S T A V I n g e g n e r i a E n e r g e t i c a

Studio Tecnico S T A V I n g e g n e r i a E n e r g e t i c a Scheda LETTERA INFORMATIVA ai sensi dell ALLEGATO 6 della PARTE SECONDA della D.A.L. 156/08 - Modello A N : Data: IMMOBILE O UNITA IMMOBILIARE OGGETTO DEL SERVIZIO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

Dettagli

TARIFFA D1. Tariffa elettrica speciale per pompe di calore

TARIFFA D1. Tariffa elettrica speciale per pompe di calore TARIFFA D1 Tariffa elettrica speciale per pompe di calore DELIBERA AEEG 607/2013/R/EEL Lo scorso 23/12 l AEEG ha emesso una delibera relativa al rilascio di una nuova tariffa di rete per la fornitura di

Dettagli

Un impianto termico è ciò che provvede a riscaldare nella stagione invernale o a raffreddare nella stagione estiva unità immobiliari edifici (per

Un impianto termico è ciò che provvede a riscaldare nella stagione invernale o a raffreddare nella stagione estiva unità immobiliari edifici (per Un impianto termico è ciò che provvede a riscaldare nella stagione invernale o a raffreddare nella stagione estiva unità immobiliari o edifici (per approfondimenti, vedere la definizione della legge 90/2013).

Dettagli

GENERAZIONE DISTRIBUITA COGENERAZIONE NEL SETTORE INDUSTRIALE

GENERAZIONE DISTRIBUITA COGENERAZIONE NEL SETTORE INDUSTRIALE GENERAZIONE DISTRIBUITA COGENERAZIONE NEL SETTORE INDUSTRIALE LA COGENERAZIONE FINO A 10 MW Microturbine Piccoli cogeneratori (< 100 kw) Applicazioni nel settore civile e terziario Motori endotermici 1500

Dettagli

Fonti Energetiche Rinnovabili

Fonti Energetiche Rinnovabili Fonti Energetiche Rinnovabili Fonti Energetiche Rinnovabili (FER) V Conto Energia - FOTOVOLTAICO FER Elettriche Energia prodotta dagli impianti collegati alla rete elettrica che può essere incentivata

Dettagli

A T T E S TAT O D I P R E S TA Z I O N E E N E R G E T I C A D E G L I E D I F I C I

A T T E S TAT O D I P R E S TA Z I O N E E N E R G E T I C A D E G L I E D I F I C I PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI IMPIANTI E CONSUMI STIMATI La sezione riporta l indice di prestazione energetica rinnovabile e non rinnovabile, nonché una stima dell energia consumata annualmente dall immobile

Dettagli

Nuova economia locale per le aree ad alto valore ambientale

Nuova economia locale per le aree ad alto valore ambientale Unione europea Fondo sociale europeo Direzione Generale per le Politiche per l Orientamento e la Formazione iniziativa comunitaria Equal Nuova economia locale per le aree ad alto valore ambientale Disciplinare

Dettagli

PRESENTAZIONE Caso di studio

PRESENTAZIONE Caso di studio Allegato 1d ATTIVITA DI ANIMAZIONE RIVOLTE AGLI OPERATORI DELLA RICETTIVITA POR CAMPANIA 2000-2006 MISURA 1.9-PROGETTI MONOSETTORIALI REGIONE CAMPANIA MISURA 1.9 PROGETTI MONOSETTORIALI Recupero, valorizzazione

Dettagli

GESTIONE RISORSE NATURALI E FONTI ENERGETICHE ACQUA

GESTIONE RISORSE NATURALI E FONTI ENERGETICHE ACQUA GESTIONE RISORSE NATURALI E FONTI ENERGETICHE ACQUA Nel 2014 è diminuito del 5% il consumo di acqua rispetto al 2013. Infatti il consumo per ogni notte-ospite è stato di litri 144, 40 con un risparmio

Dettagli

Le Energy Saving Companies (ESCO) e la produzione di energia da fonti rinnovabili

Le Energy Saving Companies (ESCO) e la produzione di energia da fonti rinnovabili LA MULTIFUNZIONALITÀ DELLE AZIENDE AGRICOLE: LE AZIENDE AGRIENERGETICHE NEI PICCOLI COMUNI Convegno nazionale Rocchetta Sant Antonio 28 maggio 2005 Le Energy Saving Companies (ESCO) e la produzione di

Dettagli

SCHEDA questionario da compilarsi dall Ente competente

SCHEDA questionario da compilarsi dall Ente competente SCHEDA questionario da compilarsi dall Ente competente COMUNE DI Provincia di Nome e qualifica del funzionario che compila il questionario Ufficio/Ente/Servizio che compila il questionario Indirizzo CAP

Dettagli

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CODICE IDENTIFICATIVO: 15T033A001A VALIDO FINO: 19/11/2025

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CODICE IDENTIFICATIVO: 15T033A001A VALIDO FINO: 19/11/2025 DATI GENERALI Destinazione d'uso Oggetto dell'attestato Nuova costruzione Residenziale Intero edificio Passaggio di proprietà Non residenziale Unità immobiliare Locazione Classificazione D.P.R. 412/93:

Dettagli

INCENTIVI PER INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA E FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE

INCENTIVI PER INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA E FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE 16 ottobre 2014 - Unione dei Comuni Colline di Langa e del Barolo INCENTIVI PER INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA E FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE Relatore: Geom. Fabio Girolametti NOVITÀ INTRODOTTE DALLA

Dettagli

Ecolabel europeo: un valore aggiunto per prodotti e servizi

Ecolabel europeo: un valore aggiunto per prodotti e servizi Un fiore all occhiello: Ecolabel UE Riccione, 12 ottobre 2006 Ecolabel europeo: un valore aggiunto per prodotti e servizi Stefania Minestrini APAT- L ECOLABEL EUROPEO QUALITÀ AMBIENTALE COME QUALITÀ AGGIUNTIVA

Dettagli

menoenergia LE ENERGIE RINNOVABILI DEFINITE DAL DLgS 28/3/2011 MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE BUSINESS CASE

menoenergia LE ENERGIE RINNOVABILI DEFINITE DAL DLgS 28/3/2011 MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE BUSINESS CASE LE ENERGIE RINNOVABILI DEFINITE DAL DLgS 28/3/2011 menoenergia MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE BUSINESS CASE 1 LE COSA LE ENERGIE RICHIESTE E UNA COSA RINNOVABILI POMPA DI E RINNOVABILE

Dettagli

Criteri ecologici per l assegnazione del marchio comunitario di qualità ecologica ai servizi di campeggio (Regolamento 2009/564/CE)

Criteri ecologici per l assegnazione del marchio comunitario di qualità ecologica ai servizi di campeggio (Regolamento 2009/564/CE) Criteri ecologici per l assegnazione del marchio comunitario di qualità ecologica ai servizi di campeggio (Regolamento 2009/564/CE) CHECK LIST_ campeggio NOME STRUTTURA: INDIRIZZO: Parte A criteri obbligatori

Dettagli

CONSIDERAZIONI E PROPOSTE RELATIVE AL

CONSIDERAZIONI E PROPOSTE RELATIVE AL AUDIZIONE PRESSO LE COMMISSIONI 6 a E 10 a DEL SENATO 18 GIUGNO 2013 CONSIDERAZIONI E PROPOSTE RELATIVE AL DDL CONVERSIONE DECRETO LEGGE N. 63/2013 RECANTE RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2010/31/UE DEL PARLAMENTO

Dettagli

Workshop Industria. La riqualificazione dello stabilimento produttivo di un industria metalmeccanica: soluzioni integrate per l efficienza energetica

Workshop Industria. La riqualificazione dello stabilimento produttivo di un industria metalmeccanica: soluzioni integrate per l efficienza energetica Workshop Industria La riqualificazione dello stabilimento produttivo di un industria metalmeccanica: soluzioni integrate per l efficienza energetica Sergio Cucchiara ANIMA Assotermica OBIETTIVI DA PERSEGUIRE

Dettagli

Corso avanzato CasaClima per artigiani e piccole imprese

Corso avanzato CasaClima per artigiani e piccole imprese Corso avanzato CasaClima per artigiani e piccole imprese Il Corso avanzato CasaClima per artigiani e piccole imprese è organizzato in modo da formare contemporaneamente le imprese e gli operatori che intervengono

Dettagli

SCHEDA TECNICA IMPIANTI TERMICI A BIOMASSA

SCHEDA TECNICA IMPIANTI TERMICI A BIOMASSA RICHIEDENTE UBICAZIONE DELL INTERVENTO SCHEDA TECNICA IMPIANTI TERMICI A BIOMASSA SOMMARIO 1. CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO ESISTENTE 2. CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO A BIOMASSA DA REALIZZARE 3. CARATTERISTICHE

Dettagli

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Area geografica Ubicazione intervento Regione Campania Provincia di Salerno Comune di SALERNO Via Roma, 12 Proprietà Rossi Mario Progettista Ing. Nervi Costruttore EDILCOM

Dettagli

trasporti il kit del risparmio trasporti dell effetto serra. Si calcola che negli ultimi 10 anni, le emissioni di CO 2

trasporti il kit del risparmio trasporti dell effetto serra. Si calcola che negli ultimi 10 anni, le emissioni di CO 2 trasporti il kit del risparmio trasporti L automobile è, per il singolo come per la famiglia, la seconda voce di spesa dopo l abitazione, sia per l acquisto che per i consumi energetici. Rappresenta generalmente

Dettagli

Progetto Formativo MACROAREA AGROAMBIENTALE

Progetto Formativo MACROAREA AGROAMBIENTALE Progetto: MISURA 111 Azione 1 Formazione- Pacchetto Formativo Misto Ambito: Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Sede: GANGI Corso di formazione per ESPERTO AGROAMBIENTALE Progetto Formativo

Dettagli

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CODICE IDENTIFICATIVO: Interno 5 VALIDO FINO: 31/01/2026

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CODICE IDENTIFICATIVO: Interno 5 VALIDO FINO: 31/01/2026 DATI GENERALI Destinazione d'uso Oggetto dell'attestato Nuova costruzione Residenziale Intero edificio Passaggio di proprietà Non residenziale Unità immobiliare Locazione Classificazione D.P.R. 412/93:

Dettagli

IL CONI PER L AMBIENTE

IL CONI PER L AMBIENTE 6 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE L IMPATTO AMBIENTALE DEL CONI 116 CONI BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2013 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE Il CONI pone una particolare attenzione

Dettagli

GREEN KEY REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE INTERNAZIONALE AMBIENTALE DELLE STRUTTURE TURISTICHE ITALIANE

GREEN KEY REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE INTERNAZIONALE AMBIENTALE DELLE STRUTTURE TURISTICHE ITALIANE GREEN KEY REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE INTERNAZIONALE AMBIENTALE DELLE STRUTTURE TURISTICHE ITALIANE - HOTEL 2013 I criteri menzionati qui sotto sono i criteri internazionali di The Green Key, essi

Dettagli

LE FONTI RINNOVABILI ED IL LORO UTILIZZO. APPLICAZIONI NEL CAMPUS DI FISCIANO

LE FONTI RINNOVABILI ED IL LORO UTILIZZO. APPLICAZIONI NEL CAMPUS DI FISCIANO LE FONTI RINNOVABILI ED IL LORO UTILIZZO. APPLICAZIONI NEL CAMPUS DI FISCIANO Prof. Ing. Ciro Aprea Dipartimento di Ingegneria Industriale Università degli Studi di Salerno DEFINIZIONE SI POSSONO DEFINIRE

Dettagli

GLI EDIFICI SONO LA 1 FORMA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE COSTO PER IL RISCALDAMENTO DI UN EDIFICIO

GLI EDIFICI SONO LA 1 FORMA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE COSTO PER IL RISCALDAMENTO DI UN EDIFICIO GLI EDIFICI SONO LA 1 FORMA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE COSTO PER IL RISCALDAMENTO DI UN EDIFICIO Si valuta tramite un indice di prestazione energetica, EPi, definito come: L unità di misura indicata, kwh/(m²

Dettagli

IL NUOVO CONTO TERMICO

IL NUOVO CONTO TERMICO IL NUOVO CONTO TERMICO Secondo il Decreto Ministeriale del 28/12/2012 G.U. n 1 del 2 gennaio 2013 Incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica

Dettagli

Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori

Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori Agenzia per l Energia e lo Sviluppo Sostenibile del Comune di Roma Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori Abitazioni energeticamente efficienti Buona parte delle abitazioni

Dettagli

Per una migliore qualità della vita.

Per una migliore qualità della vita. Per una migliore qualità della vita. per Chiusa confortevole ed ecologico per Chiusa. Più qualità della vita in un ambiente pulito. Nella scelta dell approvvigionamento del calore possiamo provvedere ad

Dettagli

Energia Geotermica a Trieste

Energia Geotermica a Trieste Energia Geotermica a Trieste Ing. Fabio Morea Ufficio Risparmio Energetico ed Energie Alternative Settore Ambiente ed Energia Comune di Trieste Impianti geotermici in edifici esistenti Gli impianti di

Dettagli

FAREFFICIENZA SRL TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA. Ing Lorenzo FABBRICATORE FAREFFICIENZA SRL

FAREFFICIENZA SRL TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA. Ing Lorenzo FABBRICATORE FAREFFICIENZA SRL TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA Ing Lorenzo FABBRICATORE FAREFFICIENZA SRL 1 - Presentazione FAREFFICIENZA SRL - Titoli di efficienza energetica - Tipologia di interventi ammissibili - Esempi economici

Dettagli

Convegno: GEOTERMIA il riscaldamento ecologico e rinnovabile

Convegno: GEOTERMIA il riscaldamento ecologico e rinnovabile Convegno: GEOTERMIA il riscaldamento ecologico e rinnovabile COSTRUIRE E RISTRUTTURARE IN MANIERA SOSTENIBILE: vantaggi della pompa di calore ed esempi pratici Relatore ing. Simone Pronsati Impianto acqua-acqua

Dettagli

rendimento energetico nell'edilizia

rendimento energetico nell'edilizia Efficienza.. La Direttiva 2002/91/CE sul rendimento energetico nell'edilizia L'energia impiegata nel settore residenziale e terziario... rappresenta oltre il 40 % del consumo finale di energia della Comunità

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 COMMITTENTE : CONI SPA EDIFICIO : PISCINA MILANO CONI INDIRIZZO : VIA MONTEVIDEO N.20

Dettagli

regolatorie- proposte

regolatorie- proposte SICUREZZA: Novità legislative e regolatorie- proposte La sicurezza degli impianti gas esistenti: un requisito fondamentale ed una grande opportunità Mauro Farronato ASSOTERMICA L Associazione Nazionale

Dettagli

S.A. 59 - Ecolav The file was converted using http://www.convertapi.com Please purchase credits to remove this text http://www.convertapi.

S.A. 59 - Ecolav The file was converted using http://www.convertapi.com Please purchase credits to remove this text http://www.convertapi. S.A. 59 - Ecolav ANAGRAFICA Ragione Sociale S.A. 59 - Ecolav Via / Piazza vai CAP 00101 Regione Campania Provincia Napoli Comune Bacoli Partita IVA 123123 Referente Aziendale gt Presenza Energy Manager

Dettagli

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili Tesina di tecnica L Energie Rinnovabili L Energia: parte della nostra vita quotidiana Nella vita di tutti i giorni, forse senza saperlo, consumiamo energia, anche senza saperlo. Infatti un corpo che è

Dettagli

ELETTROGREEN POWER S.r.l.

ELETTROGREEN POWER S.r.l. PRESENTAZIONE ATTIVITA Latina, 18 settembre 2012 PRESENTAZIONE ATTIVITA Elettrogreen Power fondata a Genova nel 2006; qualificata come E.S.Co. dal 2006; costituita da un team di ingegneri e dottori in

Dettagli

Gestione razionale dell'energia nei comuni: Quale novità porta il mercato liberalizzato?

Gestione razionale dell'energia nei comuni: Quale novità porta il mercato liberalizzato? 21-22-23 Gennaio 2003 Gestione razionale dell'energia nei comuni: Quale novità porta il mercato liberalizzato? Un nuovo ruolo per il distributore 05/02/2003 Fiera Forum Milano 21-22 - 23 Gennaio 2003 1

Dettagli

COMUNE SAN TAMMARO SI X X NO SI X SI X COMUNITA' MONTANA 1.Tenuta Reale di Carditello PIANO ENERGETICO

COMUNE SAN TAMMARO SI X X NO SI X SI X COMUNITA' MONTANA 1.Tenuta Reale di Carditello PIANO ENERGETICO DATI GENERALI VINCOLI SULL'AREA TERRITORIALE REGIONE CAMPANIA PROVINCIA CASERTA AMBIENTALI PAESAGGISTICI ARCHEOLOGICI PARCHI NATURALI COMUNE SAN TAMMARO SI X X NO SI X SI X COMUNITA' MONTANA SE SI INDICARE

Dettagli

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio VIA SOLFERINO N 55-25121 - BRESCIA www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it Tel. 030-3757406 Fax 030-2899490 1 2 3 INDICE 1 Generalità pag. 04 2 Il comparto

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

PEP (PIANO ENERGETICO

PEP (PIANO ENERGETICO ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO PER LE PP.AA. PIANIFICAZIONI ENERGETICHE LOCALI ED OPPORTUNITA PER L ENTE PUBBLICO E LA COMUNITA PEN (PIANO ENERGETICO NAZIONALE) PER (PIANO ENERGETICO REGIONALE)

Dettagli

IL NUOVO LIBRETTO DI IMPIANTO: UNA GUIDA PER IL CITTADINO

IL NUOVO LIBRETTO DI IMPIANTO: UNA GUIDA PER IL CITTADINO IL NUOVO LIBRETTO DI IMPIANTO: UNA GUIDA PER IL CITTADINO IL LIBRETTO Il Libretto è la Carta di Identità dell impianto. Identifica le principali caratteristiche tecniche e riporta tutte le modifiche, le

Dettagli

Il ritorno dell investimento energetico. Gli strumenti di incentivazione della Regione Piemonte nel settore energetico

Il ritorno dell investimento energetico. Gli strumenti di incentivazione della Regione Piemonte nel settore energetico Il ritorno dell investimento energetico Torino 17 Novembre 2008 Gli strumenti di incentivazione della Regione Piemonte nel settore energetico Arch. Aurelia VINCI L ENERGIA IN PIEMONTE: LE PRIORITÀ Le priorità

Dettagli

Impianti di COGENERAZIONE

Impianti di COGENERAZIONE Impianti di COGENERAZIONE Definizione: produrre energia insieme Produzione combinata di : 1. energia elettrica/meccanica 2. energia termica (calore) ottenute in appositi impianti utilizzanti la stessa

Dettagli

RELAZIONE DI DESCRIZIONE DEI LOCALI-IMPIANTI E DELLE ATTREZZATURE (stabilimenti di produzione, preparazione confezionamento, depositi all'ingrosso)

RELAZIONE DI DESCRIZIONE DEI LOCALI-IMPIANTI E DELLE ATTREZZATURE (stabilimenti di produzione, preparazione confezionamento, depositi all'ingrosso) RELAZIONE DI DESCRIZIONE DEI LOCALI-IMPIANTI E DELLE ATTREZZATURE (stabilimenti di produzione, preparazione confezionamento, depositi all'ingrosso) Allegato 2 PAG. 1 ALLEGATO alla domanda di autorizzazione

Dettagli

Appendice B - Format di Attestato di Prestazione Energetica (APE)

Appendice B - Format di Attestato di Prestazione Energetica (APE) Appendice B - Format di Attestato di Prestazione Energetica (APE) Logo DATI GENERALI Destinazione d uso Residenziale Non residenziale Classificazione D.P.R. 412/93: Oggetto dell attestato Intero edificio

Dettagli

Sostenibilità energetica settore terziario: turismo. Claudia Carani Modena, 08-09 Maggio 2013

Sostenibilità energetica settore terziario: turismo. Claudia Carani Modena, 08-09 Maggio 2013 Sostenibilità energetica settore terziario: turismo Claudia Carani Modena, 08-09 Maggio 2013 1 Il progetto RELACS Il turismo è uno dei principali settori economici Circa il 50% degli hotel sono situati

Dettagli

Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali

Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali Nuove forme di integrazione ambientale in agricoltura Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali Luca Castellazzi Ancona, 25 marzo 2004 Cos è la biomassa Il termine biomassa comprende tutte

Dettagli

FATTORI DI EMISSIONE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DI CO 2 DEI COMBUSTIBILI PER IL

FATTORI DI EMISSIONE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DI CO 2 DEI COMBUSTIBILI PER IL TENORE DI ENERGIA PRIMARIA DEI COMBUSTIBILI PER IL CONSUMO FINALE Tenore Di Energia TE COMBUSTIBILE UTILIZZATO (kj / kg) Carbone 28.500 combustibile Coke da carbone 29.600 Legno e combustibile legnoso

Dettagli

GUIDA sui nuovi INCENTIVI del SOLARE TERMICO e POMPE DI CALORE

GUIDA sui nuovi INCENTIVI del SOLARE TERMICO e POMPE DI CALORE GUIDA sui nuovi INCENTIVI del SOLARE TERMICO e POMPE DI CALORE Detrazione fiscale 65% Conto Termico Quale INCEN CONTO TERMICO per un impi Una forma di incentivazione è quella indicata dal Decreto DM 28/12/12

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA la certificazione energetica: stato attuale e prospettive

IL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA la certificazione energetica: stato attuale e prospettive Regione Lombardia IL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA la certificazione energetica: stato attuale e prospettive REGIONE LOMBARDIA Reti e Servizi di Pubblica Utilità e Sviluppo Sostenibile I CONSUMI DEL

Dettagli

Tutti gli incentivi per i cittadini come da:

Tutti gli incentivi per i cittadini come da: - Finanziaria 2008 Tutti gli incentivi per i cittadini come da: - Nuovo Conto Energia per il Fotovoltaico (Febbraio 07) - Certificati Verdi e le nuove incentivazioni per la produzione di energia elettrica

Dettagli

PMI Day 2015 Quinta Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese 13 novembre 2015 - Centrale Turbo Gas di Gissi

PMI Day 2015 Quinta Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese 13 novembre 2015 - Centrale Turbo Gas di Gissi PMI Day 2015 Quinta Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese 13 novembre 2015 - Centrale Turbo Gas di Gissi Prospettive energetiche Oggi e Domani DA DOVE ARRIVA L ENERGIA? L energia si può ottenere

Dettagli

1.BREVE DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA

1.BREVE DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA ALLEGATO B AVVISO PUBBLICO ALLE AMMINISTRAZIONI DELLO STATO, REGIONI, PROVINCE, COMUNI E COMUNITA MONTANE DELLE REGIONI CONVERGENZA PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DA REALIZZARE NELL AMBITO DELLA LINEA

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 COMMITTENTE : EDIFICIO : Appartamento VICENZA INDIRIZZO : COMUNE : VICENZA INTERVENTO

Dettagli

caso di studio:cooperative di abitazione Borghetto dei pescatori, Ostia

caso di studio:cooperative di abitazione Borghetto dei pescatori, Ostia CONSULTA PER IL PROGETTO SOSTENIBILE E L EFFICIENZA ENERGETICA CORSO DI FORMAZIONE PROGETTO DI QUALITA ED EFFICIENZA ENERGETICA ED AMBIENTALE Lezione del Venerdì 4 Aprile 2008 caso di studio:cooperative

Dettagli

Vademecum per i cittadini

Vademecum per i cittadini Impianti termici degli edifici Esercizio, controllo e manutenzione, accertamenti ed ispezioni nella Regione Marche. (Legge Regionale 20 aprile 2015, n. 19) Vademecum per i cittadini IMPIANTO TERMICO L

Dettagli

Agricoltura e Agro-energie 1

Agricoltura e Agro-energie 1 Agricoltura e Agro-energie 1 I macro temi segnalati nella mappa sono trattati nella presentazione e fruibili attraverso schede di approfondimento. Agricoltura e Agro-energie 2 L agro-ecosistema è un ecosistema

Dettagli

L obbligo di dotare gli edifici di impianti alimentati da fonti rinnovabili

L obbligo di dotare gli edifici di impianti alimentati da fonti rinnovabili L obbligo di dotare gli edifici di impianti alimentati da fonti rinnovabili D.Lgs. 3 marzo 2011, n. 28 L obbligo di dotare gli edifici di impianti alimentati da fonti rinnovabili non è certamente una novità.

Dettagli

X Climatizzazione invernale Ventilazione meccanica Illuminazione

X Climatizzazione invernale Ventilazione meccanica Illuminazione DATI GENERALI Destinazione d'uso Oggetto dell'attestato Nuova costruzione X Residenziale Intero edificio X Passaggio di proprietà Non residenziale X Unità immobiliare Locazione Gruppo di unità immobiliari

Dettagli

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014 Patrocinio Università degli Studi di Genova Facoltà di Architettura - Dipartimento di Scienze per l'architettura Dottorato di Ricerca in "Recupero Edilizio ed Ambientale" Provincia di Genova CONVEGNO FACILITY

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Durata 80 ore + 2 ore di ulteriore esercitazione (project work) Conforme al D.P.R. 16 aprile 2013 n. 75 MODULO I 6 ore LA

Dettagli