VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VALUTAZIONE DEI RISCHI"

Transcript

1 CONDOMINIO LECCO 2001 TORRE Viale Montegrappa, 20 - Lecco Amministrazione ISOLAGO GESTIMMOBILI In collaborazione con: VALUTAZIONE DEI RISCHI Documento unico costituito da 15 pagine Si richiede l apposizione del timbro postale per la data certa

2 INDICE 1. Amministratore Datore di lavoro..... pag Dati dell immobile pag Certificazioni pag Dati occupazionali pag Prevenzione sugli impianti pag Attrezzature pag Agenti chimici pag Dispositivi di protezione individuale..... pag Pronto soccorso pag Movimentazione manuale dei carichi.... pag Evacuazione ed emergenza pag Formazione ed informazione pag Appalti pag Servizi di pronto intervento e di pubblica utilità... pag Requisiti e misure preventive del Condominio.... pag Disposizioni generali in materia di sicurezza applicabili ai condomini. pag Interventi per migliorare la sicurezza nel Condominio Lecco 2001 Torre pag. 13 1

3 1. AMMINISTRATORE DATORE DI LAVORO Amministrazione Isolago Gestimmobili di Laura Villa & C. S.A.S. domiciliato in Via Camillo Benso Di Cavour n. 58/A cap località Lecco telefono DATI DELL IMMOBILE 2.1 Condominio Viale Montegrappa n Caratteristiche dell Immobile in relazione alle situazioni di lavoro Uso: abitativo. Affacci: Viale Montegrappa. Piani fuori terra: quattordici. Piani interrati: due. Destinazione dei piani: 1 piano interrato destinato a cantine, 2 piano in terrato destinato a cantine, locale pompe antincendio e autorimessa; i restanti piani a destinazione abitativa. Copertura: piana. All ultimo piano si trovano il locale centrale termica, il gruppo elettrogeno e il locale ascensori. Spazi comuni: atrio, una scala, due ascensori, autorimessa. Distribuzione interna: atrio d ingresso, scala e ballatoio di accesso alle abitazioni; corridoi di distribuzione delle cantine. Impianti: due ascensori da 480 Kg per 6 persone; una centrale termica a metano. Stato di conservazione: buono stato. 3. CERTIFICAZIONI 3.1. Prevenzione incendi: SI - attività soggette (D.M ) n : centrale termica, abitazione alta, vano ascensore - documentazione presente presso gli uffici dell Amministrazione Isolago Gestimmobili SAS Certificazione Legge 37/08 (ex Legge 46/90) Impianto elettrico e di messa a terra - documentazione inerente alla certificazione di conformità presente presso gli uffici dell Amministrazione Isolago Gestimmobili SAS Ascensori - documentazione inerente alla manutenzione periodica presente presso gli uffici dell Amministrazione Isolago Gestimmobili SAS. 2

4 4. DATI OCCUPAZIONALI Dipendenti e mansioni Non ci sono dipendenti assunti. Le pulizie degli spazi comuni del Condominio sono effettuate da Impresa esterna. Registro Infortuni Registro infortuni non presente in quanto non necessario 5. PREVENZIONE SUGLI IMPIANTI Nel Condominio la prevenzione deve essere effettuata sul costante funzionamento degli impianti tecnologici presenti: Ascensori Impianti elettrici in genere Centrale termica Per ognuno di questi impianti si svolge una regolare manutenzione, facendo ricorso a ditte specializzate del settore, che nell opera di impiego di proprio personale dipendente, o altro, agiscano sotto la propria responsabilità in quanto in regola con le norme di sicurezza ed in particolare con quanto previsto dal decreto Legislativo 81/08. In particolare alle ditte incaricate viene data copia del presente Documento di Valutazione ai sensi dell art. 26 del D. Lgs. 81/08 per gli adempimenti conseguenti in ordine all applicazione del suddetto art. 26 relativo ai contratti di appalto e subappalto. 6. ATTREZZATURE In relazione alle attrezzature per l esecuzione dei lavori, il Condominio non è proprietario di nessun tipo di attrezzatura. 7. AGENTI CHIMICI Nel condominio non ci sono prodotti chimici acquistati direttamente dall Amministrazione. 8. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI In relazione alle specifiche fasi di lavorazione i Dispositivi di Protezione Individuali non sono presenti nel Condominio in quanto non necessari alle attività svolte. 9. PRONTO SOCCORSO Considerando che l edificio è destinato ad abitazione e che non ci sono lavoratori non si rende necessario alcun locale avente le caratteristiche del pronto soccorso. Non è presente la cassetta contenente i materiali di pronto soccorso indispensabili. 3

5 10. MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Nel Condominio in oggetto non essendoci lavoratori assunti non sono svolte attività che richiedono la movimentazione manuale dei carichi. 11. EVACUAZIONE ED EMERGENZA Vista la natura dell immobile e la natura delle lavorazioni, non si ritiene che qualsiasi lavoratore di Imprese esterne sia esposto a pericoli definibili gravi. E stato disposto che in caso di pericolo sia sospesa qualsiasi attività lavorativa con l allontanamento immediato dal luogo di lavoro. Verranno avvisati i condomini, attraverso appositi allarmi sonori, contribuendo in tal modo a ridurre le conseguenze del pericolo. E stata installata un idonea segnaletica nelle parti comuni per indicare le vie di fuga e l ubicazione dei dispositivi di estinzione. 12. FORMAZIONE ED INFORMAZIONE Non esistendo lavoratori assunti non si rende necessaria la formazione e l informazione. 13. APPALTI In caso di affidamento di lavori ad Imprese appaltatrici o a lavoratori autonomi, il Datore di Lavoro, nonché l Amministratore, deve attuare quanto previsto dall art. 26 e provvedere a: 13.1 Richiedere l iscrizione alla Camera di Commercio Detta richiesta, di norma, viene fornita a seguito della lettera di contratto o affidamento dei lavori da parte dell Amministratore all Impresa o al lavoratore autonomo Fornire copia del Documento di Valutazione dei Rischi del Condominio Prima dell inizio dei lavori, l Amministratore provvederà a fornire all Impresa o al lavoratore autonomo incaricati, copia del presente Documento di Valutazione dei Rischi Richiedere all Impresa o al lavoratore autonomo incaricati copia del Documento di Valutazione dei Rischi Contestualmente all invio del Documento di Valutazione dei Rischi del Condominio, l Amministratore richiederà all Impresa o al lavoratore autonomo a cui sono stati affidati i lavori, copia del proprio Documento di Valutazione dei Rischi Mettere a disposizione del Condominio il Documento di Valutazione dei Rischi Una copia del presente Documento viene messa a disposizione del Condominio in modo tale che, qualora si rendano necessari interventi urgenti, l Impresa o il lavoratore autonomo incaricati dei lavori, possano prenderne visione nel caso in cui non abbiano formalmente ricevuto il Documento. 4

6 14. SERVIZI DI PRONTO INTERVENTO DI PUBBLICA UTILITA Esporre nell atrio i numeri di pronto intervento di pubblica utilità (Vigili del Fuoco, Pronto Soccorso, manutenzione Ascensore, Carabinieri, Polizia, Acqua, Gas, Enel) che possano servire per una rapida chiamata di soccorso. 15. REQUISITI E MISURE PREVENTIVE DEL CONDOMINIO 15.1 Manutenzione e pulizia Le pulizie dell edificio vengono effettuate da un Impresa di pulizie esterna, la quale è incaricata di procurarsi autonomamente il materiale utilizzato per le pulizie. I luoghi di lavoro per l esecuzione ordinaria delle pulizie sono gli spazi comuni al Condominio: (vani scala, atri, cortili interni ed esterni, corridoi ecc.). Le pulizie dei vetri ed in genere delle superfici verticali di altezza superiore a 2 metri, devono avvenire con l utilizzo della scala doppia portatile. Nell eventualità l Impresa di pulizie faccia uso, per motivi igienici, di alcool denaturato, deve avere cura di depositarlo in luogo aerato, lontano da altri contenitori liquidi, infiammabili, materiale combustibile e di non immagazzinare nel Condominio grossi quantitativi. Le attrezzature ed i materiali da utilizzare dovranno essere conformi alla normativa CE e, quando obbligatorio, omologate. L Impresa di pulizie dovrà osservare le informazioni contenute nelle schede di sicurezza dei prodotti ed utilizzare i prescritti DPI Antincendio In relazione alle dimensioni dell edificio destinato ad uso abitazione sarà necessario dotare i luoghi più esposti di dispositivi adeguati per combattere l incendio. I dispositivi non automatici, estintori, prese d acqua, bocchette,ecc. di lotta antincendio devono essere facilmente accessibili ed utilizzabili. All interno del Condominio sono installati: 1. Estintori portatili, 2. Luci di emergenza, 3. Idranti a muto UNI 45, 4. Impianto di rivelazione fumi Prevedere segnaletica indicante il divieto di usare l ascensore in caso d incendio. Effettuare la sorveglianza, il controllo e la manutenzione delle attrezzature antincendio presenti con la frequenza stabilita dalla normativa. Vietare il deposito negli spazi comuni di qualsiasi materiale. Vietare il deposito nelle cantine di materiali esplodenti, infiammabili, ecc.. 5

7 15.3 Uscite di emergenza La via di emergenza è un percorso senza ostacoli che consente il deflusso delle persone che occupano l edificio o un locale a raggiungere tramite l uscita di emergenza un luogo sicuro. Il luogo sicuro è quello nel quale le persone sono da considerarsi protette dagli effetti determinati dall incendio o da altre situazioni di emergenza. La via e l uscita di emergenza esistenti devono rimanere sgombre per consentire di raggiungere il più rapidamente possibile il luogo sicuro. In caso di pericolo tutti i posti ove si effettua un lavoro devono poter essere evacuati rapidamente e in piena sicurezza da parte di coloro che vi lavorano. Idonea segnaletica indicante le vie e le uscite di emergenza. Sorveglianza periodica al fine di garantire la perfetta transitabilità delle vie di emergenza Porte e portoni Le porte dei locali di lavoro devono essere per numero, dimensioni e posizione tali da consentire una rapida uscita delle persone ed essere agevolmente apribili. Sulle porte trasparenti deve essere apposto un segno indicativo all altezza degli occhi per impedire di essere feriti qualora si vada a urtare la porta. Le porte ed i portoni che si aprono verso l alto devono disporre di un sistema di sicurezza che impedisca loro di ricadere. Le porte ed i portoni ad azionamento meccanico devono funzionare senza rischi ed infortuni per i lavoratori delle Imprese esterne ed i condomini. Le porte situate sul percorso della via d emergenza devono essere contrassegnate in maniera appropriata. Deve essere predisposta idonea segnaletica dove inesistente. Sorveglianza periodica al fine di garantire la perfetta funzionalità di porte e portoni. Definire la persona addetta a compiere tali azioni Pareti a vetro Le pareti trasparenti o a vetro nelle vicinanze delle vie di transito e di circolazione devono essere chiaramente segnalate in modo da non entrare in collisione, al fine di non essere feriti qualora esse vadano in frantumi. Identificazione delle pareti trasparenti con idonea segnalazione. 6

8 15.6 Pavimentazione I pavimenti degli ambienti di lavoro e dei luoghi destinati al passaggio non devono presentare buchi o sporgenze pericolose e devono essere in condizioni tali da rendere sicuro il movimento ed il transito delle persone e dei mezzi di trasporto. I pavimenti ed i passaggi non devono essere ingombrati da materiali che ostacolino la normale circolazione. Qualora, per ragioni tecniche o costruttive, non si possano eliminare completamente ostacoli fissi o mobili - che possano costituire un pericolo -, le zone interessate devono essere adeguatamente segnalate con appositi segnali. Segnalare mediante cartellonistica, qualora dovesse rendersi necessario, eventuali ostacoli fissi o mobili. Durante il lavaggio dei pavimenti, esporre il cartello indicante il pericolo di scivolamento per pavimento bagnato Scale interne Le scale interne devono essere di dimensioni tali da poter compiere i lavori in sicurezza e devono essere realizzate in materiale antisdrucciolo e se necessario con strisce antisdrucciolo. Qualora le scale del Condominio presentassero dei punti scivolosi, predisporre apposite strisce antiscivolo. Durante il lavaggio delle scale, esporre il cartello indicante il pericolo di scivolamento per pavimento bagnato Illuminazione I principali ambienti dove si svolgono i lavori condominiali, (vani scala, atri, cortili interni ed esterni, corridoi ecc.), devono disporre di sufficiente luce naturale e devono essere dotati di dispositivi che consentano un illuminazione artificiale adeguata per salvaguardare la sicurezza di coloro che vi lavorano. Nelle parti comuni soggette ad illuminazione continua deve essere prevista, dove inesistente, un illuminazione fissa di emergenza che si inserisca automaticamente qualora l illuminazione principale venga a mancare. Sorveglianza periodica al fine di garantire la perfetta funzionalità dell illuminazione d emergenza esistente. Tenere in loco delle lampade per la sostituzione di quelle consumate. Definire la persona addetta a compiere tali azioni. 7

9 15.9 Ascensori In caso di arresto dell ascensore, azionare il pulsante di chiamata di emergenza ed avvisare subito la ditta di manutenzione. Azionare l impianto di sollevamento ad apertura manuale da effettuarsi nell apposito locale tenuto chiuso. Manutenzione periodica. In caso d emergenza, il Condomino deve poter chiamare direttamente la Ditta di manutenzione dell ascensore qualora qualcuno vi rimanga bloccato all interno. Nei casi più gravi avvisare i Vigili del Fuoco. Istruire una o più persone sulla procedura per manovrare la cabina dell ascensore per estrarre le persone che possono rimanere bloccate all interno. Verificare che le chiavi del locale macchine ascensore si trovino sempre nell apposito contenitore sotto vetro vicino alla porta del locale macchine Tetti, coperture e lucernari L acceso ai tetti, coperture, ecc. deve essere consentito solo al personale delle Imprese appaltatrici appositamente autorizzate dall Amministratore. I tetti piani non necessitano di percorsi vita. I tetti a falde inclinate necessitano di percorsi vita. Divieto di accesso ai tetti al personale non autorizzato Segnaletica In relazione ai diversi ambienti dei Condomini ed all utilizzo sia della parte comune sia dei luoghi di lavoro, dovrà essere collocata idonea segnaletica indicante le situazioni di pericolo, di attenzione, di indicazione. Cartelli di divieto di accesso ai locali dove sono installati gli impianti degli ascensori. Cartelli di divieto d uso degli ascensori in caso di pericolo o incendio. Cartelli di avvertimento del rischio di scivolamento durante il lavaggio dei pavimenti e delle scale. Cartelli di salvataggio ed indicazione indicanti le vie di uscita. Cartelli per le attrezzature antincendio. Collocare l apposita segnaletica. Verifica periodica del buon stato di conservazione dei cartelli. 8

10 16. DISPOSIZIONI GENERALI IN MATERIA DI SICUREZZA APPLICABILI AI CONDOMINI 16.1 Norme generali Le seguenti disposizioni hanno lo scopo di portare a conoscenza di coloro che lavorano o prestano la propria opera, a qualsiasi titolo, all interno degli spazi condominiali le norme di prevenzione, i pericoli ed i rischi generici che si possono incontrare nell esecuzione di lavori condominiali. Tutti, nell esercizio delle loro attività all interno del Condominio, sono tenuti alla scrupolosa ed attenta osservanza delle seguenti disposizioni Obblighi dei lavoratori Ciascun lavoratore deve prendersi cura della propria sicurezza e della propria salute e di quella delle altre persone presenti sul luogo di lavoro, su cui possono ricadere gli effetti delle sue azioni od omissioni, conformemente alla loro formazione, alle istruzioni e ai mezzi forniti dal datore di lavoro. In particolare i lavoratori: a) osservano le disposizioni e le istruzioni impartite dal datore di lavoro, dai dirigenti, dai preposti, ai fini della protezione collettiva ed individuale; b) utilizzano correttamente i macchinari, le apparecchiature, gli utensili, le sostanze ed i preparati pericolosi, i mezzi di trasporto, e le altre attrezzature da lavoro, nonché i dispositivi di sicurezza; c) utilizzano in modo appropriato i dispositivi di protezione messi a loro disposizione; d) segnalano immediatamente al datore di lavoro, al dirigente, al preposto, le deficienze dei mezzi e dei dispositivi di cui alle lettere b) e c), nonché le eventuali condizioni di pericolo di cui vengono a conoscenza, adoperandosi direttamente, in caso di urgenza e nell ambito delle loro competenze e possibilità, per eliminare o ridurre tali deficienze o pericoli, dandone notizia al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza; e) non rimuovono o modificano senza autorizzazione i dispositivi di sicurezza, di segnalazione e di controllo; f) non compiono di propria iniziativa operazioni o manovre che non siano di loro competenza e che potrebbero compromettere la sicurezza propria e/o altrui; g) si sottopongono ai controlli sanitari previsti nei loro confronti; h) contribuiscono, insieme al datore di lavoro, ai dirigenti ed ai preposti, all adempimento di tutti gli obblighi imposti dall autorità competente, necessari per tutelare la sicurezza e la salute dei lavoratori La segnaletica La segnaletica, realizzata con cartelli, avvisi, segnalazioni, ecc. costituisce un fattore importante ai fini dell informazione sui rischi specifici presenti in determinate aree o su determinati impianti e macchine. L unificazione a livello europeo delle forme geometriche, dei simboli e dei colori riesce a trasmettere con immediatezza ed efficacia un messaggio che, a seconda dei casi, può essere di divieto, obbligo, avvertimento, indicazione, ecc I luoghi di lavoro e gli utensili a mano Il Condominio deve essere mantenuto pulito ed ordinato. I pavimenti non devono essere ingombrati da materiali. Tutti i materiali e le attrezzature necessarie all esecuzione del lavoro devono essere riposti in modo stabile e razionale. Deve essere evitato lo spandimento di sostanze grasse o oleose sul pavimento. Nei casi di spandimento occorre pulire immediatamente i pavimenti o le superfici interessate con sostanze assorbenti. 9

11 Ogni attrezzatura deve essere usata nel modo più idoneo e per l uso specifico cui è stata costruita. Le attrezzature deteriorate o in cattive condizioni devono essere sostituite. Durante il lavoro su scale, le attrezzature devono essere tenute entro apposite guaine o assicurate in modo da impedirne la caduta. Al termine del lavoro tutte le attrezzature utilizzate devono essere riposte nei luoghi prestabiliti Scale doppie portatili Le scale doppie portatili devono avere una lunghezza non superiore ai 5 metri ed un dispositivo idoneo ad impedire l apertura della scala oltre il limite prestabilito di sicurezza. Tale dispositivo è costituito in genere da una catena, o elemento similare, di adeguata resistenza e con adeguato fissaggio. Durante il trasporto della scala bisogna prestare attenzione alle persone in transito. Aprire la scala ed appoggiarla su superficie piana. Non appoggiare i piedi su sostegni di fortuna (tavoli, cassette, ecc.) per aumentarne l altezza. Prima di salire sulla scala verificare che sia completamente aperta. Salire e scendere sempre rivolti verso la scala e tenersi con entrambe le mani ai montanti. Non sporgersi lateralmente; se necessario spostare la scala Elettricità E vietato intervenire su impianti elettrici, quadri o contenitori delle apparecchiature elettriche a tutti gli operatori non espressamente autorizzati. La massima attenzione deve essere posta nei lavori effettuati in condizioni di possibili avvicinamenti o in prossimità di linee o apparecchiature elettriche. Non effettuare allacciamenti elettrici con mezzi di fortuna. Evitare attorcigliamenti dei cavi ed avere la massima cura del rivestimento isolante dei conduttori e delle apparecchiature Attrezzature elettriche Le attrezzature elettriche portatili devono avere un isolamento supplementare di sicurezza (si riconosce la sua esistenza anche dalla presenza di un simbolo sull utensile: un quadrato più grande con all interno uno più piccolo, che significa doppio isolamento). Devono avere un interruttore incorporato che consenta di metterle in moto e spegnerle in modo semplice, rapido e sicuro. Non bisogna trasportare le attrezzature elettriche sorreggendole o tirandole per il cavo. Sostituire i cavi usurati o danneggiati. Spegnere l attrezzatura e staccare la spina prima di sostituire le parti intercambiabili o per pulirla. Anche questi apparecchi devono essere ben conservati e mantenuti in stato di perfetta efficienza; occorre quindi una regolare ed accurata manutenzione. Si consiglia per il futuro di controllare sempre, prima di acquistarle, la conformità alle norme delle attrezzature di lavoro e la marcatura CE Macchine ed impianti Gli interventi di manutenzione e regolazione sugli impianti e sulle macchine possono essere effettuati solo dal personale autorizzato. Non devono essere manomessi i dispositivi di sicurezza. 10

12 16.9 Protezione della persona Sul luogo di lavoro devono essere indossati indumenti personali adatti alla natura delle operazioni ed alle caratteristiche dei prodotti utilizzati. Non usare mai sandali, zoccoli, ciabatte, ecc. perché potrebbero essere causa di scivolamenti. Usare correttamente i mezzi individuali di protezione messi a disposizione in relazione al rischio relativo all operazione eseguita Sollevamento e movimentazione manuale dei carichi Evitare di sollevare carichi che non possono essere agevolmente trasportati a mano, valutando anche approssimativamente il peso, lo stato dei pavimenti e dei tratti da percorrere. Il peso massimo sollevabile è Kg. 25 per gli uomini e Kg. 20 per le donne. Per sollevare il peso mantenere la schiena eretta e le braccia dritte. Lo sforzo deve essere sostenuto dai muscoli delle gambe. Prima di depositare il carico, predisporre appoggi o spessori in modo da evitare lo schiacciamento delle mani o dei piedi durante il deposito Incendio I materiali infiammabili devono essere depositati in appositi armadi metallici lontani da fonti di calore e durante il loro utilizzo non bisogna usare fiamme libere, sigarette o altre fonti di calore che potrebbero innescare l accensione. Quando si effettuano lavori che potrebbero innescare incendi, occorre tenere a portata di mano i necessari mezzi estinguenti (estintore). Non depositare materiali davanti agli estintori ed agli idranti. Non fare uso di acqua per lo spegnimento di incendi su impianti o attrezzature elettriche sotto tensione Sostanze e prodotti pericolosi Durante l utilizzo dei prodotti, quando possibile, aprire le finestre per limitare la loro concentrazione all interno dell ambiente in cui si opera. 11

13 il datore di lavoro il R.S.P.P. Sig. NOTA Le informazioni riportate nel presente documento, sono state fornite dal datore di lavoro o da suo rappresentante, nel corso del sopralluogo effettuato nella data riportata in calce da parte del consulente tecnico incaricato. L estensore della presente si ritiene sollevato da qualunque responsabilità per errate valutazioni dovute ad informazione carente o non rispondente al vero. Il Consulente Tecnico: 12

14 17. INTERVENTI PER MIGLIORARE LA SICUREZZA NEL CONDOMINIO LECCO 2001 TORRE 1. Collocare, ad ogni piano, in prossimità degli ascensori presente nel vano scala, il cartello indicante il divieto di utilizzare l ascensore in caso di pericolo o di incendio. 2. Collocare gli estintori nei corridoi delle cantine situate al 1 piano interrato. 3. Provvedere alla sistemazione dell idrante a parete sito al 14 piano. 13

15 PIANO EMERGENZA CONDOMINIO CHIUNQUE VERIFICHI UNA SITUAZIONE DI PERICOLO D'INCENDIO O D'EMERGENZA DEVE AVVISARE IMMEDIATAMENTE GLI ORGANI PREPOSTI DARE INFORMAZIONI CHIARE E PRECISE ANTINCENDIO Vigili del Fuoco Tel. 115 PRONTO SOCCORSO Ambulanza Tel. 118 PRONTO SOCCORSO Ospedale Tel IN CASO DI INCENDIO Utilizzare i mezzi in dotazione dello stabile Estintori e Idranti ANTINCENDIO ASCENSORI Non utilizzare gli ascensori ma la scala EVACUAZIONE Utilizzare la scala NUMERI DI EMERGENZA POLIZIA Tel. 113 POLIZIA LOCALE Tel CARABINIERI Tel. 112 NUMERI UTILI AMMINISTRATORE CONDOMINIO Tel MANUTENZIONE ASCENSORI Tel. MANUTENZIONE ANTINCENDIO Tel. MANUTENZIONE CENTRALE TERMICA Tel. 14

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE MISURE PREVENTIVE PER TUTTI I LAVORATORI E vietato depositare e manipolare sostanze infiammabili in quantità superiori alla normale dotazione prevista.

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO (art. 26 del d.lgs. n. 81/2008 - Sicurezza e salute nel luogo di lavoro)

Dettagli

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature LAVORO ELETTRICO In Italia la norma CEI 11-48 del 1998 stabilisce le prescrizioni generali per l esercizio sicuro degli impianti elettrici e per l esecuzione dei lavori su od in prossimità di tali impianti.

Dettagli

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLEGATO B 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura ha lo scopo di realizzare le condizioni di massima sicurezza per tutti coloro che intendono conferire materiali/rifiuti nel CENTRO DI RACCOLTA

Dettagli

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA INTRODUZIONE A norma del Decreto 26 Agosto 1992 il Dirigente scolastico

Dettagli

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 1 Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 DEFINIZIONE Luoghi destinati a ospitare posti di lavoro, ubicati all interno dell azienda o dell unità produttiva, nonché ogni altro luogo di pertinenza dell'azienda

Dettagli

della SICUREZZA e della SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO

della SICUREZZA e della SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO M. LEPORE della SICUREZZA e della SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO Manuale ad uso dei lavoratori Informazione dei lavoratori ai sensi dell art. 36 del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e s.m.i. della SICUREZZA DEFINIZIONI...5

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO Il comportamento corretto e prudente di ognuno è il miglior modo di prevenzione contro ogni genere di infortunio - Non correre nei corridoi, scale, laboratori, ecc. - Non

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Servizio di Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Servizio di Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA PIANO DI EMERGENZA Identificazione delle emergenze e delle situazioni incidentali Le emergenze e le situazioni incidentali ipotizzate ai fini di questo piano sono relative allo sversamento di prodotti

Dettagli

ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08)

ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08) ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08) Appalto per RISTORAZIONE SCOLASTICA COMMITTENTE COMUNE DI CREAZZO DITTA APPALTATRICE

Dettagli

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze Gestione emergenze 1. Piano di emergenza 2. Misure di prevenzione 3. Misure di Protezione 4. Estintori e fuochi 5. Evacuazione dai locali 6. Controlli periodici Rev. 1 ott. 2009 Situazioni di emergenza

Dettagli

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA COMUNE DI CERRO AL LAMBRO (Provincia di Milano) UFFICIO TECNICO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO (art. 26

Dettagli

Allegato G Schede segnaletica di sicurezza

Allegato G Schede segnaletica di sicurezza Allegato G Schede segnaletica di sicurezza Schede SEGNALETICA 1 Segnaletica di sicurezza In cantiere dovrà essere posizionata la segnaletica di sicurezza, conforme al D. Lgs. 81/08. Quando nei luoghi di

Dettagli

D.Lgs 9 aprile 2008, n.81

D.Lgs 9 aprile 2008, n.81 D.Lgs 9 aprile 2008, n.81 Definizioni Ai sensi dell art.2 del decreto 81/2008, si precisa che: 1. Datore di lavoro: è il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore. Nel caso Suo è la persona

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE TITO LUCREZIO CARO Via A. Manzoni, 53 80123 NAPOLI Tel.: 0817144396 fax: 081649021 e-mail lucreziocaro@libero.

LICEO SCIENTIFICO STATALE TITO LUCREZIO CARO Via A. Manzoni, 53 80123 NAPOLI Tel.: 0817144396 fax: 081649021 e-mail lucreziocaro@libero. LICEO SCIENTIFICO STATALE TITO LUCREZIO CARO Via A. Manzoni, 53 80123 NAPOLI Tel.: 0817144396 fax: 081649021 e-mail lucreziocaro@libero.it INFORMAZIONE AGLI STUDENTI (ai sensi D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008)

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Durata: 2 anni dalla data di sottoscrizione del contratto

GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Durata: 2 anni dalla data di sottoscrizione del contratto Allegato 3 COMUNE DI BORGO SAN LORENZO DOCUMENTO UNICO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81, art. 26 GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO Le vie di esodo costituiscono il primo problema da affrontare quando si progetta la sicurezza di un edificio. Infatti, la sicurezza delle persone

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio per il Personale, Ufficio per la sicurezza sul lavoro EDIFICIO REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 Responsabile della gestione del

Dettagli

SICUREZZA contro gli INCENDI

SICUREZZA contro gli INCENDI SICUREZZA contro gli INCENDI SICUREZZA contro gli INCENDI LA SICUREZZA CONTRO GLI INCENDI E LA SOMMA DEGLI ACCORGIMENTI DA ATTIVARE PERCHÈ IL FUOCO il fuoco non si verifichi il fuoco sia facilmente controllabile

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA Pagina 1 di 5 Nella scuola sono state individuate ed integrate su indicazione del personale, le seguenti misure di prevenzione e protezione: MISURE ANTINCENDIO E DI EMERGENZA Tutto il personale docente

Dettagli

Università degli Studi di Udine

Università degli Studi di Udine Disposizione n. 1/2001 del 06.04.2001 (ex art. 2, lett. S, del Regolamento interno sulla sicurezza) DIVIETI E LIMITAZIONI (ex D.P.R. 547/55, D.M. 26.08.1982, D.M. 08.03.1985, D.Lgs. 626/94, D.M. 10.03.1998,

Dettagli

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2 CORSO di formazione per lavoratori ai sensi dell art. 37 del D.Lgs 81/08 e Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 Relatore: : Dott. Lazzaro Palumbo Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione Durata

Dettagli

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili.

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Il rischio incendio nei cantieri temporanei e mobili, generati dal fuoco sono normalmente poco considerati. Di fatto è possibile affermare che in quest

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA PER PERSONALE ESTERNO

PROCEDURA DI SICUREZZA PER PERSONALE ESTERNO PROCEDURA DI SICUREZZA PER INDICE 1 Scopo 2 Campo di applicazione e funzioni coinvolte 3 Contenuti 4 Attività e responsabilità ALLEGATI 1 Scheda informativa di sicurezza 2 Modulo di verifica di idoneità

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS Circ. n. 10 Ai docenti Al personale ATA Albo Sito web Prot. N.3657/S2 Oggetto: disposizioni in materia di sicurezza e prevenzione rischi (D. Lgs. 81/08 ex legge 626/94). Per opportuna conoscenza e per

Dettagli

OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione.

OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione. OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione. Addetti Pulizie : Procedure per gli Operatori Esterni / DUVRI. Il sottoscritto, Arch. Filippo Fasulo, in qualità

Dettagli

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico Biennio

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni.

Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni. CAMPO DI APPLICAZIONE Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni. FIGURE INTERESSATE Datore di Lavoro Lavoratore

Dettagli

2. I mobili e gli arredi devono essere disposti in modo da consentire agevoli spostamenti, lasciando libero l accesso ai locali.

2. I mobili e gli arredi devono essere disposti in modo da consentire agevoli spostamenti, lasciando libero l accesso ai locali. DISPOSIZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA PERSONALE DOCENTE E ATA: istruzioni sull uso di mobili ed arredi, attrezzature e macchine, apparecchiature elettriche. Si evidenziano di seguito le istruzioni sull

Dettagli

VADEMECUM PER LA SICUREZZA DEI VOLONTARI. 6 aprile 2013. VADEMECUM_sicurezza_volontari.doc Rev. del 26/03/2013

VADEMECUM PER LA SICUREZZA DEI VOLONTARI. 6 aprile 2013. VADEMECUM_sicurezza_volontari.doc Rev. del 26/03/2013 6 aprile 2013 VADEMECUM PER LA SICUREZZA DEI VOLONTARI a cura di: Provincia di Torino - Servizio Pianificazione Risorse Idriche e Legambiente Piemonte e Valle d Aosta Ogni sito di intervento presenta differenti

Dettagli

Informazioni sulla Segnaletica di Sicurezza da adottare

Informazioni sulla Segnaletica di Sicurezza da adottare Informazioni sulla Segnaletica di Sicurezza da adottare Introduzione Poiché, anche a seguito della valutazione effettuata in conformità all art. 4, comma 1, del D.Lvo 626/94, risultano rischi che non possono

Dettagli

Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa

Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa PIANO DI EMERGENZA INCENDIO Gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro MINISTERO DELL INTERNO - DECRETO 10 MARZO 1998 Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa CONSULENTE TECNICO Nome del tecnico Ordine provinciale

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA COMUNE DI SIENA Allegato B DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA (ai sensi dell art. 26, comma 3 del D.lgs 81/2008)

Dettagli

RISCHIO INCENDIO NEI CANTIERI

RISCHIO INCENDIO NEI CANTIERI RISCHIO INCENDIO NEI CANTIERI Normalmente poco considerato nei cantieri. Tuttavia possono costituire fonte di innesco con conseguenze devastanti: - Uso fiamme libere per operazioni di impermeabilizzazioni

Dettagli

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori 3.5 ascensori se attraversano due compartimenti, vano corsa protetto EI come strutture (vale anche per le scale) H > 24 m almeno un ascensore antincendio 1 4.1 affollamento aree vendita dettaglio alimentari

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. - BOZZA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. - BOZZA COMUNE DI COSSIGNANO Gara per l affidamento del servizio di mensa scolastica per la scuola dell infanzia e la scuola primaria anni scolastici 2012/2013 e 2013/2014. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

La sicurezza antincendio negli uffici

La sicurezza antincendio negli uffici G. Varisco C.T. ANIE AssoAscensori giovanni.varisco@kone.com Convegno La sicurezza antincendio negli uffici 13 marzo 2008 Istituto Superiore Antincendio Roma Le varie tipologie di ascensori previste dal

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO DEPURATORE DI BASSANO DEL GRAPPA

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO DEPURATORE DI BASSANO DEL GRAPPA Reg. n. 05 REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO DEPURATORE DI BASSANO DEL GRAPPA (Art. 26 D.Lgs. 81/08) In relazione alle disposizioni previste dall art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008 comma 1, il quale prevede

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO

VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO 1 di 5 DATA.. Referente di Commessa RdC Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione RSPP Direttore Lavori DL Direttore Operativo DO Ispettore di Cantiere IC Assistente lavori AL Collaudatore

Dettagli

Norme di sicurezza e comportamentali del personale autorizzato a lavorare nei locali adibiti a Camera Pulita

Norme di sicurezza e comportamentali del personale autorizzato a lavorare nei locali adibiti a Camera Pulita Pag. 1 di 5 Norme di sicurezza e comportamentali del personale autorizzato a lavorare nei locali adibiti a Camera Pulita Premessa Questa nota è indirizzata al personale, dipendente e/o associato, autorizzato

Dettagli

Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA

Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA Istituto Comprensivo MAHATMA GANDHI Via Corinaldo, 41 00156 Roma Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA D.Lgs. n. 81/2008, art. 32, comma 2 >Figure sensibili addette all antincendio

Dettagli

DUVRI. Per ciascun lotto, i costi della sicurezza, non soggetti a ribasso sono quantificati in 35,00

DUVRI. Per ciascun lotto, i costi della sicurezza, non soggetti a ribasso sono quantificati in 35,00 PROCEDURA, IN ECONOMIA, PER LA SOTTOSCRIZIONE DI ACCORDI QUADRO PER L ACQUISIZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA ALLE ATTIVITÁ DI VIGILANZA DELL UFFICIO METROLOGIA LEGALE DELLA CCIAA DI VERONA Lotto 1: CIG

Dettagli

Ai collaboratori scolastici

Ai collaboratori scolastici Ai collaboratori scolastici Comportamenti da seguire in caso di incendio Il piano di emergenza è uno strumento operativo attraverso il quale si adottano le operazioni da compiere in caso di evacuazione,

Dettagli

LE PERSONE COINVOLTE. Ha i principali obblighi nei riguardi della salute e della sicurezza dei lavoratori durante il lavoro.

LE PERSONE COINVOLTE. Ha i principali obblighi nei riguardi della salute e della sicurezza dei lavoratori durante il lavoro. Sicurezza Sul Lavoro LE PERSONE COINVOLTE IL DATORE DI LAVORO Ha i principali obblighi nei riguardi della salute e della sicurezza dei lavoratori durante il lavoro. Datore di lavoro è il titolare del rapporto

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26 del D.Lgs n 81 dei 9 aprile 2008 (ex Legge 3 agosto 2007 n 123) APPALTO: Servizio di Refezione scolastica per la scuola dell infanzia e

Dettagli

OBIETTIVI DI UN PIANO DELLE EMERGENZE E DI EVACUAZIONE

OBIETTIVI DI UN PIANO DELLE EMERGENZE E DI EVACUAZIONE OBIETTIVI DI UN PIANO DELLE EMERGENZE E DI EVACUAZIONE MINIMIZZARE I DANNI ALLE PERSONE AGEVOLARE L ESODO DALLE STRUTTURE PREVENIRE O LIMITARE I DANNI AL PATRIMONIO, ALL ATTIVITA LAVORATIVA ED AGLI AMBIENTI

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Asilo Nido Marina di Pisa Il tecnico

Dettagli

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Estratto dal: Decreto Ministeriale del 10 marzo 1998 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro. 3.1. DEFINIZIONI

Dettagli

B C. della SICUREZZA negli ALBERGHI Manuale ad uso dei lavoratori Informazione ai sensi dell art. 36 e dei Titoli II e III del D.Lgs. 81/2008 e s.m.

B C. della SICUREZZA negli ALBERGHI Manuale ad uso dei lavoratori Informazione ai sensi dell art. 36 e dei Titoli II e III del D.Lgs. 81/2008 e s.m. ROCCO VITALE A B C della SICUREZZA negli ALBERGHI Manuale ad uso dei lavoratori Informazione ai sensi dell art. 36 e dei Titoli II e III del D.Lgs. 81/2008 e s.m. 1 A B C della SICUREZZA negli ALBERGHI

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO III CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E RISCHIO ELETTRICO

D.Lgs. 81/08 TITOLO III CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E RISCHIO ELETTRICO Dipartimento Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC della Sicurezza e Igiene sul Lavoro STOP DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC

Dettagli

ALLEGATO 1. Edizione Novembre 2015 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA

ALLEGATO 1. Edizione Novembre 2015 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA ALLEGATO Edizione Novembre 05 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA SEGNALETICA DI SICUREZZA PER TUTTI GLI AMBIENTI DI LAVORO ANTINCENDIO Cartello fotoluminescente o dell estintore Cartello fotoluminescente

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. SEDE OPERATIVA PISCINA COMUNALE COMUNE DI FIGLINE VALDARNO Gestione Piscina Comunale Data emissione I revisione

Dettagli

Incendio presso la sede di Latinafiori

Incendio presso la sede di Latinafiori Pagina 1/5 CAMPO DI APPLICAZIONE Tutto il personale presente nella sede di Latinafiori, compresi visitatori, ditte esterne, collaboratori; Coordinatore della squadra di emergenza (o suo sostituto); Componenti

Dettagli

SOMMARIO: Motivo revisione. Redazione. Verifica. Approvazione Autorizzazione. RSPP: P.I. M. Bolchi Dr. L. Corradini PROCEDURA DI SICUREZZA

SOMMARIO: Motivo revisione. Redazione. Verifica. Approvazione Autorizzazione. RSPP: P.I. M. Bolchi Dr. L. Corradini PROCEDURA DI SICUREZZA Pag. 1 di 6 SOMMARIO: 1. Oggetto e scopo 2. Campo di applicazione 3. Responsabilità 4. Definizioni e abbreviazioni 5. Documenti di Riferimento 6. Moduli e documenti di registrazione 7. Modalità operative

Dettagli

Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio. 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3. 2.2 Descrizione dell attività e del ciclo lavorativo Pag.

Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio. 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3. 2.2 Descrizione dell attività e del ciclo lavorativo Pag. Indice Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio GENERALITA Pag. 3 1. ATTIVITA SVOLTA Pag. 3 2. DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA E DELL ATTIVITÀ SVOLTA Pag. 3 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3 2.2

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA Ambienti di Lavoro protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI VANI ASCENSORI E MONTACARICHI 2015 ilario.mammone@ordineingegneripisa.it ing. ilario mammone 1 NORMATIVA DPR 1497 DEL 29/05/63 APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER ASCENSORI E MONTACARICHI D.M. 246 DEL 16/05/87

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

VIE D ESODO E USCITE DI SICUREZZA

VIE D ESODO E USCITE DI SICUREZZA VIE D ESODO E USCITE DI SICUREZZA MINISTERO DELL'INTERNO MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1 DELLA LEGGE 3 AGOSTO 2007, N. 123, IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE

Dettagli

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi. Fascicolo Sicurezza. Allegato scheda 1

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi. Fascicolo Sicurezza. Allegato scheda 1 Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi Fascicolo Sicurezza Allegato scheda 1 INFORMAZIONI SUI RISCHI Informazione sui rischi presenti durante le fasi di

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) LOTTO.. A) ANAGRAFICA DELL APPALTO

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) LOTTO.. A) ANAGRAFICA DELL APPALTO ALLEGATO D DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) LOTTO.. A) ANAGRAFICA DELL APPALTO CONTRATTO. DATORE DI LAVORO COMMITTENTE : MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA

Dettagli

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO MODULO 6 IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Introduzione La prevenzione degli infortuni lavorativi e delle malattie professionali è stata sempre al centro dell interesse

Dettagli

Piano formativo AVT/129/11II Formare per crescere finanziato da. Presentazione. Avviso 5/2011 II scadenza

Piano formativo AVT/129/11II Formare per crescere finanziato da. Presentazione. Avviso 5/2011 II scadenza Piano formativo AVT/129/11II Formare per crescere finanziato da Presentazione Avviso 5/2011 II scadenza Corso di formazione per ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI, LOTTA ANTINCENDIO E GESTIONE DELLE EMERGENZE

Dettagli

6. COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

6. COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Pagina 1 di 5 1. PREMESSA Il presente documento è parte integrante della documentazione contrattuale viene allegato alla documentazione inviata agli offerenti in fase di selezione e deve essere firmata

Dettagli

DELL'ATTO DI NOTORIETA'

DELL'ATTO DI NOTORIETA' via iscritto in data incaricato dal Sig, in qualità di REDIGE LA SEGUENTE PERIZIA DI ASSEVERAMENTO SULL IMPIANTO ELETTRICO 1 via iscritto al della provincia di al N in data incaricato dal Sig, in qualità

Dettagli

>>> RISCHI PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI <<< 4. PORTE, VIE E USCITE IN CASO DI EMERGENZA

>>> RISCHI PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI <<< 4. PORTE, VIE E USCITE IN CASO DI EMERGENZA 01. E stata effettuata una specifica Valutazione dei rischi associati alle porte dei locali, e alle porte e vie di uscita in caso di emergenza 02. Le porte dei locali di lavoro consentono una comoda e

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA

PROCEDURA DI SICUREZZA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI Pagina 1 di 5 PROCEDURA DI SICUREZZA 1. NORME DI COMPORTAMENTO GENERALI 2. Revisione numero Data emissione e/o ultima modifica Approvata da Emessa da S.P.P.R.

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE LOGO DELLA SOCIETA PARTE III ESEMPIO DI PROCEDURA PER PIANO DI ED EVACUAZIONE Ediz.: Rev. : del: Pagina: 1 di 13 N OME SOCIETÀ PIANO DI ED EVACUAZIONE Dispensa a cura del relatore PIANO DI ED EVACUAZIONE

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI) Ai sensi dell art. 26 comma 3 del D.Lgs. 81/2008 e s.m. Committente Datore di lavoro committente Ditta appaltatrice Datore di lavoro della

Dettagli

LA SEGNALETICA DI SICUREZZA

LA SEGNALETICA DI SICUREZZA SCHEDA TECNICA N 23 LA SEGNALETICA DI SICUREZZA Servizio Prevenzione e Protezione V IA A LBERTONI, 15-40138 BOLOGNA! 051.63.61.371-FAX 051.63.61.358 E-mail: spp@aosp.bo.it I - DESCRIZIONE LA SEGNALETICA

Dettagli

MATERIALE INFORMATIVO PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO.

MATERIALE INFORMATIVO PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BUDRIO VIA GIOVANNI XXIII - N.2 40054 BUDRIO (BO) Tel. e fax 051/6920614 C.F. 91201420378 - C.M. BOIC86900R - e-mail: boic86900r@istruzione.it boic86900r@pec.istruzione.it

Dettagli

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile)

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Norme di comportamento per tutto il personale in caso di Emergenza: Tutto

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.) All. 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.) APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AD ALUNNI DISABILI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 E 2 GRADO SERVIZIO

Dettagli

Istituto Comprensivo Gherardi

Istituto Comprensivo Gherardi Informazione sulla sicurezza nella scuola Istituto Comprensivo Gherardi Via Taroni, 4-48022 Lugo (RA) Tel. 0545/22112 - Fax 0545/25674 PROCEDURE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA (per tutto il personale

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi LEZIONE # 2 Gestione della Prevenzione, D.Lgs. 81/08 SICUREZZA

Dettagli

Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica

Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica Anno Scolastico 2013/2014 e 2014/2015 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI RIGUARDANTI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI RIGUARDANTI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI RIGUARDANTI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA RAGIONE SOCIALE O TIMBRO DELL AZIENDA : Responsabile della gestione del registro : DI ISTITUZIONE DEL REGISTRO: REV. REDAZIONE DESCRIZIONE

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO Via Giulia, 38 - Roma SICUREZZA NELLA SCUOLA (Opuscolo informativo per

Dettagli

Il parere di conformità nella prevenzione incendi

Il parere di conformità nella prevenzione incendi 92 2.2.5.1.1 Tipi di estintore Gli estintori di distinguono: in base all agente estinguente utilizzato in: polvere idrocarburi alogenati (halon) anidride carbonica (CO 2 ) schiuma acqua in base alle dimensioni

Dettagli

BANDO PUBBLICO CIG: ZC005578E8 CUP: E49E10005480009 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

BANDO PUBBLICO CIG: ZC005578E8 CUP: E49E10005480009 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE BANDO PUBBLICO CONTENENTE LE NORME PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE PER GLI UFFICI DEL GAL SULCIS IGLESIENTE CAPOTERRA E CAMPIDANO DI CAGLIARI MISURA 431 DEL PSR SARDEGNA 2007-2013 CIG: ZC005578E8

Dettagli

PROGRAMMA TEMPORALE DELLE VERIFICHE SCHEDA DI CONTROLLO DEGLI ESTINTORI PORTATILI SCHEDA DI CONTROLLO NASPI IDRANTI MANICHETTE

PROGRAMMA TEMPORALE DELLE VERIFICHE SCHEDA DI CONTROLLO DEGLI ESTINTORI PORTATILI SCHEDA DI CONTROLLO NASPI IDRANTI MANICHETTE SOMMARIO PROGRAMMA TEMPORALE DELLE VERIFICHE SCHEDA DI CONTROLLO DEGLI ESTINTORI PORTATILI SCHEDA DI CONTROLLO NASPI IDRANTI MANICHETTE SCHEDA DI CONTROLLO RIVELAZIONE D INCENDIO SCHEDA DI CONTROLLO ALLARMI

Dettagli

RISCHI DERIVANTI DALL USO DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE

RISCHI DERIVANTI DALL USO DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE Pagina 1 di 5 INDICE Scopo Riferimenti normativi Campo di applicazione Responsabilità ed aggiornamento Rischi derivanti dall uso di apparecchiature a funzionamento elettrico Cautele e misure di prevenzione

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

della SICUREZZA NELLA SCUOLA

della SICUREZZA NELLA SCUOLA Informazione ai sensi del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, D.M. 382/98, D.M. 363/98 e Circolare Ministero Pubblica Istruzione n. 119 del 29/4/1999 A B C della SICUREZZA NELLA SCUOLA Manuale ad uso dei docenti,

Dettagli

INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014

INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014 Piano di esodo INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014 Il piano di emergenza deve essere predisposto per ogni luogo di lavoro. Per luoghi di lavoro di

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1 CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO S.O.C. Prevenzione Protezione 1 DESTINATARIO TUTTO IL PERSONALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA SS ANTONIO E BIAGIO E C. ARRIGO S.O.C. Prevenzione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA. Oggetto:

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA. Oggetto: ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA Oggetto: DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO D. LEG. 9/04/2008 SCUOLA MEDIA RANNA VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA ANNO

Dettagli

LE NUOVE SANZIONI. D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09

LE NUOVE SANZIONI. D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09 LE NUOVE SANZIONI D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09 Obblighi e sanzioni per i Datori di Lavoro Art. 17 Obblighi del Datore di Lavoro non delegabili Datore di Lavoro a) la valutazione di tutti

Dettagli

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili L'ing. M. Grandi - funzionario della Direzione provinciale del Lavoro di Verbania ha curato la realizzazione una check list dedicata

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI ai sensi dell'art. 26 del D.Lgs. 81/08

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI ai sensi dell'art. 26 del D.Lgs. 81/08 RÉGION AUTONOME VALLÉE D AOSTE VILLE D AOSTE REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA CITTÀ DI AOSTA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI ai sensi dell'art. 26 del D.Lgs. 81/08 NOTA: criteri di valutazione

Dettagli