MOSS (Mini One Stop Shop) Mini Sportello Unico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MOSS (Mini One Stop Shop) Mini Sportello Unico"

Transcript

1 MOSS (Mini One Sto Sho) Mini Sortello Unico Oerazioni di e-commerce diretto Giovedì 13 novembre 2014 Gruo di lavoro oerazioni doganali e intracomunitarie

2 Gruo di lavoro oerazioni doganali e intracomunitarie MOSS (Mini One Sto Sho) - Mini Sortello Unico Oerazioni di e-commerce diretto Autori e relatori Dott. Marco Bodo Dott. Stefano Caraneto Dott. Roberto Ramazzotto * Dott. Stefano Rangoni * Referente

3 SOMMARIO Definizione di e-commerce diretto Tabelle Disosizioni comunitarie Disosizioni in materia di territorialità dei servizi TBES Discilina del regime MOSS Novità dal 1 gennaio 2015 Definizioni Il regime MOSS Regime MOSS UE Regime MOSS NON UE L adesione al regime MOSS La registrazione Decorrenza La cancellazione L esclusione Periodo di quarantena

4 SOMMARIO La Dichiarazione IVA La trasmissione della dichiarazione Contenuto della dichiarazione I versamenti

5 SOMMARIO Definizione di e-commerce diretto Tabelle Disosizioni comunitarie Disosizioni in materia di territorialità dei servizi TBES Discilina del regime MOSS Novità dal 1 gennaio 2015 Definizioni Il regime MOSS Regime MOSS UE Regime MOSS NON UE L adesione al regime MOSS La registrazione Decorrenza La cancellazione L esclusione Periodo di quarantena

6 Per commercio elettronico diretto si intende la cessione on line di beni immateriali e servizi informatici quali, software, musica, immagini, testi, banche dati... forniti attraverso Internet o una rete elettronica e la cui natura rende la restazione essenzialmente automatizzata, corredata da un intervento umano minimo e, in assenza della tecnologia dell informazione, imossibile da garantire. (art. 11, Regolamento CE, , n. 1777/2005) La Direttiva 2006/112/CE allegato II e il Regolamento CE 282/2011 art.7 e allegato I individuano quali siano i servizi che rientrano nell ambito del commercio elettronico diretto e quelli che ne restano esclusi Le oerazioni di cessione er via telematica di tali beni immateriali sono considerate, a fini IVA,quali restazioni di servizi.

7 Tiologia (Direttiva 2006/112/CE) Fornitura di siti web e web hosting, gestione a distanza si rogrammi e attrezzatura Fornitura di rodotti digitali in genere, comresi software, loro modifiche e aggiornamenti Oerazioni di e-commerce diretto Dettaglio (Regolamento CE 282/2011) hosting di siti e agine web manutenzione automatica di rogrammi, remota e on line amministrazione remota di sistemi conservazione (warehousing) di dati on line, quando dati secifici sono conservati e recuerati elettronicamente fornitura on line di sazio sul disco in funzione delle richieste accesso o scaricamento di software, tra cui rogrammi di aggiudicazione/contabilità, software antivirus e loro aggiornamenti banner blocker (software er bloccare la comarsa di banner) driver di scaricamento e interfaccia tra comuter e eriferiche installazione automatica on line di filtri er siti web installazione automatica di firewall

8 Tiologia (Direttiva 2006/112/CE) Fornitura di immagini, testi e informazioni e messa a disosizione di basi di dati Oerazioni di e-commerce diretto Dettaglio (Regolamento CE 282/2011) accesso o scaricamento di temi dell interfaccia grafica accesso o scaricamento di fotografie e immagini o salvaschermi contenuto digitalizzato di libri e altre ubblicazioni elettroniche abbonamento a giornali e riviste on line siti ersonali (weblog) e statistiche relative ai siti web notizie, informazioni sul traffico e revisioni meteorologiche on line informazioni on line generate automaticamente da software sulla base di immissioni di dati secifici da arte del cliente, come dati di tio giuridico o finanziario, comresi dati sui mercati azionari ad aggiornamento continuo fornitura di sazio ubblicitario, comresi banner ubblicitari su una agina o sito web utilizzo di motori di ricerca e di elenchi su Internet

9 Tiologia (Direttiva 2006/112/CE) Fornitura di musica, film, giochi, comresi i giochi di sorte o d azzardo, rogrammi o manifestazioni olitici, culturali, artistici, sortivi, scientifici o di intrattenimento Fornitura di restazioni di insegnamento a distanza Oerazioni di e-commerce diretto Dettaglio (Regolamento CE 282/2011) accesso o scaricamento di musica su comuter e su telefoni cellulari accesso o scaricamento di sigle, brani musicali, suonerie o altri suoni accesso o scaricamento di film scaricamento di giochi su comuter e su telefoni cellulari accesso a giochi on line automatici diendenti da Internet o reti analoghe, nei quali i giocatori sono geograficamente lontani gli uni dagli altri tutte le forme di insegnamento a distanza automatizzato che funziona attraverso Internet o reti analoghe e la cui fornitura richiede un intervento umano limitato o nullo, incluse le classi virtuali, ad eccezione dei casi in cui Internet o altra rete vengono utilizzati semlicemente come uno strumento di comunicazione tra docente e studente

10 Tiologia (Direttiva 2006/112/CE) Fornitura di restazioni di insegnamento a distanza Altro Oerazioni di e-commerce diretto Dettaglio (Regolamento CE 282/2011) libri di esercizi comletati dagli studenti on line e corretti e valutati automaticamente, senza intervento umano la concessione, a titolo oneroso, del diritto di mettere in vendita un bene o un servizio su un sito Internet che oeri come mercato on line, in cui i otenziali acquirenti fanno offerte attraverso un rocedimento automatizzato e in cui le arti sono avvertite di una vendita attraverso osta elettronica generata automaticamente da un comuter le offerte forfettarie di servizi Internet (Internet service ackages, ISP) nelle quali la comonente delle telecomunicazioni costituisce un elemento accessorio e subordinato (vale a dire, il forfait va oltre il semlice accesso a Internet e comrende altri elementi, quali agine con contenuto che danno accesso alle notizie di attualità, alle informazioni meteorologiche o turistiche, sazi di gioco, hosting di siti, accessi a dibattiti on line...

11 Non sono considerate quali e-commerce diretto le seguenti oerazioni (art. 7 Regolamento CE 282/2011) servizi di telecomunicazione Oerazioni non considerate di e-commerce diretto CD-ROM, dischetti e suorti fisici analoghi, CD e audiocassette, videocassette e DVD, giochi su CD-ROM materiale stamato, come libri, bollettini, giornali o riviste servizi di rofessionisti, quali avvocati e consulenti finanziari, che forniscono consulenze ai clienti mediante osta elettronica servizi di insegnamento, er i quali il contenuto del corso è fornito da un insegnante attraverso Internet o una rete elettronica, vale a dire mediante un collegamento remoto servizi di riarazione materiale offline delle aarecchiature informatiche servizi di conservazione dei dati offline servizi ubblicitari, ad esemio su giornali, manifesti e in televisione servizi di heldesk telefonico

12 Oerazioni non considerate di e-commerce diretto servizi di insegnamento che comrendono esclusivamente corsi er corrisondenza, come quelli inviati er osta; servizi tradizionali di vendita all asta che diendono dal diretto intervento dell uomo,indiendentemente dalle modalità di offerta; servizi di videofonia accesso a Internet e al World Wide Web servizi telefonici forniti attraverso Internet beni er i quali l ordine o la sua elaborazione avvengano elettronicamente

13 SOMMARIO Definizione di e-commerce diretto Tabelle Disosizioni comunitarie Disosizioni in materia di territorialità dei servizi TBES Discilina del regime MOSS Novità dal 1 gennaio 2015 Definizioni Il regime MOSS Regime MOSS UE Regime MOSS NON UE L adesione al regime MOSS La registrazione Decorrenza La cancellazione L esclusione Periodo di quarantena

14 Disosizioni in materia di territorialità dei servizi TBES Direttiva 2008/8/CE del 12 febbraio 2008 artt. 58 e 59 bis Regolamento 282/2011 del 15 marzo 2011 artt. da 57 bis a 63 quater, come modificato dai regolamenti di esecuzione (UE) nn. 967/2012 e 1042/2013 Discilina del regime MOSS Direttiva 2006/112/CE del 28 novembre 2006 artt. da 358 a 359 undecies come modificati dalla Direttiva 2008/8/CE Regolamento 904/2010 artt. 44 e 45 Regolamento 815/ Modalità di alicazione del Regolamento 904/2010

15 SOMMARIO Definizione di e-commerce diretto Tabelle Disosizioni comunitarie Disosizioni in materia di territorialità dei servizi TBES Discilina del regime MOSS Novità dal 1 gennaio 2015 Definizioni Il regime MOSS Regime MOSS UE Regime MOSS NON UE L adesione al regime MOSS La registrazione Decorrenza La cancellazione L esclusione Periodo di quarantena

16 L art. 5 della direttiva 2008/8/Ce (1) revede che, dal 1 gennaio 2015, le restazioni di servizi di telecomunicazione, teleradiodiffusione e e- commerce diretto, effettuate nei confronti di soggetti non assivi IVA negli Stati membri, si considerano effettuate nel aese in cui è stabilito il committente del servizio. (criterio del luogo della restazione) Per le restazioni indicate (oerazioni TBES) sarà quindi adottato, negli scambi B2C, il rinciio di tassazione a destinazione, ovvero gli stessi dovranno essere tassati nel territorio dello Stato membro ove il committente è residente (o domiciliato). Il motivo alla base di tali cambiamenti è la volontà di conformare il trattamento IVA dei servizi in questione ad uno dei rincii fondamentali dell IVA, ossia che, in quanto tassa sui consumi, il suo gettito dovrebbe settare allo Stato membro nel quale i beni o i servizi sono consumati. (1) N.B. : il legislatore nazionale non ha ancora receito formalmente tale articolo

17 Nella relazione della Commissione Euroea del 6 dicembre 2011 sul futuro dell IVA sono state resentate le caratteristiche fondamentali del sistema IVA riformulato che dovrebbe sostituire le attuali disosizioni transitorie, ove si riconosce che il sistema transitorio dovrebbe essere abbandonato a favore di un sistema fondato su un concetto alternativo basato sulla destinazione. In base a questa nuova imostazione, il futuro sistema dell'iva dovrebbe fondarsi sul rinciio secondo cui il luogo delle restazioni di servizi è situato nello Stato membro in cui avviene il consumo. Sotto questo asetto, il regime MOSS va oltre il comarto delle oerazioni a cui oggi si riferisce, costituendo un banco di rova er una sua futura iù amia alicazione.

18 Modifiche al regime IVA dal 1 gennaio 2015 solo oerazioni TBES solo oerazioni B2C

19 Oerazioni TBES (Telecommunication, broadcasting and electronic services) Committente non soggetto assivo - B2C Stabilito nella Ue (Italia esclusa) Stabilito fuori della Ue Committente soggetto assivo- B2B Stabilito nella Ue (Italia esclusa) Stabilito fuori della Ue fino al 31/12/2014 dal 1 gennaio 2015 Luogo della restazione: luogo in cui è stabilito il restatore (art.7-ter, c.1, lett b) Escluse dall alicazione dell imosta (art. 7.seties lett. i) Luogo della restazione: luogo in cui è stabilito il committente Escluse dall alicazione dell imosta (art. 7.seties lett. i) fino al 31/12/2014 dal 1 gennaio 2015 Luogo della restazione: luogo in cui è stabilito il committente (art.7-ter, c.1, lett a) Luogo della restazione: luogo in cui è stabilito il committente (art.7-ter, c.1, lett a) invariato invariato

20 DE fino al 31/12/2014 FR IVA nazionale 22% IT SE e-commerce diretto verso rivati consumatori stabiliti in aese UE DE IVA tedesca 19% dall 1/1/2015 FR IVA francese 20% SE IVA svedese 25%

21 In funzione della modifica normativa, l oeratore nazionale, avrebbe l obbligo di identificarsi a fini IVA, direttamente o mediante raresentante fiscale, nei diversi aesi UE in cui oera ed ivi rovvedere al versamento dell IVA. DE IT e-commerce diretto verso rivati consumatori stabiliti in aese UE obbligo di identificazione FR SE L introduzione del Moss o Mini Sortello Unico, a far data dal 1 gennaio 2015, ermetterà ai soggetti assivi che esercitano attività di e- commerce diretto verso soggetti non assivi negli altri Stati membri in cui non sono stabiliti, di versare l IVA dovuta su tali servizi cumulativamente allo Stato membro in cui sono in cui sono identificati e non ai singoli Stati, attraverso un interfaccia elettronica.

22 SOMMARIO Definizione di e-commerce diretto Tabelle Disosizioni comunitarie Disosizioni in materia di territorialità dei servizi TBES Discilina del regime MOSS Novità dal 1 gennaio 2015 Definizioni Il regime MOSS Regime MOSS UE Regime MOSS NON UE L adesione al regime MOSS La registrazione Decorrenza La cancellazione L esclusione Periodo di quarantena

23 Soggetto assivo: soggetti assivi UE soggetto assivo è un imresa che ha fissato la sede della roria attività economica, o ossiede una stabile organizzazione, nel territorio della UE. soggetti assivi extraue soggetto assivo è un imresa che non ha fissato la sede della roria attività economica, né ossiede una stabile organizzazione, nel territorio della UE e che non è registrata né tenuta ad essere identificata a fini IVA nella UE Stato membro di stabilimento: Stato membro in cui il soggetto assivo disone di una sede o di una stabile organizzazione.

24 Stato membro di identificazione: lo Stato membro in cui il soggetto assivo è registrato ai fini del Mini Sortello Unico ed in cui dichiara e versa l IVA dovuta a uno o iù Stati membri di consumo. soggetti assivi UE lo Stato membro in cui il soggetto assivo ha fissato la sede della roria attività economica: sede sociale di una società o sede della roria attività economica er un imresa individuale. Stato membro di identificazione = Stato membro di stabilimento soggetti assivi extraue con stabile organizzazione in UE il soggetto assivo è libero di scegliere il rorio Stato membro di identificazione tra quelli in cui ossiede una stabile organizzazione. soggetti assivi extraue il soggetto assivo è libero di scegliere il rorio Stato membro di identificazione.

25 Stato membro di consumo: lo Stato membro in cui il soggetto assivo resta servizi di e-commerce diretto a ersone che non sono soggetti assivi: soggetti assivi UE il soggetto assivo non uò avere in tale Stato né la sede della sua attività economica, né una stabile organizzazione. Stato membro di consumo Stato membro di identificazione soggetti assivi extraue il soggetto assivo non uò essere stabilito nello stato membro di consumo, ma uò ivi identificarsi. Le restazioni che rientrano nell ambito del Mini Sortello Unico sono quelle effettuate nello Stato membro di consumo e non in quello di identificazione o di stabilimento dell imresa.

26 SOMMARIO Definizione di e-commerce diretto Tabelle Disosizioni comunitarie Disosizioni in materia di territorialità dei servizi TBES Discilina del regime MOSS Novità dal 1 gennaio 2015 Definizioni Il regime MOSS Regime MOSS UE Regime MOSS NON UE L adesione al regime MOSS La registrazione Decorrenza La cancellazione L esclusione Periodo di quarantena

27 Il regime MOSS è un regime seciale facoltativo che raresenta una forma di semlificazione revista a seguito alla modifica delle norme sull IVA relative al luogo di restazione er l e-commerce diretto, evitando ai soggetti assivi di doversi identificare resso ogni Stato membro di consumo ed effettuare gli ademimenti esclusivamente nel rorio aese. Se un soggetto assivo intende avvalersene, è obbligato ad alicarlo in tutti gli Stati membri ertinenti non essendo revista l alicazione in funzione dello Stato membro. Il Mini Sortello Unico rirende il regime VOES, che resterà ancora in vigore er tutto il 2015, er le restazioni di e-commerce diretto fornite a soggetti non assivi da restatori non stabiliti nella UE.

28 Nell ambito del regime, il soggetto assivo che aderisce a tale regime in uno Stato membro in cui è identificato trasmette elettronicamente allo stesso, tramite il Mini Sortello Unico, le dichiarazioni IVA trimestrali relative alle oerazioni di e-commerce diretto restate a soggetti non assivi in altri Stati membri di consumo e rocede al versamento cumulativo dell IVA dovuta. Le dichiarazioni, con l IVA versata, saranno trasmesse successivamente dallo Stato membro di identificazione ai risettivi Stati membri di consumo. Possono avvalersi di tale regime sia i soggetti assivi stabiliti nella UE che stabiliti extra UE. REGIME MOSS UE REGIME MOSS NON UE

29 IT e-commerce diretto verso rivati consumatori stabiliti in aese UE IVA tedesca 19% IVA francese 20% IVA svedese 25% DE FR SE ADESIONE REGIME MOSS Dichiarazioni trimestrali e versamenti IVA cumulativi DE Dichiarazioni e versamenti FR Mini Sortello Unico SE

30 REGIME MOSS UE Possono avvalersi del regime UE: - i soggetti assivi che hanno la sede della loro attività in un aese della UE; - i soggetti assivi che, ur avendo la sede fuori dalla UE, disongono di una o iù stabili organizzazioni in uno o iù aesi UE. Il regime seciale si alica soltanto ai servizi di e-commerce diretto effettuate nei confronti di soggetti rivati consumatori stabiliti in Stati membri in cui l imresa non ha né la sede, né una stabile organizzazione. Stato membro di stabilimento Stabile organizzazione in UE Stato membro di identificazione e attivazione del regime StatI membri di consumo StatI membri di consumo ESCLUSI IT NO IT OBBLIGATORIO UE TUTTI I PERTINENTI IT

31 REGIME MOSS UE Stato di stabilimento Stabile organizzazione in UE Stato membro di identificazione e attivazione del regime StatI membri di consumo StatI membri di consumo ESCLUSI IT DE FR IT OBBLIGATORIO UE TUTTI I PERTINENTI IT DE FR Stato di stabilimento Stabile organizzazione in UE Stato membro di identificazione e attivazione del regime StatI membri di consumo StatI membri di consumo ESCLUSI DE. USA A SCELTA UE FR FR TUTTI I PERTINENTI DE DE FR

32 REGIME MOSS UE soggetto assivo UE rivo di stabili organizzazioni in UE SEDE IT ADESIONE REGIME MOSS Regime normale IT UE ALTRI STATI UE Regime MOSS Dichiarazioni MOSS

33 REGIME MOSS UE soggetto assivo UE con stabili organizzazioni in UE stabile organizzazione DE SEDE IT stabile organizzazione FR ADESIONE REGIME MOSS TVA Regime normale anche tramite le stabili organizzazioni IT FR UE ALTRI STATI UE Regime MOSS anche tramite le stabili organizzazioni MwSt DE Dichiarazioni MOSS

34 REGIME MOSS UE soggetto assivo NON UE con stabile organizzazione in UE stabile organizzazione DE SEDE. USA ADESIONE REGIME MOSS stabile organizzazione FR SCELTA IDENTIFICAZIONE IN GERMANIA TVA MwSt Regime normale anche tramite le stabili organizzazioni FR DE UE ALTRI STATI UE Regime MOSS anche tramite le stabili organizzazioni Dichiarazioni MOSS

35 REGIME MOSS NON UE Possono avvalersi del regime NON UE: - i soggetti assivi che non hanno stabilito la sede della roria attività economica, né ossiedono una stabile organizzazione, nel territorio della UE e che non sono registrate né tenute ad essere identificata a fini IVA nel territorio stesso. Stato di stabilimento Stabile organizzazione in UE Stato membro di identificazione e attivazione del regime StatI membri di consumo StatI membri di consumo ESCLUSI. USA NO UE A SCELTA UE TUTTI I PERTINENTI NESSUNO

36 PRESTAZIONI REGIME MOSS UE soggetto assivo NON UE senza stabili organizzazione in UE USA ADESIONE REGIME MOSS SCELTA IDENTIFICAZIONE IN ITALIA UE TUTTI GLI STATI Regime MOSS ESCLUSIVO Dichiarazioni MOSS Il regime è esclusivo non essendo ammesso il contemoraneo regime ordinario.

37 Le norme alicabili nello Stato membro di consumo alle restazioni nazionali in tema di aliquote, fatturazione, regime er cassa, sono alicabili anche a quelle rientranti nel regime del Mini Sortello Unico DE - Aliquota IVA - regole di fatturazione. IT FR - Aliquota IVA - regole di fatturazione. ADESIONE REGIME MOSS SE - Aliquota IVA - regole di fatturazione. ES - Aliquota IVA - regole di fatturazione. In articolare, in materia di fatturazione si alicheranno le norme dello Stato membro di consumo. Chi aderisce al MOSS dovrà ertanto conoscere le norme ertinenti degli Stati membri in cui restano servizi ai destinatari. Le informazioni relative alle norme degli Stati membri in materia di fatturazione saranno disonibili sul sito internet della Commissione Euroea.

38 estratto da Relazione della Commissione al Consiglio del 26/6/2014: Ai sensi dell'articolo 221 della direttiva IVA, gli Stati membri ossono imorre ai soggetti assivi l'obbligo di emettere una fattura er le restazioni di servizi a ersone che non sono soggetti assivi (oerazioni B2C). Tuttavia, questo obbligo uò essere oneroso er gli oeratori che svolgono le loro attività in diversi Stati membri. Pertanto, al fine di semlificare ulteriormente la conformità alla normativa da arte degli oeratori economici, la Commissione ritiene che gli Stati membri non dovrebbero richiedere alle imrese di emettere una fattura er le oerazioni B2C contemlate dal MOSS.

39 SOMMARIO Definizione di e-commerce diretto Tabelle Disosizioni comunitarie Disosizioni in materia di territorialità dei servizi TBES Discilina del regime MOSS Novità dal 1 gennaio 2015 Definizioni Il regime MOSS Regime MOSS UE Regime MOSS NON UE L adesione al regime MOSS La registrazione Decorrenza La cancellazione L esclusione Periodo di quarantena

40 Un soggetto assivo che sceglie di avvalersi del mini sortello unico è tenuto a registrarsi nello stato membro di identificazione. Due regimi: REGIME UE REGIME NON UE registrazione ossibile er un soggetto assivo avente sede della roria attività economica nell UE (o se ivi disone di una stabile organizzazione); se il soggetto assivo non disone della sede dei rori affari nell UE (nemmeno tramite stabile organizzazione e non sia registrato né tenuto ad essere identificato ai fini Iva nell UE). Al momento della registrazione, al soggetto assivo verrà attribuito un numero individuale di registrazione IVA che: - nel regime UE: coincide con il numero di artita IVA utilizzato er le oerazioni nazionali; - nel regime non UE: verrà assegnato nel formato Euxxxyyyyyz (EU-codice ISO-numero stato membro-numero di controllo).

41 La registrazione E ossibile effettuare la registrazione a artire dal 1 ottobre Per effettuare la registrazione il soggetto assivo dovrà accedere al ortale web: Saranno richieste delle informazioni che varieranno a seconda del regime a cui dovrà aderire il soggetto assivo. Dati richiesti er il regime UE: - Dati anagrafici identificativi del soggetto e dell attività svolta; - Stabili organizzazioni in altri aesi UE; - Identificazioni in altri aesi UE come soggetto non stabilito; - Precedenti registrazioni in altri aesi UE. Dati richiesti er il regime non UE: - Informazioni sull attività; - Dati dell imrenditore individuale (eventuale); - Contatti.

42 Obbligo credenziali Entratel o Fisconline Per oter materialmente effettuare la registrazione sul sito dell Agenzia delle Entrate il soggetto assivo dovrà accedere direttamente ai servizi telematici offerti dall Agenzia con le rorie credenziali Fisconline o Entratel. Previa verifica che il cliente sia in ossesso delle credenziali di accesso ai servizi telematici dell Agenzia delle Entrate!!!!!!! (Provvedimento A.E. 30/09/2014).

43 Dati er la registrazione (Regime Ue Regime non Ue)

44 Dati er la registrazione (Regime Ue Regime non Ue)

45 Dati er la registrazione (Regime Ue Regime non Ue)

46 Decorrenza La registrazione decorre dal 1 giorno del trimestre civile successivo a quello di registrazione (NON il 3 mese successivo!!!!) Esemio: Registrazione 15 febbraio 2015 DECORRENZA 1 arile 2015 E revista una decorrenza anticiata qualora il soggetto assivo inizi ad effettuare oerazioni rientranti nel MOSS rima di tale data: il regime rende inizio dalla rima oerazione effettuata a condizione che il soggetto assivo comunichi allo Stato di identificazione di aver effettuato oerazioni rientranti nel MOSS entro il 10 giorno del mese successivo a quello in cui la rima oerazione è stata effettuata. Esemio: Prima restazione B2C 1 marzo comunicazione allo Stato membro di identificazione entro il 10 arile efficacia anticiata con DECORRENZA 1 marzo. (senza deroghe il regime sarebbe stato alicabile dal 1 arile)

47 La cancellazione Cancellazione: abbandono volontario del regime MOSS da arte del soggetto assivo; Il soggetto assivo deve comunicare la volontà di non aderire iù al MOSS almeno 15 giorni rima della fine del trimestre civile antecedente a quello in cui intende non avvalersi iù del regime. Esemio: Iotesi di cessazione dal MOSS dal 1 luglio entro il 15 giugno. comunicazione cancellazione Il soggetto assivo non otrà utilizzare il MOSS in nessun Stato Membro er due trimestri dell anno civile. Il soggetto «cancellato» tornerà a dover assolvere gli obblighi IVA (ecommerce diretto e servizi di telecomunicazione, ecc.) revisti negli stati membri di consumo.

48 L esclusione Lo Stato membro di identificazione rovvedere a escludere il soggetto assivo dal regime. L esclusione è revista er le seguenti ragioni:

49 Periodo di quarantena Quando un soggetto assivo viene escluso da uno dei due regimi MOSS (UE o Extra UE) entra in un eriodo di quarantena. Un eriodo di quarantena è alicabile soltanto nei casi seguenti:

50 SOMMARIO La Dichiarazione IVA La trasmissione della dichiarazione Contenuto della dichiarazione I versamenti

51 La Dichiarazione IVA Il soggetto assivo UE ed extra-ue che abbia otato er il regime seciale è tenuto a resentare la dichiarazione IVA con riferimento ad ogni trimestre, sia nel caso un cui abbia fornito servizi di telecomunicazione, radiodiffusione e servizi restati tramite mezzi elettronici, sia nel caso in cui non abbia fornito alcun servizio. Nell ambito del regime MOSS, in relazione alle restazioni che vi rientrano, non setta la detrazione dell IVA sulle le sese sostenute nello Stato membro di consumo, ma solamente il diritto al suo rimborso. Il soggetto assivo otrà recuerare l imosta agata nei vari Stati membri di consumo attraverso le rocedure di rimborso di cui alle direttive 2008/8/CE e 86/560/CEE.

52 Contenuto della dichiarazione La dichiarazione IVA deve contenere i dati relativi ai servizi forniti ai consumatori in ciascuno Stato membro dal soggetto assivo. Lo Stato membro di identificazione: i. divide i dati contenuti nella dichiarazione IVA con riferimento ad ogni Stato membro di consumo e li inoltra a ciascuno di essi; ii. genera un numero di riferimento er ogni dichiarazione IVA, e ne dà informazione al soggetto assivo, che deve fare riferimento allo stesso quando effettua i corrisondenti agamenti IVA. Nel caso in cui i servizi in commento siano resi da un soggetto assivo a consumatori rivati localizzati nello Stato membro nel quale questi è stabilito, essi devono essere comunicati soltanto nella dichiarazione IVA domestica. Lo Stato membro di identificazione consente ai soggetti assivi la ossibilità di effettuare correzioni alla dichiarazione IVA entro tre anni dalla scadenza del termine er l invio.

53 La trasmissione della dichiarazione La dichiarazione deve essere resentata entro il giorno 20 successivo al trimestre al quale si riferisce. I eriodi di riferimento e le relative scadenze er la resentazione della dichiarazione IVA sono: eriodo 1 gennaio 31 marzo - resentazione entro il 20 arile; eriodo 1 arile 30 giugno - resentazione entro il 20 luglio; eriodo 1 luglio 30 settembre - resentazione entro il 20 ottobre; eriodo 1 ottobre 31 dicembre - resentazione entro il 20 gennaio. I termini rimangono i medesimi anche se scadenti il sabato o la domenica. La trasmissione della dichiarazione non uò avvenire rima della fine del trimestre di riferimento.

54 Se il soggetto assivo non trasmette la dichiarazione entro 30 giorni dalla fine del eriodo di riferimento (la scadenza è il 20 del mese successivo al trimestre di riferimento) lo Stato membro di identificazione invia un sollecito al soggetto assivo. Eventuali successivi solleciti sono emessi dagli Stati membri di consumo. Nel caso in cui il contribuente riceva i solleciti er tre trimestri consecutivi e non trasmetta la dichiarazione entro 10 giorni dall invio di ciascuno di essi, questi viene considerato come se avesse costantemente omesso di risettare le norme che regolano il regime seciale comortandone la sua esclusione. Eventuali sanzioni e oneri relativi al ritardo nella resentazione della dichiarazione rientrano nella cometenza degli Stati membri di consumo, secondo le rorie regole e rocedure.

55 I versamenti Il soggetto assivo aga l IVA dovuta allo Stato membro nel quale si è identificato, er l ammontare derivante dalla dichiarazione. Successivamente detto Stato rovvede alla distribuzione dell IVA ai vari Stati membri di consumo. Il agamento viene effettuato a seguito della resentazione della dichiarazione IVA, indicando al numero unico di riferimento attribuito alla stessa. Se il agamento non viene effettuato o non viene effettuato er l intero imorto dovuto, lo Stato membro di identificazione uò inviare al contribuente un sollecito entro il decimo giorno successivo a quello nel quale il agamento era dovuto. I successivi solleciti sono di cometenza dello Stato membro del consumo interessato.

56 Il contribuente che riceve il sollecito er tre trimestri consecutivi e non rovvede ad effettuare il agamento entro 10 giorni dalla data di ciascuno di essi, si considera inademiente e quindi viene escluso dal sistema, fatta eccezione er imorti non agati inferiori ad 100,00, riferiti ad ogni trimestre. Nel caso in cui il soggetto assivo abbia versato maggiore IVA risetto a quella effettivamente dovuta, ossono verificarsi le seguenti situazioni: i. quando lo Stato membro di identificazione riceve il agamento, è tenuto a verificarlo con l IVA risultante dalla dichiarazione. Se questi rileva che è stata agata iù IVA di quella dovuta, rimborsa l eccedenza al soggetto assivo; ii. se il soggetto assivo rileva di aver effettuato un errore nella dichiarazione, che ha determinato un maggiore versamento di imosta, rovvede ad effettuare la correzione della dichiarazione. Se la rettifica è effettuata rima che lo Stato membro di identificazione abbia distribuito l IVA agli Stati di consumo, questo rovvederà a restituire il dovuto direttamente al soggetto assivo. Nel caso in cui la correzione avvenga successivamente alla distribuzione dell imosta a favore degli Stati membri di consumo, da arte dello Stato di identificazione, sarà lo Stato membro di consumo che restituirà l imorto IVA versato in eccedenza direttamente al contribuente.

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i DISTRIBUZIONE di PROBABILITA Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che uò assumere i valori: ; ;, n al verificarsi degli eventi incomatibili e comlementari: E ; E ;..;

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 Controlli Digitali Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica CONTROLLORI PID Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it Introduzione regolatore Proorzionale, Integrale, Derivativo PID regolatori

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

NUMERI RAZIONALI E REALI

NUMERI RAZIONALI E REALI NUMERI RAZIONALI E REALI CARLANGELO LIVERANI. Numeri Razionali Tutti sanno che i numeri razionali sono numeri del tio q con N e q N. Purtuttavia molte frazioni ossono corrisondere allo stesso numero, er

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI Quando un sistema fisico inizialmente in quiete viene sottoosto ad un ingresso di durata finita o di amiezza limitata, l uscita del sistema dovrebbe stabilizzarsi a un certo

Dettagli

RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO

RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Agenzia Nazionale er le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Studio comarativo tra fabbisogni energetici netti, lato edificio, sia er la climatizzazione

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 Premessa rmativa Entro il 28 febbraio 2013 i soggetti pasvi IVA devo presentare telematicamente il Modello per la comunicazione dati

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI POTENZA AREA: SETTORE AMMINISTRATIVO. DETERMINAZIONE DSG N 00954/2014 del 09/12/2014

COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI POTENZA AREA: SETTORE AMMINISTRATIVO. DETERMINAZIONE DSG N 00954/2014 del 09/12/2014 N PAP-01410-2014 Si attesta che il resente atto è stato affisso all'albo Pretorio on-line dal 09/12/2014 al 24/12/2014 L'incaricato della ubblicazione GENNARO COLASURDO COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza 5 LAVR ED ENERGIA La valutazione dell equazione del moto di una articella a artire dalla forza agente su di essa risulta articolarmente semlice qualora la forza è costante; in tal caso è ossibile stabilire

Dettagli

Dispensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1

Dispensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1 Disensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1 (a cura di L. Pisani) C.d.L. in Matematica Università degli Studi di Bari a.a. 2003/04 i Indice Notazioni iii 1 Princii di sostituzione 1 1.1 Funzioni equivalenti

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE RRISIH D SOIZIO bbiamo visto che la trave uò essere definita come un solido generato da una figura iana S (detta seione retta o seione ortogonale) che si muove nello saio mantenendosi semre ortogonale

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p Caitolo Ventitrè Offerta dell industria Offerta dell industria concorrenziale Come si combinano le decisioni di offerta di molte imrese singole in un industria concorrenziale er costituire l offerta di

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V LEGGI DEI GS Per gas si intende un fluido rivo di forma o volume rorio e facilmente comrimibile in modo da conseguire notevoli variazioni di ressione e densità. Le variabili termodinamiche iù aroriate

Dettagli

Introduzione alla trigonometria

Introduzione alla trigonometria Introduzione alla trigonometria Angoli e loro misure In questa unità introdurremo e studieremo una classe di funzioni che non hai ancora incontrato, le funzioni goniometriche. Esse sono imortanti sorattutto

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROVA DI AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA E DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO DIRETTAMENTE FINALIZZATI ALLA FORMAZIONE DI ARCHITETTO Anno Accademico

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export La documentazione contabile delle operazioni di import/export Importazioni - Esportazioni Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export Importazioni GRUPPO DI LAVORO OPERAZIONI DOGANALI

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

6 Collegamento cerniera con piastra d anima (Fin Plate)

6 Collegamento cerniera con piastra d anima (Fin Plate) 6 Collegamento cerniera con iastra d anima (in Plate) 6. Generalità e caratteristiche del collegamento Il collegamento a cerniera con iastra d anima si realizza saldando in oicina una iastra all elemento

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

REGISTRARE CONTRATTO

REGISTRARE CONTRATTO REGISTRARE UN CONTRATTO DI LOCAZIONE Se si affitta un immobile o un fondo rustico, sia l affittuario (conduttore) che il proprietario (locatore) sono obbligati a registrare il contratto di locazione eadassolvere

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 Informazioni generali Legge 22 aprile 1941, n. 633 più volte modificata modifiche disorganiche farraginosa in corso di revisione integrale (presentata bozza il 18.12.2007)

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG Premessa TELEPASS S.p.A. Società per Azioni, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A., con sede legale in Roma,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti Suite Contabile Fiscale 08 novembre 2013 Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti 1) Domanda: Come posso verificare i codici fiscali errati delle anagrafiche

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI Ordine degli avvocati di Genova Direzione Regionale della Liguria La Guida prende spunto dal confronto tra Agenzia delle Entrate e Ordine degli Avvocati di Genova. Principale

Dettagli

PRO MEMORIA PER LE PUBBLICAZIONI (SETTORI ORDINARI) Riepilogo pubblicità

PRO MEMORIA PER LE PUBBLICAZIONI (SETTORI ORDINARI) Riepilogo pubblicità PRO MEMORIA PER LE PUBBLICAZIONI (SETTORI ORDINARI) Riepilogo pubblicità LAVORI (articoli, e del decreto legislativo n. del 00) Importi in euro: fino a 00.000 da 00.000 a.000.000 da.000.000 di preinformazione

Dettagli

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet Lavoro Occasionale Accessorio Internet 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo del documento... 3 1.2 Normativa... 3 1.3 Attori del Processo... 4 1.4 Accesso Internet... 5 1.4.1 Accesso Internet da Informazioni...

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

MERCATI NON CONCORRENZIALI. 2. grande numero di produttori e consumatori in ciascun mercato; 3. omogeneità del bene prodotto/venduto in ogni mercato

MERCATI NON CONCORRENZIALI. 2. grande numero di produttori e consumatori in ciascun mercato; 3. omogeneità del bene prodotto/venduto in ogni mercato MERCATI NON CONCORRENZIALI Le iotesi che sorreono lo schema di concorrenza eretta sono: 1. inormazione eretta e comleta er tutti li aenti; 2. rande numero di roduttori e consumatori in ciascun mercato;

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04 SWIM SKF World-class Invoice Matching Specifiche SKF per fatture e documenti di consegna Rev 04 Indice 1 Scopo...3 2 Introduzione...3 3 Dati contenuti in fattura...3 4 Dati obbligatori richiesti in una

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale Prot. n. 2012/140335 Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

L imposta sul valore aggiunto

L imposta sul valore aggiunto Università degli Studi di Roma 3 Facoltà di Giurisprudenza L imposta sul valore aggiunto Dispense ad uso degli studenti del corso di Diritto Tributario Indice IL SISTEMA DELL IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO...

Dettagli