COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA"

Transcript

1 Periodico quindicinale FE n marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo per le transazioni commerciali poste in essere tra aziende o con consumatori privati. Esaminiamo di seguito la relativa disciplina IVA con particolare riferimento ai principi che regolano la territorialità dell imposta. TIPOLOGIE DI COMMERCIO ELETTRONICO In relazione alle concrete modalità di esecuzione del contratto, il commercio elettronico può dar luogo a diverse tipologie di operazioni, ciascuna con una propria specifica disciplina fiscale: 1) e-commerce diretto, tutte le fasi della transazione (ordine, pagamento e consegna) avvengono online (ad esempio, acquisto di un e-book scaricato direttamente da Internet); 2) e-commerce indiretto, la conclusione ed eventualmente il pagamento del contratto avvengono per via elettronica, la consegna nelle forme tradizionali (ad esempio, acquisto di un libro via Internet con consegna al cliente a mezzo corriere). Il commercio elettronico diretto ha per oggetto la cessione di beni virtuali (immateriali) o di servizi (fornitura di siti web, di immagini, di musica, di giochi, accesso a banche dati, formazione a distanza, ecc.) e, dal punto di vista fiscale, rientra nell ambito delle prestazioni di servizi. Trattandosi di prestazioni di servizi, il momento impositivo delle operazioni va individuato con riferimento alle nuove regole previste dalla Comunitaria 2010 (si veda la FE n. 1/2012). Il commercio elettronico indiretto riguarda invece la cessione di beni materiali (fisicamente trasportati o spediti all acquirente) e, di conseguenza, rientra tra le cessioni di beni (in particolare è assimilato alle vendite per corrispondenza). COMMERCIO ELETTRONICO INDIRETTO Trattandosi, all atto pratico, di cessioni di beni materiali con consegna fisica dei beni, la normativa nazionale assimila il commercio elettronico indiretto alle vendite per corrispondenza, risultando quindi applicabile la relativa disciplina (interna, comunitaria o extra comunitaria). CESSIONI INTERNE Le cessioni poste in essere nei confronti di acquirenti stabiliti in Italia (soggetti passivi IVA, privati consumatori, stabili organizzazioni in Italia di soggetti non residenti) sono imponibili con le regole ordinarie (applicazione dell imposta con aliquota IVA propria del bene oggetto di cessione). Ai sensi dell art. 7-bis, c. 1, DPR 633/1972, se all atto del trasferimento il bene oggetto di cessione si trova fisicamente fuori dal territorio dello Stato, l operazione risulta fuori dal RIPRODUZIONE VIETATA PAG. 1 di 9

2 campo di applicazione dell imposta. Per quanto riguarda la documentazione delle operazioni, l art. 2, c. 1, lett. oo), DPR 696/1996, prevede che le cessioni di beni effettuate per corrispondenza non sono soggette all obbligo di certificazione con emissione di scontrino o ricevuta fiscale. È quindi sufficiente annotare nel registro IVA corrispettivi l ammontare totale delle vendite effettuate giornalmente (entro il giorno non festivo successivo). Ai sensi dell art. 22, DPR 633/1972, la fattura va emessa solo se espressamente richiesta dal cliente, non oltre il momento di effettuazione dell operazione. In caso di resi è necessario osservare la procedura indicata dall Agenzia delle Entrate nella RM n. 274/E/2009. In particolare, per le cessioni documentate con fattura è necessario osservare la procedura di variazione ex art. 26, DPR 633/1972 (emissione della nota di variazione in diminuzione) mentre, per le vendite non certificate da documentazione fiscale (dato l esonero dalla certificazione di cui sopra), occorre seguire una procedura che consenta all Amministrazione Finanziaria di individuare, in fase di controllo, tutti gli elementi necessari a collegare la restituzione del bene al suo titolo di acquisto originario. A tal fine è quindi necessario: 1) approntare e conservare una documentazione dalla quale risultino le generalità del soggetto acquirente, l ammontare del prezzo rimborsato, il codice attribuito al bene e il codice di reso; 2) tenere le scritture ausiliarie di magazzino dalle quali poter evincere la movimentazione fisica del bene oggetto di restituzione. CESSIONI INTRACOMUNITARIE Quando l acquirente è un soggetto passivo IVA stabilito in un altro Paese UE, l operazione segue la medesima disciplina prevista per le cessioni intracomunitarie di beni ex art. 41, DL 331/1993. Per beneficiare della non imponibilità IVA è necessario che l operazione soddisfi i requisiti che qualificano l operazione come una cessione intracomunitaria di beni: onerosità dell atto, trasferimento della proprietà del bene e trasferimento fisico del bene da uno Stato UE ad un altro. È quindi necessario emettere fattura non imponibile IVA ex art. 41, DL 331/1993, e presentare il mod. INTRA 1-bis (cessione di beni). Se, invece, l acquirente è un privato consumatore o un soggetto non tenuto all applicazione dell imposta per gli acquisti intracomunitari (enti, associazioni, agricoltori esonerati, ecc.) l operazione è territorialmente rilevante nel Paese del cessionario. È quindi necessario nominare un rappresentante fiscale o identificarsi direttamente nel Paese di destinazione del bene per assolvere l imposta con le regole ivi vigenti. In tale ipotesi occorre anche presentare l elenco INTRA 1-bis, ai fini fiscali e statistici, con riferimento al mese di emissione della fattura (coincidente con quello di invio all estero dei beni). RIPRODUZIONE VIETATA PAG. 2 di 9

3 In alternativa è possibile osservare la particolare disciplina dettata dall art. 41, c. 1, lett. b), DL 331/1993, in base alla quale le operazioni effettuate per corrispondenza in altri Stati UE sono imponibili in Italia (emissione di fattura con IVA) se: 1) i beni sono spediti o trasportati dal cedente (o per suo conto) nel territorio di un altro Paese UE; 2) i cessionari non sono soggetti passivi IVA; 3) le vendite effettuate in ciascuno Stato membro non abbiano superato, nell anno precedente o nell anno in corso, la soglia di o il minor ammontare previsto in ogni Stato dall art. 34, Direttiva n. 2006/112/CE. SOGLIE FISSATE DA CIASCUNO STATO MEMBRO Austria Lettonia Belgio Lituania Bulgaria Lussemburgo Cipro Malta Danimarca Olanda Estonia Polonia Finlandia Portogallo Francia Repubblica Ceca Germania Romania Gran Bretagna Slovenia Grecia Slovacchia Irlanda Spagna Italia Svezia L elenco sempre aggiornato è disponibile nel sito web della Commissione Europea al seguente link: È comunque possibile optare, anche quando non si superano i suddetti limiti quantitativi, per l applicazione dell IVA nello Stato membro di destinazione dei beni (l opzione ha effetto fino alla revoca e, in ogni caso, per almeno 3 anni). CESSIONI INTRACOMUNITARIE VERSO PRIVATI CONSUMATORI Imponibili in Italia Volume delle vendite anno precedente o anno in corso inferiore alla soglia di o al minor valore stabilito da ciascun Paese UE. Imponibili in altro Stato UE Volume delle vendite anno precedente o anno in corso superiore alla soglia di o al minor valore stabilito da ciascun Paese UE. Opzione per il regime ordinario (minimo 3 anni). ACQUISTI INTRACOMUNITARI RIPRODUZIONE VIETATA PAG. 3 di 9

4 Gli acquisti intracomunitari di beni rientranti nella disciplina del commercio elettronico indiretto effettuati tra soggetti passivi IVA, vanno trattati alla stregua di un normale acquisto intracomunitario di beni ex art. 38, DL 331/1993: numerazione e integrazione della fattura con IVA; annotazione del documento nel registro delle fatture emesse e nel registro IVA acquisti; presentazione mod. INTRA 2-bis (acquisti di beni). IMPORTAZIONI ED ESPORTAZIONI Alle cessioni di beni effettuate nei confronti di operatori esteri extra comunitari (indipendentemente dalla loro condizione di soggetti economici o privati consumatori), si applica la disciplina delle cessioni all esportazione con emissione di una fattura non imponibile IVA ex art. 8, DPR 633/1972. Per fruire della non imponibilità dell operazione è necessario comprovare l uscita dei beni dal territorio della Comunità (con il messaggio di uscita registrato nella banca dati AIDA). Per i beni inviati con il servizio postale all interno di pacchi è necessario osservare le disposizioni recate dal DM (presentazione di apposita dichiarazione doganale recante la specifica dei beni ceduti). In caso di importazioni, si rendono applicabili le relative disposizioni previste dall art. 67, DPR 633/1972 (l IVA va assolta in dogana congiuntamente ai dazi doganali). UN PRATICO RIEPILOGO CEDENTE CESSIONARIO DISCIPLINA IVA Soggetto IVA italiano Soggetto IVA UE Soggetto IVA o privato consumatore italiano Soggetto IVA UE Privato consumatore UE Operatore economico o privato extra UE Soggetto IVA italiano Privato consumatore italiano Fattura con IVA ordinaria Cessione intracomunitaria Vendita a distanza Esportazione Acquisto intracomunitario Vendita a distanza Operatore economico extra UE Soggetto IVA o privato consumatore italiano Importazione COMMERCIO ELETTRONICO DIRETTO Quando tutte le fasi della transazione (ordine, pagamento e consegna) sono effettuate interamente in modalità telematica, si rientra nella disciplina del commercio elettronico diretto (assimilato, ai fini IVA, alle prestazioni di servizi). L art. 7, c. 1, Regolamento UE n. 282/2011, precisa che rientrano tra i servizi prestati tramite mezzi elettronici quelli forniti attraverso Internet o una rete elettronica, la cui natura rende la prestazione essenzialmente automatizzata, corredata di un intervento umano minimo e impossibile da garantire in assenza della tecnologia dell'informazione. RIPRODUZIONE VIETATA PAG. 4 di 9

5 Il successivo comma 2 fornisce un elencazione, seppur non esaustiva, dei servizi che senz altro rientrano nella disciplina. SERVIZI RIENTRANTI NELLA DEFINIZIONE DI COMMERCIO ELETTRONICO DIRETTO a) Fornitura di prodotti digitali in genere, compresi software, loro modifiche e aggiornamenti; b) servizi che veicolano o supportano la presenza di un azienda o di un privato su una rete elettronica, quali un sito o una pagina web; c) servizi automaticamente generati da un computer attraverso Internet o una rete elettronica, in risposta a dati specifici immessi dal cliente; d) la concessione, a titolo oneroso, del diritto di mettere in vendita un bene o un servizio su un sito Internet che operi come mercato online, in cui i potenziali acquirenti fanno offerte attraverso un procedimento automatizzato e in cui le parti sono avvertite di una vendita attraverso posta elettronica generata automaticamente da un computer; e) offerte forfettarie di servizi Internet (Internet Service Packages, c.d. ISP ) nelle quali la componente delle telecomunicazioni costituisce un elemento accessorio e subordinato (vale a dire, il forfait va oltre il semplice accesso a Internet e comprende altri elementi, quali pagine con contenuti che danno accesso alle notizie di attualità, alle informazioni meteorologiche o turistiche, spazi di gioco, hosting di siti, accessi a dibattiti online, ecc.); f) servizi elencati nell allegato I. SERVIZI ELENCATI NELL ALLEGATO I Punto 1 dell allegato II, Direttiva n. 2006/112/CE. a) Hosting di siti web e di pagine web; b) manutenzione automatica di programmi, remota e online; c) amministrazione remota di sistemi; d) conservazione (warehousing) dei dati online, quando dati specifici sono conservati e recuperati elettronicamente; e) fornitura online di spazio sul disco in funzione delle richieste. Punto 2 dell allegato II, Direttiva n. 2006/112/CE. a) Accesso o scaricamento di software, tra cui programmi di aggiudicazione/contabilità, software antivirus e loro aggiornamenti; b) bannerblocker, ossia software per bloccare la comparsa di banner pubblicitari; c) driver di scaricamento, come il software di interfaccia tra computer e periferiche quali le stampanti; d) installazione automatica online di filtri per i siti web; e) installazione automatica online di sbarramenti (firewalls). Punto 3 dell allegato II, Direttiva n. 2006/112/CE. a) Accesso o scaricamento di temi dell interfaccia grafica; b) accesso o scaricamento di fotografie e immagini o salvaschermi; c) contenuto digitalizzato di libri e altre pubblicazioni elettroniche; d) abbonamento a giornali o riviste online; e) siti personali (weblog) e statistiche relative ai siti web; f) notizie, informazioni sul traffico e previsioni meteorologiche online; g) informazioni online generate automaticamente da software sulla base di immissioni di dati specifici da parte del cliente, come dati di tipo giuridico o finanziario, compresi dati sui mercati azionari ad aggiornamento continuo; h) fornitura di spazio pubblicitario, compresi banner pubblicitari su una pagina o un sito web; i) utilizzo di motori di ricerca e di elenchi su Internet. RIPRODUZIONE VIETATA PAG. 5 di 9

6 Punto 4 dell allegato II, Direttiva n. 2006/112/CE. a) Accesso o scaricamento di musica su computer e su telefoni cellulari; b) accesso o scaricamento di sigle o brani musicali, suonerie o altri suoni; c) accesso o scaricamento di film; d) scaricamento di giochi su computer e su telefoni cellulari; e) accesso a giochi online automatici dipendenti da Internet o reti elettroniche analoghe, nei quali i giocatori sono geograficamente lontani gli uni dagli altri. Punto 5 dell allegato II, Direttiva n. 2006/112/CE. a) Tutte le forme di insegnamento a distanza automatizzato che funzionano attraverso Internet o reti elettroniche analoghe e la cui fornitura richiede un intervento umano limitato o nullo, incluse le classi virtuali, ad eccezione dei casi in cui Internet o una rete elettronica analoga vengono utilizzati semplicemente come uno strumento di comunicazione tra il docente e lo studente; b) libri di esercizi completati dagli studenti online e corretti e valutati automaticamente, senza intervento umano. OPERAZIONI ESCLUSE L art. 7, c. 3, Regolamento UE n. 282/2011, precisa anche quali sono i servizi che non rientrano nella definizione di commercio elettronico diretto. OPERAZIONI NON RIENTRANTI NEL COMMERCIO ELETTRONICO DIRETTO Servizi di radiodiffusione e di televisione; servizi di telecomunicazione; beni per i quali l ordine o la sua elaborazione avvengano elettronicamente; CD-ROM, dischetti e supporti fisici analoghi; materiale stampato, come libri, bollettini, giornali o riviste; CD e audiocassette; videocassette e DVD; giochi su CD-ROM; servizi di professionisti, quali avvocati e consulenti finanziari, che forniscono consulenze ai clienti mediante la posta elettronica; servizi di insegnamento, per i quali il contenuto del corso è fornito da un insegnante attraverso Internet o una rete elettronica, vale a dire mediante un collegamento remoto; servizi di riparazione materiale offline delle apparecchiature informatiche; servizi di conservazione dei dati offline; servizi pubblicitari, ad esempio su giornali, manifesti e in televisione; servizi di helpdesk telefonico; servizi di insegnamento che comprendono esclusivamente corsi per corrispondenza, come quelli inviati per posta; servizi tradizionali di vendita all asta che dipendono dal diretto intervento dell uomo, indipendentemente dalle modalità di offerta; servizi di videofonia; accesso a Internet e al World Wide Web; servizi telefonici forniti attraverso Internet. OBBLIGO DI EMISSIONE DELLA FATTURA Con RM n. 274/E/2008, l Agenzia delle Entrate ha precisato che ai fini IVA il commercio elettronico diretto è assimilato alle prestazioni di servizi e, pertanto, tutte le operazioni devono essere documentate con fattura (anche se i corrispettivi sono incassati con carta di credito). RIPRODUZIONE VIETATA PAG. 6 di 9

7 Esaminiamo di seguito la disciplina IVA da osservare per le operazioni rientranti nella definizione di commercio elettronico diretto. PRESTAZIONI INTERNE Le prestazioni rese a clienti italiani (soggetti passivi IVA o privati consumatori) sono da assoggettare a imposta con aliquota ordinaria. Esempio 1 Una società italiana scarica dal sito web di un altra società italiana un software antivirus con relativo aggiornamento e riceve una fattura con IVA 21%. PRESTAZIONI INTRACOMUNITARIE RESE Le prestazioni rese nei confronti di soggetti passivi IVA comunitari rientrano nell ambito di applicazione dell art. 7-ter, DPR 633/1972 (c.d. servizi generici ), e vanno assoggettate a imposta nel Paese del committente. Il prestatore italiano deve emettere una fattura fuori campo IVA ex art. 7-ter, DPR 633/1972, e presentare il modello INTRA 1-quater (servizi resi). Esempio 2 Una società italiana fornisce ad una società tedesca un sistema operativo scaricato attraverso Internet. L operatore nazionale emette fattura fuori campo IVA ex art. 7-ter, DPR 633/1972 e presenta il mod. INTRA 1-quater (servizi resi). Le prestazioni rese nei confronti di privati consumatori comunitari sono invece territorialmente rilevanti nel Paese del prestatore (va quindi emessa una fattura con IVA ordinaria). Esempio 3 Una società italiana fornisce ad un privato consumatore UE software applicativi scaricati da Internet. L operatore nazionale emette fattura con IVA 21%. PRESTAZIONI INTRACOMUNITARIE RICEVUTE Le prestazioni di commercio elettronico diretto ricevute da prestatori comunitari soggetti passivi IVA rientrano tra le prestazioni generiche ex art. 7-ter, DPR 633/1972. Pertanto, la fattura ricevuta dall operatore comunitario va integrata con IVA e annotata sia nel registro fatture emesse, sia nel registro IVA acquisti. È altresì necessario presentare il mod. INTRA 2-quater (servizi ricevuti). Esempio 4 Una società tedesca fornisce ad una società italiana un software tramite Internet. L operatore nazionale integra con IVA il documento ricevuto dalla società tedesca e lo annota sia nel registro fatture emesse, sia nel registro IVA acquisti. Presenta il mod. INTRA 2-quater (servizi ricevuti). PRESTAZIONI EXTRA COMUNITARIE RESE Se il committente è un operatore economico, l operazione è fuori campo IVA ex art. 7-ter, DPR 633/1972. Va quindi emessa una fattura con la dicitura Operazione fuori campo IVA ex art. 7-ter, DPR 633/1972. Esempio 5 Una società italiana fornisce ad una società svizzera un linguaggio di programmazione tramite Internet. L operatore nazionale emette fattura fuori campo IVA ex art. 7-ter, DPR 633/1972. RIPRODUZIONE VIETATA PAG. 7 di 9

8 Se il committente è un privato consumatore, l operazione è fuori campo IVA ai sensi dell art. 7- septies, c. 1, lett. i), DPR 633/1972. Esempio 6 Una società italiana fornisce ad un privato consumatore canadese un software tramite Internet. L operatore nazionale emette fattura fuori campo IVA ex art. 7-septies, c. 1, lett. i), DPR 633/1972. PRESTAZIONI EXTRA COMUNITARIE RICEVUTE Le prestazioni di e-commerce ricevute da parte di operatori economici extra comunitari rientrano tra le prestazioni generiche ex art. 7-ter, DPR 633/1972. Le stesse vanno quindi assoggettate a imposta con emissione di autofattura ex art. 17, c. 2, DPR 633/1972, da annotare sia nel registro fatture emesse, sia nel registro IVA acquisti. Esempio 7 Una società svizzera fornisce ad una società italiana un sistema operativo tramite Internet. L operatore nazionale emette autofattura ex art. 17, c. 2, DPR 633/1972, con IVA. Le prestazioni rese da operatori economici extra comunitari nei confronti di privati consumatori italiani sono da assoggettare a IVA ai sensi dell art. 7-sexies, c. 1, lett. f), DPR 633/1972. L operatore extra comunitario, salvo che non disponga di una stabile organizzazione, è tenuto ad identificarsi in Italia per assolvere gli obblighi d imposta. Per evitare che l operatore extra comunitario sia costretto a nominare un rappresentante fiscale in ciascun Paese UE in cui effettua prestazioni di e-commerce verso privati, la Direttiva n. 2002/38/CE prescrive l obbligo di identificazione IVA in un qualsiasi Stato UE al fine di poter eseguire i versamenti d imposta relativi a tutte le operazioni realizzate nella Comunità. Nell ambito dell ordinamento nazionale la disciplina è contenuta nell art. 74- quinquies, DPR 633/1972. Dal tale disciplina sarà applicata anche ai servizi elettronici prestati da soggetti IVA stabiliti nella Comunità ma non nello Stato membro di consumo. UN PRATICO RIEPILOGO PRESTATORE COMMITTENTE DISCIPLINA IVA Soggetto IVA italiano Soggetto IVA UE Operatore economico extra UE Soggetto IVA o privato consumatore italiano Soggetto IVA UE o extra UE Privato consumatore UE Privato consumatore extra UE Soggetto IVA italiano Privato consumatore italiano Soggetto IVA italiano Privato consumatore italiano Fattura con IVA ordinaria Fattura fuori campo IVA Fattura con IVA ordinaria Fattura fuori campo IVA Integrazione fattura con IVA Fattura con IVA Paese prestatore Autofatturazione con IVA Fattura con IVA ordinaria RIPRODUZIONE VIETATA PAG. 8 di 9

9 SERVIZI E-BAY Con CM n. 36/E/2010, l Agenzia delle Entrate ha affrontato il caso di un commerciante al dettaglio di abbigliamento che si è registrato su E-bay e riceve servizi elettronici per l attività di vendita posta in essere sulla piattaforma virtuale. A parere dell Agenzia le suddette prestazioni rientrano tra quelle disciplinate dall art. 11, Regolamento UE n. 1777/2005 (concessione, a titolo oneroso, del diritto di mettere in vendita un bene o un servizio su un sito Internet che operi come mercato online, in cui i potenziali acquirenti fanno offerte attraverso un procedimento automatizzato e in cui le parti sono avvertite circa la realizzazione di una vendita per posta elettronica automaticamente via computer). Di conseguenza tali servizi, se effettuati a titolo oneroso, rientrano tra le prestazioni generiche ex art. 7-ter, DPR 633/1972, e vanno inclusi negli elenchi INTRASTAT (servizi). DOTTRINA IN PILLOLE GLI EFFETTI DEGLI SCAMBI INTRACOMUNITARI POSTI IN ESSERE SENZA VIES Con il Parere n. 6/2012 la Fondazione Studi Consulenti del Lavoro interviene sulle conseguenze derivanti dall effettuazione di operazioni intracomunitarie in mancanza di iscrizione al VIES. La Fondazione sottolinea che nei primi 30 giorni dalla data di attribuzione della partita IVA o dalla richiesta di iscrizione al VIES non possono essere effettuati scambi intracomunitari: la soggettività attiva e passiva relativa alle operazioni intracomunitarie è infatti sospesa in attesa dell eventuale provvedimento di diniego dell Agenzia delle Entrate. Pertanto, le eventuali operazioni intracomunitarie effettuate nei 30 giorni (o comunque da soggetti IVA che non hanno richiesto l apposita autorizzazione) non sono da considerare comprese nel regime fiscale degli scambi intracomunitari, ma in quello ordinario. Di conseguenza, in caso di vendita di un bene ad un soggetto intracomunitario, il cedente nazionale è tenuto ad emettere fattura con IVA italiana (senza alcun obbligo di presentazione del modello INTRASTAT). In caso di applicazione della disciplina intracomunitaria, il cedente nazionale incorre nella sanzione ex art. 6, D.Lgs. 471/1997, dal 100% al 200% dell imposta non applicata. Allo stesso modo, gli acquisti intracomunitari posti in essere in assenza di iscrizione al VIES comportano l applicazione dell IVA dello Stato membro di fornitura senza la possibilità di chiedere a rimborso tale imposta estera (in buona sostanza, il soggetto IVA italiano è assimilato ad un privato consumatore privo di partita IVA). Secondo la Fondazione Studi, l esclusione dal diritto al rimborso si spiega con la circostanza che in relazione a tali operazioni non è in linea generale prevista l applicazione dell imposta, talché, se applicata dal fornitore estero, non ricorrono i presupposti per il suo rimborso. La fattura ricevuta dal fornitore estero va quindi registrata soltanto ai fini della deduzione del relativo costo, senza detrarre l IVA estera e senza la possibilità di chiederla a rimborso. RIPRODUZIONE VIETATA PAG. 9 di 9

10 focus operazioni con l estero prenotazione abbonamento 2012 ( ) DA STAMPARE, COMPLETARE E INVIARE A SERVIZIO CLIENTI AL FAX N O ALL Ragione sociale Azienda o Cognome e Nome: Indirizzo: Località: Provincia: CAP: Telefono: Fax: Partita IVA: Codice Fiscale: Referente Aziendale: SI Desidero prenotare l abbonamento al SERVIZIO CIRCOLARI INFORMATIVE FOCUS OPERAZIONI CON L ESTERO 2012 comprendente 11 circolari informative inviate via in formato Pdf con cadenza quindicinale. All attivazione dell abbonamento saranno comunicati i dati per effettuare il login al sito e scaricare le circolari FOE pubblicate ad oggi. offerta valida sino al 31 LUGLIO 2012 Focus operazioni con l estero 2012 Focus operazioni con l estero quesito (da inviare entro il ) (6 mesi) 41 + IVA 58 + IVA Indirizzo ove recapitare le circolari. L abbonamento via consente di ricevere le circolari su più indirizzi, purché appartenenti allo stesso dominio. Inserire qui di seguito le mail separate da punto e virgola. DECORRENZA: 1 luglio 2012 IL PAGAMENTO VA EFFETTUATO SOLO DOPO IL RICEVIMENTO DELLA NS. FATTURA A MEZZO BONIFICO BANCARIO O VERSAMENTO IN C/C POSTALE (istruzioni riportate in fattura) CONDIZIONI DI ABBONAMENTO: L abbonamento al servizio circolari informative Focus Operazioni con l Estero ha decorrenza dal e scadenza al , alla scadenza non è previsto il rinnovo automatico. PER INFORMAZIONI sul servizio di abbonamento è a disposizione la mail: e il numero verde Data: Timbro e firma: Informativa ex D.Lgs. 196/2003. Integra On Line Srl, titolare del trattamento nella persona del suo legale rappresentante protempore, tratta i dati personali liberamente conferiti per fornire i servizi indicati e, se lo desidera, per aggiornarla su iniziative ed offerte del gruppo. Potrà esercitare i diritti previsti dall art. 7 del D.Lgs. 196/2003 rivolgendosi al Titolare del trattamento: Integra On Line Srl (Via A. Volta n Faenza ( RA ) telefono , fax ). I dati potranno essere trattati da incaricati preposti agli ordini, al marketing, all amministrazione, al servizio clienti e potranno essere comunicati a società esterne per l evasione dell ordine, per l invio di materiale promozionale ed agli istituti di credito. Clausola contrattuale: la sottoscrizione dell offerta dà diritto a ricevere informazioni commerciali su prodotti e servizi di Integra On Line. Se non desidera riceverle barri la casella.

Lo sportello Unico per i servizi telematici (Moss)

Lo sportello Unico per i servizi telematici (Moss) Lo sportello Unico per i servizi telematici (Moss) E-commerce: regime fiscale Iva Il commercio elettronico indiretto Il commercio elettronico diretto Il Mini Sportello Unico Dott. Alberto Perani 1 E-commerce:

Dettagli

Studio Dott. Begni & Associati NEWS 17/2015

Studio Dott. Begni & Associati NEWS 17/2015 Brescia, lì 20.05.2015 SPETT.LE CLIENTE Oggetto: LE NUOVE REGOLE DELL E-COMMERCE Il commercio elettronico, c.d. e-commerce, con il quale si effettuano transazioni commerciali di beni o servizi utilizzando

Dettagli

DEFINIZIONE DEFINIZIONE

DEFINIZIONE DEFINIZIONE DEFINIZIONE 1. SERVIZI DEFINIZIONE DIGITALI DEFINIZIONE Nella disciplina IVA, i servizi che si qualificano come elettronici vanno distinti da quelli che la stessa normativa in materia di IVA considera

Dettagli

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati CIRCOLARE N. 22/2015 NOVITA IN MATERIA DI IVA DAL 2015 SUI SERVIZI DIGITALI

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati CIRCOLARE N. 22/2015 NOVITA IN MATERIA DI IVA DAL 2015 SUI SERVIZI DIGITALI Dott. Paolo Simoni Dott. Grazia Marchesini Dott. Alberto Ferrari Dott. Federica 0 Simoni Rag. Lidia Gandolfi Dott. Francesco Ferrari Dott. Enrico Ferra Dott. Agostino Mazziotti Bologna, 10/04/2015 Ai Signori

Dettagli

Oggetto: Il regime IVA applicabile alle prestazioni di servizi di e-commerce

Oggetto: Il regime IVA applicabile alle prestazioni di servizi di e-commerce Oggetto: Al commercio elettronico vengono applicate delle norme specifiche che in parte si discostano dai criteri generali di territorialità previsti dal D.P.R. 633/1972. Per commercio elettronico si intendono

Dettagli

LA NUOVA TERRITORIALITA IVA DELLE PRESTAZIONI DI E-COMMERCE

LA NUOVA TERRITORIALITA IVA DELLE PRESTAZIONI DI E-COMMERCE Circolare N. 70 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 8 ottobre 2010 LA NUOVA TERRITORIALITA IVA DELLE PRESTAZIONI DI E-COMMERCE Per commercio elettronico diretto sono da intendersi le operazioni

Dettagli

Cessioni e acquisti via WEB

Cessioni e acquisti via WEB Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 115 16.04.2014 Cessioni e acquisti via WEB Commercio elettronico indiretto e Commercio elettronico diretto Novità dal 1 Gennaio 2015 - Categoria:

Dettagli

Fiscalità 2015: Lo sportello Unico per i servizi telematici (Moss) Dr Alberto Perani Milano, 24 febbraio 2015 In collaborazione con

Fiscalità 2015: Lo sportello Unico per i servizi telematici (Moss) Dr Alberto Perani Milano, 24 febbraio 2015 In collaborazione con Fiscalità 2015: Lo sportello Unico per i servizi telematici (Moss) Dr Alberto Perani Milano, 24 febbraio 2015 In collaborazione con In collaborazione con Lo sportello Unico per i servizi telematici (Moss)

Dettagli

INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA

INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA Periodico quindicinale FE n. 03 22 marzo 2012 INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA ABSTRACT Con il recepimento della Direttiva n. 2008/8/CE sono profondamente cambiate le regole per determinare

Dettagli

Il commercio elettronico di prodotti digitali

Il commercio elettronico di prodotti digitali UNIONE EUROPEA. Istruzioni per l uso Allegato al n. 1/2013 Il commercio elettronico di prodotti digitali Aspetti fiscali Il commercio elettronico di prodotti digitali Aspetti fiscali Approfondimento a

Dettagli

Commercialisti e revisori legali consulenza del lavoro

Commercialisti e revisori legali consulenza del lavoro Studio Falardi Commercialisti e revisori legali consulenza del lavoro 24121 Bergamo - Via Matris Domini, 21 - Tel. 035.239139-035.216389 Fax 035.224574 - e-mail: segreteria@studiofalardi.it Rag. Franco

Dettagli

SERVIZIO SOGGETTO PASSIVO STABILITO O NON STABILITO NEL TERRITORIO DELLO STATO

SERVIZIO SOGGETTO PASSIVO STABILITO O NON STABILITO NEL TERRITORIO DELLO STATO SEXIES - TERRITORIALITÀ - DISPOSIZIONI SPECIALI RELATIVE A TALUNE PRESTAZIONI DI SERVIZI RESE A COMMITTENTI NON SOGGETTI PASSIVI L art. 7 sexies individua tutta una serie di prestazioni che si considerano

Dettagli

E-COMMERCE ASPETTI IVA. A Cura di Antonio Gigliotti

E-COMMERCE ASPETTI IVA. A Cura di Antonio Gigliotti E-COMMERCE ASPETTI IVA A Cura di Antonio Gigliotti Indice Indice 1. COMMERCIO ELETTRONICO DIRETTO E INDIRETTO 1.1. Commercio elettronico diretto e indiretto Pag. 2 2. COMMERCIO ELETTRONICO INDIRETTO Pag.

Dettagli

Fisco e Estero di Matteo Balzanelli. I profili Iva dell e-commerce indiretto

Fisco e Estero di Matteo Balzanelli. I profili Iva dell e-commerce indiretto Fisco e Estero di Matteo Balzanelli I profili Iva dell e-commerce indiretto La notevole evoluzione e diffusione delle tecnologie informatiche degli ultimi quindici anni ha fortemente influenzato la vita

Dettagli

Fiscal News N. 52. Novità per l e-commerce diretto dal 01.01.2015. La circolare di aggiornamento professionale 16.02.2015

Fiscal News N. 52. Novità per l e-commerce diretto dal 01.01.2015. La circolare di aggiornamento professionale 16.02.2015 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 52 16.02.2015 Novità per l e-commerce diretto dal 01.01.2015 Dal 01.01.2015 molte le novità per il commercio elettronico diretto B2C. Categoria:

Dettagli

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario.

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario. Operazioni intracomunitarie e internazionali La disciplina IVA delle «vendite a distanza» in ambito intracomunitario La disciplina Iva delle «vendite a distanza», per tali intendendosi le vendite in base

Dettagli

CIRCOLARE MAGGIO 2015 ULTIME NOVITÀ FISCALI

CIRCOLARE MAGGIO 2015 ULTIME NOVITÀ FISCALI CIRCOLARE MAGGIO 2015 Studi di settore e lieve scostamento Sentenza Corte Cassazione 8.1.2015, n. 12/1/15 E-commerce D.Lgs. 31.3.2015, n. 42 Ex coniuge e accollo mutuo Sentenza Cassazione 2.4.2015, n.

Dettagli

E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI

E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI FABRIZIO DOMINICI Dottore commercialista in Rimini www.dominiciassociati.com Via Marecchiese 314/d 47822 Rimini f.dominici@dominiciassociati.com DEFINIZIONE

Dettagli

(G.U.U.E. n. L 288 del 29 ottobre 2005)

(G.U.U.E. n. L 288 del 29 ottobre 2005) REGOLAMENTO (CE) N. 1777/2005 DEL CONSIGLIO del 17 ottobre 2005 recante disposizioni di applicazione della direttiva 77/388/CEE relativa al sistema comune di imposta sul valore aggiunto (G.U.U.E. n. L

Dettagli

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce 2014-01-02 19:54:35 Il presente lavoro è tratto dalle guide: Imprese ed e-commerce. Marketing, aspetti legali e fiscali. e Il commercio elettronico

Dettagli

SPAZIO FISCALE MAGGIO 2015 ULTIME NOVITÀ FISCALI

SPAZIO FISCALE MAGGIO 2015 ULTIME NOVITÀ FISCALI SPAZIO FISCALE MAGGIO 2015 In collaborazione con il Centro Studi SEAC Spa - TRENTO - www.seac.it - email info@seac.it Studi di settore e lieve scostamento Sentenza Corte Cassazione 8.1.2015, n. 12/1/15

Dettagli

IVA nel commercio elettronico

IVA nel commercio elettronico IVA nel commercio elettronico A cura di: Walter Rotondaro Dottore Commercialista Politecnico di Torino - 21 novembre 2014 Commercio elettronico Il commercio elettronico consiste nello svolgimento di attività

Dettagli

Rag. Silvano Nieri. Commercialista, Revisore Contabile, Curatore Fallimentare

Rag. Silvano Nieri. Commercialista, Revisore Contabile, Curatore Fallimentare Regime IVA del commercio elettronico REGIME IVA COMMERCIO ELETTRONICO INDIRETTO COMMERCIO ELETTRONICO DIRETTO PRESTAZIONI RESE A PRIVATI ITALIANI DA PARTE DI SOGGETTI EXTRA-UE PRESTAZIONI RESE A PRIVATI

Dettagli

E-commerce: le modalità di fatturazione. D.Lgs. 42/2015 pubblicato sulla G.U. n. 90 del 18.04.2015

E-commerce: le modalità di fatturazione. D.Lgs. 42/2015 pubblicato sulla G.U. n. 90 del 18.04.2015 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 169 11.06.2015 E-commerce: le modalità di fatturazione D.Lgs. 42/2015 pubblicato sulla G.U. n. 90 del 18.04.2015 Categoria: IVA Sottocategoria:

Dettagli

Quale documentazione attesta la vendita on line

Quale documentazione attesta la vendita on line Conferenza organizzata dall Associazione ICT Dott.Com Quale documentazione attesta la vendita on line Direzione Regionale del Piemonte a cura di Sandra Migliaccio Ufficio Fiscalità Generale 1 22 novembre

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2010: NUOVI CHIARIMENTI DALL AGENZIA DELLE ENTRATE PARTE SECONDA

ELENCHI INTRASTAT 2010: NUOVI CHIARIMENTI DALL AGENZIA DELLE ENTRATE PARTE SECONDA Circolare N. 51 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 2 luglio 2010 ELENCHI INTRASTAT 2010: NUOVI CHIARIMENTI DALL AGENZIA DELLE ENTRATE PARTE SECONDA Con Circolare n. 36/E/2010, l Agenzia delle Entrate

Dettagli

AUMENTO ALIQUOTA IVA DAL 1 OTTOBRE 2013

AUMENTO ALIQUOTA IVA DAL 1 OTTOBRE 2013 AUMENTO ALIQUOTA IVA DAL 1 OTTOBRE 2013 pagina 1 di 14 Aliquota IVA dal 21 al 22 % Aumento solo per aliquota ordinaria Decorrenza: martedì 1 ottobre 2013 Invariate aliquote ridotte (4 e 10%) e di compensazione

Dettagli

Prova della cessione intracomunitaria: prassi nazionale e giurisprudenza comunitaria Casi pratici

Prova della cessione intracomunitaria: prassi nazionale e giurisprudenza comunitaria Casi pratici Studio Tributario e Societario Co-brand logo Prova della cessione intracomunitaria: prassi nazionale e giurisprudenza comunitaria Casi pratici Dott.ssa Barbara Rossi Cessioni intracomunitarie Effettiva

Dettagli

E-commerce: stop a scontrini e ricevute per le operazioni svolte nei confronti di privati

E-commerce: stop a scontrini e ricevute per le operazioni svolte nei confronti di privati CIRCOLARE A.F. N. 169 del 3 Dicembre 2015 Ai gentili clienti Loro sedi E-commerce: stop a scontrini e ricevute per le operazioni svolte nei confronti di privati Premessa Con il D.Lgs. n. 42/2015, come

Dettagli

LA FISCALITÀ DELL E - COMMERCE

LA FISCALITÀ DELL E - COMMERCE LA FISCALITÀ DELL E - COMMERCE LA FISCALITÀ DELL E-COMMERCE Cosa tratteremo: Intendiamoci sui termini Imposte dirette IVA INTENDIAMOCI SUI TERMINI Il commercio elettronico è un attività commerciale che

Dettagli

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA Le risposte pubblicate dalla stampa specializzata Confindustria Genova - Martedì 4 maggio 2010 D Come deve comportarsi una società italiana che abbia

Dettagli

Circolare N. 169 del 3 Dicembre 2015

Circolare N. 169 del 3 Dicembre 2015 Circolare N. 169 del 3 Dicembre 2015 E-commerce: stop a scontrini e ricevute per le operazioni svolte nei confronti di privati Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il decreto

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Circolare N. 63 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 settembre 2010 ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Con Circolare n. 43/E/2010, l Agenzia delle Entrate risponde ad alcuni

Dettagli

Acquisti e cessioni intracomunitarie di beni

Acquisti e cessioni intracomunitarie di beni Acquisti e cessioni intracomunitarie di beni INDICAZIONI PRELIMINARI L obiettivo definito dall Unione Europea con il Trattato di Roma nel 1957 è quello di istaurare un mercato comune dove beni, servizi,

Dettagli

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista REGIME DELLE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE E MODELLI INTRASTAT

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista REGIME DELLE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE E MODELLI INTRASTAT 1/8 OGGETTO CLASSIFICAZIONE REGIME DELLE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE E MODELLI INTRASTAT DT IVA ESPORTAZIONI RIFERIMENTI NORMATIVI Artt. da 7 ter a 7 septies, D.P.R 26.10 1972 N. 633;Artt. da 38 a 60,

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE A seguito dell ingresso di Romania e Bulgaria nell Unione europea a decorrere dall 1.1.2007, le operazioni poste in essere con operatori residenti in tali Stati sono qualificate

Dettagli

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Circolare N. 72 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 15 ottobre 2010 LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Le nuove regole concernenti la territorialità IVA delle prestazioni di servizi,

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DELLE DICHIARAZIONI D INTENTO

LA COMUNICAZIONE DELLE DICHIARAZIONI D INTENTO Periodico quindicinale FE n. 10 14 agosto 2012 LA COMUNICAZIONE DELLE DICHIARAZIONI D INTENTO ABSTRACT Il cosiddetto Decreto Semplificazioni Fiscali è intervenuto sull obbligo di comunicazione delle dichiarazioni

Dettagli

NORMATIVA e APPROFONDIMENTI

NORMATIVA e APPROFONDIMENTI NORMATIVA e APPROFONDIMENTI GUIDA NORMATIVA LA TERRITORIALITA DELL IVA E LA PRESENTAZIONE DEI MODELLI DOGANALI INTRASTAT Gennaio 2010 - I.V.A e INTRASTAT 2010 - La presente guida normativa ha lo scopo

Dettagli

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c.

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c. CIRCOLARE N 2/2007 Tivoli, 29/01/2007 Oggetto: NOVITA MODELLI INTRASTAT. Spett.le Clientela, dal 1 gennaio 2007 la ROMANIA e la BULGARIA sono entrate a far parte dell Unione Europea, pertanto le merci

Dettagli

INGRESSO CROAZIA NELLA UE RIFLESSI IN AMBITO IVA

INGRESSO CROAZIA NELLA UE RIFLESSI IN AMBITO IVA SCHEDA MONOGRAFICA TMG INGRESSO CROAZIA NELLA UE RIFLESSI IN AMBITO IVA Data aggiornamento scheda 12 giugno 2013 Redattore Davide David Il 1 luglio 2013 la Croazia entrerà a far parte dell Unione europea.

Dettagli

IVA INTRACOMUNITARIA

IVA INTRACOMUNITARIA IVA INTRACOMUNITARIA D.L. 30 Agosto 1993, n. 331 Convertito dalla Legge 29 Ottobre 1993, n. 427 Dlgs. 11 Febbraio 2010, n. 18 G.U. 19 Febbraio 2010, n. 41 25 ottobre 2010 L ACQUISTO INTRACOMUNITARIO Gli

Dettagli

Anno 2012 N.RF216. La Nuova Redazione Fiscale COMMERCIO ELETTRONICO DIRETTO E INDIRETTO - ASPETTI IVA

Anno 2012 N.RF216. La Nuova Redazione Fiscale COMMERCIO ELETTRONICO DIRETTO E INDIRETTO - ASPETTI IVA Anno 2012 N.RF216 www.redazionefiscale.it ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale Pag. 1 / 7 OGGETTO COMMERCIO ELETTRONICO DIRETTO E INDIRETTO - ASPETTI IVA RIFERIMENTI ART. 7-TER, SEXIES E SEPTIES; ART.

Dettagli

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Primo Corso Base di Contabilità Bilancio e Diritto Tributario 2011 11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Territorialità art.

Dettagli

IMPOSTA DI BOLLO: OPERAZIONI SOGGETTE ED ESENTI

IMPOSTA DI BOLLO: OPERAZIONI SOGGETTE ED ESENTI IMPOSTA DI BOLLO: OPERAZIONI SOGGETTE ED ESENTI In linea generale si ricorda che sono esenti dall imposta di bollo le fatture e gli altri documenti riguardanti il pagamento di corrispettivi di operazioni

Dettagli

Presupposti imponibilità scambi comunitari

Presupposti imponibilità scambi comunitari Presupposti imponibilità scambi comunitari Presupposto Oggettivo: Onerosità dell operazione e acquisizione della proprietà o di altro diritto reale sul bene; Presupposto Soggettivo: gli operatori che intervengono

Dettagli

LA NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010 Introduzione INTRODUZIONE

LA NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010 Introduzione INTRODUZIONE Introduzione INTRODUZIONE Per poter considerare rilevanti ai fini IVA le operazioni effettuate dagli operatori economici, deve sussistere contemporaneamente, oltre ai presupposti soggettivo, oggettivo

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

I MODELLI INTRA. Modelli INTRA 2010: novità

I MODELLI INTRA. Modelli INTRA 2010: novità I MODELLI INTRA Bologna, 2 Ottobre 2014 D.ssa Nadia Gentina Modelli INTRA 2010: novità La disciplina comunitaria relativa alle dichiarazioni Intrastat è stata recentemente aggiornata dalle direttive: 2008/8/CE

Dettagli

RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO

RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO Circolare N. 05 Area: PROFESSIONAL Periodico quindicinale 4 marzo 2010 RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO La Direttiva comunitaria n. 2008/8/CE (c.d. Direttiva Servizi ) ha profondamente modificato

Dettagli

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT EMISSIONE DELLA FATTURA PER I SERVIZI EXTRATERRITORIALI - MODALITA D INTEGRAZIONE DELLE FATTURE ESTERE PER I SERVIZI GENERICI RESI AD OPERATORI

Dettagli

4.2. BENI IMMOBILI E MOBILI: PRIMO COMMA (PRIMA PARTE)

4.2. BENI IMMOBILI E MOBILI: PRIMO COMMA (PRIMA PARTE) 4.1. PREMESSA L art. 7-bis è stato inserito dall art. 1, comma 1, lettera c) del D.Lgs. 11 febbraio 2010, n. 18, in vigore dal 20 febbraio 2010. Ai sensi del successivo art. 5, comma 1, la disposizione

Dettagli

AL FISCO 7ATTENZIONE

AL FISCO 7ATTENZIONE 7ATTENZIONE AL FISCO 7 Attenzione al fisco... 117 7.1 Consegna a domicilio... 118 7.2 Consegna in Rete... 120 7.3 L IVA nelle vendite all estero... 122 ATTENZIONE AL FISCO 7 7. Attenzione al fisco Dal

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE

LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE Periodico quindicinale FE n. 18 29 dicembre 2012 ABSTRACT LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE Con la Direttiva 2010/45/UE, la Commissione Europea ha inteso semplificare le procedure di fatturazione e conservazione

Dettagli

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 42 31 DICEMBRE 2012 IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione

Dettagli

E-commerce Aspetti giuridici e fiscali

E-commerce Aspetti giuridici e fiscali E-commerce Aspetti giuridici e fiscali Le principali problematiche legali e fiscali legate all e-commerce Milano 22 ottobre 2015 Dott. Beniamino Lo Presti www.avvghibellini.com www.studiovlp.it www.madv.eu

Dettagli

SPESOMETRO ANNO 2013

SPESOMETRO ANNO 2013 Tipologia: FISCO Protocollo: 2005414 Data: 28.03.2014 Oggetto: spesometro anno 2013 SPESOMETRO ANNO 2013 Gentile Associato, come noto, l art. 21 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78 ha previsto l obbligo

Dettagli

NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010. Forlì, 26 febbraio 2010

NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010. Forlì, 26 febbraio 2010 NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010 Forlì, 26 febbraio 2010 La situazione normativa ad oggi Forlì 26 febbraio 2010 3 STATO DELLA NORMATIVA - Direttiva 2008/8CE del 12 febbraio 2008 (territorialità) - Direttiva

Dettagli

Nella Circolare n. 36/2010 sono forniti dei chiarimenti in relazione alle riparazioni di beni.

Nella Circolare n. 36/2010 sono forniti dei chiarimenti in relazione alle riparazioni di beni. Sezione prima - Aspetti generali Operazioni soggette a rilevazione ed esclusioni Operazioni soggette a rilevazione ed esclusioni Dal 1 gennaio 2010, oggetto di riepilogo negli appositi Modelli, non sono

Dettagli

DPR 26.10.1972 n. 633

DPR 26.10.1972 n. 633 DPR 26.10.1972 n. 633 REGOLA GENERALE - ART. 1 - OPERAZIONI IMPONIBILI L IVA SI APPLICA SU CESSIONI DI BENI (ART. 2) PRESTAZIONI DI SERVIZI (ART. 3) IMPORTAZIONI (ART. 67) SOLO SE EFFETTUATE (ART. 6) NELL

Dettagli

CONFETRA. Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto. Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA

CONFETRA. Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto. Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA CONFETRA Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA 1 Roma, 15 marzo 2010 1 Norme e prassi: evoluzione Direttiva

Dettagli

Imposta Valore Aggiunto Territorialità

Imposta Valore Aggiunto Territorialità Imposta Valore Aggiunto Territorialità Intervento Salvatore Fichera Dirigente Agenzia delle Entrate www.salvatorefichera.it Università di Brescia 14 ottobre 2010 1 Concetti preliminari Caratteristiche

Dettagli

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile Carlin Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI e REVISORI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 per informazioni su questa circolare: evacarlin@studiocla.it Circolare

Dettagli

CONSIGNMENT STOCK AGREEMENT

CONSIGNMENT STOCK AGREEMENT Periodico quindicinale FE n. 09 9 agosto 2012 ABSTRACT CONSIGNMENT STOCK AGREEMENT Il consignment stock agreement è una forma contrattuale di origine anglosassone che si è andata sempre più sviluppando

Dettagli

LA COMPILAZIONE AI FINI FISCALI E STATISTICI DEGLI ELENCHI INTRASTAT

LA COMPILAZIONE AI FINI FISCALI E STATISTICI DEGLI ELENCHI INTRASTAT Periodico quindicinale FE n. 12 19 giugno 2013 LA COMPILAZIONE AI FINI FISCALI E STATISTICI DEGLI ELENCHI INTRASTAT ABSTRACT Gli elenchi riepilogativi degli acquisti e delle cessioni di beni richiedono

Dettagli

Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010. Accenni Teorici Casi Pratici. 20 settembre 2010

Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010. Accenni Teorici Casi Pratici. 20 settembre 2010 Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010 Accenni Teorici Casi Pratici 20 settembre 2010 AGENDA 1. Elenchi Intrastat 2. Elenchi Intrastat: casi pratici 3. Comunicazioni

Dettagli

Informativa per la clientela di studio

Informativa per la clientela di studio Informativa per la clientela di studio N. 01 del 08.01.2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Le nuove regole IVA dal 2013 Gentile Cliente, la presente per comunicarle che la Legge di stabilità 2013

Dettagli

GUIDA TEMATICA I MODELLI INTRASTAT

GUIDA TEMATICA I MODELLI INTRASTAT GUIDA TEMATICA I MODELLI INTRASTAT La gestione fiscale Iva del Mercato Unico Europeo sta ancora vivendo una fase transitoria, durante la quale la tassazione delle operazioni avviene (di regola) nel paese

Dettagli

RIPRODUZIONE VIETATA

RIPRODUZIONE VIETATA AVVOCATI E COMMERCIALISTI ASSOCIATI Bari Bologna Brescia Cagliari Firenze Lecco Milano Padova Roma Torino http://www.lslex.com Circolare Monotematica Novità fatturazione 2013 Data: 11 gennaio 2013 Indice

Dettagli

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30 NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335 pagina 1 di 30 DPR 633/72 Art. 4 7 10 13 16 17 Argomento Enti pubblici e pubblica autorità (adeguamento sentenze Corte UE) D.L. 179/2012

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

Roma,05 novembre 2009

Roma,05 novembre 2009 RISOLUZIONE N. 274/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,05 novembre 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 procedura di reso nella vendita per corrispondenza

Dettagli

Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013

Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013 Ai Gentili Clienti Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013 1 La L. 24.12.2012, n. 228 (legge di Stabilità 2013) ha introdotto novità in materia di fatturazione da applicare su tutte le operazioni

Dettagli

I. Luogo di effettuazione delle operazioni

I. Luogo di effettuazione delle operazioni 606 IVA TERRITORIALITÀ Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre SEZIONE 1 Territorialità 3652 Territorio dell Italia (art. 7 DPR 633/72) Per territorio dell Italia si intende il territorio soggetto alla sovranità

Dettagli

CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat. Confcommercio, 14 aprile 2010

CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat. Confcommercio, 14 aprile 2010 CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat Confcommercio, 14 aprile 2010 L art. 7 del DPR n. 633 del 1972 è stato sostituito dal 1 gennaio 2010 dal D.Lgs. n.18

Dettagli

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi OGGETTO: Novità 2013 nei rapporti internazionali Gentile cliente, Il decreto salva-infrazioni che ha recepito la Direttiva 2010/45/

Dettagli

e-commerce tecnologie informatiche offerta, ordine e pagamento vendita per corrispondenza art. 22, comma 1, n. 1, del Decreto Iva 633/72

e-commerce tecnologie informatiche offerta, ordine e pagamento vendita per corrispondenza art. 22, comma 1, n. 1, del Decreto Iva 633/72 Regole E-Commerce La vendita on line di beni materiali nei confronti dei consumatori finali, detta anche e-commerce, è di fatto una tradizionale cessione di beni, nella quale è la fase contrattualistica

Dettagli

Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International

Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International Ingresso della Croazia nell UE - Il regime doganale cede il posto a quello comunitario del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Giuseppe Francesco Lovetere pubblicato sulla rivista il fisco n. 31 del 2 settembre

Dettagli

REVERSE CHARGE PER CELLULARI E MICROPROCESSORI: NUOVI CHIARIMENTI

REVERSE CHARGE PER CELLULARI E MICROPROCESSORI: NUOVI CHIARIMENTI Circolare N. 27 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 8 aprile 2011 REVERSE CHARGE PER CELLULARI E MICROPROCESSORI: NUOVI CHIARIMENTI Dallo scorso 1 aprile vige l obbligo di applicazione del reverse

Dettagli

AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22%

AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22% Numero circolare 2/2013 Data 8/10/2013 Redattore Davide David AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22% Abstract: Rif.to normativi: Dal 1.10.2013 l aliquota IVA ordinaria è aumentata dal 21% al 22%. La nuova

Dettagli

CIRCOLARE 36/E 21.06.2010

CIRCOLARE 36/E 21.06.2010 CIRCOLARE 36/E 21.06.2010 SIMONE DEL NEVO 24.06.2010 Studio Del Nevo I CHIARIMENTI Assumono rilevanza intrastat solo le prestazioni di servizio generiche disciplinate dall articolo 7 ter DPR 633/72: CICLO

Dettagli

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners ragionieri commercialisti economisti d impresa valdagno (vi) via l. festari,15 tel. 0445/406758/408999 - fax 0445/408485 dueville (vi) - via g. rossi, 26 tel. 0444/591846

Dettagli

Nuove regole per la territorialità dei servizi. Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it

Nuove regole per la territorialità dei servizi. Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it Nuove regole per la territorialità dei servizi Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it NORMATIVA COMUNITARIA direttiva 2008/8/CE: territorialitàdei servizi; intrastat

Dettagli

STATO CODICE ISO N.RO CARATTERE DEL CODICE IVA. Bulgaria BG 9 ovvero 10

STATO CODICE ISO N.RO CARATTERE DEL CODICE IVA. Bulgaria BG 9 ovvero 10 N. 2 del 2007 NOVITA IN MATERIA DI ELENCHI INTRASTAT ADESIONE ALL UNIONE EUROPEA DI DUE NUOVI STATI A decorrere dal 1 gennaio 2007, sono entrati a far parte dell Unione Europea due nuovi Stati: la Bulgaria

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER GLI ACQUISTI/CESSIONI UE E LA PRESENTAZIONE DEI MODD. INTRA

LE NUOVE REGOLE PER GLI ACQUISTI/CESSIONI UE E LA PRESENTAZIONE DEI MODD. INTRA INFORMATIVA N. 075 19 MARZO 2013 IVA LE NUOVE REGOLE PER GLI ACQUISTI/CESSIONI UE E LA PRESENTAZIONE DEI MODD. INTRA Art. 1, commi da 324 a 330, Legge n. 228/2012 DM 22.2.2010 Artt. 39, 46, 47 e 50, DL

Dettagli

Circolare n. 6. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Territorialità delle prestazioni di servizi... 2. 3 I "nuovi" modelli Intrastat... 5

Circolare n. 6. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Territorialità delle prestazioni di servizi... 2. 3 I nuovi modelli Intrastat... 5 Circolare n. 6 Novità modelli Intrastat (D.Lgs. 18.2.2010, n. 11) Indice 1 Premessa... 2 2 Territorialità delle prestazioni di servizi... 2 3 I "nuovi" modelli Intrastat... 5 3.1 Obbligo di inclusione

Dettagli

I. V. A. Imposta sul valore aggiunto Norme generali (D.P.R. 26 ottobre 1972 nr. 633 e successive modificazioni)

I. V. A. Imposta sul valore aggiunto Norme generali (D.P.R. 26 ottobre 1972 nr. 633 e successive modificazioni) Fisco Pratico Iva 2010 3 I. V. A. Imposta sul valore aggiunto Norme generali (D.P.R. 26 ottobre 1972 nr. 633 e successive modificazioni) L'Iva, Imposta sul Valore Aggiunto, si applica sulle operazioni

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI INTRASTAT

GLI ADEMPIMENTI INTRASTAT GLI ADEMPIMENTI INTRASTAT L anno 2008 non ha apportato sostanziali modifiche sia alle modalità sia ai termini di presentazione delle dichiarazioni intrastat. Pertanto con la presente trattazione ci limitiamo

Dettagli

Modello Iva 2014: esempi di compilazione

Modello Iva 2014: esempi di compilazione Numero 35/2014 Pagina 1 di 7 Modello Iva 2014: esempi di compilazione Numero : 35/2014 Gruppo : IVA Oggetto : DICHIARAZIONE IVA Norme e prassi : Istruzioni e modello Iva 2014; NOSTRA CDG N. 14/2014. Sintesi

Dettagli

IVA nel commercio elettronico

IVA nel commercio elettronico IVA nel commercio elettronico A cura di: Walter Rotondaro Dottore Commercialista Politecnico di Torino - 22 novembre 2013 Commercio elettronico Il commercio elettronico consiste nello svolgimento di attivit

Dettagli

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Circolare N. 51 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 10 luglio 2009 COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Al sussistere di determinate condizioni, i soggetti che operano abitualmente con l estero

Dettagli

ULTIME NOVITÀ FISCALI

ULTIME NOVITÀ FISCALI ULTIME NOVITÀ FISCALI Ristorante specializzato in banchetti Sentenza CTR Lombardia 5.2.2013, n. 18/63/13 Professionista che si avvale di una segretaria Sentenza CTP Brescia 5.3.2013, n. 54/63/13 Comunicazione

Dettagli

LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE: LE OPERAZIONI FRANCO FABBRICA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA

LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE: LE OPERAZIONI FRANCO FABBRICA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA INFORMATIVA N. 086 28 MARZO 2013 IVA LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE: LE OPERAZIONI FRANCO FABBRICA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA Art. 41, DL n. 331/93 Risoluzioni Agenzia Entrate 28.11.2007, n.

Dettagli