MOSS (Mini One Stop Shop) Mini Sportello Unico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MOSS (Mini One Stop Shop) Mini Sportello Unico"

Transcript

1 MOSS (Mini One Sto Sho) Mini Sortello Unico Oerazioni di e-commerce diretto Giovedì 13 novembre 2014 Gruo di lavoro oerazioni doganali e intracomunitarie

2 Gruo di lavoro oerazioni doganali e intracomunitarie MOSS (Mini One Sto Sho) - Mini Sortello Unico Oerazioni di e-commerce diretto Autori e relatori Dott. Marco Bodo Dott. Stefano Caraneto Dott. Roberto Ramazzotto * Dott. Stefano Rangoni * Referente

3 SOMMARIO Definizione di e-commerce diretto Tabelle Disosizioni comunitarie Disosizioni in materia di territorialità dei servizi TBES Discilina del regime MOSS Novità dal 1 gennaio 2015 Definizioni Il regime MOSS Regime MOSS UE Regime MOSS NON UE L adesione al regime MOSS La registrazione Decorrenza La cancellazione L esclusione Periodo di quarantena

4 SOMMARIO La Dichiarazione IVA La trasmissione della dichiarazione Contenuto della dichiarazione I versamenti

5 SOMMARIO Definizione di e-commerce diretto Tabelle Disosizioni comunitarie Disosizioni in materia di territorialità dei servizi TBES Discilina del regime MOSS Novità dal 1 gennaio 2015 Definizioni Il regime MOSS Regime MOSS UE Regime MOSS NON UE L adesione al regime MOSS La registrazione Decorrenza La cancellazione L esclusione Periodo di quarantena

6 Per commercio elettronico diretto si intende la cessione on line di beni immateriali e servizi informatici quali, software, musica, immagini, testi, banche dati... forniti attraverso Internet o una rete elettronica e la cui natura rende la restazione essenzialmente automatizzata, corredata da un intervento umano minimo e, in assenza della tecnologia dell informazione, imossibile da garantire. (art. 11, Regolamento CE, , n. 1777/2005) La Direttiva 2006/112/CE allegato II e il Regolamento CE 282/2011 art.7 e allegato I individuano quali siano i servizi che rientrano nell ambito del commercio elettronico diretto e quelli che ne restano esclusi Le oerazioni di cessione er via telematica di tali beni immateriali sono considerate, a fini IVA,quali restazioni di servizi.

7 Tiologia (Direttiva 2006/112/CE) Fornitura di siti web e web hosting, gestione a distanza si rogrammi e attrezzatura Fornitura di rodotti digitali in genere, comresi software, loro modifiche e aggiornamenti Oerazioni di e-commerce diretto Dettaglio (Regolamento CE 282/2011) hosting di siti e agine web manutenzione automatica di rogrammi, remota e on line amministrazione remota di sistemi conservazione (warehousing) di dati on line, quando dati secifici sono conservati e recuerati elettronicamente fornitura on line di sazio sul disco in funzione delle richieste accesso o scaricamento di software, tra cui rogrammi di aggiudicazione/contabilità, software antivirus e loro aggiornamenti banner blocker (software er bloccare la comarsa di banner) driver di scaricamento e interfaccia tra comuter e eriferiche installazione automatica on line di filtri er siti web installazione automatica di firewall

8 Tiologia (Direttiva 2006/112/CE) Fornitura di immagini, testi e informazioni e messa a disosizione di basi di dati Oerazioni di e-commerce diretto Dettaglio (Regolamento CE 282/2011) accesso o scaricamento di temi dell interfaccia grafica accesso o scaricamento di fotografie e immagini o salvaschermi contenuto digitalizzato di libri e altre ubblicazioni elettroniche abbonamento a giornali e riviste on line siti ersonali (weblog) e statistiche relative ai siti web notizie, informazioni sul traffico e revisioni meteorologiche on line informazioni on line generate automaticamente da software sulla base di immissioni di dati secifici da arte del cliente, come dati di tio giuridico o finanziario, comresi dati sui mercati azionari ad aggiornamento continuo fornitura di sazio ubblicitario, comresi banner ubblicitari su una agina o sito web utilizzo di motori di ricerca e di elenchi su Internet

9 Tiologia (Direttiva 2006/112/CE) Fornitura di musica, film, giochi, comresi i giochi di sorte o d azzardo, rogrammi o manifestazioni olitici, culturali, artistici, sortivi, scientifici o di intrattenimento Fornitura di restazioni di insegnamento a distanza Oerazioni di e-commerce diretto Dettaglio (Regolamento CE 282/2011) accesso o scaricamento di musica su comuter e su telefoni cellulari accesso o scaricamento di sigle, brani musicali, suonerie o altri suoni accesso o scaricamento di film scaricamento di giochi su comuter e su telefoni cellulari accesso a giochi on line automatici diendenti da Internet o reti analoghe, nei quali i giocatori sono geograficamente lontani gli uni dagli altri tutte le forme di insegnamento a distanza automatizzato che funziona attraverso Internet o reti analoghe e la cui fornitura richiede un intervento umano limitato o nullo, incluse le classi virtuali, ad eccezione dei casi in cui Internet o altra rete vengono utilizzati semlicemente come uno strumento di comunicazione tra docente e studente

10 Tiologia (Direttiva 2006/112/CE) Fornitura di restazioni di insegnamento a distanza Altro Oerazioni di e-commerce diretto Dettaglio (Regolamento CE 282/2011) libri di esercizi comletati dagli studenti on line e corretti e valutati automaticamente, senza intervento umano la concessione, a titolo oneroso, del diritto di mettere in vendita un bene o un servizio su un sito Internet che oeri come mercato on line, in cui i otenziali acquirenti fanno offerte attraverso un rocedimento automatizzato e in cui le arti sono avvertite di una vendita attraverso osta elettronica generata automaticamente da un comuter le offerte forfettarie di servizi Internet (Internet service ackages, ISP) nelle quali la comonente delle telecomunicazioni costituisce un elemento accessorio e subordinato (vale a dire, il forfait va oltre il semlice accesso a Internet e comrende altri elementi, quali agine con contenuto che danno accesso alle notizie di attualità, alle informazioni meteorologiche o turistiche, sazi di gioco, hosting di siti, accessi a dibattiti on line...

11 Non sono considerate quali e-commerce diretto le seguenti oerazioni (art. 7 Regolamento CE 282/2011) servizi di telecomunicazione Oerazioni non considerate di e-commerce diretto CD-ROM, dischetti e suorti fisici analoghi, CD e audiocassette, videocassette e DVD, giochi su CD-ROM materiale stamato, come libri, bollettini, giornali o riviste servizi di rofessionisti, quali avvocati e consulenti finanziari, che forniscono consulenze ai clienti mediante osta elettronica servizi di insegnamento, er i quali il contenuto del corso è fornito da un insegnante attraverso Internet o una rete elettronica, vale a dire mediante un collegamento remoto servizi di riarazione materiale offline delle aarecchiature informatiche servizi di conservazione dei dati offline servizi ubblicitari, ad esemio su giornali, manifesti e in televisione servizi di heldesk telefonico

12 Oerazioni non considerate di e-commerce diretto servizi di insegnamento che comrendono esclusivamente corsi er corrisondenza, come quelli inviati er osta; servizi tradizionali di vendita all asta che diendono dal diretto intervento dell uomo,indiendentemente dalle modalità di offerta; servizi di videofonia accesso a Internet e al World Wide Web servizi telefonici forniti attraverso Internet beni er i quali l ordine o la sua elaborazione avvengano elettronicamente

13 SOMMARIO Definizione di e-commerce diretto Tabelle Disosizioni comunitarie Disosizioni in materia di territorialità dei servizi TBES Discilina del regime MOSS Novità dal 1 gennaio 2015 Definizioni Il regime MOSS Regime MOSS UE Regime MOSS NON UE L adesione al regime MOSS La registrazione Decorrenza La cancellazione L esclusione Periodo di quarantena

14 Disosizioni in materia di territorialità dei servizi TBES Direttiva 2008/8/CE del 12 febbraio 2008 artt. 58 e 59 bis Regolamento 282/2011 del 15 marzo 2011 artt. da 57 bis a 63 quater, come modificato dai regolamenti di esecuzione (UE) nn. 967/2012 e 1042/2013 Discilina del regime MOSS Direttiva 2006/112/CE del 28 novembre 2006 artt. da 358 a 359 undecies come modificati dalla Direttiva 2008/8/CE Regolamento 904/2010 artt. 44 e 45 Regolamento 815/ Modalità di alicazione del Regolamento 904/2010

15 SOMMARIO Definizione di e-commerce diretto Tabelle Disosizioni comunitarie Disosizioni in materia di territorialità dei servizi TBES Discilina del regime MOSS Novità dal 1 gennaio 2015 Definizioni Il regime MOSS Regime MOSS UE Regime MOSS NON UE L adesione al regime MOSS La registrazione Decorrenza La cancellazione L esclusione Periodo di quarantena

16 L art. 5 della direttiva 2008/8/Ce (1) revede che, dal 1 gennaio 2015, le restazioni di servizi di telecomunicazione, teleradiodiffusione e e- commerce diretto, effettuate nei confronti di soggetti non assivi IVA negli Stati membri, si considerano effettuate nel aese in cui è stabilito il committente del servizio. (criterio del luogo della restazione) Per le restazioni indicate (oerazioni TBES) sarà quindi adottato, negli scambi B2C, il rinciio di tassazione a destinazione, ovvero gli stessi dovranno essere tassati nel territorio dello Stato membro ove il committente è residente (o domiciliato). Il motivo alla base di tali cambiamenti è la volontà di conformare il trattamento IVA dei servizi in questione ad uno dei rincii fondamentali dell IVA, ossia che, in quanto tassa sui consumi, il suo gettito dovrebbe settare allo Stato membro nel quale i beni o i servizi sono consumati. (1) N.B. : il legislatore nazionale non ha ancora receito formalmente tale articolo

17 Nella relazione della Commissione Euroea del 6 dicembre 2011 sul futuro dell IVA sono state resentate le caratteristiche fondamentali del sistema IVA riformulato che dovrebbe sostituire le attuali disosizioni transitorie, ove si riconosce che il sistema transitorio dovrebbe essere abbandonato a favore di un sistema fondato su un concetto alternativo basato sulla destinazione. In base a questa nuova imostazione, il futuro sistema dell'iva dovrebbe fondarsi sul rinciio secondo cui il luogo delle restazioni di servizi è situato nello Stato membro in cui avviene il consumo. Sotto questo asetto, il regime MOSS va oltre il comarto delle oerazioni a cui oggi si riferisce, costituendo un banco di rova er una sua futura iù amia alicazione.

18 Modifiche al regime IVA dal 1 gennaio 2015 solo oerazioni TBES solo oerazioni B2C

19 Oerazioni TBES (Telecommunication, broadcasting and electronic services) Committente non soggetto assivo - B2C Stabilito nella Ue (Italia esclusa) Stabilito fuori della Ue Committente soggetto assivo- B2B Stabilito nella Ue (Italia esclusa) Stabilito fuori della Ue fino al 31/12/2014 dal 1 gennaio 2015 Luogo della restazione: luogo in cui è stabilito il restatore (art.7-ter, c.1, lett b) Escluse dall alicazione dell imosta (art. 7.seties lett. i) Luogo della restazione: luogo in cui è stabilito il committente Escluse dall alicazione dell imosta (art. 7.seties lett. i) fino al 31/12/2014 dal 1 gennaio 2015 Luogo della restazione: luogo in cui è stabilito il committente (art.7-ter, c.1, lett a) Luogo della restazione: luogo in cui è stabilito il committente (art.7-ter, c.1, lett a) invariato invariato

20 DE fino al 31/12/2014 FR IVA nazionale 22% IT SE e-commerce diretto verso rivati consumatori stabiliti in aese UE DE IVA tedesca 19% dall 1/1/2015 FR IVA francese 20% SE IVA svedese 25%

21 In funzione della modifica normativa, l oeratore nazionale, avrebbe l obbligo di identificarsi a fini IVA, direttamente o mediante raresentante fiscale, nei diversi aesi UE in cui oera ed ivi rovvedere al versamento dell IVA. DE IT e-commerce diretto verso rivati consumatori stabiliti in aese UE obbligo di identificazione FR SE L introduzione del Moss o Mini Sortello Unico, a far data dal 1 gennaio 2015, ermetterà ai soggetti assivi che esercitano attività di e- commerce diretto verso soggetti non assivi negli altri Stati membri in cui non sono stabiliti, di versare l IVA dovuta su tali servizi cumulativamente allo Stato membro in cui sono in cui sono identificati e non ai singoli Stati, attraverso un interfaccia elettronica.

22 SOMMARIO Definizione di e-commerce diretto Tabelle Disosizioni comunitarie Disosizioni in materia di territorialità dei servizi TBES Discilina del regime MOSS Novità dal 1 gennaio 2015 Definizioni Il regime MOSS Regime MOSS UE Regime MOSS NON UE L adesione al regime MOSS La registrazione Decorrenza La cancellazione L esclusione Periodo di quarantena

23 Soggetto assivo: soggetti assivi UE soggetto assivo è un imresa che ha fissato la sede della roria attività economica, o ossiede una stabile organizzazione, nel territorio della UE. soggetti assivi extraue soggetto assivo è un imresa che non ha fissato la sede della roria attività economica, né ossiede una stabile organizzazione, nel territorio della UE e che non è registrata né tenuta ad essere identificata a fini IVA nella UE Stato membro di stabilimento: Stato membro in cui il soggetto assivo disone di una sede o di una stabile organizzazione.

24 Stato membro di identificazione: lo Stato membro in cui il soggetto assivo è registrato ai fini del Mini Sortello Unico ed in cui dichiara e versa l IVA dovuta a uno o iù Stati membri di consumo. soggetti assivi UE lo Stato membro in cui il soggetto assivo ha fissato la sede della roria attività economica: sede sociale di una società o sede della roria attività economica er un imresa individuale. Stato membro di identificazione = Stato membro di stabilimento soggetti assivi extraue con stabile organizzazione in UE il soggetto assivo è libero di scegliere il rorio Stato membro di identificazione tra quelli in cui ossiede una stabile organizzazione. soggetti assivi extraue il soggetto assivo è libero di scegliere il rorio Stato membro di identificazione.

25 Stato membro di consumo: lo Stato membro in cui il soggetto assivo resta servizi di e-commerce diretto a ersone che non sono soggetti assivi: soggetti assivi UE il soggetto assivo non uò avere in tale Stato né la sede della sua attività economica, né una stabile organizzazione. Stato membro di consumo Stato membro di identificazione soggetti assivi extraue il soggetto assivo non uò essere stabilito nello stato membro di consumo, ma uò ivi identificarsi. Le restazioni che rientrano nell ambito del Mini Sortello Unico sono quelle effettuate nello Stato membro di consumo e non in quello di identificazione o di stabilimento dell imresa.

26 SOMMARIO Definizione di e-commerce diretto Tabelle Disosizioni comunitarie Disosizioni in materia di territorialità dei servizi TBES Discilina del regime MOSS Novità dal 1 gennaio 2015 Definizioni Il regime MOSS Regime MOSS UE Regime MOSS NON UE L adesione al regime MOSS La registrazione Decorrenza La cancellazione L esclusione Periodo di quarantena

27 Il regime MOSS è un regime seciale facoltativo che raresenta una forma di semlificazione revista a seguito alla modifica delle norme sull IVA relative al luogo di restazione er l e-commerce diretto, evitando ai soggetti assivi di doversi identificare resso ogni Stato membro di consumo ed effettuare gli ademimenti esclusivamente nel rorio aese. Se un soggetto assivo intende avvalersene, è obbligato ad alicarlo in tutti gli Stati membri ertinenti non essendo revista l alicazione in funzione dello Stato membro. Il Mini Sortello Unico rirende il regime VOES, che resterà ancora in vigore er tutto il 2015, er le restazioni di e-commerce diretto fornite a soggetti non assivi da restatori non stabiliti nella UE.

28 Nell ambito del regime, il soggetto assivo che aderisce a tale regime in uno Stato membro in cui è identificato trasmette elettronicamente allo stesso, tramite il Mini Sortello Unico, le dichiarazioni IVA trimestrali relative alle oerazioni di e-commerce diretto restate a soggetti non assivi in altri Stati membri di consumo e rocede al versamento cumulativo dell IVA dovuta. Le dichiarazioni, con l IVA versata, saranno trasmesse successivamente dallo Stato membro di identificazione ai risettivi Stati membri di consumo. Possono avvalersi di tale regime sia i soggetti assivi stabiliti nella UE che stabiliti extra UE. REGIME MOSS UE REGIME MOSS NON UE

29 IT e-commerce diretto verso rivati consumatori stabiliti in aese UE IVA tedesca 19% IVA francese 20% IVA svedese 25% DE FR SE ADESIONE REGIME MOSS Dichiarazioni trimestrali e versamenti IVA cumulativi DE Dichiarazioni e versamenti FR Mini Sortello Unico SE

30 REGIME MOSS UE Possono avvalersi del regime UE: - i soggetti assivi che hanno la sede della loro attività in un aese della UE; - i soggetti assivi che, ur avendo la sede fuori dalla UE, disongono di una o iù stabili organizzazioni in uno o iù aesi UE. Il regime seciale si alica soltanto ai servizi di e-commerce diretto effettuate nei confronti di soggetti rivati consumatori stabiliti in Stati membri in cui l imresa non ha né la sede, né una stabile organizzazione. Stato membro di stabilimento Stabile organizzazione in UE Stato membro di identificazione e attivazione del regime StatI membri di consumo StatI membri di consumo ESCLUSI IT NO IT OBBLIGATORIO UE TUTTI I PERTINENTI IT

31 REGIME MOSS UE Stato di stabilimento Stabile organizzazione in UE Stato membro di identificazione e attivazione del regime StatI membri di consumo StatI membri di consumo ESCLUSI IT DE FR IT OBBLIGATORIO UE TUTTI I PERTINENTI IT DE FR Stato di stabilimento Stabile organizzazione in UE Stato membro di identificazione e attivazione del regime StatI membri di consumo StatI membri di consumo ESCLUSI DE. USA A SCELTA UE FR FR TUTTI I PERTINENTI DE DE FR

32 REGIME MOSS UE soggetto assivo UE rivo di stabili organizzazioni in UE SEDE IT ADESIONE REGIME MOSS Regime normale IT UE ALTRI STATI UE Regime MOSS Dichiarazioni MOSS

33 REGIME MOSS UE soggetto assivo UE con stabili organizzazioni in UE stabile organizzazione DE SEDE IT stabile organizzazione FR ADESIONE REGIME MOSS TVA Regime normale anche tramite le stabili organizzazioni IT FR UE ALTRI STATI UE Regime MOSS anche tramite le stabili organizzazioni MwSt DE Dichiarazioni MOSS

34 REGIME MOSS UE soggetto assivo NON UE con stabile organizzazione in UE stabile organizzazione DE SEDE. USA ADESIONE REGIME MOSS stabile organizzazione FR SCELTA IDENTIFICAZIONE IN GERMANIA TVA MwSt Regime normale anche tramite le stabili organizzazioni FR DE UE ALTRI STATI UE Regime MOSS anche tramite le stabili organizzazioni Dichiarazioni MOSS

35 REGIME MOSS NON UE Possono avvalersi del regime NON UE: - i soggetti assivi che non hanno stabilito la sede della roria attività economica, né ossiedono una stabile organizzazione, nel territorio della UE e che non sono registrate né tenute ad essere identificata a fini IVA nel territorio stesso. Stato di stabilimento Stabile organizzazione in UE Stato membro di identificazione e attivazione del regime StatI membri di consumo StatI membri di consumo ESCLUSI. USA NO UE A SCELTA UE TUTTI I PERTINENTI NESSUNO

36 PRESTAZIONI REGIME MOSS UE soggetto assivo NON UE senza stabili organizzazione in UE USA ADESIONE REGIME MOSS SCELTA IDENTIFICAZIONE IN ITALIA UE TUTTI GLI STATI Regime MOSS ESCLUSIVO Dichiarazioni MOSS Il regime è esclusivo non essendo ammesso il contemoraneo regime ordinario.

37 Le norme alicabili nello Stato membro di consumo alle restazioni nazionali in tema di aliquote, fatturazione, regime er cassa, sono alicabili anche a quelle rientranti nel regime del Mini Sortello Unico DE - Aliquota IVA - regole di fatturazione. IT FR - Aliquota IVA - regole di fatturazione. ADESIONE REGIME MOSS SE - Aliquota IVA - regole di fatturazione. ES - Aliquota IVA - regole di fatturazione. In articolare, in materia di fatturazione si alicheranno le norme dello Stato membro di consumo. Chi aderisce al MOSS dovrà ertanto conoscere le norme ertinenti degli Stati membri in cui restano servizi ai destinatari. Le informazioni relative alle norme degli Stati membri in materia di fatturazione saranno disonibili sul sito internet della Commissione Euroea.

38 estratto da Relazione della Commissione al Consiglio del 26/6/2014: Ai sensi dell'articolo 221 della direttiva IVA, gli Stati membri ossono imorre ai soggetti assivi l'obbligo di emettere una fattura er le restazioni di servizi a ersone che non sono soggetti assivi (oerazioni B2C). Tuttavia, questo obbligo uò essere oneroso er gli oeratori che svolgono le loro attività in diversi Stati membri. Pertanto, al fine di semlificare ulteriormente la conformità alla normativa da arte degli oeratori economici, la Commissione ritiene che gli Stati membri non dovrebbero richiedere alle imrese di emettere una fattura er le oerazioni B2C contemlate dal MOSS.

39 SOMMARIO Definizione di e-commerce diretto Tabelle Disosizioni comunitarie Disosizioni in materia di territorialità dei servizi TBES Discilina del regime MOSS Novità dal 1 gennaio 2015 Definizioni Il regime MOSS Regime MOSS UE Regime MOSS NON UE L adesione al regime MOSS La registrazione Decorrenza La cancellazione L esclusione Periodo di quarantena

40 Un soggetto assivo che sceglie di avvalersi del mini sortello unico è tenuto a registrarsi nello stato membro di identificazione. Due regimi: REGIME UE REGIME NON UE registrazione ossibile er un soggetto assivo avente sede della roria attività economica nell UE (o se ivi disone di una stabile organizzazione); se il soggetto assivo non disone della sede dei rori affari nell UE (nemmeno tramite stabile organizzazione e non sia registrato né tenuto ad essere identificato ai fini Iva nell UE). Al momento della registrazione, al soggetto assivo verrà attribuito un numero individuale di registrazione IVA che: - nel regime UE: coincide con il numero di artita IVA utilizzato er le oerazioni nazionali; - nel regime non UE: verrà assegnato nel formato Euxxxyyyyyz (EU-codice ISO-numero stato membro-numero di controllo).

41 La registrazione E ossibile effettuare la registrazione a artire dal 1 ottobre Per effettuare la registrazione il soggetto assivo dovrà accedere al ortale web: Saranno richieste delle informazioni che varieranno a seconda del regime a cui dovrà aderire il soggetto assivo. Dati richiesti er il regime UE: - Dati anagrafici identificativi del soggetto e dell attività svolta; - Stabili organizzazioni in altri aesi UE; - Identificazioni in altri aesi UE come soggetto non stabilito; - Precedenti registrazioni in altri aesi UE. Dati richiesti er il regime non UE: - Informazioni sull attività; - Dati dell imrenditore individuale (eventuale); - Contatti.

42 Obbligo credenziali Entratel o Fisconline Per oter materialmente effettuare la registrazione sul sito dell Agenzia delle Entrate il soggetto assivo dovrà accedere direttamente ai servizi telematici offerti dall Agenzia con le rorie credenziali Fisconline o Entratel. Previa verifica che il cliente sia in ossesso delle credenziali di accesso ai servizi telematici dell Agenzia delle Entrate!!!!!!! (Provvedimento A.E. 30/09/2014).

43 Dati er la registrazione (Regime Ue Regime non Ue)

44 Dati er la registrazione (Regime Ue Regime non Ue)

45 Dati er la registrazione (Regime Ue Regime non Ue)

46 Decorrenza La registrazione decorre dal 1 giorno del trimestre civile successivo a quello di registrazione (NON il 3 mese successivo!!!!) Esemio: Registrazione 15 febbraio 2015 DECORRENZA 1 arile 2015 E revista una decorrenza anticiata qualora il soggetto assivo inizi ad effettuare oerazioni rientranti nel MOSS rima di tale data: il regime rende inizio dalla rima oerazione effettuata a condizione che il soggetto assivo comunichi allo Stato di identificazione di aver effettuato oerazioni rientranti nel MOSS entro il 10 giorno del mese successivo a quello in cui la rima oerazione è stata effettuata. Esemio: Prima restazione B2C 1 marzo comunicazione allo Stato membro di identificazione entro il 10 arile efficacia anticiata con DECORRENZA 1 marzo. (senza deroghe il regime sarebbe stato alicabile dal 1 arile)

47 La cancellazione Cancellazione: abbandono volontario del regime MOSS da arte del soggetto assivo; Il soggetto assivo deve comunicare la volontà di non aderire iù al MOSS almeno 15 giorni rima della fine del trimestre civile antecedente a quello in cui intende non avvalersi iù del regime. Esemio: Iotesi di cessazione dal MOSS dal 1 luglio entro il 15 giugno. comunicazione cancellazione Il soggetto assivo non otrà utilizzare il MOSS in nessun Stato Membro er due trimestri dell anno civile. Il soggetto «cancellato» tornerà a dover assolvere gli obblighi IVA (ecommerce diretto e servizi di telecomunicazione, ecc.) revisti negli stati membri di consumo.

48 L esclusione Lo Stato membro di identificazione rovvedere a escludere il soggetto assivo dal regime. L esclusione è revista er le seguenti ragioni:

49 Periodo di quarantena Quando un soggetto assivo viene escluso da uno dei due regimi MOSS (UE o Extra UE) entra in un eriodo di quarantena. Un eriodo di quarantena è alicabile soltanto nei casi seguenti:

50 SOMMARIO La Dichiarazione IVA La trasmissione della dichiarazione Contenuto della dichiarazione I versamenti

51 La Dichiarazione IVA Il soggetto assivo UE ed extra-ue che abbia otato er il regime seciale è tenuto a resentare la dichiarazione IVA con riferimento ad ogni trimestre, sia nel caso un cui abbia fornito servizi di telecomunicazione, radiodiffusione e servizi restati tramite mezzi elettronici, sia nel caso in cui non abbia fornito alcun servizio. Nell ambito del regime MOSS, in relazione alle restazioni che vi rientrano, non setta la detrazione dell IVA sulle le sese sostenute nello Stato membro di consumo, ma solamente il diritto al suo rimborso. Il soggetto assivo otrà recuerare l imosta agata nei vari Stati membri di consumo attraverso le rocedure di rimborso di cui alle direttive 2008/8/CE e 86/560/CEE.

52 Contenuto della dichiarazione La dichiarazione IVA deve contenere i dati relativi ai servizi forniti ai consumatori in ciascuno Stato membro dal soggetto assivo. Lo Stato membro di identificazione: i. divide i dati contenuti nella dichiarazione IVA con riferimento ad ogni Stato membro di consumo e li inoltra a ciascuno di essi; ii. genera un numero di riferimento er ogni dichiarazione IVA, e ne dà informazione al soggetto assivo, che deve fare riferimento allo stesso quando effettua i corrisondenti agamenti IVA. Nel caso in cui i servizi in commento siano resi da un soggetto assivo a consumatori rivati localizzati nello Stato membro nel quale questi è stabilito, essi devono essere comunicati soltanto nella dichiarazione IVA domestica. Lo Stato membro di identificazione consente ai soggetti assivi la ossibilità di effettuare correzioni alla dichiarazione IVA entro tre anni dalla scadenza del termine er l invio.

53 La trasmissione della dichiarazione La dichiarazione deve essere resentata entro il giorno 20 successivo al trimestre al quale si riferisce. I eriodi di riferimento e le relative scadenze er la resentazione della dichiarazione IVA sono: eriodo 1 gennaio 31 marzo - resentazione entro il 20 arile; eriodo 1 arile 30 giugno - resentazione entro il 20 luglio; eriodo 1 luglio 30 settembre - resentazione entro il 20 ottobre; eriodo 1 ottobre 31 dicembre - resentazione entro il 20 gennaio. I termini rimangono i medesimi anche se scadenti il sabato o la domenica. La trasmissione della dichiarazione non uò avvenire rima della fine del trimestre di riferimento.

54 Se il soggetto assivo non trasmette la dichiarazione entro 30 giorni dalla fine del eriodo di riferimento (la scadenza è il 20 del mese successivo al trimestre di riferimento) lo Stato membro di identificazione invia un sollecito al soggetto assivo. Eventuali successivi solleciti sono emessi dagli Stati membri di consumo. Nel caso in cui il contribuente riceva i solleciti er tre trimestri consecutivi e non trasmetta la dichiarazione entro 10 giorni dall invio di ciascuno di essi, questi viene considerato come se avesse costantemente omesso di risettare le norme che regolano il regime seciale comortandone la sua esclusione. Eventuali sanzioni e oneri relativi al ritardo nella resentazione della dichiarazione rientrano nella cometenza degli Stati membri di consumo, secondo le rorie regole e rocedure.

55 I versamenti Il soggetto assivo aga l IVA dovuta allo Stato membro nel quale si è identificato, er l ammontare derivante dalla dichiarazione. Successivamente detto Stato rovvede alla distribuzione dell IVA ai vari Stati membri di consumo. Il agamento viene effettuato a seguito della resentazione della dichiarazione IVA, indicando al numero unico di riferimento attribuito alla stessa. Se il agamento non viene effettuato o non viene effettuato er l intero imorto dovuto, lo Stato membro di identificazione uò inviare al contribuente un sollecito entro il decimo giorno successivo a quello nel quale il agamento era dovuto. I successivi solleciti sono di cometenza dello Stato membro del consumo interessato.

56 Il contribuente che riceve il sollecito er tre trimestri consecutivi e non rovvede ad effettuare il agamento entro 10 giorni dalla data di ciascuno di essi, si considera inademiente e quindi viene escluso dal sistema, fatta eccezione er imorti non agati inferiori ad 100,00, riferiti ad ogni trimestre. Nel caso in cui il soggetto assivo abbia versato maggiore IVA risetto a quella effettivamente dovuta, ossono verificarsi le seguenti situazioni: i. quando lo Stato membro di identificazione riceve il agamento, è tenuto a verificarlo con l IVA risultante dalla dichiarazione. Se questi rileva che è stata agata iù IVA di quella dovuta, rimborsa l eccedenza al soggetto assivo; ii. se il soggetto assivo rileva di aver effettuato un errore nella dichiarazione, che ha determinato un maggiore versamento di imosta, rovvede ad effettuare la correzione della dichiarazione. Se la rettifica è effettuata rima che lo Stato membro di identificazione abbia distribuito l IVA agli Stati di consumo, questo rovvederà a restituire il dovuto direttamente al soggetto assivo. Nel caso in cui la correzione avvenga successivamente alla distribuzione dell imosta a favore degli Stati membri di consumo, da arte dello Stato di identificazione, sarà lo Stato membro di consumo che restituirà l imorto IVA versato in eccedenza direttamente al contribuente.

Lo sportello Unico per i servizi telematici (Moss)

Lo sportello Unico per i servizi telematici (Moss) Lo sportello Unico per i servizi telematici (Moss) E-commerce: regime fiscale Iva Il commercio elettronico indiretto Il commercio elettronico diretto Il Mini Sportello Unico Dott. Alberto Perani 1 E-commerce:

Dettagli

Studio Dott. Begni & Associati NEWS 17/2015

Studio Dott. Begni & Associati NEWS 17/2015 Brescia, lì 20.05.2015 SPETT.LE CLIENTE Oggetto: LE NUOVE REGOLE DELL E-COMMERCE Il commercio elettronico, c.d. e-commerce, con il quale si effettuano transazioni commerciali di beni o servizi utilizzando

Dettagli

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati CIRCOLARE N. 22/2015 NOVITA IN MATERIA DI IVA DAL 2015 SUI SERVIZI DIGITALI

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati CIRCOLARE N. 22/2015 NOVITA IN MATERIA DI IVA DAL 2015 SUI SERVIZI DIGITALI Dott. Paolo Simoni Dott. Grazia Marchesini Dott. Alberto Ferrari Dott. Federica 0 Simoni Rag. Lidia Gandolfi Dott. Francesco Ferrari Dott. Enrico Ferra Dott. Agostino Mazziotti Bologna, 10/04/2015 Ai Signori

Dettagli

DEFINIZIONE DEFINIZIONE

DEFINIZIONE DEFINIZIONE DEFINIZIONE 1. SERVIZI DEFINIZIONE DIGITALI DEFINIZIONE Nella disciplina IVA, i servizi che si qualificano come elettronici vanno distinti da quelli che la stessa normativa in materia di IVA considera

Dettagli

Fiscalità 2015: Lo sportello Unico per i servizi telematici (Moss) Dr Alberto Perani Milano, 24 febbraio 2015 In collaborazione con

Fiscalità 2015: Lo sportello Unico per i servizi telematici (Moss) Dr Alberto Perani Milano, 24 febbraio 2015 In collaborazione con Fiscalità 2015: Lo sportello Unico per i servizi telematici (Moss) Dr Alberto Perani Milano, 24 febbraio 2015 In collaborazione con In collaborazione con Lo sportello Unico per i servizi telematici (Moss)

Dettagli

Il commercio elettronico di prodotti digitali

Il commercio elettronico di prodotti digitali UNIONE EUROPEA. Istruzioni per l uso Allegato al n. 1/2013 Il commercio elettronico di prodotti digitali Aspetti fiscali Il commercio elettronico di prodotti digitali Aspetti fiscali Approfondimento a

Dettagli

Cessioni e acquisti via WEB

Cessioni e acquisti via WEB Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 115 16.04.2014 Cessioni e acquisti via WEB Commercio elettronico indiretto e Commercio elettronico diretto Novità dal 1 Gennaio 2015 - Categoria:

Dettagli

Oggetto: Il regime IVA applicabile alle prestazioni di servizi di e-commerce

Oggetto: Il regime IVA applicabile alle prestazioni di servizi di e-commerce Oggetto: Al commercio elettronico vengono applicate delle norme specifiche che in parte si discostano dai criteri generali di territorialità previsti dal D.P.R. 633/1972. Per commercio elettronico si intendono

Dettagli

Commercialisti e revisori legali consulenza del lavoro

Commercialisti e revisori legali consulenza del lavoro Studio Falardi Commercialisti e revisori legali consulenza del lavoro 24121 Bergamo - Via Matris Domini, 21 - Tel. 035.239139-035.216389 Fax 035.224574 - e-mail: segreteria@studiofalardi.it Rag. Franco

Dettagli

SERVIZIO SOGGETTO PASSIVO STABILITO O NON STABILITO NEL TERRITORIO DELLO STATO

SERVIZIO SOGGETTO PASSIVO STABILITO O NON STABILITO NEL TERRITORIO DELLO STATO SEXIES - TERRITORIALITÀ - DISPOSIZIONI SPECIALI RELATIVE A TALUNE PRESTAZIONI DI SERVIZI RESE A COMMITTENTI NON SOGGETTI PASSIVI L art. 7 sexies individua tutta una serie di prestazioni che si considerano

Dettagli

Cfr. M. Peirolo I servizi di e-commerce diretto nella disciplina attuale e in quella applicabile dal 2015 in Il fisco n. 13/2014, pag. 1219.

Cfr. M. Peirolo I servizi di e-commerce diretto nella disciplina attuale e in quella applicabile dal 2015 in Il fisco n. 13/2014, pag. 1219. Mini One Stop Shop: la Commissione UE detta le linee-guida della Dott.ssa Cristina Seregni e della Dott.ssa Roberta De Pirro Abstract Dal 1 gennaio 2015 la tassazione ai fini IVA dei s ervizi di telecomunicazione,

Dettagli

Regime IVA Moss. Premessa normativa

Regime IVA Moss. Premessa normativa Nota Salvatempo Contabilità 13.0 15 GENNAIO 2014 Regime IVA Moss Premessa normativa La Direttiva 12 febbraio 2008, n. 2008/8/CE, art. 5 prevede che dal 1 gennaio 2015 i servizi elettronici, di telecomunicazione

Dettagli

(G.U.U.E. n. L 288 del 29 ottobre 2005)

(G.U.U.E. n. L 288 del 29 ottobre 2005) REGOLAMENTO (CE) N. 1777/2005 DEL CONSIGLIO del 17 ottobre 2005 recante disposizioni di applicazione della direttiva 77/388/CEE relativa al sistema comune di imposta sul valore aggiunto (G.U.U.E. n. L

Dettagli

IVA nel commercio elettronico

IVA nel commercio elettronico IVA nel commercio elettronico A cura di: Walter Rotondaro Dottore Commercialista Politecnico di Torino - 21 novembre 2014 Commercio elettronico Il commercio elettronico consiste nello svolgimento di attività

Dettagli

LA NUOVA TERRITORIALITA IVA DELLE PRESTAZIONI DI E-COMMERCE

LA NUOVA TERRITORIALITA IVA DELLE PRESTAZIONI DI E-COMMERCE Circolare N. 70 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 8 ottobre 2010 LA NUOVA TERRITORIALITA IVA DELLE PRESTAZIONI DI E-COMMERCE Per commercio elettronico diretto sono da intendersi le operazioni

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

E-COMMERCE ASPETTI IVA. A Cura di Antonio Gigliotti

E-COMMERCE ASPETTI IVA. A Cura di Antonio Gigliotti E-COMMERCE ASPETTI IVA A Cura di Antonio Gigliotti Indice Indice 1. COMMERCIO ELETTRONICO DIRETTO E INDIRETTO 1.1. Commercio elettronico diretto e indiretto Pag. 2 2. COMMERCIO ELETTRONICO INDIRETTO Pag.

Dettagli

SPAZIO FISCALE MAGGIO 2015 ULTIME NOVITÀ FISCALI

SPAZIO FISCALE MAGGIO 2015 ULTIME NOVITÀ FISCALI SPAZIO FISCALE MAGGIO 2015 In collaborazione con il Centro Studi SEAC Spa - TRENTO - www.seac.it - email info@seac.it Studi di settore e lieve scostamento Sentenza Corte Cassazione 8.1.2015, n. 12/1/15

Dettagli

CIRCOLARE MAGGIO 2015 ULTIME NOVITÀ FISCALI

CIRCOLARE MAGGIO 2015 ULTIME NOVITÀ FISCALI CIRCOLARE MAGGIO 2015 Studi di settore e lieve scostamento Sentenza Corte Cassazione 8.1.2015, n. 12/1/15 E-commerce D.Lgs. 31.3.2015, n. 42 Ex coniuge e accollo mutuo Sentenza Cassazione 2.4.2015, n.

Dettagli

Fiscal News N. 52. Novità per l e-commerce diretto dal 01.01.2015. La circolare di aggiornamento professionale 16.02.2015

Fiscal News N. 52. Novità per l e-commerce diretto dal 01.01.2015. La circolare di aggiornamento professionale 16.02.2015 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 52 16.02.2015 Novità per l e-commerce diretto dal 01.01.2015 Dal 01.01.2015 molte le novità per il commercio elettronico diretto B2C. Categoria:

Dettagli

STUDIO D ALESSIO COMMERCIALISTI

STUDIO D ALESSIO COMMERCIALISTI Circolare informativa n 4/2011 STUDIO D ALESSIO COMMERCIALISTI Novità fiscali introdotte dalla Legge 14 settembre 2011 n. 148 La resente circolare ha lo scoo di fornire una anoramica delle numerose novità

Dettagli

Circolare n. 68. Roma, 21 dicembre 2012

Circolare n. 68. Roma, 21 dicembre 2012 Direzione generale Direzione centrale rogrammazione Organizzazione e Controllo Direzione centrale rischi Direzione centrale servizi istituzionali Settore Navigazione Direzione centrale servizi informativi

Dettagli

STUDIO D ALESSIO COMMERCIALISTI

STUDIO D ALESSIO COMMERCIALISTI COMMERCIALISTI Genova, 26 ottobre 2010 Circolare Informativa Comunicazione telematica delle oerazioni con controarti localizzate in aradisi fiscali - 1 PREMESSA Ai sensi dell art. 1 co. 1-3 del DL 25.3.2010

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 129 del 23 Settembre 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Commercio elettronico: per le operazioni UE anche i regimi agevolati applicano il MiniOne Stop Shop Gentile cliente,

Dettagli

E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI

E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI FABRIZIO DOMINICI Dottore commercialista in Rimini www.dominiciassociati.com Via Marecchiese 314/d 47822 Rimini f.dominici@dominiciassociati.com DEFINIZIONE

Dettagli

ALLEGATOB alla Dgr n. 475 del 02 marzo 2010

ALLEGATOB alla Dgr n. 475 del 02 marzo 2010 ALLEGATO D SCHEMA DEL CONTRATTO DI GARANZIA [Nota: testo di garanzia da rivedere una volta che la Regione avrà assunto le necessarie determinazioni/leggi] CONTRATTO PER LA CONCESSIONE DI GARANZIA A PRIMA

Dettagli

Circolare N. 155 del 26 Novembre 2014

Circolare N. 155 del 26 Novembre 2014 Circolare N. 155 del 26 Novembre 2014 Operatori dell e-commerce - partite dal 1 ottobre le registrazioni al mini sportello unico Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il Provvedimento

Dettagli

Il sistema di contabilità nazionale e la comparazione degli aggregati economici nel tempo e nello spazio

Il sistema di contabilità nazionale e la comparazione degli aggregati economici nel tempo e nello spazio Bruno Bracalente Il sistema di contabilità nazionale e la comarazione degli aggregati economici nel temo e nello sazio Disense er il corso di Statistica Economica Modulo I Università degli Studi di Perugia

Dettagli

Rag. Silvano Nieri. Commercialista, Revisore Contabile, Curatore Fallimentare

Rag. Silvano Nieri. Commercialista, Revisore Contabile, Curatore Fallimentare Regime IVA del commercio elettronico REGIME IVA COMMERCIO ELETTRONICO INDIRETTO COMMERCIO ELETTRONICO DIRETTO PRESTAZIONI RESE A PRIVATI ITALIANI DA PARTE DI SOGGETTI EXTRA-UE PRESTAZIONI RESE A PRIVATI

Dettagli

BIANCO FIDUCIARIA E DI REVISIONE S.R.L. società fiduciaria e di revisione contabile

BIANCO FIDUCIARIA E DI REVISIONE S.R.L. società fiduciaria e di revisione contabile S.R.L. società fiduciaria e di revisione contabile Milano, 23 novembre 2015 Oggetto: Servizi on line a consumatori privati finalmente niente più fattura e scontrini fiscali. - dal 2015 finalmente niente

Dettagli

2 DECORRENZA DELLE NOVITÀ Le novità in materia di territorialità IVA si applicano alle operazioni effettuate dall 1.1.2010.

2 DECORRENZA DELLE NOVITÀ Le novità in materia di territorialità IVA si applicano alle operazioni effettuate dall 1.1.2010. CIRCOLARE n. 12/2010 Oggetto: Territorialità IVA - Recepimento della normativa comunitaria - Nuova disciplina 1 PREMESSA Con il DLgs. 11.2.2010 n. 18, pubblicato sulla G.U. 19.2.2010 n. 41 ed entrato in

Dettagli

COMUNE DI CENTO REGOLAMENTO PER L ACCOGLIENZA DI PERSONE ASSISTITE PRESSO STRUTTURE RESIDENZIALI AUTORIZZATE

COMUNE DI CENTO REGOLAMENTO PER L ACCOGLIENZA DI PERSONE ASSISTITE PRESSO STRUTTURE RESIDENZIALI AUTORIZZATE COMUNE DI CENTO REGOLAMENTO PER L ACCOGLIENZA DI PERSONE ASSISTITE PRESSO STRUTTURE RESIDENZIALI AUTORIZZATE ag. 1 di 13 Premessa. L Amministrazione Comunale garantisce l inserimento ed il mantenimento

Dettagli

ROTARY. La web communication. Distretto 2040 Rotary International

ROTARY. La web communication. Distretto 2040 Rotary International ROTARY La web communication Distretto 2040 Rotary International Indice Premessa 1 Scenario 2 Perché creare un sito web er il club? 3 Come realizzare un sito web 4 I contenuti del sito 4 Il sito internazionale

Dettagli

SISTEMA D ALLARME E COMUNICATORI

SISTEMA D ALLARME E COMUNICATORI SISTEMA D ALLARME E COMUNICATORI MANUALE D USO Grazie er aver acquistato un sistema di sicurezza DAITEM adeguato alle vostre esigenze di rotezione. Precauzioni L installazione del sistema deve essere effettuata

Dettagli

NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010. Forlì, 26 febbraio 2010

NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010. Forlì, 26 febbraio 2010 NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010 Forlì, 26 febbraio 2010 La situazione normativa ad oggi Forlì 26 febbraio 2010 3 STATO DELLA NORMATIVA - Direttiva 2008/8CE del 12 febbraio 2008 (territorialità) - Direttiva

Dettagli

Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010. Accenni Teorici Casi Pratici. 20 settembre 2010

Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010. Accenni Teorici Casi Pratici. 20 settembre 2010 Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010 Accenni Teorici Casi Pratici 20 settembre 2010 AGENDA 1. Elenchi Intrastat 2. Elenchi Intrastat: casi pratici 3. Comunicazioni

Dettagli

Studio Commercialisti Associati

Studio Commercialisti Associati Revisore Contabile AI SIGNORI CLIENTI LORO SEDI Circolare Studio N. 1 / 2013 del 10/01/2013 Oggetto: le novità inerenti l I.V.A. e la fatturazione a decorrere dal 01/01/2013 Numerose sono le novità in

Dettagli

AL FISCO 7ATTENZIONE

AL FISCO 7ATTENZIONE 7ATTENZIONE AL FISCO 7 Attenzione al fisco... 117 7.1 Consegna a domicilio... 118 7.2 Consegna in Rete... 120 7.3 L IVA nelle vendite all estero... 122 ATTENZIONE AL FISCO 7 7. Attenzione al fisco Dal

Dettagli

I COSTI DI UNA VALUTA COMUNE

I COSTI DI UNA VALUTA COMUNE I COTI I UNA VALUTA COMUNE Un aese che aderisce a un UNIONE MONETARIA rinuncia ad alcuni strumenti di olitica economica utili a far fronte a eventuali situazioni di squilibrio ❶ manovre del tasso di cambio

Dettagli

Nuove regole per la territorialità dei servizi. Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it

Nuove regole per la territorialità dei servizi. Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it Nuove regole per la territorialità dei servizi Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it NORMATIVA COMUNITARIA direttiva 2008/8/CE: territorialitàdei servizi; intrastat

Dettagli

NOVITA IVA ARGOMENTI. M.O.S.S. Dichiarazioni d intento Estensione Reverse Charge Split Payment. Mevio Martelli

NOVITA IVA ARGOMENTI. M.O.S.S. Dichiarazioni d intento Estensione Reverse Charge Split Payment. Mevio Martelli NOVITA IVA Mevio Martelli ARGOMENTI M.O.S.S. Dichiarazioni d intento Estensione Reverse Charge Split Payment 1 M.O.S.S. M.O.S.S. (MINI ONE STOP SHOP) Regolamento 967/2012 Regolamento 815/2012 Provvedimento

Dettagli

Imposta Valore Aggiunto Territorialità

Imposta Valore Aggiunto Territorialità Imposta Valore Aggiunto Territorialità Intervento Salvatore Fichera Dirigente Agenzia delle Entrate www.salvatorefichera.it Università di Brescia 14 ottobre 2010 1 Concetti preliminari Caratteristiche

Dettagli

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 42 31 DICEMBRE 2012 IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione

Dettagli

REGIONE BASILICATA BILANCIO DI PREVISIONE ANNO FINANZIARIO 2012. Elenco dei Capitoli di Spesa Obbligatoria ALLEGATO 4

REGIONE BASILICATA BILANCIO DI PREVISIONE ANNO FINANZIARIO 2012. Elenco dei Capitoli di Spesa Obbligatoria ALLEGATO 4 arte I N. 45 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA - 30-12-2011 12443 REGIONE BASILICATA ALLEGATO 4 BILANCIO DI REVISIONE ANNO FINANZIARIO 2012 12444 N. 45 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA - 30-12-2011 arte I Descrizione

Dettagli

Maggio 2015. A CURA DELLO STUDIO Dott.ssa ELENA TROMBETTA Como Via Giovane Italia, 13. Commercio elettronico diretto nuove regole Iva.

Maggio 2015. A CURA DELLO STUDIO Dott.ssa ELENA TROMBETTA Como Via Giovane Italia, 13. Commercio elettronico diretto nuove regole Iva. A CURA DELLO STUDIO Dott.ssa ELENA TROMBETTA Como Via Giovane Italia, 13 INFORMA AZIENDE DEL MESE DI MAGGIO 2015 Commercio elettronico diretto nuove regole Iva Scadenziario Pagina 2 / 11 COMMERCIO ELETTRONICO

Dettagli

Corporate Compliance Policy

Corporate Compliance Policy Cororate Comliance Policy Traduzione italiana dal testo originale in lingua inglese Prefazione Care collaboratrici, cari collaboratori, Bayer è un azienda che oera a livello globale. Le nostre attività

Dettagli

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Entro il 28 febbraio 2014 i titolari di partita Iva sono tenuti a presentare

Dettagli

Circolare n. 4. del 26 gennaio 2010. IVA nei rapporti con l estero Novità 2010 INDICE

Circolare n. 4. del 26 gennaio 2010. IVA nei rapporti con l estero Novità 2010 INDICE Via Principe Amedeo 11 10123 Torino c.f. e p.iva 06944680013 Tel. 011 8126939 Fax. 011 8122079 Email: info@studiobgr.it www.studiobgr.it Circolare n. 4 del 26 gennaio 2010 IVA nei rapporti con l estero

Dettagli

TeamSystem. Review. review. n. 221. Periodico di informazione fiscale. In collaborazione con

TeamSystem. Review. review. n. 221. Periodico di informazione fiscale. In collaborazione con R TeamSystem Review n. 221 Poste Italiane S.p.A. Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 N.46), art. 1, comma 1, DGB Pesaro Periodico di informazione fiscale In collaborazione

Dettagli

Le novità in materia di territorialità IVA delle prestazioni di servizi

Le novità in materia di territorialità IVA delle prestazioni di servizi Le novità in materia di territorialità IVA delle prestazioni di servizi A cura di Caterina Gastone Agenzia delle Entrate Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio IVA 1 I presupposti

Dettagli

CONCORRENZA PERFETTA E DINAMICA

CONCORRENZA PERFETTA E DINAMICA 1 CONCORRENZA PERFETTA E DINAMICA 1. La caratterizzazione dell'equilibrio di mercato Per caratterizzare un mercato di concorrenza erfetta consideriamo un certo numero di imrese che roducono e offrono tutte

Dettagli

Tale principio generale è derogato da una serie di fattispecie particolari, disciplinate dagli artt. da 7-quater a 7-septies del D.P.R. n. 633/72.

Tale principio generale è derogato da una serie di fattispecie particolari, disciplinate dagli artt. da 7-quater a 7-septies del D.P.R. n. 633/72. TERRITORIALITA IVA NELLE PRESTAZIONI DI SERVIZI Il principio generale e speciale Con il recepimento della Direttiva n. 2008/8/CE, c.d. "Direttiva Servizi", grazie al D.Lgs. n. 18/2010, è stata modificata

Dettagli

CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat. Confcommercio, 14 aprile 2010

CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat. Confcommercio, 14 aprile 2010 CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat Confcommercio, 14 aprile 2010 L art. 7 del DPR n. 633 del 1972 è stato sostituito dal 1 gennaio 2010 dal D.Lgs. n.18

Dettagli

AVVISO INTEGRATIVO DI EMISSIONE RELATIVO A: ABN AMRO BANK N.V. MINI FUTURES LONG E MINI FUTURES SHORT CERTIFICATES SU

AVVISO INTEGRATIVO DI EMISSIONE RELATIVO A: ABN AMRO BANK N.V. MINI FUTURES LONG E MINI FUTURES SHORT CERTIFICATES SU Avviso Integrativo della Nota Integrativa relativa al rogramma di emissione degli ABN Mini Futures Long e Mini Futures Short Certificates su Future sull Oro, sull Argento, sul Platino, sul Palladio e sul

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

Informativa Clienti. del 1 marzo 2010

Informativa Clienti. del 1 marzo 2010 S T U D I O C O M M E R C I A L I S T A dott. sa Ausilia RUBIANO Commercialista Revisore Contabile Consulente Tecnico del Giudice Informativa Clienti. del 1 marzo 2010 MODELLI INTRASTAT: NOVITA. Con il

Dettagli

Milano, 30 Marzo 2010

Milano, 30 Marzo 2010 Milano, 30 Marzo 2010 Circolare 2/2010 Gentile cliente, trasmettiamo la seguente circolare riguardo alle nuove regole dei modelli intracee da presentare a partire dal 01 Gennaio 2010. A) NOVITÀ NELL INVIO

Dettagli

LAURA BIAGIONI Dottore commercialista Revisore contabile

LAURA BIAGIONI Dottore commercialista Revisore contabile Piazza Cavour n.29, 60100 Ancona (AN) Tel.: 071-202538 071-204315 Fax: 071-57360 Posta elettronica: laura.biagioni@consulentiassociati.com LAURA BIAGIONI Dottore commercialista Revisore contabile Ancona,

Dettagli

CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08

CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08 CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08 Con la presente, si intende dare un informativa di massima sulla nuova normativa che dal

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA MAGGIO N. 5/2015

CIRCOLARE INFORMATIVA MAGGIO N. 5/2015 CIRCOLARE INFORMATIVA MAGGIO N. 5/2015 A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 16 maggio al 15 giugno 2015. Si ricorda che poiché il giorno 16 maggio cade di sabato,

Dettagli

Circolare informativa: Settore consulenza aziendale - tributaria

Circolare informativa: Settore consulenza aziendale - tributaria Bosin & Maas & Stocker Wirtschaftsberatung Steuerrecht Arbeitsrecht Revisoren dottori commercialisti consulenti del lavoro revisori dr. F. J. S c h ö n w e g e r dr. M a n f r e d B o s i n dr. G o t t

Dettagli

DECRETO SEMPLIFICAZIONI E LEGGE DI STABILITA 2015: NOVITA IVA

DECRETO SEMPLIFICAZIONI E LEGGE DI STABILITA 2015: NOVITA IVA DECRETO SEMPLIFICAZIONI E LEGGE DI STABILITA 2015: NOVITA IVA Lavoro della Commissione Imposte Indirette dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Genova Coordinatore: Dott. LUCA GIACOMETTI

Dettagli

Informativa per la clientela di studio

Informativa per la clientela di studio Informativa per la clientela di studio N. 01 del 08.01.2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Le nuove regole IVA dal 2013 Gentile Cliente, la presente per comunicarle che la Legge di stabilità 2013

Dettagli

RIPRODUZIONE VIETATA

RIPRODUZIONE VIETATA AVVOCATI E COMMERCIALISTI ASSOCIATI Bari Bologna Brescia Firenze Lecco Milano Padova Roma Torino http://www.lslex.com Circolare Novembre 2014 Data: 11 Novembre 2014 Indice Le novità di Novembre 2014 Il

Dettagli

ANALISI DELLA DIRETTIVA 38/2002

ANALISI DELLA DIRETTIVA 38/2002 QUALI ADEMPIMENTI IVA PER LE OPERAZIONI DI E-COMMERCE? ANALISI DELLA DIRETTIVA 38/2002 di Giuseppe Mongiello e Alberto De Luca Estero >> Commercio internazionale PREMESSA Con l approvazione della direttiva

Dettagli

RIPRODUZIONE VIETATA

RIPRODUZIONE VIETATA AVVOCATI E COMMERCIALISTI ASSOCIATI Bari Bologna Brescia Cagliari Firenze Lecco Milano Padova Roma Torino http://www.lslex.com Circolare Monotematica Novità fatturazione 2013 Data: 11 gennaio 2013 Indice

Dettagli

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA Le risposte pubblicate dalla stampa specializzata Confindustria Genova - Martedì 4 maggio 2010 D Come deve comportarsi una società italiana che abbia

Dettagli

Circolare n. 8. del 15 marzo 2010

Circolare n. 8. del 15 marzo 2010 Via Principe Amedeo 11 10123 Torino c.f. e p.iva 06944680013 Tel. 011 8126939 Fax. 011 8122079 Email: info@studiobgr.it www.studiobgr.it Circolare n. 8 del 15 marzo 2010 Modelli INTRASTAT - Recepimento

Dettagli

IL NUOVO MODELLO E LE NUOVE MODALITA DI INVIO DELLA DICHIARAZIONE D INTENTO DA PARTE DEGLI ESPORTATORI ABITUALI

IL NUOVO MODELLO E LE NUOVE MODALITA DI INVIO DELLA DICHIARAZIONE D INTENTO DA PARTE DEGLI ESPORTATORI ABITUALI IL NUOVO MODELLO E LE NUOVE MODALITA DI INVIO DELLA DICHIARAZIONE D INTENTO DA PARTE DEGLI ESPORTATORI ABITUALI Chiarimenti della Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 31/E del 30 dicembre 2014 L art.

Dettagli

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Circolare N. 72 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 15 ottobre 2010 LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Le nuove regole concernenti la territorialità IVA delle prestazioni di servizi,

Dettagli

Presentazione a cura di Mario Spera

Presentazione a cura di Mario Spera Presentazione a cura di Mario Spera Disposizioni comunitarie Pacchetto IVA Direttiva 2008/8/CE del 12 febbraio 2008 (modifica del luogo di tassazione dei servizi) Direttiva 2008/9/CE del 12 febbraio 2008

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Nuove regole dal 1 Gennaio 2015

Nuove regole dal 1 Gennaio 2015 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 357 03.12.2014 Servizi e commerce a privati UE Nuove regole dal 1 Gennaio 2015 Categoria: IVA Sottocategoria: Territorialità A decorrere dal 1

Dettagli

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Primo Corso Base di Contabilità Bilancio e Diritto Tributario 2011 11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Territorialità art.

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO Dott. Alberto Romano Dott. Pierluigi Riva. Decreto legislativo n. 18 dell 11 febbraio 2010 (G.U. n. 41 del 19 febbraio 2010)

STUDIO ASSOCIATO Dott. Alberto Romano Dott. Pierluigi Riva. Decreto legislativo n. 18 dell 11 febbraio 2010 (G.U. n. 41 del 19 febbraio 2010) STUDIO ASSOCIATO Dott. Alberto Romano Dott. Pierluigi Riva Decreto legislativo n. 18 dell 11 febbraio 2010 (G.U. n. 41 del 19 febbraio 2010) Territorialità Convegno del 9 aprile 2009 NOVITA PER IL REDDITO

Dettagli

Circolare n. 21/2010: Rimborsi Iva dei soggetti nazionali e non nazionali

Circolare n. 21/2010: Rimborsi Iva dei soggetti nazionali e non nazionali !!" " # " " # # # Milano, 23 luglio 2010 A tutti i Clienti, Loro sedi Circolare n. 21/2010: Rimborsi Iva dei soggetti nazionali e non nazionali (artt. 38, 38-bis, 38-bis1, 38-bis2 e 38-ter del D.P.R. n.

Dettagli

Circolare n. 15. Rimborsi Iva dei soggetti nazionali e non nazionali (artt. 38, 38-bis, 38-bis1, 38-bis2 e 38-ter del D.P.R. n.

Circolare n. 15. Rimborsi Iva dei soggetti nazionali e non nazionali (artt. 38, 38-bis, 38-bis1, 38-bis2 e 38-ter del D.P.R. n. Circolare n. 15 Rimborsi Iva dei soggetti nazionali e non nazionali (artt. 38, 38-bis, 38-bis1, 38-bis2 e 38-ter del D.P.R. n. 633/1972) Indice 1 Premessa... 2 2 I rimborsi Iva trimestrali per i soggetti

Dettagli

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce 2014-01-02 19:54:35 Il presente lavoro è tratto dalle guide: Imprese ed e-commerce. Marketing, aspetti legali e fiscali. e Il commercio elettronico

Dettagli

E chiaro allora che, rappresentando l evento impossibile e quello certo le due situazioni limite, per un qualunque evento si avrà:

E chiaro allora che, rappresentando l evento impossibile e quello certo le due situazioni limite, per un qualunque evento si avrà: CORSO ELEMENTARE SULLA PROBABILITA Eserimento aleatorio: ogni fenomeno del mondo reale il cui svolgimento è accomagnato da un certo grado di incertezza. rova (tentativo) singola esecuzione di un ben determinato

Dettagli

Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012

Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012 CIRCOLARE A.F. N. 40 del 16 Marzo 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla delle novità

Dettagli

4. Reti correttrici e regolatori industriali. 4.1 Regolatori industriali. 4.1.1 Regolatore ad azione proporzionale P

4. Reti correttrici e regolatori industriali. 4.1 Regolatori industriali. 4.1.1 Regolatore ad azione proporzionale P 4. Reti correttrici e regolatori industriali Un sistema di controllo ad anello chiuso deve soddisfare le secifiche assegnate nel dominio della frequenza e quelle assegnate nel dominio del temo. Queste

Dettagli

RISOLUZIONE N. 75/E. Con l interpello in oggetto, concernente l interpretazione dell art. 27 del D.L. n. 98 del 2011, è stato esposto il seguente

RISOLUZIONE N. 75/E. Con l interpello in oggetto, concernente l interpretazione dell art. 27 del D.L. n. 98 del 2011, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 75/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 agosto 2015 OGGETTO: Interpello - Regime di vantaggio ex art. 27, co. 1 e 2, del D. L. n. 98 del 2011 - Iva relativa ai servizi di telecomunicazione,

Dettagli

Direttiva Comunità Europea del 28 novembre 2006 n. 112 -

Direttiva Comunità Europea del 28 novembre 2006 n. 112 - Articolo 58 - Prestazioni di servizi di telecomunicazione, servizi di teleradiodiffusione e servizi elettronici a persone che non sono soggetti passivi. Il luogo delle prestazioni dei seguenti servizi

Dettagli

COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA ; Scadenza 28.02.2014 Verifica, predisposizione e invio telematico.

COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA ; Scadenza 28.02.2014 Verifica, predisposizione e invio telematico. INFORMATIVA N. 3 / 2014 Ai gentili Clienti dello Studio COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA ; Scadenza 28.02.2014 Verifica, predisposizione e invio telematico. DICHIARAZIONE ANNUALE IVA ; Verifica e predisposizione

Dettagli

IL MINI SPORTELLO UNICO (MOSS) PER LE PRESTAZIONI DI SERVIZI DIGITALI. Documento del 15 gennaio 2016

IL MINI SPORTELLO UNICO (MOSS) PER LE PRESTAZIONI DI SERVIZI DIGITALI. Documento del 15 gennaio 2016 IL MINI SPORTELLO UNICO (MOSS) PER LE PRESTAZIONI DI SERVIZI DIGITALI Documento del 15 gennaio 2016 ABSTRACT Il 18 aprile 2015 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.Lgs 31 marzo 2015, n. 42 che

Dettagli

CIRCOLARE N. 32/E. Roma, 5 novembre 2013

CIRCOLARE N. 32/E. Roma, 5 novembre 2013 CIRCOLARE N. 32/E Direzione Centrale Normativa Settore imposte indirette Ufficio IVA Roma, 5 novembre 2013 OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 21 al 22 per cento - Articolo 40, comma 1-ter,

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA APRILE N. 4/2012

CIRCOLARE INFORMATIVA APRILE N. 4/2012 CIRCOLARE INFORMATIVA APRILE N. 4/2012 A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI Di seguito evidenziamo i principali adempimenti del mese di aprile. Versamenti Iva mensili Scade Il 16 aprile il termine di versamento

Dettagli

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30 NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335 pagina 1 di 30 DPR 633/72 Art. 4 7 10 13 16 17 Argomento Enti pubblici e pubblica autorità (adeguamento sentenze Corte UE) D.L. 179/2012

Dettagli

Emission trading Profili Iva

Emission trading Profili Iva Emission trading Profili Iva Avv. Sara Armella Armella & Associati www.studioarmella.com 1 Distinzione tra cessioni di beni e prestazioni di servizi nella disciplina Iva comunitaria Cessione di beni (art.

Dettagli

OGGETTO: DIRETTIVA 8/08: AL VIA LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO (nuova territorialità ai fini IVA)

OGGETTO: DIRETTIVA 8/08: AL VIA LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO (nuova territorialità ai fini IVA) Dott. Sandro Malevolti Dott. Massimo Morandi Dott.ssa Laura Cimino - Dott. Massimiliano Manfredi - Dott. Fabio Pirgher Firenze, 12 gennaio 2010 AI SIGNORI CLIENTI Loro Sedi OGGETTO: DIRETTIVA 8/08: AL

Dettagli

Quale documentazione attesta la vendita on line

Quale documentazione attesta la vendita on line Conferenza organizzata dall Associazione ICT Dott.Com Quale documentazione attesta la vendita on line Direzione Regionale del Piemonte a cura di Sandra Migliaccio Ufficio Fiscalità Generale 1 22 novembre

Dettagli

La nuova dichiarazione d intento

La nuova dichiarazione d intento La nuova dichiarazione d intento Settore Fisco e Diritto d Impresa Questo materiale è predisposto da Assolombarda per i propri associati. Ogni altra forma di utilizzo o riproduzione non è consentita senza

Dettagli