anni '90 : l'ue adotta uno schema di certificazione per la qualità ecologica dei prodotti (Regolamento 880/92)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "anni '90 : l'ue adotta uno schema di certificazione per la qualità ecologica dei prodotti (Regolamento 880/92)"

Transcript

1

2 anni '90 : l'ue adotta uno schema di certificazione per la qualità ecologica dei prodotti (Regolamento 880/92) (sostituito dal Regolamento 1980/2000) Art. 1.1 Il marchio ha l obiettivo di promuovere prodotti e servizi che durante l intero ciclo di vita presentino un minore impatto ambientale contribuendo così ad un uso efficiente delle risorse e ad un elevato livello di protezione dell ambiente

3 è uno strumento volontario di politica ambientale istituito col V programma d azione dell Unione Europea è uno strumento selettivo, basato sulla valutazione delle qualità ecologiche e prestazionali dell intero ciclo di vita dei prodotti, ideato per premiare l eccellenza del mercato èrilasciato da unorganismo Competente con stipula di un contratto e dietro pagamento di diritti d uso annuali.

4 IL RICHIEDENTE invia la domanda e la documentazione Il Comitato Ecolabel-Ecoaudit APAT L APAT effettua l istruttoria (60gg) Il Comitato rilascia l etichetta (30 gg) Il Comitato notifica la decisione alla Commissione UE La Commissione Europea it-it/temi/certificazione_ambientale

5 Mercato: una maggiore visibilità sul mercato attraverso la vendita di prodotti riconosciuti e pubblicizzati su tutto il territorio europeo Competitività: possibilità di distinguersi tra le altre aziende dello stesso settore con prodotti più rispettosi dell ambiente Cliente: è un marchio che può attirare i consumatori sensibili alle tematiche ambientali Possibilità di trovare prodotti di alta qualità ecologica sul mercato garantiti a livello Europeo Opportunità di contribuire direttamente alla riduzione degli impatti ambientali negativi dei prodotti industriali

6 Chi può richiedere la certificazione Ecolabel UE Art. 2 Il gruppo di prodotti servizio di ricettività turistica comprende l erogazione a pagamento del servizio di pernottamento in strutture ricettive dotate di stanze adeguatamente attrezzate con almeno 1 letto, offerto come attività principale a turisti, viaggiatori e ospiti. Il servizio di pernottamento può comprendere l erogazione di servizi di ristorazione, attività di fitness e/o spazi verdi.

7 37 Criteri Obbligatori Devono essere rispettati se applicabili (a meno che la legislazione non stabilisca diversamente) 47 Criteri Opzionali Punteggi minimi richiesti 16,5 punti il servizio base 17,5 punti: servizio base + 1 servizio aggiuntivo 18,5 punti: servizio base + 2 servizi aggiuntivi 19,5 punti: servizio base + 3 servizi aggiuntivi Ristorazione - Attività di fitness - Spazi verdi

8 Energia elettrica da fonti rinnovabili Sistemi di illuminazione a basso consumo energetico per le parti comuni (corridoi/hall) Isolamento delle finestre Rendimento energetico caldaie (> 90%) Informazioni al cliente sul risparmio energetico

9 Sistemi di regolazione della pressione dell acqua Annaffiatura di piante e giardini Adeguamento al Piano Comunale di gestione Acque reflue Cambio a richiesta di asciugamani e lenzuola Manutenzione regolare Informazioni ai clienti sul risparmio di acqua

10 Raccolta differenziata da parte degli ospiti e da parte del personale Separazione/smaltimento dei rifiuti pericolosi da parte del personale Trasporto dei rifiuti Non utilizzare Prodotti usa e getta (igiene per il corpo, tazze-piatti-posate) Procedure per la Gestione dei Rifiuti

11 Quanto costa? Spese istruttoria : 300 (riduzione 75% microimprese rifugi di montagna) Diritto annuale : 0,075 % del fatturato annuo prezzo medio del pernottamento x n. di pernottamenti (min. 100 ) Riduzioni (sono cumulative ma non possono superare il 50%) 25 % per le PMI 25 % per i primi tre richiedenti di ogni Stato membro 15 % per richiedenti registrati EMAS e/o certificati ISO 14001

12 APAT Attivazione collaborazione mirata con il sistema delle Agenzie (2004) Promozione e Diffusione Tradurre adeguatamente i criteri teorici nelle realtà locali Facilitare il più possibile l applicazione dal punto di vista burocratico e pratico Facilitare l accesso alla concessione del marchio alle strutture ricettive interessate it-it/temi/certificazione_ambientale

13 Promozione/diffusione in Emilia Romagna Progetto presentato Implementazione del marchio Ecolabel UE in Emilia Romagna: applicazione al territorio faentino (provincia di Ravenna) Approvazione Incarico di servizio APAT 2004/2005 Avvio 11/02/04 Termine 11/02/05 Soggetti coinvolti Società d Area Terre di Faenza Comune di Faenza ASCOM Faenza Comune di Riolo T. Ufficio Associato Turismo Riolo T.

14 Alcune attività di Progetto N. 2 iniziative pubbliche di promozione/diffusione dell Ecolabel UE mirate agli operatori turistici, alle Pubbliche Amministrazioni, alle Associazioni di categoria Faenza 12 maggio 2004 Riolo Terme 19 ottobre 2004 Realizzazione Pagina web nell ambito del sito di ArpaER Analisi del grado di allineamento ai criteri fissati dalla decisione CE 287/03 delle strutture turistiche partecipanti Supporto/approfondimento tecnico ArpaER alle strutture interessate alla certificazione Ecolabel UE

15

16

17 Questionari ARPA Somministrazione alle strutture turistiche ricettive Analisi dei riscontri prima valutazione Visita alla struttura Approfondimento tecnico Rapporto tecnico individuazione di: criticità, interventi da effettuare, documentazione da reperire Decisione della struttura Supporto ARPAER visite di approfondimento, predisposizione documentazione

18 Progetto ArpaER (2004) Indagine conoscitiva strutture turistiche ricettive - Hotel Criteri Gestione Generale Allineamento strutture Tipo di intervento Impegno richiesto Politica ambientale e Gestionale Basso programma d azione Formazione personale - Gestionale Medio Informazione agli ospiti Gestionale Medio (spegnimento luci, risparmio idrico) Manutenzione generale (elenco attrezzature/manutentori) Gestionale Basso Registrazione EMAS/ISO dei fornitori (almeno 1 dei principali) Gestionale Medio Hotel Ravenna Hotel 1 Faenza Hotel 2 Faenza Hotel 3 Faenza

19 Progetto ArpaER (2004) Indagine conoscitiva strutture turistiche ricettive - Hotel Criteri Energia Allineamento strutture Tipo di intervento Impegno richiesto Fonti rinnovabili Gestionale Medio Sistemi di illuminazione (a basso consumo energetico parti comuni/ spegnimento automatico) Isolamento finestre (doppi vetri o vetri con caratteristiche documentate di isolamento) Tecnico Medio - Tecnico Alto Rendimento energetico Tecnico Medio - caldaie (> 90%) Hotel Ravenna Hotel 1 Faenza Hotel 2 Faenza Hotel 3 Faenza

20 Progetto ArpaER (2004) Indagine conoscitiva strutture turistiche ricettive - Agriturismi Raccolta rifiuti pericolosi Procedure per la corretta gestione dei rifiuti Non utilizzo di prodotti usa e getta (igiene corpo, tazze, posate, lattine) Raccolta differenziata da parte degli ospiti Isolamento finestre Spegnimento automatico sistemi di illuminazione Fonti Rinnovabili Informazioni agli ospiti sul risparmio risorse idriche Cambio su richiesta di asciugamani e lenzuola Collegamento a rete fognaria Collegamento a rete idrica n.8 agriturismi territorio faentino

21 Promozione/diffusione in Emilia Romagna Progetto presentato Implementazione del marchio Ecolabel UE in Emilia-Romagna : applicazione al territorio della provincia di Ravenna e promozione nelle province di Bologna e Rimini Approvazione Incarico di servizio APAT 2005/2006 Avvio Gennaio 2005 Durata 12 mesi

22 Marzo 2005 Obiettivi di Promozione del territorio dell Appennino bolognese Progetto registrazione EMAS delle 4 Comunità Montane presentazione delle potenzialità della certificazione Ecolabel per il settore turistico- novembre 2004 iniziativa mirata agli operatori di settore svolta con la Comunità Montana 5 Valli bolognesi (Turismo & Ambiente) dicembre 2004 Avvio supporto metodologico su n.1 Agriturismo (Comunità Montana 5 Valli bolognesi ) febbraio 2005

23 Presentazione del progetto in provincia di Rimini -(S.Clemente) Coinvolgimento Comune di Ravenna e Provincia di Ravenna con attività mirate di promozione/diffusione alle strutture turistiche del territorio Certificazione Ecolabel UE per n.1 Agriturismo provincia di Ravenna Supporto metodologico ArpaER per la certificazione Ecolabel UE alle strutture turistiche che aderiranno al progetto Presentazione stato d avanzamento del progetto (settembre 2005)

24 News Decisione Commissione UE - pubblicazione entro aprile 2005 Art.1 Il servizio di campeggio comprende la fornitura a pagamento, a titolo di attività principale, di piazzole attrezzate per mezzi di pernottamento mobili entro un area delimitata. Comprende inoltre altre strutture atte al pernottamento di ospiti e aree comuni adibite ai servizi in comune forniti entro l area delimitata. Il servizio di campeggio può inoltre comprendere l erogazione, sotto la gestione del titolare o del gestore del campeggio, di servizi di ristorazione e attività ricreative.

25 News Definizioni Mezzi di pernottamento mobili Tende, Roulottes, Case mobili, Camper Strutture atte al pernottamento di ospiti Bungalow, Unità abitative mobili in affitto, Appartamenti Aree adibite ai servizi in comune Strutture adibite a lavanderia e cucina Supermercati Servizi d informazione

26 36 Criteri Obbligatori News Devono essere rispettati se applicabili (a meno che la legislazione non stabilisca diversamente) 65 Criteri Opzionali Punteggi minimi richiesti 16,5 punti il servizio base 20 punti: servizio base + altre strutture di pernottamento Il punteggio complessivo da raggiungere viene incrementato di 1 punto per ogni servizio aggiuntivo Ristorazione - Attività ricreative

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale Giovedì 29 Marzo ore 14,30 18,30 Mercato Saraceno, Sala del Consiglio Andrea Zanfini EQO Srl Via Verde, 11 Bologna P.za Falcone Borsellino,

Dettagli

Ecolabel europeo: un valore aggiunto per prodotti e servizi

Ecolabel europeo: un valore aggiunto per prodotti e servizi Un fiore all occhiello: Ecolabel UE Riccione, 12 ottobre 2006 Ecolabel europeo: un valore aggiunto per prodotti e servizi Stefania Minestrini APAT- L ECOLABEL EUROPEO QUALITÀ AMBIENTALE COME QUALITÀ AGGIUNTIVA

Dettagli

Ecolabel, pro dotti e servizi a marchio

Ecolabel, pro dotti e servizi a marchio Il Divulgatore n 6/2006 Aziende agricole in Eco-gestione pagg.26-39 Ecolabel, pro dotti e servizi a marchio Una margherita per identificare un prodotto o un servizio che lungo tutto il suo ciclo di vita

Dettagli

PRESENTAZIONE Caso di studio

PRESENTAZIONE Caso di studio Allegato 1d ATTIVITA DI ANIMAZIONE RIVOLTE AGLI OPERATORI DELLA RICETTIVITA POR CAMPANIA 2000-2006 MISURA 1.9-PROGETTI MONOSETTORIALI REGIONE CAMPANIA MISURA 1.9 PROGETTI MONOSETTORIALI Recupero, valorizzazione

Dettagli

L'ecogestione nel settore della ricettività turistica: le Certificazioni ambientali e l'ecolabel Europeo. Laura Beneventi Arpa Umbria

L'ecogestione nel settore della ricettività turistica: le Certificazioni ambientali e l'ecolabel Europeo. Laura Beneventi Arpa Umbria IT FITS-FORUM ITALIANO TURISMO E SOSTENIBILITA Perugia, 10 maggio 2013 L'ecogestione nel settore della ricettività turistica: le Certificazioni ambientali e l'ecolabel Europeo Laura Beneventi Arpa Umbria

Dettagli

Piano di Azione del gruppo di lavoro Albergo Verde. Sui temi della sostenibilità del turismo nel Parco dell Adamello

Piano di Azione del gruppo di lavoro Albergo Verde. Sui temi della sostenibilità del turismo nel Parco dell Adamello Piano di Azione del gruppo di lavoro Albergo Verde Sui temi della sostenibilità del turismo nel Parco dell Adamello Febbraio 2006 Premessa Il seguente Piano di Azioni scaturisce da un articolato processo

Dettagli

Le prescrizioni ambientali sono in parte comuni a tutte le attività, in parte specifiche per i singoli prodotti che interessano le varie attività.

Le prescrizioni ambientali sono in parte comuni a tutte le attività, in parte specifiche per i singoli prodotti che interessano le varie attività. BANDO TIPO E CAPITOLATO TIPO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DELLA RICETTIVITA NELLE STRUTTURE DEL PARCO XXX A BASSO IMPATTO AMBIENTALE. NOTA TECNICA Il Capitolato Tipo Speciale d Appalto

Dettagli

COMMISSIONE. 29.4.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 108/67

COMMISSIONE. 29.4.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 108/67 29.4.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 108/67 COMMISSIONE DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 14 aprile 2005 che stabilisce i criteri per l assegnazione di un marchio comunitario di qualità ecologica

Dettagli

CRITERI FACOLTATIVI: VERSO L ECOLABEL EUROPEO

CRITERI FACOLTATIVI: VERSO L ECOLABEL EUROPEO CRITERI FACOLTATIVI: VERSO L ECOLABEL EUROPEO Il Progetto SeA Sostenibilità e Accoglienza nel Parco nazionale del Circeo prevede l identificazione concordata e partecipata con gli aderenti al progetto

Dettagli

COMMISSIONE. (Testo rilevante ai fini del SEE) (2009/578/CE)

COMMISSIONE. (Testo rilevante ai fini del SEE) (2009/578/CE) 30.7.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 198/57 COMMISSIONE DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 9 luglio 2009 che stabilisce i criteri ecologici per l assegnazione del marchio comunitario di qualità

Dettagli

La raccolta dati viene effettuata attraverso tre fasi:

La raccolta dati viene effettuata attraverso tre fasi: Il marchio Ecolabel è applicabile a tutte le strutture turistiche che prevedono, come attività principale, l erogazione a pagamento del servizio di pernottamento. La richiesta deve essere effettuata dal

Dettagli

da misura e gestione delle performance ambientali a comunicazione certificata eccellenza: basata sul confronto tramite l informazione

da misura e gestione delle performance ambientali a comunicazione certificata eccellenza: basata sul confronto tramite l informazione 1 Strumenti Volontari evoluzione dal 2003 da misura e gestione delle performance ambientali certificazione di gestione: miglioramento continuo a comunicazione certificata eccellenza: basata sul confronto

Dettagli

L Ecolabel europeo per il servizio di ricettività turistica in Sardegna

L Ecolabel europeo per il servizio di ricettività turistica in Sardegna Regione Autonoma della Sardegna Assessorato della Difesa dell'ambiente uaderni dell ambiente L Ecolabel europeo per il servizio di ricettività turistica in Sardegna dicembre 2007 Sommario L Ecolabel Europeo

Dettagli

Dott.ssa Paola Fagioli Legambiente. Le imprese sostenibili a marchio Legambiente: un opportunità per le aziende aspromontane

Dott.ssa Paola Fagioli Legambiente. Le imprese sostenibili a marchio Legambiente: un opportunità per le aziende aspromontane Dott.ssa Paola Fagioli Legambiente Le imprese sostenibili a marchio Legambiente: un opportunità per le aziende aspromontane COS'E' UN ETICHETTA ECOLOGICA Con una etichetta ecologica l'impresa si assume

Dettagli

MODULI DI VERIFICA PER L ECOLABEL EUROPEO

MODULI DI VERIFICA PER L ECOLABEL EUROPEO Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i Servizi Tecnici MODULI DI VERIFICA PER L ECOLABEL EUROPEO EU Eco-Label Per IL SERVIZIO DI RICETTIVITÀ TURISTICA [Luglio 2005] Informazioni Generali Sezione

Dettagli

CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI FINALIZZATI ALL OTTENIMENTO DEL MARCHIO ECOLABEL EUROPEO

CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI FINALIZZATI ALL OTTENIMENTO DEL MARCHIO ECOLABEL EUROPEO PO FESR Sardegna 2007 2013 Competitività regionale e occupazione Asse IV. Ambiente, Attrattività Naturale, Culturale e Turismo Linea di attività 4.2.2.a CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI FINALIZZATI

Dettagli

Autodichiarazione di conformità. Informazioni Generali. Parte 1-Informazioni dettagliate sul richiedente e sul servizio. A.

Autodichiarazione di conformità. Informazioni Generali. Parte 1-Informazioni dettagliate sul richiedente e sul servizio. A. Informazioni Generali Autodichiarazione di conformità Parte 1-Informazioni dettagliate sul richiedente e sul servizio. Servizio di ristorazione - pernottamento - solo colazione - bar - distributore automatico

Dettagli

Circuito turistico integrato

Circuito turistico integrato ospiti di valore Circuito turistico integrato Terre di Siena Ospiti di Valore Codice di comportamento Art. 1 - Valori delle Terre di Siena Lo sviluppo economico delle Terre di Siena dipende dalla capacità

Dettagli

La prevenzione della produzione dei rifiuti nella Provincia di Roma

La prevenzione della produzione dei rifiuti nella Provincia di Roma La prevenzione della produzione dei rifiuti nella Provincia di Roma Impostazione,nuova Direttiva e misure prioritarie di Edo Ronchi Roma,10 giugno 2010 Un modello insostenibile di crescita Un economia

Dettagli

BROCHURE INFORMATIVA SU EMAS E I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE

BROCHURE INFORMATIVA SU EMAS E I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE L INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLA CONOSCENZA E DELLA PREVENZIONE Dai sistemi di monitoraggio alla diffusione della cultura ambientale Milano, 24 25 26 Novembre 2003 Teatro Dal Verme - Palazzo delle Stelline

Dettagli

EMAS: l esperienza della camera di commercio di Ravenna. Sub-title Cinzia Bolognesi, Sidi Eurosportello EEN. Forlì, 3 marzo 2010

EMAS: l esperienza della camera di commercio di Ravenna. Sub-title Cinzia Bolognesi, Sidi Eurosportello EEN. Forlì, 3 marzo 2010 EMAS: l esperienza della Title Sub-title Cinzia Bolognesi, Sidi Eurosportello EEN Forlì, 3 marzo 2010 PLACE PARTNER S LOGO HERE European Commission Enterprise and Industry Title of the presentation Date

Dettagli

L ECO-RISTORAZIONE: UNA NUOVA STRADA PER LA COMPETITIVITÀ DEGLI ALBERGHI

L ECO-RISTORAZIONE: UNA NUOVA STRADA PER LA COMPETITIVITÀ DEGLI ALBERGHI L ECO-RISTORAZIONE: UNA NUOVA STRADA PER LA COMPETITIVITÀ DEGLI ALBERGHI Dot. ECO-RISTORAZIONE ALBERGHIERA IN TRENTINO: VANTAGGI E NUOVE OPPORTUNITA Riva Expo Hotel Riva del Garda 30 gennaio 2012 Quali

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1. Cosa significa gestione ambientale? La gestione ambientale è l individuazione ed il

Dettagli

ECOLABEL EUROPEO, IL MARCHIO ECOLOGICO DELL'UNIONE EUROPEA PER LE STRUTTURE TURISTICHE AMICHE DELL'AMBIENTE

ECOLABEL EUROPEO, IL MARCHIO ECOLOGICO DELL'UNIONE EUROPEA PER LE STRUTTURE TURISTICHE AMICHE DELL'AMBIENTE Organizzato da: nell ambito del mese dell Ecolabel europeo ECOLABEL EUROPEO, IL MARCHIO ECOLOGICO DELL'UNIONE EUROPEA PER LE STRUTTURE TURISTICHE AMICHE DELL'AMBIENTE Seminario di sensibilizzazione e di

Dettagli

La certificazione ambientale delle aziende

La certificazione ambientale delle aziende La certificazione ambientale delle aziende Cosimo Biasi Convegno Green Brand Torino, 11 marzo 2011 1 Chi siamo Il Centro Studi Ambientali di Torino è un associazione senza fine di lucro che orienta le

Dettagli

Bando di concessione contributi alle PMI esercenti impianti stradali di distribuzione carburanti per autotrazione in Piemonte a sostegno di progetti inerenti l innovazione tecnologica e gestionale Beneficiari

Dettagli

Il valore delle Certificazioni Ambientali nelle Pubbliche Amministrazioni: Sistemi di Gestione Ambientale e semplificazioni Amministrative

Il valore delle Certificazioni Ambientali nelle Pubbliche Amministrazioni: Sistemi di Gestione Ambientale e semplificazioni Amministrative Il valore delle Certificazioni Ambientali nelle Pubbliche Amministrazioni: Sistemi di Gestione Ambientale e semplificazioni Amministrative 15 Convegno di Igiene Industriale Corvara 03 aprile 2009 M. Mengoli,

Dettagli

Consigliati per l'impegno in difesta dell'ambiente Il label di Legambiente

Consigliati per l'impegno in difesta dell'ambiente Il label di Legambiente Consigliati per l'impegno in difesta dell'ambiente Il label di Legambiente COS'E' UN ETICHETTA ECOLOGICA Con una etichetta ecologica l'impresa si assume volontariamente l'impegno a ridurre l'inquinamento

Dettagli

Turismo/Ambiente. Turismo/Sostenibilità. Strategia di Lisbona COM (2006) 134

Turismo/Ambiente. Turismo/Sostenibilità. Strategia di Lisbona COM (2006) 134 Strategico per gli obiettivi socio-economici e culturali Turismo/Ambiente Causa di degrado ambientale e perdita identità locale Turismo/Sostenibilità Strategia di Lisbona Strategia di Lisbona COM (2006)

Dettagli

IL RUOLO DELLE ESCO NEGLI INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA PRESSO LE IMPRESE

IL RUOLO DELLE ESCO NEGLI INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA PRESSO LE IMPRESE IL RUOLO DELLE ESCO NEGLI INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA PRESSO LE IMPRESE Dott. Ing. Andrea Papageorgiou, Direttore Generale Bryo S.p.A Giovedì 2 Ottobre 2014 AEPI Industrie Srl Imola In collaborazione

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO

GUIDA DI APPROFONDIMENTO WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COSA È UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 OBIETTIVI DI UN SISTEMA

Dettagli

Il turismo sostenibile per le aree protette e la Carta del Turismo Sostenibile

Il turismo sostenibile per le aree protette e la Carta del Turismo Sostenibile Il turismo sostenibile per le aree protette e la Carta del Turismo Sostenibile Regolamento europeo Ecolabel: adesione al sistema e opportunità competitive; Criteri di adesione per le strutture ricettive

Dettagli

Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di Investimento PIA Turismo

Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di Investimento PIA Turismo Regolamento 30 Dicembre 2009 n. 36 della Regione Puglia dei Regimi di Aiuto in esenzione per le imprese turistiche Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di

Dettagli

espressione pareri / relazioni tecniche vigilanza processi primari analisi e monitoraggio Quale ruolo nel contesto degli strumenti volontari?

espressione pareri / relazioni tecniche vigilanza processi primari analisi e monitoraggio Quale ruolo nel contesto degli strumenti volontari? Agenzia per l Ambientel espressione pareri / relazioni tecniche processi primari vigilanza analisi e monitoraggio Quale ruolo nel contesto degli strumenti volontari? Cosa dice la L.R. 44/95 s.m.i.?.? L'ARPA.in

Dettagli

Spending review: opportunità o ostacolo allo sviluppo del Green Public Procurement (GPP)?

Spending review: opportunità o ostacolo allo sviluppo del Green Public Procurement (GPP)? Spending review: opportunità o ostacolo allo sviluppo del Green Public Procurement (GPP)? Piani degli acquisti verdi: dalla teoria alla pratica La promozione del GPP in Liguria il modello regionale per

Dettagli

Criticità ambientale. Opportunità di finanziamento. Risultato atteso. Obiettivo. Azioni Scadenze Stakeholders coinvolti

Criticità ambientale. Opportunità di finanziamento. Risultato atteso. Obiettivo. Azioni Scadenze Stakeholders coinvolti Criticità Obiettivo Risultato atteso Azioni Scadenze Stakeholders coinvolti Opportunità di finanziamento Mancanza di (Emas, Ecolabel, ISO14001) presso le strutture turistiche. Aumentare il numero di certificazioni

Dettagli

Servizi di pulizia ed altri servizi per le Scuole ed i Centri di Formazione - Criteri di sostenibilità

Servizi di pulizia ed altri servizi per le Scuole ed i Centri di Formazione - Criteri di sostenibilità Servizi di pulizia ed altri servizi per le - Criteri di sostenibilità 1. Oggetto dell iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro

Dettagli

I vantaggi di una impresa eco - efficiente

I vantaggi di una impresa eco - efficiente I vantaggi di una impresa eco - efficiente Diminuiscono Impatti ambientali Incidenti Rischi di contenziosi Costi assicurativi Costi di smaltimento Aumentano Coinvolgimento operatori Immagine per le parti

Dettagli

Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008

Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008 Allegato 9 Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008 Osservatorio Turistico della Regione Puglia 1 Osservatorio Turistico Regione Puglia L osservatorio turistico della

Dettagli

VILLA GHIRLANDA, SALA DEI PAESAGGI 13 MARZO 2007 h 20:30. -Certificazione dei prodotti. -Prodotti biologici. -Commercio equo e solidale

VILLA GHIRLANDA, SALA DEI PAESAGGI 13 MARZO 2007 h 20:30. -Certificazione dei prodotti. -Prodotti biologici. -Commercio equo e solidale VILLA GHIRLANDA, SALA DEI PAESAGGI 13 MARZO 2007 h 20:30 -Certificazione dei prodotti -Prodotti biologici -Commercio equo e solidale Come fare una spesa di qualità? Quali sono i prodotti che veramente

Dettagli

AGE NZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIE NTALE DELLE MARCHE

AGE NZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIE NTALE DELLE MARCHE AGE NZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIE NTALE IL RUOLO DEL SISTEMA AGENZIALE PER LA PROMOZIONE E DIFFUSIONE DELLE POLITICHE AMBIENTALI COMUNITARIE VOLONTARIE: ECOLABEL ED EMAS NEL SETTORE TURISTICO

Dettagli

Informazioni generali sull Ecolabel europeo per il Servizio di ricettività turistica. 1. Chi può richiedere l Ecolabel?

Informazioni generali sull Ecolabel europeo per il Servizio di ricettività turistica. 1. Chi può richiedere l Ecolabel? Informazioni generali sull Ecolabel europeo per il Servizio di ricettività turistica Istituito nel 99, il marchio comunitario di qualità ecologica o Ecolabel (regolamento europeo n. 980 del 7 luglio 000),

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia Indagine conoscitiva tra le Organizzazioni registrate EMAS in Friuli Venezia Giulia a cura della SOS Promozione e Controllo qualità di ARPA FVG L Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente, oltre

Dettagli

ALLEGATO 2 REQUISITI PER LE SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO

ALLEGATO 2 REQUISITI PER LE SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO ALLEGATO 2 REQUISITI PER LE SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO 1. Requisiti in capo al Responsabile ambientale 1.1 Generale REQUISITI OBBLIGATORI SI NO O1 O2 O3 O4 È stato nominato un responsabile ambientale

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

Confesercenti Emilia Romagna

Confesercenti Emilia Romagna Studio di fattibilità e sperimentazione di un modello di etichetta ecologica applicato al settore della ristorazione e proposta di una Carta volontaria del ristorante sostenibile in Emilia Romagna Confesercenti

Dettagli

l evoluzione della casa

l evoluzione della casa MART Domotica ed Efficienza Energetica: la EN 15232 I consumi Nazionali. I pianti internazionali. La EN 15232. Metodi di calcolo. Risultati Ottenibili con i sistemi HBES 1 I consumi... Energia impiegata

Dettagli

Marchio di qualità "Ospitalità ecosostenibile Frignano"

Marchio di qualità Ospitalità ecosostenibile Frignano Marchi di certificazione dei fornitori di qualità ambientale del Parco Regionale dell'alto Appennino Modenese Marchio di qualità "Ospitalità ecosostenibile Frignano" Esercizi a cui è rivolta l'iniziativa

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis. Life Cycle Engineering: www.studiolce.it

Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis. Life Cycle Engineering: www.studiolce.it Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis Life Cycle Engineering: www.studiolce.it 0 Introduzione: Certificazione ambientale Il Sistema di Gestione Ambientale L'obiettivo del Sistema

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

Disciplinare Ecologico per ESERCIZIO CONSIGLIATO DEL PARCO

Disciplinare Ecologico per ESERCIZIO CONSIGLIATO DEL PARCO Disciplinare Ecologico per ESERCIZIO CONSIGLIATO DEL PARCO Copia assegnata a: NOTA: Il presente disciplinare è di proprietà dell Ente Parco Regionale della Maremma ed è assegnato agli aderenti al progetto

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: ELBA PLASTIC FREE Promotore/i: Provincia di Livorno Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

CARTA DEL TURISMO CONGRESSUALE ECO-SOSTENIBILE

CARTA DEL TURISMO CONGRESSUALE ECO-SOSTENIBILE ALLEGATO 1 PROPRIETARI E GESTORI DI LOCATION PER EVENTI CONGRESS E POST-CONGRESS (ANCHE STRUTTURE ALBERGHIERE ED EXTRA-ALBERGHIERE) Il presente Allegato 1 deve essere compilato dall azienda che gestisce

Dettagli

Strumenti di eco-innovazione. Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI.

Strumenti di eco-innovazione. Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI. Strumenti di eco-innovazione Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI. Francesca Cappellaro Laboratorio LCA&Ecodesign Bologna, 28 aprile 2010 Contesto

Dettagli

Tipologia semplificazione

Tipologia semplificazione Regione N. Provvedimento Descrizione semplificazioni Delib.G.R. 21/05/2015, n. 10/3619 Integrazioni alle linee guida di attuazione dell'asse 1 del POR FESR 2007-2013. Introduzione dell'azione G - "Sostegno

Dettagli

Innovations for a MAde Green IN Europe

Innovations for a MAde Green IN Europe PROGETTO IMAGINE Innovations for a MAde Green IN Europe SOGGETTO FINANZIATORE: Unione Europea Linea di finanziamento bandi CIP - EcoInnovation BENEFICIARIO: ASEV - AGENZIA PER LO SVILUPPO EMPOLESE VALDELSA

Dettagli

AGROALIMENTARE E OSPITALITA. Percorsi di Qualità in Provincia di Oristano. Il Marchio di Qualità Ospitalità Italiana"

AGROALIMENTARE E OSPITALITA. Percorsi di Qualità in Provincia di Oristano. Il Marchio di Qualità Ospitalità Italiana AGROALIMENTARE E OSPITALITA. Percorsi di Qualità in Provincia di Oristano Il Marchio di Qualità Ospitalità Italiana" e Le Strade dei Tesori e del Gusto MARCHIO DI QUALITA OSPITALITA ITALIANA PER LE IMPRESE

Dettagli

Scuola EMAS ed ECOLABEL Puglia

Scuola EMAS ed ECOLABEL Puglia Comitato per l Ecolabel e per l Ecoaudit CONVEGNO NAZIONALE 10 ANNI DI ECOLABEL EUROPEO IN ITALIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Roma, Mercoledì 8 Ottobre 2008 Scuola EMAS ed ECOLABEL Puglia Prof. Gian

Dettagli

dicembre2012 L età dello sviluppo Strumenti finanziari a sostegno delle imprese.

dicembre2012 L età dello sviluppo Strumenti finanziari a sostegno delle imprese. dicembre2012 L età dello sviluppo Strumenti finanziari a sostegno delle imprese. 1. LʼOGGETTO PO FESR 2007-2013 Asse VI. Linea 6.1, azione 6.1.10, Titolo III Medie imprese ed ai Consorzi di PMI per Programmi

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra La Regione Emilia-Romagna, con sede in Bologna, Viale Aldo Moro, 52, codice fiscale n. 80062590379, rappresentata dall Assessore Alfredo Peri, in esecuzione della deliberazione

Dettagli

Confrontiamoci con l Ecolabel: i criteri ecologici in sintesi

Confrontiamoci con l Ecolabel: i criteri ecologici in sintesi Confrontiamoci con l Ecolabel: i criteri ecologici in sintesi Invitiamo gli albergatori a confrontarsi con questa tabella per valutare l impegno e il grado di difficoltà richiesto dall applicazione dei

Dettagli

DOSSIER PARERE PREVISTO NUMERO ARTICOLI

DOSSIER PARERE PREVISTO NUMERO ARTICOLI DOSSIER PL n. 514/9 di iniziativa del Consigliere A. NICOLÒ recante: "Modifiche ed integrazioni alla legge regionale 7 marzo 1995, n. 4 (Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri)"

Dettagli

TEMI ECONOMICI DELLA SARDEGNA

TEMI ECONOMICI DELLA SARDEGNA TEMI ECONOMICI DELLA SARDEGNA CREN S CENTRO RICERCHE ECONOMICHE NORD SUD Università di Cagliari Università di Sassari L ECOLABEL EUROPEO PER I SERVIZI DI RICETTIVITÀ TURISTICA IN SARDEGNA. INDAGINE CONOSCITIVA

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Luisa Mulas Servizio Sostenibilità Ambientale, Assessorato della Difesa dell Ambiente, Regione Sardegna Scrivere

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO EMAS

PROGRAMMA FORMATIVO EMAS PROGRAMMA FORMATIVO EMAS Tipo di FORMAZIONE PROPEDEUTICA DI BASE ATTIVITA FORMATIVE GRUPPO 0 (16 h) Generale Elementi di Diritto civile e Diritto amministrativo Ecologia Risparmio energetico e di materie

Dettagli

Risparmio Energetico. Manuale per il cittadino. Piano d Azione per l Energia Sostenibile PAES

Risparmio Energetico. Manuale per il cittadino. Piano d Azione per l Energia Sostenibile PAES Risparmio Energetico Manuale per il cittadino Piano d Azione per l Energia Sostenibile PAES RISPARMIO ENERGETICO L Amministrazione Comunale di Cinisello Balsamo persegue ormai da molti anni politiche di

Dettagli

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA)

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ATTIVITA FORMATIVE GRUPPO 0 FORMAZIONE PROPEDEUTICA DI BASE Generale Elementi di analisi matematica e geometria analitica Elementi di fisica Elementi

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI Relatore Il caso di SENIO ENERGIA Dino Tartagni Settembre 2009 SENIO ENERGIA s.r.l. CASOLA VALSENIO Chi è Senio Energia s.r.l.? Società a r.l. costituita a luglio 2008

Dettagli

CRESCERE. Titoli di Efficienza Energetica ed altri incentivi CON EFFICIENZA. Massimo Filippi Matteo Manica

CRESCERE. Titoli di Efficienza Energetica ed altri incentivi CON EFFICIENZA. Massimo Filippi Matteo Manica CRESCERE CON EFFICIENZA Titoli di Efficienza Energetica ed altri incentivi Massimo Filippi Matteo Manica DM 21 dicembre 2015 Contributi alle PMI per diagnosi energetiche e certificazione ISO 50001 Finalità

Dettagli

ENERGY MANAGEMENT Gruppo Monte dei Paschi di Siena

ENERGY MANAGEMENT Gruppo Monte dei Paschi di Siena ENERGY MANAGEMENT Gruppo Monte dei Paschi di Siena Ing. Francesco Pellegrino- Energy Manager PGI Milano, 12/11/2004 INDICE 1 LA BANCA MPS 2 LA POLITICA AMBIENTALE 3 IMMOBILIARI 4 ENERGY MANAGEMENT 2 1-

Dettagli

Questionario sul Manuale per la sostenibilità

Questionario sul Manuale per la sostenibilità Questionario sul Manuale per la sostenibilità Deliverable 4.1 Deliverable Progetto I.M.A.G.I.N.E. MAde Green IN Europe Il progetto IMAGINE Il progetto IMAGINE è finalizzato alla sperimentazione e diffusione

Dettagli

Innovazione ambientale per la crescita e la competitività del sistema industriale. I SISTEMI GESTIONE AMBIENTALE EMAS E ISO 14001 nell industria

Innovazione ambientale per la crescita e la competitività del sistema industriale. I SISTEMI GESTIONE AMBIENTALE EMAS E ISO 14001 nell industria Innovazione ambientale per la crescita e la competitività del sistema industriale I SISTEMI GESTIONE AMBIENTALE EMAS E ISO 14001 nell industria Relatore: Roberto Luciani Sistemi di gestione ambientale:

Dettagli

L EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI

L EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI EFFICIENZA ENERGETICA NELL EDILIZIA TRA INNOVAZIONE E TRADIZIONE L EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI Ing. EZIO PIREDDU Commissione Energia e Impianti Ordine degli Ingegneri della provincia di Cagliari

Dettagli

Provincia di Varese, Piazza Libertà 1, 21100 Varese Tel 0332 252111 Fax 0332 235626 C.F. N 80000710121 P.I. N 00397700121 - www.provincia.va.

Provincia di Varese, Piazza Libertà 1, 21100 Varese Tel 0332 252111 Fax 0332 235626 C.F. N 80000710121 P.I. N 00397700121 - www.provincia.va. CARTA PER GLI ACQUISTI VERDI E CONSUMI RESPONSABILI DELLA PROVINCIA DI VARESE: impegni, regolamento, modulo di adesione 1. IMPEGNI Premesse Gli acquisti verdi e consumi responsabili rappresentano lo strumento

Dettagli

Comune di Vinchio. Provincia di Asti - Italia. www.comune.vinchio.at.it

Comune di Vinchio. Provincia di Asti - Italia. www.comune.vinchio.at.it Comune di Vinchio Provincia di Asti - Italia www.comune.vinchio.at.it La certificazione ambientale come opportunità di sviluppo: l esempio del Comune di Vinchio Vinchio, 1 dicembre 07 - Andrea Laiolo,

Dettagli

Allegato B PARTE I 1. Requisiti per ottenere una spiga

Allegato B PARTE I 1. Requisiti per ottenere una spiga PARTE I Allegato B Criteri generali per la classificazione delle strutture ricettive agrituristiche 1. Le strutture ricettive agrituristiche autorizzate vengono classificate con l'attribuzione di un numero

Dettagli

QUESTIONARIO. Turismo individuale Turismo di gruppo Turismo delle famiglie Turismo giovanile Turismo senior/terza età Turismo sociale

QUESTIONARIO. Turismo individuale Turismo di gruppo Turismo delle famiglie Turismo giovanile Turismo senior/terza età Turismo sociale QUESTIONARIO Allo scopo di fotografare la Destinazione Turistica di Fiesole ed elaborare una analisi Swot che consenta di focalizzare i punti di forza, di debolezza, le opportunità e le minacce Le chiediamo

Dettagli

preferire le comunicazioni via mail a quelle cartacee o via fax con fornitori, partecipanti e partners;

preferire le comunicazioni via mail a quelle cartacee o via fax con fornitori, partecipanti e partners; Azioni Segreteria organizzativa L organizzazione risulta essere una delle attività più impattanti a causa dell intensa produzione dei materiali e dei documenti che effettivamente costituiranno il nucleo

Dettagli

Progetto Marchio d Area Viaggio negli Iblei. Pist 9 Linea d intervento 3.3.IA (attività C) del PO. FESR 2007/2013

Progetto Marchio d Area Viaggio negli Iblei. Pist 9 Linea d intervento 3.3.IA (attività C) del PO. FESR 2007/2013 Progetto Marchio d Area Viaggio negli Iblei. Pist 9 Linea d intervento 3.3.IA (attività C) del PO. FESR 2007/2013 Provincia Regionale di Ragusa Piani Integrati di Sviluppo Territoriale Progetto Viaggio

Dettagli

Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale

Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale La spirale perversa LEGGI SOCIALI ED AMBIENTALI PIÙ RESTRITTIVE POLITICI INDUSTRIA PERCEZIONE NEGATIVA DEGLI STAKEHOLDER PRESSIONE PER UNA MIGLIORE

Dettagli

CAPITOLO 8 CERTIFICAZIONI

CAPITOLO 8 CERTIFICAZIONI CAPITOLO 8 CERTIFICAZIONI Autori: Antonio Notaro, Salvatore Caldara, Salvatore Giarratana, Giuseppina Pizzo. L impatto delle attività produttive dell uomo sull ambiente sono sempre più evidenti e disastrose,

Dettagli

Programma Operativo Regionale FESR 2007-2013

Programma Operativo Regionale FESR 2007-2013 Programma Operativo Regionale FESR 2007-2013 Scheda sintetica del bando relativo a: Concessione di contributi per la rimozione dell amianto dagli edifici, la coibentazione degli edifici e l installazione

Dettagli

La Registrazione EMAS: l applicazione del nuovo Regolamento nella Pubblica Amministrazione

La Registrazione EMAS: l applicazione del nuovo Regolamento nella Pubblica Amministrazione La Registrazione EMAS: l applicazione del nuovo Regolamento nella Pubblica Amministrazione Ing. Mara D Amico Bologna 27 maggio 2010 Sommario Motivazioni che hanno portato alla revisione del Regolamento

Dettagli

Gli schemi finanziari utilizzabili per le attività di R&S

Gli schemi finanziari utilizzabili per le attività di R&S Il settore strategico delle acque: come l innovazione chimica può aumentarne la sostenibilità Gli schemi finanziari utilizzabili per le attività di R&S Stefano Toffanin Ferrara, 21 maggio 2010 Quartiere

Dettagli

Figure Professionali «Eco-innovazioni»

Figure Professionali «Eco-innovazioni» Figure Professionali «Eco-innovazioni» ESPERTO DI ECO-CERTIFICAZIONI GREEN JOBS Formazione e Orientamento INTRODUZIONE DI CONTESTO E LEGAME CON I CONCETTI DI ECO-INNOVAZIONE Le cosiddette certificazioni

Dettagli

Certificazione Energetica degli edifici 1991-2011 ING. Vincenzo Triunfo

Certificazione Energetica degli edifici 1991-2011 ING. Vincenzo Triunfo Certificazione Energetica degli edifici 1991-2011 ING. Vincenzo Triunfo 1991 - La certificazione energetica degli edifici in Italia è un idea che parte da lontano, tanto che il percorso compie proprio

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SCUOLE ED UNIVERSITA. Torino, 21 ottobre 2013

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SCUOLE ED UNIVERSITA. Torino, 21 ottobre 2013 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SCUOLE ED UNIVERSITA Torino, 21 ottobre 2013 1 INDICE Disposizioni urgenti Direttiva 2010/31/UE Mutui per edilizia scolastica Conto Termico Certificati Bianchi 2 DECRETO-LEGGE

Dettagli

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future Roma - 25 novembre 2014 ing. Gianluca Cocco Direttore Servizio Sostenibilità Ambientale, Valutazione Impatti

Dettagli

Esempi di applicazione della certificazione ambientale. La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure

Esempi di applicazione della certificazione ambientale. La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure Esempi di applicazione della certificazione ambientale La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure 1 I riconoscimenti ottenuti 2 La dichiarazione ambientale 3 La dichiarazione

Dettagli

RUOLO DELL'ENERGY BUILDING MANAGER (DGR LOMBARDIA N. 5117/07 E S.M.)

RUOLO DELL'ENERGY BUILDING MANAGER (DGR LOMBARDIA N. 5117/07 E S.M.) RUOLO DELL'ENERGY BUILDING MANAGER (DGR LOMBARDIA N. 5117/07 E S.M.) IL RIFERIMENTO NORMATIVO: DGR 8/5117 del 18.07.07 e s.m. Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione, l ispezione degli

Dettagli

La sfida dell efficienza e del risparmio energetico come opportunità per le PMI della provincia di Brindisi MARCO DAMIANO, DINTEC SCRL

La sfida dell efficienza e del risparmio energetico come opportunità per le PMI della provincia di Brindisi MARCO DAMIANO, DINTEC SCRL WORKSHOP Efficienza energetica e sostenibilità per un posizionamento turistico competitivo La sfida dell efficienza e del risparmio energetico come opportunità per le PMI della provincia di Brindisi MARCO

Dettagli

Economia dell ambiente

Economia dell ambiente Economia dell ambiente Impresa e ambiente Elisa Montresor 2008-2009 1 Ambito aziendale L integrazione dell ambiente con gli obiettivi dell impresa Strategie d acquisto e produzione Bilancio ambientale

Dettagli

Istruzione Operativa 4.4.6/4 Gestione fornitori

Istruzione Operativa 4.4.6/4 Gestione fornitori pag. 1 di 7 Istruzione Operativa 4.4.6/4 (UNI EN ISO 14001:04 - Regolamento CE n. 761/2001 EMAS) 1. Scopo... 2 2. Campo Di Applicazione... 2 3. Modalità Di Gestione... 2 4. Linee guida per l approvvigionamento

Dettagli

turismo sostenibile ECOLABEL Uno strumento per il A.R.P.A. PUGLIA Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Puglia

turismo sostenibile ECOLABEL Uno strumento per il A.R.P.A. PUGLIA Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Puglia abapat Regione Puglia A.R.P.A. PUGLIA Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Puglia ECOLABEL Uno strumento per il turismo sostenibile Direttore Generale Prof. Giorgio ASSENNATO Direttore

Dettagli

Certificazione ambientale delle imprese secondo Regolamento EMAS e norma ISO 14001. Cuneo, 14 gennaio 2011

Certificazione ambientale delle imprese secondo Regolamento EMAS e norma ISO 14001. Cuneo, 14 gennaio 2011 Certificazione ambientale delle imprese secondo Regolamento EMAS e norma ISO 14001 Cuneo, 14 gennaio 2011 Gli Strumenti di Gestione Ambientale Norma UNI EN ISO 14001: Norma internazionale emanata nella

Dettagli

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Progetto LA SOSTENIBILITÀ COME PERCORSO DI QUALITÀ PER LE AZIENDE TURISTICHE DEL PARCO DEL TICINO www.networksvilupposostenibile.it

Dettagli

QUESTIONARIO PER PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Progetto LIFE+ Promise. Action B1: Awareness level survey. Sezione Anagrafica

QUESTIONARIO PER PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Progetto LIFE+ Promise. Action B1: Awareness level survey. Sezione Anagrafica QUESTIONARIO PER PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Progetto LIFE+ Promise Action B1: Awareness level survey Sezione Anagrafica Comune/Ente pubblico Popolazione residente (se trattasi di Comune/Provincia) Referente

Dettagli

Paolo Fabbri - paolo@punto3.info www.acquistiverdi.it. www.acquistiverdi.it. E un idea di. Con il patrocinio di

Paolo Fabbri - paolo@punto3.info www.acquistiverdi.it. www.acquistiverdi.it. E un idea di. Con il patrocinio di Con il patrocinio di E un idea di Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Provincia di Ferrara ANAB IL PROGETTO AcquistiVerdi.it è il portale Internet che raccoglie in un unico

Dettagli

DISCIPLINARE TEMPO LIBERO Operatori: musei, parchi, negozi, maneggi, strutture e associazioni sportive

DISCIPLINARE TEMPO LIBERO Operatori: musei, parchi, negozi, maneggi, strutture e associazioni sportive DISCIPLINARE TEMPO LIBERO Operatori: musei, parchi, negozi, maneggi, strutture e associazioni sportive ASPETTI VALUTATI 1. Architettura, materiali edili e arredo 2. Aree Verdi 3. Personale 4. Realtà territoriali

Dettagli