Modellazione NURBS per Windows. 9HUVLRQH Guida pratica Livello 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modellazione NURBS per Windows. 9HUVLRQH Guida pratica Livello 1"

Transcript

1 Š Modellazione NURBS per Windows 9HUVLRQH Guida pratica Livello 1

2 rhinolevel 1.doc Robert McNeel & Associates Tutti I diritti riservati. Stampato in U.S.A. Copyright di Robert McNeel & Associates. Il permesso di eseguire copie digitali o copie elettroniche parziali o totali di quest opera è concesso solo ad uso personale o per le classi senza compenso purché tali copie siano fatte o distribuite non a scopo di lucro o per vantaggi commerciali. Altrimenti per copiare, ripubblicare, rendere disponibile su server, ridistribuire su mailing-list l intera opera o parti di essa richiede una preventiva autorizzazione specifica. Le richieste di riproduzione vanno inoltrate a: Publications, Robert McNeel & Associates, 3670 Woodland Park Avenue, North, Seattle, WA 98103; FAX (206) ; e- mail SHUPLVVLRQV#PFQHHOFRP. Traduzione a cura di: Cinzia Sada e Gianluca Rossi.

3 TABLE OF CONTENTS 6RPPDULR Elenco degli esercizi v 3DUWH8QR,QWURGX]LRQH 3ULPDGLSDUWLUH Obiettivi del corso. 3 Il primo livello: 3 3DUWH6HFRQGD,QL]LDUHFRQ5KLQR,IRQGDPHQWLGL5KLQR Rhino e l interfaccia in Windows 7 L interfaccia di Rhino 8 Menu 9 Barra degli strumenti 10 Area Grafica 12 Finestra di comando 14 Il Mouse 14 Inserire i comandi 14 Help 15 Visualizzazione dello storico della linea di comando 15 Navigare attorno al modello 22 Muovere gli oggetti 25 Copiare gli oggetti 28 &UHDUHRJJHWWLELGLPHQVLRQDOL Disegnare linee 31 Disegnare curve Freeform 34 Aiuti alla modellazione 35 Impostazioni di un modello 36 Salvare un modello 39 Layers 40 Cancellare gli oggetti 47 0RGHOODUHFRQSUHFLVLRQH Modellare con le coordinate 51 Viewports 60 Modellare nello spazio 3D 64 Snap all oggetto 69 Comandi di analisi 75 Disegnare un cerchio 79 Disegnare un arco 92 Disegnare ellissi e poligoni 100 Modellazione di curve Free-Form 105 /DYLVXDOL]]D]LRQH Modificare la vista di un modello 117 Operazione di Panning e Zooming 118 Ripristinare una vista 118 (GLWDUHXQRJJHWWR Il comando Fillet 125 Il comando Chamfer 133 Il comando Move 140 Il comando Copy 143 I comandi Undo e Redo 146 Il comando Rotate 146 Il comando Mirror 147 Il comando Join 148 Il comando Scale 149 Il comando Array 153 Il comando Offset 161 Il comando Trim 169 Il comando Split 171 Il comando Extend 174 Robert McNeel & Associates q (UURUÄ$UJXPHQWRÃGHÃPRGLILFDGRUÃGHVFRQRFLGR

4 TABLE OF CONTENTS (GLWLQJSHUSXQWL Editing per punti 185 3DUWH8QR0RGHOOD]LRQHH(GLWLQJ' &UHDUHIRUPHGHIRUPDELOL La modellazione Freeform 201 0RGHOODUHLVROLGL Modellare i solidi 233 Modellare una torcia 244 Modellare un giocattolo a tiro 259 Testo tridimensionale 279 &UHDUHVXSHUILFL Superfici 281 Modellare un martello giocattolo 310 Modellare un bottiglia 339 Modellare un tavolo 361 Creare oggetti di mesh poligonali 377 Realizzare un disegno bidimensionale da un modello tridimensionale380 5HQGHULQJ Renderizzare un modello 385 6WDPSD Stampa 407 3DUWH'XH 3HUVRQDOL]]DUHO DUHDGLODYRURHOHEDUUHGHJOLVWUXPHQWL 2S]LRQLGL5KLQR Opzioni di Rhino 417 3HUVRQDOL]]DUHL/D\RXWVGLXQDEDUUDGHJOLVWUXPHQWL Il layout di una barra degli strumenti 421,QGLFH,PSRUWDUHHGHVSRUWDUHLPRGHOOL Importare ed esportare le informazioni in file di Rhino 372 Robert McNeel & Associates iv

5 TABLE OF CONTENTS (OHQFRGHJOLHVHUFL]L Esercizio 1 Fondamenti di Rhino...16 Esercizio 2 Disegnare delle linee...31 Esercizio 3 Disegnare una curva interpolata...34 Esercizio 4 Disegnare una curva attraverso i punti di controllo...34 Esercizio 5 Disegnare linee e curve attraverso le modalità appena descritte 35 Esercizio 6 Layers...41 Esercizio 7 Selezionare gli oggetti...43 Esercizio 8 Le opzioni Delete e Selection...47 Esercizio 9 Impostare un modello...51 Esercizio 10 Inserire le coordinate assolute...52 Esercizio 11 Inserire le Coordinate Relative...53 Esercizio 12 Inserire le Coordinate Polari...54 Esercizio 13 Distance Constraint...57 Esercizio 14 Distance Constraint e Angle Constraint...57 Esercizio 15 Pratica...58 Esercizio 16 Modellare in diverse viewport...62 Esercizio 17 Distance e Angle constraints...67 Esercizio 18 Usare gli Snap all oggetto...70 Esercizio 19 Disegnare dei cerchi...80 Esercizio 20 Pratica...88 Esercizio 21 Usare lo snap all oggetto in relazione ad un cerchio...91 Esercizio 22 Familiarizzare con il comando Arc...93 Esercizio 23 Familiarizzare con il comando Arc...98 Esercizio 24 Disegnare ellissi e poligoni Esercizio 25 Familiarizzare con le curve Esercizio 26 Familiarizzare con le curve Esercizio 27 Disegnare curve dalle forme particolari: un elica e una spirale.112 Esercizio 28 Operazione di Zoom Esercizio 29 Fillet Esercizio 30 Chamfer Esercizio 31 Il comando Fillet e il comando Chamfer Esercizio 32 Il comandomove Esercizio 33 Il comandocopy Esercizio 34 Il comando Rotate Esercizio 35 Il comando Mirror Esercizio 36 Il comando Join Esercizio 37 Il comando Scale Esercizio 38 Il comando Array Esercizio 39 Il comando Offset Esercizio 40 Il comando Trim Esercizio 41 Il comandosplit Esercizio 42 Il comandoextend Esercizio 43 Pratica Esercizio 44 Pratica Esercizio 45 Pratica Esercizio 46 Pratica Esercizio 47 Editing dei punti di controllo Esercizio 48 Curve Freeform e editing dei punti di controllo Esercizio 49 Creare una papera di gomma Esercizio 50 Creare dei solidi Esercizio 51 Modellare una torcia Esercizio 52 Creare dei solidi Esercizio 53 Tecniche base per creare delle superfici Esercizio 54 Estrudere una superficie Esercizio 55 Superficie Loft Esercizio 56 Superficie di rivoluzione Esercizio 57 Il comando Rail Revolve Esercizio 58 Usare il comando Sweep per creare una superficie Esercizio 59 Usare il comando Sweep per creare una superficie Esercizio 60 Creare un martello giocattolo Esercizio 61 Creare una bottiglia Esercizio 62 Usare il comandosweep 1 Rail Esercizio 63 Esportare un modello Esercizio 64 Creare una mesh poligonale per esportare un modello Esercizio 65 Ottenere un disegno bidimensionale da esportare in un altra applicazione 380 Esercizio 66 Rendering di un modello Robert McNeel & Associates v

6 TABLE OF CONTENTS Esercizio 67 Stampa Esercizio 68 Modificare le Opzioni Esercizio 69 Personalizzare il layout di una barra degli strumenti Robert McNeel & Associates vi

7 3DUWH8QR,QWURGX]LRQH

8

9 3ULPDGLSDUWLUH 4XHVWD JXLGD SUDWLFD DIILDQFD OH VHVVLRQL GL IRUPD]LRQH GHO SULPR OLYHOOR QHOOD YHUVLRQH GL 5KLQR,O SULPR OLYHOOR LOOXVWUDFRPHUHDOL]]DUHGHLPRGHOOL'LQ5KLQR 'XUDQWHFLDVFXQDOH]LRQHYHUUDQQRIRUQLWHPROWHLQIRUPD]LRQLHSHURWWHQHUHLPLJOLRULULVXOWDWLVLFRQVLJOLDO XWLOL]]RGL XQDZRUNVWDWLRQHGLFRQVXOWDUHLOPDQXDOHGLULIHULPHQWRGL5KLQRSHUDYHUHXOWHULRULLQIRUPD]LRQL 2ELHWWLYLGHOFRUVR Gli obiettivi del corso sono i seguenti: Personalizzare il proprio ambiente di modellazione Creare oggetti grafici di base linee, cerchi, archi, curve, solidi e superfici Disegnare con precisione usando coordinate digitate al prompt dei comandi e avvalendosi dello snap alla griglia Modificare gli oggetti con i comandi di edit Visualizzare qualunque parte di un modello Importare e unire modelli Convertire i modelli in diversi formati Renderizzare i modelli Robert McNeel & Associates 3

10

11 3DUWH6HFRQGD,QL]LDUHFRQ5KLQR

12

13 ,IRQGDPHQWLGL 5KLQR 5KLQRHO LQWHUIDFFLDLQ:LQGRZV Prima di affrontare ciascuno strumento disponbile in Rhino, è utile prendere confidenza con l interfaccia di Rhino. I seguenti esercizi esaminano gli elementi caratterizzanti l interfaccia di Rhino, la finestra di Rhino, le viewports, i menu, le barre degli strumenti e le finestre di dialogo. Vi sono molti modi di accedere ai comandi di Rhino la tastiera, i menu, le barre degli strumenti. In questa sezione, saranno illustrate le barre degli strumenti. $YYLDUH5KLQR Eseguire un doppio click sull icona di Rhino sulla scrivania di Windows. Robert McNeel & Associates 7

14 / LQWHUIDFFLDGL5KLQR Rhino suddivide la sua finestra in sei aree in ciascuna delle quali sono fornite o le informazioni per procedere o si attende l esecuzione dei comandi. $UHDGHOOR VFKHUPR Barra dei Menu Barra degli strumenti Area Grafica Viewports Command line Barra di stato 'HVFUL]LRQH Comandi d accesso, opzioni e help. Permette di accedere ai tasti di scelta rapida dei comandi e delle opzioni. Visualizza i modelli aperti. Possono esser visualizzate molte viewports. Il layout della viewport predefinita visualizza quattro viewports (Alto, Fronte, Destra, Prospettica) Visualizza differenti viste del modello all interno dell area grafica. Elenca i comandi digitati e le istruzioni inserite. Visualizza le coordinate del puntatore, lo stato del modello, le opzioni ed i pulsanti. *XDUGDDOODOLQHDGLFRPDQGR SHUVDSHUHFRVDVWD VXFFHGHQGR Robert McNeel & Associates 8

15 ,QWHUIDFFLDGL5KLQR 0HQX La maggior parte dei comandi di Rhino può esser trovata nei menu. Robert McNeel & Associates 9

16 0HQXGHOODYLVWDGL5KLQR %DUUDGHJOLVWUXPHQWL La barra degli strumenti di Rhino contiene dei pulsanti che forniscono tasti di scelta rapida per eseguire dei comandi. E possibile spostare la barra degli strumenti ovunque nello schermo o vincolarla ad un estremo dell area grafica. Rhino si avvia con la barra principale 1 degli strumenti posta nella parte superiore dell area grafica e con la barra principale 2 degli strumenti posta sulla sinistra. Robert McNeel & Associates 10

17 7RROWLSV I tooltips descrivono la funzione del pulsante cui si riferiscono. Per visualizzare un tooltip è necessario muovere il puntatore sul pulsante desiderato senza cliccarlo. A seguito di quest operazione, appare una piccola etichetta gialla in cui è riportato il nome del comando. In Rhino, molti pulsanti possono svolgere due comandi perciò il tooltip indicherà quale pulsante possiede una doppia funzione. In tal caso è visualizzata una linea verticale tra i due comandi eseguiti con il pulsante consideratp. )O\RXWV In una barra degli strumenti i pulsanti possono includere altre opzioni di comando all interno dei cosiddetti flyout. Normalmente il flyout contiene quindi delle variazioni al comando principale. Dopo aver selezionato un pulsante sul flyout, il flyout scompare. I pulsanti con flyout sono contraddistinti da piccoli triangoli bianchi nell angolo in basso a destra. E possibile aprire la barra degli strumenti del flyout tenendo premuto il tasto sinistro del mouse per un secondo o premendo entrambi i tasti nello stesso istante. /DEDUUDGHJOLVWUXPHQWL/LQHVqFROOHJDWDDOODEDUUDSULQFLSDOHGHJOLVWUXPHQWL6HVLWLHQHSUHPXWRLOWDVWRVLQLVWURGHO PRXVHODEDUUDGHOODIO\RXWYHUUjDSHUWD Robert McNeel & Associates 11

18 $UHD*UDILFD L area grafica di Rhino può esser personalizzata per soddisfare le esigenze dell utente. La posizione delle viewports può esser impostata secondo diverse configurazioni. 9LHZSRUWV Le viewports sono delle finestre nell area di visualizzazione che mostrano le viste del modello. E possibile muovere e ridimensionare le viewports trascinandone la barra del titolo o i bordiciascuna viewport ha il proprio piano di costruzione su cui il cursore si muove e un modo di proiezione. E possibile creare nuove viewports e usare configurazioni di viewports predefinite. Robert McNeel & Associates 12

19 &RQXQGRSSLRFOLFNQHOODEDUUDGHOWLWRORGLXQDYLHZSRUWqSRVVLELOHYLVXDOL]]DUODDSLHQRVFKHUPRGLPRGRWDOHFKH ULHPSLDFRVuO DUHDJUDILFD 5LRUJDQL]]D]LRQHGHOO LQWHUIDFFLDGL5KLQR6LQRWLODOLQHDGLFRPDQGRLQEDVVRXQDVLQJRODYLHZSRUWODEDUUD GHJOLVWUXPHQWLGLVSRVWDLQYDULHSRVL]LRQL Robert McNeel & Associates 13

20 )LQHVWUDGLFRPDQGR La finestra di comando visualizza i comandi e i prompt di comando. Può esser posizionata nella parte alta o bassa dello schermo e per default sono visualizzate tre linee.,o0rxvh In una viewport di Rhino, il tasto sinistro del mouse seleziona gli oggetti e il tasto destro corrisponde a premere il tasto INVIO. Si usi perciò il tasto sinistro del mouse per selezionare degli oggetti nel modello, per eseguire i comandi o le opzioni del menu e i pulsanti nella barra degli strumenti. Si utilizzi invece il tasto destro per completare un comando, per procedere con l esecuzione delle varie fasi di un comando e per ripetere il comando precedente. Si rammenta che in alcuni comandi della barra degli strumenti, il tasto destro del mouse è equivalente a premere il tasto INVIO. Trascinando il tasto destro del mouse in una viewport è possibile eseguire i comandi 3$1 e 527$7(. Tenendo premuto il tasto CTRL e trascinando con il tasto destro del mouse, si effettua l operazione di zoom in/out. Si ricorda che per attivare questi comandi è necessario tener premuto il tasto destro del mouse.,qvhuluhlfrpdqgl Si utilizzi la linea di comando per editare i comandi, le opzioni di comando, le coordinate, le distanze, gli angoli o i raggi, i tasti di scelta rapida e per vedere i comandi inseriti nel prompt. Per accetare alle istruzioni digitate nella linea di comando, si prema INVIO oppure la barra spaziatrice o il tasto destro del mouse. I tasti di scelta rapida possono esser personalizzati attraverso un opportuna combinazione di tasti. E' possibile perciò impostare delle combinazioni di tasti di funzione e CTRL per eseguire i comandi di Rhino Nota In Rhino, INVIO e la barra spaziatrice svolgono la stessa funzione. Robert McNeel & Associates 14

21 2S]LRQLQHOO LQVHULPHQWRGLXQFRPDQGR Per inserire le opzioni di un comando, è necessario digitare le prime lettere dell'opzione scelta. Le maiuscole all'interno delle parole sono prive di significato. Per esempio, per l'opzione AroundCurve digitare A non AC. Per differenziare una opzione da altre che iniziano con la medesima lettera, è necessario digitare più lettere della parola dell'opzione prescelta.,owdvwr7deshufrpsohwduhloqrphglxqfrpdqgr Per completare il nome di un comando, è sufficiente digitare le prime lettere di tale comando e premere il tasto TAB. Se le lettere digitate corrispondono ad un unico comando, quest'ultimo sarà completato nella riga di comando. Se vi è più di un comando che inizia con le lettere digitate, Rhino le completerà per quanto gli è possibile. 5LSHWHUHXQFRPDQGR E possibile ripetere l'ultimo comando cliccando il tasto destro del mouse in una viewport o premendo INVIO o la barra spaziatrice. Per ripetere il comando precedente, si clicchi il tasto destro del mouse nella linea di comando e lo si selezioni dalla lista dei comandi. $QQXOODPHQWRGLXQFRPDQGR E possibile annullare un comando premendo il tasto ESC o eseguendo un nuovo comando da un pulsante o da un menu +HOS L'help di Rhino è accessibile in qualunque momento premendo il tasto F1. Oltre a trovare le informazioni in merito a ciascun comando, l'help di Rhino contiene sia informazioni concettuali sia molti esempi e illustrazioni di supporto per completare il modello. Quando per qualunque ragione non si riuscisse a procedere nella realizzazione del modello, si consiglia di consultare in primo luogo l'help. Si ricorda che è possibile accedere anche all'help relativo ad uno specifico comando avviandolo e poi premendo il tasto F1. 9LVXDOL]]D]LRQHGHOORVWRULFRGHOODOLQHDGLFRPDQGR La finestra dello storico della linea di comando elenca le ultime 500 righe di comando per la corrente sessione di Rhino. Lo storico dei comandi può esser visualizzato in qualunque momento premendo F2. Robert McNeel & Associates 15

22 (VHUFL]LR )RQGDPHQWLGL5KLQR,OSULPRPRGHOORFRQ5KLQR Cliccare 2SHQ dal menu )LOH. Nella finestra di dialogo2shq, selezionare )LUVW0RGHOGP. Open 'XHYLVWHSDUDOOHOHHGXQDLQSURVSHWWLFD Questo modello contiene cinque oggetti: un cubo, un cono, un cilindro, una sfera e un piano rettangolare. Per ora non è possibile selezionare o muovere il piano: sarà illustrata questa operazione in seguito. In questo esercizio il piano funge da supporto sotto gli oggetti. Robert McNeel & Associates 16

23 Dal menu 9LHZcliccare9LHZSRUW/D\RXWe successivamentescegliere9lhzsruwv 7UHYLVWHRUWRJRQDOLHGXQDSURVSHWWLFD Nella barra di stato, si scelga la funzione 6QDS per attivare lo snap alla griglia. Lo snap alla griglia dovrebbe già esser attivo nel sistema. Attenzione perciò a non disattivarlo invece che attivarlo. Se lo snap alla griglia è attivato, la parola "Snap" risulterà annerita nella barra di stato. Se è disattivato, la parola "Snap" sarà di color grigio. Robert McNeel & Associates 17

24 1RWD Questo è un punto importante. Lo snap alla griglia permette di muovere il cursore a passi fissati. In questo modello, di default lo snap alla griglia è stato impostato a metà di un segmento della griglia. Lo snap alla griglia aiuta a costruire l oggetto come se si usassero i mattoni del LEGO. Rendere attiva la vista prospettica cliccandola con il mouse. Quando una vista è attiva, la sua barra del titolo si evidenzia. Si ricorda che una vista è attiva quando in essa vengono eseguiti tutti i comandi inseriti. Dal menu 5HQGHU, cliccare 6KDGH. Gli oggetti appaiono ombreggiati (shaded). Il comando Shade permette di vedere in anteprima le forme senza colore. Il modello è ombreggiato correttamente nella viewport e, in particolare, nella modalità shaded è possibile modificarne la vista. Shade $QWHSULPDLQPRGDOLWjVKDGHG Robert McNeel & Associates 18

25 Dal menu5hqghu, cliccare 5HQGHU. L'operazione di rendering apre una separata finestra di visualizzazione e il modello è visualizzato con i colori precedentemente assegnati all'oggetto stesso. E possibile impostare delle sorgenti di luce direzionali (spotlights) e uno sfondo (background). In seguito saranno discussi i dettagli di quest'operazione. Si ricorda che non è possibile modificare la vista nella finestra di render ma è possibile salvare l'immagine in un file. Render 5HQGHU Chiudere la finestra di render. Per ruotare la vista nella viewport prospettica, cliccare e tenere premuto il tasto destro del mouse. Quindi trascinare il mouse. Robert McNeel & Associates 19

26 Eseguire il comando 6KDGH dal menu 5HQGHU. 5XRWDUHODYLVWDQHOODPRGDOLWjVKDGHG Il piano aiuta a mantenere l orientamento rispetto agli oggetti. In particolare se gli oggetti non risultano visualizzati, il punto di osservazione giace sotto il piano. Dal menu5hqghu, cliccare 5HQGHU. 5HQGHUL]]DUHODYLVWDUXRWDWD Robert McNeel & Associates 20

27 Chiudere la finestra di render. Nella viewport prospettica, sulla destra, trascinare il tasto destro del mouse per ruotare la vista. 5XRWDUHODYLVWDGLZLUHIUDPH Ruotare la vista trascinando il tasto destro del mouse dal basso della vista verso l alto. *XDUGDUHJOLRJJHWWLGDOEDVVRQHOODPRGDOLWjZLUHIUDPH In questo momento il punto di vista giace sotto gli oggetti e la direzione dello sguardo dell osservatore è rivolta verso l alto. Robert McNeel & Associates 21

28 Eseguire il comando 6KDGH dal menu 5HQGHU. Gli oggetti sono nascosti dal piano. *XDUGDUHJOLRJJHWWLGDOEDVVRQHOODPRGDOLWjVKDGHG Nella modalità shaded, il piano permette di distinguere quando il punto di vista giace sotto gli oggetti. 5LSULVWLQDUHODYLVWDRULJLQDULD Premere il tasto HOME per annullare i cambiamenti della vista. 1DYLJDUHDWWRUQRDOPRGHOOR Sinora è stato utilizzato il tasto destro del mouse per ruotare la vista nella viewport prospettica. Per eseguire il comando di PAN, si tenga premuto lo SHIFT e si trascini il tasto destro del mouse. Il fatto di trascinare il tasto destro del mouse non interrompe alcun comando in esecuzione. Robert McNeel & Associates 22

29 /RSHUD]LRQHGLSDQLQXQDYLHZSRUW Nella viewport 7RS, premere il tasto SHIFT e trascinare il tasto destro del mouse per eseguire un pan della vista. /RSHUD]LRQHGLSDQQLQJFRQLOWDVWRVKLIWHLOWDVWRGHVWURGHOPRXVH,FRPDQGL=RRP,QH2XW Talvolta può esser necessario avvicinarsi ad un oggetto o allontanarsene per poterlo inquadrare completamente. E possibile eseguire queste operazioni attraverso il comando di ]RRPLQJ. Come per molte altri comandi in Rhino, vi sono molti modi per eseguire lo zooming in una viewport. Il modo più semplice consiste nel premere CTRL e trascinare verticalmente il mouse tenendone premuto il tasto destro. Se il mouse utilizzato possiede lo scroll, è possibile girare lo scroll per eseguire lo zoom in e lo zoom out. (VHJXLUHOR]RRPLQHRXW Nella viewport Top, premere il tasto CTRL e premere il tasto di destro del mouse. Trascinare quindi il mouse verticalmente. &RVDDFFDGHVH«,QYHFHGLHVHJXLUHORSHUD]LRQH GLSDQQLQJRGLURWD]LRQH DFFDGHTXDOFRVDGLVWUDQR 6HVLFOLFFOLLOWDVWRGHVWURGHO PRXVHXQDYROWDVRODLQXQD YLHZSRUWYLHQHULSHWXWROXOWLPR FRPDQGR( QHFHVVDULRWHQHU SUHPXWRLOWDVWRGHVWURGHO PRXVHGXUDQWHORSHUD]LRQHGL SDQQLQJRGLURWD]LRQH ( VWDWRHVHJXLWRLOSDQQLQJLQ XQDOWUDYLHZSRUWFKHVLq RVFXUDWD&RVDqVXFFHVVR" 4XDQGRVLqQHOODPRGDOLWj VKDGHGHVLRSHUDXQ FDPELDPHQWRLQTXDOXQTXH YLHZSRUWODYLHZSRUWVL SUHVHQWDDQFKHVVDQHOOD PRGDOLWjVKDGHG3UHPHUH(6& LQXQDYLHZSRUWSHUXVFLUH GDOODPRGDOLWjVKDGHG Robert McNeel & Associates 23

30 Trascinare il mouse verso l alto per eseguire lo zoom in. Trascinare il mouse verso il basso per eseguire zoom out. 2SHUD]LRQHGL]RRPFRQLOWDVWR&75/HLOWDVWRGHVWURGHOPRXVH,OFRPDQGR=RRPH[WHQWV Il comando =RRP([WHQWVriscala una viewport in modo tale che l'oggetto riempia la viewport il più possibile. E possibile utilizzare questo comando per rendere visibile qualunque oggetto in una viewport. (VHJXLUHLOFRPDQGR]RRPH[WHQWVLQXQDYLHZSRUW Dal menu 9LHZ, cliccare =RRP e successivamente ([WHQWV. Spesso è utile usare il comando zoom extents in tutte le viewport contemporaneamente e perciò esiste un comando specifico per eseguire quest'operazione. ZoomExtents Cliccare questo pulsante con il tasto sinistro del mouse,ofrpdqgr=rrplqj([whqwv QHOODYLHZSRUWSURVSHWWLFDq WDOYROWDLQDFFXUDWR (VHJXLUHLOFRPDQGR]RRPH[WHQWVLQWXWWHOHYLHZSRUW Dal menu 9LHZ, cliccare =RRP e successivamente ([WHQWV $OO. ZoomExtentsAll Cliccare questo pulsante con il tasto sinistro del mouse Robert McNeel & Associates 24

31 0XRYHUHJOLRJJHWWL In qualunque viewport è possibile muovere e riposizionare un oggetto. Nel modello in considerazione, la funzione Snap è impostata a metà di un segmento della griglia. Usando tale impostazione, è possibile allineare gli oggetti gli uni con gli altri. 0XRYHUHJOLRJJHWWL Cliccare e trascinare il cono. Il cono diventa giallo in quanto è stato selezionato.,ofrqrvhoh]lrqdwrvlhylghq]ld Robert McNeel & Associates 25

32 Trascinare il cononella viewport 3HUVSHFWLYH fino ad allinearlo internamente con il cilindro. Il cono si muove sul piano d appoggio rappresentato dalla griglia. Questo piano d appoggio è chiamato SLDQRGL FRVWUX]LRQHeciascuna viewport ne è dotata di uno proprio. Quando si avvia Rhino, la viewport prospettica ha il medesimo piano di costruzione della viewport Top. In seguito, si descriverà più in dettaglio come usare i piani di costruzione. 7UDVFLQDUHLOFRQRSHUPXRYHUOR Robert McNeel & Associates 26

33 Nella viewport )URQW, trascinare il cono fino all apice del cilindro. Osservare l effetto di tale operazione nella viewport Perspective. In molte circostanze è necessario avvalersi di altre viewport per posizionare accuratamente un oggetto. 0XRYHUHLOFRQRQHOODYLHZSRUW)URQW Cliccare nella viewport 3HUVSHFWLYH. Dal menu 5HQGHU, cliccare 6KDGH. $QWHSULPDVKDGHG Robert McNeel & Associates 27

34 Dal menu 5HQGHU, cliccare 5HQGHU. 5HQGHU 3URYDUHGDVROL Muovere gli oggetti dalla loro posizione. Usare la viewport Front per muovere gli oggetti verticalmente e le viewport Top e Perspective per muoverli orizzontalmente. &RSLDUHJOLRJJHWWL Attraverso il comando Copy è possibile ottenere più oggetti di pari dimensione e forma.,ql]lduhxqqxryrprghoor Cliccare 2SHQ dal menu )LOH. Non salvare le modifiche. Nella finestra di dialogo Open, selezionare )LUVW0RGHOGP Questo modello è contenuto nella cartella 5KLQR. Robert McNeel & Associates 28

35 &RSLDUHGHJOLRJJHWWL Cliccare il cubo per selezionarlo. Cliccare &RS\ nel menu 7UDQVIRUP Al prompt 3RLQWWRFRS\IURP9HUWLFDO,Q3ODFH), cliccare nella viewport7rssi consiglia di cliccare in un punto che si riferisce all oggetto (come il suo centro). Copy Cercare questo pulsante 6HOH]LRQDUHHFRSLDUHLOFXER Al prompt 3RLQWWRFRS\WR, cliccare in un punto per posizionare ivi la prima copia dell oggetto. Se necessario, eseguire il comando zoom in. Per eseguire lo zoom, si prema il tasto CTRL e si trascini il tasto destro del mouse. Robert McNeel & Associates 29

36 Al successivo prompt 3RLQWWRFRS\WR, cliccare in altri punti per ottenere alcune copie del cubo. )DUHWUHFRSLHGHOFXER Quando il numero di copie è sufficiente, premere INVIO. 9LVXDOL]]D]LRQHGHOOHFRSLHGHOFXER 3URYDUHGDVROL Si creino più copie di un oggetto: posizionare tali copie nell area di lavoro e cercare di comporle insieme per realizzare un oggetto più complesso. Robert McNeel & Associates 30

37 &UHDUHRJJHWWLELGLPHQVLRQDOL 'LVHJQDUHOLQHH I comandi /LQH, /LQHV e 3RO\OLQH permettono di disegnare linee spezzate. In particolare, il comando /LQH disegna un singolo segmento di linea mentre il comando /LQHV disegna segmenti di linea contigui. Il comando 3RO\OLQH disegna un unico oggetto composto da più segmenti di linee. (VHUFL]LR 'LVHJQDUHGHOOHOLQHH Cliccare 1HZ nelmenu)loh Cliccare YLHZSRUWVGP nel finestra di dialogo )LOH. Cliccare 6DYH nelmenu)loh Nella finestra di dialogo 6DYH, digitare /LQHV e successivamente cliccare 6DYH. 'LVHJQDUHVHJPHQWLGLOLQHD Nel menu &XUYH, cliccare /LQH e quindi cliccare /LQH6HJPHQWV per iniziare il comando Line. Al prompt 6WDUWRIILUVWOLQH, scegliere un punto in una viewport. Al prompt (QGRIOLQHVHJPHQW8QGR, selezionare un altro punto in tale viewport. A seguito di tali operazioni, appare un segmento di linea tra i due punti selezionati. Al prompt (QGRIOLQHVHJPHQW, SUHVV(17(5ZKHQGRQH8QGR, selezionare un altro punto. Line Segments Cercare questo pulsante Premere il tasto destro del mouse per il comando Line Segments Robert McNeel & Associates 31

38 Al prompt (QGRIOLQHVHJPHQWSUHVV (17(5ZKHQGRQH&ORVH8QGR, continuare a selezionare punti. A risultato di tale operazione, appaiono ulteriori segmenti e ciascun segmento è contiguo ma non unito al precedente. 2S]LRQH 'HVFUL]LRQH PRIMA DI PARTIRE ( SRVVLELOHDQFKHSUHPHUHLO WDVWRGHVWURGHOPRXVHLQYHFH GLSUHPHUH,19,2 &lose Con questa opzione si chiude la forma disegnata tracciando un segmento dall ultimo punto selezionato al primo. Si termina quindi il comando Line. 8ndo Cancella l ultimo punto selezionato. Al prompt(qgriolqhvhjphqwsuhvv(17(5zkhqgrqh&orvh8qgr, premere INVIO per terminare il comando. 'LVHJQDUHXQDSROLOLQHD Dal menu &XUYH, cliccare /LQH e quindi 3RO\OLQH per iniziare il comando Polyline. Al prompt6wduwrisro\olqh, selezionare un punto. Al successivo prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQH8QGR, selezionare un altro punto. Al promptsrlqwrisro\olqhsuhvv(17(5zkhqgrqh8qgr, selezionare un altro punto. Al prompt1h[wsrlqwrisro\olqhsuhvv(17(5zkhqgrqh&orvh8qgr, procedere nella selezione di punti. Polyline Cliccare il tasto sinistro del mouse per Polyline. 'LVHJQDUHXQVLQJRORVHJPHQWRGLOLQHD Dal menu &XUYH, cliccare /LQH e quindi 6LQJOH/LQHper iniziare il comando. Al prompt 6WDUWRIOLQH%RWK6LGHV, selezionare un punto. Al prompt (QGRIOLQH%RWK6LGHV, selezionare un altro punto. Il comando Single Line è terminato dopo che il segmento è stato disegnato. Single Line 8VDUHORS]LRQH&ORVH Dal menu&xuyh, cliccare /LQH e successivamente cliccare /LQH6HJPHQWV per iniziare il comando Line. Al prompt 6WDUWRIILUVWOLQH, selezionare un punto. Al prompt (QGRIOLQHVHJPHQW8QGR selezionare un altro punto. Al prompt (QGRIOLQHVHJPHQWSUHVV(17(5ZKHQGRQH8QGR selezionare un altro punto. Robert McNeel & Associates 32

39 Al prompt (QGRIOLQHVHJPHQWSUHVV(17(5ZKHQGRQH&ORVH8QGR, digitare & e premere INVIO. La linea si chiuderà sul punto iniziale. 8VDUHORS]LRQH8QGR Dal menu &XUYH, cliccare /LQH e successivamente 3RO\OLQH per iniziare il comando. Al prompt 6WDUWRISRO\OLQH, selezionare un punto. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQH8QGR, selezionare un altro punto. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQHSUHVV(17(5ZKHQGRQH8QGR, selezionare un altro punto. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQHSUHVV(17(5ZKHQGRQH&ORVH8QGR, digitare 8 e premere INVIO. A seguito di questo comando, viene rimosso un segmento della polilinea. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQHSUHVV(17(5ZKHQGRQH8QGR, selezionare un altro punto. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQHSUHVV(17(5ZKHQGRQH8QGR premere INVIO per terminare il comando. 8VDUHORS]LRQH%RWKVLGHV Dal menu&xuyh, cliccare /LQH e quindi 6LQJOH/LQHper iniziare il comando Line. Al prompt 6WDUWRIOLQH%RWK6LGHV, digitare % e premere INVIO. Al prompt 6WDUWRIOLQH, scegliere un punto. Al prompt (QGRIOLQH, selezionare un altro punto. A seguito di questa operazione, viene disegnato un segmento che si estende simmetricamente in entrambi i lati rispetto al primo punto scelto. Robert McNeel & Associates 33

40 'LVHJQDUHFXUYH)UHHIRUP I comandi &XUYHIURP,QWHUSRODWHG3RLQWV e &XUYH permettono di disegnare curve di forma libera. In particolare il comando Interpolated Points disegna una curva attraverso i punti selezionati dall utente. Il comando Curve si avvale invece dei punti di controllo per creare una curva. (VHUFL]LR 'LVHJQDUHXQDFXUYDLQWHUSRODWD Dal menu &XUYH, cliccare )UHHIRUP e successivamente cliccare,qwhusrodwh3rlqwv. Al prompt 6WDUWRIFXUYH7DQJHQW.QRWV 6TUW&KRUG, selezionare un punto. Al prompt 1H[WSRLQWRIFXUYH7DQJHQW.QRWV 6TUW&KRUG8QGR, selezionare un altro punto. Al successivo prompt1h[wsrlqwrifxuyh7dqjhqw.qrwv 6TUW&KRUG8QGR, selezionare più punti. O digitare una lettera corrispondente ad un opzione e premere INVIO. Interpolated Points 2S]LRQH &lose 7angent 8ndo 'HVFUL]LRQH Chiude la curva disegnando un segmento dall ultimo punto selezionato al primo. Si termina il comando Curve. Dopo aver scelto un punto su un altra curva, viene disegnato un segmento tangente al punto selezionato. Si termina il comando Curve. Cancella l ultimo punto selezionato. (VHUFL]LR 'LVHJQDUHXQDFXUYDDWWUDYHUVRLSXQWLGLFRQWUROOR Dal menu &XUYH, cliccare)uhhirup e successivamente &RQWURO3RLQWV. Al prompt 6WDUWRIFXUYH, selezionare un altro punto. Al prompt 1H[WSRLQW8QGR, selezionare un altro punto. Ai successivi prompt 1H[WSRLQWSUHVV(17(5ZKHQGRQH8QGR, selezionare più punti. O digitare una lettera corrispondente ad un'opzione e premere INVIO. Curve 6LQRWDFKHLSXQWLVHOH]LRQDWL QRQJLDFFLRQRVXOODFXUYD SHUFKpSXQWLGLFRQWUROOR Robert McNeel & Associates 34

41 $LXWLDOODPRGHOOD]LRQH Gli aiuti alla modellazione come la modalità Ortho e la modalità planare, gli snap all oggetto e la griglia, possono esser attivati premendo dei tasti di scelta rapida, un tasto funzione, digitando una linea di comando o selezionando un opportuno pulsante. 0RGDOLWj &RPDQGR 7DVWR IXQ]LRQH 'HVFUL]LRQH Ortho O F8 o SHIFT Quando questa modalità è attiva, il movimento del cursore è vincolato a dei punti ad un angolo specifico dall'ultimo punto selezionato. Di default, tale angolo è impostato al valore di 90. Attivare la funzione Ortho tenendo premuto il tasto SHIFT. Se tale funzione è attiva, il tasto SHIFT la deseleziona. Se la funzione Ortho è disattiva, il tasto SHIFT la rende attiva. Grid Grid F7 Nasconde o mostra una griglia di riferimento del piano di costruzione nella viewport corrente. Non è possibile attivare la griglia durante l esecuzione di un comando. Snap S F9 or Vincola il puntatore ad eseguire uno snap alle intersezioni della griglia. Planar P La modalità planare è un aiuto alla modellazione simile alla modalità Ortho. Nella modalità planare è possibile modellare oggetti planari vincolando i punti selezionati a giacere su un piano parallelo al piano di costruzione e passante per l'ultimo punto selezionato. Gli aiuti alla modellazione possono esser attivati o disattivati cliccando il pulsante corrispondente sulla barra di stato: (VHUFL]LR 'LVHJQDUHOLQHHHFXUYHDWWUDYHUVROHPRGDOLWjDSSHQDGHVFULWWH Attivare lo Snap e disegnare alcune linee. Il cursore esegue uno snap a ciascuna intersezione della griglia. Disattivare lo Snap e attivare la modalità Ortho. Disegnare quindi alcune linee e curve. Robert McNeel & Associates 35

42 E possibile inserire dei punti che siano a 90 rispetto all'ultimo punto inserito. Usando gli snap alla griglia e la modalità Ortho, è possibile disegnare con precisione e in seguito saranno presentati altri metodi per raggiungere questo obiettivo.,psrvwd]lrqlglxqprghoor In Rhino è possibile creare dei modelli completi usando quotature precise. Talvolta può esser necessario cambiare l'ambiente di modellazione e perciò le opzioni di default potrebbero non esser opportune. Robert McNeel & Associates 36

43 0RGLILFDUHGHOOHRS]LRQL Dal menu 7RROV, cliccare 2SWLRQV. A seguito di questa operazione, appare la finestra di dialogo 5KLQR2SWLRQV Cliccare sulla tabella 0RGHOLQJ$LGV. La tabella 0RGHOLQJ$LGVpermette di impostare le modalità RUWKR, REMHFWVQDS, JULGVQDS e molte altre opzioni. Modificare la modalità 2UWKR a &RQVWUDLQHYHU\ gradi. Robert McNeel & Associates 37

44 Cliccare sulla tabella *ULG. E possibile adeguare l'ambiente di modellazione cambiando gli elementi della griglia. Possono esser modificate la dimensione della griglia, la frequenza delle linee spesse e il numero degli elementi della griglia. La finestra di dialogo *ULGpermette inoltre di configurare le impostazioni della griglia. Cambiare le impostazioni di 6QDS6SDFLQJ a. Cambiare le impostazioni di 7KLFNOLQHHYHU\ a. Cambiare le impostazioni di *ULG([WHQWV a. Cliccare 2.. Disegnare alcune linee e curve dopo aver attivato 6QDS e 2UWKR. Si noti che il puntatore ora esegue uno snap tra le intersezioni della griglia e che viene eseguito uno snap a 30 gradi. Robert McNeel & Associates 38

45 Provare a disegnare l'oggetto mostrato di seguito con dopo aver attivato le modalità snap e ortho. 6DOYDUHXQPRGHOOR Si consiglia di salva il proprio lavoro periodicamente durante la sessione per evitare che possa esser cancellato accidentalmente. 6DOYDUHXQPRGHOOR Dal menu )LOH, cliccare 6DYH. O cliccare una delle altre opzioni del comando Save. Si ricorda che nell esecuzione di taluni comandi, Rhino chiede all utente se è necessario salvare il modello corrente. Si consulti la tabella seguente per ulteriori dettagli. &RPDQGR Save Save As New Open Exit 'HVFUL]LRQH Salva il modello e lo tiene aperto. Salva il modello nel file, nella locazione e nel formato specificati dall utente. Propone di salvare il modello prima di aprirne uno nuovo. Propone di salvare il modello prima di aprirne uno differente. Propone di salvare il modello prima di terminare la sessione di Rhino. 6LFRQVLJOLDGLVDOYDUHFRQLO FRPDQGR6DYHDVOHYDULH YHUVLRQLGHOPRGHOORFRQQRPL GLIIHUHQWL,QWDOPRGRq VHPSUHSRVVLELOHDSULUHXQD YHUVLRQHSUHFHGHQWH Robert McNeel & Associates 39

46 /D\HUV In Rhino, l organizzazione a layers è analoga a quella proposta nel CAD. Creando un oggetto in layers differenti, è possibile editare e vedere relative porzioni di un modello separatamente oppure visualizzare un composto. In particolare, è possibile creare tanti layers quanti ne sono necessari. E possibile visualizzare tutti i layers simultaneamente o disattivarne qualcuno, vincolare dei layers in modo tale che siano visualizzati ma non possano esser selezionati. Per distinguere un layer da un altro, ciascun layer è caratterizzato da un colore. Inoltre è possibile assegnare a ciascun layer un nome (per esempio BASE, BODY, TOP) o si può far uso di nomi di layer predefiniti (Default, Layer 01, Layer 02, Layer 03). Attraverso la finestra di dialogo Edit Layers è possibile gestire i layers: per impostare i layers di un modello, si usi tale finestra. Robert McNeel & Associates 40

47 (VHUFL]LR /D\HUV &UHDUHXQQXRYROD\HU Dal menu (GLW, cliccare /D\HUV e quindi cliccare (GLW. Edit Layers Cercare questo pulsante Ogni qualvolta si inizia un nuovo modello, viene creato automaticamente il layer Default. Nella finestra di dialogo (GLW /D\HUV, cliccare 1HZ. Nella lista dei layer appare in nuovo layer /D\HU: digitare /LQH e premere INVIO. Cliccare 1HZ. Nella lista dei layer appare in nuovo layer /D\HU: digitare &XUYH e premere INVIO Robert McNeel & Associates 41

48 $VVHJQDUHXQFRORUHDOOD\HU Cliccare &RORU in corrispondenza al layer /LQH nella lista appena menzionata. Nella finestra di dialogo6hohfw$&roru, cliccare UHG dalla lista di colori. Il rettangolo campione diventa rosso. Cliccare 2.. Nella finestra di dialogo (GLW/D\HUV, appare un nuovo colore nella barra del colore in corrispondenza del layer /LQH nella lista dei layer. Ripetere i passi precedenti per associare il colore blu il layer &XUYH Cliccare 2. per chiudere la finestra di dialogo. +XH7RQRR&RORUHq FRQWUROODWRPXRYHQGRODOLQHD DWWRUQRDOODFRURQDFLUFRODUH QHOGLVFRGLFRORUL,OYDORUH+XHqULIHULWRDGXQD VFDODFKHYDGDOURVVRDO JLDOORGDOEOXDOYHUGHHSRL FLUFRODUPHQWHWRUQDDOURVVR 6DWXUDWLRQ6DWXUD]LRQHH 9DOXH/XPLQRVLWjVRQR FRQWUROODWLPXRYHQGRLOFHUFKLR QHOTXDGUDWRGLVSRVWR DOO LQWHUQRGHOODFRURQD FLURFRODUHGLFRORUL /D6DWXUD]LRQHUDSSUHVHQWDOD LOJUDGRGLOXPLQRVLWjHSXUH]]D GHOFRORUH 9DOXHUDSSUHVHQWDTXDQWRq OXPLQRVRRVFXURXQFRORUH 5HQGHUHFRUUHQWHXQOD\HU Cliccare il riquadro /D\HU nella barra di stato. Robert McNeel & Associates 42

49 Cliccare /LQH. Disegnare alcune linee con il comando OLQHV. Le linee appaiono nel layer /LQH e sono di colore rosso. Cambiare layer cliccando nell area /D\HU della barra di stato. Cliccare &XUYH. Disegnare alcune curve. Disegnare più linee e curve nello stesso layer. 9LQFRODUHXQOD\HU Dal menu (GLW, cliccare /D\HUV e quindi cliccare (GLW. Nella finestra di dialogo (GLW/D\HUV, cliccare il pulsante di opzione sotto la voce /RFN nella riga /LQH. L'operazione di vincolare un layer lo rende l'unico layer di riferimento. E possibile visualizzare ed eseguire lo snap agli oggetti su layer vincolati ma non è possibile selezionarvi alcun oggetto. In particolare, non è possibile vincolare il layer corrente senza averlo prima sbloccato. Cliccare 2.. 6EORFFDUHXQOD\HU Dal menu (GLW, cliccare /D\HUV e successivamente (GLW. Nella finestra di dialogo (GLW/D\HUV, cliccare il pulsante di opzione sotto la voce 2II nella riga Curve. L'operazione di sbloccaggio di un layer rende invisibili tutti gli oggetti in quest'ultimo. Cliccare 2.. (VHUFL]LR 6HOH]LRQDUHJOLRJJHWWL 6HOH]LRQDUHXQRJJHWWR Muovere la freccia del puntatore sull oggetto e premere il tasto sinistro del mouse. Robert McNeel & Associates 43

50 6HOH]LRQDUHSLGLXQRJJHWWR Muovere la freccia del puntatore sul primo oggetto e cliccare il tasto sinistro del mouse. Mentre si preme il tasto SHIFT, muovere il puntatore su un altro oggetto e cliccare il tasto sinistro del mouse. 6HOH]LRQDUHSLGLXQRJJHWWRXVDQGRXQDILQHVWUDGLVHOH]LRQH Muovere la freccia del puntatore in un'area aperta verso la parte più in basso a sinistra degli oggetti da selezionare. Tenendo premuto il tasto sinistro, trascinare il mouse diagonalmente verso destra fino a visualizzare gli oggetti dentro la finestra. Rilasciare il tasto del mouse. Tutti gli oggetti contenuti completamente nella finestra saranno selezionati. E possibile aggiungere all insieme di selezione altri oggetti tenendo premuto il tasto SHIFT durante l esecuzione di un'altra selezione. Oppure, digitare 6HOZLQGRZ e premere INVIO per iniziare una finestra di selezione (:LQGRZ). 6HOH]LRQDUHSLGLXQRJJHWWRXVDQGRXQDVHOH]LRQHLQWHUVHFD Muovere la freccia del puntatore in basso a destra degli oggetti da selezionare. Tener premuto e trascinare il tasto sinistro del mouse diagonalmente verso sinistra fino a racchiudere o intersecare più oggetti. Rilasciare il tasto del mouse. Tutti gli oggetti completamente dentro o intersecati dalla selezione interseca saranno selezionati. E possibile aggiungere all insieme di selezione altri oggetti tenendo premuto il tasto SHIFT durante l esecuzione di un'altra selezione. Oppure, digitare 6HOFURVVLQJ e premere INVIO per iniziare una selezione interseca (&URVVLQJ :LQGRZ. 1DVFRQGHUHXQRJJHWWR Selezionare un oggetto. Dal menu (GLW, cliccare 9LVLELOLW\ e quindi +LGH. L'oggetto diventa invisibile. Hide Cercare questo pulsante Cliccare il tasto sinistro del mouse per nascondere un oggetto. Robert McNeel & Associates 44

51 9LVXDOL]]DUHJOLRJJHWWLQDVFRVWL Dal menu (GLWcliccare 9LVLELOLW\ e successivamente6krz Il comando 6KRZ mostra globalmente tutti gli oggetti nascosti. 9LQFRODUHXQRJJHWWR Selezionare un oggetto. Dal menu(glwcliccare 9LVLELOLW\ e successivamente /RFN. L'oggetto diventa di colore grigio ombreggiato. E possibile vedere un oggetto vincolato, eseguirne uno snap ma non è possibile selezionarlo. Show Lock 6EORFFDUHJOLRJJHWWLYLQFRODWL Dal menu(glwcliccare 9LVLELOLW\ e successivamente 8Q/RFN. Il comando 8QORFN visualizza e sblocca globalmente tutti gli oggetti vincolati. 0XRYHUHXQRJJHWWRGDXQOD\HUDOODOWUR Selezionare un oggetto. Unlock Cliccare il tasto destro del mouse per sbloccare. Robert McNeel & Associates 45

52 Dal menu (GLW, cliccare /D\HUV e successivamente &KDQJH2EMHFW/D\HU. A seguito di questa operazione appare la finestra di dialogo /D\HUIRUREMHFW. Change Layer Cercare questo pulsante PRIMA DI PARTIRE Selezionare il layer dove si desidera muovere l oggetto e premere 2.. Robert McNeel & Associates 46

53 &DQFHOODUHJOLRJJHWWL Il comando 'HOHWH rimuove dal modello gli oggetti selezionati. Si usi il comando 'HOHWH per far pratica con l operazione di selezione. (VHUFL]LR /HRS]LRQL'HOHWHH6HOHFWLRQ $SULUHXQPRGHOORGHVHPSLR Dal menu )LOH, cliccare 2SHQ. Nella finestra di dialogo 2SHQ, cliccare 'HOHWHGP e successivamente 2SHQ oppure cliccare GHOHWHGP per aprire il modello. Robert McNeel & Associates 47

54 Selezionare il quadrato e il cerchio. Dal menu (GLW, cliccare 'HOHWH o premere il tasto DELETE. Gli oggetti spariscono.,ql]lduhlosulprhvhufl]lr Selezionare una delle linee dell'esagono nella viewport Top. Dal momento che vi sono più linee sovrapposte l'una sull'altra, è possibile scegliere tra più oggetti nella finestra di dialogo Choose One Object.. Cliccare 1H[W. Con questa procedura sono selezionati di volta in volta tutti gli elementi che si sovrappongono in quel punto. E possibile vederne le differenze nelle viewport Perspective e Side. Quando risulta evidenziato l'esagono nella viewport Top, cliccare 2.. Dal menu (GLW, cliccare 'HOHWH. Robert McNeel & Associates 48

55 Attraverso una selezione interseca, selezionare la superficie e la polilinea nella parte in alto a destra del disegno. Entrambi gli elementi sono selezionati. Dal menu (GLW cliccare 'HOHWH. Attraverso una finestra di selezione, selezionare la polilinea e il cilindro nella parte in basso a destra del disegno. Solo gli oggetti che sono completamente racchiusi nella finestra di selezione saranno selezionati. Dal menu (GLW cliccare 'HOHWH. Robert McNeel & Associates 49

56 Procedere con la cancellazione degli oggetti dal disegno. Si consiglia di usare differenti metodi di selezione per selezionare e deselezionare gli oggetti. In particolare si usino quindi la modalità di selezione interseca e la finestra di selezione. Come prima ricordato, premendo il tasto SHIFT durante la selezione è possibile aggiungere oggetti all insieme di selezione. Premendo invece il tasto CTRL durante la selezione, è possibile rimuovere degli oggetti dall insieme di selezione. $QQXOODUHOHRSHUD]LRQLGLFDQFHOOD]LRQH Dal menu (GLW cliccare 8QGR. Ogni volta che si clicca, si annulla l ultimo comando eseguito e perciò si arretra indietro di un passo per volta nella sequenza dei comandi. Undo Cliccare il tasto sinistro del mouse per eseguire l Undo. 5LSHWHUHXQRSHUD]LRQH Dal menu (GLW cliccare 5HGR. Ogni volta che si clicca, si ripeterà il comando precedente annullato con il comando 8QGR. Redo Cliccare il tasto destro del mouse per eseguire Redo. Robert McNeel & Associates 50

57 0RGHOODUHFRQSUHFLVLRQH (VHUFL]LR,PSRVWDUHXQPRGHOOR,QL]LDUHXQQXRYRPRGHOOR Dal menu)lohcliccare 1HZ Cliccare YLHZSRUWVGP e successivamente 2SHQ. Dal menu)lohcliccare 6DYHAssegnare al modello il nome %2;(6 0RGHOODUHFRQOHFRRUGLQDWH Fino ad ora sono stati proposti metodi di modellazione poco precisi. Nei prossimi paragrafi sarà discusso in dettaglio come disegnare delle linee con maggiore precisione: per far ciò, si useranno le coordinate. Marker Puntatore Robert McNeel & Associates 51

58 Quando si disegna una curva, si dispone un punto o si crea una primitiva di un solido, Rhino chiede all utente di inserire una serie di punti. Ad esempio per disegnare una curva sono richiesti due punti: nella linea di comando si legge infatti 6WDUWRIILUVWOLQH6WDUWRISRO\OLQH6WDUWRIFXUYHo1H[WSRLQW e il cursore diventa un puntatore. E possibile inserire un punto in due modi: o selezionando un punto nella viewport con il mouse o digitandone le coordinate nella linea di comando. Rhino usa un sistema fisso di coordinate Cartesiane chiamato World Coordinate System (:&6), basato su tre assi (gli assi [\e]) che definiscono la posizione in uno spazio bi- o tridimensionale. Ciascuna viewport ha un piano di costruzione che definisce le coordinate nella viewport cui si riferisce. In particolare le viewport Top e Perspective presentano gli stessi sistemi di coordinate. &RRUGLQDWHDVVROXWH Le coordinate assolute forniscono le esatte posizioni negli assi x-, y- e z-. Si usi il modello BOXES per imparare a disegnare con le coordinate assolute. (VHUFL]LR,QVHULUHOHFRRUGLQDWHDVVROXWH. 7UDFFLDUHOLQHHXVDQGROHFRRUGLQDWHDVVROXWH Massimizzare la viewport 7RS cliccando due volte sulla barra del titolo. Dal menu &XUYH, cliccare /LQH e successivamente 3RO\OLQH. Al prompt 6WDUWRISRO\OLQH, digitare e premere INVIO Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQH8QGR, digitare e premere INVIO Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQHSUHVV(17(5ZKHQGRQH8QGR, digitare e premere INVIO. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQHSUHVV(17(5ZKHQGRQH&ORVH8QGR, digitare e premere INVIO. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQHSUHVV(17(5ZKHQGRQH&ORVH8QGR, digitare &e premere INVIO per chiudere la linea. Polyline Cliccare il tasto sinistro del mouse per eseguire il comando Polyline. Robert McNeel & Associates 52

59 &RRUGLQDWHUHODWLYH Talvolta le coordinate assolute possono esser scomode. Anzi, il più delle volte le coordinate UHODWLYH sono più facili da usare. Si ricorda che ogni qualvolta si seleziona un punto, Rhino riconosce quel punto come OXOWLPRSXQWR e che le coordinate relative si basano su questo punto invece che riferirsi all'origine (0,0,0) del piano di costruzione. Per inserire le coordinate relative, si faccia precedere una singola lettera R al valore coordinare x,y,z. (VHUFL]LR,QVHULUHOH&RRUGLQDWH5HODWLYH Dal menu&xuyh, cliccare /LQH e successivamente3ro\olqh. Al prompt 6WDUWRISRO\OLQH, digitare e premere INVIO. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQH8QGR, digitare 5e premere INVIO. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQHSUHVV(17(5ZKHQGRQH8QGR, digitare 5e premere INVIO. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQHSUHVV(17(5ZKHQGRQH&ORVH8QGR, digitare 5e premere INVIO. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQHSUHVV(17(5ZKHQGRQH&ORVH8QGR, digitare &e premere INVIO per chiudere la linea. Polyline Cliccare il tasto sinistro del mouse per eseguire il comando Polyline. Robert McNeel & Associates 53

60 &RRUGLQDWH3RODUL /HFRRUGLQDWHSRODULspecificano una distanza e una direzione rispetto all origine 0.0 del piano di costruzione corrente. Per esempio, se si desidera inserire un punto distante quattro unità dall'origine del piano di costruzione, ad un angolo di 45 in senso orario dall'asse x del piano di costruzione, si digiti 4<45 e si prema INVIO. Rispetto alle coordinate polari assolute, le coordinate polari relative sono precedute da una "r". Invece di usare le coordinate x-, y- e z-, è possibile inserire le coordinate polari relative utilizzando la seguente convenzione UGLVWDQFHDQJOH (VHUFL]LR,QVHULUHOH&RRUGLQDWH3RODUL Dal menu &XUYH, cliccare /LQH e quindi 3RO\OLQH. Al prompt 6WDUWRISRO\OLQH, digitare e premere INVIO. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQH8QGR, digitare 5e premere INVIO. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQHSUHVV(17(5ZKHQGRQH8QGR, digitare 5e premere INVIO. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQHSUHVV(17(5ZKHQGRQH&ORVH8QGR, digitare 5e premere INVIO. Polyline Cliccare il tasto sinistro del mouse per eseguire il comando Polyline. Robert McNeel & Associates 54

61 Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQHSUHVV(17(5ZKHQGRQH&ORVH8QGR, digitare &e premere INVIO per chiudere la linea. 9LQFROLVXOODGLVWDQ]DHVXOO DQJROR Attraverso il comando Distance Constraint, è possibile inserire un punto digitando quindi una distanza e premendo INVIO. Infatti, muovendo il cursore in qualunque direzione, la lunghezza della linea risulterà limitata dalle impostazioni scelte nel comando Distance Constraint. Questo è un metodo veloce per specificare velocemente la lunghezza di una linea. Robert McNeel & Associates 55

62 Usando invece il comando Angle Constraint è possibile specificare un angolo digitando il simbolo < seguito da un valore e premendo INVIO. Il punto successivo è vincolato a giacere su linee che formano tra loro un angolo pari a quello digitato. 9DORUHGHO'LVWDQFHFRQVWUDLQWSDULD$QJOHFRQVWUDLQWSDULD $WWLYDUHHGLVDWWLYDUHORS]LRQH2UWKRXVDQGRLOWDVWRVKLIW Quando la modalità Ortho è disattiva, è possibile attivarla tenendo premuto il tasto SHIFT. La modalità Ortho rappresenta un modo efficiente per tracciare linee ortogonali tra loro. Nel seguente esempio, si disegnerà una linea lunga 5 unità usando il comando "distance constraints". Robert McNeel & Associates 56

63 (VHUFL]LR 'LVWDQFH&RQVWUDLQW Dal menu &XUYH, cliccare /LQH e successivamente cliccare 3RO\OLQH Al prompt 6WDUWRISRO\OLQH, digitare e premere INVIO. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQH8QGR, digitare e premere INVIO. Mantenere premuto il tasto SHIFT e scegliere un punto a 90 gradi verso destra. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQHSUHVV(17(5ZKHQGRQH8QGR, digitare e premere INVIO. Mantenere premuto il tasto SHIFT e scegliere un punto a 90 gradi verso l alto. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQHSUHVV(17(5ZKHQGRQH&ORVH8QGR, digitare e premere INVIO. Mantenere premuto il tasto SHIFT e scegliere un punto a 90 gradi verso sinistra. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQHSUHVV(17(5ZKHQGRQH&ORVH8QGR, digitare & e premere INVIO per chiudere la linea. Polyline Cliccare il tasto sinistro del mouse per eseguire il comando Polyline. (VHUFL]LR 'LVWDQFH&RQVWUDLQWH$QJOH&RQVWUDLQW Dal menu &XUYH, cliccare /LQH e quindi cliccare 3RO\OLQH Al prompt 6WDUWRISRO\OLQH, digitare e premere INVIO. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQH8QGR, digitare e premere INVIO. Digitare quindi <45 e premere INVIO. Quando si trascina il cursore, il puntatore esegue uno snap alla distanza di 5 unità e di 45 gradi. Scegliere un punto in basso a destra. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQHSUHVV(17(5ZKHQGRQH8QGR, digitare e premere INVIO; digitare quindi <45 e premere INVIO. Scegliere un punto a 45 gradi verso l alto e verso destra. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQHSUHVV(17(5ZKHQGRQH&ORVH8QGR, digitare e premere INVIO; digitare quindi <45 e premere INVIO. Scegliere un punto a 45 gradi verso l alto e verso sinistra. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQHSUHVV(17(5ZKHQGRQH&ORVH8QGR, digitare& e premere INVIO per chiudere la linea. Salvare il modello con il comando6dyh. Questo modello sarà, infatti, utilizzato per un altro esercizio. Polyline Cliccare il tasto sinistro del mouse per eseguire il comando Polyline. Robert McNeel & Associates 57

64 (VHUFL]LR 3UDWLFD Si inizi un nuovo modello e lo si salvi con il nome $UURZ. Disegnare una freccia con una polilinea, usando una combinazione delle coordinate assolute (DEVROXWH) (x,y), delle coordinate relative (UHODWLYH) (5x,y), delle coordinate polari (SRODU (5distance<angle) e del comando GLVWDQFH FRQVWUDLQW. Si inizi il modello nel punto. Salvare il modello con il comando6dyh. 5HQGHUHWULGLPHQVLRQDOHLOPRGHOORGHOODIUHFFLD Selezionare la polilinea. Dal menu 6XUIDFH cliccare 5HYROYH. Attivare lo 6QDS. Revolve Robert McNeel & Associates 58

65 Al prompt 6WDUWRIUHYROYHD[LV, scegliere un estremità della freccia lungo la linea passante per il centro (center line). Al prompt (QGRIUHYROYHD[LV, scegliere l altra estremità della freccia lungo la linea passante per il centro. Apparirà la finestra di dialogo 5HYROYH2SWLRQV. Cliccare 2.. A seguito di quest operazione, la freccia risulterà un modello tridimensionale. Cliccare il mouse nella viewport 3HUVSHFWLYH per renderla attiva. Dal menu 5HQGHU cliccare 6KDGH. Shade Robert McNeel & Associates 59

66 9LHZSRUWV Le viewport sono delle finestre nell area grafica di Rhino che mostrano una vista del modello in studio. E possibile muovere e ridimensionare una viewport trascinandone la barra del titolo o i bordi. Il cursore si muove sul piano di costruzione che è definito per ciascuna viewport. E possibile creare e nuove viewport, rinominare viewport già esistenti e usare predefinite configurazioni di una viewport. Per attivare una viewport, si clicchi in qualunque punto all interno di essa: a conseguenza di ciò, la barra del titolo della viewport si evidenzia. Per attivare una viewport all interno dell esecuzione di una sequenza di comandi è sufficiente muovere il cursore nel suo interno. Robert McNeel & Associates 60

67 3LDQRGLFRVWUX]LRQH Il piano di costruzione rappresenta una guida per la modellazione degli oggetti. Ogni qualvolta si sceglie un punto, questi giace nel piano di costruzione a meno che non siano stati utilizzati gli snap all oggetto, la modalità elevatore e non siano state inserite le coordinate nella riga di comando. Ciascun piano di costruzione è caratterizzato dai propri assi coordinati, da una griglia e da un orientazione relativa al sistema di coordinate assolute (world coordinate system). Il piano di costruzione è dotato di quattro viste predefinite. Il piano di costruzione della viewport Top presenta gli assi x- e y- allineati con gli assi x- e y- del sistema di coordinate assolute. Il piano di costruzione della viewport Right presenta gli assi x- e y- allineati con gli assi y- e z- del sistema di coordinate assolute. Il piano di costruzione della viewport Front presenta gli assi x- e y- allineati con gli assi x- e z- del sistema di coordinate assolute. La viewport Perspective si avvale del piano di costruzione della vista Top. Ciascun piano d costruzione possiede una griglia. La griglia è un piano di linee perpendicolari giacenti sul piano di costruzione. La linea rossa rappresenta l asse x- del piano di costruzione mentre la linea verde rappresenta l asse y- del piano di costruzione. Queste due linee si intersecano nell origine del piano di costruzione. L asse di colore rosso e l asse di colore verde sulla griglia sono perciò gli assi x- e y- del piano di costruzione della viewport. Può accadere che all avvio di Rhino i piani di costruzione siano allineati con gli assi del sistema assoluto e perciò può generare confusione il fatto che nelle viewport Front e in quella laterale l asse y- del piano di costruzione possa esser allineato come la direzione z- del sistema di coordinate assolute. L icona nell angolo a sinistra mostra sempre le coordinate assolute che sono differenti dagli assi del piano di costruzione. Robert McNeel & Associates 61

68 (VHUFL]LR²0RGHOODUHLQGLYHUVHYLHZSRUW Si inizi un nuovo modello e lo si salvi con il nome 9LHZSRUWV. In questo esercizio si utilizzeranno lo snap e la modalità ortho per disegnare in diverse viewport. In Rhino, durante la modellazione la viewport attiva e il piano d costruzione sono le medesime. Attivare la modalità 2UWKR e lo 6QDS. Dal menu &XUYH, cliccare /LQH e quindi cliccare 3RO\OLQH Muovere il cursore nella viewport 7RS. Al prompt 6WDUWRISRO\OLQH, digitare e premere INVIO. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQH, scegliere un punto ad unità verso destra. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQH, scegliere un punto ad unità verso l alto. Polyline Cliccare il tasto sinistro del mouse per eseguire il comando Polyline. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQH, scegliere un punto ad unità verso sinistra. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQH, digitare & e premere INVIO per chiudere la linea. 'LVHJQDUHQHOODYLHZSRUWIURQW Dal menu &XUYH cliccare /LQH e poi cliccare 3RO\OLQH Muovere il cursore nella viewport )URQW. Al prompt 6WDUWRISRO\OLQH, digitare e premere INVIO. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQH, scegliere un punto a unità verso destra. Polyline Cliccare il tasto sinistro del mouse per eseguire il comando Polyline. Robert McNeel & Associates 62

69 Al prompt1h[wsrlqwrisro\olqh, scegliere un punto a unità verso l alto. Al prompt1h[wsrlqwrisro\olqh, scegliere un punto a unità verso sinistra. Al prompt1h[wsrlqwrisro\olqh, digitare &, e premere INVIO per chiudere la linea. 'LVHJQDUHQHOODYLHZSRUWULJKW Dal menu &XUYH, cliccare /LQH e poi cliccare 3RO\OLQH Muovere il cursore nella viewport 5LJKW. Al prompt6wduwrisro\olqh, digitare e premere INVIO. Al prompt1h[wsrlqwrisro\olqh, scegliere un punto a unità verso destra. Al prompt1h[wsrlqwrisro\olqh, scegliere un punto a unità verso l alto. Al prompt1h[wsrlqwrisro\olqh, scegliere un punto a unità verso sinistra. Polyline Cliccare il tasto sinistro del mouse per eseguire il comando Polyline. Robert McNeel & Associates 63

70 Al prompt1h[wsrlqwrisro\olqh, digitare & premere INVIO per chiudere la linea. Si osservi la viewport Perspective. Ciascun rettangolo è stato disegnato su un differente piano di costruzione. Quando si inseriscono le coordinate di un punto nella riga dei comandi, tale punto giacerà nel piano di costruzione della viewport attiva. 0RGHOODUHQHOORVSD]LR' In Rhino risulta facile la modellazione nello spazio tridimensionale. Come è stato mostrato nell esercizio precedente, è possibile disegnare su diversi piani di costruzione semplicemente muovendo il cursore in una viewport differente. Un altro utile strumento per la modellazione 3D è la modalità elevatore (elevator mode). (OHYDWRU0RGH La modalità elevatore permette di scegliere dei punti al di fuori del piano di costruzione. Per questo motivo il prompt dei comandi richiede la scelta di due punti per definire tale punto. La prima scelta specifica il punto base mentre la seconda specifica quanto il punto finale giacerà al di sopra o al di sotto del punto base. Una volta scelto il punto base, il puntatore è vincolato lungo una linea guida perpendicolare al piano di costruzione passante per il punto base. Il secondo punto scelto determina invece la coordinata z- del punto desiderato. E possibile scegliere un punto con il mouse oppure inserire un numero per specificare l altezza al di sopra del piano di costruzione. Numeri positivi si riferiscono a punti al di sopra del piano di costruzione, numeri negativi a punti al di sotto del piano di costruzione. Robert McNeel & Associates 64

71 Per attivare la modalità elevatore, si tenga premuto il tasto CTRL mentre viene cliccato il tasto sinistro del mouse. 'LVHJQDUHXQUHWWDQJRORXVDQGRODPRGDOLWjHOHYDWRUH Dal menu &XUYH, cliccare /LQH e quindi cliccare 3RO\OLQH Muovere il cursore nella viewport 7RS. Al prompt 6WDUWRISRO\OLQH, scegliere il punto e al contempo tenere premuto il tasto CTRL. Una linea guida vincola il puntatore a muoversi perpendicolarmente al piano di costruzione della vista corrente lungo una linea passante per il punto base. Muovere il cursore nella viewport )URQW per osservare come il puntatore segue la linea guida. Scegliere un punto nella parte superiore a sinistra del rettangolo. Quest operazione rappresenta una scelta secondaria che eleva il primo punto dal piano di costruzione. Polyline Cliccare il tasto sinistro del mouse per eseguire il comando Polyline. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQH, trascinare il cursore nuovamente nella viewport Top e scegliere un punto a unità verso destra. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQH, scegliere un punto a unità verso l alto. Robert McNeel & Associates 65

72 Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQH, scegliere un punto a unità verso sinistra. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQH, digitare & e premere INVIO per chiudere la linea. Si noti che la polilinea giace ad un altezza dal piano di costruzione pari a quella definita dalla prossima scelta di un punto giacché la funzione 2UWKR è attiva. Si ripetano le operazioni prima descritte con la modalità elevatore ma disattivando la modalità 2UWKR. Si ripetano le operazioni prima descritte con la modalità elevatore ma attivando la modalità 3ODQDU. Robert McNeel & Associates 66

73 (VHUFL]LR 'LVWDQFHH$QJOHFRQVWUDLQWV Iniziare un nuovo modello e lo si salvi con il nome 9%ORFN. Eseguire un doppio click sulla barra del titolo nella viewport )URQW. Si crei un modello nel piano di costruzione della viewport Front. Disegnare un oggetto simile a quello mostrato in figura usando una combinazione di coordinate assolute (x,y), relative (Ux,y), e di coordinate polari (Udistance<angle). Si inizi il modello dal punto nella viewport Front. Si provi a creare il modello usando una singola polilinea. Robert McNeel & Associates 67

74 Salvare il modello attraverso il comando 6DYH Eseguire un doppio click sulla barra del titolo della viewport )URQW al fine di ripristinare le viste. Selezionare l oggetto. Dal menu 6ROLG, cliccare ([WUXGH3ODQDU&XUYH. Al prompt ([WUXVLRQGLVWDQFH!'LUHFWLRQ&DS \HV%RWKVLGHV7DSHUHG, digitare e premere INVIO. E possibile vedere il modello come un oggetto tridimensionale nella viewport Perspective. Cliccare il mouse nella viewport 3HUVSHFWLYH per renderla attiva. Dal menu 5HQGHU, cliccare 6KDGH. Shade Salvare il modello eseguendo il comando 6DYH. Robert McNeel & Associates 68

75 6QDSDOO RJJHWWR Gli6QDSDOO RJJHWWR sono degli strumenti per selezionare dei punti specifici su un oggetto esistente. Questi strumenti sono usati per modellare con precisione. Spesso ci si riferisce agli Snap all oggetto con il termine RVQDSV. Per aprire la barra degli strumenti 2VQDS, cliccare 2VQDSnella barra di stato. Questa barra degli strumenti controlla gli snap persistenti all oggetto. Si usano gli snap persistenti all oggetto al fine di mantenere attivo lo snap all oggetto per ogni scelta di un punto senza dover attivare questa funzione ogni volta. Quando uno snap all oggetto è attivo, il movimento del cursore nelle vicinanze di un punto specifico dell oggetto provoca un salto del puntatore a quel punto. Selezionare la casella dello snap all oggetto desiderato. E possibile posizionare la barra degli strumenti ovunque nel desktop. &RPDQGR 3XOVDQWH 'HVFUL]LRQH End (QG esegue uno snap alla fine di una curva. Near Point Mid Cen Int Perp 1HDU esegue uno snap al punto più vicino su una curva esistente. 3RLQW esegue uno snap ad un punto di controllo. 0LGSRLQW esegue uno snap al punto medio di una curva. &HQWHU esegue uno snap al centro di una curva. Questo comando funziona al meglio nel caso di cerchi ed archi. Per altri tipi di curve, sarà eseguito uno snap ai centri dei cerchi associati alla curvatura della curva in qualunque dato punto.,qwhuvhfwlrq esegue uno snap all intersezione di due curve. 3HUSHQGLFXODU 7R esegue uno snap ad un punto sulla curva che è perpendicolare all ultimo punto selezionato. Questo comando funziona soltanto quando sono selezionati una serie di punti. Robert McNeel & Associates 69

76 &RPDQGR 3XOVDQWH 'HVFUL]LRQH Tan Quad 7DQJHQW7R esegue uno snap al punto su una curva che è tangente all ultimo punto selezionato. Questo comando funziona soltanto quando è selezionata una serie di punti. Quad esegue uno snap al punto quadrante di un cerchio, arco o ellisse. Lock Project Questo comando disattiva temporaneamente gli snap all oggetto correnti. Proietta il punto snap sul piano di costruzione. In Rhino, la modellazione e l operazione di editing dipendono dagli oggetti che effettivamente si incontrano in punti specificati. Gli snap all oggetto forniscono perciò uno strumento per modellare con una precisione non ottenibile ad occhio. (VHUFL]LR 8VDUHJOL6QDSDOO RJJHWWR Aprire il modello 2VQDS. Disattivare la funzione 6QDS e la modalità 2UWKR. 8VDUHORVQDS(QGH0LGSRLQW Cliccare 2VQDS sulla barra di stato. E possibile lasciare visualizzata la barra degli strumenti 2VQDS. Selezionare le caselle (QG e 0LG. E possibile selezionare e deselezionare i singoli osnaps per poter modellare con precisione. Dal menu &XUYH, cliccare /LQH e cliccare quindi 3RO\OLQH Polyline Cliccare il tasto sinistro del mouse per eseguire il comando Polyline. Robert McNeel & Associates 70

77 Al prompt 6WDUWRISRO\OLQH, muovere il cursore presso la fine della linea nel vertice in basso a sinistra del primo parallelepipedo e scegliere un punto quando il puntatore esegue uno snap alla fine della linea. Scegliere più punti per disegnare una polilinea. La linea inizia esattamente in quel vertice. Osnap End e Mid attivati Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQH, eseguire uno snap al punto medio dello spigolo verticale destro del secondo parallelepipedo. Il puntatore esegue uno snap al punto medio della linea che è toccata dal cursore cosicché la nuova linea attraversa quel lato del parallelepipedo esattamente a metà. Scegliere più punti per disegnare una polilinea. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQH, eseguire uno snap al vertice superiore sinistro del primo parallelepipedo. Il puntatore esegue uno snap alla fine della linea. Scegliere più punti per disegnare una polilinea. Premere INVIO per terminare il comando. 8VDUHJOLVQDS1HDUH3HUSHQGLFXODUWR Nella barra degli strumenti 2VQDS selezionare le caselle 1HDU e 3HUS; deselezionare le caselle (QG e 0LG. Dal menu &XUYH, cliccare /LQH e cliccare 3RO\OLQH Robert McNeel & Associates 71

78 Al prompt 6WDUWRISRO\OLQH, scegliere il bordo inferiore del cerchio nella parte in alto a destra. Il puntatore esegue uno snap al punto del cerchio che è più vicino al punto in cui è stato posizionato il cursore. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQH, scegliere un punto nello spigolo superiore orizzontale del secondo parallelepipedo. Il puntatore esegue uno snap ad un punto perpendicolare alla precedente scelta di un punto. Scegliere un punto per disegnare la polilinea. Premere INVIO per terminare il comando. 8VDUHJOLVQDS,QWHUVHFWLRQH7DQJHQWWR Nella barra degli strumenti 2VQDS selezionare le caselle,qw e 7DQ; deselezionare le caselle 1HDU e 3HUS. Dal menu &XUYH, cliccare /LQH e poi cliccare 3RO\OLQH Robert McNeel & Associates 72

79 Al prompt 6WDUWRISRO\OLQH, scegliere un punto sull intersezione dove la linea diagonale attraversa la linea verticale sul primo parallelepipedo. Il puntatore esegue uno snap all intersezione tra le due linee. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQH, scegliere un punto sul bordo in alto, a sinistra del cerchio presente a destra. Il puntatore esegue uno snap al punto tangente al cerchio. Premere INVIO per terminare il comando. 8VDUHORVQDS&HQWHU Nella barra degli strumenti 2VQDS selezionare la casella &HQ; deselezionare le caselle,qw e 7DQ. Dal menu &XUYH, cliccare /LQH e cliccare quindi 3RO\OLQH Robert McNeel & Associates 73

80 Al prompt 6WDUWRISRO\OLQH, scegliere un punto del bordo del cerchio. Il puntatore esegue uno snap al centro del cerchio. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQH, scegliere un punto sul bordo dell altro cerchio. Il puntatore esegue uno snap al centro del cerchio. Premere INVIO per terminare il comando. 8VDUHORVQDS4XDGUDQW Nella barra degli strumenti 2VQDSselezionare la casella 4XDG; deselezionare la casella &HQ. Dal menu &XUYH, cliccare /LQH e quindi cliccare 3RO\OLQH Robert McNeel & Associates 74

81 Al prompt 6WDUWRISRO\OLQH, scegliere un punto nel bordo superiore del primo cerchio. Il puntatore esegue uno snap al punto del quadrante di un cerchio. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQH, scegliere un punto sul bordo superiore sinistro del cerchio. Il puntatore esegue uno snap al punto del quadrante del cerchio Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQH, scegliere il bordo inferiore del cerchio. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQH, scegliere un punto nel bordo destro del cerchio. Al prompt 1H[WSRLQWRISRO\OLQH, digitare & e premere INVIO. &RPDQGLGLDQDOLVL Rhino fornisce degli strumenti di analisi per determinare lunghezze, angoli, aree, distanze, volumi e centroidi di solidi. Comandi addizionali permettono di analizzare la curvatura di una curva, la continuità tra curve e di trovare i bordi non uniti. &RPDQGR Distance Length Angle 'HVFUL]LRQH Visualizza la distanza tra due punti. Visualizza la lunghezza di un oggetto. Visualizza l angolo tra due linee. Robert McNeel & Associates 75

82 &RPDQGR Radius Point 'HVFUL]LRQH Misura il raggio di curvatura di una curva, cerchio o arco nel punto dove è stata scelta la curva e lo visualizza sulla linea di comando. Visualizza nella linea di comando e nel formato x,y,z le coordinate cartesiane del punto sia assolute che del piano di costruzione. 7URYDUHODGLVWDQ]DWUDGXHSXQWL Dal menu $QDO\]H, cliccare 'LVWDQFH. Al prompt )LUVWSRLQWIRUGLVWDQFH, scegliere l intersezione tra la linea diagonale e la linea verticale. Al prompt 6HFRQGSRLQWIRUGLVWDQFH, scegliere l intersezione tra l altra diagonale e la linea verticale sopra menzionata. Distance Premere il tasto F2 per visualizzare l informazione. Coordinate del piano di costruzione: angoli: xy = 90 elevazione = 0 variazioni: dx = 0 dy = dz = 0 Coordinate assolute: angoli: xy = 90 elevazione = 0 variazioni: dx = 0 dy = dz = 0 Robert McNeel & Associates 76

83 Distanza = unità 'HWHUPLQDUHODOXQJKH]]DGLXQDOLQHD Dal menu $QDO\]H, cliccare /HQJWK. Al prompt 6HOHFW &XUYHWRPHDVXUH, selezionare la linea tra i centri dei cerchi. Length Look for this button. La lunghezza dell oggetto è visualizzata nella linea di comando. Lunghezza: (+/ ) 0LVXUDUHXQDQJRORWUDGXHOLQHH Dal menu $QDO\]H, cliccare $QJOH. Al prompt 6WDUWRIOLQH, selezionare un punto che definisca l inizio della linea dell angolo. Al prompt (QGRIOLQH, selezionare un punto che definisca la fine della linea dell angolo. Al prompt 6WDUWRIOLQH, selezionare un punto che definisca l inizio della seconda linea dell angolo. Al prompt (QGRIOLQH, selezionare un punto che definisca la fine della seconda linea dell angolo. Angle Robert McNeel & Associates 77

84 Il valore dell angolo sarà visualizzato nella linea di comando nel seguente formato: Angle is degrees (l angolo è pari a gradi). 0LVXUDUHLOUDJJLRGLXQFHUFKLR Dal menu $QDO\]H, cliccare 5DGLXV. Al prompt 6HOHFWFXUYHIRUUDGLXVPHDVXUHPHQW, selezionare uno dei cerchi. Con questo comando è possibile misurare anche il raggio di una curva. Il raggio verrà visualizzato sulla linea di comando nel seguente formato: Radius at pick point is 2.5 (Il raggio nel punto scelto è pari a 2.5). Radius 0LVXUDUHXQSXQWR Dal menu $QDO\]H, cliccare 3RLQW. Point Robert McNeel & Associates 78

85 Al prompt 3RLQWWRPHDVXUH, eseguire uno snap all estremità di uno dei quadrati. I punti x,y,z sono visualizzati sia rispetto al sistema di coordinate assolute sia per il sistema di riferimento del piano di costruzione. 3RLQWLQZRUOGFRRUGLQDWHV3XQWRQHOOHFRRUGLQDWHDVVROXWH FSODQHFRRUGLQDWHVFRRUGLQDWHQHOSLDQR GLFRVWUX]LRQH 'LVHJQDUHXQFHUFKLR E possibile creare dei cerchi a partire dal centro e dal raggio, dal centro e dal diametro, attraverso la conoscenza delle due estremità del diametro, tre punti sulla circonferenza, i punti tangenti a due curve coplanari e un raggio. 3XOVDQWH &RPDQGR 'HVFUL]LRQH Cerchio Crea un cerchio dal centro e dal raggio. Circle3Pt CircleD Crea il cerchio da tre punti sulla circonferenza. Crea il cerchio da due punti sulla circonferenza che sono le estremità del diametro. Robert McNeel & Associates 79

86 3XOVDQWH &RPDQGR 'HVFUL]LRQH CircleTTR CircleTTT Circle V Crea un cerchio dal raggio e due oggetti ai quali il cerchio è tangente. Crea un cerchio che è tangente a tre oggetti. Crea un cerchio che è perpendicolare al piano di costruzione. 2S]LRQH 'iameter 9ertical $roundcurve 'HVFUL]LRQH Digitare ' e premere INVIO per modificare il valore del diametro. Si deve digitare la lettera R per ripristinare il valore del diametro precedente. Digitare 9 e premere INVIO per creare un cerchio che sia perpendicolare al piano di costruzione. Digitare $ e premere INVIO per disegnare un cerchio i cui assi siano perpendicolari alla curva. (VHUFL]LR 'LVHJQDUHGHLFHUFKL 'LVHJQDUHLOFHQWURHLOUDJJLRGLXQFHUFKLR Dal menu &XUYH, cliccare &LUFOH e quindi cliccare &HQWHU5DGLXV Al prompt &HQWHURIFLUFOH9HUWLFDO$URXQG&XUYH, digitare e premere INVIO. Al prompt 5DGLXV!'LDPHWHU, digitare e premere INVIO. A seguito di tale operazione è stato creato un cerchio. Circle 'LVHJQDUHLOFHQWURHLOGLDPHWURGLXQFHUFKLR Dal menu &XUYH, cliccare &LUFOH e quindi cliccare &HQWHU5DGLXV Al prompt &HQWHURIFLUFOH9HUWLFDO$URXQG&XUYH, digitare e premere INVIO. Al prompt 5DGLXV!'LDPHWHU, digitare ' e premere INVIO. Circle Robert McNeel & Associates 80

87 Al prompt 'LDPHWHU!5DGLXV, digitare e premere INVIO. Viene creato un cerchio a partire dal centro e dal diametro. L opzione del diametro è lasciata invariata sino alla successiva modifica. 'LVHJQDUHXQFHUFKLRSHUWUHSXQWL Dal menu &XUYH, cliccare &LUFOH e quindi cliccare 3RLQWV Al prompt )LUVWSRLQWRQFLUFOH, eseguire uno snap ad un vertice di uno dei quadrati. Al prompt 6HFRQGSRLQWRQFLUFOH, eseguire uno snap ad un secondo vertice dello stesso quadrato. Circle 3Pt Robert McNeel & Associates 81

88 Al prompt 7KLUGSRLQWRQFLUFOH, eseguire uno snap al terzo vertice dello stesso quadrato. Viene creato un cerchio la cui circonferenza interseca le tre estremità scelte. 'LVHJQDUHLOGLDPHWURGHOFHUFKLR Dal menu &XUYH, cliccare &LUFOH e quindi cliccare 'LDPHWHU Al prompt 6WDUWRIGLDPHWHU9HUWLFDO, scegliere il primo punto del diametro del cerchio eseguendo uno snap al vertice di un quadrato. Circle Diameter Robert McNeel & Associates 82

89 Al prompt (QGRIGLDPHWHU, digitare e premere INVIO. Attivare quindi la modalità Ortho e scegliere un punto a destra. Viene creato un cerchio il cui diametro è determinato dai due punti appena scelti e il cui valore è limitato a 3 unità. 'LVHJQDUHXQFHUFKLRGDOUDJJLRHWDQJHQWHDGXHFXUYH Dal menu &XUYH, cliccare &LUFOH e quindi cliccare 7DQJHQW7DQJHQW5DGLXV Al prompt 6HOHFWILUVWFXUYHIRU&LUFOH775, selezionare il cerchio appena creato presso il bordo superiore. Al prompt 6HOHFWVHFRQGFXUYHIRU&LUFOH775, selezionare il cerchio a destra di quello presso il bordo superiore. Circle Tangent, Tangent, Radius Robert McNeel & Associates 83

90 Al prompt 5DGLXV!, digitare e premere INVIO. Oppure, premere INVIO per accettare il valore di default. Viene creato un cerchio tangente ai due cerchi selezionati con un raggio di due unità. Talvolta questo comando crea più cerchi e perciò è necessario cancellare quelli in esubero. 'LVHJQDUHXQFHUFKLRWDQJHQWHDWUHFXUYH Dal menu &XUYH, cliccare &LUFOH e quindi cliccare 7DQJHQWWR&XUYHV Al prompt 6HOHFW)LUVWFXUYH, selezionare il primo oggetto a cui il cerchio deve esser tangente. Al prompt 6HOHFW6HFRQGFXUYH, selezionare il secondo oggetto a cui il cerchio deve esser tangente. Circle Tangent to 3 Curves Robert McNeel & Associates 84

91 Al prompt 6HOHFW7KLUGFXUYH prompt, selezionare il terzo oggetto a cui il cerchio deve esser tangente. Talvolta questo comando crea più cerchi e perciò è necessario cancellare quelli in esubero. 'LVHJQDUHXQFHUFKLRYHUWLFDOHDOSLDQRGLFRVWUX]LRQH Dal menu 9LHZ, cliccare 9LHZSRUW/D\RXW e quindi cliccare 9LHZSRUWV Dal menu &XUYH, cliccare &LUFOH e quindi cliccare 'LDPHWHU Al prompt 6WDUWRIGLDPHWHU9HUWLFDO, digitare V e premere INVIO. Al prompt 6WDUWRIGLDPHWHU, eseguire uno snap al Quadrante di uno dei cerchi nella viewport Top. Circle Diameter Robert McNeel & Associates 85

92 Al prompt (QGRIGLDPHWHU, eseguire uno snap all altro Quadrante dello stesso cerchio. Il cerchio è disegnato perpendicolarmente al piano di costruzione. E possibile vedere ciò in altre viewports. 'LVHJQDUHXQFHUFKLRDWWRUQRDGXQDFXUYD Dal menu &XUYH, cliccare &LUFOH, cliccare quindi &HQWHU5DGLXV Al prompt &HQWHURIFLUFOH9HUWLFDO$URXQG&XUYH digitare $ e premere INVIO. Al prompt &HQWHURIFLUFOH, scegliere un punto su un cerchio. Circle Robert McNeel & Associates 86

93 Al prompt 5DGLXV, digitare e premere INVIO. Il cerchio è disegnato perpendicolarmente alla curva nel punto scelto. E possibile vedere ciò nella viewport Perspective. Robert McNeel & Associates 87

94 (VHUFL]LR 3UDWLFD Iniziare un nuovo modello e salvarlo con il nome &LUFOHV. Dal menu (GLW, cliccare /D\HUV e quindi cliccare (GLW Cliccare 1HZ per tre volte. Rinominare i nuovi layers come %R[/LQH&LUFOH. Cambiare il colore (FRORU) del layer %R[ in verde (JUHHQ, del layer /LQHin ciano (F\DQ e del layer &LUFOH in rosso (UHG. Disegnare delle linee (OLQHV e dei cerchi (FLUFOHVsugli appropriati layers. Usare il comando /LQH6HJPHQWV per il layer Box e il comando 6LQJOH/LQH per le center lines. Si useranno più opzioni del comando FLUFOH e più REMHFW VQDSV per completare il modello. Robert McNeel & Associates 88

95 5HQGHUHWULGLPHQVLRQDOHLOPRGHOOR Selezionare le linee dal rettangolo. Dal menu 6ROLG, cliccare ([WUXGH3ODQDU&XUYH Al prompt ([WUXVLRQGLVWDQFH!'LUHFWLRQ&DS \HV%RWKVLGHV7DSHUHG, digitare e premere INVIO. Si genera un parallelepipedo dal rettangolo. Extrude Planar Curve Selezionare i cerchi. Dal menu 6ROLG, cliccare ([WUXGH3ODQDU&XUYH Robert McNeel & Associates 89

96 Al prompt ([WUXVLRQGLVWDQFH!'LUHFWLRQ&DS \HV%RWKVLGHV7DSHUHG, digitare e premere INVIO. Dai cerchi si generano dei cilindri. Cliccare la viewport SHUVSHFWLYH. Dal menu 5HQGHU, cliccare 6KDGH Shade Robert McNeel & Associates 90

97 (VHUFL]LR²8VDUHORVQDSDOO RJJHWWRLQUHOD]LRQHDGXQFHUFKLR Iniziare un modello. Salvare il modello come /LQN. Completare il modello come mostrato in figura. Disegnare tre cerchi ad ampio raggio. Disegnare tre cerchi di raggio inferiore dei precedenti. Usare lo snap all oggetto per eseguire uno snap al centro dei cerchi di raggio maggiore. 'LVHJQDUHGHOOHOLQHH Dal menu &XUYH, cliccare /LQH e cliccare quindi 7DQJHQWWR&XUYHV Al prompt 6HOHFWILUVWFXUYHQHDUWDQJHQWSRLQW, scegliere un punto sul bordo di un cerchio cui la linea sia tangente. Line Tangent to 2 Curves Robert McNeel & Associates 91

98 Al prompt 6HOHFWVHFRQGFXUYHQHDUWDQJHQWSRLQW, scegliere un punto sul bordo di un altro cerchio cui la linea sia tangente Completare il modello utilizzando questo comando. Salvare il modello con il comando 6DYH. 'LVHJQDUHXQDUFR Il comando Arc permette di disegnare un arco di cerchio attraverso tre punti non allineati. E possibile creare degli archi dal centro, dal punto iniziale e dall angolo, dalle due estremità e da un punto lungo un arco, dalle estremità e da una direzione, dal punto iniziale, dal punto di una circonferenza e da una estremità, dai punti tangenti a due curve coplanari e da un raggio rispettivamente. E possibile prolungare una curva ad un altra curva mediante un arco a partire dalla conoscenza di un punto o dall angolo sotteso dall arco. 3XOVDQWH &RPDQGR 'HVFUL]LRQH Arc Arc3Pt Crea un arco dal centro, dagli estremi o dalla conoscenza dell angolo sotteso. Crea un arco per tre punti. Robert McNeel & Associates 92

99 3XOVDQWH &RPDQGR 'HVFUL]LRQH ArcDir ArcTTR Crea un arco dalla conoscenza del punto iniziale, del punto finale e della direzione. Crea un arco dalla conoscenza delle tangenti e dal raggio. ExtendByArc ExtendByArcTo Pt Prolunga un arco di un certo angolo. Prolunga un arco ad un punto. (VHUFL]LR )DPLOLDUL]]DUHFRQLOFRPDQGR$UF Aprire il modello $UF. Robert McNeel & Associates 93

100 'LVHJQDUHXQDUFRDSDUWLUHGDOODFRQRVFHQ]DGHOFHQWURGHOOHHVWUHPLWjRGDOO DQJRORVRWWHVR Dal menu &XUYH, cliccare $UF, cliccare quindi &HQWHU6WDUW$QJOH Al prompt &HQWHURIDUF, eseguire uno snap al centro del cerchio in basso a sinistra. Al prompt 6WDUWRUDUF, eseguire uno snap alla fine della linea. Al prompt (QGSRLQWRUDQJOH, eseguire uno snap alla fine dell altra linea oppure trascinare il cursore nella direzione desiderata e digitare Premere INVIO. Arc 'LVHJQDUHXQDUFRGDOODFRQRVFHQ]DGHOOHGXHHVWUHPLWjHGHOODGLUH]LRQH Dal menu &XUYH, cliccare $UF e quindi cliccare 6WDUW(QG'LUHFWLRQ Al prompt 6WDUWRIDUF, scegliere il punto iniziale dell arco. Al prompt (QGRIDUF, scegliere il punto finale dell arco. Direction Arc Robert McNeel & Associates 94

101 Al prompt 'LUHFWLRQ, attivare la modalità RUWKR e trascinare il mouse verso l alto per definire la direzione tangente al punto iniziale. Cliccare per scegliere un punto. Ripetere la procedura precedentemente illustrata per definire una seconda direzione tangente all arco nella parte in alto a destra. $JJLXQJHUHSLVHJPHQWLG DUFR Dal menu &XUYH, cliccare ([WHQG cliccare quindi %\$UF Al prompt 6HOHFWFXUYHWRH[WHQG, scegliere un estremità dell arco appena creato. Al prompt 5DGLXVRIDUF0DWFK5DGLXV, digitare e premere INVIO. Extend By Arc Robert McNeel & Associates 95

102 Al prompt (QGSRLQWRUDQJOH, attivare la modalità RUWKR e scegliere un punto verso il basso. L arco risulterà tangente alla curva selezionata e terminerà nel punto scelto. Dal menu &XUYH, cliccare ([WHQG. Cliccare %\$UFWR3RLQW Al prompt 6HOHFWFXUYHWRH[WHQG, scegliere la fine dell ultimo arco disegnato. Al prompt (QGRIDUF, scegliere l estremità della linea. Extend By Arc To Pt Robert McNeel & Associates 96

103 'LVHJQDUHXQDUFRWDQJHQWHDGXHFXUYHDSDUWLUHGDOODFRQRVFHQ]DGHOUDJJLR Dal menu &XUYH, cliccare $UF, cliccare quindi 7DQJHQW7DQJHQW5DGLXV Al prompt 6HOHFWILUVWFXUYHIRU$UF775, scegliere un altro arco, linea, cerchio o una curva. Al prompt 6HOHFWVHFRQGFXUYHIRU$UF775, scegliere un altro arco, linea, cerchio o una curva. Al prompt 5DGLXV!, digitare e premere INVIO. Gli archi disegnati risulteranno tangenti agli elementi precedentemente selezionati. Cancellare gli archi in esubero. Arc Tangent, Tangent, Radius Ripetere l operazione descritta per disegnare un arco tangente agli elementi selezionati e di raggio pari a 6 unità. Salvare il modello con il comando6dyh. Robert McNeel & Associates 97

104 (VHUFL]LR )DPLOLDUL]]DUHFRQLOFRPDQGR$UF Iniziare un nuovo modello e salvarlo con il nome $UF. Creare il modello illustrato in figura usando lo snap all oggetto e i comandi Line, Circlee Arc. 'LVHJQDUHSULPDOHOLQHH SDVVDQWLSHULFHQWULHXVDUHL SXQWLGLLQWHUVH]LRQHSHU WUDFFLDUHJOLDUFKLHLFHUFKL 5HQGHUHWULGLPHQVLRQDOHXQPRGHOOR Selezionare tutte le linee e gli archi costituenti il modello. Dal menu 6ROLG, cliccare ([WUXGH3ODQDU&XUYH Extrude Planar Curve Robert McNeel & Associates 98

105 Al prompt ([WUXVLRQGLVWDQFH!'LUHFWLRQ&DS \HV%RWKVLGHV7DSHUHG, digitare e premere INVIO. Questa operazione conferisce spessore all oggetto. Cliccare nella viewportshuvshfwlyh. Dal menu 5HQGHU, cliccare 6KDGH Robert McNeel & Associates 99

106 'LVHJQDUHHOOLVVLHSROLJRQL E possibile disegnare delle ellissi dalla conoscenza del loro centro o dei loro estremi. E possibile inoltre disegnare dei poligoni dal centro o da un bordo e un rettangolo dai vertici opposti o scegliendo tre punti. 3XOVDQWH &RPDQGR 'HVFUL]LRQH Ellipse EllipseD Polygon Crea un ellisse specificando il centro, l estremità di un asse e l altezza di un punto rispetto a tale asse. Crea un ellisse specificando le estremità di un asse e un altezza di un punto rispetto a tale asse. Crea un poligono dalla conoscenza del suo centro e del raggio. PolygonEdge Rectangle RectangleCen Crea un poligono specificando le estremità di un lato. Crea un rettangolo dalla conoscenza dei vertici opposti. Crea un rettangolo dalla conoscenza di lati adiacenti e da un punto del lato opposto. (OOLVVH2S]LRQL 2S]LRQL 9ertical $roundcurve 'HVFUL]LRQH Digitare V e premere INVIO per creare un ellisse che sia perpendicolare al piano di costruzione. Digitare A e premere INVIO per disegnare un ellisse i cui assi siano perpendicolari ad una curva. 3ROLJRQR2S]LRQL 2S]LRQH &ircumscribed 'HVFUL]LRQH Digitare C e premere INVIO per creare un poligono che sia circoscritto ad un cerchio di raggio noto. Di default, il poligono disegnato è inscritto in un cerchio di raggio noto. Robert McNeel & Associates 100

107 (VHUFL]LR 'LVHJQDUHHOOLVVLHSROLJRQL Iniziare un nuovo modello e salvarlo come (OOLSVH. 'LVHJQDUHXQUHWWDQJRORGDLYHUWLFLRSSRVWL Dal menu &XUYH, cliccare 5HFWDQJOH e quindi cliccare &RUQHUWR&RUQHU Al prompt )LUVWFRUQHURIUHFWDQJOH5RXQGHG, digitare e premere INVIO. Al prompt 2WKHUFRUQHURUOHQJWK, digitare e premere INVIO. Al prompt :LGWK, digitare e premere INVIO. Rectangle Robert McNeel & Associates 101

108 'LVHJQDUHXQUHWWDQJRORGDOODFRQRVFHQ]DGHOVXRFHQWURGHOODOXQJKH]]DHGHOO DPSLH]]DHFRQJOLYHUWLFL DUURWRQGDWL Dal menu &XUYH, cliccare 5HFWDQJOH e cliccare &HQWHU&RUQHU Al prompt &HQWHURIUHFWDQJOH5RXQGHG, digitare 5 e premere INVIO per ottenere un rettangolo dai vertici arrotondati. Al prompt &HQWHURIUHFWDQJOH, digitare e premere INVIO. Al prompt &RUQHURUOHQJWK, digitare e premere INVIO. Al prompt :LGWK, digitare e premere INVIO. Al prompt &KRRVHDSRLQWLQWKHFRUQHUWRGHILQHURXQGQHVVCorner=Arc digitare e premere INVIO. Per creare un rettangolo dai vertici arrotondati, scegliere un punto al vertice per definirne la curvatura. Oppure digitare C e premere INVIO per arrotondare i vertici del rettangolo con una forma conica invece che circolare. Centered Rectangle 'LVHJQDUHXQDHOOLVVHGDOVXRFHQWURHGDOOHHVWUHPLWjGHJOLDVVL Dal menu &XUYH, cliccare (OOLSVH e quindi cliccare )URP&HQWHU Al prompt &HQWHURIHOOLSVH9HUWLFDO$URXQG&XUYH, digitare e premere INVIO. Al prompt (QGRI)LUVWD[LV, digitare e premere INVIO. Al prompt (QGRI)LUVWD[LV, attivare la modalità RUWKR e scegliere un punto a destra. Al prompt (QGRI6HFRQGD[LV, digitare e premere INVIO. Ellipse 'LVHJQDUHXQSROLJRQRGDOVXRFHQWURHGDOUDJJLR Dal menu &XUYH, cliccare 3RO\JRQ e quindi cliccare &HQWHU5DGLXV Al prompt &HQWHURISRO\JRQ1XP6LGHV &LUFXPVFULEHG, digitare 3 e premere INVIO per modificare il numero di lati del poligono. Al prompt &HQWHURISRO\JRQ1XP6LGHV &LUFXPVFULEHG, digitare -7,-2 e premere INVIO per posizionare il centro del poligono. Al prompt 5DGLXV, digitare 1.5 e premere INVIO. Al prompt 5DGLXV, scegliere un punto per orientare il poligono. Terminare i rimanenti poligoni usando per ciascuno di essi lo stesso raggio. Polygon Robert McNeel & Associates 102

109 5HQGHUHWULGLPHQVLRQDOHXQPRGHOOR Selezionare il pentagono Dal menu 6ROLG, cliccare ([WUXGH3ODQDU&XUYH Al prompt ([WUXVLRQGLVWDQFH!'LUHFWLRQ&DS \HV%RWKVLGHV7DSHUHG, digitare e premere INVIO. Extrude Planar Curve Robert McNeel & Associates 103

110 Estrudere tutti i poligoni, i rettangoli e l ellisse come segue: KH[DJRQ, distanza d estrusione <> RFWDJRQ, distanza d estrusione <> WULDQJOH, distanza d estrusione <> UHFWDQJOH, distanza d estrusione <> HOOLSVH, distanza d estrusione <> URXQGHGUHFWDQJOH, distanza d estrusione <>. Cliccare nella viewportshuvshfwlyh. Dal menu 5HQGHU, cliccare 6KDGH Robert McNeel & Associates 104

111 0RGHOOD]LRQHGLFXUYH)UHH)RUP L uso di curve free-form permette di creare facilmente forme complesse. Se è necessario disegnare con precisione, è possibile avvalersi di linee di costruzione che specificano i parametri complessivi del modello. 3XOVDQWH &RPDQGR 'HVFUL]LRQH Curve Interpolated curve Questo comando crea una curva a partire dai punti di controllo specificati. I punti di controllo non giacciono sulla curva ma ne determinano la curvatura. Questo comando crea una curva passante per dei punti specificati mediante un processo di interpolazione. I punti interpolati giacciono sulla curva e ne determinano la curvatura Sketch curve Questo comando utilizza un effetto colpo di pennello per creare una curva. E necessario premere il tasto sinistro del mouse e muovere il cursore per creare una curva a mano libera. Helix Spiral Conic Questo comando crea un elica. E possibile specificarne il raggio, il numero di avvolgimenti, la lunghezza e la direzione dell asse. Questo comando crea una spirale. E possibile specificare due raggi, il numero di avvolgimenti e la direzione dell asse. Questo comando crea una curva conica che può esser un tratto di un ellisse, di una parabola o di un iperbole. 2S]LRQH 8ndo &lose 'HVFUL]LRQH Digitare U, e premere INVIO per rimuovere un punto per volta. Digitare C e premere INVIO per chiudere una curva su se stessa. (VHUFL]LR )DPLOLDUL]]DUHFRQOHFXUYH Aprire il modello &XUYH. In quest esercizio verrà descritto come disegnare una curva a partire dai punti di controllo, come disegnare una curva interpolata e una curva a mano libera mettendo in rilievo le differenze tra questi tre comandi. Robert McNeel & Associates 105

112 Nella finestra di dialogo Osnap, selezionare la casella (QG e deselezionare le altre. Cliccando il tasto destro del mouse sulla casella End, verranno deselezionate tutte le caselle a parte quella su cui si è cliccato. Disattivate le modalità Ortho e Snap. 'LVHJQDUHXQDFXUYDDSDUWLUHGDLSXQWLGLFRQWUROOR Dal menu &XUYH, cliccare )UHHIRUP e quindi cliccare &RQWURO3RLQWV Al prompt 6WDUWRIFXUYH, eseguire uno snap al vertice della polilinea in. Al prompt 1H[WSRLQW8QGR, eseguire uno snap al successivo vertice. Al prompt 1H[WSRLQWSUHVV(QWHUZKHQGRQH8QGR, eseguire gli snap a tutti i rimanenti vertici della polilinea. Al prompt 1H[WSRLQWSUHVV(QWHUZKHQGRQH&ORVH8QGR, premere INVIO. In questo modo si è creata una curva freeform. I punti di controllo non giaccioni sulla curva se non quelli corrispondenti alle estremità. I punti di controllo determinano la curvatura della curva ma non giacciono su di essa. Curve 'LVHJQDUHXQDFXUYDLQWHUSRODWD Dal menu &XUYH, cliccare )UHHIRUP e quindi cliccare,qwhusrodwh3rlqwv Al prompt 6WDUWRIFXUYH7DQJHQW.QRWV 6TUW&KRUG, eseguire uno snap al vertice della polilinea in Al prompt 1H[WSRLQWRQFXUYH7DQJHQW.QRWV 6TUW&KRUG8QGR, eseguire uno snap al vertice successivo della polilinea. Interpolated Curve Robert McNeel & Associates 106

113 Al prompt 1H[WSRLQWRQFXUYHSUHVV(QWHUZKHQGRQH7DQJHQW.QRWV 6TUW&KRUG8QGR, eseguire tanti snap quanti sono necessari per terminare la polilinea. Al prompt 1H[WSRLQWRQFXUYHSUHVV(QWHUZKHQGRQH7DQJHQW.QRWV 6TUW&KRUG8QGR, premere INVIO. Con questa procedura viene creata una curva freeform interpolando i punti specificati. Questi punti giacciono sulla curva e ne determinano la curvatura. 'LVHJQDUHXQDFXUYDVFKL]]DWD Dal menu &XUYH, cliccare )UHHIRUP e quindi cliccare 6NHWFK 2 Al prompt &OLFNDQGGUDJWRVNHWFK&ORVHGtenere premuto il tasto sinistro del mouse e trascinare il cursore. Man mano che viene trascinato il mouse, verranno disegnati dei punti. Non appena si rilascerà il mouse, i punti saranno sostituiti da una curva. Curve. 'LVHJQDUHXQDFXUYD Attivare lo Snap. Robert McNeel & Associates 107

114 Seguire le linee di costruzione per generare due curve come illustrato nella figura sottostante. Usare il comando &XUYHE\&RQWURO3RLQWV (2) per una delle due curve e il comando,qwhusrodwhg&xuyh(1) per l altra curva. Si noti che il comando Interpolated Curve (1) presenta in alcuni punti degli incurvamenti e non segue perciò propriamente la linea di costruzione. Attraverso il comando Curve by Control Points (2) è possibile ottenere una curva più smussata. Si noti che se si posizionano tre punti a 180 gradi tra loro si genera un segmento. Disponendo tre punti equidistanti e a novanta gradi tra loro, si genera una curva con un vertice smussato. Robert McNeel & Associates 108

115 (VHUFL]LR )DPLOLDUL]]DUHFRQOHFXUYH Iniziare un nuovo modello e salvarlo come 6FUHZGULYHU. In questo esercizio si descriverà come creare il modello illustrato nella figura sottostante usando il comando Curve by Control Points. Creare i layers &RQVWUXFWLRQ e &XUYH e si attribuiscano colori differenti. &UHDUHOHOLQHHGLFRVWUX]LRQH Passare al layer&rqvwuxfwlrq. Dal menu &XUYH, cliccare /LQH e quindi cliccare 3RO\OLQH Al prompt 6WDUWRISRO\OLQH, digitare, e premere INVIO. Al prompt 1H[WSRLQWXQGR, digitare.69, e premere INVIO. Attivata la modalità ORTHO, scegliere un punto al di sopra del primo punto. Usare il comando Distant constraints per disegnare la linea di costruzione. Polyline &UHDUHXQDFXUYDDSDUWLUHGDLSXQWLGLFRQWUROOR Passare al layer&xuyh. Robert McNeel & Associates 109

116 Dal menu&xuyh, cliccare )UHHIRUP e quindi cliccare &RQWURO3RLQWV Al prompt 6WDUWRIFXUYH, eseguire uno snap all origine della polilinea in. Curve PRIMA DI PARTIRE Al prompt 1H[WSRLQW8QGR scegliere un altro punto sul medesimo segmento della linea di costruzione. Al prompt 1H[WSRLQWHQWHUWRILQLVK8QGR scegliere un punto nella direzione del segmento successivo della linea di costruzione (orizzontale). Scegliere dei punti sino a creare la curva desiderata. Usare le linee di costruzione come aiuto al disegno. Per disegnare lo stelo del cacciavite è possibile prolungare la curva sinora disegnata con una linea retta allineando tre punti consecutivi (con la modalità ortho attivata) a partire dalla fine del manico. Il segmento successivo risulterà un tratto di linea retta. Salvare il modello con il comando6dyh. 5HQGHUHXQPRGHOORWULGLPHQVLRQDOH Attivare le modalità 6QDS e 2UWKR. Dal menu 6XUIDFH e cliccare 5HYROYH. Revolve Robert McNeel & Associates 110

117 Al prompt 6HOHFWFXUYHWRUHYROYH, selezionare la curva. Al prompt 6WDUWRIUHYROYHD[LV, scegliere l estremità della curva lungo l asse. Al prompt (QGRIUHYROYHD[LV, scegliere l altra estremità della curva lungo l asse. La finestra di dialogo 5HYROYH2SWLRQV apparirà sullo schermo. Cliccare 2.. Il modello è ora tridimensionale. Cliccare il mouse nella viewport 3HUVSHFWLYH per renderla attiva. Robert McNeel & Associates 111

118 Dal menu 5HQGHU, cliccare 6KDGH. Shade (VHUFL]LR 'LVHJQDUHFXUYHGDOOHIRUPHSDUWLFRODULXQ HOLFDHXQDVSLUDOH Iniziare un nuovo modello e salvarlo come +HOL[ In quest esercizio verrà illustrato come disegnare un elica ed una spirale. 'LVHJQDUHXQ HOLFD Attivare le modalità 6QDS e 2UWKR. Dal menu &XUYH, cliccare +HOL[ Al prompt 6WDUWRID[LV9HUWLFDO$URXQG&XUYH, posizionare il cursore nella viewport )URQW, digitare e premere INVIO. Al prompt (QGRID[LV, digitare e premere INVIO. Helix Robert McNeel & Associates 112

119 Al prompt (QGRID[LV, scegliere un punto al di sopra di quello appena scelto. Questa operazione disegna un asse verticale di 10 unità di lunghezza. Al prompt 5DGLXVDQGVWDUWSRLQW, digitare e premere INVIO. Al prompt 6WDUWRIKHOL[, muovere il cursore nella viewport 7RS e scegliere un punto al di sotto dell ultimo punto scelto. Questa operazione definisce l inizio dell elica. Robert McNeel & Associates 113

120 Nella finestra di dialogo +HOL[6SLUDO cliccare 2.. Viene creata un elica. &UHDUHXQDVSLUDOH Dal menu &XUYH, cliccare 6SLUDO Al prompt 6WDUWRID[LV)ODW9HUWLFDO$URXQG&XUYH, trascinare il cursore nella viewport )URQW, digitare e premere INVIO. Spiral Al prompt (QGRID[LV, digitare e premere INVIO. Robert McNeel & Associates 114

121 Al prompt (QGRID[LV, scegliere un punto al di sopra dell ultimo punto scelto. Al prompt 5DGLXV, digitare e premere INVIO. Al prompt 6WDUWRIVSLUDO, trascinare il cursore nella viewport 7RS e scegliere un punto al di sotto dell ultimo punto scelto. Al prompt (QGUDGLXV, digitare e premere INVIO. Nella finestra di dialogo +HOL[6SLUDO, cliccare 2.. Con questa procedura è stata creata una spirale. Robert McNeel & Associates 115

122

123 /DYLVXDOL]]D]LRQH 0RGLILFDUHODYLVWDGLXQPRGHOOR Per aggiungere dei dettagli ad un modello, può esser necessario visualizzare parti diverse del modello utilizzando viste differenti. A tal fine è possibile modificare una vista in una viewport utilizzando i comandi relativi alla vista stessa, il mouse e la tastiera. Ciascuna vista corrisponde ad una visuale attraverso una telecamera. Il target della camera è posizionato nel mezzo della viewport. 9LHZSRUWV In Rhino è possibile aprire un numero illimitato di viewport e ciascuna di esse possiede una propria modalità di proiezione, una vista, un piano di costruzione ed una griglia. Durante l esecuzione di un comando, una viewport diviene attiva muovendo il mouse all interno di essa. Altrimenti è necessario cliccare nella viewport che si desidera attivare. 3URLH]LRQHSDUDOOHODHSURVSHWWLFD A differenza di altri modellatori, Rhino permette all utente di lavorare sia nella vista parallela sia in quella prospettica. Per passare da una viewport parallela ad una prospettica, cliccare con il tasto destro del mouse sulla barra del titolo della viewport, cliccare su Properties, e quindi selezionate la casella parallel o perspective rispettivamente. Infine cliccare OK. Robert McNeel & Associates 117

124 2SHUD]LRQHGL3DQQLQJH=RRPLQJ Il modo più semplice di modificare una vista è quello di premere il tasto SHIFT e trascinare il mouse premendone il tasto destro. Questa operazione esegue un pan (ovvero una panoramica) della vista. Per eseguire uno zoom della vista, invece, premere il tasto CTRL e trascinare il mouse verticalmente. E possibile anche avvalersi dei seguenti tasti per navigare attorno ad un modello: 7DVWR $]LRQH &75/ LEFT ARROW Ruotare a sinistra Pan a sinistra RIGHT ARROW Ruotare a destra Pan a destra UP ARROW Ruotare in alto Pan verso l alto DOWN ARROW Ruotare in basso Pan verso il basso PAGE UP PAGE DOWN Zoom in Zoom out E possibile modificare una vista durante l esecuzione di un comando. Questa operazione può esser molto utile qualora si voglia selezionare un oggetto o scegliere un punto con maggiore precisione. 5LSULVWLQDUHXQDYLVWD E possibile ripristinare le originarie condizioni di visualizzazione utilizzando quattro comandi che operano su di una vista. 5LSHWHUHHDQQXOODUHOHPRGLILFKHGLXQDYLVWD Cliccare in una viewport, premere il tasto HOME o il tasto FINE sulla tastiera per ripetere o annullare i cambiamenti operati su una vista.,psrvwduhxqdylvwdshujxdugduhlqedvvrvxosldqrglfrvwux]lrqh Dal menu 9LHZ,cliccare6HW9LHZ e quindi cliccare3odq. Robert McNeel & Associates 118

125 9LVXDOL]]DUHWXWWLJOLRJJHWWLLQXQDYLHZSRUW Dal menu 9LHZcliccare=RRP e quindi cliccare=rrp([whqwv. 9LVXDOL]]DUHWXWWLJOLRJJHWWLLQWXWWHOHYLHZSRUWV Dal menu 9LHZ menu, cliccare =RRP e quindi cliccare ([WHQWV $OO. Robert McNeel & Associates 119

126 (VHUFL]LR 2SHUD]LRQHGL=RRP Aprire il modello &DPHUD. Si utilizzerà questo modello per comprendere come operano le modifiche ad una vista. Saranno create delle viste da sei direzioni visuali (alto, basso, destra, sinistra, fronte, retro) inclusa la vista prospettica obliqua. &DPELDUHLOOD\RXWGLXQDYLHZSRUW Dal menu 9LHZ, cliccare 9LHZSRUW/D\RXW e quindi cliccare 9LHZSRUWV Dal menu 9LHZ, cliccare =RRP e quindi cliccare ([WHQWV$OO 4 Viewports Robert McNeel & Associates 120

127 0RGLILFDUHLOQXPHURGLYLHZSRUW Rendere attiva la Viewport7RS. Dal menu 9LHZ, cliccare 9LHZSRUW/D\RXW e cliccare quindi 6SOLW9HUWLFDO Dal menu 9LHZ, cliccare 6HW9LHZ e cliccare quindi %RWWRP Dal menu 9LHZ, cliccare =RRP e cliccare quindi ([WHQWV$OO Rendere attiva la Viewport)URQW. Dal menu 9LHZ, cliccare 9LHZSRUW/D\RXW e cliccare quindi 6SOLW9HUWLFDO Dal menu 9LHZ, cliccare 6HW9LHZ e cliccare quindi /HIW Dal menu 9LHZ, cliccare =RRP e cliccare quindi ([WHQWV$OO Rendere attiva la Viewport5LJKW. Dal menu 9LHZ, cliccare 9LHZSRUW/D\RXW e cliccare quindi 6SOLW9HUWLFDO Cliccare nella viewport in basso a destra. Dal menu 9LHZ, cliccare 6HW9LHZ e cliccare quindi %DFN Dal menu 9LHZ, cliccare =RRP e cliccare quindi ([WHQWV$OO Zoom Extents All Bottom View Left View Back View Robert McNeel & Associates 121

128 Aggiustare lo zoom nella viewport 5LJKW e /HIW. 0RGLILFDUHODIRUPDGLXQDYLHZSRUW Muovere il cursore verso il bordo della viewport sino a che non viene visualizzato il cursore di ridimensionamento, premere il tasto sinistro del mouse e trascinare la barra. Se due viewport condividono tale bordo, entrambe saranno ridimensionate. Robert McNeel & Associates 122

129 Muovere il cursore verso l angolo di una viewport sino a che non è visualizzato il cursore di ridimensionamento, premere il tasto sinistro del mouse e trascinare l angolo in qualunque direzione. Qualora più viewport fossero a contatto in quell angolo, tutte verrebbero ridimensionate. (VHJXLUHXQSDQLQXQDYLHZSRUW Per eseguire un pan in una qualunque viewport è necessario premere il tasto SHIFT e trascinare il tasto destro del mouse. (VHJXLUHXQR]RRPLQXQDYLHZSRUW Premere il tasto CTRL e trascinare verticalmente il tasto destro del mouse. Lo zoom in viene eseguito trascinando il mouse verso l alto mentre lo zoom out viene eseguito trascinando il mouse verso il basso. 5XRWDUHXQDYLVWDLQXQDYLHZSRUW Trascinare il tasto destro del mouse nella viewport Perspective per ruotare la vista nella viewport prospettica. Per ruotare una vista in una viewport parallela, si usino le frecce nella tastiera. A tal proposito consultare il paragrafo Usare i tasti per modificare una vista a pag DVVLPL]]DUHHULSULVWLQDUHXQDYLHZSRUW Per massimizzare una viewport, fare doppio click sulla barra del titolo. Per ripristinare le dimensioni originarie di una viewport massimizzata, fare doppio click sulla barra del titolo. Robert McNeel & Associates 123

130 2S]LRQLDVVRFLDWHDOWDVWRGHVWURGHOPRXVH Cliccare il tasto destro del mouse sulla barra del titolo di una viewport. A seguito di tale operazione, compare un menu che permette di massimizzare e ripristinare le dimensioni di una viewport, eseguire uno zoom di una finestra, passare alle viste frontale, destra e dall alto e chiudere una viewport. Robert McNeel & Associates 124

131 (GLWDUHXQRJJHWWR Una volta creato un oggetto, è possibile muoverlo ed editarlo per operare delle modifiche anche complesse.,ofrpdqgr)loohw Il comando Fillet connette due linee, archi, cerchi o curve estendendole o tagliandole per raccordarle con un arco di cerchio 2S]LRQH Radius Join 'HVFUL]LRQH Imposta il raggio per il comando fillet. Un raggio pari a 0 estende o taglia delle curve ad un vertice ma non crea un raccordo. <HV unisce il raccordo alle curve. 1R non unisce il raccordo alle curve. (VHUFL]LR )LOOHW,QL]LDUHXQPRGHOOR Aprire il modello )LOOHW. Robert McNeel & Associates 125

132 3HUUDFFRUGDUHGXHOLQHHFRQXQDUFRGLFHUFKLRGLUDJJLR]HUR Dal menu &XUYH, cliccare )LOOHW Al prompt 6HOHFWILUVWFXUYHWRILOOHW5DGLXV -RLQ 1R, digitare e premere INVIO per modificare il raggio. Il valore del raggio rimane impostato al valore di default sino a che non se ne modifica il valore. Al prompt 6HOHFWILUVWFXUYHWRILOOHW5DGLXV -RLQ 1R, selezionare una linea verticale esterna. Al prompt 6HOHFWVHFRQGFXUYHWRILOOHW5DGLXV -RLQ 1R, selezionare una linea orizzontale adiacente alla linea verticale appena selezionata. Le estremità delle linee risultano tagliate formando così un vertice. Fillet 6LULFRUGDGLVFHJOLHUHXQD SDUWHGLOLQHDFKHVLGHVLGHUD PDQWHQHUH Premere INVIO per ripetere il comando. Robert McNeel & Associates 126

133 Eseguire il comando )LOOHW per raccordare gli altri angoli come mostrato in figura. 5DFFRUGDUHGHOOHOLQHHFRQXQDUFRGLUDJJLRQRQQXOOR Dal menu &XUYH, cliccare )LOOHW Al prompt 6HOHFWILUVWFXUYHWRILOOHW5DGLXV -RLQ 1R, digitare e premere INVIO per modificare il raggio. Il raggio rimane impostato al valore di default sino a che non si imposta un nuovo valore. Al prompt 6HOHFWILUVWFXUYHWRILOOHW5DGLXV -RLQ 1R, selezionare la linea verticale esterna. Al prompt 6HOHFWVHFRQGFXUYHWRILOOHW5DGLXV -RLQ 1R, selezionare la linea orizzontale adiacente a quella appena selezionata. Le estremità delle linee vengono tagliate e raccordate con un arco di cerchio di raggio pari a due unità. Premere INVIO per ripetere il comando. Fillet Robert McNeel & Associates 127

134 Eseguire il comando )LOOHW per i rimanenti vertici, come mostrato in figura. Premere INVIO per ripetere il comando. Al prompt 6HOHFWILUVWFXUYHWRILOOHW5DGLXV -RLQ 1R, digitare e premere INVIO. Questo valore verrà usato per l oggetto più piccolo. Al prompt 6HOHFWILUVWFXUYHWRILOOHW5DGLXV -RLQ 1R, selezionare la linea verticale esterna. Al prompt 6HOHFWVHFRQGFXUYHWRILOOHW5DGLXV -RLQ 1R, selezionare la linea orizzontale adiacente a quella appena selezionata. Eseguire il comando )LOOHW per i rimanenti vertici, come mostrato in figura. Robert McNeel & Associates 128

135 5DFFRUGDUHGHLFHUFKL Dal menu &XUYH cliccare )LOOHW Al prompt 6HOHFWILUVWFXUYHWRILOOHW5DGLXV -RLQ 1R, digitare e premere INVIO. Questo valore verrà usato per l oggetto più piccolo. Al prompt 6HOHFWILUVWFXUYHWRILOOHW5DGLXV -RLQ 1R, selezionare il bordo destro di un cerchio. Al prompt 6HOHFWVHFRQGFXUYHWRILOOHW5DGLXV -RLQ 1R, selezionare il bordo destro dell altro cerchio. Ripetere le operazioni sinora descritte per l altro lato dei cerchi. Fillet 5DFFRUGDUHHXQLUHGHJOLRJJHWWL Dal menu &XUYH cliccare )LOOHW Al prompt 6HOHFWILUVWFXUYHWRILOOHW5DGLXV -RLQ 1R, digitare - e premere INVIO. Questo valore verrà usato per l oggetto più piccolo. Al prompt 6HOHFWILUVWFXUYHWRILOOHW5DGLXV -RLQ <HV, selezionare uno degli archi. Fillet Robert McNeel & Associates 129

136 Al prompt 6HOHFWVHFRQGFXUYHWRILOOHW5DGLXV -RLQ <HV, selezionare un altro arco. Ripetere la procedura descritta per l arco e la linea in basso a sinistra. 8QLUHRJJHWWLUDFFRUGDWL Selezionare gli oggetti nella parte superiore della viewport con una finestra di selezione. Dal menu (GLW cliccare -RLQ A seguito di questo comando, gli oggetti risultano uniti tra loro. Curve pre-selezionate vengono unite solo se condividono almeno un punto. Join Robert McNeel & Associates 130

137 5HQGHUHWULGLPHQVLRQDOHO RJJHWWRFRQLOFRPDQGR/RIW Passare alla viewport3huvshfwlyh Passare al layer6xuidfhv. Selezionare i due quadrati nella parte superiore a sinistra nella viewport 7RS. Dal menu 6XUIDFH cliccare /RIW I due quadrati presentano una linea di giunzione nella quale sono evidenziati i punti di giunzione (intersezione della linea di giunzione con i quadrati). In particolare, in ciascun punto di giunzione è visualizzato il vettore tangente ai lati di ciascun quadrato: si noti che tali vettori sono paralleli ed equiversi. /HOLQHHLQTXHVWRPRGHOORVL SUHVHQWDQRDGXHDOWH]]H GLYHUVH/DFRQQHVVLRQHGL TXHVWHGXHOLQHHYHUUj FRQGRWWDFRQXQDVXSHUILFLH Loft Al prompt 6HOHFWVHDPSRLQWWRDGMXVWSUHVV(17(5ZKHQGRQH)OLS'LUHFWLRQ$XWRPDWLF1DWXUDO, premere INVIO. Robert McNeel & Associates 131

138 Nella finestra di dialogo /RIW2SWLRQV nel riquadro 6W\OH scegliere l opzione 6WUDLJKW6HFWLRQV e quindi cliccare 2.. Come conseguenza di questa operazione, viene generata una superficie tra i due quadrati. Ripetere la medesima procedura per i quadrati con i vertici arrotondati fino a che non appare la finestra di dialogo /RIW2SWLRQV Nella finestra di dialogo /RIW2SWLRQV nel riquadro 6W\OH scegliere l opzione 1RUPDO e quindi cliccare 2.. Salvare il modello con il comando 6DYH. Cliccare nella viewport 3HUVSHFWLYH. Robert McNeel & Associates 132

139 Dal menu 5HQGHU cliccare 6KDGH. Shade,OFRPDQGR&KDPIHU Il comando Chamfer connette due curve estendendole o tagliandole per raccordarle o unirle con una linea obliqua. Il comando Chamfer funziona su linee convergenti o intersecantisi. 2S]LRQL Distances 'HVFUL]LRQH Il primo valore di distanza richiesto nel comando Chamfer specifica la distanza dall estremità da raccordare della prima curva al punto di intersezione delle due curve selezionate. Il secondo valore di distanza richiesto nel comando Chamfer specifica invece la distanza dell estremità da raccordare della seconda curva rispetto al punto di intersezione. Impostando perciò una distanza pari a 0, il comando Chamfer taglia o estende le curve selezionate al punto di intersezione. Se la distanza impostata nel comando Chamfer è non nulla, la linea di raccordo viene creata se è necessario estendere l altra curva all intersezione. Se entrambe le distanze sono zero, le curve sono tagliate o estese alla loro intersezione ma non viene creato alcun raccordo. Robert McNeel & Associates 133

140 (VHUFL]LR &KDPIHU,QL]LDUHXQPRGHOOR Aprire il modello &KDPIHU. 5DFFRUGDUHGHOOHOLQHHFRQLOFRPDQGRFKDPIHU Dal menu &XUYH, cliccare &KDPIHU Per impostare la distanza, al prompt 6HOHFWILUVWFXUYHWRFKDPIHU'LVWDQFHV, digitare, e premere INVIO. Al prompt 6HFRQGFKDPIHUGLVWDQFH!, premere INVIO. Per default, il secondo valore di distanza coincide con il primo valore impostato. Questa impostazione genera dei raccordi che iniziano e terminano alla stessa distanza dal punto dove si intersecherebbero le due curve selezionate. Al prompt 6HOHFW)LUVW&XUYHWRFKDPIHU'LVWDQFHV, scegliere una delle linee verticali più interne. Al prompt 6HOHFW6HFRQG&XUYHWRFKDPIHU'LVWDQFHV, scegliere una linea orizzontale adiacente alla linea precedentemente selezionata. Chamfer Procedere creando raccordi su tutti i vertici come mostrato in figura. Premere INVIO per ripetere il comando. Al prompt 6HOHFW)LUVW&XUYHWRFKDPIHU'LVWDQFHV, digitare e premere INVIO. Robert McNeel & Associates 134

141 Al prompt 6HFRQGFKDPIHUGLVWDQFH!, digitare e premere INVIO. Al prompt 6HOHFW)LUVW&XUYHWRFKDPIHU'LVWDQFHV, scegliere una delle linee orizzontali più esterne. Al prompt 6HOHFW6HFRQG&XUYHWRFKDPIHU'LVWDQFHV, scegliere una linea verticale adiacente alla linea appena selezionata.. Procedere creando dei raccordi sui vertici come illustrato in figura. 8QLUHGHJOLRJJHWWLUDFFRUGDWLFRQLOFRPDQGR&KDPIHU Dal menu (GLW, cliccare 6HOHFW e quindi cliccare $OO. Cliccare infine &XUYHV Dal menu (GLW cliccare -RLQ Le curve risultano unite tra loro. 5HQGHUHWULGLPHQVLRQDOHLOPRGHOOR Passare al layer 6XUIDFHV. Dal menu (GLW, cliccare 6HOHFW e quindi cliccare $OO. Cliccare infine &XUYHV Dal menu 6XUIDFH, cliccare /RIW Al prompt 6HOHFWVHDPSRLQWWRDGMXVWSUHVV(17(5ZKHQGRQH)OLS'LUHFWLRQ$XWRPDWLF1DWXUDO, premere INVIO. Nella finestra di dialogo /RIW2SWLRQV, nel riquadro 6W\OH selezionare 6WUDLJKW6HFWLRQV e cliccare 2.. Join Loft Robert McNeel & Associates 135

142 A risultato dei comandi sopra esposti, viene generata una superficie tra i due rettangoli con gli angoli arrotondati. Salvare il modello con il comando 6DYH Cliccare nella viewport3huvshfwlyh. Dal menu 5HQGHU, cliccare 6KDGH. Shade Robert McNeel & Associates 136

143 (VHUFL]LR,OFRPDQGR)LOOHWHLOFRPDQGR&KDPIHU Iniziare un modello e salvarlo come )LOOHWH[. Robert McNeel & Associates 137

144 Disegnare il profilo seguente con i comandi Line Segments, Circles e Arcs Usare i comandi )LOOHW e &KDPIHU per editare il disegno come mostrato in figura. 5HQGHUHWULGLPHQVLRQDOHLOPRGHOOR Dal menu (GLW, cliccare 6HOHFW, cliccare quindi $OO e infine cliccare &XUYHV Dal menu 6ROLG, cliccare ([WUXGH3ODQDU&XUYH Extrude Planar Curve Robert McNeel & Associates 138

145 Al prompt ([WUXVLRQGLVWDQFH'LUHFWLRQ&DS <HV%RWK6LGHV7DSHUHG, digitaree premere INVIO. Cliccare nella viewport 3HUVSHFWLYH. Dal menu 5HQGHU, cliccare 6KDGH. Shade Robert McNeel & Associates 139

146 ,OFRPDQGR0RYH Usare il comando Move per muovere gli oggetti senza modificarne l orientazione o la dimensione. 2S]LRQH Vertical 'HVFUL]LRQH Sono mossi gli oggetti selezionati nella direzione verticale al piano di costruzione corrente. (VHUFL]LR,OFRPDQGR 0RYH Aprire il modello 0RYH. Disattivare sia la modalità 2UWKR sia lo 6QDS per muovere liberamente gli oggetti. Attivare lo snap &HQ al centro dell oggetto. 0XRYHUHXQRJJHWWRXWLOL]]DQGRJOLVQDSDOO RJJHWWRSHULOSRVL]LRQDPHQWRGHOO RJJHWWR Dal menu 7UDQVIRUP, cliccare 0RYH Al prompt 3RLQWWRPRYHIURP9HUWLFDO, eseguire uno snap al centro del cerchio di raggio minore. Move Robert McNeel & Associates 140

147 Al prompt 3RLQWWRPRYHWR, eseguire uno snap al centro dell arco nella parte inferiore sinistra dell oggetto. 0XRYHUHXQRJJHWWRXVDQGROHFRRUGLQDWHDVVROXWH Dal menu (GLW, cliccare 6HOHFW, quindi cliccare $OO e infine cliccare &XUYHV Dal menu 7UDQVIRUP, cliccare 0RYH Al prompt 3RLQWWRPRYHIURP9HUWLFDO, eseguire uno snap alla fine della linea nella parte inferiore sinistra dell oggetto. Move Robert McNeel & Associates 141

148 Al prompt 3RLQWWRPRYHWR, digitare e premere INVIO. L estremità della linea si presenta esattamente in 0,0 nella viewport Top. 0XRYHUHXQRJJHWWRXVDQGROHFRRUGLQDWHUHODWLYH Selezionare il cerchio di raggio maggiore al centro dell oggetto. Dal menu 7UDQVIRUP, cliccare 0RYH Al prompt 3RLQWWRPRYHIURP9HUWLFDO, scegliere qualunque punto nella viewport Top. E preferibile scegliere un punto vicino all oggetto da muovere. Move Robert McNeel & Associates 142

149 Al prompt 3RLQWWRPRYHWR, digitare U e premere INVIO. Il cerchio è stato mosso di 0.25 unità verso il basso.,ofrpdqgr&rs\ Il comando Copy duplica gli oggetti selezionati e dispone le repliche in una nuova posizione. Ripetendo il comando è possibile perciò creare più copie dell oggetto selezionato. 2S]LRQH Vertical InPlace 'HVFUL]LRQH Gli oggetti selezionati sono copiati verticalmente rispetto al piano di costruzione corrente. Le repliche dell oggetto sono posizionate nello stesso punto. (VHUFL]LR,OFRPDQGR &RS\ 8VDUHLOFRPDQGR&RS\XWLOL]]DQGRJOLVQDSDOO RJJHWWRSHUSRVL]LRQDUHO RJJHWWRFRSLDWR Selezionare il cerchio di raggio inferiore nella parte inferiore sinistra dell oggetto. Dal menu 7UDQVIRUP, cliccare &RS\ Al prompt 3RLQWWRFRS\IURP9HUWLFDO,Q3ODFH, eseguire uno snap al centro del cerchio appena menzionato. Copy Robert McNeel & Associates 143

150 Al prompt 3RLQWWRFRS\WR, eseguire uno snap al centro dell arco nella parte superiore sinistra dell oggetto. Premere INVIO per terminare il comando. 5HDOL]]DUHSLFRSLHGLXQRJJHWWR Selezionare il cerchio di raggio inferiore nella parte inferiore sinistra dell oggetto. Dal menu 7UDQVIRUP, cliccare &RS\ Al prompt 3RLQWWRFRS\IURP9HUWLFDO,Q3ODFH, eseguire uno snap al centro di tale cerchio. Copy Robert McNeel & Associates 144

151 Al prompt 3RLQWWRFRS\WR, iniziare a scegliere dei punti sullo schermo. In ciascun punto scelto sarà posizionato una copia del cerchio selezionato. Premere INVIO per terminare il comando. Robert McNeel & Associates 145

152 ,FRPDQGL8QGRH5HGR Qualora l operazione eseguita fosse errata o il risultato del comando eseguito non fosse soddisfacente, è possibile annullare quanto eseguito con il comando 8QGR. Se fosse necessario ripristinare i risultati ottenuti prima dell esecuzione del comando Undo, si usi il comando 5HGR. Il comando Redo infatti ripristina l ultima operazione. 3XOVDQWHLQ 5KLQR 7DVWRGHO 0RXVH &RPDQGR 'HVFUL]LRQH Left-click or CTRL+Z Right-click or CTRL+Y Undo Redo Cancella gli effetti dell ultimo comando. Ripristina gli effetti del comando Undo. Il numero di Undo conservati in memoria è impostato nella scheda *HQHUDO alla voce 2SWLRQV. Se il comando eseguito è fornito dell opzione 8QGR, digitare 8 per annullarlo. Al prompt dei comandi, digitare 8QGR. Non è possibile usare il comando Undo dopo aver terminato una sessione di modellazione o dopo aver aperto un nuovo modello.,ofrpdqgr5rwdwh Il comando 5RWDWH permette di ruotare gli oggetti attorno ad un punto base. Per eseguire una rotazione di un angolo specificato, inserire il valore dell angolo di rotazione in gradi. Numeri SRVLWLYL corrispondono a rotazioni antiorarie, numeri QHJDWLYL a rotazioni orarie. 2S]LRQH Copy 'HVFUL]LRQH Duplica l oggetto e dispone la replica ad un angolo (o riferimento) di rotazione definito rispetto l oggetto originario. (VHUFL]LR,OFRPDQGR5RWDWH Selezionare il cerchio nel mezzo dell oggetto. Robert McNeel & Associates 146

153 Dal menu 7UDQVIRUP, cliccare 5RWDWH Al prompt &HQWHURIURWDWLRQ&RS\, eseguire uno snap al centro del cerchio. Rotate Look for this button. PRIMA DI PARTIRE Al prompt $QJOHRUILUVWUHIHUHQFHSRLQW&RS\, digitare e premere INVIO. Il cerchio risulta ruotato di 28 gradi in verso orario.,ofrpdqgr0luuru Il comando Mirror crea una copia dell oggetto e la inverte rispetto ad un asse specificato sul piano di costruzione. Robert McNeel & Associates 147

154 (VHUFL]LR,OFRPDQGR0LUURU Dal menu (GLW, cliccare 6HOHFW e quindi cliccare,qyhuw Attraverso questa operazione si selezionano tutti gli oggetti a meno di quello precedentemente selezionato. Tutte le curve eccetto il cerchio dovrebbero evidenziarsi. Dal menu 7UDQVIRUP, cliccare 0LUURU Al prompt 6WDUWRIPLUURUSODQH, digitare 0,0 oppure eseguire uno snap alla fine della linea nella parte inferiore destra del modello. Al prompt (QGRIPLUURUSODQH, attivare la funzione 2UWKR e scegliere un punto al di sopra del punto precedentemente selezionato. Mirror Look for this button.,ofrpdqgr-rlq Il comando Join unisce curve che si incontrano in un punto comune e le rende un unica curva. Possono anche esser unite curve che non hanno punti in comune, qualora vengano selezionate dopo aver iniziato l esecuzione del comando. Se si selezionano curve che non hanno punti in comune, appare una finestra di dialogo nella quale si chiede di procedere o meno con l esecuzione del comando Join. (VHUFL]LR²,OFRPDQGR-RLQ Dal menu (GLW, cliccare 6HOHFW, cliccare quindi $OO. Infine cliccare &XUYHV Robert McNeel & Associates 148

155 Dal menu (GLW, cliccare -RLQ Join Look for this button.,ofrpdqgr6fdoh Il comando6fdoh modifica le dimensioni di oggetti esistenti senza cambiarne la forma. Questo comando ridimensiona un oggetto tridimensionale lungo i tre assi. E possibile ridimensionare un oggetto in due dimensioni o in una dimensione o in modo non uniforme. 2S]LRQH Copy Scale factor Reference point 'HVFUL]LRQH Crea una copia dell oggetto ridimensionata opportunamente. Valore di input che rappresenta il fattore di scala. Qualora il fattore di scala sia minore di 1, l oggetto viene rimpicciolito, se il fattore di scala è maggiore di 1 l oggetto viene ingrandito. Il primo punto di riferimento indica il fattore di scala corrente. Il secondo punto di riferimento indica il nuovo fattore di scala. (VHUFL]LR,OFRPDQGR6FDOH Dal menu (GLW, cliccare 6HOHFW e quindi cliccare $OO. Infine cliccare &XUYHV Dal menu 7UDQVIRUP, cliccare 6FDOH e quindi cliccare 6FDOH' Al prompt 2ULJLQSRLQW&RS\, digitare e premere INVIO. Scale Look for this button. Robert McNeel & Associates 149

156 Al prompt 6FDOHIDFWRURUILUVWUHIHUHQFHSRLQW&RS\, digitare e premere INVIO. L intera parte è stata riscalata del 75% della sua dimensione originaria. 5LGLPHQVLRQDUHXQRJJHWWRXVDQGRO RS]LRQHUHIHUHQFHSRLQW Dal menu (GLW, cliccare 6HOHFW e quindi cliccare $OO. Cliccare infine &XUYHV Dal menu 7UDQVIRUP, cliccare 6FDOH e quindi cliccare 6FDOH' Al prompt 2ULJLQSRLQW&RS\, eseguire uno snap al centro del cerchio disposto al centro dell oggetto. Scale Look for this button. Robert McNeel & Associates 150

157 Al prompt 6FDOHIDFWRURUILUVWUHIHUHQFHSRLQW&RS\, eseguire uno snap al quadrante di tale cerchio. Il raggio del cerchio appena menzionato rappresenta la scala di riferimento per impostare il fattore di scala. Al prompt 6HFRQGUHIHUHQFHSRLQW&RS\, digitare e premere INVIO. Il cerchio presenta ora un raggio unità. Tutto l oggetto risulta ridimensionato in proporzione. 5HQGHUHWULGLPHQVLRQDOHLOPRGHOOR Dal menu (GLW, cliccare 6HOHFW e quindi cliccare $OO. Cliccare infine &XUYHV Robert McNeel & Associates 151

158 Dal menu 6ROLG, cliccare ([WUXGH3ODQDU&XUYH Al prompt ([WUXVLRQGLVWDQFH'LUHFWLRQ&DS <HV%RWK6LGHV7DSHUHG, digitaree premere INVIO. Extrude Planar Curve PRIMA DI PARTIRE Cliccare nella viewport3huvshfwlyh. Dal menu 5HQGHU, cliccare 6KDGH. Shade Robert McNeel & Associates 152

159 ,OFRPDQGR$UUD\ Attraverso il comando Array è possibile creare delle copie degli oggetti selezionati. In particolare il comando Array Rectangular (Array rettangolare) dispone le repliche dell oggetto in righe e colonne. Il comando Array Polar (Array Polare) dispone le repliche dell oggetto lungo una circonferenza il cui centro è definito dall utente. (VHUFL]LR,OFRPDQGR$UUD\ &UHDUHXQ$UUD\UHWWDQJRODUH Aprire il modello 7)ODQJH. Selezionare il cilindro che è visibile nella viewport7rs. Dal menu 7UDQVIRUP, cliccare $UUD\ e quindi cliccare 5HFWDQJXODU Al prompt 1XPEHULQ[GLUHFWLRQ!, digitare e premere INVIO. Al prompt 1XPEHULQ\GLUHFWLRQ!, digitare e premere INVIO. Al prompt 1XPEHULQ]GLUHFWLRQ!, digitare e premere INVIO. Al prompt 8QLWFHOORU[VSDFLQJ, digitare e premere INVIO. Array Rectangular Robert McNeel & Associates 153

160 Al prompt <VSDFLQJ, digitare e premere INVIO. Le repliche del cilindro sono visualizzate sulla base della flangia: &UHDUHXQDUUD\' Selezionare il cilindro che è visibile nella viewport)urqw Nell inserimento delle coordinate nella viewport Front, l asse Y del piano di costruzione punta verso l alto mentre l asse Z punta verso l osservatore. L icona visualizzata si riferisce al sistema di coordinate assolute. Robert McNeel & Associates 154

161 Dal menu 7UDQVIRUP, cliccare $UUD\ e quindi cliccare 5HFWDQJXODU Al prompt 1XPEHULQ[GLUHFWLRQ!, digitare e premere INVIO. Al prompt 1XPEHULQ\GLUHFWLRQ!, digitare e premere INVIO. Al prompt 1XPEHULQ]GLUHFWLRQ!, digitare e premere INVIO. Al prompt 8QLWFHOORU[VSDFLQJ, digitare e premere INVIO. Al prompt <VSDFLQJ, digitaree premere INVIO. Al prompt =VSDFLQJ, digitare e premere INVIO. Le repliche del cilindro sono disposte su entrambe le flange. Array Rectangular PRIMA DI PARTIRE,QXPHULQHJDWLYLLQVHULWLSHUOH FRRUGLQDWH\H]GHULYDQRGDO IDWWRFKHLIRULVRQRGLVSRVWL QHOODGLUH]LRQHQHJDWLYDVX FLDVFXQDVVH 5LPXRYHUHLFLOLQGULGDOODIODQJLD Salvare il modello con il comando 6DYH. Dal menu 6ROLG, cliccare 'LIIHUHQFH Al prompt 6HOHFWVXUIDFHRUSRO\VXUIDFH, selezionare la flangia. $OZD\VVDYH\RXUPRGHO EHIRUHGRLQJDQ\ERROHDQ RSHUDWLRQ Boolean Difference Look for this button. Robert McNeel & Associates 155

162 Al prompt 6HOHFWVXUIDFHRUSRO\VXUIDFHWRVXEWUDFW, selezionare uno dei cilindri nella flangia.. Il cilindro è stato sottratto dalla flangia. Ripetere la procedura sinora descritta per ciascun foro della flangia. Robert McNeel & Associates 156

163 Dal menu 5HQGHU, cliccare 6KDGH$OO9LHZSRUWV. Shade All Viewports Cliccare questo pulsante con il tasto destro del mouse Robert McNeel & Associates 157

164 &UHDUHXQ$UUD\SRODUH Aprire il modello :KHHO. Selezionare il cilindro e la costa nella viewport 7RS. Dal menu 7UDQVIRUP, cliccare $UUD\ e quindi cliccare 3RODU Al prompt &HQWHURISRODUDUUD\, eseguire uno snap al centro della ruota. Al prompt 1XPEHURIHOHPHQWV!, digitaree premere INVIO. Al prompt $QJOHWRILOO!, premere INVIO. Le repliche dei cilindri e delle coste sono disposte attorno al centro della ruota. Array Polar ( QHFHVVDULRLQFOXGHUH O RJJHWWRGDFRSLDUHHOH UHSOLFKHQHOQXPHURULFKLHVWR SHUO HVHFX]LRQHGHOFRPDQGR $UUD\ Robert McNeel & Associates 158

165 5LPXRYHUHLFLOLQGULGDOODUXRWD Salvare il modello con il comando 6DYH. Dal menu 6ROLG, cliccare 'LIIHUHQFH Al prompt 6HOHFWVXUIDFHRUSRO\VXUIDFH, selezionare la ruota. Al prompt 6HOHFWVXUIDFHRUSRO\VXUIDFHWRVXEWUDFW, selezionare un cilindro. Il cilindro è sottratto dalla ruota. Ripetere la procedura descritta per ciascun cilindro. Boolean Difference $JJLXQJHUHOHFRVWHDOODUXRWD Dal menu 6ROLG, cliccare 8QLRQ Al prompt 6HOHFWVXUIDFHRUSRO\VXUIDFH, selezionare la ruota. Al prompt 6HOHFWVXUIDFHRUSRO\VXUIDFHWRXQLRQ, selezionare una costa. La costa viene unita alla ruota. Ripetere la procedura descritta per ciascuna costa. Boolean Union Robert McNeel & Associates 159

166 Dal menu 5HQGHU, cliccare 6KDGH. Shade Robert McNeel & Associates 160

167 ,OFRPDQGR2IIVHW Il comando Offset crea una copia parallela o concentrica dell oggetto selezionato. E opportuno utilizzare questo comando ogni qualvolta si desideri creare copie di particolari oggetti come linee parallele, cerchi concentrici, archi concentrici attraverso punti specificati o a distanze predefinite. (VHUFL]LR,OFRPDQGR2IIVHW Iniziare un nuovo modello e salvarlo come 6KDIW%DVH. &UHDUHXQUHWWDQJRORGDLYHUWLFLDUURWRQGDWL Dal menu &XUYH, cliccare 5HFWDQJOH e quindi cliccare &HQWHU&RUQHU Al prompt &HQWHURIUHFWDQJOH5RXQGHG, digitare 5 e premere INVIO. Rectangle Centered Robert McNeel & Associates 161

168 Al prompt &HQWHURIUHFWDQJOH, muovere il cursore nella viewport 7RS, digitare e premere INVIO. Al prompt &RUQHURUOHQJWK, digitare e premere INVIO. Al prompt :LGWK, digitare e premere INVIO. Al prompt 3RLQWIRUURXQGHGFRUQHUWRSDVVWKURXJK&RUQHU $UF, digitare e premere INVIO. &UHDUHGHLUHWWDQJROLDUURWRQGDWLDWWUDYHUVRLOFRPDQGR2IIVHW Cliccare questo pulsante con il tasto destro del mouse Dal menu &XUYH, cliccare 2IIVHW Al prompt 6HOHFWFXUYHWRRIIVHW'LVWDQFH &RUQHU VKDUS7KURXJK3RLQW, digitare e premere INVIO. Al prompt 6HOHFWFXUYHWRRIIVHW'LVWDQFH &RUQHU VKDUS7KURXJK3RLQW, selezionare il rettangolo con i vertici arrotondati. Offset Robert McNeel & Associates 162

169 Al prompt 6LGHWRRIIVHW'LVWDQFH &RUQHU VKDUS7KURXJK3RLQW, scegliere un punto al di fuori del rettangolo sopra menzionato. A seguito di questa operazione, verrà creato un rettangolo dai vertici arrotondati di dimensioni maggiori del precedente. Proseguire con la procedura descritta per realizzare le curve rimanenti. Assicurarsi di aver modificato la distanza di offset tra ciascuna curva. 'LVHJQDUHLIRUL Attivare la funzione (QG nella finestra di dialogo Osnap. Robert McNeel & Associates 163

170 Dal menu &XUYH, cliccare &LUFOH e quindi cliccare &HQWHU5DGLXV Al prompt &HQWHURIFLUFOH9HUWLFDO$URXQG&XUYH, eseguire uno snap all estremità nell angolo inferiore destro della linea passante per il centro. Al prompt 5DGLXV!'LDPHWHU, digitare ' e premere INVIO. Al prompt 'LDPHWHU!5DGLXV, digitare e premere INVIO. Circle PRIMA DI PARTIRE Dal menu &XUYH, cliccare &LUFOH e quindi cliccare &HQWHU5DGLXV Al prompt &HQWHURIFLUFOH9HUWLFDO$URXQG&XUYH, eseguire uno snap alla stessa estremità premendo il tasto CTRL per attivare la modalità elevatore. Digitare quindi e premere INVIO. Circle Robert McNeel & Associates 164

171 Al prompt 'LDPHWHU!5DGLXV, digitare e premere INVIO. Queste operazioni muovono il centro del cerchio al di fuori del piano di costruzione. &RSLDUHLFHUFKL Selezionare i cerchi appena creati. Attivare le funzioni snap (QG e 4XDG. Dal menu 7UDQVIRUP, cliccare &RS\ Al prompt 3RLQWWRFRS\IURP9HUWLFDO,Q3ODFH, scegliere un estremità dove i cerchi siano posizionati. Copy Robert McNeel & Associates 165

172 Al prompt 3RLQWWRFRS\WR, scegliere l estremità e i punti quadrante per posizionare i cerchi come mostrato in figura. Creare dei piccoli fori in entrambe le estremità della base. 5HQGHUHWULGLPHQVLRQDOHLOPRGHOOR Selezionare il rettangolo con i vertici arrotondati dalle dimensioni minori. Dal menu 7UDQVIRUP, cliccare 0RYH Al prompt 3RLQWWRPRYHIURP9HUWLFDO, muovere il cursore nella viewport )URQW e scegliere un punto. Al prompt 3RLQWWRPRYHWR, digitare 5 e premere INVIO. Circle Robert McNeel & Associates 166

173 Selezionare la linea passante per il centro e cancellarla. Selezionare il rettangolo con i vertici arrotondati dalle dimensioni maggiori. Dal menu 6ROLG, cliccare ([WUXGH3ODQDU&XUYH Al prompt ([WUXVLRQGLVWDQFH'LUHFWLRQ&DS <HV%RWK6LGHV7DSHUHG, digitaree premere INVIO. Selezionare il rettangolo con i vertici arrotondati dalle dimensioni minori. Dal menu 6ROLG, cliccare ([WUXGH3ODQDU&XUYH Al prompt ([WUXVLRQGLVWDQFH'LUHFWLRQ&DS <HV%RWK6LGHV7DSHUHG, digitaree premere INVIO. Selezionare il rettangolo con i vertici arrotondati dalle dimensioni maggiori. Dal menu 6ROLG, cliccare ([WUXGH3ODQDU&XUYH Al prompt ([WUXVLRQGLVWDQFH'LUHFWLRQ&DS <HV%RWK6LGHV7DSHUHG, digitaree premere INVIO. Extrude Planar Curve PRIMA DI PARTIRE 8QLUHOHSDUWL Salvare il modello con il comando 6DYH. Dal menu 6ROLG, cliccare 8QLRQ Al prompt 6HOHFWVXUIDFHRUSRO\VXUIDFH, selezionare la base. Al prompt 6HOHFWVXUIDFHRUSRO\VXUIDFHWRXQLRQ, selezionare l elemento emergente dalla base. Boolean Union Robert McNeel & Associates 167

174 6RWWUDUUHO LQWHUQRGHOO HOHPHQWRHPHUJHQWHGDOODEDVH Salvare il modello con il comando 6DYH. Dal menu 6ROLG, cliccare 'LIIHUHQFH Al prompt 6HOHFWVXUIDFHRUSRO\VXUIDFH, selezionare la base. Al prompt 6HOHFWVXUIDFHRUSRO\VXUIDFHWRVXEWUDFW, scegliere un punto all interno dell elemento emergente dalla base. Boolean Difference Ripetere la procedura descritta per la realizzazione dei fori. In primo luogo estrudere i fori e successivamente sottrarli dalla base. Robert McNeel & Associates 168

175 ,OFRPDQGR7ULP Il comando Trim taglia e cancella le porzioni di un oggetto cosicché quest ultimo termini precisamente all intersezione con l altro oggetto. (VHUFL]LR,OFRPDQGR7ULP Aprire il modello 7ULP6SOLW. Dal menu 9LHZ, cliccare =RRP e quindi cliccare :LQGRZ Visualizzare in dettaglio la griglia nell angolo in basso a sinistra della viewport 7RS Zoom Window Robert McNeel & Associates 169

176 Dal menu (GLW, cliccare 7ULP Al prompt 6HOHFWFXWWLQJHGJH2SWLRQV, selezionare le due linee verticali più esterne della griglia. Al prompt 6HOHFWFXWWLQJHGJH2SWLRQV, premere INVIO. Al prompt 6HOHFWREMHFWWRWULP2SWLRQV, selezionare ciascuna linea orizzontale alle loro estremità destra e sinistra. Le linee risulteranno tagliate a tali estremità. Trim PRIMA DI PARTIRE Al prompt 6HOHFWREMHFWWRWULP2SWLRQV, premere INVIO per terminare il comando Dal menu 9LHZ, cliccare =RRP e quindi cliccare ([WHQWV$OO Dal menu (GLW, cliccare 7ULP Al prompt 6HOHFWFXWWLQJHGJH2SWLRQV, selezionare la superficie che interseca la sfera nella viewport 3HUVSHFWLYH. Al prompt 6HOHFWFXWWLQJHGJH2SWLRQV, premere INVIO. Zoom Extents All Trim Robert McNeel & Associates 170

177 Al prompt 6HOHFWREMHFWWRWULP2SWLRQV, selezionare il lato destro della sfera.. La sfera risulta tagliata allo spigolo della superficie. Al prompt &KRRVHREMHFWWRWULP, premere INVIO per terminare il comando,ofrpdqgr6solw Il comando Split può separare un oggetto con un altro oggetto o una curva in un punto. Il comando Split quindi suddivide o scompone un oggetto in parti in corrispondenza all intersezione con l oggetto di taglio. A differenza dal comando Trim, il comando Split non rimuove alcuna parte così creata. (VHUFL]LR,OFRPDQGR 6SOLW Dal menu 9LHZ, cliccare =RRP e quindi cliccare :LQGRZ Robert McNeel & Associates 171

178 Visualizzare in dettaglio la curva chiusa nell angolo in basso a destra della viewport 7RS Dal menu (GLW cliccare 6SOLW Al prompt 6HOHFWREMHFWWRVSOLW, selezionare la curva chiusa. Al prompt 6HOHFWFXWWLQJREMHFWV3RLQW, selezionare le linee. Split Robert McNeel & Associates 172

179 Al prompt 6HOHFWFXWWLQJREMHFWV3RLQW, premere INVIO. La curva viene separata in quattro parti in corrispondenza dei punti di intersezione con le linee. Dal menu 9LHZ, cliccare =RRP e quindi cliccare ([WHQWV$OO Dal menu (GLW, cliccare 6SOLW Al prompt 6HOHFWREMHFWWRVSOLW, selezionare la seconda sfera. Al prompt 6HOHFWFXWWLQJREMHFWV3RLQW, scegliere la superficie che interseca la sfera. La sfera viene separata in due parti in corrispondenza dell intersezione con la superficie. Split Robert McNeel & Associates 173

180 ,OFRPDQGR([WHQG Il comando Extend estende o prolunga un oggetto. Questo comando è anche utilizzato per prolungare un oggetto sino al punto di intersezione con un altro oggetto. (VHUFL]LR,OFRPDQGR ([WHQG Aprire il modello ([WHQG Dal menu &XUYH, cliccare ([WHQG e quindi cliccare ([WHQG&XUYH Al prompt 6HOHFWERXQGDU\REMHFWV, selezionare la linea a sinistra. Al prompt 6HOHFWERXQGDU\REMHFWV, premere INVIO. Extend Robert McNeel & Associates 174

181 Al prompt 6HOHFWREMHFWWRH[WHQG7\SH /LQH, scegliere le estremità a sinistra delle tre curve. Le linee e le curve saranno prolungate sino al bordo di contorno sulla sinistra. Al prompt 6HOHFWREMHFWWRH[WHQG7\SH /LQH, premere INVIO per terminare il comando.,ofrpdqgr([whqghohvxhrs]lrql Dal menu &XUYH, cliccare ([WHQG e quindi cliccare ([WHQG&XUYH Al prompt 6HOHFWERXQGDU\REMHFWV, selezionare la curva a destra. Al prompt 6HOHFWERXQGDU\REMHFWV, premere INVIO. Al prompt 6HOHFWREMHFWWRH[WHQG7\SH /LQH, selezionare l estremità destra della linea. A seguito di questa operazione la linea risulta prolungata con un segmento. Al prompt 6HOHFWREMHFWWRH[WHQG7\SH /LQH, digitare$ e premere INVIO. Al prompt 6HOHFWREMHFWWRH[WHQG7\SH $UF, selezionare l estremità destra della curva. La curva risulta prolungata con un arco tangente al bordo del contorno. Al prompt 6HOHFWREMHFWWRH[WHQG7\SH $UF, digitare 6 $ e premere INVIO. Extend Robert McNeel & Associates 175

182 Al prompt 6HOHFWREMHFWWRH[WHQG7\SH 6PRRWK, selezionare l estremità di destra dell arco. L arco viene prolungato con una curva tangente. (VWHQGHUHXQDVXSHUILFLH Dal menu &XUYH, cliccare ([WHQG e quindi cliccare ([WHQG&XUYH Al prompt 6HOHFWERXQGDU\REMHFWV, selezionare il cilindro sulla sinistra. Al prompt 6HOHFWERXQGDU\HGJHV, selezionare la superficie sulla destra. Al prompt 6HOHFWERXQGDU\HGJHV, premere INVIO. Al prompt 6HOHFWREMHFWWRH[WHQG7\SH 6PRRWK, digitare /e premere INVIO. Extend Robert McNeel & Associates 176

183 Al prompt 6HOHFWREMHFWWRH[WHQG7\SH /LQH, selezionare entrambe le estremità della linea e della curva. A seguito di queste operazioni, le curve risulteranno estese alla sfera e alla superficie. 3UROXQJDUHXQDFXUYDVHQ]DLERUGLGLFRQWRUQR Dal menu &XUYH, cliccare ([WHQG e quindi cliccare %\/LQH Al prompt 6HOHFWFXUYHWRH[WHQG, scegliere un punto della curva nel lato superiore destro. Al prompt (QGRIOLQHRUOHQJWK, scegliere un punto. La curva risulterà estesa al punto precedente con una linea tangente. Extend by Line Robert McNeel & Associates 177

184 Dal menu &XUYH, cliccare ([WHQG e quindi cliccare %\$UF Al prompt 6HOHFWFXUYHWRH[WHQG, scegliere un punto sulla linea presso la sua estremità superiore sinistra.. Al prompt 5DGLXVRIDUF, scegliere un punto o digitare al prompt dei comandi un valore per impostare il raggio dell arco. Al prompt (QGSRLQWRUDQJOH, scegliere l estremità dell arco o digitare il valore dell angolo da esso sotteso. Extend by Arc PRIMA DI PARTIRE Robert McNeel & Associates 178

185 (VHUFL]LR 3UDWLFD Iniziare un nuovo modello e salvarlo con il nome *DVNHW Usare i comandi &LUFOH, $UF 7ULP, )LOOHW, e -RLQ per realizzare il seguente disegno. Usare il comando ([WUXGH per rendere il modello tridimensionale. Lo spessore dell estrusione qui è pari a. Robert McNeel & Associates 179

186 (VHUFL]LR 3UDWLFD Iniziare un nuovo modello e salvarlo con il nome *DVNHW. Usare i comandi &LUFOH$UF/LQH7ULP2IIVHW)LOOHW&RS\ e 0LUURU per disegnare il seguente disegno. Robert McNeel & Associates 180

187 Usare il comando ([WUXGH per rendere il modello tridimensionale. Lo spessore dell estrusione è stato impostato a. (VHFL]LR 3UDWLFD Iniziare un nuovo modello e salvarlo con il nome &DP. Usare i comandi &LUFOH, $UF, /LQH,7ULP,-RLQ, e $UUD\ per disegnare il seguente modello. Robert McNeel & Associates 181

188 Usare il comando ([WUXGH per rendere tridimensionale il modello. Lo spessore di estrusione è stato impostato a. (VHUFL]LR 3UDWLFD Iniziare un nuovo modello e salvarlo con il nome /LQN. Usare i comandi /LQH, $UF, 7ULP, 2IIVHW, -RLQ, )LOOHW e &LUFOH per disegnare il seguente modello. Robert McNeel & Associates 182

189 Usare i comandi ([WUXGH e 6XEWUDFW per rendere tridimensionale l oggetto. Lo spessore di estrusione è stato impostato a. Robert McNeel & Associates 183

190

191 (GLWLQJSHUSXQWL (GLWLQJSHUSXQWL E possibile visualizzare i punti di controllo e i punti di edit di un oggetto e adattare la forma dell oggetto piuttosto che modificarlo nel suo complesso. Questa procedura è chiamata point editing o editing per punti. E possibile utilizzare l editing di punto su meshes, curve e superfici ma non su polisuperfici o solidi. &XUYH185%6 In Rhino le curve sono rappresentate da B-Splines Razionali Non-Uniformi (NURBS). La forma di una curva NURBS è determinata da: Una lista di punti detti punti di controllo Grado Una lista di numeri detti nodi Se viene cambiato uno di questi parametri la forma della curva risulta modificata. (VHUFL]LR²(GLWLQJGHLSXQWLGLFRQWUROOR In questo esercizio sarà illustrato come muovere i punti di controllo. Nella modellazione NURBS è infatti fondamentale comprendere l effetto subito dalla curve e dalle linee quando si interviene sui loro punti di controllo. Robert McNeel & Associates 185

192 Iniziare un nuovo modello e salvarlo come 3RLQWV. Creare i layers 3RO\OLQH, &XUYH e 6XUIDFH. Attivare le modalità 2UWKR e 6QDS. Passare al layer3ro\olqh. Nella viewport 7RS disegnare una polilinea, mediante il comando SRO\OLQH di sei unità con un vertice ogni unità. Quando il comando è terminato, i punti scompaiono: l illustrazione seguente mostra la polilinea e i punti di controllo. Passare al layer &XUYH. Nella viewport 7RS disegnare una curva di sei unità attraverso il comando FXUYHE\FRQWURO SRLQWV. Assicurarsi di scegliere un punto per ogni punto snap cosicché la curva possieda un punto di controllo per ogni unità di lunghezza. Polyline Curve Robert McNeel & Associates 186

193 Usare il comando 0LUURU per creare due ulteriori linee, una curva e una polilinea. Si utilizzi il comando Mirror a partire dall origine 0,0 nella viewport 7RS. Attivare quindi la modalità Ortho e scegliere un secondo punto. Mirror Dal menu (GLW, cliccare 6HOHFW e cliccare quindi $OO. Infine cliccare &XUYHV Dal menu (GLW, cliccare 3RLQW(GLWLQJ e cliccare quindi &RQWURO3RLQWV2Q Select All Curves PtOn Robert McNeel & Associates 187

194 Nella viewport 7RS, cliccare e trascinare alcuni punti sulla polilinea. Si noti che la linea presenta dei vertici in ciascun punto di controllo e che, in questo caso, ciascun punto di controllo giace sulla curva. Gli spigoli vivi presentati da una curva o polilinea, come quelli mostrati nella figura sottostante, sono detti kinks. Una superficie creata da una linea con degli spigoli vivi, presenterà in corrispondenza a questi ultimi dei punti di giunzione ( seam ). Premere il tasto ESC due volte per disattivare i punti di controllo. Dal menu (GLW, cliccare /D\HUV e quindi cliccare (GLW. Eseguire il comando/rfn sul layer 3RO\OLQH. Selezionare una delle curve e attivarne i punti di controllo. Layer Robert McNeel & Associates 188

195 Successivamente, si procederà con l elevazione dei punti dal piano di costruzione della viewport Top. Nella viewport )URQW cliccare e trascinare alcuni dei punti di controllo. Nella finestra di dialogo &KRRVH2QH2EMHFW premere 2. in corrispondenza di &XUYHSRLQW. Si noti che modificando un punto di controllo la forma della curva cambia a sua volta anche se il punto di controllo non giace sulla curva. Robert McNeel & Associates 189

196 Si ripeta la procedura descritta per la seconda curva. Modificare la posizione di alcuni punti di controllo di modo che la curva sembri diversa dalla precedente. 0RGLILFDUHXQDSROLOLQHDLQXQDFXUYDVPXVVDWD Dal menu (GLW, cliccare /D\HUV e quindi cliccare (GLW. Attivare il layer 3RO\OLQH. Selezionare entrambe le polilinee nella viewport 7RS. Dal menu &XUYH, cliccare (GLW7RROV e quindi cliccare 5HEXLOG. A seguito di questa operazione, sarà visualizzata la finestra di dialogo Rebuild Curve. Layer Rebuild Robert McNeel & Associates 190

197 Nella finestra di dialogo 5HEXLOG&XUYH modificare il 3RLQWFRXQW a e il 'HJUHH a e premere 3UHYLHZ. Una curva di grado 3 infatti non può avere delle spigoli vivi. Modificare ancora il valore del Point count e del Degree e premere 3UHYLHZ. Si noti come la curva approssimi una curva geometrica per differenti valori di Point count e di Degree. Raggiunto il risultato desiderato con il comando preview, cliccare 2.. (VHJXLUHLOFRPDQGR/RIWVXGHOOHFXUYH Passare al layer 6XUIDFHV. Selezionare tutte le curve. Dal menu 6XUIDFH, cliccare /RIW Nella finestra di dialogo /RIW2SWLRQV, cliccare 2.. Loft Robert McNeel & Associates 191

198 A seguito di tale operazione, appare una superficie adagiata sulle curve. Dal menu 5HQGHU, cliccare 6KDGH Shade Disattivare i layers &XUYHe3RO\OLQH. Selezionare la curva sottoposta al comando Loft. Dal menu (GLW, cliccare 3RLQW(GLWLQJ e quindi cliccare &RQWURO3RLQWV2Q Points On Robert McNeel & Associates 192

199 Muovere alcuni punti di controllo sulla superficie per osservarne l effetto. Dal menu 5HQGHU, cliccare 6KDGH$OO9LHZSRUWV Shade All Viewports Cliccare questo pulsante con il tasto destro del mouse. Robert McNeel & Associates 193

200 $OFXQHQRWHVXLSXQWLGLFRQWUROORVXLSXQWLGLHGLWHVXLQRGL I nodi sono dei parametri (ovvero numeri e non punti). E possibile valutare una curva NURBS o una superficie nel nodo e ottenere un punto di nodo. Non è necessario che i punti di controllo giacciano sulla curva corrispondente. I punti di edit e i punti di nodo giacciono sempre sulla curva corrispondente. Una curva possiede lo stesso numero di punti di controllo e di punti di edit. Generalmente, vi sono più punti di controllo che punti di nodo. Su una polinea, i punti di controllo coincidono con i punti di edit e con i punti di nodo. Se una curva non è una polilinea, allora i punti di controllo sono differenti dai punti di edit e dai punti di nodo. Rhino permette di editare curve e superfici muovendone i punti di controllo e i punti di edit. Rhino permette di aggiungere e rimuovere i nodi ma non è possibile muovere esplicitamente i punti di nodo. Robert McNeel & Associates 194

201 (VHUFL]LR &XUYH)UHHIRUPHGHGLWLQJGHLSXQWLGLFRQWUROOR Iniziare un nuovo modello e salvarlo con il nome *ODVV. Usare i comandi 5HFWDQJOH e &XUYH per disegnare nella viewport )URQW la parte mostrata in figura. Robert McNeel & Associates 195

202 Iniziare il modello avvalendosi di opportune linee di costruzione per ottenere delle curve accurate. Se necessario, aggiustare i punti di controllo per ottenere il design desiderato per il bicchiere. 5HQGHUHLOPRGHOORWULGLPHQVLRQDOH Dal menu 6XUIDFH, cliccare 5HYROYH Al prompt 6HOHFWFXUYHWRUHYROYH, selezionare la curva creata. Al prompt 6WDUWRIUHYROYHD[LV, scegliere un estremità della curva. Robert McNeel & Associates 196

203 Al prompt (QGRIUHYROYHD[LV, scegliere l altra estremità della curva. Nella finestra di dialogo 5HYROYH2SWLRQV, cliccare 'HIRUPDEOH e quindi cliccare 2.. Questa operazione permette di poter aggiustare i punti di controllo sul modello. Robert McNeel & Associates 197

204 Dal menu 5HQGHU, cliccare 6KDGH. Salvare il modello con il comando6dyh. Verificare cosa accade quando ne sono modificati i punti di controllo. Robert McNeel & Associates 198

205 3DUWHUno 0RGHOOD]LRQHH(GLWLQJ'

206

207 &UHDUHIRUPHGHIRUPDELOL /DPRGHOOD]LRQH)UHHIRUP Nella realizzazione di un modello, è importante in primo luogo definire gli obiettivi da raggiungere nella realizzazione di ciascuna parte del progetto. Vi sono infatti fondamentalmente due modi di procedere la modellazione freeform e la modellazione accurata. Per alcuni modelli, specie quelli che devono esser realizzati fisicamente o quelli che devono combaciare con altri modelli, è di fondamentale importanza che siano realizzati in modo molto accurato prestando quindi molta attenzione alle dimensioni dell oggetto. Talvolta invece può esser più importante prestare attenzione alla forma dell oggetto non tanto all accuratezza con cui è realizzato. Entrambi questi modi di procedere possono esser usati insieme per realizzare modelli accurati e di forma non geometrica, ovvero libera. Il tutorial che segue tratta in dettaglio soltanto l aspetto squisitamente della modellazione freeform, ove l esatta dimensione e la disposizione degli oggetti non sono critici. L obiettivo principale infatti è quello di curare la forma. L esercizio che segue mostra come: creare una superficie singola ricostruire una superficie editare un punto di controllo creare delle curve (mediante il disegno o la proiezione) suddividere superfici con curve e superfici eseguire il comando Blend tra due superfici Robert McNeel & Associates 201

208 illuminare un oggetto ed eseguirne un rendering Nell esercizio seguente si propone di modellare una papera in gomma e in tale circostanza saranno usate tecniche simili di modellazione per la testa e per il corpo. In questo esercizio si creeranno delle sfere che saranno successivamente deformate per ottenerne le forme corrispondenti. Qualora fosse necessario acquisire ulteriori informazioni sui punti di controllo e sulle superfici, si consiglia di consultare l indice dell +HOS di 5KLQRalla voce &RQWUROSRLQWV. (VHUFL]LR &UHDUHXQDSDSHUDGLJRPPD Iniziare un nuovo modello e salvarlo come 'XFN\. E possibile usare i layers per separare le parti del modello, ma in questo esercizio non è necessario. Per ulteriori informazioni sui layers, si consulti la voce OD\HU nell indice dell +HOS di 5KLQR. &UHDUHOHIRUPHGHOFRUSRHGHOODWHVWD Il corpo e la testa della papera saranno ricavate dalla modificazione di due sfere la cui dimensione e disposizione non è necessario che sia esatta. Robert McNeel & Associates 202

209 &UHDUHOHIRUPHIRQGDPHQWDOL Dal menu 6ROLG, cliccare 6SKHUH e quindi cliccare &HQWHU5DGLXV Al prompt &HQWHURIVSKHUH, scegliere un punto nella viewport Front. Al prompt 5DGLXV'LDPHWHU, scegliere un altro punto nella stessa viewport per creare una sfera. Ripetere tale procedura per creare una seconda sfera. Sphere Selezionare la sfera di raggio maggiore. Dal menu (GLW, cliccare 3RLQW(GLWLQJ e quindi cliccare &RQWURO3RLQWV2Q Selezionare e trascinare un punto di controllo. Cliccare nella viewport 3HUVSHFWLYH. Control Points On Robert McNeel & Associates 203

210 Dal menu 5HQGHU, cliccare 6KDGH. Si noti come gli spigoli della sfera non siano smussati. Le sfere create non si prestano bene alla deformazione perciò è necessario aggiungere ulteriori punti di controllo per aumentare quindi la possibilità di modificarne la forma in modo smussato. In Rhino, vi sono dei precisi comandi per eseguire questa operazione. Shade PRIMA DI PARTIRE Premere INVIO oppure il tasto ESC per uscire dalla modalità Shade. Premere nuovamente ESC per disattivare i punti di controllo. Dal menu (GLW, cliccare 8QGR. 5HQGHUHGHIRUPDELOLOHVIHUHFUHDWH Selezionare entrambe le sfere. Dal menu 6XUIDFH, cliccare (GLW7RROV e quindi cliccare 5HEXLOG Undo Rebuild Surface Robert McNeel & Associates 204

211 Nella finestra di dialogo 5HEXLOG6XUIDFH, modificare il 3RLQW&RXQW a sia per U sia per V. Modificare il valore di 'HJUHH a sia per U sia per V Selezionare la voce 'HOHWH,QSXW, deselezionare la voce &XUUHQW/D\HUe cliccare 2.. A seguito di questa operazione, le sfere sono deformabili. Infatti, possedendo un numero più elevato di punti di controllo, è possibile avere un maggior controllo anche sulle parti più piccole della superficie. In particolare, una superficie di grado tre possiede una forma più smussata quando viene deformata. 0RGLILFDUHODIRUPDGHOFRUSR Selezionare la sfera di raggio maggiore. Dal menu (GLW, cliccare 3RLQW(GLWLQJ e quindi cliccare &RQWURO3RLQWV2Q Control Points On Robert McNeel & Associates 205

212 Nella viewport )URQW si selezionino i punti di controllo vicino la parte inferiore della sfera mediante una finestra di selezione. Dal menu 7UDQVIRUP, selezionare 6HW3RLQWV. Impostare la finestra di dialogo Set Points come segue e cliccare 2. Set Points Robert McNeel & Associates 206

213 Trascinare i punti di controllo selezionati verso l alto. Questa operazione allineerà i punti di controllo selezionati allo stesso valore di z (verticalmente nella viewport Front) appiattendo quindi la superficie. Usando la stessa tecnica, aggiustare i punti di controllo nella parte superiore del corpo. Robert McNeel & Associates 207

214 Selezionare con una finestra di selezione i punti di controllo nella parte superiore sinistra del corpo trascinadoli per dar forma alla coda. Si noti che nella viewport Top appaiono selezionati due punti di controllo mentre nella viewport Front ne sembra selezionato uno solo. Il secondo punto di controllo è, infatti, immediatamente sotto a quello visualizzato nella viewport Front. Con una finestra di selezione, selezionare i punti di controllo nella parte frontale del corpo. Si proceda quindi trascinado tali punti verso destra per ricavare il becco. Robert McNeel & Associates 208

215 Selezionare i punti di controllo nella parte superiore destra mediante una finestra di selezione. Si trascinino quindi tali punti di controllo verso destra. E possibile aggiustare ulteriormente i punti di controllo per ottenere la forma desiderata. Salvare il modello con il comando 6DYH. (VHJXLUHLOFRPDQGR6KDGHGHOPRGHOOR Cliccare nella viewport 3HUVSHFWLYH. Dal menu 5HQGHU, cliccare 6KDGH Shade Robert McNeel & Associates 209

216 Premere INVIO oppure il tasto ESC per uscire dalla modalità Shaded. Premere ESC per disattivare i punti di controllo. La prima volta che si preme ESC si cancella qualunque comando attivo. La seconda volta che si preme il tasto ESC, si deselezionano tutti gli oggetti selezionati. Il successiva volta, si disattivano i punti di controllo. &UHDUHODWHVWD Selezionare la sfera di raggio minore. Dal menu (GLW, cliccare 3RLQW(GLWLQJ e quindi cliccare &RQWURO3RLQWV2Q Selezionare e trascinare i punti di controllo sul lato destro per dar forma al becco. Control Points On 5HPHPEHUWRXVHDZLQGRZWR VHOHFWWKHFRQWUROSRLQWV7KHUH PD\EHPXOWLSOHFRQWUROSRLQWV LQWKHVDPHORFDWLRQLQWKLV YLHZ Robert McNeel & Associates 210

217 Selezionare e trascinare verso il basso i punti di controllo nel lato superiore destro per dar forma al becco. Continuare nella selezione dei punti di controllo e deformare la testa sino a che non si modella il becco come mostrato in figura. Robert McNeel & Associates 211

218 Dal menu 5HQGHU, cliccare 6KDGH Shade Premere il tasto ESC per disattivare i punti di controllo. 6HSDUDUHLOEHFFRGDOODWHVWD Nel rendering finale, il colore del becco deve esser differente da quello del corpo. A tal fine è necessario separare le superfici relative a tali parti. Vi sono vari modi per suddividere o scomporre una singola superficie in più superfici e la seguente tecnica è solo uno di questi. Per separare il becco e la testa, si suddivida la superficie con una curva. A tal proposito, per rendere tridimensionale una curva, è più facile disegnare tale curva in una viewport e successivamente proiettarla su una superficie. Robert McNeel & Associates 212

219 &UHDUHXQDFXUYDSHULOEHFFR Nella viewport )URQW creare una curva che sia simile a quella riportata nell illustrazione sottostante. 3URLHWWDUHODFXUYDVXOODVXSHUILFLHGHOODWHVWDSHUFUHDUHODIRUPDGHOEHFFR Dal menu &XUYH, cliccare )URP2EMHFWV e quindi cliccare 3URMHFW Al prompt 6HOHFWFXUYHVWRSURMHFW, nella viewport )URQW, selezionare la curva (1). Al prompt6hohfwfxuyhvwrsurmhfw, premere INVIO. Al prompt6hohfwvxuidfhvrusro\vxuidfhvwrsurmhfwrqwr, selezionare la testa appena creata (2). Project Robert McNeel & Associates 213

220 Al prompt6hohfwvxuidfhvrusro\vxuidfhvwrsurmhfwrqwr, premere INVIO. A seguito di questa operazione, la curva risulta proiettata sulla testa. Cancellare la curva originaria. 6XGGLYLGHUHXQDVXSHUILFLHFRQXQDFXUYD Dal menu (GLW, cliccare 6SOLW Al prompt 6HOHFWREMHFWWRVSOLW, selezionare la testa (1). Al prompt6hohfwfxwwlqjremhfwv, selezionare la curva appena creata (2). Al prompt6hohfwfxwwlqjremhfwv, premere INVIO. Split Robert McNeel & Associates 214

221 A seguito di questa operazione, il becco risulta separato dalla testa. Salvare il modello con il comando 6DYH. &UHDUHLOFROORGHOODSDSHUD Per creare il collo della papera, si modellerà uno spigolo sulla superficie della testa, un secondo spigolo ad esso corrispondente sul bordo della superficie del corpo della papera ed infine si creerà una superficie con il comando Blend tra questi due spigoli. &UHDUHXQSLDQRGLWDJOLR Selezionare la testa. Dal menu 6XUIDFH, cliccare 5HFWDQJOH e quindi cliccare &XWWLQJ3ODQH. Al prompt 6WDUWRIFXWSODQH nella viewport )URQW scegliere il primo punto sulla linea (2) per definire un piano. Attivare la modalità 2UWKR. Robert McNeel & Associates 215

222 Al prompt(qgrifxwsodqh, selezionare l estremità della linea (3) che taglia la parte inferiore della testa. Al prompt6wduwrifxwsodqh, premere INVIO per terminare il comando. 7DJOLDUHODWHVWDFRQLOSLDQRGLWDJOLRDSSHQDFUHDWR Dal menu (GLW, cliccare 7ULP Al prompt 6HOHFWFXWWLQJHGJHV2SWLRQV, selezionare il piano di taglio creato (1). Al prompt6hohfwfxwwlqjhgjhv2swlrqv, premere INVIO. Al prompt6hohfwremhfwwrwulp2swlrqv, selezionare il bordo inferiore della testa (2). Trim Robert McNeel & Associates 216

223 Al prompt6hohfwremhfwwrwulp2swlrqv, premere INVIO per terminare il comando. La parte inferiore della testa risulta tagliata. Cancellare il piano di taglio. 5LFDYDUHXQIRURQHOFRUSRGHOODSDSHUDFKHFRPEDFLFRQO DSHUWXUDQHOODSDUWHLQIHULRUHGHOODWHVWD Dal menu&xuyh, cliccare )URP2EMHFWV e quindi cliccare 3URMHFW Al prompt6hohfwfxuyhvwrsurmhfw, nella viewport 7RS, selezionare la curva nella parte inferiore della testa (1). Al prompt6hohfwfxuyhvwrsurmhfw, premere INVIO. Al prompt6hohfwvxuidfhvrusro\vxuidfhvwrsurmhfwrqwr, nella viewport 7RS, selezionare il corpo (2). Project Robert McNeel & Associates 217

224 Al prompt6hohfwvxuidfhvrusro\vxuidfhvwrsurmhfwrqwr, premere INVIO. La curva viene proiettata sulla parte superiore ed inferiore del corpo della papera. Dal menu (GLW, cliccare 7ULP Al prompt 6HOHFWFXWWLQJHGJHV2SWLRQV, selezionare la curva nella parte superiore del corpo. Al prompt 6HOHFWFXWWLQJHGJHV2SWLRQV, premere INVIO. Robert McNeel & Associates 218

225 Al prompt6hohfwremhfwwrwulp2swlrqv, selezionare il corpo all interno della curva. Al prompt6hohfwremhfwwrwulp2swlrqv, premere INVIO. A seguito di questa operazione, è stato ricavato un foro nel corpo. Se il comando 7ULP non funzionasse, si utilizzi il comando 6SOLW E possibile ora cancellare le curve proiettate. Questa operazione può comportare la scelta di più punti. Talvolta, infatti, le curve risultano suddivise in parti. Salvare il modello con il comando 6DYH. &UHDUHXQDVXSHUILFLHGLUDFFRUGRWUDODWHVWDHLOFRUSR Dal menu 6XUIDFH, cliccare %OHQG Al prompt6hohfwhgjhwreohqgslfnqhdurqhhqg3odqdu6hfwlrqv'hjuhh 4XLQWLF, selezionare la curva nella parte inferiore della testa. Blend Surface Robert McNeel & Associates 219

226 Al prompt6hohfwhgjhwreohqgslfnqhdurqhhqg3odqdu6hfwlrqv'hjuhh 4XLQWLF, selezionare la curva sul corpo. Al prompt6hohfwvhdpsrlqwwrdgmxvwsuhvv(qwhuzkhqgrqh)ols'luhfwlrq$xwrpdwlf1dwxudo, controllare che i punti di giunzione siano allineati. Se i punti di giunzione non risultassero allineato, selezionare e trascinare uno dei di essi fino a che non risulta allineato con l altro. Se la direzione della curva non è diretta nello stesso verso, invertire una delle due direzioni. 5 Per invertire la direzione di una curva, al prompt /RFDWLRQRIVHDPSRLQW)OLS'LUHFWLRQ, scegliere un punto sulla curva da invertire e quindi digitare ) e premere INVIO. Robert McNeel & Associates 220

227 6 Al prompt/rfdwlrqrivhdpsrlqw)ols'luhfwlrq, premere INVIO. A seguito di tali operazioni, una superficie di raccordo viene creata tra il corpo e la testa. Salvare il modello con il comando 6DYH. 8QLUHOHSDUWL Dal menu (GLW cliccare -RLQ Al prompt 6HOHFWREMHFWIRUMRLQ selezionare il corpo, ERG\. Al prompt 6HOHFWQH[WVXUIDFHRUSRO\VXUIDFHWRMRLQ, selezionare il collo, QHFN. Al prompt 6HOHFWQH[WVXUIDFHRUSRO\VXUIDFHWRMRLQ, selezionare la testa, KHDG. Join Robert McNeel & Associates 221

228 Al prompt6hohfwqh[wvxuidfhrusro\vxuidfhwrmrlq, premere INVIO. 0RGHOODUHXQRFFKLRGHOODSDSHUD Dal menu 6ROLG cliccare (OOLSVRLG Attivare le modalità 2UWKR e 6QDS. Al prompt&hqwhurihoolsvrlg, scegliere un punto nella viewport 7RS. Al prompt(qgriiluvwd[lv, scegliere un punto. Al prompt(qgrivhfrqgd[lv, scegliere un punto che abbia approssimativamente lo stesso raggio della scelta precedente. Ellipsoid Robert McNeel & Associates 222

229 Al prompt(qgriwklugd[lv, scegliere un punto nella viewport )URQW che crei un ellissoide schiacciato. &UHDUHOHSXSLOOHGHJOLRFFKL Per assegnare un colore differente alla pupilla dell occhio, è necessario suddividere la superficie dell ellissoide in due parti. Dal menu &XUYH, cliccare &LUFOH e quindi cliccare &HQWHU5DGLXV Al prompt&hqwhuriflufoh9huwlfdo$urxqg&xuyh, scegliere il centro dell ellissoide. Circle Robert McNeel & Associates 223

230 Al prompt5dglxv!'ldphwhu, scegliere un punto nella viewport Top di modo che il raggio sia leggermente inferiore a quello dell ellissoide. Dal menu &XUYH, cliccare )URP2EMHFWV e quindi cliccare 3URMHFW Al prompt6hohfwfxuyhvwrsurmhfw, nella viewport 7RS, selezionare il cerchio. Al prompt6hohfwfxuyhvwrsurmhfw, premere INVIO. Al prompt&krrvhvxuidfhvrusro\vxuidfhvwrsurmhfwrqwr, nella viewport 7RS, selezionare l ellissoide. Al prompt&krrvhvxuidfhvrusro\vxuidfhvwrsurmhfwrqwr, premere INVIO. Cancellare il cerchio originario e quello nella parte inferiore dell ellissoide. Dal menu (GLW, cliccare 6SOLW. Al prompt6hohfwremhfwwrvsolw, selezionare l ellissoide. Al prompt6hohfwfxwwlqjremhfwv, selezionare il cerchio sulla parte superiore dell ellissoide. Al prompt6hohfwfxwwlqjremhfwv, premere INVIO. Project Split PRIMA DI PARTIRE Selezionare la superficie sulla parte superiore dell ellissoide. Qualora fosse separata in due metà, unire insieme tali parti. Assicurarsi infine che la parte superiore dell ellissoide sia selezionata. Dal menu (GLW, cliccare 2EMHFW3URSHUWLHV Properties Robert McNeel & Associates 224

231 Nella finestra di dialogo 2EMHFW3URSHUWLHV, cliccare 5HQGHU&RORU e selezionare un colore di rendering per la pupilla dell occhio, ad esempio il colore nero. 3RVL]LRQDUHJOLRFFKLVXOODVXSHUILFLHGHOODWHVWD Dal menu 7UDQVIRUP, cliccare 2ULHQW e quindi cliccare 2Q6XUIDFH Al prompt6hohfwedvhvxuidfh, selezionare la testa. Al prompt6hohfwremhfwvwrrulhqw, con una finestra di selezione, selezionare l occhio e premere INVIO. Al prompt%dvhsrlqwrqvxuidfh:ruog&rruglqdwhv, digitare : e premere INVIO. Al prompt%dvhsrlqwlqzruogfrruglqdwhv2q6xuidfh, scegliere il centro dell ellissoide. Al prompt2iivhwsrlqw, muovere il cursore sulla testa per posizionare l occhio. Orient On Surface Robert McNeel & Associates 225

232 Al prompt2iivhwsrlqw, premere INVIO. Eseguire il comando 0LUURU sull occhio verso l altro lato della testa. Salvare il modello con il comando 6DYH. (VHJXLUHXQUHQGHULQJGHOODSDSHUD Il processo di rendering crea una immagine realistica del modello con i colori assegnati. I colori del rendering sono diversi da quelli del layer in uso che invece controllano la visualizzazione nella modalità wireframe. Robert McNeel & Associates 226

233 (VHJXLUHXQUHQGHULQJGHOODSDSHUD Selezionare il becco. Dal menu (GLW, cliccare 2EMHFW3URSHUWLHV Nella finestra di dialogo 2EMHFW3URSHUWLHV, cliccare 5HQGHU&RORU e selezionare un colore per il becco, come ad esempio l arancione. Selezionare il corpo. Dal menu (GLW, cliccare 2EMHFW3URSHUWLHV Robert McNeel & Associates 227

234 Nella finestra di dialogo 2EMHFW3URSHUWLHV, cliccare 5HQGHU&RORU e selezionare il colore per il corpo, ad esempio il giallo. Dal menu 5HQGHU, cliccare 5HQGHU Render Robert McNeel & Associates 228

235 3RVL]LRQDUHOHOXFL Dal menu 5HQGHU, cliccare &UHDWH6SRWOLJKW Al prompt%dvhrifrqh9huwlfdo, selezionare un punto nel mezzo del modello. Al prompt5dglxv, trascinare il raggio sino a che non è pari approssimativamente al doppio del modello. Al prompt(qgrifrqh, scegliere un punto nella viewport 7RS premendo il tasto CTRL. Questa tecnica attiva la modalità elevatore, (OHYDWRU0RGH. Il punto dovrebbe giacere leggermente a sinistra e al di sotto del modello. Nella viewport )URQW scegliere un punto leggermente al di sopra dell oggetto. Spotlight Robert McNeel & Associates 229

236 Dal menu 5HQGHU cliccare 5HQGHU Render Si provi a posizionare due luci. Robert McNeel & Associates 230

237 Dal menu 5HQGHU, cliccare 5HQGHU Render Salvare il modello con il comando 6DYH. Robert McNeel & Associates 231

238

239 0RGHOODUHLVROLGL 0RGHOODUHLVROLGL Modellare i solidi in Rhino è intuitivo, vi sono infatti molti comandi che permettono di creare ed editare oggetti solidi. 3XOVDQWH &RPDQGR 'HVFUL]LRQH Box Sphere Crea un parallelepipedo dalla conoscenza dei due vertici opposti della base e dall altezza. Opzione del tasto destro del mouse: Crea un parallelepipedo da due vertici adiacenti, un punto sullo spigolo tra i due vertici selezionati e l altezza. Crea una sfera dal centro e dal raggio. SphereD Sphere3Pt Cylinder Crea una sfera dalle estremità del suo diametro. Crea una sfera per tre punti sulla sua superficie. Crea un cilindro solido dalla conoscenza del centro, del raggio e dell altezza. Tube Crea un tubo solido dalla conoscenza del centro, dei due raggi e dell altezza. Robert McNeel & Associates 233

240 3XOVDQWH &RPDQGR 'HVFUL]LRQH Cone Crea un cono solido da un punto della base, dal raggio di base e dall altezza TCone Ellipsoid Crea un tronco di cono dal punto base, dai due raggi e dall altezza. Crea un ellissoide dal centro e dalle estremità dei tre assi. Torus Pipe Extrude Closed Planar Curve Extrude Surface Cap Planar Holes Boolean Union Boolean Difference Boolean Intersection Crea un toro solido dal centro, dal raggio per il centro del tubo e dal raggio del tubo. Crea una forma tubolare attorno ad una curva esistente. Infatti il comando Pipe riunisce il comando Circle con l opzione OnCurve del comando Sweep 1 rail. Inoltre chiude l estremità della forma tubolare per creare una pipe solida. L opzione Thick permette di specificare i due raggi alle due estremità della curva per creare una forma tubolare le cui estremità siano forate. Crea un solido estrudendo verticalmente una curva planare chiusa. Crea un solido estrudendo verticalmente una superficie. Estrude una curva planare ad un angolo scelto dall utente. Crea una semplice superficie piana che chiude aperture piane in una superficie o in una parte di solido. Operazione Booleana usata per unire i solidi. Operazione Booleana usata per sottrarre superfici e solidi l uno dall altro. Operazione Booleana che permette di creare l intersezione di due superfici o solidi. Robert McNeel & Associates 234

241 (VHUFL]LR &UHDUHGHLVROLGL Iniziare un nuovo modello e salvarlo come 6ZLQJ%UDFNHW. Robert McNeel & Associates 235

242 &UHDUHLSDUDOOHOHSLSHGL Dal menu 6ROLG, cliccare %R[ e quindi cliccare &RUQHUWR&RUQHU+HLJKW Assicurarsi che il cursore sia nella viewport )URQW. Al prompt )LUVWFRUQHURIER[, digitare e premere INVIO. Al prompt 2WKHUFRUQHURUOHQJWK, digitare e premere INVIO. Al prompt :LGWK, digitare e premere INVIO. Al prompt +HLJKW, digitare e premere INVIO. A seguito di tali operazioni, è stato creato il primo parallelepipedo. Box Dal menu 6ROLG, cliccare %R[ e quindi cliccare &RUQHUWR&RUQHU+HLJKWAssicurarsi che il cursore sia nella viewport7rs. Al prompt )LUVWFRUQHURIER[, digitare e premere INVIO. Al prompt 2WKHUFRUQHURUOHQJWK, digitare e premere INVIO. Al prompt :LGWK, digitare e premere INVIO. Robert McNeel & Associates 236

243 Al prompt +HLJKW, digitare e premere INVIO. Dal menu 6ROLG, cliccare %R[ e quindi cliccare &RUQHUWR&RUQHU+HLJKWAssicurarsi che il cursore sia nella viewport 5LJKW. Al prompt )LUVWFRUQHURIER[, digitare e premere INVIO. Al prompt 2WKHUFRUQHURUOHQJWK, digitare e premere INVIO. Al prompt :LGWK, digitare e premere INVIO. Al prompt +HLJKW, digitare e premere INVIO. Selezionare l ultimo parallelepipedo creato. Robert McNeel & Associates 237

244 Dal menu 7UDQVIRUP, cliccare 0LUURUAssicurarsi che il cursore sia nella viewport)urqw. Al prompt 6WDUWRIPLUURUSODQH, digitare e premere INVIO. Al prompt (QGRIPLUURUSODQH, attivare la modalità2uwkre scegliere un punto immediatamente sopra. La replica del parallelepipedo risulta disposta specularmente. Mirror PRIMA DI PARTIRE &UHDUHLFLOLQGUL Attivare gli snap (QG e 0LG. Dal menu 6ROLG, cliccare &\OLQGHU Cylinder Robert McNeel & Associates 238

245 Al prompt %DVHRIF\OLQGHU9HUWLFDO, eseguire uno snap al punto medio nella parte superiore dell ultimo parallelepipedo creato Al prompt 5DGLXV!'LDPHWHU, eseguire uno snap al punto medio del bordo superiore sinistro dello stesso parallelepipedo. Al prompt (QGRIF\OLQGHU, eseguire uno snap all altro punto medio sulla parte superiore dello stesso parallelepipedo. Selezionare il cilindro appena creato. Dal menu 7UDQVIRUP, cliccare &RS\ Al prompt 3RLQWWRFRS\IURP9HUWLFDO,Q3ODFH, eseguire uno snap al punto medio dello spigolo superiore sinistro del parallelepipedo. Al prompt 3RLQWWRFRS\WR, eseguire uno snap all altro punto medio del corrispondente parallelepipedo, sull altra estremità della parte. Copy Robert McNeel & Associates 239

246 Al prompt 3RLQWWRFRS\WR, premere INVIO. Usare la procedura descritta sinora per realizzare un cilindro nella parte superiore. &UHDUHXQWXER Dal menu 6ROLG, cliccare 7XEH Al prompt %DVHRIWXEH9HUWLFDO, muovere il cursore nella viewport )URQWe digitare. Premere INVIO. Al prompt 5DGLXV!'LDPHWHU, digitare ' e premere INVIO. Al prompt 'LDPHWHU!5DGLXV, digitare e premere INVIO. Tube Robert McNeel & Associates 240

247 Al prompt 'LDPHWHU!5DGLXV digitare e premere INVIO. Al prompt (QGRIWXEH, digitare e premere INVIO. Al prompt (QGRIWXEH, muovere il cursore nella viewport 7RS, attivare la modalità 2UWKR e scegliere un punto direttamente sopra il punto precedente. Salvare il modello con il comando 6DYH. 8QLUHOHSDUWL Dal menu 6ROLG, cliccare 8QLRQ Al prompt 6HOHFWVXUIDFHRUSRO\VXUIDFH, selezionare una delle parti create. Al prompt 6HOHFWVXUIDFHRUSRO\VXUIDFHWRXQLRQ, selezionare la parte adiacente. 6LFRQVLJOLDGLVDOYDUHVHPSUH LOPRGHOORSULPDGLHVHJXLUH XQ RSHUD]LRQHERROHDQD Boolean Union Robert McNeel & Associates 241

248 Procedere nell unione delle parti sino a formare un unico oggetto. )RUDUHODSDUWHVXSHULRUHGHOVXSSRUWR Dal menu 6ROLG, cliccare &\OLQGHU Al prompt %DVHRIF\OLQGHU9HUWLFDO, muovere il cursore nella viewport 7RS, digitare e premere INVIO. Al prompt 'LDPHWHU!5DGLXV, digitare e premere INVIO. Al prompt (QGRIF\OLQGHU, attivare la modalità 2UWKR e trascinare il cilindro in un punto passante per l oggetto. Cylinder Robert McNeel & Associates 242

249 6RWWUDUUHLOFLOLQGURSHUFUHDUHLIRUL Dal menu 6ROLG, cliccare 'LIIHUHQFH Al prompt 6HOHFWVXUIDFHRUSRO\VXUIDFH, selezionare una parte unita. Al prompt 6HOHFWVXUIDFHRUSRO\VXUIDFHWRVXEWUDFW, selezionare il cilindro appena creato. Boolean Difference Robert McNeel & Associates 243

250 0RGHOODUHXQDWRUFLD I modello della torcia è costituito da tre parti il corpo della torcia, la lente e l interruttore. Sarà illustrato come usare i solidi in Rhino per creare un semplice modello di una torcia. Per realizzare il modello, saranno create le forme fondamentali della torcia con un cilindro e un tronco di cono. Infine sarà aggiunta ua sfera per realizzare l interruttore e, per rifinire il modello, saranno aggiunti dei solidi e sottratti altri da queste forme fondamentali. 8QDYLVWDRPEUHJJLDWDGHOODWRUFLD (VHUFL]LR,OPRGHOORGHOODWRUFLD 'LVHJQDUHLOFRUSRGHOODWRUFLD Iniziare un nuovo modello e salvarlo come )ODVKOLJKW. Dal menu 6ROLG, cliccare &\OLQGHU. Muovere il cursore nella viewport 5LJKW. Per rendere attiva una viewport durante l esecuzione di un comando, non si deve cliccare nella viewport ma soltanto muovere il cursore nel suo interno. Il titolo della viwport si evidenzia. Al prompt %DVHSRLQW ( Vertical ), digitare. Questa operazione imposta il punto base del cilindro nell origine (0,0,0) del sistema di coordinate per la viewport Right. Le coordinate definiscono i punti nello spazio. Cylinder Robert McNeel & Associates 244

251 Al prompt 5DGLXV( Diameter ), digitare e premere INVIO. Al prompt (QGRIF\OLQGHU, digitare e premere INVIO. Attivare la modalità 2UWKR. Al successivo prompt (QGRIF\OLQGHU, nella viewport )URQW, scegliere un punto affinché il cilindro sia rivolto verso destra. Dal menu 9LHZ cliccare =RRP e quindi cliccare ([WHQWV$OO. Oppure, cliccare il tasto destro del mouse sul pulsante =RRP([WHQWV. Cliccare nella viewport3huvshfwlyh. Per rendere attiva una viewport è necessario cliccare all interno di essa a meno che non ci sia un comando in esecuzione. Dal menu 5HQGHU, cliccare 6KDGH. Zoom Extents Shade Robert McNeel & Associates 245

252 Si ricorda inoltre che il comando 6KDGH può esser eseguito cliccando sul pulsante corrispondente nella barra degli strumenti: l icona relativa è una sfera grigia. 'LVHJQDUHORVFKHUPRULIOHWWHQWHGHOODWRUFLD Dal menu 6ROLG, cliccare 7UXQFDWHG&RQH. Al prompt %DVHSRLQWRIWUXQFDWHGFRQH( Vertical ), eseguire uno snap al centro dell estremità a destra del cilindro. Per attivare lo snap al centro dell oggetto (Center object snap), cliccare sulla barra di stato 2VQDS e quindi cliccare &HQ. Per eseguire questa operazione è consigliabile avvalersi della viewport 3HUVSHFWLYH. Truncated Cone Robert McNeel & Associates 246

253 Al prompt 5DGLXV!( Diameter ), digitare e premere INVIO. Si ricorda che un tronco di cono è caratterizzato da due raggi, relativi alla base minore e maggiore rispettivamente. Al prompt successivo 5DGLXV!( Diameter ), digitare e premere INVIO. Al prompt (QGRIFRQH, digitare e premere INVIO. Questa operazione imposta la lunghezza del cono. Al successivo prompt (QGRIFRQH, scegliere un punto nella viewport )URQW a destra del cilindro. Può esser necessario eseguire uno zoom out nella viewport Front. A tal fine, si prema il tasto CTRL e si trascini il tasto destro del mouse anche durante l esecuzione di un comando. L angolo di rotazione non sarà impostato sin tanto che non verrà premuto il tasto sinistro del mouse. Dal menu 9LHZ, cliccare =RRP e quindi cliccare([whqwv$oo. Robert McNeel & Associates 247

254 Eseguire il comando6kdgh nella viewport 3HUVSHFWLYH. &UHDUHXQXQDVXSHUILFLHGLWDJOLRDIRUPDGLFRQR Per ricavare la forma dello schermo riflettente si costruirà una copia del tronco di cono che servirà come superficie di taglio. Selezionare il tronco di cono. Dal menu 7UDQVIRUP, cliccare &RS\. Al prompt %DVHSRLQW( Vertical InPlace ), nella viewport )URQW scegliere un punto. Copy Robert McNeel & Associates 248

255 Al prompt 2IIVHWSRLQW, attivare la modalità 2UWKR e trascinare il cono a destra sino a che la copia del cono non giace all interno del primo cono. Scegliere un punto per posizionare la replica del cono e premere INVIO. E necessario muovere il tronco di cono a destra per evitare che possa tagliare i lati della torcia. A tal fine può esser utile disattivare lo snap al centro dell oggetto. 8QLUHOHGXHSDUWLGHOFRUSRGHOODWRUFLD Dal menu 6ROLG, cliccare 8QLRQ. Al prompt 6HOHFWVXUIDFHRUSRO\VXUIDFH, selezionare il cilindro. Non è possibile selezionare l oggetto prima dell esecuzione di un comando booleano: l avvio di comandi annulla la selezione. Si ricorda che è necessario selezionare l oggetto quando richiesto al prompt. Al prompt 6HOHFWVXUIDFHRUSRO\VXUIDFHWRXQLRQ, selezionare il primo tronco di cono. A seguito di tale operazione il cilindro e il cono costituiscono un oggetto singolo. 7DJOLDUHODSDUWHLQWHUQDGHOORVFKHUPRULIOHWWHQWH Dal menu 6ROLG, cliccare 'LIIHUHQFH. Al prompt Select surface or polysurface, selezionare il corpo della torcia. Al prompt Select surface or polysurface to subtract, selezionare la replica del tronco di cono. Boolean Union Boolean Difference Robert McNeel & Associates 249

256 Eseguire il comando 6KDGH nella viewport3huvshfwlyh. Ruotare la vista per visualizzare l interno della torcia. 'LVHJQDUHLOFLOLQGURGLWDJOLR Dal menu 6ROLG, cliccare &\OLQGHU. In questo modo, si crea un cilindro che sarà sottratto dall interno della torcia. Al prompt %DVHSRLQW ( Vertical ), scegliere un punto nella viewport 3HUVSHFWLYH al centro del cilindro e alla base della torcia. Cylinder Robert McNeel & Associates 250

257 Al prompt 5DGLXV( Diameter ), digitare e premere INVIO. Al prompt (QGRIF\OLQGHU, scegliere un punto nella viewport )URQW a destra dell estremità del riflettore. Questa operazione imposta sia la lunghezza del cilindro che l angolo di rotazione. $OORQWDQDUHLOFLOLQGURGDOODEDVHGHOODWRUFLD E necessario allontanare il cilindro dalla base affinché la parte inferiore della torcia non venga tagliata. E possibile muovere gli oggetti semplicemente selezionandoli e trascinandoli con il mouse. Selezionare il cilindro. Attivare la modalità 2UWKR. Disattivare lo snap al centro dell oggetto. Talvolta gli snap all oggetto impediscono all utente di cliccare e trascinare il mouse liberamente, per questo motivo può esser utile disabilitarli. Robert McNeel & Associates 251

258 Nella viewport )URQW, cliccare presso l estremità destra del cilindro e trascinarla di poco verso destra. La modalità Ortho vincola tale movimento su una retta. Dal menu 9LHZ cliccare =RRPe quindi cliccare([whqwv$oo. Eseguire il comando 6KDGH nella viewport3huvshfwlyh. Zoom Extents All Viewports 6RWWUDUUHODSDUWHLQWHUQDGHOODWRUFLD Dal menu 6ROLG, cliccare 'LIIHUHQFH. Al prompt 6HOHFWVXUIDFHRUSRO\VXUIDFH, selezionare il corpo della torcia. Boolean Difference Robert McNeel & Associates 252

259 Al prompt 6HOHFWVXUIDFHRUSRO\VXUIDFHWRVXEWUDFW, selezionare il nuovo cilindro. Eseguire il comando 6KDGH nella viewport 3HUVSHFWLYH. 'LVHJQDUHODOHQWH Dal menu 6ROLG, cliccare &\OLQGHU. Al prompt %DVHSRLQW ( Vertical ), eseguire uno snap al centro del bordo interno del cilindro troncato. Cylinder Al prompt 5DGLXV!( Diameter ), digitare e premere INVIO. Al prompt &KRRVHDSRLQW, nella viewport )URQW scegliere un punto a sinistra del punto centrale. Robert McNeel & Associates 253

260 Può ora esser d aiuto disattivare lo snap al centro dell oggetto altrimenti potrebbe esser difficoltoso muovere il cilindro di piccole quantità. L obiettivo da raggiungere è la realizzazione di un sottile pezzo di vetro. Il vetro risulterà più realistico quando, in fase di rendering, sarà reso più trasparente. 'LVHJQDUHO LQWHUUXWWRUH Dal menu 6ROLG, cliccare 6SKHUH e quindi cliccare &HQWHU5DGLXV. Al prompt &HQWHUSRLQW, nella viewport )URQW scegliere un punto vicino la parte superiore del cilindro. Sphere Robert McNeel & Associates 254

261 Al prompt 5DGLXV( Diameter ), impostare il valore del raggio. E possibile digitare il valore, oppure trascinare il mouse sino a che non si ottiene un raggio adeguato. Eseguire il comando 6KDGH nella viewport3huvshfwlyh. (VHJXLUHXQUHQGHUGHOODWRUFLD In Rhino è possibile aggiungere colori, texture e luci ad un modello: nell esercizio seguente sarà descritto come assegnare dei colori alle parti della torcia e utilizzare il processo di rendering per ottenere un immagine più realistica. Robert McNeel & Associates 255

262 5HQGHUL]]DUHLOPRGHOOR Cliccare nella viewport 3HUVSHFWLYH. Dal menu 5HQGHU cliccare 5HQGHU. A seguito di questa operazione, nella finestra 'LVSOD\:LQGRZappare il modello renderizzato con il colore impostato di default (grigio). Render $VVHJQDUHLOFRORUHDOFRUSRGHOODWRUFLD Selezionare il corpo della torcia. Dal menu (GLW, cliccare 2EMHFW3URSHUWLHV. Nella finestra di dialogo Properties, alla voce 5HQGHUFRORU, cliccare il riquadro del colore. Robert McNeel & Associates 256

263 Nella finestra di dialogo Color, dalla lista 1DPHG&RORUV, selezionare 5HG e cliccare 2.. Nella finestra di dialogo Object Properties, selezionare +LJKOLJKW. Muovere il cursore +LJKOLJKW a metà dell intervallo 6PDOOWR%LJ. Cliccare 2..,PSRVWDUHODWUDVSDUHQ]D Selezionare la lente. Dal menu (GLW, cliccare 2EMHFW3URSHUWLHV. Nella finestra di dialogo Object Properties, trascinare il cursore della voce 7UDQVSDUHQF\ verso destra. Non posizionare tale cursore all estrema destra altrimenti la lente risulterà completamente trasparente e non sarà più visualizzata. Render Robert McNeel & Associates 257

264 Dal menu 5HQGHU, cliccare 5HQGHU. Robert McNeel & Associates 258

265 0RGHOODUHXQJLRFDWWRORDWLUR Nel seguente esercizio si realizzerà un giocattolo a tiro. 'LVHJQDUHLOFRUSRGHOJLRFDWWRORDWLUR In questo esercizio si utilizzeranno le coordinate x-, y- e z- per posizionare accuratamente i punti. Digitare il formato delle coordinate nel modo seguente: [\]. Per esempio, digitare è necessario digitare le virgole : il cursore sarà posizionato a x=1, y=1 e z=4 nella viewport attiva. Ogni qualvolta si inserisce un punto, si consiglia di controllare in tutte le viewport dove questi viene posizionato: inserire le coordinate di un punto permette di non esser vincolati al piano di costruzione.,ojlrfdwwrordwlurwhuplqdwr 1RWD Prestare attenzione alla viewport richiesta in ciascuna istruzione. (VHUFL]LR &UHDUHGHLVROLGL,QL]LDUHLOPRGHOOR Iniziare un nuovo modello e salvarlo come 3XOO7R\. Robert McNeel & Associates 259

266 &UHDUHXQHOOLVVRLGH Attivare la modalità 2UWKR. Dal menu 6ROLG, cliccare (OOLSVRLG. Nella viewport 7RS al prompt &HQWHUSRLQW, digitare e premere INVIO. Questa operazione dispone il centro dell ellissoide nel punto di coordinate x=0, y=0 e z=6. Al prompt (QGRIILUVWD[LV, digitare e premere INVIO. Trascinare il cursore a destra e scegliere un punto per visualizzare la direzione dell asse. (OOLSVRLG Al prompt (QGRIVHFRQGD[LV, digitare e premere INVIO. A seguito di questa operazione si imposta l ampiezza dell ellissoide. Al prompt (QGRIWKLUGD[LV, digitare e premere INVIO. L ellissoide presenta i tre assi di lunghezza diversa e perciò ha una forma ad uovo. Ruotare la viewport Perspective sino a che la visuale è parallela all asse x. Robert McNeel & Associates 260

267 Eseguire il comando 6KDGH nella viewport3huvshfwlyh. 'LVHJQDUHJOLDVVLHLPR]]LGHOODUXRWD Sia gli assi che i mozzi della ruota hanno forma cilindrica. In questa parte dell esercizio, si realizzerà un asse di una ruota e poi successivamente il modello completo della ruota. Infine con il comando Mirror si creerà una copia speculare di tale ruota e una copia speculare dell asse per completare il giocattolo. &UHDUHO DVVHGHOODUXRWD Dal menu 6ROLG, cliccare &\OLQGHU. Nella viewport )URQW, al prompt %DVHSRLQW9HUWLFDO, digitare e premere INVIO. Il punto è posizionato a quattro unità nella direzione x, tre unità nella direzione y e cinque unità nella direzione z della viewport attiva. Al prompt 5DGLXV'LDPHWHU, digitare e premere INVIO. Al prompt(qgrif\olqghu, digitare e premere INVIO. &\OLQGHU Robert McNeel & Associates 261

268 Nella viewport 7RS trascinare il cilindro come mostrato in figura per posizionare l asse. &UHDUHLOPR]]RGHOODUXRWD Dal menu 6ROLG, cliccare &\OLQGHU. Nella viewport )URQW, al prompt %DVHRIF\OLQGHU9HUWLFDO, digitare e premere INVIO. Al prompt 5DGLXV'LDPHWHU, digitare e premere INVIO. Al prompt (QGRIF\OLQGHU, digitare e premere INVIO. Al prompt successivo (QGRIF\OLQGHU, scegliere un punto nella viewport 7RS per posizionare il mozzo. &\OLQGHU Robert McNeel & Associates 262

269 Eseguire il comando 6KDGH nella viewport 3HUVSHFWLYH. 'LVHJQDUHLGDGLGHLEXOORQL Si disegneranno i dadi dei bulloni estrudendo un esagono (si ricorda che i poligoni sono in Rhino delle curve). &UHDUHO HVDJRQR Dal menu &XUYH, cliccare 3RO\JRQ e quindi cliccare &HQWHU5DGLXV. Al prompt&hqwhurisro\jrq1xp6lghv &LUFXPVFULEHG, digitare e premere INVIO. Nella viewport Front, al prompt &HQWHURISRO\JRQ1XP6LGHV &LUFXPVFULEHG, digitare e premere INVIO. Con questa operazione si posiziona il poligono a destra, sulla superficie del mozzo della ruota. 3RO\JRQ Robert McNeel & Associates 263

270 Al prompt5dglxv, digitare e premere INVIO. (VWUXGHUHXQVROLGRGDOSROLJRQR Selezionare l esagono appena creato. Dal menu 6ROLG, cliccare ([WUXGH3ODQDU&XUYH. Al prompt([wuxvlrqglvwdqfh'luhfwlrq&ds \HV%RWKVLGHV7DSHUHG, assicurarsi che &DS \HV. Se tale opzione non fosse stata impostata, digitare & e premere INVIO. Questo è un esempio di un opzione di un comando. Molti comandi sono dotati di opzioni e molte di queste saranno descritte successivamente. Si consiglia in particolare di guardare alle opzioni disponibili nel comando Extrude. Premere F1 per consultare la guida in linea. Al prompt ([WUXVLRQGLVWDQFH'LUHFWLRQ&DS \HV%RWKVLGHV7DSHUHG, digitare e premere INVIO. Si noti che il numero inserito è negativo. Se fosse stato inserito un numero positivo, il dado sarebbe stato immerso nel mozzo della ruota invece che emergere da questo. Extrude Robert McNeel & Associates 264

271 Eseguire il comando 6KDGH nella viewport3huvshfwlyh. $VVHJQDUHLFRORUL Prima di copiare o eseguire un mirror degli oggetti creati, è conveniente assegnare loro i colori. Se si aspettasse ad assegnare i colori, si dovrebbero selezionare 20 dadi separatamente. E utile sottolineare che anche il colore è una proprietà dell oggetto che viene conservata dal comando Copy. $VVHJQDUHLFRORULSHULOUHQGHULQJ Selezionare il dado del bullone. Dal menu (GLW, cliccare 2EMHFW3URSHUWLHV. Nella finestra di dialogo Object Properties, sotto la voce 5HQGHUFRORU, cliccare il riquadro del colore come mostrato di seguito. Robert McNeel & Associates 265

272 Nella finestra di dialogo Select Color, sotto la voce 1DPHG&RORUV, cliccare %ODFN e quindi cliccare 2.. /DILQHVWUDGLGLDORJR6HOHFW&RORU Nella finestra di dialogo Object Properties, cliccare 2.. Seguire i passi da 1 a 6 per impostare i colori di rendering per il corpo del giocattolo. I colori delle altre parti del modello saranno assegnati successivamente. Robert McNeel & Associates 266

273 Eseguire il comando 5HQGHU nella viewport 3HUVSHFWLYH. (VHJXLUHXQ$UUD\GHLGDGLGHLEXOORQL Per ottenere tutti i dadi dei bulloni della ruota, è conveniente usare il comando Array polare (circolare). Con questo comando è infatti possibile copiare l oggetto selezionato e disporre le copie secondo uno schema definito. In particolare nel caso dell Array polare le copie dell oggetto sono disposte lungo una circonferenza e possono esser ruotate man mano che vengono copiate. (VHJXLUHXQ$UUD\GHLGDGL Selezionare il dado creato. Dal momento che l esagono è ancora presente, si presti attenzione a selezionare effettivamente il dado: in ogni caso la finestra di dialogo 6HOHFW2QH2EMHFW indica il dado come una SROLVXSHUILFLH Dal menu 7UDQVIRUP, cliccare $UUD\ e quindi cliccare 3RODU. Al prompt&hqwhusrlqw, eseguire uno snap al centro del mozzo. Al prompt1xpehurihohphqwv!, digitare e premere INVIO. Al prompt$qjohwriloo! e premere INVIO. Polar Array Robert McNeel & Associates 267

274 Eseguire il comando 6KDGH nella viewport 3HUVSHFWLYH. 'LVHJQDUHLSQHXPDWLFL I pneumatici sono dei solidi a forma toroidale. Il primo raggio del toro indica il raggio del cerchio attorno a cui è disegnto il tubo. Il secondo raggio si riferisce invece al raggio del tubo. Per disegnare i pneumatici, si procederà dunque tracciando il primo ed il secondo raggio di poco maggiori di quello del mozzo della ruota. In questo modo sarà possibile inserire il pneumatico nel mozzo. &UHDUHXQWRUR Dal menu 6ROLG, cliccare 7RUXV. Nella viewport )URQW, al prompt &HQWHUSRLQW9HUWLFDO$URXQG&XUYH, digitare e premere INVIO. Questa operazione posiziona il centro del toro in corrispondenza del centro del mozzo della ruota. Al prompt5dglxv'ldphwhu, digitare e premere INVIO. In questo modo il raggio del toro è di 0.5 unità più grande del mozzo della ruota. Al prompt6hfrqgudglxv 'LDPHWHU, digitare e premere INVIO. In questo modo il raggio è di.25 più piccolo di quello del mozzo della ruota. Impostare il colore del pneumatico attraverso il comando &RORUscegliere il colore nero, %ODFN. Torus Robert McNeel & Associates 268

275 Eseguire il comando 5HQGHU nella viewport 3HUVSHFWLYH. (VHJXLUHXQDFRSLDVSHFXODUHGHOODUXRWD E stata completato il modello della ruota e perciò è ora possibile avvalersi del comando Mirror per ottenerne tre copie speculari. (VHJXLUHXQPLUURUGHOODUXRWDYHUVRO DOWRODWRGHOJLRFDWWROR Nella viewport 7RS,usare una finestra di selezione per selezionare la ruota, il pneumatico e i dadi dei bulloni come mostrato in figura. 0LUURU Robert McNeel & Associates 269

276 Dal menu 7UDQVIRUP, cliccare 0LUURU. Al prompt6wduwripluurusodqh, digitare. Nella viewport 7RS, attivando la modalità 2UWKR, trascinare verso destra il mouse e cliccare. Eseguire il comando 6KDGH nella viewport 7RS. Robert McNeel & Associates 270

277 (VHJXLUHXQXQDFRSLDVSHFXODUHGHOODUXRWDHGHOO DVVHDQWHULRUH Nella viewport 7RS, usare una finestra di selezione per selezionare la ruota e l asse come mostrato in figura. 0LUURU Dal menu 7UDQVIRUP, cliccare 0LUURU. Al prompt6wduwripluurusodqh, digitare. Nella viewport 7RS, attivando la modalità 2UWKR, trascinare verso il basso il mouse come mostrato in figura. Robert McNeel & Associates 271

278 Eseguire il comando 6KDGH nella viewport 7RS 'LVHJQDUHJOLRFFKL Per disegnare gli occhi si farà uso della modalità elevatore. In primo luogo si creeranno delle sfere e successivamente, nella viewport Top, si muoveranno tali sfere verso l alto attraverso la modalità elevatore. &UHDUHXQRFFKLR Dal menu 6ROLG cliccare 6SKHUH e quindi cliccare &HQWHU5DGLXV. 6SKHUH Robert McNeel & Associates 272

279 Al prompt&hqwhurivskhuh, nella viewport 7RS premere il tasto CTRL e scegliere un punto vicino al bordo dell ellissoide. Con questo comando si avvia la modalità elevatore. Muovere il cursore nella viewport )URQW, trascinare la sfera presso il bordo superiore dell ellissoide e scegliere un punto. Al prompt5dglxv( Diameter ), digitare e premere INVIO. Eseguire il comando 6KDGH nella viewport3huvshfwlyh. Robert McNeel & Associates 273

280 Nella viewport 7RS, eseguire il comando 0LUURU sulla sfera per ottenerne una copia speculare nell altro lato dell ellisoide. Utilizzare la medesima procedura usata per il mozzo della ruota. Eseguire il comando 6KDGH nella viewport 3HUVSHFWLYH. Robert McNeel & Associates 274

281 Usare la stessa tecnica per realizzare le due piccole pupille nere. A tal fine si crei (ed eventualmente si muova, se necessario) una sfera con il comando 6SKHUH. Le si assegni quindi il colore nero prima si sottoporla al comando Mirror. Eseguire il comando 5HQGHU nella viewport 3HUVSHFWLYH. &UHDUHODFRUGDGDWLUR Per realizzare la corda si disegnerà una curva a mano libera e la si renderà solida con il comando Pipe. &UHDUHODFRUGDQHOODSDUWHIURQWDOHGHOJLRFDWWROR Eseguire uno Zoom out in tutte le viewport per ampliare la zona di lavoro. Dal menu &XUYH, cliccare )UHHIRUP e quindi cliccare &RQWURO3RLQWV. Al prompt6wduwrifxuyh, nella viewport 7RS, eseguire uno snap 4XDG nella parte frontale dell ellissoide. &XUYH Robert McNeel & Associates 275

282 Scegliere più punti per creare una curva che rappresenti la corda. Robert McNeel & Associates 276

283 Disegnare un ellissoide mediante il comando (OOLSVRLG per ottenere la maniglia da disporre all estremità libera della corda. 0RGHOODUHODFRUGD Dal menu 6ROLG, cliccare 3LSH. Al promptselect curve to create pipe around, scegliere la curva appena creata. Al promptstarting radius <1> ( Diameter Cap=yes Thick=No ), digitare e premere INVIO. Al promptend radius <1> ( Diameter ) e premere INVIO. A seguito di questo comando una forma tubolare a diametro costante è creata lungo la curva selezionata. Assegnare il colore nero alla corda e il colore preferito alla maniglia. 3LSH Robert McNeel & Associates 277

284 Eseguire il comando 5HQGHU nella viewport 3HUVSHFWLYH. Di seguito sono presentati altri esempi di giocattoli a tiro creati con solidi e superfici. In particolare, nel prossimo capitolo saranno trattate più in dettaglio le superfici. *LRFDWWRORDWLURPRGHOODWRGD*UDQW/DQJH Robert McNeel & Associates 278

285 7HVWRWULGLPHQVLRQDOH E possibile rendere bidimensionale o tridimensionale un testo, con i fonts True Type, e associargli una forma a curva, a superficie o una forma solida. &UHDUHXQWHVWRXVDQGRVROLGLWULGLPHQVLRQDOL Iniziare un nuovo modello e salvarlo come 7H[W. Cliccare nella viewport7rs. Nel menu 6ROLG cliccare 7H[W Compare la finestra di dialogo Add Text. Text Nella finestra di dialogo $GG7H[W, nel riquadro )RQW, selezionare un font. Nel riquadro )RQW6W\OH, selezionare uno stile. Nel riquadro 7H[W, digitare un nuovo testo. Cliccare &UHDWH6ROLGV. Nel riquadro +HLJKW, digitare l altezza del testo. Nel riquadro ([WUXGH 'HSWK, digitare lo spessore del testo tridimensionale e quindi cliccare 2.. Robert McNeel & Associates 279

286 Dal menu 9LHZ, cliccare =RRP e quindi cliccare ([WHQWV$OO A seguito di questa operazione, il testo è inserito perpendicolarmente nella viewport attiva a partire dal punto 0,0. Dal menu 5HQGHU, cliccare 6KDGH. Robert McNeel & Associates 280

287 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V &UHDUHVXSHUILFL 6XSHUILFL In Rhino, una superficie può esser paragonata ad un pezzo di tessuto elastico dal momento che può assumere forme differenti. In particolare, le curve che rappresentano i contorni di una superficie sono chiamate edges, ovvero bordi o spigoli. Si ricorda che per visualizzare la forma di una superficie è utilizzata una griglia di curve isoparametriche. E possibile modificare la forma di una superficie, agendo sui punti di controllo, e convertirla ad una mesh poligonale. 3XOVDQWH &RPDQGR 'HVFUL]LRQH SrfPt EdgeSrf PlanarSrf Crea una superficie scegliendo tre o quattro punti nello spazio che ne definiscano i vertici. Crea una superficie selezionando due, tre o quattro curve esistenti le cui estremità si congiungono esattamente. Crea una superficie da curve planari che racchiudono un area. Patch Revolve Crea una superficie che passi per un insieme di curve e/o oggetti punto. Crea una superficie eseguendo una rivoluzione di una curva attorno ad un asse. Robert McNeel & Associates 281

288 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V 3XOVDQWH &RPDQGR 'HVFUL]LRQH Loft Sweep1 Sweep2 FilletSrf Crea una superficie da curve di forma; con l opzione normale, questo comando crea una superficie senza pieghe poiché essa si accomoda in modo smussato sulla curve di forma. Mediante l opzione Straight Sections il comando Loft crea una superficie con delle pieghe in corrispondenza di ciascuna curva di forma. Inoltre la superficie accomodata tra le curve di forma non è smussata. Crea una superficie da curve di forma che seguono una curva binario. Questo comando controlla un bordo della superficie. Crea una superficie da curve di forma che segue due curve binario. Questo comando permette di controllare i bordi della superficie. Crea un raccordo o arrotondamento tra due superfici. FilletEdge BlendSrf RailRev Extrude ExtrudeAlongC rv ExtrudeToPt Plane Crea un raccordo o arrotondamento sul bordo di una polisuperficie o di un solido. Crea una superficie smussata tra due superfici esistenti. Esegue una rivoluzione di una curva di forma mantenendo un estremità lungo la curva binario. Questo comando è utile per chiudere l estremità di una superficie di forma irregolare. Estrude una curva perpendicolarmente al piano di costruzione; con l opzione taper, è possibile rastremare la superficie ad un angolo impostato. Estrude una curva seguendo una seconda curva. Estrude una curva ad un punto. Crea una superficie planare rettangolare parallela al piano di costruzione a partire dai due vertici opposti. Plane3Pt Crea una superficie planare rettangolare da tre punti. Robert McNeel & Associates 282

289 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V 3XOVDQWH &RPDQGR 'HVFUL]LRQH PlaneV Crea una superficie planare rettangolare da tre punti e verticale rispetto al piano di costruzione. (VHUFL]LR²7HFQLFKHEDVHSHUFUHDUHGHOOHVXSHUILFL Iniziare un nuovo modello e salvarlo come 6XUIDFHV. In questo esercizio si modelleranno alcune semplici superfici. &UHDUHXQSLDQRUHWWDQJRODUH Dal menu 6XUIDFH, cliccare 5HFWDQJOH e quindi cliccare &RUQHUWR&RUQHU Nella viewport 7RS, al prompt )LUVWFRUQHURISODQH, digitare e premere INVIO. Al prompt 2WKHUFRUQHURUOHQJWK, digitare e premere INVIO. Al prompt:lgwk, digitare e premere INVIO. Plane &UHDUHXQSLDQRYHUWLFDOH Dal menu 6XUIDFH, cliccare 5HFWDQJOHe quindi cliccare 9HUWLFDO Al prompt6wduwrihgjh, eseguire uno snap (QGall estremità nel lato destro della superficie. Plane Vertical Robert McNeel & Associates 283

290 Al prompt(qgrihgjh, eseguire uno snap (QG all altra estremità nel lato destro della superficie. Al prompt+hljkwriuhfwdqjoh, digitare e premere INVIO. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V &UHDUHXQSLDQRSHUWUHSXQWL Dal menu 6XUIDFH, cliccare 5HFWDQJOH e quindi cliccare 3RLQWV Al prompt6wduwrihgjh, eseguire uno snap all estremità superiore della seconda superficie. Al prompt(qgrihgjh, eseguire uno snap all altra estremità superiore della seconda superficie. Al prompt:lgwk, digitare e premere INVIO. Al prompt:lgwk, digitare e premere INVIO. Plane 3 Points Robert McNeel & Associates 284

291 Al prompt:lgwk, scegliere un punto nella viewport Front. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V &UHDUHXQSLDQRSDVVDQWHSHUDOFXQLSXQWL Dal menu 6XUIDFH, cliccare &RUQHU3RLQWV Al prompt)luvwfruqhurivxuidfh, eseguire uno snap (QG all estremità del bordo sinistro della prima superficie. Al prompt6hfrqgfruqhurivxuidfh, eseguire uno snap (QG all altra estremità nel bordo sinistro della prima superficie. Al prompt7klugfruqhurivxuidfh, eseguire uno snap (QG all estremità del bordo sinistro della terza superficie. Surface from 3 or 4 Corner Points Robert McNeel & Associates 285

292 Al prompt)rxuwkfruqhurivxuidfh, eseguire uno snap (QG all altra estremità del bordo sinistro della terza superficie. A seguito di queste operazioni, viene creata una superficie con i vertici nei punti selezionati.. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V &UHDUHXQSLDQRWUDGHOOHFXUYH Disegnare nella viewport )URQW una curva tra i due vertici aperti, come mostrato nella illustrazione sottostante. Dal menu 6XUIDFH, cliccare (GJH&XUYHV Al prompt&krrvhrufxuyhv, selezionare il bordo aperto della prima superficie creata. Surface from 2, 3 or 4 Edge Curves Robert McNeel & Associates 286

293 Al prompt&krrvhrufxuyhv, selezionare il bordo della curva creata. Al prompt&krrvhrufxuyhv, selezionare un altro bordo aperto. Al prompt&krrvhrufxuyhv, selezionare un ulteriore bordo aperto. Come risultato, è creata una superficie. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Ripetere la procedura sopra esposta per l estremità aperta selezionando i quattro bordi ad essa relativi. Robert McNeel & Associates 287

294 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 &UHDUHXQDVXSHUILFLHGDXQDFXUYDSODQDUHFKLXVD Disegnare una curva nella viewport 7RS mediante il comando &XUYHIURP&RQWURO3RLQWV. Assicurarsi che tale curva sia chiusa. V Curve Selezionare tale curva. Dal menu 6XUIDFH, cliccare )URP3ODQDU&XUYHV A seguito di questa operazione, viene creata una superficie. Surface from Planar Curves Robert McNeel & Associates 288

295 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 (VHUFL]LR²(VWUXGHUHXQDVXSHUILFLH &UHDUHXQDVXSHUILFLHHVWUXVDGDXQDFXUYD Aprire il modello 6XUIDFH([WUXGH. Selezionare la curva a sinistra. Dal menu 6XUIDFH, cliccare ([WUXGH e quindi cliccare 6WUDLJKW Al prompt([wuxvlrqglvwdqfh'luhfwlrq%rwk6lghv7dshuhg, digitare e premere INVIO. A risultato di questa operazione, è stata estrusa una curva perpendicolarmente al piano di costruzione. V Extrude Premere il tasto ESC per deselezionare la curva. &UHDUHXQDVXSHUILFLHHVWUXVDGDXQDFXUYDDGXQSXQWR Dal menu 6XUIDFH, cliccare ([WUXGH e quindi cliccare 7R3RLQW Al prompt6hohfwfxuyhwrh[wuxgh, scegliere la curva successiva. Extrude To Point Robert McNeel & Associates 289

296 Al prompt3rlqwwrh[wuxghwr, scegliere un punto nella viewport Front al di sopra del piano x-y. La curva è estrusa ad un punto. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V (VWUXGHUHXQDFXUYDOXQJRXQ DOWUDFXUYD Dal menu 6XUIDFH, cliccare ([WUXGH e quindi cliccare $ORQJ&XUYH Al prompt6hohfwvkdshfxuyh, selezionare la curva successiva nella viewport 7RS. Al prompt6hohfwsdwkfxuyh, scegliere una curva path nella parte inferiore della viewport )URQW. Extrude Along Curve 6HQRQVLRWWLHQHLOULVXOWDWR GHVLGHUDWRHVHJXLUHLO FRPDQGR8QGRHVFHJOLHUHXQ SXQWRSUHVVRO DOWUDHVWUHPLWj GHOODFXUYDSDWK Robert McNeel & Associates 290

297 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 (VWUXGHUHXQDFXUYDUDVWUHPDWD Selezionare una curva chiusa sulla destra. Dal menu 6XUIDFH, cliccare ([WUXGH e quindi cliccare 6WUDLJKW Al prompt([wuxvlrqglvwdqfh!'luhfwlrq&ds QR%RWKVLGHV7DSHUHG, digitare W e premere INVIO. Al prompt'udiwdqjoh!, digitare e premere INVIO. Al prompt([wuxvlrqglvwdqfh!'luhfwlrq&ds QR, digitare e premere INVIO. A seguito di queste operazioni, una curva è estrusa ad un angolo di dieci gradi. V Extrude (VHUFL]LR²6XSHUILFLH/RIW &UHDUHXQDVXSHUILFLHORIW Aprire il modello /RIW. Robert McNeel & Associates 291

298 Selezionare con una finestra di selezione tutte le curve nella parte inferiore della viewport 7RS. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Dal menu 6XUIDFH, cliccare /RIW Nella finestra dialogo /RIW2SWLRQV, cliccare 2.. Loft Robert McNeel & Associates 292

299 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 A seguito di questa operazione una superficie è accomodata sulle curve selezionate. V Eseguire il comando0luuru sulla superficie per crearne una copia speculare. Robert McNeel & Associates 293

300 Dal menu 5HQGHU, cliccare 6KDGH. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V &UHDUHXQDFXUYDORIWFRQVH]LRQLGULWWH Selezionare con una finestra di selezione tutte le curve nella parte superiore della viewport 7RS. Dal menu 6XUIDFH, cliccare /RIW Loft Robert McNeel & Associates 294

301 Nella finestra di dialogo /RIW2SWLRQV, impostare nel riquadro 6W\OH l opzione 6WUDLJKWVHFWLRQV e quindi cliccare 2.. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V A seguito di queste operazioni, una superficie è accomodata sulle curve selezionate. Robert McNeel & Associates 295

302 Eseguire il comando 0LUURU sulla superficie per crearne una copia speculare. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Dal menu 5HQGHU, cliccare 6KDGH. (VHUFL]LR²6XSHUILFLHGLULYROX]LRQH &UHDUHXQDVXSHUILFLHGLULYROX]LRQH Aprire il modello 5HYROYH. Robert McNeel & Associates 296

303 Dal menu 6XUIDFH, cliccare 5HYROYH Al prompt6hohfwfxuyhwruhyroyh, selezionare la curva. Al prompt6wduwriuhyroyhd[lv, scegliere un punto sull estremità della linea verticale rossa. Al prompt(qgriuhyroyhd[lv, scegliere un altro punto in corrispondenza dell altra estremità di tale linea. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Revolve Nella finestra di dialogo 5HYROYH2SWLRQV, cliccare 2.. Robert McNeel & Associates 297

304 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 Una superficie di rivoluzione è così creata attorno all asse selezionato. V (VHUFL]LR²,OFRPDQGR5DLO5HYROYH Talvolta può esser necessario chiudere un estremità di un oggetto a forma irregolare. Il comando Revolve permette di ottenere una forma sagomata eseguendo una rivoluzione di un profilo di una curva attorno ad un asse. Il comando Rail Revolve permette di eseguire una rivoluzione di una curva attorno ad un asse e lungo una curva path.,ofrpdqgr5dlo5hyroyh Aprire il modello 5DLO5HYROYH. Dal menu 6XUIDFH, cliccare 5DLO 5HYROYH. Rail Revolve Robert McNeel & Associates 298

305 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 Al prompt 6HOHFWSURILOHFXUYH, selezionare la curva all estremità dell oggetto (1). V Al prompt6hohfwsdwkfxuyh, selezionare l estremità dell oggetto (2). Al prompt6wduwriuhyroyhd[lv, selezionare una estremità dell asse (3). Al prompt(qgriuhyroyhd[lv, selezionare l altra estremità dell asse (4). A seguito di tali operazioni, si ottiene una superficie di rivoluzione attorno all asse selezionato che segue la curva all estremità dell oggetto. Ripetere tale procedura per l altra estremità dell oggetto. Robert McNeel & Associates 299

306 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 (VHUFL]LR²8VDUHLOFRPDQGR6ZHHSSHUFUHDUHXQDVXSHUILFLH V,OFRPDQGR5DLO6ZHHS Aprire il modello 5DLO6ZHHS. Selezionare tutte le curve. Dal menu 6XUIDFH, cliccare 6ZHHS5DLO Al prompt6hohfwvhdpsrlqwwrdgmxvwsuhvv(qwhuzkhqgrqh)ols'luhfwlrq$xwrpdwlf1dwxudo premere INVIO. Sweep along 1 Rail Robert McNeel & Associates 300

307 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 Nella finestra di dialogo 6ZHHS5DLO2SWLRQV, cliccare 2.. Le due curve di sezione sono raccordate insieme per formare una superficie V Dal menu 5HQGHU, cliccare 6KDGH. (VHUFL]LR²8VDUHLOFRPDQGR6ZHHSSHUFUHDUHXQDVXSHUILFLH,OFRPDQGR5DLO6ZHHS Aprire il modello 5DLO6ZHHS. Robert McNeel & Associates 301

308 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 &UHDUHODEDVH Passare al layer %DVH6XUIDFH. Dal menu 6XUIDFH, cliccare 6ZHHS5DLOV V Sweep along 2 Rails Al prompt6hohfwudlofxuyhv, selezionare la prima curva binario (1). Al prompt6hohfwudlofxuyhv, selezionare la successiva curva binario (2). Al prompt6hohfwfurvvvhfwlrqfxuyhv3rlqw, selezionare la curva di sezione (3). Al prompt6hohfwfurvvvhfwlrqfxuyhv3rlqw premere INVIO. Robert McNeel & Associates 302

309 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 Nella finestra di dialogo 6ZHHS5DLOV 2SWLRQVcliccare 2.. A seguito di tali operazioni, è creata una superficie i cui bordi corrispondono alle curve di sezione lungo le curve binario. V Dal menu 5HQGHU, cliccare 6KDGH Robert McNeel & Associates 303

310 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 &UHDUHO DOORJJLDPHQWR Dal menu (GLW, cliccare /D\HUV e quindi cliccare (GLW. Nella finestra di dialogo(glw /D\HUV, attivare i layers +RXVLQJ6XUIDFH, +RXVLQJ&XUYHVe 0LUURU. Bloccare quindi i layers %DVH &XUYHV e %DVH 6XUIDFH. Rendere corrente il layer +RXVLQJ6XUIDFH. Cliccare2. Dal menu 6XUIDFH, cliccare 6ZHHS5DLOV V Sweep along 2 Rails Al prompt6hohfwudlofxuyhv, selezionare la prima curva binario (1). Al prompt6hohfwudlofxuyhv, selezionare la successiva curva binario (2). Al prompt6hohfwfurvvvhfwlrqfxuyhv3rlqw, selezionare la curva di fronte al cilindro (3). Robert McNeel & Associates 304

311 Al prompt6hohfwfurvvvhfwlrqfxuyhv3rlqw, premere INVIO. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Nella finestra di dialogo 6ZHHS5DLOV 2SWLRQV, cliccare 2.. Viene creata una superficie che avvolge le curve binario e termina in modo smussato laddove si incontrano le curve binario. Robert McNeel & Associates 305

312 Dal menu 5HQGHU, cliccare 6KDGH ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V 8QLUHOHGXHSDUWL Dal menu (GLW, cliccare /D\HUV e quindi cliccare (GLW. Nella finestra di dialogo (GLW/D\HUV, assicurarsi che siano attivi i layers +RXVLQJ6XUIDFH %DVH6XUIDFHe 0LUURU. Tutti gli altri layers dovrebbero esser disattivati. Dal menu6rolg,cliccare8qlrq Al prompt6hohfwvxuidfhrusro\vxuidfh, selezionare la superficie di base. Robert McNeel & Associates 306

313 Al prompt6hohfwvxuidfhrusro\vxuidfhwrxqlrq, selezionare la superficie dell alloggiamento. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V &UHDUHXQUDFFRUGRWUDOHGXHVXSHUILFL Dal menu 6XUIDFH cliccare )LOOHW. Al prompt6hohfwiluvwvxuidfhwriloohw5dglxv ([WHQG <HV7ULP <HV, digitare e premere INVIO. Al prompt6hohfwiluvwvxuidfhwriloohw5dglxv ([WHQG <HV7ULP <HV, selezionare la superficie della base (1). Robert McNeel & Associates 307

314 Al prompt6hohfwvhfrqgvxuidfhwriloohw5dglxv ([WHQG <HV7ULP <HV, selezionare la superficie dell alloggiamento (2). A seguito di tali operazioni, è creata una superficie di raccordo tra le due superfici selezionate. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Ruotare l oggetto nella viewport Perspective. Dal menu 5HQGHU, cliccare 6KDGH Ruotare l oggetto nella viewport Perspective. Eseguire il comando -RLQ tra le superfici della base, del raccordo e dell alloggiamento. Robert McNeel & Associates 308

315 Dal menu 5HQGHU, cliccare 5HQGHU ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Robert McNeel & Associates 309

316 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V 0RGHOODUHXQPDUWHOORJLRFDWWROR Alcuni modelli richiedono molta attenzione ai dettagli: uno di questi è proposto nel seguente esercizio. Saranno affrontate anche diverse tecniche per creare superfici. Come aiuto alla modellazione, è stato incluso il disegno tecnico relativo al modello in esame. Robert McNeel & Associates 310

317 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 (VHUFL]LR²&UHDUHXQPDUWHOORJLRFDWWROR Iniziare un nuovo modello e salvarlo come +DPPHU. Creare i seguenti layers: &XUYH+DQGOH7DQJ+HDG&ODZ V Robert McNeel & Associates 311

318 Disegnare le linee fondamentali del martello come mostrato in figura. Tali linee, che possono esser create con i comandi Line, Polylines o Rectangle, costituiscono una guida per la successiva modellazione. Si consiglia di usare le dimensioni fornite nel disegno tecnico per poter tracciare in modo accurato tali linee fondamentali. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V &UHDUHLOJUDQFKLRGHOPDUWHOOR Per modellare il granchio del martello si useranno cerchi ed archi: si taglieranno ed uniranno tali cerchi ed archi in modo opportuno per creare una curva chiusa. Passare al layer &XUYH Disegnare una curva che definisca la forma del granchio del martello nella viewport Top. E possibile usare curve freeform o usare una combinazione di archi e cerchi che tagliati ed uniti in modo opportuno possano fornire tale forma. Segue una descrizione completa di come ottenere il profilo del granchio del martello. Disegnare due cerchi. Robert McNeel & Associates 312

319 Dal menu &XUYH, cliccare &LUFOH e quindi cliccare 7DQJHQWWR&XUYHV ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Circle: Tangent, Tangent, Tangent Al prompt6hohfwiluvwfxuyh, selezionare la curva indicata con 1. Al prompt6hohfwvhfrqgfxuyh, selezionare la curva indicata con numero 2. Al prompt6hohfwwklugfxuyh, selezionare la curva indicata col numero 3. A seguito di tali operazioni, viene creato un cerchio tangente alle tre curve selezionate. Dal menu &XUYH, cliccare &LUFOH e quindi cliccare 'LDPHWHU Al prompt6wduwrigldphwhu9huwlfdo, eseguire uno snap al punto medio della linea di costruzione superiore del granchio del martello. Circle Diameter Robert McNeel & Associates 313

320 Al prompt(qgrigldphwhu, digitare e premere INVIO. Al prompt(qgrigldphwhu, scegliere un punto direttamente sotto il primo punto scelto. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V &UHDUHGHJOLDUFKLWDQJHQWLDLFHUFKLDSSHQDWUDFFLDWL Dal menu &XUYH, cliccare $UF e quindi cliccare 7DQJHQW7DQJHQW5DGLXV Al prompt6hohfwiluvwfxuyhiru$uf775, selezionare il cerchio vicino al bordo destro. Al prompt6hohfwvhfrqgfxuyhiru$uf775, selezionare l altro cerchio vicino al bordo destro. Al prompt5dglxv!, digitare e premere INVIO. Cancellare le parti degli archi non necessarie. Dal menu &XUYH, cliccare $UF e quindi cliccare 7DQJHQW7DQJHQW5DGLXV Al prompt)luvwfxuyh, selezionare il cerchio vicino al bordo sinistro. Al prompt6hfrqgfxuyh, selezionare l altro cerchio vicino al bordo sinistro. Al prompt5dglxv!, digitare e premere INVIO. Arc: Tangent, Tangent, Radius Robert McNeel & Associates 314

321 Cancellare le parti degli archi non necessarie. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V 7DJOLDUHSDUWHGHLFHUFKL Dal menu (GLW, cliccare 7ULP Al prompt6hohfwfxwwlqjhgjhv2swlrqv, selezionare uno degli archi. Al prompt6hohfwfxwwlqjhgjhv2swlrqv, selezionare l altro arco. Al prompt6hohfwfxwwlqjhgjhv2swlrqv, premere INVIO. Al prompt6hohfwremhfwwrwulp2swlrqv, selezionare le parti interne dei cerchi. Trim Robert McNeel & Associates 315

322 Al prompt6hohfwremhfwwrwulp2swlrqv, premere INVIO per terminare il comando. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Eseguire il comando -RLQ per unire i segmenti di curva. Terminare il comando quando si è ottenuta una curva chiusa. (VWUXGHUHLOJUDQFKLRGHOPDUWHOOR Passare al layer &ODZ. Selezionare i segmenti uniti. Dal menu 6XUIDFH, cliccare ([WUXGH e quindi cliccare 6WUDLJKW Al prompt([wuxvlrqglvwdqfh'luhfwlrq&ds QR%RWKVLGHV7DSHUHG, digitare & e premere INVIO. Questo comando rende la curva del granchio un solido. Al prompt([wuxvlrqglvwdqfh'luhfwlrq&ds \HV%RWKVLGHV7DSHUHG, digitare % e premere INVIO. Questo comando estende l estrusione ad entrambi i lati del piano di costruzione. Extrude Straight Robert McNeel & Associates 316

323 Al prompt([wuxvlrqglvwdqfh'luhfwlrq&ds \HV, digitare e premere INVIO. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V &UHDUHO DSHUWXUDQHOJUDQFKLRGHOPDUWHOOR Passare al layer &XUYH. Disegnare nella viewport 5LJKW una curva con il comando &XUYH, che inizi nel mezzo dell oggetto estruso e si estenda a destra dell estrusione. Eseguire una copia speculare della curva attraverso il comando 0LUURU. Robert McNeel & Associates 317

324 Disegnare una linea tra le estremità usando il comando /LQHe unire quindi le tre curve con il comando -RLQ. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Selezionare i segmenti uniti. Passare al layer &ODZ. Dal menu 6XUIDFH, cliccare ([WUXGH e quindi cliccare 6WUDLJKW Al prompt([wuxvlrqglvwdqfh!'luhfwlrq&ds \HV%RWKVLGHV7DSHUHG, digitare % e premere INVIO. Extrude Straight Robert McNeel & Associates 318

325 Al prompt([wuxvlrqglvwdqfh'luhfwlrq&ds \HV, digitare e premere INVIO. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Ruotare l apertura del granchio nella viewport 7RS. Salvare il modello con il comando6dyh. 6RWWUDUUHODIRUPDGHOO DSHUWXUDGDOJUDQFKLRGHOPDUWHOOR Dal menu 6ROLG, cliccare 'LIIHUHQFH Al prompt6hohfwvxuidfhrusro\vxuidfh, selezionare l estrusione del granchio. Boolean Difference Robert McNeel & Associates 319

326 Al prompt6hohfwvxuidfhrusro\vxuidfhwrvxewudfw, selezionare l estrusione dell apertura. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Salvare il modello con il comando 6DYH. 6PXVVDUHJOLVSLJROLGHOJUDQFKLR Dal menu 6ROLG, cliccare )LOOHW(GJH Al prompt6hohfwhgjhvwriloohw5dglxv, selezionare lo spigolo superiore del granchio. Al prompt6hohfwhgjhvwriloohw5dglxv, selezionare lo spigolo inferiore del granchio. Al prompt6hohfwhgjhvwriloohw5dglxv, digitare e premere INVIO. Fillet Edge Robert McNeel & Associates 320

327 Al prompt6hohfwhgjhvwriloohw5dglxv, premere INVIO. Gli spigoli sono stati arrotondati. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Salvare il modello con il comando 6DYH. &UHDUHODWHVWDGHOPDUWHOOR Passare al layer &XUYH. Con il comando &XUYH creare una curva che descriva il profilo della sezione della testa. Robert McNeel & Associates 321

328 Assicurarsi che tale curva intersechi il granchio del martello affinché sia poi più semplice unire queste due parti del martello. Passare al layer +HDG. Dal menu 6XUIDFH, cliccare 5HYROYH Al prompt6hohfwfxuyhwruhyroyh, scegliere una polilinea da sottoporre a rivoluzione per ottenere la sezione della testa del martello. Al prompt6wduwriuhyroyhd[lv, scegliere un estremità di una curva. Al prompt(qgriuhyroyhd[lv, attivare la modalità ortho e scegliere un punto al di sopra di quello appena selezionato. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Revolve Robert McNeel & Associates 322

329 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 Nella finestra di dialogo 5HYROYH2SWLRQV cliccare 2.. V A seguito di questa operazione è stata creata una superficie. Salvare il modello con il comando 6DYH. 8QLUHODWHVWDHLOJUDQFKLRGHOPDUWHOOR Dal menu 6ROLG, cliccare 8QLRQ Al prompt6hohfwvxuidfhrusro\vxuidfh, selezionare la testa +HDG. Boolean Union Robert McNeel & Associates 323

330 Al prompt6hohfwvxuidfhrusro\vxuidfhwrxqlrq selezionare il granchio &ODZ. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Salvare il modello con il comando 6DYH. 6PXVVDUHODSDUWHGLUDFFRUGRWUDODWHVWDHLOJUDQFKLRGHOPDUWHOOR Dal menu 6ROLG, cliccare )LOOHW(GJH Al prompt6hohfwhgjhvwriloohw5dglxv, selezionare lo spigolo dove le due parti si accostano l una all altra. Fillet Edge Robert McNeel & Associates 324

331 Al prompt6hohfwhgjhvwriloohw5dglxv, premere INVIO. Lo spigolo risulta arrotondato. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Salvare il modello con il comando 6DYH. &UHDUHLOFRGRORGHOPDUWHOOR Passare al layer &XUYH. Creare una delle curve del codolo del martello. Assicurarsi che il codolo intersechi il granchio. Robert McNeel & Associates 325

332 Creare una copia speculare di tale curva con il comando 0LUURU. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V &UHDUHODFXUYDGLIRUPDSHULOFRGRORHGLOPDUWHOOR Creare la curva di forma per il codolo nella viewort Right. Tale curva sarà usata anche per il manico. Attivare la modalità Ortho. Usare il comando /LQHVper creare una curva per la sezione del codolo del martello. Tale curva sarà anche usata per il manico. L altezza è e l ampiezza. Robert McNeel & Associates 326

333 Eseguire il comando )LOOHW impostando un raggio pari a ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Unire le curve con il comando -RLQ. Selezionare le curve così unite. Dal menu &XUYH, cliccare (GLW 7RROV e quindi cliccare 5HEXLOG Attraverso la ricostruzionedi una curva è possibile eliminare le pieghe eventualmente presenti cosicché la superficie creata da tale curva risulterà smussata. In questo modo sono anche diminuiti gli eventuali problemi di modellazione. Nella finestra di dialogo 5HEXLOG&XUYH, cliccare 3UHYLHZ. Qualora la geometria così ottenuta corrispondesse alla curva, cliccare 2.. Se la geometria invece non corrispondesse alle curve, modificare il numero di punti (nel riquadro Point count) e cliccare 3UHYLHZ. Rebuild Curve Robert McNeel & Associates 327

334 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 &UHDUHODVXSHUILFLHFRUULVSRQGHQWHDOFRGROR Passare al layer 7DQJ. Dal menu 6XUIDFH, cliccare 6ZHHS5DLOV V Sweep 2 Rails Al prompt6hohfwudlofxuyhv, selezionare una delle curve binario (1). Al prompt6hohfwudlofxuyhv, selezionare l altra curva binario (2). Al prompt6hohfwfurvvvhfwlrqfxuyhv3rlqw, selezionare la curva di forma (3). Al prompt6hohfwfurvvvhfwlrqfxuyhv3rlqw, premere INVIO. Nella finestra di dialogo 6ZHHS5DLOV2SWLRQV, cliccare 2.. Robert McNeel & Associates 328

335 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 A seguito di queste operazioni viene creata una superficie. V &RPSOHWDUHLOFRGROR Dal menu 7UDQVIRUP, cliccare 0LUURU. Al prompt6hohfwremhfwvwrpluuru, scegliere la superficie del codolo appena creata. Al prompt6wduwripluurusodqh, nella viewport )URQW, eseguire uno snap all estremità dello spigolo inferiore sinistro della superficie del codolo. Al prompt(qgripluurusodqh, attivare la modalità Ortho e scegliere un punto a destra nella viewport )URQW. Mirror Robert McNeel & Associates 329

336 Unire le due superfici con il comando -RLQ. Dal menu 6ROLG, cliccare &DS3ODQDU+ROHV. Al prompt6hohfwvxuidfhvrusro\vxuidfhvwrfds, scegliere il codolo. Al prompt6hohfwvxuidfhvrusro\vxuidfhvwrfds, premere INVIO. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Cap Planar Holes Salvare il modello con il comando 6DYH. 8QLUHLOFRGRORHLOJUDQFKLRGHOPDUWHOOR Dal menu 6ROLG, cliccare 8QLRQ Al prompt6hohfwvxuidfhrusro\vxuidfh, selezionare il codolo. Boolean Union Robert McNeel & Associates 330

337 Al prompt6hohfwvxuidfhrusro\vxuidfhwrxqlrq, selezionare il granchio del martello. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Salvare il modello con il comando 6DYH. 6PXVVDUHODSDUWHGLUDFFRUGRWUDFRGRORHJUDQFKLRGHOPDUWHOOR Dal menu 6ROLG, cliccare )LOOHW(GJH Al prompt 6HOHFWHGJHVWRILOOHW5DGLXV, selezionare lo spigolo dove le due parti si uniscono. Fillet Edge Al prompt6hohfwhgjhvwriloohw5dglxv, premere INVIO. Robert McNeel & Associates 331

338 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 Lo spigolo è stato arrotondato. V Salvare il modello con il comando6dyh. &UHDUHLOPDQLFRGHOPDUWHOOR Passare al layer &XUYH. Creare una curva per il profilo del manico del martello. Si inizi tale curva all estremità del profilo del codolo e la si termini sulla linea passante per il centro dell oggetto (centerline). Robert McNeel & Associates 332

339 Creare una copia speculare di tale curva con il comando 0LUURU. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V &UHDUHODVXSHUILFLHFRUULVSRQGHQWHDOPDQLFR Passare al layer +DQGOH. Dal menu 6XUIDFH, cliccare 6ZHHS5DLOV Sweep 2 Rails Al prompt6hohfwudlofxuyhv, selezionare una delle curve binario. Al prompt6hohfwudlofxuyhv, selezionare l altra curva binario. Robert McNeel & Associates 333

340 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 Al prompt6hohfwfurvvvhfwlrqfxuyhv3rlqw, selezionare la curva creata in precedenza per realizzare il codolo del martello. Al prompt6hohfwfurvvvhfwlrqfxuyhv3rlqw, premere INVIO. Nella finestra di dialogo 6ZHHS5DLOV2SWLRQV, cliccare 2.. V A seguito di tali operazioni viene creata una superficie. &RPSOHWDUHLOPDQLFRGHOPDUWHOOR Dal menu 7UDQVIRUP, cliccare 0LUURU. Al prompt6hohfwremhfwvwrpluuru, scegliere la superficie creata. Al prompt6wduwripluurusodqh, nella viewport )URQW, eseguire uno snap ad una estremità del manico del martello. Mirror Robert McNeel & Associates 334

341 Al prompt(qgripluurusodqh, attivare la modalità Ortho e, nella viewport )URQW, scegliere un punto a destra. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Unire le superfici con il comando -RLQ. Dal menu 6ROLG, cliccare &DS3ODQDU+ROHV. Al prompt6hohfwvxuidfhvrusro\vxuidfhvwrfds, selezionare il manico. Al prompt6hohfwvxuidfhvrusro\vxuidfhvwrfds, premere INVIO. Cap Planar Holes Salvare il modello con il comando 6DYH. Robert McNeel & Associates 335

342 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 &UHDUHXQIRURQHOPDQLFR Disegnare un cerchio con il comando &LUFOH con il centro a dall estremità del manico. Può esser utile disegnare una linea di costruzione per meglio posizionare il cerchio. Dal menu 6XUIDFH, cliccare ([WUXGH e quindi cliccare 6WUDLJKW Al prompt([wuxvlrqglvwdqfh!'luhfwlrq&ds \HV%RWKVLGHV7DSHUHG, digitare % e premere INVIO. Al prompt([wuxvlrqglvwdqfh'luhfwlrq&ds \HV, digitare e premere INVIO. V Extrude Straight Usare il comando 'LIIHUHQFH per sottrarre il cilindro dal manico. Salvare il modello con il comando 6DYH. Robert McNeel & Associates 336

343 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 6PXVVDUHJOLVSLJROLGHOIRURQHOPDQLFR Dal menu 6ROLG, cliccare )LOOHW(GJH Al prompt6hohfwhgjhvwriloohw5dglxv, digitare e premere INVIO. Al prompt6hohfwhgjhvwriloohw5dglxv, selezionare entrambi gli spigoli del foro. V Fillet Edge Al prompt6hohfwhgjhvwriloohw5dglxv, premere INVIO. Gli spigoli sono stati arrotondati. Salvare il modello con il comando 6DYH. Cliccare nella viewport 3HUVSHFWLYH. Robert McNeel & Associates 337

344 Dal menu 5HQGHU, cliccare6kdgh ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Shade Dal menu5hqghu, cliccare5hqghu Render Robert McNeel & Associates 338

345 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 0RGHOODUHXQERWWLJOLD In alcuni modelli è necessario prestare particolare attenzione ai dettagli e la modellazione della bottiglia illustrata di seguito ne rappresenta un esempio. Verranno descritte inoltre differenti tecniche per realizzare le superfici. Nella illustrazione seguente si presenta il disegno tecnico della bottiglia. V (VHUFL]LR²&UHDUHXQDERWWLJOLD,QL]LDUHLOPRGHOOR Iniziare il modello e salvarlo come %RWWOH. Creare i seguenti layers: &RQVWUXFWLRQ&XUYH%RWWOH%RWWOH7RS7KUHDGV&DS&DSe&DS7RS Passare al layer&rqvwuxfwlrq. Robert McNeel & Associates 339

346 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 &UHDUHODIRUPDGHOODERWWLJOLD Per modellare la forma della bottiglia, si creeranno in primo luogo le curve corrispondenti al bordo superiore ed inferiore di questo oggetto e, successivamente, si realizzerà il profilo laterale della bottiglia. A seguito di tali operazioni, si procederà con la creazione di superfici i cui bordi sono definiti dalle curve create in precedenza. V &UHDUHXQDFXUYDFKHGHILQLVFDLOERUGRLQIHULRUHGHOODERWWLJOLD Dal menu &XUYH, cliccare 5HFWDQJOH e quindi &HQWHU&RUQHU Al prompt &HQWHURIUHFWDQJOH5RXQGHG, digitare 5 e premere INVIO. Al prompt &HQWHURIUHFWDQJOH, muovere il cursore nella viewport Top viewport e digitare. Premere INVIO. Al prompt &RUQHURUOHQJWK, digitare e premere INVIO. Al prompt :LGWK, digitare e premere INVIO. Al prompt 3RLQWIRUURXQGHGFRUQHUWRSDVVWKURXJK&RUQHU $UF, digitare e premere INVIO. Centered Rectangle 'LVHJQDUHXQFHUFKLRFRUULVSRQGHQWHDOERUGRVXSHULRUHGHOODERWWLJOLD Dal menu &XUYH, cliccare &LUFOH e quindi cliccare &HQWHU5DGLXV Per iniziare il cerchio a 7.25" al di sopra del piano di costruzione, al prompt &HQWHURIFLUFOH9HUWLFDO2Q&XUYH muovere il cursore nella viewport Top e digitare. Premere quindi INVIO. &LUFOH Robert McNeel & Associates 340

347 Al prompt 5DGLXV, digitare e premere INVIO. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V 'LVHJQDUHXQUHWWDQJRORFKHDSSURVVLPLOHGLPHQVLRQLFRPSOHVVLYHGHOODERWWLJOLD Dal menu &XUYH, cliccare 5HFWDQJOH e quindi cliccare &RUQHU&RUQHU Nella viewport )URQW, Al prompt )LUVWFRUQHURIUHFWDQJOH5RXQGHG, digitare ± e premere INVIO. Al prompt 2WKHUFRUQHURUOHQJWK, digitare e premere INVIO. Al prompt :LGWK, digitare e premere INVIO. 5HFWDQJOH Robert McNeel & Associates 341

348 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 'LVHJQDUHLOSURILORGHOODERWWLJOLD Passare al layer &XUYH. Disegnare una curva attraverso il comando FXUYHE\FRQWUROSRLQWV per definire il profilo della bottiglia nella viewport )URQW. Usare il rettangolo disegnato in precedenza e gli snap all oggetto per rispettare le giuste proporzioni. V La curva così creata sarà utilizzata per creare la superficie della bottiglia. &UHDUHODVXSHUILFLHHVWHUQDGHOODERWWLJOLD Passare al layer %RWWOH. Dal menu 6XUIDFH, cliccare 6ZHHS5DLOV 7ZR5DLO6ZHHS Robert McNeel & Associates 342

349 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 La curva appena disegnata è indicata con il numero (3), il rettangolo con i vertici arrotondati è indicato con il numero (1) mentre il cerchio (2) funge da binario. V Al prompt 6HOHFWUDLOFXUYHV, selezionare il rettangolo con i vertici arrotondati. Al prompt 6HOHFWUDLOFXUYHV, selezionare il cerchio. Al prompt 6HOHFWFURVVVHFWLRQFXUYHV3RLQW, selezionare la curva. Al prompt 6HOHFWFURVVVHFWLRQFXUYHV3RLQW, premere INVIO. Nella finestra di dialogo 6ZHHS5DLOV2SWLRQV cliccare 2.. Robert McNeel & Associates 343

350 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 &KLXGHUHODSDUWHVXSHULRUHHGLQIHULRUHGHOODERWWLJOLD Per ottenere un solido è necessario chiuderne la parte inferiore e superiore del modello e, in tal caso, è possibile calcolare il volume racchiuso dalla superficie della bottiglia. Questa informazione può esser molto importante specie se il modello realizzato rappresenta un oggetto reale di cui si conosce la capacità. Se i bordi delle rimanenti superfici aperte sono curve planari, come accade in questo caso in cui il bordo superiore è rappresentato da un cerchio mentre quello inferiore da un rettangolo arrotondato ai vertici, è possibile utilizzare il comando Cap per chiudere le estremità della bottiglia. V &KLXGHUHOHHVWUHPLWjGHOODERWWLJOLD Dal menu 6ROLG, cliccare &DS3ODQDU+ROHV Al prompt 6HOHFWVXUIDFHVRUSRO\VXUIDFHVWRFDS, scegliere la bottiglia. Al prompt 6HOHFWVXUIDFHVRUSRO\VXUIDFHVWRFDS e premere INVIO. $SSLDWWLUHLODWLGHOODERWWLJOLD Come si può osservare nella viewport 5LJKW, i lati della bottiglia sporgono eccessivamente e perciò si realizzerà una opportuna superficie per rimuovere tale sporgenza. Cap Planer Holes &UHDUHXQDVXSHUILFLHGLWDJOLR Passare al layer &XUYH. Nella viewport 5LJKW, disegnare delle curve che approssimino la forma della bottiglia. Robert McNeel & Associates 344

351 Il disegno tecnico fornisce delle indicazioni precise sulle dimensioni di tali curve anche se in questo esercizio è sufficiente approssimarle. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Nella viewport )URQW muovere la curva di raggio minore al di fuori della bottiglia. Robert McNeel & Associates 345

352 Eseguire il comando0luuru per ottenere, nel lato opposto della bottiglia, delle copie speculari delle curve appena create. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Selezionare le tre curve appena create. Creare una superficie definita da tali curve cliccando /RIW dal menu 6XUIDFH Loft Robert McNeel & Associates 346

353 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 Nella finestra di dialogo /RIW 2SWLRQV, cliccare 2.. V Come si osseva, è stata creata una superficie loft. Robert McNeel & Associates 347

354 Eseguire il comando 0LUURU per ottenere, nell altro lato della bottiglia, una copia speculare di tale superficie. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Salvare il modello con il comando6dyh 5LPXRYHUHODVXSHUILFLHGDOODERWWLJOLD Passare al layer %RWWOH. Dal menu 6ROLG, cliccare 'LIIHUHQFH Al prompt 6HOHFWVXUIDFHRUSRO\VXUIDFH, selezionare la bottiglia. Al prompt 6HOHFWVXUIDFHRUSRO\VXUIDFHWRVXEWUDFW, selezionare la superficie loft. Boolean Difference 4XDORUDLOFRPDQGR'LIIHUHQFH QRQGHVVHLULVXOWDWLDWWHVLVL XVLLOFRPDQGR8QLRQ6H DQFKHLOFRPDQGR8QLRQQRQ GRYHVVHIXQ]LRQDUHVLXVLLO FRPDQGR,QWHUVHFWLRQ6L ULFRUGDFKHVHXQ RSHUD]LRQH ERROHDQDQRQIRUQLVFHL ULVXOWDWLDWWHVLqSRVVLELOH XVDUHXQ DOWUDRSHUD]LRQH ERROHDQD Robert McNeel & Associates 348

355 Ripetere la procedura sopra esposta nell altro lato della bottiglia. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Eseguire il comando 6KDGH per visualizzare il modello della bottiglia. 6PXVVDUHJOLVSLJROLGHOODERWWLJOLD Il modello della bottiglia appena creato è un solido chiuso e ora si provvederà a smussarne gli spigoli. 6PXVVDUHJOLVSLJROLGHOODERWWLJOLD Dal menu 6ROLG cliccare )LOOHW(GJH Al prompt 6HOHFWHGJHVWRILOOHW5DGLXV, selezionare lo spigolo risultante dall operazione di taglio. Robert McNeel & Associates 349

356 Al prompt 6HOHFWHGJHVWRILOOHW5DGLXV, selezionare l altro spigolo emerso dall operazione di taglio. At the 6HOHFWHGJHVWRILOOHW5DGLXV, digitare e premere INVIO. Al prompt 6HOHFWHGJHVWRILOOHW5DGLXV premere INVIO. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Eseguire il comando 6KDGH della bottiglia. Robert McNeel & Associates 350

357 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 0RGHOODUHODSDUWHVXSHULRUHGHOODERWWLJOLD Per modellare il collo della bottiglia si farà uso del comando 5HYROYH per ottenere una superficie dalla rivoluzione di una curva di profilo in cui si realizzerà successivamente la filettatura. V &UHDUHODFXUYDGLSURILOR Passare al layer &XUYH. Nella viewport )URQW, usare il comando /LQH6HJPHQWV ed il comando $UF per creare una curva di profilo per la parte esterna ed interna. Inserire il primo punto alle coordinate di modo che sia allineato con il profilo sul bordo della bottiglia. Robert McNeel & Associates 351

358 Avvalersi del disegno tecnico per rispettare le dimensioni della bottiglia. 1RWD: Per disegnare con precisione è possibile usare gli VQDSDOO RJJHWWRil vincolo GLVWDQFHFRQVWUDLQW e la modalità RUWKR. Per esempio, per la prima linea digitare le coordinate per il punto iniziale e quindi digitare per vincolare la linea a.25 unità. Attivare quindi la modalità Ortho e trascinare a destra la linea. La linea si fermerà a.25 unità dal punto iniziale. Per ottenere la linea verticale a sinistra, usare il comando End object snap per eseguire uno snap alla fine della prima linea e digitare.375 per vincolare la distanza a tale valore. Trascinare quindi la linea verso l alto. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Robert McNeel & Associates 352

359 Eseguire il comando -RLQ per unire insieme i segmenti disegnati. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Passare al layer %RWWOH7RS. &UHDUHODVXSHUILFLHFRUULVSRQGHQWHDOODSDUWHVXSHULRUHGHOODERWWLJOLD Dal menu 6XUIDFH, cliccare 5HYROYH Al prompt 6HOHFWFXUYHWRUHYROYH, selezionare la curva di profilo. Al prompt 6WDUWRIUHYROYHD[LV, eseguire uno snap al centro del cerchio nella parte superiore della bottiglia. Al prompt (QGRIUHYROYHD[LV, scegliere un punto al di sopra del punto precedente. Revolve. Robert McNeel & Associates 353

360 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 Nella finestra di dialogo 5HYROXWLRQ2SWLRQV, cliccare 'HOHWHFXUYHWRUHYROYH e quindi cliccare 2. V A seguito di questa operazione si ottiene la parte superiore della bottiglia. )LOHWWDUHO HVWUHPLWjGHOFROORGHOODERWWLJOLD Per filettare il collo della bottiglia, si utilizzerà il comando 6ZHHS di una curva di profilo su una curva path a forma d elica creata con il comando +HOL[. &UHDUHXQDFXUYDDIRUPDG HOLFD Passare al layer &XUYH. Dal menu &XUYH, cliccare +HOL[ Helix Robert McNeel & Associates 354

361 Al prompt 6WDUWRID[LV9HUWLFDO$URXQG&XUYH, eseguire uno snap al centro della parte inferiore della regione da filettare. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Al prompt (QGRID[LV, eseguire uno snap al centro della parte superiore dell area da filettare. Impostare il raggio al prompt 5DGLXV scegliendo un punto presso il bordo del collo della bottiglia. Si scelga un raggio leggermente inferiore al raggio esterno della regione da filettare. Robert McNeel & Associates 355

362 Nella finestra di dialogo +HOL[6SLUDO, impostare a il valore della casella WXUQV, selezionare la casella 5HYHUVH WZLVW e quindi cliccare 2.. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V 'LVHJQDUHLOSURILORGHOODILOHWWDWXUD Disegnare un triangolo attraverso il comando 3RO\JRQcome mostrato nella figura sottostante. Selezionare il triangolo appena creato. Dal menu 7UDQVIRUP, cliccare $UUD\ e quindi cliccare $ORQJ&XUYH Al prompt 6HOHFWSDWKFXUYH, selezionare l elica nella parte inferiore. Robert McNeel & Associates 356

363 Nella finestra di dialogo $UUD\DORQJFXUYHRSWLRQV, nel riquadro 1XPEHURILWHPV, digitare e alla voce 6W\OH cliccare 5RDGOLNH e successivamente cliccare 2. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Al prompt &OLFNLQDYLHZSRUWWRFKRRVHD&SODQH, cliccare nella viewport7rs. Può esser opportuno passare alla viewport Perspective per vedere in prospettiva le curve di profilo create. Cancellare la prima e l ultima curva di profilo. Le curve di profilo rimanenti saranno usate per creare la superficie desiderata. &UHDUHODVXSHUILFLHGHOODILOHWWDWXUD Passare al layer %RWWOH. E possibile visualizzare l elica e le curve di profilo nascondendo la parte superiore della bottiglia mediante il comando +LGH. Robert McNeel & Associates 357

364 Usare il comando 6ZHHS5DLO per creare una superficie che inizia ad una estremità dell elica e termini all altra estremità dell elica Dal menu 6XUIDFH, cliccare 6ZHHS5DLO Alprompt 6HOHFWUDLOFXUYH, selezionare l elica. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Sweep Along One Rail Per iniziare la superficie in un punto, alprompt 6HOHFWFURVVVHFWLRQFXUYHV3RLQW, digitare S e premere INVIO. Alprompt 6WDUWRIUDLOVZHHS, usare lo snap alla fine dell oggetto, (QG object snap, per scegliere una estremità dell elica (1). Alprompt 6HOHFWFURVVVHFWLRQFXUYHV3RLQW, selezionare la prima curva di profilo (2) lungo l elica. Alprompt 6HOHFWFURVVVHFWLRQFXUYHV3RLQW, selezionare la successiva curva di profilo (3) lungo l elica. Alprompt 6HOHFWFURVVVHFWLRQFXUYHV3RLQW, selezionare la successiva curva di profilo (4) lungo l elica. Per terminare la superficie in un punto, alprompt 6HOHFWFURVVVHFWLRQFXUYHV3RLQW, digitare S e premere INVIO. Alprompt (QGRIUDLOVZHHS, usare lo snap alla fine dell oggetto, (QG object snap, per scegliere l altra estremità (5). Robert McNeel & Associates 358

365 Alprompt 0DWFKLQJVHDPVDQGGLUHFWLRQV6HOHFWVHDPSRLQWWRDGMXVW3UHVV(QWHUZKHQGRQH)OLS'LUHFWLRQ $XWRPDWLF1DWXUDO premere INVIO. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Nella finestra di dialogo 6ZHHS5DLO2SWLRQV, impostare il riquadro 6W\OH a 5RDGOLNH±7RSe quindi cliccare 2.. Robert McNeel & Associates 359

366 Eseguire il comando 6KDGH del modello. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Eseguire il comando 5HQGHU del modello.,owdssrghooderwwljold Per prender maggiore confidenza con la modellazione di superfici si consiglia di realizzare il tappo della bottiglia. Si usi il disegno tecnico per avere un riferimento delle dimensioni dei vari oggetti. Robert McNeel & Associates 360

367 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 0RGHOODUHXQWDYROR In questo esercizio usando il comando6zhhs5dlo si realizzerà un tavolo le cui gambe sono rastremate e non hanno una forma geometrica. V (VHUFL]LR²8VDUHLOFRPDQGR 6ZHHS5DLO Aprire il modello 7DEOH. &UHDUHOHJDPEHGHOWDYROR Dal menu 6XUIDFH, cliccare 6ZHHS5DLO Al prompt6hohfwudlofxuyh, selezionare la curva path (1) per la gamba del tavolo. Al prompt6hohfwfurvvvhfwlrqfxuyhv3rlqw, selezionare la curva shape per entrambe le estremità della gamba (2,3). Al prompt6hohfwfurvvvhfwlrqfxuyhv3rlqw, premere INVIO. 6ZHHSDORQJ5DLO Robert McNeel & Associates 361

368 Al prompt 0DWFKLQJVHDPVDQGGLUHFWLRQV 6HOHFWVHDPSRLQWWRDGMXVW3UHVV(17(5ZKHQGRQH)OLS'LUHFWLRQ$XWRPDWLF1DWXUDO premere INVIO. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Robert McNeel & Associates 362

369 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 Nella finestra di dialogo 6ZHHS5DLO2SWLRQV, cliccare 2.. V A seguito di questa operazione è creata la gamba del tavolo. Si noti la trasformazione della sezione della curva. &UHDUHODWUDYHUVDGHOWDYROR Passare al layer %UDFHV. Dal menu 6XUIDFH, cliccare 6ZHHS5DLO Al prompt6hohfwudlofxuyh, selezionare la curva path (1) per la traversa. Al prompt6hohfwfurvvvhfwlrqfxuyhv3rlqw, selezionare la curva shape per entrambe le estremità della traversa (2,3). Sweep along 1 Rail Robert McNeel & Associates 363

370 Al prompt6hohfwfurvvvhfwlrqfxuyhv3rlqw premere INVIO. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Al prompt0dwfklqjvhdpvdqggluhfwlrqv 6HOHFWVHDPSRLQWWRDGMXVW3UHVV(17(5ZKHQGRQH)OLS'LUHFWLRQ$XWRPDWLF1DWXUDOpremere INVIO. Robert McNeel & Associates 364

371 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 Nella finestra di dialogo 6ZHHS5DLO2SWLRQV, cliccare 2.. V A seguito di questa operazione viene creata la traversa. &UHDUHLOSLDQRG DSSRJJLR Passare al layer 7RS. Dal menu 6XUIDFH, cliccare 6ZHHS5DLO Al prompt6hohfwudlofxuyh, selezionare l ellisse. Al prompt6hohfwfurvvvhfwlrqfxuyhv3rlqw, selezionare la curva shape per il piano d appoggio. 6ZHHS$ORQJ3DWK Robert McNeel & Associates 365

372 Al prompt6hohfwfurvvvhfwlrqfxuyhv3rlqw premere INVIO. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Nella finestra di dialogo 6ZHHS5DLO2SWLRQV, cliccare 2.. Robert McNeel & Associates 366

373 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 A seguito di questa operazione, è stata creata la superficie relativa al bordo del piano d appoggio. V 7HUPLQDUHLOWDYROR Selezionare le superfici create. Dal menu 6ROLG, cliccare &DS3ODQDU+ROHV Con questo comando sono stati chiusi i bordi aperti. Robert McNeel & Associates 367

374 Eseguire il comando 6KDGH nella viewport3huvshfwlyh. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Eseguire un array polare, attorno al punto 0,0 nella viewport Top, della traversa e della gamba per completare il modello del tavolo. Eseguire il comando Array impostando a sei il numero di repliche. Cancellare due delle 6 gambe e due traverse. Robert McNeel & Associates 368

375 Eseguire il comando 6KDGH nella viewport 3HUVSHFWLYH. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Eseguire il comando 5HQGHU nella viewport3huvshfwlyh. Salvare il modello con il comando 6DYH poiché sarà utilizzato nell esercizio 63. Robert McNeel & Associates 369

376

377 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V,PSRUWDUHHGHVSRUWDUHL PRGHOOL Rhino supporta molti formati per importare ed esportare files rendendo perciò possibile modellare ed esportare i modelli per ulteriori processi. Si consiglia di consultare l Help di Rhino alla voce "Importing and exporting Rhino file information" per ottenere una lista completa delle opzioni di importa ed esporta di Rhino. )RUPDWLVXSSRUWDWL 'HVFUL]LRQH 3DS MAX Rhino possiede tre free plug-ins per 3DS MAX che permettono di leggere gli oggetti di mesh poligonali creati con Rhino nel 3DS MAX. La plug-in per MAX2 permette di importare alcuni oggetti NURBS. Rhino permette di salvare anche files 3DS. AutoCAD DWG/DXF Legge e salva R12, R13 e R14. IGES I files IGES contengono la geometria NURBS, le proprietà dell oggetto, i layer e le note. Le opzioni di esportazione sono incluse anche per CamSoft, Catia, FastSURF, Mastercam, HP ME30, Mechanical Desktop, MicroStation, Pro/E NT, Pro/E UNIX, SCRC s I-DEAS, SOFTIMAGE, Solid Edge, SolidWorks, TekSoft, Unigraphics, e personalizzate tipologie IGES (cliccare New Type). La funzione di importazione IGES di Rhino legge anche tutti i file IGES. Adobe Illustrator Esporta le curve come snapshot 2-D per la vista corrente. Lightwave LWO Tutti gli oggetti in Rhino sono esportati come oggetti di mesh poligonali. POV-Ray Robert McNeel & Associates 371

378 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V )RUPDWLVXSSRUWDWL Wavefront OBJ RenderMan RIB STL Windows Metafile 'HVFUL]LRQH Supporta meshes e NURBS. Esporta oggetti NURBS come file RenderMan.rib. Legge e salva file STL. Una rappresentazione 2-D della viewport corrente viene esportata in un file WMF.,PSRUWDUHHGHVSRUWDUHOHLQIRUPD]LRQLLQILOHGL5KLQR Per esportare un file ad un formato 3DS o DWG, è necessario che Rhino converta la geometria NURBS in una rappresentazione a mesh poligonale costituita da triangoli. Affinché questa conversione possa esser svolta con la migliore approssimazione possibile, talvolta Rhino si avvale di un numero molto alto di poligoni. E importante ricordare che la densità di triangoli usata per l esportazione può esser impostata e che è possibile sia creare una mesh poligonale per esportare il modello sia attendere che sia Rhino stesso a crearla durante il processo di esportazione. Vi sono due metodi per esportare modelli in altri formati. E possibile salvarli con il comando "Save As" e scegliere uno specifico formato di esportazione per l intero modello oppure selezionare alcuni oggetti del modello ed eseguire il comando "Export Selected" scegliendo uno specifico formato di esportazione per la porzione del modello scelta. Si illustreranno tali metodi nel seguente esercizio. (VHUFL]LR²(VSRUWDUHXQPRGHOOR (VSRUWDUHXQPRGHOORLQ$XWR&$' Aprire il modello 7DEOH. Dal menu )LOH, cliccare 6DYH$V. Robert McNeel & Associates 372

379 Nella finestra di dialogo 6DYH$V, modificare la voce 6DYHDVW\SH in $XWR&$'':*. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Nel riquadro corrispondente al nome del file, digitare 7DEOH e cliccare 6DYH. Robert McNeel & Associates 373

380 Nella finestra di dialogo $XWR&$'([SRUW2SWLRQV, impostare :ULWH6XUIDFHV come 0HVKHV, :ULWH&XUYHV come 6SOLQHV, :ULWH0HVKHV come 3RO\IDFH0HVKHV, Versione AutoCAD 5HOHDVH, selezionare la casella 8VH6LPSOH (QWLWLHV e cliccare 2.. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Robert McNeel & Associates 374

381 Nella finestra di dialogo &UHDWHSRO\JRQPHVKIURP185%6REMHFW, cliccare 3UHYLHZ. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Posizionare a sinistra il cursore corrispondente alla voce )HZHUSRO\JRQV e cliccare 3UHYLHZ. Si noti che la mesh relativa al piano d appoggio del tavolo è spigolosa e perciò non è accurata. Muovere quindi il cursore a destra ed eseguire il comando 3UHYLHZ sino a che la mesh poligonale contiene un numero sufficientemente elevato di poligoni tanto da approssimare una superficie smussata. Cliccare quindi 2.. Robert McNeel & Associates 375

382 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Quando si apre il modello in AutoCAD questi risulterà composto di mesh poligonali. Questa operazione può esser utile per eseguire il rendering con un programma del tipo AccuRender. (VSRUWDUHXQPRGHOORQHOIRUPDWR,*(6 Selezionare una gamba del tavolo. Dal menu )LOH, cliccare ([SRUW6HOHFWHG. Nella finestra di dialogo ([SRUW6HOHFWHG2EMHFWV, modificare 6DYH$V7\SH a,*(6, digitare /(* nella finestra )LOH1DPH, quindi cliccare 6DYH. Nella finestra di dialogo,*(6([sruw, selezionare 0HFKDQLFDO'HVNWRS come,*(6w\sh, cliccare 'HWDLOHG &RQWUROV e quindi cliccare 2.. Alla voce Detailed controls si forniscono all utente ulteriori informazioni. Robert McNeel & Associates 376

383 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Cliccare &DQFHO per terminare il comando, oppure cliccare 2. per creare il file IGES. &UHDUHRJJHWWLGLPHVKSROLJRQDOL Nonostante Rhino utilizzi la geometria NURBS, può esser necessario convertire alcuni oggetti in mesh triangolari. Se si desidera esportare degli oggetti in un altra applicazione che utilizza mesh poligonali come il 3D Studio, è preferibile convertire gli oggetti in mesh prima di salvarli nel nuovo formato. 3XOVDQWH &RPDQGR 'HVFUL]LRQH Mesh da oggetto NURBS Crea mesh poligonali da un oggetto NURBS. Robert McNeel & Associates 377

384 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V 3XOVDQWH &RPDQGR 'HVFUL]LRQH Mesh Plane Mesh Box Mesh Cylinder Mesh Cone Mesh Sphere Applica una Mesh a una superficie NURBS Explode Mesh Hide Control Points Show Control Points Crea un piano di mesh rettangolari. Crea un parallelepipedo di mesh rettangolari. Crea un cilindro di mesh. Crea un cono di mesh. Crea una sfera di mesh. Crea un morph target per programmi d animazione. Crea una mesh da una superficie. Esplode una mesh nelle superfici mesh componenti. Nasconde una parte di una mesh nascondendone i punti di controllo selezionati Visualizza tutti i punti di controllo nascosti di una mesh. (VHUFL]LR²&UHDUHXQDPHVKSROLJRQDOHSHUHVSRUWDUHXQPRGHOOR &UHDUHXQDPHVK Selezionare il piano d appoggio del tavolo. Dal menu 7RROV, cliccare 3RO\JRQ0HVK e quindi cliccare )URP185%62EMHFW. Mesh from NURBS object Robert McNeel & Associates 378

385 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 Nella finestra di dialogo &UHDWHSRO\JRQPHVKIURP185%6REMHFW, cliccare 2.. V A seguito di questa operazione si è creata una mesh che può esser quindi esportata: in questo modo è possibile avere un maggior controllo sulle mesh da esportare in altre applicazioni. Robert McNeel & Associates 379

386 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V 5HDOL]]DUHXQGLVHJQRELGLPHQVLRQDOHGDXQPRGHOORWULGLPHQVLRQDOH In Rhino è possibile generare un disegno bidimensionale da un modello tridimensionale proiettando il piano di coordinate assolute e allineando le viste. Sono inoltre disponibili delle opzioni per impostare il primo ed il terzo angolo di proiezione e, oltre alle tre viste ortografiche, sono disponibili anche due viste bidimensionali. Si ricorda che la geometria può possedere segmenti duplicati o linee nascoste che non sono rimosse. Per quanto riguarda l opzione per creare 4 viste, vi sono tre viste parallele ed una prospettica o una vista singola per ciascuna viewport supportata. Il comando Make2D realizza un disegno bidimensionale da un modello tridimensionale nella viewport corrente perciò si selezioni il modello nella viewport con la vista desiderata. Il comando Make2D4View è eseguibile in tutte e quattro le viewport perciò selezionare la viewport Perspective per ottenere le quattro proiezioni. Selezionando invece una viewport parallela, si otterranno tre viste esclusa quella prospettica. (VHUFL]LR²2WWHQHUHXQGLVHJQRELGLPHQVLRQDOHGDHVSRUWDUHLQXQ DOWUDDSSOLFD]LRQH &UHDUHXQGLVHJQRELGLPHQVLRQDOHGDXQPRGHOORWULGLPHQVLRQDOH Aprire il modello 9EORFN. Dal menu &XUYH, cliccare )URP2EMHFWV e quindi cliccare '8WLOLWLHV. Cliccare infine 0DNH''UDZLQJZLWK 9LHZV Al prompt 6HOHFWREMHFWVWRGUDZ3URMHFWLRQ$QJOH 86, selezionare il modello V-Block nella viewport Perspective. Al prompt 6HOHFWREMHFWVWRGUDZ3URMHFWLRQ$QJOH 86, premere INVIO. A seguito di tale operazione è creato un disegno bidimensionale nella viewport Top, all origine del piano x-y nel sistema di coordinate assolute. Visualizzare tali proiezioni nella viewport Top. Massimizzare la viewport7rs. Robert McNeel & Associates 380

387 Eseguire il comando=rrp([whqwv. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V (VSRUWDUHLOGLVHJQRELGLPHQVLRQDOHQHO$XWR&$' Dal menu (GLW, cliccare 6HOHFW e quindi cliccare $OO. Cliccare 2Q/D\HU«ed infine cliccare GGUDZLQJ. Gli oggetti bidimensionali si evidenziano. Dal menu )LOH, cliccare ([SRUW6HOHFWHG. Modificare 6DYHDVW\SH a $XWR&$' ':*il )LOHQDPH a 9EORFNGZJ quindi cliccare6dyh Robert McNeel & Associates 381

388 Nella finestra di dialogo $XWR&$'([SRUW2SWLRQV, impostare :ULWH6XUIDFHV come 0HVKHV, :ULWH&XUYHV come 6SOLQHV, :ULWH0HVKHV come 3RO\IDFH0HVKHV, Versione AutoCAD a 5HOHDVH, selezionare la casella 8VH 6LPSOH(QWLWLHV, impostare la Simplify tolerance a, cliccare 2.. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Robert McNeel & Associates 382

389 Avviare l AutoCAD ed aprire il file 9EORFN':*. Il disegno può esser quotato e si possono sia modificare i tipi di linea che aggiungere dei layer per il plottaggio. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Robert McNeel & Associates 383

390

391 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V 5HQGHULQJ 5HQGHUL]]DUHXQPRGHOOR Il processo di rendering permette di visualizzare il modello come se fosse stato fotografato. Nonostante il rendering in Rhino fornisca buoni risultati per la maggior parte delle esigenze, si consiglia di utilizzare un applicazione specializzata nel rendering per ottenere risultati di migliore qualità. In Rhino vi sono due modalità di rendering: Rendering veloce, in cui viene visualizzata in anteprima un immagine ombreggiata in scala di grigi Rendering più sofisticato, in cui sono usati i colori, le sorgenti di luce direzionale e, oltre a visualizzare le ombre, si applica l anti-aliasing. E possibile assegnare al modello texture e bump map. Nell esercizio seguente si prenderà in considerazione il processo di rendering in Rhino. (VHUFL]LR²5HQGHULQJGLXQPRGHOOR 5HQGHULQJGLXQPRGHOOR Aprire il modello 6FUHZGULYHU. Cliccare nella viewport3huvshfwlyh. Shade Robert McNeel & Associates 385

392 Dal menu 5HQGHU, cliccare 6KDGH A seguito di questa operazione, è stato eseguito un rendering in toni di grigio. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Dal menu 5HQGHU, cliccare 5HQGHU Appare una finestra di visualizzazione in cui si presenta il modello renderizzato in toni di grigio nella viewport corrente. E possibile chiudere la Finestra di Visualizzazione senza intervenire sul modello. E inoltre possibile posizionare alcune luci, aggiungere colori e illuminare il modello. Render Robert McNeel & Associates 386

393 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 3RVL]LRQDUHXQDOXFH Si illustrerà uno schema base di illuminazione e successivamente sarà possibile sviluppare un sistema di illuminazione personale. Eseguire il comando=rrp RXW nella viewport 7RS e )URQW. Passare al layer /LJKW. Dal menu 5HQGHU, cliccare &UHDWH6SRWOLJKW Al prompt %DVHRIFRQH9HUWLFDO, scegliere un punto cacciavite nella viewport )URQW vicino al centro e leggermente al di sopra del. V Spotlight Robert McNeel & Associates 387

394 Al prompt 5DGLXV!'LDPHWHU, scegliere un punto nella viewport 7RS in modo tale che il raggio sia maggiore dell intero cacciavite. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Al prompt (QGRIFRQH, premere il tasto CTRL e scegliere un punto al di sotto e a sinistra della viewport 7RS. Questa operazione avvierà la modalità elevatore. Robert McNeel & Associates 388

395 Al prompt (QGRIFRQH, cliccare al di sopra l oggetto nella viewport )URQW. Questa operazione imposta la luce principale sull oggetto. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Cliccare nella viewport 3HUVSHFWLYH. Dal menu 5HQGHU, cliccare 5HQGHU L immagine presenta alcune parti illuminate e altre in ombra. 3RVL]LRQDUHXQDVHFRQGDOXFH Eseguire il comando =RRP RXW nelle viewport 7RS e)urqw Robert McNeel & Associates 389

396 Passare al layer /LJKW. Dal menu 5HQGHU, cliccare &UHDWH6SRWOLJKW Al prompt %DVHRIFRQH9HUWLFDO, scegliere un punto a destra e leggermente al di sotto del cacciavite e coprire la metà di quest ultimo nella viewport 7RS. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Spotlight Al prompt 5DGLXV!'LDPHWHU, scegliere un punto in modo tale che il raggio sia maggiore dell intero cacciavite nella viewport 7RS. Robert McNeel & Associates 390

397 Al prompt (QGRIFRQH, cliccare a destra e leggermente al di sotto dell oggetto nella viewport 7RS. Questa operazione imposta la seconda luce. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Cliccare nella viewport 3HUVSHFWLYH. Dal menu 5HQGHU, cliccare 5HQGHU L immagine del cacciavite appare privata dello spigolo frontale della punta del cacciavite. Per evitare questo problema è necessario diminuire l intensità di tale luce. Robert McNeel & Associates 391

398 ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 $VVHJQDUHXQFRORUHDOODOXFH Selezionare il cono della luce secondaria. Dal menu (GLW, cliccare 2EMHFW3URSHUWLHV Appare la finetra di dialogo 2EMHFW3URSHUWLHV V Object Color Robert McNeel & Associates 392

399 Nella finetra di dialogo 2EMHFW3URSHUWLHV, cliccare 5HQGHUFRORU. A seguito di tale operazione appare la finestra di dialogo Choose a Color. ( Ä ( 6 7, / 2 Ã 1 2 Ã ' ( ), 1, ' 2 V Digitare nella casella YDOXH il numero e cliccare 2.. Nella finestra di dialogo 2EMHFW3URSHUWLHV, cliccare 2.. Robert McNeel & Associates 393

Iniziare CAPITOLO 1. Obiettivi

Iniziare CAPITOLO 1. Obiettivi CAPITOLO 1 Iniziare Obiettivi Richiamare i comandi di AutoCAD tramite menu, menu di schermo, digitalizzatore, riga di comando o barre degli strumenti Comprendere il funzionamento delle finestre di dialogo

Dettagli

Modellare un bottiglia

Modellare un bottiglia Modellare un bottiglia In alcuni modelli è necessario prestare particolare attenzione ai dettagli e la modellazione della bottiglia illustrata di seguito ne rappresenta un esempio. Verranno descritte inoltre

Dettagli

Rhinoceros NURBS modeling for Windows

Rhinoceros NURBS modeling for Windows Rhinoceros NURBS modeling for Windows Guida pratica Livello 1 Versione 4.0 R40TML1 giu-2008 Rhinoceros Level 1 Training Manual v4.0 Robert McNeel & Associates 2008 Tutti i diritti riservati. Stampato negli

Dettagli

Claudio Gussini Programma dei Corsi I e II Livello

Claudio Gussini Programma dei Corsi I e II Livello Claudio Gussini Programma dei Corsi I e II Livello Livello I - Modellazione Base - In questi primi tre giorni di corso, gli allievi impareranno a disegnare e modificare accuratamente modelli in NURBS-3D.

Dettagli

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9 Indice III Indice Unità 1 Il personal computer, 1 1.1 Struttura del personal computer, 2 1.2 Il software, 5 1.3 I dispositivi informatici di stampa, 6 1.4 Il disegno al computer, 7 1.5 La fotografia digitale,

Dettagli

AutoCAD 2D Corso di base

AutoCAD 2D Corso di base AutoCAD 2D Corso di base Introduzione C.A.D. (Computer Aided Design) Permette di disegnare con l aiuto del computer. Le più diffuse applicazioni di AutoCAD sono: disegni architettonici ; disegni di interni;

Dettagli

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere 3.3 Formattazione Formattare un testo Modificare la formattazione del carattere Cambiare il font di un testo selezionato Modificare la dimensione e il tipo di carattere Formattazione del carattere In Word,

Dettagli

Creazione di uno schizzo nella modellazione sincrona

Creazione di uno schizzo nella modellazione sincrona Creazione di uno schizzo nella modellazione sincrona Numero di pubblicazione spse01510 Creazione di uno schizzo nella modellazione sincrona Numero di pubblicazione spse01510 Informativa sui diritti di

Dettagli

AutoCAD 2D. Corso di base. Roberta Virili

AutoCAD 2D. Corso di base. Roberta Virili AutoCAD 2D Corso di base Roberta Virili Introduzione C.A.D. (Computer Aided Design) Permette di disegnare con l aiuto del computer. Le più diffuse applicazioni di AutoCAD sono: disegni architettonici ;

Dettagli

Indice. Indice vi- III. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9

Indice. Indice vi- III. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9 Percezione Costruzioni e comunicazione geometriche Indice vi- III Indice Unità 1 Il personal computer, 1 1.1 Struttura del personal computer, 2 1.2 Il software, 5 1.3 I dispositivi informatici di stampa,

Dettagli

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico 1 Finestra principale di Excel 2 Finestra principale di Excel Questi pulsanti servono per ridurre ad icona, ripristinare e chiudere la finestra dell applicazione.

Dettagli

FINSON EXTRACAD 6 Manuale d uso minimo

FINSON EXTRACAD 6 Manuale d uso minimo FINSON EXTRACAD 6 minimo AVVIO Attraverso l icona ExtraCAD 2D presente sul desktop o tra i programmi del menù Start. In alcuni casi il software potrebbe non essere stato installato nella cartella Programmi,

Dettagli

Capitolo 11. Il disegno in 3D

Capitolo 11. Il disegno in 3D Capitolo 11 Il disegno in 3D o 11.1 Uso delle coordinate nello spazio o 11.2 Creazione di oggetti in 3D o 11.3 Uso dei piani di disegno in 3D (UCS) o 11.4 Creazione delle finestre di vista o 11.5 Definizione

Dettagli

L'INTERFACCIA DI AUTOCAD

L'INTERFACCIA DI AUTOCAD L'INTERFACCIA DI AUTOCAD L'interfaccia di autocad: la schermata di ingresso questa è la prima schermata che si presenta all'utente all'apertura di Autocad. Come si può vedere le barre strumenti non sono

Dettagli

Foglio elettronico (StarOffice)

Foglio elettronico (StarOffice) Modulo Foglio elettronico (StarOffice) Modulo - Foglio elettronico, richiede che il candidato comprenda il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma corrispondente. Deve comprendere

Dettagli

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D AutoCAD 3D Lavorare nello spazio 3D Differenze tra 2D e 3 D La modalità 3D include una direzione in più: la profondità (oltre l altezza e la larghezza) Diversi modi di osservazione Maggiore concentrazione

Dettagli

Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 4 - docente Giuseppe Modica - A.A. 2010-2011. AutoCAD. Creazione di un Nuovo Disegno.

Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 4 - docente Giuseppe Modica - A.A. 2010-2011. AutoCAD. Creazione di un Nuovo Disegno. Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 4 - docente Giuseppe Modica - AutoCAD Creazione di un Nuovo Disegno Everyday drafting will never be the same Laboratorio CAD docente: Giuseppe 1 Modica Creare un

Dettagli

CORSO PRATICO WinWord

CORSO PRATICO WinWord CORSO PRATICO WinWord AUTORE: Renato Avato 1. Strumenti Principali di Word Il piano di lavoro di Word comprende: La Barra del Titolo, dove sono posizionate le icone di ridimensionamento: riduci finestra

Dettagli

Modulo 6 Strumenti di presentazione - Open Office Impress Ivana Sacchi - 2003

Modulo 6 Strumenti di presentazione - Open Office Impress Ivana Sacchi - 2003 6.1.1 Primi passi con gli strumenti di presentazione 6.1.1.1 Aprire un programma di presentazione. 1. Premi il pulsante Start sulla Barra delle funzioni di Windows. 2. Seleziona il menu Programmi. 3. Cerca

Dettagli

AutoCAD 3D base. Arch. Antonella Cafiero Studio di Architettura Lighting Design ss 275 km 19.900 Miggiano -LEwww.cafieroarchitettura.

AutoCAD 3D base. Arch. Antonella Cafiero Studio di Architettura Lighting Design ss 275 km 19.900 Miggiano -LEwww.cafieroarchitettura. AutoCAD 3D base 1 - Dialogo con AutoCAD Sistema di riferimento Specificazione dei punti Selezione di oggetti Personalizzazione dell ambiente operativo Creazione di un nuovo disegno Apertura di un disegno

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

1 Flusso di lavoro di progettazione delle strutture

1 Flusso di lavoro di progettazione delle strutture Lezione 1 Flusso di lavoro di progettazione delle strutture Informazioni generali sulla progettazione delle strutture È possibile creare segmenti di percorso e strutture utilizzando l applicazione Progettazione

Dettagli

Foglio elettronico. Foglio elettronico EXCEL. Utilizzo. Contenuto della cella. Vantaggi EXCEL. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.

Foglio elettronico. Foglio elettronico EXCEL. Utilizzo. Contenuto della cella. Vantaggi EXCEL. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio. Foglio elettronico Foglio elettronico EXCEL Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it Il foglio elettronico è un programma interattivo, che mette a disposizione dell utente una matrice di righe

Dettagli

Il controllo della visualizzazione

Il controllo della visualizzazione Capitolo 3 Il controllo della visualizzazione Per disegnare in modo preciso è necessario regolare continuamente l inquadratura in modo da vedere la parte di disegno che interessa. Saper utilizzare gli

Dettagli

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Versione 1.0 Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Corso anno 2011 D. MANUALE UTILIZZO DEL VISUALIZZATORE Il Visualizzatore è un programma che permette di

Dettagli

MODULO 3 Foglio elettronico

MODULO 3 Foglio elettronico MODULO 3 Foglio elettronico I contenuti del modulo: Questo modulo verifica la comprensione da parte del corsista dei concetti fondamentali del foglio elettronico e la sua capacità di applicare praticamente

Dettagli

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE 1 MICROSOFT WORD INTRODUZIONE Word è il programma più diffuso per elaborazione di testi, il cui scopo fondamentale è assistere l utente nelle operazioni di digitazione, revisione e formattazione di testi.

Dettagli

Comandi base di Autocad

Comandi base di Autocad Comandi base di Autocad Gli appunti di Autocad che seguono sono generali, ma possono subire qualche lieve variazione in base alla versione utilizzata oppure nelle versioni più recenti possono essere stati

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

3 Creare e modificare forme

3 Creare e modificare forme 3 Creare e modificare forme Panoramica della lezione In questa lezione imparerai come: Creare un documento con più tavole da disegno. Utilizzare strumenti e comandi per creare forme di base. Lavorare con

Dettagli

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php MODULO 3 Microsoft Excel TEST ED ESERCIZI SU: http:///ecdl/excel/index.php Foglio Elettronico - SpreadSheet Un foglio elettronico (in inglese spreadsheet) è un programma applicativo usato per memorizzare

Dettagli

La carta intelligente: l ambiente layout

La carta intelligente: l ambiente layout La carta intelligente: l ambiente layout Un layout di AutoCAD è paragonabile a un foglio di carta e vi consente di impostare alcune opzioni tra cui quelle di stampa. In un disegno avete la possibilità

Dettagli

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Credo sia utile impostare fin da subito le unità di misura. InDesign > Unità e incrementi Iniziamo poi creando un nuovo documento. File

Dettagli

GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D

GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D Marzo 2015 (manuale on-line, con aggiunte a cura di L. Tomasi) Questo articolo si riferisce a un componente della interfaccia utente di GeoGebra. Viste Menu Vista Algebra

Dettagli

Manuale elettronico Selection CAD

Manuale elettronico Selection CAD Manuale elettronico Selection CAD Versione: 1.0 Nome: IT_AutoCAD_V1.PDF Argomenti: 1 Nozioni generali su Selection CAD (AutoCAD)...2 2 Interfaccia AutoCAD...2 2.1 Funzioni di menu...2 2.2 Funzioni delle

Dettagli

lo 2 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000

lo 2 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000 Capittol lo 2 Visualizzazione 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000 Nel primo capitolo sono state analizzate le diverse componenti della finestra di Word 2000: barra del titolo, barra dei menu,

Dettagli

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail. Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.com Indice: La finestra di Word Barra del titolo Barra dei menu Barra degli

Dettagli

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività Foglio Elettronico Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti Tasto dx 1 clic sul pulsante

Dettagli

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1 Microsoft Access - Determinare l input appropriato per il database...2 Determinare l output appropriato per il database...2 Creare un database usando l autocomposizione...2 Creare la struttura di una tabella...4

Dettagli

Introduzione a PowerPoint

Introduzione a PowerPoint Office automation - Dispensa su PowerPoint Pagina 1 di 11 Introduzione a PowerPoint Premessa Uno strumento di presentazione abbastanza noto è la lavagna luminosa. Questo strumento, piuttosto semplice,

Dettagli

www.informarsi.net MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http://www.informarsi.net/ecdl/powerpoint/

www.informarsi.net MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http://www.informarsi.net/ecdl/powerpoint/ MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http:///ecdl/powerpoint/ INTERFACCIA UTENTE TIPICA DI UN SOFTWARE DI PRESENTAZIONE APERTURA E SALVATAGGIO DI UNA PRESENTAZIONE

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Facoltà di Economia Università di Foggia. Prof. Crescenzio Gallo

Laboratorio di Informatica. Facoltà di Economia Università di Foggia. Prof. Crescenzio Gallo . Laboratorio di Informatica Facoltà di Economia Università di Foggia Prof. Crescenzio Gallo Word è un programma di elaborazione testi che consente di creare, modificare e formattare documenti in modo

Dettagli

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3 Foglio elettronico OpenOffice.org Calc 1.1.3 PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Aprire il programma Menu Avvio applicazioni Office OpenOffice.org Calc. Chiudere il programma Menu File Esci. Pulsanti

Dettagli

STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003

STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003 STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003 INDICE 1 Strumenti di Presentazione... 4 2 Concetti generali di PowerPoint... 5 2.1 APRIRE POWERPOINT... 5 2.2 SELEZIONE DEL LAYOUT... 6 2.3 SALVARE LA PRESENTAZIONE...

Dettagli

Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3

Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3 Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3 Lezione 1 di 3 Introduzione a Word 2007 e all elaborazione testi Menù Office Scheda Home Impostazioni di Stampa e stampa Righello Intestazione e piè di pagina

Dettagli

autocad sommario 12-10-2006 23:50 Pagina V Indice Introduzione

autocad sommario 12-10-2006 23:50 Pagina V Indice Introduzione autocad sommario 12-10-2006 23:50 Pagina V Indice Introduzione XV Capitolo 1 Introduzione ad AutoCAD 1 1.1 Comprensione della finestra di AutoCAD 1 Componenti della finestra 5 Area di disegno 9 Barra dei

Dettagli

Microsoft Word Nozioni di base

Microsoft Word Nozioni di base Corso di Introduzione all Informatica Microsoft Word Nozioni di base Esercitatore: Fabio Palopoli SOMMARIO Esercitazione n. 1 Introduzione L interfaccia di Word Gli strumenti di Microsoft Draw La guida

Dettagli

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Pagina 1 di 32 USARE WORD - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu pag.

Dettagli

USARE WORD - non solo per scrivere -

USARE WORD - non solo per scrivere - GUIDA WORD USARE WORD - non solo per scrivere - corso Word Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu

Dettagli

Il Foglio Elettronico. Microsoft Excel

Il Foglio Elettronico. Microsoft Excel Il Foglio Elettronico 1 Parte I Concetti generali Celle e fogli di lavoro.xls Inserimento dati e tipi di dati Importazione di dati Modifica e formattazione di fogli di lavoro FOGLIO ELETTRONICO. I fogli

Dettagli

Il foglio elettronico: Excel

Il foglio elettronico: Excel Il foglio elettronico: Excel Laboratorio di Informatica Corso di Laurea triennale in Biologia Dott. Fabio Aiolli (aiolli@math.unipd.it) Dott.ssa Elisa Caniato (ecaniato@gmail.com) Anno accademico 2007-2008

Dettagli

Breve guida a WORD per Windows

Breve guida a WORD per Windows 1. COSA È Il Word della Microsoft è pacchetto applicativo commerciale che rientra nella categoria dei word processor (elaboratori di testi). Il Word consente il trattamento avanzato di testi e grafica,

Dettagli

Tutorial gvsig. Versione 1.1

Tutorial gvsig. Versione 1.1 Tutorial gvsig Versione 1.1 24/10/2007 Tutorial gvsig - Versione 1.1 www.gvsig.org Testo e screenshot a cura di R3 GIS Srl Via Johann Kravogl 2 39012 Merano (BZ) Italia Tel. +39 0473 494949 Fax +39 0473

Dettagli

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 1. Novità di Excel 2003 MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 CAPITOLO 1 Microsoft Office Excel 2003 ha introdotto alcune novità ed ha apportato miglioramenti ad alcune funzioni già esistenti nelle precedenti versioni

Dettagli

Ipsia Monza via Monte Grappa 1 20052 Monza (MI) tel. 039-2003476 fax 039-2003475. Corsi CAD 2D Base. Struttura modulare

Ipsia Monza via Monte Grappa 1 20052 Monza (MI) tel. 039-2003476 fax 039-2003475. Corsi CAD 2D Base. Struttura modulare Corsi CAD 2D Base Struttura modulare Struttura della Parte I Concetti di base 1.a introduzione al Cad 2 1.b definizione delle viste 2 1.c interscambio dei disegni 2 1.d visualizzazione dei disegni 2 Tot.

Dettagli

APPUNTI WORD PER WINDOWS

APPUNTI WORD PER WINDOWS COBASLID Accedemia Ligustica di Belle Arti Laboratorio d informatica a.a 2005/06 prof Spaccini Gianfranco APPUNTI WORD PER WINDOWS 1. COSA È 2. NOZIONI DI BASE 2.1 COME AVVIARE WORD 2.2 LA FINESTRA DI

Dettagli

CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI

CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI Benvenuti a tutti al corso sull utilizzo di Autocad, in questa prima lezione voglio quali sono i principi base del funzionamento di Autocad. Autocad non è nient altro che

Dettagli

XnView. Visualizzatore/Convertitore di formato per immagini. Guida di riferimento alle funzionalità principali

XnView. Visualizzatore/Convertitore di formato per immagini. Guida di riferimento alle funzionalità principali XnView Visualizzatore/Convertitore di formato per immagini Guida di riferimento alle funzionalità principali Questa guida è stata realizzata dall'aiuto in linea di XnView ed ha lo scopo di essere un riferimento

Dettagli

Manuale d uso - Pencil 0.4.3b by Pascal Naidon - 21 Luglio 2007 (da completare)

Manuale d uso - Pencil 0.4.3b by Pascal Naidon - 21 Luglio 2007 (da completare) Manuale d uso - Pencil 0.4.3b by Pascal Naidon - 21 Luglio 2007 (da completare) Traduzione di Eros Bottinelli Introduzione Un documento di Pencil è basato sui livelli. Ci sono attualmente quattro tipi

Dettagli

Modulo 4 Strumenti di presentazione

Modulo 4 Strumenti di presentazione Modulo 4 Strumenti di presentazione Scopo del modulo è mettere l allievo in grado di: o descrivere le funzionalità di un software per generare presentazioni. o utilizzare gli strumenti standard per creare

Dettagli

AUTOCAD INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE

AUTOCAD INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE AUTOCAD INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE AUTOCAD è un programma costruito dall AUTODESK, casa leader nella costruzione di software nel campo della progettazione CAD. (computer aided design) Nasce nei

Dettagli

lo 4 1. SELEZIONARE; le celle da tagliare (spostare) 2. Comando TAGLIA

lo 4 1. SELEZIONARE; le celle da tagliare (spostare) 2. Comando TAGLIA Capittol lo 4 Copia Taglia Incolla 4-1 - Introduzione Durante la stesura di un foglio di lavoro o durante un suo aggiornamento, può essere necessario copiare o spostare dati e formule. Per questo sono

Dettagli

Microsoft Paint. Per far partire il programma occorre cliccare su START \ PROGRAMMI \ ACCESSORI \ PAINT

Microsoft Paint. Per far partire il programma occorre cliccare su START \ PROGRAMMI \ ACCESSORI \ PAINT Microsoft Paint Paint è uno strumento di disegno che consente di creare disegni sia semplici che elaborati. È possibile creare disegni in bianco e nero o a colori e salvarli come file bitmap. I disegni

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE D. MILANI MONTICHIARI CORSO DI AUTOCAD 2014/15 DOCENTE :GIOACCHINO IANNELLO

ISTITUTO SUPERIORE D. MILANI MONTICHIARI CORSO DI AUTOCAD 2014/15 DOCENTE :GIOACCHINO IANNELLO ISTITUTO SUPERIORE D. MILANI MONTICHIARI CORSO DI AUTOCAD 2014/15 DOCENTE :GIOACCHINO IANNELLO AutoCAD (prodotto dall'autodesk) è, senza dubbio, il programma più diffuso nel campo del disegno tecnico assistito

Dettagli

GREASE Gis Rich Internet Application Enterprise and Services. Manuale d'uso

GREASE Gis Rich Internet Application Enterprise and Services. Manuale d'uso GREASE Gis Rich Internet Application Enterprise and Services Manuale d'uso Indice generale Visualizzatore GREASE...1 Toolbar...3 FUNZIONI DI BASE...3 Annulla selezione...4 Aggiornamento...4 Stampa...4

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO DI EXCEL

GUIDA RAPIDA ALL USO DI EXCEL GUIDA RAPIDA ALL USO DI EXCEL I fogli elettronici vengono utilizzati in moltissimi settori, per applicazioni di tipo economico, finanziario, scientifico, ingegneristico e sono chiamati in vari modi : fogli

Dettagli

L interfaccia. La barra delle applicazioni. MS Windows Barra delle Applicazioni

L interfaccia. La barra delle applicazioni. MS Windows Barra delle Applicazioni Windows XP In questa sezione, si desidero evidenziare le caratteristiche principali di Windows cercando possibilmente di suggerire, per quanto possibile, le strategie migliori per lavorare velocemente

Dettagli

INDICE L ambiente di lavoro... 2 Interfaccia di Word... 2 Le visualizzazioni... 5 Digitazione e revisione del testo...6 Modalità di selezione del

INDICE L ambiente di lavoro... 2 Interfaccia di Word... 2 Le visualizzazioni... 5 Digitazione e revisione del testo...6 Modalità di selezione del INDICE L ambiente di lavoro... 2 Interfaccia di Word... 2 Le visualizzazioni... 5 Digitazione e revisione del testo...6 Modalità di selezione del testo... 6 Selezione attraverso il mouse... 6 Selezione

Dettagli

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Base offre la possibilità di creare database strutturati in termini di oggetti, quali tabelle, formulari, ricerche e rapporti, di visualizzarli e utilizzarli in diverse modalità.

Dettagli

AUTOCAD. Corso base 2D

AUTOCAD. Corso base 2D 1 AUTOCAD Corso base 2D Come avviare Autocad 1) Icona sul desktop (cliccare due volte) 2) Start Programmi Autocad Autocad. (La freccia vale un clic sinistro del mouse) 3) Barra delle applicazioni (basta

Dettagli

Corsi ECDL 2008 2009 Fabio Naponiello

Corsi ECDL 2008 2009 Fabio Naponiello Chi inizia un'attività di ufficio con l ausilio di strumenti informatici, si imbatte subito nei comuni e ricorrenti lavori di videoscrittura. Redigere lettere, comunicati, piccole relazioni ecc, sono tipiche

Dettagli

MArine Coastal Information SysTEm

MArine Coastal Information SysTEm GUIDA ALL UTILIZZO DELL INTERFACCIA CARTOGRAFICA Il MArine Coastal Information SysTEm è un sistema informativo integrato che permette di gestire dati ambientali interdisciplinari (fisici, chimici e biologici)

Dettagli

Microsoft PowerPoint

Microsoft PowerPoint Microsoft introduzione a E' un programma che si utilizza per creare presentazioni grafiche con estrema semplicità e rapidità. Si possono realizzare presentazioni aziendali diapositive per riunioni di marketing

Dettagli

Il foglio elettronico

Il foglio elettronico Il foglio elettronico Foglio di calcolo, Spreadsheet in inglese, Permette di elaborare DATI NUMERICI. E una TABELLA che contiene numeri che possono essere elaborati con FUNZIONI matematiche e statistiche.

Dettagli

SCRIVERE TESTI CON WORD

SCRIVERE TESTI CON WORD SCRIVERE TESTI CON WORD Per scrivere una lettera, un libro, una tesi, o un semplice cartello occorre un programma di elaborazione testo. Queste lezioni fanno riferimento al programma più conosciuto: Microsoft

Dettagli

Capitolo I Esercitazione n. 1: Uso del computer e gestione dei file

Capitolo I Esercitazione n. 1: Uso del computer e gestione dei file Capitolo I Esercitazione n. 1: Uso del computer e gestione dei file Scopo: Windows, creare cartelle, creare e modificare file di testo, usare il cestino, spostare e copiare file, creare collegamenti. A

Dettagli

Operazioni fondamentali

Operazioni fondamentali Elaborazione testi Le seguenti indicazioni valgono per Word 2007, ma le procedure per Word 2010 sono molto simile. In alcuni casi (per esempio, Pulsante Office /File) ci sono indicazioni entrambe le versioni.

Dettagli

Introduzione a Word. Prima di iniziare. Competenze che saranno acquisite. Requisiti. Tempo stimato per il completamento:

Introduzione a Word. Prima di iniziare. Competenze che saranno acquisite. Requisiti. Tempo stimato per il completamento: Introduzione a Word Word è una potente applicazione di elaborazione testi e layout, ma per utilizzarla nel modo più efficace è necessario comprenderne gli elementi di base. Questa esercitazione illustra

Dettagli

Guida all'utilizzo di "Ambiente Italia 3D"

Guida all'utilizzo di Ambiente Italia 3D Guida all'utilizzo di "Ambiente Italia 3D" MATTM-SCC-DM0006-V01-01 Pagina 1 di 34 Sommario 1 Avvio del programma Ambiente Italia 3D 3 2 Elementi dell'interfaccia 5 2.1 Il visualizzatore 5 2.2 La barra

Dettagli

Il Windows di sempre, semplicemente migliorato. Guida rapida di Windows 8.1 Update

Il Windows di sempre, semplicemente migliorato. Guida rapida di Windows 8.1 Update Il Windows di sempre, semplicemente migliorato. Guida rapida di Windows 8.1 Update Alla scoperta della schermata Start La schermata Start contiene tutte le informazioni più importanti per te. Con i riquadri

Dettagli

Guida rapida dei comandi

Guida rapida dei comandi Guida rapida dei comandi Guida rapida dei comandi Questo capitolo presenta una rapida panoramica dei comandi di PRO_SAP con le relative modalità di accesso. Le informazioni presentate per ogni comando

Dettagli

Corso di Informatica di Base

Corso di Informatica di Base Corso di Informatica di Base LEZIONE N 3 Cortina d Ampezzo, 4 dicembre 2008 ELABORAZIONE TESTI Grazie all impiego di programmi per l elaborazione dei testi, oggi è possibile creare documenti dall aspetto

Dettagli

EasyPrint v4.15. Gadget e calendari. Manuale Utente

EasyPrint v4.15. Gadget e calendari. Manuale Utente EasyPrint v4.15 Gadget e calendari Manuale Utente Lo strumento di impaginazione gadget e calendari consiste in una nuova funzione del software da banco EasyPrint 4 che permette di ordinare in maniera semplice

Dettagli

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4 Foglio Elettronico PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File

Dettagli

Corso base AutoCAD 2D-3D. Corso AA. 2013-2014 Docente : Arch. Antonella Cafiero

Corso base AutoCAD 2D-3D. Corso AA. 2013-2014 Docente : Arch. Antonella Cafiero Corso base AutoCAD 2D-3D Corso AA. 2013-2014 Docente : Arch. Antonella Cafiero 1 - Introduzione ad AutoCAD Interfaccia grafica GUI Uso della tastiera Uso del mouse Barra dei menu Menu di scelta rapida

Dettagli

Nuovo documento Anteprima di stampa Collegamento Zoom. Apri Controllo ortografico Annulla Sorgente dati. Salva Controllo automatico Ripristina Gallery

Nuovo documento Anteprima di stampa Collegamento Zoom. Apri Controllo ortografico Annulla Sorgente dati. Salva Controllo automatico Ripristina Gallery Writer è il programma per l'elaborazione di testi della suite OpenOffice.org che ti consente di creare documenti, lettere, newsletter, brochures, grafici, etc. Gli elementi dello schermo: Di seguito le

Dettagli

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1 MICROSOFT ACCESS Premessa ACCESS è un programma di gestione di banche dati, consente la creazione e modifica dei contenitori di informazioni di un database (tabelle), l inserimento di dati anche mediante

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti.

POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti. 1 POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti. Le presentazioni sono composte da varie pagine chiamate diapositive

Dettagli

Come iniziare. Argomenti in questo capitolo. Questo capitolo spiega come installare il software e fornisce le informazioni basilari riguardo all'uso.

Come iniziare. Argomenti in questo capitolo. Questo capitolo spiega come installare il software e fornisce le informazioni basilari riguardo all'uso. 2 Come iniziare Questo capitolo spiega come installare il software e fornisce le informazioni basilari riguardo all'uso. NOTA Questa guida presume che l'utente abbia già usato altri programmi basati su

Dettagli

4. Strumenti di aiuto al lavoro

4. Strumenti di aiuto al lavoro 4. Strumenti di aiuto al lavoro GRIGLIA E SNAP La GRIGLIA è una matrice rettangolare di punti o linee (a seconda dello stile di visualizzazione) disposti secondo un intervallo X e Y che si estende sull'area

Dettagli

Fondamenti di informatica. Word Elaborazione di testi

Fondamenti di informatica. Word Elaborazione di testi Fondamenti di informatica Word Elaborazione di testi INTRODUZIONE Cos è Word? u Word è un word processor WYSIWYG (What You See Is What You Get) u Supporta l utente nelle operazioni di: Disposizione del

Dettagli

il foglio elettronico

il foglio elettronico 1 il foglio elettronico ecdl - modulo 4 toniorollo 2013 il modulo richiede 1/2 comprendere il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma di foglio elettronico per produrre dei

Dettagli

Corso di Informatica di Base

Corso di Informatica di Base Corso di Informatica di Base LEZIONE N 5 Cortina d Ampezzo, 8 gennaio 2009 FOGLIO ELETTRONICO Il foglio elettronico può essere considerato come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo

Dettagli

MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL)

MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) 1. Introduzione ai fogli elettronici I fogli elettronici sono delle applicazioni che permettono di sfruttare le potenzialità di calcolo dei Personal computer. Essi

Dettagli

UN USO DIVERSO DEL COMANDO RACCORDA

UN USO DIVERSO DEL COMANDO RACCORDA UN USO DIVERSO DEL COMANDO RACCORDA Il comando raccorda ha anche un uso diverso da quello di smussare gli angoli di polinee o di poligoni.. Può servire per ottenere un tipo molto particolare di ESTENDI.

Dettagli

MODELLAZIONE SOLIDA. Scheda Solidi. Disegno di un parallelepipedo

MODELLAZIONE SOLIDA. Scheda Solidi. Disegno di un parallelepipedo MODELLAZIONE SOLIDA Cliccando con il tasto destro sulla barra grigia in alto attiviamo la scheda dei Solidi > Gruppo di schede > Solidi. Tale scheda si compone di diversi gruppi: il gruppo di Modellazione

Dettagli

Foglio di calcolo. Numero Valuta Testo Data e Ora Percentuale

Foglio di calcolo. Numero Valuta Testo Data e Ora Percentuale Foglio di calcolo Foglio di calcolo Foglio organizzato in forma matriciale: migliaia di righe e centinaia di colonne In corrispondenza di ciascuna intersezione tra riga e colonna vi è una CELLA Una cella

Dettagli