Quaderno Settimanale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quaderno Settimanale"

Transcript

1 qp quaderno professionale Quaderno Settimanale Circolare settimanale di aggiornamento e supporto professionale Numero 1 del 9 gennaio 2012 In questo numero: Flash stampa... 3 Il Giudice ha sentenziato L Approfondimento Provvedimento di attuazione del nuovo regime dei minimi L Approfondimento Provvedimento di attuazione del regime degli ex minimi L Approfondimento Fuoriuscita dal regime dei minimi: gli ademipimenti L Approfondimento Spesometro e comunicazioni all anagrafe tributaria: ulteriori istruzioni Le prossime scadenze... 62

2 Gruppo scientifico: Cerato Sandro Costa Gianfranco Ferla Fabio Ballabeni Marco Burzacchi Francesco Guidi Matteo Trevisan Michele Costa Francesco Tatone Alessandro

3 Flash stampa Conversione in legge Manovra Monti IL SOLE 24ORE È stato convertito in legge il D.L , n. 201 (cd. Manovra Monti ), che è in attesa di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Si riassumono di seguito alcuni fra i principali aspetti del provvedimento, con in particolare riferimento a quelli fiscali e previdenziali. Imu La reintroduzione dal 2012 dell Imposta municipale sull abitazione principale si accompagna a una serie di sconti per rendere meno pesante la tassazione. L aliquota di base è ridotta al 4 per mille (contro il 7,6 per mille previsto per gli altri immobili) accompagnata da una detrazione fissa da 200 euro e dà uno sconto ulteriore di 50 per ogni figlio, fino a un massimo di 400 euro. Bonus per chi rafforza il patrimonio Confermato già per il 2011 l aiuto alla crescita economica (Ace) per premiare, sul versante fiscale, le aziende che incrementano la propria dotazione di risorse sotto forma di nuovi conferimenti o di mancata distribuzione degli utili conseguiti, oltre che per rafforzare la struttura patrimoniale del sistema imprenditoriale. Il principio trova attuazione mediante il riconoscimento in deduzione dall imponibile di un rendimento figurativo del 3%, computato sulla variazione in aumento del capitale proprio rispetto a quello esistente alla chiusura dell esercizio in corso al Sconti Irap Dal 2012 aumenterà la deduzione dell Irap dalle imposte sul reddito: la parte relativa al costo del lavoro potrà essere scontata dall imponibile reddituale (Ires e Irpef). Lo sconto avverrà applicando il principio di cassa, (l Irap pagata nell anno). Pensioni Il diritto al pensionamento anticipato si acquisisce con il compimento dei 63 anni di età e con un anzianità contributiva di 20 anni. pagina 3 di 62

4 Regimi fiscali agevolati ed ex minimi PROVV. AGENZIA ENTRATE L ammontare mensile della prima rata di pensione non dovrà essere inferiore ad un importo pari a 2,8 volte l assegno sociale. I lavoratori autonomi vedranno aumentare, dal , le aliquote dovute alle gestioni artigiani, commercianti e coltivatori diretti dell Inps, che raggiungeranno del 2018 la misura del 24%. Le casse previdenziali private devono essere in grado di assicurare l equilibrio tra entrate contributive e spese per prestazioni pensionistiche per un periodo pari a 50 anni. L età di pensionamento delle lavoratrici dipendenti del settore privato viene innalzata a 62 anni ed a 63 anni e 6 mesi per le autonome. L equiparazione dell età tra la pensione di vecchiaia delle donne e quella degli uomini avverrà entro il 2018, tenendo conto della speranza di vita. Controlli fiscali Sono inasprite le sanzioni per i soggetti che non risultano in linea con il software Gerico, nonché incrementati i controlli per i soggetti considerati non congrui agli studi di settore. Dal gli operatori finanziari sono obbligati a comunicare periodicamente all Amministrazione Finanziaria tutte le movimentazioni che hanno interessato la loro clientela, comprese quelle al di fuori di un rapporto continuativo. Già dal i trasferimenti in denaro contante non devono superare i euro, a meno che non siano effettuati tramite banche, poste o moneta elettronica. L adeguamento dei libretti al portatore dovrà avvenire entro il Conti correnti e titoli I 34,20 euro di imposta di bollo sui conti correnti è richiesta solo a titolari di rapporti con giacenza superiore a euro. Per i conti correnti intestati a soggetti diversi dalle persone fisiche è previsto l incremento dell imposta di bollo da 73,80 a 100 euro. Dal sarà operativo il regime fiscale di vantaggio per gli under 35, lavoratori in mobilità e tutti i contribuenti che intendono iniziare un attività d impresa o di lavoro autonomo, che beneficiano di un aliquota pagina 4 di 62

5 Bozze modello IRAP 2012 PROT. N / /2011 IL SOLE 24ORE IL SOLE 24ORE sostitutiva dell Irpef fissata al 5%, oltre a numerose semplificazioni. Il regime dura 5 anni (per il 1 anno di attività e per i 4 successivi), ma questo limite non vale per i più giovani che possono usufruirne fino ai 35 anni. Possono accedere sia i contribuenti che aprono un attività ex novo sia coloro che l hanno intrapresa dopo il In aggiunta alle semplificazioni già previste per i vecchi minimi, il regime fiscale di vantaggio prevede un imposta sostitutiva di Irpef e addizionali, fissata al 5%, e la non assoggettabilità dei proventi a ritenuta d acconto da parte del sostituto d imposta. Sul fronte dell Iva, i contribuenti sono esonerati dalle comunicazioni sia delle operazioni rilevanti Iva (spesometro) sia dei dati delle operazioni con soggetti black list, mentre devono fare, come tutti gli altri, richiesta di inserimento nell archivio Vies, se vogliono effettuare acquisti intracomunitari. Con un ulteriore provvedimento è disciplinato il regime contabile agevolato per i vecchi minimi che non possono accedere al regime di vantaggio, perché non hanno requisiti, e per i nuovi minimi che fuoriescono dal regime fiscale per decorrenza dei termini. L agenzia delle Entrate ha pubblicato sul proprio sito le bozze del modello Irap 2012, che contiene le maggiorazioni di aliquote disposte dalla manovra estiva per alcuni settori. Per le nuove deduzioni introdotte dalla manovra Monti, invece, occorrerà attendere il Le modifiche che impattano sulla quantificazione dell Irap 2011 riguardano le nuove percentuali, distintamente per regione, che tengono conto delle ulteriori maggiorazioni o riduzioni previste in sede locale. Ai sensi del nuovo comma 1-bis dell art. 16 del D.Lgs. n. 446/97, introdotto dal D.L. n. 98/2011, le aliquote ordinarie sono ora le seguenti, in luogo della percentuale base del 3,90%: a) 4,20% per le società che svolgono attività di imprese concessionarie diverse da quelle di costruzione e gestione di autostrade e trafori; b) 4,65% per le banche e per le società finanziarie; c) 5,90% per le imprese di assicurazione. pagina 5 di 62

6 Prestazioni di servizi scambiate con soggetti passivi esteri Proroga Sistri Manovra Monti IL SOLE 24 ORE IL SOLE 24 ORE La legge Comunitaria 2010, in corso di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, introduce nel nostro ordinamento specifici criteri per la determinazione del momento impositivo delle prestazioni generiche scambiate con soggetti passivi esteri (anche non comunitari), le quali si considereranno effettuate all atto dell ultimazione o, se periodiche o continuative, al momento della maturazione del corrispettivo, salvo il caso di pagamento anticipato; in difetto di tali eventi, sarà, invece, ininfluente l emissione della fattura. Prorogato al il termine per presentare la dichiarazione Sistri per i rifiuti prodotti, recuperati e smaltiti nel periodo : lo prevede un decreto del Ministero dell Ambiente, che prevede, altresì, che i rifiuti prodotti, smaltiti e recuperati nel periodo 2012 non coperto dal Sistri, dovranno essere dichiarati entro 6 mesi dalla data di entrata in operatività del Sistri (prevista per il ). Le sanzioni per l omessa, incompleta o inesatta scheda Sistri sono le stesse già previste per il Mud, ossia da a euro; se la presentazione avviene entro i successivi 60 giorni, la sanzione scende da 26 a 160 euro. Studi di settore Le modifiche introdotte dalla Manovra Monti incidono anche sugli accertamenti. In sintesi, con il nuovo regime della trasparenza, gli studi di settore riacquistano un ruolo particolarmente significativo nella lotta all evasione poiché, nei confronti di piccole e medie imprese i lavoratori autonomi non congrui, potranno essere effettuate indagini finanziarie. Al contrario, in caso di congruità, sono esclusi gli accertamenti di tipo analiticoinduttivo basati su presunzioni semplici, oltre a essere anticipati di un anno i termini per l azione di accertamento. Relativamente all accertamento sintetico, tale indagine può essere esperita, in presenza di congruità e coerenza, solo se il reddito complessivo accertabile si discosta per 1/3 (in luogo di 1/5 dal reddito dichiarato). È necessario, peraltro, pagina 6 di 62

7 che i dati degli studi siano stati correttamente imputati. A partire dal periodo d imposta 2012, nel caso di non congruità e incoerenza, anche in relazione alle annualità precedenti saranno effettuati specifici controlli con le indagini finanziarie; dal 2013, invece, sarà applicabile il regime premiale per favorire la trasparenza. Pensioni e previdenza Previsto l esonero dalle nuove regole per alcune tipologie di lavoratori, quali: i soggetti in mobilità e in mobilità lunga; per chi accede a fondi di solidarietà; per chi, prima del , è stato autorizzato alla prosecuzione volontaria della contribuzione o entro quel giorno è stato esonerato dal servizio. Non beneficia delle tutele chi ha ricevuto un incentivo individuale all uscita e chi è stato licenziato e, ai sensi delle previgenti regole, avrebbe ottenuto la pensione nel Gli incrementi legati alla dinamica della speranza di vita riguardano, dal 2012, tutti i requisiti anagrafici previsti dalle nuove regole e il requisito contributivo che permette, dal 2012, di andare in pensione con 42 anni e un mese di versamenti (41 anni le donne). I trattamenti sociali (generali, per invalidi civili e sordomuti), inclusi nel campo di applicazione degli incrementi automatici, saranno poi aumentati di un anno nel Limiti ai trasferimenti in contanti Le sanzioni per operazioni in contanti e per le irregolarità sugli assegni saranno applicate dal Relativamente alle irregolarità dei libretti al portatore con saldo inferiore a euro, ma oltre soglia rispetto al nuovo limite dei euro, le sanzioni saranno pari al saldo ultrasoglia stesso e non sarà, quindi, dovuta la sanzione minima fissa pari a euro. Bozza modello 730/2012 IL SOLE 24 ORE È disponibile on line la bozza del modello 730/2012. Nel modello trovano spazio, fra l altro, la cedolare secca (tassazione sostitutiva dei redditi da locazione) e le novità in tema di bonus ristrutturazioni e per il taglio dell acconto Irpef, oltre a quelle sul 5 pagina 7 di 62

8 per mille, che dall anno prossimo potrà essere destinato anche al finanziamento della tutela, promozione e valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici. Il modello contiene, altresì, schede di sintesi che illustrano in maniera chiara e immediata chi può presentarlo, chi è obbligato e chi, invece, è esonerato. Si sintetizzano alcuni dei principali aspetti. Nel quadro B vi sono due nuove colonne dedicate alla cedolare secca sulle locazioni: nella colonna 5 è indicato un codice che individua la percentuale del canone esposta in quella successiva. Infatti, nel caso di tassazione ordinaria deve essere riportato l 85% (o 75%) del canone, mentre nel caso di cedolare secca il 100%. I nuovi codici hanno lo scopo di agevolare la compilazione del modello. Inoltre, nella colonna 11 compare la nuova casella opzione cedolare secca, da barrare solo in caso di scelta del nuovo regime. Soppresso l obbligo di inviare la comunicazione di inizio lavori al Centro operativo di Pescara, ai contribuenti è richiesto di riportare in dichiarazione i dati catastali identificativi dell immobile. A questo scopo è stata creata una sezione nel quadro E. Chi ha inviato la comunicazione al Cop prima dell entrata in vigore della norma (D.L. n. 70/2011) troverà un apposita casella da barrare. Previsto anche lo spazio per il differimento del versamento di 17 punti percentuali dell acconto 2011 di Irpef e cedolare secca: due, infatti, i nuovi campi inseriti nel quadro F per indicare il credito d imposta compensato in F24 nel caso di versamento dell acconto in misura piena, relativamente all Irpef o alla tassa piatta sulle locazioni. La bozza del modello tiene conto anche del contributo di solidarietà, ossia il prelievo del 3% sulla quota di reddito che supera i (specifica sezione nel quadro C) pagina 8 di 62

9 Riporto perdite fiscali Spesometro IL SOLE 24 ORE Assonime, con la circolare , n. 33, ha esaminato la nuova disciplina del riporto delle perdite per i soggetti Ires, evidenziando che i limiti nelle operazioni straordinarie e quelli per le società di comodo rischiano di sovrapporsi al nuovo regime, raddoppiando le penalizzazioni per i soggetti coinvolti. L Agenzia delle Entrate ha fornito alcuni chiarimenti in tema di spesometro. Si sintetizzano gli aspetti principali. Il noleggio di veicoli, anche se per pochi giorni, deve essere comunicato. Rilevano ai fini dello spesometro il noleggio con conducente, i beni auto consumati e gli acconti per le vendite degli immobili se la cessione avviene in un anno successivo. La comunicazione dei contratti di locazione e/o noleggio di autovetture, caravan, altri veicoli, unità da diporto e aereomobili è esclusa per le operazioni effettuate prima del Resta fermo, invece, l obbligo ai fini dello spesometro, da parte degli utilizzatori, anche per quelle passate. La comunicazione è obbligatoria anche se l attività di noleggio è svolta marginalmente (autoriparatore che noleggia a pagamento l auto sostitutiva, per esempio). Nella categoria residuale dei beni (altri veicoli) oggetto di monitoraggio devono essere indicati tutti i beni mobili registrati, esclusi i veicoli da lavoro che hanno subito modifiche tali da essere inadatti alla circolazione o alla navigazione aerea o marittima. Per i contratti di compravendita di immobili sono escluse le fatture di acconto e saldo emesse da un impresa edile relativamente a un immobile che formerà oggetto di successiva vendita. Tuttavia, se le fatture degli acconti sono registrate un anno precedente a quello in cui avviene la registrazione della pagina 9 di 62

10 compravendita, queste devono comunque essere comunicate. Per i contratti corrispettivi periodici in cui l importo non è determinabile (esempi: contratto di agenzia, con percentuale stabilità per le provvigioni; assistenza periodica alle macchine fotocopiatrici, con corrispettivo determinato in base al numero delle fotocopie eseguite), la comunicazione si deve effettuare solo se il corrispettivo fatturato per l anno di riferimento sia pari o superiore al limite. Nel caso di appalto con corrispettivo globale e fatturazione a stato di avanzamento lavori (Sal), l inclusione nella comunicazione deve avvenire, qualora sia impossibile individuare il corrispettivo dovuto per ciascun anno solare, se il corrispettivo dovuto per l intera durata del contratto supera la soglia prevista, indipendentemente dal Sal. I contratti di fornitura di servizi contabili e amministrativi si devono considerare contratti collegati se, nei confronti dello stesso cliente, sussistono più contratti distinti per tipologia di operazione svolta (assistenza contabile; compilazione cedolini paga; trasmissione dichiarazioni o altre comunicazioni. ecc.). Anche le operazioni di autoconsumo sono oggetto di comunicazione, se l importo non è inferiore alla soglia di rilevanza. Sono invece esclusi dallo spesometro, con riferimento alle operazioni che già sono oggetto di comunicazione all anagrafe tributaria, sia i soggetti che hanno posto in essere le operazioni, sia coloro che le hanno ricevute o acquistate; ad esempio, i contratti di assicurazione, le utenze elettriche, idriche e del gas, i contratti di locazione e compravendita, le operazioni già riportate nei modelli Intra. Fanno eccezione tra le utenze, pagina 10 di 62

11 Decreto Milleproroghe Imu IL SOLE 24 ORE IL SOLE 24 ORE per il 2010, quelle telefoniche intestate a privati che non sono ancora oggetto di comunicazione all anagrafe tributaria. Tra i principali differimenti di termini previsti dal decreto milleproroghe, in corso di emanazione, si segnalano i seguenti: Anche per l intero anno 2012 il settore del gioco Bingo potrà fruire di un regime agevolato; Rinvio fino al per l esecuzione degli sfratti che riguardano particolari categorie sociali residenti in Comuni capoluogo di Provincia, in comuni confinanti con una popolazione superiore a abitanti e negli enti locali ad alta tensione abitativa. Agli apprendisti sospesi o licenziati saranno erogate anche per tutto il prossimo anno le indennità di disoccupazione; La chiusura agevolata delle partite Iva inattive slitta al ; La piena operatività del Sistri (sistema di controllo di tracciabilità dei rifiuti) è prorogata al ; La nascita delle unioni di Comuni, che dovranno gestire in forma associata le funzioni dei municipi con meno di abitanti è prorogata al Ritenuta sugli interessi Nel decreto Milleproroghe dovrebbe essere contenuta una norma che meglio chiarisce le modalità di tassazione degli interessi maturati, non corrisposti fino al , e incassati nel Sarà applicata l imposta del 27% sugli interessi maturati fino a fine anno su conti correnti bancari, sui depositi bancari, postali e sui certificati di deposito emessi dagli istituti di credito. La tassazione del 20% potrà valere solo sul maturato dal Per attenuare la pressione fiscale sulle famiglie, la regola prevede una detrazione pagina 11 di 62

12 Accertamento sintetico Classificazione doganali dei beni D.L. 201/ NOTA AG. DOGANE N IL SOLE 24 ORE fissa sulla prima casa pari a 200 euro e una detrazione ulteriore di 50 euro per ogni figlio. La detrazione aggiuntiva può arrivare fino a un massimo di 400 euro. Il fisco, in futuro, misurerà abitazioni e uffici in metri quadrati e non più per numero di vani. Per i soggetti congrui e coerenti agli studi di settore la determinazione sintetica del reddito complessivo è ammessa soltanto quando il reddito complessivo accertabile ecceda di almeno 1/3 quello dichiarato. Dal sono facilitate le procedure doganali che gli operatori economici possono utilizzare per certificare i propri prodotti. In particolare, l agenzia delle Dogane ha semplificato i meccanismi per richiedere le informazioni tariffarie vincolanti (Itv), vale a dire, la classificazione europea dei beni. La tariffa doganale comune UE, basata sul sistema armonizzato internazionale, definisce e classifica ogni tipologia di merce in commercio. Nelle operazioni di import-export, oltre che in quelle intracomunitarie, è infatti sempre necessario qualificare i beni acquistati o venduti attribuendo loro la corretta classificazione doganale. Tale attribuzione non sempre risulta agevole o immediata ed elevata è la professionalità richiesta per classificare beni di complessa identificazione (si pensi a nuovi prodotti tecnologici o chimici, particolari tessuti o, ancora, prodotti misti e compositi). Rettifica contribuenti minimi Iva ex I soggetti che dal escono dal regime dei minimi per effetto dei nuovi criteri di accesso, ai sensi dell art. 19-bis2 Dpr 633/1972 devono effettuare la rettifica della detrazione Iva; in questo caso l applicazione della disposizione porta a un risultato favorevole per il contribuente, che potrà recuperare una quota dell imposta non detratta durante la permanenza nel regime speciale. Occorre però considerare gli effetti che la rettifica della detrazione può avere sul versante reddituale, in termini di emersione di sopravvenienze tassabili, derivanti dalla pagina 12 di 62

13 detraibilità di Iva originariamente indetraibile e quindi spesata. ACE L. 214/ La manovra Monti, la cui legge di conversione è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale , n. 300, prevede un agevolazione fiscale per le immissioni di capitale proprio nelle imprese che premia, in termini di riduzione del reddito, il rendimento dell incremento del capitale proprio. Ai fini dell applicazione della norma, il rendimento in questione è del 3%, assumendo come parametri di confronto quanto risultante alle fine del 2011con il patrimonio netto del Dilazione pagamento del L. 214/ Nell ipotesi di rateazione delle somme dovute per adesione bonaria alla comunicazione dell esito della liquidazione o del controllo formale della dichiarazione, la penalità prevista per rata scaduta e pagata entro la scadenza della successiva rata è pari al 30%, oppure al 2% per ogni giorno di ritardo fino al 15, ridotta a 1/10 o a 1/8. La stessa disciplina deve ritenersi applicabile in caso di rateazione delle somme dovute per l adesione agli altri istituti deflattivi del contenzioso tributario. Deduzione dei contributi alla previdenza complementare Ravvedimento per omessi versamenti RIS. AG. ENTRATE N. 131/E IL SOLE 24 ORE I lavoratori di prima occupazione successiva al possono dedurre dal reddito i contributi pagati alla previdenza integrativa oltre il limite fissato a 5.164,57, per un importo non superiore a 2.582,29 annui, nei 20 anni successivi al 5 di partecipazione a forme pensionistiche complementari. In particolare, il plafond è liberamente utilizzabile fino a completo esaurimento, in ogni anno, nel solo rispetto del limite di 2.582,29. Entro il sarà possibile sanare i tributi omessi o pagati in ritardo che erano in scadenza tra il e il In particolare, le scadenze sono le seguenti: ravvedimento breve, ovvero entro 30 giorni dalla scadenza, con riferimento ai tributi in scadenza il e pagina 13 di 62

14 Regime dei minimi Agevolazioni per le imprese dalla manovra Monti Bozze modello Iva 2012 IL SOLE 24 ORE IL SOLE 24 ORE IL SOLE 24 ORE non versati; possono avvalersi del cd. Ravvedimento sprint i contribuenti che non hanno versato i tributi in scadenza il ma che hanno pagato solo le imposte nel periodo dal al , nonché coloro che non hanno versato entro il i tributi dovuti a quella scadenza. La base imponibile dei minimi si determina utilizzando il principio di cassa: ne deriva, a titolo esemplificativo, che la deducibilità del costo dei beni strumentali avviene, integralmente, nell esercizio di pagamento, con speculare tassazione intera della plusvalenza nell esercizio di realizzo. Relativamente ai contributi previdenziali versati nel periodo d imposta, essi possono essere portati in deduzione dalla base imponibile. I minimi recuperano così i contributi versati, realizzando un risparmio pari all imposta sostitutiva. I contributi devono essere portati prioritariamente in deduzione dal reddito d impresa o di professione, e non degli eventuali altri redditi. Inserto L art.2 del D.L. 201/2011, convertito nella L. 214/2011, introduce l integrale deducibilità della base imponibile Ires/Irpef dalla quota di Irap riferita al costo del personale. Ace Le società che al avranno incrementato il loro capitale proprio potranno usufruire dell aiuto alla crescita economica (Ace) già a partire da Unico Il meccanismo di agevolazione consiste in una deduzione dal reddito complessivo netto di un importo corrispondente al rendimento nozionale del nuovo capitale proprio. Da ieri sono disponibili, sul sito Internet dell Agenzia delle Entrate, le versioni provvisorie dei modelli Iva 2012, Iva base, 74-bis e 26 LP per le liquidazioni periodiche effettuate dalle società partecipanti alla pagina 14 di 62

15 procedura di liquidazione dell Iva gruppo. Nel Quadro VA, relativo ai dati riepilogativi di tutte le attività, il rigo VA14 è stato rinominato Regime per l imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità. Infatti a partire da quest anno, è riservato ai contribuenti che presentano l ultima dichiarazione Iva prima di aderire al nuovo regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità. Inoltre, è stato aggiunto il rigo VA16 riservato all indicazione degli estremi identificativi dei rapporti con gli operatori finanziari. Nei Quadri VE e VJ dei modelli Iva 2012 e Iva base, dedicati alle operazioni imponibili commerciali o professionali e a particolari tipologie di operazioni, sono stati introdotti, rispettivamente, i nuovi campi relativi alle cessioni e agli acquisti di telefoni cellulari e di microprocessori per le quali è obbligatoria l applicazione dell imposta secondo il meccanismo del reverse charge. È stato introdotto il rigo VF12, nel quale devono essere indicate le operazioni assoggettate alla nuova aliquota del 21%. Dal quest anno è anche prevista l indicazione di acquisti e importazioni per i quali la detrazione è esclusa o ridotta nel rigo VF18. Tributi comunali L. 214/ I tributi comunali sono crediti privilegiati in caso di insinuazione nel passivo fallimentare. Per queste entrate scatta il privilegio sui beni mobili del debitore nella procedura fallimentare, anche se la loro disciplina non fa parte del Testo unico della finanza locale. Sconti sull Imu IL SOLE 24 ORE La detrazione Imu per la prole è pari a 50 euro per ogni figlio convivente (fino a 400 euro) di età non superiore a 26 anni. Tale detrazione è valida anche qualora il figlio lavori e abbia redditi propri. La detrazione base 200 euro si applica a ciascun proprietario residente nell immobile, a pagina 15 di 62

16 Notifica avvisi di accertamento 2006 IL SOLE 24 ORE prescindere dalla quota di possesso. Gli avvisi di accertamento relativi al 2006 devono essere notificati entro il , ovvero entro il 4 anno successivo a quello di presentazione. In caso di omessa presentazione della dichiarazione, il termine di decadenza dell azione di accertamento risulta quello del 5 anno successivo a quello in cui la dichiarazione avrebbe dovuto essere presentata. In caso di reato tributario i termini indicati sopra raddoppiano, passando da quattro e cinque anni a, rispettivamente, otto e dieci anni. Spesometro intermediari finanziari per PROVV. AGENZIA ENTRATE IL SOLE 24 ORE L Agenzia delle Entrate ha definito le modalità con le quali gli intermediari finanziari sono tenuti ad inviare al Fisco la comunicazione delle operazioni il cui pagamento è avvenuto tramite moneta elettronica. La prima scadenza per l invio è il e riguarda le operazioni effettuate dal al Sanatoria Iva inattive partite D.L. 216/ Il decreto Milleproroghe, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale , ha riaperto la procedura semplificata per estinguere le violazioni derivanti dalla mancata comunicazione della cessata attività ai fini Iva. Per avvalersene il contribuente dovrà versare entro il un importo pari a 1/4 della sanzione minima, pari a 129 euro. Tabelle Aci L Aci ha diffuso le consuete tabelle utili per il calcolo dei fringe benefit nel 2012, pubblicate sul supplemento ordinario n. 280 alla Gazzetta Ufficiale n. 301/2011. Codici tributi per rateazione imposte RIS. AG. ENTRATE N. 132/E IL SOLE 24 ORE L art. 10, c. 13-decies del D.L , n. 201 ha modificato l art. 3-bis del D.Lgs. n. 462/1997, n. 462, disciplinante la ratezione delle somme dovute ai sensi dell art. 2, c. 2 e dell art. 3, c. 1 dello stesso decreto. In particolare, è stato sostituito il c. 4 ed è stato introdotto il c. 4-bis all art. 3-bis citato, prevedendo che non sia disposta la decadenza dalla rateazione qualora il tardivo pagina 16 di 62

17 pagamento di una rata, diversa dalla prima, sia effettuato entro i termini di scadenza della rata successiva. Si dispone, infatti, che il tardivo pagamento di una rata diversa dalla prima entro il termine di pagamento della rata successiva comporta l iscrizione a ruolo a titolo definitivo della sanzione, di cui all art. 13 del D.Lgs. n. 471/1997, commisurata all importo della rata versata in ritardo, e degli interessi legali. L iscrizione a ruolo non è eseguita se il contribuente si avvale del ravvedimento operoso entro il termine di pagamento della rata successiva. Per consentire il versamento, tramite modello F24, delle somme dovute a titolo di sanzioni e interessi ex art. 13 D.Lgs. n. 472/1997, a seguito dei controlli automatici effettuati ai sensi degli artt. 36-bis del Dpr n. 600/1973 e 54-bis del Dpr n. 633/1972, della liquidazione delle imposte sui redditi soggetti a tassazione separata e dei controlli formali effettuati ai sensi dell art. 36-ter del Dpr n. 600/1973, sono stati pertanto istituiti i relativi codici tributo. Calcolo usufrutto valore IL SOLE 24 ORE Con la fissazione al 2,50% del tasso d interesse legale risultano modificati anche i calcoli del valore dell usufrutto, con riferimento all Iva, alle imposte di registro, ipotecaria e catastale, nonché alle imposte di successione e donazione. Le regole di determinazione del valore dell usufrutto servono, inoltre, per stabilire se una quota di capitale sociale, gravata da usufrutto, sia da considerare quale partecipazione qualificata o meno, ai fini del calcolo del capital gain nell ipotesi di cessione onerosa. Nuovo regime dei minimi Dal saranno operative le nuove regole riguardanti i contribuenti minimi, sulle quali è recentemente intervenuto il provvedimento direttoriale del , n /2011, che ha disciplinato le modalità di applicazione del regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità, in attuazione delle disposizioni contenute nell art. 27, commi 1 e 2 del D.L , n. 98. Il provvedimento, almeno in parte, ha ampliato la platea dei potenziali pagina 17 di 62

18 utilizzatori del nuovo regime agevolato, disponendo che non costituisce causa di esclusione poiché mera prosecuzione di attività precedentemente svolta sotto forma di lavoro dipendente l inizio di un attività da parte di contribuente che fornisca prova di aver perso il lavoro o di essere in mobilità per cause indipendenti alla propria volontà. Relativamente alla durata del nuovo regime, la stessa stabilità nel periodo d imposta di inizio dell attività e nei 4 successivi, con possibilità di estensione della durata nell ipotesi di soggetti con meno di 35 anni, per i quali il regime di vantaggio fiscale durerà fino al periodo d imposta di compimento di tale anno. Imu nel settore agricolo IL SOLE 24 ORE L imposta municipale unica si applicherà anche ai fabbricati rurali, nonché ai terreni agricoli già soggetti ad Ici. Con riferimento ai terreni, la base imponibile è determinata assumendo la tariffa di reddito dominicale risultante in catasto al 1.01 del periodo d imposta, rivalutata del 25% e moltiplicata per il coefficiente 130. Per quanto riguarda, invece, le abitazioni rurali, la rendita catastale si rivaluta del 5%. Il risultato ottenuto deve essere moltiplicato per 160. Accatastamento Per i possessori di fabbricati ancora iscritti come rurali al catasto terreni e privi di rendita, l art. 13 del D.L. 201/2011 introduce l obbligo di accatastamento con rendita entro il Sconto Irap sul lavoro IL SOLE 24 ORE La nuova deduzione dell Irap relativa alle spese per il personale dipendente e assimilato si affianca a quella del 10% già prevista dal D.L. n. 185/2008. Quest ultima viene circoscritta alle ipotesi in cui il contribuente ha soltanto interessi passivi, senza più alcun riferimento al costo del lavoro. Per il periodo d imposta 2011 rimane in vigore la vecchia normativa e quindi potranno beneficiare della deduzione pari al 10% dell Irap versata sia i soggetti che presentano solo costo del lavoro, sia quelli che espongono solo interessi passivi sia quelli pagina 18 di 62

19 Peso leggero per il fisco a rate IL SOLE 24 ORE con entrambe le tipologie di costo. Dal 2012, invece, la deduzione del 10% dell Irap sarà condizionata da un unico parametro: gli interessi passivi. Anche alle imprese in perdita sarà consentito computare nella determinazione del proprio risultato la quota di Irap riferita alle spese del personale che non è stato possibile dedurre ai fini del tributo regionale. Tra le novità introdotte dalla legge n. 214/2011, viene cancellata la fideiussione sulle rateazioni degli avvisi bonari e introdotta la possibilità di ravvedimento per il ritardato pagamento delle rate, se il tardivo versamento avviene entro il termine della scadenza successiva. Utilizzo contante del Dal non è più possibile per privati cittadini, imprese e professionisti pagare o riscuotere in unica soluzione importi pari o superiori a euro. Tale limite non può essere superato né per prestazioni a titolo oneroso né per prestiti o donazioni. Nel caso di pagamenti rateizzati, non è ammesso che ogni singola rata eguagli o superi euro. La restrizione riguarda anche la possibilità di emettere assegni bancari o postali liberi, sia il rilascio di assegni circolari, vaglia postali o cambiari. Interessi legali Gli interessi legali al 2,50% riducono la convenienza del ravvedimento operoso e delle altre forme di definizione agevolata delle liti fiscali. Peraltro, l aumento del tasso legale incide anche su altre disposizioni fiscali e contributive. È il caso delle modalità di pagamento legate alle nuove opportunità di definizione degli inviti al contradditorio e dei processi verbali di constatazione. Perdite pregresse CIRC. AG. ENTRATE N. 53/E L art. 84 Tuir prevede ora che la perdita di un periodo di imposta possa essere riportata in diminuzione del reddito dei periodi successivi senza limiti di tempo e non più solo per 5 anni. Le perdite possono però essere utilizzate nei periodi successivi solo entro l 80% del reddito realizzato in ciascun pagina 19 di 62

20 Ivie (Imposta sugli immobili all estero) L. 214/ esercizio successivo. Le nuove regole esplicano efficacia a partire dal periodo di imposta in corso al e quindi per i soggetti con periodo d imposta coincidente con l anno solare le regole si applicano già in sede di determinazione del reddito imponibile La manovra Monti ha introdotto un imposta sugli immobili situati all estero; il valore su cui calcolare l aliquota dello 0,76% è costituito dal costo risultante dall atto di acquisto o dai contratti e, in mancanza, secondo il valore di mercato rilevabile nel luogo in cui è situato l immobile. Dall imposta si deduce, fino a concorrenza del suo ammontare, un credito di imposta pari all ammontare dell eventuale imposta patrimoniale versata nello Stato in cui è situato l immobile. Agevolazioni imprese alle IL SOLE 24 ORE I decreti legge 70/2011, 98/2011 e 201/2011 hanno istituito numerose agevolazioni per le imprese, tra le quali si segnalano le seguenti: L istituzione, per gli anni 2011 e 2012, di un credito d imposta per incentivare le imprese ad effettuare investimenti in progetti di ricerca svolti da Università o enti pubblici di ricerca; La concessione di un credito d imposta per ogni nuovo lavoratore svantaggiato assunto a tempo indeterminato, entro il , nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Molise, Sardegna e Sicilia; Il regime di vantaggio per i giovani imprenditori o lavoratori autonomi che avviano una nuova attività o che l hanno avviata dal 2008 in avanti, valevole per il periodo d imposta di inizio attività e per i successivi, ovvero anche oltre il 5 esercizio, ma comunque fino al periodo d imposta di compimento del 35 anno di età; Dall esercizio 2012, l Irap pagata su costo del lavoro diviene interamente deducibile dal reddito d impresa ai fini Ires. pagina 20 di 62

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 Premessa rmativa Entro il 28 febbraio 2013 i soggetti pasvi IVA devo presentare telematicamente il Modello per la comunicazione dati

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli