N In evidenza: DPCM 1 Luglio Proroga ufficiale per il 730

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "N. 25-2015. In evidenza: DPCM 1 Luglio 2015 - Proroga ufficiale per il 730"

Transcript

1 N In evidenza: DPCM 1 Luglio Proroga ufficiale per il 730 Esperto risponde: Studi di Settore UNICO 2015: ravvedimento versamenti Professionisti: verifiche, indagini finanziarie e controlli antiriciclaggio 1 parte Società estinte: la disciplina non è retroattiva Territorialità IVA: fornitura ed installazione impianti e macchinari all estero Studi di settore: compilazione Quadro V

2 Sommario Il punto del Direttore Legislazione e Prassi FISCO: FINISCE ANCHE IL "RIPOSA IN PACE" D.L. 83/2015, pubblicato in GU del Svalutazione perdite su crediti per le banche DPCM 1 Luglio Proroga ufficiale per il 730 Comunicato stampa del 02 Luglio Autotrasportatori: agevolazioni per il 2015 Giurisprudenza Cassazione Tributaria, sentenza depositata il 30 giugno Presunta attività d impresa. Stop all accertamento per prelievi sospetti Cassazione Penale, sentenza depositata il 30 giugno Frode fiscale. La società evita il sequestro se non è schermo Cassazione Tributaria, sentenza depositata l 1 luglio IVA. Impugnabile la comunicazione che differisce il rimborso Cassazione Tributaria, sentenza depositata l 1 luglio Carte di credito e POS in aiuto del Fisco Cassazione Penale, sentenza depositata il 2 luglio Commercialisti. Compenso per gestione beni sequestrati Cassazione Penale, sentenza depositata il 2 luglio Fatture false: la prescrizione decorre dall ultima emessa Cassazione Tributaria, sentenza depositata il 3 luglio Accertamento induttivo per l officina grande che dichiara poco Cassazione Penale, sentenza depositata il 3 luglio Esterovestizione. Stop al sequestro dei beni Commenti Fisco Il nuovo falso in bilancio IMU, TASI e TARI del pensionato estero sull unico immobile in Italia Professionisti: verifiche, indagini finanziarie e controlli antiriciclaggio L Emilia diventa Zona franca urbana Dichiarazione IMU terreni parzialmente montani Società estinte: la disciplina non è retroattiva Territorialità IVA: fornitura ed installazione impianti e macchinari all estero Dichiarazioni fiscali. Solo la ricevuta prova l invio Società non operative. La prova per il rimborso IVA Studi di settore: compilazione Quadro V Adempimento UNICO 2015: ravvedimento versamenti 2

3 Società & Bilancio Costi di impianto e ampliamento Speciale dichiarazioni Studi di settore: indicatori di normalità Quadro RZ. Dichiarazione dei sostituti d imposta Quadro RT: le plusvalenze UNICO 2015: lavoro autonomo occasionale 1 parte UNICO 2015: lavoro autonomo occasionale 2 parte Fiscal Focus risponde: Studi di Settore Scadenze settimana

4 Il punto del Direttore A cura di Antonio Gigliotti FISCO: FINISCE ANCHE IL "RIPOSA IN PACE" Cari amici, purtroppo ben presto neanche nell'aldilà si riuscirà a Riposare In Pace. Sta infatti per arrivare quella che viene comunemente indicata come la tassa sui morti. In buona sostanza, l esecutivo sta elaborando un modo efficace per turbare la pace dei morti, oltreché dei vivi: si attende infatti un disegno di legge che dovrebbe riordinare la disciplina delle attività funerarie. Intanto arriva sui servizi funebri l IVA al 10%, in un settore in cui regnava l esenzione. Per il momento sappiamo solo che tale aggravio sarà compensato, ci dicono, da un estensione del tetto delle detrazioni delle spese funebri attualmente in vigore. Purtroppo però risulta quanto mai opportuno ricordare che questa compensazione non vale per le famiglie meno abbienti, in quanto avendo già detrazioni che coprono l imposta, per loro sarà una nuova tassa che si aggiunge a tutte le altre. Come dire che il povero è destinato a rimanere povero. A ciò si andrà ad aggiungere poi l introduzione di una nuova tassa fissa di 30 euro per ogni operazione cimiteriale (cremazione, tumulazione, ecc.). Infine lo stesso disegno di legge prevede l obbligo per i comuni di destinare il 20% della Tasi incassata ai cimiteri monumentali affinché possano gestire i loro costi, che la nuova legge farà chiaramente lievitare. Bene, il tutto porterà un aggravio del costo del funerale che, per effetto dell introduzione dell Iva al 10% in un settore in cui c era l esenzione, passerà dalla media attuale di circa euro a quella di euro. E poi, ovviamente, dovendo il comune destinare obbligatoriamente il 20% della Tasi alla gestione del sistema cimiteriale, il risultato sarà che per poter garantire i bilanci comunali, questi enti locali aumenteranno ulteriormente le aliquote della Tasi. Vi sembra anche questa un ottima manovra per risollevare i consumi e far ripartire l economia? Io ho qualche dubbio in proposito! Voglio, ordino e comando che le spese funebri mi siano fatte nel più semplice e mero necessario, ed all'uso che si costuma per il più infimo dei cittadini Ecco, se Giuseppe Parini fosse morto oggi piuttosto che nel 1799, nessuno avrebbe potuto rispettare le sue ultime volontà! E di ciò avrebbe dovuto ringraziare il governo Renzi! 4

5 Legislazione e prassi Svalutazione perdite su crediti per le banche Quotidiano Fiscal Focus Premessa Le svalutazioni e le perdite su crediti verso la clientela, iscritti in bilancio a tale titolo, e le perdite realizzate mediante cessione a titolo oneroso, sono deducibili integralmente dalle banche nell'esercizio in cui sono rilevate in bilancio. Lo stabilisce il Decreto Legge in materia fallimentare (83/2015), pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 27 giugno Disposizione normativa - L articolo 16 interviene sulla deducibilità, ai fini Ires, delle svalutazioni e perdite su crediti da parte degli enti creditizi e finanziari e delle imprese di assicurazione (articolo 106, comma 3, del Tuir), e sulla valutazione di rettifiche e riprese di valore nette per deterioramento dei crediti ai fini della determinazione della base imponibile Irap (articoli 6, comma 1, lettera c-bis, e 7, comma 1, lettera b-bis, del D.Lgs 446/1997). Imposte sui redditi - Secondo la nuova formulazione del comma 3 dell articolo 106 del Tuir, gli enti creditizi e finanziari di cui al D.Lgs 87/1992 possono dedurre integralmente nell esercizio in cui sono iscritte in bilancio le svalutazioni e le perdite su crediti verso la clientela iscritti in bilancio a tale titolo e le perdite da cessione a titolo oneroso. La disposizione si applica dal periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2015, quindi dal 2015 per i soggetti solari. Primo periodo - Sono dettate regole ad hoc per il primo periodo di applicazione: svalutazioni e perdite (diverse da quelle realizzate mediante cessione a titolo oneroso) sono deducibili nella misura del 75% del loro ammontare complessivo. L eccedenza risultante dall applicazione di tale limite e le svalutazioni e le perdite su crediti, iscritte in bilancio fino all esercizio in corso al 31 dicembre 2014 e non ancora dedotte con le regole in vigore prima delle modifiche, sono deducibili per il 5, l 8, il 10 e il 12% del loro ammontare, rispettivamente, nel periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2016, nel periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2017, nel periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2018 e nei periodi di imposta da quello in corso al 31 dicembre 2019 fino a quello in corso al 31 dicembre Il rimanente 5% viene dedotto nel periodo di imposta in corso al 31 dicembre Delle modifiche normative non va tenuto conto in sede di determinazione dell acconto Ires dovuto per il periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2015 e per i due periodi successivi. Irap - Ai fini della determinazione del valore della produzione netta di banche, altri enti e società finanziarie e delle imprese di assicurazione, relativamente alle rettifiche e riprese di valore nette per deterioramento dei crediti (limitatamente a quelle riconducibili ai crediti verso la clientela), e alle perdite, svalutazioni e riprese di valore nette per deterioramento dei crediti (limitatamente a quelle riconducibili a crediti nei confronti di assicurati), è stato eliminato l inciso secondo cui tali componenti concorrono in quote costanti nell esercizio in cui sono contabilizzate e nei quattro successivi. 5

6 Periodo di applicazione - Al pari di quanto previsto ai fini Ires: la norma trova applicazione a partire dal periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2015; per il primo periodo di applicazione, la deducibilità è limitata al 75%; l eccedenza, assieme alle rettifiche, perdite, svalutazioni e riprese di valore nette iscritte in bilancio dal periodo d imposta in corso al 31 dicembre 2013 e non ancora dedotte, è deducibile secondo le stesse misure percentuali viste per le imposte sui redditi; le novità non influenzano il calcolo dell acconto Irap per il periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2015 e per i due periodi successivi. D.L. 83/ : ufficiale la proroga Quotidiano Fiscal Focus E ormai in dirittura d arrivo l approvazione del DPCM che fa slittare i termini di presentazione del 730 dal 7 al 23 luglio. Il rinvio dal 7 al 23 luglio dovrebbe riguardare soltanto i Centri di assistenza fiscale (Caf) e gli intermediari abilitati. Niente proroga dunque per i contribuente che presentato direttamente il 730. La proroga è stata concessa a condizione che i Caf e gli intermediari spediscano entro il 7 luglio l 80% delle dichiarazioni. In sostanza, i Caf potranno inviare all'agenzia non più del 20% delle dichiarazioni complessive lavorate nel periodo della proroga. E ciò per evitare che ci sia un accumulo nella fase finale e anche per consentire comunque ai contribuenti che hanno già fatto la dichiarazione di ottenere l'eventuale rimborso già a luglio. Le necessità della proroga - Le difficoltà del nuovo modello 730 precompilato (ancora in fase «sperimentale» per quest anno) affrontate da contribuenti, Caf e commercialisti e la continua ricerca alla soluzione di problemi sembrano aver indotto a riformulare le scadenze per la presentazione dei modelli. Tale proroga era già attesa nel Dpcm sulla proroga dei versamenti di UNICO Così non è stato. Si è dovuto attendere qualche giorno in più. Abbiamo già segnalato su queste pagine aspetti positivi e negativi della proroga. Se da un lato si consentirebbe agli intermediari di fronte alle proprie scadenze, dall altro potrebbe causare complicazioni per la liquidazione dei rimborsi da 730. Infatti, l erogazione dei rimborsi in busta a paga a luglio per chi risultasse a credito slitterebbe ad agosto e si dovrà fare i conti con il ridotto personale presente negli uffici a causa delle ferie estive. Si ricorda infatti che attualmente la restituzione dell'irpef a credito è effettuata dal sostituto a partire dal mese di luglio. Sugli onorari versati in tale mese, il sostituto d'imposta deve provvedere ai rimborsi Irpef o trattenere le somme o le rate, se è stata richiesta la rateizzazione, dovute a titolo di saldo e primo acconto Irpef, di addizionali regionale e comunale all'irpef, di acconto del 20 per cento su taluni redditi soggetti a tassazione separata. 6

7 Per i pensionati è previsto che le sopraesposte operazioni vengono messe in pratica dal mese di agosto o di settembre anche nel caso in cui sia stata richiesta la rateizzazione. DPCM 1 Luglio 2015 Autotrasportatori: agevolazioni per il 2015 Quotidiano Fiscal Focus Premessa L Agenzia delle Entrate ha reso noto con un comunicato stampa che sono prorogate anche per quest anno le agevolazioni per le imprese minori che operano nel settore dell autotrasporto. Confermati il recupero, fino a un massimo di 300 euro per veicolo, dei contributi versati al Ssn e la deducibilità forfetaria delle spese di trasporto personali non documentate Contributi al Ssn - Le misure agevolative a favore degli autotrasportatori per il 2015, sono state definite dal Dipartimento delle Finanze sulla base delle risorse disponibili. La prima agevolazione consiste nel fatto che le imprese di autotrasporto merci, conto terzi e conto proprio, possono recuperare nel 2015 fino ad un massimo di 300 euro per ciascun veicolo (tramite compensazione in F24) le somme versate nel 2014 come contributo al Servizio Sanitario Nazionale sui premi di assicurazione per la responsabilità civile, per i danni derivanti dalla circolazione dei veicoli a motore adibiti a trasporto merci di massa complessiva a pieno carico non inferiore a 11,5 tonnellate. Anche quest anno per la compensazione in F24 si utilizza il codice tributo Deducibilità forfettaria - Inoltre per i trasporti effettuati personalmente dall imprenditore oltre il Comune in cui ha sede l impresa (autotrasporto merci per conto di terzi) è prevista una deduzione forfetaria di spese non documentate (articolo 66, comma 5, primo periodo, del TUIR), per il periodo d imposta 2014, nelle seguenti misure: 18,00 euro per i trasporti all interno della Regione e delle Regioni confinanti. La deduzione spetta anche per i trasporti personalmente effettuati dall imprenditore all interno del Comune in cui ha sede l impresa, per un importo pari al 35 per cento di quello spettante per i medesimi trasporti nell ambito della Regione o delle Regioni confinanti; 30,00 euro per i trasporti effettuati oltre tale ambito. Comunicato stampa Agenzia delle Entrate del

8 Giurisprudenza Presunta attività d impresa. Stop all accertamento per prelievi sospetti Quotidiano Fiscal Focus Giurisprudenza L Ufficio finanziario non può presumere ricavi in nero sulla base dei prelevamenti in banca, se la Guardia di Finanza ha accertato che il contribuente, nell'anno di riferimento, non ha svolto attività d impresa. È quanto emerge dalla sentenza 30 giugno 2015 n della Corte di Cassazione (Sesta Sezione Civile T). Gli ermellini hanno rigettato il ricorso proposto dall Agenzia delle Entrate, nell ambito di una controversia concernente un avviso di accertamento per imposte emesso ai sensi dell art. 32 del D.P.R. 600 del Secondo la ricorrente Agenzia, il giudice dell appello non avrebbe dovuto annullare la pretesa fiscale, posto che ai sensi dell art. 32 citato - oltreché dell art. 51 del decreto IVA - opera un inversione dell onere della prova per cui non è possibile esigere dall Ufficio la dimostrazione dello svolgimento di un attività d impresa da parte del contribuente. Ebbene, tale doglianza non ha trovato ingresso nel giudizio davanti alla Suprema Corte. La CTR, ad avviso degli ermellini, ha considerato il principio per cui i dati risultanti dai conti correnti bancari possono essere utilizzati per dimostrare l'esistenza di un'eventuale attività occulta ma ha ritenuto che la presunzione di esercizio di attività occulta basata sui movimenti dei conti bancari del contribuente, ai sensi degli articoli 32 D.P.R. 602/773 e 51 D.P.R. 633/72, sarebbe stata nella specie superata dall'accertamento positivo, operato nel verbale di contestazione della Guardia di Finanza, che nell'anno in esame il contribuente non aveva mai svolto attività nel ramo dei lavori edili. Cassazione Tributaria, sentenza depositata il 30 giugno 2015 Frode fiscale. La società evita il sequestro se non è schermo Quotidiano Fiscal Focus Giurisprudenza In un indagine per frode fiscale, il sequestro preventivo non può colpire la società e il suo patrimonio se la stessa deve ritenersi estranea alle condotte illecite poste in essere dagli indagati attraverso la cartiera. È quanto emerge dalla sentenza n /15 della Terza Sezione Penale della Cassazione. Il giudice di merito ha confermato il decreto di sequestro preventivo di una Srl e del relativo patrimonio aziendale, nell ambito di un indagine per frode fiscale. Tale verdetto è stato annullato (con rinvio) dalla Cassazione in accoglimento del ricorso proposto dall amministratore unico della società. Quest ultimo ha fatto presente di essere totalmente estraneo ai reati fiscali ipotizzati (artt. 2 e 8 del D.Lgs. n. 74/2000) sicché la misura reale doveva ritenersi illegittima difettando sia la prova che la compagine fosse nell effettiva disponibilità dei titolari della cartiera sia della sua strumentalità alla realizzazione degli illeciti. Cassazione Penale, sentenza depositata il 30 giugno

9 IVA. Impugnabile la comunicazione che differisce il rimborso Quotidiano Fiscal Focus Giurisprudenza È impugnabile in Commissione tributaria la comunicazione con la quale l Ufficio finanziario subordinando il rimborso al previo pagamento di crediti asseritamente pendenti o alla prestazione d idonea garanzia o all'autorizzazione alla compensazione dei crediti tra di loro - concretamente differisca l'esecuzione del rimborso IVA. È quanto ha sostenuto la Corte di Cassazione (Sesta Sezione T) con la sentenza n /15, pubblicata l 1 luglio. Gli ermellini hanno accolto il ricorso proposto nell interesse di una banca che aveva chiesto inutilmente all Agenzia delle Entrate il rimborso di un credito IVA di cui era cessionaria. Cassazione Tributaria, sentenza depositata l 1 luglio 2015 Carte di credito e POS in aiuto del Fisco Quotidiano Fiscal Focus Giurisprudenza Il fisco può contestare maggiori ricavi - quindi rideterminare il reddito imponibile della società - sulla base delle rilevate discordanze tra i dati emergenti dalle dichiarazioni fiscali e quelli risultanti dalle operazioni attive derivanti dall utilizzo di carte di credito e bancomat. Spetta al contribuente smentire tale presunzione legale. È quanto emerge dalla sentenza n /15 della Sezione Tributaria della Suprema Corte. Gli ermellini hanno accolto il ricorso prodotto dall AdE, nell ambito di una controversia originata dalla notifica a una Srl di un avviso di accertamento che rideterminava il reddito imponibile per il 2002 ai fini Irpeg, Iva e Irap a causa di ricavi ritenuti non contabilizzati. Nel caso di specie, secondo la Corte, la discordanza, non specificamente contestata, tra le somme riscosse dalla contribuente tramite carta di credito e POS e i ricavi risultanti dalle scritture contabili dichiarati dalla società, integra senz'altro una presunzione legale di maggiori ricavi, corrispondenti alle rimesse attive della carta di credito e del bancomat, conformemente a quanto già affermato in materia di accrediti su conto correnti bancari (Cass /2013), salvo l'onere, a carico del contribuente, di provare specificamente una diversa destinazione di detti accrediti (Cass /2014, in tema di conto correnti bancari). A tale indirizzo interpretativo la CTR della Toscana non si è conformata avendo essa erroneamente affermato che spettava all Ufficio, pur in presenza della rilevata discordanza tra ricavi da una parte e accrediti su carta di credito e p.o.s., dall altra, fornire la prova della destinazione delle somme accreditate. Cassazione Tributaria, sentenza depositata l 1 luglio 2015 Commercialisti. Compenso per gestione beni sequestrati Quotidiano Fiscal Focus Giurisprudenza Con la sentenza n /15, la Cassazione Quinta Sezione Penale - si è pronunciata in materia di criteri per la determinazione del compenso spettante ai commercialisti quali amministratori di beni sottoposti a sequestro. Il ricorso per cassazione è stato proposto da un avvocato e da due commercialisti che hanno ritenuto erroneo il metodo utilizzato dalla Corte territoriale per la liquidazione del compenso per l attività da loro prestata 9

10 quali amministratori/custodi in una procedura di prevenzione.se l amministratore dei beni sequestrati è un commercialista o un avvocato (o altro professionista iscritto a un Albo), il compenso dev essere stabilito in base alle tariffe professionali. La Quinta Sezione Penale ha quindi osservato che l art. 11, comma 2, del D.P.R. n. 645 del 1994 prevede, per il caso d incarico conferito a un collegio di commercialisti, che il compenso spettante al collegio è calcolato aumentando il compenso spettante al singolo professionista del 40 per cento per ciascun membro del collegio, con la conseguenza che, nel caso di collegio costituito da due professionisti, il compenso del collegio è determinato dal compenso spettante al singolo commercialista maggiorato dell'80 per cento, ciò che rappresenta un vantaggio comunque per il cliente che non è tenuto al versamento di compensi individualmente calcolati per ciascun professionista. Nella specie, invece, la Corte territoriale ha applicato la maggiorazione del 40 per cento stabilita dalla norma in questione non già al compenso previsto per ciascun membro del collegio, ma al compenso liquidato all intero collegio. Sicché gli ermellini hanno ritenuto fondata la censura mossa sul punto dai ricorrenti. La causa è stata rinviata per nuovo giudizio. Cassazione Penale, sentenza depositata il 2 luglio 2015 Fatture false: la prescrizione decorre dall ultima emessa Quotidiano Fiscal Focus Giurisprudenza La consumazione del reato di cui all art. 8 del D.Lgs. n. 74/2000 coincide con l emissione del documento falso. Se sono emesse più fatture false nel medesimo arco d imposta, il termine prescrizionale non decorre dalla data di commissione di ciascun episodio, bensì dall ultimo, perché l emissione di più fatture per operazioni inesistenti in un medesimo periodo d imposta configura un unico reato. Tale regola vale anche per chi utilizzi più società (emittenti) per consentire a terzi l evasione. È quanto emerge dalla sentenza 2 luglio 2015 n della Corte di Cassazione Sezione Terza Penale. Nel caso di specie (che ha riguardato la condanna inflitta a un imprenditore per i reati di cui all art. 8 del D.Lgs. n , unificati sotto il vincolo della continuazione, stante l emissione di numerose fatture per operazioni inesistenti avvalendosi di più aziende) la Suprema Corte ha ritenuto che il giudice del merito abbia ben giudicato, avendo ricondotto a unità tutte le fatture emesse nel medesimo periodo d imposta da ognuna delle società indicate nei capi d imputazione. Trattandosi di persone giuridiche distinte e autonome non ha alcuna rilevanza, ad avviso della Corte, che per tutte il legale rappresentante fosse la stessa persona fisica: è del tutto evidente che il legislatore ha inteso far riferimento alla emissione, da parte, di uno stesso soggetto (sia esso persona giuridica o fisica), di una pluralità di fatture nello stesso periodo d imposta. L imputato paga le spese processuali e 1000 euro alla Cassa delle ammende. Cassazione Penale, sentenza depositata il 2 luglio

11 Accertamento induttivo per l officina grande che dichiara poco Quotidiano Fiscal Focus Giurisprudenza Si deve ritenere assolutamente antieconomica l attività del contribuente che gestisce un officina di grandi dimensioni a fronte di redditi dichiarati esigui. In un ipotesi siffatta sussistono i presupposti per dar luogo all accertamento induttivo del reddito d impresa, ex art. 39 del D.P.R. 600/73. È quanto emerge dalla sentenza n /15 della Corte di Cassazione (Sez. 5), pubblicata il 3 luglio. Cassazione Tributaria, sentenza depositata il 3 luglio 2015 Esterovestizione. Stop al sequestro dei beni Quotidiano Fiscal Focus Giurisprudenza L ordinanza del giudice del riesame, che conferma il provvedimento di sequestro a carico dell imprenditore, deve essere annullata se non motiva adeguatamente quanto al requisito del fumus del reato ipotizzato (nella specie, omessa dichiarazione). È quanto emerge dalla sentenza 3 luglio 2015 n con cui la Cassazione ha accolto il ricorso di due imprenditori finiti nel mirino del fisco per aver stabilito la sede dell azienda negli Stati Uniti. La Terza Sezione Penale scrive: il Tribunale ha completamente tralasciato il tema che la richiesta di riesame aveva sottoposto alla sua attenzione, rappresentato, non già dalla quantità degli oggetti sequestrati, ma dal fumus del reato di omessa dichiarazione (art. 5 D.Lvo. 74/2000). Avrebbe dovuto pertanto confrontarsi con il fenomeno della esterovestizione e del superamento della soglia alla luce delle considerazioni in diritto sulla doppia imposizione che i ricorrenti hanno introdotto attraverso il richiamo alla normativa nazionale e internazionale e alla documentazione allegata a sostegno della loro versione difensiva. Cassazione Penale, sentenza depositata il 3 luglio

12 Commenti Fisco Il nuovo falso in bilancio Fiscal News n. 183 del La Legge n. 69/2015, c.d. Anticorruzione, ha modificato i reati societari in tema di false comunicazioni sociali riscrivendo gli articoli 2621 (società non quotate) e 2622 (società quotate) del Codice civile che ora stabiliscono un regime sanzionatorio alquanto severo per amministratori, direttori generali, dirigenti preposti alla redazione dei documenti contabili societari, sindaci e liquidatori che espongano, consapevolmente, nei bilanci, nelle relazioni o nelle altre comunicazioni sociali dirette ai soci o al pubblico, fatti materiali (rilevanti) non rispondenti al vero o che omettano fatti materiali rilevanti la cui comunicazione è imposta dalla legge sulla situazione economica, patrimoniale o finanziaria della società o del gruppo al quale la stessa appartiene, in modo concretamente idoneo a indurre altri in errore. Solo in relazione alle società non quotate le pene sono più leggere se il fatto è di entità lieve, tenuto conto della natura e delle dimensioni della società e delle modalità e degli effetti della condotta (art bis); mentre è causa di non punibilità la particolare tenuità del fatto (art ter). Non è da escludere il concorso di persone nel reato ex art. 110 C.p. (si pensi ai professionisti esterni come commercialisti o avvocati), oltreché la punibilità di altri soggetti attivi ex art C.c. (ad esempio l amministratore di fatto ). Le nuove disposizioni sono entrate in vigore il 14 giugno scorso. Diritto societario IMU, TASI e TARI del pensionato estero sull unico immobile in Italia Fiscal News n. 184 del La Legge n. 69/2015, c.d. Anticorruzione, ha modificato i reati societari in tema di false comunicazioni sociali riscrivendo gli articoli 2621 (società non quotate) e 2622 (società quotate) del Codice civile che ora stabiliscono un regime sanzionatorio alquanto severo per amministratori, direttori generali, dirigenti preposti alla redazione dei documenti contabili societari, sindaci e liquidatori che espongano, consapevolmente, nei bilanci, nelle relazioni o nelle altre comunicazioni sociali dirette ai soci o al pubblico, fatti materiali (rilevanti) non rispondenti al vero o che omettano fatti materiali rilevanti la cui comunicazione è imposta dalla legge sulla situazione economica, patrimoniale o finanziaria della società o del gruppo al quale la stessa appartiene, in modo concretamente idoneo a indurre altri in errore. Solo in relazione alle società non quotate le pene sono più leggere se il fatto è di entità lieve, tenuto conto della natura e delle dimensioni della società e delle modalità e degli effetti della condotta (art bis); mentre è causa di non punibilità la particolare tenuità del fatto (art ter). Non è da escludere il concorso di persone nel reato ex art. 110 C.p. (si pensi ai professionisti esterni come commercialisti o avvocati), oltreché la punibilità di altri soggetti attivi ex art C.c. (ad esempio l amministratore di fatto ). Le nuove disposizioni sono entrate in vigore il 14 giugno scorso. Diritto societario 12

13 Professionisti: verifiche, indagini finanziarie e controlli antiriciclaggio Fiscal Approfondimento n. 25 del La scelta del Legislatore della riforma tributaria degli anni 70 è stata quella di attribuire ad imprese e lavoratori autonomi l onere di autodeterminare il proprio reddito e quindi procedere all autotassazione mediante versamento diretto dell imposta dovuta, richiedendo ovviamente il rispetto delle regole dettate in materia. Pertanto, anche i professionisti, ossia coloro che esercitano per professione abituale, ancorché non esclusiva, attività di lavoro autonomo, secondo la definizione recata dall art C.c. 1, sono chiamati all autodeterminazione del proprio reddito, secondo le regole sancite dall art. 54 del Tuir. In tal contesto, il procedimento dell accertamento tributario si apre con la presentazione della dichiarazione da parte del professionista, si sviluppa con i vari adempimenti finalizzati all autotassazione e, quale momento eventuale, può prevedere la fase ispettiva dell Amministrazione Finanziaria, con funzione istruttoria e propedeutica rispetto all emanazione dell atto accertativo finale che ne può derivare. Sovente, l Amministrazione Finanziaria, nell esecuzione della verifica nei confronti dei professionisti, utilizza uno strumento investigativo particolarmente intrusivo e penetrante: l indagine finanziaria, ritenuta da sempre particolarmente efficace per la ricostruzione del reddito effettivamente prodotto da tale categoria di contribuenti. Peraltro, la categoria dei professionisti giuridico-contabili (di cui all art. 12 del D.Lgs 231/2007) è soggetta ad un ulteriore tipologia di controlli, finalizzati al riscontro del regolare adempimento degli obblighi espressamente previsti dalla normativa antiriciclaggio, controlli che sono di norma svolti dalla Guardia di Finanza, in quanto Organo di Polizia Economica e Finanziaria, analogamente e, in taluni casi, contestualmente alle tradizionali attività di verifica fiscale. Atteso l ampio e variegato contesto ispettivo che può coinvolgere il professionista nell ambito della propria attività, il presente lavoro mira ad inquadrare i vari strumenti ispettivi di cui oggi dispone la Pubblica Amministrazione, cercando di evidenziare i limiti e le condizioni che ne caratterizzano il legittimo utilizzo, elementi che sia il personale ispettivo che il professionista ispezionato devono ben conoscere, al fine di poter gestire le varie fasi del controllo in modo fisiologico, improntandole alla trasparenza e alla correttezza nei rapporti, secondo quei principi di collaborazione e buona fede tanto affermati dallo stesso Statuto dei diritti del contribuente. Accertamento e riscossione 1 C.c., art Contratto d'opera. Quando una persona si obbliga a compiere verso un corrispettivo un'opera o un servizio, con lavoro prevalentemente proprio e senza vincolo di subordinazione nei confronti del committente, si applicano le norme di questo capo, salvo che il rapporto abbia una disciplina particolare nel libro IV. 13

14 L Emilia diventa Zona franca urbana Fiscal News n. 185 del Le Zone franche urbane (ZFU), introdotte originariamente con L. n. 296/06, c.d. Finanziaria 2007, allo scopo di agevolare lo sviluppo dell imprenditoria in determinati ambiti territoriali depressi, hanno visto ampliare l ambito territoriale di applicazione, grazie all art. 37 del D.L. n. 179/12, c.d. Decreto Sviluppo-Bis. Oggi grazie alla pubblicazione del D.L. n. 78/2015 del , c.d. Decreto Enti locali, in Gazzetta Ufficiale n. 140 S.O. del , recante Disposizioni urgenti in materia di enti territoriali, anche alcuni comuni dell Emilia Romagna possono godere delle agevolazioni. La perimetrazione della zona franca è la seguente: comuni di Bastiglia, Bomporto, Camposanto, Medolla, San Prospero, San Felice sul Panaro, Finale Emilia, comune di Modena limitatamente alle frazioni di La Rocca, San Matteo, Navicello, Albareto, e i centri storici dei comuni con zone rosse: Cavezzo, Concordia sulla Secchia, Mirandola, Novi di Modena, S. Possidonio, Crevalcore, Poggio Renatico, Sant'Agostino. Tali aree possono godere di un regime di favore che si esplica nell esenzione dalle imposte sui redditi, dall Irap, dall Imu limitatamente agli immobili utilizzati nell attività economica. Si rimane in attesa della pubblicazione del bando, per la presentazione delle istanze di adesione a tali agevolazioni. Agevolazioni Dichiarazione IMU terreni parzialmente montani Fiscal News n. 186 del Il 30 giugno 2015 è in scadenza il termine ordinario per la presentazione della dichiarazione IMU riguardante il periodo d imposta Tra i soggetti obbligati alla presentazione, vi rientrano i possessori e conduttori (coltivatori diretti o IAP iscritti alla previdenza agricola) di terreni agricoli situati in comuni classificati come parzialmente montani nell elenco dei comuni italiani predisposto dall ISTAT. Tali soggetti sono obbligati alla presentazione della dichiarazione IMU al fine di godere dell esenzione disposta dall art. 1 del D.L. n. 4/2015 ad eccezione del caso in cui il comune di ubicazione del terreno sia già in possesso delle informazioni necessarie per la verifica del corretto adempimento tributario. Adempimenti Società estinte: la disciplina non è retroattiva Fiscal News n. 187 del In virtù delle disposizioni contenute nello Statuto del Contribuente, le novità introdotte con il Decreto Semplificazioni in tema di società estinte non possono essere considerate retroattive. La sentenza n del 2015 della Corte di Cassazione ribadisce questo importante principio, che trova poi conferma in altre pronunce dei giudici di merito. 14

15 La Corte di Cassazione, con questa importante sentenza si pone quindi in aperto contrasto con la tesi sostenuta dall Agenzia delle Entrate con la Circolare n. 31/E del Contenzioso Territorialità IVA: fornitura ed installazione impianti e macchinari all estero Fiscal News n. 188 del Nel contesto delle operazioni intercorse con l estero, è importante chiarire le regole di territorialità IVA relative alla fornitura di impianti e macchinari, con installazione o montaggio da parte del fornitore italiano. In merito, il criterio di tassazione IVA richiede preventivamente l individuazione del luogo in cui la prestazione di installazione e montaggio si considera effettuata, mentre non rileva il luogo in cui i beni vengono installati o montati (UE ed EXTRA-UE). Nello specifico, le cessioni in ambito UE sono considerate operazioni intracomunitarie (non imponibili IVA). Di contro, alle cessioni verso un territorio extra-ue potrà essere applicato il regime di non imponibilità tipico delle cessioni all esportazione. IVA Dichiarazioni fiscali. Solo la ricevuta prova l invio Fiscal G&S n. 51 del La dichiarazione sostitutiva di atto notorio rilasciata dall intermediario incaricato non prova la presentazione in via telematica della dichiarazione dei redditi: a norma dell articolo 3 del D.P.R. n. 322/1998 la prova della presentazione è costituita dalla comunicazione dell Agenzia delle Entrate attestante l'avvenuta ricezione. Analogo valore probatorio non può essere attribuito né all impegno dell intermediario alla trasmissione né alla dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà rilasciata dal professionista in cui si dichiara che, pur essendo stato regolarmente trasmesso il modello Unico, non si è in grado di produrre, in quanto non reperibile, l attestazione di avvenuto ricevimento dell'agenzia delle Entrate, ai sensi dell articolo 3, comma 10, del D.P.R È quanto sostiene la sentenza n /2015 della Corte di Cassazione - Sezione Tributaria. Dichiarazione in via telematica La prova della presentazione è costituita dalla comunicazione dell Agenzia delle Entrate attestante l'avvenuta ricezione. Accertamento e riscossione 15

16 Società non operative. La prova per il rimborso IVA Fiscal G&S n. 52 del In materia di società non operative, il rimborso IVA è subordinato alla dimostrazione, a opera della parte contribuente, di situazioni oggettive che hanno impedito l inizio dell attività. Sbaglia, pertanto, il giudice di merito che pone a carico dell Ufficio finanziario la prova dell esistenza dell intento elusivo. È quanto ha sostenuto la Corte di Cassazione nell ordinanza 14 aprile 2015 n La controversia è originata dall impugnazione di un diniego al rimborso di un credito IVA maturato in dipendenza dell acquisto di beni strumentali che è stato motivato con la mancanza dei presupposti previsti dalle Leggi 662/1996 e 724/1994 per l applicazione della disciplina relativa alle società non operative. Alla base della restituzione della lite al giudice di merito la Suprema Corte ha posto l'erronea applicazione di un onere di prova invertito (la dimostrazione dell'intento elusivo, che incomberebbe sull'agenzia), così violando la prescrizione del combinato disposto degli artt. 30 della Legge 724/1994 e 37-bis del D.P.R. n. 600/1973, nella parte in cui quest'ultimo prevede che le disposizioni antielusive possono essere disapplicate solo qualora il contribuente dimostri che nella particolare fattispecie tali effetti elusivi non potevano verificarsi, così palesemente onerando la parte contribuente di fornire una dimostrazione nitida delle ragioni di fondatezza dell'istanza di disapplicazione. Dalla lettura del provvedimento impugnato, scrivono ancora gli ermellini, emerge agevolmente che il giudicante non ha in realtà reso alcuna motivazione (in rispetto alle questioni concretamente dedotte in controversia), essendosi limitato ad affermare - in termini puramente apodittici l avvenuta allegazione e dimostrazione delle necessarie situazioni oggettive, senza preoccuparsi di fornirne alcuna specificazione, così eludendo l obbligo di indicazione dell iter logico seguito per pervenire alla propria determinazione. Cass. n. 7534/2015 L AdE non ha l onere di comprovare l esistenza di un intento elusivo al fine di negare il rimborso dell eccedenza di credito È onere del contribuente la dimostrazione delle oggettive situazioni che hanno reso impossibile il conseguimento dei redditi; dimostrazione necessaria ai fini della disapplicazione delle disposizioni antielusive. Accertamento e riscossione Fiscal News n. 189 del Studi di settore: compilazione Quadro V Il Quadro V del modello studi di settore deve essere compilato dai soggetti che si trovano in una delle condizioni di seguito elencate, marcando la casella corrispondente: cooperativa a mutualità prevalente: se il soggetto ha esercitato l attività sotto forma di cooperativa a mutualità prevalente, ai sensi dell art. 2512, Codice civile, per il periodo d imposta

17 redazione del bilancio secondo i principi contabili internazionali: si tratta di coloro che hanno redatto il bilancio secondo i principi contabili internazionali (IAS) di cui al Regolamento CE n. 1606/2002, per il periodo d imposta applicazione del regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità nel periodo d imposta precedente. Si tratta di informazioni relative alle modalità applicative degli studi nei confronti di determinate tipologie di soggetti, previste dal D.M. 11 febbraio 2008, come modificato dall articolo 6 del D.M. 28 dicembre UNICO

18 Adempimento UNICO 2015: ravvedimento versamenti Fiscal Adempimento n. 23 del Il ravvedimento operoso è stato profondamente riformato ad opera della Legge di Stabilità 2015, e delle novità introdotte è necessario tener conto anche in occasione dei versamenti di Unico. I contribuenti interessati dalla proroga da studi di settore dovranno versare le imposte risultanti dal modello Unico 2015 entro il 6 luglio senza alcuna maggiorazione, mentre quelli non interessati dalla proroga sono già stati chiamati alle casse il 16 giugno. È tuttavia possibile versare nei 30 giorni successivi con la maggiorazione dello 0,40%. Pertanto, chi non ha versato le imposte entro il (o il 6.07) potrà alternativamente ricorrere al versamento con maggiorazione o al ravvedimento sprint (qualora più conveniente). Versamento imposte 18

19 Società & Bilancio Costi di impianto e ampliamento F&C n. 26 del Nel nuovo Principio contabile OIC n. 24, nella voce B) I. 1) Costi di impianto e di ampliamento confluiscono alcuni oneri che sono sostenuti dall impresa in modo non ricorrente, ma in precisi e caratteristici momenti della sua vita, quali la fase pre-operativa (cosiddetti costi di start-up) o quella di espansione della propria capacità produttiva. Poiché tali costi presentano un'intrinseca caratteristica di spiccata maggiore aleatorietà rispetto ad altre poste dell'attivo patrimoniale, è apparsa necessaria una loro definizione in senso restrittivo da parte dell'oic 24, Immobilizzazioni immateriali, al fine di non indurre i redattori del bilancio a considerare tra i costi di impianto e di ampliamento altri elementi che costituirebbero puro differimento di costi o di perdite. Bilancio & Contabilità 19

20 Speciale dichiarazioni Studi di settore: indicatori di normalità Speciale dichiarazioni n. 71 del La Legge n. 296/2006 ha previsto l introduzione di specifici indicatori di normalità economica di cui tenere conto in sede di elaborazione e revisione degli studi di settore. L art. 10-bis, comma 2, Legge n. 146/1998, introdotto dal comma 13 della Legge n. 296/2006, dispone infatti che: Ai fini dell elaborazione e della revisione degli studi di settore si tiene anche conto di valori di coerenza, risultanti da specifici indicatori definiti da ciascun studio, rispetto a comportamenti considerati normali per il relativo settore economico. La Circolare 29 maggio 2008, n. 44 ha inoltre specificato le finalità di tali indicatori: in particolare, l Agenzia delle Entrate ha precisato che nel caso in cui il contribuente non rispetti gli indici di normalità economica vengono determinati maggiori ricavi/compensi, i quali vengono sommati sia al valore puntuale che al valore minimo stimato dallo studio di settore. Di conseguenza, l effetto sostanziale degli indicatori di normalità economica è quello di incidere sulla soglia di congruità del contribuente, alzandola in caso di mancata normalità rispetto agli indicatori specifici. UNICO 2015 Quadro RZ. Dichiarazione dei sostituti d imposta Speciale dichiarazioni n. 72 del Il Quadro RZ deve essere compilato dai soggetti IRES che, nel periodo d imposta, hanno corrisposto interessi, premi, altri redditi di capitale, e redditi diversi soggetti a ritenuta alla fonte. È chiaro che i dati già indicati nel Mod. 770 Ordinario non devono essere evidenziati nel Quadro RZ. Nel caso particolare di operazioni straordinarie intercorse nel periodo d'imposta o prima della presentazione della dichiarazione UNICO SC 2015, che hanno causato l'estinzione dei soggetti preesistenti, il soggetto d'imposta dichiarante deve procedere alla compilazione di un Quadro RZ per esporre i propri dati ed uno o più Quadri RZ per esporre i dati relativi a ciascuno dei soggetti estinti (esempio società fuse o incorporate ovvero le società scisse nel caso di scissioni totali). UNICO 2015 Speciale dichiarazioni n. 73 del Quadro RT: le plusvalenze Dal 1 luglio 2014 la tassazione delle rendite finanziarie, ha registrato un aumento e si applica nella misura del 26 per cento, in luogo di quella del 20 per cento. Tale aumento è stato previsto dal D.L. 66 del 24 aprile 2014, convertito dalla Legge 89 del 23 giugno 2014 (Decreto Renzi) e riguarda sia i redditi di capitale di cui all articolo 44 del Tuir, sia i redditi diversi di cui all articolo 67, lettera c- bis) del Tuir, relativi alle partecipazioni non qualificate. 20

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su:

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su: Pag. 5030 n. 43/98 21/11/1998 I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell su: regolarizzazione degli omessi o insufficienti versamenti relativi al primo acconto modifiche recate dal decreto legislativo

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli