Alimentazione e lesioni podali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alimentazione e lesioni podali"

Transcript

1 PAVIMENTAZIONI E MATERIALI A CONFRONTO Più benessere con i pavimenti in gomma Scivolosità, durezza e abrasività sono inconvenienti comuni dei pavimenti delle stalle, che possono causare cadute, lesioni e stress. I pavimenti in gomma possono migliorare le condizioni di vita degli animali, riducendo lesioni e scivolamenti e permettendo una deambulazione più naturale di Paolo Rossi, Alessandro Gastaldo, Marzia Borciani I problemi sanitari agli arti e ai piedi sono una delle principali cause di scarto di animali negli allevamenti bovini da latte; gravi perdite economiche possono colpire le aziende nelle quali le zoppie non sono adeguatamente controllate (Gooch, 2001). Per rendersi conto del problema basta considerare che, secondo recenti studi, almeno il 25% delle vacche europee (circa 5 milioni di capi) soffre di problemi ai piedi. Studi effettuati negli Stati Uniti e in Gran Bretagna hanno calcolato che le perdite economiche dirette causate dalle lesioni podali variano da 80 a 150 euro/vacca per anno in dipendenza della gravità della zoppia e del tipo di lesione che interessa il piede. Si tratta di dati allarmanti, che hanno portato le zoppie ad assumere un importanza economica sempre maggiore, di poco inferiore all infertilità e alle mastiti. Alimentazione e lesioni podali Le lesioni podali vengono generalmente scatenate da una serie di fattori, legati principalmente alla genetica, all alimentazione e all ambiente d allevamento. Grande rilevanza è stata sempre attribuita all alimentazione, in particolare alle forzature alimentari tipiche degli allevamenti di vacche da latte ad alta produzione, alla riduzione dell ingestione di sostanza secca e a dismetabolie di varia natura che si possono verificare in periodi critici della vita delle vacche (periparto, estate, ecc.). Questi fattori si traducono spesso nell acidosi ruminale, con diffusione nell organismo di sostanze tossiche che possono avere effetti negativi sulla salute dei piedi (Brizzi, 2007). Oggi il pensiero prevalente fra gli esperti podologi è che le problematiche alimentari siano una condizione necessaria, ma non sufficiente per scatenare lesioni ai piedi dei bovini (Guard, 2006). Fra i fattori ambientali un ruolo determinante è sicuramente giocato dal tipo di pavimentazione delle zone di stabulazione; particolarmente importanti sembrano essere la durezza del pavimento e il livello abrasivo della sua superficie. È utile ricordare che il pavimento delle aree di stabulazione della stalla è il punto di più intimo contatto fra gli animali allevati e l ambiente in cui questi vivono, rappresentando un componente fondamentale dell ambiente d allevamento. I pavimenti utilizzati nelle stalle per bovini possono essere pieni (continui) o fessurati (discontinui). Il calcestruzzo Le pavimentazioni continue sono realizzate in prevalenza con calcestruzzo, opportunamente armato con reti elettrosaldate d acciaio, con lo scopo di sopportare e distribuire i carichi di esercizio e le controspinte provenienti dal terreno. Lo spessore totale della lastra di calcestruzzo può variare da 0,12 a 0,2 m, in base ai sovraccarichi previsti (animali, mezzi meccanici). Per la buona tenuta del pavimento, in particolare per evitare fessurazioni e formazione di gradini, è fondamentale realizzare un piano di posa di adeguato spessore (0,2-0,4 m), costituito da un vespaio di ciottoli e ghiaia grossa, riempito con materiale minuto, livellato e ben compattato. La superficie del pavimento deve essere particolarmente resistente all usura, 42 supplemento a L Informatore Agrario 22/2008

2 S PERDITE ECONOMICHE DA ZOPPIE Minore produzione di latte Latte eliminato per uso di antibiotici Minore incremento ponderale Peggiori performance riproduttive Aumento del tasso di riforma e della quota di rimonta Maggiori costi per cure veterinarie viste le difficili condizioni nelle quali deve operare (aggressione da parte dei liquami e dei mezzi meccanici per la pulizia); ciò si ottiene utilizzando calcestruzzi di elevata resistenza a prestazione garantita, classe C32/40 o meglio ancora classe C35/45, acquistati da centrali di betonaggio. Il rapporto acqua/cemento deve essere il più basso possibile, compatibilmente con la lavorabilità dell impasto; non si dovrebbe superare il valore di 0,48 perché l eccesso di acqua è molto dannoso, diminuendo la resistenza del calcestruzzo, aumentando il ritiro e comportando il grave rischio della separazione degli inerti. Infine, la resistenza del calcestruzzo è anche condizionata dalla granulometria degli inerti; è bene utilizzare inerti di diversa pezzatura, in modo da ridurre la presenza di spazi vuoti, con prevalenza di pietrischetto e pietrisco (da 3 a 30 mm di diametro). 1a 1b Trattamenti dopo la posa Per limitare la scivolosità dei pavimenti (1a) conviene intervenire con la rigatura della superficie; i solchi, di 6-12 mm, si possono realizzare mediante stampi di metallo (1b) Un aspetto rilevante è poi il trattamento del pavimento dopo la posa, al fine di evitare una perdita troppo rapida di acqua dal calcestruzzo, che può comportare una serie di problemi strutturali quali le fessurazioni della superficie, la formazione di granuli di cemento inerti e la riduzione della resistenza del calcestruzzo alla compressione e all usura (Steiner e Van Caenegem, 2003). Inoltre, prima dell introduzione degli animali è bene lavare i pavimenti con una soluzione a base di solfato di rame al 5% (Brizzi, 2008); le strutture di calcestruzzo fresco, infatti, sono caratterizzate dalla reazione di idratazione (presa) fra cemento e acqua, con formazione di una miscela molto alcalina, che risulta fortemente caustica, e benché tale problema si riduca drasticamente a indurimento avvenuto, è buona norma intervenire con il lavaggio per evitare possibili problemi ai tessuti esterni dell animale (pelle e corno del piede). La finitura superficiale dei pavimenti di calcestruzzo deve essere sufficientemente ruvida (microrugosità) da permettere una buona presa dei piedi dei bovini, ma non troppo abrasiva, per evitare danni alla suola degli unghioni: più facile da dirsi che da farsi. Come evitare la scivolosità Di fatto, la scivolosità dei pavimenti è un inconveniente noto, anche se spesso sottovalutato, che può rendere il movimento degli animali instabile e incerto, provocando cadute e uno stato generale di stress. Per limitare questo problema, già in sede di realizzazione del pavimento è consigliabile intervenire con la rigatura della superficie; i solchi, profondi 6-12 mm, si possono realizzare mediante appositi stampi di metallo sul conglomerato ancora fresco (da 1 a 2 ore dopo la posa), avendo cura di eliminare eventuali sporgenze e bordi taglienti prima dell ingresso degli animali. Sui pavimenti esistenti è possibile intervenire con speciali macchine che incidono il calcestruzzo preventivamente pulito. Si consiglia di realizzare i solchi in diagonale, a una distanza reciproca di mm, in entrambi i sensi, per ottenere un disegno a rombi (Graves et al., 1997) (foto 1). Un altro sistema per limitare la scivolosità del pavimento è quello di incorporare nella superficie di calcestruzzo dei granuli di caucciù. L intervento può essere fatto direttamente sul pavimento nuovo, ma anche su un pavimento già esistente; in quest ultimo caso sono previste una serie di operazioni in sequenza, fra le quali l abrasione meccanica per una profondità di 2-3 mm, la stesura di primer a elevata adesività, l utilizzo di malta resinosa metacrilica dello spessore necessario e la semina di granuli di caucciù di 2-4 mm in ragione di 2-2,5 kg/m 2. Utilizzo della gomma Il pavimento in malta resinosa e gomma mostra una buona capacità antiscivolo, soprattutto quando è pulito, ma per evitare la rapida usura della superficie, con asportazione dei granuli di gomma, è bene che le lame degli eventuali raschiatori non lo tocchino. Questo tipo di rivestimento può essere utilizzato anche per le pavimentazioni fessurate. Recenti ri- 22/2008 supplemento a L Informatore Agrario 43

3 lievi sperimentali (Cornacchia e Brizzi, 2004) hanno mostrato una diminuzione delle lesioni podali in una stalla di lattifere dopo l introduzione del nuovo rivestimento sul pavimento esistente. In questi ultimi anni nelle stalle italiane si sta assistendo alla diffusione delle pavimentazioni deformabili in gomma; tali rivestimenti vengono installati sia nelle aree di circolazione della stalla, sia nella zona di mungitura, con lo scopo di migliorare la deambulazione degli animali e limitare le problematiche podali. Sono disponibili rivestimenti in gomma sia per pavimenti pieni, sia per pavimenti fessurati. Queste pavimentazioni devono avere una superficie antiscivolo ed essere morbide, permettendo agli unghioni di affondare quanto basta nel tappeto; ciò consente un ulteriore effetto antiscivolo, perché l unghione viene accolto in una concavità, e permette di ridurre le pressioni a livello di arti e piedi, consentendo una camminata più naturale. Vantaggi e svantaggi I vantaggi delle pavimentazioni di gomma potrebbero essere: riduzione dell incidenza delle lesioni podali; riduzione degli scivolamenti; migliore deambulazione degli animali; migliore evidenziazione dei calori. Per contro, l installazione di rivestimenti di gomma comporta un costo aggiuntivo non indifferente, che andrà valutato sulla base dei benefici che ci si può attendere, soprattutto in termini di migliore salute degli animali, maggiore produzione di latte, migliore fertilità e riduzione dei tassi di rimonta. Altri aspetti che dovranno essere valutati dalla ricerca sono l effetto delle alte e basse temperature sulla deformazione e durata del rivestimento, i problemi legati alla pulizia meccanizzata e, non ultimo, il rischio di decubito di bovine nelle corsie. Bisogna inoltre considerare che il consumo degli unghioni viene ridotto di molto e quindi si può presumere un aumento della frequenza degli interventi di pareggiamento. Test di collaudo eseguiti dalla Deutsche Landwirtschafts Gesellschaft (DLG) (2004) su alcuni modelli di pavimento in gomma hanno evidenziato Cuccette a buca con lettiera di paglia ben progettate e gestite consentono tempi di riposo di ore/giorno Foto 2 - Il collocamento degli abbeveratoi in passaggi stretti può costituire un elemento di disturbo alla libera circolazione delle vacche buoni risultati, con un aumento dell attività degli animali, un discreto effetto antiscivolo, una maggiore sicurezza del passo e una riduzione delle lesioni podali. Le vacche appaiono più sicure anche negli atteggiamenti tipici della fase del calore (cavalcamenti). In un numero relativamente modesto di stalle con pavimento in gomma è stato riscontrato un aumento delle bovine che si coricano nelle corsie. Se le vacche stanno troppo in piedi Un fattore di rischio di grande rilevanza in talune patologie podali dei bovini è senza dubbio il tempo trascorso in piedi dagli animali nell arco della giornata; ciò è particolarmente vero nell allevamento in regime stallino, dove i bovini hanno a disposizione corsie e aree di transito con pavimentazione di calcestruzzo. È innegabile, infatti, che le pavimentazioni tradizionali delle stalle rappresentino un elemento dell ambiente d allevamento poco naturale, specie se rapportato alle superfici dei pascoli su cui molti bovini si muovono abitualmente. Le pavimentazioni dure comportano elevate pressioni a livello delle complesse strutture del piede e la cosa è facilmente intuibile considerando il rapporto fra la mole dei bovini adulti e la superficie d appoggio degli unghioni. Lasson e Boxberger (1976) hanno valutato in circa 75 cm 2 la superficie utile di appoggio a terra, su un pavimento indeformabile, di un piede di vacca (due unghioni). Considerando un peso vivo medio dell animale di 650 kg, ciò comporta un carico in stazione di circa 163 kg/piede e un carico in movimento di circa 220 kg/piede, che, se parametrati all unità di superficie d appoggio, equivalgono a 2,2-2,9 kg/cm 2. Ma i piedi delle vacche non sono sempre perfetti come li si vorrebbe, con il risultato che unghioni non pareggiati o di forma non ottimale subiscono un carico concentrato in alcuni punti, con valori molto maggiori di quelli teorici sopra esposti. Bisogna poi considerare che durante l attività motoria i piedi scaricano al suolo anche l energia cinetica del movimento, che in taluni casi si concentra sui soli arti posteriori (atto del cavalcamento), con il risultato che le pressioni possono arrivare a valori molto elevati e concentrati soprattutto sulle pareti degli unghioni (320 N/cm 2 e oltre, secondo Steiner e Van Caenegem, 2003). Le più comuni cause del troppo tempo trascorso in piedi dalle vacche possono essere così riassunte: sovraffollamento della stalla; cuccette poco confortevoli; problemi nella circolazione degli animali; stress termico; tempi di attesa e mungitura troppo lunghi; esecuzione di lavori nelle zone di riposo. 44 supplemento a L Informatore Agrario 22/2008

4 S Pericolo sovraffollamento Il tema del sovraffollamento delle stalle è di grande attualità e numerosi esperti di strutture e di tecniche di allevamento segnalano da tempo il pericolo di conduzioni troppo «spinte» in tal senso. I soggetti più sensibili alle problematiche indotte dal sovraffollamento sono le vacche nel periodo del periparto e nella prima metà della lattazione, oltre ai soggetti di prima lattazione (primipare), che occupano spesso i gradini più bassi della scala gerarchica. Rapporto fra i posti previsti in zona riposo e numero di capi. Il fatto è particolarmente grave se la stalla è a cuccette, ma è un problema anche nella stabulazione a lettiera, perché significa che la superficie unitaria in zona di riposo si riduce al di sotto dei valori di progetto adottati, con tutti i problemi che ne conseguono (difficoltà a mantenere la lettiera pulita, aumento dei traumi da calpestamento, aumento dello stress termico in estate). Si deve assolutamente ribadire l importanza di avere almeno una cuccetta per ogni vacca allevata nella stalla, perché solo in questo modo si può garantire anche agli animali dominati della mandria un adeguato periodo di riposo e quindi una limitata permanenza in piedi sulle corsie di transito. Basso rapporto fra posti alla mangiatoia e numero di vacche. Questo aspetto risulta particolarmente grave quando l alimentazione è contemporanea, con distribuzione di foraggi freschi o affienati per tempi limitati, più volte al giorno; questa condizione impone un rapporto pari almeno a 1, onde evitare che alcuni animali perdano molto tempo in piedi alla ricerca, spesso vana, di un posto con alimento ancora disponibile. Può capitare, inoltre, che bovine poste nei gradini più bassi della scala gerarchica, avendo meno tempo da trascorrere alla mangiatoia, consumino pasti abbondanti e poco frequenti (Guard, 2006), con le negative conseguenze a livello digestivo (acidosi ruminale). Può essere tollerato un rapporto non inferiore a 0,8 solo quando si attua l alimentazione continua, con presenza dell alimento in mangiatoia per almeno 18 ore/giorno, ma anche in questo caso è consigliato un rapporto prossimo all unità. Numero limitato di punti di abbeverata. Questo aspetto, già di per sé negativo, risulta aggravato dall errata collocazione degli abbeveratoi; in tal caso, molte bovine durante il periodo estivo sono costrette a lunghe attese in piedi o a continui spostamenti per poter accedere all acqua di bevanda a causa della carenza di abbeveratoi o per il fatto che il modello di erogatore installato non è adatto a una rapida e abbondante assunzione di acqua (foto 2). La presenza di pochi punti di abbeverata, magari concentrati in alcune zone della stalla, aumenta la possibilità che i capi dominanti controllino gli abbeveratoi, con problemi per i capi subordinati a soddisfare le loro esigenze idriche e con aumento dei tempi trascorsi in piedi dalle vacche. Inoltre il collocamento degli abbeveratoi su passaggi stretti può costituire un elemento di disturbo alla libera circolazione delle vacche, con il risultato che i capi dominati possono avere difficoltà a raggiungere un posto in cuccetta, restando in piedi per più tempo o sdraiandosi sulle corsie. Tempi di riposo Un aspetto fondamentale che condiziona i tempi di riposo è il tipo di cuccetta; una cuccetta può risultare poco gradita agli animali per una serie di motivi, fra i quali si ricordano le dimensioni errate (cuccette corte o troppo strette), le attrezzature di contenimento mal posizionate (battifianchi troppo bassi o troppo alti, tubo allineatore troppo avanti o troppo indietro, fermo al piede troppo alto) e la superficie di riposo troppo dura. Numerose ricerche hanno evidenziato come cuccette del tipo a buca con lettiera di paglia, se ben progettate e gestite, consentano tempi di riposo delle vacche in lattazione di ore/giorno (House et al., 1994; Rossi et al., 2003), da ritenersi ottimali per questa categoria di bovini. Risultati altrettanto validi si possono riscontrare anche nelle cuccette con materassi morbidi a due o tre strati, mentre l impiego di materassi più duri o di tappetini comporta una riduzione del tempo di riposo, che può scendere a ore/giorno. Assolutamente non proponibili le soluzioni con cuccette a pavimento di calcestruzzo, nudo o con poca lettiera, che comportano tempi di riposo ridottissimi (7-8 ore/giorno). Il tempo trascorso in piedi dalle bovine può essere condizionato dal dimensionamento delle aree di transito (zona di alimentazione e corsie di smistamento) e dei passaggi fra le cuccette, perché larghezze ridotte si traducono in difficoltà di spostamento, specialmente nelle zone dove sono previste anche altre attività (alimentazione, abbeverata). Un tipico caso, riscontrabile soprattutto in stalle libere di vecchio tipo, è quello della zona di alimentazione larga 3 m (foto 3); in queste condizioni pochi animali alla mangiatoia e un animale dominante fermo nello spazio retrostante possono bloccare la circolazione di parte della mandria, causando il prolungamento dei tempi trascorsi in piedi dalle vacche. Bisogna considerare, inoltre, che il layout di stalla (distribuzione interna delle diverse aree) può causare proble- Foto 3 - Le stalle libere di vecchia tipologia presentano una corsia di alimentazione larga 3 m 22/2008 supplemento a L Informatore Agrario 45

5 mi nella libera circolazione degli animali. È il caso, ad esempio, della presenza di fondi ciechi nelle corsie (cul-de-sac), che possono impedire alle bovine dominate di sottrarsi da una situazione di difficoltà, costringendole a rimanere in piedi per tempi prolungati. Pericolo caldo Una notevole turbativa alle normali condizioni d allevamento può essere indotta dallo stress termico estivo: le vacche ad alta produzione, infatti, sono particolarmente sensibili alle alte temperature, specie se a queste si abbinano alti tassi igrometrici. Gli effetti negativi, riscontrati a livello sperimentale da numerose ricerche e verificati dopo ogni estate calda da tanti allevatori, si manifestano anche a livello di comportamento degli animali, che ad esempio tendono a preferire l alimentazione nelle ore più fresche del mattino o nelle ore serali, se ciò è possibile. Il consumo di un minor numero di pasti più abbondanti, come già detto in precedenza, può predisporre l animale all acidosi ruminale, con le possibili conseguenze sulla salute dei piedi. Ma un effetto diretto sul comportamento delle lattifere può essere verificato nelle stalle durante il periodo più caldo: gli animali tendono a raggrupparsi, in piedi, in certe aree del ricovero, presumibilmente dove la velocità dell aria è maggiore. Questo strano atteggiamento, non del tutto chiarito, potrebbe essere un tentativo della mandria di difendersi dalle fastidiose punture delle mosche, anche se così accalcate le bovine aumentano la loro sensazione di caldo. Anche la presenza dei ventilatori per il raffrescamento estivo può portare a una permanenza prolungata delle vacche in piedi nella zona interessata dal cono d aria, sia in zona di alimentazione, sia in quella di riposo. Si può riscontrare con una certa frequenza che la bovina rimane in piedi nella cuccetta e ciò è da mettere in relazione con il fatto che la dispersione termica è maggiore rispetto alla situazione dell animale in decubito, perché la superficie corporea è meglio esposta alla corrente d aria. Peraltro, talune tipologie di tappetini o materassini aumentano ulteriormente la sensazione di caldo per l animale sdraiato. Un aspetto che può avere un influenza non secondaria sul tempo totale trascorso in piedi dalle vacche è la durata delle Foto 4 - La finitura del pavimento in calcestruzzo deve permettere una buona presa dei piedi dei bovini, ma anche evitare danni alla suola degli unghioni I pavimenti in calcestruzzo devono essere ruvidi per una buona presa dei piedi, ma non abrasivi operazioni di mungitura. In particolare, ha rilevanza il tempo di attesa alla mungitura, dal momento in cui l addetto inizia la raccolta degli animali al momento in cui la vacca entra nella posta di mungitura; questo tempo dipende da: la distanza fra l area di stabulazione e la zona di attesa (foto 4); la «scorrevolezza» del percorso che devono fare gli animali (assenza di ostacoli o di strettoie); il numero di animali del gruppo di mungitura, che determina la dimensione della zona di attesa. Bisogna poi considerare che il tempo trascorso nella posta di mungitura varia in base alla tipologia di sala e alla sua dimensione; tendenzialmente si riduce con la mungitura individuale (autotandem), mentre può allungarsi considerevolmente nelle grandi sale a spina di pesce e a pettine, dove il periodo di permanenza è condizionato dal tempo di mungitura della vacca più lenta di ogni gruppo. Considerando le due mungiture giornaliere, si possono registrare tempi medi trascorsi in piedi dalla singola vacca per le operazioni di mungitura variabili da 80 a 160 min/giorno. Infine, alcuni lavori di routine da eseguirsi nella zona di riposo, come la cura delle cuccette e l aggiunta di paglia, possono creare disturbo agli animali, che, se in riposo, sono costretti ad alzarsi e a trasferirsi in altre aree; proprio per questa ragione tali operazioni dovrebbero essere eseguite quando la zona di riposo è vuota, ad esempio durante la mungitura, o quando la maggior parte delle vacche si trova nella zona di alimentazione o nei paddock esterni (se presenti). Un effetto positivo sulla salute di arti e piedi, e più in generale sul benessere animale, potrebbe derivare dalla presenza di aree di esercizio esterne con pavimento in terra battuta; i paddock devono essere adeguatamente dimensionati, per impedire l impaludamento del terreno nelle giornate di pioggia, e devono essere mantenuti in buone condizioni, con interventi di pulizia e ripristino della superficie. La presenza del paddock in terra consente alle vacche di camminare su una superficie naturale, riducendo così il tempo trascorso in piedi sui pavimenti duri. Esiste però un problema di scarso gradimento di queste aree da parte dei servizi di controllo delle ASL, per motivazioni di ordine ambientale, fatto che spesso ne impedisce la realizzazione. Paolo Rossi Alessandro Gastaldo Marzia Borciani Centro ricerche produzioni animali Reggio Emilia Per consultare la bibliografia: 08ia22_3465_web 46 supplemento a L Informatore Agrario 22/2008

Pavimentazioni delle stalle

Pavimentazioni delle stalle STALLE A CUCCETTA PER VACCHE DA LATTE Istituto Tecnico Agrario Zanelli Reggio Emilia, 30 maggio 2007 Pavimentazioni delle stalle Dott. Agr. Paolo Ferrari Ufficio Edilizia I pavimenti devono fornire un

Dettagli

Indagine in allevamento e impostazione prove sperimentali

Indagine in allevamento e impostazione prove sperimentali Seminario Pavimentazioni innovative nelle stalle per vacche da latte Aspetti tecnici, sanitari ed economici e confronto con soluzioni tradizionali e impostazione prove Alessandro Gastaldo, CRPA - Reggio

Dettagli

Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma

Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma IN AZIENDE CON VACCHE DA LATTE LOMBARDE STRUTTURE DI STALLA Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma Delle oltre 2.000 aziende esaminate il 4,7% utilizza pavimenti in gomma. Impiegato principalmente

Dettagli

Principali caratter dei pavimenti pien

Principali caratter dei pavimenti pien DOSSIER PAVIMENTAZIONE Il calcestruzzo rappresenta la soluzione più diffusa nelle stalle italiane. Ma in zona Principali caratter dei pavimenti pien di mungitura e nelle aree di raggruppamento è preferibile

Dettagli

Sostenibilità economica dei pavimenti in gomma

Sostenibilità economica dei pavimenti in gomma COLLABORAZIONE SATA ANALISI DEI COSTI E DEI VANTAGGI ECONOMICI E PRODUTTIVI Sostenibilità economica dei pavimenti in gomma di Alessandro Gastaldo, Marzia Borciani, Marisanna Speroni Le malattie podali

Dettagli

Punto cruciale: le zoppie. Tipologie di pavimento. Analisi economica. 38/2009 supplemento a L Informatore Agrario STRUTTURE STALLE

Punto cruciale: le zoppie. Tipologie di pavimento. Analisi economica. 38/2009 supplemento a L Informatore Agrario STRUTTURE STALLE Quanto costa il pavimento giusto Per valutare il costo di un pavimento, oltre all investimento iniziale, vengono calcolate le lesioni podali e le conseguenti perdite di ricavo per manodopera e minori performance

Dettagli

Lesioni podali e pavimento delle corsie di stabulazione

Lesioni podali e pavimento delle corsie di stabulazione Seminario Pavimentazioni innovative nelle stalle per vacche da latte Aspetti tecnici, sanitari ed economici e confronto con soluzioni tradizionali Bagnolo in Piano, 20 maggio 2009 Loris De Vecchis, veterinario

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Indagine di mercato sui pavimenti in gomma nella stalle di bovini da latte Descrizione estesa del risultato Già da alcuni anni, allevatori, tecnici, veterinari e ricercatori

Dettagli

Lavorabilità definizioni

Lavorabilità definizioni Calcestruzzo fresco Lavorabilità definizioni attitudine di un calcestruzzo ad essere impastato, trasportato, posto in opera, compattato e rifinito senza che si verifichino segregazioni caratteristica che

Dettagli

Le innovazioni di oggi per l azienda da latte del domani

Le innovazioni di oggi per l azienda da latte del domani Convegno Fieragricola, Verona Innovazione e tecnologia: così sarà l azienda da latte nel 2030 I risultati del progetto Innova Latte giovedì 2 febbraio 2012, ore 15 - Sala Puccini di oggi per l azienda

Dettagli

Consumo di corno e ruolo della stabulazione BENESSERE ANIMALE IL BENESSERE DEL PIEDE DALLA LETTIERA ALLA MANGIATOIA

Consumo di corno e ruolo della stabulazione BENESSERE ANIMALE IL BENESSERE DEL PIEDE DALLA LETTIERA ALLA MANGIATOIA IL BENEERE DEL PIEDE DALLA LETTIERA ALLA MANGIATOIA Come avere la stalla giusta «sotto i piedi» Le stalle di nuova costruzione possono essere causa di iperconsumo degli unghioni; il calcestruzzo, se non

Dettagli

Strutture e impianti per la difesa dal caldo negli allevamenti di bovini da latte

Strutture e impianti per la difesa dal caldo negli allevamenti di bovini da latte In collaborazione con: Strutture e impianti per la difesa dal caldo negli allevamenti di bovini da latte Gabriele Mattachini, Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali (DISAA) Università

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Analisi economica sull'uso dei pavimenti in gomma per le stalle di bovini da latte Descrizione estesa del risultato Le malattie podali rappresentano un grave problema nell

Dettagli

MESSA IN OPERA 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 INTERRUZIONI, RIPRESE, MESSA IN OPERA CASSEFORME PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE GETTO

MESSA IN OPERA 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 INTERRUZIONI, RIPRESE, MESSA IN OPERA CASSEFORME PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE GETTO Il calcestruzzo e le strutture armate Messa in opera INDICE 5 MESSA IN OPERA 5.1 5.3 CASSEFORME GETTO 5.2 PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE 5.4 COMPATTAZIONE DEL GETTO MESSA IN OPERA 5.5 INTERRUZIONI,

Dettagli

Due elementi chiavi per il successo finanziario

Due elementi chiavi per il successo finanziario Due elementi chiavi per il successo finanziario Litri di Latte Venduti Il latte marginale venduto ogni giorno supera il latte marginale per vacca Salute della Mandria Top 10 (11) priorità per un allevamento

Dettagli

La gestione zootecnica del gregge

La gestione zootecnica del gregge La gestione zootecnica del gregge Introduzione Per una corretta gestione del gregge l azione zootecnica è incisiva negli allevamenti stanziali o semi-stanziali Dove si possono controllare i seguenti aspetti

Dettagli

COSTRUZIONI E IMPIANTI PER L AGRICOLTURA

COSTRUZIONI E IMPIANTI PER L AGRICOLTURA Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie agrarie e alimentari Dati caratteristici del ciclo riproduttivo delle pecore durata ciclo estrale: 17 gg durata

Dettagli

L innovazione tecnologica in suinicoltura. Area Forum Italpig Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona. Paolo Rossi. Workshop

L innovazione tecnologica in suinicoltura. Area Forum Italpig Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona. Paolo Rossi. Workshop L innovazione tecnologica in Workshop Area Forum Italpig Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona Venerdì 30 ottobre 2015 Ore 15:45 Paolo Rossi C.R.P.A. S.p.A. di Reggio Emilia Centro Ricerche Produzioni

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario. www.informatoreagrario.it

Edizioni L Informatore Agrario. www.informatoreagrario.it www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

LA POSA IN OPERA CON i VIBRAPAC

LA POSA IN OPERA CON i VIBRAPAC LA POSA IN OPERA CON i VIBRAPAC 2 la posa in opera - 1. operazioni preliminari 1 Operazioni preliminari 1.1 deposito in cantiere Il materiale deve essere stoccato in un area predisposta, in modo da evitare

Dettagli

SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO BENFER SCHOMBURG INTERNATIONAL

SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO BENFER SCHOMBURG INTERNATIONAL SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO CARATTERISTICHE TECNICHE: Solidone è un legante idraulico formulato con cementi speciali ad alta resistenza

Dettagli

Metodologia di indagine

Metodologia di indagine Istituto di Ingegneria Agraria Benessere e produttività delle bovine da latte: il ruolo della stalla Risultati di uno studio in Lombardia Elisabetta Riva Istituto di Ingegneria Agraria Scopo del progetto

Dettagli

Le pavimentazioni delle stalle

Le pavimentazioni delle stalle Le pavimentazioni delle stalle Soluzioni innovative ed effetti sulla salute e sul benessere delle vacche da latte Reggio Emilia, 22 maggio 2008 Benessere dei bovini e pavimenti delle stalle Dott. Agr.

Dettagli

INDICAZIONI PRATICHE SU CARATTERISTICHE STRUTTURALI E DIMENSIONALI

INDICAZIONI PRATICHE SU CARATTERISTICHE STRUTTURALI E DIMENSIONALI INDICAZIONI PRATICHE SU CARATTERISTICHE STRUTTURALI E DIMENSIONALI La cuccetta ideale per le bovine Il benessere delle vacche dipende anche dall appropriata dimensione delle cuccette e dei battifianchi.

Dettagli

Per la gestione dei reflui nelle stalle

Per la gestione dei reflui nelle stalle PECIALE VALUTAZIONE U DIVERE TIPOLOGIE DI TALLA Quanto costa ogni anno la gestione delle deiezioni Il costo totale annuo di esercizio per la gestione dei reflui oscilla tra. euro della stalla a cuccette

Dettagli

condizioni per la posa su massetto riscaldante

condizioni per la posa su massetto riscaldante condizioni per la posa su massetto riscaldante Parchettificio Toscano s.r.l. - 56024 Corazzano - S. Miniato (PI) Italia - Tel. (0039) 0571 46.29.26 Fax (0039) 0571 46.29.39 info@parchettificiotoscano.it

Dettagli

Sistema Evolution Modì: vasche di raccolta o dispersione delle acque piovane

Sistema Evolution Modì: vasche di raccolta o dispersione delle acque piovane Sistema Evolution Modì: vasche di raccolta o dispersione delle acque piovane Il Sistema Evolution Modì è la nuova soluzione per la realizzazione di vasche di raccolta o dispersione delle acque piovane,

Dettagli

SCHEDA TECNICA N. 1. Porcilaia di gestazione

SCHEDA TECNICA N. 1. Porcilaia di gestazione SCHEDA TECNICA N. 1 relativa al progetto di Porcilaia di gestazione Descrizione generale Stabulazione Principali caratteristiche costruttive Pavimento del box Capienza massima Porcilaia per la fase di

Dettagli

0-4. Campi di applicazione. Caratteristiche tecniche

0-4. Campi di applicazione. Caratteristiche tecniche Fugamagica 0-4 Stucco cementizio ad alte prestazioni a granulometria finissima per la fugatura di piastrelle ceramiche da 0 a 4 mm 2 IP-MC-IR Caratteristiche tecniche Prodotto in polvere a base di cemento,

Dettagli

Le soluzioni Recodi per la progettazione e la realizzazione di pavimentazioni in calcestruzzo ad alta resistenza. Pavimentazioni in calcestruzzo

Le soluzioni Recodi per la progettazione e la realizzazione di pavimentazioni in calcestruzzo ad alta resistenza. Pavimentazioni in calcestruzzo Le soluzioni Recodi per la progettazione e la realizzazione di pavimentazioni in calcestruzzo ad alta resistenza Pavimentazioni in calcestruzzo Sommario 04. Recodi, innovazione e qualità nelle pavimentazioni

Dettagli

MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice

MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice Anno XIII - Numero 45-2009 Silvia Collepardi e Roberto Troli Enco srl, Ponzano Veneto (TV) - info@encosrl.it 1. PREMESSA Esistono fondamentalmente

Dettagli

Pavimentazione aeroportuale in calcestruzzo

Pavimentazione aeroportuale in calcestruzzo Pavimentazione aeroportuale in calcestruzzo Fornitura di calcestruzzo per piazzali di sosta aeromobili Giampietro Boldrini, Componente commissione tecnologica Atecap COME GESTIRE LA PRODUZIONE DI CALCESTRUZZO

Dettagli

acqua + legante + aggregati + additivi = conglomerato

acqua + legante + aggregati + additivi = conglomerato EDUCAZIONE TECNICA TECNOLOGIA DEI MATERIALI c acqua + legante + aggregati + additivi = conglomerato paste miscele di leganti e acqua malte miscele di legante, acqua e granuli fini (sabbia) calcestruzzi

Dettagli

RESIN FLOOR INDUSTRIE ALIMENTARI

RESIN FLOOR INDUSTRIE ALIMENTARI TM RESIN FLOOR INDUSTRIE ALIMENTARI RESINFLOOR: QUALITÀ E PROFESSIONALITÀ Dal 1980 in Italia ed Europa creiamo pavimenti e superfici di calpestio e finitura che hanno in comune l utilizzo della resina.

Dettagli

Fabbricati rurali. 18.1 Ricoveri per bovini. Ricoveri per bovini Ricoveri per suini Altri fabbricati. 18.1.1 Bovini da latte. Stabulazione fissa

Fabbricati rurali. 18.1 Ricoveri per bovini. Ricoveri per bovini Ricoveri per suini Altri fabbricati. 18.1.1 Bovini da latte. Stabulazione fissa 18 Fabbricati rurali Ricoveri per bovini Ricoveri per suini Altri fabbricati 18.1 Ricoveri per bovini 18.1.1 Bovini da latte Stabulazione fissa Nella stabulazione fissa gli animali sono legati alla mangiatoia.

Dettagli

Via Castegnato, 6/C 25050 Rodengo Saiano, Brescia T +39 030 6815011 www.compes.com FORNI

Via Castegnato, 6/C 25050 Rodengo Saiano, Brescia T +39 030 6815011 www.compes.com FORNI Via Castegnato, 6/C 2 Rodengo Saiano, Brescia T +39 3 68111 www.compes.com compesfrance@compesfrance.fr info@compes.ca FORNI 1 PRERISCALDO MATRICI Il FORNO PRERISCALDO MATRICI COMPES a cassetti indipendenti

Dettagli

Pavimenti industriali in calcestruzzo senza rete metallica in assenza di stagionatura umida

Pavimenti industriali in calcestruzzo senza rete metallica in assenza di stagionatura umida Pavimenti industriali in calcestruzzo senza rete metallica in assenza di stagionatura umida Mario Collepardi, Silvia Collepardi, Jean Jacob Ogoumah Olagot, Roberto Troli Enco srl (info@encosrl.it) 1. INTRODUZIONE

Dettagli

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha SCHEDA FERGUSON L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha comportato un adeguamento degli strumenti utili a valutare l efficienza e la redditività delle

Dettagli

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Maintenance Stories Fatti di Manutenzione Kilometro Rosso - Bergamo 13 novembre 2013 La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Guido Belforte Politecnico

Dettagli

Advertorial. Tramite distillazione molecolare e a film sottile. Tecniche di separazione

Advertorial. Tramite distillazione molecolare e a film sottile. Tecniche di separazione Gli impianti VTA vengono impiegati per la purificazione, la concentrazione, la rimozione dei residui di solventi, la decolorazione e l essiccazione di prodotti in diversi settori industriali: chimico,

Dettagli

COME SI REALIZZA UNA STRADA IN TERRA STABILIZZATA UTILIZZANDO UNA FRESA FRANGISASSI STABILIZZANTE ECOLOGICO PER PAVIMENTAZIONI IN TERRA STABILIZZATA

COME SI REALIZZA UNA STRADA IN TERRA STABILIZZATA UTILIZZANDO UNA FRESA FRANGISASSI STABILIZZANTE ECOLOGICO PER PAVIMENTAZIONI IN TERRA STABILIZZATA STABILIZZANTE ECOLOGICO PER PAVIMENTAZIONI IN TERRA STABILIZZATA COME SI REALIZZA UNA STRADA IN TERRA STABILIZZATA UTILIZZANDO UNA FRESA FRANGISASSI COME SI REALIZZA UNA STRADA IN TERRA STABILIZZATA UTILIZZANDO

Dettagli

I sistemi di valutazione a indice aziendale

I sistemi di valutazione a indice aziendale BENEERE ANIMALE METODO IBA, INDICE DI BENEERE DELL ALLEVAMENTO Misurare il benessere aiuta gestione e produzione Determinare il benessere in stalla mediante un sistema di valutazione consente di rilevare

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

Elenco delle parti Il forno è costituito dalle seguenti parti: settore cupola con apertura bocca sinistro. settore cupola con apertura bocca destro

Elenco delle parti Il forno è costituito dalle seguenti parti: settore cupola con apertura bocca sinistro. settore cupola con apertura bocca destro Quote prefabbricato Premessa Con il presente manuale si intende dare delle indicazioni soprattutto a chi non ha mai montato un forno per pizza prima d'ora. Ciò nonostante, specie le indicazioni sulla prima

Dettagli

IL CALCESTRUZZO CONFEZIONATO CON FILLER CALCAREO (Varietà Dolomitica - Cava La Pedicara)

IL CALCESTRUZZO CONFEZIONATO CON FILLER CALCAREO (Varietà Dolomitica - Cava La Pedicara) IL CALCESTRUZZO CONFEZIONATO CON FILLER CALCAREO (Varietà Dolomitica - Cava La Pedicara) RELAZIONE TECNICA STUDIO TECNICO MP MATTEO FELITTI Architetto Strutturista (Scuola F.lli Pesenti) e Tecnologo del

Dettagli

Ridolfi Vasco & Figlio Posa in opera Parquet & Scale LA LEVIGATURA

Ridolfi Vasco & Figlio Posa in opera Parquet & Scale LA LEVIGATURA LA LEVIGATURA La levigatura del pavimento di legno consiste nelle operazioni di spianamento e di lisciatura della superficie in modo da renderla adatta ai successivi trattamenti di finitura. Si effettua

Dettagli

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi 547 Analisi E.07.10.10.a con malta fine di calce e pozzolana, su superfici orizzontali m² 1,00 1) Regione Campania al 02/11/08 - Operaio comune o 1 livello - ora 0,130000 21,50 2,80 27,26 2) Regione Campania

Dettagli

DIACRETE. Sistema poliuretanico per pavimentazioni industriali in resina ad elevata resistenza chimica e meccanica

DIACRETE. Sistema poliuretanico per pavimentazioni industriali in resina ad elevata resistenza chimica e meccanica DIACRETE Sistema poliuretanico per pavimentazioni industriali in resina ad elevata resistenza chimica e meccanica Che cosa é? Diacrete rappresenta la soluzione ideale per il mondo delle pavimentazioni

Dettagli

Mangiatoie differenziate a seconda delle loro funzioni

Mangiatoie differenziate a seconda delle loro funzioni Mangiatoie differenziate a seconda delle loro funzioni Le modalità di distribuzione del nutrimento influenzano in modo decisivo performance e salute degli animali. Paolo Rossi, del Crpa, illustra un ampio

Dettagli

6.3 Organizzare l ambiente

6.3 Organizzare l ambiente 6.3 Organizzare l ambiente 6.3.1. Introduzione Il normale ambiente domestico può creare alla persona di cui ci si prende cura problemi di accesso, come le scale, e può anche essere pericoloso, come varie

Dettagli

International Textil Education. Machinery Division. Manuale per la stampa a trasferimento termico

International Textil Education. Machinery Division. Manuale per la stampa a trasferimento termico Machinery Division Manuale per la stampa a trasferimento termico Manuale per la stampa a trasferimento termico STAMPA A TRASFERIMENTO TERMICO.....4 Principio di funzionamento.4 SRUTTURA INTERNA...5 Testina

Dettagli

Giornate aicap 2014. Giuseppe Carlo MARANO Pietro MEZZAPESA. Dipartimento di Scienze dell Ingegneria Civile e dell Architettura, Politecnico di Bari

Giornate aicap 2014. Giuseppe Carlo MARANO Pietro MEZZAPESA. Dipartimento di Scienze dell Ingegneria Civile e dell Architettura, Politecnico di Bari Giornate aicap 2014 Giuseppe Carlo MARANO Pietro MEZZAPESA Dipartimento di Scienze dell Ingegneria Civile e dell Architettura, Politecnico di Bari 1 Percentuali dei volumi tra i vari costituenti del calcestruzzo

Dettagli

SCHEDA TECNICA N 16 AZOTO LIQUIDO

SCHEDA TECNICA N 16 AZOTO LIQUIDO SCHEDA TECNICA N 16 AZOTO LIQUIDO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AZIENDALE V I A A L B E R T O N I, 1 5-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1. 1 3 7 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 1. 1 4 5 E-mail: spp@aosp.bo.it

Dettagli

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI IL PROBLEMA DELLO SFONDELLAMENTO DEI SOLAI Con il termine sfondellame nto dei solai si indica la rottura e il distacco delle cartelle d intradosso delle pignatte (chiamate fondelle)

Dettagli

Ordinanza del DFE concernente i sistemi di stabulazione particolarmente rispettosi degli animali

Ordinanza del DFE concernente i sistemi di stabulazione particolarmente rispettosi degli animali Ordinanza del DFE concernente i sistemi di stabulazione particolarmente rispettosi degli animali (Ordinanza SSRA) Modifica del 15 dicembre 2004 Il Dipartimento federale dell economia ordina: I L ordinanza

Dettagli

TD13C. Betoncino strutturale di consolidamento e collaborazione statica

TD13C. Betoncino strutturale di consolidamento e collaborazione statica pag. 1 di 6 DESCRIZIONE è un betoncino pronto strutturale, reoplastico, antiritiro, ad alta resistenza meccanica, di calce idraulica naturale NHL 5 ed inerti selezionati. è ideale negli interventi di consolidamento,

Dettagli

CAMPI Dì APPLICAZIONE

CAMPI Dì APPLICAZIONE KEDILASTIC Malta cementizia bi componente impermeabilizzante anticarbonatazione ad elevata elasticità per calcestruzzo, intonaci e massetti cementizi. Indicata per l applicazione in piscine, vasche, cisterne,

Dettagli

PREPARAZIONE DEI FONDI DI POSA PER PAVIMENTI IN LEGNO

PREPARAZIONE DEI FONDI DI POSA PER PAVIMENTI IN LEGNO COSTRUZIONI IN BIOEDILIZIA COPERTURE E SOLAI VIA MULINO, 21 I - 23871 LOMAGNA (LC) Tel. 039 5 300 100 Fax 039 5 301 186 E-mail: info@galimberti.eu www.galimberti.eu SISTEMI PER ESTERNI PAVIMENTI Galimberti

Dettagli

ESTERNO ANTISCIVOLO. I listoni vanno immagazzinati al coperto ed in un luogo ben ventilato, evitando l esposizione diretta al sole

ESTERNO ANTISCIVOLO. I listoni vanno immagazzinati al coperto ed in un luogo ben ventilato, evitando l esposizione diretta al sole REGOLE PER LO STOCCAGGIO E LA POSA IN OPERA DEI PAVIMENTI PER ESTERNO ANTISCIVOLO COLLOCAMENTO DEI LISTONI STOCCAGGIO I listoni vanno immagazzinati al coperto ed in un luogo ben ventilato, evitando l esposizione

Dettagli

SISTEMI DECORATIVI MICROCEMENTI PER PARETI, SOFFITTI E PAVIMENTI

SISTEMI DECORATIVI MICROCEMENTI PER PARETI, SOFFITTI E PAVIMENTI SISTEMI DECORATIVI MICROCEMENTI PER PARETI, SOFFITTI E PAVIMENTI INDICE creatività FINITURE esclusività 1. IL MICROCEMENTO 4 1.1. VANTAGGI E APPLICAZIONI DEL SISTEMA SikaDecor Nature 6 1.2. STRUTTURA DEL

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D

GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D INFORMAZIONI GENERALI Questo manuale e parte integrante del depuratore-disoleatore per lubrorefrigeranti e liquidi di macchine lavaggio sgrassaggio pezzi

Dettagli

PAVIMENTO SPESSORATO ICON OUTDOOR FLORIM

PAVIMENTO SPESSORATO ICON OUTDOOR FLORIM PAVIMENTO SPESSORATO ICON OUTDOOR FLORIM Nuova soluzione in gres porcellanato spessorato per l arredo esterno. Lastre in gres fine porcellanato colorato a spessore di 2 cm ottenute da atomizzazione di

Dettagli

mflor e il riscaldamento a pavimento

mflor e il riscaldamento a pavimento mflor e il riscaldamento a pavimento Gli impianti di riscaldamento a pavimento stanno acquistando sempre più popolarità, poiché oltre ad elevati livelli di comfort offrono numerosi altri vantaggi. Questo

Dettagli

Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte

Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare? Cosa sarà il mercato del latte italiano dopo

Dettagli

STUCCHI P25 EXTRA PER TUTTE LE MANI DI STUCCATURA: RIEMPIMENTO E FINITURA( MAGGIORE LAVORABILITA E SCORREVOLEZZA OTTIMO RIEMPIMENTO E FINITURA NEW

STUCCHI P25 EXTRA PER TUTTE LE MANI DI STUCCATURA: RIEMPIMENTO E FINITURA( MAGGIORE LAVORABILITA E SCORREVOLEZZA OTTIMO RIEMPIMENTO E FINITURA NEW STUCCHI ) P25 EXTRA PER TUTTE LE MANI DI STUCCATURA: RIEMPIMENTO E FINITURA( NEW MAGGIORE LAVORABILITA E SCORREVOLEZZA OTTIMO RIEMPIMENTO E FINITURA ) P25 EXTRA ( SCHEDA PRODOTTO Lafarge Gessi presenta

Dettagli

TRADIMALT IN 200 FIBRORINFORZATO

TRADIMALT IN 200 FIBRORINFORZATO TRADIMALT IN 200 FIBRORINFORZATO IN 200 FIBRORINFORZATO è una malta bastarda per intonaco di sottofondo tradizionale per interno ed esterno costituita da cemento, calce, inerti selezionati max 2,0 mm e

Dettagli

GESTIONE E PRATICA DEI CANTIERI: SCHEMI DI LAVORAZIONE, ATTREZZATURE, LOGISTICA, COSTI E PRODUZIONE

GESTIONE E PRATICA DEI CANTIERI: SCHEMI DI LAVORAZIONE, ATTREZZATURE, LOGISTICA, COSTI E PRODUZIONE GESTIONE E PRATICA DEI CANTIERI: SCHEMI DI LAVORAZIONE, ATTREZZATURE, LOGISTICA, COSTI E PRODUZIONE FASI DI LAVORAZIONE La tecnica di stabilizzazione delle terre si realizza attraverso 5 fasi, ognuna delle

Dettagli

Contenuti Perché comprare un Carrier Drill Particolari tecnici I cantieri lavorativi del Carrier Drill Concetto Regolazione Evoluzione

Contenuti Perché comprare un Carrier Drill Particolari tecnici I cantieri lavorativi del Carrier Drill Concetto Regolazione Evoluzione Contenuti Perché comprare un Carrier Drill Particolari tecnici I cantieri lavorativi del Carrier Drill Concetto Regolazione Evoluzione Perché comprare un Carrier Drill? Flessibilità per eseguire 2 operazioni,

Dettagli

FUGAMAGICA WOOD. Caratteristiche tecniche. Campi di applicazione

FUGAMAGICA WOOD. Caratteristiche tecniche. Campi di applicazione FUGAMAGICA WOOD Stucco cementizio idrorepellente, ad alte prestazioni e granulometria finissima per la fugatura di piastrelle in legno ceramico. 1504-2 IP-MC-IR Caratteristiche tecniche Prodotto in polvere

Dettagli

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 1 PREMESSA pag. 2 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 4 ANALISI DEL MOVIMENTO DELLE ACQUE METEORICHE pag. 3 5 CALCOLO STATICO pag. 4 6 VERIFICA IDRAULICA

Dettagli

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità 1 VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità Ing. Luca Barbieri Product manager Hoval 2 Definizione ventilazione meccanica controllata «I sistemi di ventilazione meccanica controllata (VMC) sono

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE (rev. 20140217) 1. Prima dell installazione deve essere verificata l idoneità tecnica del suolo dal punto di vista strutturale, eventuali

Dettagli

Materiali e tecnologie per il ripristino stradale 8 luglio 2009

Materiali e tecnologie per il ripristino stradale 8 luglio 2009 IEEE Giornata di studio su: Tecniche impiantistiche e tecnologie ottiche per l accesso di nuova generazione Materiali e tecnologie per il ripristino stradale 8 luglio 2009 Maurizio Crispino Maurizio Crispino

Dettagli

Ottimizza i costi di alimentazione e migliora la produzione di latte.

Ottimizza i costi di alimentazione e migliora la produzione di latte. Ottimizza i costi di alimentazione e migliora la produzione di latte. Stazioni di alimentazione DeLaval FSC40 e FSC400 La soluzione giusta per te...... ogni giorno Stazioni di alimentazione DeLaval FSC40

Dettagli

4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione

4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione 4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione D.Lgs 81/08 - TITOLO II LUOGHI DI LAVORO Articolo 63- Requisiti di salute e sicurezza Allegato IV Luoghi di di

Dettagli

Il fenomeno condensa

Il fenomeno condensa Il fenomeno condensa La condensa è un fenomeno naturale molto frequente e presente in vari tipi di abitazioni; è un fenomeno piuttosto fastidioso ed insidioso, anche perché comporta effetti negativi dannosi

Dettagli

Il riscaldamento a pavimento. Il riscaldamento a pavimento a basso spessore Funzionamento ad acqua Semplice benessere Caldo in 10 minuti!

Il riscaldamento a pavimento. Il riscaldamento a pavimento a basso spessore Funzionamento ad acqua Semplice benessere Caldo in 10 minuti! Il riscaldamento a pavimento Il riscaldamento a pavimento a basso spessore Funzionamento ad acqua Semplice benessere Caldo in 10 minuti! SALUTE E BENESSERE IL RISCALDAMENTO A PAVIMENTO ATTIVO Già dopo

Dettagli

ESEMPI DI APPLICAZIONI

ESEMPI DI APPLICAZIONI RISCALDAMENTO IN FIBRA DI CARBONIO ESEMPI DI APPLICAZIONI MATERASSINO SOTTO IL MASSETTO E PAVIMENTO L installazione sotto il massetto, grazie all inerzia termica dello stesso, consente di mantenere la

Dettagli

Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo

Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo ing. Nicola Mazzei Laboratorio Infiammabilità ed Esplosioni Innovhub - Stazioni Sperimentali per l Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 mazzei@ssc.it 1

Dettagli

Riferimenti NORMATIVI

Riferimenti NORMATIVI REALIZZAZIONE DI SCALE FISSE CON PROTEZIONE NORMA UNI EN ISO 14122-4 : 2010 DISTANZA TRA LA SCALA E OSTRUZIONI PERMANENTI: La distanza tra la scala e le ostruzioni permanenti deve essere: - Di fronte alla

Dettagli

PALO tipo SP VANTAGGI minima quantità di materiale di risulta Ridotto consumo di calcestruzzo

PALO tipo SP VANTAGGI minima quantità di materiale di risulta Ridotto consumo di calcestruzzo PALO tipo SP Il Soil Displacement (SP) è una metodologia di esecuzione del palo di fondazione eseguita senza asportazione di terreno, quindi alternativa ai pali battuti, vibroinfissi e trivellati. La tecnologia

Dettagli

MANUALE D ESECUZIONE DEI LAVORI RELATIVI AGLI ASCENSORI

MANUALE D ESECUZIONE DEI LAVORI RELATIVI AGLI ASCENSORI Per rendere più efficiente la collaborazione, per essere i più chiari e rapidi possibili abbiamo riassunto le principali regole di esecuzione dei lavori relativi agli ascensori. MANUALE DI COSTRUZIONE

Dettagli

CONTROLLO E UTILIZZO DELL INCHIOSTRO

CONTROLLO E UTILIZZO DELL INCHIOSTRO Conservazione dell inchiostro CONTROLLO E UTILIZZO DELL INCHIOSTRO E opportuno conservare l inchiostro in luogo secco, ventilato e buio con una temperatura compresa tra i 10 e i 25 C (evitare le radiazioni

Dettagli

Monosplit a Parete Alta - Installazione

Monosplit a Parete Alta - Installazione Prima di iniziare l installazione, è necessario scegliere il luogo di installazione delle apparecchiature, verificandone l idoneità tecnica. Per una installazione a regola d arte, non è sufficiente applicare

Dettagli

I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate

I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate Impianti Materie Plastiche Modulo 2 Alimentazione Contenuti 1. Premessa

Dettagli

Facilitare il sollevamento e i trasferimenti. Ft Coord P. Borrega

Facilitare il sollevamento e i trasferimenti. Ft Coord P. Borrega Facilitare il sollevamento e i trasferimenti del soggetto disabile Ft Coord P. Borrega Definizione Prevenire i danni da lavori pesanti I lavori pesanti sono una o più operazioni lavorative, che isolate

Dettagli

RETANOL RAPID 511 / RETANOL RAPID EKA & VIWA PER TUTTO IL RESTO C È UN ALTERNATIVA

RETANOL RAPID 511 / RETANOL RAPID EKA & VIWA PER TUTTO IL RESTO C È UN ALTERNATIVA RETANOL RAPID 511 / RETANOL RAPID EKA & VIWA PER TUTTO IL RESTO C È UN ALTERNATIVA PER MASSETTI RISCALDANTI, SU STRATI SEPARATORI, A STRUTTURA COMPOSITA; PER INTERNI ED ESTERNI MASSETTI A RISPARMIO ENERGETICO

Dettagli

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO Giugno 2014 1 2 3 SINTETICO COLLETTIVO DI SPECIE E RAZZA Il sintetico collettivo è una elaborazione dei dati provenienti dalle singole produttrici di una medesima specie/razza.

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Attidium: l area archeologica diviene luogo di fruibilità turistica Importo dell opera 133.000,00 Importo del cofinanziamento

Dettagli

Comune di Dolianova. Provincia di Cagliari COMPUTO METRICO

Comune di Dolianova. Provincia di Cagliari COMPUTO METRICO Comune di Dolianova Provincia di Cagliari pag. 1 COMPUTO METRICO OGGETTO: Intervento di ristrutturazione con ricostruzione a nuovo della pista di atletica dell'impianto sportivo Sant'Elena 1 stralcio COMMITTENTE:

Dettagli

SISTEMA MEMBRAPOL TRASPARENTE

SISTEMA MEMBRAPOL TRASPARENTE SISTEMA MEMBRAPOL TRASPARENTE MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE MONOCOMPONENTE A BASE DI POLIURETANO Guida all applicazione Regole dei metodi di progettazione e applicazione. a) Trasporto e immagazzinaggio:

Dettagli

Resistenza, drenabilità e sostenibilità ambientale. SENZA COMPROMESSI

Resistenza, drenabilità e sostenibilità ambientale. SENZA COMPROMESSI Resistenza, drenabilità e sostenibilità ambientale. SENZA COMPROMESSI B R E V E T TAT O Calcestruzzo drenante e fonoassorbente a elevate prestazioni, ideale per la realizzazione di pavimentazioni DrainBeton

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

Dott.ssa Riu Raffaela

Dott.ssa Riu Raffaela Dott.ssa Riu Raffaela MINISTERO DELLA SALUTE Il riconoscimento degli animali quali esseri senzienti, e quindi portatori di diritto, è uno dei Europea La sicurezza della catena alimentare è indirettamente

Dettagli

OPUS. OPUS color LUSERNA - sigillatura del giunto con sabbia e cemento I RICOSTRUITI. www.pavesmac.com

OPUS. OPUS color LUSERNA - sigillatura del giunto con sabbia e cemento I RICOSTRUITI. www.pavesmac.com OPUS color LUSERNA - sigillatura del giunto con sabbia e cemento 10 MODELLO DEPOSITATO FINITURE: - doppio strato quarzo OPUS rappresenta una concezione di pavimentazione esterna unica nel suo genere, in

Dettagli

TRASPARENZA del VETRO

TRASPARENZA del VETRO TRASPARENZA del VETRO LA REALTA DISATTENDE LE ASPETTATIVE? CHE FARE? TRASPARENZA del VETRO Il vetro dei pannelli perde la sua trasparenza e limita l attività delle celle fotovoltaiche. I principali imputati

Dettagli

Nastri GenCon per il trasporto generico

Nastri GenCon per il trasporto generico VOLTA Belting Technology Ltd. Italian Nastri GenCon per il trasporto generico The Next Step in Belting VOLTA Belting Technology Ltd. Nastri per diverse tipologie di trasporto L industria dei nastri per

Dettagli

Flygt serie D e serie 8000 con girante a vortice

Flygt serie D e serie 8000 con girante a vortice Flygt serie D e serie 8000 con girante a vortice 58 Passaggio libero elevato e grande affidabilità Le pompe D vengono impiegate prevalentemente per il pompaggio di liquidi carichi anche abrasivi o nel

Dettagli

ACCUMULATORI IDRAULICI

ACCUMULATORI IDRAULICI In generale, un accumulatore idraulico può accumulare liquido sotto pressione e restituirlo in caso di necessità; IMPIEGHI 1/2 Riserva di liquido Nei circuiti idraulici per i quali le condizioni di esercizio

Dettagli

MANUALE DI FUNZIONAMENTO. Modello BHT 10440 Durometro Brinell Portatile

MANUALE DI FUNZIONAMENTO. Modello BHT 10440 Durometro Brinell Portatile MANUALE DI FUNZIONAMENTO Modello BHT 10440 Durometro Brinell Portatile 1. Introduzione Questo è un durometro portatile di tipo Brinell. È progettato in accordo con il metodo dinamico di prova di durezza.

Dettagli